Archivio mensile:novembre 2018

Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: Il Sole, una divinita` universale

L’adorazione del sole fu una delle forme di religione più antica . Le teologie moderne complesse sono solo implicazioni e amplificazioni di
questa semplice credenza aborigena. La mente primitiva, riconoscendo il potere benefico del globo solare, lo adora come collegamento alla Divinità Suprema. Per quanto riguarda l’origine del culto del sole, Albert Pike rende la seguente dichiarazione concisa nel suo Moral e Dogma:
“Per loro [i popoli aborigeni] lui [il sole] era il fuoco innato dei corpi, il fuoco della Natura. Autore di vita, calore e accensione, fu per loro la causa efficiente di tutto il creato, perché senza di lui non c’era movimento, nessuna esistenza, nessuna forma. Era per loro immenso, indivisibile, imperituro e ovunque presente. Era il loro bisogno di
luce e della sua energia creativa, sentita da tutti gli uomini; e nulla vi era di più spaventoso che la sua assenza. Le sue influenze benefiche hanno portato gli antichi ad identificarlo con il Principio del bene; e` il BRAHMA degli indù, e` MITHRA dei Persiani, e` ATHOM, AMUN, PHTHA e OSIRIDE, degli egiziani, il BEL dei caldei, l’ADONAI dei Fenici, l’ADONIS e l’APOLLO dei Greci, divenne la personificazione del Sole, del principio rigeneratore, dell’immagine di quella fecondità che
perpetua e ringiovanisce l’esistenza del mondo “. Tra tutte le nazioni dell’antichità, altari, tumuli e templi furono dedicati all’adorazione del globo solare. Le rovine di questi luoghi sacri rimangono ancora, notevoli trovandoli nelle piramidi dello Yucatan e dell’Egitto, nei tumuli di serpenti dell’America, negli Zikkurats di Babilonia e Caldea, nelle torri rotonde dell’Irlanda e negli enormi anelli di pietra non tagliata in Gran Bretagna e Normandia. La torre di Babele, che,
secondo le Scritture, fu costruita in modo che l’uomo potesse raggiungere Dio, era probabilmente un osservatorio astronomico.
Molti dei primi sacerdoti e profeti, sia pagani che cristiani, erano esperti in astronomia e astrologia; i loro scritti sono meglio compresi se letti alla luce di questi antiche scienze. Con la crescita della conoscenza dell’uomo della costituzione e periodicità dei corpi celesti, dei principi astronomici e della terminologia furono introdotti nei suoi
sistemi religiosi. Gli dei tutelari ricevevano troni planetari, i corpi celesti
venivano intitolati alle divinità loro assegnate. Le stelle fisse sono state divise in costellazioni, e attraverso queste costellazioni il sole e i suoi pianeti vagavano

LA TRINITÀ SOLARE

Il sole, come supremo tra i corpi celesti visibili agli astronomi dell’antichità, fu assegnato il più alto livello tra gli dei e divenne il simbolo della suprema autorità del Creatore stesso. Da una profonda riflessione filosofica dei poteri e dei principi del sole è arrivato il concetto di Trinità così come è inteso nel mondo di oggi. Il
il principio di una divinità trina non è peculiare alla teologia cristiana o mosaica, ma forma una cospicua parte del dogma delle più grandi religioni dei tempi antichi e moderni

Persiani, indù, babilonesi ed egiziani avevano le loro trinità. In tutti i casi queste rappresentavano la triplice forma di una Suprema Intelligenza. Nella massoneria moderna, la Divinità è simboleggiata da un triangolo equilatero, i suoi tre lati rappresentano le primarie manifestazioni dell’Eterno il quale e` Lui stesso rappresentato come una piccola fiamma, chiamata dagli ebrei Yod (m). Jakob Böhme, il mistico teutonico, chiama la Trinita`, I Tre Testimoni, per mezzo dei quali l’Invisibile è reso noto al visibile e tangibile universo.
L’origine della Trinità è ovvia per chiunque osservi le manifestazioni quotidiane del sole. Questo globo, essendo il simbolo di tutta la Luce, ha tre fasi distinte: all’alba, a mezzogiorno e al tramonto. I filosofi hanno quindi diviso la vita di tutte le cose in tre parti distinte: crescita, maturità e decadimento. Tra il crepuscolo dell’alba e il crepuscolo
serale è il mezzogiorno di gloria splendente. Dio Padre, il Creatore del
mondo, è simboleggiato dall’alba. Il suo colore è blu, perché il sole che sorge la mattina è velato di nebbia blu. Dio Figlio che che e` stato mandato come testimone di suo Padre, è il globo celeste a mezzogiorno, radioso e magnifico, il leone dalla criniera di Giuda, il Salvatore del mondo dai capelli d’oro. Il giallo è Il suo colore e i suoi poteri sono senza fine. Dio lo Spirito Santo è la fase del tramonto, quando la sfera del giorno, vestita di rosso fiammante, riposa per un momento sulla linea dell’orizzonte e poi svanisce nell’oscurità della notte per vagare per i mondi inferiori e poi risorgere trionfante dall’abbraccio delle tenebre. Per gli egiziani il sole era il simbolo dell’immortalità, perché, mentre moriva ogni notte, esso sorgeva di nuovo ad ogni successiva alba. Non solo il sole ha questa attività diurna, ma anche ha il suo pellegrinaggio annuale, durante il quale passa successivamente attraverso le dodici case celesti dei cieli, rimanendo in ciascuna per trenta giorni. Aggiunto a questi ha un
terzo percorso, che è chiamato la precessione degli equinozi, in cui esso retrograda intorno allo zodiaco attraverso i dodici segni al ritmo di un grado ogni settantadue anni. Per quanto riguarda il passaggio annuale del sole attraverso le dodici case dei cieli, Robert Hewitt Brown, 32 °, fa la seguente dichiarazione: “Il sole, che viaggiava in mezzo a queste “creature viventi” dello zodiaco, è stato riportato, anche nel linguaggio allegorico: assume la natura o esalta il segno in cui si trovava in un determinato momento dell’anno. Il sole divenne così un Toro in Toro, ed è stato adorato dagli egiziani come tale sotto il nome di Apis, e dagli Assiri come Bel, Baal o Bul. Nel Leone il sole divenne un cacciatore di un leone, Ercole, e un arciere in Sagittario. In Pesci, era un pesce – Dagon, o Vishnu, il dio-pesce dei filistei e degli indù “.

Un’attenta analisi dei sistemi religiosi del paganesimo svela molte prove del fatto che i suoi sacerdoti servissero l’energia solare e che la loro divinità suprema fosse in ogni caso questa Luce divina personificata. Godfrey Higgins, dopo trent’anni di inchiesta sul’origine delle credenze religiose, è dell’opinione che “Tutti gli dei dell’antichità erano rappresentati nel fuoco solare, a volte adorato come Dio, o talvolta rappresentava un emblema o shekinah di quel principio superiore, conosciuto con il nome dell’Essere o Dio creativo. ”

I sacerdoti egiziani in molte delle loro cerimonie indossavano le pelli di leoni, che erano simboli del globo solare, a causa del fatto che il sole è esaltato, dignitoso e soprattutto fortunatamente collocato nella costellazione del Leone, che governa e che rappresenta allo stesso tempo la chiave di volta dell’arco celeste. Ancora una volta, Ercole è la Divinità Solare, poiché mentre questo potente cacciatore compiva le sue dodici fatiche, il sole, percorreva le dodici case dello zodiaco, compiendo dodici fatiche essenziali e benevolenti per la razza umana e per la natura in generale, Ercole, come i sacerdoti egizi, indossava la
pelle di un leone come cintura. Sansone, l’eroe ebraico,

Il sole che sorge sul dorso del leone o, astrologicamente, nella parte posteriore del leone, è sempre stato considerato simbolico di potere e sovranità. Un simbolo molto simile a quello sopra appare sulla bandiera di Persia, le cui persone sono sempre state adoratrici del sole. I re e gli imperatori hanno spesso associato il loro potere terrestre con il potere celeste del globo solare e hanno accettato il sole, o una delle suoi bestie o uccelli simbolici, come loro emblema. Osservate il leone del Gran Mogol e le aquile di Cesare e Napoleone.

Questo simbolo, che appare sopra i pilastri o sulle porte di molti palazzi e templi egiziani, è emblematico delle tre persone della Trinità egiziana. Le ali, i serpenti e il globo solare sono le insegne di Ammon, Ra e Osiride.

come il suo nome implica, è una divinità solare. La sua lotta con il leone nubiano, le sue battaglie con i Filistei, che rappresentano i poteri delle tenebre, e la sua memorabile impresa di scardinare le porte di Gaza, tutte si riferiscono ad aspetti dell’attività solare. Molti dei popoli antichi avevano più di una divinità solare; in effetti, tutti gli dei e le dee avrebbero dovuto prendere parte, almeno in parte, allo splendore del sole.
Gli ornamenti dorati usati dai sacerdoti delle varie religioni del mondo sono di nuovo un sottile riferimento all’energia solare, come lo sono anche le corone dei re. In tempi antichi, le corone avevano un numero di punte che si estendevano verso l’esterno come i raggi del sole, ma il convenzionalismo moderno ha, in molti casi, rimosso o piegato queste punte verso l’interno, radundandole e mettendole in un globo o in una croce sul punto in cui si incontrano. Molti degli antichi profeti, filosofi e dignitari portavano uno scettro, nella parte superiore del quale c’era una rappresentazione del globo solare circondato da raggi emananti. Tutti i regni della terra non erano che copie dei regni del cielo e la migliore rappresentazione per i regni del cielo era il simbolo del sole, in cui il sole era il sovrano supremo, i pianeti e tutta la natura erano soggetti del suo impero.

Molte divinità sono state associate al sole. I greci credevano che Apollo, Bacco, Dioniso, Sabazio, Ercole, Giasone, Ulisse, Zeus, Urano e Vulcano possedevano gli attributi visibili o invisibili del sole. I norvegesi consideravano Balder Il Bello come una divinità solare, e Odino è spesso connesso con il globo celeste, soprattutto per il suo unico occhio. Tra gli egiziani, Osiride, Ra, Anubis, Hermes e persino il misterioso Ammon stesso aveva punti di somiglianza con il disco solare. Iside era la madre del sole, e persino Tifone, il Distruttore, doveva essere una forma di energia solare. Il mito del sole egiziano si concentrò infine sulla persona di una misteriosa divinità chiamata Serapis. Le due divinità centroamericane, Tezcatlipoca e Quetzalcoatl,
anche se spesso associate ai venti, erano indubbiamente dei solari.
In massoneria il sole ha molti simboli. Un’espressione dell’energia solare è Salomone, il cui nome SOL-OM-ON è il nome per la Luce Suprema in tre diverse lingue. Hiram Abiff, il Chiram (Hiram) dei Caldei, è una divinità solare, e la storia del suo attacco e assassinio dei Ruffiani, con la sua interpretazione solare, sarà trovato nel capitolo The Hiramic Legend. Un esempio eclatante della parte importante che
il sole gioca nei simboli e nei rituali della Massoneria è dato da George Oliver, D.D., nel suo Dizionario della Massoneria Simbolica, come segue:
“Il sole sorge ad est, e ad est è il posto del Maestro Venerabile il sole è la fonte di ogni luce e calore, così dovrebbe animare il Maestro Venerabile e riscaldare i fratelli al loro lavoro. Tra gli antichi egizi il sole era il simbolo della provvidenza divina. “Gli ierofanti dei Misteri erano decorati con molte insegne emblematiche dell’energia solare. Gli sprazzi di luce dei ricami dorati sul retro dei paramenti del sacerdozio cattolico significa che il sacerdote è anche un emissario e rappresentante del Sol Invictus.

CRISTIANITÀ E IL SOLE

Per ragioni che hanno senza dubbio considerato sufficienti, coloro che hanno raccontato la vita e gli atti di Gesù ritenevano opportuno trasformarlo in una divinità solare. Il Gesù storico fu dimenticato; quasi tutti gli incidenti salienti registrati nei quattro Vangeli hanno le loro correlazioni nei movimenti, nelle fasi o nelle funzioni dei corpi celesti.
Tra le altre allegorie prese in prestito dal cristianesimo dall’antichità pagana è la storia del bel dio del sole dagli occhi azzurri, con i suoi capelli dorati che cadevano sulle sue spalle, vestito dalla testa ai piedi in bianco immacolato e portando tra le sue braccia l’Agnello di Dio, simbolico dell’equinozio di primavera. Questo bel giovane è un composito di Apollo, Osiride, Orfeo, Mitra e Bacco, poiché Egli ha certe caratteristiche in comune con ognuno di queste divinità pagane.
I filosofi di Grecia ed Egitto divisero la vita del sole durante l’anno in quattro parti; quindi hanno simboleggiato l’uomo solare con quattro figure differenti. Quando era nato nel solstizio d’inverno, il dio del sole è stato simboleggiato come un bambino che in un modo misterioso era riuscito a sfuggire ai Poteri dell’Oscurità che cercavano di distruggerlo mentre era ancora nella culla dell’inverno. Il sole, essendo debole in questa stagione dell’anno, non aveva raggi dorati (o ciocche di capelli), ma la sopravvivenza della luce attraverso l’oscurità dell’inverno era simboleggiata da un minuscolo pelo che da solo adornava la testa del Bimbo Celeste. (Quando la nascita del sole avveniva in Capricorno, veniva spesso rappresentata
da una capra.) All’equinozio di primavera, il sole era diventato un bel giovane. I suoi ricci capelli dorati cadevano sulle sue spalle e la sua luce, come disse Schiller, si estendeva a tutte le parti dell’infinito. Nel solstizio d’estate, il sole divenne un uomo forte, pesantemente barbuto, che, nel pieno della maturità, simboleggiava il fatto che la natura in questo periodo dell’anno è la più forte e feconda. All’equinozio d’autunno, il sole era raffigurato come un uomo anziano, che camminava strisciando con la schiena piegata e le ciocche sbiancate nell’oblio dell’oscurità invernale. Quindi, la vita del sole era lunga 12 mesi. Durante questo periodo attraversava i dodici segni dello zodiaco in una magnifica marcia trionfale. Quando arrivava l’autunno, entrava come Sansone, nella casa di Dalila (Vergine), dove i suoi raggi venivano tagliati e perdeva la sua forza. In massoneria, i crudeli mesi invernali sono simboleggiati dai tre assassini che
hanno cercato di distruggere il Dio di luce e verità. L’arrivo del sole veniva salutato dalla gioia; il tempo della sua partenza veniva visto come un periodo da dimenticare per il dolore e l’infelicità. Questo glorioso, radioso globo, la vera luce “che illumina ogni uomo che viene nel mondo”, il supremo benefattore, che ha sollevato tutte le cose dai morti, che ha nutrito le moltitudini affamate, che placò la tempesta, che dopo la morte si alzò di nuovo e restaurò tutte le cose, questo
lo spirito supremo dell’umanitarismo e della filantropia è noto alla cristianità come Cristo, il Redentore dei mondi, l’Unigenito del Padre, il Verbo fatto carne e la Speranza di gloria

IL COMPLEANNO DEL SOLE

I pagani dichiararono il 25 dicembre come compleanno dell’Uomo Solare. Essi gioivano, banchettavano, si riunivano in processione e facevano offerte nei templi. L’oscurità dell’inverno era finita e il glorioso figlio di luce stava tornando nell’Emisfero Nord. Con il suo ultimo sforzo il vecchio Dio Sole aveva abbattuto la casa dei
Filistei (gli spiriti delle tenebre) e aveva aperto la strada al nuovo sole che era nato quel giorno dalle profondità della terra tra le bestie simboliche del mondo inferiore.
Per quanto riguarda questa stagione di festeggiamenti, un anonimo Maestro delle Arti del Balliol College, Oxford, nel suo trattato, Mankind Their Origin and Destiny, dice: “Anche i Romani avevano la loro festa solare e i loro giochi del circo in onore della nascita del dio del giorno. Si svolgeva l’ottavo giorno prima delle calende di gennaio, cioè il 25 dicembre. Servio, nel suo commento al versetto 720 del settimo libro dell’Eneide, in cui Virgilio parla del nuovo sole, dice che, propriamente parlando, il sole è nuovo l’8 giorno delle calende, cioè il 25 dicembre. Al tempo di Leone I. (Leo, Serm. xxi., De Nativ. Rep. p. 148), alcuni dei Padri della Chiesa dissero che “ciò che rendeva la festa (di Natale) venerabile era piu` la nuova nascita del Sole che quella di Gesu Cristo. Era lo stesso giorno in cui la nascita del sole invincibile (Natalis solis invicti), veniva celebrata a Roma, come si può vedere nei Calendari romani, pubblicati sotto il regno di Costantino e di Giuliano (Inno al Sole, p. 155). Questo epiteto “Invictus” è lo stesso che i Persiani diedero a questo stesso dio, che adoravano con il nome di Mitra e che nacque in una grotta (Justin: Dial. Cum Trips, p. 305), così come è rappresentato come nato in una stalla, sotto il nome di Cristo, dai cristiani. ”
Per quanto riguarda la festa cattolica dell’Assunzione e il suo parallelo in astronomia, lo stesso autore aggiunge: “Alla fine di otto mesi, quando il dio sole, attraversa l’ottavo segno, assorbe la Vergine celeste nel suo corso di fuoco, e scompare in mezzo ai raggi luminosi e alla gloria di suo figlio. Questo fenomeno, che prende luogo ogni anno verso la metà di agosto, ha dato origine a un festival che esiste ancora, e in cui si suppone che la madre di Cristo, mettendo da parte la sua vita terrena, sia associata alla gloria di suo figlio, ed è posta al suo fianco nei cieli. Il calendario romano di Columella (Col. 1. Cap. II, p. 429) segna la morte o la scomparsa della Vergine in questo periodo. Il sole, dice, passa in Vergine il tredicesimo giorno prima delle calende di settembre.

La seguente descrizione di questo fenomeno appare in una lettera scritta da Jeremiah Shakerley in Lancashire, 4 marzo 1648: – “Lunedì 28 febbraio scorso, sorse con il Sole due Parelii, da entrambi i lati; la loro distanza da lui era stimata di circa dieci gradi; continuarono ancora del
stessa distanza dallo Zenith, o altezza sopra l’orizzonte, sembravano emettere certi raggi luminosi, non dissimili da quelli che il Sole invia da dietro a una nuvola, ma più luminosi. Le parti di questi Parelii che erano verso il Sole, erano di un colore mite, in cui il verde e il rosso erano i più predominanti. Un po ‘sopra di loro era un arcobaleno sottile, appena discernibile, di un colore brillante, con il concavo verso il Sole, e le sue estremità sembrano toccare i Parelii: 

È qui che i cattolici collocano la festa dell’Assunzione, o
la riunione della Vergine a suo Figlio. Questa festa era precedentemente chiamata la festa del Passaggio della Vergine (Beausobre, tomo I. 350); e nella Biblioteca dei Padri (Bibl. Part. vol. II, parte ii., p.202) abbiamo un resoconto del Passaggio della Beata Vergine. Gli antichi greci e romani fissano l’ipotesi di Astraea, che è anche la stessa Vergine, in quel giorno. ” Questa Vergine madre, dando alla luce il Dio Sole che il Cristianesimo ha così fedelmente conservato, è un promemoria dell’iscrizione riguardante il suo prototipo egiziano, Iside, che è apparso sul Tempio di Sais: “Il frutto che ho prodotto è il Sole”. Mentre la Vergine era associata alla luna dai primi pagani, non c’è dubbio che abbiano capito la sua posizione come una costellazione nei cieli, in quanto quasi tutti i popoli delll’antichità la accreditavano come la madre del sole, e si resero conto che sebbene la luna non potrebbe occupare quella posizione, il segno della Vergine potrebbe e ha fatto nascere il sole il 25 dicembre. Albertus Magnus afferma: “Lo sappiamo il segno della Vergine celestiale è salito sull’orizzonte nel momento in cui fissiamo la nascita di nostro Signore Gesù Cristo.
Tra alcuni astronomi arabi e persiani le tre stelle che formavano la cintura di Orione erano chiamate Magi i quali andarono a rendere omaggio al giovane Dio Sole. L”autore di Mankind – Their Origin and Destiny contribuisce come segue: ” Nel nord ci sono le stelle dell’Orsa, chiamate dagli arabi Martha e Maria, e anche la bara di
Lazzaro. “Così l’esoterismo del paganesimo è stato incarnato nel cristianesimo, anche se le sue chiavi si sono perse. La chiesa cristiana segue ciecamente le antiche usanze e quando le viene chiesto il perche`dà spiegazioni superficiali e insoddisfacenti, dimenticando o ignorando il fatto indiscutibile che ogni religione si basa sulle dottrine segrete del suo predecessore.

I TRE SOLI

Il globo solare, come la natura dell’uomo, era diviso dagli antichi saggi in tre separati corpi. Secondo i mistici, ci sono tre soli in ogni sistema solare, analogo ai tre centri della vita in ogni singola costituzione. Questi sono chiamati tre luci: il sole spirituale, il sole intellettuale e il sole materiale (ora simboleggiato in Massoneria da tre candele). Il sole spirituale manifesta la potenza di Dio Padre; il sole soave irradia la vita di Dio il Figlio; e il sole materiale è il veicolo di manifestazione per Dio Spirito Santo. La natura dell’uomo era divisa in tre parti distinte dai mistici: spirito, anima e corpo. Il suo corpo fisico è stato spiegato e vitalizzato dal sole materiale; la sua natura spirituale era illuminata dal sole spirituale; e la sua natura intellettuale è stata redenta dalla vera luce della grazia – il sole soave. L’allineamento di questi
tre globi nei cieli era una spiegazione offerta per il fatto peculiare che le orbite dei pianeti non sono circolari ma ellittiche. I sacerdoti pagani consideravano sempre il sistema solare come un Grande Uomo e ne disegnavano la loro analogia di questi tre centri di attività dai tre principali centri della vita nel corpo dell’uomo: il cervello, il cuore e il sistema generativo. La Trasfigurazione di Gesù descrive tre tabernacoli, l’essere più grande al centro (il cuore) e uno più piccolo da entrambi i lati (il cervello e il sistema generativo). È possibile che l’ipotesi filosofica dell’esistenza dei tre soli si basa su un fenomeno naturale peculiare che si è verificato molte volte nella storia. Nel cinquantunesimo anno dopo Cristo tre soli sono stati visti contemporaneamente nel cielo e anche nel sessantaseiesimo anno. Nel sessantanovesimo anno, due soli vennero visti insieme. Secondo William Lilly, tra il 1156 e il 1648 venti eventi simili sono stati registrati.
Riconoscendo il sole come il supremo benefattore del mondo materiale, gli ermetisti credevano che c’era un sole spirituale che serviva i bisogni dell’invisibile e della divina parte della natura – umana e universale. A proposito di questo argomento, il grande Paracelso scrisse:
“C’è un sole terreno, che è la causa di tutto il calore, e tutti quelli che sono in grado di vedere possono vedere il sole; e quelli che sono ciechi e non possono vederlo possono sentire il suo calore. C’è un
Sole Eterno, che è la fonte di tutta la saggezza e coloro i cui sensi spirituali sono stati risvegliati vedranno quel sole e saranno consapevoli della sua esistenza; quelli che non hanno una coscienza spirituale sviluppata potranno ancora sentire il Suo potere con una facoltà interiore che è chiamata Intuizione. ”
Alcuni studiosi rosacrociani hanno dato speciali appellazioni a queste tre fasi del sole: il sole spirituale lo hanno chiamato Vulcano; il sole dell’anima e ntellettuale, Cristo e Lucifero rispettivamente; e il sole materiale, Jehovah. Lucifero qui rappresenta la mente intellettuale senza l’illuminazione della mente spirituale; quindi esso è “la falsa luce”. La falsa luce è finalmente superata e redenta dalla vera luce dell’anima, chiamata Secondo Logos o Cristo. I processi segreti con cui Lucifero l’intelletto è trasmutato nell’intelletto cristico costituisce uno dei grandi segreti dell’alchimia ed e` simboleggiato dal processo di trasformazione dei metalli di base in oro. Nel raro trattato The Secret Symbols of The Rosicrucians, Franz Hartmann definisce il
sole alchemicamente come: “Il simbolo della saggezza, il centro del potere o il cuore delle cose. Il Sole è un centro di energia e un magazzino di potere. Ogni essere vivente contiene al suo interno un centro della vita, che può diventare un sole. Nel cuore del rigenerato,
il potere divino, stimolato dalla Luce del Logos, cresce in un Sole che
illumina la sua mente. “In una nota, lo stesso autore amplifica la sua descrizione aggiungendo: “Il sole terrestre è l’immagine o il riflesso dell’invisibile sole celeste, il primo è nel regno dello Spirito ciò che quest’ultimo è nel regno della Materia; ma quest’ultimo riceve il suo
potere dal primo. ” Nella maggior parte dei casi, le religioni dell’antichità concordano sul fatto che il sole visibile materiale era un
riflettore piuttosto che una fonte di potere. Il sole era talvolta rappresentato come uno scudo portato dal dio Sole, come per esempio Frey, la Divinità Solare scandinava. Questo sole rifletteva la luce dell’invisibile sole spirituale, che era la vera fonte di vita, luce e verità. La natura fisica dell’universo è ricettiva; è un regno di
effetti. Le cause invisibili di questi effetti appartengono al mondo spirituale. Quindi il il mondo spirituale è la sfera della causalità; il mondo materiale è la sfera degli effetti; mentre il mondo intellettuale – o anima – è la sfera della mediazione. Così Cristo, l’intelletto più elevato e natura dell’anima, è chiamato “il Mediatore” che, in virtù della sua posizione e potere, dice: “Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”.
Ciò che il sole è per il sistema solare, lo spirito è per i corpi degli uomini; per loro natura, organi e funzioni sono come pianeti che circondano la vita centrale (o il sole) e vivono le sue emanazioni. L’energia solare nell’uomo è divisa in tre parti, che sono definite il
triplice spirito umano dell’uomo. Si dice che tutte e tre queste nature spirituali siano radiose e trascendenti; unite, formano la Divinità nell’uomo. La triplice natura dell’uomo – composto dal suo organismo fisico, dalla sua natura emotiva e dalle sue facoltà mentali–
riflette la luce della sua triplice Divinità e ne è testimone nel mondo fisico. I tre corpi dell’uomo sono simboleggiati da un triangolo verticale; la sua triplice natura spirituale da un triangolo invertito. Questi due triangoli, quando uniti nella forma di una stella a sei punte,
furono chiamati dagli ebrei “la stella di David”, “il sigillo di Salomone”, ed più comunemente nota oggi come “la stella di Sion”. Questi triangoli simboleggiano lo spirito e gli universi materiali collegati tra loro nella costituzione della creatura umana, che partecipa di entrambi Natura e Divinità. La natura animale dell’uomo partecipa alla terra; la sua natura divina ai cieli.

I CELESTIALI ABITANTI DEL SOLE

I rosacrociani e gli Illuminati, descrivendo gli angeli, gli arcangeli e le altre creature celestiali, dichiararono che assomigliavano a piccoli soli, essendo centri di energia radiante circondati da stelle di forza vrilica. Da questi effluenti di forza derivò la credenza popolare secondo cui gli angeli hanno ali. Queste ali sono corone di luce, mediante la quale le creature celesti si spingono attraverso le sottile essenze dei mondi superfisici.
I veri mistici sono unanimi nella loro negazione della teoria che gli angeli e gli arcangeli sono di forma umana, come spesso raffigurato. Una figura umana sarebbe completamente inutile nelle sostanze eteree attraverso cui si manifestano. La scienza ha a lungo discusso la
probabilità che altri piani siano abitati. Le obiezioni all’idea si basano sull’argomento che le creature con organismi umani non potrebbero esistere in ambienti come Marte, Giove, Urano e Nettuno.

Questo argomento non riesce a tener conto della legge universale di adeguamento all’ambiente. Gli antichi affermarono che la vita ebbe origine dal sole e tutto ciò che si bagnava nella luce del globo solare
era in grado di assorbire gli elementi della vita solare e successivamente irradiarli come flora e fauna. Un concetto filosofico considerava il sole come un genitore e i piani come embrioni ancora connessi al corpo solare per mezzo di cordoni ombelicali eterei che servivano da canali per trasmettere la vita e il nutrimento per i pianeti.
Alcuni ordini segreti hanno insegnato che il sole era abitato da una razza di creature con corpi composti da un etere spirituale radioso, non dissimile dal sole stesso. Il calore solare non ha avuto alcun effetto dannoso su di loro, perché i loro organismi erano sufficientemente raffinati e sensibilizzati per armonizzarsi con quelli della tremenda frequenza vibratoria del sole. Queste creature assomigliano ai soli in miniatura, essendo un po ‘più grandi di un piatto da  tavola, anche se alcuni dei più potenti sono considerevolmente più grandi.
Il loro colore è la luce bianca dorata del sole, e da loro emanano quattro flussi di Vril. Questi flussi sono spesso di grande lunghezza e sono in costante movimento. Un particolare palpitazione sara` annotata in tutta la struttura del globo e verra` comunicata in
forma di increspature nei flussi emanati. Il più grande e il più luminoso di queste sfere è l’Arcangelo Michele; e l’intero ordine della vita solare, che gli assomiglia e ha dimora sul sole, sono chiamati dai cristiani moderni “gli arcangeli” o “gli spiriti” della luce.

IL SOLE NELLA SIMBOLOGIA ALCHEMICA

L’oro è il metallo del sole ed è stato considerato da molti come luce solare cristallizzata. Quando l’oro è menzionato in tratti alchemici, può essere o il metallo stesso o la sfera celeste che è la fonte, o spirito, dell’oro. Lo zolfo a causa della sua natura ignea era
associato anch’esso al sole. Poiché l’oro era il simbolo dello spirito e i metalli di base rappresentavano la natura inferiore dell’uomo,
certi alchimisti venivano chiamati “minatori” e venivano raffigurati con picconi e pale che scavano nella terra alla ricerca del metallo prezioso – quei tratti più fini del personaggio sepolti nella terrosità della materialità e ignoranza. Il diamante nascosto nel cuore del nero
carbone illustra lo stesso principio. Gli Illuminati hanno usato una perla nascosta nel guscio di un’ostrica sul fondo del mare per indicare i poteri spirituali. Quindi il ricercatore della verità diviene un pescatore di perle: discende nel mare dell’illusione materiale alla ricerca di
comprensione, definita dagli iniziati “la Perla di Gran Prezzo”.
Quando gli alchimisti affermarono che ogni cosa animata e inanimata nell’universo conteneva i semi dell’oro, intendevano che anche i granelli di sabbia possedevano una natura spirituale, perché l’oro era lo spirito di tutte le cose. Per quanto riguarda questi semi di oro spirituale il il seguente assioma rosacrociano è significativo: “Un seme è inutile e impotente, a meno che non sia messo nella sua matrice appropriata. “Franz Hartmann commenta questo assioma con queste
parole illuminanti: “Un’anima non può svilupparsi e progredire senza un corpo appropriato, perché è il corpo fisico che fornisce la materia per il suo sviluppo. “(Vedi il Pronao del Tempio della Saggezza.)
Lo scopo dell’alchimia non era quello di creare qualcosa dal nulla ma piuttosto di fertilizzare e nutrite il seme che era già presente. I suoi processi non hanno mai creato oro ma piuttosto fecero crescere e prosperare il seme sempre presente dell’oro. Tutto ciò che esiste
ha uno spirito – il seme della Divinità in se stesso – e la rigenerazione non è il processo di tentare di mettere qualcosa dove prima non era esistito. Rigenerazione in realtà significa lo sviluppo della Divinità onnipresente nell’uomo, che questa Divinità possa risplendere
ome un sole e illuminare tutti quelli con cui viene in contatto.

IL SOLE DELLA MEZZANOTTE

Apuleio ha detto descrivendo la sua iniziazione: “A mezzanotte ho visto il sole splendere di una luce abbagliante. “Anche il sole di mezzanotte faceva parte del mistero dell’alchimia. Simboleggiava lo spirito nell’uomo che brilla attraverso l’oscurità dei suoi organismi umani. esso si riferiva anche al sole spirituale nel sistema solare, che anche il mistico poteva vedere a mezzanotte come a mezzogiorno, la terra materiale non e` in grado di ostacolare i raggi di questa
Sfera divina. Le luci misteriose che illuminavano i templi dei misteri egiziani durante le ore notturne vennero reputate da alcuni come la riflessioni del sole spirituale raccolto dai poteri magici dei sacerdoti.

Concezioni primitive riguardanti la guerra tra i principi del Bene e del Male erano spesso basate sulle alternanze del giorno e della notte. Durante il Medioevo, Le pratiche di magia nera erano limitate alle ore notturne; e quelli che servivano lo SPirito del Male erano chiamati maghi neri, mentre quelli che servivano lo Spirito del Bene erano chiamati maghi bianchi. Il bianco e il nero erano associati rispettivamente alla notte e al giorno, e il conflitto infinito di luce e ombra è alluso molte volte nelle mitologie di vari popoli.
Il Demone Egiziano, Tifone, era simboleggiato come parte coccodrillo e parte: maiale perché questi animali sono grossolani e terrosi sia nell’aspetto che nel temperamento. Dal quando il mondo e` iniziato, le cose viventi hanno temuto l’oscurità; quelle poche creature che la usano come scudo per le loro manovre erano solitamente collegate allo Spirito del Male. Di conseguenza i gatti, i pipistrelli i, rospi e i gufi sono associati alla stregoneria. In alcune parti d’Europa è ancora
credenza che di notte i maghi neri assumano sembianze di lupi e vagahino portando distruzione. Da questa nozione sono nate le storie dei licantropi. I serpenti, perché vivevano sulla terra, erano associati allo Spirito delle Tenebre. Come la battaglia tra il bene e il male e` incentrata sull’uso delle forze generative della natura, i serpenti alati
rappresentano la rigenerazione della natura animale dell’uomo o di quei Grandi in cui questa rigenerazione era avvenuta con successo. Tra gli egiziani vengono spesso mostrati i raggi del sole che terminano in
mani umane. I massoni troveranno una connessione tra queste mani e la ben nota Zampa del Leone che alza ogni cosa con la sua presa.

COLORI SOLARI

La teoria così a lungo sostenuta di tre colori primari e quattro secondari è puramente exoterica, in quanto sin dai primi periodi si sapeva che ci sono sette, e non tre, colori primari, l’occhio umano è in grado di stimarne solo tre. Quindi, anche se il verde può essere ottenuto combinando il blu e il giallo, c’è anche un verde vero o primario che non è un composto. Questo può essere dimostrato suddividendo lo spettro con un prisma. Helmholtz ha scoperto che i cosiddetti colori secondari dello spettro non potevano essere infranti
nei loro presunti colori primari. Quindi l’arancione dello spettro, se attraversava un secondo prisma, non si scomponeva in rosso e giallo ma rimaneva arancione.
Coscienza, intelligenza e forza sono opportunamente simboleggiati dai colori blu, giallo, e rosso. Gli effetti terapeutici dei colori, inoltre, sono in armonia con questo concetto, in quanto il blu è un colore fine, rilassante, elettrico; il giallo, vitalizzante e raffinato; e il rosso, e` un colore vitale e caldo. È stato anche dimostrato che i minerali e le piante influenzano la costituzione umana secondo i loro colori. Quindi un fiore giallo genera una medicina che influenza la costituzione in un modo simile alla luce gialla o il tono musicale mi. Un fiore arancione influenzerà in modo simile alla luce arancione e, essendo uno dei cosiddetti colori secondari, corrisponde al tono re o all’accordo di do e mi.
Gli antichi concepivano lo spirito dell’uomo in corrispondenza al colore blu, la mente con il giallo, e il corpo con il rosso. Il cielo è quindi blu, gialla e` la terra e l’inferno – o inferi – rossi. La condizione ignea dell’inferno simboleggia semplicemente la natura della sfera o piano di forza di cui è composto. Nei Misteri Greci la sfera irrazionale era sempre considerata rossa, poiché rappresentava quella condizione in cui la coscienza è schiava delle passioni della natura inferiore. In India alcuni degli dei – di solito attributi di Vishnu – sono raffigurati con la pelle blu a significare ;a ;oro divinita` e costituzione sovramundana. Secondo la filosofia esoterica, il blu è il vero colore sacro del sole. L’apparente sfumatura giallo-arancione di questo globo è il risultato dei suoi raggi che si immergono nelle sostanze del mondo illusorio.
Nel simbolismo originale della Chiesa cristiana, i colori erano di prima importanza e il loro uso era regolato secondo regole accuratamente preparate. Dal Medioevo, tuttavia, la noncuranza con cui sono stati impiegati i colori ha portato alla perdita dei loro più profondi significati emblematici. Nel suo aspetto primario, il bianco o argento significava vita, purezza, innocenza, gioia e la luce; rossa, la sofferenza e morte di Cristo e dei suoi santi, ma anche amore divino, sangue, guerra o sofferenza; blu, la sfera celeste e gli stati di pietà e contemplazione; giallo o oro, gloria, fecondità e bontà; verde, fecondità, giovinezza e prosperità; viola, umiltà, profondo affetto e tristezza; nero, morte, distruzione e umiliazione. Nella prima arte della chiesa i colori delle vesti e degli ornamenti rivelavano anche se un santo era stato martirizzato, così come il carattere del lavoro che aveva fatto per meritare la canonizzazione. Oltre ai colori dello spettro c’è un gran numero di onde vibratorie di colore, alcune troppo basse e altre troppo alte per essere registrate dall’apparato ottico umano. È
terribile contemplare la colossale ignoranza dell’uomo riguardo a questi scenari astratti. Come in passato, l’uomo ha esplorato i continenti sconosciuti, quindi in futuro, armati di
strumenti curiosi creati per lo scopo, esplorerà queste poco conosciute realta` di luce, colore, suono e coscienza

Drag Queen ammette d indottrinare i bambini durante gli incontri nelle scuole

Le drag queen, negli Stati Uniti, stanno deliberatamente indottrinando la prossima generazione ad accettare l’ideologia LGBT quando leggono storie ai bambini nelle biblioteche pubbliche durante gli eventi “story hour”.

Dylan Pontiff, una drag queen che ha contribuito a organizzare uno di questi eventi per bambini di tre anni presso la biblioteca pubblica Lafayette all’inizio di ottobre, viene mostrata in un video scioccante al consiglio comunale di Lafayette in Louisiana durante un Incontro del 17 settembre.

“Questo sarà l’indottrinamento della prossima generazione, stiamo cercando di controllare la prossima generazione”, ha detto Pontiff, che quando è travestito si fa chiamare Santana Pilar Andrews.

Pontiff ha detto che come drag queen si è esibito in spettacoli per adulti che ha paragonato a un film con rating R. Ha sostenuto che dovrebbe essere in grado di avere accesso ai bambini perché, da adulto, sa come “filtrare” se stesso e rendere i suoi contenuti adatti ai minori.

“Posso entrare e intrattenere gli adulti in un club e intrattenere anche un gruppo di studenti e bambini piccoli. Sono in grado di farlo perché sono un adulto e in grado di filtrare me stesso “, ha detto.

I cittadini di quella comunità in Louisiana scuotevano la testa perplessi dietro Pontiff mentre faceva questo commento.

“Sfortunatamente, il programma Drag Queen Story Hour sta trasformando le biblioteche pubbliche in piattaforme per far progredire la rivoluzione transgender, luoghi in cui gli attivisti omosessuali hanno accesso a bambini di tre anni”, ha detto John Ritchie, direttore di TFP Student Action, in un colloquio.

“Invece di proteggere la preziosa innocenza dei nostri bambini con storie sane, le biblioteche stanno abusando dei nostri dollari per danneggiare la loro innocenza”, ha detto. “Tentare di smantellare e distruggere la distinzione tra maschio e femmina non è solo biologicamente ridicolo, ma anche un attacco diretto contro il piano di Dio per noi e per la famiglia: tutti coloro che amano la famiglia dovrebbero svegliarsi, pregare e respingere questa ideologia malata”.

L’assemblea pubblica del consiglio comunale di Lafayette a settembre doveva prendere in considerazione una mozione per denunciare l’ora di storia della drag queen proposta per la biblioteca locale il 6 ottobre in quanto non appropriata all’eta del pubblico.

La mozione, derisa come “odiosa” e “discriminatoria” dai suoi oppositori, non sarebbe stata vincolante per la biblioteca pubblica.  La maggioranza del Consiglio comunale della città di Lafayette ha rifiutato di votare su di essa, affrontando efficacemente la mozione.

Leslie Alexander, membro della comunità, ha detto che la biblioteca non avrebbe dovuto approvare l’evento della drag queen senza consultare il pubblico.

“Non si tratta di tolleranza o anti-bullismo”, ha detto al Lafayette Daily Advertiser. “È uno sforzo diretto e intenzionale per creare confusione e dubbi sul genere tra i bambini molto piccoli proprio nel momento in cui hanno bisogno di guida e comprensione solide. L’intento è quello di piantare un seme per rendere i bambini più propensi a mettere in dubbio la loro sessualità o genere in età avanzata “.

Secondo Ritchie, i semi di questo indottrinamento dei bambini nelle biblioteche pubbliche sono stati seminati quando il matrimonio è stato ridefinito legalmente.

“Quando il” matrimonio “omosessuale è stato legalizzato nel 2015, ci hanno detto di non preoccuparci perché la decisione non avrebbe mai influito su di noi”, ha detto Ritchie. “Il matrimonio è solo una parola, hanno detto, ma per coloro che comprendono la storia, la ridefinizione del vero matrimonio da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti esso incorporava una serie di brutte conseguenze”.

“Ciò che ieri era impensabile è tollerato oggi: gli artisti della resistenza transgender sono autorizzati a colpire esplicitamente i bambini negli edifici pubblici”, ha affermato.

Un numero di attivisti LGBT ha evidenziato negli ultimi anni che l’obiettivo del movimento è quello di “indottrinare” i bambini ad accettare la normalità dell’agenda LGBT.

“Sono qui per dirti: per tutto quel tempo ho detto che non stavo indottrinando nessuno con le mie convinzioni su gay e lesbiche e bi, trans e queer people? È stata una bugia “, ha scritto l’attivista gay canadese Sason Bear Bergman, una donna che si identifica come un transgender, in un pezzo del marzo 2015 intitolato” Sono venuto per indottrinare i tuoi bambini alla mia agenda LGBTQ. “Bergman non ha nulla in contrario, affermando che vuole fare figli” come noi “anche se questo” va contro il modo in cui hai interpretato gli insegnamenti della tua religione “.

Nel 2011 l’attivista gay statunitense Daniel Villarreal ha scritto una colonna per Queerty.com affermando che era giunto il momento per la lobby omosessuale di ammettere di “indottrinare” gli scolari ad accettare l’omosessualità.

“Perché dovremmo spingere programmi anti-bullismo o corsi di studi sociali che insegnano ai bambini i contributi storici dei famosi queer a meno che non volessimo educare deliberatamente i bambini ad accettare la sessualità queer?”

“Vogliamo che gli educatori insegnino alle future generazioni di bambini ad accettare la sessualità queer. In realtà, il nostro futuro dipende da questo. Reclutare i bambini? Ci puoi scommettere “, ha aggiunto.

L’attivista omosessuale Michael Swift ha scritto nelle Gay Community News nel 1987 che i bambini delle scuole sarebbero diventati obiettivi espliciti per l’indottrinamento omosessuale. “Li sedurremo nelle vostre scuole … saranno rifondati a nostra immagine. Verranno a desiderare e ad adorarci “, scrisse all’epoca.

Fonte

La “nuova idea” per combattere il riscaldamento globale? Oscurare il sole con delle scie chimiche

Gli scienziati hanno escogitato un nuovo e ingegnoso modo di combattere il riscaldamento globale: usare sostanze chimiche per oscurare il sole. Se dovremo poi combattere (e fare tutto il resto) all’ombra, la ricerca non ce lo sa dire ancora.

Dal momento che il mondo non sembra concordare sulla riduzione delle emissioni di CO2, perché non affrontare il problema da un altro punto di vista, hanno ipotizzato scienziati di Harvard e Yale. I ricercatori hanno recentemente pubblicato uno studio il quale afferma che spruzzare grandi quantità di particelle di solfato nella stratosfera inferiore della Terra al fine di offuscare letteralmente il sole potrebbe dimezzare gli effetti del cambiamento climatico globale, e potrebbe anche essere economico!

Con tutta l’eccitazione sul piano “ipotetico” e “altamente incerto e ambizioso”, non ci sono garanzie che in realtà non peggiorerà le cose in modo catastrofico. C’è una sospettosa mancanza di informazioni su cosa “l’oscurare il sole” potrebbe fare a quelli di noi che fanno affidamento su di esso per cose basilari – come coltivare il cibo, o non morire congelati.

Invece, lo studio pubblicato su Environmental Research Letters discute i costi potenziali e la tecnologia necessaria per realizzare l’ambizioso, piano. I ricercatori discutono una varietà di potenziali modi per realizzare il progetto di “geoingegneria” su larga scala: aerei, palloni o anche solo sparare sostanze chimiche nell’aria con grandi cannoni.

A parte questo, c’è un problema abbastanza serio con la proposta: attualmente non esiste alcun aeromobile in grado di svolgere il compito. L’adattamento di una versione esistente del razzo Falcon Heavy di SpaceX è stato escluso, citando il costo.

La proposta suggerisce che un lancio potrebbe essere realizzato entro 15 anni, con un costo iniziale di circa $ 3,5 miliardi, seguito da un altro periodo di 15 anni che costa altri $ 2,5 miliardi – un prezzo relativamente basso data la portata e il significato del progetto, argomentano . Una flotta di otto navi iniziale si espanderebbe fino a quasi quota 100 per dispiegare la quantità necessaria di sostanze chimiche in tutto il mondo.

Ci sono anche altri inconvenienti meno tecnici della proposta. Tra i più ovvi: il piano richiederebbe un coordinamento internazionale tra numerosi paesi, compresi gli Stati Uniti – il cui presidente, Donald Trump, esprime regolarmente dubbi sul cambiamento climatico in generale.

Il dott. Phil Williamson, lettore onorario presso l’Università dell’East Anglia, ha criticato la proposta, affermando che le nazioni che “continueranno a sperimentare eventi climatici estremi” potranno quindi “considerare che la geoingegneria solare e` la causa responsabile” chiedendo un risarcimento.

Altri hanno criticato la strategia perche` si tratta di una risposta che ignora le reali cause del problema (il sole n.d.r.).

Fonte

Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: Iside, la Vergine del Mondo

È particolarmente appropriato che uno studio sul simbolismo ermetico debba iniziare con una discussione sui simboli e sugli attributi dell’Iside Saitica. Questa è l’Iside di Sais, famosa per la sua iscrizione che apparve sul tempio di quella citta`: “Io, Iside, sono tutto ciò che è stato, che è o sarà; nessun uomo mortale mi ha mai svelato. ”
Plutarco afferma che molti autori antichi credevano che questa dea fosse la figlia di Ermete; altri ritenevano che fosse la figlia di Prometeo. Entrambi gli esseri celesti erano noti per la loro saggezza divina. Non è improbabile che il collegamento a queste due divinita` sia semplicemente allegorico. Plutarco traduce il nome Iside nel significato di saggezza. Godfrey Higgins, nella sua Anacalypsis, deriva il nome di Iside dall’ebraico, e dal Greco. Alcune autorità, tuttavia, ad esempio, Richard Payne Knight (come affermato nel suo linguaggio simbolico dell’arte antica e della mitologia), crede che la parola sia
di estrazione nordica, possibilmente scandinava o gotica. In queste lingue il nome è pronunciato Isa, che significa ghiaccio, o acqua nel suo stato passivo, cristallizzato, negativo. Questa divinità egizia sotto molti nomi appare come il principio della fecondità naturale tra quasi tutte le religioni del mondo antico. Era conosciuta come la dea con
diecimila denominazioni e fu trasformata dal cristianesimo nella Vergine Maria, in quanto Iside, sebbene abbia dato alla luce tutti gli esseri viventi – tra cui il piu` importante e` il Sole – immobile
è rimasta vergine, secondo i racconti leggendari. Apuleio nell’undicesimo libro de L’asino d’oro attribuisce alla dea quanto segue: “Ecco, commossa dalle tue preghiere, sono presente al tuo fianco; Io, che sono la Natura, il genitore delle cose, la regina di tutti gli elementi, la progenie primordiale delle ere, il supremo delle Divinità, la sovrana degli spiriti dei morti, la prima dei celestiali e la somiglianza uniforme degli dei e Dee. Io, che domino con il mio cenno del capo le cime luminose dei cieli, le salubri brezze del mare e i deplorevoli silenzi dei regni sottostanti e sono la divinita` adorata sotto molteplici forme sulla Terra, con riti diversi e una varietà di denominazioni. Quindi i primogeniti frigi mi chiamano Pessinuntica, la
madre degli dei, gli aborigeni attici, minerva cecropiana; i ciprioti,
Venere paphiana; i Cretesi portatori di frecce, Diana Dictynna; i siciliani a tre lingue, Proserpina Stigiana; e gli Eleusini, l’antica Dea Cerere. Alcuni mi chiamano anche Giunone, altri Bellona, ​​altri Ecate e altri Rhamnusia. E quelli che sono illuminati dai raggi  di quella divinità del Sole, quando si leva, cioè. gli etiopi, gli Arii e gli egiziani sono esperti nell’antica cultura, adorandomi con cerimonie perfettamente adeguate, chiamami col mio vero nome, la regina Iside. ”
Le Plongeon crede che il mito egiziano di Iside abbia avuto una base storica tra i Maya del centro America, dove questa dea era conosciuta come la regina Moo. In Prince Coh lo stesso autore trova una corrispondenza con Osiride, il fratello-marito di Iside. La teoria di Le Plongeon è che la civiltà Maya era molto più antica di quella egiziana.
Dopo la morte del principe Coh, la sua vedova, la regina Moo, fuggì dagli assassini, cercando rifugio tra le colonie Maya in Egitto, dove fu accettata come la loro regina e le fu dato il nome di Iside. Mentre Le Plongeon può aver ragione, la figura storica sprofonda nell’insignificanza se paragonata a quella allegorica, simbolica La Vergine del Mondo; e il fatto che lei appare tra tante razze e popoli diversi scredita la teoria secondo cui lei era un personaggio storico.
Secondo Sextus Empyricus, la guerra di Troia fu combattuta per una statua della dea della luna. Per questa Elena lunare, e non per una donna, i Greci e i Troiani hanno lottarono a Troia.
Diversi autori hanno tentato di dimostrare che Iside, Osiride, Tifone, Nefti e Aroueris (Thoth, o Mercurio) erano nipoti del grande patriarca ebreo Noè da parte di suo figlio Ham. Ma visto che la storia di Noè e della sua arca è un’allegoria cosmica riguardante il ripopolamento dei pianeti all’inizio di ogni periodo mondiale, questo rende meno
probabile che fossero personaggi storici. Secondo Robert Fludd, il sole ha tre proprietà – vita, luce e calore. Questi tre vivificano e vitalizzano i tre mondi: spirituale, intellettuale e materiale. Pertanto, si dice “da una luce, tre luci”. Con ogni probabilità, Osiride rappresenta il terzo aspetto, o aspetto materiale, dell’attività solare, che con le sue influenze benefiche rivitalizza e ravviva la flora e la fauna della Terra. Osiride non è il sole, ma il sole è il simbolo del principio vitale della Natura, che gli antichi conoscevano come Osiride. Il suo simbolo, quindi, era un occhio aperto, in onore del Grande Occhio dell’universo, il sole. A bilanciare il principio attivo e luminoso del fuoco, del sentire e del movimento c’era il principio passivo e recettivo della Natura.
La scienza moderna ha dimostrato che le forme che vanno dai sistemi solari agli atomi sono composti da nuclei positivi e radianti circondati da corpi negativi che esistono sopra le emanazioni della vita centrale. Da questa allegoria abbiamo la storia di Salomone e delle sue mogli, Salomone è il sole e le sue mogli e concubine sono i pianeti, le lune, gli asteroidi e altri corpi recettivi nella sua casa: la dimora solare. Iside,
è rappresentata nel canto di Salomone dalla domestica oscura di Gerusalemme, è un simbolo della Natura recettiva – il principio materno e acquoso che crea tutte le cose da se stesso dopo essere statta fecondata dalla virilita` solare..
Nel mondo antico l’anno aveva 360 giorni. I cinque giorni in più sono aggiunti dal Dio dell’Intelligenza Cosmica per servire come compleanni dei cinque dei e dee che sono chiamati i figli e le figlie di Ham. Il primo di questi giorni speciali e` dedicato ad Osiride e il quarto ad Iside. (Il numero quattro mostra la relazione che questa dea ha con la terra ed i suoi element). Tifone, il demone egizio o spirito Avversario, è nato il terzo giorno. Tifone è spesso simboleggiato da un coccodrillo; a volte il suo corpo è una combinazione di un coccodrillo e maiale. Iside sta per conoscenza e saggezza, e secondo Plutarco la parola Tifone significa insolenza e orgoglio. L’egoismo, l’egocentrismo e l’orgoglio sono i nemici mortali della comprensione e della verità. Questa parte dell’allegoria è rivelata. Dopo che Osiride, qui simboleggiato come il sole, era diventato re d’Egitto e aveva dato alla sua gente il pieno vantaggio della sua luce intellettuale, ha continuato il suo percorso attraverso i cieli, visitando i popoli di altre nazioni e convertendo tutti coloro con cui è entrato in contatto. Plutarco afferma inoltre che i greci riconobbero in Osiride la stessa persona
che venerarono sotto i nomi di Dioniso e Bacco. Mentre lui era lontano
dal suo paese, suo fratello, Tifone, il Maligno, come il Loki della Scandinavia, tramarono contro il Dio Sole per distruggerlo. Raccolse settantadue persone come compagni cospiratori, raggiunse il suo nefasto fine in un modo molto sottile. Ottenne un meraviglioso sarcofago ornato fatto su dimensione del corpo di Osiride. Lo porto` in una sala per banchetti dove gli dei e le dee stavano banchettando insieme. Tutti hanno ammirato la bellezza dell’opera e Tifone promise di darlo a colui il cui corpo si adattasse perfettamente.

Diodoro scrive di una famosa iscrizione scolpita su una colonna a Nissa, in Arabia, che descrisse come segue: “Io sono Iside, Regina di questo paese, sono stata istruita da Mercurio, nessuno può distruggere le leggi che ho stabilito. Sono la figlia maggiore di Saturno, la più antica degli dei. Io sono la moglie e sorella di Osiride il re. Ho fatto conoscere ai mortali l’uso del grano. Sono la madre di Horus il re. In mio onore fu costruita la città di Bubaste. Rallegrati, o Egitto, gioisci, terra che mi ha dato la nascita! “(Vedi
“Morale e Dogma”, di Albert Pike.)

Uno dopo l’altro si sdraiano nella scatola, ma con disappunto si rialzavano, fino a quando anche Osiride ci provò. Nel momento in cui si sdraio Tifone e i suoi complici inchiodarono il coperchio e sigillarono le fessure con piombo fuso. Gettarono allora il sarcofago nel Nilo, dalla quale galleggio` fino al mare. Plutarco afferma che la data in cui ciò avvenne fu il diciassettesimo giorno del mese di Athyr, quando il sole fu nella costellazione dello Scorpione. Questo è molto significativo, perché lo Scorpione è il simbolo del tradimento. Il momento in cui Osiride è entrato nel sarcofago fu anche lo stesso momento in cui Noè
entro` nell’arca per scappare dal diluvio. Plutarco dichiara inoltre che le Padelle e i Satiri (gli Spiriti della Natura e gli Elementali) scoprirono per primi che Osiride era stato assassinato. Questi immediatamente diedero l’allarme e da questo incidente nacque la parola panico, che significa spavento o stupore delle moltitudini. Iside, dopo aver ricevuto la notizia dell’omicidio di suo marito, si preparo` ed inizio` la ricerca del marito. Alla fine Iside scoprì che il baule stava galleggiando sulla costa di Biblo. Lì si incaglio` tra i rami di un albero, che in breve tempo crebbe miracolosamente intorno alla scatola. Questo stupì il re di quel paese che ordinò che l’albero fosse abbattuto e che ne venisse ricavata una colonna per sostenere il suo palazzo. Iside, visitando Biblo, recuperò il corpo di suo marito, ma fu di nuovo rubato da Tifone, che lo tagliò in quattordici parti, che sparse su tutta la terra. Iside, nella disperazione, cominciò a radunare i resti staccati di suo marito, ma trovo` solo tredici pezzi. La quattordicesima parte
(il fallo) fu riprodotto utilizzando dell’oro, in quanto l’originale era caduto nel fiume Nilo e fu ingoiato da un coccodrillo.
Tifone fu successivamente ucciso in battaglia dal figlio di Osiride. Alcuni degli egiziani credevano che le anime degli dei fossero portate in cielo, dove risplendevano come stelle. L’anima di Iside brillava dalla stella del cane, mentre quella di Tifone divenne la costellazione dell’Orso. È dubbio, tuttavia, se questa idea fosse mai stata in generale
accettata. tra gli egiziani, Iside è spesso rappresentata con un copricapo costituito dal trono vuoto (marito assassinato), e questa struttura particolare è stata accettata durante certe dinastie come i suoi geroglifici. Le acconciature degli egiziani sono grandiose
di importanza simbolica ed emblematica, poiché rappresentano i corpi aurici delle intelligenze superumane e sono usate nello stesso modo in cui il nimbo, l’alone e l’aureola è usata nell’arte religiosa cristiana. Frank C. Higgins, un noto simbolista massonico, ha astutamente notato che i copricapi ornati di alcuni dei e Faraoni sono inclinati all’indietro con la stessa angolazione dell’asse terrestre. Le vesti, le insegne, i gioielli e gli ornamenti degli antichi ierofanti simboleggiavano le energie spirituali che si irradiavano dal corpo umano. La scienza moderna sta riscoprendo molti dei segreti perduti della Filosofia ermetica Uno di questi è la capacità di misurare lo sviluppo mentale, le qualità dell’anima e la salute fisica di un individuo dalla forza elettrica semi visibile che attraversa la superficie della pelle di ogni essere umano (Per i dettagli riguardanti un processo scientifico per creare emanazioni visibili, vedi The Human Atmosphere del Dr. Walter J. Kilner.)
Iside è talvolta simboleggiata dalla testa di una mucca; occasionalmente l’intero animale è un suo simbolo. I primi dei degli scandinavi furono creati dalla Madre Mucca (Audhumla) leccando blocchi di ghiaccio, che simboleggiava il principio del nutrimento naturale e della fecondità a causa del suo latte. Occasionalmente Iside è rappresentata come un uccello. Lei spesso porta in una mano la croce ansata, il simbolo della vita eterna e nell’altra il fiore scettro, simbolo della sua autorità.

Thoth Hermes Trismegisto, il fondatore della cultura egiziana, il saggio del mondo antico, ha dato ai sacerdoti e ai filosofi dell’antichità i segreti che sono stati conservati fino ad oggi nel mito e nella leggenda. Queste allegorie e figure emblematiche
nascondono le formule segrete per la rigenerazione spirituale, mentale, morale e fisica comunemente note come Chimica Mistica dell’Anima (alchimia). Queste verità sublimi furono comunicate agli iniziati delle Scuole del Mistero, ma furono nascoste al profano. Quest’ultimo, incapace di comprendere i principi filosofici astratti, adorava gli idoli scolpiti in cemento che erano emblematici di queste verità segrete. La saggezza e segretezza dell’Egitto sono esemplificate nella Sfinge, che ha conservato il suo segreto dai cercatori di cento generazioni. I misteri dell’ermetismo, le grandi verità spirituali
nascoste dal mondo dall’ignoranza e dalle chiavi delle dottrine segrete
degli antichi filosofi, sono tutti simboleggiati dalla Vergine Iside. Velata dalla testa ai piedi, rivela la sua saggezza solo ai pochi iniziati che si sono guadagnati il ​​diritto di partecipare alla sua sacra presenza, strappando il velo della Natura, e stando faccia a faccia con la Realtà Divina.
Le spiegazioni in queste pagine dei simboli peculiari della Vergine Iside sono basate (se non diversamente specificato) sulle selezioni da una traduzione libera del quarto libro della Bibliotèque des Philosophes Hermétiques, dal titolo “Il significato ermetico dei
Simboli attributi a Iside,” con interpolazioni del compilatore per amplificare e chiarire il testo. Le statue di Iside erano decorate con il sole, la luna e le stelle e molti emblemi appartenenti alla terra, su cui si credeva che Iside regnasse (come spirito guardiano della Natura). Secondo gli antichi filosofi, ha personificato la Natura Universale, la madre di tutte le produzioni. La divinità era generalmente rappresentata come una donna parzialmente nuda, spesso incinta, a a volte vagamente coperta da un indumento di colore verde o nero, o di quattro diverse tonalità mescolate: nero, bianco, giallo e rosso.
Apuleio la descrive così: “In primo luogo, quindi, i suoi copiosi e lunghi capelli, erano gradualmente intessuti e sparsi promiscuamente sul suo collo divino. Una corona multiforme, composta da vari fiori, si erge sublime sul vertice della sua testa. E in mezzo alla corona, proprio sulla sua fronte, c’era un sfera liscia simile a uno specchio, o meglio una luce bianca, che indicava che lei era la luna. Il suo vestito era di molti colori, e tessuto dal miglior lino, ed era un tempo lucido con uno splendore bianco, in un altro giallo come il fiore di croco, e in un altro
fiammeggiante con un rossore rosato. Ma ciò che più abbagliava in modo eccessivo la mia vista era la veste nera, fulgida di uno splendore scuro e che si allarga e passa sotto il suo lato destro, e salendo alla sua spalla sinistra, si alzava protuberante come il centro di uno scudo. Stelle luccicanti erano disperse attraverso il bordo ricamato della veste, e attraverso tutta la sua superficie: vi era la luna piena, splendente nel mezzo delle stelle, emetteva fuochi ardenti. Tuttavia, la corona, interamente composta da fiori e frutti di ogni tipo, aderiva con una indivisibile connessione al confine di quella vistosa veste, in tutti i suoi movimenti ondeggianti. Quello che aveva nelle sue mani era di natura variabile. Nella sua mano destra, portava un sonaglio di bronzo [sistro] Un vascello oblungo, a forma di barca che aveva come vertice la sua testa. E in mezzo alla corona, proprio sulla sua fronte, c’era un sfera liscia simile a uno specchio, o meglio una forte luce bianca, che indicava che lei era la luna Vipere circondavano la corona
la mano destra e a sinistra e le spighe di grano di Cereale erano estese verso l’alto. Il suo vestito era di molti colori, e tessuto dal miglior lino, ed era un tempo lucido con uno splendore bianco, un’altra volta giallo dal fiore di croco, e un’altra ancora fiammeggiante con un rossore rosato. Ma ciò che più abbagliava in modo eccessivo la mia vista era la veste nera, fulgida di uno splendore scuro e che si allarga e passa
sotto il suo lato destro, e salendo alla sua spalla sinistra, si alzava protuberante come il centro di uno scudo. Stelle luccicanti si disperdevano attraverso il bordo ricamato della veste, e attraverso tutta la sua superficie: la luna piena, splendente nel mezzo delle stelle, emetteva fuochi ardenti. Tuttavia, la corona, interamente composta da fiori e frutti di ogni tipo, aderiva con indivisibile connessione al confine di quella vistosa veste, in tutti i suoi movimenti ondeggianti. Aveva in mano cose molto differenti. Nella sua mano destra, portava un sonaglio di bronzo [sistro] Un vascello oblungo, a forma di barca, era nella sua mano sinistra, dal cui manico, si ergeva un aspide. E le scarpe intrecciate dalle foglie di palma coprivano i suoi piedi immortali. ”

Il colore verde allude alla vegetazione che copre la faccia della terra, e quindi rappresenta la veste della natura. Il nero rappresenta la morte e la corruzione come la via a una nuova vita. “Solo un uomo rinato, può vedere il regno di Dio. “(Giovanni III 3.) Bianco, giallo e rosso significano i tre colori principali della medicina alchemica, ermetica, universale dopo che l’oscurità della sua putrefazione è finita.
Gli antichi diedero il nome di Iside a una delle loro medicine occulte; quindi la descrizione qui data si riferisce un po ‘ alla chimica. Il suo drappo nero rappresenta anche la luna, o l’umidità lunare – il sopore del mercurio universale e la sostanza operativa della natura nella terminologia alchemica – non ha luce propria, ma riceve la sua luce, il suo fuoco, e la sua forza vitalizzante dal sole.

“Il sistro è progettato per rappresentarci, poiche` ogni cosa deve essere tenuta in continua agitazione, e mai cessare il movimento;.

Iside era l’immagine o la rappresentante delle Grandi Opere dei saggi: la Pietra Filosofale, l’elisir della vita e la medicina universale. Altri geroglifici visti in connessione con Iside non sono meno curiosi di quelli già descritti, ma è impossibile enumerare tutto, perché sono stati usati molti simboli intercambiabili dagli ermetisti egiziani. La dea spesso portava sulla sua testa un cappello fatto di rami di cipresso, per significare il lutto per il suo defunto marito e anche per la morte fisica che ogni creatura vivente subisce per ricominciare il ciclo di vita o una risurrezione periodica. La testa di Iside è a volte ornata con una
corona d’oro o una ghirlanda di foglie d’ulivo, come segni evidenti della sua sovranità sul mondo e su tutto l’universo. La corona d’oro significa anche l’untuosità aurea o il grasso solforoso dei fuochi solari e vitali che lei dispensa ad ogni individuo con una circolazione continua degli elementi, questa circolazione e` simboleggiata dal rantolo musicale che lei porta in mano. Questo sistro è anche
il simbolo yonico della purezza. Un serpente intrecciato tra le foglie di ulivo sulla sua testa, divora la propria coda, denota che l’untuosita` aurea era sporca del veleno della corruzione terrestre che la circonda e deve essere mortificata e purificata da sette circolazioni planetarie o
purificazioni chiamate aquile volanti (terminologia alchemica) per ripristinare la salute. (Qui le emanazioni dal sole sono riconosciute come una medicina per la guarigione dei mali umani). Le sette circolazioni planetarie sono rappresentate dalle circumambulazioni della loggia massonica; dalla marcia dei sacerdoti ebrei sette volte attorno alle mura di Gerico e dai sacerdoti maomettani che girano sette volte intorno alla Kabba alla Mecca. Dalla corona d’oro spuntano tre corna, a significare l’abbondanza dei doni della natura che provengono da una radice che ha la sua origine nei cieli (capo di Iside).
In questa figura i naturalisti pagani rappresentano tutti i poteri vitali dei tre regni e delle famiglie della natura sublunare: minerale, vegetale e animale (uomo considerato come un animale). In una delle sue orecchie c’era la luna e nell’altra il sole, per indicare che questi
due erano i principi attivo e passivo, o padre e madre di tutti gli oggetti naturali; e che Iside, o Natura, si serve di questi due luminari per comunicare i suoi poteri all’intero impero animale, vegetale e minerale. Sul retro del collo c’erano personaggi dei pianeti e i segni dello zodiaco che hanno aiutato i pianeti nella loro funzioni. Questo significava che le influenze celesti dirigevano i destini di tutte le cose, perché erano i governatori di tutti i corpi sublunari, che hanno trasformato in piccoli mondi fatti a immagine del più grande
universo.

Iside tiene nella mano destra un piccolo veliero con il fuso di una ruota che gira per il suo albero. Dall’alto dell’albero proietta una brocca d’acqua, con la maniglia a forma di serpente gonfiato di veleno. Questo indica che Iside dirige quella parte di vita, piena di problemi e
miserie, sul tempestoso oceano del Tempo. Il fuso simboleggia il fatto che lei modifica e taglia il filo della vita. Questi emblemi indicano inoltre che Iside abbonda di umidità, di mezzi con cui nutre tutti i corpi naturali, preservandoli dal calore del sole umidificandoli con umidità nutriente dall’atmosfera. Questa sottile umidità tuttavia (etere della vita) è sempre più o meno infetto da alcuni veleni provenienti da corruzione o decadenza. Deve essere purificata con l’invisibile fuoco purificatore della natura. Questo fuoco digerisce, perfeziona e
rivitalizza questa sostanza, in modo che l’umidità possa diventare una medicina universale per guarire e rinnovare tutti i corpi in natura.
Il serpente getta via la pelle ogni anno ed è quindi rinnovato (simbolico dela resurrezione della vita spirituale dalla natura materiale). Questo rinnovamento della terra e` richiesto ogni primavera, quando lo spirito vivificante del sole torna nei paesi dell’Emisfero nord, La Vergine simbolica porta nella mano sinistra un sistro e un piatto, o una cornice quadrata di metallo, che viene colpita dalla nota chiave della Natura (Fa); a volte ha anche in mano un ramo d’ulivo, per indicare l’armonia tra le cose naturali e la sua energia revitalizzante. Con i processi di morte e corruzione dà vita a un certo numero di creature di forme diverse attraverso periodi di cambiamento perpetuo. Il piatto è quadrato invece della solita forma triangolare per simbolizzare che tutte le cose sono trasmutate e
rigenerata secondo l’armonia dei quattro elementi. Il dott. Sigismund Bacstrom riteneva che se un medico potesse stabilire un’armonia tra gli elementi di terra, fuoco, aria e acqua, e li unisse in una pietra (la pietra filosofale) simboleggiata dalla stella a sei punte o da due triangoli intrecciati, avrebbe posseduto i mezzi per guarire tutte le malattie. Il dott. Bacstrom ha inoltre affermato che non vi erano dubbi riguardo al fatto che esistesse una mente universale, onnipresente fuoco (spirito) della Natura: “fa tutto ed è tutto in tutti”. Per attrazione, repulsione, movimento, calore, sublimazione, evaporazione, essiccazione, ispezione, coagulazione e fissazione, il fuoco universale (lo spirito) manipola la materia e si manifesta durante la creazione. Qualsiasi individuo che possa comprendere questi principi e adattarli
ai tre dipartimenti della natura diventa un vero filosofo. Dal seno destro di Iside sporgevano un grappolo d’uva e dalla sinistra una spiga di grano o un fascio di grano, di colore dorato. Questi indicano che la natura è la fonte di nutrimento per la vita vegetale, animale e umana, nutrendo ogni cosa da se stessa. Il colore dorato del grano (mais) indica che alla luce del sole o all’oro spirituale è nascosto il primo spermatozoo di tutta la vita. Sulla cintura che circonda la parte superiore del corpo della statua compaiono un numero di
emblemi misteriosi. La cintura è unita di fronte a quattro piastre dorate (gli elementi), disposti sotto forma di un quadrato. Questo significava che Iside, o Natura, era la prima materia (terminologia alchemica), era l’essenza dei quattro elementi (vita, luce, calore,
e forza), la quintessenza che ha generato tutte le cose. Numerose stelle sono rappresentate su questa cintura, indicando così la loro influenza nell’oscurità. Iside è la Vergine immortalata nella costellazione della Vergine, dove La Madre del Mondo è posta con il serpente sotto i suoi piedi e una corona. di stelle sulla sua testa. Nelle sue braccia porta un fascio di grano e talvolta il giovane Dio Sole. La statua di Iside era posta su un piedistallo di pietra scura ornato con una teste di ariete. I suoi piedi calpestavano numerosi rettili velenosi. Questo indica che la natura ha poter di liberare dall’acidità o dalla salinità tutti i corrosivi e superare tutte le impurità e la corruzione terrestre che aderisce ai corpi. La testa di ariete indica che Il momento propizio per generare la vita è durante il periodo in cui il sole passa
attraverso il segno di Ariete. I serpenti sotto i suoi piedi indicano che la natura è incline a preservare la vita e guarire le malattie espellendo le impurità e la corruzione. In questo senso vengono verificati gli assiomi noti agli antichi filosofi; vale a dire:

La natura contiene la natura,

La natura gioisce della sua natura,

La natura supera la natura;

La natura non può essere modificata se non nella sua stessa natura.

Pertanto, nel contemplare la statua di Iside, non dobbiamo perdere di vista il senso occulto delle sue allegorie; altrimenti, la Vergine rimane un enigma inspiegabile. Da un anello d’oro al braccio sinistro scende una linea, alla cui estremità è sospesa un contenitore pieno di carboni ardenti e incenso. Iside, o Natura personificata, porta con lei il sacro fuoco, religiosamente conservato e mantenuto acceso in un tempio speciale dalle vergini vestali. Questo fuoco è la vera fiamma immortale della Natura – eterea, essenziale, autorice della vita. L’olio incolmabile; il balsamo della vita, tanto lodato dai saggi e così spesso citato nelle Scritture, è spesso simboleggiato come il carburante di questa fiamma immortale.

Anche dal braccio destro della figura scende un filo, alla cui estremità è fissata una bilancia, per denotare l’esattezza della natura nei suoi pesi e misure. Iside è spesso rappresentata come il simbolo della giustizia, perché la natura è eternamente coerente.

Aroueris, o Thoth, uno dei cinque immortali, proteggeva l’infante Horus dall’ira di Tifone dopo l’omicidio di Osiride. Ha anche rivisto l’antico calendario egiziano aumentando l’anno da 360 giorni a
365. Thoth Hermes è stato chiamato “Testa di cane” a causa della sua fedeltà e integrità. È mostrato incoronato con un nimbus solare, portando in una mano la Crux Ansata, il simbolo della vita eterna, e nell’altra un bastone con un serpente simbolico della sua dignità di consigliere degli dei

Iside viene mostrata con suo figlio Horus tra le braccia. È incoronata con il globo lunare, ornato con le corna di arieti o tori. Orus, o Horus come è generalmente noto, era il figlio di Iside e Osiride. Lui era il
dio del tempo, delle ore, dei giorni e di questa stretta estensione della vita riconosciuta come esistenza mortale. Con ogni probabilità, i
quattro figli di Horus rappresentano i quattro regni della natura. Fu Horus che alla fine vendicò l’omicidio di suo padre, Osiride, uccidendo Tifone, lo spirito del Male.

La Vergine del Mondo a volte viene mostrata in piedi tra due grandi pilastri: Jachin e Boaz della massoneria – che simboleggiano il fatto che la natura raggiunge la produttività per mezzo di polarità. Come saggezza personificata, Iside si trova tra i pilastri degli opposti,
dimostrando che la comprensione si trova sempre nel punto di equilibrio e la verità è spesso crocifissa tra i due ladri dell’apparente contraddizione. La lucentezza dell’oro nei suoi capelli scuri indica che mentre è lunare, il suo potere deriva dai raggi del sole, da cui protegge la sua carnagione rossiccia. Come la luna è vestita nel
luce riflessa del sole, così Iside, come la vergine dell’Apocalisse, è rivestita della gloria della luminosità solare. Apuleio afferma che mentre dormiva vide la venerabile dea Iside che sorgeva dall’oceano. Gli antichi hanno capito che le forme primarie della vita nacquero dall’acqua, e la scienza moderna concorda in questa visione. Gli antichi credevano che lo sperma universale derivasse` dal vapore caldo, umido ma infuocato. L’Iside velata, il cui stesso rivestimento rappresenta il vapore, è il simbolo di questa umidità, che è il vettore
o veicolo dello sperma solare, rappresentato da un bambino in braccio. Perché il sole, la luna e le stelle in apparenza sembrano affondare nel mare e perché l’acqua accoglie i suoi raggi in se stessa, il mare era ritenuto il terreno fertile per o sperma solare. Questo sperma è generato dalla combinazione delle influenze dei corpi celesti; quindi Iside viene talvolta rappresentata come incinta. Frequentemente la statua di Iside era accompagnata dalla figura di un grande bue bianco e nero. Il bue rappresenta o Osiride come Toro, il toro dello zodiaco, o Apis, un animale sacro ad Osiride per i suoi peculiari segni e coloriture. Tra gli egiziani, il toro era una bestia da soma. Quindi la presenza dell’animale era un promemoria delle fatiche eseguite pazientemente dalla natura. Arpocrate, il Dio del Silenzio, tenendo il dita alla bocca, spesso accompagnava la statua di Iside. Mette in guardia tutti riguardo al fatto che i saggi devono mantenere il segreto nei confronti di chi non e` idoneo a conoscerli.
I Druidi di Britannia e Gallia avevano una profonda conoscenza dei misteri di Iside e la adorarona sotto il simbolo della luna. Godfrey Higgins lo considera un errore considerare Iside come sinonimo della luna. La luna fu scelta per Iside a causa del suo dominio sull’acqua. I Druidi consideravano il sole il padre e la luna la madre di tutte le cose. Mediante questi simboli adoravano la natura universale. La figura di Iside è talvolta usata per rappresentare le arti occulte e magiche, come ad esempio la negromanzia, l’invocazione, la stregoneria e la taumaturgia. In uno dei miti che la riguardano, si dice che Iside abbia evocato l’invincibile Dio dell’Eternità, Ra, per dirle il suo segreto e
nome sacro. Questo nome è equivalente alla parola perduta della Massoneria. Per mezzo di questa Parola, un mago può esigere l’obbedienza dall’invisibile e dalla divinità superiore. I sacerdoti di Iside divennero adepti nell’uso delle forze invisibili della Natura. Essi
capiribi ipnotismo, il mesmerismo e pratiche simili molto prima del mondo moderno
Plutarco descrive i requisiti di un seguace di Iside in questo modo: “Dato il fatto che non è la lunghezza della barba, o la grossolanità delle abitudini a renderci filosofi, neppure indossare una semplice veste di lino costituisce il requisito minimo per diventare un adepto di Iside; solo colui che è un vero servitore o seguace di questa Dea, che dopo aver ascoltato, e aver imparato in modo appropriato la storia di questa dea, cerca le verità nascoste ed esamina il tutto secondo i dettami della ragione e della filosofia. ”

Durante il Medioevo i trovatori dell’Europa centrale hanno conservato nel canto le leggende di questa dea egiziana. Hanno composto i sonetti per la donna più bella di tutto il mondo. Anche se pochi hanno mai scoperto la sua identità, lei era Sophia, la Vergine della Saggezza,
che tutti i filosofi del mondo hanno corteggiato. Iside rappresenta il mistero della maternità, che gli antichi hanno riconosciuto come la prova più evidente della saggezza onnisciente della natura e del potere oscuro di Dio. Per il cercatore moderno lei è l’epitome del Grande Sconosciuto, e solo coloro che la sveleranno saranno in grado di risolvere i misteri della vita, della morte della generazione e della rigenerazione.

 

La Open Society Foundation di George Soros chiude anche in Turchia

L’Open Society Foundations di George Soros chiuderà i battenti in Turchia, sostenedo che “affermazioni infondate e speculazioni” hanno ostacolato il suo lavoro.


L’organizzazione ha annunciato la notizia lunedì, giorni dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato Soros di alimentare proteste per dividere il paese, riferendosi all’anziano liberale finanziere come a quel “famoso ebreo ungherese Soros”.

Erdogan ha accusato Soros di aver controllato il personaggio dell’opposizione turca Osman Kavala, accusato di finanziare e organizzare manifestazioni antigovernative nel 2013, ed essere collegato a un fallito tentativo di colpo di stato nel 2016. Kavala è un membro del comitato consultivo dell’OSF.

Più di una dozzina di persone legate a Kavala sono state arrestate la scorsa settimana, mentre il giro di vite di Erdogan su chiunque sia sospettato di coinvolgimento con il colpo di stato continua.

In una dichiarazione rilasciata lunedì, un portavoce delle Open Society Foundations ha confutato le affermazioni di Erdogan. L’organizzazione ha descritto gli apparenti tentativi di Erdogan di collegare Soros alle proteste nel 2013 come “non nuovi e falsi”, e ha affermato che le “dichiarazioni e speculazioni infondate” di Erdogan “hanno reso impossibile” continuare le attività.

Sostenitore di spicco delle cause liberali in tutto il mondo, le attività di Soros lo hanno visto attirare ripetutamente l’ira dei nazionalisti e della destra. L’OSF ha terminato le sue operazioni in Ungheria terra natale di Soros all’inizio di quest’anno, dopo che il primo ministro Viktor Orban ha silurato il magnate per essersi immischiato negli affari della nazione.

Dopo che l’OSF dovette chiudere in Ungheria, il parlamento nazionale ha approvato la legge “Stop Soros”, un atto legislativo introdotto dal partito Fidesz di Orban che ha criminalizzato gli operatori umanitari e le organizzazioni sospettate di “consentire l’immigrazione illegale”. Liberalizzare l’immigrazione e i controlli alle frontiere è stato a lungo uno degli obiettivi di Soros, da cui il nome della legge.

Il progetto Open Society Foundations è stato avviato nel 1979, con la prima fondazione non statunitense inaugurata in Ungheria nel 1984. Il gruppo ha attualmente una spesa annuale di oltre $ 940 milioni, opera in oltre 100 paesi in tutto il mondo, con 26 fondazioni nazionali e regionali e uffici.

Fonte

Gli scienziati scoprono che tutti gli esseri umani discendono da una coppia di antenati comuni

Gli scienziati hanno scoperto che gli umani provengono tutti da una singola coppia di individui/ Adamo ed Eva potrebbero essere veramente esistiti.

Il mito secondo cui Adamo ed Eva furono il primo uomo e la prima donna sulla Terra si potrebbe dimostrare vero – poiché tutti gli umani sono discendenti di una singola coppia, dicono gli scienziati.

Gli scienziati hanno detto che siamo nati da una coppia di adulti solitari – che vivevano da 100.000 a 200.000 anni fa – dopo che un evento catastrofico ha quasi spazzato via l’intera razza umana.

Le scoperte sono state fatte da scienziati che hanno esaminato i “codici a barre” genetici di cinque milioni di animali – tra cui umani – di 100.000 specie diverse.

E non sono solo gli umani provengono da un singolo paio di esseri viventi: questi codici a barre, o frammenti di DNA che risiedono al di fuori dei nuclei delle cellule viventi, suggeriscono che anche 9 specie animali su 10 seguono lo stesso pattern.

Secondo la Bibbia, Adamo ed Eva furono scelti per essere i primi a vivere sulla Terra e furono i primi genitori.

La ricerca è stata condotta dal ricercatore associato senior Mark Stoeckle e dal ricercatore associato David Thaler dell’Università di Basilea, in Svizzera, riporta il Mail Online.

Hanno concluso che il 90% di tutte le specie animali che vive oggi proviene da genitori vissuti nello stesso periodo, meno di 250 mila anni fa – mettendo in dubbio i modelli dell’evoluzione umana.

“Questa conclusione è molto sorprendente”, ha ammesso Thaler, “e ho combattuto contro di essa più duramente che potevo.”

Il dott. Stoeckle ha detto: “In un’epoca in cui gli umani pongono tanta enfasi sulle differenze individuali e di gruppo, forse dovremmo dedicare più tempo ai modi in cui ci assomigliamo l’un l’altro e al resto del regno animale”.

Gli scienziati hanno estratto le informazioni utilizzando i “big data” dai database genetici che sono in rapida crescita in tutto il mondo e hanno esaminato un’ampia letteratura sulla teoria evolutiva, incluso Darwin.

Le conclusioni gettano un considerevole mistero sul perché vi fu il bisogno di ricominciare la vita umana in tempi relativamente brevi.

L’ultima estinzione conosciuta fu durante il periodo dei dinosauri 65 milioni di anni fa – aprendo la possibilità ad un processo evolutivo umano integrato.

Gli umani sono sorprendentemente simili non solo a tutti gli altri esseri umani, ma ad ogni altra specie.

“Se un marziano atterrasse sulla Terra e incontrasse uno stormo di piccioni e una folla di umani, non apparrebbero sostanzialmente differenti se osservasse il DNA mitocondriale”, ha detto Jesse Ausubel, direttore del programma per l’ambiente umano alla Rockefeller University.

“La cultura, l’esperienza di vita e altre cose possono rendere le persone molto diverse ma in termini di biologia di base, siamo come gli uccelli”, ha aggiunto Stoeckle.

Il “DNA mitocondriale” esaminato nella ricerca è quello che le madri trasmettono di generazione in generazione e ha mostrato l ‘”assenza di eccezionalità umana”.

“Si potrebbe pensare che, a causa del loro alto numero e ad una vasta distribuzione geografica, gli esseri umani potrebbero aver portato a una maggiore diversità genetica rispetto ad altre specie animali”, ha aggiunto Stoeckle.

“Almeno per il DNA mitocondriale, gli umani risultano essere mediocri nella diversità genetica”.

Quello che le scoperte di Stoeckle e Thaler fanno notare è che la nostra specie deve rinnovarsi molto più spesso di quanto pensassimo, e lo facciamo all’unisono con tutti gli animali

Fonte

La scienza ammette sostanzialmente che l’evoluzione e` una bufala…pero` come al solito non si fa menzione di design intelligente. Le ricerche sono state svolte alla universita` Rockefeller, cio` puo` sembrare strano, tuttavia lo studio punta piu` volte l’accento sul fatto che “non siamo speciali” e “siamo molto piu` simili agli animali di quanto pensiamo” spingendo l’idea che uomini e animali sono probabilmente la stessa cosa.

No signori e signore, l’evoluzione e` frutto del design intelligente divino e gli esseri umani sono gli esseri piu` speciali della creazione.

Per maggiori informazioni sulla bufala dell’evoluzione leggi la mia serie di articoli qui

Negli ultimi due anni le temperature si sono abbassate

I dati della NASA mostrano che le temperature globali sono diminuite drasticamente negli ultimi due anni. Questo renderebbe la NASA una negazionista del riscaldamento globale

Scrivendo su Real Clear Markets, Aaron Brown guarda ai dati ufficiali sul clima della NASA e nota qualcosa di sorprendente. Da febbraio 2016 a febbraio 2018, “le temperature medie globali sono scese di 0,56 gradi Celsius”. Questo, osserva, è il più grande calo di temperatura dal secolo scorso.

“Il Grande Raffreddamento 2016-2018”, scrive, “e` composto da due Piccoli Raffreddamenti, il più grande calo in cinque mesi di sempre (da febbraio a giugno 2016) e il quarto più grande (da febbraio a giugno 2017). Un evento simile da febbraio a giugno 2018 porterebbe le temperature medie globali inferiori alla media degli anni ’80. ”

Non sono forse queste le strambe informazioni da cui i media mainstream dicono di tenersi alla larga?

Purtroppo non ho sentito alcun telegiornale o giornale parlarne…

Infatti, nelle tre settimane trascorse da quando Real Clear Markets ha pubblicato la storia di Brown, nessun’altra news outlet la ha presa in considerazione. Hanno, tuttavia, trovato il tempo di parlare di come l’impatto del turismo influenzi i cambiamenti climatici, su come il riscaldamento globale genererà più uragani quest’anno e minaccera` gli habitat ittici, rendendo le isole inabitabili. Hanno scritto di un funzionario delle Nazioni Unite dicendo che “la nostra finestra di tempo per affrontare i cambiamenti climatici si sta chiudendo molto rapidamente”.

I giornalisti hanno persino trovato il tempo per coprire un gruppo che dice di voler incidere il volto del Presidente Trump su un ghiacciaio per dimostrare che il cambiamento climatico sta “avvenendo”.

In altre parole, le notizie mainstream hanno parlato di storie ripetute dai sostenitori dei cambiamenti climatici ad nauseam per decenni.

Inoltre, i giornalisti sono perfettamente disposti a saltare su qualsiasi anomalia meteorologica individuale – o addirittura sull’immagine di un orso polare affamato – come prova del riscaldamento globale.

Abbiamo notato questo rifiuto di coprire scomode scoperte scientifiche molte volte nel corso degli anni.

NASCONDERE LA PROVA

C’è stato lo studio pubblicato nel Journal of Climate dell’American Meteorological Society che mostra come i modelli climatici esagerino il riscaldamento globale delle emissioni di CO2 del 45%. È stato ignorato.

Poi c’è stato lo studio sulla rivista Nature Geoscience che ha scoperto che i modelli climatici erano difettosi e che, come ha affermato uno degli autori, “Non abbiamo visto quella rapida accelerazione nel riscaldamento dopo il 2000 che vediamo nei modelli”.

Né la stampa ha ritenuto opportuno riferire sui risultati dell’Università dell’Alabama-Huntsville i quali mostrano che l’atmosfera della Terra sembra essere meno sensibile al cambiamento dei livelli di CO2 rispetto a quanto precedentemente ipotizzato.

Che ne pensi del fatto che gli Stati Uniti abbiano tagliato le emissioni di CO2 negli ultimi 13 anni più velocemente di qualsiasi altra nazione industrializzata? O che le popolazioni di orsi polari stanno aumentando? O che non abbiamo visto alcun aumento di fenomeni atmosferici violenti nel corso degli ultimi anni?

I giornalisti temono senza dubbio che la copertura di tali scoperte incoraggerà solo i “negazionisti” e minerà il sostegno per un’azione immediata e drastica.

Ma se i timori di catastrofici cambiamenti climatici sono giustificati – cosa di cui dubitiamo seriamente – ignorare cose come il raffreddamento rapido negli ultimi due anni comporta un rischio ancora maggiore.

Supponiamo, scrive Brown, che la tendenza al raffreddamento di due anni continui. “Ad un certo punto le notizie riporteranno che tutto il riscaldamento globale dal 1980 è stato spazzato via in due anni e mezzo, e che “gli eventi da record” non sono stati avvenuti”.

Continua: “Alcune persone potrebbero passare all’accettazione acritica di temperature in costante aumento fino al rifiuto acritico di accettare qualsiasi riscaldamento”.

Brown ha ragione. Gli organi di informazione dovrebbero decidere cosa viene trattato in base al valore intrinseco della notizia, non sui fatti che spingono un determinato ordine del giorno. Altrimenti, stanno rendendo al pubblico un disservizio mettendo a rischio la loro già traballante credibilita`.

Fonte

Soros vs Facebook

Soros ha attaccato Facebook dopo che il gigante dei social media ha ammesso di aver utilizzato una società repubblicana per ritrarre i critici liberali come militanti dell’attivista miliardario ungherese-americano, un’affermazione rivelata per la prima volta in un articolo del New York Times del 14 novembre.

In risposta all’ammissione pre giorno del ringranziamento di facebook, il capo della fondazione di Soros, Patrick Gaspard, ha twittato: “Così @facebook decide di sganciare questa notizia alla vigilia del Ringraziamento, con l’ammissione che Definers è stata incaricata dalla dirigenza dell’azienda per colpire e imbrogliare George Soros perché ha criticato pubblicamente il loro modello di business fuori controllo, mi dispiace, ma questo ha bisogno di una supervisione indipendente e congressuale ”

Mercoledì sera, Elliot Schrage, capo uscente di Facebook, ha rilasciato la seguente ammissione:

Gli abbiamo chiesto di lavorare su George Soros?

Sì. Nel gennaio 2018, l’investitore e filantropo George Soros ha attaccato Facebook in un discorso a Davos, definendoci una “minaccia per la società”. Non avevamo mai sentito una tale critica da parte sua e volevamo determinare se avesse qualche motivazione finanziaria. I Definers hanno svolto delle ricerche utilizzando informazioni pubbliche.

Successivamente, quando la campagna “Freedom from Facebook” è emersa come una sorta di coalizione, il team ha chiesto a Definers di aiutare a capire i gruppi che maipolavano i fili. Hanno scoperto che George Soros stava finanziando diversi membri della coalizione. Prepararono i documenti e li distribuirono alla stampa per dimostrare che non si trattava proprio di un movimento spontaneo. -Elliot Schrage

Il COO Sheryl Sandberg ha aggiunto che, mentre e` stata effettivamente una decisione collettiva di Facebook di fare delle investigazioni su Soros, “non è mai stata intenzione di nessuno giocare in una narrativa antisemita contro il signor Soros o chiunque altro”.

Voglio anche sottolineare che non è mai stata intenzione di nessuno giocare in una narrativa antisemita contro il signor Soros o chiunque altro. Essere ebreo è una parte fondamentale di ciò che io sono e la nostra azienda si oppone fermamente all’odio. L’idea che il nostro lavoro sia stato interpretato come antisemita è aberrante per me – e profondamente personale.

Sia Sandberg che l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg hanno negato qualsiasi conoscenza sull’assunzione di Definers da parte dell’azienda, nonostante la dichiarazione ufficiale della società che descrive la loro relazione come “ben nota nei media”.

Gaspard ha risposto a questo sulla CNN martedì notte, affermando “Trovo difficile credere che si vada a caccia di qualcuno come George Soros … senza qualche autorizzazione ai massimi livelli”.

Il giorno dopo la pubblicazione della storia sul NYT, Gaspard e Soros, consigliere di Michael Vachon, hanno lanciato dure risposte; con Vachon che scrive: “E ‘ allarmante che Facebook si cimenti in queste tattiche sgradevoli, apparentemente in risposta alle critiche pubbliche di George a Davos all’inizio di quest’anno, riguardo la gestione dei discorsi d’odio e della propaganda della società sulla sua piattaforma”.

La storia del Times solleva la questione se Facebook abbia usato metodi simili per andare dietro ad altri critici o funzionari pubblici che hanno cercato di incolpare Facebook. L’affermazione di Zuckerberg e Sandberg di non essere a conoscenza di ciò che stava facendo la compagnia è più allarmante che rassicurante. Cos’altro può fare Facebook?

L’azienda dovrebbe assumere un esperto esterno per svolgere un’indagine approfondita sulle attività di lobbying e pubbliche relazioni e rendere pubblici i risultati.

Questo episodio dimostra ulteriormente che Facebook continua a perseguire i propri interessi aziendali ristretti a spese dell’interesse pubblico. -Michael Vachon

Allo stesso modo, Gaspard ha risposto: “Sono rimasto scioccato dall’apprendere dal New York Times che tu e i tuoi colleghi di Facebook avete assunto una società di ricerca repubblicana per suscitare clamore nei confronti di George Soros”, aggiungendo: “Come sapete, si tratta di uno sforzo concertato della destra in tutto il mondo il fatto di demonizzare il signor Soros e le sue fondazioni, che ha portato – a minacce di morte e alla consegna di una bomba alla casa del signor Soros. consapevole che gran parte di questa informazione odiosa e palesemente falsa e antisemita è diffusa attraverso Facebook “.

Facebook ha speso gran parte del 2018 scusandosi per il massiccio scandalo di raccolta dati di Cambridge Analytica, ed è stato messo sotto accusa dai legislatori per aver permesso alla disinformazione russa di prosperare sulla piattaforma che circondava le elezioni americane del 2016.

Di recente, quando gli è stato chiesto se sarebbe mai venuto meno come presidente di Facebook, Zuckerberg ha dichiarato: “Non penso che quella proposta specifica sia la strada giusta da percorrere”.

Fonte

In una scuola inglese i bambini autistici vengono spinti a diventare transessuali

Questa storia incredibile, frutto delle investigazioni del DailyMail porta alla luce uno scenario da incubo. Com’è mai bambini autistici con disturbi medi e severi costituiscono un terzo dei pazienti in una clinica per il cambio dell’identita` di genere? Il farmaco utilizzato per il blocco della puberta – è il LUPRON ovvero quel farmaco, altamente controverso, che ferma la pubertà precoce e che fu presentato come trattamento per l’autismo per bambini con alti livelli di mercurio quasi due decenni fa? Anche se le persone non lo hanno ancora capito l’agenda transgender sta venendo applicata su scala totale. Forse i bambini nati in un mondo pieno di solfiti e glifosato con latte e carne carichi di ormoni e un sistema immunitario indebolito da numerose vaccinazioni stanno davvero cambiando il genere delle future generazioni.

C’e` uno sforzo lento e calcolato di smussare mentalmente e fisicamente le nostre idee di genere. Al fine di ottenere un popolo piu` controllabile mascolinita` e femminilita` stanno perdendo valore sia nelle parole che nei fatti. L’uomo del futuro non sara` ne` maschio ne` femmina…

17 allievi in una singola scuola britannica stanno cambiando genere, rivela il dailymail.

Secondo una insegnante la maggior parte dei giovani che stanno subendo la trasformazione sono autistici, aggiungendo che questi bambini vulnerabili con problemi di salute mentale venivano “ingannati” facendo loro credere che fossero del sesso sbagliato.

L’informatrice ha detto che solo alcuni dei bambini transgender soffrono di disforia di genere – il termine medico per qualcuno che sente di essere nato nel corpo sbagliato – tuttavia i giovani sono semplicemente facilmente influenzati, attaccandosi all’erronea convinzione di essere del sesso sbagliato come modo di far fronte ai problemi causati dall’autismo.

Questa non è l’unica indicazione che le cose non fossero del tutto cristalline:

Un terzo dei giovani che faceva riferimento all’unica clinica per il cambio dell’identità di genere del NHS per bambini mostrava “tratti autistici da moderati a severi”.

Significa che a 150 adolescenti autistici sono stati somministrati farmaci per il blocco della pubertà che impediscono al corpo di maturare.

Come e` possibile si chiedono tutti?

Per quanto riguarda la domanda più ampia: molte, ma certamente non tutte, le associazioni mediche pediatriche supportano il blocco della pubertà nei bambini con disforia di genere per prevenire lo sviluppo di caratteristiche sessuali secondarie. È difficile discutere o mettere seriamente in discussione questo approccio quando gli oppositori sono puniti con i soliti epiteti e denigrazioni ad hominem che inibiscono ogni discussione pubblica su questioni culturali controverse al giorno d’oggi.

Tuttavia, non riesco a capire perché bloccare la pubertà non sia considerata una sperimentazione medica non etica. Che test è stato fatto per quanto riguarda l’efficacia, la sicurezza e la necessità (Riflettete su questa frase) Che dire dei bambini che cessano di essere disfori di genere dopo la loro maturità, come talvolta accade? I loro bisogni sono presi in considerazione? Tutto questo viene implementato così rapidamente, come possiamo sapere se ci saranno effetti dannosi a lungo termine sulla salute e sull’emotività dei bambini la cui naturale pubertà viene inibita artificialmente?

Fonte

Il candidato democratico per le elezioni americane del 2020 che vuole un sistema di credito sociale finanziato dallo Stato e simile a quello cinese

L’imprenditore newyorkese e il candidato democratico 2020 Andrew Yang vuole implementare un sistema in cui un’applicazione mobile gestita dal governo ricompensa gli americani con “crediti sociali digitali” (DSC) quando si comportano bene.

Gli americani riceverebbero DSC sotto il sistema di Yang per cose come “partecipare a una fiera cittadina”, “riparare l’apparecchio di un vicino” o “tutorare uno studente”, spiega il sito web della campagna presidenziale.

“Man mano che le persone accumulano DSC, avranno sia un saldo permanente che hanno guadagnato nel corso della loro vita sia un saldo attuale. Potrebbero incassare punti per esperienze, acquisti con i venditori partecipanti, supporto per cause e trasferire punti ad altri per occasioni speciali “, afferma Yang sul suo sito web. “Man mano che il loro saldo permanente aumenta, potrebbero qualificarsi per vari benefici come partecipare ad una gara locale, fare da pubblico con il loro rappresentante locale o incontrare l’atleta o la celebrità più civica del loro stato”.

“Il più socialmente distaccato ignorera` tutto questo”, ha aggiunto. “Ma molte persone amano le ricompense e sentirsi apprezzati.”

Il piano di credito sociale di Yang presenta alcune analogie con il sistema di credito sociale implementato dal governo autoritario cinese.

Ad ogni cittadino in Cina viene assegnato un punteggio di credito sociale che determina se è possibile acquistare biglietti aerei o ferroviari.

A differenza del sistema cinese, il piano di Yang non include l’utilizzo del credito sociale digitale per le misure punitive.

Il presidente della campagna Matt Shinners ha sottolineato in una e-mail alla The Daily Caller News Foundation che il sistema di Yang manca dell’elemento coercitivo presente nel sistema di credito sociale cinese:

La mia comprensione del sistema cinese (che è certamente limitato) è che si tratta più di un rating imposto esternamente sulla base di una serie di fattori non opt-in, quasi come un rating del credito, e raccoglie informazioni dalla sorveglianza pubblica, economiche e le attività sui social media, ecc. per creare un “punteggio” che, eventualmente, potrebbe essere usato per “mandare sul lastrico” le persone. Secondo la mia comprensione, il sistema cinese è più un punteggio che un sistema di crediti.

La piattaforma di Andrew richiede un sistema molto più simile al time banking o ai punti che le persone guadagnano con le loro carte di credito. Non esiste un monitoraggio generale delle singole attività e non ci sono controlli dei siti di social media per vedere cosa fanno le persone. Invece, attività come il volontariato o l’aiuto ai tuoi vicini possono farti guadagnare crediti che possono essere scambiati con altri per ricevere un aiuto simile. Per esempio, trascorrere 4 ore / settimana ad allenare una squadra di hockey nella mia comunità, e uso i crediti che guadagno per avere un elettricista locale (che potrebbe avere un bambino nella squadra) per aiutarmi ad installare un apriporta per garage. Ci sarebbe anche il sostegno del governo federale per la conversione in valuta (che sarebbe tassata), o scambiata per attività “divertenti” .

Fonte