Archivio mensile:febbraio 2016

Caso Scalia: Quando mori` era insieme a membri di una societa` segreta

Il giudice Scalia è morto ad una riunione dell’Ordine Internazionale di St. Hubertus, una società segreta d’elite che risale al 1600.

leadscalia-702x336

Il Giudice della Corte Suprema Antonin Scalia, conosciuto soprattutto per le sue posizioni ultra-conservatrici su una varietà di questioni, è stato trovato morto il 12 febbraio in un ranch di lusso in Texas. Il contesto e le circostanze della sua morte sono piuttosto strane.

In primo luogo, Scalia era stato membro della società segreta dell’Ordine Internazionale di St. Hubertus – un esclusiva fratellanza elitaria per cacciatori risalente al 1600. Mentre la missione ufficiale del gruppo riguarda l’amore per la natura, gli animali e quant’altro – scavando la superficie possiamo cogliere la vera realta` dei fatti. L’Ordine di San Hubertus non è una società di “cacciatori ricchi” – si tratta di una società segreta d’elite che si riunisce sotto il pretesto della caccia. I membri della società detengono titoli simili a quelli trovati nella Massoneria, come Gran Maestro e Cavaliere Gran Ufficiale.

Dopo la morte di Scalia, il 13 febbraio, i nomi degli altri 35 ospiti del resort, insieme alle informazioni dettagliate sul collegamento di Scalia nei confronti degli altri cacciatori, sono rimaste in gran parte sconosciute. Una revisione dei registri pubblici dimostra che alcuni degli uomini che erano con Scalia al ranch sono collegati attraverso l’Ordine Internazionale di St. Hubertus. Si e` anche scoperto che i membri di tale fratellanza si riunirono almeno una volta, per un weekend celebrativo, prima della sua scomparsa.

Membri della societa` per soli uomini, indossarono vesti verde scuro decorati con una grande croce e il loro motto e` “Deum diligite Animalia diligentes”, che significa “Onorare Dio onorando le sue creature”, secondo il sito web del gruppo. Il nome dell’Ordine è in onore di Hubert, il patrono dei cacciatori e dei pescatori.

Dopo la morte di Scalia, Poindexter ha detto ai giornalisti che incontro` Scalia in una riunione del “gruppo sportivo” a Washington.In America l’Ordine Internazionale di St. Hubertus possiede una suite a M Street NW e la utilizza come sede, anche se l’indirizzo è solo una cassetta postale in un negozio della United Parcel Service.

L’Ordine Internazionale di St. Hubertus, secondo il suo sito web, è un “vero ordine cavalleresco nella tradizione storica.” Nel 1695, il conte Franz Anton von Sporck fondò la società in Boemia, che si trova nella moderna Repubblica Ceca.

Il Gran Maestro del gruppo è “Sua Altezza Imperiale Istvan von Habsburg-Lothringen, Arciduca d’Austria”, secondo il sito web dell’Ordine.

– The Washington Post, “Justice Scalia spent his last hours with members of this secretive society of elite hunters”

Ecco alcune immagini da un incontro dell’Ordine Internazionale di St. Hubertus al Windsor Court Hotel a New Orleans.

2016-02-26-15_11_09-Photos

Gesù Cristo tra le corna a rappresentare la visione St Hubertus ‘.

2016-02-26-15_04_00-International-Order-of-St.-Hubertus-at-the-Windsor-Court-Hotel-New-Orleans-_-Ne

Crani cornuti con iscrizioni criptiche.

2016-02-26-14_59_55-International-Order-of-St.-Hubertus-at-the-Windsor-Court-Hotel-New-Orleans-_-Ne

Un altro cranio, è ornato da due aquile a due teste – un simbolo importante nella Massoneria.

illuminati-symbol-double-headed-eagle-33-freemasonry-e1456518172783

Questo emblema massonico di un aquila bicipite sormontata da una corona rappresenta il grado 33 ° – il più alto grado realizzabile nella Massoneria regolare.

L’Ordine è quindi un classico esempio di una società segreta occulta del 17 ° secolo che si e` avvolta in immagini cristiane per evitare la persecuzione e restare segreta.

La prova definitiva della connessione dell’Ordine con l’elite occulta è il fatto che la sua filiale americana è stata fondata alla Bohemian Grove a San Francisco.

Il capitolo americano della società e` stato lanciato nel 1966 al famoso Bohemian Club di San Francisco, che è associato al Bohemian Grove – una delle società segrete più note nel paese.
– Ibid.

Come sapete, il Bohemian Grove è il luogo di ritrovo più importante dei membri dell’élite che partecipano nel buio ad un dramma rituale occulto. Questo club privato di uomini influenti si incontra annualmente a nord di San Francisco e usa questo rituale simbolico per dare il via al suo ritiro estivo. La cerimonia prevede la cremazione di una effigie simile ad una piccola mummia ai piedi della mascotte del gruppo: un gufo di cemento di 40 piedi di altezza.

cremation_of_care

La “Cremation of Care” al Bohemian Grove. La cerimonia si svolge in un lago dove una piccola barca trasporta l’effigie di Cura (“Dull Care”). Individui incappucciati ricevono l’effigie dal traghettatore che viene poi posta su un altare e, al termine della cerimonia, bruciata.

bohemiangrove02_03-e1456519011495

Per eliminare ogni preoccupazione mondana, un membro dell’elite Bohemian Club partecipo` cerimonia di cremazione nel 1915

Quindi e` questo il posto dove e` stato lanciato l’Ordine di St. Hubertus negli Stati Uniti. Non credo serva dire altro per proclamare la sua connessione con l’elite occulta.

LA SEGRETEZZA ATTORNO ALLA MORTE DI SCALIA

Coloro che hanno tentato di indagare sulle circostanze della morte di una delle figure più importanti del Paese si sono trovate di fronte ad un sacco di segretezza, smentite e “non so”. Per esempio, la sua morte è stata prontamente pronunciata come naturale – senza un adeguato esame del corpo.

Scalia è morto nel sonno nella notte del 12 febbraio o la mattina del 13 febbraio 2016, a seguito di un pomeriggio di caccia alle quaglie e pranzo presso il Cibolo Creek Ranch in Shafter, Texas, come ospite di John B. Poindexter, il proprietario del ranch .
Dopo che Poindexter scopri` il corpo, chiamo` il dipartimento dello sceriffo della contea per chiedere il numero dell’ U.S. Marshal’s Service per segnalare una morte. Dominguez incarico` il suo ufficio di chiamare la giudice locale di pace, Juanita Bishop ma era fuori città. Il Giudice della contea Cinderela Guevara dichiaro` Scalia morto per cause naturali. Non vide il corpo, che in base al diritto del Texas non è necessario, né ordino` l’autopsia. Bishop, così come David Beebe, un altro giudice di pace, furono poi in disaccordo con la decisione di non ordinare l’autopsia per Scalia. Guevara, che parlo` telefonicamente con il medico di Scalia, dichiaro`  morto Scalia, per cause naturali, dopo aver parlato con lo sceriffo della contea, Dominguez, il quale le disse che “non c’erano segni di lite” e che Scalia “aveva problemi di salute”; il medico di Scalia, il contrammiraglio Brian P. Monahan, le disse che Scalia aveva una storia di problemi cardiaci, tra cui pressione arteriosa alta, ed è stato recentemente ritenuto troppo debole per sottoporsi ad un intervento chirurgico al cuore. Secondo il direttore della Sunset Funeral Home, Chris Lujan, anche la famiglia di Scalia rifiuto` l’autopsia dopo che il suo corpo venne trasferito nella camera ardente ad El Paso, prima del suo ritorno a Fairfax, in Virginia.
– The Big Story, “Texas judge disclosed details about Scalia’s health”

Anche le forze dell’ordine e l’FBI rimangono estremamente riservati riguardo i fatti che circondano l’Ordine e la morte di Scalia.
Le forze dell’ordine hanno detto al Post che non erano a conoscenza dell’Ordine Internazionale di St. Hubertus e della sua connessione con Poindexter e gli ospiti del ranch. I funzionari hanno detto che l’FBI rifiuto` di indagare sulla morte di Scalia, quando i commissari gli dissero che era morto per cause naturali- Washington Post, op. Cit.

In breve, uno dei nove giudici della più alta corte federale degli Stati Uniti e` morto durante il raduno di una società segreta occulta. La morte, e` stata prontamente dichiarata naturale. Nessuna autopsia è stata eseguita sul corpo e nessuna indagine ha avuto luogo. Scalia potrebbe quindi essere stato avvelenato (per qualsiasi motivo) e nessuno lo scoprirebbe mai. Non importa quale sia il caso, questa storia esemplifica il motivo per cui l’elite occulta si identifica con il gufo del Bohemian Grove: Lavora al buio, lontano dagli occhi indiscreti del resto del mondo.

Fonte

Annunci

Torture: Un inquietante video sul controllo mentale a cui sono stati sottoposti i Jacksons

Il video di “Torture” (1984) è un incubo terribile, al cui interno si possono trovare una miriade di simboli e riferimenti al controllo mentale. Che il video riveli la vita segreta dei Jacksons, in particolare quella del membro piu` famoso della famiglia, Michael?

leadtorture4-702x336

La storia dei Jacksons riflette tutto ciò che vi è di sbagliato nell’industria musicale: giovani talenti vengono trattati in maniera disumana dai propri handler, per poi essere messi sotto la luce dei riflettori, al fine di farli poi crollare in maniera spettacolare. Quando Michael Jackson è diventato la più grande star del mondo, tutto e` accaduto in fretta prendendo una piega a dir poco strana. In primo luogo, l’aspetto e il colore della pelle di Michael cambiarono drasticamente a causa della massiccia chirurgia ricostruttiva sperimentale e lo sbiancamento della pelle indotto chimicamente. Gli scandali sull’artista culminarono con le accuse di molestie su minori – emerse nei media, che definiranno il resto della carriera di Michael. Dopo aver trascorso gli ultimi anni della sua vita parlando contro i mali del settore, il “Re del Pop” è morto in un quello che possiamo oggi definire un omicidio.

Anche se sono convinto che gli esperimenti su questo artista non ebbero mai fine, Michael mostro` anche i sintomi di un “trattamento” tipico del settore: il controllo mentale basato sul trauma. Il processo e` iniziato probabilmente in giovanissima età, in quanto sappiamo dai gravi traumi subiti da Michael, per mano del padre.

Quando la custodia di Jackson passo` dal padre al settore musicale, le cose peggiorarono. E se c’è qualcosa che si può imparare dagli articoli su Neovitruvian è che l’elite occulta gode nel rivelare in maniera contorta simbolica e ingannevole il loro controllo sugli artisti, sull’industria e sul mondo. Ecco dunque “Torture”

TORTURE

“Torture” fu rilasciato due anni dopo Thriller di Michael Jackson, l’album che lo rese una superstar internazionale. Mentre il resto dei Jacksons sembrava aggrapparsi al talento di Michael per condividere parte della sua fama e fortuna, “torture” descrive il disgustoso sistema di controllo mentale nascosto dietro il glamour e lo sfarzo del settore.

“Torture” e` quasi letteralmente una tortura. La combinazione di effetti visivi scadenti con immagini fastidiose e inquietanti, da vita ad un video noioso e difficile da guardare. E ‘ come se si potesse percepire che le riprese del video furono una tortura per le persone coinvolte nella sua realizzazione – tra cui il regista Jeff Stein:

Stein ricorda le riprese come “un’esperienza terribile che ben si accosta al titolo della canzone”, e che il sentimento era condiviso da altri soggetti coinvolti nella produzione. Il budget e i tempi di realizzazione vennero sforati. Alla fine i Jackson non si presentarono piu` alle riprese. Stein afferma che fu così stressante che uno dei suoi colleghi perse il controllo delle funzioni corporee. “Il motto che usavamo era vittoria o morte” dice. “Penso che questa fu l’unica volta in cui pregammo che la morte arrivasse presto.”
– Craig Marks “I Want My MTV: The Uncensored Story of the Music Video Revolution”

Inoltre, come se avessero la sensazione che ci fosse qualcosa di intrinsecamente sbagliato in questo progetto, Jermaine Jackson rifiuto` di comparire nel video e Michael, citando altri impegni, non partecipo`. Il risultato di tutto questo: Per il video fu utilizzato un manichino in cera di Michael Jackson.

torture1

In questo scatto hanno usato un manichino per sostituire Michael Jackson in questo scatto. SÌ. Hanno anche spostato una delle sue braccia in alto. Questa foto deve essere nella top 5 dei momenti più tristi nella storia della musica.

Mentre la canzone dovrebbe parlare di come i sentimenti, prima della fine di una relazione, diventino una “tortura”, il video descrive pratiche riguardanti l’MKULTRA.

torture18

Il video inizia con uno dei Jackson in piedi di fronte a una linea che lo porta in un posto strano. Tale immaginario non e` dissimile alla strada di mattoni gialli nel Mago di Oz, ritenuti un “percorso di programmazione” dai gestori della programmazione Monarch.

torture12

Negli occhiali vediamo quelle che sembrano essere delle esplosioni, a significare metaforicamente lo stato della sua psiche.

Il testo della prima strofa descrive la condizione di uno schiavo del controllo mentale.

It was on a street so evil
So bad that even hell disowned it
Every single step was trouble
For the fool who stumbled on it
Eyes within the dark were watchin’
I felt the sudden chill of danger
Something told me keep on walkin’
Told me I should not have gone there

Intrappolati in uno strano e claustrofobico mondo, a rappresentare la dissociazione degli schiavi del controllo mentale, i fratelli sono sottoposti a tutti i tipi di trauma.

torture4

Che diavolo è sta roba? Questi tipi di immagini sono utilizzate per traumatizzare e confondere gli schiavi Mk.

Proprio come altri film degli anni 80 ispirati dall’MKULTRA (Il ritorno ad Oz e Labyrinth ad esempio), il video mostra come uno schiavo dissociato percepisca la realtà in uno stato traumatico.

L’inizio della programmazione è rappresentato dall’entrata dello schiavo in un tempio occulto.

torture5

Lo schiavo sta davanti all’ingresso di un tempio occulto, completo di due pilastri e un occhio che tutto vede.

masonic1-e1455829877670

L’iniziazione alla Massoneria è rappresentata dal passaggio attraverso due pilastri con l’occhio che tutto vede che li sovrasta.

I Jacksons, tuttavia, non vengono iniziati ad una confraternita. Sono piuttosto introdotti forzatamente ad un mondo malvagio sotto l’occhio che tutto vede di un handler sadico.

All’interno del tempio, vengono invitati a proseguire da un inquietante mago, che rappresenta il gestore.

torture20

Il volto del gestore è brutalmente sfigurato, forse per implicare che gli stessi handler sono stati schiavi.

Lo schiavo cade poi in un pozzo e scopre chi governa veramente il suo mondo.

torture6

Osservato letteralmente da un “occhio nel cielo”, lo schiavo MK è costantemente monitorato dal suo gestore.

torture7

Nulla dice schiavo del controllo mentale come una celebrità impotente bloccata su un muro composto da bulbi oculari.

torture8

A quanto pare toccare un bulbo oculare e` contagioso…un occhio cresce nel palmo della mano destra di Jackson. Trauma.

torture22

Anche se ci sono occhi dappertutto, i fratelli sono ciechi a ciò che sta realmente accadendo loro. In questa scena veloce, ma molto preoccupante, i fratelli si tolgono gli occhi per rivelare che non hanno gli occhi!

All’interno di questo mondo di occhi che tutto vedono, i fratelli si trovano sottoposti a una vasta gamma di situazioni traumatiche.

torture9

Elettrizzato da un recinto elettrificato che rappresenta la terapia con elettroshock – una tecnica per indurre il trauma nel controllo mentale Monarch.

Più avanti, una bella donna lo attira più in profondità nel “tempio” (programmazione).

torture10

Nella parte superiore dell’obelisco curvo vi e` ancora una volta, un grande, occhio che tutto vede.

torture12-1

Mentre tenta di raggiungere la donna, delle cose appuntite cercano di pugnalarlo. Il percorso della programmazione è carico di dolore e torture.

torture13

Giusto prima di raggiungere la donna, si trasforma in un pazzo mascherato ridendo malignamente.

I versi di Michael Jackson spiegano come uno schiavo venga attirato in un mondo di male

She was up a stair to nowhere
A room forever I’ll remember
She stared as though I should have known her
Tell me what’s your pain or pleasure
Every little thing you find here
Is simply for the thrill you’re after
Loneliness or hearts on fire
I am here to serve all masters

Lo schiavo finisce in un livello ancora più profondo di programmazione.

torture14-e1455910365886

Si ritrova in un ambiente perfetto per indurre traumi, completo di ragnatele giganti e scheletri appesi per le braccia

torture15

Qui, i Jackson si trasformano in scheletri.
La programmazione trasforma i Jackson in scheletri danzanti, animati dalla “magia” dei gestori.

Veniamo poi deliziati da un classico della simbologia del controllo mentale: Il vetro rotto (o uno specchio) per rappresentare la frattura della loro personalità.

torture16

Ogni fratello rompe successivamente un vetro – le loro personalita` sono simbolicamente in frantumi dopo la dissociazione e gli intensi traumi.

Dopo le torture e la programmazione, i fratelli sono pronti a tornare nel “mondo reale” ed essere schiavi del settore.

torture17

Dopo che la programmazione è completa, scende un fulmine che riapre la porta al mondo reale. Non dimenticate che hanno sostituito Michael Jackson con un manichino di cera perché non voleva apparire nel video

Anche se sono sicuro che i produttori avrebbero voluto che il vero MJ fosse presente nel video, il fatto che sia stato sostituito da un manichino di cera e` dannatamente appropiato per Michael in quanto sottoposto molto piu` intensamente alle tecniche di controllo mentale.

CONCLUDENDO

“Torture” fu una di quelle produzioni che “non si hanno da fare”. La canzone è stata evitata dalla critica e le riprese del video risultarono difficili, e boicottate da entrambi Michael e Jermaine Jackson. Il video porto` la casa di produzione alla bancarotta.

“Torture” fu, tuttavia, il prototipo dei video musicali “moderni”, zeppi di immagini MK. E ‘ caratterizzato da artisti ritratti come schiavi che vengono attirati in un mondo spaventoso pieno di traumi e simbolismo degli Illuminati, dando agli spettatori la sensazione viscerale di guardare qualcosa di sbagliato e malvagio. In Torture l’elite occulta mostra come i Jackson siano riusciti ad ottenere il successo … ed e` stata letteralmente una tortura!

Fonte

 

Storia Proibita – La TimeLine del Nuovo Ordine Mondiale (1911-1920)

14 SETTEMBRE 1911 – EBREI ROSSI UCCIDONO IL PRIMO MINISTRO RUSSO.

Ancora spargimenti di sangue in Europa! Il primo ministro russo Pyotr Stolypin era un riformatore che voleva migliorare la qualità della vita dei contadini russi. Stolypin era solito utilizzare il pugno di ferro quando si trovava a trattare con i violenti rivoluzionari rossi. Capì anche che una classe media fiorente e in crescita era la vera chiave giusta per privare i Rossi del loro principale sostegno, ovvero i poveri e gli analfabeti.

Nel corso di uno spettacolo al Kiev Opera House, il popolare primo ministro venne ucciso da un doppio agente ebreo di nome Dmitri Bogrov (nato Mordekhai Gershovich). Bogrov era un membro dell’ Ohkrana, una forza di polizia russa che venne infiltrata da spie rosse. L’ assassinio del Primo Ministro della Russia si compì davanti allo Zar e alle sue due figlie maggiori.

NOVEMBRE 1912 – IL NUOVO ORDINE MONDIALE RICONQUISTA LA CASA BIANCA

 

Dopo molti anni di strategica preparazione politica, il Nuovo Ordine Mondiale sionista ha ora 7 obiettivi principali da raggiungere nel prossimo decennio:

1. Istituire una Banca Centrale degli Stati Uniti (progetto concepito a Jekyll Island).
2. Imporre una tassa sul reddito in America.
3. Attivare il progetto, a lungo termine, della Triple Intesa/Alleanza in modo da scatenare una guerra mondiale, distruggere la Germania e rimodellare l’Europa.
4. Coinvolgere i potenti Stati Uniti nell’imminente guerra europea e nell’emergente Governo Mondiale.
5. Concludere, una volta per tutte, l’era della Russia zarista e convertire il gigante euroasiatico in una nazione comunista.
6. Creare un organismo politico mondiale con il pretesto della “pace nel mondo” dopo la fine della guerra.
7. Portare a termine il piano del sionista Herzl (1897) con cui si vuole sottrarre la Palestina ai Turchi.

Il popolare presidente repubblicano William Howard Taft non avrebbe mai coinvolto l’America in piani tanto folli. Così i globalisti reclutarono un professore di Princeton di nome Woodrow Wilson. Wilson, in breve tempo, passo da governatore del New Jersey a candidato del partito democratico nel 1912. Al fine di rubare voti repubblicani, il NWO reclutò anche l’ex-presidente Teddy Roosevelt perchè diventasse il candidato del Partito Progressista (noto anche come Bull Moose Party).

La tattica del Divide et Impera funzionò. TR candidandosi nel terzo partito, permise a Wilson di essere eletto con solo il 41% dei voti.

1912 -1920 – EMERGONO NUOVI RE DELLA FINANZA SIONISTI – WARBURG/SCHIFF/BARUCH

 

L’orbita Rothschild comprendeva anche altri potenti banchieri sionisti. Questi magnati ed i loro seguaci dominarono completamente le scene negli 8 anni di Presidenza del patetico burattino Woodrow Wilson.

JACOB SCHIFF

La famiglia Schiff condivise una casa con i Rothschild in Germania alla fine del 1700. Il denaro Schiff aiutò il Giappone a sconfiggere ed indebolire la Russia nel 1905. Schiff aiutò a fondare la NAACP e l’ADL. Nel 1917, finanziò la rivoluzione rossa di Trotsky / Lenin.

I FRATELLI WARBURG

Paul Warburg diventerà presto il “Padre della Federal Reserve”. Suo figlio James fonderà la United World Federalist nel 1947 per promuovere il governo mondiale. Max Warburg è il banchiere più potente in Germania. Felix Warburg andò anche in America. Si sposò con la figlia di Jacob Schiff.

BERNARD BARUCH

Bernard Baruch introdusse Woodrow Wilson alla comunità ebraica benestante di New York. Durante la prima guerra mondiale, Baruch prenderà il controllo delle Wilson War Industries, diventando il più potente industriale americano.

DICEMBRE 1912 – LA STAMPA MONDIALE PUBBLICA LA BUFALA DELL’UOMO DI PILTDOWN

 

La stampa mondiale pubblica la scoperta di alcuni resti fossili risalenti ad un “scimmiesco antenato umano”. Il cranio e la mandibola di questo “anello mancante” si trovavano in una cava di ghiaia a Piltdown, in Inghilterra. Passeranno ben 40 anni prima che la bufala dell’”Uomo di Piltdown” venga esposta come una bufala. Si trattò infatti di una combinazione tra la mandibola di un orangotango e un teschio umano.

Solo l’attuale bufala del riscaldamento globale batte storicamente quella dell’uomo di Piltdown. Nei 40 anni in cui la bufala resse, la fede pubblica in Dio si trovò sotto assedio, un traguardo importante per i globalisti, che hanno da sempre lavorato per distruggere religione e morale.

3 OTTOBRE 1913 – IL PRESIDENTE WOODROW WILSON FIRMA LA LEGGE SULL’IMPOSTA DA REDDITO

Un disegno di legge per la creazione di una nuova banca centrale per gli Stati Uniti era già in lavorazione. Se il governo doveva prendere in prestito della moneta debito da una banca centrale di proprietà privata, (tramite la vendita di titoli di Stato), i banchieri dovevano avere la certezza che il governo potesse ripagarli (+ interessi ovviamente).
L’imposta progressiva sul reddito, di stampo chiaramente marxista, trasformò i lavoratori americani in “garanzie umane” per i banchieri sionisti. La legge sulle entrate del 1913 regolò le tariffe americane e istituì anche un’imposta sul reddito del 1-7% che andava a colpire solo gli americani ricchi.

OTTOBRE 1913 – I CRIMINALI SIONISTI FONDANO LA LEGA ANTIDIFFAMAZIONE PER PROTEGGERE SE STESSI

 

L’ADL (Anti-Defamation League) fu fondata da Sigmund Livingston in risposta al processo subito da Leo Frank nel 1913. Frank era un direttore di fabbrica ebreo, in Georgia, che violentò e uccise una giovane dipendente, cercando poi di accusare un uomo di colore per il crimine. Dopo aver schivato per un soffio la pena di morte, i georgiani, arrabbiati, presero d’assalto la prigione e impiccarono loro stessi Frank.

La carta dell’ADL afferma:

L’immediato obiettivo della lega è quello di fermare, appellandosi alla ragione e alla coscienza e, se necessario, alla legge, la diffamazione del popolo ebraico. Lo scopo ultimo è quello di garantire un trattamento equo e giusto a tutti i cittadini e di porre fine, definitivamente, alla ingiusta e sleale discriminazione subita da ogni setta o corpo cittadino. “

Il vero scopo dell’ADL fu quello di proteggere la rete criminale dei Rothschild. Chiunque osasse richiamare l’attenzione sul funzionamento del Nuovo Ordine Mondiale, o sulla Federal Reserve Bank, sarebbe stato denunciato dalla ADL come “antisemita”.

L’ADL distrusse molte carriere politiche e giornalistiche ed è oggi una delle organizzazioni sioniste più temute in America.

DICEMBRE 1913 – WOODROW WILSON FIRMA LA LEGGE CHE PORRA’ IN ESSERE LA FEDERAL RESERVE BANK

 

Wilson firmò la legge con la quale venne istituita la Federal Reserve Bank. La riunione di Jekyll Island (1910) resuscitò quello stesso mostro che Andrew Jackson aveva così orgogliosamente ucciso nel 1832.

Il “Federal Reserve System” non è né “federale”, né contente “riserve”, e non fa parte di un sistema “decentralizzato”. La nuova Banca Centrale ha ora il potere di creare denaro dal nulla per poi prestarlo alle banche nazionali e al Tesoro degli Stati Uniti ad un tasso di interesse ben preciso. Nel 2012, la “Fed” affligge l’America con l’inflazione, con bolle immobiliari, depressioni e recessioni. Il suo “trucchetto d’oro” costringe il governo a farsi prestare costantemente dei soldi.

Le banche aderenti che possiedono azioni della Fed sono controllate dal gruppo criminale Rothschild-Warburg-Schiff-Rockefeller. Per nascondere il dominio ebraico della Fed, Paul Warburg, (vero fondatore della Fed) non fu nominato Presidente della Fed. Al contrario, venne nominato Presidente della filiale di New York (la sede più importante). Oggi, tuttavia, non vi è alcuna necessità di nascondere la sua facciata sionista. Ogni presidente della Fed a partire dal 1970 è stato ebreo. (Burns, Volcker, Greenspan, Bernanke)

DICEMBRE 1913 – CHARLES LINDBERGH SR. DENUNCIA IL FEDERAL RESERVE ACT

 

Il membro del Congresso del Minnesota Charles Lindbergh Sr. (padre del famoso aviatore) denunciò il Federal Reserve Act, sia prima che dopo la sua approvazione. Prima della firma di Wilson, Lindbergh avvertì:
“Questa legge approverà la fondazione della più grande società del pianeta. Quando il presidente firmerà questo disegno di legge, il governo invisibile del Potere Monetario sarà legalizzato. La gente non se ne accorgerà subito, ma il giorno della resa dei conti è posticipato solo di qualche anno… Con questo disegno di legge si perpetrerà il peggior crimine legislativo di ogni epoca. “

Dopo che la Fed divenne attiva, Lindbergh aggiunse:

“Il sistema finanziario è stato consegnato al Consiglio della Federal Reserve …. Il sistema è privato, condotto per il solo scopo di ottenere i maggiori guadagni possibili usando i soldi del popolo.”

28 GIUGNI 1914 – L’ARCIDUCA DI AUSTRIA-UNGHERIA E SUA MOGLIE VENGONO UCCISI

 

Per dare il via alla loro tanto attesa e pre pianificata Guerra Mondiale, il Nuovo Ordine Mondiale sfruttò dei “nazionalisti serbi”. Una società segreta, sotto il controllo del NWO, chiamata Giovane Bosnia, la quale probabilmente lavorò con I Giovani Turchi, organizzò l’omicidio dei reali austriaci.

La Serbia era una nazione indipendente e cristiana ortodossa sotto la protezione della Russia zarista. A causa degli intrighi di Disraeli, molti serbi vivevano sotto l’impero austro-ungarico (in Bosnia) invece che sotto il dominio serbo o russo. Questo arrangiamento causò sempre attriti, sia all’interno dell’Austria-Ungheria, sia tra la Russia e l’AU.
L’arciduca Francesco Ferdinando era l’erede al trono degli Asburgo d’Austria-Ungheria. Durante il viaggio attraverso la città bosniaca di Sarajevo con la moglie Sophie, venne lanciata una bomba contro l’auto dell’Arciduca. Il nobile riuscì a deviare la bomba con il braccio, la quale esplose dietro di lui.

La coppia reale insistette nell’andare a trovare i feriti all’ospedale. Successivamente decisero di andare al palazzo, ma il loro autista sbagliò strada ed entrò in un vicolo laterale, dove un altro assassino serbo di nome Gavrilo Princip li notò. Princip sparò a Sophie nello stomaco e a Franz nel collo. Franz era ancora vivo quando i testimoni arrivarono per aiutarlo. Le sue ultime parole furono per Sophie “Non morire tesoro. Rimani viva per i nostri figli.”

 LUGLIO– OTTOBRE 1914

LE REAZIONI A CATENA POST-ATTENTATO INFIAMMANO L’EUROPA

29 GIUGNO

Esplodono rivolte anti-serbe nella città di Sarajevo (Bosnia).

7 LUGLIO

L’Austria Ungheria convoca un consiglio dei ministri per discutere la situazione serba.

LUGLIO

La stampa sionista austro ungherese fomenta il sentimento anti serbo. Falsi rapporti su una cospirazione serba ai danni dell’Austria Ungheria circolano per tutto l’impero

LUGLIO

Il Kaiser Guglielmo II di Germania cerca di contenere i suoi alleati Austro Ungheresi cercando di incoraggiare il dialogo con la Serbia.

28 LUGLIO

L’Austria Ungheria si lascia andare alla frenesia e dichiara guerra alla Serbia

29 LUGLIO

Per difendere la Serbia, la Russia mobilità il suo esercito contro l’Austria Ungheria.

1 AGOSTO

La bomba a tempo della triplice alleanza/intesa è ora innescata. La Germania dichiara guerra alla Russia per essersi mobilitata contro la sua alleata (l’Austria Ungheria).

1 AGOSTO

La Francia comincia a muoversi in favore della sua alleata, la Russia.

3 AGOSTO

Affrontando la pericolosa guerra su 2 fronti, architettata ad hoc da Francia e Inghilterra, la Germania avanzò velocemente verso la Francia attraverso il Belgio mentre contemporaneamente affrontava la Russia ad est.

4 AGOSTO

La Gran Bretagna entra in guerra con le sue alleate, Francia e Russia.

5 SETTEMBRE

L’accordo di Londra: I membri della triplice intesa Francia Russia e Gran Bretagna si accordarono sul fatto che nessuno di loro avrebbe stretto accordi di pace separati con la Germania o con l’Austria Ungheria.

28 OTTOBRE

Il rivale meridionale della Russia, l’impero Turco Ottomano, entra in guerra dalla parte della Germania e dell’Austria Ungheria.

In poche settimane, l’Europa intera si ritrova in guerra mentre la stampa sionista in Francia, Inghilterra, Austria, e Germania diffonde dell’inutile fervore nazionalista.

1914 -1918 – GUERRA DI TRINCEA E SITUAZIONE DI STALLO

 

Dopo che la Germania marciò verso Parigi, venne bruscamente fermata e la situazione si mantenne in una sorta di perpetuo stallo fino al 1918. Ad oriente, l’esercito russo combatte con successo contro le forze austro-ungariche, ma venne respinto dall’esercito tedesco. Si aprirono ulteriori fronti quando scese in guerra l’Impero Ottomano (Turchia) (a fianco della Germania) nel 1914. L’Italia cambiò sponda e passò dalla parte dell’Intesa nel 1915.

In mare, la Marina britannica bloccò la Germania. Gli U-Boot tedeschi mirarono a contrastare il blocco e affondarono molte navi mercantili inglesi che trasportavano armi e rifornimenti.

7 MAGGIO 1915 – WINSTON CHURCHILL LORD DELL’AMMIRAGLIATO ORGANIZZO’ L’AFFONDAMENTO DELLA LUSITANIA MENTRE CONTRABBANDAVA ARMI DAGLI STATI UNITI ALLA GRAN BRETAGNA

 

La Gran Bretagna voleva far scendere in guerra gli Stati Uniti come nazione alleata. Il Lord dell’Ammiragliato, Winston Churchill e il consigliere marxista di Wilson, Edward Mandell House, credevano che se la Germania avesse affondato una nave britannica con degli statunitensi a bordo, anche gli USA sarebbero scesi in guerra. Il transatlantico di lusso, Lusitania, ad insaputa dei passeggeri, venne utilizzato per spedire munizioni in Inghilterra.

Partendo da New York, il Lusitania venne caricato con 600 tonnellate di esplosivo e 6 milioni di libbre di munizioni oltre ai passeggeri americani. L’ambasciata tedesca a Washington, DC era a conoscenza dei materiali spediti con la Lusitania e cercò di mettere in guardia i viaggiatori americani. I funzionari tedeschi dell’ambasciata tentarono di inserire degli avvisi nei maggiori quotidiani statunitensi, ma nella maggior parte dei casi vennero respinti.
Non appena il Lusitania si avvicinò alla costa irlandese, gli venne ordinato di ridurre la velocità e la sua nave-scorta militare, la Giunone, se ne andò. Churchill sapeva che gli U-Boat tedeschi erano nelle vicinanze. Churchill rallentò di proposito il Lusitania, lasciando molti dei suoi connazionali a fare da bersaglio.
Un siluro tedesco incendiò le munizioni, causando un’esplosione secondaria che affondò la massiccia imbarcazione in soli 18 minuti! Quasi 1200 dei suoi 1959 passeggeri persero la vita, tra essi c’erano 128 americani. Gli inglesi e la stampa americana criticarono pesantemente la Germania, ma non fecero menzione delle munizioni di contrabbando (o forse della bomba pre installata), ovvero la vera causa dell’affondamento del Lusitania.

Nel corso del 1950, la Marina britannica cercò di distruggere le prove storiche dell’esplosione del Lusitania facendo cadere bombe di profondità sull’imbarcazione affondata.

ESTATE 1915 – NONOSTANTE L’AFFONDAMENTO DEL LUSITANIA LA DISCESA IN GUERRA DEGLI STATI UNITI VIENE POSTICIPATA

 

L’incidente del Lusitania svolse un ruolo di primo piano nel manipolare i sentimenti americani nei confronti della Germania, per gli USA, tuttavia, non era ancora giunto il momento di scendere in guerra. I sionisti aspettavano di ottenere il massimo effetto, prima di ordinare a Wilson di premere finalmente il grilletto. Per il momento, Wilson condannerà solo verbalmente l’attacco al Lusitania, mantenendo l’America fuori dalla guerra.

Gli inglesi erano rimasti delusi. Politici, giornalisti del Regno Unito e il folle Teddy Roosevelt criticarono Wilson, perchè pensavo fosse troppo timido. Nel tentativo di tenere viva la rabbia degli Stati Uniti, gli inglesi fabbricarono la storia secondo cui, ad alcuni bambini tedeschi in età scolare, venne concesso un giorno di vacanza per celebrare l’affondamento del Lusitania. Gli Inglesi si inventarono altre storielle: raccontarono di come i soldati tedeschi inchiodassero i bambini alle porte delle chiese belghe!

Gli inglesi sapevano di aver bisogno dell’aiuto degli Stati Uniti, se volevano ottenere un vantaggio sulle potenze della Triplice Alleanza. Anche gli sionisti lo sapevano, ma stavano prendendo tempo, attendendo la tempistica e le condizioni più favorevoli.

1915 – I “GIOVANI TURCHI” PORTANO A TERMINE IL GENOCIDIO DI 1,5 MILIONI DI CRISTIANI ORTODOSSI ARMENI

 

Durante e dopo la Grande Guerra, i leaders atei dei “Giovani Turchi” approfittarono del fatto che sia la Russia, che il sultano turco, non erano più in grado di proteggere i cristiani ortodossi dell’Impero Ottomano.

Una politica di uccisioni di massa, roghi e ronde mortali uccise la maggior parte della popolazione armena della Turchia. Gli ortodossi assiri e greci vennero anche loro assassinati dai  ”Giovani Turchi”.

Ad oggi, il genocidio sistematico del 1915-16 viene ignorato o negato dal governo globalista  ”laico” della Turchia.

DICEMBRE 1916 – IL KAISER OFFRE UN ACCORDO DI PACE DOPO LA BATTAGLIA DI VERDUN

 

La battaglia di Verdun infuriò per 10 mesi ed ebbe come risultato 306.000 morti sul campo di battaglia (163.000 francesi e 143.000 tedesco) assieme ad almeno mezzo milione di feriti. Si tratta di una media di 30.000 decessi per ciascuno dei dieci mesi la battaglia!

La battaglia si svolse nel nord est della Francia e fu la battaglia più lunga e devastante nella Grande Guerra. Alla fine della guerra di Verdun la situazione si era bloccata in una fase di stallo. Nel dicembre del 1916, il Kaiser Guglielmo II offrì di negoziare una pace generosa con le potenze dell’Intesa. Ma la Gran Bretagna e la Francia fecero deliberatamente delle richieste impossibili alla Germania anche solo per negoziare.
Nonostante gli sforzi sinceri di Guglielmo per la pace, questo bagno di sangue senza senso doveva andare avanti! Ma perché?

DICEMBRE 1916 – UN ACCORDO SEGRETO TIENE VIVO IL CONFLITTO – I SIONISTI PROMETTONO ALL’INGHILTERRA L’ENTRATA IN GUERRA DEGLI AMERICANI

Nel dicembre 1916, l’alleanza tedesca austro ungarica e turca era in netto vantaggio. La Francia subì perdite terribili. La Russia si trovò ad affrontare il caos interno scatenato dai rossi rivoluzionari. La Gran Bretagna era sotto attacco degli U Boat e neppure un centimetro quadrato di territorio tedesco era occupato. La Germania offrì condizioni di pace generose. In sostanza, il Kaiser Guglielmo II era disposto a chiamarsi fuori dalla lotta e a ritornare in una situazione pre guerra.

Tutto ciò accadde quando i sionisti decisero di fare il grande passo per compiere il piano di Herzl (controllo della Palestina). Chaim Weizman e Nathan Sokolow proposero un affare sporco ai britannici. I sionisti si offrirono di utilizzare la loro influenza internazionale per coinvolgere l’America in guerra e farla schierare a fianco della Gran Bretagna, mentre, allo stesso tempo, avrebbero indebolito la Germania dall’interno.

Il prezzo che la Gran Bretagna dovette pagare per l’ingresso degli Stati Uniti fu quello di riuscire a conquistare la Palestina e permettere agli ebrei di stabilirsi lì.

Anche se la dichiarazione ufficiale di sostegno britannico alla patria ebraica non sarà resa pubblica fino a novembre 1917 (Dichiarazione Balfour), l’accordo venne siglato nel dicembre del 1916. Poco dopo, i sionisti scatenarono la propaganda anti-tedesca in americana, mentre i loro colleghi in Europa iniziarono a minare la Germania da dentro.

FEBBRAIO 1917 – LA RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO FA VACILLARE LO ZAR RUSSO

 

Mentre l’economia russa si stava deteriorando e la guerra diventava impopolare, si scatenò in Russia la “rivoluzione di febbraio”. Una combinazione di comunisti, socialisti, progressisti e soldati scontenti si combinarono per destabilizzare il regno già indebolito dello Zar Nicola. Lo Zar fu costretto ad abdicare e venne messo agli arresti domiciliari in attesa dell’esilio.

Venne stabilito un governo “di centro-sinistra” formato principalmente da comunisti e socialisti. Seguì una dura lotta di potere tra la fazione socialista e il nucleo duro comunista (bolscevico-sovietico).

1917 – WILSON FA SCENDERE L’AMERICA IN GUERRA

 

Durante i successivi 90 giorni dopo l’accordo per conquistare la Palestina, i sionisti rispettarono la loro parte dell’accordo. Si scatenò un’intensa campagna di propaganda. Il piano di emergenza tedesco che consisteva nell’allearsi con il Messico se gli Stati Uniti fossero entrati in guerra (la nota Zimmerman) venne falsamente interpretato ponendolo, agli occhi dell’opinione pubblica, come uno schema d’attacco perpetrato nei confronti degli americani.

Il 2 aprile 1917 il fantoccio sionista Wilson (che viene ricattato grazie ad una relazione extra-coniugale che ebbe quando era un professore di Princeton) chiese al Congresso degli Stati Uniti di dichiarare guerra. Il Congresso dichiarò guerra il 6 aprile ’17.

APRILE 1917 –  I ROSSI ESILIATI TORNANO IN RUSSIA

 

I leader dei terroristi rossi che lo zar Nicola aveva tanto misericordiosamente – e stupidamente – mandato in esilio nel 1905, cominciarono ora a ritornare nella Russia zarista. Vladimir Lenin arrivò dalla Svizzera, attraverso la Germania, con una scorta d’oro concessa dai banchieri sionisti. Leon Trotsky arrivò da New York con denaro contante e con una banda di teppisti marxisti ebrei.

I comunisti finanziati dai sionisti cominciarono immediatamente a minare la nuova coalizione del governo provvisorio. Un violento colpo di stato venne tentato nel mese di luglio, ma i rossi bolscevichi vennero contenuti. Vennero firmati dei mandati di arresto per i leader comunisti. Il socialista democratico Alexander Kerensky divenne primo ministro russo.

13 APRILE 1917 – WOODROW WILSON E EDWARD BERNAYS ISTITUISCONO UN COMITATO DI PROPAGANDA

 

Woodrow Wilson istituì il comitato per l’informazione pubblica (CPI) al fine di manipolare l’opinione pubblica a favore della guerra. Edward Bernays, il “padre della propaganda americana” era un membro del CPI. Nipote dello psicoanalista Sigmund Freud, il sionista Bernays si vantò della sua capacità di controllare l’opinione pubblica. Chiamò i suoi rigorosi metodi per controllare l’opinione pubblica, “l’ingegneria del consenso”. Nel suo libro del 1928, Propaganda, Bernays spiegò:

“La manipolazione cosciente e intelligente delle abitudini e delle opinioni delle masse è un elemento importante nella società democratica. Coloro che manipolano questo meccanismo nascosto della società costituiscono un governo invisibile che è il vero potere del nostro paese …. Veniamo governati, le nostre menti sono modellate, i nostri gusti formati, le nostre idee suggerite, in gran parte da uomini di cui non abbiamo mai sentito parlare. Sono loro che tirano i fili che controllano la mente del pubblico. “

Bernays e il suo CPI ritrassero lo sforzo bellico americano come una santa crociata “per rendere il mondo sicuro in vista della democrazia”.

GIUGNO 1917 – WILSON FIRMA IL DISEGNO DI LEGGE

 

L’esercito americano era molto piccolo, ma gli USA potevano comunque equipaggiare e schierare in campo una quantità di soldati elevata. L’impopolare progetto venne messo in atto nel 1917. Entro la fine della guerra, con il pretesto idiota di “rendere il mondo sicuro per la democrazia”, oltre 2 milioni di americani saranno inviati a combattere per il globalismo e il sionismo.

2 NOVEMBRE 1917 – LA GRAN BRETAGNA EMANA LA DICHIARAZIONE BALFOUR

 

I sionisti avevano portato a termine la loro parte dell’accordo stipulato nel 1916. Gli americani erano finalmente scesi in guerra, come promesso. Con la formale e pubblica emissione della “Dichiarazione Balfour”, Lord Balfour garantì ai sionisti che la Gran Bretagna avrebbe portato a termine il suo compito, ovvero la conquista della Palestina!

La dichiarazione venne consegnata al barone Walter Rothschild:

“”Il governo di Sua Maestà vede con favore la costituzione in Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico, e si adopererà per facilitare il raggiungimento di questo scopo…”

Questo fu uno dei principali motivi per cui la guerra era ancora in corso! In Israele, al giorno d’oggi, il giorno di Balfour (2 novembre) viene ampiamente celebrata. Gli arabi, lo celebrano come un giorno di lutto.

25 OTTOBRE 1917 – OTTOBRE ROSSO! – I ROSSI DI TROTSKY/LENIN CONQUISTANO SAN PIETROBURGO

 

Il primo ministro socialista, Kerenski, stava lottando per tenere a galla una cattiva economia, una coalizione di governo instabile e una nazione fiaccata dalla guerra. I tempi erano ormai maturi, i rossi potevano tentare un nuovo colpo di stato. Questa volta, Trotsky (ebreo), Lenin (1/4 ebreo) e la loro banda avranno successo. Con il sostegno di alcune truppe rosse (a molte delle quali venne fatto il lavaggio del cervello nel 1905, nei campi di prigionia giapponesi), conquistarono la capitale di Pietrogrado (San Pietroburgo) durante la Rivoluzione d’Ottobre, aka “Ottobre Rosso”.
Kerensky fuggì per salvarsi la vita e il nuovo regime sovietico cercò immediatamente di ritirare la Russia dalla guerra (prima che la Germania vincesse contro di loro). Al di fuori di Pietrogrado, il governo ebreo-rosso non venne riconosciuto come legittimo. Stava per iniziare una sanguinosa guerra civile tra i “rossi” ebrei e i cristiani “bianchi”.

1918-1921 – ROSSI CONTRO BIANCHI – IN RUSSIA ESPLODE LA GUERRA CIVILE

 

Dopo la caduta di San Pietroburgo ad opera dei rossi, una guerra civile contro-rivoluzionaria flagellò la Russia per tre anni. I vari avversari dei “rossi” vennero indicati collettivamente come “I Bianchi”.

Quando divenne evidente che l’esercito rosso rivoluzionario composto unicamente da lavoratori e da alcune ex truppe zariste era di gran lunga troppo piccolo per aver la meglio sull’esercito dei contro rivoluzionari, Trotsky obbligò i contadini ad unirsi all’Armata Rossa. L’opposizione della Russia rurale alla coscrizione Rossa venne superata con tattiche terroristiche. Furono prese in ostaggio le famiglie, torturate e se necessario uccise, perchè venissero eseguiti gli ordini.

GENNAIO – DICEMBRE 1918 – L’ARMA BIOLOGICA GLOBALISTA? – LA MISTERIOSA INFLUENZA SPAGNOLA UCCIDE 50-70 MILIONI DI PERSONE IN TUTTO IL MONDO

 

La pandemia influenzale del 1918 (influenza spagnola) fu particolarmente acuta. Il virus ebbe origine presso la base militare di Fort Riley, Kansas. Si diffuse in Europa, ed, infine, in Asia e in Africa. Le vittime soffrirono terribilmente. A poche ore dai primi sintomi di stanchezza, febbre e mal di testa, gli ammalati diventavano blu. Talvolta il colore blu era così scuro che fu difficile determinare il colore originale della pelle del paziente!

Le vittime tossivano con tale forza da strapparsi i muscoli addominali, mentre del sangue schiumoso usciva da bocca naso e orecchie. Il bilancio finale delle vittime del disastro sarà molto più alto rispetto alle morti della Grande Guerra stessa. Nella sola India, morirono in 17 milioni. Stati Uniti: 600.000, Gran Bretagna: 250.000, Francia: 400.000, Giappone: 390.000, Germania: 400.000.

Un certo numero di stranezze suggerirono che l’epidemia non fosse altro che la prima arma biologica al mondo. Era destinata ad essere utilizzata contro gli Imperi Centrali, ma in qualche modo sfuggì al controllo e infettò il mondo intero? Si considerino i seguenti fatti:

1. Il luogo della sua origine (una base militare in Kansas)

2. Quando iniziò l’epidemia (Nello stesso momento in cui gli Stati Uniti arrivarono in Europa)

3. Gli strani effetti della malattia (pelle blu / sangue dal naso e dalla bocca)

4. Lo strano target: Persone di 20-35 anni (età militare), invece che bambini e anziani (decisamente più deboli).

5. Il modo strano in cui colpì in 3 ondate separate

6. Il fatto che i soldati tedeschi ne furono colpiti in maniera maggiore rispetto che ai soldati dell’Intesa.

7. Il modo inspiegabile e casuale in cui l’epidemia cessò bruscamente non appena finita la guerra.

Ad oggi, i ricercatori non riescono a spiegare il motivo per cui questo virus mutò in una forma mortale, perché si fermò improvvisamente, senza una cura, perché prese di mira i giovani e perché non è mai più ricomparso.

ESTATE DEL 1918 – DOPO UNA RIUSCITA OFFENSIVA PRIMAVERILE, LE TRUPPE TEDESCHE VENNERO PUGNALATE ALLE SPALLE DAGLI EBREI TEDESCHI

I rossi non potevano combattere contemporaneamente una guerra civile nel paese (Russia) e una guerra esterna contro la Germania. Lenin e Trotsky non ebbero altra scelta che trascinare la Russia fuori dalla guerra. La Germania poteva ora deviare le truppe da est e muovere una grossa offensiva da occidente, prima che arrivassero le forze americane.

L’operazione iniziò il 21 marzo ’18 con un attacco contro le forze britanniche nel nord della Francia. I tedeschi ottennero un vantaggio di ben 40 miglia. Parigi stessa era a soli 75 chilometri di distanza! L’offensiva di primavera ebbe un tale successo che il Kaiser Guglielmo II dichiarò il 24 marzo, festa nazionale. I tedeschi pensavano che la vittoria fosse vicina.

In questo momento critico, i leader marxisti e sionisti in Germania pugnalarono alle spalle i propri connazionali.

I leader sindacalisti marxisti ordinarono scioperi nelle fabbriche, privando le truppe tedesche di rifornimenti critici. La stampa di proprietà sionista, che aveva scaldato gli animi belligeranti, nel 1914, cambiò improvvisamente opinione, criticando la guerra. Il morale dell’esercito tedesco cominciò rapidamente a crollare, così come la produzione industriale. Le reclute arrivarono in prima linea con un atteggiamento disfattista mentre il malcontento per la guerra si diffondeva velocemente per tutta la Germania.

La grande offensiva si fermò non appena i primi americani cominciarono ad arrivare. I sionisti tedeschi stavano tradendo la Germania in modo che la Palestina potesse essere rubata all’alleato turco e data agli ebrei (Dichiarazione Balfour). I tedeschi marxisti ebrei e i “socialisti democratici”, videro la sconfitta tedesca anche come un mezzo per destabilizzare la nazione ed inscenare una rivoluzione.
Dopo la guerra, il tradimento del 1918 divenne noto come la “leggenda della pugnalata alle spalle”. I moderni “storici” liberali ritengono la vicenda un “mito”, tuttavia, non vi è alcun evento mitologico: Sull’orlo della vittoria finale, la Germania venne tradita dal di dentro – chiaro e semplice!

ESTATE 1918 – ARRIVANO GLI YANKEE

 

Ci volle del tempo, agli Stati Uniti, per rinforzare l’esercito, addestrarlo, e inviarlo in Europa. Entro l’estate del 1918, ogni giorno, 10.000 truppe americane sbarcarono sul fronte occidentale. Più di 100.000 di loro moriranno nella Grande Guerra. Le macchine da guerra francese e britannica vennero rifornite dalla produzione industriale della potente economia statunitense.

La controffensiva alleata, nota come Offensiva dei Cento giorni, cominciò l’8 agosto 1918. Nella battaglia di Amiens, gli alleati avanzarono di sette miglia, in sole sette ore, nei territori controllati dai tedeschi. Il generale tedesco Erich Ludendorff reputò quel giorno come il “Giorno nero dell’esercito tedesco”.
Nel frattempo, in Germania, i giornali sionisti ignorarono gli effetti devastanti degli scioperi dando invece la colpa al generale Ludendorff per le recenti battute d’arresto tedesche.

16 LUGLIO 1918 – LO ZAR NICOLA E TUTTA LA SUA FAMIGLIA VENGONO BRUTALMENTE UCCISI

 

Lo Zar Nicola II sperò di essere esiliato in Gran Bretagna, mentre Kerensky era al potere, ma il suo “alleato” inglese rifiuto di concedergli asilo! I bolscevichi (comunisti) tenevano in custodia Nicola, sua moglie Alexandra, le sue quattro figlie e il figlio agli arresti domiciliari. I sequestratori rossi li costrinsero a vivere razionando il cibo.
Da ragazzo, Nicola assistette all’omicidio di suo nonno, Alessandro II, nel 1881. Nicola si dimostrò timido e insicuro quando non volle giustiziare i leader rossi Lenin e Trotsky dopo il fallito della rivoluzione nel 1905. Ora, la sua presunta pietà li si era ritorta contro.

La sera del 16  / 17 luglio, 1918, la famiglia reale Romanov venne svegliata alle 2:00, le fu detto di vestirsi e venne poi condotta nella cantina della casa dove era detenuta. Qualche istante dopo, dei killer rossi ebrei aprirono il fuoco e crivellarono di colpi l’intera famiglia, il medico, e tre servitori. Alcune delle figlie dei Romanov vennero accoltellate e ferite a morte.

La notizia del brutale assassinio dei Romanov risuonò fortissimo in tutta la Russia, e in tutta l’Europa cristiana.

1918 – I BRITANNICI SFRUTTANO LA FORZA MILITARE AMERICANA PER CONQUISTARE LA PALESTINA

 

La precedente campagna britannica contro i Turchi si era conclusa in maniera fallimentare (Gallipoli). Ora, con l’arrivo delle fresche e forti, milizie americane, giunte per combattere i tedeschi nell’Europa occidentale, le truppe britanniche erano libere di concentrarsi sull’Impero Ottomano. La Gran Bretagna bramava i pozzi petroliferi del Medio Oriente, ma aveva anche un debito da saldare nei confronti dei suoi padroni sionisti che trascinarono l’America in guerra.

I britannici vennero assistiti da 10.000 americani ebrei sionisti che si arruolarono per combattere non al fianco dei loro colleghi inviati in Europa, ma con gli inglesi che intendevano conquistare la Palestina (Israele).

Durante questo periodo, gli aerei britannici lanciarono volantini sulla Germania. Erano stampati in yiddish e furono utilizzati per ottenere il sostegno degli ebrei in Germania, con la promessa di un pezzo di Palestina, alla fine della guerra.

1918 – LENIN E TROTSKY FONDANO LA INTERNAZIONALE COMUNISTA – LA PIAGA ROSSA DIVENTA GLOBALE

Con la guerra civile russa che infuriava, l’Internazionale Comunista, conosciuta come la “Comintern”, venne fondata a Mosca, in Russia. La Comintern dichiarò apertamente che la sua intenzione era quella di combattere per rovesciare la borghesia (la classe imprenditoriale) e per creare una repubblica sovietica internazionale (governo mondiale) con tutti i mezzi disponibili.”

Nel periodo 1918-1922, sorsero delle affiliate alla Comintern in Francia, Italia, Cina, Germania, Spagna, Belgio, Stati Uniti e in altre nazioni. Tutti i comunisti operarono sotto la direzione dei rossi moscoviti, che erano, a loro volta, finanziati dagli stessi banchieri internazionali globalisti sionisti che crearono la Federal Reserve e che scatenarono alla Grande Guerra.

2 SETTEMBRE 1918 – L’EPOCA DEL TERRORE ROSSO 

 

I comunisti russi pianificarono strategicamente di utilizzare il terrore per intimidire i loro avversari bianchi e in finale sottometterli. Per ordine di Lenin e Trotsky, l’ebreo Yakov Sverlov annunciò il “Terrore Rosso”. Il Terrore Rosso fu caratterizzato da arresti di massa nel bel mezzo della notte, esecuzioni, e torture estremamente creative. Ben 100.000 russi vennero uccisi dal Terrore Rosso, gli esecutori materiali furono i membri della Ceka (la polizia segreta) gestita da ebrei.

Tra le atrocità commesse, spesso sotto gli occhi dei famigliari, citiamo le seguenti:

* 40.000 prigionieri bianchi vennero pubblicamente impiccati in Ucraina
* Come tortura, vennero infilati carboni ardenti nelle vagine delle donne
* Vi furono delle crocifissioni
* Stupri
* Molte vittime vennero immerse nell’olio bollente o nel catrame
*I ribelli erano rinchiusi in delle bare assieme a dei topi affamati
*Le vittime venivano inzuppate nell’acqua e trasformate in cubetti di ghiaccio umani durante l’inverno.
* A sacerdoti, monaci e monache fu versato in bocca piombo fuso.

Il terrore demoralizzò e spaventò i russi. Nel 1922, in molti avevano già accettarono il mostro rosso.

11 NOVEMBRE 1918 – LA GRANDE GUERRA FINI’ QUANDO I “CRIMINALI DI NOVEMBRE” TRADIRONO LA GERMANIA

 

Dopo la battuta d’arresto nel 1918, era chiaro che la Germania non sarebbe più stata in grado di vincere la Grande Guerra. Le sue politiche miravano ora a non perdere il conflitto. Come era già accaduto nel 1916, il Kaiser offrì di nuovo un negoziato di pace con condizioni favorevoli a tutte le parti.

Anche se la Germania non era in grado di vincere la guerra, neppure gli alleati lo erano. Il fronte tedesco orientale con la Russia era chiuso, non vi erano truppe alleate nel territorio tedesco, la capitale di Berlino era a 900 miglia di distanza dal fronte e l’esercito tedesco era ancora in grado di difendere la patria tedesca da una invasione alleata.

Il fronte interno però, stava crollando. I politici socialisti traditori, i dirigenti sindacali marxisti e i magnati mediatici sionisti, contribuirono a demoralizzare la popolazione e a destabilizzare la Germania. Il Kaiser fu costretto a dimettersi e venne esiliato in Olanda. L’11 novembre 1918, i rappresentanti della neonata “Repubblica di Weimar” (formata nella città di Weimar) firmarono un armistizio con gli alleati per porre fine alla guerra.

Incredibilmente, nel momento in cui gli alleati non furono in grado di invadere la Germania, i traditori di Weimar ordinarono all’esercito tedesco di deporre le armi e ritirarsi dalla prima linea.

Sulla base delle vuote promesse di Woodrow Wilson riguardo una “pace senza vittoria”, i “criminali di novembre” tedeschi misero inspiegabilmente la loro nazione alla completa mercé del Nuovo Ordine Mondiale.

NOVEMBRE 1918 – UN CAPORALE DELL’ESERCITO TEDESCO FERITO REAGISCE ASPRAMENTE ALLA NOTIZIA DELL’ARMISTIZIO

 

Uno squattrinato artista venticinquenne, si offrì di servire nell’esercito austriaco, il suo nome era Adolf Hitler. Afflitto dalla tubercolosi in età giovanile, non fu ammesso al servizio militare.

Hitler pregò poi le autorità bavaresi di permettergli di servire nell’esercito tedesco. Continuò meritevolmente la sua carriera e fu promosso caporale dopo aver ricevuto la croce di ferro (seconda classe) tedesca per il suo coraggio. Nell’ottobre del ’16, si ferì ad una gamba e trascorse due mesi in un ospedale militare.
Nell’agosto del ’18, Hitler si aggiudicò la prestigiosa Croce di Ferro di prima classe. Nell’ottobre del ’18, venne accecato da un attacco a gas dei britannici. Mentre stava riacquistando la vista, Hitler ricevette notizia della resa totale ed inspiegabile della Germania. Rimase confuso e oltraggiato. Il sacrificio e la sofferenza che i soldati tedeschi avevano subito era stato inutile.

 

Il coraggioso pittore di Vienna voleva delle risposte e non ebbe pace finché i “criminali di novembre” non furono scoperti e l’onore della Germania, restaurato.

GENNAIO 1919 – FIRMATO L’ARMISTIZIO – I COMUNISTI EBREI CATTURANO BERLINO – IL KAISER GUGLIELMO E’ COSTRETTO A RIFUGIARSI IN OLANDA

 

Nel 1915, l’ebrea rossa Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht fondarono la “Lega Spartachista” (da  ”Spartacus” il soprannome del fondatore degli illuminati, Adam Weishaupt ). Il 1 ° gennaio ’19, il gruppo divenne il Partito Comunista della Germania. Nello stesso mese, gli sparticisti, aiutati dall’ebrea-comunista ungherese Bela Kun, sfruttarono la resa tedesca e il caos del dopoguerra, mettendo in scena un colpo di stato rivoluzionario a Berlino.

Il Kaiser Guglielmo II fuggì in Olanda. Il monarca rimpianse il liberalismo che lo contraddistinse nel passato e denunciò l’”influenza ebraica” che rovinò la Germania.
L’acquisizione comunista di Berlino fu di breve durata, i veterani conosciuti come i “Freikorps”, infatti, ripresero il controllo sui rossi ebrei e sui loro seguaci. Rosa Luxemburg, Liebknecht e alcuni dei loro sostenitori vennero catturati e giustiziati. I “Freikorps” salvarono la Germania dallo stesso destino mortale che aveva colpito la Russia, ma la nuova Germania social democratica avrebbe, ben presto, dovuto affrontare problemi ben più gravi.

 

Proprio come gli estremisti rossi in Russia cercarono di soggiogare i socialisti, i rossi della Germania continueranno a spingere per rubare potere ai social democratici.

GENNAIO 1919 – GENNAIO 1920 – LA CONFERENZA DI PACE A PARIGI CAMBIO’ IL MONDO PER SEMPRE

 

La Conferenza di pace a Parigi fu l’incontro tra i vincitori della guerra, i quali dovevano decidere i nuovi confini e le punizioni per le nazioni sconfitte. Questa marmaglia globalista sionista produsse diversi trattati (“Trattati di Pace di Parigi”) che rimodellarono l’Europa e il mondo. Al centro vi erano i leader delle tre “grandi potenze”: Woodrow Wilson (Stati Uniti), il primo ministro David Lloyd George (UK) e Georges Clemenceau (Francia). La Germania non fu invitata e non avrà voce in capitolo sulle decisioni finali.
I folli globalisti smantellarono le nazioni esistenti e ne crearono di nuove. Gli imperi austro-ungarico e ottomano cessarono di esistere, dato che i loro popoli vennero assegnati ad altri Stati. La Conferenza creò anche il framework per il futuro governo unico mondiale, la Società delle Nazioni.

Era anche presente una delegazione sionista. Avevano trascinato l’America in guerra era giunto il momento di riscuotere il pagamento per il servizio reso (Dichiarazione Balfour). Gli ex territori arabi dell’impero ottomano vennero separati dal dominio turco e suddivisi in piccoli stati. La Palestina divenne un protettorato britannico.

Israele fu proclamata patria degli ebrei e venne garantita dalla Società delle Nazioni (esattamente come Herzl aveva predetto nel 1897!) Gli ebrei di tutto il mondo potevano ora emigrare in Palestina. Gli arabi palestinesi non vennero mai consultati a riguardo.

1919 – IL TERRORISMO ROSSO ESPLODE IN TUTTA AMERICA

A soli 18 anni dall’omicidio del presidente McKinley, il “Terrore Rosso” del 1919 fu segnato da una campagna di terrore comunista / anarchica e da una radicale agitazione politica, sullo sfondo del bagno di sangue perpetrato da Lenin e dall’indebolimento economico di Wilson.

Nel mese di aprile, 30 bombe vennero inviate per posta ad importanti figure americane. Dopo lo scoppio della 1° bomba, e le ferite procurate dalla 2° alla moglie di un senatore Americano, le restanti 28 vennero intercettate dalle autorità postali. Il 1 ° maggio (May Day), i rossi organizzarono delle grandi manifestazioni che scatenarono violenze a Boston, New York e Cleveland. Due persone morirono e 40 rimasero ferite dopo lo scontro tra i patrioti americani e i rossi (quasi tutti stranieri).

Nel mese di giugno, vennero spedite altre 8 bombe, uccidendo 2 persone innocenti. Nel mese di settembre, i leader dell’Unione marxista organizzarono degli scioperi del ferro seguiti a scioperi del carbone in novembre.

21 MARZO 1919 – GLI EBREI ROSSI FONDANO IL SECONDO REGIME COMUNISTA EUROPEO IN UNGHERIA

 

Durante la guerra civile russa, l’ebreo-ungherese Bela Kun combatte per i rossi. In qualità di comandante, Kun ordinò migliaia di uccisioni.

Con il crollo dell’impero austro-ungarico, Kun vide l’opportunità di imporre il comunismo in Ungheria. Nel novembre del ’18, lui e centinaia di altri rossi ungheresi tornarono in Ungheria con il denaro datogli dai Soviet russi. Fondò il Partito comunista ungherese il 4 novembre ’18.

La Repubblica Sovietica Ungherese venne fondata di lì a poco. Kun rispondeva direttamente a Lenin e fu la personalità dominante nel governo durante la sua breve esistenza. Il primo atto del suo governo fu quello di nazionalizzare (confiscare) tutta la proprietà privata.

Dopo un tentato colpo di stato anti-comunista nel giugno del ’19, Kun rispose attraverso il Terrore Rosso. I tribunali rossi condannarono 600 importanti personalità ungheresi a morte.

 

I comunisti di Kun vennero cacciati dopo l’invasione da parte della Romania. Kun fuggì poi in URSS.

28 GIUGNO 1919 – LA GERMANIA VIENE “STUPRATA” DAL TRATTATO DI VERSAILLES 

 

Durante la conferenza di pace a Parigi si stipulò il famigerato “Trattato di Versailles”. La crudeltà del trattato viene oggi riconosciuta anche dagli storici liberali. Con la Germania disarmata dal suo nuovo governo e senza rappresentanti tedeschi presenti, i globalisti e i sionisti violentarono la nazione tedesca: c’è da ricordare che il Kaiser non voleva entrare in guerra e offrì più volte trattati di pace vantaggiosi a guerra già iniziata.

Il trattato contiene 440 clausole delle quali 414 dedicate a punire la Germania!

Ecco le principali disposizioni che la Germania fu costretta ad accettare:

1. Germania accetta al 100% la responsabilità della guerra
2. Le forze armate tedesche si limiteranno a 100.000 uomini
3. La Renania tedesca sarà occupata dalle truppe francesi per i prossimi 15 anni.
4. Il Kaiser Guglielmo (esiliato in Olanda) deve essere processato per “reati contro la moralità internazionale”
5. La regione tedesca della Prussia occidentale viene consegnata alla Polonia.
6. La regione dei Sudeti venne strappata via ai tedeschi e annessa alla appena creata Cecoslovacchia.

7. All’Austria venne vietato di unirsi con la Germania.

8. La Germania venne spogliata delle sue colonie africane. Gran Bretagna, Francia, Belgio se le spartirono.
9. La regione del Saar che aveva ricchi giacimenti di carbone, venne posta sotto il controllo della Società delle Nazioni per 15 anni. Durante questo periodo, il carbone venne spedito in Francia.

10. L’importante città portuale di Danzica nel Mar Baltico venne separata dalla Germania e dichiarata “città libera”.
11. La Germania venne condannata a ripagare i danni di guerra sottoforma di denaro e di risorse naturali. Il peso schiacciante dei pagamenti (pari a circa 1 trilione di dollari in valuta odierna) devasterà l’economia tedesca causando un’ondata di iperinflazione.

Il disumano Trattato di Versailles alimenterà il rancore tedesco per gli anni a venire.

2 OTTOBRE 1919 – IL PRESIDENTE WILSON RIMANE PARALIZZATO A CAUSA DI UN INFARTO – IL POPOLO AMERICANO VIENE TENUTO ALL’OSCURO DEL FATTO PER 1 ANNO E MEZZO

 

Lo stress e la pressione sono troppo per Woodrow Wilson. E’ dal 1912 che il Nuovo Ordine Mondiale sta cavalcando il suo burattino americano. Ora, Wilson è costretto ad intraprendere un tour in tutta America per ottenere il sostegno pubblico che faciliterà l’ingresso degli Stati Uniti nel progetto di governo mondiale conosciuto come “La Società delle Nazioni”. (istituito alla Conferenza di Pace di Parigi).
Durante il suo estenuante viaggio in treno, Wilson ebbe un infarto che lo lasciò paralizzato. Nei successivi 17 mesi, il presidente, indebolito, rimase a letto in punto di morte, a malapena in grado di scrivere il proprio nome. Il mondo esterno non sapeva nulla della malattia di Wilson.

Tutte le comunicazioni con il presidente passavano attraverso la moglie, Edith. Wilson non si riprese mai completamente e morirà nel 1924. La sua terribile eredità (La Fed, L’imposta sul reddito, il sionismo, la prima guerra mondiale, il globalismo, ecc) è una piaga che colpisce tutt’ora gli Stati Uniti.

 

19 NOVEMBRE 1919 – BRUSCA FRENATA PER IL GLOBALISMO – IL SENATO RIFIUTA DI ENTRARE NELLA LEGA DELLE NAZIONI

 

Dopo un’intensa campagna durata un anno per ottenere il sostegno utile all’ingresso nella Società delle Nazioni, il presidente e i suoi capi globalisti ricevettero una dura battuta d’arresto quando il Senato non approvò l’adesione degli Stati Uniti. Le pressioni globaliste costrinsero il Senato a votare per tre volte, ma non si riuscì mai a raggiungere i 2/3 necessari ad ottenere la maggioranza. A guidare l’opposizione sono i senatori Henry Cabot Lodge (R-MA), Warren Harding (R-OH), e William Borah (R-ID).
1919 – ADOLF HITLER DIVENTA IL 7° MEMBRO DI UN PICCOLO GRUPPO POLITICO – SOTTO LA SUA LEADERSHIP IL GRUPPO SI ESPANDE

 

Quando Hitler si unì al Partito tedesco dei lavoratori (DAP) nel 1919, erano presenti solo altri 6 membri nel partito nazionalista. L’artista trentenne non aveva soldi nè contatti politici. Ma il suo talento oratorio, organizzativo e di marketing lo spinsero a prendere le redini del partito.

Gli ipnotizzanti discorsi da birreria, facevano fermare i passanti. Denunciò il trattato di Versailles, l’occupazione alleata, i “criminali di novembre”, i marxisti, la stampa ebraica ed i banchieri internazionali.
Il DAP crebbe rapidamente, reclutando i giovani disoccupati e gli ex soldati scontenti, traditi durante la guerra. Hitler si appellò ai veterani perché lui stesso era un soldato in prima linea, due volte decorato per le gravi lesioni subite, e altre due volte per il grande coraggio.

 

Per rubare reclute alla “destra” nazionalista e alla “sinistra” socialista, Hitler aggiunse semplicemente le parole “nazionale” e “socialista” al nome del partito, trasformandolo in NSDAP.

1919-1920 – I RAID DI PALMER AZZOPPANO I ROSSI – 5000 ARRESTI E 546 DEPORTAZIONI

 

Gli sforzi del procuratore generale A. Mitchell Palmer indebolirono notevolmente i rossi. Sebbene abbia trovato una forte opposizione dalla ACLU, e avesse contro alcuni membri del Consiglio dei Ministri, Wilson Palmer diede una bella lezione ai rossi con le sue ronde e le sue investigazioni.

Nel mese di novembre 1919, Palmer deportò 249 rossi stranieri, tra cui leader del calibro di “Red Emma” Goldman, che ispirò e elogiò il l’omicidio di McKinley nel 1901. Palmer si concentrò poi sugli scioperi marxisti, lasciando il suo giovane assistente, J. Edgar Hoover. Hoover catturò 3000 radicali stranieri. In tutto, vennero arrestati 5000 agitatori stranieri, e 556 rossi pericolosi, verranno cacciati dal territorio americano. Che liberazione!

Storia proibita – La TimeLine del Nuovo Ordine Mondiale (1763-1813)

Questo articolo è l’ inizio di una serie, in più capitoli, dove racconteremo la storia proibita e in gran parte censurata degli ultimi 250 anni. Siete pronti ad affrontare un viaggio che attraversa ben quattro secoli?
1763 – NASCITA DEL NUOVO ORDINE MONDIALE – LA DINASTIA DI BANCHIERI ROTHSCHILDMayer Amschel Rothschild fonda la dinastia Rothschild, l’ azienda famigliare di maggior successo nella storia. Forbes Magazine fa riferimento a lui come ad “uno dei padri fondatori della finanza internazionale”.

L’ impresa originale dei Rothschild aveva sede a Francoforte, in Germania. Rothschild ebbe cinque figli che diramarono la dinastia di banchieri in tutta Europa: Germania, Austria, Italia, Francia e Inghilterra. Divennero finanzieri dei re d’Europa, facendo spesso credito ad entrambe le fazioni in guerra in modo da moltiplicare i guadagni.

Ad oggi, il casato dei Rothschild e i suoi alleati rimangono la forza dominante dietro la finanza internazionale, le Banche Centrali, il Globalismo, l’”Ambientalismo” e la politica della sinistra radicale. La famiglia ebraica-sionista dei Rothschild giocò un ruolo importante nella creazione di Israele nel 1900. (Sionismo)

Mayer Amschel Rothschild può essere soprannominato il “padrino” del Nuovo Ordine Mondiale.

1764 – IL CURRENCY ACT PROIBISCE ALLE COLONIE DI STAMPARE LA PROPRIA VALUTA DEBT-FREE

 

Il Currency Act del 1764 è una legge britannica che impone una determinata politica monetaria alle colonie americane .. La legge estende le disposizioni della legge sulla moneta del 1751 e vieta alle colonie americane di emettere carta moneta senza debito. Questo creò difficoltà finanziare alle colonie. Benjamin Franklin, rappresentante delle colonie a Londra, invitò gli inglesi a respingere il Currency Act.

La legge creò forti tensioni tra le colonie e la madre patria. Quando si riunì il Primo Congresso Continentale nel 1774, si oppose al Currency Act definendolo “sovversivo per i diritti degli americani”.

E’ un fatto poco noto della Rivoluzione americana, che una delle sue cause principali, fu proprio l’impossibilità di stampare la propria valuta senza debito.

5 MARZO 1773 – IL MASSACRO DI BOSTON – LE TENSIONI AUMENTANO QUANDO DELLE TRUPPE BRITANNICHE UCCIDONO 5 COLONI AMERICANI

 

L’aumento delle truppe britanniche a Boston portò ad una situazione di tensione che esplose in risse tra i soldati e i cittadini amanti della libertà. Le truppe britanniche vennero inviate a Boston nel 1768 per aiutare i funzionari a far rispettare le leggi di Townshend, una serie di norme approvate dal Parlamento britannico. Lo scopo delle leggi di Townshend fu quello di rendere i governatori e i giudici coloniali indipendenti dal controllo coloniale, far rispettare le regolamentazioni commerciali, e tassare le colonie senza la loro approvazione.

Quando una folla inferocita di coloni si confrontò con un gruppo di soldati con insulti e palle di neve, i soldati britannici spaventati reagirono in modo eccessivo. Vennero uccisi 5 coloni americani. La notizia del massacro di Boston diffuse uno spirito rivoluzionario in tutte le colonie.

16 DICEMBRE 1773 – IL BOSTON TEA PARTY – I COLONI AMERICANI SI RIBELLANO CONTRO LE TASSE E I MONOPOLI BRITANNICI

 

Il Boston Tea Party venne organizzato, nella colonia britannica del Massachusetts, contro il governo britannico e la mopolistica East India Company che controllava tutto il tè in entrata nelle colonie. Dopo che i funzionari di Boston si rifiutano di restituire tre navi cariche di tè tassato, alla Gran Bretagna, un gruppo di coloni, vestiti da indiani d’America, salì a bordo delle navi e distrusse il tè gettandolo nel porto di Boston.

Il Tea Party fu il culmine di un movimento di resistenza contro il Tea Act, approvato dal Parlamento nel 1773. I coloni si opposero al Tea Act per una serie di motivi, in primo luogo perché viola il loro diritto di essere tassati solo dai rappresentanti eletti. Il Boston Tea Party è una rivolta contro i monopoli di stato sponsorizzati (British East India Company).

19 APRILE 1775 – LA BATTAGLIA DI LEXINGTON E CONCORD – LA RIVOLUZIONE AMERICANA INIZIA CON IL COLPO CHE SI SENTI’ IN TUTTO IL MONDO

La Milizia del Massachusetts stava immagazzinando armi e munizioni nella città di Concord, Massachusetts. Circa 700 truppe britanniche vennero inviate per catturare e distruggere le forniture militari. I leader patrioti entrarono a conoscenza dei piani britannici e si organizzarono di conseguenza. La notte prima del raid britannico, Paul Revere fece la famosa “cavalcata di mezzanotte” per avvertire i miliziani locali (Minutemen).

I primi colpi vennero sparati proprio mentre il sole stava per sorgere a Lexington. Le milizie sono in inferiorità numerica e cadono sotto l’avanzata britannica. A Concord, circa 500 miliziani combatterono e sconfissero le truppe del re. I “cappotti rossi” si ritirarono dopo una battaglia campale in un territorio franco. Altri miliziani arrivarono subito dopo e inflissero pesanti danni agli inglesi, sparando nascosti dietro alberi mentre marciavano verso Boston. La guerra per l’indipendenza americana è iniziata! La battaglia di Lexington e Concord passerà alla storia come “il colpo udito in tutto il mondo.”

1 MAGGIO 1776 – CALENDIMAGGIO – ADAM WEISHAUPT FONDA L’ORDINE SEGRETO DEGLI ILLUMINATI

 

Adam Weishaupt, un professore ebreo/tedesco, costituì l’ordine degli Illuminati il 1 ° maggio 1776 in Baviera (Germania). Si trattò probabilmente di un agente al soldo dei Rothschild, anch’essi dalla Germania. Weishaupt (nome in codice Spartacus) reclutò la cremè dell’élite nella sua società segreta. Gli Illuminati si infiltrarono nelle logge massoniche, le quali furono delle coperture per le loro attività. Cospirarono per rovesciare i governi, distruggere il cristianesimo e creare uno stato mondiale unico, (Nuovo Ordine Mondiale), sul quale l’elite del futuro governerà.

Le autorità bavaresi sciolsero gli Illuminati nel 1784. Le tattiche e gli obiettivi dell ‘ordine, tuttavia, sono chiaramente visibili nella Rivoluzione francese del 1789, e nei successivi complotti globalisti e comunisti. Ad oggi, il 1 ° maggio resta una data importante per i comunisti, gli anarchici, i socialisti e i progressisti.

4 LUGLIO 1776 – A PHILADELPHIA VIENE SIGLATA LA DICHIARAZIONE DI INDIPENDENZA

 

Scritta da Thomas Jefferson e firmata da 56 patrioti americani, la Dichiarazione d’Indipendenza privò la Gran Bretagna delle sue colonie, proponendo l’ideale che i governi esistano per proteggere e servire la gente, non per controllarla. I fondatori credevano che i diritti derivassero da Dio, non dal governo. La libertà e la prosperità sono i risultati di una forma di governo limitata nelle dimensioni e nella potenza. Un governo limitato e decentralizzato, i diritti divini, il fondamento morale, una solida valuta priva di debito, il rispetto della proprietà privata e la tassazione minima rappresentarono l’opposto di quello proposto dagli Illuminati e dalle varie rivoluzioni marxiste.

“Noi riteniamo queste verità di per se stesse evidenti: tutti gli uomini sono creati uguali, dotati dal loro Creatore di alcuni diritti inalienabili, come il diritto alla Vita, alla Libertà e alla ricerca della Felicità -. Che per garantire questi diritti, i governi sono istituiti tra gli uomini da cui derivano potere e consenso, – così che ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tendesse a negare tali fini, è Diritto del Popolo modificarla o abolirla, creando un nuovo Governo . “

1775 – 1783 – LA GUERRA DI INDIPENDENZA AMERICANA

La guerra d’indipendenza americana, (aka la guerra per l’indipendenza) iniziò male per le 13 colonie americane. Gli stessi coloni erano molto divisi fra loro. Il meglio che la “Continental Army” del generale George Washington potesse fare contro i più allenati e meglio attrezzati britannici fu quello di limitare il combattimento diretto e attaccare gli inglesi con azioni di guerriglia. Mentre i “Minutemen” e l’esercito di Washington attirarono gli inglesi in una battaglia di logoramento, Benjamin Franklin visitò Parigi per chiedere ai francesi un supporto per la guerra.
Dopo la vittoria americana a Saratoga nel mese di ottobre ’77, i francesi erano finalmente arrivati in supporto! L’assistenza militare francese avrà un ruolo fondamentale nell’invertire il corso della guerra. Gli inglesi concessero l’indipendenza alle colonie nel 1783.

1781 – 1788 –  LE COLONIE OPERANO SOTTO GLI ARTICOLI DELLA CONFEDERAZIONE E DELL’ETERNA UNIONE

Redatti durante i primi anni della guerra, e ratificati nel 1781, gli Articoli della Confederazione e dell’Unione eterna instaurarono un governo decentrato per le colonie. Ai sensi dello Statuto, le colonie (ora denominate Stati) sono entità sovrane. Per ben sei anni dopo la fine della guerra, gli Stati Uniti non furono una Nazione, ma una lega di stati alleati che vivevano sotto delle regole comuni.
Anche durante la guerra, i fondatori si ritrovarono divisi. Sebbene tutti credessero nella libertà e in un governo limitato, una fazione (I Federalisti) preferivano un governo centrale forte per aiutare ad organizzare gli affari della nazione. L’altra fazione (gli anti-federalisti) temevano che un governo centralizzato poteva danneggiare ed essere pericoloso per la libertà del popolo.

21 GIUGNO 1788 – VIENE RATIFICATA LA COSTITUZIONE DEGLI STATI UNITI – IL POTERE E LA GRANDEZZA DEL GOVERNO SONO FORTEMENTE LIMITATI

Alcuni dei fondatori credettero che gli Articoli della Confederazione fossero troppo deboli perchè il governo reggesse. Per questo motivo, il Congresso Continentale approvò la Costituzione degli Stati Uniti nel 1787, a Philadelphia. Seguirono mesi di dibattito polemico finchè gli Stati ratificarono la Costituzione degli Stati Uniti.

I controlli e i contrappesi incorporati nella Costituzione stabilivano 3 rami del governo, limitandone contemporaneamente il potere. George Washington verrà scelto come il primo Presidente degli Stati Uniti. Il documento limita anche il potere delle masse.
.
Secondo la Costituzione, le tasse e le spese dello Stato sono minime, solo le monete d’oro e d’argento sono riconosciute come moneta. Non vi è alcuna autorizzazione per tassare il popolo, per la creazione di banche centrali e per introdurre regimi di assistenza sanitaria statale.
.
La Costituzione e i suoi originali 10 emendamenti (Bill of Rights) costituiscono un guinzaglio sulla crescita del governo e del potere, e garantiscono delle libertà personali, come ad esempio il diritto alla libertà di espressione politica, il diritto di portare armi e il diritto di non essere sottoposti a perquisizioni o sequestri illeciti.
.
Gli Stati Uniti furono fondati come una repubblica costituzionale (Stato di diritto), e non come una democrazia socialista (regola della maggioranza manipolata).

1790 – ALEXANDER HAMILTON SI SCONTRA CON THOMAS JEFFERSON RIGUARDO LA FONDAZIONE DI UNA BANCA CENTRALE

La prima Banca degli Stati Uniti fu una Banca Centrale con una licenza di 20 anni. E’ il frutto degli sforzi di un banchiere newyorkese, Alexander Hamilton. Hamilton, nacque nelle British West Indies e fu educato in una scuola ebraica, divenne un agente dei vari usurai della finanza. Hamilton fondò la Banca di New York nel 1784.

In qualità di segretario al Tesoro, Hamilton, si scontrò con il Segretario di Stato Thomas Jefferson. Hamilton e la classe mercantile di New York credevano in un governo fortemente centralizzato e in una banca centrale. Jefferson, James Madison (padre della Costituzione) e la classe del sud agricolo credevano invece in un governo decentralizzato e nelle banche locali. Le radici della futura guerra civile americana si possono far risalire, in parte, alla faida tra Jefferson e Hamilton.

Jefferson sostenne che la centralizzazione del potere fosse incostituzionale e pericolosa. Egli scrisse: “… gli istituti bancari sono più pericolosi degli eserciti permanenti.” Hamilton sosteneva invece che, se l’obiettivo della nazione fosse stato quello di crescere, avrebbe avuto bisogno di una moneta standard fornita da una zecca, sostenuta da una Banca Centrale e da accise di vario genere.

FEBBRAIO 1791 – VITTORIA DI HAMILTON – FONDA LA PRIMA BANCA CENTRALE PRIVATA AMERICANA – I PRODUTTORI DI WHISKEY SI RIBELLANO

Il Presidente Washington ascoltò la posizione di Jefferson e quella di Hamilton riguardo la Banca centrale, tuttavia, prese le parti di Hamilton. Negli anni successivi, il presidente John Adams descrisse Hamilton in questo modo: “Il più irrequieto, impaziente, abile, infaticabile cospiratore negli Stati Uniti e forse nel mondo.”

Insieme alla creazione di una zecca e di una accisa, la Banca di Hamilton è una società privata con azionisti stranieri. Per coprire i pagamenti degli interessi verso la Banca, Hamilton impone una tassa sul whisky.

Quando gli agricoltori della Pennsylvania si ribellarono (La ribellione del Whiskey), Hamilton convince Washington a concederli 12000 soldati da condurre personalmente per garantire la conformità dei pagamenti. Il governo è costretto ad utilizzare la forza per raccimolare le tasse necessarie per pagare gli interessi agli azionisti stranieri.

LO SCANDALO DELLA BANCA CENTRALE – LE BANCHE CENTRALI IN POSSESSO DI PRIVATI, CREANO MONETA DEBITO E GUADAGNANO SUGLI INTERESSI 

Quando un grande governo utilizza tutti i soldi che raccoglie con le tasse, ricorre ai prestiti. E’ possibile avviare in prestito vendendo titoli agli investitori, o ai governi stranieri. Quando però i governi vanno in prestito da una banca centrale di proprietà privata, la Banca sta in realtà creando nuovo credito “dal nulla” che presterà al governo con un interesse. L’iniezione di nuovo denaro nell’economia ha l’effetto di ridurre il valore di tutto il denaro esistente (inflazione). Il governo deve quindi tassare i suoi cittadini e rimborsare i prestiti (obbligazioni) della Banca centrale, oltre che gli interessi.

Se il governo dovesse creare moneta senza debito per coprire le spese, potrebbe esserci comunque un leggero effetto inflazionistico, ma non vi sarebbe debito e quindi, il governo, non avrebbe bisogno di tassare il suo popolo per pagare il capitale e l’interesse alla Banca Centrale.

Non ha senso per un governo, pagare gli interessi ad una banca centrale sulla nuova moneta quando può semplicemente creare da sè una valuta priva di interssi!

L’altro metodo con cui le banche centrali predano il popolo sono i prestiti alle banche nazionali. Le banche possono quindi aumentare il numero di prestiti ai loro clienti prendendo in prestito denaro dalla banca centrale (di nuovo, creato dal nulla.) La banca locale prende in prestito il denaro ad un tasso più basso dalla Banca centrale, e lo ripresta ai suoi clienti ad un tasso molto più elevato. Il debito dei consumatori viene quindi massimizzata dato che l’inflazione corrode costantemente il valore del denaro esistente.

I consumatori non beneficiano granchè dal debito, in quanto il nuovo denaro immesso nell’economia guida artificialmente al rialzo il prezzo di ciò che si acquista (bolle).

Insomma, dietro la sua copertura accademica, la Banca Centrale è solo un altro termine per contraffazione legalizzata e usura. Quando una banca centrale, di proprietà di azionisti privati ben collegati, controlla l’offerta di moneta, ogni dollaro di valuta deve essere prestato in circolazione ad un tasso di interesse. Pertanto, vi sarà sempre più debito che denaro in circolazione. Coloro che controllano questa macchina perpetua del debito diventano sempre abbastanza potenti da controllare la nazione.

1789 – 1799 – LA RIVOLUZIONE FRANCESE E IL REGNO DEL TERRORE

La rivoluzione francese fu un periodo in cui avvennero radicali sconvolgimenti in Francia. A differenza della Rivoluzione americana, che pose dei limiti al potere del governo, i radicali atei francesi cercano il potere totale. Il loro grido di battaglia “Libertà, Fraternità, Uguaglianza” sono parole vuote che attirano folle di creduloni.

La rivoluzione portò alla nascita di un folle assassino di nome Robespierre e dei Giacobini. Dal 1793-1794, il “comitato di salute pubblica”, operò come una dittatura in Francia. Si scatenò un “regno del terrore”. Re Luigi XVI, la regina Maria Antonietta, e 40.000 altre persone vennero giustiziate. I Giacobini perseguitarono sacerdoti, suore, e ricchi.
Anche lo stesso Robespierre alla fine venne eliminato. Il direttorio controllò la Francia dal 1795-1799 quando le monarchie europee mossero guerra alla Francia.
Anche se gli storici ritraggono la rivoluzione come una “rivolta spontanea” degli oppressi, il finanziamento del movimento e l’organizzazione disciplinata dei radicali, suggeriscono il contrario. Ci fu il denaro Rothschild dietro la rivolta? Potrebbe essere questo il motivo per cui il colore principale della rivoluzione, fu il rosso? (Rothschild  ”Scudo Rosso”).
Molti altre “rivolte rosse spontanee” seguiranno nel corso dei secoli successivi.

1795 – 1804 – LA CADUTA E LA MORTE DI ALEXANDER HAMILTON

Nel 1795, lo strumento dei banchieri, Alexander Hamilton dovette dimettersi quando si scoprì che frequentava il letto di una donna già sposata (Maria Reynolds).

In data 11 luglio 1804, Hamilton venne ucciso in duello dal Vice Presidente di Thomas Jefferson, Aaron Burr, un rivale politico che l’arrogante Hamilton aveva insultato e diffamato.

17 SETTEMBRE 1796 – IL DISCORSO D’ADDIO DI GEORGE WASHINGTON PREDICE IL FUTURO

 

Nel suo discorso d’addio al Congresso, il grande generale e presidente George Washington, colse l’occasione per consigliare l’America su come proteggere, in futuro, la propria ricchezza e prosperità. I profetici avvertimenti di Washington sono frutto della sua vasta conoscenza della storia. Essi comprendono:

* Attenzione alla formazione dei partiti politici.
* Mantenere la religione e la morale come supporti di un popolo libero.
* Evitare le alleanze straniere e i coinvolgimenti militari.
* Bilanciare il saldo federale ed evitare i debiti statali.
* Tenere la spesa pubblica e le tasse basse.
* Non indebolire la Costituzione degli Stati Uniti con gli emendamenti.
* Non permettere che le differenze settoriali dividano l’Unione.

In Europa, i primi gruppi che sostenevano un nuovo ordine mondiale erano già in attività. In finale, i globalisti attaccheranno l’America (e il mondo) su tutti i punti elencati da Washington.

1798 – JOHN ROBISON PUBBLICA “PROVE DI UNA COSPIRAZIONE CONTRO LE RELIGIONI E I GOVERNI EUROPEI

John Robison fu un eminente fisico e un professore di filosofia presso l’Università di Edimburgo in Scozia. Lavorò con James Watt sulla macchina a vapore prima, e più tardi inventò la sirena. Gli Illuminati tentarono di reclutarlo, ma lui rifiutò. Nel 1798 scrisse “Prove di una cospirazione contro le religioni e i governi Europei”, in cui espose le società segrete che stavano dietro la rivoluzione francese.

Il suo monito per l’Europa è forte: “Si è venuta a costruire un’associazione con gli scopi specifici di sradicare tutti gli istituti religiosi e rovesciare tutti i governi esistenti … i leader governeranno il mondo con un potere incontrollabile, mentre il resto del popolo diventerebbe semplicemente uno strumento nelle loro mani. “

1789 – 1815 I CINQUE FIGLI DI ROTHSCHILD PORTANO IL CAPITALE IN TUTTA EUROPA DIFFONDENDO IL LORO IMPERO FINANZIARIO

 

Dopo aver accumulato un’enorme fortuna nella città di Francoforte (Germania), Mayer Amschel Rothschild inviò i suoi cinque figli all’estero per espandere l’impero di famiglia in tutta Europa. Ognuno dei fratelli emergerà come attore dominante della finanza, e abile manovratore politico, nei rispettivi paesi. I cinque figli e le cinque sotto-dinastie sono le seguenti:

Anselm: Rimase a Francoforte per gestire l’impero di famiglia in Germania.
Salomon: Vienna, Austria
Nathan: Manchester, e poi Londra, Inghilterra
Carl: Napoli, Italia
Jacob: Parigi, Francia

Dei 5, Nathan a Londra (“The City of London”) diventerà il più ricco e potente dei fratelli. Il suo potere supererà anche quello delle altre dinastie esistenti ebree che possedevano la Banca d’Inghilterra (Montefiore, Goldschmidt, Mocatta).

I Rothschild di Londra furono il cuore pulsante di quel movimento secolare, il cui obiettivo era quello di abbattere la civiltà europea e costruire il nuovo ordine mondiale al suo posto.

1799 – L’ASCESA DI NAPOLEONE BONAPARTE

Il leader militare Napoleone Bonaparte emerse dal caos rivoluzionario della Francia per ristabilire l’ordine. Si installò come Primo Console nel 1799. Cinque anni dopo, il Senato francese lo dichiarò Imperatore di Francia. Come Imperatore dal 1804 al 1815, Napoleone attuerà una serie di riforme giuridiche che portano il nome di Codice Napoleonico.

La spedizione di Napoleone in Egitto è la principale ragione per cui oggi conosciamo così bene l’antico Egitto. Portò un team di 160 scienziati, astronomi, ingegneri, architetti, artisti e interpreti per registrare e documentare quello che avrebbero trovato.

Le famiglie reali d’Europa continuavano a muovere guerra alla Francia. Gran Bretagna, Russia, Austria, Prussia e Spagna si unirono in opposizione a Napoleone. Le battaglie seguenti conosciute come guerre napoleoniche, furono un’eredità del passato e non una provocazione di Napoleone

Dopo una serie di vittorie incredibili, la Francia si affermò come la prima potenza continentale d’Europa costruendo alleanze.

1803 – L’ACQUISTO DELLA LOUISIANA – PIUTTOSTO CHE FARSI PRESTARE SOLDI DALLE BANCHE, NAPOLEONE VENDETTE LA LOUISIANA AGLI STATI UNITI

Napoleone aveva bisogno di soldi per finanziare la guerra tra Francia e nazioni europee, ma si oppone all’idea di debito pubblico e di banca centrale. Napoleone scrisse:

“Quando un governo dipende dai banchieri per il denaro, questi ultimi controllano la situazione e non i leader politici, dato che la mano che dà è al di sopra della mano che riceve. Il denaro non ha patria;. I finanzieri non sanno cosa sia il patriottismo e non hanno alcuna decenza, il loro unico scopo è il profitto. ‘

Invece di strisciare dai Rothschild, uno dei modi con cui Napoleone raccolse fondi fu quello di vendere il territorio della Louisiana agli Stati Uniti. Così facendo, chiuse anche un possibile fronte, da cui la Gran Bretagna avrebbe potuto muovere guerra.

17 MAGGIO 1808 – IL DECRETO DI NAPOLEONE CONTRO I PRESTITI DI DENARO

 

In risposta alle crescenti lamentele e preoccupazioni riguardo agli usurai ebrei (e non solo), Napoleone, nel 1806, sospese tutti i debiti nei confronti degli usurai. Nel 1808, si spinse oltre emettendo un decreto a cui i finanzieri fanno riferimento come al “Decreto infame”.

Napoleone voleva che gli ebrei abbandonassero le loro pratiche tradizionali (prestiti di denaro) e diventassero agricoltori e artigiani. Il suo decreto limitava fortemente la pratica del prestito, e annullava tutti i debiti nei confronti delle donne sposate, dei minori, e dei soldati. Ogni prestito che aveva un tasso di interesse superiore al 10 per cento venne annullato.
Napoleone fu molto tollerante nei confronti degli ebrei francesi. e venne ammirato da molti di loro. I suoi sforzi volti a regolamentare l’usura, tuttavia, sconvolsero i finanzieri ebrei e segnarono per sempre il suo destino.

I Fratelli Rothschild cercarono di distruggere Napoleone prima che la sua filosofia monetaria anti-debito potesse prendere piede in europa.

1811 – LA LICENZA VENTENNALE DELLA BANCA CENTRALE AMERICANA STA PER SCADERE MENTRE LE TENSIONI CON LA GRAN BRETAGNA CRESCONO

 

La licenza ventennale di Alexander Hamilton era in procinto di scadere. Il presidente James Madison si era opposto alla Banca nel 1791, e non aveva nessuna voglia di rinnovare il permesso. I “federalisti” (Hamiltoniani) al Congresso cercarono di prorogare ulteriormente la licenza e aumentare i rapporti con i britannici. I “democratici-repubblicani” (Jeffersoniani) ovviamente erano di opinioni opposte.

Il voto per rinnovare la Carta era vicino, ma la fazione anti Banca Centrale prevalse. In questo momento della storia, le tensioni tra Gran Bretagna e Stati Uniti crebbero. La Gran Bretagna era in guerra con Napoleone e stava bloccando la Francia. Durante il blocco, le navi statunitensi vennero assalite e i marinai fatti prigionieri. La giovane repubblica americana sembrava essere diretta verso una 2° guerra contro la sua ex madre patria, che ormai apparteneva a Nathan Rothschild.

11 MAGGIO 1812 – IL PRIMO MINISTRO INGLESE PERCEVAL SPENCER VIENE ASSASSINATO APPENA PRIMA DI POTER FARE PACE CON GLI STATI UNITI

 

Il primo ministro britannico Spencer Perceval entrò nella hall della Camera dei Comuni. Stava per affrontare una riunione dove si sarebbe discusso a riguardo della situazione americana e di una possibile tregua. Un uomo di nome John Bellingham estrasse una pistola e sparò a Perceval da distanza ravvicinata. Pereceval morì. Bellingham venne processato e impiccato appena una settimana dopo.

Nel 1787, Bellingham era un guardiamarina su una nave che venne affondata da dei marinai ammutinati. Nel 1803, lavorò per breve tempo in Russia, dove fu imprigionato per aver sabotato una nave russa. Questi incidenti suggeriscono che Bellingham fosse un politico radicale e non solo un  folle killer.

Il modo strano in cui Bellingham venne ucciso, la mancanza di indagini approfondite, il suo arresto in Russia e l’incombente guerra delle banche in America, fanno pensare che Bellingham potesse essere stato un capro espiatorio radicale, utilizzato da autorità superiori per eliminare un primo ministro disobbediente.

Questo è il primo di una lunga serie di omicidi politici e tentati omicidi, che afflissero l’Europa e l’America nei successivi 200 anni. In molti di questi casi, sarà un radicale emotivamente instabile a portare a termine il lavoro sporco“.

18 GIUGNO 1812 – LA STRANA GUERRA DEL 1812 HA INIZIO

L’assassinio del primo ministro Perceval ritardò lo sforzo di migliorare le relazioni con gli Stati Uniti. Se Perceval fosse vissuto, la politica britannica durante la guerra delle restrizioni commerciali europee e dell’assalto alle navi americane sarebbe stata evitata, mantenendo la pace. La morte di Perceval ritardò l’ordine di rescissione e la guerra ebbe inizio solo 5 settimane dopo l’assassinio. Gli stessi Hamiltoniani-Federalisti, che volevano rinnovare La Banca Centrale, si opposero anche alla decisione di Madison di combattere gli inglesi. Dopo la fine della guerra, nel 1814, i federalisti verranno percepiti come anti-patriottici e il loro partito politico crollò.

Il successore di Perceval, Robert Jenkinson (Lord Liverpool) eliminò, successivamente, le restrizioni al commercio, ovvero la causa dichiarata della guerra. A questo punto, però, il gesto è privo di significato, in quanto la guerra era già iniziata. Che Liverpool fosse sincero, o volesse solamente addossare la colpa della guerra agli Stati Uniti, è una questione aperta al dibattito.

1812 – 1814 – NATHAN ROTHSCHILD FINANZA LA GUERRA CONTRO NAPOLEONE

 

Dalla sua base, nel quartiere finanziario di Londra, (“The City”) Nathan Rothschild finanziò la guerra per sconfiggere Napoleone. Le spedizioni di oro verso il continente europeo finanziarono gli eserciti del duca di Wellington e anche quelli degli alleati della Gran Bretagna. I fratelli Rothschild coordinano le loro attività in tutto il continente, e svilupparono una rete di agenti, spedizionieri e corrieri, per il trasporto di oro attraverso l’Europa devastata dalla guerra.

La combinazione di denaro Rothschild, gli alleati e un rigido inverno russo si rivelarono distruttivi anche per l’esercito francese. I generali di Napoleone lo costrinsero ad abdicare nel mese di aprile del 1814. Luigi XVIII fu installato come sovrano di Francia. Napoleone venne esiliato all’isola d’Elba al largo della costa italiana, dove ebbe autorità sui 12.000 abitanti dell’isola.

24 agosto 1814 – GLI INGLESI INVADONO WASHINGTON E BRUCIANO LA CASA BIANCA

Le forze britanniche occuparono Washington DC. Diedero fuoco alla Casa Bianca e ad altri edifici importanti, tra cui la tesoreria, Il Campidoglio e la Biblioteca del Congresso. Meno di due giorni dopo il saccheggio di Washington, gli inglesi furono costretti alla ritirata, quando un violento uragano colpì Washington. La tempesta anomala spense la maggior parte degli incendi, uccise le truppe britanniche e danneggiò molte delle loro navi.

Il presidente Madison e il resto del governo poterono tornare rapidamente alla Città Campidoglio. La leggenda narra che la “Divina Provvidenza” inviò la tempesta mantenendo gli inglesi a distanza. Più tardi, quello stesso anno, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti fecero pace.

1814 -1815 – IL CONGRESSO DI VIENNA RIDISEGNA L’EUROPA

Dopo la sconfitta di Napoleone nel 1814, le potenze europee tennero una serie di incontri a Vienna, Austria. I confini politici vennero ridisegnati e i vecchi conflitti regolati. Queste conferenze sono conosciuti come ‘”Il Congresso di Vienna”. Anche se parteciparono molte nazioni, il Congresso fece capo alle “Big Four” ovvero Gran Bretagna, Prussia, Russia e Austria. Una delle decisioni più importanti raggiunte a Vienna fu il consolidamento dei 360 piccoli stati tedeschi, in una Confederazione tedesca di 38 stati.

Le misure prese dalle quattro grandi potenze garantirono che le future controversie venissero affrontate in maniera più civile, rispetto agli ultimi 20 anni. Anche se, il Congresso di Vienna conservò il “rapporto di forza” tra le nazioni europee, non contrastò minimamente la diffusione dei movimenti rivoluzionari rossi che stavano nascendo e che si diffusero in tutta Europa circa 30 anni più tardi.

Bilanciare il potere servì ai globalisti per controllare le varie nazioni, senza che nessuna potesse prendere il sopravvento sulle altre. I Rothschild e i loro agenti eserciteranno presto un’enorme influenza finanziaria nei confronti di tre delle quattro “Big Four”. Solo la Russia rimase totalmente libera dai tentacoli della piovra Rothschild.

26 FEBBRAIO 1815 – NAPOLEONE SCAPPA DALL’ISOLA D’ELBA! 

 

Separato dalla moglie e dal figlio, Napoleone stordì l’Europa fuggendo dall’isola d’Elba con una manciata di sostenitori e di soldati. Dopo l’attracco sulla terraferma francese, fu affrontato da un reggimento di soldati. Napoleone si avvicinò, smontò da cavallo e gridò:

“Eccomi. Uccidete il vostro imperatore, se lo desiderate.”

I soldati risposero: “Viva l’Imperatore!” e marciano con Napoleone a Parigi!

Luigi XVIII fuggì. Il 13 marzo 1815, la Gran Bretagna, la Prussia la Russia e l’Austria dichiararono di voler porre fine al suo dominio. Napoleone mise in piedi rapidamente un esercito. Affrontò ancora una volta i Rothschild i quali finanziarono inglesi e prussiani nella battaglia decisiva di Waterloo in Belgio. (n.d.r. penso che andrei d’accordo con Napoleone)

18 GIUGNO 1815 – NATHAN ROTHSCHILD SFRUTTA LA SUA RETE DI CONTATTI PER ANNUNCIARE IN ANTICIPO LA SCONFITTA DI NAPOLEONE E CATTURARE FINANZIARIAMENTE LA GRAN BRETAGNA

I fratelli Rothschild utilizzarono piccioni per comunicare rapidamente tra di loro e con i loro agenti. La rete fornì a Nathan Rothschild informazioni politiche e finanziarie, in anticipo rispetto ai suoi pari, dandogli un vantaggio nei mercati finanziari. Dopo la definitiva sconfitta di Napoleone a Waterloo (Belgio), Rothschild venne a sapere del risultato della battaglia ben prima di chiunque altro. Utilizzò queste “informazioni privilegiate” per diventare sommo maestro della Gran Bretagna.

Rothschild ordinò ai suoi intermediari di vendere le sue partecipazioni. Gli altri agenti di cambio supposero che Rothschild avesse appreso della sconfitta della Gran Bretagna a Waterloo. Il mercato finanziario toccò dei minimi storici. Rothschild, quindi, lo comprò ad un prezzo stracciato.
.
Quando il pubblico venne a sapere della vittoria della Gran Bretagna su Napoleone, gli stock schizzarono nuovamente ai vertici! Nathan Rothschild moltiplicò la sua fortuna già massiccia da ben 20 volte! La casa dei Rothschild aveva definitivamente assunto il controllo finanziario della Gran Bretagna.
Napoleone fu esiliato nell’isola di Sant’Elena, 1000 miglia al largo della costa dell’Africa occidentale. Morirà da quello che sembrò essere avvelenamento da arsenico nel 1821.

1816 – LA BESTIA E’ TORNATA – LA SECONDA BANCA CENTRALE AMERICANA

 

Cinque anni dopo la chiusura della Banca Centrale americana e solo due anni dopo l’incendio della Casa Bianca, la Seconda Banca degli Stati Uniti fu votata dagli stessi membri del Congresso che votarono contro la proroga nel 1811. Dopo la guerra del 1812, Madison e altri  jeffersoniani anti-banche cambiarono sponda, soprattutto trovando grosse difficoltà nel coprire i debiti di guerra. Ci fu per caso un accordo per ristabilire una Banca Centrale, al fine di “calmare” i Rothschild britannici?

La tempistica della nuova licenza, l’assassinio di Perceval, la guerra e l’improvvisa decisione di accettare una Banca Centrale, suggeriscono che la strana guerra del 1812 fosse in realtà una guerra delle banche. Come nel caso della prima Banca Centrale, anche questa ebbe una licenza di 20 anni, fu una società privata e i suoi azionisti principali erano legati all’asse New York-Londra. La Banca ebbe il potere di costruire il debito, creando moneta dal nulla ed inserendola poi nell’economia con gli interessi.

Nel 1819, la Banca stava già creando la sua prima bolla immobiliare. Il denaro messo in circolazione dalla Banca alzò i prezzi. Quando la bolla del 1819 esplose, i mutuatari non furono in grado di rimborsare i loro prestiti originali, con un conseguente abbassamento nel valore delle loro proprietà.

La mano nascosta che ha manipolato la storia

Il corso della storia è stato diretto da un ristretto gruppo di persone con gli stessi interessi comuni? I dipinti e le immagini dei grandi uomini del passato rivelano un filo comune che li lega insieme. È una coincidenza, che molti di loro nascondevano una mano, quando posavano per un ritratto? Sembra improbabile. Vedremo l’origine massonica della “mano nascosta” e gli uomini potenti che utilizzarono questo segno.

leadhidden

Stalin e Washington – Due ideologie opposte lo stesso gesto con la mano

“L’attuale idea di uno stato mondiale democratico non è nè un nuovo trend, né una circostanza accidentale,

 il lavoro per creare il background di conoscenze necessarie per la costituzione di una democrazia illuminata fra tutte le nazioni, viene portato avanti da secoli dalle società segrete. “
-Manly P. Hall, Secret Destiny of America

Vi è una forza nascosta dietro gli importanti eventi dei secoli passati? Sono, in ordine, la caduta delle monarchie europee, la nascita dell’epoca dei Lumi e il nostro cammino verso una democrazia mondiale parte di un piano più grande guidato da una “mano invisibile”? Prima dell’avvento dei mass media, gli unici artefatti che la gente possedeva dei loro leader erano dei loro dipinti in pose maestose. Potrebbero avere un significato occulto?

Una di queste pose consiste nello “nascondere una mano”. Ricordo la mia insegnante di storia nell’intento di spiegare perchè Napoleone venisse spesso raffigurato con una mano sotto la giacca. La spiegazione comune la si può trovare in queste righe:

“Molte teorie sono state presentate per spiegare perché Napoleone viene tradizionalmente raffigurato con la mano nel panciotto. Aveva un ulcera allo stomaco, stava caricando l’orologio, aveva una malattia pruriginosa della pelle, nella sua epoca era scortese mettere le mani in tasca, aveva un cancro al petto, aveva una mano deforme, teneva una bustina profumata nel panciotto che annusava di nascosto o infine che ai pittori non piacesse dipingere le mani “
-Tom Holmberg

A meno che tutti gli individui descritti in questo articolo abbiano avuto un’ulcera allo stomaco o le mani deformi, il gesto di nascondere una mano ha un valore ben specifico. In effetti è così. La maggior parte delle persone che utilizzano questo segno hanno dimostrato (spesso entusiasticamente) di essere membri della massoneria. Considerando la grande importanza di questo gesto, nei rituali massonici e considerando il fatto che tutte le elite erano parte della massoneria o ne erano a conoscenza, è semplicemente impossibile che il ripetersi di questa posa sia il risultato di una coincidenza. La “mano invisibile” può, infatti, essere trovata nei rituali del Royal Arch Degree of Freemasonry e i leader mondiali che usano questo segno stanno sottilmente comunicando agli altri iniziati dell’ordine: “Questo è ciò di cui faccio parte, questo è ciò in cui credo, ed è per questo che sto lavorando “.

IL ROYAL ARCH DEGREE

tripleTauLa tripla Tau

Il Royal Arch Degree (il 13 ° grado del Rito Scozzese o il 7 ° grado del Rito York) è molto importante nella tradizione massonica. Durante questo grado, gli iniziati riceveranno le grandi verità massoniche.

“I membri di questo grado vengono chiamati compagni, e sono pronti per ricevere una spiegazione completa sui misteri dell’ordine”; mentre nei gradi precedenti venivano riconosciuti con l’appellativo comune di “fratelli”e mantenuti nella più bieca ignoranza sul segreto sublime. Tutto ciò seguendo l’abitudine di Pitagora, che usava distinguere i suoi allievi. Dopo un periodo di prova di cinque anni, come detto prima, venivano ammessi alla presenza del precettore, che li chiamava compagni, concedendo loro la possibilità di discutere liberamente con lui. “
-John Fellows, Fellows’s Inquiry into the Origin, History, and Purport of Freemasonry

“Se arriviamo al Royal Arch, abbiamo la possibilità di accedere a delle conoscenze meravigliose e trovare in ogni cosa la perfezione, perché questo è il non plus ultra della Massoneria, e non potrà mai essere superato da qualsiasi istituzione umana.”
-George Oliver, Lezioni sulla Massoneria

E’ a questo punto che l’iniziato impara il sacro nome di Dio.

Un grado indescrivibilmente più nobile, sublime e importante di tutti quelli che lo precedono, ed è, di fatto, il vertice e la perfezione della Massoneria antica. Impressiona nelle nostre menti la fede in Dio, senza essere vicini agli ultimi tempi, il grande e incomprensibile alpha e omega, ricordandoci il rispetto che è dovuto al suo santo nome “.
-George Oliver, Historical Landmarks

Questo sacro nome è Jahbulon, una combinazione di parole che significa “dio” in siriaco, in caldeo ed egiziano.

“Geova. Tra le varietà in cui questo nome è utilizzato nelle nazione della Terra, tre di esse meritano la particolare attenzione dei Massoni del Royal Arch Degree:

1. JAH. Questo nome di Dio si trova nel Salmo 68, v 4.

2. Baal o BEL. Questa parola indica un signore, un padrone, o un possessore venne infatti utilizzato da molte delle nazioni del Medio Oriente per indicare il Signore di tutte le cose, e il Maestro del mondo.

3. ON. Questo era il nome con cui veniva venerato JEHOVAH tra gli egiziani “.
-Malcolm C. Duncan, Duncan’s Masonic Ritual and Monitor

Il rituale di iniziazione a questo grado rievoca il ritorno a Gerusalemme di tre massoni tenuti prigionieri a Babilonia. Non voglio allargarmi descrivendo tutta la cerimonia e il simbolismo, ma ad un certo punto, viene chiesto all’iniziato di imparare una parola segreta e un segno della mano in modo da poter attraversare una serie di “veli”. La seguente immagine mostra il segno della mano necessario per passare attraverso il secondo velo, come documentato nel Duncan’s Masonic Ritual and Monitor:

second_veil

“Maestro del Secondo Velo: “Hai assunto i ruoli di tre maestri eccellentissimi, o non saresti potuto arrivare fino a qui, non potrai proseguire oltre senza i miei consigli, i miei segni e le mie parole di esortazione. Le mie parole sono Shem, Japhet, e Adoniram, il mio segno è questo: (nascondendo la mano nel petto), è ad imitazione di quella data da Dio a Mosè, quando comandò lui di infilarsi la mano nel petto, e, tirandola fuori si accorse che era diventata bianca come la neve. La mia parola di esortazione è esplicativa di questo segno, e si trova negli scritti di Mosè, cioè, al quarto capitolo dell’Esodo “.:

“E il Signore disse a Mosè: Metti ora la tua mano nel tuo petto. E mise la mano sul proprio petto, e quando lo tirò fuori, ecco che la mano era diventata lebbrosa, bianca come la neve “
-Malcolm C. Duncan, Rituali Massonici Duncan e Monitor

Come detto sopra, questo gesto della mano si dica essere ispirato dal capitolo dell’Esodo 4:6. In questo versetto biblico, il cuore (“petto”) sta per ciò che siamo, la mano per quello che facciamo. Può quindi essere interpretato in questo modo:Quello che siamo è ciò che in ultima analisi, facciamo. Il significato simbolico di questo gesto potrebbe spiegare il motivo per cui è così ampiamente utilizzato dai massoni più importanti. La mano nascosta consente agli altri iniziati di sapere che l’individuo raffigurato nell’opera fa parte della confraternità segreta e che le sue azioni sono ispirate dalla filosofia massonica e dalle sue credenze. Inoltre, la mano che esegue le azioni viene nascosta da un vestito, che simbolicamente si riferisce alla natura occulta delle azioni massoniche. Ecco alcuni degli uomini famosi che hanno utilizzato questo gesto.

NAPOLEONE BONAPARTE

key-147-651Napoleone, un massone riconosciuto, nel suo studio a Tuileries, 1812

Napoleone Bonaparte (1769-1821) era un capo militare e politico della Francia, le cui azioni modellarono la politica europea del 19° secolo. Venne iniziato alla Army Philadelphe Lodge nel 1798. I suoi fratelli, Joseph, Lucian, Louis e Jerome, erano pure loro massoni. Cinque dei sei membri del Grand Councel dell’Impero erano massoni, così come sei dei nove funzionari imperiali e 22 dei 30 marescialli di Francia. L’associazione di Bonaparte alla Massoneria è sempre stata messa in secondo piano dai registri storici. Il ricercatore massonico J.E.S. Tuckett affronta la situazione:

“E’ strano come le prove a favore dell’appartenenza del Grande Napoleone alla Fratellanza massonica non siano mai state esaminate in dettaglio, in quanto sicuramente sarebbe interessante – in un periodo in cui la massoneria era in piena diffusione e espansione – capire i vari collegamenti che intercorrevano tra gli uomini di potere dell’epoca”

Nel suo saggio su Napoleone e la Massoneria, Tuckett afferma:

“Ci sono prove incontestabili che Napoleone conoscesse la natura, gli obiettivi e l’organizzazione della Massoneria: che approvò ed utilizzò ai suoi scopi”
-J.E.S. Tuckett, Napoleon I and Freemasonry (Fonte)

Si dice che Napoleone venisse aiutato anche dalle forze occulte. Nel 1813 fu sconfitto a Lipsia e un ufficiale prussiano scopì il suo libro sul destino. Originariamente questo “oracolo” venne scoperto in una tomba reale egiziana, durante una spedizione militare francese del 1801. L’imperatore ordinò che il manoscritto venisse tradotto da un famoso studioso e antiquario tedesco. Da quel momento in poi, il libro/oracolo fu uno dei beni più preziosi di Napoleone. Lo consultò in molte occasioni e si dice abbia “costituito uno stimolo per le sue imprese più speculative e di maggior successo.”

Napoleans-Book-of-Fate-002

KARL MARX

marx2

Karl Marx è oggi noto per essere il fondatore del comunismo moderno. Seppur negato da alcuni massoni, Marx fu un 32 ° grado del Grande Oriente. Marx divenne il portavoce del movimento ateo e socialista d’Europa. Progettò la sostituzione delle monarchie con delle repubbliche socialiste, trasformandole infine in repubbliche comuniste.

GEORGE WASHINGTON

wahing

George Washington fu uno dei Padri Fondatori degli Stati Uniti ed è considerato il “più importante massone americano”. Charles Willson produsse questo dipinto quando Washington aveva 52 anni. Si noti la posizione dei piedi di Washington: formano una squadra allungata. La posizione dei piedi è di fondamentale importanza nel simbolismo massonico. Confronta questa opera con questo schema di Duncan:

masonicstpes

WOLFGANG AMADEUS MOZART

Mozart_c.1777

Wolfgang Amadeus Mozart è considerato uno dei compositori più prolifici e influenti della musica di sempre. Era anche un massone iniziato nella loggia austriaca di Zur Zur Wohltätigkeit il 14 dicembre, 1784. Le creazioni di Mozart spesso incorporarono importanti elementi massonici. L’opera il “Flauto Magico” è basata quasi completamente su principi massonici.

“La musica dei Massoni conteneva frasi musicali e forme con specifici significati semiotici. Ad esempio, la cerimonia di iniziazione massonica comincia con il candidato che bussa alla porte 3 volte per richiedere l’ammissione. Questo si esprime musicalmente con una figura tratteggiata. Ad esempio,

170px-DottedFigure

Questa figura appare nell’overture dell’opera di Mozart, Il Flauto Magico, suggerendo l’apertura della iniziazione massonica “.
– Katherine Thompson, The Masonic Thread in Mozart

La progressione musicale de, Il Flauto Magico, si basa sul Rapporto Aureo (1,6180 …), la proporzione di tutto ciò che è considerato divino dalle scuole misteriche.

Qui ci sono composizioni create da Mozart realizzate per essere utilizzate nelle logge massoniche:

  • Lied (canzone) “Gesellenreise, da utilizzare con i nuovi arrivati”
  • Cantata per tenore e coro maschile Die Maurerfreude (“The Mason Joy”)
  • La Musica funebre massonica (Maurerische Trauermusik)
  • Due canzoni per celebrare l’apertura del “Zur Neugekrönten Hoffnung”
  • Cantata per tenore e pianoforte, Die die ihr unermesslichen Weltalls Schöpfer ehrt
  • La Piccola Cantata Massonica (Kleine Freimaurer-Kantate) intitolata Laut verkünde unsre Freude, per solisti, coro maschile e orchestra

MARCHESE DE LAFAYETTE

lafayette

Il Marchese de Lafayette era un massone di 33 ° grado. Secondo l’opera di Willam R. Denslow “10.000 massoni famosi”, Lafayette fu un ufficiale militare francese, che divenne generale nella guerra d’indipendenza americana e uno dei leader della Garde Nationale durante la sanguinosa Rivoluzione francese. Lafayette fu anche eletto Comandante Onorario del Gran Consiglio Supremo di New York. Più di 75 corpi massonici negli Stati Uniti sono stati chiamati a suo nome, tra cui 39 logge e 7 enti del Rito Scozzese.

SALOMON ROTHSCHILD

Salomon_Rothschild

Salomon Rothschild fu il fondatore del ramo viennese della importante famiglia di Mayer Amschel Rothschild. La famiglia più potente del mondo, ha fortemente influenzato le politiche di Germania, Francia, Italia e Austria. I Rothschild furono i principali attori coinvolti nella creazione del sionismo e dello Stato di Israele.

Il potere dei Rothschild è andato ben oltre i confini della loggia massonica. Si dice facciano parte delle 13 famiglie degli illuminati (clicca qui per leggere la loro storia).

SIMON BOLIVAR

Simon_Bolvar

Conosciuto come “El Libertador” (il Liberatore), Bolivar venne considerato il “George Washington del Sud America”​​. Si unì alla massoneria a Cadice, in Spagna, ricevette i gradi del Rito Scozzese a Parigi e fu nominato cavaliere in una commenda di Cavalieri Templari in Francia nel 1807. Bolivar fondò e fu maestro della Protectora de las Vertudes Lodge No. 1 in Venezuela. Il paese della Bolivia porta il suo nome. Bolivar fu anche il presidente della Colombia, del Perù e della Bolivia nel 1820. Appartenne alla Order and Liberty Lodge No. 2 in Peru.

Notate nell’immagine sopra la posizione dei suoi piedi e il motivo a scacchiera del pavimento, anche esso massonico. La sua posizione potrebbe essere stata ispirata anche dai Knights of Christian Mark Degree come illustrato di seguito:

conclave

 

JOSEPH STALIN

Posterstalin

Il regno del terrore di Stalin, in Unione Sovietica portò alla morte di milioni di suoi connazionali. Viene spesso mostrato nelle foto con il gesto della mano coperta. Non ci sono documenti ufficiali che provano l’infiltrazione di Stalin nella massoneria. Naturalmente, i dittatori come Stalin controllarono strettamente tutte le informazioni riguardanti se stessi e i loro affari, rendendo difficile provare un fatto che li riguarda. Nascondere la sua mano, però, tradisce la sua appartenenza alla confraternita.

stalin121

 

Dopo che venne ucciso nel 1940 il giovane uomo alla destra di Stalin è stato cancellato dalla foto

IN CONCLUSIONE

Come visto in precedenza, i leader che utilizzano il gesto della “mano nascosta” ebbero un grande influenza sulla storia del mondo. Questo gesto è un dettaglio evidente ma ancora largamente trascurato, che allude all’accettazione delle filosofie occulte. Comprendendo questo fatto e riconoscendo l’enorme influenza che questi leader hanno avuto nel corso della Storia, possiamo cominciare a capire la forza nascosta che guida il mondo verso la democrazia internazionale.

I membri di queste confraternite potrebbero aver mantenuto opinioni diverse e aver anche aderito a diverse fazioni (capitalismo contro comunismo), ma la filosofia di fondo, le convinzioni e gli obiettivi finali furono sempre gli stessi: l’avvento di una “età della ragione e dell’Illuminismo”. Naturalmente, ogni serio ricercatore è già a conoscenza del ruolo della Massoneria nel dispiegarsi della storia del mondo. Il gesto della “mano nascosta”, così spesso usato da personaggi storici è semplicemente l’espressione esteriore di questa realtà poco conosciuta. Come Confucio disse: “I simboli governano il mondo, non le parole né le leggi.” Le parole e le politiche di queste persone finiranno per essere confuse e dimenticate, ma la loro immagine rimarrà per i secoli a venire.

Fonte

La misteriosa connessione tra Sirio e la storia umana

Sin dai tempi antichi e tra diverse civiltà, Sirio, la stella del cane, è circondata da una misteriosa tradizione . Gli insegnamenti esoterici di tutte le età hanno sempre attribuito a Sirio un ruolo di primo piano e la sua importanza nel simbolismo occulto è una riprova di questo fatto. Cosa rende così speciale Sirio? E’ semplicemente dovuto al fatto che è la stella più luminosa in cielo? Oppure perchè l’ umanità ha un legame tanto antico quanto misterioso con essa? Questo articolo esaminerà l’ importanza di Sirio nel corso della storia e delle società segrete descrivendo il simbolismo che circonda l’astro.

leadsiri

Sirio si trova nella costellazione del Cane Maggiore – conosciuta anche come il Grande Cane – per questo è nota come la “stella cane”. E’ 20 volte più luminosa del nostro sole ed ha una massa doppia. Di notte, Sirio è la stella più luminosa nel cielo ed il suo riflesso bianco-blu ha sempre stupito gli osservatori del cielo, fin dai tempi più antichi. Non c’è da meravigliarsi se il culto di Sirio è rimasto in vita praticamente in tutte le civiltà.

Gli artefatti delle antiche civiltà hanno rivelato come Sirio fosse di grande importanza nell’astronomia, nella mitologia e nell’Occultismo. Le scuole misteriche lo considerano il “sole dietro il sole” e, quindi, la vera fonte della potenza del nostro sole. Se il calore della nostra stella mantiene vivo il mondo fisico, Sirio mantiene vivo quello spirituale. E’ la “vera luce” che brilla a est, la luce spirituale, contrapposta alla luce del sole che illumina il mondo fisico, la quale viene considerata una grande illusione.
Associare Sirio al divino e considerarlo addirittura la casa dei “grandi maestri” dell’Umanità non fa parte della mitologia di poche civiltà primitive: Si tratta di una convinzione diffusa che è sopravvissuta (e pure intensificata) fino ai giorni nostri. Prenderemo in esame l’importanza di Sirio nei tempi antichi, ne analizzeremo l’importanza tra le società segrete e vedremo come questi concetti vengono tradotti nella cultura popolare.

sirius.gif

NELLE ANTICHE CIVILTA’

In Egitto, Sirio era considerata la più importante stella del firmamento. Infatti, fu astronomicamente il fondamento dell’intera religione egiziana. Venne venerato come Sothis e fu associato ad Iside, la dea madre della mitologia egizia. Iside è il principio femminile della trinità formata con Osiride e Horus il loro figlio. Gli antichi Egizi consideravano così importante Sirio che quasi tutte le divinità, in un modo o nell’altro, erano associate alla stella. Anubis, il dio della morte con la testa di cane, ha un evidente connessione con la stella e anche Thoth-Hermes, il grande maestro dell’umanità, è legato esotericamente alla stella.

Il calendario egiziano era basato sul sorgere elicoidale di Sirio che si verifica poco prima dell’inondazione annuale del Nilo durante l’estate. I moti dei corpi celesti venivano osservati e venerari anche dagli antichi Greci, Sumeri, Babilonesi e da innumerevoli altre civiltà. La stella veniva dunque considerata sacra e la sua apparizione nel cielo era accompagnata da feste e celebrazioni. La stella del cane annuncia l’arrivo delle giornate calde e secche di luglio e agosto, da qui il detto popolare “la canicola estiva”.

Diversi ricercatori occulti sostengono che la Grande Piramide di Giza venne costruita in perfetto allineamento con le stelle, soprattutto con Sirio. La luce proveniente da queste stelle si diceva venisse utilizzata nelle cerimonie misteriche egiziane.

“Questo antico popolo (gli egiziani) sapeva che una volta l’anno il Sole si allineava con la Stella del Cane. La Grande Piramide, venne costruita in modo che, in questo sacro momento, la luce della Stella del Cane lambisse l’uscita superiore della Grande Galleria, la quale scendendo sulla testa del sacerdote, lo investiva della Super Forza Solare e cercava attraverso il suo corpo solare perfetto di trasmettere agli altri Iniziati questa ulteriore stimolazione per aiutarli nel loro processo di evoluzione divina. Questo era dunque lo scopo della “Pietra di Dio`, nel rituale dove Osiride si siede per concedere (all’illuminato) la corona Atef o luce celeste. “Seguendo gli insegnamenti dell’antico Egitto la luce non è altro che l’ombra della luce invisibile.” 1

Recenti scoperte scientifiche relative alla Grande Piramide e ai suoi misteriosi “condotti d’areazione” hanno portato i ricercatori a confermare ulteriormente l’importanza di Sirio.

Star-alignment-Great-Pyramid.gifL’allineamento della stella con la Grande Piramide di Giza. Orione (associato al dio Osiride) è allineato con la Camera del Re, mentre Sirio (associato alla dea Iside) è allineato con la Camera della Regina.

Un aspetto affascinante di Sirio è la coerenza del simbolismo e dei significati ad esso collegati. Diverse grandi civiltà hanno infatti associato Sirio ad una figura canina vedendo la stella, come origine o fine di una forza misteriosa. Nell’astronomia cinese e giapponese, Sirio è conosciuta come la “stella del lupo celeste”. Diverse tribù aborigene del Nord America si riferiscono alla stella in termini canini: le tribù dei Seri e dei Tohono O’odham del sud-ovest descrivono Sirio come un “cane che segue le pecore di montagna”, mentre i Blackfoot la chiamano “Faccia di cane”. I Cherokee unirono Antares con Sirio attribuendole il significato di stella del “cane costude” a guardia del “Sentiero delle Anime”. La tribù degli Skidi del Nebraska la conosceva come la “Stella del Lupo”, altre come la “Stella Coyote”. Più a nord, gli Inuit dell’Alaska dello Stretto di Bering la chiamano “Luna cane”. 2

LA TRIBU’ DEI DOGON E ATLANTIDE

 

Nel 1971, lo scrittore americano Robert Temple pubblicò un controverso libro intitolato “Il mistero di Sirio” dove sostenne che i Dogon (un’antica tribù africana del Mali) conoscevano dettagli su Sirio impossibili da scoprire senza un telescopio. Secondo lui, i Dogon compresero la natura binaria di Sirio, che è, infatti, composta da due stelle di nome Sirio A e Sirio B. Questo portò Robert Temple a credere che i Dogon avessero dei collegamenti “diretti” con gli esseri provenienti da Sirio. Mentre alcuni potrebbero dire (you can’t be Sirius);), un gran numero di società segrete (le quali, compresero tra le loro fila, alcune delle persone più influenti del mondo) e sistemi di credenze insegnano che esiste una connessione mistica tra l’umanità e Sirio .

Nella mitologia Dogon, l’umanità si dice fosse nata dai Nommo, una razza di anfibi che abitava un pianeta in orbita attorno a Sirio. La leggenda continua dicendo che “discesero dal cielo in un vascello che produceva fuoco e tuoni” e insegnarono all’uomo profonde conoscenze. Questo portò Robert Temple a teorizzare che i Nommo fossero extraterrestri abitanti di Sirio che, ad un certo punto, in un lontano passato, arrivarono sulla Terra per insegnare alle antiche civiltà (come gli Egiziani e i Dogon) nozioni riguardo il nostro sistema solare e quello di Sirio. Queste civiltà avrebbero poi riportato gli insegnamenti dei Nommo nelle loro religioni rendendoli punti focali degli insegnamenti misterici.

Il sistema mitologico Dogon è sorprendentemente simile a quello di altre civiltà come i Sumeri, gli Egizi, i Babilonesi e gli israeliti in quanto include il mito archetipico di un “grande maestro che proviene dall’alto”. A seconda della civiltà, questo grande maestro è noto come Enoch, Thoth o Ermete Trismegisto e si dice abbia insegnato all’umanità le scienze teurgiche. Nelle tradizioni occulte, si ritiene che Thoth-Hermes fosse il maestro del popolo di Atlantide, che, secondo la leggenda, divenne la civilità più avanzata del pianeta prima del Diluvio Universale (resoconti di un diluvio possono essere trovati nel mitologie di innumerevoli civiltà). I sopravvissuti di Atlantide navigarono verso vari paesi, tra cui l’Egitto, dove diffusero le loro avanzate conoscenze. Gli occultisti ritengono che le inspiegabili somiglianze tra civiltà lontane (come i Maya e gli Egizi), possano essere spiegate da un comune contatto con Atlantide.

 “Fu messa al sicuro la conoscenza religiosa, filosofica e scientifica posseduta dai chierici di Atlantide, dopo che la catastrofe cancellò ogni traccia dell’isola? Il culto solare atlantideo è stato perpetuato nel ritualismo e cerimonialismo cristiano e pagano. Sia la croce che il serpente erano emblemi Atlantidei della sapienza divina. I progenitori (Atlantidei) divini dei Maya e dei Quichés dell’America centrale coesistevano all’interno della luminosità verde/azzurra di Gucumatz, il serpente “piumato”. I sei saggi “nati nei cieli” si manifestarono come centri di luce uniti o sintetizzati dal settimo – e capo – del loro ordine, il serpente “piumato”. Il titolo di serpente “alato” o “piumato” fu applicato a Quetzalcoatl o Kukulcan, l’iniziato dell’America centrale. Il centro della saggezza/religione Atlantidea era presumibilmente un grande tempio piramidale che si ergeva sul bordo di un altopiano nel bel mezzo della Città dalle Porte d’Oro. Da qui i sacerdoti iniziati alla sacra piuma uscivano, portando le chiavi della Saggezza Universale fino agli estremi confini della terra.

(…)

    Dagli Atlantidei il mondo non ha solo ricevuto un patrimonio inestimabile di arti, misteri, filosofie, scienze, etica e religioni, ma anche un’eredità di odio, conflitti e perversione. Gli Atlantidei fomentarono e scatenarono la prima guerra e si disse che tutte le guerre successive vennero combattute in uno sforzo inutile per giustificare la prima e poter eventualmente correggere l’errore che la causò. Prima che Atlantide sprofondasse, i suoi iniziati spiritualmente illuminati, i quali si resero conto che la loro terra era stata condannata in quanto si era allontanata dalla Via della Luce, scapparono dallo sfortunato continente. Portando con se le dottrine sacre e segrete, questi Atlantidei si stabilirono tra gli egiziani, dove divennero i loro primi governanti “divini”. Quasi tutti i grandi miti cosmologici che formano la base dei vari libri sacri del mondo si basano sui rituali dei Misteri Atlantidei. “3

Thoth-Ermete Trismegisto, è l’equivalente dei Nommo Dogon, i quali si ritiene provenissero da Sirio? I testi antichi riguardanti Hermes lo descrivono come un maestro dei misteri “porveniente dalle stelle”. Inoltre, Thoth-Hermes era direttamente collegato con Sirio nella mitologia egizia.

   “La stella del cane: la stella veniva adorata dagli egiziani e riverita dagli occultisti, dal popolo, perché il suo sorgere eliaco con il Sole, era un segno delle benefiche inondazioni del Nilo, dai mistici perché viene misteriosamente associata a Toth- Hermes, dio della saggezza, e a Mercurio, in un’altra forma. Così Sothis-Sirio aveva, ed ha ancora, un’influenza mistica e diretta sopra il creato, ed è collegato a quasi ogni dio e dea. Fu “Iside nel cielo” e venne chiamato Iside-Sothis, in quanto Iside era “nella costellazione del cane”, come dichiarato nei monumenti a lei dedicati. Essendo connessa con la Piramide, Sirio era, quindi, collegata ai rituali iniziatici che avevano luogo in essa. “4

    “Il trattato Trismegistico ‘La Vergine del Mondo’ si riferisce al ‘Rito Nero’, collegato con l’Osiride Nero, come il più alto grado iniziatico segreto possibile, nell’antica religione egizia – è l’ultimo segreto dei misteri di Iside. Questo trattato dice che Hermes giunse sulla Terra per insegnare agli uomini la civiltà per poi “tornare di nuovo fra le stelle”, a casa, lasciandosi alle spalle la tradizione misterica egiziana con i suoi segreti celesti che un giorno forse, verranno decodificati. “5

Interpretare la mitologia delle culture antiche, non è una scienza esatta e le connessioni sono intrinsecamente difficili da provare. Tuttavia, il collegamento simbolico tra Sirio e la conoscenza occulta è sempre presente nel corso della storia attraversando immutato il corso dei secoli. Infatti, lo si venera oggi come lo si venerava millenni fà. Le moderne società segrete come la massoneria, i Rosacroce e la Golden Dawn (considerati ordini ermetici in quanto i loro insegnamenti si basano su quelli di Ermete Trismegisto) attribuiscono tutte, un significato fondamentale alla stella. Uno sguardo preparato al loro simbolismo può evidenziare la profonda connessione tra Sirio e la filosofia occulta.

SIRIO NEL SIMBOLISMO OCCULTO E NELLE SOCIETA’ SEGRETE

Affermare che Sirio è “importante” per gli ordini ermetici sarebbe un eufemismo. La stella del cane è niente di meno che il fulcro degli insegnamenti e del simbolismo delle società segrete. Una prova di questo fatto: molte si sono ispirate a Sirio per il proprio nome.

NEI TAROCCHI

maj17Il diciassettesimo Arcano Maggiore si chiama Les Etoiles (Le stelle in francese), e ritrae una ragazza inginocchiata con un piede in acqua e con la posizione del corpo che ricorda in qualche modo una svastica. Ha due urne, che riversa in mare e in terra. Sopra la testa della giovane donna ci sono otto stelle, una delle quali è eccezionalmente ampia e luminosa. Il Conte de Gébelin considera la grande stella Sothis o Sirio e le altre sette come i sacri pianeti degli antichi. Ritiene che la figura femminile sia Iside nell’atto di provocare le inondazioni del Nilo che accompagnano il sorgere della stella del Cane. La figura nuda di Iside potrebbe significare che la natura non riceve la sua verde veste fino alle inondazioni del Nilo le quali rilasciano la vita germinale di piante e fiori. 6

 

IN MASSONERIA

Nelle logge massoniche, Sirio è conosciuto come la “Stella Splendente”. Uno semplice sguardo alla sua importanza nel simbolismo massonico rivelerà chiaramente la sua estrema importanza. L’autore massonico, William Hutchinson, scrisse su Sirio: “Nella Loggia è il primo e più elevato oggetto su cui va posta l’attenzione”. Allo stesso modo in cui la Luce di Sirio si faceva strada nella grande piramide durante i riti di iniziazione, così oggi è possibile ritrovare il suo simbolo all’interno delle logge massoniche.

     “Gli antichi astronomi videro tutti i grandi simboli della massoneria nelle stelle. Sirio brilla nelle nostre logge come la Stella Splendente. “7.

masonic-floor-21-e1304188737534Sirio, la stella fiammeggiante, al centro del pavimento massonico.

IMG_7911-e1304189249578La stella fiammeggiante risplende sui membri di una loggia massonica

“(La Stella Fiammeggiante) rappresentava in origine Sirio, o stella del cane, il precursore della inondazione del Nilo, il dio Anubi, compagno di Iside nella sua ricerca del corpo di Osiride, suo fratello e marito. Divenne poi l’immagine di Horus, il figlio di Osiride. Figlio di Iside, la quale rappresentava la natura universale, era lui stesso materia primitiva, fonte inesauribile di Vita, scintilla creatrice, seme universale di tutti gli esseri viventi. Fu inoltre Hermes il Dio della Conoscenza, il cui nome in greco è quello di Mercurio. “8

In massoneria, viene insegnato che la stella fiammeggiante è un simbolo di divinità, di onnipresenza (il Creatore è presente ovunque) e di onniscienza (il Creatore vede e sa tutto). Sirio è quindi il “luogo sacro” verso il quale tutti i massoni devono ambire: E’ la fonte del potere divino e la destinazione degli individui divini. Questo concetto è spesso rappresentato nell’arte di ispirazione massonica.

sirius-look04Nell’arte massonica Sirio viene ritratto come la meta del percorso di ogni massone

Per raggiungere la perfezione, l’iniziato deve correttamente comprendere e interiorizzare la duplice natura del mondo (bene e male, maschile e femminile, bianco e nero, ecc) attraverso una metamorfosi alchemica. Questo concetto è simbolicamente rappresentato dall’unione di Osiride e Iside (il principio maschile e femminile) che da vita a Horus, la star-child, la figura simile a Cristo, l’uomo perfetto della Massoneria – il quale viene identificato con la Stella Fiammeggiante.

    “Il sole e la luna … rappresentano i due grandi principi … il maschio e la femmina … entrambi illuminano loro figlio, la stella fiammeggiante, o Horus.” 9

Il geroglifico egiziano che rappresenta Sirio è stato esotericamente interpretato come una rappresentazione di questa trinità cosmica.

siriushieroglyph1-e1304782865737Il geroglifico che rappresenta Sirio contiene tre elementi: un obelisco “fallico” (che rappresenta Osiride), una cupola “simile ad un utero” (che rappresenta Iside) e una stella (che rappresenta Horus)

Questo concetto è così cruciale per i massoni, che è stato incorporato in alcune delle strutture più importanti del mondo.

siriusIl Washington Monument, un obelisco egizio che rappresenta il principio maschile, è collegato direttamente con la cupola del Campidoglio, che rappresenta il principio femminile. Insieme producono un’energia invisibile Horus, rappresentata da Sirio. (Per ulteriori informazioni sul Washington Monument, leggete questo articolo).

Come affermato sopra da Albert Pike, il dio egizio Horus e la stella Sirio vengono spesso associati. Nel simbolismo massonico, l’occhio di Horus (o occhio che tutto vede) è spesso raffigurato circondato dalla scintillante luce di Sirio.

McL_masonic12-e1304203538489Una tavola massonica raffigurante il sole sopra la colonna di sinistra (che rappresenta il maschile), la luna sopra la colonna di destra (che rappresenta il femminile) e Sirio sopra il pilastro centrale, che rappresenta l’ “uomo perfetto” o Horus, il figlio di Iside e Osiride. Si noti l’​​”occhio di Horus” in Sirio.

sirius-final04-e1304203670110L’occhio di Horus all’interno di un triangolo (a simboleggiare la divinità) circondato dai bagliori/raggi di Sirio.

blazing2L’occhio che tutto vede all’interno della stella fiammeggiante, nell’arte massonica

Data la correlazione simbolica tra l’occhio che tutto vede e Sirio, l’immagine successiva diventa auto-esplicativa.

09108La luce dietro all’occhio che tutto vede sulla banconota da un dollaro americano non proviene dal sole, ma da Sirio. Un omaggio a Sirio quotidianamente portato nelle tasche di milioni di cittadini.

L’ORDINE DELLA STELLA D’ORIENTE

OES-Symbol.gifIl simbolo dell’ordine della stella d’oriente è molto simile alla stella fiammeggiante della massoneria

Considerata la “versione femminile” della massoneria (anche gli uomini tuttavia possono entrarci), l’Ordine della Stella d’Oriente (OES) venne chiamata così in onore di Sirio, la “Stella che sorge a Oriente”. Una spiegazione per il “grande pubblico” sulle origini del nome dell’Ordine sostiene che deriva dalla “Stella d’Oriente” che portò i Tre Magi presso la grotta della natività di Gesù Cristo. Uno sguardo al significato occulto del simbolismo dell’Ordine rende tuttavia chiaro che OES è un riferimento a Sirio, la stella più importante della Massoneria, l’organizzazione madre dell’ordine.

sister_in_the_desertUn’opera dell’Oes che ritrae Sirio sopra la grande piramide

MADAME BLAVATSKY, ALICE BAILEY E LA TEOSOFIA

Helena Blavatsky e Alice Bailey, le due principali figure associate alla Teosofia, considerano entrambe Sirio fonte di potere esoterico. La Blavatsky affermò che Sirio esercita un’influenza mistica su tutti gli esseri viventi ed è collegato ad ogni grande religione dell’antichità.

Alice Bailey vede la Stella del Cane come la vera “Grande Loggia Bianca” e crede che sia il luogo d’origine della “Gerarchia Spirituale”. Per questo motivo si considera Sirio, come la “stella dell’iniziazione”.

“Questa è la grande stella dell’iniziazione perché la nostra Gerarchia (espressione del secondo aspetto della divinità) è sotto la supervisione o sotto il controllo spirituale magnetico della Gerarchia di Sirio. Queste sono le principali influenze di controllo con cui il Cristo cosmico lavora sul principio del Cristo nel sistema solare, nel pianeta, nell’uomo e nelle espressioni inferiori della vita. Viene esotericamente chiamata la “brillante stella della sensibilità.” 10

Non diversamente dalla maggior parte degli scrittori esoterici, Bailey ritiene che Sirio abbia un grande impatto nella vita umana.

“Tutto quello che si può fare nel trattare questo importante tema è elencare brevemente alcune delle influenze cosmiche che sicuramente influiscono sulla nostra terra producendo risultati nelle coscienze di ogni individuo e che durante i rituali iniziatici producono certi tipi di fenomeni.”

     In primo luogo vi è l’energia o forza emanata dalla stella Sirio. Cercando di esprimere a parole il concetto, l’energia del pensiero, o forza mentale, nella sua totalità, raggiunge il sistema solare da un lontano centro cosmico attraverso Sirio. Sirio funziona da trasmettitore, o da punto focale, da cui partono quelle influenze che producono l’autocoscienza nell’uomo. “11

ALEISTER CROWLEY, L’A.A. E KENNETH GRANT

Nel 1907, Crowley fondò il suo ordine occulto chiamandolo A.A. – Abbreviazione di Astrum Argentium, che può essere tradotto con ‘L’Ordine della Stella d’Argento’. La ‘Stella d’Argento’ era, naturalmente, un riferimento a Sirio. Anche se Crowley si riferì quasi sempre alla stella del cane in termini velati, tutta la sua filosofia magica, dal suo sviluppo ai tempi della massoneria arrivando fino agli ultimi anni nell’OTO, era completamente in linea con l’influenza Siriana, che venne identificato ed espresso da altri scrittori della sua epoca. Il presunto contatto con il suo Santo Angelo Custode che lo portò successivamente alla stesura del ‘Liber AL:The Book Of The Law’ tramite canalizzazione (fece da medium per l’”Angelo), si crede abbia avuto origine da Sirio.

Se Crowley utilizzava parole in codice per descrivere Sirio, il suo protetto Kenneth Grant scrisse esplicitamente e ampiamente sulla stella del cane. Nei suoi numerosi libri, descrive spesso Sirio come un potente centro di potere magico magnetico. La sua convinzione che la stella fosse la chiave centrale per svelare i misteri delle tradizioni egiziane e tifoniane si rafforzò nel tempo e divenne lo scopo principale delle sue ricerche. Una delle tesi più importanti e controverse di Grant fu la sua scoperta della “corrente Sirio / Set”, che è una dimensione extra-terrestre che connette Sirio, la Terra e Set, il dio Egiziano del Caos – che verrà associato in seguito a Satana.

    “Set è l’iniziatore, il mezzo di apertura delle coscienze umane ai raggi del Dio immortale Sirio – il Sole del Sud” 12.

 “Sirio, o Set, fu “l’uno senza testa” originale – la luce della regione inferiore (al sud) conosciuta (in Egitto) come An (il cane), quindi Set-An (Satana), il signore delle regioni infernali, il luogo del calore,  a cui venne dato successivamente il nome di “inferno” da una interpretazione moralistica. “13

Anche se ogni filosofia occulta descrive Sirio in maniera leggermente differente, viene ancora considerato il “sole dietro il sole”, la vera fonte del potere occulto. La stella viene reputata la culla della conoscenza umana e persiste la convinzione che vi sia un forte collegamento tra la razza umana e questo astro. C’è un vero collegamento tra Sirio e la Terra? La stella del cane è un simbolo esoterico che rappresenta qualcosa che avviene nel regno spirituale? E’ entrambe le cose? Un fatto è certo, il culto di Sirio non è una “cosa del passato” anzi è più vivo che mai ai giorni nostri. Un sguardo in profondità alla nostra cultura popolare, pesantemente influenzata dal simbolismo occulto, rivela numerosi riferimenti a Sirio.

SIRIO NELLA CULTURA POPOLARE

I riferimenti diretti a Sirio nella cultura popolare, sono troppi da elencare (ad esempio, provate a visualizzare il nome ed il logo della più importante radio satellitare del mondo). Un aspetto più interessante da analizzare sono i riferimenti codificati a Sirio. Importanti film hanno infatti, al loro interno, dei velati ma profondi riferimenti alla stella del cane (apparentemente destinati a coloro “che sanno”), dove la star interpreta lo stesso ruolo che avrebbe nelle scuole misteriche: quello di insegnante divino o iniziatore. Ecco alcuni esempi.

pinocIn Pinocchio della Disney, basato su una storia scritta dal massone Carlo Collodi, Geppetto prega la stella più luminosa del cielo perchè gli conceda un “bambino vero”. La fata turchina (il suo colore è un riferimento alla brillantezza azzurra di Sirio), discende allora dal cielo per dare vita a Pinocchio. Nell’impresa che vedrà il burattino tentare di diventare un ragazzo (un’allegoria per l’iniziazione esoterica), la fata turchina guiderà Pinocchio sulla “retta via”. Sirio viene quindi rappresentato come fonte di vita, una guida e un maestro. (Per ulteriori informazioni vedi l’articolo sull’interpretazione esoterica di Pinocchio)

Anche la colonna sonora del film Pinocchio è un’ode a Sirio:

When you wish upon a star, makes no difference who you are
Anything your heart desires will come to you

If your heart is in your dreams, no request is too extreme
When you wish upon a star as dreamers do

(Fate is kind, she brings to those who love
The sweet fulfillment of their secret longing)

Like a bolt out of the blue, fate steps in and sees you thru
When you wish upon a star, your dreams come true

siriusblackIn Harry Potter, il personaggio Sirius Black è un probabile riferimento a Sirio B. (la stella più “scura” del sistema binario di Sirio ‘). E’ il padrino di Harry Potter, il che rende Sirio, ancora una volta, un maestro e una guida. Il mago può trasformarsi in un grosso cane nero, un altro collegamento alla “stella del cane”.

0_SiriusIn “The Truman Show”, un riflettore – utilizzato per imitare la luce di una stella nel mondo fittizzio di Truman – cade dal cielo sfiorandolo. L’etichetta sul riflettore lo identifica come Sirio. L’incontro tra Sirio e Truman diede a quest’ultimo un assaggio di “vera conoscenza” e stimolò la sua ricerca della verità. Sirio è dunque la “stella dell’iniziazione”. Ha fatto capire a Truman i limiti del suo mondo costruito (il nostro mondo materiale) conducendolo verso la libertà (l’emancipazione spirituale).

CONCLUDENDO

Dagli albori della civiltà fino ai tempi moderni, dalle remote tribù dell’Africa alle grandi capitali del mondo moderno, Sirio era – ed è ancora visto come portatore di vita. Nonostante la disparità tra le culture e le epoche, vengono riconosciuti gli stessi attributi misteriosi alla stella del cane, che può indurci a chiederci: come possono tutte queste definizioni sincronizzarsi in modo così perfetto? Esiste una fonte comune per questi miti di Sirio? La stella del cane è da sempre associata alla divinità ed è considerata una fonte di conoscenza e potere. Queste connessioni sono particolarmente evidenti quando si esaminano gli insegnamenti e la simbologia delle società segrete, che insegnano da sempre l’esistenza  di un collegamento mistico con questo particolare corpo celeste. C’è un legame segreto tra l’evoluzione umana e Sirio? Risolvere questo enigma significherebbe svelare uno dei più grandi misteri dell’umanità.

Fonte

L’antico segreto della svastica e la vera storia della razza bianca

La razza bianca è stata volutamente tenuta all’oscuro riguardo all’ ancestrale religione induista, che venne praticata in tutta l’ Europa preistorica, per migliaia di anni, prima della nascita del cristianesimo. Come risultato, la razza bianca ha “perso la bussola” e dimenticato “chi è” spiritualmente, scartando l’introspezione, nella selvaggia ricerca di denaro e beni materiali. Esamineremo la moderna censura della religione Hindu e la soppressione del suo simbolo chiave, la svastica. Vedremo come, di conseguenza, i bianchi abbiano dimenticato il loro passato, il loro futuro e la grandezza delle loro antiche dottrine spirituali.

images (3)

L’ induismo, con i suoi elevati concetti spirituali di anima eterna, reincarnazione, Karma, Yoga, Terzo Occhio e Nirvana (concetti che molti bianchi oggi stanno misteriosamente riabbracciando), è una tradizione religiosa europea ormai perduta, la quale nacque molto prima del cristianesimo e dell’ebraismo. Questa non è una congettura razzista o una opinione non supportata, è un fatto provato nel mondo accademico.

SVASTICHE TROVATE NELLE ROVINE DELL’ANTICA EUROPA

Tutte le antiche culture europee, come gli Etruschi, i Greci, i Romani, i Galli, i Celti, ecc praticavano lo stesso tipo di alta religione spirituale, l’induismo. Possiamo ancora trovare il simbolo centrale di questa religione, la svastica, in tutti i principali rinvenimenti archeologici europei. Questo studio dell’università di Yale del 1898 ci fornisce una mappa di questi ritrovamenti:

Map-of-Europe-Swastikas-Yale-StudyLe svastiche nell’europa antica, secondo uno studio della Yale University del 1898

Swastika-on-Minoan-Pottery-CreteSvastica su un vaso di ceramica minoico (Creta)

Swastika-on-Roman-MosaicSvastica in un antico mosaico romano

Terracotta-jug-swastika-Otre di terracotta con svastica, proveniente da Creta. Museo Archeologico Nazionale. Atene.

La maggior parte delle persone associano l’induismo all’India. Questo è corretto. Ma l’induismo non è nato in India. Venne portato in India, secondo gli studiosi. Questi ultimi ritengono che, prima di stabilirsi in Europa, i nomadi “ariani” (o razza bianca) invasero l’India antica da nord, portando con sé l’induismo e introducendolo nel subcontinente.

(NOTA: Ci hanno insegnato a scuola che il termine “ariano” rappresenta l’ideale Hitleriano di una “razza superiore” con i capelli biondi e gli occhi azzurri. Questa tuttavia è una bugia bella e buona. Storicamente, “ariano” ha sempre significato “razza bianca”, cioè gli europei. Per centinaia di anni prima della seconda guerra mondiale, gli studiosi universitari di tutto il mondo usarono il termine “ariano” per indicare i “bianchi”. (Fate una semplice ricerca in Google books e vedrete).

L’induismo è ancora praticato nell’India odierna. L’Europa invece è andata incontro ad un destino diverso. L’introduzione del cristianesimo, duemila anni fa, sradicò la razza caucasica dalle sue radici religiose indù, gettando l’Europa nei Secoli Bui da cui la popolazione, in generale, tentò, fallendo in molti modi, di emergere.

L’origine segreta dell’induismo e della razza bianca viene svelata, in una cronaca affascinante conosciuta negli ambienti accademici come l’antica “Invasione Ariana dell’India”. Ancora una volta, non si tratta di una teoria marginale, ma è accettata dalla stragrande maggioranza degli studiosi del mondo, archeologi, professori e accademici.

L’INVASIONE ARIANA DELL’INDIA

Gli storici hanno creduto per secoli, che l’India preistorica, terra natale della svastica, simbolo chiave dell’induismo, fosse la patria di due razze: gli Ariani dalla pelle chiara e i Dravidi dalle pelle scura.

La teoria dell’invasione ariana dell’India postula che i Dravidi erano il popolo nativo dell’India moltissimo tempo fa e ad un certo punto vennero invasi da nord da una sofisticata razza caucasica di guerrieri nomadi, gli ariani. La vittoria degli Ariani fu rapida e completa e scelsero di rimanere, abbandonando il loro stile di vita nomade, amalgamandosi con i nativi. Gli Ariani insegnarono ai Dravidi la loro avanzata cultura e religione, il loro simbolo chiave cioè la svastica, portando infine il loro dominio culturale e linguistico fino alla parte settentrionale del subcontinente. Gli ariani istituirono il sistema delle caste e si stabilirono, come quella dominante al fine di proteggere la loro pelle bianca e mantenere il loro sangue puro. Questi ariani, secondo gli storici, sono coloro che composero i sofisticati scritti vedici; questi testi costituiscono il cuore della religione dell’Induismo.

Dall’India, gli Ariani migrarono poi verso ovest in Europa, portando la cultura nelle zone che si sono poi evolute in Germania, Gran Bretagna, Francia, Spagna, Italia, Polonia, e così via. Ogni bianco caucasico americano che possa rintracciare le origini della sua famiglia in Europa è un discendente di questi ariani.

Di nuovo, questa non è un opinione, rappresentano studi accademici. In Barbarian Tides, una pubblicazione dal 1982 della prestigiosa biblioteca Time-Life Books, ci viene detto:

“Costoro, gli ariani, avrebbero condiviso le loro istiturzioni sociali nel subcontinente indiano divulgando una cultura spirituale unica, l’induismo”.

“Il concetto di casta nasce dall’estrema coscienza di razza: la parola originale usata per “casta” significa “colore”.

Ciò ha una conseguenza interessante: Molto prima del cristianesimo, la maggior parte dei caucasici europei praticò la religione che oggi chiamiamo induismo. Se gli Ariani portarono l’induismo in India e gli europei discendono dagli ariani, ne deriva che tutti gli antenati dei popoli europei, ad un certo punto, praticarono una forma di induismo.

Naturalmente, la maggior parte dell’occidente oggi, ha capito che il simbolo della svastica era sacro per gli Indù che vivevano in India. E’ visibile nei templi, negli altari, nelle scritture religiose, venivva utilizzata inoltre nei matrimoni, nei festival, dipinta sulle case e presente su vestiti e gioielli.

SVASTICHE IN INDIA

Hindu-Temple-SwastikasSvastiche in un tempio Indù

Indian-Hindu-with-swastika-guitarSvastiche nella chitarra di un musicista

Hindu-Temple-in-India-with-SwastikasSimbolo della svastica in un tempio Indù

In ogni caso pochissimi occidentali si ricordano che la svastica una volta era il più importante e prolifico simbolo europeo.

SVASTICHE NELL’EUROPA ANTICA

Swastika-lyon-france
Svastica dall’antica Gallia. Museo gallo-romanico, Lione, Francia.

Floor-with-swastikas-spain

Mosaico romano decorato con svastiche a La Olmeda, Spagna

Artemis-with-swastikasArtemide con Svastica, Grecia 700 a.c.

Poco dopo l’incredibile scoperta della mitica città di Troia nel 1870 da parte dell’archeologo tedesco Heinrich Schliemann (1822-1890), vennero rinvenuti una moltitudine di artefatti recanti la svastica nelle rovine della città. Dopo aver consultato due studiosi di sanscrito, Emile Burnouf e Max Müller, Schliemann si convinse che fosse un importante simbolo religioso ariano. Burnouf, un orientalista francese, ritenne che la svastica fosse una prova non solo della migrazione verso ovest delle tribù ariane provenienti dall’India, ma anche un collegamento simbolico alla sofisticata religione induista.

Nel suo libro del 1896, The Swastika: The Earliest Known Symbol and its Migrations, Thomas Wilson, già curatore del Dipartimento di antropologia preistorica nel Museo Nazionale degli Stati Uniti, scrisse a riguardo della svastica:

“Alcune autorità sono del parere che si tratti di un simbolo ariano che venne utilizzato prima della loro dispersione in Asia e in Europa. Si tratta di un bel soggetto di indagine e potrebbe forse spiegare come la svastica sia stata diffusa tra svariati popoli, per l’effetto di vari esodi della popolazione in Europa e Asia “.

-Thomas Wilson

Nel 20 ° secolo, immagini di svastiche vennero scoperte su manufatti di tutta Europa: mosaici, fregi, sculture, e dipinti, utilizzati dagli Etruschi, dai Romani, dagli Scandinavi, dai Sabini, dai Frigi e dai Greci.

Al di fuori dell’Europa, la svastica venne rinvenuta in alcune città-stato della Mesopotamia, sulle antiche reliquie iraniane e ittite e utilizzate in TIbet dalla fede autoctona Bön. La svastica è importante anche per il buddismo e per il giainismo – moderne rivisitazioni della religione antica induista.

Dalai-Lama-with-SwastikasIl Dalai Lama con svastiche

Swastikas-on-Japanese-Buddhist-Temple-300x266Svastica in un tempio buddhista giapponese

Japanese-Buddhist-Temple-SwastikaSvastica in un tempio buddhista giapponese

 

IL REVIVAL DELLA SVASTICA IN EUROPA – “DIO E’ MORTO”

Poco dopo la scoperta di Schliemann, la svastica andò di moda tra i bianchi europei, molti dei quali cominciarono a denunciare in massa il cristianesimo e a vedere la svastica come l’autentico emblema della loro origine europea. Il movimento si diffuse tra i bianchi in tutto il mondo:

Edmonton-SwastikasThe Edmonton Swastikas, Canada 1916

Boys-Swastika-Basketball-Team-San-FranciscoSquadra di pallacanestro con svastica, San Francisco, 1908

Swastika-Rudyard-KiplingAutore e massone inglese, Rudyard Kipling (1865-1936) utilizzava la svastica nella copertina dei suoi libri.

Clara-Bow-with-swastikasL’attrice Clara Bow con svastiche su colletto e cappello, 1920

cocacola-swastika-fobUn originale cavatappi della Coca Cola a forma di svastica

 

A quei tempi, anche gli scritti dell’influente filosofo tedesco del 19 ° secolo Friedrich Nietzsche (1844-1900) aiutarono a riportare in auge la svastica. Nietzsche è famoso per la sua appassionata denuncia al monoteismo biblico. La sua frase famosa era “Dio è morto” in Così parlò Zarathustra (1883).

Cosa intese Nietzsche con questa sua frase provocatoria?

Nietzsche accusa che la religione cristiana, sia stata una bufala perpetrata da “ebrei” (stando a quanto affermò) e progettata per metterli in una posizione di potere, influenza e autorità. L’obiettivo ebraico, secondo lui, era quello di elevare il Dio guidaico a Dio del Mondo, stabilendo la religione del Nuovo Testamento sulle fondamenta del loro dell’Antico Testamento:

“… Il cristianesimo [..], non è un movimento contro l’ebraismo, ma piuttosto la sua conseguenza… anche oggi il cristiano può sentirsi anti-ebraico senza rendersi conto che esso stesso è la conseguenza ultima del giudaismo … “

-Friedrich Nietzsche

Già nel Rinascimento, molti europei erano già disposti ad abbandonare la tradizione biblica, che veniva percepita estranea alle loro origini. Dal 19 ° secolo, gli studiosi europei e i laici cominciarono a riscoprire il proprio patrimonio religioso. Questo movimento Anti Giudeo/Cristiano acquisì moltissima popolarità tra gli studiosi, gli accademici e gli intellettuali, come Aldous Huxley, che diffidò sempre dal monoteismo. Nel suo articolo ‘one and many” Huxley afferma che:

“Il monoteismo, come noi la conosciamo in Occidente, è stato inventato dagli ebrei”

-Aldous Huxley

I seguaci delle religioni abramitiche/semitiche del Giudaismo, del Cristianesimo e dell’Islam non utilizzano la svastica. Il popolo semitico ebbe una storia religiosa, culturale e linguistica molto diversa dagli Indo-europei (chiamati così, perché gli ariani si stabilirono in India prima di migrare in Europa), le religioni semitiche presenti in Europa, attraverso il cristianesimo, sono molto più giovani di quella che utilizza la svastica.

IL SANSCRITO, LA LINGUA MADRE EUROPEA

Il modello dell’”invasione ariana” emerse dopo che il filologo inglese Sir William Jones (1746-1794) riconobbe le somiglianze tra la lingua l’antica lingua indiana dello sanscrito e le lingue europee più moderne, tra cui il latino, greco, il germanico, il celtico e le lingue slave.

Gli studiosi scoprirono che il Sanscrito era in realtà la “lingua madre” da cui tutte le lingue d’Europa si sono evolute. Le lingue europee vengono ora chiamate “Indo-Europe” in onore della loro origine “indiana (sanscrita). Altri ricercatori approfondirono il lavoro di Jones, mostrando che le lingue avestica e armena si basavano sul sanscrito.

Il termine “ariano” deriva dall’antico termine indiano (sanscrito vedico) e persiano (avestanico) “arya” che sta a significare “nobile”. Le tribù ariane in India chiamarono la loro terra “Aaryaa varta” o “Distesa Ariana”. Gli Ariani in Iran chiamarono le loro terre similmente, con il nome di Airyanem Vaejah, oggi conosciute come Iran, che è a sua volta una variante del termine “Ariano”.

Gli occidentali inconsapevoli della discendenza ariana dell’Iran spesso fanno di tutta l’erba un fascio in base alla religione islamica che lo accomuna ai paesi limitrofi. L’Iran, si è tuttavia, contraddistinto in diversi modi, che gli hanno permesso di mantenere gran parte della sua identità nazionale, razziale e culturale per migliaia di anni. Descrivendo gli iraniani, il famoso storico del 5 aC Erodoto scrisse:

“Nei tempi antichi … erano conosciuti come Ariani”.

-Erodoto

Il re persiano, del 6 ° secolo aC, Dario il Grande, in una iscrizione a Naqsh-e-Rostam, afferma:

“Io sono Dario, il grande re … Un persiano, figlio di un persiano, un ariano, con origini ariane …”

-Dario il Grande

Circa due terzi della attuale popolazione dell’Iran si può definire “caucasica”, discendono dalle antiche tribù ariane che si spinsero a overt attraverso l’Iran, continuando fino a giungere in Europa dal nord dell’India. Il restante terzo è turco o arabo.

Lo scià aveva il titolo di Arya-Mehr, che significa “Luce degli Ariani”. Un’antica tradizione iraniana paragonabile al sistema di caste indiano e che è in paratica ancora oggi è la regola contro il matrimonio interrazziale. Agli ariani iraniani viene proibito dalle loro famiglie e in alcuni casi anche da leggi di sposarsi con non ariani.

Il famoso filosofo tedesco Georg Wilhelm Friedrich Hegel (1770 – 1832) ritenne che la scoperta linguistica di Jones fosse la prova della migrazione verso ovest degli antichi Ariani. Lo studioso norvegese di sanscrito, Christian Lassen (1800-1876) era d’accordo con questa linea di pensiero, sottolineando che gli antichi Ariani, come i moderni cittadini appartenenti alle caste benestanti, avevano una carnagione più chiara. Il lessicografo tedesco Jacob Grimm (1785 – 1863), che scrisse un’opera basata sugli antichi miti ariani, chiamata ora “Grimm’s Fairy Tales” (cioè, la Bella Addormentata, Cenerentola e Raperonzolo), affermò che queste storie vennero utilizzate per millenni come veicoli per il trasporto di insegnamenti spirituali incredibilmente avanzati, durante le varie epoche.

Questi rinomati pensatori ebbero una forte influenza in Europa, dove esercitarono un impatto tremendo sul filologo tedesco e orientalista Max Muller (1823-1900), uno degli studiosi più celebri del 19 ° secolo.

Muller scrisse:

“Le nazioni ariane … si erigono sopra di noi come le principali nazioni dell’asia occidenale e dell’europa. … Perfezionarono la società ed i costumi; dalle loro opere possiamo apprendere elementi di scienza, le leggi dell’arte, e principi della filosofia. … Queste nazioni ariane divennero sovrane nel corso della storia, e il loro obiettivo sembrò quello di collegare tutte le nazioni del mondo grazie alle catene della civilizzazione … “

-Max Muller

Dal 1800 gli inglesi stavano già utilizzando questo modello come proposito politico per giustificare l’occupazione e il dominio coloniale dell’India, che cominciò agli inizi del 1600 e terminò nel 1947.

Molti scrittori e storici tracciarono le origini degli Ariani nella regione dei monti caucasici; queste montagne collegano Europa ed Asia, da qui il termine “caucasico”, inventato dall’antropologo tedesco Johann Friedrich Blumenbach (1752-1840), ed utilizzato correntemente per indicare la razza bianca.

IL GRANDE DILUVIO CHE AFFONDO’ ATLANTIDE

Alcuni studiosi ipotizzano che gli ariani provengano dal Tibet, dal cosiddetto “tetto del mondo”, dove a detta di molti ricercatori, gli atlantidei si sarebbero rifugiati dopo che le acque del diluvio distrussero Atlantide (sì, Atlantide), rimanendo sulle vette della regione al sicuro per generazioni. La stirpe ariana si generò qui, secondo questa ipotesi, divenendo la discendente diretta di quella atlantidea. È interessante notare che il famoso filosofo tedesco Immanuel Kant (1724 – 1804), descrivendo il Tibet, dichiarò:

“… Senza dubbio fu abitato prima di ogni altra zona e potrebbe anche essere stato il luogo di tutta la creazione e di tutta la scienza. La cultura degli indiani, come è noto, quasi certamente provenì dal Tibet, così come tutte le nostre arti quali l’agricoltura, i numeri, il gioco degli scacchi, ecc, sembrano provenire dall’India. “

-Immanuel Kant

Gli studiosi, i pensatori e i filosofi, una tempo accettarono questa cronaca come un fatto. In Cosmic Memory, ad esempio, Rudolf Steiner (1861-1925), celebre filosofo austriaco, letterato, architetto, scrittore, educatore e pensatore sociale, scrisse:

“La maggior parte della popolazione Atlantidea andò in declino e da una piccola parte di essi discero i cosiddetti ariani che formano oggi l’umanità civilizzata.”

– Rudolf Steiner, Cosmic Memory

Il sentimento pre-nazista Steineriano riflette una diffusa convinzione del suo tempo. Ciò potrebbe sorprendere coloro che reputano Steiner solo un innovatore dell’educazione. Oggi ci sono oltre un centinaio di scuole “Steineriane” in tutto il Nord America, e in decine di altri paesi.

Il filosofo greco Platone, citò per primo Atlantide nei suoi dialoghi “Timeo” e “Crizia”, nel IV secolo aC. Lo descrisse come un sofisticato impero antediluviano che fiorì per eoni in un continente ora sommerso nel bel mezzo dell’Oceano Atlantico. Platone sostenne che gli Atlantidei possedevano una altissima religione spirituale, che permetteva loro di “vedere” la loro divina ed eterna “anima” all’interno del corpo fisico. Secondo lui, vedendo la propria ‘”anima interna” gli abitanti di Atlantide ebbero la possibilità di sfruttare dei poteri superiori.

Platone affermò che una memoria di questi poteri è conservata nelle capacità fantastiche attribuite agli “Dei” della mitologia greca e romana: invece di essere divinità vere e proprie, erano mortali dotati di percezioni amplificate a causa della loro connessione con la propria anima eterna (si pensi al Cristo e al Buddha). Col tempo, tuttavia, il regno di Atlantide cominciò a decadere a causa delle sue tendenze materialiste, arrivò fino al punto di perdere quella connessione con la propria divinità interna che garantiva loro tali poteri . Platone scrisse:

“Per molte generazioni … obbedirono alle leggi e amarono il divino alla quale erano affini. … Riconobbero che le qualità del carattere umano erano di gran lunga più importanti della loro ricchezza materiale e passeggera. Riuscirono a mentenersi equilibrati nonostante gli elevati standard di vita, senza mai perdere l’autocontrollo … Quando l’elemento divino si indebolì però … e i loro tratti umani divennero predominanti, cessarono di agire con moderazione e saggezza. “

-Platone

Platone va avanti a spiegare che la fine di Atlantide avvenne qualche migliaio di anni fa, quando una serie di disastri naturali, affondò il continente in mare. Una manciata di superstiti, sfuggiti alla devastazione, si diffuse in diverse parti del mondo portando con se la loro religione e le loro usanze. Fino a tempi abbastanza recenti, la maggior parte degli studiosi ha ritenuto che antiche civiltà, separate da tempo e spazio, costruirono piramidi e monumenti piramidali in onore della loro cultura madre, Atlantinde:

Atlantis-Pyramids

Ancora oggi questa teoria è ampiamente diffusa e dibattura. Si possono trovare piramidi in India, Cina, Perù, Bolivia, Messico, Irlanda e molti altri luoghi. Tali strutture con finalità analoghe sembrano suggerire una connessione, se non ci fu alcuna comunicazione tra i diversi popoli che costruirono piramidi, è molto probabile che vi sia una fonte comune.

Gli scettici puntano sulla disparità di datazione tra le varie piramidi (gli studiosi ritengono che le piramidi del Vecchio Mondo sono state costruite migliaia di anni prima delle piramidi del Nuovo Mondo). Tuttavia, gli studiosi del Nuovo Mondo stanno retro datando di continuo la data di costruzione delle piramidi pre-colombiane e sembra solo una questione di tempo prima che le date coincidano.

La maggior parte degli studiosi pre – seconda guerra mondiale, convenivano sul fatto che le piramidi fossero collegate ad Atlantide. Videro i comuni miti del diluvio, fra le varie culture, come la prova della fine di Atlantide, erano leggende parallele su una catastrofe mondiale, per la quale l’uomo fu costretto a ricominciare. Da questa catastrofe si generò una digressione totale, non solo culturale, che implicò una vera e propria involuzione della razza atlantidea stessa. La capacità Atlantidea di “mantenere la visione” della loro “anima interna” andò perduta. E’ rimasta solo l’”idea” di anima eterna che si è mantenuta fino ai giorni nostri.

CONCLUDENDO

La connessione tra la svastica e la razza ariana (o, per usare un termine più recente, la razza “caucasica”) è chiaro, ma gli eventi moderni, le contraddizioni, le incomprensioni hanno storpiato il significato originale della svastica, in particolare la sua associazione semantica. Studiosi, antropologi, linguisti, e scienziati hanno capito che la svastica è la prova di un popolo unito altamente spirituale presente ai tempi dell’Europa preistorica.

La domanda è: Perché questa parte di storia viene volutamente tenuta nascosta? Perché non viene insegnata nelle scuole? E’ a causa del collegamento diretto ad Atlantide? Che la storia di Atlantide venga tenuta nascosta dalle elite perchè non vogliono che il mondo conosca il suo passato e in ultima analisi riscopra l’antica religione dell’”anima” … rendendosi conto che l’uomo possiede una divinità interna con poteri innati?

Le idee di Adolf Hitler sugli Ariani non differivano da quelle degli studiosi europei e laici del XVIII, del XIX secolo, e del’inizio del XX, purtroppo, le atrocità che lui e i nazisti commisero sotto il simbolo della svastica lasciarono il pubblico con una associazione semantica negativa della svastica. Di conseguenza, vi fu una “censura” di questo magnifico simbolo spirituale che ha continuato e continua a mantenere il popolo del 20° e 21° secolo nel buio più totale rispetto alla comprensione di questi potentissimi simboli.

hitler-swastikaA sinistra: 45a divisione americana nella prima guerra mondiale. A destra: Adolf Hitler con la svastica.

La svastica, un antico simbolo dell’induismo, si può abbondantemente ritrovare tra le rovine dell’Europa Neolitica. Questo ha convinto studiosi, del presente e del passato, che gli europei preistorici praticavano una forma di Induismo primitiva (con i suoi alti concetti spirituali di anima eterna, trasmigrazione, Karma, Yoga, Terzo Occhio e Nirvana). L’ascesa del cristianesimo europeo mise la parola fine al culto induista facendo sprofondare il continente nel periodo dei secoli bui. Si trattò forse di un colpo mortale, inflitto alla razza bianca, al fine di distaccarla completamente dalla sua natura spirituale?

Al giorno d’oggi i bianchi evitano la spiritualità, perseguendo il denaro e le ricchezze materiali, non sapendo che, i loro antenati, capirono i segreti della coscienza e della vita dopo la morte.

Swastika-12

Antico mosaico romano con svastiche. Museo Romano-Germanico, Colonia, Germania.

Nella prima parte abbiamo visto come le svastiche trovate sugli antichi manufatti europei, abbiano convinto gli studiosi che l’induismo veniva praticato nell’europa preistorica, ben prima che il cristianesimo arrivasse nel continente e spazzasse via questo culto.

L’INVASIONE ARIANA DELL’INDIA

Gli studiosi ritengono, che un gruppo massiccio di ariani, provenienti dall’Asia centrale, probabilmente dal Tibet – invase il sub continente ariano durante la preistoria. A diverse ondate giunsero fino alla fertile pianura del Gange, dove fondarono una nuova società che sarebbe divenuta il fondamento della induismo così come lo conosciamo. Gli indiani nativi, chiamati “Dravidiani”, vennero spinti lentamente verso sud dalle incursioni ariane.
I risultati di questo scontro culturale si possono vedere ancora oggi, con l’India meridionale che appare molto diversa alla sua controparte settentrionale, sia in termini linguistici che di tradizioni. Come già detto, gli ariani parlavano l’”Indo-europeo”, il linguaggio che, secondo gli studiosi, costituisce la base di tutte le lingue europee; a questo, a detta di molti ricercatori, si aggiunge il fatto che probabilmente gli stessi ariani furono i primi “europei”.

Scritti sull’invasione ariana dell’India possono essere trovati nei Veda, la più antica raccolta di testi Indù esistente, scritta tra il 2000 e il 1000 a.C. Veda in sanscrito significa “corpo di conoscenza.” Gli studiosi ritengono che i Veda provengano da una tradizione orale introdotta dagli Ariani.

E’ nei Veda, che conosciamo per la prima volta l’arcaico sistema gerarchico delle caste che divide la cultura indù in quattro gruppi distinti, più gli “Intoccabili”. Dall’India, gli ariani migrarono verso occidente in Europa, creando le più alte culture che divennero poi la Germania, la Gran Bretagna, la Francia, la Spagna, l’Italia, la Polonia, e così via.

Prima del cristianesimo, dunque, la maggior parte dei caucasici in Europa praticavano l’induismo. Se gli Ariani portarono l’induismo in India e gli europei discendono dagli ariani, seguendo la linea degli eventi, ne deriva che tutti i nostri antenati, in un certo momento della storia praticarono l’induismo, con i suoi alti concetti spirituali di anima eterna, Trasmigrazione , Karma, Yoga, Terzo Occhio e Nirvana.

L’INDUISMO – LA RELIGIONE DEGLI ANTICHI ARIANI

La prova di quanto affermato in precedenza può essere trovata notando l’incredibile diffusione della svastica nelle rovine dell’europa preistorica:

Ancient-European-SwastikaAntico mosaico all’Iliou Melathron (Palazzo del Sole) ad Atene, in Grecia.

Leggiamo in Barbarian Tides, una pubblicazione del 1982 a cura della prestigiosa biblioteca Time-Life Books, che “ariani” (un termine usato dagli studiosi pre-nazisti per descrivere gli abitanti europei “bianchi”) introdussero l’”Induismo” nel sub-continente Indiano prima di stabilirsi in Europa:

“Costoro, gli ariani, avrebbero condiviso le loro istiturzioni sociali nel subcontinente indiano divulgando una cultura spirituale unica, l’induismo”.

-Time-Life Books biblioteca, 1982

William Henry Goodyear (1846 – 1923), un noto archeologo americano, storico dell’arte e curatore di musei (figlio di Charles Goodyear quello dei pneumatici Goodyear) scrisse nel suo libro Grammar of the Lotus :

“… La svastica era un” simbolo ariano “… L’ipotesi che gli Indù ariani portarono con loro la svastica in India è … perfettamente sostenibile, dal momento che può essere trovata nell’arte preistorica europea …”

-William Henry Goodyear, Grammar of the Lotus, 1891

William-Henry-Goodyear

William Henry Goodyear fu il primo curatore del Metropolitan Museum of Art di New York City.

Più o meno in questo periodo, nel 1876, possiamo leggere nel manuale scolastico di geografia moderna, scritto da John Richardson, vicario del St. Mary Hospital nell’Essex, Londra:

“Gli ariani indù … in tempi molto precoci … si separarono dalla grande famiglia, negli altopiani dell’Asia centrale, attraversando l’Himalaya, scesero nelle pianure dell’Indo e del Gange, invasero gran parte della penisola, introducendo la civiltà e la religione che domina oggi l’India. ”

-John Richardson, un manuale scolastico di geografia moderna, 1876


John Richardson (1810 – 1888)

Nel suo libro del 1881, A Short Manual of the History of India, Sir Roper Lethbridge, un accademico britannico e membro del House of Commons, scrisse un capitolo intitolato “La conquista dell’India da parte degli indù ariani”, in cui spiega:

“… I resoconti sulle prime invasioni ariane … derivano principalmente da un esame degli Inni dei Veda, i libri religiosi più antichi degli Ariani …

… Gli invasori dell’India … appartenevano ad una razza (chiamata ariana o indo-europea), che comprendeva gli antichi Greci, Romani e Persiani e la maggior parte delle nazioni europee moderne, come quella inglese, tedesca, francese, e molte altre .

Sir Lethbridge-Roper, A Short Manual of the History of India, 1881

Queste citazioni mostrano l’attuale e diffusa credenza che gli “ariani” portarono l’induismo in India e poi in Europa. Mentre il cristianesimo sostituì l’induismo in Europa, esso rimase attivo in India.

La domanda quindi è: perché questa affascinante storia della razza bianca e della religione induista viene oggi censurata da quasi tutti i segmenti della società occidentale?

LA STORIA PROIBITA DELLA RAZZA BIANCA

L’induismo ariano viene tenuto nascosto di proposito, a quanto pare. Non viene insegnato nelle scuole o nelle università. Non è spiegato nei film,  nei libri di cultura popolare, alla TV, alla radio, sulle giornali o sulle riviste, o nei mass media. Il fatto stesso che tu non ne sia a conoscenza è prova di una cover up in atto.

Censored-SwastikasSimbolo della “Censura” in uno studio del della Yale University (1898) intitolato “Le svastiche dell’Europa antica”.

La cosa ancora più strana è come la razza bianca si identifichi con la religione ebraica e non con la propria religione ancestrale che è l’induismo. Ci vengono insegnate le storie bibliche di Mosè e dei dieci comandamenti, l’esodo dall’Egitto, l’arrivo nella Terra Promessa, il regno di Davide e Salomone, e così via. La storia ebraica venne innestata in maniera innaturale nella psiche europea al fine da far credere agli europei di aver dei progenitori ebrei, in altre parole, i bianchi sono “cresciuti” ebrei. Perché?

Il motivo è che sembra esserci qualcosa di nascosto, ma potente, nella storia ariana, che i poteri forti trovano estremamente minaccioso. Se cerchiamo di ripercorre le origini ariane spingendoci ulteriormente indietro, nelle profondità del tempo, arriviamo esattamente in questa “zona proibita”. Si tratta di un tesoro spiritualmente edificante e la cui saggezza può essere utile nell’auto miglioramento. Si basa su ciò che potremmo chiamare la connessione “Ariano/Atlantidea”.

LA CONNESSIONE ARIANO ATLANTIDEA

Questo collegamento Ariano / Atlantideo venne ripreso, in epoca recente dalla celebre mistica russo Helena Petrovna Blavatsky (1831-1891), fondatrice della “Società Teosofica” a New York nel 1875. La sua opera massima, La Dottrina Segreta, venne pubblicata nel 1888 ed ebbe un forte impatto in tutto il mondo. La sua influenza su Adolf Hitler e i nazisti, che viene praticamente trascurata dagli storici, alterò completamente il corso del 20 ° secolo. Notare la svastica sul logo della sua organizzazione:

Blavatsky-Theosophical-SocietyA sinistra: Helena Blavatsky. A destra: Logo della Società Teosofica, New York City, 1875. Notare la svastica.

Ignorando il concetto biblico che “Dio creò l’uomo in sei giorni”, la Blavatsky affermò l’antichità, il primato, e l’universalità della cosiddetta dottrina della “caduta dell’uomo e la sua discesa nella materia”, che costituisce la radice della dottrina di gran parte del pensiero orientale (Induismo, Buddismo), della filosofia greca e dei moderni circoli esoterici occidentali.

Essa insegna che sotto la carne gli uomini e le donne sono degli “dei” o “anime eterne” cadute nel “mondo materiale” dalla nostra più alta “casa spirituale” alla quale l’anima dovrà poi fare ritorno. Durante la sua discesa, anima ha dovuto indossare una “veste” cioè il corpo fisico, in questo modo non è più riuscita a riconoscere la sua natura eterna e spirituale.

“Non hai un’anima. Tu sei un’anima. Hai un corpo. ”

-C.S. Lewis

“L’uomo è un dio nel corpo di un animale secondo la filosofia antica …”

-Dr. Alvin Boyd Kuhn

“Un uomo è un dio in rovina.”

-Ralph Waldo Emerson

Secondo la Blavatsky, la caduta dell’anima è una conoscenza andata salvata dal cataclisma che distrusse l’antica e potente civilità di Atlantide. Come abbiamo visto nella parte 1, il filosofo greco Platone citò per primo Atlantide nel IV secolo aC, riferendosi ad essa come ad un’isola ormai sommersa che un tempo fioriva nell’oceano Atlantico.

Platone sostenne che gli Atlantidei possedevano una altissima religione spirituale, che permetteva loro di “vedere” la loro divina ed eterna “anima” all’interno del corpo fisico. Secondo lui, vedendo la propria ‘”anima interna” gli abitanti di Atlantide ebbero la possibilità di sfruttare dei poteri superiori, finchè lentamente la loro parte umana prese il sopravvento su quella divina.

“… L’elemento divino si indebolì… e le loro caratteristiche umane divennero predominanti e cessarono di vedere la loro prosperità con moderazione.”

-Platone, Timeo e Crizia

Mentre gli studiosi dei tempi della Blavatsky tracciarono le origini degli Ariani sulle montagne del Caucaso, la Blavatsky spostò la loro patria ad est in Tibet, nel cosiddetto “tetto del mondo”, dove trascorse anni a studiare. Le acque del diluvio che inondarono Atlantide, affermò, spinsero i profughi verso il Tibet, dove rimasero al sicuro per generazioni. Gli ariani lentamente emersero da qui diventando discendenti ed eredi diretti degli Atlantidei.

Aryan-Homeland-After-the-FloodMappa della invasione ariana dell’India.

È interessante notare come il filosofo tedesco Immanuel Kant (1724 – 1804), descrivendo il Tibet un secolo prima della Blavatsky, dicesse che:

 “… Senza dubbio fu abitato prima di ogni altra zona e potrebbe anche essere stato il luogo di tutta la creazione e di tutta la scienza. La cultura degli indiani, come è noto, quasi certamente provenì dal Tibet, così come tutte le nostre arti quali l’agricoltura, i numeri, il gioco degli scacchi, ecc, sembrano provenire dall’India. “

-Immanuel Kant

La Blavatsky vide, nei miti del diluvio, leggende parallele su una catastrofe globale che costrinsero l’uomo e la civilità a ricominciare da capo, un pallido ricordo dell’affondamento di Atlantide.  Da questa catastrofe si generò una digressione totale, non solo culturale, che implicò una vera e propria involuzione della razza atlantidea stessa. La capacità Atlantidea di “mantenere la visione” della loro “anima interna” andò perduta. E’ rimasta solo l’”idea” di anima eterna che si è mantenuta fino ai giorni nostri. Nel corso dei millenni, la razza atlantidea si estinse; la Blavatsky sostenne che essa fu rimpiazzata da quella ariana.

Questa storia Ariano / Atlantidea venne supportata nel 19 ° e all’inizio del 20 ° secolo da studiosi e intellettuali. Il famoso filosofo austriaco, educatore, e pensatore sociale, Rudolf Steiner (1861-1925), scrisse:

“La maggior parte del popolo di Atlantide è scomparso ma da una piccola porzione di esso sono discesi gli ariani che rappresentano oggi l’umanità civilizzata.”

-Rudolf Steiner, Cosmic Memory

rudolf-steinerRudolph Steiner

Il membro del congresso americano Ignatius Loyola Donnelly (1831 – 1901) scrisse un capitolo intitolato “The Aryan Colonies From Atlantis” nel suo libroAtlantis: The Antediluvian World, dove afferma:

“La razza ariana… proviene da Atlantide?”

“Il centro delle migrazioni ariane (secondo l’opinione popolare) … fu l’Armenia. In quelle zone c’è anche il monte Ararat, luogo dove si fermò l’Arca – un altro riferimento alle regioni del diluvio”

“I Greci, che sono ariani, attribuiscono le loro origini alle persone che si salvarono dal diluvio, così come fecero altre razze di origine ariana … qui troviamo un’altra prova del rapporto tra Ariani e il popolo di Atlantide .. i Greci, una razza ariana, nelle loro tradizioni mitologiche, mostrano la più stretta relazione con Atlantide …Abbiamo visto che Zeus, il re di Atlantide, la cui tomba può essere vista a Creta, fu trasformato nel dio greco Zeus. “

-Ignatius Donnelly, Atlantis: The Antediluvian World, 1882

Ignatius-DonnellyIgnatius Loyola Donnelly

Durante la lenta scomparsa di Atlantide e la nascita della stirpe ariana, che si verificò nel corso di diversi millenni, avvennero, secondo la Blavatsky, 2 principali cambiamenti fisiologici, uno dei quali di fondamentale importanza.

IL TERZO OCCHIO ARIANO/ATLANTIDEO

Gli Atlantidei erano più alti di noi, ma persero la loro imponente statura non appena la loro spiritualità cominciò a vacillare. La seconda e più significativa mutazione impedì alla nuova razza ariana di “vedere” lucidamente l’”anima interiore.” Questo lasciò i suoi moderni discendenti, incapaci di vedere e riconoscere la propria divinità interiore. La Blavatsky riteneva che gli Atlantidei possedessero questa capacità un tempo, grazie all’esistenza di un enigmatico organo luminoso, all’interno del cervello, chiamato “occhio ciclopico” o “Terzo Occhio”.

Sulla fronte, al centro vi sarebbe una strana ma affascinante appendice. Come i nostri due occhi vedono all’esterno e al mondo materiale, questo unico occhio vede all’interno, alle questioni spirituali, all’anima. Quando gli abitanti di Atlantide involvettero in Ariani, il Terzo Occhio si atrofizzò. La Blavatsky scrisse:

“… Il “terzo occhio”, una volta, era un organo fisiologico che, in seguito, a causa della progressiva scomparsa della spiritualità e dell’aumento del materialismo si atrofizzò″.

-Helena Blavatsky, La Dottrina Segreta, 1888

Anche se atrofizzato, la Blavatsky insisteva nel dire che come i nostri antenati di Atlantide, noi uomini moderni, potevano ancora accedere a questo organo; alcuni scienziati all’inizio del 19 ° e del 20 ° secolo lo identificarono nella ghiandola pineale, descritta nel seguente modo:

“Una piccola … appendice conica presente nel cervello di tutti i vertebrati craniati che in alcuni rettili ha la struttura essenziale di un occhio … è ritenuta un terzo occhio rudimentale, un organo endocrino, o la sede dell’anima …”

—Webster’s Ninth New Collegiate Dictionary

Il filosofo francese René Descartes (1596-1650) chiamò la ghiandola pineale la “sede dell’anima”, “Occhio singolo” e “Terzo Occhio”. E’ possibile trovarlo in dipinti, sculture, incisioni risalenti a migliaia di anni fa:

Ancient-Cyclopes-SicilyAntico mosaico di un ciclope con il terzo occhio presso Villa Romana, Sicilia

I lettori che hanno familiarità con l’induismo ricorderanno che il Terzo Occhio ha una lunga tradizione in India, dove è conosciuto come “urna” o “Trinetra,” e viene indicato da un puntino, sopra e tra gli occhi. Anche se i mistici e gli adepti parlano spesso dei suoi misteriosi poteri occulti, ad un livello base denota intuizione spirituale, fornendo al soggetto la visione della propria anima interna:

Bodhisattva-Statua di Bodhisattva del 3 ° secolo trovata nell’attuale Afghanistan. Nota: il Terzo Occhio simboleggiato dal puntino sulla fronte.

L’induismo ariano, ci viene costantemente tenuto nascosto, in modo da non poter conoscere il collegamento Ariano/Atlantideo che ci porterebbe alla riscoperta dei poteri latenti del terzo occhio? L’elite, sta cercando di non farci aprire il Terzo Occhio, quello strumento naturale con il quale comunichiamo con la nostra anima interiore, riconosciamo la nostra divinità e realizziamo il nostro potenziale?

Il Terzo Occhio viene ampiamente utilizzato in Oriente, appare in varie discipline, ed è sfruttato nelle pratiche di meditazione quali lo yoga e il buddismo Ch’an così come nele arti marziali come karate, qigong, e aikido. Esso costituisce l’apice della dottrina induista del Kundalini Yoga, con il suo famoso sistema di “chakra”. Il terzo occhio o “Ajna” è il sesto dei sette chakra e viene risvegliato quando riusciamo a bilanciare il nostro canale solare ovvero il “pingala” nella parte destra del nostro corpo con il canale lunare detto “ida” nel lato opposto:

Kundalini-Yoga-Third-Eye-YogaKundalini Yoga. Si noti il ​​sole sulla destra e luna sulla sinistra.

Nonostante gli orientali abbiano abbastanza familiarità con il terzo occhio la sua saggezza è stata totalmente dimenticata dal mondo occidentale. C’è stato uno sforzo cosciente per nasconderla?

IL SEGRETO MASSONICO DEL “TERZO OCCHIO”

Incredibilmente, il disegno di un sole sulla destra, di una luna sulla sinistra e di un occhio solo al centro è anche sulle insegne, sui disegni e sui manufatti della massoneria, la più antica società segreta della storia occidentale. Il terzo occhio viene solitamente disegnato al centro tra il sole (pingala) e la luna (ida):

Masonic-Third-Eye-Tracing-BoardTracing Board Massonica, 1820

La massoneria è l’erede di un antico e perduto segreto risalente ad Atlantide? La confraternita massonica venne creata in risposta alla venuta del cristianesimo come un tentativo di salvare la saggezza Ariano/Atlantidea sul Terzo Occhio?

I massoni furono a lungo considerati come i custodi di un blasfermo ed eretico segreto, proveniente dall’antichità. Si pensi all’improvvisa persecuzione dei massoni da parte della Chiesa cattolica, a partire dagli inizi del 1700.

“… Seguendo l’esempio dei nostri predecessori, abbiamo intenzione di rivolgere la nostra attenzione alla società massonica, alla sua intera dottrina, alle sue intenzioni, alle azioni e ai suoi sentimenti, al fine di mostrare la malvagità di questa forza e fermare la diffusione di una malattia tanto contagiosa … ”

-Papa Leone XIII, Humanum Genus

Questa condanna sembrerebbe indicare che i massoni fossero stati degli eretici, in possesso di una sorta di dottrina religiosa che contraddiceva il canone ufficiale della Chiesa. Per molti pensatori ed accademici del 19° e 20° secolo, il Terzo Occhio è proprio quella dottrina:

“… L’occhio che tutto vede … Questo è l’occhio della massoneria, il terzo occhio. Mentre so per certo che ben pochi massoni capiscano il significato dei loro stessi simboli, resta il fatto che li usano… ”

-—Dr. George Washington Carey, The Wonders of the Human Body,1918

“L’Ordine della Massoneria riconosce l”Occhio che tutto vede’ come l’Occhio della grande saggezza. Si dice che questa “Grande Saggezza” viene offerta in dono a coloro che cercano i sacri misteri, comprendono l’illuminazione, la visione interiore e la conoscenza intuitiva. Il contatto con questa grande saggezza avviene attraverso il ‘Terzo Occhio’ (ghiandola pineale) situato all’interno della fronte. ”

-Dr. Jeffries Joye Pugh, Eden, 2006

“L’occhio comune vede solo la parte esteriore delle cose, e giudica in base ad essa, l’occhio che tutto vede invece, attraversa le cose leggendo cuore e anima, trovando lì capacità che all’esterno non sono percepibili e non rilevabili da chi sprovvisto di questo dono. ”

-Mark Twain, famoso scrittore e massone americano, 1899

“La Grande Piramide è un simbolo occulto centrale, che viene spesso raffigurata assieme all’occhio che tutto vede o ” terzo occhio” al suo interno. In questa forma è il simbolo della massoneria mistica. ”

—John Bowlt, Wendy Salmond, and Marie Turbow, The Uncommon Vision of Sergei Konenkov, 1874-1971

“L’occhio che tutto vede … è anche l’emblema del terzo occhio umano … che venne ritrovato nei resti di tutte le civiltà ….”

—Grace Morey, Mystic Americanism, 1924

Massone famoso ed ex studente di Harvard, Albert Pike (1809-1892), credeva che la vera Massoneria fosse qualcosa di simile all’antica dottrina della razza ariana. Pike, un pilastro della Massoneria americana, è meglio conosciuto per il suo libro del 1871, Morals and Dogma of the Ancient and Accepted Scottish Rite of Freemasonry. Ma pochi si rendono conto che scrisse altri due libri degni di nota che esaminano l’antica spiritualità ariana: Aryan Deities and Worship as Contained in the Rig-Veda e Irano-Aryan Faith and Doctrine as Contained in the Zend Avesta.

“Il mondo deve tutte le sue corrette e profonde concezioni di Divinità e la sua conoscenza dell’esistenza dell’anima, alla grande razza ariana”.

-Albert Pike Irano-Aryan Faith and Doctrine as Contained in the Zend Avesta

Albert-PikeAlbert Pike (1809-1892).

Come nel caso di Pike, un medico massone chiamato JD Buck (1838 – 1916) si interessò alla storia ariana in India, in Iran, e nelle religioni orientali in generale. Scrisse nella sua opera Mystic Masonry:

“La vera fonte da cui deriva l’Antica Saggezza …è l’India, la Madre delle civiltà, delle religioni e della sapienza esoterica.”

-Dr. J.D. Buck, Mystic Masonry

Il Dr. Buck fornì anche una descrizione fisica del Terzo Occhio e collegò l’abilità di “controllarlo” al terzo grado della Massoneria:

“Venne chiamato “Terzo Occhio”. Gli antichi indu lo chiamarono Occhio di Shiva … E’ atrofizzato e quindi latente nell’individuo medio … L’occhio di Shiva è, infatti, un occhio che tutto vede; attraverso quest’ultimo è possibile annullare i concetti di spazio e tempo sul piano fisico …

Un vero Maestro [Massone], quindi, ha l’Occhio di Shiva. La ghiandola pineale, dormiente in altri, in lui è attiva … ”

-Dr. J.D. Buck, Mystic Masonry

Se Buck affermasse il vero e cioè che praticare una dottina occulta orientale, fosse parte dell’insegnamento massonico, risulterebbe anche chiara la forzata segretezza a cui è stata costretta la massoneria in Europa. A causa del potere e della brutalità dell’Inquisizione, così come per il suo obiettivo dichiarato di distruggere gli eretici, i massoni non ebbero altra scelta che nascondersi, al fine di preservare le loro tradizioni conoscenze e riti sul terzo occhio.

Detto in altre parole, il Terzo Occhio è il “Grande Segreto” della Vera Massoneria, che venne istituita proprio per preservare le antiche dottrine dei nostri antenati Ariano/Atlantidei.

HITLER E IL TERZO OCCHIO

E’ interessante notare che, avendo già accettato molte delle idee della Blavatsky, i leader occulti tedeschi – saliti al potere decenni dopo la morte di Pike o Buck, riconobbero anch’essi l’importanza del Terzo Occhio credendo persino alla spiegazione della Blavatsky, riguardo le sue origini Atlantidee. Descrizioni del Terzo occhio possono essere ritrovate negli scritti di molti capi nazisti. Hitler fece un riferimento indiretto ad esso nel Mein Kampf:

“… Tutta la cultura umana, tutti i risultati raggiunti nell’arte, nella scienza e nella tecnologia, sono quasi esclusivamente il prodotto creativo della razza ariana … ”

-Adolf Hitler, Mein Kampf, 1925

L’idea hitleriana sul Terzo Occhio venne espressa da Hermann Rauschning, ex presidente nazionalsocialista del Senato di Danzica. In “Hitler Speaks” (Londra, 1939), Rauschning scrisse:

Avere delle conoscenze magiche era evidentemente l’ideale di progresso umano concepito da Hitler … C’era una volta l’occhio dei Ciclopi, o occhio mediano, l’organo della percezione magica dell’Infinito, ormai ridotto ad una rudimentale ghiandola pineale. ”

-Hermann Rauschning, “Hitler Speaks”

Hitler-signAdolf Hitler

Un’ulteriore prova della sua fede nel Terzo Occhio può essere trovata nel libroHitler’s Secret Conversations, una trascrizione di dialoghi e discussioni riservate che ebbero luogo nel suo quartier generale dal luglio 1941 al novembre 1944, registrate per i posteri. Hitler affermò:

“In tutte le tradizioni umane … si può trovare menzione di un enorme disastro cosmico … A mio parere ciò è spiegabile solo considerando l’ipotesi che questo cataclisma distrusse completamente l’umanità, in possesso di un elevato grado di civilità. I frammenti che ci derivano della nostra preistoria forse, non sono altro che riproduzioni di oggetti appartenenti a un passato più lontano, ed è proprio grazie ad essi, che le origini della civilità possono essere riscoperte di nuovo … ”

—Trevor-Roper, Hitler’s Secret Conversations

La convinzione di Hitler nel Terzo Occhio dimostra quanto siano stati influenti gli scritti della Blavatsky nella Germania pre nazista. Molte delle sue idee erano esattamente parallele a quelle della Blavatsky, tra cui il logo della svastica, l’idea del primato della razza ariana e della sua antichità e di una civiltà antidiluviana altamente sofisticata e ormai dimenticata.

Squadre naziste di antropologi, archeologi e studiosi dell’occulto, vennero spedite in Estremo Oriente, India e Tibet per scoprire le prove della storia ariana. Le loro ricerche costituirono la base per i film di Indiana Jones, in cui vengono raffigurati ufficiali nazisti alla ricerca di manufatti e tesori perduti in terre dimenticate.

DECODIFICANDO LA SVASTICA

Secondo il professor Nicholas Goodrick-Clarke, uno studioso di esoterismo occidentale presso l’Università di Exeter, le idee della Blavatsky raggiunsero Hitler e i nazisti indirettamente, attraverso un poeta e icona occulta viennese della Germania Pre-Nazista chiamato Guido Von List (1848 – 1919).

Guido-Von-ListGuido von List (1848 – 1919).

Come la Blavatsky, List era convinto che gli antichi Ariani avessero creato delle “capitali spirituali” in tutta Europa. Secondo l’occultista furono loro a costruire la particolare architettura megalitica, basata su un misteriosa “tecnica” ereditata dai loro antenati di Atlantide, che prevedeva l’utilizzo della forza del «dio interiore», risvegliando il Terzo Occhio.

StonehengeStonehenge, monumento megalitico inglese.

Seguendo le opinioni del filosofo e massone italiano Giordano Bruno (1548-1600), che fu bruciato vivo dall’Inquisizione per aver rifiutato di abiurare le sue idee gnostiche eretiche, List credeva che l’Antico Testamento, su cui si basano i valori religiosi, sociali, dell’etica e della morale del mondo occidentale, rappresenti un falso insegnamento che ha nascosto il più ricco e autentico induismo ariano, un passato “spirituale”, ora quasi dimenticato.

Giordano-BrunoGiordano Bruno (1548-1600) una grande mente condannata a morte.

Per List, l’influenza del Vecchio Testamento in Europa oscurò l’induismo originale portato dagli Ariani. Infine, l’ascesa dell’onnipotente Chiesa cattolica diede il colpo di grazia finale all’induismo europeo. Secondo Goodricke-Clarke:

“… List fu attratto dalle idee di Giordano Bruno … Bruno proclamò come il giudaismo e il cristianesimo avessero corrotto la religione antica e vera … la quale godette di notevole popolarità tra i neo-platonici del Rinascimento. ”

-Nicholas Goodrick-Clarke, Le radici occulte del nazismo, 1992

Per List, come per Bruno, l’Antico Testamento non è un resoconto accurato della storia umana. Poichè l’Europa e l’Occidente hanno accettato senza riserve la Bibbia, come se fosse patrimonio di tutta l’umanità (e non la storia di un piccolo gruppo, gli ebrei), il popolo occidentale non è riuscito a riconoscere una storia che è di gran lunga più ampia, oltre che una ricchissima saggezza spirituale il cui simbolo chiave è la svastica.

La parola “Swastika” deriva dal sanscrito “su” (buono) e “Asti” (Essere), che significa “Essere buono”. L’emblema si forma con due “S” runiche simmetriche, ma opposte, ponendo in equilibrio perfetto le loro 2 forme congruenti. (Il runico era un antico e misterioso alfabeto utilizzato anticamente in Nord Europa)

Swastika-MeaningLa svastica, un antico simbolo per l’equilibrio degli opposti.

List sostenne che gli antichi Ariani videro nelle due “S” opposte della svastica, la dottrina dell’”equilibrio duale” (cioè, Sole vs Luna, Giorno vs Notte, Luce contro Buio, Caldo vs Freddo, Secco vs Bagnato, Maschio vs Femmina, Positivo contro Negativo, ecc.) Anche la Blavatsky credeva che la svastica simboleggiasse le “coppie di opposti” nel mondo materiale, proprio come lo yin e yang della Cina o il Sole e la Luna nella Massoneria:

“Il segno doppio, come ogni studente di occultismo sa, è il simbolo del principio maschile e del principio femminile della Natura, del positivo e del negativo …”

-Helena Blavatsky, La Dottrina Segreta

Spiegò che incrociare le due “S” significa unificare gli opposti o equilibrarli dando loro un centro comune, in altre parole, significa che per auto realizzarsi è necessario un punto centrale di equilibrio tra le due “S” opposte (la dualità).

Questa è precisamente la formula sacra per risvegliare il Terzo Occhio: il bilanciamento degli opposti (vale a dire, l’equilibrio del sole e della luna, di ida e pingala, di Boaz e Jachin, ecc.) Lo scrittore e giornalista inglese Perceval Landon (1868-1927), descrive il suo viaggo in Tibet, spiegando:

“… La svastica … sormontata dai simboli del sole e della luna rozzamente disegnati … compare nei più importanti luoghi del paese”.

—Perceval Landon, Lhasa: An Account of the Country and People of Central Tibet, 1905

Swastika-TibetSwastika in Tibet, fiancheggiata dal sole e dalla luna, Età del ferro (1300 aC – 600 aC) http://www.tibetarchaeology.com

Dopo essere arrivata in India con gli ariani, la svastica si trasferì in seguito in Cina e Giappone con la diffusione del Buddhismo (un ramo dell’induismo). Ecco perché il Buddha, la cui apparizione nel VI secolo aC avenne molto tempo dopo lo spostamento degli ariani e la diffusione dell’induismo, viene raffigurato con la svastica, mentre medita a gambe incrociate nella posizione del loto, con il terzo occhio aperto (il punto bindi) sulla fronte. In altre parole, utilizzando la svastica Buddha equilibra la sua parte solare e lunare, risvegliando il Terzo Occhio (“Buddha” significa colui che si è risvegliato):

Swastika-Third-Eye-Buddha-1024x418Il Buddha con la svastica sul petto e il terzo occhio aperto, in comunione con la sua “anima interiore” l’apice dell’insegnamento induista-ariano.

C’è, naturalmente, molto di più dietro il simbolismo della svastica, ma il suo significato di base è quello di insegnarci a trovare il nostro centro o «dio interiore» risvegliando il Terzo Occhio, un atto che rivela la pienezza del nostro essere interiore, dove ogni contraddizione e conflitto, svaniscono, dove il velo del mondo materiale viene provvisoriamente sospeso, rivelando il Sé o l’”anima interna” che ci permette di sfruttare il suo potere per ottenere la liberazione spirituale.

CONCLUDENDO

L’origine della razza bianca è molto più di un argomento “tabù″ per gli universitari di oggi, è completamente vietato e fuori legge. Il fatto che si sappia così poco su questo argomento e sull’antica religione europea dell’induismo, è una prova di tutto ciò. Un certo numero di studiosi del 18esimo, 19esimo e 20esimo secolo concordavano sul fatto che la razza ariana discendesse dall’antica e perduta razza Atlantidea. Questa convinzione, una volta era l’opinione che andava per la maggiore negli ambienti accademici.

Le elite non vogliono che le masse comprendano il collegamento, tanto sostenuto dai vecchi accademici, tra gli Ariani ed Atlantide, poichè la dottrina del Terzo Occhio spazzerebbe via completamente il “Dio” dell’Antico Testamento dall’equazione spirituale, migliorando l’uomo attraverso la forza della sua stessa divinità.

Fonte

Il significato occulto delle “Tre scimmie sagge” nascosto dall’elite

Le “Tre Scimmie Sacre” (chiamate anche le “Tre scimmie mistiche”) sono un’antica icona sacra il cui significato originale è stato volutamente nascosto dalla Elite. Conoscere la verità sulla secolare direttiva del “non vedere il male”, “non sentire il male” e “non parlare del male” può essere in grado di arricchirvi in modi che non ritenevate possibili e cambiare la vostra vita per sempre. In questo articolo, scopriremo l’autentico significato del simbolo e vedremo perché esso ci viene nascosto.

Three-Wise-Monkeys-Three-Mystic-Apes-293x300
L’elite ci ha insegnato (cioè, i mass media e i loro sponsor) che il simbolo rappresenta l’ignorare la cattiva condotta altrui, evitando di denunciarla a chi di dovere:

“Nel mondo occidentale la frase viene spesso usata nei confronti di coloro che fanno riferimento alle proprie malefatte, in modo parziale, rifiutando di riconoscerle o fingendo ignoranza.”

-Wikipedia

Il guaio, è che “chiudere un occhio” sulla cattiva condotta altrui non è il vero, autentico e originale significato del simbolo. Si tratta di un falso e corrotto “sostituto”.

IL SIGNIFICATO ORIGINALE DELL’ANTICO SIMBOLO

Il significato originale del simbolo ci viene nascosto (dai poteri che non dovrebbero essere forti) per una buona ragione: La verità è molto più potente, auto-migliorativa, magica e spiritualmente edificante di quanto le Elite possa permettere.

“La sola eccezione, alla vita priva di proprietà materiali, del Mahatma Gandhi, fu una piccola statua delle tre scimmie.”

-Wikipedia

mkgandhi-c1-247x300Il Mahatma Gandhi, uno degli eroi più amati del mondo.

Mizaru, coprendosi gli occhi, non vede il male. Kikazaru, comprendosi le orecchie, non sente alcun male. Iwazaru, coprendosi la bocca, non parla del male. Insieme, le tre scimmie rappresentano il principio del “non vedere il male”, “non sentire il male” e “non parlare del male”.

Ma cosa significa esattamente?

Prendiamo la prima frase: “Non vedere il male.” Significa proprio quello che dice: “Non vedere il male”, o non guardare tutto ciò che è male. Non desiderate il male, non lasciate che entri nel vostro sistema, neppure per un momento.

Perché no?

Avete mai bevuto latte scaduto? Mangiato carne avariata? Formaggio ammuffito? Una volta digeriti vi viene mal di pancia. Il corpo rendendosi conto che sono sostanze tossiche cercherà di espellerle il più velocemente possibile.

Vale la stessa cosa per il male. Quando lo vediamo, lo digeriamo e diventa parte di noi. Bisogna in qualche modo sbarazzarsene, spesso con risultati negativi.

Per molti, l’equivalenza tra l’idea di “vedere” il male e “digerirlo” potrebbe suonare come una cagata. In realtà essa nasconde un principio profondo. Per utilizzare un semplice confronto, è un fatto provato che vedere violenza nei media (cioè, in TV, nei film, nei videogiochi) ci fa pensare ed agire in modo più violento:

“Letteralmente migliaia di studi a partire dagli anni 50 si sono chiesti se esistesse un legame tra l’esposizione a contenuti mediatici violenti e il comportamento violento. Tutti, tranne una ventina scarsa ha dato risultato positivo. Le prove dalla ricerca sono schiaccianti. Secondo la AAP, ‘vaste prove emerse dalla ricerca indicano che la violenza nei media può contribuire ad un comportamento aggressivo, desensibilizzare nei confronti della violenza, avere incubi e paranoie.’ Assistere a spettacoli violenti è legato anche all’avere meno empatia nei confronti degli altri. “

—University of Michigan Health System

Guardare contenuti violenti ci fa agire in maniera più violenta. Allo stesso modo, quando “vediamo il male” lo interiorizziamo. In questo modo esso, diventa una parte di noi, che necessita di uno sfogo. Se non è possibile espellerlo esso si “deposita” nei nostri corpi e nelle nostre menti.

Pertanto, l’antica direttiva “Non vedere il male” è una massima che cerca di proteggeci dal male avvertendoci di non “guardarlo” in primo luogo.

3165258822_f2978fe0541Una scultura del 17 ° secolo su una porta del famoso santuario Toshogu a Nikko, in Giappone.

La frase successiva, “Non sentire il male”, si basa sullo stesso principio. Quando sentiamo il male, diventa parte di noi. Il nostro corpo lo assorbe come una spugna.

Nel caso del terzo principio, “Non parlare del Male”, le cose sono un pò diverse . Vista e udito sono due dei nostri cinque sensi (insieme al tatto, al gusto e all’olfatto). Il parlare non è però un senso. Vedere e sentire comportano entrambi l’introdurre “qualcosa” nel nostro corpo, mentre il parlare implica l’esternare.

In un certo senso, può essere visto come il risultato dei primi 2 principi. In altre parole, “Non vedendo il male” e ” Non sentendo il male ” sarà possibile “Non parlare del male”, in quanto sarai puro. 1 + 1 = 2.

La domanda è: Perché questa semplice saggezza ci viene tenuta nascosta?

Coloro che non conoscono o ignorano il reale significato di questa iconografia, dovrebbero rendersi conto che essa trasporta una saggezza antica, che può essere fatta risalire a 2500 anni fa: un saggio codice di condotta seguito dalle più alte civiltà in Cina, India, Giappone e altrove. La sua saggezza può essere ritrovata in grandi pensatori come Confucio:

“Non guardare ciò che è contrario alla decenza, non ascoltare ciò che è contrario alla decenza, non parlare di ciò che è contrario alla decenza; non fare nessun movimento che sia contrario alla decenza”

-Confucio, c. 500 aC

Troviamo idee simili in altre religioni e sistemi spirituali. Un esempio è il “Nobile Ottuplice Sentiero” del Buddhismo, che è la guida pratica del Buddha allo sviluppo etico e mentale con l’obiettivo di liberare l’individuo dalla sofferenza, gli attaccamenti e le delusioni e che porta infine a comprendere la verità su tutte le cose:

  • Retta Visione
  • Retta Intenzione
  • Retta Parola
  • Retta Azione
  • Retta Sussistenza
  • Retto Sforzo
  • Retta Presenza Mentale
  • Retta Concentrazione

Nell’antico Zoroastrismo (c. 1200 aC), il termine “Humata, Hukhta, Hvarshta” espresse l’idea principale della religione. Significava: “Buoni pensieri, Buone parole, Buone azioni.”

“Durante l’infanzia dei giovani giapponesi viene instillato un precetto. Si tratta del: “Non vedere il male, Non sentire il male, non parlare del male”

Our Young People, St. Johns Institute For Deaf Mutes, 1910

‘Non vedere il male, non sentire il male, non parlare del male.’; ‘Pensa al male e creerai il male,’ sono proverbi universali vecchi come il mondo”.

—Leonard Stuart, The Cosmic Comedy, 1919

“Sopra la porta del tempio sacro
Siedono nella loro saggezza le tre –
La scimmietta sorda,
La scimmietta muta,
La scimietta che non vede;
Con gli occhi chiusi al male,
Le orecchie che ascoltano solo il bene,
Le labbra mute agli scandali,
Se ne stanno sedute nel loro imperioso silenzio. “

-Sconosciuto

“… Vi consiglio … l’osservanza di un comandamento che esisteva prima di quelli Cristiani o Ebrei.

Farai un patto con i tuoi sensi,
Con il tuo occhio, che non vede alcun male.
Con il tuo orecchio, che non sente alcun male.
Con la tua lingua, che non parla di alcun male.
Con le tue mani che non commettono male.

-Thomas Paine, Città federali, Hotel Lovett, 1802

Che filosofia semplice e pura. Aiuta a voltare le spalle alla negatività distruttiva, a proteggere gli occhi dalle immagini e dalle impressioni che non sono costruttive per la propria crescita spirituale.

NASCOSTO DALL’ELITE

Perché, allora, i mass media incanalano sempre più violenza verso le nostre menti? Perché veniamo bombardati da male, violenza e paura in ogni istante?

I film di Hollywood stanno diventando sempre più sinistri, contorti e malvagi.

horror-movie-actors-collageI film di Hollywood ci costringono a violare l’antica massima del “Non vedere il male”.

I video giochi per bambini contengono sempre più scene sanguinarie e crude:

Columbine-Video-GameA sinistra: immagine da un violento videogioco per bambini. A destra: Il videogioco ispirato al massacro della Columbine.

Le stazioni televisive stanno mandando in onda una programmazione sempre più inquietante e oscena.

Grimm-CSII suoni e le immagini violente provenienti dalla televisione si immagazzinano nel nostro cervello. Quando finisce il programma o il film, essi continuano a girovagare nei nostri pensieri, consciamente e inconsciamente, sfociando in comportamenti scorretti.

Anche la musica si è incupita negli ultimi decenni, diventando più violenta in termini di testi, copertine degli album, video e artworks connessi:

Music-Industry-ViolenceL’industria musicale, controllata e comandata dall’Elite, promuove la violenza tra le giovani generazioni.

Aggiungi a tutto questo la dose di veleno di telegionali e programmi di cronaca. Ogni giorno le notizie parlano più o meno delle stesse terribili cose: “Dieci morti, Sei donne violentate, Feriti per arma da fuoco, Attentati dinamitardi, il terrore arabo, l’odio razziale o di genere, la corruzione dei politici, il collasso economico. “

TV-News-ViolenceGuardando il telegiornale permettiamo al male, alla violenza e all’odio di entrare dentro di noi.

Quando guardiamo le news quasi sempre sentiamo parlare di un evento violento. Veniamo bombardati di violenza. Come vi fa sentire? Tristi, spaventati, nervosi, arrabbiati, depressi e così via. Giusto?

Ora, cosa succederebbe se ti accorgessi che questo Male viene indirizzato su di te … di proposito? Perchè è proprio così, l’elite lo sta facendo di proposito. Il loro obiettivo è quello di destabilizzare la società impedendoci di diventare spiritualmente migliori. Allo stesso tempo, stanno nascondendo l’antica saggezza del “non vedere il male”, “non sentire il male” e “non parlare del male”, privandoci del principale strumento/insegnamento con il quale potremo difenderci.

Come molti altri insegnamenti che portano con se una grande saggezza, quello delle tre scimmie è stato capovolto e viene ora utilizzato contro di noi come un’arma. La massima è stata pervertita nel “Vedi il Male”, “Ascolta il Male”, “Parla del male”, un meccanismo di controllo che blocca la luce, oltre che la crescita spirituale e impedisce la rivelazione dolce e graduale di verità spirituali sempre più altre, la saggezza e la realizzazione di se stessi.

Three-Wise-Monkeys-Cartoon

Il male che siamo costretti ad ingoiare è molto più dannoso di quanto possiamo immaginare. Sta avendo più effetti negativi di quanto pensiamo. Instilla il cancro nei nostri corpi e nelle nostre menti. Veniamo costantemente esposti a mali terribili e visto che non ce ne rendiamo conto, non riusciamo neppure a sbarazzarcene a livello conscio. Peggio ancora, siamo partecipanti volontari alla sua canalizzazione, non per scelta, ma perché crediamo sia normale, essendo nati e cresciuti in questo sistema. Non ci rendiamo conto che tutto è stato appositamente progettato per destabilizzarci mentalmente e fisicamente, mantenendo le elite al potere e le masse schiavizzate, sottomesse e impaurite.

COMBATTENDO I POTERI CHE NON DOVREBBERO ESSERE FORTI

Cosa possiamo fare per combattere tutto ciò?

Spegnete la TV! Smettete di sostenere Hollywood! Smettere di comprare i biglietti per il cinema! Non comprate inutili riviste. Cercate di condividere, soprattutto tra i giovani l’idea, che il sistema è malato e viziato.

Assicuratevi di sapere che esistono molti modi positivi di liberare il male che consumiamo. L’esercizio (fisico e mentale), la meditazione, la scrittura, la lettura, il jogging, il canto, una corsa in bicicletta. Pure il sesso. Nell’antichità, vennero create le Olimpiadi in modo che le città-stato e i regni avessero potuto sfogare la propria rabbia repressa e le proprie ostilità in modo positivo e gioioso.

discusa1Gli antichi fondarono i giochi olimpici per incanalare il male che provavano gli uni verso gli altri in modo costruttivo. Oggi questa saggezza è andata perduta.

Sì, al mondo esiste il male (terroristi con bombe, assassini, carestie, banche che vogliono portarti via la tua vita ecc…). Ma ricordate sempre che il male e la paura stanno succedendo “al di fuori” e non “in voi.” Tutte le cose negative che accadono “là fuori” non potremo controllare fino a quando non avremo la padronanza su ciò che accade dentro di noi. Questo percorso inizia riuscendo a gestire i nostri sentimenti e le nostre reazioni agli eventi esterni. Abbiamo il potere di cambiare questi eventi e la chiave per questo potere consiste nel cambiare noi stessi. Ne consegue, che ognuno di noi possiede un potere immenso.

Non appena avvertite paura, riconoscetela solo come un pensiero e chiedetevi consapevolmente: perché ho ​​paura? La mia paura deriva da una immediata minaccia al mio benessere o alla mia sicurezza? Se la risposta è negativa allora si tratta di una illusione che va eliminata. Il più delle volte, temiamo le cose che la nostra mente inventa. Cose che potranno accadere nel futuro, ma che non ci sono ancora realmente capitate. Se permetteremo a questa paura di persistere, attrarremo probabilmente le cose che più temiamo.

CONCLUDENDO

L’antico e autentico significato delle tre scimmie sagge è stato censurato, vietato, e tenuto nascosto alle masse. Ha avuto origine in Oriente e i “poteri che non dovrebbe essere forti” introducendolo in occidente ne hanno manipolato il significato. Ora, infatti, l’icona rappresenta qualcosa di totalmente estraneo al suo significato originale.

Se volete vedere un reale cambiamento nella vostra vita, potreste stamparvi una foto del simbolo delle Tre Scimmie Sagge e tenerlo sulla vostra scrivania o in macchina. Oppure potreste fare come Ghandi. Il male si sviluppa come un cancro. Una volta isolato, morirà da solo.

Fonte

Lady Diana: Il significato occulto della sua morte

Perché Elton John definì Lady D “England’s Rose”? Forse perché era bella o perché la rosa ha un profondo significato occulto? Questo articolo esaminerà i simboli esoterici utilizzati nei numerosi monumenti alla memoria di Diana.

1099123_f260
Per gli occultisti, Diana non era semplicemente una principessa, rappresentava il femminino sacro.
Lady Diana venne spesso considerata dai media come la “principessa del popolo”.
Amabile, gentile e bella, possedeva tutte le caratteristiche per diventare oggetto di idolatria. E così fu. Le immagini che la ritraggono assieme ai bambini africani o i suoi discorsi contro le mine antiuomo hanno colpito l’immaginazione dell’intero pianeta. Il Time Magazine disse su di lei: “Diana era bellissima, con un viso fresco dai tratti inglesi. Sfruttò appieno i suoi grandi occhi azzurri, sciogliendo i cuori degli uomini e delle donne attraverso un’espressione di completa vulnerabilità. Gli occhi di Diana, come quelli di Marilyn Monroe, contenevano un appello indirizzato non ad un singolo individuo, ma al mondo intero. Spesso sembrava sul punto di piangere, alla maniera delle raffigurazioni popolari della Vergine Maria. “

Analogamente alla Vergine Maria, Diana aveva (ed ha ancora) legioni di seguaci, che adorano la sua natura e la sua energia materna. In altre parole, sembra soddisfare il bisogno, insito negli esseri umani, di adorare una divinità femminile, che dona la vita ed è piena di compassione. I mass media svolsero un ruolo chiave nella creazione di questa icona, documentando ogni dettaglio del suo matrimonio da favola, della sua travagliata relazione con Carlo, delle sue attività umanitarie e, infine, della sua prematura scomparsa. Che Diana sia stata cresciuta per diventare una sorta di “Dea moderna” venendo infine sacrificata, in conformità con le antiche pratiche pagane? Questo potrà sembrare assurdo ai più, ma non a coloro che conoscono le pratiche occulte del mondo elitario. E’ possibile, inoltre, osservare numerosi indizi e simboli, inseriti da questo gruppo, per commemorare in modo sottile la natura occulta della morte di Lady Di. Non entreremo nei dettagli riguardanti il suo assassinio, ci sono tonnellate di siti e libri che ne parlano. Ci concentreremo piuttosto sui simboli che circondarono gli avvenimenti della sua morte e del suo memoriale, i quali portano la firma dell’elite occulta. Sono ben visibili a tutti ma possono essere riconosciuti solo da coloro che hanno “occhi per vedere e orecchie per sentire”.

Diana venne elevata al livello di Dea per diventare l’oggetto del sacrificio rituale. Questa pratica è stata accuratamente progettata da un gruppo segreto di persone illuminate, chiamate dai più “Illuminati”. Questi ultimi contano nelle proprie file leader mondiali, come la monarchia britannica e sono noti per essere profondamente versati nella ritualistica occulta. Se avete difficoltà a crederci, ricordate che i nazisti erano al potere quasi 70 anni fa, mostrando ovunque il simbolo esoterico della svastica, organizzando enormi rituali occulti e ripristinando l’immaginario pagano in Germania.

LA DEA DIANA

Nella mitologia romana, Diana era la dea della natura, del parto, della caccia ed era la protettrice dei più deboli. E’ l’equivalente della dea greca Artemide e rappresenta il Femminino Sacro, l’aspetto femminile della divinità. La Principessa Diana possedeva gli stessi attributi in quanto era una paladina della natura, si prendeva cura dei bambini del terzo mondo e partorì i futuri eredi al trono inglese. I boschetti di querce erano particolarmente sacri alla dea Diana. In epoca romana, i boschi e i santuari dedicati a Diana erano sempre situati al di fuori dei confini della città. Tali templi vennero trovati in tutta Europa. Per promuovere la somiglianza con la Dea che porta il suo stesso nome, Lady Diana fu sepolta in un boschetto della sua città natale (ne parleremo più avanti). La Dea Diana è spesso raffigurata con cervi e colombe.

artemis2-213x301-custom

Il principio femminile è spesso rappresentato dalla luna, dove quest’ultima è in opposizione al principio maschile solare. L’energia femminile è comunemente associata al pianeta Venere ed è rappresentata nel simbolismo da un fiore a cinque petali – la rosa. La dea appare inequivocabilmente in tutte le religioni, anche nel cristianesimo, sotto le spoglie della Vergine Maria. Questi simboli si riferiscono alla primitiva dea femminile  e vennero conservati/diffusi attraverso i misteri pagani e tramite i misitici insegnamenti giudaico-cristiani. Gli oderni studenti dell’occulto riconosceranno e interpreteranno facilmente quei simboli. In seguito verrà spiegato come siano stati utilizzati per associare Lady D al concetto di femminino sacro.

PONT D’ALMA – IL SITO SACRIFICALE

Come ben sapete, la principessa Diana morì in un incidente nel tunnel del Pont d’Alma, a Parigi. Il suo veicolo venne inseguito dai paparazzi i quali fecero perdere, il controllo all’autista (già abbondantemente ubriaco). Potremo discutere per giorni sulle teorie relative a questi eventi, ma non è lo scopo dell’articolo. La verità si trova nei simboli messi li appositamente perchè gli iniziati li riconoscano. Uno di questi è il luogo in cui Diana perse la vita, il tunnel del Pont D’Alma.

La città di Parigi fu costruita dai Merovingi, una dinastia medievale che governò la Francia per numerose generazioni. Prima di convertirsi al cristianesimo, la religione merovingia era una misteriosa branchia del paganesimo.

“… I re merovingi, dal loro fondatore Meroveo a Clovis (che si convertì al cristianesimo nel 496) furono ‘re pagani del culto di Diana’.”
-Clive Prince, La Rivelazione dei Templari

Il tunnel del Pont D’Alma era un luogo sacro dedicato alla dea Diana, dove si svolgevano i rituali sacrificali. Durante queste cerimonie, era della massima importanza che la vittima sacrificata morisse all’interno del tempio sotterraneo. L’assassinio di Diana fu una rievocazione di questa antica tradizione pagana. Poco dopo la morte della principessa, Rayelan Allan (un ricercatore di storia esoterica fin dai primi anni 70 sposato pure con Gunther Russbacher, un agente operativo della CIA) scrisse un articolo intitolato “Diana, Regina del Cielo”. L’articolo venne ripreso da numerosi giornali negli Stati Uniti e in Europa. Diversi autori che scrissero libri sulla morte della principessa Diana utilizzarono l’articolo di Rayelan come riferimento. Nessuno, tuttavia, comprese pienamente il significato più profondo di questo articolo. Pertanto, Rayelan decise di espanderlo in un libro. Il libro afferma che in epoca pre-cristiana, nella zona del Pont d’Alma sorgesse un tempio pagano dedicato alla dea Diana con collegato un “passaggio” diretto per il regno dei cieli. I re Merovingi (500-751) scelsero questo luogo per combattere i loro duelli: il perdente aveva la possibilità di accedere direttamente al paradiso. “Pont” significa “ponte”, “Alma” significa “anima” e per Merovingi, il sito era un ponte sul “fiume delle anime”. Quindi, il Pont D’Alma, il luogo dell’incidente in cui perse la vita la principessa Diana, significa “Ponte dell’Anima”.

LA TORCIA COMMEMORATIVA DEL PONT D’ALMA

ditorch

Se conoscete un po’ di simbolismo occulto, una torcia montata su un pentagramma nero farà sicuramente risuonare qualche campanello in voi. La torcia è uno dei principali simbolo degli illuminati (persone che hanno acquisito la conoscenza segreta). Questa torcia, eretta nel 1989, è una replica esatta di quella che regge la Statua della Libertà. Non si tratta dunque di un omaggio alla principessa Diana, ma, nel tempo, divenne il suo memoriale non – ufficiale. La torcia raggiunse tale “status” a causa della sua ubicazione, si trova infatti proprio sopra il tunnel del Pont d’Alma. Dopo la morte di Lady Di, il monumento fu riempito di fiori e note commemorative, incoraggiando la popolazione ad adottare questo punto di riferimento occulto come memoriale. Alcuni dicono addirittura che questa torcia venne eretta di proposito in modo da indicare precisamente il punto dell’omicidio. Qualunque sia il caso, il simbolo della torcia o fiamma eterna è stato utilizzato in altre uccisioni di alto profilo, ossia nella lapide di JFK.

jfk_grave1

I MEMORIALI DI LADY DI E IL SIMBOLISMO DELLA ROSA

Situato a Londra, in Inghilterra, il parco dedicato alla Principessa Diana contiene una fontana di forma ovale e un santuario. Il simbolo più significativo si può tuttavia trovare nel terreno:

407626786_97d0eaeaa9

Vediamo qui Diana rappresentata da un fiore a cinque petali (rosa), il classico simbolo occulto per rappresentare l’energia femminile. Ecco cosa Wikipedia ha da dire in proposito:

La Potentilla (dal francese, in cinque parti) è una rosa a cinque petali riscontrabile nella simbologia cristiana medievale. La rosa a cinque petali si trova spesso infissa nella parte superiore degli archi gotici, nelle porte e nelle finestre a forma di vescica pescis e fu concepita per rappresentare il grembo di Maria. Alcuni storici hanno ipotizzato che la rosa nell’architettura gotica sia un simbolo segreto del principio femminile, tra la moltitudine di simboli ermetici che si trovano in queste chiese. Il simbolo stesso risale all’epoca romana, in cui veniva chiamato la ‘Rosa di Venere’. La rosa, con la sua caratteristica forma a cinque petali
imita il percorso pentagrammale tracciato dal pianeta Venere nel cielo notturno. Questo, combinato con la bellezza naturale del fiore, lo ha reso un simbolo della dea dell’amore.

Il fiore a cinque petali, la rosa, la stella a cinque punte, la Luna e Venere possono rappresentare il principio femminile quando studiamo simbolismo occulto. Il grande rosone di Notre-Dame a Parigi rappresenta la Vergine Maria (Notre-Dame significa “Nostra Signora”). Il simbolo del pianeta Venere (♀) viene utilizzato anche per rappresentare il sesso femminile. Anche la luna è associata con il principio femminile in quanto assorbe la luce del sole ed ha effetti sulle maree (umidità = femminilità). Tali associazioni esistono fin dagli inizi del tempo e affondano le loro radici nel paganesimo antico.

V’è stato un palese sforzo per associare la principessa Diana alla divinità femminile attraverso i simboli utilizzati per commemorare la sua vita. La rosa venne utilizzata per rappresentare Diana in numerosi casi:

Monete commemorative del Royal Mint:

gb5pound1999

 

Parco commemorativo a Parigi:

princess_diana_memorial_garden

14 febbraio 2001 – Parigi, Francia (CNN) – E’ stato aperto ufficialmente un giardino dedicato alla memoria della Principessa Diana. I funzionari francesi dicono che le aiuole – fioriranno offrendo un luogo dove i bambini potranno imparare molte cose su fiori, piante, ortaggi e sul rispetto dell’ambiente.
Diana – l’ex moglie dell’erede al trono britannico, il principe Carlo – è morta a Parigi il 31 agosto 1997. Era in una macchina che si schiantò violentemente mentre era inseguita dai fotografi. Anche il suo compagno, Dodi Fayed, e il loro autista, Henri Paul, rimasero uccisi. Tuttavia, nella placca, è presente il solo nome di Diana. Un consigliere comunale si è lamentato del fatto che la principessa meritava un onore più grande di un “orto”. I funzionari britannici, però, sono rimasti pienamente soddisfatti dal sito. “Non poteva esserci migliore omaggio alla sua memoria, che un giardino in cui i bambini possono giocare e conoscere la natura”, ha detto Michael Jay, ambasciatore britannico in Francia.

Medaglione commemorativo:

diana2diana11

 

L’associazione della rosa, il simbolo occulto della divinità femminile, alla principessa Diana, venne dunque utilizzato ad-nauseam. Forse è per questo che Elton John definì Lady D “Rosa d’Inghilterra”. Per le persone normali tale connubio è insignificante, ma per gli iniziati, il simbolismo è TUTTO.

IL LUOGO DOVE E’ SEPOLTA DIANA

Diana doveva essere inizialmente seppellita nella tomba di famiglia presso la chiesa locale di Great Brington ma il progetto venne cambiato da suo fratello, il conte Spencer. Disse di esser preoccupato per la sicurezza e che voleva un luogo dove il sepolcro potessere venir curato adeguatamente e visitato nel rispetto della privacy dai suoi figli. In realtà, Diana fu sepolta in un boschetto per promuovere ulteriormente la sua somiglianza con la dea Diana. L’attuale sito di sepoltura si trova su un’isola in un lago ornamentale conosciuto come The Oval nei Pleasure Garden all’interno dell’Althorp Park (ci sarà qualche relazione con la forma ovale della fontana del Memorial Park?;)). Nelle vicinanze si trova un antico arboreto, che contiene alberi piantati dal principe William, dal principe Harry, dagli altri membri della sua famiglia e della principessa stessa. Ecco le immagini del luogo di sepoltura.

 

oval

diana1pa3108_468x702

Nota: la torcia sulla tomba. Il luogo di sepoltura di Diana cementa definitivamente la sua associazione all’antica Dea Diana venerata in boschi nascosti, al di fuori delle aree urbane.

MEMORIALE DEI NEGOZI HAROLDS

Questo è il primo monumento dedicato alla sfortunata coppia, in mostra ad Harrods – un grande magazzino situato a Londra. Il negozio era di proprietà del padre di Dodi. Il simbolismo qui è estremamente esoterico e significativo. Si merita sicuramente un approfondimento.

800px-112407-harrods-diannadodimemorial2

La yoni e il fallo erano venerati da quasi tutti i popoli antichi come appropiati simboli del potere creativo di Dio. Il Giardino dell’Eden, l’Arca, la Porta del Tempio, il Velo dei Misteri, la Vescica Piscis o Nimbo Ovale e il Santo Graal sono importanti simboli yonici, la piramide, l’obelisco, il cono, la candela, la torre , il monolito celtico, la guglia, il campanile, l’albero di maggio e la Lancia Sacra sono simboli fallici.

-Manly P. Hall

In primo luogo, vediamo le immagini di Lady Diana e Dodi Al-Fayed in due cerchi intrecciati. Nell’occultismo, il nome per i due cerchi intrecciati è “vescica piscis” e rappresentano l’energia femminile. John Yarker interpreta questo antico simbolo nel suo libro “Le Scuole Arcane”:

La Vesica Piscis, cioè due cerchi interconnessi, è anche conosciuta come “la Yoni”. Il nome “Yoni” si riferisce alla parte centrale dei cerchi intrecciati e deriva dal sanscrito, in questa antica lingua significa infatti “passaggio divino”. La yoni viene anche collegata all’unione tra maschio / femmina.

vulva

L’ovale formato dall’intersezione dei due cerchi è un simbolo universale del Femminile Divino e in questo contesto la vescica piscis è la vulva della Dea, circondata da due mezzelune: quella calante e quella crescente. La vescica piscis fu utilizzata dagli antichi pagani per rappresentare la dea Venere, è possibile trovarla anche nelle chiese.

Nella penultima foto vediamo una piramide affiancata da due candele (pilastri). Guardare con più attenzione all’interno della piramide:

274823778kekxbe_fs

Essa contiene il bicchiere di vino – con delle tracce di rossetto – usato da Lady D durante la sua ultima cena. Il simbolo del vaso vuoto all’interno di una piramide è un altra potente immagine rappresentante l’unione dei principi maschile e femminile. Il bicchiere di vino porta lo stesso significato del Santo Graal: il sacro femminile.

Nell’epoca patriarcale, le leggende sul Graal comunicavano con le parti più profonde della nostra anima in una ricerca archetipica degli aspetti femminili della divinità.

Ma ancora, un triangolo rivolto verso l’alto rappresenta il fallo e la mascolinità, mentre un triangolo rivolto verso il basso rappresenta la vagina, l’utero, la ricettività e la femminilità. Pertanto, in questo memoriale abbiamo un simbolo femminile all’interno di un simbolo fallico. La Dea Diana che si unisce al principio maschile – Dodi. Questa unione è inoltre rappresentata dall’anello di fidanzamento (dato da Dodi la notte prima della loro morte) posto sotto il bicchiere di vino.

LA STATUA COMMEMORATIVA AD HARRODS

363px-112407-harrods-diannadodimemorial1

Questa statua di bronzo è molto strana. Se la causa ufficiale della morte di Diana e Dodi fu un incidente d’auto, perché c’è scritto “vittime innocenti”? Di cosa sono state vittime? Della guida in stato di ebbrezza? O forse sono state vittime innocenti di un malato ed occulto rituale? Decisamente più probabile. Notare che sotto ai piedi di Dodi c’è un uccello morto. Che cosa rappresenta?

CONCLUDENDO

Qual è lo scopo di elevare Diana al livello di divinità attraverso il simbolismo mistico? Numerose teorie affermano che uno dei figli di Diana diventerà l’Anticristo. Hanno trasformato Diana nella Vergine Maria dell’Anticristo? L’assassinio di Diana, la “Dea della Luna” è la risposta a quello di JFK, il “Dio Sole”? Era parte di un rituale di sangue a causa della nobile genealogia della sua famiglia? La regina d’Inghilterra è in realtà una rettiliana in grado di mutare forma diventando una lucertola alta 6 piedi? Potete cercare su google qualsiasi di queste teorie e troverete più materiale di quanto possiate leggerne. Non ho nessuna prova in merito a tali argomenti perciò non darò una risposta definitiva. Una cosa è certa, i simboli non mentono. Diana era circondata dalle persone più potenti del mondo e queste persone hanno una profonda conoscenza dell’occulto. Gli iniziati sono pienamente consapevoli del fatto che il simbolismo è l’unico vero linguaggio dell’umanità e può essere compreso solo da coloro che ne sono degni. I monumenti dedicati alla principessa sono pieni di simbolismo e tutti fanno riferimento allo stesso concetto di divinità femminile. I simboli analizzati nell’articolo non erano destinati al popolo, il quale pensa ancora che Diana sia morta in un incidente d’auto. Questi codici esoterici fungono agli scopi dell’elite, che esegue rituali in base alla conoscenza segreta che possiede.

Questo articolo è pieno di simboli molto profondi e intricati, ciascuno dei quali può essere ulteriormente studiato. Se avete poca dimestichezza con i concetti discussi qui, fatevi un favore e imparatevi la lingua dei potenti.

Fonte

Societa` segrete: Buone o cattive?

Internet ha fatto conoscere a molte persone l’ esistenza di un governo totalitario invisibile, costituito da famiglie elitarie che possiedono e controllano le banche e le multinazionali.
Hanno acquisito l’ egemonia finanziaria, economica e sociale, riducendo, virtualmente tutti in schiavitù.

Molti autori e teorici del complotto hanno attribuito caratteristiche non veritiere al Governo Invisibile, accusando erroneamente questo gruppo scellerato di “discendere” delle antiche scuole misteriche e dai “maestri” delle antiche arti dello gnosticismo, dell’ alchimia, dell’ occultismo e della Massoneria (autentica).

Se siete confusi da tutte le “congetture” viste su Internet e non capite chi siano i “buoni” e chi i “cattivi”, questo articolo cercherà di fornirvi qualche dritta.

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Yale-Photo

 Foto di gruppo di alcuni membri della Skull & Bones. Università di Yale 1800

Tanti libri e video on-line mettono in luce diversi punti di vista, ridicoli e paradossali, spesso senza prove convincenti o ricerche credibili. I creatori di questi libri e video fanno un utilizzo sconsiderato di parole come “massoni” e “Illuminati”, come se sapessero con certezza cosa sono queste organizzazioni, quando e perché vennero fondate, ciò che esse rappresentano, e chi le compone.

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-New-World-OrderUn simbolo che potete trovare ovunque su internet. Si cerca di insinuare l’idea che i massoni siano i veri responsabili del futuro Nuovo Ordine Mondiale.

Da un lato, questi autori, ricercatori e siti web (quelli non pagati per diffondere volutamente “disinformazione”), non possono essere criticati. Hanno notato che c’è qualcosa di sbagliato nel mondo e stanno cercando di scoprire come fermarlo. Non se ne stanno seduti nei loro salotti a guardare tv spazzatura come la maggior parte degli italiani, ma cercano la verità. D’altra parte, il loro lavoro è spesso superficiale, perché non scavano abbastanza in profondità, prendono per vero ciò che non lo è, mandando in confusione il pubblico a cui si rivolgono (piuttosto che risvegliarlo).

Spesso questi ricercatori sono cristiani che, non riflettendo sul lavaggio del cervello a cui sono stati sottoposti, danno per scontato che tutto ciò che non si adatta al cristianesimo – come la Massoneria – è, per sua stessa natura, il male.

SOCIETA’ SEGRETE – SEGRETEZZA PER RAGIONI VALIDE

Le società segrete, come la massoneria vennero fondate più di mille anni fa per scopi benevoli, allo scopo di proteggere una potente saggezza spirituale pre-cristiana dalla tirannia della Chiesa cattolica e dagli indicibili atti dell’Inquisizione.

Diamo un’occhiata ad una Società segreta, la Fraternità massonica alias la massoneria. Poche persone se ne rendono conto, ma l’Ordine venne fondato per essere depositario iniziatico di una antica saggezza spirituale. Questa saggezza fu chiamata “Dottrina Segreta” e / o “Filosofia Perenne” dai mistici rinascimentali e dagli studiosi occulti. La saggezza, una volta costituiva una “Religione Universale”, condivisa dalle antiche civiltà di tutto il mondo, come gli antichi egizi, gli indù, i cinesi e i Maya, ma fu vietata dalla Chiesa quando il cristianesimo divenne la dottrina dominante.

Se la Chiesa sorprendeva qualcuno mentre professava o praticava la Dottrina Segreta / Filosofia Perenne, veniva accusato di eresia e ucciso. Da qui la necessità di erigere un muro di segretezza.

 

“… I massoni hanno un segreto che nascondono con attenzione … La massoneria deriva da qualche religione molto antica … A quale periodo dell’antichità, o in quale nazione, questa religione fu fondata, è una conoscenza che si perde nel labirinto del tempo non registrato …” -Thomas Paine, Origine della Massoneria

“L’oggetto primo e principale del nostro Ordine [massonico], il fondamento su cui poggia … è la conservazione e la consegna ai posteri di un certo importante mistero … che è giunto fino a noi dai tempi più remoti, dal primo uomo – un mistero su cui forse dipenderà il destino dell’umanità. “ -Lev Tolstoj, Guerra e pace

Nel disperato tentativo di garantire la sopravvivenza di questa antica saggezza e con la paura della l’inquisizione, la massoneria “nascose” la sua antica Dottrina Segreta / Filosofia Perenne in bella vista in luoghi dove sarebbe stata tranquillamente tramandata ai posteri.

Dove l’hanno nascosta?

La Chiesa commissionò i Massoni per la costruzione delle maestose cattedrali gotiche europee. In queste strutture incastonarono la loro saggezza proibita:

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Gothic-CathedralsRiuscite a notare lo stesso schema a Trittico? 

“Nell’Europa medioevale – frammenti della Dottrina Segreta – trasmessi nei simboli e nei segreti dei costruttori di cattedrali – determinarono gran parte dell’architettura gotica.” -Claude Bragdon, The Beautiful Necessity, 1910

“Si ritiene generalmente, nei circoli occulti, che questi muratori medievali ereditarono la conoscenza esoterica dalle loro basi pagane e che questo sapere fosse incorporato nell’architettura sacra delle cattedrali”. -Michael Howard, La cospirazione occulta, 1989

I massoni non sono stati l’unica società segreta che preservò la Dottrina Segreta / Filosofia Perenne. Ce ne sono state molte altre, ma la maggior parte vennero violentemente sradicate dalla Chiesa. Scomparvero praticamente tutte, tranne la Massoneria, che portò la fiaccola della Dottrina Segreta / Filosofia Perenne nell’era moderna.

“Quando l’impero romano d’Occidente venne distrutto, il potere politico si concentrò gradualmente nelle mani della Chiesa, la quale crebbe molto diventando sospettosa delle società segrete, sopprimendole con grande vigore. Non fece, tuttavia, perseguitare i massoni operativi, poichè li considerava come un gruppo di uomini i quali custodivano i segreti del loro mestiere, come le misure di colonne e archi, i quantitativi per la miscelazione della malta e molte altre cose. “ -C.W. Leadbeater, Freemasonry Ancient Mystic Rites

Nonostante la segretezza massonica, la Chiesa alla fine, scoprì che la Massoneria stava tramandando l’Antica Saggezza. La chiesa sapeva che tale sapienza minacciava la sua tirannia, il che spiega perché la Chiesa improvvisamente e inspiegabilmente fece completo dietro-front, evitando di commissionare massoni per la costruzione di cattedrali e cercando, allo stesso tempo, di distruggere la Massoneria.

Ecco una delle tante bolle papali emesse nel corso dei secoli passati che chiedono la distruzione totale della Massoneria, accusando l’Ordine di diffondere l’antica saggezza pagana:

“Lo scopo e l’obiettivo della setta massonica, evidenziato da chiare prove … è facile da capire … vogliono far rivivere, dopo diciotto secoli, i costumi e le istituzioni del paganesimo … … Abbiamo intenzione di rivolgere la nostra attenzione alla società massonica … per svelare gli intrighi di questa forza malvagia e fermare la diffusione di questa malattia contagiosa … “ -Papa Leone XIII

Scopriremo l’antico e “blasfemo” Grande Segreto / Filosofia Perenne fra poco. Per ora, è importante che il lettore comprenda che la “segretezza” massonica esisteva per una buona ragione, ovvero proteggere la Fraternità massonica ed i suoi membri dall’ira della Chiesa e dell’Inquisizione.

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Masonic-InitiateGli iniziati massonici iniziavano il loro viaggio nelle vesti rituali di un eretico medievale con un cappio da impiccato intorno alla testa. Questo perché la saggezza della Massoneria, una volta imparata, trasformava l’iniziatico in un eretico, passibile di morte agli occhi della chiesa e dell’inquisizione.

LA FRATELLANZA MASSONICA – PRIVATA DELLA SUA SAGGEZZA

Poi, nel 1800, accadde un evento critico. La fratellanza massonica attraversò una sorta di trasformazione non voluta. Un oscuro gruppo di individui organizzati, entrò e ne distrusse i rituali. I simboli vennero mistificati e gli insegnamenti modificati e compromessi. Sembra sia stato un processo lento, avvenuto nel corso di qualche decennio, piuttosto che tutto in una volta.

Questo cambiamento, a quanto pare, servì per rendere impotenti le società segrete in modo che non potessero più iniziare i loro adepti all’antica saggezza e fornir strumenti ed idee per promuovere la crescita spirituale dell’individuo. Oggi, per esempio, simboli massonici, come il Pentagramma (un simbolo molto potente e molto spirituale) non vengono più spiegati agli iniziati, poichè neppure i cosiddetti maestri ne conoscono il valore.

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Masonic-PentagramIl pentagramma massonico. La sua saggezza non viene più spiegata agli iniziati.

“Il significato massonico del pentagramma è controverso. Mentre appare spesso nelle insegne e nelle illustrazioni massoniche, non viene menzionato nei rituali massonici o nelle conferenze. “ -Grand Lodge of British Columbia Website

Il Pentagramma è un esempio di simbolo spirituale, “rubato” alla massoneria, uno dei tanti emblemi spirituali storicamente associati alla Massoneria. Vedendo come le corporazioni elitarie utilizzano il pentagramma nei loro loghi aziendali, sembra chiaro dove sia andata a finire parte della saggezza/ simbolismo massonico (vale a dire, nelle mani delle grandi corporazioni):

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Pentagram-Symbol-StolenSopra: simbolismo massonico e pentagramma. In basso: loghi aziendali e pentagramma.

Come hanno fatto le grandi multinazionali come Macy, Texaco, Heineken ad arrivare a comprendere il potere del pentagramma? Come hanno fatto a mettere le mani su tale simbolismo? Hanno per caso derubato la massoneria?

La risposta, a mio parere, è sì. Ricordate, una popolazione emancipata non è assolutamente negli interessi dell’elite. Quest’ultima ha bisogno di pecore/seguaci, non di leoni / leader, altrimenti la loro egemonia, un giorno, potrebbe essere scoperta ed erosa. (L’Elite necessita di una popolazione rincretinita, paurosa e arrabbiata per riuscire a vendere i suoi vestiti / automobili / farmaci / alimenti geneticamente modificati. In altre parole, hanno bisogno di un sistema di concorrenza basato sulla paura, invece della cooperazione basata sull’amore . “Competizione basata sulla paura” rappresenta esattamente la società moderna) E’ possibile quindi che membri o rappresentanti di queste aziende alle prime armi decisero, quasi due secoli fa, di eliminare il “segreto” nelle organizzazioni mistiche e massoniche, vedendo tali gruppi come una potenziale minaccia per il loro nascente governo invisibile.

È interessante notare che, a diretto sostegno di questa affermazione, fu registrato un evento “catastrofico” nei libri di storia a metà del 1800: nello stesso periodo in cui fu rubata la saggezza antica alla massoneria, i media parlarono del “caso Morgan”. Dopo aver promesso di rivelare i più antichi segreti della Massoneria, il massone William Morgan scomparve. La sua dipartita e il presunto omicidio provocarono una reazione. Entro il 1830, la presenza massonica diminuì enormemente e l’ostilità contro i massoni crebbe esponenzialmente.

Per anni l’Ordine sopravvisse, ma gli storici riferiscono che la confraternita rinacque improvvisamente nel 1860. Si trattò, tuttavia, di una società completamente diversa, pur condividendo somiglianze superficiali con il suo predecessore esoterico, non era più interessata a determinate dottrine spirituali. Si focalizzò invece sui principi di “Fede, Speranza e Carità”, il suo nuovo slogan che continua a promuovere ai giorni nostri. Era come se una forza nuova ed invisibile, una forza estranea alla funzione originaria della fratellanza, ne avesse preso il controllo.

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Fork-And-KnivesIl cosiddetto “Forchette & coltelli” è una parodia moderna dell’emblema massonico “Squadra e Compasso“, sottolineando il nuovo passatempo dei Massoni – cibo e bevande!

Così, la Massoneria odierna, esiste per finalità diverse dal suo spirito originale. Gli iniziati che cercano la luce della conoscenza praticamente restano nel buio più totale. L’intero apparato è stato distrutto (volontariamente), all’insaputa dei massoni moderni.

I massoni Chris Knight e Robert Lomas, autori de La chiave di Hiram, sostengono questa dichiarazione in un articolo dello Yorkshire Post, dell’11 maggio 1996:

“Una ragione convincente per mantenere il silenzio tra i massoni non è tanto una coazione a rispettare i voti sacri, o la paura di macabre ritorsioni da parte dei loro compagni: è che non capiscono una parola delle cerimonie a cui partecipano e il loro unico timore è che la gente rida dei loro rituali, considerandoli sciocchi e inutili …

La nostra più grande critica alla massoneria è la sua pura inutilità. Non sa da dove viene, nessuno sembra sapere quale sia il suo obiettivo ed è improbabile che abbia un futuro in un mondo che richiede trasparenza negli ideali e nei benefici. “ -Chris Knight e Robert Lomas, Yorkshire Post, 1996

Abbiamo letto una dichiarazione molto simile sul sito web della Gran Loggia d’Inghilterra:

“… La risposta onesta alle domande su quando, dove e perché nacque la Massoneria semplicemente non le conosco …” -Gran Loggia Unita d’Inghilterra (sito web)

Quando parla di “risposta sincera” gli credo. Ecco un frammento di tre minuti dal documentario di Discovery Channel sui massoni. Spiega l’Affare Morgan e le sue conseguenze devastanti per la Massoneria:

watch?feature=player_embedded&v=fiqYDVyhwFc

Che l’affare Morgan fosse una specie di operazione false flag, progettata per distruggere la Massoneria e consentire ad esterni di infiltrarsi e cambiare l’ordine da l’interno?

Se è così, allora, si spiega come mai la “massoneria” emersa “dopo” l’affare Morgan fosse molto diversa rispetto la massoneria “tradizionale”. Ciò spiega anche perché la stragrande maggioranza dei massoni odierni non capiscono nè i simboli massonici nè i rituali.

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Famous-FreemasonsMigliaia di uomini di rilievo, nel corso degli anni, sono stati membri dell’Ordine Massonico.

Vi è, tuttavia, un piccolo gruppo di massoni, vivo ancora oggi, con una mentalità filosofica, che sta attivamente cercando di decodificare i simboli, mettere insieme i rituali, e trovare la verità mancante.

CRISTO E’ BENE, LA CRISTIANITA’ E’ MALE 

Fino ai tempi di Cristo, la Religione Universale era ampiamente seguita e le scuole misteriche insegnavano la sua saggezza. Lo spirito della Religione Universale consisteva nell’idea che sotto i nostri corpi siamo tutti uguali, siamo tutti anime spirituali eterne, le stesse anime (chiamate Brahman in Oriente), che scelsero di sperimentare temporaneamente l’umanità. Il guaio è che diventando esseri umani ci siamo scordati di questa verità, non ricordiamo chi siamo veramente nel profondo, perché non possiamo vedere la nostra divinità interiore. Pensiamo che la vita sia reale, ma non lo è, si tratta solo di un passaggio temporaneo.

watch?feature=player_embedded&v=EZfv7kC6znw

Una tradizione tramandata tra i mistici insegna che Gesù Cristo era uno studente degli antichi Misteri. Iniziato agli insegnamenti della Scuola misterica, Gesù si rese conto della sua natura spirituale interiore, della sua “anima” o “divinità” interiore. Il Messaggio di Gesù era che tutti noi abbiamo questa “divinità” interiore, questa “anima”, questo “Cristo” interiore.I mistici credettero a lungo che Gesù avesse una profonda comprensione di questa conoscenza (gnosi), perché risvegliò il suo Terzo Occhio. Innumerevoli ritratti per centinaia di anni ritrassero Gesù assieme al Terzo Occhio:

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Jesus-Third-Eye-Pic

Un dipinto del 1525, di Jacopo Pontormo mostra Gesù con il Terzo Occhio sopra di lui.

Joseph Campbell spiegò:

“… Se avete letto “Gesù ascese al cielo” in senso metaforico, noterete che non si tratta di un percorso dalla Terra verso il Cielo, bensì dall’esterno verso l’interno, verso il luogo da cui tutto l’essere viene, nella coscienza fonte di tutte le cose. Le immagini sono verso l’esterno, ma il loro riflesso è verso l’interno. “ -Joseph Campbell, Il potere del mito

Il seguente Occhio con all’interno della pupilla Cristo, si chiama “La Trasfigurazione di Gesù.” E’ un mosaico dalla chiesa del monastero di Santa Caterina sul monte Sinai, in Egitto. Fu dipinto nel c. 560 dC. Trasmette l’idea che siamo in grado di vedere il nostro “Cristo interiore” o “anima” interiore  quando risvegliamo il Terzo Occhio.

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Jesus-Eye-Symbol

Cristo raffigurato all’interno di una pupilla. “La Trasfigurazione di Gesù” dalla chiesa del monastero di Santa Caterina, Monte Sinai, Egitto (c. 560 dC).

Negli insegnamenti cristiani, questo concetto di “trasfigurazione” è descritto come una metamorfosi:

“La Trasfigurazione di Gesù è un episodio raccontato nel Nuovo Testamento in cui Gesù si trasfigura (o trasforma) e diventa radioso … Nella dottrina cristiana, la Trasfigurazione è un momento cruciale … il punto in cui la natura umana si incontra con Dio: il luogo di incontro tra il temporale e l’eterno … il ponte tra cielo e terra. “ -Wikipedia

Ciò che i cristiani non riescono a capire (non per colpa loro) è che la trasfigurazione è, nel Cristianesimo esoterico, l’atto in cui Gesù risveglia il suo Terzo Occhio. Ci insegna che dobbiamo seguire Gesù e fare ciò che lui ha fatto! Questa pittura antica ci sta dunque dicendo: “Segui Gesù. Risveglia il Terzo Occhio. Trova il tuo “Cristo Interiore” il  tuo “Dio interiore”, proprio come fece Gesù “.

“Gesù Cristo sapeva di essere Dio. Quindi svegliati e scopri finalmente chi sei veramente. Nella nostra cultura, certo, diranno che sei pazzo e sei blasfemo e ti metteranno in carcere/manicomio. Tuttavia, se ti svegli in India e dici ai tuoi amici e parenti, “Dio mio, ho appena scoperto che dentro di me c’è Dio” rideranno e ti diranno:’ Oh, complimenti, alla fine lo hai scoperto.” -Alan Watts

Alcuni anni fa, il capolavoro rinascimentale intitolato La Vergine che adora il Bambino dormiente (illustrato di seguito) del maestro italiano Sandro Botticelli è stato oggetto di una scoperta colossale. Dopo essere stato fotografato con telecamere ad infrarossi, il dipinto mostrava un Terzo Occhio:

“… Si può notare un “terzo occhio” al centro della fronte del Bambino”. -The Herald Scotland, 26 maggio 2005

SECRET-SOCIETIES-good-or-evil-Botticelli
La Vergine che adora il Bambino dormiente di Sandro Botticelli 1490

Chi ha coperto, il terzo occhio nella pittura di Botticelli? Che tutte queste, immagini del Terzo Occhio puntino ad indicare una Tradizione interna al cristianesimo?Una tradizione la quale rivelerebbe che il messaggio di Gesù fosse quello di risvegliare il nostro “Terzo Occhio” e trovare la nostra “anima” o “dio interiore”?

“La lampada del corpo è l’occhio. Se dunque l’occhio tuo è sano, tutto il tuo corpo sarà illuminato” -Gesù Cristo, Matteo 6:22

Se è così, queste idee sono molto diverse da quelle che il cristianesimo tradizionale ci ha insegnato. Il cristianesimo proposto dalla tirannica Chiesa Cattolica, ha storicamente consentito solo due punti di vista per quanto riguarda l’anima:

Creazionismo: Il Dio Ebraico/Biblico “Yahweh” crea ogni anima “al momento del concepimento” (per alcuni) o “alla nascita” (per gli altri).

Traducianismo: I genitori generando il figlio generano anche l’anima.

Lo studioso ed egittologo inglese del XIX secolo, Gerald Massey (1829-1907) affermò che questa negazione cristiana dell’eternità dell’anima fu il risultato della distorsione degli antichi misteri perpetrato dalla chiesa cattolica.

“… Si può osservare che la guerra del papato contro la Massoneria è in atto perchè quest’ultima mantiene in vita i Misteri pre cristiani, e, per quanto imperfetta, fa da testimone contro il Cristianesimo Storico!” -Gerald Massey

“La massoneria è identica agli antichi misteri” -Albert Pike

“La Massoneria è la custode dei Misteri”. – J.S.M. Ward (massone e noto autore massonico) Massoneria e Dei Antichi

“Il movimento massonico … è la casa dei Misteri e la sede di iniziazione.” -Alice Bailey, direttore della Casa della Teosofia

Nei suoi libri e conferenze Massey sottolineò il fatto che nei Misteri il concetto di “Cristo” non si riferisce ad un uomo in particolare. Al contrario, essa fa riferimento all’anima interiore presente in ciascuno di noi e in attesa di essere trovata.

“… Cristo era lo Spirito immortale nell’uomo … Non è e non può dipendere da una singola manifestazione in un personaggio storico.”

Il Cristianesimo Storico è nato rivoltando … sotto sopra gli insegnamenti misterici esternalizzando l’allegoria mitica in una personale storia umana …. un orribile ed enorme errore … “ -Gerald Massey, Gerald Massey Lectures

Secondo Massey, il cristianesimo sovvertì il concetto di “Cristo Interiore”; mentre le tradizioni Misteriche lo collegavano ad una realtà interiore comune a tutta l’umanità, il cristianesimo lo legò ad un personaggio storico, spostando il percorso di illuminazione e ascensione, verso l’esterno, con una figura messianica. Ciò diede luogo a due millenni di dominazione, l’impero che oggi conosciamo come la cristianità.

Massey venne preso in considerazione dagli studiosi del 20 ° secolo e molti proseguirono la sua indagine. Tra di loro Alvin Boyd Kuhn. Il professor Kuhn nell’opera The Lost Light (1940) afferma che, negando la divinità dell’anima e la sua pre-esistenza, il cristianesimo spazzò via un prezioso frammento, anzi il principio chiave della religione misterica. Di conseguenza, l’insegnamento dell’”anima interiore” andò perso:

“Il cristianesimo lasciò l’aspetto divino nell’uomo a strisciare nella polvere …… spostò il centro di gravità, per così dire, dal culto del Cristo interiore a quello del Cristo esteriore, o dal Cristo come principio al Cristo come uomo. “ -Alvin Boyd Kuhn, The Lost Light

Il lavoro di Kuhn dimostrò come i principi fondamentali cristiani erano perversioni degli antichi Misteri. Nel suo libro del 2005, Il Cristo Pagano, l’autore e studioso Tom Harpur riportò alla luce, coraggiosamente, le ricerche di Kuhn:

“… Il principio di Cristo è potenzialmente in ognuno di noi.”

“Il Cristo del mito è diventato una persona di carne e sangue identificato con Gesù”. -Tom Harpur, Il Cristo Pagano

Kuhn sottolineò che la Chiesa primitiva nascose volutamente la saggezza del “dio interiore”, al fine di consolidare la loro presa sulle masse. La Chiesa invece promosse l’idea della venuta di un Salvatore futuro destinato a salvare tutti gli uomini, a condizione che l’uomo segua i dettami della Chiesa. Ciò portò ad un rapido consolidamento del potere ecclesiale, visibile ancora oggi.

Innumerevoli sette pagane antiche cercarono di fermare la Chiesa, secondo Massey, Kuhn e molti altri studiosi del loro tempo. Ma a causa di una persecuzione spietata, realizzarono ben presto che la loro causa era inutile. Queste sette pagane quindi si posero l’obiettivo di mantenere la fiaccola della religione misterica viva attraverso iniziazioni segrete nella loro gnosi, o “conoscenza”. Questo fu l’inizio di società segrete.

Fu il motivo per cui nacque la massoneria, come maggiore detentrice della Dottrina Segreta / Filosofia Perenne. Così, il cristianesimo non è che una corruzione degli insegnamenti misterici, di cui la massoneria moderna è diventata il mezzo. Nei giorni dell’Inquisizione, il concetto che ognuno di noi possedeva un’anima interna, era un “segreto” e la conoscenza di questo segreto era punibile con la morte. Da qui la necessità della “segretezza” massonica.

CONCLUSIONE

Le antiche culture pagane, i loro potenti misteri e i custodi di questi antichi saperi, i massoni, erano buoni. Più si va indietro nella storia, più gli uomini e le donne erano sofisticati ed elevati dal punto di vista spirituale. E’ possibile vedere questo fatto in tutti i monumenti antichi del mondo. Andate a visitarli. Sentirete il loro potere spirituale.

Quasi duecento anni fa, l’Elite globalista, allora neonata, (le famiglie benestanti che ora possiedono banche corporazioni e multinazionali) dirottarono le società segrete e diluendone il potere. In alcuni casi gli illuminati si infiltrarono totalmente, cambiando il loro corso e trasformandole in organizzazioni molto diverse da come erano in origine.

Il risultato? I moderni iniziati cercano la luce ma rimangono al buio. Corrompendo le società segrete l’Elite ha diminuito le possibilità di scoprire la verità ed il fatto che utilizzano l’antico simbolismo per fini avidi e meschini!

L’Elite non è per nulla spirituale. Molti di loro sono sociopatici e psicopatici che bramano soldi, potere e controllo. Questo è esattamente il motivo per cui sono al tutt’ora al potere, non solo in America ma in tutto il mondo.

Quindi, per rispondere alla domanda: Le società segrete sono buone o cattive? La risposta, è entrambi. Vennero fondate per buone ragioni, in particolare per preservare l’antica religione universale, ma sono state manipolate e non svolgono più il ruolo per cui furono costituite.

Fonte