Archivi categoria: Bufala

Bin Laden, vivo morto X

Winston Churchill espresse giustamente un concetto “la bugia fa a tempo di percorrere mezzo mondo prima che la verità riesca ad infilarsi i pantaloni”. Lo disse prima dell’invenzione della televisione. Sicuramente prima della tv via cavo 24/24 h e della moderna tecnologia globale in grado di comunicare quasi istantaneamente le notizie.

Il proverbio sopra si applica all’ultima bugia di Obama, annunciata alle 11:35 PM EDT riguardo bin Laden, dicendo:

“Stanotte, posso riferire al popolo americano e al mondo che gli Stati Uniti hanno condotto una operazione che ha portato alla morte di Osama bin Laden, il leader di al Qaeda, oltre che un terrorista responsabile della morte di migliaia di uomini, donne, e bambini “.

Mettendo in luce l’11 settembre, ha discusso minuziosamente di tutto, tranne che della verità. Folle in festa davanti alla Casa Bianca, al Times Square e al “ground zero” si rallegrano nella mezzanotte, credendo tranquillamente ad una bugia.

Il 1 ° maggio, i giornalisti del New York Times, Peter Baker, Helene Cooper e Mark Mazzetti titolano, “Bin Laden è morto”

Sempre nello stesso articolo troviamo riportate le parole di Obama: “la mente del più devastante attacco sul suolo americano nell’epoca moderna e l’uomo più braccato del mondo”, l’annuncio della morte è stato dato domenica sera, con il motto “giustizia è fatta”.

Più che da reporter, da cheerleaders, Baker, Cooper e Mazzetti esprimono il loro parere scrivendo che la sua morte è “un momento cruciale nella lotta americana contro il terrorismo, un colpo simbolico essendo d’accordo sulla necessità della persecuzione di di coloro i quali hanno attaccato New York e Washington settembre 11, 2001. ”

Il capodanno è arrivato in anticipo quest’anno in america, festeggiando una bugia, il “gregge disorientato” è stato nuovamente sedotto dall’inganno presidenziale.

Un editoriale dell’USA Today intitolato, “Alla fine, bin Laden è morto”, dice:

“Potrebbero esserci parole più soddisfacenti?”

Il Boston Globe ha evidenziato “un momento di unità” dopo quasi un decennio di guerra, definendo l’annuncio di Obama una “la rivendicazione di una caccia all’uomo che ha coinvolto due amministrazioni presidenziali, oltre che numerose agenzie e innumerevoli agenti dei servizi segreti”.

AP cita Bill Clinton dicendo:

“Mi congratulo con il presidente, il team di sicurezza nazionale e con i membri delle nostre forze armate che hanno condotto Osama bin Laden alla giustizia, dopo più di un decennio di attacchi micidiali organizzati da Al Qaeda”.

John Boehner (R. OH) annuncia: “una grande notizia …”

Nancy Pelosi lo ha definito “storico”.

Il leader democratico in senato, Harry Reid, “(ri)afferma la nostra determinazione a sconfiggere le forze del terrorismo colpevoli degli omicidi dell’11 settembre (9 / 11 vittime) e di migliaia di altri in tutto il mondo.”

Aspettatevi altre cheerladers scatenate, con reportage manipolati dai media, mentre fanno ciò che sanno fare meglio: fornire una notizia sterilizzata e manipolata, non la verità.

SEPARARE LA REALTA’ DALLA FINZIONE

Dopo l’11 settembre 2001, bin Laden è diventato il “Nemico Numero Uno”, la più grande “minaccia alla sicurezza” americana. Infatti, se non fosse esistito, lo avrebbero inventato per vantaggio politico.

Nel marzo del 1985, dopo che Ronald Reagan ha firmato la National Security Decision Directive (NSDD) 166 arma i Mujahideen afghani, l’Inter Services Intelligence (ISI) assume bin Laden per combattere le forze afghane sovietiche come risorsa della CIA. Venne chiamato “Nemico Numero Uno”, usandolo vantaggiosamente in entrambe le occasioni.

David Ray Griffin ha scritto dei libri sull’11 settembre, tra cui “The New Pearl Harbor”, “The 9 / 11 Commission Report”, “9 / 11 e American Empire”, “9 / 11 contradictions”, “Mysterious Collapse of World Trade Center 7, e “Osama Bin Laden: Dead of Alive?”

In un articolo del 2009 sul Global Research, porta argomenti per 2 prove:

(1) Prove obiettive della sua morte:

Dopo il 13 dicembre 2001, i suoi messaggi intercettati regolarmente si sono interrotti.

Il 26 dicembre 2001, secondo un articolo del “giornale pakistano di riferimento”, un funzionario di primo piano dei talebani ha detto di aver partecipato al suo funerale.

Bin Laden, infatti, era malato gravemente ai reni. Nel settembre 2001, il giornalista della CBS News, Dan Rather riferì che fù ricoverato in un Rawalpindi, un ospedale pakistano, il 10 settembre 2001, inolte il giornale Le Figarò dichiara:

“Dubai …. era il luogo di un incontro segreto tra Osama bin Laden e l’agente locale della Cia in luglio (2001). Un partner dell’amministrazione dell’Ospedale americana sostiene che …. (bin Laden) rimase (nell’ospedale di Dubai ) tra il 4 e 14 luglio (e) ricevette visite da molti membri della sua famiglia, così come da sauditi ed Emirati di primo piano. (Durante lo stesso periodo), l’agente locale della Cia, noto a molti a Dubai, è stato visto prendere (nell’ospedale), l’ascensore principale dirigendosi verso la stanza di bin Laden. ”

Nel luglio del 2002, la CNN riferì che le (sue) guardie del corpo erano state catturate nel febbraio dello stesso anno, aggiungendo: ‘Fonti ritengono che se le guardie del corpo fossero state catturate, bin Laden, l’uomo più ricercato del mondo, sarebbe ormai cadavere. ”

Infine, nonostante Washington offrisse $ 25 milioni di ricompensa per informazioni che portassero alla sua cattura o alla sua uccisione, nessuno si fece avanti.

(2) Testimonianze della sua morte:

Nel 2002, “persone influenti” sapevano che era morto inclusi:

– Il presidente Musharraf in Pakistan;

– Il Capo dell’antiterrorismo dell’FBI Dale Watson;

– Oliver North dicendo: “Sono certo che Osama è morto …. e con lui tutti gli altri ragazzi con cui ero in contatto”;

– Il presidente Karzai in Afghanistan;

– L’intelligence israeliana dicendo che i supposti messaggi di Bin Laden fossero falsi

– L’ISI” pakistana conferma, la morte di Osama bin Laden …. e imputa la volontà di nascondere la verità (da parte degli Americani) al fatto di voler usare la questione di al Qaeda e del terrorismo internazionale per invadere l’Iraq. ”

Altri elementi probatori includono un’ex agente della CIA, Robert Baer, che disse alla National Public Radio (NPR): “Certo che è morto!”

Successivamente, nel marzo 2009, ” Un ex funzionario del Foreign Service, Angelo Codevilla, pubblicò un saggio nell’American Spectator dal titolo ‘Osama bin Elvis'”, dicendo:

“Sette anni dopo l’ultima prova che (bin Laden) sia ancora in vita, ci sono più prove dell’esistenza di Elvis”.

Griffin ha anche affrontato l’argomento dei falsi messaggi video, dicendo che la tecnologia avanzata di oggi può ingannare gli esperti, ma non tutti.

Per anni, i nastri di bin Laden sono emersi in momenti strategicamente giusti. Si consideri quello di Venerdì 7 Settembre 2007 sorpresina pre 6° anniversario dell’11 settembre. Neal Krawetz della Hector Factor , un esperto di immagine digitale forense, ha detto che era pieno di difetti audio video e di scarsa qualità, un falso probabile.

Colpisce anche la barba di bin Laden, che era grigia nelle immagini recenti…in questa, diventa nera. Inoltre, vestiva con una camicia ed un cappello bianco, cosi come con un maglione giallo, lo stesso abbigliamento del video del 29 Ottobre 2004. Inoltre, l’angolazione della scrivania della telecamera e dell’illuminazione erano la stessa.

Krawetz osservò che “se si sovrappongono i volti nei video del 2004 e del 2007, di Bin Laden sono identici (non è quindi invecchiato).” Solo la sua barba era più scura, e il contrasto dell’immagine più adeguato. Vi sono state modifiche che mostano nel video giunzioni, almeno sei in tutto il video. Sembrava anche che l’audio fosse una composizione di più tracce mescolate ad hoc, rendendo Krawetz sospettoso del fatto che fosse stato usato un imitatore vocale.

UN COMMENTO FINALE

Chiare evidenze dimostrano che bin Laden è morto anni fa, probabilmente nel dicembre del 2001. Tuttavia, la vera informazione è stata nascosta per perseguire la “guerra al terrore”.

Come risultato, il “Nemico Numero Uno” è stato utilizzato per alimentare la paura come pretesto per le guerre imperiali in Afghanistan, Iraq, Pakistan, Libia, forse programmandone altre ancora, assieme a numerose “collaborazioni” in Somalia, Yemen, Bahrain, Palestina, Africa Centrale, Colombia , e altrove.

Griffin scrisse il suo libro su Bin Laden, nella speranza di accorciare queste inutili guerre. Ha anche portato allo scoperto “I nastri falsi di Bin Laden (usati come) una parte di una vasta operazione di propaganda …. favorendo la militarizzazione dell’America e la sua politica estera”, mentre le esigenze popolari sono state abbandonate nel dimenticatoio.

L’ultima bugia di Obama lascia invariata l’agenda imperialista della sinistra. Infatti, il suo annuncio tenta di rafforzare un improbabile sostegno pubblico per ciò che è chiaramente oggi impopolare, dicendo:

“Pensate di nuovo al senso di unità che prevaleva l’11 settembre”, esorta la gente a mostrarsi di nuovo a vivere la sua vità felicemente ignorando i danni che il militarismo ha provocato al benessere, alla libertà e al futuro della popolazione.

Aspettiamoci invece, nuovi finanziamenti per la guerra, Obama è indifferente ai bisogni del suo popolo come i repubblicani estremisti. Ed è pure un bugiardo incallito.

Fonte

Annunci

Come gli Usa si sono inventati Al-Qaeda

Al Qaeda fù creata dagli Stati Uniti, in particolare fù un prodotto della destra conservatrice americana. Se ‘al Qaeda’ non è mai esistita, poco importa, la si inventa e la si chiama in causa per giustificare le guerre all’estero e il giro di vite sulle libertà personali!
Chi la ha creata la ha fatta esistere virtualmente attraverso la stampa i comunicati stampa, la propaganda e le bugie intenzionali
che hanno tentato di abbindolare il pubblico americano!

Bin Laden dovrebbe pagare un canone alla destra conservatrice degli Stati Uniti poichè egli è stato beneficiario di una celebrità improvvisa,è stato elevato ad arci nemico degli Stati Uniti! La sua persona è falsamente caratterizzata dal ‘mega-terrorista’ ideatore di una sinistra Organizzazione terroristica che assomiglia ad una piovra con tentacoli in ogni attacco terroristico reale o fittizio. Non si era mai visto nulla di simile, per lo meno da quando Bond aveva combattuto SPECTRE, un’organizzazione terroristica malvagia,specializzata nel terrorismo e nell’estorsione. La parte di Blofeld è interpretata da Bin Laden.

E’ tutta una bufala!

E ‘stata la CIA a creare quell’immagine di Bin Laden che lo vede come sinistro terrorista, che comanda una rete capillare in tutto il mondo dalle profondità di una grotta a Tora Bora. Una fiction scarsa. Molti produttori di Hollywood avrebbero riso dai loro uffici sentendo una trama del genere! Sembra la brutta copia di Ali baba e i 40 ladroni. L’immediata accettazione della teoria ufficiale di Bush dimostra lo scarso QI di coloro che insistono nel crederci. La consolazione è questa: la CIA non ha alcun futuro a Hollywood!
Una ciofeca di b-movie!
Secondo la versione ufficiale della menzogna (caritatevolmente: del ‘mito’) la storia fù questa: la CIA e l’Arabia Saudita finanziarono ed armarono Bin Laden per tutti gli anni 80. La sua missione? impossibile: scatenare la jihad contro l’occupazione russa dell’Afghanistan. In effetti, Bin Laden stava lavorando per la CIA.
Semplicemente-Al-Qaeda significa “la base”, in questo caso- il database dei computer contenenti i dati di migliaia di mujaheddin addestrati e reclutati dalla CIA. La missione: sconfiggere i russi. Questa è roba da James Bond durante la guerra fredda solamente scritta male. La vita, a volte, imita i film di spionaggio.
Il problema è emerso nel corso del tempo: Washington non sapeva cosa fare con questo ‘database’,questo network ormai obsoleto, dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica. Bin Laden fù solo il capro espiatorio ideale per un lavoro interno che sarebbe diventato il pretesto, l’uomo nero, citato per giustificare una guerra per le risorse petrolifere nell’Iraq e per il papavero (oppio) in Afghanistan.
L’inventore del nome ‘al Qaeda’ è Sir Robin Cook, l’ex ministro degli Esteri britannico. Cook si dimise dal suo lavoro, per evitare possibili scandali.

Riduci le emissioni o muori

Un gruppo ambientalista con sede in Inghilterra ha preso un pò troppo seriamente la crociata contro il riscaldamento globale di Al Gore. Questo gruppo ha creato un mini film/pubblicità che lascia sbigottite le persone a causa della forte violenza e della crudezza dei contenuti.

La pubblicità che ha come titolo “No pressure” (Nessuna pressione) mostra in vari ambienti, persone a cui viene chiesto di aderire alla campagnia 10:10 (Ridurre del 10 % le emissioni di gas inquinanti) chi non aderisce a questo piano…viene semplicemente fatto saltare in aria (anche i bambini).

Ecco la pubblicità:

Il Progetto 10:10 è partito nel 2009 con l’obiettivo di far diminuire del 10 % le emissioni. Dal 2009 l’organizzazione è riuscita a raccogliere supporter in oltre 152 paesi.

Il corto “No Pressure” è stato girato da Richard Curtis, un regista noto soprattutto per le commedie romantiche quali il “Diario di Bridget Jones” e “Notting Hill”.

Dopo l’uscita di “No Pressure”, tuttavia, la campagna 10:10 ha dovuto iniziare a far fronte alla pressione dell’opinione pubblica – anche da parte dei colleghi ambientalisti, per far fermare il video.
Il film, anche se postato e disponibile su siti web come YouTube, è stato sostituito nel sito web dell’organizzazione con il seguente messaggio.
Scusate.

Quest’oggi abbiamo messo in circolazione un mini film sul cambiamento climatico intitolato “No Pressure”.

Mentre i cambiamenti climatici diventano sempre più minacciosi, e i media ne parlano sempre meno, abbiamo voluto trovare un modo per portare la questione di nuovo alla ribalta, e allo stesso tempo far ridere la gente. Siamo stati quindi molto contenti quando il grande commediografo inglese, Richard Curtis – scrittore di “Blackadder”, “Quattro matrimoni e un funerale”, “Notting Hill” e molti altri – hanno deciso di scrivere un cortometraggio per la campagna 10:10. Molte persone trovano il film estremamente divertente, ma purtroppo alcuni no, e ci scusiamo sinceramente se abbiamo offeso qualcuno.

Come risultato di queste preoccupazioni l’abbiamo tolto dal nostro sito web.Non cercheremo di censurare le versioni presenti nel resto del web.

Vorremmo ringraziare i 50 professionisti del cinema e i 40 attori e comparse e che hanno dato il loro tempo e le attrezzature per girare il film gratuitamente. Apprezziamo molto il vostro contributo e il grande entusiasmo e la professionalità che avete dimostrato durante la realizzazione del progetto.

Alla 10:10 siamo tutti impegnati per trovare nuovi modi per fare interessare la gente al cambiamento climatico. Purtroppo in questo caso abbiamo mancato l’obiettivo. Siamo qui per imparare!

Cosa c’è da dire? La setta di Climatology creata e portata avanti da Al Gore produce mostri più che effetti positivi.

Il bello, il brutto ed il (C)attivissimo

Lui non ve le rivelerà perché, spesso, sono le sue. Inganni, censure e mozzarelle nell’allevamento di bufale più linkato d’Italia.

Intorno ad Attivissimo si sta creando una sorta di “setta di opinione”: Attivissimo è diventato il sacerdote, a volte fin troppo autoritario, di una setta di opinione seguita fideisticamente da un gran numero di utenti di Internet. Non è certo l’unico, intendiamoci. Il suo è un destino comune a molti altri blogger che, grazie ai loro scritti, sono riusciti a guadagnarsi autorevolezza.

Tuttavia nei suoi siti si può notare una leggera dissonanza tra gli intenti dei suoi blog – di smascherare i guru “new age” e “next age” – ed il suo status quasi di guru dell’anticomplottismo, condizione che egli coltiva con un certo compiacimento.

Se il suo scopo è di smascherare le “autorità” più stravaganti, i capi carismatici delle fisime più incredibili e antiscientifiche, stranamente i suoi blog sono frequentati in buona parte da adulatori accondiscendenti che spesso leggono i suoi scartafacci in modo acritico e sovente sembrano riporre in lui una fede smisurata. Nei blog di Attivissimo, nonostante si discutano temi caldi e controversi, fra i commenti non sempre trovano spazio le opinioni in disaccordo, i dibattiti o le analisi contrastanti con le sue.

Il bello è che questo non avviene solo sui suoi blog, ma perfino in quello spazio “libero” che spesso è Wikipedia, dove la sua pagina personale è di volta in volta rigorosamente purgata da qualunque possibile accenno di critica, quand’anche provenga da professori universitari (vedi nota a questo articolo).

Dopo l’11 settembre 2009, probabilmente Attivissimo ha iniziato ad accorgersi che il numero degli utenti in disaccordo con lui stava crescendo e che gli creavano un po’ troppi problemi e reazioni colleriche. Un po’ come quella volta in cui un utente scomodo fu caldamente invitato dallo Sbufalatore Capo ad andarsene dal suo blog, anche se non aveva offeso nessuno, non si era macchiato di veri e propri abusi della netiquette considerata “normale”, ma semplicemente perché dissentiva, senza aver prima fatto conoscere a tutti le sue credenziali professionali. Attivissimo, probabilmente sempre più intimorito da quest’ondata crescente di dissidenti che commentavano sul suo sito, poco dopo l’11 settembre 2009, ha optato per una “democraticissima” scelta già operata da alcuni grandi testate giornalistiche online, affezionate alla facoltà di monologare tipica dei mass media: ha optato, dicevamo, per la scappatoia di chiudere definitivamente i battenti e di impedire qualunque commento. Gli unici autorizzati a proferire parola da allora in poi sarebbero stati i gran sacerdoti della Setta “sbufalatrice”.

Uno penserebbe che uno “sbufalatore”, uno “smascheratore” abbia a cuore anzitutto la trasparenza ed abbia in odio tutto ciò che è oscuro, nascosto e censurato. Ebbene, con Attivissimo si sbaglia: lui è uno smascheratore che non vuole che sui suoi siti si dibattano i suoi scritti, neanche fra i suoi adepti, neanche fra i suoi scodinzolanti utenti di fiducia… Un caso davvero insolito, questo di un “CICAPino” sedicente demistificatore che sembra considerare i propri scritti come tavole mosaiche e sembra aspirare all’infallibilità papale…

Non potrebbe semplicemente moderare i commenti, cancellando eventualmente quelli che presentano offese gratuite e mantenendo tutti gli altri? Non dovrebbe essere cosa troppo impegnativa con gli strumenti che offre Blogger nel 2010…

Fonte: bufalattivissimo.splinder.com

Cia:Ammette di aver falsato un filmato di Bin Laden

Due ex ufficiali della CIA hanno ammesso di aver creato un video falso in cui gli agenti segreti dell’intelligence furono travestiti da Osama Bin Laden e da i suoi amici nel tentativo di diffamare il capo del terrorismo in tutto il Medio Oriente.

I dettagli sono sottolineati in un articolo del Washington Post dal reporter investigativo ed ex dipendente dell’Intelligence dell’esercito U.s.a. Jeff Stein.

Le fonti di Stein spiegarono che durante la pianificazione per l’invasione dell’Iraq nel 2003, la CIA nel “Gruppo per le operazioni in Iraq” ha considerato di creare un video falso di Saddam Hussein impegnato in atti sessuali con un adolescente, per poi inondare l’ Iraq con le copie del nastro.

Kryptos

Questa idea, insieme a quella di falsare i bollettini dei notiziari iracheni, non è stata realizzata secondo gli ex funzionari della CIA, perché un accordo sui progetti non poteva essere raggiunto tra il Gruppo Iraq e l’ufficio tecnico della Cia.

Tuttavia, le due fonti rivelano che l’agenzia aveva in precedenza inventato almeno un falso video su Bin Laden:

L’agenzia effettivamente ha fatto vedere un video che pretende di mostrare Osama bin Laden e i suoi compari seduti intorno ad un falò a tracannare bottiglie di liquore e assaporare le loro conquiste con i commilitoni, uno degli ex ufficiali della CIA ricorda ridendo. Gli attori sono stati selezionati tra chi di noi aveva la pelle più scura.

Questa nuova rivelazione rafforza la prova che le agenzie di intelligence, e forse più significativamente , i militari sono stati impegnati nella creazione di falsi video di Bin Laden in passato.

IntelCenter è il gruppo che monitorizza le attività in medio oriente e rilascia abitualmente i filmati o gli audio di Osama Bin Laden, molti dei quali hanno dimostrato di essere filmati ritoccati, vecchi o addirittura falsi.

IDefense è fortemente costituita da ex ufficiali di lungo servizio dei servizi segreti militari, come il militare di alto livello dell’intelligence l’ufficiale Jim Melnick, che ha servito per 16 anni l’esercito USA e la Defense Intelligence Agency (DIA) in operazioni studiate sul piano psicologico. Melnick ha anche lavorato direttamente per l’ex segretario alla Difesa Donald Rumsfeld.

IntelCenter ha rilasciato il famoso video dei dirottatori che ridono e ha sostenuto che il nastro apparteneva ad Al-Qaeda, nonostante il fatto che il filmato fosse stato ottenuto da una “agenzia per la sicurezza” in un discorso del 2000 di Bin Laden.

IntelCenter è stato anche catturato aggiungendo il proprio logo su un nastro al tempo stesso braccio cosiddetta Al-Qaeda, As-Sahab media ha aggiunto il suo logo, dimostrando le due organizzazioni erano la stessa cosa.

Potrebbe esserci il gruppo CIA dietro il video dove Osama Bin Laden ha un naso spropositato e che si trovava magicamente in una casa di Jalalabad dopo che le forze anti-talebani si trasferirono lì?

Il nastro è caratterizzato da un Osama sovrappeso che ride e scherza a proposito di come si era svolto 11/9. Il video è stato tradotto male anche al fine di manipolare l’opinione dei telespettatori e anche mentre “Bin Laden”, loda due dei dirottatori, sbaglia il loro nome! Questo Osama utilizzata anche la mano sbagliata per scrivere e portava anelli d’oro, una pratica totalmente in opposizione alla fede mussulmana.

Nonostante il fatto che l’uomo nel video nulla ha a che vedere con Bin Laden, la CIA,  ha dichiarato che era ufficialmente la confessione dell’attentato del 11/9.

Le ultime rivelazioni hanno anche messo in luce un video rilasciato in passato da Bin Laden – un nastro in cui si è dichiarato ridicolmente in combutta con Saddam Hussein nelle settimane prima dell’invasione dell’Iraq.

Bufala:Osama Bin Laden mandante dell’attentanto del 11/9

Siamo tutti convinti che sia Bin Laden il grande mostro che ha organizzato l’attentato terroristico dell’11 settembre 2001 ma, nella sua scheda dell’FBI, non viene accusato di nulla riguardante l’ 11/9. Bin laden è il capro espiatorio, una marionetta che “serve” come cattivone per la gente comune. Svegliatevi!!

Ora vi propongo un paio di video su Osama Bin Laden che chiariranno un pò le idee:

1 – Questo è il “video confessione” in cui Bin Laden mostra la sua approvazione per gli eventi del 11/9, attraverso questo video la Cia ha dimostrato che Bin Laden era il mandante degli attentati….Ma osservatelo bene…è Bin Laden?? Sembra più grosso e più scuro di carnagione!Il naso poi! ecc….

Aggiungo anche che Bush finanziò anche Bin Laden oltre che Hussein con armi che li permisero di dare sostegno all’armata islamica. La compagnia che fece da lasso fu la carlyle

2 Dissimulazione (la nuova moda di questi tempi…)

Bufala:Crollo delle torri gemelle 11/09/01

E come poterselo dimenticare? Un evento tanto inaspettato quanto terribile. Moltissimi morti e feriti. Subito il panico generale con conseguente riduzione delle libertà personali per minaccia terroristica. Si il terrorismo è, secondo la versione ufficiale, il grande nemico degli Stati Uniti. Osama Bin Laden è il capo del “male” che vuole distruggere gli infedeli.

NON E’ COSI’

E’ tutta una montatura per nascondere il fatto che gli edifici erano pieni di esplosivo, e sono stati fatti venire giù come in una normale demolizione.

NEVER FORGET-MAI DIMENTICARE CHE CI STANNO PRENDENDO IN GIRO E GIOCANDO CON LE VITE DI MILIARDI DI ESSERI UMANI.

Posto uno dei tanti video riguardanti la questione sull 11 settembre 2001