Archivi categoria: Aquila

Aquile affamate in Canada

Quando David Hancock vide che il conteggio degli esemplari di acquila calva presenti nei pressi del fiume Chehalis diminuì da oltre 7.000 a meno di 400 nell’arco di alcuni giorni nel mese di dicembre, capì che una crisi era alle porte.

All’inizio di questa settimana, la notizia della moria che ha investito le aquile nella Valle di Comox, sull’isola di Vancouver, ha confermato i suoi timori.

I centri di soccorso della forestale sull’isola riferiscono che le aquile di questa zona crescono talmente deboli dalla fame che cadono dagli alberi, o volano così maldestramente che colpiscono cose e oggetti. Una di esse si è schiantata in un tetto.

Mr. Hancock suggerisce che una diminuzione dei salmoni del fiume ha lasciato l’intera popolazione delle aquile, senza cibo a sufficienza per tutto l’inverno, rendendole deboli e costringendo migliaia di uccelli a setacciare le discariche in cerca di avanzi.

I reportage che documentano questo evento provengono un pò da tutta la Lower Mainland ma sembrano concentrati nella Comox Valley.

Warren Warttig, il presidente della Mountainaire Avian Rescue Society, dice il gruppo sta ora soccorendo 5 aquile che si stanno riprendendo.

Aggiunge che la scarsità di salmone non interessa solo la costa orientale dell’isola di Vancouver, ma anche le aquile di Brackendale, vicino a Squamish.

Warttig riporta che il transito di arringhe inizierà un giorno all’altro, ponendo teoricamente fine alla crisi degli uccelli affamati.

I salmoni iniziarono a spostarsi nel fiume per deporre le uova, morirono subito dopo su tutta la costa della BC.La risalita inizia a ottobre e continua fino alla fine di novembre, afferma Warttig. In alcuni luoghi, anche di più fino a dicembre.

Questa razza di salmoni è una fonte di cibo fondamentale per le aquile poichè le aiuta a superare un periodo di digiuno che va da dicembre a febbraio, per il fatto che si riproducono più tardi degli altri salmoni e sono più grassi degli altri, ha aggiunto Warttig.

Si teorizza che la ridotta quantità di salmoni influirà probabilmente anche sugli orsi locali, che li utilizzano per ingrassare prima del letargo.

“Probabilmente questa primavera gli orsi, saranno un pò “scheletrici”. ”

Fonte