Archivi categoria: Bilderberg

Dalle ceneri del collasso dell’Unione Europea, nasceranno gli Stati Uniti D’Europa?

In tutta Europa, i titoli dei quotidiani stanno dichiarando che l’euro è sull’orlo del collasso. Molte persone erroneamente ritengono che ciò significherà un ritorno alla moneta nazionale. Purtroppo, si sbagliano di grosso. Questa crisi rappresenta l’ennesimo esempio di come le elite tentino di ottenere l’ordine dal caos. L’élite europea non ha alcuna intenzione di rinunciare ad una Europa unita. Piuttosto, essa spera di poter dar vita agli “Stati Uniti d’Europa”, dalle ceneri della eurozona già esistente. Nei prossimi mesi vedremo panico e paura diffusi in tutta Europa. L’euro probabilmente affonderà come un sasso e ci saranno gravi problemi economici in tutta Europa e di riflesso in tutto il mondo. Per l’elite europea, una grande crisi come questa rappresenta un’occasione d’oro per abbattere le strutture esistenti e costruirne di nuove. La soluzione che l’elite europea proporrà non sarà quella di tornare al vecchio sistema. Proporranno infatti una maggiore integrazione, cosa al momento molto complessa.

Naturalmente non si chiamerà “Stati Uniti d’Europa”, ma la frase rende bene il concetto.

L’elite europea sa anche però che i popoli non accetteranno mai una tale soluzione, in condizioni normali.

In questo momento, siamo nella fase in cui  l’Europa si prepara ad affrontare l’imminente crisi. Tutta l’Unione europea, assieme ai media ci comunicano di tenerci pronti al peggio. Per esempio, il seguente trafiletto proviene da un articolo del Telegraph ….

Il presidente della commissione europea avverte che il crollo dell’eurozona potrebbe causare un incidente che spazzerebbe immediatamente via metà del valore dell’economia europea, gettando il continente in una depressione profonda come avvenne nella crisi del 1930.

Alcuni giornali si spingono oltre dichiarando che un “Armageddon” finanziario è in arrivo. Basta controllare il seguente estratto da un articolo dell’Express ….

Ieri sera erano in corso i preparativi per il collasso dell’Euro da quando la spirale del debito europeo è andata fuori controllo.

I funzionari del Tesoro hanno lavorato tutta la notte per attenuare l’impatto sulla Gran Bretagna, David Cameron ha annunciato che la moneta unica europea sta affrontando ora la sua “prova del fuoco”.

Il segretario del business Vince Cable è andato oltre parlando di “Armageddon”, mentre i funzionari di Bruxelles hanno avvertito che il caos creato sta minacciando di far precipitare tutti noi in una nuova recessione.

Che ci crediate o no molti elementi dell’elite europea stanno sperando in un collasso dell’euro.

Perché?

Beh, darà loro l’opportunità di implementare qualcosa di nuovo.

Una crisi finanziaria è solo temporanea, ma molti fra l’elite europea credono di poter costruire una “nuova Europa” che durerà per secoli.

Le agenzie di stampa in tutta Europa stanno già riportando notizie ufficiose sul fatto che il presidente francese Nicolas Sarkozy e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno “complottato segretamente” per creare una “nuova eurozona” che escluda alcune delle nazioni più deboli come la Grecia e l’Italia.

Per esempio, qui sotto è possibile leggere un trafiletto di un articolo appena uscito sul Telegraph ….

La Francia sta elaborando dei piani per creare una organizzazione separatista dei paesi dell’eurozona con i suoi trattati, il suo parlamento e la sua sede – una mossa che potrebbe minare in modo significativo l’esistente Unione europea.

Lo stesso articolo del Telegraph prepara i lettori ad accettare “la soluzione” e cioè quella di “rafforzare i legami tra i paesi della zona euro” ….

Francia e Germania intendono rafforzare l’unione tra i paesi della zona euro, con nuove tasse e misure legali per fermare i prestiti delle nazioni per poter limitare le spese future.

Ciò che però non viene detto in questi articoli è che nè la Germania nè la Francia vogliono lasciare fuori nessuno, sulla lunga distanza. Desiderano solo che alcuni dei paesi più deboli si spaventino all’idea di essere “lasciati fuori” dal “nuovo club”. Così facendo si cercherà di trovare un accordo per un’Europa più strettamente unita imponendo allo stesso tempo tutte le nuove regole volute da Francia e Germania.

Tenete bene a mente le mie parole. I paesi finanziariamente più deboli come Italia e Grecia alla fine si uniranno al nuovo “blocco economico” che la Germania e la Francia stanno ora preparando.

Prima però che tutto ciò accada, l’euro è destinato probabilmente ad affondare come un sasso con il caos che regnerà in Europa per un breve periodo di tempo.

La fredda e dura realtà è che l’attuale struttura dell’eurozona semplicemente non funziona e non sarebbe mai dovuta nascere. Un recente articolo pubblicato su Crackerjack Finance riassume molto bene alcuni dei problemi dell’eurozona ….

Vengono ora esposti i problemi strutturali dell’eurozona. Un blocco di 17 nazioni sovrane hanno adottato una moneta comune e hanno esternalizzato la loro politica monetaria in una banca centrale comune. Eppure ciascuna delle 17 nazioni sovrane ha differenti vantaggi comparativi, industrie, livelli di debito, tassi di interesse, deficit di bilancio, regole del mercato del lavoro e politiche fiscali. Riflettendo su tutte le differenze, è incredibile come l’Eurozona sia sopravvissuta per oltre un decennio.

Invece di tornare alle valute nazionali però, l’elite d’Europa, è convinta che sia tempo per gli “Stati Uniti d’Europa” che necessiteranno di una integrazione molto maggiore di quella attuale.

Angela Merkel, la cancelliera tedesca, affermò che la situazione era “sgradevole”, e chiese ai membri dell’eurozona di accelerare i piani per una più stretta integrazione politica. “E’ tempo di una svolta per una nuova Europa,” ha proclamato. “Poichè il mondo sta cambiando così tanto, dobbiamo essere pronti a rispondere alle sue nuove sfide. Questo significherà più Europa, non meno Europa “.

Per facilitare questo processo, vengono piazziati nuovi politici in tutta europa, che sono a favore dell’agenda elitaria.

In Italia, Silvio Berlusconi è caduto e sembra che verrà sostituito dall’economista Mario Monti.

Monti ha studiato a Yale, è membro della Commissione europea, è il presidente della Commissione Trilaterale in Europa ed è anche membro del Gruppo Bilderberg.

In Grecia, George Papandreou si è dimesso, e Lucas Papademos lo ha sostituito.

Papademos ha insegnato ad Harvard,  ha precedentemente lavorato come governatore della banca centrale greca, come vicepresidente della Banca centrale europea e come economista senior presso la Federal Reserve Bank di Boston. Egli è anche membro della Commissione Trilaterale.

E’ buffo notare come gli elementi di queste organizzazioni elitarie sembrano sempre sbucare fuori nelle posizioni di potere, o sbaglio?

Con uomini come questi nelle posizioni chiave dei vari governi, sarà molto più facile per l’elite europea ottenere la transizione verso la “nuova Europa” del resto del continente.

Ma a cosa assomiglierà la “nuova Europa”? Ebbene, un articolo di qualche tempo fa del Daily Mail, dal titolo “Rise of the Fourth Reich, how Germany is using the financial crisis to conquer Europe” contiene la seguente valutazione di ciò che avrebbe comportato una maggiore integrazione economica in Europa….

Ciò comporterebbe una perdita di sovranità per le nazioni equiparabile a quella avvenuta durante il terzo Reich, 70 anni fa.

Per togliervi ogni dubbio su ciò che significherebbe una unione fiscale: si tratta di un’unica politica economica, di un unico sistema di tassazione, di un unico sistema di sicurezza sociale, di un unico debito, un’unica economia, un unico ministro delle finanze. Tutto questo sarebbe in mano alla Germania.

Non suona molto bene.

Ma questo è ciò che l’elite ha da sempre voluto.

Maggiore potere e maggiore controllo.

In questo momento, però, i cittadini europei non sono pronti ad accettare la “nuova Europa”.

Ciò significa che vi sarà necessariamente un periodo di forte caos, dolore e paura.

Il collasso finanziario europeo è imminente.
Sarà terribile.

Al termine di questo periodo tumultuoso, l’elite europea spera di ottenere ciò che ha da sempre desiderato – cioè una “nuova Europa” più strettamente integrata di quanto non lo sia stata in un qualsiasi altro momento dopo la caduta dell’impero romano.

Fonte

Annunci

Super Mario Monti: Il globalista che sostituirà Berlusconi

Ora che Silvio Berlusconi sembra essere definitivamente caduto – i globalisti possono compiere la loro mossa e inserire nel sistema politico italiano uno dei loro tirapiedi più fidati: l’ex commissario europeo Mario Monti.

Gli analisti sono entusiasti per la forte possibilità che ha l’ex commissario europeo Mario Monti, di capitanare un governo di unità nazionale in Italia,” Insider Business.

Goldman Sachs e le élite finanziarie stanno facendo pressioni per “un governo maggiormente riformista che favorisca la crescita e migliori la governance del paese” …I mercati approverebbero una tale coalizione.

In altre parole, si stanno preparando al saccheggio dell’economia italiana e alla privatizzazione delle banche con una conseguente disoccupazione di massa, tagli ai salariali, tagli alle pensioni assieme alla svendita dei servizi pubblici.

“Super Mario” Monti è una scelta perfetta per i suoi boss. Completò gli studi universitari a Yake ed ebbe come professore universitario James Tobin. Tobin era un economista keynesiano che lavorò per il Council of Economic Advisors e il Consiglio dei governatori del Federal Reserve System.

E ‘ovvio che Goldman Sachs è in prima linea nell’imminente stupro dell’economia/politica italiana – Monti è consigliere internazionale di Goldman.

Fu il primo presidente di Bruegel, il think – tank internazionalista dell’Unione europea che dirige l’agenda globalista per l’UE. Monti è anche il presidente europeo della Commissione Trilaterale di David Rockefeller ed è anche uno dei principali membri del Gruppo Bilderberg.

In breve, Monti è un super-globalista. Il popolo italiano non può che aspettarsi di essere travolto e violentato economicamente dopo che Mario Monti verrà nominato capo del governo in Italia.

Fonte

Bilderberg 2011: Lista dei partecipanti (aggiornata 11/06/11)

Come consuetudine anche quest’anno purtroppo si svolge il ritrovo del Bilderberg club, in Svizzera a St Moritz.

Suvretta House il luogo dell’incontro

Rockefeller mentre si dirige verso l’hotel Suvretta House

La lista ufficiale degli invitati di quest’anno:

BELGIO
Coene, Luc, Governatore della Banca Nazionale del Belgio
Davignon, Etienne, Ministro di Stato
Leysen, Thomas, Presidente della Umicore

CINA
Fu, Ying, Vice Ministro degli Affari Esteri
Huang Yiping, Professore di Economia al Centro Cinese per la Ricerca Economica, Università di Pechino

DANIMARCA

Anders Rasmussen – Segretario generale della Nato (new!)

Eldrup, Anders, Amministratore Delegato, DONG Energy
Federspiel, Ulrik, Vice Presidente, Global Affairs, Haldor Topsoe A / S
Schütze, Peter, membro della direzione del gruppo della Nordea Bank AB

GERMANIA

Angela Merkel – Cancelliere Tedesco (new!)

Ackermann, Josef, presidente del consiglio di amministrazione e del Comitato Esecutivo del Gruppo, Deutsche Bank
Enders, Thomas, CEO di Airbus SAS
Löscher, Peter, Presidente e CEO di Siemens AG
Nass, Matthias, capo corrispondente internazionale, Die Zeit
Steinbrück, Peer, membro del Bundestag, ex Ministro delle Finanze

FINLANDIA
Apunen, Matti, Direttore del forum finlandese sulle politiche e sul Business EVA
Johansson, Ole, Presidente, Confederazione delle industrie finlandesi EK
Ollila, Jorma, presidente, Royal Dutch Shell
Pentikainen, Mikael, Publisher e Senior Editor-in-Chief della Helsingin Sanomat

FRANCIA
Baverez, Nicolas, Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP
Bazire Nicolas, Managing Director gruppo Arnault / LVMH
Castries, Henri de, Presidente e CEO di AXA
Lévy, Maurice, Presidente e CEO di Publicis Groupe SA
Montbrial, Thierry de, Presidente, Istituto Francese delle Relazioni Internazionali
Roy, Olivier, professore di teoria sociale e politica, Istituto universitario europeo

GRAN BRETAGNA
Agius, Marcus, presidente di Barclays PLC
Flint, Douglas J., Presidente del Gruppo, HSBC Holdings
Kerr, John, membro della Camera dei Lord, Vice Presidente, Royal Dutch Shell
Lambert, Richard, amministratore indipendente non esecutivo, Ernst & Young
Mandelson, Peter, membro della Camera dei Lord, presidente, Counsel Global
Micklethwait, John, Editore capo, The Economist
Osborne, George, il Cancelliere dello Scacchiere
Stewart, Rory, membro del Parlamento
Taylor, J. Martin, presidente, Syngenta International AG

GRECIA
David, A. George, presidente, Coca-Cola H.B.C. S.A.
Hardouvelis, Gikas A., Capo Economista e Direttore della Ricerca, Eurobank EFG
Papaconstantinou, George, Ministro delle Finanze
Tsoukalis, Loukas, Presidente, ELIAMEP grisons

ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI
Almunia, Joaquín, Vice Presidente, Commissione Europea
Daele, Frans van, Capo di Stato Maggiore alla presidenza del consiglio europeo
Kroes, Neelie, Vice Presidente, Commissione europea, Commissario per l’Agenda sul digitale
Lamy, Pascal, Direttore Generale, Organizzazione mondiale del commercio
Rompuy, Herman van, Presidente, Consiglio europeo
Sheeran, Josette, Direttore Esecutivo, United Nations World Food Programme
Solana Madariaga, Javier, Presidente del Centro ESADEgeo per l’Economia Globale e Geopolitica
Trichet, Jean-Claude, Presidente, Banca centrale europea
Zoellick, Robert B., presidente, The World Bank Group

IRLANDA
Gallagher, Paul, Senior Counsel, ex avvocato generale
McDowell, Michael, Senior Counsel; ex Vice Ministro Primo
Sutherland, Peter D., presidente, Goldman Sachs International

ITALIA
Bernabè, Franco CEO, Telecom Italia SpA
Elkann, John, Presidente, Fiat S.p.A.
Monti, Mario, Presidente, Università Commerciale Luigi Bocconi
Scaroni, Paolo, CEO, Eni S.p.A.
Tremonti, Giulio, Ministro dell’Economia e delle Finanze

CANADA
Carney, J. Mark, Governatore della Banca del Canada
Clark, Edmund, Presidente e CEO di TD Bank financial group
McKenna, Frank, vicepresidente, TD Bank Financial Group
Orbinksi, James, professore di Medicina e Scienza Politica, Università di Toronto
Prichard, J. Robert S., presidente, Torys LLP
Reisman, Heather, presidente e CEO di Indigo Books & Music Inc. Center, Brookings Institution

PAESI BASSI
Bolland, Marc J., direttore esecutivo, Marks & Spencer Group plc
Chavannes, Marc E., giornalista politico, NRC Handelsblad, professore di giornalismo
Halberstadt, Victor, Professore di Economia, Università di Leiden, ex Segretario Generale Onorario dei Bilderberg Meetings
Sua Maestà la Regina dei Paesi Bassi
Rosenthal, Uri, Ministro degli Affari Esteri
Winter, W. Jaap, Partner, Brauw De Blackstone Westbroek

NORVEGIA
Myklebust, Egil, ex presidente del Consiglio di Amministrazione SAS, sk Hydro ASA
Il principe ereditario di Norvegia Haakon
Ottersen, Ole Petter, Rettore, Università di Oslo
Solberg, Erna, Leader del Partito Conservatore

AUSTRIA
Bronner, Oscar, CEO e Publisher, Medien AG Standard
Faymann, Werner, Cancelliere federale
Rothensteiner, Walter, presidente del consiglio di amministrazione della Raiffeisen Zentralbank Österreich AG
Scholten, Rudolf, membro del Consiglio di Amministrazione esecutivo, Oesterreichische Kontrollbank

PORTOGALLO
Balsemão, Francesco Pinto, Presidente e CEO di Impresa, SGPS, ex Primo Ministro
Ferreira Alves, Clara, Amministratore Delegato, Claref LDA; scrittore
Leite Nogueira, Antonio, membro del Consiglio, José de Mello Investimentos, SGPS, SA

SVEZIA
Mordashov, Alexey A., CEO di Severstal
Bildt, Carl, Ministro degli Affari Esteri
Björling, Ewa, Ministro del Commercio
Wallenberg, Jacob, Presidente di Investor AB

SVIZZERA
Peter Brabeck-Letmathe, presidente, Nestlé SA
Hans Groth, Senior Director, Healthcare Policy & Market Access, Business Unit Oncology, Pfizer Europe
Janom Steiner, Barbara, Capo del Dipartimento della Giustizia, sicurezza e salute, Canton
Kudelski, André, Presidente e Amministratore Delegato, Gruppo Kudelski SA
Leuthard, Doris, consigliere federale
Schmid, Martin, Presidente, Governo del Canton Grisons
Schweiger, Rolf, Ständerat
Soiron, Rolf, presidente del consiglio di amministrazione, Holcim Ltd., Lonza Ltd.
Vasella, Daniel L., presidente, Novartis AG
Witmer, Jürg, Presidente, SA Givaudan e Clariant AG

SPAGNA

Jose Luis Zapatero – Primo ministro spagnolo (new!)

Cebrian, Luis Juan, Amministratore Delegato, PRISA
Cospedal, María Dolores de, Segretario Generale, Partido Popular
León Gross, Bernardino, Segretario Generale della Presidenza spagnola
Nin Génova, Juan María, Presidente e CEO, La Caixa
La Regina Sofia di Spagna

TURCHIA
Ciliv, Süreyya, CEO di Turkcell Iletisim Hizmetleri AS
Gülek Domac, Tayyibe, ex ministro di Stato
Koç, Mustafa V., presidente, Koç Holding A.Ş.
Pekin, Sefika, socio fondatore, Pekin & Law Firm Bayar

STATI UNITI

Bill Gates – Ex Ceo Microsoft, Capo della fondazione Gates (new!)

Robert Gates – Segretario della difesa USA (new!)
Alexander, B. Keith, Comandante, USCYBERCOM, Direttore, Agenzia Nazionale di Sicurezza
Altman, C. Roger, presidente, Evercore Partners Inc.
Bezos, Jeff, Fondatore e CEO di Amazon.com
Collins, Timothy C., Amministratore Delegato, Ripplewood Holdings, LLC
Feldstein, Martin S., Professore di Economia, Università di Harvard
Hoffman, Reid, Co-fondatore e presidente esecutivo, LinkedIn
Hughes, Chris R., co-fondatore di Facebook
Jacobs, Kenneth M., Chairman & CEO di Lazard
Johnson, James A., Vice Presidente, Perseus, LLC
Jordan, Jr., Vernon E., Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC
Keane, John M., Senior Partner, Partner SCP; Generale dell’US Army, in pensione
Kissinger, Henry A., presidente, Kissinger Associates, Inc.
Kleinfeld, Klaus, Presidente e CEO di Alcoa
Kravis, R. Henry, co-presidente e co-CEO, Kohlberg, Roberts & Co.
Kravis, Marie-Josée, Senior Fellow, Hudson Institute, Inc.
Li Cheng, Senior Fellow e direttore della ricerca del John L. Thornton Cina Center, Brookings Institution
Mundie, Craig J., Chief Research e Strategy Officer, Microsoft Corporation
Orszag, Peter R., Vice Presidente, Citigroup Global Markets, Inc.
Perle, Richard N., Resident Fellow, American Enterprise Institute for Public Policy Research
Rockefeller, David, ex presidente, Chase Manhattan Bank
Rose, Charlie, Executive Editor e Anchor della Charlie Rose
Rubin, Robert E., Co-Presidente del Council on Foreign Relations, ex segretario del Tesoro
Schmidt, Eric, presidente esecutivo, Google Inc.
Steinberg, James B., Vice Segretario di Stato
Thiel, Peter A., presidente, Clarium Capital Management, LLC
Varney, A. Christine, assistente del procuratore generale per l’Antitrust
Vaupel, James W., direttore e fondatore, Istituto Max Planck per la ricerca demografica
Warsh, Kevin, ex governatore, Federal Reserve Board
Wolfensohn, James D., presidente, Wolfensohn & Company, LLC

Fonte

Banchiere svizzero smaschera i criminali del Bilderberg

Josef Ackermann, CEO della Deutsche Bank e membro del Bilderberg (sopra) da tempo fattorino dei Rothschild, esemplifica i peggiori eccessi dei Bilderbergers.

“Il caso Strauss-Kahn dimostra quanto queste persone siano corrotte, mentalmente instabili, sature di vizi, vizi che vengono tenuti nascosti dagli ordini a cui appartengono. Alcuni di loro come Strauss-Kahn stuprano le donne, altri praticano il sado maso, altri ancora si dedicano alla pedofilia, molti si appassionano al satanismo. Quando andate in alcune banche potete vedere chiaramente questi simboli satanisti, come nella Banca dei Rothschild a Zurigo “.

“Hanno un nuovo piano per censurare Internet, perché Internet è ancora libero. Vogliono controllare e usare il terrorismo per creare il motivo. Potrebbero anche inventarsi qualcosa di orribile per avere una scusa”.

L’intervista ha avuto luogo il 30 maggio tramite il settimanale russo “NoviDen”

D: Può dirci qualcosa riguardo il suo coinvolgimento nel settore bancario svizzero?

A: Ho lavorato per le banche svizzere per molti anni. Fui designato come uno dei direttori di una delle più grandi banche svizzere. Durante il mio lavoro venni coinvolto nel pagamento, nel pagamento diretto in contanti di una persona che uccise il presidente di un paese straniero. Ero presente alla riunione in cui venne deciso di dare questi soldi in contanti all’assassino. Tale decisione mi ha riempito di rimorsi. Non fu l’unico caso grave, ma fù sicuramente il peggiore. Vennero inviate istruzioni di pagamento su ordine di un servizio segreto straniero, scritte a mano, con le disposizioni di pagare una certa somma ad una persona che aveva ucciso un leader di un paese straniero. E non fù l’unico caso. Abbiamo ricevuto numerose lettere scritte a mano, provenienti da servizi segreti stranieri, che davano l’ordine di pagamenti in contanti, da conti segreti, per finanziare rivoluzioni o per l’uccisione di persone. Posso confermare quello che John Perkins ha scritto nel suo libro “Confessioni di un Sicario Economico”. Esiste veramente un solo Sistema e le banche svizzere hanno le mani in pasta in esso.

D: Il libro di Perkins è stato tradotto ed è disponibile in russo. Ci può dire di quale banca si tratta e chi è il responsabile?

A: Era una delle prime 3 banche svizzere a quell’epoca il responsabile fù il presidente di un paese del terzo mondo. Non voglio però entrare nei dettagli, mi troverebbero facilmente se dicessi il nome del presidente e il nome della banca. Rischio la mia vita.

D: Non è possibile fare il nome di una persona di quella banca?

R: No non posso, ma vi posso assicurare che tutto ciò è accaduto. Eravamo in molti nella sala riunioni. Il responsabile del pagamento fisico del denaro è venuto da noi (dirigenti) e ci ha chiesto se gli fosse consentito il pagamento di una così grande somma di denaro in contanti. Uno dei direttori spiegò lui il caso e tutti gli altri acconsentirono a procedere.

D: Accaddero spesso cose del genere? I soldi erano una specie di fondi neri?

R: Sì. Questo era un fondo speciale gestito in un posto speciale nella banca dove arrivavano tutte le lettere in codice dall’estero. Le lettere più importanti venivano scritte a mano. Una volta decifrate, contenevano l’ordine di pagare una certa somma di denaro da conti per l’assassinio di persone, il finanziamento di rivoluzioni, il finanziamento di attentati e per il finanziamento di ogni tipo di partito. So per certo che alcune persone all’interno del gruppo Bilderberg erano coinvolti in questo genere di operazioni. Hanno dato l’ordine di uccidere.

D: Puoi dirci in quale anno o decade tutto questo è accaduto?

R: Preferisco non darvi l’anno preciso ma è stato negli anni 80.

D: Hai mai avuto problemi con questo lavoro?

R: Sì, un problema molto grande. La notte non riuscivo a dormire e dopo un po’ lasciai la banca. Diversi servizi segreti provenienti dall’estero, soprattutto di lingua inglese, diedero l’ordine di finanziare azioni illegali, compresa l’uccisione di persone attraverso le banche svizzere. Dovevamo pagare, sotto ordine di potenze straniere, per l’uccisione di persone che non seguirono gli ordini del Bilderberg o del FMI o della Banca Mondiale, per esempio.

D: Quella che stai facendo è una rivelazione molto importante. Perché senti il bisogno di dirlo qui e adesso?

R: Perché il prossimo Bilderberg meeting si farà in Svizzera. Perchè la situazione mondiale peggiora sempre di più. Infine perché le maggiori banche Svizzere sono coinvolte in attività non etiche. La maggior parte di queste operazioni sono al di fuori del bilancio. Non sono sottoposte a verifica e non prevedono tasse. Si parla di cifre con molti zeri. Somme enormi.

D: Si parla di miliardi?

A: Molto ma molto di più, si parla di triliardi, illegali, non sottoposti a controllo fiscale. Fondamentalmente si tratta di una rapina per tutti. Voglio dire le persone normali pagano le tasse e rispettando le leggi. Quello che sta accadendo qui è completamente contro i nostri valori svizzeri, come la neutralità, l’onestà e la buona fede. Negli incontri dove fui coinvolto, le discussioni erano completamente contro i nostri principi democratici. Vedete, la maggior parte degli amministratori delle banche svizzere non sono più locali, sono stranieri, soprattutto anglosassoni, sia americani che britannici, non rispettano la nostra neutralità, non rispettano i nostri valori, sono contro la nostra democrazia diretta, basta loro usare le nostre banche come mezzi per fini illegali. Utilizzano enormi quantità di denaro creato dal nulla e distruggono la nostra società e distruggono le persone in tutto il mondo solo per avidità. Cercano il potere e distruggono interi paesi, come Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda. Una persona come Josef Ackermann, che è un cittadino svizzero, è l’uomo di punta di una banca tedesca e usa il suo potere per avidità e non rispetta la gente comune. Ha un bel paio di casi legali in Germania e ora anche negli Stati Uniti. E’ un Bilderberger e non si preoccupa della Svizzera o di qualsiasi altro paese.

D: Stai dicendo che, alcune di queste persone che citi parteciperanno alla imminente riunione del Bilderberg a St. Moritz?

R: Sì.

D: Quindi i partecipanti sono attualmente in una posizione di potere?

R: Sì. Hanno enormi quantità di denaro disponibile e lo utilizzano per distruggere interi paesi. Distruggono la nostra industria e la ricostruiscono in Cina. Dall’altra parte hanno aperto le porte a tutti i prodotti cinesi in Europa. La popolazione attiva europea guadagna sempre meno. Il vero obiettivo è quello di distruggere l’Europa.

D: Pensa che la riunione del Bilderberg a St. Moritz abbia un valore simbolico? Perché nel 2009 erano in Grecia, nel 2010 in Spagna e guardi cosa è successo loro. Può significare che la Svizzera dovrà subire qualcosa di brutto?

R: Sì. La Svizzera, per loro, è uno dei paesi più importanti, perché vi sono immensi capitali. Si riuniscono in Svizzera anche perchè vogliono distruggere ciò che questa terra rappresenta. Capisca che è un ostacolo per loro, non essendo nella UE o nell’euro, non del tutto controllata da Bruxelles e così via. Per quanto riguarda i “valori” non sto parlando delle grandi banche svizzere, perchè non hanno più niente di svizzero, la maggior parte di esse sono guidate da americani. Sto parlando, invece, del vero spirito svizzero a cui la gente comune tiene.
Certo che l’incontro ha e ha avuto un valore simbolico. Il loro scopo è quello di essere una specie di club elitario esclusivo che gestisce tutto il potere, mentre quelli sotto di loro, appassiscono.

D: Pensa che lo scopo del Bilderberg sia quello di creare una sorta di dittatura globale, controllata dalle grandi imprese globali, dove non esisteranno più gli stati sovrani?

R: Sì, la Svizzera è l’unico posto in cui vige ancora la democrazia diretta e lo stato si trova nel mirino di questi gruppi elitari (proprio perchè non è completamente asservito ad essi). Utilizzano il ricatto del “too big to fail”, come nel caso di UBS per far aumentare il debito del nostro paese, proprio come hanno fatto con molti altri paesi. Quello che si deduce è che forse si vuole fare con la Svizzera quello che è stato fatto con l’Islanda, in cui sia banche che paese erano in bancarotta.

D: Anche l’UE è sotto queste influenze negative?

R: Certo. L’Unione europea è sotto la morsa del Bilderberg.

D: Come pensa che si potrebbe fermare questo piano?

R: Beh, questa è la ragione per cui mi rivolgo a voi. La verità. La verità è l’unica strada. Fare luce sulla situazione, esporli ai riflettori. A loro non piace molto essere al centro dell’attenzione. Dobbiamo creare trasparenza nel settore bancario e in tutti i livelli della società.

D: Quello che sta dicendo ora, è che c’è un lato sano del business delle banche svizzere, mentre ci sono delle “mele marce”, cioè alcune grosse banche che fanno cattivo uso del sistema finanziario, per portare a termine le loro attivitù illegali.

R: Sì. Le grandi banche formano il loro personale con i valori anglo-sassoni. Li formano ad essere avidi e spietati. Avidità e spietatezza che stanno distruggendo la Svizzera e tutti gli altri paesi europei e mondiali. Come paese abbiamo, se si guardano le banche piccole e medie, la maggior correttezza finanziaria al mondo. Sono le banche grandi che operano a livello mondiale che sono fonte di problemi. Esse non sono più svizzere e non si considerano tali.

D: Pensi che sia una buona cosa che la gente stia esponendo il Bilderberg e mostrando chi siano veramente i suoi componenti?

R: Il caso Strauss-Kahn dimostra quanto queste persone siano corrotte, mentalmente instabili, sature di vizi, vizi che vengono tenuti nascosti dagli ordini a cui appartengono. Alcuni di loro come Strauss-Kahn stuprano le donne, altri praticano il sado maso, altri ancora si dedicano alla pedofilia, molti si appassionano al satanismo. Quando andate in alcune banche potete vedere chiaramente questi simboli satanisti, come nella Banca dei Rothschild a Zurigo. Queste persone vengono controllate tramite il ricatto data la loro debolezza mentale. Devono seguire ordini o saranno svergognati pubblicamente, distrutti o addirittura uccisi.

D: Da quando Ackermann è nel comitato direttivo del Bilderberg, pensa che abbia preso delle decisioni importanti?

R: Sì. Ma ce ne sono molti altri, come Lagarde, che probabilmente sarà il prossimo capo del FMI, ed è anche un membro del Bilderberg, poi Sarkozy e Obama. Hanno un nuovo piano per censurare Internet, perché Internet è ancora libero. Vogliono controllare e usare il terrorismo per creare il motivo. Potrebbero anche inventarsi qualcosa di orribile per avere la scusa.

D: Quindi è questa la sua paura?

A: Non è solo paura, ne sono certo. Come ho detto, hanno dato l’ordine di uccidere, sono quindi in grado di compiere azioni terribili. Se avessero la sensazione che stanno per perdere il controllo, come nelle rivolte in Grecia e in Spagna, con l’Italia che probabilmente sarà la prossima, allora faranno un altro Gladio. Ero vicino alla rete Gladio. Come sapete istigarono il terrorismo pagandolo con soldi americani per controllare il sistema politico in Italia e in altri paesi europei. Per quanto riguarda l’assassinio di Aldo Moro, il pagamento è stato fatto attraverso lo stesso sistema come ti ho detto su.

D: Ackermann faceva parte di questo sistema di pagamenti?

A: (Sorriso) … E’ lei il giornalista. Guardì come la sua carriera è arrivata rapidamente alla cima.

D: Cosa pensa si possa fare per impedirglielo?

R: Beh ci sono molti buoni libri là fuori che spiegano il contesto e fanno chiarezza sull’argomento, come quello che ho citato di Perkins. Queste persone hanno veramente sicari che vengono pagati per uccidere. Alcuni di loro ricevono i soldi attraverso le banche svizzere. Ma non solo, hanno un sistema capillarizzato in tutto il mondo. Per evitare che esso venga scoperto sono addestrate a fare di tutto. Quando dico di tutto intendo tutto proprio.

D: Attraverso l’informazione si potrebbero sgominare?

R: Sì, bisogna dire la verità. Siamo di fronte a criminali davvero spietati, compresi grandi criminali di guerra. Sono pronti e in grado di uccidere milioni di persone solo per restare al potere e avere il controllo.

D: Può spiegarci dal suo punto di vista, perché i mass media in Occidente se ne stanno più o meno completamente in silenzio per quanto riguarda il gruppo Bilderberg?

R: Perche’ esiste un accordo tra loro e i proprietari dei mezzi di comunicazione. Alle riunioni vengono invitate anche alcune personalità di spicco del mondo dei media, ma viene detto loro di non riferire nulla di ciò che vedono o sentono.

D: Nella struttura del Bilderberg, vi è una cerchia interna che conosce i piani e poi c’è una maggioranza che segue solo gli ordini?

R: Sì. Hai la cerchia interna dedita al satanismo ci sono poi le persone ingenue o meno informate. Alcuni addirittura pensano di fare qualcosa di buono, nella cerchia esterna.

D: Secondo i documenti esposti e le stesse dichiarazioni, il Bilderberg ha deciso nel 1955 di creare l’Unione europea e l’Euro, quindi hanno preso importanti decisioni.

R: Sì e deve sapere che il Bilderberg è stato fondato dal principe Bernardo, ex membro delle SS e del partito nazista lavoro infine anche per la IG Farben, che era una sussidiaria della Cyclone B. L’altro tipo che ha fondato il gruppo era a capo della Occidental Petroleum, che aveva stretti rapporti con i comunisti dell’Unione Sovietica. Lavorarono per entrambe le parti, in realtà, però, queste persone sono fascisti che vogliono controllare tutto e tutti quelli che si frappongono sulla loro strada vengono “rimossi”.

D: Come fanno a mantenere queste operazioni fuori del sistema internazionale Swift?

R: Beh, alcune delle liste Clearstream erano vere in pricipio. Inserirono solo dei nomi falsi per far credere alla gente che l’intero elenco fosse falso. Anche loro fanno degli errori. Il primo elenco era vero e si possono estrapolare un sacco di cose. Vedete, ci sono delle persone in giro che scoprono le irregolarità e poi trasmettono agli altri la verità. Verranno poi ovviamente costituiti disegni di legge che ridurranno al silenzio questo genere di persone. Il miglior modo per fermarli è quello di dire la verità, portando alla luce le loro malefatte. Se non riusciamo a fermarli diventeremo i loro schiavi.

D: Grazie per questa intervista.

Fonte

 

Consumismo irrazionale (ovvero le poche multinazionali che sfamano il mondo)

Non molte persone si rendono conto che la maggior parte dei prodotti alimentari raffinati, disponibili sul mercato, siano essi venduti nei supermercati o nelle catene di fast-food, provengono tutti dalle stesse poche aziende. Ancora meno persone si rendono conto che queste aziende sono i principali burattini delle elite che prendono decisioni sulla salute pubblica, sulle politiche sociali ed  economiche di tutto il mondo. Analizzeremo le tre grandi aziende che nutrono il mondo, le loro marche e le tattiche che utilizzano per vendere i prodotti alla gente.

Se una persona si mettesse a sudiare attentamente le etichette dei prodotti confezionati in un negozio di alimentari medio, probabilmente noterebbe che i nomi delle stesse società appaiono più volte: Nestlé, Kraft, General Mills e poche altre. Le molte marche che offrono i così alla moda prodotti fatti in casa o alimenti biologici non sono altro che sussidiare di queste poche mega-imprese. La differenza cardine tra la marca principale e le filiali è il packaging e la pubblicità, che hanno l’obiettivo di raggiungere diversi mercati. Al fine di preservare l’immagine attentamente costruita intorno ad un prodotto, i collegamenti con la casa madre vengono spesso comodamente nascosti. Immaginate una pubblicità per l’acqua in bottiglia come questa”Bevi la pura, limpida e rinfrescante acqua Aquafina, imbottigliata con cura nelle remoti fonti dell’Himalaya … e portata a casa tua da… PepsiCo, produttrice di Taco Bell e dei Cheetos” probabilmente rovinerebbe  l’immagine naturale e sana che stavano montando per dare credibilità al prodotto.

Questa è la ragione per cui il marketing e il branding sono la parte più vitale del settore alimentare. Ogni prodotto deve vivere nel proprio “mondo”, separato dalla casa madre e da prodotti simili. La pubblicità è così potente che due marchi simili di cereali, fatti con gli stessi ingredienti di base, possono essere destinati a 2 mercati completamente diversi. Ad esempio, gli Special K e i Rice Krispies sono così diversi? Da un punto di vista strettamente razionale, questi prodotti sono quasi identici nella forma,  nel gusto e negli ingredienti. Da un punto di vista irrazionale (il marketing)  però, sono in due mondi diversi.

L’industria del cibo raffinato può essere considerata un vero oligopolio. Insieme, le tre aziende alimentari, Nestlé, Kraft Foods e PepsiCo, raggiungono una percentuale dominante nelle vendite globali di cibi raffinati. In effetti, queste tre società sono spesso usate come esempio di “Rule of Three” nelle scuole di business, dal momento che sono un esempio reale di un mercato dominato da tre attori giganteschi. La loro posizione, di fornitori di cibo in tutto il mondo, ha reso questi conglomerati estremamente potenti, rappresentati nella maggior parte delle organizzazioni prestigiose come nel Council of Foreign Relations. Questo non solo consente loro di fornire le proprie politiche preferite sui temi nutrizionali e sulla salute in tutto il mondo, ma anche sulle questioni economiche, politiche e sociali. Tale rilievo consente a queste aziende di mantenere il controllo del mercato, attraverso determinate politiche, grazie all’accesso a informazioni privilegiate e anche attravero l’uso del l’intimidazione per i potenziali concorrenti. Se considerato in maniera oggettiva, l’oligopolio delle grandi imprese come queste sono una minaccia diretta alle teorie del libero mercato.

Oggi, se una società alimentare di piccole dimensioni cercasse di impegnarsi nel creare un prodotto rivoluzionario, avrebbe difficoltà a ottenerne la distribuzione senza rinunciare ai diritti in favore di uno di questi conglomerati. Oltre a dominare gli scaffali, le Big Three hanno il controllo sulla maggior parte dei canali di distribuzione in tutto il mondo, al punto che le imprese concorrenti non possono raggiungere i consumatori senza intercedere tramite loro. L’unico modo per i piccoli imprenditori di evitare danni dal braccio di ferro con queste multinazionali è il rifiuto nella distribuzione del loro prodotto e trovare una accordo sulla licenza con uno di questi grandi conglomerati, nel quale il proprietario cede la proprietà ed i diritti sul prodotto in cambio di diritti sulle vendite ( che di solito rappresentano una piccola percentuale dell’intero prodotto venduto). Ogni accordo di licenza consolida la posizione di queste società ‘ed elimina la minaccia di qualsiasi potenziale concorrente che crea prodotti che sbilanciano gli equilibri commerciali.

Ecco le prime tre società e un elenco sommario delle loro multiple marche:

1 Nestlè


Nestlé è la più grande azienda alimentare del mondo. Ha 6.000 marchi, con una vasta gamma di prodotti attraverso una serie di mercati tra cui caffè, acqua in bottiglia e altre bevande, cioccolato, gelati, alimenti per l’infanzia,  alimentazioni sanitarie, condimenti, surgelati e refrigerati, pasticcerie e pet food. Nel 2009, le vendite consolidate si sono avvicinate ai $ 120 miliardi di dollari mentre gli investimenti nella ricerca e nello  sviluppo sono stati 2,24 miliardi dollari. Il presidente della società, il signor Brabeck-Letmathe, è nel consiglio di amministrazione del Credit Suisse Group, della L’Oréal e della ExxonMobil. E’ anche membro della ERT (Tavola rotonda europea degli industriali) e membro del Consiglio di fondazione del World Economic Forum (un attore importante nella spinta per un governo mondiale). I prodotti venduti da Nestlé includono:

Cereali

Cinnamon Toast Crunch
Cheerios (al di fuori degli Stati Uniti, Canada e Australia)
Cini Minis
Honey Nut Cheerios (al di fuori degli Stati Uniti, Canada e Australia)
Oat Cheerios
Cookie Crisp
Golden Grahams
Honey Stars
Koko Krunch
Milo Cereals
Nestlé Corn Flakes
Nesquik
Shreddies
Frumento sbriciolato
Cluster
Trix

Yogurt

Munch Bunch
Sci

Caffè

Bonka
Nescafé
Nespresso
Partner’s Blend
Ricoffy
Ristretto
Ricoré
Sical
Tofa
Taster’s Choice
Zoégas
Shrameet

Acqua

Aberfoyle
Aqua D’Or
Aqua Pod
Acqua Panna
Al Manhal
Aquapod
Arrowhead
Buxton
Contrex
Deer Park
Hépar
Ice Mountain
Henniez
Korpi
Levissima
Nestlé Aquarel
Nestlé Vera
Ozarka
Perrier
Poland Spring
Powwow
Minere
Pure life / Pureza Vital
Quézac
San Pellegrino
San Bernardo
Viladrau
Vittel
Zephyrhills

Altre bevande

Nestea
Enviga
Milo
Carnation
Caro
Nesquik
Libby
Growers Direct Organic Fruit Juices
Good Host
Juicy Juice
Ski up and go

Prodotti a lunga conservazione

Bear Brand
Carnation
Christie
Coffee-Mate
Dancow
Gloria
Klim
La Lechera
Milkmaid
Nespray
Nestlé
Nesvita
Nestlé Omega Plus
Nido
Ninho
Svelty
Emswiss
Milo

Gelati

Camy
Dreyer
Edy
Frisco
Häagen-Dazs (Nord America e Regno Unito)
Hjem-IS (Danimarca e Norvegia)
Maxibon
Motta
Mivvi
Nestlé
Nestlé Drumstick
Oreo (Canada)
Peters (Australia)
Push-Up
Schöller
Skinny Cow

Alimenti per bambini

Alete
Alfare
Beba
Cerelac
FM 85
Gerber (la più grande società al mondo di alimenti per neonati)
Good Start
Guigoz
Lactogen
Nan
NAN HA
NanSoy
Neslac
Nestlé
Nestogen
Nido
PreNan

Integratori dietetici

Musashi
Neston
Nesvita
PowerBar
Pria
Supligen

Sanità / nutrizione

Boost
Carnation Instant Breakfast
Nutren
Peptamen
Glytrol
Crucial
Impact
Isosource
FiberSource
Diabetisource
Compleat
Optifast
Resource

Condimenti

Buitoni
Maggi
Carpathia
CHEF
Thomy
Winiary

Alimenti surgelati

Stouffer’s
Lean Cuisine
Buitoni
Hot Pockets
Lean Tasche
Papa Guiseppi
Tombstone Pizza
Jack’s Pizza
DiGiorno Pizza
California Pizza Kitchen Frozen

Cioccolato, pasticcerie e prodotti da forno

100 Grand Bar
Aero
After Eight
Allens
Animal Bar
Baby Ruth
Bertie Beetle (Australia)
Big Turk (Canada)
Black Magic
Boci (Ungheria)
Nastro Azzurro
Bono (Brasile)
Breakaway
Butterfinger
Butterfinger BB
Butterfinger Crisp
Bon Pari (Repubblica Ceca, Polonia e Ungheria)
Cailler
Caramac
Carlos V
Chips Ahoy! (Canada)
Caffè Crisp
Chunky
Drifter
Frigor
Galak / Milkybar
Goobers
Heaven
Hercules Bar (con la Disney)
Icebreakers
Kit Kat (Hershey’s negli Stati Uniti)
Lion
Matchmakers
Milky Bar
Mirage
Joff
Munchies
Nestlé Alpine White
Nestlé con Mandorle
Nestlé Crunch
Nestlé Crunch Crisp
Nestlé Crunch con Caramello
Nestlé Crunch con arachidi
Nestlé Crunch Pieces
Nestlé Crunch Bianco
Il cioccolato al latte Nestlé
Nestlé Princess
Nestlé Wonder Ball
Nips
Dice (Europa)
Oh Henry (ad eccezione degli Stati Uniti)
Peppermint Crisp
Baci Perugina
Polo
Quality Street
Raisinets
Rolo (Hershey’s negli Stati Uniti)
Rowntrees

Fruit Pastilles
Jelly Tots
Pick & Mix
Randoms
Fruit Gums
Tooty Frooties
Juicy Gelatine
Snowcaps

Smarties
Texan Bar
Toffee Crisp
Toll House cookies
Turtles
Noce Whip
Violet Crumble
Yorkie
XXX mints

Prodotti per la cura degli animali

Alpo
Beneful
Cat Chow
Dog Chow
Fancy Feast
Felix
Friskies
Go Cat
Butchers
Bakers
Winalot
Gourmet
Mighty Dog
Mon Petit
ONE
Pro Plan
Purina
Tidy Cats

POLEMICHE

Nestlé ha dovuto affrontare resistenze in tutto il mondo per quanto riguarda la promozione dei sostituti del latte materno (latte artificiale), soprattutto nei paesi del terzo mondo. Secondo gli attivisti, Nestlé contribuisce a inutili sofferenze e anche ai decessi dei bambini, in gran parte tra i poveri.

I gruppi di sostegno e beneficenza hanno accusato Nestlé di metodi immorali per promuovere il latte artificiale a discapito del latte materno delle madri povere nei paesi in via di sviluppo. Ad esempio, l’IBFAN sostiene che la Nestlé distribuisca campioni di latte artificiale gratuitamente negli ospedali e nei reparti di maternità, dopo aver lasciato l’ospedale, però, il latte artificiale va comprato, perché l’integrazione con il latte materno ha interferito col normale allattamento, la famiglia deve quindi continuare a comprare lo stesso prodotto. L’IBFAN inoltre afferma che la Nestlé utilizza gli “aiuti umanitari” per creare un mercato, non etichetta i suoi prodotti in un linguaggio appropriato per i paesi in cui essi sono venduti, e offre doni e la sponsorizzazione per influenzare gli operatori sanitari in modo da promuovere i prodotti della multinazionale. Nestlé ovviamente nega queste accuse.

– Fonte

2 KRAFT

E’ una filiale della Philip Morris (creatrice delle sigarette Marlboro). Kraft Foods è la più grande società con sede negli Stati Uniti di prodotti alimentari e beveraggi. Essa commercializza molti marchi in più di 155 paesi, undici dei suoi marchi in tutto il mondo guadagnano  più di $ 1 miliardo all’anno. Come Nestlé, Kraft ha consolidato il suo status nel oligarchia alimentare con l’acquisto di marchi giganteschi come Nabisco (Oreo, Chips Ahoy, Fig Newton, Ritz, ecc) e Cadbury (Ferrero Rocher, Dairy Milk, Caramilk, ecc.)

Il CEO della Kraft, è Irene Rosenfeld Blecker che è stata valutata da Forbes come la “seconda donna più potente del mondo”. Non sorprende dato che la maggior parte del mondo consuma i cibi della Kraft. Prima di entrare nella Kraft, Rosenfeld è stata Presidente e Chief Executive Officer della Frito-Lay, una divisione di PepsiCo (un altra delle “Big Three”). I marchi della Kraft sono:

Toblerone chocolate bars
A1 Steak Sauce
Ali Caffè
Arrowroot biscuits
Back to Nature
Baker (cioccolato)
Balance Bar
Better Cheddars
Boca Burger
Bonox
Breakstone’s
BullsEye Barbecue Sauce
Café HAG
California Pizza Kitchen (voci negozio di alimentari)
Calumet Baking Powder
Cameo (biscotti)
Capri Sun ( succo di frutta)
Carte Noire
Cheesybite
Cheese nips
Cheez Whiz
Chicken in a Biskit
Chips Ahoy!
Christie (divisione canadese di Nabisco)
Claussen (sottaceti)
Clight
Social Club (crackers)
Cool Whip (non derivati ​​dal latte la panna montata)
Cornnuts (snack)
Côte d’Or (Belgio)
Country Time (mix bevanda in polvere)
Cracker Barrel
Crystal Light
Dairylea (Europa)
Delissio (Canada)
DiGiorno (pizza)
Easy Cheese
Fig Newton
Fudgee-O (Canada)
General Foods International
Grape-Nuts (cereali per la colazione)
Grey Poupon (senape)

Handi-Snacks
Honey Maid
In-A-Biskit (Australia)
Jack’s Pizza
Jacobs (Europa)
Jell-O (dessert di gelatina)
Marshmallows Jet-soffiato
Kenco (Regno Unito)
Knox (gelatina)
Knudsen (latticini)
Kool-Aid (mix bevanda aromatizzata)
Kraft BBQ Sauce
Kraft Caramelle
Kraft Macaroni and Cheese
Kraft Dinner (Canada)
Kraft EASYMAC
Kraft Mayo
Kraft Bagelfuls
Kraft Peanut Butter (Canada)
Kraft Singles (pastorizzato prodotto il formaggio preparato)
Kraft Sandwich Spread
Lefèvre-Utile
Lunchables
Maxwell House (caffè)
Miracle Whip (condimento)

Nabisco
Nababbo (caffè) (Canada)
Naked Bevande
Nilla
Nutter Butter
Onko (caffè)
Oreo (cookie)
Oscar Mayer
Parmigiano grattugiato
Filadelfia crema di formaggio
Pigrolac
Fioriere
Polly-O (formaggio)
Premium (una marca di crackers Nabisco)
Salatini
P’tit Québec
Prince Polo
Pure Kraft Insalata Condimenti
Ritz
Royal lievito in polvere
Seven Seas (condimenti per insalate)
Sanka (caffè decaffeinato)
Shake n ‘Bake
Simmenthal (carne in scatola)
Snackabouts
SnackWells
South Beach Living
Starbucks (voci negozio di alimentari)
Stove Top ripieno
Suchard
Taco Bell (voci negozio di alimentari)
Codolo

Tassimo (single-serve coffee machines using pods branded as T-Discs)

3 PEPSI-CO

PepsiCo Incorporated è una società globale con sede a Purchase, Harrison, New York, con interessi nella fabbricazione, commercializzazione e distribuzione di bevande, snack a base di cereali e altri prodotti. Se non l’aveste intuito, il suo prodotto principale è la Pepsi Cola, ma la soda non è il solo prodotto della società.

PepsiCo è un utente “Premium” del Council of Foreign Relation e del Brookings Institute, due delle più importanti organizzazioni per l’elite del mondo (come visto nell’articolo “Da chi siamo realmente governati”). Il presidente e amministratore delegato deòòa PepsiCo, Indra Nooyi, fa parte del World Economic Forum. All’interno di queste organizzazioni, i dirigenti della PepsiCo e di altre mega-società come la Sony (la più grande etichetta nel settore della musica), la Nike (il più grande venditore di scarpe al mondo), il Rockefeller Group International, e la Lockheed Martin (la più grande compagnia di difesa nel mondo ), lavorano al fianco dei diversi capi di Stato (compresi i passati presidenti degli Stati Uniti), dei politici (ad esempio dell’attuale Segretario di Stato americano Hillary Rodham Clinton), sviluppano opinioni politiche, sociali ed economiche e emettono “raccomandazioni” che fanno tremare interi paesi. Le politiche favorite da questi organismi hanno collettivamente lo scopo di guidare il mondo verso un governo mondiale unificato e ad una moneta unica mondiale, in quello che viene spesso definito come un “Nuovo Ordine Mondiale”.

I marchi della PepsiCo includono:

Bevande:

AMP
Brisk
Mountain Dew
Ocean Spray
Mist
Aquafina
Lipton Ice Tea
MUG
Pepsi
Sobe
Gatorade
Tropicana
No Fear Energy Drink
Propel enhanced water
Starbucks (prodotti al dettaglio)

Alimentari

Lay
Doritos
Tostitos
Cheetos
Fritos
Dom Chips
Baked!
Frito Lay Dips
Baken-Ets
Puffcorn Chester
Cracker Jack
El Isleno Plantain Chips
Frti-Lay Peanuts
Funyuns
Gamesa
Grandma’s
Matador
Maui Style Potato Chips
Miss Vickie
Munchies
Munchos
Natural
Harvest Nut
Quaker
Rold Gold
Ruffles
Sabritones
Santitas
Smartfood
Spitz
Stacy

LE COMPAGNIE SATELLITE

PepsiCo nutre milioni di persone ogni giorno anche attraverso la sua azienda satellite, Yum!, che possiede catene di ristoranti tra cui Pizza Hut, Taco Bell, KFC, Hot n ‘Now, East Side Mario’s, D’Angelo Sandwich Shops, Chevrolet Fresh Mex, California Pizza Kitchen e Stolichnaya.

Molti dei prodotti elencati in precedenza hanno retto al mercato per molti decenni, alcuni tengono da oltre un secolo. Qual è il segreto di un successo così duraturo? In primo luogo, il recipe deve essere spettacolare. Come accennato in precedenza, la Nestlé ha speso più di $ 2 miliardi di dollari nel solo 2009 per la ricerca e lo sviluppo, che sono stati utilizzati in gran parte per pagare esperti per rendere i prodotti più attraenti al consumatore. Oltre a questo i soldi sono stati spese per creare una giusta alchimia che producesse dipendenza tramite il sale, i grassi, lo zucchero e altri prodotti chimici che sono ben noti a questo “esperti”. Gli alimenti raffinati contenengono una miscela accuratamente calcolata di prodotti chimici e additivi che invia segnali “di soddisfazione” al cervello, che il cervello continua poi a cercare sotto forma di desiderio. (dipendenza)

Tuttavia, ci sono innumerevoli imprese che vendono prodotti simili. Così, per far si che i clienti ricomprino il loro marchio, le aziende investono miliardi di dollari nel secondo segreto del loro successo: le “brand loyalty” realizzate attraverso il marketing e la pubblicità.

PUBBLICITA’ IRRAZIONALE

Mentre l’obiettivo finale di una pubblicità è quello di vendere un prodotto, le società che vendono i suddetti prodotti cercheranno di dirvi che la loro pubblicità va ben oltre il mero denaro. La loro missione è quella di creare un legame emotivo a un prodotto, un concetto che è totalmente irrazionale, ma estremamente efficace. Non vogliono solo che ti piaccia il prodotto, vogliono che tu ti identifichi con esso.  Stanno cercando di creare clienti fedeli,  per tutta la vita con la creazione di un’immagine, uno stile di vita e anche una filosofia intorno a un prodotto. Prendiamo questo spot del Miracle Whip come esempio.

Mostrando persone in festa che fanno baldoria in spiaggia, la pubblicità tenta di creare una associazione tra il prodotto e l’essere giovane, di tendenza e ribelle.

Le pubblicità come queste sono meticolosamente calcolate per raggiungere una particolare popolazione demografica e per generare emozioni specifiche all’interno di questi spettatori. Per raggiungere questi obiettivi, le grandi compagnie si basano su approfondite ricerche sul comportamento umano.

“Nessun gruppo di sociologi si avvicina minimamente alla capacità di raccogliere dati sfruttabili socialmente delle aziende pubblicitarie. Le compagnie pubblicitarie hanno miliardi da spendere all’anno in ricerca e sperimentazione “.
– Marshal McLuhan, The Extensions of Man

Per vendere la fiducia nella marca ad uno spettatore attraverso uno spot televisivo, le argomentazioni razionali / logiche hanno effetti limitati. Gli annunci più efficaci e di successo sono in grado di bypassare il pensiero razionale (quando un argomento può essere accettato o rifiutato) e toccare direttamente il subconscio dello spettatore, attraverso i loro istinti, paure o insicurezze.

“E ‘con la conoscenza dell’essere umano, con le sue tendenze, i suoi desideri, i suoi bisogni, i suoi meccanismi psichici, i suoi automatismi così come con la conoscenza della psicologia sociale e della psicologia analitica, che la propaganda affina le sue tecniche.”
– Propagandes, Jacques Ellul (traduzione libera)

Per illustrare questo concetto, diamo un’occhiata a 2 pubblcità di prodotti  rivolti ad un mercato importante: le madri.

PUBBLICITA’ IRRAZIONALE: VENDERLO ALLE MADRI

Per coloro che lavorano nel marketing, le madri sono un sogno. Hanno un enorme punto debole: i bambini, soprattutto i loro. Questo amore per i bambini non è razionale: l’istinto materno è uno dei riflessi più primordiali e ormonali dell’umanità. Riuscire a colpire l’istinto materno significa avere buonissime possibilità che la madre diventi una cliente. Attraverso l’utilizzo di gruppi di ricerca, i pubblicitari hanno imparato i modi più efficaci per ottenere reazioni da parte delle madri, creando annunci mirati che fanno sentire la madre preoccupata, commossa, spaventata, arrabbiata o turbata. Una volta che il bersaglio è nello stadio emotivo desiderato, il prodotto viene presentato come la risposta a tutto. Ecco una pubblicità di una farina specificamente diretta alle mamme:

CONCLUSIONE

Perché uno si dovrebbe preoccupare di quali società vendono un determinato prodotto? In primo luogo, è una questione di salute. Quasi tutte le centinaia di prodotti citati in questo articolo contengono ingredienti tossici, quantità eccessive di grassi saturi e di additivi come l’MSG, l’HFC, il mercurio e / o l’aspartame. Queste sostanze, e molte altre come loro, sono velenose per il corpo, il sistema nervoso e del cervello (come discusso in questo articolo Fanno marcire la società invertire il processo di avvelenamento). I cibi elaborati stanno rendendo il mondo più grasso, più malato e più scemo, anche se solo poche imprese li producono. E ‘fondamentale conoscerli e riconoscerli… in modo da poterli evitare. E ‘anche importante riconoscere le tattiche di marketing di base che vengono usate per spingere i consumatori ad acquistare prodotti alimentari raffinati.

La questione, comunque, è molto più grande della salute individuale. Essere a conoscenza delle imprese che vendono il cibo è essere a conoscenza di importanti attori del mondo elitario. Come dice il proverbio “controlla il cibo e controllerai la gente”. Se crediamo che sia importante conoscere la verità sulla struttura del potere del mondo, è fondamentale conoscere queste aziende e capire la loro vasta diffusione in tutti i settori della nostra società globale. Essi vendono “solo” il cibo, ma il loro potere e la posizione derivante dà questi conglomerati li fanno partecipare attivamente alla governance globale, all’economia, alla politica legislativa e anche nelle forze militari (chi pensate che rifornisca le mense militari?). Le tre grandi, assieme ad altre multinazionali simili sono ingranaggio delle politiche “think tank” delle organizzazioni come il Council on Foreign Relations e del Gruppo Bilderberg, che sono il vero motore del cambiamento globale. PepsiCo dovrebbe avere voce in capitolo sull’invasione di un paese come l’Iran? Beh…sì. E ogni volta che si compra una Pepsi o un sacchetto di Doritos o di jug of Tropicana, li si sta aiutando a diventare più ricchi e potenti. Per fortuna, però, c’è un modo facile per smettere di sostenere queste imprese: Basta sostituire i prodotti raffinati che acquisti da queste società con alimenti freschi acquistati dalle imprese locali. Potrai migliorare la salute e l’economia locale, ma soprattutto, potrai anche diventare il peggior incubo dell’elite: un consumatore razionale.

Fonte

Da chi siamo realmente governati?

Questo è il tuo vero governo, un governo che trascende qualsiasi organo elettivo, che permea ogni partito politico, che sancisce ogni posizione ed aspetto del cittadino medio americano o europeo. In tempi in cui la “sinistra” americana supporta due guerre di matrice “Neo-Conservatrice”, facendone iniziare un’altra sulla base delle stesse bugie, promossa dagli stessi media che ci hanno venduto la bugia delle armi di distruzione di massa in Iraq, il mondo non si può permettere il lusso della scelta, certo, c’è sempre la dissonanza cognitiva, forse però, prima di arrivare a tanto, bisogna realizzare che c’è qualcosa che non va.

Ciò che non va, è un sistema completamente controllato da un oligarchia finanziario/aziendale con imperi finanziari, industriali e mediatici, capillarmente insediati in tutto il mondo. Se non ci rendiamo conto di essere impotenti e dipendenti da queste imprese che regolano ogni aspetto della nostra nazione politicamente e ogni aspetto della nostra vita personalmente, nulla potrà mai cambiare.

L’elenco che segue, per quanto ampio, non è completo. Tuttavia, dopo questi esempi, dovrebbe diventare evidente un modello in cui gli stessi nomi e le stesse società si ripetono. Dovrebbe essere ovvio per i lettori quanto pericolosamente invasive sono diventate queste aziende, nella nostra vita quotidiana. Infine, risulta chiaro come il piano sarebbe quello di eliminare dalle nostre vite, dalle nostre famiglie, dalle nostre comunità, queste corporazioni, con ogni mezzo possibile.

GRUPPO DI CRISI INTERNAZIONALE

www.crisisgroup.org

Curriculum: Mentre l’International Crisis Group (ICG) afferma di essere “impegnato a prevenire e risolvere conflitti mortali”, la realtà è che sono impegnati a offrire soluzioni, predisposte con largo anticipo, a problemi che essi stessi hanno creato, al fine di perpetuare la propria agenda.

Nessun luogo lo può testimoniare meglio della Thailandia a cui si è aggiunto più recentemente l’Egitto.Il membro dell’ICG, Kenneth Adelman ha sostenuto da sempre il primo ministro della Thailandia, Thaksin Shinwatra, un ex consigliere del gruppo Carlyle, che si piazzò letteralmente davanti alla CFR a New York alla vigilia della sua cacciata dal potere nel 2006 durante un colpo di stato militare. Dal 2006, l’ingerenza di Thaksin in Thailandia è stata sostenuto da un collega della Carlyle, James Baker e dal suo studio legale Baker Botts, dal consigliere del Belfer Center, Robert Blackwill della Barbour Griffith & Rogers, e adesso da Robert Amsterdam della Amsterdam & Peroff, un membro di spicco della Chatham House.

Con la Thailandia ormai impantanata in un tumulto politico guidato da Thaksin Shinwatra e dalla sua “rivoluzione colorata” delle camice rosse, l’ICG è pronta a sfornare “soluzioni” immediate. Tali soluzioni generalmente comprendono, il legare le mani al governo tailandese, con argomenti che cercheranno di fermare l’abuso dei diritti umani di Thaksin, nella speranza di permettere alla rivoluzione finanziata dai globalisti di ritornare sotto controllo.

I disordini in Egitto, naturalmente, sono stati interamente provocati dal membro dell’ICG Mohamed ElBaradei e dal suo “April 6 Youth Movement”, finanziato, supportato e “reclutato” interamente dal Dipartimento di Stato americano coordinato poi da Wael Ghonim della Google. Mentre l’agitazione venne dipinta come spontanea, alimentata dalla precedente rivolta tunisina, ElBaradei e Ghonim, e il loro movimento giovanile erano in Egitto dal 2010 impegnati ad assemblare il loro “Fronte Nazionale per il Cambiamento” e porre le basi per la rivolta del 25 gennaio 2011.

George Soros, membro dell’ICG, andò poi a finanziare le ONG egiziane che erano al lavoro per riscrivere la costituzione egiziana dopo che il front-man ElBaradei ebbe successo nel rimuovere Hosni Mubarak. Questa costituzione finanziata da Soros e il servile governo che ne consegue rappresenta il modo in cui l’ICG intende “risolvere” la crisi che proprio ElBaradei ha contribuito a creare.

Membri del Consiglio di rilievo dell’ICG:

George Soros
Kenneth Adelman
Samuel Berger
Wesley Clark
Mohamed ElBaradei
Carla Hills

Consiglieri importanti dell’ICG:

Richard Armitage
Zbigniew Brzezinski
Stanley Fischer
Shimon Peres
Surin Pitsuwan
Fidel V. Ramos

Multinazionali e fondazioni che supportano l’ICG:

Carnegie Corporation di New York
Hunt Alternative Fund
Open Society Institute
Rockefeller Brothers Fund
Morgan Stanley
Gruppo Deutsche Bank
Soros Fund Management LLC
McKinsey & Company
Chevron
Shell

BROOKINGS INSTITUTE

www.brookings.edu

Curriculum: All’interno della libreria del Brookings Institute, troverete i progetti per quasi tutti i conflitti avvenuti in Occidente nel recente passato. La cosa strana è che, mentre il pubblico sembra pensare che queste crisi nascano all’improvviso, quelli che seguono gli studi aziendali e le pubblicazioni finanziate dalla Brookings può vedere queste crisi arrivare con anni di anticipo. I suddetti sono conflitti premeditati, pianificati meticolosamente per permettere a delle soluzioni altrettanto premeditate e pianificate di entrare in azione.

Le operazioni in corso contro l’Iran, assieme alle rivoluzioni colorare sostenute dagli Usa, i terroristi supportati e addestrati dagli Usa in Iran, e le sanzioni paralizzanti erano tutte descritte nei minimi dettagli in un rapporto del Brookings Institute, “Quale via migliore per la Persia?” La più recente risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 1973 sulla Libia assomiglia stranamente al rapporto di Kenneth Pollack del 9 marzo 2011  intitolato “Le reali opzioni militari in Libia.”

Consiglieri di spicco della Brookings:

Dominic Barton: McKinsey & Company, Inc.
Alan R. Batkin: Eton Park Capital Management
Richard C. Blum: Blum Capital Partners, LP
Abby Joseph Cohen: Goldman, Sachs & Co.
Suzanne Nora Johnson: Goldman Sachs Group, Inc.
Richard A. Kimball Jr.: Goldman, Sachs & Co.
Tracy R. Wolstencroft: Goldman, Sachs & Co.
Paolo Desmarais Jr.: Power Corporation of Canada
Kenneth M. Duberstein: Il Duberstein Group, Inc.
Benjamin R. Jacobs: JBG Companies
Nemir Kirdar: Investcorp
Klaus Kleinfeld: Alcoa, Inc.
Philip H. Knight: Nike, Inc.
David M. Rubenstein: co-fondatore di The Carlyle Group
Sheryl Sandberg K.: Facebook
Larry D. Thompson: PepsiCo, Inc.
Michael L. Tipsord: State Farm Insurance Companies
Andrew H. Tisch: Loews Corporation

Alcuni Esperti del Brookings
(Clicca sui nomi per visualizzare un elenco di scritti recenti.)

Kenneth Pollack
Daniel L. Byman
Martin Indyk
Suzanne Maloney
Michael E. O’Hanlon
Bruce Riedel
Shadi Hamid

Supporto corporativo:

Fondazioni e governi

Ford Foundation
Bill & Melinda Gates Foundation
La Fondazione Rockefeller
Governo degli Emirati Arabi Uniti
Carnegie Corporation di New York
Rockefeller Brothers Fund

Banche e finanza

Bank of America
Citi
Goldman Sachs
H & R Block
Kohlberg Kravis Roberts & Co.
Jacob Rothschild
Nathaniel Rothschild
Standard Chartered Bank
Temasek Holdings Limited
Visa Inc.

Produttori di petrolio

Exxon Mobil Corporation
Chevron
Shell Oil Company

Complesso Militare Industriale e Industria

Daimler
General Dynamics Corporation
Lockheed Martin Corporation
Northrop Grumman Corporation
Siemens Corporation
The Boeing Company
General Electric Company
Westinghouse Electric Corporation
Raytheon Co.
Hitachi, Ltd.
Toyota

Telecomunicazioni e tecnologia

AT & T
Google Corporation
Hewlett-Packard
Microsoft Corporation
Panasonic Corporation
Verizon Communications
Xerox Corporation
Skype

Media

McKinsey & Company, Inc.
News Corporation (Fox News)

Beni di consumo e farmaceutici

GlaxoSmithKline
Target
PepsiCo, Inc.
Coca-Cola Company

COUNCIL ON FOREIGN RELATIONS

www.cfr.org

Curriculum: Sarebbe più facile elencare i politici che non fanno parte di questo gruppo in quanto la maggior parte di essi, assieme ai loro consiglieri e tutti quelli che realmente contano sono membri del CFR. Molti dei libri, degli articoli delle riviste e dei giornali che leggiamo sono scritti da membri del CFR, similmente ai membri del Brookings Institute dettano, parola per parola, opinioni e punti di vista che promuovo la loro agenda del giorno.

Un buon esempio delle ali più attivi del CFR può essere illustrato al meglio prendendo in caso gli eventi dell’anno scorso e più precisamente la bufala della moschea costruita a “Ground Zero”, dove i membri del CFR sia quelli di destra che quelli di sinistra hanno finto un acceso dibattito sulla cosiddetta Cordoba House che si trova vicino ai 3 edifici abbattuti del World Trade Center. In realtà, la Cordoba House venne istituita dal compagno membro del CFR Feisal Abdul Rauf, che a sua volta venne finanziato dal braccio economico della CFR compresa la Carnegie Corporation di New York, presieduta dal capo della commissione del 9 / 11 Thomas Kean, e da varie fondazioni Rockefeller.

Supporto corporativo della CFR:

Banking & Finance

Bank of America Merrill Lynch
Goldman Sachs Group, Inc.
JPMorgan Chase & Co
American Express
Barclays Capital
Citi
Morgan Stanley
Blackstone Group L.P.
Deutsche Bank AG
New York Life International, Inc.
Prudential Financial
Standard & Poor’s
Rothschild North America, Inc.
Visa Inc.
Soros Fund Management
Standard Chartered Bank
Bank of New York Mellon Corporation
Veritas Capital LLC
Kohlberg Kravis Roberts & Co.
Moody’s Investors Service

Multinazionali del petrolio

Chevron Corporation
Exxon Mobil Corporation
BP p.l.c.
Shell Oil Company
Hess Corporation
ConocoPhillips Company
TOTAL S.A.
Marathon Oil Company
Aramco Services Company

Complessi militari e industriali

Lockheed Martin Corporation
Airbus Americas, Inc.
Boeing Company
DynCorp International
General Electric Company
Northrop Grumman
Raytheon Company
Hitachi, Ltd.
Caterpillar
BASF Corporation
Alcoa, Inc.

Pubbliche relazioni, lobbisti e studi legali

McKinsey & Company, Inc.
Omnicom Group Inc.
BGR Group

Editori e case editrici

Bloomberg
Economist Intelligence Unit
News Corporation (Fox News)
Thomson Reuters
Time Warner Inc.
McGraw-Hill Companies

Beni di consumo

Walmart
Nike, Inc.
Coca-Cola Company
PepsiCo, Inc.
HP
Toyota Motor North America, Inc.
Volkswagen Group of America, Inc.
De Beers

Telecomunicazioni e tecnologia

AT & T
Google, Inc.
IBM Corporation
Microsoft Corporation
Sony Corporation of America
Xerox Corporation
Verizon Communications

L’industria farmaceutica

GlaxoSmithKline
Merck & Co., Inc.
Pfizer Inc.

 

CHATHAM HOUSE

www.chathamhouse.org.uk

Curriculum: La Chatham House inglese, come il CFR e l’Istituto Brookings in America, è composta da membri importanti ed è coinvolta in attività di gestione, pianificazione, coordinazionione e realizzazione dell’agenda collettiva dei membri che la compongono.

I singoli membri che popolano le file dei consiglieri anziani sono costituite dai fondatori, dagli amministratori delegati e dai presidenti di appartenenza delle imprese che compongono la Camera di Chatham. Gli esperti della Chatham vengono generalmente pescati dal mondo accademico e le loro “recenti pubblicazioni” vengono generalmente utilizzate internamente al circolo. Che gli esperti della Chatham House stiano presentando delle domande a delle riviste mediche è particolarmente allarmante considerando che GlaxoSmithKline e Merck sono entrambi membri della Chatham House.

Membri notevoli della ChatHam House:

Amsterdam & Peroff
BBC
Bloomberg
Coca-Cola Gran Bretagna
Economista
GlaxoSmithKline
Goldman Sachs International
HSBC Holdings plc
Lockheed Martin UK
Merck & Co Inc
Mitsubishi Corporation
Morgan Stanley
Royal Bank of Scotland
Saudi Petroleum Overseas Ltd
Standard Bank London Limited
Standard Chartered Bank
Tesco
Thomson Reuter
United States of America Embassy
Vodafone Group

Normali membri della ChatHam:

Amnesty International
BASF
Boeing UK
CBS News
Daily Mail and General Trust plc
De Beers Group Services UK Ltd
G3 Good Governance Group
Google
Guardian
Hess Ltd
Lloyd’s di Londra
McGraw-Hill Companies
Prudential plc
Telegraph Media Group
Times Newspapers Ltd
World Bank Group

Supporto corporativo:

British Petroleum
Chevron Ltd
Deutsche Bank
Exxon Mobil Corporation
Royal Shell olandese
Statoil
Toshiba Corporation
Total Holdings UK Ltd
Unilever plc

CONCLUSIONE

Queste organizzazioni rappresentano gli interessi collettivi delle più grandi aziende al mondo. Non solo possiedono uno schieramento di politici e ricercatori che articolano la loro agenda e promuovono il loro consenso nella popolazione, ma utilizzano anche la loro massiccia influenza per andare ad influire sui media,  nell’industria, nella finanza e produrre un consenso internazionale.

Credere che questa oligarchia finanziaria/corporativa metta in disparte i propri interessi per supportare e promuovere gli interessi e i capricci del popolini sarebbe alquanto naive. Hanno più volte assicurato che non è importante, in qualsiasi paese ci si trova, da quale parte in guerra, il petrolio, la ricchezza e il potere continueranno a fluire perennemente nelle loro mani. Niente, rivendica meglio questa situazione, che il presidente degli Stati Uniti, che nonostante le belle parole fa gli stessi interessi che faceva Bush, oltre che alle stesse guerre.

Allo stesso modo, non importa quanto sia sanguinosa la tua rivoluzione, se l’equazione delle aziende rimane invariata, verrano fatti solamente i cambiamenti più superficiali, come è accaduto in Egitto con il tirapiedi dell’International Crisis Group Mohamed ElBaradei.

La rivoluzione vera e propria inizierà quando capiremo questa equazione,si deve cercare di rimuovere la nostra dipendenza dalle aziende sopra citate. L’oligarchia globale corporativa/finanziaria ha bisogno di noi, noi però non abbiamo bisogno di loro, l’indipendenza da loro è la chiave per la nostra libertà.

Per ulteriori informazioni in materia di economia alternativa, informati da solo:

The Lost Key to Real Revolution
Boycott the Globalists
Alternative Economics
Self-Sufficiency

Fonte

Silvio, il Bilderberg non ti sopporta!

In un documento reso pubblico dai magistrati il 17 gennaio si dichiara che “Un numero significativo di giovani donne si sono prostituite con il nostro primo ministro Silvio Berlusconi “. Il noto 74enne vive una vita da Playboy, lo scandalo di Arcore rivaleggia facilmente con quello che ha visto coinvolto Bill Clinton.

Ma il più grande magnate italiano delle comunicazioni, in possesso di televisioni e case editrici, oltre che di riviste e giornali e proprietario dell’AC
Milano, una delle squadre di calcio più importanti al mondo, non sembra essere in affinità con il Bilderberg o, per lo meno, la cricca segreta dei magnati dei media, dei banchieri mondiali, dei titani aziendali e governativi di alto livello
che si riunisce a porte chiuse ogni anno non va molto d’accordo con il presidente.

Si può dire quindi, che l’attuale bufera mediatica che sta esplodendo qui in Italia è in realtà una mossa politica oculata proprio per far cadere il suo governo?

Le opinioni politiche di Berlusconi non sono mai state popolari per l’elite della classe dirigente globale.

Nel frattempo, i partecipanti del Bilderberg si sono lamentati poichè le azioni di Berlusconi rischiavano di minare l’euro. Il Washington Post, controllato dal Bilderberg, ha
definito Berlusconi “la più grande sfida per l’ancora giovane valuta dell’euro”.

Berlusconi, anche se molto ricco, sembra essere distante dal Bilderberg e dalla sua agenda. È interessante notare come egli mantenga una stretta amicizia con la Russia di Vladimir Putin, che  rende i globalisti molto nervosi, nella misura in cui Putin è effettivamente non coinvolto con l’associazione elitaria.

Considerando l’atteggiamento più tollerante dell’Italia nei confronti del sesso, con la prostituzione legale e l’età del consenso a 14 anni, sembra che i nemici di Berlusconi lo vogliano tirar giù per un “cavillo” (confrontato a tutto quello che ha fatto).

Da parte sua, Berlusconi, che non sta cercando di nascondere il suo stile di vita, continua a fare il verso ai globalisti. Berlusconi nega ogni accusa, e quando gli viene chiesto se ha intenzione di dimettersi per lo scandalo,dichiara tranquillamente alla stampa, “Siete folli? Io mi sto divertendo “.

In una Italia che sembra essere stata trasformata in un reality show stile hollywoodiano, il principale rivale politico di Berlusconi, è Nichi Vendola, apertamente
omosessuale ed ex comunista. Vendola indossa un orecchino di diamanti, luccicanti scarpe nere
con chiusura a velcro e una sciarpa paisley. Parla con una pronuncia blesa e ha un ragazzo di nome Ed.


Vendola ha accusato Berlusconi di essere “un viscido borghese” e in aggiunta di  “raccontare barzellette anti-semite e omofobe”.

Berlusconi ha risposto: “Meglio le belle donne che essere gay “.

I suoi presunti “scherzi” anti semiti hanno anche probabilmente alimentato la vendetta
intrapresa dai suoi nemici.

Tra le altre cose, durante una festa in una sua villa, Berlusconi è stato registrato
mentre raccontava una barzelletta su un vecchio Ebreo, il quale ammise che “durante il tempo dei
campi di concentramento “, accettò di nascondere un altro Ebreo nella sua cantina, ma lo costrinse
a pagare 4.000 dollari al giorno, perché “noi siamo ebrei”.

Lo scherzo si conclude con il padrone di casa che chiede alla sua famiglia se fosse il caso di dire all’uomo nella cantina che Hitler era morto e che la guerra era finita.

Nwo: Le prove (Parte 1)

ORGANIZZAZIONI GOVERNATIVE GLOBALI

LA COMMISSIONE TRILATERALE

Il Gran Sigillo della commissione trilaterale. Si può notare la scritta in alto “Noster Ordo Seclorum” (Il nostro ordine nei secoli) che somiglia molto al “Novus Ordo Seclorum” presente nei dollari americani. Oltre a questa “coincidenza” possiamo notare molti altri simboli occulti già descritti in altri post come le stelle di david presenti sullo sfondo assieme a quella che tiene in mano il drago.

1)Sito ufficiale commissione trilaterale (link)

2)Definizione di Wikipedia (link)

La Commissione Trilaterale è un’organizzazione privata, nata per promuovere una più stretta cooperazione fra gli Stati Uniti, l’Europa e il Giappone. È stata fondata nel luglio del 1973 su iniziativa di David Rockefeller, che a quel tempo era presidente del Council on Foreign Relations… La John Birch Society ritiene che lo scopo della Commissione Trilaterale sia quello di instaurare un governo mondiale.

Prima di analizzare questa organizzazione, diamo uno sguardo alla sorprendente ammissione dal suo fondatore, David Rockefeller, dal suo libro di memorie:

Alcuni credono che facciamo parte di una cabala segreta che lavora contro gli interessi degli Stati Uniti, indicando me e la mia famiglia come ‘internazionalisti’ e accusandoci di cospirare con altri nel mondo per costruire una più integrata struttura politica ed economica globale – un mondo , se volete. Se questa è l’accusa, mi dichiaro colpevole, e  ne vado orgoglioso. (1, 2)


Alcune informazioni contenute nelle FAQ della pagina ufficale della commissione trilaterale sono in contrasto con quanto citato sopra dichiarando infatti che non vogliono creare un unico governo mondiale. Questo è un trucchetto per non suscitare scalpore, sulla stessa pagina infatti ammettono di lavorare verso un ‘contesto globale.’ Credo che tutto ciò sia fuorviante. Se è vero che non siamo a conoscenza di eventuali proposte per creare un governo mondiale sciogliendo la sovranità dei singoli stati, in realtà lo fanno (e lo ammettono), aspirando ad un processo di unificazione dei governi mondiali e di tutti i suoi settori.

La prova che conferma tutto ciò è in un discorso tenuto da Gordon Smith in occasione della riunione della commissione trilaterale del 2001, riportata nel sito a questa pagina GLOBALIZZAZIONE & GOVERNANCE. Anche Smith sostiene l’idea che non cercano di creare tecnicamente un unico governo mondiale, ma un nuovo ordine mondiale:

Il risultato finale non è soddisfacente. Vi è la necessità di una maggiore inclusione, una maggiore partecipazione ai benefici della globalizzazione, e una migliore modalità di gestione che gli economisti chiamano beni pubblici globali (aria,acqua,terra ecc..) e dei “mali”, che riguardano più un certo numero di istituzioni ….

In una nota correlata e inquietante, molti membri degli uffici della Commissione Trilaterale detengono posizioni di potere nella politica americana, nei media, nell’educazione e nell’economia. Vedi: LISTA.

I membri del Council on Foreign Relations e della Commissione Trilaterale dominano le posizioni chiave nel governo americano, nell’esercito, nelle industrie, nei media, nelle istituzioni e nel mondo dell’istruzione. Di seguito è riportato un elenco parziale dei membri del CFR in carica e le posizioni di influenza di cui dispongono nella società.Ci sono solo 325 membri nella Commissione Trilaterale.

LE NAZIONI UNITE

La sede delle nazioni unite ovvero Babilonia 2.0

1)Sito ufficiale (link)

2)Definizione di Wikipedia (link)

L’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) o semplicemente Nazioni Unite è un’organizzazione internazionale i cui obiettivi dichiarati sono quelli di agevolare la cooperazione nelle materie di  sicurezza internazionale, sviluppo economico, progresso sociale, diritti umani, e il raggiungimento della pace nel mondo. Le Nazioni Unite sono state fondate nel 1945, dopo la seconda guerra mondiale per sostituire la Società delle Nazioni, per fermare le guerre tra i paesi, e per fornire una base per il dialogo. All’interno dell’organizzazione vi sono altre organizzazioni sussidiarie che portano a termine le varie “missioni”. Ci sono attualmente 192 stati membri, praticamente ogni stato sovrano del mondo.

L’organizzazione delle Nazioni Unite, anche se si presenta bene, è uno dei maggiori motivi per cui credo che la globalizzazione e il NWO siano già qui (Ricordate, NWO non significa necessariamente “governo mondiale”). Date un’occhiata alla mappa qui sotto  per vedere la capillarità di questa organizzazione:

Per definizione, il ‘Nuovo Ordine Mondiale’ è:

-l’organizzazione post-Guerra Fredda in cui le nazioni tendono a cooperare piuttosto che favorire i conflitti.
(link)


Le Nazioni Unite, secondo la loro stessa definizione:

Le Nazioni Unite sono un’organizzazione internazionale fondata nel 1945 dopo la seconda guerra mondiale da 51 paesi [attualmente 192] impegnata a mantenere la pace e la sicurezza internazionale, sviluppare relazioni amichevoli tra le nazioni e  promuovere il progresso sociale, migliori standard di vita e garantire i diritti umani …
(link)

Non sembra poi così male. Mantenimento della pace, dell’unità e prevenzione dei conflitti suona bene, anche se questo significa un ‘nuovo ordine mondiale’. Tuttavia, l’ONU non è così pura come può sembrare.

Le Nazioni Unite si adattano alla definizione di ‘nuovo ordine mondiale’, ma sono anche un trampolino di lancio verso un unico governo mondiale. Alcuni esempi sono:

I.LE NAZIONI UNITE PROPONGONO UNA VALUTA GLOBALE.
Le Nazioni Unite vorrebbero che il dollaro, l’euro, lo yen e altre valute nazionali venissero sostituite da una moneta globale.

II.L’ONU PROPONE UNA TASSA GLOBALE
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sta considerando un piano per chiedere ai governi di imporre una tassa globale ai consumatori per quanto riguarda l’utilizzo di Internet o per le transazioni finanziarie di tutti i giorni, come il pagamento delle bollette online.

III. UNA FORZA DI POLIZIA GLOBALE
La polizia dell’Onu è formata da 11000 elementi, da più di 90 paesi, che sono attualmente al lavoro in 18 diverse missioni. Ogni giorno queste donne e uomini di pattuglia, fanno formazione, danno consulenza ai servizi nazionali di polizia, garantiscono la conformità alle norme internazionali in materia di diritti umani e forniscono assistenza ad una vasta gamma di attività per ripristinare e promuovere la sicurezza pubblica e che vi sia giustizia.

THE CLUB OF ROME

1)Sito ufficiale (link)

2)Definizione di Wikipedia (link)

Il Club di Roma è una associazione che si occupa a livello mondiale di una grande varietà di argomenti di politica internazionale. È stata fondato nell’aprile del 1968 e ha suscitato una notevole attenzione del pubblico nel 1972 con il suo rapporto, “I limiti dello sviluppo”. Il club afferma che la sua missione è di “agire come un catalizzatore per il cambiamento globale, attraverso l’individuazione e l’analisi dei problemi cruciali che affliggono l’umanità e la comunicazione di tali problemi ai più importanti organi decisionali pubblici e privati, nonché al pubblico in generale.”

Visualizzando il loro sito web ci si può imbatterete in questioni riguardanti la GLOBALIZZAZIONE e il loro sostegno alla TASK FORCE per i CAMBIAMENTI CLIMATICI. Cito questi due esempi perché il Club Of Rome è molto focalizzato su degli obiettivi a livello mondiale, con il pretesto dell’interesse ambientale.

Il lavoro pubblicato,“I limiti dello sviluppo”, si concentra sui limiti di crescita della popolazione umana in relazione alle risorse secondo i loro modelli scientifici. Non tentano di nascondere i loro piani su scala globale, come il seguente estratto ci fa ben capire:

“… Il Club of Rome incoraggerà  la creazione di un forum mondiale in cui gli statisti, i politici e gli scienziati possano discutere i pericoli e le speranze per il futuro sistema globale senza le costrizioni di negoziati intergovernativi formali. “

Il Club of Rome, cospira puntando sui problemi (o presunti tali) che affligono il nostro pianeta: Scaristà del petrolio, sovrappopolazione, riscaldamento globale.

In tutto il mondo, il Club of Rome ha dichiarato che il genocidio deve essere utilizzato per eliminare le persone che loro stessi definiscono “mangiatori inutili”. (link)

Come nota a margine interessante, il Club of Rome ha anche diviso il mondo in 10 settori. Ciò è correlato alla profezia che vi saranno 10 regni come parti di un unico governo mondiale. I distretti assegnati dal Club of Rome, come indicato nel loro lavoro:Regionalized and Adaptive Model of the Global World System

IL GRUPPO BILDERBERG

1)Lista membri Bilderberg (link)

2)Definizione di Wikipedia (link)

Il Gruppo Bilderberg o Bilderberg Club è una conferenza annuale, non ufficiale, su invito, di circa 130 ospiti, molti dei quali sono persone che hanno influenza nei campi della politica, del mondo economico, bancario, dell’esercito, e dei media. Ogni conferenza si svolge sotto la massima sicurezza.

Il gruppo Bilderberg tiene delle riunioni altamente segrete dove alla stampa non è permesso partecipare. Per questo motivo, si specula molto (cospirazionalmente parlando) e solidi fatti sono difficili da trovare. Invece di impegnarsi in speculazioni, esaminiamo ciò che sappiamo basandoci sulle seguenti ammissioni da parte dei membri del Bilderberg. Diamo un occhiata:

Robert Zoellick
Zoellick, un elemento importante del Bilderberg, richiede che la FMI, il WTO e la Banca mondiale regolino la politica nazionale … Il presidente della Banca Mondiale e membro elitario del Bilderberg, Robert Zoellick ha ammesso apertamente il piano per eliminare la sovranità nazionale e di imporre un governo globale, durante un discorso alla vigilia del vertice del G20. 1.

Denis Healey
Dire che ci stiamo sforzando per creare un unico governo mondiale è esagerato, ma non del tutto sbagliato. Quelli di noi che fanno parte del Bilderberg sentono che non si può più andare avanti a combatterci l’un l’altro uccidendo milioni di persone e lasciandone altrettante senza tetto. Quindi abbiamo ritenuto che una singola comunità in tutto il mondo sarebbe una buona cosa. 1.

Henry Kissinger,otto volte partecipante al Bilderberg, sostiene che un ‘nuovo ordine internazionale’ è all’orizzonte. 1.

Le citazioni qui sopra ci danno una certa comprensione di ciò che frulla nelle menti dei partecipanti del Bilderberg in termini di attitudini verso la globalizzazione. Purtroppo, le informazioni sulle attività e uno sguardo in generale alla loro agenda è molto difficile da inquadrare a causa della segretezza del gruppo.

Il nuovo ordine mondiale: Concetti base

INTRODUZIONE AL NUOVO ORDINE MONDIALE


Il termine New World Order (NWO) è stato utilizzato da molti politici attraverso i secoli, è un termine generico usato per indicare una cospirazione a livello mondiale, orchestrata da un gruppo estremamente potente e influente di individui geneticamente affini (almeno ai gradi più alti) che comprende molte delle persone più ricche del mondo, i vertici del mondo della politica e le elite delle corporazioni, come pure i membri della cosiddetta Black Nobility d’Europa (dominata dalla Corona britannica), il cui obiettivo è quello di creare un unico governo mondiale (fascista), spogliato dei confini nazionali e regionali e che obbedisce al loro ordine del giorno.

La loro intenzione è di effettuare un controllo completo e totale su ogni essere umano del pianeta e di ridurre drasticamente la popolazione mondiale di due terzi. Mentre il nome di Nuovo Ordine Mondiale è il termine più frequentemente oggi usato per indicare genericamente chiunque sia coinvolto in questa congiura, lo studio delle persone che ne fanno parte è un problema ben più complesso e intricato.

PERCHE’ LA COSPIRAZIONE E’ NASCOSTA

La fitta e complessa rete di inganni che circonda le persone e le organizzazioni coinvolte in questo complotto è difficile da districare. La maggior parte delle persone reagisce con incredulità e scetticismo verso l’argomento, senza sapere che è stata condizionata (lavaggio del cervello) ad reagire con scetticismo grazie ai media e alle istituzioni.  Fritz Springmeier ha detto che la maggior parte delle persone hanno costruito delle “diapositive” che mandano in corto circuito il processo di esame critico quando si tratta di alcuni temi sensibili. “Diapositive”, riferisce Springmeier, è un termine che la CIA usa per un tipo di reazione condizionata che porta l’individuo a terminare il dibattito o la questione in causa. Ad esempio, la menzione della parola “complotto” sollecita spesso una risposta “diapositiva” in molte persone.

Ciò che la maggior parte della gente crede essere l’ “Opinione Pubblica” è in realtà propaganda costruita con cura e progettata per ottenere una risposta comportamentale desiderata da parte del pubblico. I sondaggi vengono proposti per calcolare il grado di accettazione delle varie manovre di questo nuovo ordine mondiale.

MODUS OPERANDI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE

I cospiratori del NWO mettono in atto la loro agenda globale attraverso la sapiente manipolazione delle emozioni umane, soprattutto della paura. Nei secoli passati, hanno ripetutamente utilizzato un espediente che il ricercatore e autorie sul NWO David Icke nel suo ultimo libro, The biggest secret, sottolinea essere questo: problema, reazione e soluzione.

La tecnica è la seguente: gli strateghi del NWO creano il PROBLEMA: finaziano, assemblano e istruiscono una “opposizione” per stimolare l’agitazione in un potere politico stabilito (paese sovrano, regione, continente, ecc) su cui vogliono avere controllo, comandando le varie fazioni riescono a ottenere il risultato desiderato. Negli ultimi decenni, i cosiddetti gruppi di opposizione sono di solito identificati dai mezzi di comunicazione come “combattenti per la libertà'” o “liberatori”.

Allo stesso tempo, il leader politico della nazione dove viene orchestrato lo scontro è demonizzato e, a comando, viene indicato come “il nuovo Hitler” (pensateci: Saddam Hussein, Milosevic, Kadaffi, ecc.) I ‘combattenti per la libertà’ non di rado sono formati da un istituzione criminale locale ( come l”UCK, o i trafficanti di droga). Nello spirito di una vera menzogna machiavellica, gli strateghi del NWO  sono ugualmente coinvolti, armando e consigliando il leader politico della nazione (il NWO ricava utili da qualsiasi conflitto armato prestando denaro, armamenti, e rifornendo tutte le parti coinvolte nello scontro).

Il conflitto viene dipinto alla platea mondiale, dai media controllati, con una raffica di foto e di video di atrocità orrende e sanguinose subite da civili innocenti. “Qualcosa deve essere fatto!” E questa è la REAZIONE desiderata.

I burattinai del NWO forniscono poi la SOLUZIONE con l’invio di “Peace Keepers”(in Bosnia) o con una “Forza di Coalizione” (nella guerra del Golfo) o con bombardieri della NATO e truppe di terra ( in Kosovo), o inviando militari alla ricerca di “armi di distruzione di massa”, che ovviamente non sono mai state trovate. Una volta insediati, i ‘Peace Keepers” non se ne vanno più dalla zona. L’idea è quella di avere delle truppe di terra controllate dall’NWO
in tutti i principali paesi o aree strategiche in cui l’accettazione del NWO risente di maggiori difficoltà.

CHI LAVORA PER IL NUOVO ORDINE MONDIALE?

Il settore aziendale del NWO è dominato dai banchieri internazionali, baroni del petrolio e da aziende farmaceutiche, così come da altre grandi multinazionali. La Famiglia Reale d’Inghilterra, e cioè la regina Elisabetta II e il casato dei Windsor, (che sono, di fatto, i discendenti del ramo tedesco della nobiltà europea i SaxeCoburgGotha che cambiarono nel 1914 il loro cognome in Windsor), sono attori di alto livello nella oligarchia che controlla i piani alti del NWO. I punti nevralgici per le decisioni sono Londra, Basilea in Svizzera, e Bruxelles (sede della NATO).

Le Nazioni Unite, insieme a tutte le agenzie che lavorano sotto la sua egida, come l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sono attori a tempo pieno in questo schema. Allo stesso modo, la NATO è uno strumento militare nelle mani del NWO.

I leader di tutti i principali paesi industriali come gli Stati Uniti, l’Inghilterra, la Germania,l’Italia,l’Australia, la Nuova Zelanda, ecc (i membri del “G7/G8” per intenderci) sono attivi e cooperano pienamente a questo complotto. In questo secolo, il grado di controllo esercitato dal NWO è arrivato a un punto tale che solo alcuni individui, attentamente selezionati e formati dall’elite, possono ambire di diventare  il primo ministro o il presidente di paesi come l’Inghilterra, la Germania o gli Stati Uniti. Non importava chi tra Bill Clinton o Bob Dole avrebbe vinto la presidenza nel 1996, il risultato sarebbe stato lo stesso. Entrambi stavano giocando nella stessa squadra, per la stessa società. Chi non fa parte della “squadra” viene eliminato: esempi sono: il presidente Kennedy, Ali Bhutto (Pakistan) e Aldo Moro (Italia). Più di recente, l’Ammiraglio Borda e William Colby sono stati uccisi perché si sono ribellati alla cospirazione e stavano cercando di esporre / ostacolare l’agenda del nuovo ordine mondiale.

IL RUOLO DEL NWO NEL CAMBIARE LA STORIA

La maggior parte delle grandi guerre, gli sconvolgimenti politici, le depressioni / recessioni economiche degli ultimi 100 anni (e precedenti) sono state attentamente pianificate e avviate grazie alle macchinazioni di queste élite. Queste “macchinazioni” comprendono la guerra ispano-americana (1898), la prima e la seconda guerra mondiale, la Grande Depressione, la rivoluzione bolscevica del 1917, l’ascesa della Germania nazista, la guerra di Corea, la Guerra del Vietnam, la caduta del comunismo sovietico nel 1989-1991, la guerra del Golfo del 1991, la guerra in Kosovo, e le due guerre in Iraq. Anche la rivoluzione francese è stata orchestrata dal NWO.

Fed:E’ ora di cagarsi addosso

Il deputato Ron Paul apparso ieri nell’Alex Jones Show di ieri, ha rivelato che, attraverso le sue fonti all’interno ha capito che le persone che controllano la Federal Reserve sono nel panico per il fatto che gli americani si stanno svegliando riguardo al fatto che gli Stati Uniti sono controllati dalla banca centrale .

“Ho ricevuto qualche informazione privata, informazioni privilegiate, qualcuno che conosceva qualcuno che ben all’interno della Federal Reserve- e risulta che siano davvero preoccupati per il nostro movimento contro la Fed e contro quello che sta facendo, “ha dichiarato Paul, aggiungendo:” Quello per cui sono sconvolti e preoccupati  è il fatto che sempre più persone sono consapevoli della Federal Reserve come mai prima d’ora “, spiegando che questa consapevolezza porterà al cambiamento e una riforma della Federal Reserve.


Paul ha attribuito il successo del movimento di liberazione alla crescente consapevolezza del potere che la Federal Reserve esercita in America.

“Anche coloro che difendono la Fed sono molto spaventati per questo”, ha aggiunto Paul, notando che un numero crescente di americani sono stati informati circa la banca centrale nonostante il fatto che il soggetto è raramente coperto dal sistema di istruzione.

Host Jones ha fatto riferimento a un recente Consiglio sulle Foreign Relations da parte della Commissione Trilaterale e l’abituè del gruppo Bilderberg Zbigniew Brzezinski, in cui ha avvertito che un “risveglio politico globale”, in combinazione con lotte interne tra le élite, minaccia di far deragliare la transizione verso una governo mondiale.
“Mi auguro che abbia qualche motivo reale per essere preoccupato,” ha risposto il consigliere nazionale.

Nonostante il voto del Senato stabilisce dell’audit di Ron Paul, il disegno di legge emedato all’inizio di questo mese, ne è stata approvata una versione più soft, attraverso questo emendamento la Fed sarà costretta a divulgare i nomi dei soggetti a cui ha prestato denaro per uscire dall crisi, cosa che la Fed ha disperatamente cercato di evitare da sempre.

Paul esprime il suo disappunto proprio per questo disegno di legge annacquato, ma il suo collega deputato Alan Grayson ha espresso fiducia che le disposizioni più incisive  potrebbero essere aggiunte in sede di commissione, assicurando che la Federal Reserve verrà tenuta d’occhio, come il deputato Paul ha avvertito.

Paul ha suggerito che la gente dovrebbe guardare i senatori che non hanno votato per l’audit iniziale del disegno di legge Fed, che hanno sostenuto il disegno di legge più soft in vista di “Un piano di salvataggio per il sistema e per la Federal Reserve.”

Paul ha aggiunto che andò a cercare di influenzare il disegno di legge in conferenza con l’aggiunta di disposizioni più rigorose.

“Credo che adesso siamo nell’occhio del ciclone, ma abbiamo intenzione di continuare a lottare perché più attenzione vi è e più la gente si incuriosisce e conosce, possiamo essere orgogliosi di quanto abbiamo già ottenuto”, ha detto Paul.