Archivi categoria: Nana bruna

Elenin

Ho sentito parlare molto di Elenin, una cometa che dovrebbe passare molto vicino alla Terra verso la fine dell’anno. Stavo per buttare già un articolo con le informazioni trovate, quando salta fuori questo interessante post, che oltre alle prove già esistenti, porta nuove evidenze a sostegno della teoria che gli allineamenti con Elenin e il sole provochino eventi sismici qui sulla Terra. Le nuove informazioni vengono dalla Nasa, che ben consapevole del fenomeno ha preferito tacere su questi temi. Si può osservare, da un modello matematico della NASA, della cometa Elenin, che un grande corpo celeste è già penetrato nel nostro sistema solare e ci arriverà spaventosamente vicino nell’autunno del 2011. Ciò che non sappiamo è la dimensione e la massa della cometa Elenin (ovviamente le autorità competenti lo sapranno benissimo).

Elenin è attualmente monitorata in quanto passa attraverso la cintura degli asteroidi nella sua strada all’interno del sistema solare. Dispiace portare notizie così negative, oltre a quelle già esistenti, ma la fonte, la NASA, ha fatto un lavoro davvero impeccabile. Abbiamo una massa in entrata (ciò che potrebbe eventualmente essere una stella di neutroni) che è entrata nel nostro sistema solare e che si sta per fare un giro attorno al sole come ogni cometa. Nella sua traiettoria di uscita che incrocerà l’arco della nostra orbita, cioè passerà molto vicino alla terra.

Nel video qui sotto potrete vedere tutto questo discorso spiegato graficamente. Quello che si può osservare è che con precisione matematica ogni volta che questo corpo celeste è in allineamento con la terra e il sole abbiamo un enorme terremoto. Gli ultimi tre allineamenti hanno prodotto il terremoto giapponese, quello in Nuova Zelanda e prima ancora quello in Cile. Elenin l’11 marzo era molto lontana rispetto alla distanza in cui sarà questo autunno. Il punto principale da capire è che se Elenin fosse solo una cometa normale non avrebbe la massa per generare una spinta gravitazionale tale da colpire la Terra, quando è in allineamento con il nostro pianeta ed il sole.

David Morrison, scienziato di astrobiologia della nasa, in un comunicato ufficiale del 1 ° marzo non ha riconosciuto Elenin come una minaccia. Dieci giorni dopo Elenin è entrata in allineamento con la terra e il sole. . . e il Giappone è stato quasi distrutto.

Morrison ha confermato che il perielio di Elenin (cioè quando è più vicina al Sole) sarà nei primi di settembre del 2011 ad una distanza dal sole di 65 -70 milioni di chilometri. Il giorno nella quale sarà più vicina alla Terra cade il 16 ottobre, con una distanza di circa 34 milioni di km, crede però che non vi sia nessun motivo per temere Elenin, la considera una cometa normale. Mi chiedo se abbia cambiato idea dopo l’11 marzo. Respinge tutti gli allarmi considerandoli alla stregua di finzione.

Il problema sta nell’allineamento comunque, come si può chiaramente vedere dalla simulazione della NASA. A quasi 2 mesi di distanza dal disastro di Fukushima dobbiamo vivere con sempre maggiori radiazioni che si stanno diffondendo in tutto l’emisfero settentrionale. Sappiamo quanto sia facile per le persone al potere insabbiare le informazioni mentendo rimanendo seri. Il governo giapponese ha ammesso che sono state tenute nascoste circa 5000 misurazioni delle radiazioni e delle valutazioni dopo l’evento nucleare che ha colpito la centrale nucleare di Fukushima Daiichi in marzo. Ciò è stato fatto al fine di non indurre il panico nella popolazione, riferisce un rappresentante del personale che si occupava dell’emergenza nucleare.

Dobbiamo riconoscere e accettare che vi sia un pericolo e una possibilità che parte della nostra civiltà e delle persone con essa andranno perse. Spero di sbagliarmi, ma le prove non possono essere trascurate, anche se naturalmente accadrà. Una foto vale più di mille parole e la NASA ci ha dato la prova visibile che Elenin potrebbe giocare un ruolo importante negli eventi qui sul nostro pianeta, anche da molto distante.
Il seguente video mostra quello che la Nasa conosce da decenni.

L’intero sistema solare sembra stia riscaldandosi, il sole è diventato attivo e la terra subisce sempre più frequenti eventi catastrofici. La geoattività è aumentata, i vulcani, i terremoti,  tsunami, la migrazione del polo magnetico, le morti di massa degli animali, enormi vortici insipegabili nell’Atlantico, tutti questi eventi farebbero girare la testa a qualsiasi persona.

Abbiamo avuto uno spiraglio di verità su ciò che sta accadendo anche quando in Groenlandia il sole è sorto con 2 giorni di anticipo, che è stato un segnale forte riguardante il fatto che qualcosa stesse accadendo all’orbita terreste.

I PROSSIMI MESI

Il 3 agosto 2011 segna il momento in cui la Terra passa attraverso la posizione di perigeo della nana bruna, mentre quest’ultima attraversa l’orbita terrestre . Dopo circa due settimane, il 18 agosto la nana bruna attraversa l’orbita di Venere a circa 103 milioni di km dal sole. Dovranno passare allora 24 giorni, perchè la nana bruna raggiunga il punto più vicino al sole, a 72000000 di km. Il 25 Settembre 2011 segna il momento in cui la Terra passa attraverso la seconda congiunzione con il sole, la nana bruna, Mercurio, Saturno e Urano in linea per un altro allineamento gravitazionale.

Questo video realizzato dalla cima di una montagna in Giappone sembra aver catturato Elenin su digitale.

Il 2 ottobre è il giorno in cui la nana bruna attraverserà nuovamente l’orbita di Venere per iniziare il suo viaggio in direzione della Terra. Passeranno altre 2 settimane e la nana bruna attraverserà la linea dell’orbita terrestre per passare direttamente davanti al nostro pianeta adappena 36000 km di distanza, che è il punto dove ci sarà più vicinanza tra i corpi celesti. La nana bruna attraverserà l’orbita di Marte il 14 novembre 2011 nella strada verso la 3a congiunzione il 22 novembre dove la terra ancora una volta, sarà nuovamente congiunta con Elenin e Sole, come il 15 marzo.

CONCLUSIONE

L’avvicinarsi di una stella nana bruna darebbe molte risposte su ciò che sta accadendo intorno a noi. Nessuno sa veramente cosa succederà in autunno di questo anno al momento che questo corpo celeste si metterà in mezzo tra noi e il sole per poi rimbalzare verso il vicinato della Terra. Una persona ha ipotizzato che potrebbe andare a colpire la Luna e distruggerla. Potrebbe colpire anche noi sulla Terra, se la traiettoria del suo percorso dovesse modificarsi (o se i dati stessi su Elenin fossero stati modificati in modo da non riuscire a precalcolare il giusto percorso dell’asteroide).

Se siamo fortunati, non succederà nulla ma l’umanità non sta attraversando un perido fortunatissimo in questi ultimi tempi.

Quello che sembra probabile accadrà è quello che la maggior parte delle antiche culture e delle religioni ricordano nei loro testi e cioè episodi cataclismatici e di diluvi che devastarono tutto il mondo. Gli unici modi per i quali possa avvenire un diluvio universale sono la caduta di un asteroide, l’inversione dei poli, o un oggetto molto denso che passando vicino alla Terra provoca un gigantesco Tsunami. L’attrazione gravitazionale dovrebbe spostare grandi masse di acqua, proprio come la luna fa oggi su scala minore, in forma di maree.

Zone sicure:
1. Spostarsi a + di 250 km dalle coste.
2. Spostarsi a 180 -200 metri sul livello del mare.
3. Allontanarsi dai vulcani e dai super vulcani come quelli di Yellowstone nel nord-ovest USA.
4. Allontanarsi dalle zone di terremoto / sismiche / soggette a valanghe / zone di faglia, come quella della faglia di New Madrid negli Stati Uniti centrali USA.
5. Allontanarsi dalle dighe che si romperanno sicuramente.
6. Allontanarsi dalle centrali nucleari (vedi Fukushima).
7. Allontanarsi dall’alta quota, dove i livelli di radiazione saranno più alti.
8. Allontanarsi dalle aree a grande densità demografica, le rivolte per il cibo aumenteranno nel caos e nel disordine.
9. Unisciti ai gruppi di sopravvivenza che hanno avuto testa nell’organizzarsi, mettendo a disposizione cibo e armi per proteggersi.

Non c’è carenza di leggende sulle alluvioni. La più antica leggenda esistente è contenuta nel frammentaria Genesi sumera, databile al 17 ° secolo aC. Nel poema epico babilonese di Gilgamesh non ci sono riferimenti al Diluvio Universale (tavoletta 11). La versione più nota della leggenda ebraica del diluvio è contenuta nel Libro della Genesi (Genesi 6-9). Dio sceglie Noè, un uomo che “ha trovato la grazia agli occhi del Signore” e gli ordina di costruire un’arca per salvare Noè, la sua famiglia, e gli animali della terra e gli uccelli. Dopo che Noè ebbe costruito l’arca, “Tutte le acque degli abissi vennero in superficie, e le cateratte del cielo si aprirono”.

Ci sono molte fonti di leggende antiche sulle alluvioni nella letteratura cinese. Nel Shujing, o “Libro della Storia”, scritto probabilmente intorno al 500 aC o prima, viene riportato che l’imperatore Yao si trova ad affrontare il problema di acque in piena che “raggiungono il cielo.” Secondo gli aborigeni australiani l’acqua copriva tutte le terre. Solo le vette più alte erano visibili, come isole nel mare.

Fonte

Annunci