Archivi categoria: 11/9

11 settembre: Controllo mentale basato sul trauma

Occhio in basso a destra!;)

I pilastri che sostenevano la struttura socio spiriturale del mondo, l’11 settembre 2001, sono stati sostanzialmente distrutti… simbolicamente, allegoricamente, ritualmente e letteralmente.

Implosi e distrutti.

E’ stato un “colpo di genio” malvagio ed esemplifica come questi gruppi di potere operano. Per questo motivo la verità sull’11 settembre è così scioccante da non esser potuta gestire facilmente dalle persone. E’ travolgente, come da programma. Così che la maggior parte della popolazione si gira dall’altra parte e nasconde la testa sotto la sabbia.

Ben fatto, tranne per il fatto che ….

DIRE UNA BUGIA ABBASTANZA GRANDE

… alla fine sono stati scoperti. Questo gruppo elitario è talmente circondato da bugie e sotterfugi da essere difficile da individuare per l’uomo medio .

I soggetti di questo gruppo spesso non si conoscono neppure tra loro. Si tratta di un culto molto molto nascosto, formato da psicopatici che vogliono soggiogare il mondo, come se fosse un gioco.

Come vi fa sentire il fatto, che veniamo considerati “inutili cosumatori”, “goyim”, “parassiti”, “risorse umane”?

La nostra indignazione forse un giorno vincerà tutte le loro bugie. Ma non possiamo semplicemente andare avanti con i nostri affari sperando che arrivi la cavalleria, come i religiosi tendono a farci credere. Non possiamo permetterci e permettere agli altri di rimanere sedati in uno stato di accettazione nei confronti di reati perpetrati verso l’umanità, che dovrebbero farci ribollire il sangue nelle vene.

E’ ora che la gente si svegli e cominci a parlare di questo inferno. L’informazione è potere … è per questo che ci inondano di dis-informazione, di cibi chimici, di aria e acqua inquinata e smog elettromagnetico!

Torri in caduta scolpite nel pilastro della St. John Divine Cathedral del 1997

L’ARCHETIPO DEI PILASTRI GEMELLI

L’effetto del simbolismo occulto sulla psiche umana è un segreto ben nascosto, nonostante che psicologi come Carl Jung abbiano scritto molto su questo tema e che la comunità esoterica sottolinei questo fatto. La gente semplicemente non si rende conto che è quotidianamente oggetto di una manipolazione sofisticata attraverso questi simboli terribilmente potenti.

Come le scoperte scientifiche vengono sfruttate in campo militare, così, questi psicopatici devono militarizzare tutto, invece di usarlo per bene dell’umanità e del nostro mondo.

E si stanno lamentando per il comportamento delle masse? Bella scusa per la loro perfidia.

I simboli controllano il mondo, non le parole neppure le leggi [Confucio]

PERCHE’ I SIMBOLI SONO COSI’ POTENTI

Mentre i massoni sembrano aver “rubato” questo simbolismo delle due torri, dato il fatto che rivendicano il fatto di possedere qualsiasi altro simbolo esoterico, inferenza numerologica e astrale, nel corso della storia è apparso molte volte ed è radicato nell’inconscio collettivo, che ce lo ricordiamo o no.

Questo è ciò che lo rende così potente. Siamo nati con queste immagini che posseggono certi significati sepolte nel nostro DNA e nel subconscio. Queste vengono poi affermate e riaffermante nella nostra cultura manipolata, per farci sottomettere, consumare, avere fiducia nelle imprese, fiducia nel sistema politico, credere nei media, ecc

L’immagine dei pilastri gemelli è una delle più potenti.

Nella mitologia, Ercole raggiunse i limiti del Mediterraneo e costruì due grandi colonne su cui scrisse “Non Plus Ultra” – poichè, questo, era il confine supposto del mondo conosciuto. Colonne d’Ercole è attualmente il nome che si da alle montagne gemelle di Gibilterra e del Monte Acho. Di seguito è riportato un esempio del vecchio “Pilastro del dollaro” spagnolo che riporta le due colonne d’Ercole e i globi gemelli a rappresentanza del Vecchio e del Nuovo Mondo.

Origini del simbolo del dollaro, o delle due colonne sormontate da un serpente. Il simbolo apparve nelle pesetas nelle colonie americane e venne poi trasferito nel dollaro. Molti osservatori indicano che il simbolo delle colonne risale ai resoconti di Atlantide. L’America è la nuova Atlantide. Le torri gemelle simboleggiavano il commercio e gli scambi, il dio del commercio è Hermes/Mercurio.

“Questo simbolismo mi ha ricordato le colonne massoniche qui sotto, dove i “due mondi” rappresentano il Cielo e la Terra. I pilastri gemelli sono chiaramente un simbolo evocativo, compreso da architetti, mercanti, banchieri e massoni.”

“Le due sfere sul Pillar Dollar vennero stilizzate su alcune monete, apparendo come semicerchi al posto che come cerchi interi. Il simbolo dei Gemelli sembra l’immagine di due pilastri poggiati in cima al semicerchio della Terra e coronati dal semicerchio della volta celeste. I “Brother of the House” cercando di comunicare con i loro confratelli non hanno perso l’occasione per infondere le loro opere architettoniche con ricchi motivi simbolici…non è una sorpresa che il duo Rockefeller sia membro degli Illuminati, alla costante ricerca del potere che garantisce denaro in abbondanza. Sotto le spoglie della Grande Opera, il Rockefeller World Trade Center ha cercato di incarnare gli ideali dell’età moderna, l’era dell’informazione, e il concetto di pace nel mondo attraverso il commercio globale. (Fonte)”

MASSONERIA E TORRI GEMELLE

Date un occhio alle 3 cattedrali di Notre Dame qui sotto

“La facciata occidentale di tutte e tre sono quasi identiche, e condividono caratteristiche uniche:

1) coppia di torri gemelle in cima

2) Un gigante rosone al centro

3) Tre porte d’ingresso

Questo schema ripetitivo non è stato riconosciuto da nessun professore o studioso, e finora nessuno ha fatto notare, ha dato il nome, o ha spiegato il suo simbolismo. Questa facciata, tuttavia, non è altro che un “Codice Cattedrale”: un messaggio da parte degli stessi massoni, codificato nella pietra e nascosto in bella vista.”

LA TRACING BOARD MASSONICA E’ UN MISTERO ANCHE PER GLI INIZIATI NON INFORMATI

Questa Tracing Board è un enigma per i massoni moderni, per gli autori esoterici, e per i ricercatori occulti: non sono sicuri del suo scopo e sono inconsapevoli del suo simbolismo. La tracing board, tuttavia, detiene in realtà la chiave per interpretare le precedenti facciate gotiche e il segreto perduto dei Massoni codificato al suo interno.

LA TRACING BOARD IN REALTA’ E’ IL PROGETTO DELLA CATTEDRALE GOTICA

Il vero significato della Tracing Board è, infatti, che si tratta del progetto per quelle stesse facciate rappresentate sopra. In effetti la somiglianza c’è:

I pilastri gemelli della Tracing Board massonica a sinistra, a destra le torri gemelle della cattedrale di notre dame

“Un secolo fa l’autore e massone Walter L. Wilmshurst (1867 – 1939), uno dei pochi moderni massoni che capì profondamente la Massoneria, spiegò:

“Le [Due] Colonne … sono state inserite nell’architettura cristiana. Se vi ricordate la costruzione di York Minster o del Westminster Abbey, riconoscerete le colonne nelle due grandi torri che fiancheggiano l’ingresso principale …

-W.L. Wilhmshurst, Il significato della Massoneria, 1922″

A sinistra Westminster Abbey a destra York Minster

“Cosa significano i due pilastri sulla Tracing Board? Perché c’è un sole sopra la colonna di Jachin e una luna sopra la colonna di Boaz? Ne rappresentano il significato?

La spiegazione della massoneria “mainstream” per i due pilastri sono che si chiamano “Jakin” e “Boaz” e che un tempo decoravano il Tempio di Re Salomone a Gerusalemme. Anche se questa storia potrebbe avere un fondo di verità, trascura di spiegare il sole e la luna (che, infatti, non figurano in alcuna spiegazione massonica) e non fa inoltre alcun riferimento al fatto che i pilastri sono anteriori a Salomone e anche all’ebraismo di migliaia di anni .

Questa dualità Sole/Luna è di fondamentale importanza: le prime culture del mondo avevano percepito tutte il loro valore di “opposti perfetti” o perfetto ” paio di opposti”Fonte

I 2 PILASTRI E GLI OPPOSTI

“Così i due pilastri, come il sole e la luna, il maschio e la femmina, il bianco e il nero, il bene e il male, sono la rappresentazione fondamentale del principio massonico degli opposti. Questo è essenziale per la Massoneria, poichè queste \”coppie di opposti\” rappresentano il mondo materiale, mentre l’anima o la parte spirituale si trova presumibilmente mettendo questi opposti in equilibrio.

PARLANDO DELLE INFLUENZE MASSONICHE DI ROCKEFELLER

Ecco qualche informazione sul “centro occulto”  Rockefeller di New York che dimostra ulteriormente le sue radici massoniche ricorrendo più volte all’uso delle “coppie di opposti”.


“Un imponente Trittico accompagna la massiccia facciata del Rockefeller Center. Sopra la porta a destra (spalle al RC) vi è un maschio, sopra la porta a sinistra (spalle al RC) vi è una femmina, e un ‘dio’ si trova sopra la porta centrale. La figura maschile e quella femminile in cima alle porte, ovviamente rappresentano una coppia di opposti:”

“Il trittico che adorna l’ingresso del Rockefeller Center corrisponde ad un Simbolismo massonico ben preciso: il Sole (a destra), la Luna (a sinistra), e l’occhio spirituale (al centro).

Fonte

Ok! Sono massoniche, perchè allora le hanno fatte cadere?

CONTROLLO MENTALE BASATO SUL TRAUMA

La distruzione dei pilastri simbolicamente significa, giustamente, distruggere la propria casa come fece Sansone nel tempio di Dagon nell’illustrazione in alto. Nel caso delle Torri Gemelle del WTC, hanno rappresentato il sistema finanziario internazionale, come è stato orgogliosamente propagandato nella psiche del mondo, fin dalla sua apertura nel 1970-72. Dedicato ai fratelli Rockefeller, massoni di alto rango degli Illuminati, l’immagine iconica di queste torri è stata rappresentata svariate volte in accessori e gadget e ha ricevuto più visibilità mediatica di praticamente qualsiasi immagine dell’architettura moderna.”

Quando queste icone / idoli della società vennero disintegrate sotto gli occhi di tutti, il tessuto psicologico dell’America e di gran parte del mondo si squarciò in due. Non solo a livello cosciente, ma come spiegato sopra, anche l’inconscio collettivo ne ha subito gli effetti, creando un trauma ancora più grave, data la frantumazione di un simbolo senza tempo, carico di significati esoterici e di associazioni ben radicate nel profondo dell’anima.

Il trauma conseguente ha creato una popolazione completamente suggestionabile.

L’iper controllo dello Stato come strumento politico utilizza tecniche psicologicamente coercitive al fine di indottrinare i soggetti. Il fine giustifica i mezzi per formare una società totalitaria/elitaria. Se si riesce a convincere una persona a comportarsi nella maniera desiderata, è possibile far credere a questa persona ciò che vuoi. Le tecniche su cui si fonda l’iper controllo dello Stato si basano sugli stessi principi delle tecniche di controllo mentale studiate in sistemi di controllo sociali dei gruppi di culto e degli organi sociali in generale.

Creare ansia e paura, inducendo elevati stati di suggestionabilità e il controllo dei rapporti per garantire la lealtà e l’obbedienza sono tecniche standard per la gestione del corpo sociale.

La desensibilizzazione attraverso l’abuso della lingua, la propaganda dell’informazione-spazzatura, così come l’eliminazione di singole idee attraverso la ripetizione di canti e frasi o incentivare la dipendenza con l’introduzione di sport, giochi o spettacoli televisivi con regole oscure, fanno parte di un grande insieme di metodi di controllo sociale.Fonte

FISSARE IL CONCETTO CON LA RIPETIZIONE

In queste menti sotto shock e traumatizzate è stata da subito impressa la “storiella” con un supporto mediatico complice:

1. “Siamo stati attaccati! Mai prima d’ora la terraferma americana aveva subito un attacco! ”

2. “Sono stati dei terroristi dall’esterno!, Quelli di cui vi abbiamo parlato! Sono stati i terroristi islamici a commettere questo atto spregevole “.

3. “Dobbiamo contrattaccare per difendere la nosta libertà! Il nostro baluardo della libertà deve ora sradicare il terrorismo in tutto il mondo! ”

4. “Ci saranno sacrifici da fare. Per proteggervi dobbiamo ridurre le vostre libertà personali … tutto nel vostro interesse, ovviamente. ”

… Ad nauseam.

Che la rottura della “Grande sferica Cariatide” presso le torri gemelle fosse un presagio dell'”evento” dell’11 settembre?

CONCLUDENDO

Ci sarebbe molto di più di cui discutere su questo argomento. Non solo i massoni furono coinvolti, ma rappresentano il braccio principale di un sistema che racchiude credenze condivise dagli illuminati. I membri di questa cabala sono quasi sempre associati ad una sorta di società segreta o a pratiche come la massoneria o stregoneria, spesso sotto una copertura religiosa, come il Vaticano, come i Mormoni o i gruppi evangelici. I Sionisti dei Rothschild utilizzano sia la copertura religiosa che quella dell'”istituzione” finanziaria  per mascherare e giustificare la loro perfidia.

Perverso.

IL RITUALE

A livello occulto l’11 settembre è stato un rituale, accrescendone il potere, come spesso accade in questi casi, eseguendo un sacrificio umano. La guerra è un altro rito simile, di solito istigato e finanziato da questa stessa cabala oscura vagamente etichettata con il nome di Illuminati.

Il meccanismo di condizionamento ha effetto però solo sugli incauti, gli inconsapevoli e i disinformati. Quando capisci il trucco del mago, la festa è finita!.

La bugia viene smascherata, l’incantesimo rotto e l’illusione perde il suo potere su di te.

Fonte

Annunci

Programmazione predittiva: Captain America e l’attentato in Norvegia

Lo abbiamo già visto in precedenza… I film, e le produzioni della cultura pop stranamente “predicono” gli eventi prima che effettivamente essi accadano. Questa teoria viene generalmente vista con occhio diffidente e catalogata tra le “coincidenze” – ma cosa accadrebbe se in realtà vi si nascondesse qualcosa di più sinistro? Potrebbero le società cinematografiche che sfornano colossal, o le case editrici stampare libri, prepararci ad una ‘reazione’ ben designata, prima di affrontare il vero e proprio “problema”?

Le menti indagatrici hanno voglia di sapere…

A richiamare l’attenzione è la webmistress Kristin.

Questa è una nota da una recensione scritta online:

Il cattivissimo Johann Schmidt alias “Red Skull” (gli alter ego abbondano!) È la nemesi di Captain America. Schmidt decide di essere più importante di Hitler e cerca di dominare il mondo. Schmidt è interpretato da Hugo Weaving (ricordate l’inquietante agente Smith in “The Matrix”? Interpretò anche “V” do cui non vediamo mai il volto in “V per Vendetta” , da anche la voce a Megatron in “Transformers”!)

    Nonostante la spropositata quantità di rosso, blu e bianco, e il marchio di “Captain America”, la grandezza di quest’ultima è stata minimizzata. Lo sforzo bellico è chiaramente un affare internazionale con inglesi e francesi (come adesso in Libia), e con americani che al loro interno includono varie nazionalità, con un cenno speciale agli americani di origine giapponese.

    -La Norvegia è il luogo ideale per il nascondiglio segreto di una potente energia. In realtà, durante la seconda guerra mondiale, i nazisti cercarono di sviluppare una bomba atomica in Norvegia. Naturalmente, ci volle del tempo, e mentre erano nella fase della produzione dell’acqua pesante, il piano venne sventato da alcuni eroici norvegesi, molti dei quali persero la vita in azione, prima nell’incursione ai laboratori nazisti e poi affondando un traghetto che stava portando importanti pezzi per la bomba, costringendo i nazisti ad abbandonare il piano mentre anche il destino dell’epoca nazista cominciava a cadere a pezzi.

Quindi … Che cos’è la programmazione predittiva?

La programmazione predittiva è una sottile forma di condizionamento psicologico, mediante i media, per far conoscere al pubblico i cambiamente che i “Poteri forti” vogliono attuare nel sistema. Se e quando tali modifiche verranno apportate, il pubblico avrà già familiarizzato con loro e le accetteranno come ‘progressioni naturali’, come definite da Alan Watt (*), riducendo così ogni possibile resistenza o commozione del pubblico. La programmazione predittiva quindi può essere considerata come una forma velata di manipolazione di massa preventiva o controllo mentale, (cortesia dei nostri burattinai).

Lo so, lo so … si fatica a crederci. Se avete la mentalità chiusa meglio che vi fermiate qui. Ma, se siete alla ricerca di possibili spiegazioni del perché il grande pubblico sembra così “prevedibile” e quindi facilmente manipolabile, tanto da farli seguire il leader di turno giù dal dirupo … E’ necessario considerare l’effetto che i media possono avere sulla psiche degli uomini, delle donne e dei bambini che ne fanno uso.

Istanze passate di potenziali “programmazioni predittive”

CINEMA e TV

1) X – Files/Lone Gunman (Puntata Pilota) FOX: Messa in onda il 4 marzo 2001. La trama prevedeva che il governo degli Stati Uniti avrebbe dirottato un aereo che si sarebbe schiantato sul World Trade Center.

2) The Matrix – Neo (l’eletto) è nato il l’11 settembre 2001

Per evitarvi lo scazzo di cercare vi propongo numerosi altri esempi di “programmazione predittiva” che sono diventati realtà dopo essere stati resi noti dai film:

Prima si introduce un concetto che è palesemente inaccettabile per qualsiasi uomo, poi con i politici e i media che lavorano all’unisono, piano piano viene cambiata la prospettiva della percezione di tali concetti facendo accettare il cambiamento:

THX 1138 (obbligo di assunzione di farmaci che controllano le menti di una popolazione di schiavi -1971)
Soylent Green (sovrappopolazione e controllo dell’Elite -1973)
Wicker Man (Controllo dell’elite sulla popolazione -1974)
Logan’s Run (controllo della popolazione per via telematica – 1975)
Network (Controllo dei media da parte dell’elite – 1976)
Brainstorm (Trasmissione del pensiero attraverso una rete di computer – 1983)
Robocop (Militarizzazione della polizia – 1987)
Essi vivono (Controllo mentale e raccolta dati – 1988)
Johnny Mnemonic (Mercificazione dei dati – 1995)
Gattaca (Mercificazione del codice genetico – 1997)
Eyes Wide Shut (Riti dell’Elite – 1999)
Swordfish (Reati sanzionati dal governo per combattere il terrorismo – 2001)
24 (Tortura come mezzo per ottenere informazioni dai terroristi – 2001)
Minority Report (Stato di polizia high tech, che utilizza la biometria e il “pre-crimine” – 2002)
The experiment (Dinamiche degli abusi nelle prigioni – 2002)
Control Factor (Controllo mentale attraverso una dittatura scientifica – 2003)
Gerico (fazioni all’interno del governo degli Stati Uniti che progettano un false flag nucleare – 2006)
Io sono leggenda (benevolenza delle intenzioni scientifiche, legge marziale e vaccini come cura – 2007)

Qui altri esempi

In letteratura

1) 1984 è un romanzo distopico del 1948 scritto da George Orwell di una società governata da una dittatura oligarchica.

La provincia di Oceania (Vedi i territori delle Nazioni Unite per scoprire che questi termini vengono utlizzati attualmente nella realtà) fa parte di un mondo in guerra perpetua, sottoposto ad una vigilanza governativa stretta e l’incessante controllo mentale del pubblico. Oceania è retta da un partito politico chiamato semplicemente Il Partito. L’individuo è sempre subordinato allo Stato, ed è questa filosofia che in parte permette al partito di manipolare e controllare l’umanità. Nel Ministero della Verità, il protagonista Winston Smith, è un funzionario pubblico responsabile della promulgazione della propaganda del partito attraverso la revisione dei registri storici per rendere il partito onniscente e mai in errore, la delusione per la sua insignificante esistenza, però, lo porterà a ribellarsi al Grande Fratello.

2) Brave New World è il quinto romanzo di Aldous Huxley, scritto nel 1931 e pubblicato nel 1932. Ambientato a Londra nel 2540 (632 AF nel libro), il romanzo anticipa gli sviluppi della tecnologia riproduttiva e dell’apprendimento onirico che combinate assieme hanno cambiato la società. –

La stragrande maggioranza della popolazione è unificata sotto uno Stato mondiale, eternamente in pace, in cui i beni e le risorse sono abbondanti (perché la popolazione viene limitata a 2 miliardi) e tutti sono felici. La riproduzione naturale è stata abolita e i bambini vengono creati, ‘decantati’ e cresciuti in incubatrici e Centri di condizionamento, in cui sono divisi in cinque caste (che sono ulteriormente suddivise in membri ‘Plus’ e ‘Minus’) progettate per soddisfare predeterminate posizioni all’interno degli strati sociali ed economici dello Stato del Mondo.

Per mantenere la World State’s Command Economy per un tempo indeterminato, tutti i cittadini sono condizionati dalla nascita a valorizzare il consumo e le banalità come  “spendere è meglio che riparare”, vale a dire, acquista un nuovo bene al posto di riparare quello che hai già, in quanto il costante consumismo, e il lavoro che serve, in quasi tutti i campi, a soddisfare le necessità materiale delle persone, sono il fondamento della stabilità economica e sociale dello Stato del Mondo. Oltre a organizzare e suddividere il lavoro e creare delle distrazioni materiali, il bisogno di trascendenza, la solitudine e la comunione spirituale vengono affrontati distribuendo una potente droga chiamata Soma. Soma è un’allusione a una mitica bevanda omonima consumata dagli antichi indo-ariani. Nel libro, la soma è un allucinogeno che porta gli utenti in uno stato di felicità, una sbornia senza postumi continua, sviluppata dallo Stato Mondiale. Grazie ai continui miglioramenti la droga ha assunto il ruolo di una “automedicazione” contro lo stress della vita quotidiana, oltre che a seppellire qualsiasi tipo di religione.

E ‘interessante notare, riferendoci al sequel di Huxley, Brave New World Revisited – che il fratello di Adlous era Julian Huxley, il primo capo dell’Unesco una delle colonne portanti dell’UN. Aldous definì l’organizzazione, il reparto eugenetico del governo mondiale! – Il nonno di Aldous e Julian fu il padre del ‘darwinismo sociale’ – Adrian Desmond Huxley (chiamato anche il discepolo del diavolo, e sommo sacerdote dell’evoluzione!)

Aldous Huxley morì, per una coincidenza, il 22 novembre 1963 (giorno della morte di JFK) Per ovvie ragioni la morte è passata inosservata.

3) Opere generali di William S. Burroughs:

La maggior parte delle citazioni di questo scrittore fondatore della cultura beat hanno ora 40 – 50 anni d’età. Il nonno di William inventò la macchina per l’aggiunta e la famiglia ebbe accesso a molti insegnamenti delle elite

Qui ci sono alcune delle frasi più importanti di Burrough:

“Uno stato di polizia efficente non ha bisogno di polizia”.

“Dopo una sparatoria, hanno sempre voglia di requisire le armi a coloro che in realtà non hanno fatto nulla. Vi assicuro che non vorrei vivere in una società dove gli unici autorizzati ad avere delle pistole sono la polizia e l’esercito “.

“Tutto ciò che può essere fatto chimicamente può essere fatto con altri mezzi”.

“Gli artisti secondo la mia opinione sono i veri architetti del cambiamento, e non i legislatori politici che implementano il cambiamento dopo che è successo il fatto.”

“Lo scopo dell’educazione è la conoscenza, non dei fatti, ma dei valori”.

“Semplicemente non c’è spazio per la ‘libertà dalla tirannia del governo’ in quanto gli abitanti della città dipendono da esso per il cibo, l’energia, l’acqua, i trasporti, la protezione e il benessere.”

    “Il risultato finale della completa respirazione cellulare è il tumore. La democrazia è cancerogena, e i suoi uffici il cancro. Un dipartimento si radica in qualsiasi parte dello Stato, diventa maligno come nel caso dell’Ufficio Narcotici, e cresce e cresce, riproducendosi continuamente in forme simili, fino a che non soffoca l’ospite. I dipartimenti non possono vivere senza un ospite, essendo veri e propri organismi parassitari. (D’altro canto una cooperativa può vivere senza Stato. Questa è la strada da seguire. La costruzione di unità indipendenti per soddisfare le esigenze delle persone che partecipano al funzionamento della macchina. Un dipartimento opera su principi opposti inventando bisogni per giustificare la sua esistenza.) La burocrazia è sbagliata, allo stesso modo essa rappresenta un cancro, un allontanamento dalla direzione evolutiva umana di infinite potenzialità e differenti azioni spontanee in risposta al completo parassitismo del virus. (Si pensi che il virus è una degenerazione di una più complessa forma di vita. Un tempo potrebbe essere stato capace di vita indipendente. Ora è sceso nel confine tra vita e materia morta. Può esibire qualità vitali solo utilizzando la vita di un altro. Vi è stata una rinuncia alla vita stessa, una discesa verso l’inorganicità, all’inflessibilità costituita da una macchina, lascivamente verso la materia morta) I dipiartimenti muoiono quando la struttura dello Stato crolla. Sono indifesi e non idonei all’esistenza, come un virus che ha ucciso l’ospite “.

Che uno apprezzi Burroughs o meno, il suo lavoro, i suoi libri e l’immagine pubblica, e tutto ciò che i suoi messaggi hanno espresso con mezzi così diversi, se si legge la sua opera e si comprende il suo punto di vista non è difficile giungere alla conclusione che S William . Burroughs sapeva cose che la maggior parte degli altri esseri umani ignoravano, era a conoscenza dei pattern ripetitivi dietro alla natura e ai cambiamenti umani, precursore di un futuro per lui abbastanza remoto, ma che noi stiamo vivendo attualmente. Quello che venne considerato (e probabilmente lo è ancora) come paranoico, misantropo, inverosimile e profondamente deprimente può ora essere visto come lungimirante, visionario e scomodo. Le sue convinzioni sulla psicologia di gruppo/massa, sull’insidia dei mass media, sui terrori della tecnologia priva di etica, e sulla distruzione del mondo naturale e delle popolazioni indigene che ci vivono su qualsiasi considerazione fatta sulla scienza, sulla medicina, sulla psicologia, sulla letteratura , sulla storia, sulle interfacce uomo / macchina e sulla natura umana hanno spesso dimostrato di essere dolorosamente vere.

L’altra faccia della medaglia può essere chiamata: Programmazione di conferma – che invece di predire gli eventi, li conferma.

Il miglior esempio di questo tipo di programmazione potrebbe essere ‘Long Kiss Goodnight’ – nel quale il cattivo giustifica il bombardamento del World Trade Center nel 93, accusando i musulmani, per ottenere finanziamenti per future operazioni. Questo film è stato realizzato pochi anni dopo l’evento reale, che fù effettivamente un’operazione dell’Fbi andata male

Fonte

11 Settembre ritrovato esplosivo nelle torri, ora è ufficiale

Ora è ufficiale. Tracce di esplosivi di nano-termite sono stati raccolti dai detriti del WTC poco dopo il loro crollo dell’11/9/2001. Alla Brigham Young University, il professore di fisica, il dottor Steven Jones, ha fatto la scoperta dell’esplosivo insieme ad un team internazionale di nove scienziati.
Grazie quindi alle prove di laboratorio più estese, gli scienziati hanno concluso che i campioni analizzati, hanno mostrato che si tratta di esplosivi nano-termite, generalmente usati per scopi militari.
Dopo un rigoroso processo di peer-review, il loro documento è stato pubblicato nella Bentham Chemical Physics Journal, una delle riviste più accreditate negli USA e che ha approvato alcuni Premi Nobel, essendo rispettata all’interno della comunità scientifica. Primo autore dello studio è Dr. Niels Harrit di 37 anni, professore di chimica all’Università di Copenaghen in Danimarca e un esperto di nano-chimica, che dice: “Il conto ufficiale messo avanti dal NIST viola le leggi fondamentali della fisica.”
Il Governo ora sa delle prove che confermano la presenza di Esplosivo Nano-Termite, utilizzati per far cadere tutte le Torri del WTC l’11 / 9.

Fonte

Gli esperti dell’ONU si discostano dalla versione ufficiale dell’11 settembre

NAZIONI UNITE – Gli Stati Uniti Martedì hanno chiesto il licenziamento di un esperto per i diritti umani delle Nazioni Unite per i commenti “negativi”, riguardo la questione 11 settembre, secondo lui essa sarebbe frutto di un complotto e non l’attentato di terroristi appartenenti ad una fantomatica associazione.
Il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon ha condannato i commenti di Richard Falk, relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani nei territori palestinesi, come “un affronto” alle vittime degli attacchi “terroristici” di Al Qaeda a New York e Washington.
L’ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, Susan Rice, ha giudicato il punto di vista di Falk  “spregevole e profondamente offensivo” (Mi ricorda qualche politico italiano che chiama in trasmissioni tv) dicendo di aver richiesto il suo licenziamento.
Falk ha scritto nel suo blog personale, l’11 gennaio, che ci sono “vuoti goffi e contraddizioni nelle spiegazioni ufficiali” portate per giustificare gli attacchi dei jet dirottati che si schiantarono contro il World Trade Center a New York e contro il Pentagono a Washington.
Sostiene che ci sia stata “un’apparente cover-up” da parte del governo degli Stati Uniti sulla sua reale conoscenza degli attacchi orditi da Bin Laden.
Falk continua dicendo che i media statunitensi “non sono stati disposti a riconoscere i dubbi ben evidenziati nella versione ufficiale degli eventi: Un’operazione di Al-Qaeda di cui l’intelligence Usa non era a conoscenza”

Chi è il vero terrorista?

L’ambasciatrice statunitense dice di essere “scioccata” e vuole unirsi ad altri colleghi per licenziare Falk.
“Il signor Falk approva le storielle dei teorici del complotto che sostengono che gli attacchi terroristici dell 11 Settembre 2001, siano stati perpetrati e quindi coperti dal governo Usa e dai media”, ha detto in un comunicato.

“I commenti del signor Falk sono spregevoli e profondamente offensivi, e li condanno in maniera assoluta. Sono portavoce di una grande protesta a nome degli Stati Uniti”.
“A mio parere, l’ultimo commento del signor Falk è stato talmente nocivo che dovrebbe essere finalmente chiaro a tutti che non è più adeguato a ricoprire il posto che occupa alle Nazioni Unite”, ha detto la Rice.
“Gli Stati Uniti sono profondamente impegnati nella causa dei diritti umani e riteniamo che questo impegno sarà tanto più efficace se il signor Falk si farà da parte assieme al baldacchino di insensatezze che ha deciso di creare.”

I funzionari delle Nazioni Unite ha detto che Falk non è stato richiamato da Ban, ma dalla sede di Ginevra del consiglio sui diritti umani delle Nazioni Unite. Il Consiglio deciderà il futuro di Falk.
Parlando a Ginevra, il leader delle Nazioni Unite ha espresso lo shock per i commenti di Falk.
“Voglio dirvi chiaramente e direttamente che condanno questo tipo di retorica incendiaria…E ‘assurdo…Un affronto alla memoria delle oltre 3.000 persone che morirono in quel tragico attentato,” ha detto Ban.

“Vorrei far notare che Stati Uniti e molti altri diplomatici sono usciti dall’aula in segno di protesta, nel settembre 2010 quando il presidente iraniano, Ahmadinejad, fece osservazioni simili davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.”
Il leader iraniano mise in dubbio le cause degli attentati dell’11 settembre, nel suo discorso all’Assemblea Generale lo scorso anno.

Come gli Usa si sono inventati Al-Qaeda

Al Qaeda fù creata dagli Stati Uniti, in particolare fù un prodotto della destra conservatrice americana. Se ‘al Qaeda’ non è mai esistita, poco importa, la si inventa e la si chiama in causa per giustificare le guerre all’estero e il giro di vite sulle libertà personali!
Chi la ha creata la ha fatta esistere virtualmente attraverso la stampa i comunicati stampa, la propaganda e le bugie intenzionali
che hanno tentato di abbindolare il pubblico americano!

Bin Laden dovrebbe pagare un canone alla destra conservatrice degli Stati Uniti poichè egli è stato beneficiario di una celebrità improvvisa,è stato elevato ad arci nemico degli Stati Uniti! La sua persona è falsamente caratterizzata dal ‘mega-terrorista’ ideatore di una sinistra Organizzazione terroristica che assomiglia ad una piovra con tentacoli in ogni attacco terroristico reale o fittizio. Non si era mai visto nulla di simile, per lo meno da quando Bond aveva combattuto SPECTRE, un’organizzazione terroristica malvagia,specializzata nel terrorismo e nell’estorsione. La parte di Blofeld è interpretata da Bin Laden.

E’ tutta una bufala!

E ‘stata la CIA a creare quell’immagine di Bin Laden che lo vede come sinistro terrorista, che comanda una rete capillare in tutto il mondo dalle profondità di una grotta a Tora Bora. Una fiction scarsa. Molti produttori di Hollywood avrebbero riso dai loro uffici sentendo una trama del genere! Sembra la brutta copia di Ali baba e i 40 ladroni. L’immediata accettazione della teoria ufficiale di Bush dimostra lo scarso QI di coloro che insistono nel crederci. La consolazione è questa: la CIA non ha alcun futuro a Hollywood!
Una ciofeca di b-movie!
Secondo la versione ufficiale della menzogna (caritatevolmente: del ‘mito’) la storia fù questa: la CIA e l’Arabia Saudita finanziarono ed armarono Bin Laden per tutti gli anni 80. La sua missione? impossibile: scatenare la jihad contro l’occupazione russa dell’Afghanistan. In effetti, Bin Laden stava lavorando per la CIA.
Semplicemente-Al-Qaeda significa “la base”, in questo caso- il database dei computer contenenti i dati di migliaia di mujaheddin addestrati e reclutati dalla CIA. La missione: sconfiggere i russi. Questa è roba da James Bond durante la guerra fredda solamente scritta male. La vita, a volte, imita i film di spionaggio.
Il problema è emerso nel corso del tempo: Washington non sapeva cosa fare con questo ‘database’,questo network ormai obsoleto, dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica. Bin Laden fù solo il capro espiatorio ideale per un lavoro interno che sarebbe diventato il pretesto, l’uomo nero, citato per giustificare una guerra per le risorse petrolifere nell’Iraq e per il papavero (oppio) in Afghanistan.
L’inventore del nome ‘al Qaeda’ è Sir Robin Cook, l’ex ministro degli Esteri britannico. Cook si dimise dal suo lavoro, per evitare possibili scandali.

L’edificio 7 una prova schiacciante per il caso 11 settembre

Le fiamme non erano abbastanza forti per far crollare l’edificio numero 7

Poco prima delle 5 del pomeriggio dell’11 settembre 2001, la reporter della BBC World, Jane Standley disse al pubblico televisivo che l’edificio numero 7 del World Trade Center era appena crollato, il terzo a cadere quel giorno a causa di “presunti” attacchi terroristici.

Il problema fù che la torre di 47 piani era ancora ben visibile sopra la spalla sinistra della giornalista durante l’intero servizio dal vivo. Circa 23 minuti dopo questo “errore” l’edificio crollò effettivamente. Come faceva la BBC a sapere che tutto ciò sarebbe successo? Da dove proviene il rapporto che indicava la prematura caduta dell’edificio?

Mentre la BBC affermò che si trattasse solo di un errore, gli stessi, non hanno fatto alcuno sforzo per fornire al pubblico la fonte delle loro informazioni (Standley dice di non ricordare cosa disse in camera durante il servizio). E ‘anche interessante notare che la diretta di Standley si interruppe circa alle 5:14, togliendo agli spettatori la prova visiva del crollo in diretta (e ovviamente salvare la faccia).La BBC dice di non essere più in possesso dei nastri originali dell’11 settembre.

Incredibilmente, questo non è l’unico esempio di una emittente che informa del crollo quando in realtà non è ancora avvenuto. Una giornalista donna della ITN disse che la seconda torre cadeva a pezzi e che “era quasi collassata” quando chiaramente era ancora in piedi. Successivamente un collega di sesso maschile disse che c’erano “crolli” nella 2a torre quando invece non ce ne erano stati. Non ancora.

Fox News ha anche riferito alcuni minuti prima del collasso:

“… Stiamo ricevendo informazioni da New York che dicono che un altro edificio è crollato e da quanto ci risulta aveva 47 piani … quello è il fumo che proviene dal terzo crollo? Date un’occhiata alla parte destra dello schermo. Sta andando giù adesso. “

Se si ascoltano le testimonianze dei molti che erano presenti durante la scena, si può scoprire che i giornalisti inglesi non erano gli unici a sapere in anticipo del crollo. I filmati delle News mostrano un poliziotto di New York che si sbraccia per allontanare le persone dal palazzo, dicendo loro: “. State attenti, l’edificio crollerà a momenti”. L’ex medico dell’aviazione Kevin McPadden riferì di aver sentito gli ultimi tre secondi di un conto alla rovescia da una radio tenuta da un operatore della Croce Rossa, che si concluse con il crollo dell’edificio. Questo episodio non è stato confermato da altre fonti.

Ancora più bizzarra fù la dichiarazione di Larry Silverstein, che acquistò il contratto di locazione per il World Trade Center, incluso l’edificio 7, un paio di mesi prima. Silverstein guadagnò miliardi di dollari dopo aver ricevuto l’assicurazione per i danni al World Trade Center.

Silverstein, in un’intervista televisiva con PBS, disse:

“Mi ricordo di avere ricevuto una chiamata dal comandante dei vigili del fuoco che mi disse che non erano sicuri di domare l’incendio. Dissi: ‘Abbiamo avuto terribile perdita di vite, la cosa più intelligente da fare sarebbe quella di demolirlo. Presero la decisione, e poi abbiamo assistito al crollo dell’edificio “.

Sembra evidente che Silverstein stesse dicendo che era stata presa una decisione per far crollare le torri gemelle attraverso una demolizione controllata. Ma come potrebbe essere inserito questo fatto nello scenario di un attacco terroristico? Sarebbero occorse certamente delle settimane per piazzare dell’esplosivo in tutto il palazzo. Non è qualcosa che si possa fare in un giorno.

Se gli esplosivi sono stati collocati nell’edificio 7 prima degli attentati, potrebbero essere stati collocati anche nelle torri gemelle?

Silverstein fa poi marcia indietro, dicendo di non riferirsi all’edificio bensì al fatto di tirare fuori la squadra di vigili del fuoco all’interno del palazzo. Bel tentativo. A tutti i vigili del fuoco era stato ordinato di uscire dall’edificio alcune ore prima. Avendo fatto demolire parecchi edifici prima dell’11 settembre, Silverstein era ben consapevole del significato di “pull it” nel gergo del settore.

Perchè l’edificio 7 è sempre rimasto in sordina negli eventi dell’11 settembre riportati dai maggiori media?

Consideriamo inoltre una dichiarazione fatta dal reporter di Fox News Jeff Scott Shapiro (che gestisce un sito web che loda George W. Bush). Sostiene che non vi è alcuna cospirazioni governativa dietro gli attentati, ma finisce solo col gettare ancora più benzina sul fuoco. Ecco quello che ha detto:

“Poco prima che l’edificio crollasse, alcuni ufficiali del NYPD e dei lavoratori Con-Edison mi dissero che Larry Silverstein, il promotore del One World Financial Center è stato al telefono con la sua compagnia assicurativa per vedere se fosse possibile ottenere l’autorizzazione per la demolizione dell’edificio – poichè era instabile fin dalla sua edificazione. Una demolizione controllata avrebbe minimizzato i danni causati dal crollo imminente dell’edificio e avrebbe potenzialmente salvato molte vite umane. Parecchio personale delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco e altri giornalisti erano al corrente che questa opzione era una possibilità. Non c’era nessun segreto. Non c’era alcuna cospirazione. “

Shapiro disse di non aver sentito alcun rumore di esplosioni prima della caduta dell’edificio, il che sembra andare contro la teoria della demolizione controllata. Ma ciò che sentì dalla polizia fù che probabilmente era stato fatto cadere intenzionalmente. Shapiro non sembra cogliere la contraddizione. Non sembra neanche rendersi conto che non si può organizzare una demolizione controllata in 2 ore.

Se avete dubbi nel credere che le Torri Gemelle furono abbattute in una demolizione controllata, provate a guardare l’edificio 7. Osservate tutti gli aspetti improbabili della distruzione di questo edificio con telaio in acciaio. Tutta la storia sull’11 settembre è piena di enormi lacune.

Di tutti gli edifici del World Trade Center, il numero 7 ha ricevuto il minor danno – Ci sono stati incendi su pochi piani e lievi danni strutturali alla facciata provocati dalla caduta di detriti. Ma non ci fù nulla che potesse causarne il crollo a velocità di caduta libera. Anche il National Institute of Standards and Technology (NIST), che supporta la versione ufficiale su tutta la linea, ammette che la caduta di detriti non ha svolto alcun ruolo nel crollo dell’Edificio 7.

Tra l’altro, la prima parte della costruzione che è iniziata a cadere è stata l’attico sul tetto. Crolla nonostante non fosse stato danneggiato da detriti e non fosse incendiato.

A proposito, il fuoco – anche se fù provocato dall’esplosione del carburante all’interno degli aerei – non brucia ad una temperatura abbastanza alta da fondere l’acciaio. Sono moltissime le costruzioni in acciaio che hanno subito gravi e prolungati danni da incendi senza crollare. In effetti, solo tre edifici in acciaio sono crollati a causa del fuoco – tutti l’11 settembre 2001.

Ah, per finire: la distruzione del l’edificio 7 non fu nemmeno menzionata nel testo ufficiale del 9 / 11 Commission Report!

La rovinosa caduta del Debunker: Paolo Attivissimo

In questo video viene analizzato nel dettaglio il metodo del debunking, prendendo spunto dal confronto sull’11 settembre avvenuto il mese scorso fra Tom Bosco e Paolo Attivissimo.

Video (ARCOIRIS.TV) (Megavideo)(Megaupload)

La prima parte potrà forse risultare meno interessante per chi già conosce bene l’argomento, ma bisogna ricordare che questo tipo di documenti viene fatto soprattutto per chi ancora la materia non la conosce a fondo. E’ soprattutto importante imparare a distinguere nettamente il modo di ragionare dello scettico, che procede dai fatti alle conclusioni (pensiero critico, o analitico), e quello del debunker, che parte invece da una conclusione obbligata, e poi cerca di adeguare i fatti a tale conclusione (pensiero dogmatico).
Ci si augura quindi che l’utente di luogocomune voglia considerarlo anche come un eventuale strumento …

… da diffondere fra coloro che si avvicinano per la prima volta ad un argomento delicato come quello dell’undici settembre, fornendogli gli strumenti necessari per distinguere al meglio i diversi metodi di approccio fra i sostenitori delle due posizioni.

Massimo Mazzucco

Questo è il riassunto delle affermazioni fatte da Attivissimo nel confronto con Tom Bosco, che sono state riprese e commentate in questo filmato.

PRIMA PARTE:

P.A.: E’ la prima volta in 9 anni che qualcuno accetta il confronto sul 9/11.

Smentito, e dimostrato che è stato lui a sfuggire al confronto.

P.A.: I “fatti” da cui partire sono i rapporti tecnici sugli eventi dell’11 settembre.

Ragionamento ingannevole (fallacia della “Petitio Principii”).

SECONDA PARTE:

P.A.: L’aereo è scuro perchè è in controluce.

Attivissimo ha poi corretto questo errore, commettendone un altro peggiore (l’aereo è scuro – ha detto – perchè sta all’ombra delle Torri).

P.A.: Superate le temperature che si possono verificare in un incendio domestico, l’acciao si ammorbidisce, si flette, supera la capacità di carico, e la struttura che c’è sopra viene giù.

Attivissimo non cita un singola fonte a sostegno di questa bizzarra affermazione.

P.A.: Esempi di quanto sopra sono la Windsor Tower di Madrid, il McCormick Center e il Sight&Sound theatre.

La Windsor Tower è rimasta sostanzialmente in piedi, gli altri due erano semplici capannoni ad un piano, di cui è crollato solo il tetto.

P.A.: Nelle strutture esclusivamente in acciaio mancano degli elementi portanti in cemento armato che possano resistere al caldo. E’ per questo che non si fanno più strutture di questo tipo.

In America si sono sempre costruiti grattacieli in acciaio, e si continua a farlo a tutt’oggi. La loro sicurezza nel caso di incendio è confermata dallo stesso Shyam Sunder del NIST, che smentisce quindi Attivissimo in modo diretto.

P.A.: Il Pirellone non è crollato perchè la struttura era in cemento armato (e non in semplice acciaio).

No comment.

P.A.: In un normale incendio domestico si sviluppano temperature chiaramente sufficienti a consentire un cedimento dell’acciaio.

Attivissimo non cita un singola fonte a sostegno di questa curiosa affermazione.

[bNessuna demolizione controllata curva le pareti prima di far esplodere il palazzo.[/b]

Attivissimo “si dimentica” di dire che le Torri Gemelle erano l’unico grattacielo al mondo con la struttura esterna portante. L’esempio quindi non solo non è valido, ma è del tutto fuorviante.

P.A.: Bin Laden è poco riconoscibile a causa della conversione NTSC-PAL.

No comment.

TERZA PARTE:

P.A.: Un pezzo di struttura centrale è rimasto in piedi per circa 10 secondi, quindi non è possibile che le Torri Gemelle siano state minate.

Classico esempio di “eccezione che annulla la regola”.

P.A.: Il progetto più grande che ha realizzato Richard Gage è una palestra.

A) Smentito dalla biografia di Gage. B) Classica fallacia di “attacco ad personam”.

P.A.: Tutti i 1200 ingegneri e architetti iscritti all’associazione di Gage sono costruttori di palestre.

Menzogna clamorosa.

P.A.: Secondo le analisi sismiche, i crolli delle Torri Gemelle sono di almeno 16 secondi.

Smentito dalle analisi sismiche tratte dagli stessi rapporti tecnici citati da Attivissimo.

P.A.: Il “boato” di sedici secondi chiude la questione della caduta libera delle Torri Gemelle.

Smentito, anzi dimostrato il contrario: il rapporto NIST riconosce una parziale caduta libera del WTC7.

P.A.: Poichè il pezzo di struttura che cade sta più in basso del fronte di crollo, significa che sta cadendo più velocemente.

Ragionamento scorretto, smentito da esempio foto F1.

P.A.: I tagli in diagonale sui piloni portanti [che mostrano i segni dell’inserimento delle cariche cave] sono stati effettuati dai pompieri dopo il crollo.

Affermazione non confermata dal maggiore esperto italiano in demolizioni controllate, che anzi nota le curiose somiglianze con l’applicazione di esplosivi ai piloni di supporto.

P.A.: Quando si fanno le demolizioni controllate si tolgono le finestre, per evitare di uccidere i passanti con i frammenti di vetro dovuti alle esplosioni.

Smentito (oltre che dal buon senso) da diversi filmati in cui si vede che ciò non è vero .

P.A.: Le vere domande serie sull’11 settembre sono quelle poste dai parenti delle vittime.

Alle quali mancano però sempre le risposte. Esempio di tentativo di spostamento dell’attenzione.

P.A.: L’orario degli attentati è stato scelto (anche) per coincidere con il telegiornale di Ryad delle 6 di sera.

No comment.

P.A.: Il carico dinamico (esempio cassetta di birra) spiega il crollo della parte superiore delle torri.

Ma non quello del resto della struttura. Il problema rimane, ma Attivissimo lo ignora.

QUARTA PARTE:

P.A.: Come si sarebbero putute minare le Torri gemelle, con tutto quel via vai di gente?

La risposta esiste almeno dal 2006, ma Attivissimo continua a dimenticarla.

P.A.: Il cospirazionismo continua a ripetere le stesse domande, ma non ascolta le risposte.

Smentito, e dimostrato l’esatto contrario dall’esempio di cui sopra.

P.A.: Il “meteorite” è semplice cemento pressato.

Affermazione smentita da diversi filmati, oltre che dall’evidenza fotografica.

P.A.: Decidere che l’undici settembre sia stato un complotto oppure no, non cambia niente.

Beato chi ci crede.

P.A.: Quello del PNAC sulla “nuova Pearl Harbor” era solo un documento tecnico.

Smentito nero su bianco da un estratto di “Il Nuovo Secolo Americano”.

P.A.: I neocons non ci sono più, si sono sciolti come neve al sole. Non hanno più nemmeno il sito.

Piangiamo per loro.

P.A.: Le vere zone grigie dell’undici settembre sono i dati scomparsi dei dischi rigidi e le lezioni da imparare sulla costruzione dei grattacieli.

Nuovo esempio di spostamento dell’attenzione, dal vero problema ad uno del tutto ininfluente.

P.A.: La manovra del Pentagono sembra difficile perchè Mazzucco ha accelerato il filmato.

Accusa diffamante (oltre che ridicola) ripetuta all’infinito, senza mai citare la risposta che ho già dato più di una volta.

P.A.: Sono 9 anni che si discute di 11 settembre, e il dibattito non fa un solo passo in avanti.

Trovate e dimostrate le vere cause di questo stallo: se vuole continuare a difendere la versione ufficiale, Attivissimo risponda alle famose “12 domande”, e il dibattito sarà concluso.

Fonte

Nessuna prova del coinvolgimento di Musulmani nell'(auto) attentato dell’11 settembre

IERI E’ STATO CHIESTO AI VETERANI DI PUBBLICARE LA SEGUENTE DICHIARAZIONE:

A. Sulla base dello studio “No evidence that Muslims hijacked planes on 9/11″ di Elias Davidsson (2008), che abbiamo esaminato con cura, e di altri studi analoghi, noi sottoscritti siamo ora convinti che le autorità statunitensi NON HANNO DIMOSTRATO [al di là di ogni ragionevole dubbio ]che la loro versione sull’11 settembre sia vera in particolare il punto in cui si accusano gli arabi/musulmani.

Se viene a mancare l’antagonista creato apposta, viene a decadere anche il tanto temuto Bin Laden, che dalle sue caverne è riuscito ad organizzare un attentato del genere e soprattutto a farla franca per quasi 10 anni (adesso è sciallo in Pakistan dicono…mah)!

B. La presunzione di innocenza, come principio civile, è sancito dall’articolo 11 (1) della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, secondo il quale, ogni persona “accusata di un reato ha il diritto di essere reputata innocente fino a prova contraria secondo la legge (…) “Questa presunzione di innocenza è stata applicata in modo da proteggere coloro già formalmente accusati di reato, mentre evidentemente le persone a cui è stata applicata non hanno commesso alcun reato.

C. Sulla base di quanto precede, consideriamo la pubblicazione e la diffusione delle accuse che i musulmani abbiano commesso l’attentato dell’ 11 settembre, come una forma grave e ingiustificabile di assassinio alla reputazione di questi popoli. Una tale affermazione viola il principio della presunzione di innocenza. Essa viola anche gli articoli 1, 3, 5 e 8 della Declaration of Principles on the Conduct of Journalists of the International Federation of Journalists, il Code of Ethics of the Society of Professional Journalists, la Statement of Principles of the American Society of Newspaper Editors (ASNE),Resolution 1003 on the ethics of journalism, adottata dal Consiglio Europeo nel 1993.

Si invitano quindi i giornalisti ad astenersi d’ora in poi nell’attribuire, direttamente o indirettamente,la colpa dell’attentato dell’11 settembre ai musulmani o a qualsiasi organizzazione araba; di rendere noto il fatto che gli Stati Uniti abbiano tenuto nascosto il fatto di non aver prodotto alcuna prova che accusasse organizzazioni mussulmane; e di pubblicare le scuse per le famiglie diffamate, senza fondamento, per l’omicidio di massa dell’11 settembre.

PRIMI FIRMATARI:

  • Dr. Kevin Barrett, Arabic-Islamic Studies; author, radio host. USA. See also http://en.wikipedia.org/wiki/Kevin_Barrett
  • Hartmut Barth-Engelbart, Author, Musician, Cabarttist, Gruendau/Hanau, Germany
  • Dr. med. Eric Beeth, Brussels, Belgium
  • James R. Carr, Professor, Geological Sciences and Engineering, University of Nevada, Reno, Nevada U.S.A.
  • John B. Cobb, Jr. Prof. Emeritus, Claremont School of Theology. See: http://en.wikipedia.org/wiki/John_B._Cobb
  • Bernd Juergen Dröge, Psychological Counselor, Muenster, Germany
  • Prof. James Fetzer, USA. (See also: http://en.wikipedia.org/wiki/James_Henry_Fetzer)
  • Anneliese Fikentscher, Arbeiterfotografie, Köln, Germany, www.arbeiterfotografie.com
  • Dr. Freddy Gardiol, Honorary Professor (ret.), Swiss Federal Institute of Technology (EPFL), Lausanne, Switzerland. Founder and former Director of the Laboratory of Electromagnetism and Acoustics at EPFL. Life Fellow of the Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE).
  • Reinhard Gebhart, Author, Germany
  • Dr. David L Griscom, Research Physicist (ret.), Naval Research Laboratory, Washington, D.C. USA
  • Jean-Luc Guilmot, Bio-Engineer, MBA, Belgium. Editor of http://vigli.org
  • Dr. Niels Harrit, Associate Professor, Dept. of Chemistry, U. of Copenhagen, Denmark
  • Klaus Hartmann, Chairman, German Federation of Freethinkers, Germany
  • Sander Hicks, media activist, community organizer and journalist, USA, http://www.sanderhicks.com/
  • Folker Hoffmann, Borås, Sweden, http://principiis-obsta.blogspot.com/
  • Carol Holland, NY 911 Truth Activist
  • Ingar Holst, Department of Semantics, The Ahlefeldt-Holst Center, USA
  • Prof. Steven Jones, American physicist. See http://en.wikipedia.org/wiki/Steven_E._Jones
  • Claudia Karas, Palästina-Forum Nahost, Frankfurt, Germany
  • Yakup Kilic, Musician, Berlin, Germany
  • Hans-Peter Koehn, Social Manager, Germany
  • Dr. Pétur Knútsson (ret.), University of Iceland, Reykjavik, Iceland
  • Anthony Lawson, international prize-winning commercials director, cameraman, film and video editor, Thailand
  • Gérard Lazare, Vidéaste indépendant, Viry-Chatillon, France
  • Prof. Dr. David MacGregor, Canada (See also: http://publish.uwo.ca/~mcgregor/publications.html)
  • Dr. Graeme MacQueen, (ret.), McMaster University, Canada
  • Vincent Moreau, Video editor, France
  • Rowland Morgan, co-author of “9/11 Revealed” (London & NY, 2005), author of “Flight 93 Revealed” (London & NY, 2006), and of VOICES (internet publication 2009), Great-Britain
  • Andreas Neumann, Arbeiterfotografie, Köln Germany
  • Klaus von Raussendorff, Author, Germany
  • Vincent Robeyns, enseignant et militant pour la vérité, Liège, Belgique
  • Dr. Erik A. Röyrvik, Research Fellow, Norway
  • Kevin Ryan, former Site Manager for Underwriters Laboratories, USA
  • Dr. med. Pascal Sacré, Bruxelles, Belgique
  • Dr. Peter Dale Scott, Professor Emeritus of English, University of California, Berkeley, http://www.peterdalescott.net
  • John Spritzler, Sc.D., author of The People as Enemy: The Leaders’ Hidden Agenda in World War II, co-editor of www.NewDemocracyWorld.org, and author or co-author of numerous articles about HIV infection in medical journals, USA
  • Thomas Immanuel Steinberg, Steinberg Research, Hamburg, Germany, www.SteinbergRecherche.com
  • Catherine Thirion, Ingénieure, militante pour la vérité, Pessac, France
  • Willi Uebelherr, IT engineer, Halle, Germany
  • Rémi Vandangeon, St. Baudel, France
  • Alfred Vestring, Former Ambassador, Bonn, Germany
  • Dr. med. Jens Wagner, member of the Association of Physicians Against Nuclear Arms, Stade, Germany
    Gerhard Wisnewski, Journalist, Author, Munich, Germany. See http://de.wikipedia.org/wiki/Gerhard_Wisnewski (in German)
  • Wojna, Musician, Die Bandbreite, Germany
  • Sami Yildirim, physicist, Germany
  • Barrie Zwicker, Media critic and author, Canada

11 Settembre 2001: Le connessioni nascoste

La seguente è una compilation di rapporti di ricerca e di indagini disponibili sul web e nei media convenzionali.(Vedi anche Paul Thompson, The Terror Timeline, 2004) Molte delle seguenti sono indizi, che raramente sono stati divulgati e soprattutto collegati:

– Il World Trade Centernecessitava di riparazioni dal 1980, una cosa come 200 milioni di dollari in ristrutturazioni e miglioramenti, soprattutto necessari alla rimozione e / o sostituzione di materiali da costruzione dichiarati rischiosi per la salute dopo che le torri vennero costruite. Il WTC è stato etichettato una “bomba di amianto”. In effetti, il WTC veniva valutato un “dinosauro”, e più volte si è cercato di ottenere i permessi per demolire gli edifici, per motivi di pericolosità. La proposta fù respinta. Il problema amianto non era un segreto. La sola ragione per cui il complesso era ancora in piedi l’11/9/2001 fù per il costo che occorreva a demolire le torri piano per piano. Fonte

– Larry Silverstein, un magnate di proprietà di New York ha firmato un contratto di 99 anni per l’intero complesso del WTC solo 6 mesi prima dell’attaco dell’11 settembre. Quella era la prima volta nei suoi 33 anni di vita, che il complesso cambiava di proprietà. Mr. Silverstein, che doveva essere a conoscenza del problema amianto, effettuò un acconto di 124 milioni dollari su questo complesso da 3,2 miliardi dollari, assicurandolo prontamente per 3,6 miliardi di dollari. L’assicurazione copriva anche da eventuali “attacchi terroristici”. Nel contratto di Mr. Silverstein è stato anche specificamente concesso il diritto di ricostruire le strutture, se fossero state distrutte.Il primo ordine di Mr. Silverstein come nuovo proprietario fù quello di cambiare la società responsabile della sicurezza del complesso. La nuova società di sicurezza assunta era la Securacom (ora Stratasec). Il fratello di George W. Bush, Marvin Bush, era nel suo consiglio di amministrazione, e il cugino di Marvin, Wirt Walker III, è stato suo CEO. Secondo i registri pubblici, non solo la Securacom fornì i dispositivi elettronici per il World Trade Center, ma era anche responsabile della sicurezza al Dulles International Airport e al United Airlines – entrambi coinvolti nel disastro dell’11 settembre. A seguito degli attacchi, il signor Silverstein presentò due richieste di assicurazione per l’importo massimo concesso dalla polizza (7.2 miliardi di dollari), a causa dei due – a parere di Mr. Silverstein – attacchi separati che colpirono le torri gemelle. La compagnia assicurativa Swiss Re, pagò a Mr. Silverstein 4,6 miliardi di dollari, cifra principesca a confronto dei 124 milioni di dollari di investimento. Per inciso, vale la pena notare che uno dei più stretti amici di Mr. Silverstein, una persona con la quale parla ogni giorno al telefono, non è altro che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Signor Netanyahu, che nel 1986 coniò la frase “guerra al terrorismo”…Fonte

– Tornando indietro al mese di ottobre 2000, circa 11 mesi prima del 11 settembre 2001, un ex membro della Difesa israeliano e veterano della guerra del Yom Kippur del 1973  ascoltò una conversazione in ebraico nel New Jersey, “Gli americani impareranno che cosa significa vivere con i terroristi dopo che gli aerei colpiranno le torri gemelle nel mese di settembre … Gli arabi sono così stupidi. Non immaginano nemmeno che li stiamo usando. ” Fonte

– L’11 settembre 2001 almeno due dipendenti Israeliani del servizio di messaggistica istantanea Odigo ricevettero avvertimenti di un imminente attacco a New York più di due ore prima che il primo aereo colpisse gli edifici. Odigo aveva il suo quartier generale negli USA a due isolati dal World Trade Center. I dipendenti della Odigo, tuttavia, non trasmisero l’avvertimento alle autorità di New York City. (Washington Post, 27/9/01). La Odigo, come molte società di software israeliane, si basa e ha il suo centro di Ricerca e di Sviluppo a Herzliya, la cittadina a nord di Tel Aviv, che risulta essere la sede del Mossad, il servizio di Intelligence Israeliano.

– Sempre l’11/09/2001 cinque “uomini del Medio Oriente”, sono stati arrestati nel New Jersey dall’FBI dopo che furono trovati a festeggiare il crollo del WTC. “Sembrava che sapessero quello che stava per accadere.” (Bergen Record,12/09/01) Si è poi confermato che i cinque uomini arrestati erano in realtà agenti dell’intelligence militare israeliana, cioè del Mossad. In una società di trasporti chiamata Urban Moving Systems, un dipendente riferì che la maggior parte dei suoi collaboratori erano israeliani ed erano felici il giorno dell’attentato. Le parole del dipendente: ‘Io ero in lacrime, e questi ragazzi ci scherzavano sopra, e ciò mi dava fastidio.’ I colleghi Israeliani sembravano voler dire: “Ora l’America sa che quello che facciamo.” Fonte

Dominic Suter, il proprietario israeliano di Urban Moving Systems, fuggì in fretta dopo l’attentato dell’11/9/2001, o gli è stato permesso di farlo, in Israele prima che gli agenti dell’FBI potessero interrogarlo. (Forward, 15/03/02)

I cinque israeliani arrestati furono rilasciati dopo aver trascorso 71 giorni sotto custodia. Il procuratore generale incaricato delle indagini penali, al tempo era Michael Chertoff, l’attuale capo del Dipartimento della Homeland Security. Chertoff, figlio di alcuni dei primi agenti del Mossad israeliano, facilitò l’insabbiamento delle prove sull’11 settembre, si pensa possieda la doppia nazionalità. Fonte

Uno degli agenti israeliani rilasciato disse alla radio israeliana che era stato inviato per documentare “l’evento” …
(ABC News, 1/06/02)

– Carl Cameron della Fox News, scrisse una relazione dettagliata in 4 parti sulla Urban Moving Systems e sui cinque israeliani. Mentre non è più disponibile presso il sito della Fox, è stato salvato in vari archivi sul web. Fonte

Gli fù riferito da un anonimo funzionario degli Stati Uniti che “le prove che collegano questi israeliani all’ 11 settembre sono classificate. Non posso parlarti delle prove raccolte. Sono informazioni classificate”.

– Il senatore Bob Graham (D-FL) dichiarò: “Penso che ci siano prove molto convincenti che almeno alcuni dei terroristi sono stati assistiti e non solo nel finanziamento,tutto ciò diverrà pubblico ad un certo punto quando verrano svuotati gli archivi fra 20 – 30 anni. ”
Fonte

– Gli investigatori all’interno della DEA, dell’ FBI e dell’INS hanno detto a quelli di Fox News che, perseguire o anche suggerire che vi sia stato dello spionaggio israeliano … è considerato un suicidio per la carriera ‘… (Fox News, 12/12/01)

– Un altro funzionario dell’FBI ha detto a Cameron: “Pur essendo d’accordo con te, non posso dire nulla sugli interessi geopolitici degli Stati Uniti con Israele, se lo facessi potrei anche dire addio alla mia scrivania”. Infatti, Carl Cameron di Fox News stesso, non è più disposto ad affrontare il problema, commentare o anche parlare di questi argomenti

Quanto al video sulla “confessione” di Osama Bin Laden, Hani Sebai, uno specialista di elettronica britannico ha rilasciato delle dichiarazioni alla BBC, definendolo un falso evidente, un lavoro classico di “taglia e incolla” con un video del matrimonio di Osama. In un’intervista concessa al giornale pakistano Umat poi trasmessa dalla BBC, Bin Laden negò qualsiasi coinvolgimento negli attacchi dell 11 settembre. Ci sarebbero davvero pochi motivi nello sconfessare un atto di questa portata, poichè verrebbero intessute lodi a una persona in grado di compiere un simile gesto (Ralph Schoenmann,Taking Aim, 12/7/2005)

L’inchiesta ufficiale sotto il controllo del neoconservatore Philip Zelikow ha contrastato ogni tentativo per scoprire la verità dietro gli attacchi. Qualsiasi domanda sulla versione ufficiale, sia che essa provenisse dai parenti delle vittime, o dagli architetti, o dagli ingegneri, o dai fisici o di altri americani patriottici vennero semplicemente messe a tacere etichettandole come teorie della cospirazione.
(www.911truth.org, patriotsquestion911.com, www.ae911truth.org)

L’implicazione degli arabi negli attacchi dell’11 settembre, attraverso il pieno appoggio dei mass media sionisti controllati gli israeliani hanno dato l’occasione ideale per imprimere l’immagine del ‘terrorista arabo’ nella psiche degli americani.

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, fù interrogato, il giorno dopo l’attentato, su cosa avrebbe significato tutto ciò per le relazioni USA-Israele. Ha detto: “E’ positivo”. Poi si corresse, aggiungendo: “Beh, non è una cosa buona, ma genererà immediatamente simpatia per Israele” … (New York Times, 12/9/01)

Il movente per l’attentato fù correttamente identificato da Neil Mackay il 2 Novembre 2003 dopo una intervista della Sunday Herald:

“Imprigionare l’America nel sangue e nella sofferenza reciproca per la causa israeliana”.

Questo è esattamente il motivo per cui non vedrete questi collegamenti nei media, questa è la cruda verità…

(Nota: Essere critici nei confronti di Israele non è anti-semita o addirittura anti-ebraico, fate un giro per http://www.jewsnotzionists.org, molti Israeliani credono che lo sionismo sia contrario agli insegnamenti della vera Torah)