Archivi categoria: Egitto

Superbowl Halftime Show: Una celebrazione per la Grande Sacerdotessa dell’industria musicale

 

Quando sono venuto a sapere che Madonna – alias Gran Sacerdotessa del settore musicale – si sarebbe esibita nella pausa del primo tempo del Superbowl, pensai: “Dev’essere interessante”. Ed infatti lo era. Mentre la maggior parte delle persone sono rimaste stupite nel vedere una cinquantenne ballare assieme ai LMFAO e ad altri artisti, personalmente ero interessato a qualcos’altro: la raffica di simbolismo percepita da milardi di spettatori al mondo. Mentre in molti considerano la performance di Madonna, un intermezzo divertente, tra i 2 tempi del match di football più importante dell’anno, coloro che sanno leggere i simboli saranno d’accordo con la seguente affermazione: lo show di Madonna è stata una “faraonica” (è proprio il caso di dirlo) celebrazione all’industria degli illuminati e alla sua Gran Sacerdotessa.

Una settimana prima del Superbowl, Madonna spiegò ad Anderson Cooper l’importanza spirituale che attribuiva al suo prossimo show:

“The Superbowl is kind of like the Holy of Holies in America. I’ll come at halfway of the “church experience” and I’m gonna have to deliver a sermon. It’ll have to be very impactful.”

Madonna, una iniziata alle dottrine cabalistiche, riferendosi al SuperBowl con “Holy of Holies” ha fatto probabilmente riferimento al luogo più sacro del Tempio di Salomone. A nessuno è stato mai permesso di entrare nel “Santo dei Santi” tranne che al Sommo Sacerdote. Questo privilegio veniva concesso solo nel Giorno dell’Espiazione, per offrire il sangue del sacrificio e l’incenso. L’analogia di Madonna ci racconta quindi il significato “nascosto” della sua performance. Vediamo le parti principali del suo show.

VOGUE O L’ENTRATA DELLA SACERDOTESSA

L’entrata di Madonna è una elaborata processione degna di una Grande Sacerdotessa o addirittura di una dea.

Spinta da centinaia di soldati romani e accolta da centinaia di donne, il glorioso ingresso di Madonna è un riflesso del suo status nel mondo dello spettacolo.

La sua prima performance è stata fortemente influenzata da un immaginario Egiziano-Sumero-Babilonese e il suo costume ricorda una antica dea babilonese.

Le decorazioni della prima performance di Madonna combinano elementi dell’antico Egitto, della Sumeria e di Babilonia. La cantante è vestita in un modo che ricorda molto uno antica divinità sumero / babilonese Inanna-Ishtar.

Ishtar con un piede su un leone ruggente. Indossa un copricapo caratteristico che ricorda la corona cornuta di Madonna. Ishtar è spesso raffigurata con delle ali, una caratteristica che viene richiamata dal suo “gruppo di trasporto”.

Ishtar era una dea potente e assertiva le cui aree di influenza e controllo comprendono: la guerra, l’amore, la sessualità, la prosperità, la fecondità e la prostituzione. Cercò di vivere la stessa esistenza degli uomini, godendo per le glorie della battaglia e alla costante ricerca di esperienze sessuali. Il parallelo tra Madonna e Ishtar risulta quindi molti interessante, dato che si può tranquillamente sostenere che la cantante pop ha incarnato, nel corso della sua carriera, le stesse qualità assertive ma allo stesso tempo molto “sessuali” di Ishtar, raggiungendo anche, condizioni di potere che solitamente nell’industria dell’intrattenimento sono riservate agli uomini. A livello esoterico, Ishtar è associata al pianeta Venere, conosciuto come la Stella del Mattino e la Stella della Sera – un nome attribuito anche a Lucifero nelle scuole occulte.

In questo contesto mitologico-pagano, Madonna si appresta a cantare Vogue. Durante lo spettacolo, vengono mostrate copertine di Vogue Magazine, una pubblicazione che è in prima linea nella propaganda del simbolismo illuminato nella moda (Potete osservarne molti esempi Qui Qui Qui Qui e Qui).

Vogue termina con un simbolo che è coerente con il tema egiziano-babilonese della performance, che è di massima importanza nelle società segrete occulte come la Massoneria, i Rosacroce e gli Illuminati: il disco solare alato.

 La canzone si conclude con la rappresentazione di un disco solare alato.
“‘Emblematico dell’elemento dell’aria, questo simbolo è costituito da un cerchio o disco di tipo solare racchiuso da una coppia di ali. Nella magia rituale viene sospeso sopra l’altare in direzione est e utilizzato quando si invoca la protezione e la cooperazione delle silfidi “.
-Hope, Murry, “Amori & incantesimi egiziano”

Il sole alato viene ancora oggi utilizzato da gruppi come i massoni, i teosofi e i Rosacroce.

“Il Globo Alato è preminentemente un simbolo dei Rosacroce, anche se gli Illuminati potrebbero reclamarne l’origine e può essere certamente retro datato all’epoca dell’antico egitto. Il globo alato è il simbolo dell’anima perfezionata nel suo volo verso la sorgente della sua creazione, oltre i campi Elisi “.
-Swinburne, Clymer, “I Rosacroce, i loro insegnamenti”

 Il simbolo del globo alato all’interno di una loggia massonica
La visualizzazione di questo simbolo, anche se apparentemente banale e meramente estetica, sottolinea la dimensione spirituale/occulta che sottostà all’intera performance di Madonna.
GIVE ME ALL YOUR LUVIN’ O LE SEX KITTENS DI MADONNA
Andando avanti nello show, Madonna ha eseguito il suo nuovo singolo Give Me All Your Luvin ‘. La canzone presenta due nuovi “preferiti” del settore: Nikki Minaj e MIA. Nel video musicale del brano e durante l’esecuzione al Superbowl, queste due rapper sono state ritratte in modo specifico: invece di essere presentate come vere e proprie artiste che contribuiscono alla canzone di Madonna, vengono rappresentate come delle sue “scagnozze” che fanno il tifo per la Grande Sacerdotessa. Questo “rapporto” dove Madonna è al potere – ed è quindi l’handler – è intrisa di simbolismo del controllo mentale, nello specifico della programmazione beta, conosciuta anche come programmazione Sex Kitten.
Nel video di Give me your Luvin ‘, Madonna, Nikki Minaj e MIA sono travestite da Marilyn Monroe, il prototipo finale di programmazione Sex Kitten.
Un altro simbolo associato alla programmazione Sex Kitten è l’abbigliamento molto presenti accessori con fantasie feline.
LIKE A PRAYER O IL SERMONE FINALE
Madonna ha chiuso lo show di intermezzo con uno dei suoi più grandi successi: Like a Prayer. Il video di questa canzone è sempre stato controverso per la mescolanza di temi religiosi a tematiche di natura sessuale. Mentre la canzone inzia, lo spettacolo assume un atmosfera molto solenne e spirituale. Le figure religiose sono solitamente vestite di bianco per rappresentare la purezza e la pietà. I due cantanti, indossavano invece vesti nere, utilizzate solitamente nelle…messe nere.
All’inizio della canzone, viene visualizzato un enorme occhio sul pavimento schermo, accennando all’influenza degli illuminati in questa performance “spirituale”.
La performance di Madonna finisce in maniera tanto drammatica quanto evocativa:
Alla fine della performance, il pavimento si apre sotto i piedi di Madonna facendola “cadere nell’oblio”.
Mentre Madonna sembra venir risucchiata in ciò che sembra “il mondo sotterraneo”, si sente l’artista cantare “I hear you call my name, And it feels like home”. Questa è un’altra inversione della tradizionale simbolismo religioso che come “casa” intenderebbe i cieli.

Lo spettacolo si conclude con un messaggio che mette tutti d’accordo:

 Le parole “Pace Mondiale” appaiono sulla scena, uno slogan friendly utilizzato da coloro che vogliono un  Nuovo Ordine Mondiale controllato da un unico governo mondiale.
CONCLUSIONE
Quando presi singolarmente, i simboli sopra descritti possono essere semplicemente considerati come “alla moda”. La maggior parte dei telespettatori del Superbowl non ha rivolto loro molta attenzione. Questo minestrone di simboli inseriti in una performance di 13 minuti non possono tuttavia essere liquidati come “immagini casuali”. Al contrario, la combinazione di tutti questi simboli formano un tutt’uno e definiscono con grande profondità la filosofia e l’Agenda di chi detiene il potere – gli Illuminati. L’adozione, da parte di Madonna del simbolismo degli Illuminati discussi in questo sito coincide con la sua firma con la Interscope Records, uno dei principali fornitori di simbolismo degli Illuminati nel settore della musica. La sua performance può quindi essere considerata come il “lancio” del suo nuovo rapporto con l’etichetta che include tre-album (e 40 milioni di dollari). La performance di Madonna al Superbowl ha dimostrato che, nonostante il fatto che sia una icona dell’industria e che abbia fatto da apri strada a moltissime pop star moderne, deva adattarsi alla richieste degli illuminati e adottare lo stesso simbolismo delle comuni pop star.

Imbottita di profondi significati, la performance di Madonna era un rituale di massa degli Illuminati. In questo “Giorno dell’Espiazione” del Superbowl, Madonna, la Papessa del settore degli Illuminati, è entrata nel Santo dei Santi d’America e ha dato voce ad un sermone di 13 minuti che è stato sentito da tutti … ma capito da pochi.

Annunci

Attentato in Norvegia: Simbolismo, Israele, Pike

Il gruppo dei giovani del partito laburista, il quale apparteneva al partito politico dominante, è stato massacrato in Norvegia pochi giorni fa:

“Il Partito laburista (in norvegese: Arbeiderpartiet, A / Ap) è un partito social democratico norvegese [5] patner di alto livello del governo norvegese, parte della coalizione rosso-verde, il cui leader, Jens. Stoltenberg, è l’attuale primo ministro della Norvegia.

Il Partito laburista norvegese segue ufficialmente la corrente socialdemocratica. Il suo slogan dal 1930 è stato “lavoro per tutti”, il partito opta per una forte stato sociale, finanziato attraverso tasse e imposte. [6] Nel corso degli ultimi 20 anni, il partito è andato oltre ai principi dell’economia sociale di mercato nella sua politica, permettendo la privatizzazione di molti beni e servizi del governo, riducendo progressivamente le imposte sul reddito, dopo l’ondata di liberalizzazioni economiche del 1980. Il partito laburista identifica se stesso come un partito progressista che aderisce alla cooperazione sia a livello nazionale che a livello internazionale. La sua ala giovanile è la Lega della gioventù dei lavoratori ‘.

Fin dalla sua creazione, negli ultimi anni del 19 ° secolo, è costantemente cresciuto fino a diventare il più grande partito della Norvegia nel 1927. – Una posizione che mantiene da allora “(Fonte)

Come partito politico di maggioranza esercitano una grande influenza sulla politica estera. I giovani che sono stati uccisi avevano appena deciso di boicottare Israele:

“Due giorni prima del massacro di Utoya Island, il leader dell’AUF (movimento giovanile del Partito laburista) Eskil Pedersen ha rilasciato un’intervista al Dagbladet, il secondo giornale più grande della Norvegia, in cui ha rivelato quello che pensava su Israele.

Nel corso del colloquio, Pedersen ha dichiarato di “ritenere che fosse giunto il momento per misure più drastiche contro Israele, e v0rrebbe che il ministro degli Esteri imponesse un boicottaggio economico contro il paese”.

Pederson ha continuato dicendo, “Il processo di pace non conduce da nessuna parte, e anche se il mondo intero si aspetta che Israele rispetti i patti, non è così. Noi giovani laburisti proponiamo un embargo economico unilaterale contro Israele. ”

L’AUF Labour Party Youth Movement è stato un attivo promotore della campagna di boicottaggio di Israele. Il quotidiano Dagbladet segnala che “L’AUF è stato a lungo un sostenitore del boicottaggio internazionale ad Israele, ma la decisione all’ultimo congresso, esige che la Norvegia imponga un embargo economico unilaterale del paese aumentando la severità nei controlli rispetto al passato “.

“Riconosco che questa è una misura drastica”, ha dichiarato Pedersen, “ma penso che fornisca una chiara indicazione sul fatto che siamo stanchi del comportamento di Israele, tutto qui”. (Fonte)

I psicopatici satanisti che controllano tutti i governi di questo nostro mondo non sono ebrei, sono luciferiani. Vogliono provocare una guerra che distruggerà tutte le altre religioni, tra cui l’ebraismo, in modo che il loro dio sarà l’unica divinità venerata in tutto il mondo. Come questo ultimo incidente dimostrerà, non sono amici di Israele o degli ebrei.

Albert Pike, uno dei fondatori del Rito Scozzese della Massoneria, e un devoto luciferiano, scrisse:

La Terza guerra mondiale deve essere fomentata approfittando delle differenze causate dagli agenti del Illuminati fra i sionisti politici ed i capi del mondo islamico. La guerra deve essere condotta im modo tale che l’Islam (il mondo arabo musulmano) e il sionismo politico (lo stato d’Israele) si distruggano reciprocamente. Nel frattempo le altre nazioni, una volta di più divise su questa circostanza saranno costrette a combattere fino al punto di un completo esaurimento fisico, morale, spirituale ed economico… libereremo i nichilisti ed gli atei e provocheremo un cataclisma sociale che in tutto il suo orrore mostrerà chiaramente alle nazioni l’effetto dell’ateismo assoluto, origine di ferocia e dell’agitazione più sanguinaria. Allora dappertutto, i cittadini, obbligati a difendersi contro la minoranza del mondo dei rivoluzionari, stermineranno quei distruttori di civiltà ed la massa, disillusa dalla Cristianità, i cui spiriti deistici da quel momento saranno senza bussola o direzione, ansiosa per un ideale, ma senza conoscere dove rendere la propria adorazione, riceverà la vera luce attraverso la manifestazione universale della dottrina pura di Lucifero, portata infine alla vista pubblica. Questa manifestazione risulterà dal movimento reazionario generale che seguirà con la distruzione della cristianità e dell’ateismo, entrambi conquistati e sterminati allo stesso tempo.. ” (Fonte)

La gente di questo mondo ha bisogno di riconoscere che i veri nemici che camminano tra di noi sono gli psicopatici satanisti che cercano di provocare la totale distruzione dell’umanità attraverso i loro agenti provocatori. Sono i più ricchi dei ricchi, i banchieri internazionali e i veri leader politici di questo nostro mondo. I loro nomi infarciscono le liste delle varie Organizzazioni degli Illuminati come il Council on Foreign Relations, Bilderbergers e ai gruppi Tavola Rotonda.

SIMBOLISMO MASSONICO

In Massoneria, i colori hanno un significato:

“L’assegnazione di significati simbolici ai colori probabilmente è vecchia quanto il simbolismo stesso. Per citare uno degli esempi dalle pratiche di un popolo antico si possono prendere in causa gli egiziani, quei maestri antichi del simbolismo alla quale il ricercatore di simboli massonici si rivolge per cercare di capirli, utilizzarono i colori nei loro geroglifici per trasmettere certe idee precise, ogni colore è espressivo di certe concezioni. I geroglifici degli spiriti dei morti erano caratterizzati dal bianco. Agli uomini venne attribuito il colore rosso per la carnagione, mentre alle donne il giallo. Il Zaffiro era il colore del dio egizio Amon. Il verde era il colore usato per la carne del dio Ptah, fondatore del mondo, lo spirito creativo e attivo dell’intelligenza divina, e fu anche il colore usato per la carne di Lunus, la luna. Rosso-marrone era il colore dato alla carne di Thoueri, la concubina di Tifone. Infine nero era il colore di Anubi, il dio dei morti e dell’imbalsamazione.

I colori simbolicamente significativi nella massoneria sono il porpora, il rosso, il bianco, il nero, il verde, il giallo, viola e blu. Ogni colore ha per scopo l’insegnamento al Massone di una preziosa lezione morale o il richiamo su alcuni fatti storici di interesse Massonico.

Il blu è il colore supremo della Massoneria. In primo luogo, perché è quel colore che, tra tutti quelli utilizzati in Massoneria, è una conquista massonica intoccabile di ogni confratello. Il Royal Arch Mason tenterà di fare suo il colore rosso, il Maestro Perfetto si sentirà titolare esclusivo del verde e del nero, e così via, ma il blu viene riconosciuto da ogni Massone come appartenente a tutti noi e nessun massone, qualunque sia il suo grado, metterà in dubbio la proprietà del blu del Maestro Massone …. (Fonte)

Per gli antichi egizi, il colore blu (zaffiro) era il simbolo del dio Amun, che più tardi divenne Amon-Ra. Egli era il dio dei poveri. Il fatto potrebbe anche essere collegato al socialismo e al comunismo.

All’interno degli Illuminati, la programmazione tramite colori viene utilizzata per creare assassini proprio come quello norvegese:

“Una volta che il bambino si identifica completamente con il colore (o meglio, al modello per cui il sistema accetta questo colore), allora viene insegnato in modo graduale, attraverso molte sessioni di allenamento, cosa significhi il colore blu. Vengono messi in piedi drammi, dove la piccola vittima reciterà con altri bambini nel ruolo di “blu”. Sono drogati, ipnotizzati, traumatizzati, costretti ad agire in determinati modi che rispecchiano gli insegnamenti ricevuti sul “blu” . Diversi allenatori e regioni assegneranno significati diversi a colori diversi. Molti sistemi militari sono codificati in blu. I militari sottoposti a tale training vengono chiamati periodicamente per rafforzare la loro programmazione. Se l’allenatore volesse in un secondo momento accedere ad un sistema blu, dovrebbe indossare un capo di abbigliamento o una sciarpa del colore che vogliono raggiungere. ” (Fonte)

Il blu è il colore della programmazione militare. Potrebbe anche essere il colore dell’altra personalità del killer il che spiegherebbe pechè fosse vestito di blu nella foto sopra. Le multi personalità vengono create dalla scissione dell’ego attraverso il condizionamento basato sul trauma. Le altre personalità possono essere addestrate a maneggiare le armi, a uccidere decine di persone, proprio come l’attentatore Norvegese.

Questo incidente urla “Candidato Marciuriano”

Fonte Fonte

Da chi siamo realmente governati?

Questo è il tuo vero governo, un governo che trascende qualsiasi organo elettivo, che permea ogni partito politico, che sancisce ogni posizione ed aspetto del cittadino medio americano o europeo. In tempi in cui la “sinistra” americana supporta due guerre di matrice “Neo-Conservatrice”, facendone iniziare un’altra sulla base delle stesse bugie, promossa dagli stessi media che ci hanno venduto la bugia delle armi di distruzione di massa in Iraq, il mondo non si può permettere il lusso della scelta, certo, c’è sempre la dissonanza cognitiva, forse però, prima di arrivare a tanto, bisogna realizzare che c’è qualcosa che non va.

Ciò che non va, è un sistema completamente controllato da un oligarchia finanziario/aziendale con imperi finanziari, industriali e mediatici, capillarmente insediati in tutto il mondo. Se non ci rendiamo conto di essere impotenti e dipendenti da queste imprese che regolano ogni aspetto della nostra nazione politicamente e ogni aspetto della nostra vita personalmente, nulla potrà mai cambiare.

L’elenco che segue, per quanto ampio, non è completo. Tuttavia, dopo questi esempi, dovrebbe diventare evidente un modello in cui gli stessi nomi e le stesse società si ripetono. Dovrebbe essere ovvio per i lettori quanto pericolosamente invasive sono diventate queste aziende, nella nostra vita quotidiana. Infine, risulta chiaro come il piano sarebbe quello di eliminare dalle nostre vite, dalle nostre famiglie, dalle nostre comunità, queste corporazioni, con ogni mezzo possibile.

GRUPPO DI CRISI INTERNAZIONALE

www.crisisgroup.org

Curriculum: Mentre l’International Crisis Group (ICG) afferma di essere “impegnato a prevenire e risolvere conflitti mortali”, la realtà è che sono impegnati a offrire soluzioni, predisposte con largo anticipo, a problemi che essi stessi hanno creato, al fine di perpetuare la propria agenda.

Nessun luogo lo può testimoniare meglio della Thailandia a cui si è aggiunto più recentemente l’Egitto.Il membro dell’ICG, Kenneth Adelman ha sostenuto da sempre il primo ministro della Thailandia, Thaksin Shinwatra, un ex consigliere del gruppo Carlyle, che si piazzò letteralmente davanti alla CFR a New York alla vigilia della sua cacciata dal potere nel 2006 durante un colpo di stato militare. Dal 2006, l’ingerenza di Thaksin in Thailandia è stata sostenuto da un collega della Carlyle, James Baker e dal suo studio legale Baker Botts, dal consigliere del Belfer Center, Robert Blackwill della Barbour Griffith & Rogers, e adesso da Robert Amsterdam della Amsterdam & Peroff, un membro di spicco della Chatham House.

Con la Thailandia ormai impantanata in un tumulto politico guidato da Thaksin Shinwatra e dalla sua “rivoluzione colorata” delle camice rosse, l’ICG è pronta a sfornare “soluzioni” immediate. Tali soluzioni generalmente comprendono, il legare le mani al governo tailandese, con argomenti che cercheranno di fermare l’abuso dei diritti umani di Thaksin, nella speranza di permettere alla rivoluzione finanziata dai globalisti di ritornare sotto controllo.

I disordini in Egitto, naturalmente, sono stati interamente provocati dal membro dell’ICG Mohamed ElBaradei e dal suo “April 6 Youth Movement”, finanziato, supportato e “reclutato” interamente dal Dipartimento di Stato americano coordinato poi da Wael Ghonim della Google. Mentre l’agitazione venne dipinta come spontanea, alimentata dalla precedente rivolta tunisina, ElBaradei e Ghonim, e il loro movimento giovanile erano in Egitto dal 2010 impegnati ad assemblare il loro “Fronte Nazionale per il Cambiamento” e porre le basi per la rivolta del 25 gennaio 2011.

George Soros, membro dell’ICG, andò poi a finanziare le ONG egiziane che erano al lavoro per riscrivere la costituzione egiziana dopo che il front-man ElBaradei ebbe successo nel rimuovere Hosni Mubarak. Questa costituzione finanziata da Soros e il servile governo che ne consegue rappresenta il modo in cui l’ICG intende “risolvere” la crisi che proprio ElBaradei ha contribuito a creare.

Membri del Consiglio di rilievo dell’ICG:

George Soros
Kenneth Adelman
Samuel Berger
Wesley Clark
Mohamed ElBaradei
Carla Hills

Consiglieri importanti dell’ICG:

Richard Armitage
Zbigniew Brzezinski
Stanley Fischer
Shimon Peres
Surin Pitsuwan
Fidel V. Ramos

Multinazionali e fondazioni che supportano l’ICG:

Carnegie Corporation di New York
Hunt Alternative Fund
Open Society Institute
Rockefeller Brothers Fund
Morgan Stanley
Gruppo Deutsche Bank
Soros Fund Management LLC
McKinsey & Company
Chevron
Shell

BROOKINGS INSTITUTE

www.brookings.edu

Curriculum: All’interno della libreria del Brookings Institute, troverete i progetti per quasi tutti i conflitti avvenuti in Occidente nel recente passato. La cosa strana è che, mentre il pubblico sembra pensare che queste crisi nascano all’improvviso, quelli che seguono gli studi aziendali e le pubblicazioni finanziate dalla Brookings può vedere queste crisi arrivare con anni di anticipo. I suddetti sono conflitti premeditati, pianificati meticolosamente per permettere a delle soluzioni altrettanto premeditate e pianificate di entrare in azione.

Le operazioni in corso contro l’Iran, assieme alle rivoluzioni colorare sostenute dagli Usa, i terroristi supportati e addestrati dagli Usa in Iran, e le sanzioni paralizzanti erano tutte descritte nei minimi dettagli in un rapporto del Brookings Institute, “Quale via migliore per la Persia?” La più recente risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 1973 sulla Libia assomiglia stranamente al rapporto di Kenneth Pollack del 9 marzo 2011  intitolato “Le reali opzioni militari in Libia.”

Consiglieri di spicco della Brookings:

Dominic Barton: McKinsey & Company, Inc.
Alan R. Batkin: Eton Park Capital Management
Richard C. Blum: Blum Capital Partners, LP
Abby Joseph Cohen: Goldman, Sachs & Co.
Suzanne Nora Johnson: Goldman Sachs Group, Inc.
Richard A. Kimball Jr.: Goldman, Sachs & Co.
Tracy R. Wolstencroft: Goldman, Sachs & Co.
Paolo Desmarais Jr.: Power Corporation of Canada
Kenneth M. Duberstein: Il Duberstein Group, Inc.
Benjamin R. Jacobs: JBG Companies
Nemir Kirdar: Investcorp
Klaus Kleinfeld: Alcoa, Inc.
Philip H. Knight: Nike, Inc.
David M. Rubenstein: co-fondatore di The Carlyle Group
Sheryl Sandberg K.: Facebook
Larry D. Thompson: PepsiCo, Inc.
Michael L. Tipsord: State Farm Insurance Companies
Andrew H. Tisch: Loews Corporation

Alcuni Esperti del Brookings
(Clicca sui nomi per visualizzare un elenco di scritti recenti.)

Kenneth Pollack
Daniel L. Byman
Martin Indyk
Suzanne Maloney
Michael E. O’Hanlon
Bruce Riedel
Shadi Hamid

Supporto corporativo:

Fondazioni e governi

Ford Foundation
Bill & Melinda Gates Foundation
La Fondazione Rockefeller
Governo degli Emirati Arabi Uniti
Carnegie Corporation di New York
Rockefeller Brothers Fund

Banche e finanza

Bank of America
Citi
Goldman Sachs
H & R Block
Kohlberg Kravis Roberts & Co.
Jacob Rothschild
Nathaniel Rothschild
Standard Chartered Bank
Temasek Holdings Limited
Visa Inc.

Produttori di petrolio

Exxon Mobil Corporation
Chevron
Shell Oil Company

Complesso Militare Industriale e Industria

Daimler
General Dynamics Corporation
Lockheed Martin Corporation
Northrop Grumman Corporation
Siemens Corporation
The Boeing Company
General Electric Company
Westinghouse Electric Corporation
Raytheon Co.
Hitachi, Ltd.
Toyota

Telecomunicazioni e tecnologia

AT & T
Google Corporation
Hewlett-Packard
Microsoft Corporation
Panasonic Corporation
Verizon Communications
Xerox Corporation
Skype

Media

McKinsey & Company, Inc.
News Corporation (Fox News)

Beni di consumo e farmaceutici

GlaxoSmithKline
Target
PepsiCo, Inc.
Coca-Cola Company

COUNCIL ON FOREIGN RELATIONS

www.cfr.org

Curriculum: Sarebbe più facile elencare i politici che non fanno parte di questo gruppo in quanto la maggior parte di essi, assieme ai loro consiglieri e tutti quelli che realmente contano sono membri del CFR. Molti dei libri, degli articoli delle riviste e dei giornali che leggiamo sono scritti da membri del CFR, similmente ai membri del Brookings Institute dettano, parola per parola, opinioni e punti di vista che promuovo la loro agenda del giorno.

Un buon esempio delle ali più attivi del CFR può essere illustrato al meglio prendendo in caso gli eventi dell’anno scorso e più precisamente la bufala della moschea costruita a “Ground Zero”, dove i membri del CFR sia quelli di destra che quelli di sinistra hanno finto un acceso dibattito sulla cosiddetta Cordoba House che si trova vicino ai 3 edifici abbattuti del World Trade Center. In realtà, la Cordoba House venne istituita dal compagno membro del CFR Feisal Abdul Rauf, che a sua volta venne finanziato dal braccio economico della CFR compresa la Carnegie Corporation di New York, presieduta dal capo della commissione del 9 / 11 Thomas Kean, e da varie fondazioni Rockefeller.

Supporto corporativo della CFR:

Banking & Finance

Bank of America Merrill Lynch
Goldman Sachs Group, Inc.
JPMorgan Chase & Co
American Express
Barclays Capital
Citi
Morgan Stanley
Blackstone Group L.P.
Deutsche Bank AG
New York Life International, Inc.
Prudential Financial
Standard & Poor’s
Rothschild North America, Inc.
Visa Inc.
Soros Fund Management
Standard Chartered Bank
Bank of New York Mellon Corporation
Veritas Capital LLC
Kohlberg Kravis Roberts & Co.
Moody’s Investors Service

Multinazionali del petrolio

Chevron Corporation
Exxon Mobil Corporation
BP p.l.c.
Shell Oil Company
Hess Corporation
ConocoPhillips Company
TOTAL S.A.
Marathon Oil Company
Aramco Services Company

Complessi militari e industriali

Lockheed Martin Corporation
Airbus Americas, Inc.
Boeing Company
DynCorp International
General Electric Company
Northrop Grumman
Raytheon Company
Hitachi, Ltd.
Caterpillar
BASF Corporation
Alcoa, Inc.

Pubbliche relazioni, lobbisti e studi legali

McKinsey & Company, Inc.
Omnicom Group Inc.
BGR Group

Editori e case editrici

Bloomberg
Economist Intelligence Unit
News Corporation (Fox News)
Thomson Reuters
Time Warner Inc.
McGraw-Hill Companies

Beni di consumo

Walmart
Nike, Inc.
Coca-Cola Company
PepsiCo, Inc.
HP
Toyota Motor North America, Inc.
Volkswagen Group of America, Inc.
De Beers

Telecomunicazioni e tecnologia

AT & T
Google, Inc.
IBM Corporation
Microsoft Corporation
Sony Corporation of America
Xerox Corporation
Verizon Communications

L’industria farmaceutica

GlaxoSmithKline
Merck & Co., Inc.
Pfizer Inc.

 

CHATHAM HOUSE

www.chathamhouse.org.uk

Curriculum: La Chatham House inglese, come il CFR e l’Istituto Brookings in America, è composta da membri importanti ed è coinvolta in attività di gestione, pianificazione, coordinazionione e realizzazione dell’agenda collettiva dei membri che la compongono.

I singoli membri che popolano le file dei consiglieri anziani sono costituite dai fondatori, dagli amministratori delegati e dai presidenti di appartenenza delle imprese che compongono la Camera di Chatham. Gli esperti della Chatham vengono generalmente pescati dal mondo accademico e le loro “recenti pubblicazioni” vengono generalmente utilizzate internamente al circolo. Che gli esperti della Chatham House stiano presentando delle domande a delle riviste mediche è particolarmente allarmante considerando che GlaxoSmithKline e Merck sono entrambi membri della Chatham House.

Membri notevoli della ChatHam House:

Amsterdam & Peroff
BBC
Bloomberg
Coca-Cola Gran Bretagna
Economista
GlaxoSmithKline
Goldman Sachs International
HSBC Holdings plc
Lockheed Martin UK
Merck & Co Inc
Mitsubishi Corporation
Morgan Stanley
Royal Bank of Scotland
Saudi Petroleum Overseas Ltd
Standard Bank London Limited
Standard Chartered Bank
Tesco
Thomson Reuter
United States of America Embassy
Vodafone Group

Normali membri della ChatHam:

Amnesty International
BASF
Boeing UK
CBS News
Daily Mail and General Trust plc
De Beers Group Services UK Ltd
G3 Good Governance Group
Google
Guardian
Hess Ltd
Lloyd’s di Londra
McGraw-Hill Companies
Prudential plc
Telegraph Media Group
Times Newspapers Ltd
World Bank Group

Supporto corporativo:

British Petroleum
Chevron Ltd
Deutsche Bank
Exxon Mobil Corporation
Royal Shell olandese
Statoil
Toshiba Corporation
Total Holdings UK Ltd
Unilever plc

CONCLUSIONE

Queste organizzazioni rappresentano gli interessi collettivi delle più grandi aziende al mondo. Non solo possiedono uno schieramento di politici e ricercatori che articolano la loro agenda e promuovono il loro consenso nella popolazione, ma utilizzano anche la loro massiccia influenza per andare ad influire sui media,  nell’industria, nella finanza e produrre un consenso internazionale.

Credere che questa oligarchia finanziaria/corporativa metta in disparte i propri interessi per supportare e promuovere gli interessi e i capricci del popolini sarebbe alquanto naive. Hanno più volte assicurato che non è importante, in qualsiasi paese ci si trova, da quale parte in guerra, il petrolio, la ricchezza e il potere continueranno a fluire perennemente nelle loro mani. Niente, rivendica meglio questa situazione, che il presidente degli Stati Uniti, che nonostante le belle parole fa gli stessi interessi che faceva Bush, oltre che alle stesse guerre.

Allo stesso modo, non importa quanto sia sanguinosa la tua rivoluzione, se l’equazione delle aziende rimane invariata, verrano fatti solamente i cambiamenti più superficiali, come è accaduto in Egitto con il tirapiedi dell’International Crisis Group Mohamed ElBaradei.

La rivoluzione vera e propria inizierà quando capiremo questa equazione,si deve cercare di rimuovere la nostra dipendenza dalle aziende sopra citate. L’oligarchia globale corporativa/finanziaria ha bisogno di noi, noi però non abbiamo bisogno di loro, l’indipendenza da loro è la chiave per la nostra libertà.

Per ulteriori informazioni in materia di economia alternativa, informati da solo:

The Lost Key to Real Revolution
Boycott the Globalists
Alternative Economics
Self-Sufficiency

Fonte

Egitto: Usa collusi con la caduta di Mubarak, la prova “virtuale”

Il 12 gennaio 2009, il sottosegretario per la Diplomazia Pubblica e gli Affari Pubblici James K. Glassman si è iscritto ad un gruppo di blogger politici egiziani presso la newsletter virtuale della American University del Cairo. E’ questa la pistola fumante “virtuale” che indica la collusione americana nella successiva cacciata di Hosni Mubarak?

Meno di due mesi prima, Glassman e Jared Cohen furono i tramiti dello staff del Policy Planning del Segretario Clinton che consegnarono le registrazioni di un breafing all’alleanza del Dipartimento di Stato, assieme all’appoggio di una decina di aziende del settore privato, tra cui Facebook, Google, MTV, AT & T, Howcast, Access 360 Media, per formare l’Alliance for Youth Movements (AYM). Durante il briefing, Glassman aprì una importante parentesi sul 6 April Youth Movement, affermando che alcuni dei suoi membri sarebbero stati presenti all’inaugarazione del primo Vertice della gioventù AYM a New York dal 3 al 5 dicembre. Alla domanda sul “rischio di scatenare qualcosa che poi si sarebbe ritorta contro, soprattutto nei confronti degli alleati”, Glassman rispose così: “Siamo molto favorevoli ai gruppi pro-democrazia che si stanno sviluppando in tutto il mondo. A volte però questo, ci mette in disaccordo con alcuni governi. ”

Quando viene messo sotto pressione dal giornalista, Glassman spiega: “Ora dobbiamo lavorare con i governi. Mi lasci dire un’ultima cosa, c’è una differenza tra il livello operativo e livello pubblico, cioè tra quello che facciamo nella diplomazia pubblica e ciò che avviene spesso nella diplomazia ufficiale. La nostra opera di comunicazione e coinvolgimento, avvviene a livello del pubblico, non a quello dei funzionari. Vien da se, la probabilità che alcuni di questi governi non siamo molto felici, delle iniziative che stiamo conducendo, ma questo è quello che facciamo nella diplomazia pubblica “.

Dopo che Jared Cohen sottolineò che le organizzazioni che stanno formando online “un nuovo tipo di organizzazione della società civile” che porterà alla fine ad una “trasformazione”, Glassman riconobbe che il governo degli Stati Uniti ha “avuto relazioni con queste organizzazioni della società civile per un lungo periodo, in posti come l’Egitto “.

Come quando Al Jazeera rivelò il dietro le quinte del colpo di stato egiziano non violento, nel quale il 6 April Youth Movement protetto dal Dipartimento di Stato ha effettivamente svolto un ruolo cruciale in questa “trasformazione”, organizzando e dirigendo le proteste che hanno rovesciato l’ex alleato americano, Mubarak . I leader del movimento ricevettero istruzioni dal Centre for Applied Nonviolent Action and Strategies (CANVAS) con sede a Belgrado, che opera in stretta collaborazione con l’International Center for Nonviolent Conflict (ICNC). L’ICNC è stato fondato e finanziato interamente da Peter Ackerman, che ha presieduto la Freedom House tra il 2005 e il 2009. La Freedom House è finanziata in parte dal National Endowment for Democracy (NED), un gruppo neoconservatore guidato da specialisti in cambio regime sponsorizzato dal governo degli Stati Uniti.

Il 19 aprile 2010, Ackerman partecipò ad un evento dal titolo “Cyber-Dissidents and Political Change” promosso dal George W. Bush Istitute, guidato da Glassman dal 3 settembre 2009. “Ispirato da presidente e dall’impegno incrollabile della signora Bush di garantire a tutti la libertà,” il sito Internet riporta, “Il Bush Institute lavora per incoraggiare i dissidenti e i difensori della libertà, la creazione di una potente rete per il sostegno morale e l’istruzione.” Tra i cyber-dissidenti che hanno partecipato al convegno di Dallas c’erano Rodrigo Diamanti dal Venezuela; Arash Kamangir, provenienta dall’Iran; Oleg Kozlovsky, dalla Russia, Ernesto Hernández Busto, da Cuba (ma vive a Barcellona), Isaac Mao, dalla Cina, e Ahed Alhendi, dalla Siria. Chiaramente, alcune persone, agli occhi di Mr. e Mrs. Bush, sono viste come più meritevoli di altri.

Nel 2007, Glassman è diventato presidente del Broadcasting Board of Governors (BBG), una agenzia governativa degli Stati Uniti che trasmette la propaganda al pubblico d’oltremare attraverso la Voice of America, la Radio Free Europe / Radio Liberty, la Middle East Broadcasting Networks (Alhurra TV e Radio Sawa), Radio Free Asia e la Office of Cuba Broadcasting (Radio e TV Marti). Norman J. Pattiz, il “padre fondatore” di Radio Sawa, che è sempre più popolare in Egitto, è al fianco della BBG. Pattiz è anche nel consiglio nazionale della Israel Policy Forum, che è “impegnata a mantenere una relazione forte e duratura tra USA e Israele e di portare avanti gli interessi comuni degli Stati Uniti e dello Stato di Israele.” Il consiglio consultivo Israeliano è formato da personaggi di rilievo sia nell’area militare che nell’area dell’Intelligence, in particolare David Kimche, che una volta venne descritto come la “spia leader di Israele e aspirante capo del Mossad.” Secondo un profilo del Washington Report, “L’uomo con la valigia’, soprannome dato dai colleghi di Kimche, compare in un paese africano un giorno o due prima di un grosso colpo di stato, per poi andarsene via una settimana più tardi quando il nuovo regime ha stabilmente messo radici, spesso con l’aiuto di squadre di sicurezza Israeliane. ”

Prima del suo coinvolgimento nella “promozione della democrazia“, Glassman era un sostenitore dell’American Enterprise Institute, il mulino propagandistico neoconservatore che ha premuto sul concetto di “guerra globale al terrore” in primo luogo per far avanzare gli interessi nazionali di Israele. Mentre era lì, fondò il The American, una rivista rivolta agli imprenditori e ne fù suo editore capo nel periodo 2005-2007.

Fonte

Zahi Hawass: Lascio dopo i saccheggi perpetrati nei siti archeologici

L’archeologo che si è auto definito l’Indiana Jones egiziano e ha lottato per salvare il ricco patrimonio della nazione, ha detto che darà le dimissioni da ministro delle antichità, lamentando che i tesori sono stati saccheggiati e devastati, con scarsa protezione da parte delle autorità.

Il Dr. Zahi Hawass, che è finito nel mirino per i suoi collegamenti con il presidente appena deposto, Hosni Mubarak, ha riferito che le antichità del paese erano in “grave pericolo” per i criminali, dato anche il fatto che il nuovo regime militare non riesce adeguatamente a difendere le zone calde dell’antico Egitto.

“Dal momento delle dimissioni di Mubarak, il saccheggio è aumentato in tutto il paese, e i nostri tesori antichi sono in grave pericolo grazie ai criminali che tentano di approfittare della situazione”, scrive sul suo sito web, andando ad elencare decine di siti archeologici in tutto il paese che sono stati saccheggiati dall’estromissione di Mubarak il 11 febbraio.

Hawass ha detto al quotidiano Al-Masry-Al-Youm: “Non voglio tornare al ministero di nuovo, non ho mai avvertito debolezze fino al periodo nel quale ho assunto la mia posizione nel Ministero delle Antichità..”

Le sue affermazioni sembrano contraddire una intervista al The Independent del mese scorso, quando insistette sul fatto che l’Egitto fosse pienamente in grado di prendersi cura dei suoi tesori, tra cui le tombe nella Valle dei Re, le piramidi di Giza e i tesori faraonici al Museo Egizio del Cairo. Seduto nel suo ufficio governativo sull’isola residenziale di Zamalek sul Nilo due settimane fa, insistette: “Il mondo dovrebbe elogiare ciò che queste persone hanno fatto e venire a Tahrir Square per ringraziarli di aver salvato il museo.”

Disse che il governo fece fronte egregiamente nel proteggere i suoi musei e gli antichi siti archeologici durante la rivolta di 18 giorni, quando decine di migliaia di persone si riunirono al Cairo e a Tahrir Square per chiedere la fine del regime pluri decennale di Mubarak. Hawas propose anche l’idea di costruire un museo per onorare la rivolta. L’archeologo si anima quando li viene fatto notare che le rivolte potrebbero aver inferto un duro colpo alla sua campagna atta a rimpatriare i reperti egizi conservati in Gran Bretagna. Disse in quella intervista che se ci fosse stata una rivoluzione nel Regno Unito, “neanche un solo oggetto sarebbe rimasto al British Museum”.

La rivolta ha portato a diffusi saccheggi e atti vandalici. Al Museo Egizio di Tahrir Square, 18 manufatti sono stati dati per dispersi, tra cui due statue del giovane Tutankhamon. Quattro sono state trovate. I ladri hanno preso di mira anche la antica terra sepolcrale di Sakkara. I siti turistici egiziani sono stati riaperti il mese scorso, ma i turisti se ne stanno ben lontani.

Una ondata di criminalità ha colpito anche alcune zone del paese, con la polizia, ampiamente demonizzata poichè strumento di Mubarak, che è scomparsa dalle strade dopo la rivoluzione. Alcuni sono tornati dopo che l’esercito è intervenuto per ripristinare l’ordine, ma la sicurezza rimane fragile.

“Le guardie delle antichità e le forze di sicurezza nei siti sono disarmate, e questo li rende un facile bersaglio per i saccheggiatori armati”, il dottor Hawass scrive sul suo sito questa settimana. “Inoltre, la polizia egiziana non ha la capacità di proteggere ogni singolo sito, monumento e museo in Egitto”.

Hawass era finito nei guai per i suoi collegamenti a Mubarak. Venne nominato Ministro delle Antichità durante un disperato rimpasto di governo il 31 gennaio, un ultimo sforzo inutile per aggrapparsi al potere. E ‘stato anche il bersaglio di una protesta lo scorso mese di circa 200 archeologi che si sono riuniti fuori dal suo ufficio per chiedere lavoro.

Fonte

Il simbolismo occulto della Los Angeles Central Library

In tutta la storia della civiltà occidentale, le biblioteche sono state le depositarie delle conoscenze accumulate dalle nazioni e gli epicentri della loro cultura. Le biblioteche centrali, apparte essere grandi edifici contenenti libri, sono punti di riferimento importanti, progettati con una architettura eccellente e pieni d’arte simbolica. La biblioteca centrale di Los Angeles non fa certo eccezione. Uno sguardo approfondito all’arte presente nella Biblioteca è piuttosto illuminante: Essa descrive la filosofia occulta di chi è al potere. Guardiamo ora alla storia della Biblioteca Centrale e al significato nascosto della sua architettura.

Costruita nel 1926, la Biblioteca Centrale è un importante punto di riferimento nel centro di Los Angeles. E’ il pezzo centrale di uno dei più grandi sistemi bibliotecari statali al mondo, The Los Angeles Public Library (LAPL). La maggior parte degli opuscoli turistici spiegano che il design dell’edificio è ispirato all’architettura dell’antico egitto e all’architettura del Rinascimento. Come vedremo, questa scelta di design non è semplicemente un caso, ricorda piuttosto gli insegnamenti e il simbolismo delle scuole misteriche antiche. Infatti, dopo la decodifica delle molte caratteristiche esoteriche presenti, possiamo tranquillamente affermare che l’edificio è principalmente ispirato dalla Massoneria, che è, a sua volta, fortemente intrisa dell’occultismo proveniente dall’antico Egitto e dal Mediterraneo.

La Sala egiziana di una Loggia Massonica testimonia la grande importanza dei misteri egiziani nella tradizione massonica….

La piramide di mattonelle, le due sfingi, i mosaici celesti e altri dettagli trasformano questo spazio pubblico in un tempio occulto vero e proprio. Inoltre, la libreria è sicuramente stata costruita con ideologie elitarie. Il vero significato dell’arte in esposizione sembra essere destinato esclusivamente agli iniziati delle società segrete e non alle masse. Prima di esaminare le caratteristiche più importanti del palazzo, diamo un’occhiata al background dei suoi costruttori.

UN ARCHITETTO DELL’ELITE: BERTRAM GOODHUE

Bertram Grosvenor Goodhue, architetto di molti luoghi di potere

La biblioteca centrale di Los Angeles è stata progettata da Bertram Grosvenor Goodhue, un architetto di primo piano che venne acclamato ed assunto dalle persone più potenti d’America. Le sue opere comprendono gli edifici governativi e militari, le chiese, le biblioteche e le case private dei politici.

Uno degli edifici più famosi progettati da Goodhue è la sede della società Wolf’s Head – una società segreta di Yale. Insieme con le famigerate Skull & Bones e Scroll & Key – le due altre società segrete che si trovano a Yale – Le funzioni della Wolf’s Head sono molto simili a quelli della Massoneria: E’ una discreta ma molto importante forza che controlla una delle università più elitarie degli USA. Nelle sue fila si annoverano membri che sono diventati importanti uomini politici, diplomatici, avvocati e atleti.

L’insegna della Wolf’s Head Society

Il progetto più notevole di Goodhue è il Rockefeller Memorial Chapel dell’Università di Chicago. Commissionata dal magnate più potente d’America, John D. Rockefeller, la Cappella ecumenica, viene utilizzata per varie celebrazioni religiose. Rockefeller ha dichiarato che la Cappella è stata pensata per essere “l’elemento centrale e dominante” del campus.

Il Rockefeller Memorial Chapel


La Cappella è stata progettata in collaborazione con Lee Lawrie, uno dei più grandi scultori americani. Il duo ha lavorato su diversi altri progetti importanti come il Nebraska State Capitol e Biblioteca centrale di Los Angeles, cioè l’oggetto di questo articolo.
Una scultura di Bertram Goodhue mentre tiene in mano il Rockefeller Memorial realizzata da Lee Lawrie, lo scultore preferito dal magnate.

UNO SCULTORE D’ELITE: LEE LAWRIE
Lee Lawrie

Nato in Germania nel 1877, Lawrie si trasferì negli Stati Uniti all’età di 5. Dopo aver appreso il mestiere da alcuni tra i maggiori artisti americani, Lawrie collaborò con Goodhue su diversi progetti e divenne il più importante scultore americano. Il suo stile unico e la sua conoscenza del simbolismo occulto, dei misteri antichi e dei principi massonici apparentemente hanno fatto di lui un’artista dell’elite. Alcune delle sue commissioni di alto profilo sono: i rilievi allegorici del Senato degli Stati Uniti, il Louisiana State Capitol, la statua di George Washington alla National Cathedral di Washington DC e la Harkness Tower della Yale University.

La statua di George Washington realizzata da Lawrie alla National Cathedral. Si noti, dietro di lui, la squadra e il compasso massonici. 

Le opere più famose di Lawrie sono comunque esposte al Rockefeller Center.

L’opera di Lawrie, la “Saggezza”, è esposta sopra l’ingresso principale del Rockefeller Center, NY. La scultura, raffigurante un demiurgo gnostico in possesso di un compasso massonico.

Il Rockefeller Center è pieno di arte simbolica che descrive la filosofia dell’elite luciferiana, basata sull’acquisizione della conoscenza divina. Un altra importante opera ideata da Lawrie al Rockefeller Center è la statua di Atlante. 

L’Atlante di Larwie, al Rockefeller Center.

Atlante viene utilizzato dalla classe dominante come metafora “per le persone che producono maggiormente nella società”, e quindi “che sorreggono il mondo” in senso metaforico. Non sorprende, che Atlante venga associato con 2 delle più importanti opere di narrativa che descrivono il punto di vista delle elite.
Metropolis di Fritz Lang e La Rivolta di Atlante di Ayn Rand: due opere di narrativa classica che descrivono la visione del mondo delle elite occulte. Entrambe le opere promuovono il mito di Atlante, una metafora per rappresentare l’elite come “sostenitrice del mondo “.

Sapendo che Goodhue e Lawrie hanno prodotto delle opere simboliche per i più grandi magnati americani, per i politici e le istituzioni, sareste sorpresi nel sapere che la Biblioteca Centrale contiene le stesse particolarità?

LA BIBLIOTECA CENTRALE

La facciata della Los Angeles Central Library

La biblioteca venne originariamente costruita nel 1926 da Bertram Goodhue. Secondo la documentazione della Biblioteca, il tema centrale dell’architettura ruotava intorno “all’illuminazione attraverso la luce dell’apprendimento”. A causa di un incendio doloso nel 1986, l’edificio ha subito lavori di ristrutturazione e deampliamento – ma il tema centrale è stato comunque fedelmente rispettato. Le sfumature spirituali ed esoteriche fanno del complesso un “tempio di illuminazione”. Straborda di profondo simbolismo mistico, geometria sacra, proporzioni e allusioni a importanti opere occulte. La Los Angeles Central Library e il Rockefeller Center sono molto simili, in questo senso – non sorprende, visto che Lee Lawrie è stato architetto di entrambi i complessi. Come è il caso per il Rockefeller Center, la torcia di illuminazione, in rappresentanza della conoscenza divina, è il simbolo più importante della Biblioteca.

LA PIRAMIDE DELL’ILLUMINAZIONE
La piramide della illuminazione svetta in cima alla biblioteca

Troneggiante nella parte superiore della Biblioteca, vi è probabilmente la caratteristica più distintiva del complesso: una piramide piastrellata sormontata da una mano d’oro che regge una torcia. Oltre che essere bello e decorativo, l’apice della Biblioteca, ha un profondo significato occulto, chiaramente ispirato dalla massoneria. In primo luogo, nella tradizione occulta, la piramide è considerata l’ultimo simbolo dei Misteri. Esso rappresenta il passaggio dal piano materiale al mondo spirituale. Dalla base a forma quadrata della piramide (che rappresenta il mondo materiale) si innalzano, nella perfezione matematica, quattro triangoli (che rappresentano la divinità). Secondo molti ricercatori occulti, le piramidi dell’antico Egitto sono, molto probabilmente, state utilizzate ai fini dell’iniziazione, dove i candidati venivano condotti attraverso il sentiero dell’illuminazione.  

“Più i grandi Ierofanti erano preoccupati di nascondere la loro scienza assoluta, tanto più ne hanno cercato di aumentare la grandezza e moltiplicare i suoi simboli. Le grande piramide, con le sue facce triangolari di elevazione e le sue basi quadrate, rappresenta la loro metafisica, fondata sulla conoscenza della Natura.”
– Albert Pike, Morals and Dogma

Su ogni lato della piramide vi è una rappresentazione del sole, il simbolo visivo più comune riguardante la divinità.

“L’adorazione del sole era una delle forme più antiche e più naturali di espressione religiosa. I complessi teologici moderni sono solo coinvolgimenti e amplificazioni di queste semplici credenze primitive. La mente primitiva, riconoscendo il potere benefico del globo solare, lo adorava come il mandante della Divinità Suprema. ”
-Manly P. Hall, The Secret Teachings of All Ages

Anche se il sole (o raggiera) è il simbolo occulto più comune per rappresentare il divino, non è però direttamente adorato come un dio. Si tratta di una rappresentazione visiva della divinità. Per questo motivo, la Biblioteca Centrale ne è piena.

In tutte le storie su dei o su eroi laici vengono formulate e nascoste informazioni astronomiche e la storia delle operazioni della natura visibile; questi a loro volta erano anche simboli delle verità più alte e profonde. Solo dei rudi e incolti intelletti potrebbero considerare a lungo il sole e le stelle e le forze della natura come divinità, o come oggetti di culto umani; queste persone rimarranno anche per sempre ignoranti riguardo le grandi verità spirituali di cui questi sono i geroglifici e le espressioni.

– Albert Pike, Morals and Dogma

 

LA TORCIA LUCIFERINA
La torcia originale è esposta all’interno della Biblioteca. Possiamo vedere quindi più in  dettaglio la torcia, notare il serpente della conoscenza che ne avviluppa la base .

In latino, la parola “Lucifero” significa “portatore di luce”. Nel simbolismo occulto, luce e fuoco esotericamente rappresentano la conoscenza divina e l’illuminazione. Una mano che regge una torcia accesa rappresenta quindi l’ascesa dell’uomo alla divinità attraverso gli insegnamenti dei Misteri. L’interpretazione gnostica del
racconto della Genesi considera il serpente (Lucifero) come un dato positivo. Diede agli esseri umani le facoltà intellettuali per ragionare e per poter quindi giungere alla divinità con i propri mezzi.  

 

“Il culto di Lucifero rappresenta l’inversione finale del bene e del male. La formula di questa inversione è riflessa dal paradigma narrativo del mito Gnostico, Ipostasi. A differenza della versione originale della Bibbia, il
resoconto gnostico rappresenta una “rivalutazione della storia ebraica sulla tentazione del primo uomo, il desiderio dell’uomo semplice di “diventare come gli dei” prendendo il frutto dell’albero della ‘conoscenza del bene e del male “.
– Carl A. Raschke,The Interruption of Eternity: Modern Gnosticism and the Origins of the New Religious Consciousness

Negli insegnamenti occulti, Lucifero non è esiste materialmente e non è uguale a Satana. Mentre quest’ultimo è esotericamente associato alla discesa verso la materialità, Lucifero rappresenta l’ascesa alla divinità attraverso le
capacità cognitive dell’uomo. Per mezzo dell’acquisizione della conoscenza misterica, l’iniziato ha:

“L’opportunità per cancellare la maledizione della mortalità per incontro diretto con la divinità protettrice, o in molti casi attraverso l’apoteosi dell’individuo, una trasfigurazione dell’umano in divino “.
– Ibid.

Gli autori massonici, come Albert Pike e Albert G. Mackey hanno fatto riferimento al “sentiero luciferino” e alle “energie di Lucifero” per descrivere la “ricerca della luce”. Il termine “luciferino” è quindi utilizzato nel senso di “portare l’illuminazione”. Gli studiosi massonici spesso invocano Prometeo, che rubò il fuoco agli dei per portarlo all’uomo, per
descrivere questo concetto. Per questo motivo, Prometeo è la figura centrale del Rockefeller Center.

Prometeo, l’equivalente ellenico di Lucifero, mentre porta all’uomo la conoscenza (Rockefeller Center)

I richiami a Lucifero, nella libreria, non finiscono qui.

LA FACCIATA OCCIDENTALE – FOSFORO ED ESPERO

La facciata ovest

Concepita da Lee Lawrie, la facciata occidentale della Biblioteca rappresenta un altro riferimento alle scuole del Mistero. Due figure umane sono rappresentate con i nomi di “Phosphor” e di “Hesper”. Questo particolare apparentemente minore è forse il più significativo.

Phosphor (o fosforo) è il termine latino per il pianeta Venere al mattino, indicato anche come la “Stella del mattino” o “portatore di luce”. Tali termini sono sinonimi di Lucifero.

“Credendo che Venere avesse da due corpi, i greci antichi chiamarono la stella del mattino Φωσφόρος, Phosphoros (latinizzato fosforo), il” portatore di luce” oppure Ἐωσφόρος, Eosphoros (latinizzato Eosphorus), il”portatore dell’aurora”. La stella della sera venne chiamata Hesperos (latinizzato Espero) (Ἓσπερος, la “stella della sera”). In età ellenistica, il termine Hesperos sarebbe poi stato tradotto in latino con Vesper e Phosphoros come Lucifero (“Portatore di Luce”), termine poetico in seguito utilizzato per fare riferimento all’angelo caduto dal cielo.
– William Sherwood Fox, The Mythology of All Races: Greek and Roman

Espero (o Vesperus) si riferisce a Venere di sera.

“I discepoli di Pitagora venerarono molto anche il pianeta Venere, perché era l’unico pianeta abbastanza luminoso da creare un’ombra. Come stella del mattino, Venere è visibile prima dell’alba, e come stella della sera risplende subito dopo il tramonto. A causa di queste qualità, una serie di nomi è stata data ad essa dagli antichi. Quando era visibile nel cielo al tramonto, venne chiamata vespro, e quando sorgeva prima del sole, fù chiamata falsa luce, la stella del mattino, o Lucifero, che significa portatore di luce “.
– Manly P. Hall, The Secret Teachings of All Ages

Quindi, Fosforo ed Espero sono due parole che significano la stessa entità, Venere, un corpo celeste occultamente associato a Lucifero e a diversi stadi di evoluzione. La figura corrispondente al fosforo contiene i nomi dei filosofi orientali come Mosè, Zoroastro e Buddha, mentre Espero contiene il nome di pensatori occidentali come Socrate, Francis Bacon e Immanuel Kant. Questi dati storici non sono stati scelti a caso: essi svolgono un ruolo importante negli insegnamenti delle Scuole Mistero. In realtà, Francis Bacon, René Descartes e Kant sono figure centrali della rinascita della moderna Rosa Croce e della Massoneria nella civiltà occidentale.

Nella parte superiore del muro vi è il proverbio latino “et quasi cursores vitai lampada tradunt“. Questa è una citazione dal poema romano De Rerum Natura scritto da Lucrezio e può essere tradotto in “E come i corridori passano la fiaccola della vita”. La “fiaccola della vita” può essere equiparata ai Misteri occulti, la conoscenza nascosta, tramandata di generazione in generazione attraverso le società segrete. Tra Fosforo ed Espero, vediamo un cavaliere che passa la “fiaccola della vita”, o conoscenza occulta, alla generazione successiva da Est verso Ovest.

La facciata occidentale della Biblioteca, che serve anche come ingresso principale, è quindi una parte molto significativa che rappresenta la perenne esistenza delle scuole del mistero attraverso la filosofia luciferina. Tutto questo, quando dobbiamo ancora addentrarci nell’edificio.

IL GLOBO ILLUMINATO

Il globo ha un diametro di 2,80 m

 

Situato proprio sotto la piramide sulla cima del palazzo, questo lampadario a forma di globo è composto di bronzo fuso e, secondo la documentazione della Biblioteca, pesa una tonnellata. È stato progettato dai soci di Goodhue e modellato da Lee Lawrie. 

Il globo è circondato da un anello contenente i segni dello zodiaco ed è illuminato da 48 lampade. L’anello è attaccato alle catene che si collegano alla raggiera  sul soffitto. Come visto in precedenza, la raggiera è un antico simbolo che rappresenta la divinità. Questo design ricorda le incisioni cabalistiche che rappresentano i 72 nomi di Dio.

I settantadue nomi di Dio dal Kircher’s OEdipus Ægyptiacus. Come il lampadario a globo della biblioteca, questa incisione cabalistica riporta i simboli dei pianeti e i segni dello zodiaco.

Che le luci che circondano il globo rappresentino la “cerchia degli illuminati”, i governanti occulti della terra, che sono connessi alla divinità attraverso la Gnosi? Che le 48 luci, che rispecchiano i 48 raggi del sole, rappresentino l’assioma ermetico “Come sopra, così sotto”?

“Nonostante le dichiarazioni in senso contrario, la massoneria è una religione che cerca di unire Dio e l’uomo elevando i suoi iniziati a quel livello di coscienza nella quale si possono vedere chiaramente le opere del Grande Architetto dell’Universo. Di età in età la visione di una civiltà perfetta viene conservata come l’ideale per l’umanità. Nel bel mezzo di quella civiltà starà un’università possente dove sia le scienze sacre che quelle profane sui misteri della vita verrano liberamente insegnate a tutti coloro che intraprenderanno la vita filosofica. Qui credo e dogma non avranno senso, il superficiale sarà rimosso e solo l’essenziale sarà da preservare. Il mondo sarà governato dalle sue menti più illuminate, e ciascuno occuperà la posizione per la quale è più ammirevole. (…)
– Manly P. Hall, The Secret Teachings of All Ages

LA STATUA DELLA CIVILITA’


In un angolo remoto al termine di un pavimento con tema a quadri, la Statua della Civiltà sorge sopra una scala, fiancheggiata da due sfingi. Secondo la documentazione raccolta, la statua di Lawrie Lee “simboleggia tutto ciò che la biblioteca rappresenta”. La sua mano sinistra regge una torcia fiammeggiante e la sua mano destra tiene un libro che contiene citazioni che sono, per inciso, molto importanti nella Massoneria:

“In principio era il Verbo.” (dal greco)

“La conoscenza estende gli orizzonti.”(latino)

“La nobiltà comporta degli obblighi.” (francese)

“La saggezza è nella verità.” (tedesco)

“La bellezza è verità – vera bellezza ” (in inglese)

Sulla statua vi è un pannello scolpito contenente simboli di civiltà antiche e moderne.

Dal basso verso l’alto:

– Il vuoto per i secoli sconosciuti dell’uomo
– Le Piramidi d’Egitto
– Una Nave Fenicia
– Il toro alato per Babilonia e le tavolette per la Giudea
– La Porta dei Leoni e il Partenone per le civiltà minoiche e greche
– La lupa con Romolo e Remo a Roma
– Il drago per la Cina
– Shiva per l’India
– Notre Dame per l’Europa cristiana medievale
– La testa di Serpente Piumato per i Maya
– Il Buffalo, un vagone coperto, e la campana della libertà, per gli Stati Uniti d’America

Ancora una volta, queste civiltà sono state scelte per la loro importanza nella storia massonica, sono infatti note per avere tramandato i misteri occulti. Lo spazio vuoto in basso, molto probabilmente fa riferimento ad Atlantide, la civiltà perduta, che, secondo i testi occulti, è stata all’origine dell’ermetismo. L’edificio medievale che rappresenta l’Europa cristiana, Notre Dame de Paris, è stato costruito dai Cavalieri Templari, l’ordine che viene considerato come l’antenato dei moderni massoni.

LE SFINGI

Una delle sfingi a guardia della statua della civiltà

Nel simbolismo occulto, le sfingi sono le guardiane dei Misteri, poichè proteggono gli insegnamenti esoterici dagli occhi dei profani. Il sito ufficiale della Biblioteca descrive le sfingi in questo modo:

“Di marmo belga nero senza venature con copricapi di bronzo, le sfingi simboleggiano i misteri nascosti della conoscenza e sono a guardia della statua della civiltà”.
– Fonte

Ogni sfinge tiene in mano un libro che contiene citazioni da La morale di Plutarco (“Su Iside e Osiride”)

La sfinge di sinistra – “Io sono tutto ciò che era ed è e deve essere e nessuno ha mai sollevato il mio velo”.

La sfinge di destra – “Quindi il desiderio di verità, specialmente quello che riguarda gli dei, è di per sé un anelito alla Divinità”.

La prima citazione è incredibilmente significativa nei misteri massonici in quanto l’illuminazione, metaforicamente, è equiparata al “sollevamento del velo di Iside”. Per questo motivo, gli stessi massoni si fanno chiamare i “Figli della vedova”, la vedova è Iside, la dea che ha perso il marito Osiride.

“Anche se alcuni non hanno mai scoperto la sua identità, lei è Sophia, la Vergine della Sapienza, che tutti i filosofi del mondo hanno corteggiato. Iside rappresenta il mistero della maternità, che gli antichi hanno riconosciuto come la prova più evidente della saggezza onnisciente della natura e della potenza di Dio. Per il ricercatore moderno lei è l’epitome del grande ignoto, e solo coloro che sveleranno la sua volontà saranno in grado di risolvere i misteri della vita, della morte, della generazione e della rigenerazione. ”
– Manly P. Hall, The Secret Teachings of All Ages

La seconda citazione riassume al suo interno l’intero scopo occulto delle società segrete: cercare la divinità mediante la conoscenza dei Misteri.

Il simbolismo di queste sculture è quindi estremamente potente e rivelatore: La Civiltà, la forza dietro le nazioni, la politica, la cultura, l’economia e la cittadinanza vengono custodite dal simbolo dei Misteri. La statua in pratica dice: Le società segrete hanno guidato l’evoluzione della civiltà fin dai tempi antichi, e continueranno a farlo.

LA STELLA DI ISHTAR

La stella a 8 punte

Incorporata nel pavimento, in un punto centrale della Biblioteca, vi è una stella a otto punte, un simbolo conosciuto come la stella di Ishtar.

Una versione dell’antico simbolo della stella a otto punte mesopotamica della dea Ishtar (Inanna /Inanna), che rappresenta il pianeta Venere come stella del mattino o alla sera.

Ishtar era la dea assira e babilonese della fertilità, dell’amore, della guerra e della sessualità ed è considerata dai Babilonesi  “la personificazione divina del pianeta Venere”. La storia della sua discesa negli inferi alla ricerca presumibilmente dell’elisir sacro che avrebbe potuto ridare la vita a  Tammuz è la chiave per il rituale dei suoi misteri. Forse per questo motivo, il simbolo della stella di Ishtar si trova spesso nei livelli più bassi degli edifici occulti, come nel Manitoba Legislative building . Che questo simbolo rappresenti il mondo sotteraneo?

La stella di Ishtar al Manitoba Legislative Building

CONCLUSIONE

Per la maggior parte delle persone, la Los Angeles Public Library non è altro che un edificio funzionale, il quale è stato splendidamente decorato. Quando si comprende il simbolismo occulto visualizzato intorno al complesso, la Biblioteca si trasforma in un tempio di illuminazione, dedicato ai misteri occulti e ai principi massonici. Si tratta di una celebrazione dei successi della elite luciferina e della vittoria dei suoi principi occulti. Il fatto che la biblioteca è dedicata alle società segrete, nonostante il fatto che la LAPL sia finanziata con fondi pubblici, la dice lunga sulla vera natura del potere americano.

Dopo aver letto questo articolo, alcuni potrebbero chiedere: “Se la ricerca della conoscenza è un tratto di Lucifero, e se Lucifero è tradizionalmente associato con il male, vuol dire che la ricerca della conoscenza è sbagliata?”. Assolutamente no. Cercare la conoscenza non sarà mai sbagliato come essere ignorante non sarà mai giusto. La conoscenza porta alla saggezza e al discernimento, mentre l’ignoranza porta alla confusione e allo smarrimento. Inoltre, è solo attraverso la piena comprensione delle forze che operano nel mondo che si diventa in grado di compiere veramente il bene della società. Viceversa, una persona ignorante può essere facilmente manipolata da seduttori di cui ne diventano complici inconsapevoli. Non importa quale termine venga usato per descrivere la ricerca della Verità, sarà sempre la più nobile tra le cose, indipendentemente dal proprio credo o religione. Le facoltà di apprendimento e di comprensione non sono esclusive di un gruppo di persone. Esse sono state date in dono a tutti gli esseri umani ed è nostro dovere svilupparle. La cosa più importante da considerare è questa: utilizzi la conoscenza per guidare, ispirare e illuminare o la usi per controllare, manipolare e ingannare? Abbiamo visto nei precedenti articoli come l’élite utilizza le proprie conoscenze per manipolare le masse. Che cosa farete con le vostre di conoscenze?

Fonte

 

Gli archeologi egiziani ammettono la presenza di tecnologie aliene all’interno delle piramidi

In una dichiarazione shock, il capo del Dipartimento di Archeologia dell’Università del Cairo, il dottor Al Shaheen ha detto al pubblico che potrebbe essere vera la teoria per la quale gli antichi egizi sono stati aiutati dagli alieni a costruire le più antiche piramidi, cioè quelle di Giza.
Incuriosito dall’argomento il signor Marek Novak, un delegato dalla Polonia, ha posto altre domande chiedendo se le piramidi potessero ancora contenere tecnologia aliena o anche un UFO data la sua struttura, il dottor Shaheen,in maniera vaga ha risposto: “Non posso confermarlo o smentirlo, ma C’E’ QUALCOSA ALL’INTERNO DELLA PIRAMIDE CHE “NON E’ DI QUESTO MONDO””.
I delegati alla conferenza sull’architettura egiziana sono rimasti più che sorpresi dalle dichiarazioni, ma il dottor Shaheen ha rifiutato di commentare ulteriormente o approfondire le sue scottanti rivelazioni.

Fonte

Sniff Like An Egyptian

All’inizio degli anni novanta, il Museo Egizio di Monaco di Baviera ha avviato un progetto di ricerca per scoprire se gli antichi egizi consumassero il fiore di loto per le sue proprietà psichedeliche, una teoria innescata dai fiori di loto decorativi presenti in molti templi. La dottoressa Svetlana Balabanova, una tossicologa di grande fama che lavora all’Istituto di Medicina Legale di Ulm (Germania), ha esaminato le nove mummie, su richiesta del museo e ha scoperto che, invece di resti di fiore di loto, vi era una abbondante presenza di nicotina e cocaina. Queste droghe sono presenti nelle piante di tabacco e coca e non erano nè coltivate nè conosciute fino alla scoperta dell’America nel 1492 da parte di Colombo.

 

Perchè le sue scoperte venissero confermate, chiese ad altri 3 laboratori di ripetere i tests e tutti i risultati coincisero con il primo studio. Nonostante queste tecniche vengano utilizzate nei processi penali in tutto il mondo e sono risultati esatti al 100 %, il mondo scientifico, guidato dall’Università di Oxford, ha reagito furiosamente e ha negato i risultati, dal momento che ciò, implica che vi furono contatti tra l’Egitto e le Americhe prima di Colombo, il che è impossibile secondo la versione ufficiale.

La nicotina fù precedentemente trovata nel 1976 quando la mummia del faraone Ramses II, venne portata al Museo dell’Uomo di Parigi. Tutto ciò venne dimenticato perchè visto come “sfavorevole” all’occhio degli egittologi.

Nel video:Michael Tsarion discute su come la civilità dell’Antico Egitto fosse stata fondata dagli abitanti di Atlantide.I risultati degli studi condotti sul DNA del faraone Tutankhamon dimostrano come la sua origine fosse dell’Europa occidentale. Michael Tsarion sul Jeff Rense Program contestò le false affermazioni delle Nazioni Unite e dello Smithsonian. Tutti i faraoni compreso Tutankhamon condividono la stessa linea di sangue proveniente da Atlantide. Tutankhamon non era di colore ma di razza caucasica.

Divinità Aliene: Ra

Coloro che propongono la teoria degli antichi astronauti spesso sostengono che gli esseri umani sono o i discendenti o le creazioni di esseri che atterrarono sulla Terra migliaia di anni fa. La teoria più diffusa è che la conoscenza umana, la religione e la cultura ci fossero state tramandate da visitatori extraterrestri in tempi remoti. Gli antichi astronauti sono stati ampiamente utilizzati come espediente narrativo nella fantascienza, ma l’idea che fossero realmente esistiti, non viene presa sul serio dalla maggior parte degli accademici.

Gli argomenti che sostengono le teorie degli antichi astronauti sono da ricercare nelle lacune storiche e archeologiche. Le prove includono reperti archeologici che vanno ben al di la delle capacità tecniche e tecnologiche dell’epoca. Queste includono anche opere d’arte e leggende che vengono interpretate come un primo contatto con razze aliene.

Nonostante queste affermazioni, diciamo che vi è un assioma nelle teorie degli antichi astronauti. Dobbiamo chiederchi, chi erano questi esseri? Che cosa rappresentano per gli abitanti della terra? In quali casi erano gli “dei” nelle antiche culture?

P’TAH (Dio del cielo venuto sulla Terra dal disco celeste) Mise come capo supremo (e divino) suo figlio RA. Conosciuto inizialmente come Atum, è probabilmente la più importante delle divinità egizie e naviga attraverso il cielo nella sua barca solare. La leggenda vuole che l’umanità si sia formata dalle lacrime di RA. Hai bisogno di una conferma? Guarda il sole che splende in alto nel cielo quello è il suo occhio onnipotente che scruta tutto dall’alto.

Le antiche leggende narrano di Tep Zepi, o dell’Inizio. Nella leggenda possiamo leggere che questa è un’epoca in cui gli “dei del cielo” scesero sulla terra e fecero emergere il terreno dal fango e dall’acqua. Si suppone che percorressero il cielo attraverso “barche” e portassero leggi e saggezza all’uomo attraverso una linea reale di faraoni.

Dalle antiche scritture si deduce che Ra avesse un rapporto “singolare” con la sua compagna, Nut la dea del cielo. Durante la notte,Ra, doveva navigare attraverso la sua bocca e doveva poi combattere contro gli incubi che risiedevano al suo interno (nella Via Lattea). RA percorre il suo cammino attraverso dodici cancelli al ritmo di uno all’ora evitando i mostri maligni, tra cui il Dio Serpente APEP che cerca di distruggerlo al suo passaggio. Una volta superati questi periocoli, si dirige verso il canale del parto di NUT per salutare il nuovo giorno. Non è solo nel suo viaggio. Altri dèi – THOTH, Maat, Hathor, Horus fanno parte delle divinità superiori e assieme a ABTU, ANET e Khepri cercano di coprirli le spalle da eventuali pericoli. L’imbarcazione notturna si chiama Mantchet la notte, mentre quella diurna si chiama Semketet, nella quale si imbarcano per fare i loro viaggi. Nut diede vita ad Osiride. Al momento della nascita di Osiride, si sentì una voce in tutto il momento,che disse: “il Signore di tutta la terra è nato.”

Molti dei cercarono di emulare RA, aggiungendo il suo nome al proprio per acquisire gloria. Il più importante di questi è stato Amon-Ra.

RA è l’unico Dio, a parte Osiride, il quale non risiede sulla Terra. RA, viene descritto come un dio molto vecchio, si potente, ma troppo vecchio per gestire ancora i suoi figli, così si è trasferito in cielo per osservare il mondo. Horus regna sulla terra e sugli dei al suo posto, dimostrando il diritto divino regale.

Nel Nuovo Regno il dio Amon è diventanto molto importante, fondendosi con RA e diventando così Amon-Ra. Durante il periodo di Amarna, Akhenaton soppresse il culto di RA a favore di un’altra divinità solare, Aton, il disco solare deificato, ma dopo la morte di Akhenaton il culto di RA venne restaurato.

Il succo della vicenda è che nonostante la costruzione di elaborate strutture come la Grande Piramide o la profonda conoscenza tecnlogica prima ancora della scoperta della ruota, gli egiziani furono una civiltà straordinaria, con una storia ricca e vivace. Anche se fossero stati aiutati da cosidetti antichi astronauti, ciò non avrebbe in ogni caso cancellato la loro grandezza intrinseca.

Immagini sulle travi di un soffitto di un tempio del Nuovo Regno 3000 anni fa circa,
è stato trovato a diverse centinaia di miglia a sud del Cairo e dalla Piana di Giza, ad Abydos

Da questa immagine possiamo vedere molte “imbarcazioni” che assomigliano alle moderne macchine moderne

Kanye West:Significato occulto di “Power”

Il video della canzone “Power” è una storia profonda  raccontata attraverso il linguaggio simbolico. Dalla decodifica dei simboli occulti di questo breve video, lo spettatore scopre chi detiene realmente il “potere” nel mondo e comprende la storia dell’iniziazione di Kanye West. Prenderemo in esame il significato di quei simboli così come appaiono nel video.

Il rapper e produttore Kanye West ha sempre trovato un modo per distinguersi dalla folla. Il video di “power” non fa eccezione. Si differenzia dagli standard di Mtv, sia che se ne guardi il contenuto o la forma. La durata del video, lo stile di ripresa e il tema sono ben diversi dai video rap tipici di questo periodo anche per la durata (1:43), è stato girato in un unica volta (rispetto allo standard delle riprese secondo per secondo) ed è molto ricco di simbolismi archetipici.

Il direttore del video, Marco Brambilla, ha cercato di rappresentare il concetto di potere sotto forma di un dipinto in movimento che si rivela lentamente allo spettatore con un progredire continuo della videocamera. Il regista sembra aver perfezionato questa tecnica nella sua penultima creazione, Civilization, un video-murale creato per i nuovi Hotel a New-York. Il simbolismo in questo video è semplicemente travolgente. Eccolo:

Per “Power”, Brambilla ha scelto una estetica neoclassica, ma che comunque è piena di riferimenti simbolici e culturali. Come nel caso dei dipinti del periodo neo-classico, ogni oggetto, ogni simbolo e ogni dettaglio nel video veicolano un importante significato, una spiegazione che è necessaria per comprendere l’intera storia. Come vedremo in seguito, molti simboli nel video hanno un profondo significato occulto e molti  tra questi strizzano l’occhio alla massoneria e alle scuole del mistero. Inserendo questi elementi, il regista afferma chiaramente il tipo di potere a cui fa riferimento il video.Esaminiremo ora i simboli presentati nel video:

SIMBOLI DEL VIDEO

Il video inizia con un primo piano di Kanye West con gli occhi che “risplendono nel buio”, come se fosse stato “illuminato” dal di dentro. Si trova tra una fila infinita di colonne ioniche, che rappresentano la “saggezza” nel simbolismo massonico.

Kanye con gli occhi “illuminati” in mezzo a due file di colonne

LE DUE COLONNE

Come i lettori abituali di questo sito già sanno, il significato occulto delle due colonne è antico, profondo e presente nel simbolismo di quasi tutte le scuole del mistero della storia. Ci sono molti livelli di interpretazione attribuiti alle due colonne, ma una costante è sempre presente: Le colonne rappresentano l’ingresso / la porta al mondo dell’iniziato. Dietro le colonne si trova la chiave ai Misteri e, quindi, la fonte del vero potere. Questo concetto è stato usato in molte culture e scuole di pensiero.

Le due colonne denominate le “Colonne d’Ercole”, nella Grecia antica si innalzavano nella porta di ingresso alla sfera degli illuminati.

“La città dove la filosofia è sovrana svetta dalla cima più alta delle montagne della terra, e qui gli dèi della saggezza e della sapienza, insieme si godono la felicità eterna. In primo piano vi sono le colonne d’Ercole (simboliche) che appaiono sul frontespizio del Novum Organum di Bacone, e tra loro corre il percorso che conduce verso l’alto: dalle incertezze della terra a ciò che è un perfetto ordine stabilito, nella sfera degli illuminati. “

– Manly P. Hall

Le Colonne d’Ercole nell’opera “La nuova Atlantide” di Francis Bacon,vengono rappresentate come un passaggio per il Nuovo Mondo.

Due colonne conducono verso la scala di Giacobbe. (Registro massonico)

Un iniziato all’ordine massonico in piedi tra i due pilastri, sta a  rappresentare il terzo pilastro, allo stesso modo di Kayne West nel suo video.

Nel video di “power”, Kanye è in mezzo alle 2 colonne, di fronte a lui, il confine con il corrotto e decadente mondo materiale. In questo modo proprio dall’inizio del video, il regista rivela la vera natura del potere in questo mondo: Non sono i funzionari democraticamente eletti dal popolo ad avere in mano le redini della società, bensì coloro i quali si considerano “dietro” queste colonne. Una delle frasi più significative della canzone è:

“In this white man’s world, we the ones chosen”

Quando Kayne parla di “questo mondo di bianchi” fa per caso riferimento a quei burattinai occulti , gli Illuminati, che si nascondono dietro questi pilastri? Hanno scelto Kanye West dandoli “potere”,così da farlo diventare influente nel mondo dell’industria musicale? E’ stato scelto per diventare uno di loro? Il prossimo simbolo potrebbe far luce su questo.

HORUS

Il pendente di Horus nella colanna di Kayne

L’altra cosa che cattura l’occhio dell’osservatore è probabilmente la testa di Horus gigante portata come un ciondolo al collo di Kayne. Horus è una divinità egizia che ha una estrema importanza nei misteri occulti. Considerato il dio del cielo, egli è più frequentemente rappresentato con il simbolo di un solo occhio. L’occhio di Horus è un antico simbolo egizio di protezione e di potere regale derivato dalle divinità, in questo caso da Horus o da Ra….

Horus, il figlio di Osiride e Iside, era chiamato “Horus che regna con i due occhi.” Il suo occhio destro era bianco e rappresentava il sole mentre il suo occhio sinistro era nero e rappresentava la luna. Secondo la leggenda egizia Horus perse l’occhio sinistro durante un combattimento con lo zio assassino, Seth, per vendicarsi della morte del padre. Seth strappò l’occhio del nipote ma perse la lotta poichè l’assemblea degli dèi dichiaro Horus vincitore. L’occhio è stato guarito dalla magia di Thot. Successivamente venne dato ad Osiride che sperimentò la rinascita nell’oltretomba “.
– Michael Jordan, Encyclopedia of Gods

Horus, dio del cielo

L’importanza del simbolismo occulto dell’occhio onniscente è stato più volte sottolineato:L’occhio onniscente può essere trovato sul Gran Sigillo degli Stati Uniti e in molti altri simboli occulti i quali fanno riferimento all’occhio di Horus.

L’occhio di Horus, raffigurato dalla scuola del mistero “Golden Dawn”

Il simbolismo di Horus è di grande importanza nella massoneria, infatti il percorso tra i vari gradi massonici è un processo che porta all’apertura dell’occhio di Horus.

Quindi, Kanye si trova ad un livello intemedio tra il mondo corrotto del profano e il mondo esclusivo degli illuminati, con adosso un ciondolo di Horus, un simbolo inconfondibile per quanto riguarda l’occultismo. Si potrebbe dire: “Beh, forse Kanye è solo perso per la cultura egiziana!.” Può darsi, ma nel contesto di questo video, dove tutti i dettagli sono importanti ed estremamente significativi, Horus diventa necessariamente un  pezzo di questo puzzle simbolico.

LE RAGAZZE CON LE CORNA

L’ingresso preceduto dai due pilastri è custodito da due ragazze albine cornute con in mano una staffa. Le loro caratteristiche figurative richiamano molto le raffigurazioni di Iside e Hathor, due divinità dell’antico Egitto. Un’altra allusione alla magia egizia.

Kayne è in piedi in mezzo a due figure femminili con le corna

Iside e Hathor durante l’incoronazione della regina Nefertari. Entrambe le dee erano raffigurate con le corna bovine sulle loro teste.

Iside era la madre di Horus (come discusso in precedenza) ed era la dea della maternità, della natura e della magia. Hathor viene considerata come una divinità materna, ma era allo stesso tempo anche divinità della musica, della danza e della fertilità. Sia Iside che Hathor erano conosciute per accogliere e proteggere i morti durante il loro viaggio verso l’aldilà, un concetto che è particolarmente interessante nel contesto del video.

Hathor stringe uno scettro assieme al Faraone Ramses II

“La dea (Hathor) […] manifesta due aspetti del suo potere divino: prima di tutto,partecipa al rito di passaggio nell’aldilà, per mezzo del quale il defunto raggiunge la vita eterna, e, dall’altro, ha dimostrato la sua speciale connessione con i faraoni. Hathor è giustamente chiamata una dea regale, e per questo motivo era molto legata alla vita del faraone. Spesso quest’ultimo si faceva chiamare il più vecchio fra i figli di Hathor “.

Kanye, probabilmente simboleggia il Faraone, è in piedi alle porte della sapienza eterna, per essere giustiziato / assassinato / sacrificato sotto gli occhi attenti di Hathor, la “dea regale.” Le dee stanno proteggendo Kayne in questo viaggio nell’aldilà? Nei circoli occulti, i nuovi candidati devono simbolicamente morire e rinascere per completare il loro processo di iniziazione.

LA SPADA DI DAMOCLE

Una spada appesa sopra la testa di Kanye West

Facendo qualche ricerca preliminare su questo video, ci si imbatte su un articolo di MTV.com di Kanye West dal titolo ‘Power: A Cultural Cheat Sheet. Ecco cosa dice a proposito della spada appesa sopra la sua testa:

“Dragonlance: Un’immagine di una spada che ricade in mezzo alla corona sospesa sul capo di Kanye, che porta alla mente il secondo volume delle serie di Douglas Niles ‘”The Crown and the Sword: The Rise of Solamnia”, in cui Sir Jaymes Markham comanda gli ordini della Rosa, della spada e della Corona. ”
– Kanye West’s ‘Power’ Video: A Cultural Cheat Sheet, MTV.com

Veramente? Il regista di questo video a tema neo-classico, è stato ispirato da un romanzo fantasy oscuro rilasciato più o meno nel 2006? La spada che scende è più probabilmente un riferimento alla Spada di Damocle, una leggenda piuttosto nota.

Raffigurazione della spada di Damocle in un dipinto di  Wenceslas Hollar

“Il Damocle dell’aneddoto era un ossequioso cortigiano alla corte di Dionigi II di Siracusa, tiranno di Siracusa nel quarto secolo a.C. Damocle affermava che, essendo Dionigi, un grande uomo di potere e di autorità, era veramente fortunato. Dionigi allora li offrì di scambiarsi i ruoli per un giorno, in modo da poter assaggiare in prima persona, quella fortuna. In serata si tenne un banchetto in cui Damocle fu molto felice di essere trattato da re. Solo alla fine del pasto alzando lo sguardo notò una spada affilata appesa  sopra la sua testa con un singolo pelo di crine di cavallo. Immediatamente, perse il gusto per la buona cucina e per le belle ragazze e  rivolgendosi al tiranno, disse che non voleva essere più così fortunato.

Dionigi era riuscito a trasmettere quel senso di paura costante in cui vivono i grandi uomini. Cicerone usa questa storia come l’ultimo di una serie di esempi contrastanti per giungere alla conclusione, attraverso essi,  che la virtù è sufficiente per vivere una vita felice. Cicerone si chiede “Dionigi non aveva chiarito sufficentemente il fatto che non ci può essere nulla di felice per una persona su cui incombe sempre qualche paura?”

– Fonte

Il racconto della Spada incarna il costante pericolo che devono affrontare coloro i quali occupano posizioni di potere. Kanye sta lì, in uno stato di rovina imminente, sapendo che può essere giustiziato in qualsiasi momento. Subito dopo si vede la spada di Damocle, una figura compare in possesso di un pugnale e tenta di pugnalarlo. Non verrà ucciso dalla pugnalata, tuttavia,  altre due figure saltano fuori dal nulla reggendo in mano 2 spade pronte per eseguire l'”uccisione del re”.

L’UCCISIONE DEL RE: L’INIZIAZIONE

Rito di iniziazione rappresentato da un incrocio di geometrie e simmetrie

Alla fine del video, le donne corrotte e l’assassino col pugnale scompaiono del tutto mentre due spade sono in procinto di colpirlo. Stanno sacrificando il Re?

Il concetto di regicidio si riflette nella copertina del singolo. Raffigura la testa coronata e mozzata di Kanye, con una spada saldamente conficcata in essa. Apparentemente Kayne era re e qualcuno lo uccise. È  per caso questo un simbolo di un rituale massonico? Notare la pietra su cui è posta la testa di Kanye. E ‘il “bugnato perfetto”  massonico che rappresenta una iniziazione perfetta?

La copertina dell’album che ritrae l’uccisione di Kayne West come re.

Un bugnato perfetto in una loggia massonica. Nel simbolismo massonico, i candidati iniziano il loro viaggio come “pietra grezza” e, attraverso la conoscenza e la saggezza, “smussano” i bordi in modo da diventare un bugnato perfetto.

Alcuni ricercatori hanno affermato l'”uccisione del re” è il nome di un rito massonico di passaggio per ottenere il 33 ° grado (vedi “King Kill 33” di James Shelby Downard & Michael A. Hoffman II). Alcune interessanti note a parte: King Kill 33 è anche il nome di una canzone di Marilyn Mason, che ha delle parole piuttosto interessanti. Un altra cosa: i ricercatori hanno riferito che il rito dell’uccisione del re accade spesso in pubblico, poichè con altre persone presenti al rito esso prende vigore, l’uccisione di JFK? Fatevi le vostre ricerche!

Tornando a Kanye… le due spade dirette verso di lui in realtà non lo toccano mai bensì formano un triangolo sopra la sua testa, alludendo forse ad una “uccisione simbolica più che ad una vera”. Si noti la posizione della corona sopra la testa di Kanye’s. La combinazione di questi elementi forma un immagine interessante.

Squadra e compasso massonici

CONCLUDENDO
Per riassumere il video, Kanye sta al confine tra il sapere massonico e la decadenza della vita mondana, rappresentata, quest’ultima, da donne sensuali e golose, che se ne stanno rilassate mangiando uva. Kanye dice “addio mondo crudele, / ti rivedrò il prossimo mattino,è stato “scelto” per  prendere parte ad un processo di iniziazione che viene spesso descritto metaforicamente come una “lunga notte”, seguito da un risveglio glorioso come un nuovo essere . Per ottenere questo risultato, Kanye ha bisogno di uccidere il suo vecchio se stesso e rinascere ritualmente. Una volta fatto questo, il vero potere è alla sua portata.

Questo “pittura in movimento” è sicuramente un’opera a più strati, con molti livelli di interpretazione: il primo livello è un commento sul potere usando simboli senza tempo presi direttamente dall’arte antica, il secondo livello descrive una iniziazione massonica con un omicidio rituale e una imminente rinascita.

Questo video dura solo 1 minuto e 43 secondi ma riesce a far riflettere molto gli spettatori attraverso le sue simbologie. Guardando il suo significato da un punto di vista della cultura pop, è interessante notare che questo cortometraggio, destinato ad essere visto dal grande pubblico (in particolare dai giovani), descrive il concetto di potere con un evidente simbolismo massonico e con dei riferimenti occulti. Questo fa sì che gli spettatori disinformati inconsciamente associano questi simboli con il concetto di Potere, mentre “quelli che sanno” percepiscono il messaggio degli insider che hanno lavorato a questo video. “Power” diventa in definitiva un altro elemento nel processo in corso denominato “Rivelazione del Metodo”, dove la vera fonte di potere  si rivela a poco a poco e in maniera subliminale al mondo e i rituali occulti vengono perpetrati di fronte al pubblico.

Fonte