Archivi categoria: Sherlock Holmes

Illuminati:Sherlock Holmes

L’ultimo blockbuster di Hollywood, Sherlock Holmes ruota intorno ad omicidi occulti e a cospirazioni mondiali. Il film è pieno di simboli occulti e di allusioni a un “Nuovo Ordine”. Vedremo la storia di Sherlock Holmes, le origini dei simboli presenti nel film e il suo significato nel contesto di oggi.

Ispirato ai racconti di Sir Arthur Conan Doyle, il film Sherlock Holmes riporta in vita il famoso detective del XIX secolo. La trama ruota intorno ad omicidi apparentemente collegati a riti occulti. Ciò conduce Sherlock nel misterioso mondo delle società segrete e delle cospirazioni politiche. Nelle opere di Doyle vi sono alcuni vaghi riferimenti all’occultismo o alla massoneria, il film, però, si concentra esclusivamente attorno a questi temi e con elementi che sono molto rilevanti nel contesto di oggi: un Nuovo Ordine Mondiale promosso dalle società segrete.

Effettivamente non è citata nessuna società segreta attuale, in ogni caso numerosi simboli e riferimenti sono disseminati per tutto il film tratti direttamente dalla Massoneria, dai Rosacroce o dagli Illuminati. Analizziamo ora il contesto massonico dell’autore originale di Sherlock Holmes, Arthur Conan Doyle, e come questa influenza è stata portata al “livello successivo” nel film.

ARTHUR CONAN DOYLE “SPIRITUALISTA E MASSONE”

Doyle è nato in una famiglia cattolica irlandese a Edimburgo, Scozia nel 1859. All’età di undici anni, fu mandato a una scuola gesuita, lo Stonyhurst College, in cui ha detto di aver trascorso “cinque anni infelici e in solitudine”. Dopo aver conseguito la laurea e il Master in Chirurgia all’Università di Edimburgo, Doyle sviluppò un grande interesse per lo spiritismo. In un articolo apparso nel MQ (la Gazzetta ufficiale della Gran Loggia Unita d’Inghilterra), il massone Yasha Beresiner spiega l’interesse di Conan Doyle per lo spiritismo e la Massoneria:

“Fece pratica la prima volta con il compagno di studi, il dottor Budd, ma presto si separarono perchè venne accusato di non fare alcun sforzo e impegnarsi in nulla, quindi si trasferì con la sua nuova sposa  Louise Hawkins, a Southsea vicino a Portsmouth nel New Hampshire, dove si affermò come oculista. Nel 1887, anno in cui divenne un massone, si unì alla Società di Ricerche sulla Psiche, fu una dichiarazione pubblica del suo interesse verso l’occulto.

Fu in questo stato d’animo, estremamente curioso e ora seriamente interessato al mondo dell’occultismo, che il 26 gennaio 1887 Arthur Conan Doyle fu iniziato alla massoneria al Lodge Phoenix n. 257 a Southsea, Hampshire. Aveva 27 anni. ”

Alla Phoenix Lodge Doyle stringe amicizia con un certo dottor James Watson, che divenne l’ispirazione per il compagno fidato di Sherlock Holmes ‘. Beresiner continua:

“Sarebbe logico presumere che Doyle entrò nella massoneria, per scoprire gli elementi del spiritualismo che ora occupano la sua mente. Egli era certamente nel posto giusto. Fu presentato alla massoneria da Sir William David King, vice-tenente dell’ Hampshire, l’uomo più in vista di Portsmouth che è stato eletto Sindaco del Comune in quattro occasioni separate. Un altro suo sostenitore fu Sir John Brewer Brickwood ugualmente rispettato e famoso in città. Doyle aumentò rapidamente di gradi. Il 23 febbraio 1887 passò al secondo grado e un mese dopo, il 23 marzo fu ordinato Maestro Massone (3 grado) “.

Doyle poi si dimise dalla massoneria solo per riunirsi più volte durante la sua vita. La massoneria è stata citata a volte negli scritti di Doyle, scritti che non erano incentrati tutti sulla figura di Homes. Nella regione della nebbia, pubblicato nel 1926, Doyle descrive il carattere di Weatherby:

“… Che è un asino di nome Weatherby. Lui è uno di quelli che si aggira ai margini oscuri della Massoneria, parlando con sussurri e riverenza di misteri su cui non vi è mistero. Lo spiritismo, con i suoi misteri è molto reale e terribile, per lui, è una cosa volgare perché  porta conforto alla gente comune, ma lui ama leggere documenti sul culto palladiano, i riti scozzesi antichi e adora il bafometto. Eliphas Levi è il suo profeta “.

Nel corso della sua avventura, Sherlock Holmes (che non era un Massone) ha dimostrato di essere abbastanza esperto della massoneria, mostrando di conoscerne la simbologia.

IL SIMBOLISMO NEL FILM

Questa analisi non si concentrerà sulla trama, ma piuttosto sui numerosi simboli sparsi in tutto il film.

Sherlock Holmes contiene una grande quantità di temi e simboli presi direttamente dalle società segrete di oggi. Essi sono molto sottili e raramente vengono spiegati nel film, che li rende quasi invisibili ai telespettatori di tutti i giorni. Per i telespettatori “educati” tuttavia, tali simboli possono essere facilmente riconosciuti e inseriti in un contesto. Anche se alcuni di loro non sono storicamente accurati o sono stati modificati per renderli “fittizzi”, la presenza di questi temi sono in perfetto accordo con l’ondata senza precedenti di simbolismo occulto nei mass media di oggi. Quindi, diamo uno sguardo ad alcuni di essi.

IL RITUALE DI MAGIA NERA

Il film inizia con Sherlock che interrompere un rituale di magia nera. Un uomo incappucciato (Lord Blackwood) sta recitando incantesimi di fronte a una donna su un altare sacrificale. Il tema occulto del film è più o meno mostrato da subito.

ORDINE NEL CAOS

In una scena apparentemente banale, uno Sherlock leggermente “fatto di morfina” suona le note di violino a delle mosche in un tubo. Egli spiega a Watson la sua scoperta: quando suona parti atonali alle mosche, esse si sincronizzano e iniziano a volare in cerchi concentrici. Così, usando la teoria musicale, ha creato ordine dal caos.

“Ordo ab Chao” (che è tradotto in italiano sta per ordine dal caos) è probabilmente la più famosa massima massonica. L’ enciclopedia Mackey documenta l’uso di questa espressione dal 1395 come motto ufficiale dell’antico ordine massonico dei costruttori. “Ordo ab Chao”, ora è il motto ufficiale del più alto grado della Massoneria di rito scozzese, il 33 ° grado.

Insegna del 33 grado massonico

Alcuni ricercatori sostengono che il detto occulto si riferisca alla tendenza dell’elite di creare crisi che generano paura e confusione nelle masse (caos), al fine di introdurre nuove politiche e leggi che sono ad essi favorevoli (nell’ordine). Il piano sarebbe la creazione di un Nuovo Ordine Mondiale guidato dell’élite occulta dopo un periodo di caos generalizzato, creato ad hoc da loro. In questo contesto, potrebbero, gli insetti di Sherlock che volano in cerchi concentrici, rappresentare le masse ipnotizzate dalle note atonali del Nuovo Ordine Mondiale?

LA CELLA DI BLACKWOOD

Quando Sherlock visita Lord Blackwood nella sua cella di prigione, si accorge di strane incisioni sulle pareti. Una di loro si distingue:

Questo simbolo che è una rosa crocefissa è considerato il primo simbolo che rappresenta l’Ordine dei Rosacroce, una fratellanza ermetica che risale al Medioevo.

“Il simbolo originario della Confraternita dei Rosacroce, era un geroglifico con una rosa crocifissa. La croce era spesso sollevata da tre scalini”.

Lord Blackwood era un Rosacroce?

“Rosa-Croce, era un nome assunto da una setta di filosofi , che è sorta, come è stato detto, o almeno fece la sua prima apparizione in Germania, agli inizi del XIV secolo. Conoscevano tutte le scienze e in particolare la medicina. Possedevano segreti fondamentali, uno su tutti  quello della pietra filosofale: tutto quello che sapevano, era il lascito di antiche civiltà come gli Egizi, i Caldei, i Magi, e i Gimnosofisti.


Essi si sono distinti con nomi diversi, adattandosi alle diverse filiali della loro dottrina. Poichè dicevano di voler tutelare la vita umana, per mezzo di panacee, e anche di ridare la giovinezza, erano chiamati Immortali, quando si mostravano come maestri onniscenti, sono stati chiamati Illuminati, e poichè sono scomparsi e non se ne è molto sentito parlare (tranne relativamente per gli Illuminati), sono stati chiamati La fratellanza invisibile “.

Alcuni ricercatori affermano che i Rosacroce si erano rimessi all’opera con la massoneria durante l’inizio del 18 ° secolo. Questo intervento ha svolto un ruolo importante, ancora segreto, nella formazione del mondo di oggi.

IL LABORATORIO

Quando Sherlock e Watson ispezionano il laboratorio “del nano” alla ricerca di indizi, alcuni simboli interessanti sono incisi sulla parete.

L’occhio onniscente in mezzo ad un triangolo

I detective scoprono che il laboratorio nasconda un mix tra scienze avanzate e occultismo.Un altro simbolo interessante trovato sul muro:

L’albero della vita della cabala (Sephirot)

“L’albero dei Sephiroth può essere considerato un prezioso compendio della filosofia segreta che in origine era lo spirito e l’anima del chassidismo. La Qabbalah è un patrimonio inestimabile di Israele, ma ogni anno coloro che comprendono i suoi principi diventano sempre meno. L’Ebreo di oggi, se non realizza la profondità delle dottrine del suo popolo, di solito è intriso di una pericolosa forma di ignoranza, il modernismo, ed è incline a considerare la Qabbalà o come un male da cui fuggire o come la peste o come una superstizione ridicola, che è sopravvissuta alla magia nera del Medioevo. Ma senza la chiave interpretativa della Qabbala, i misteri spirituali del Vecchio e del Nuovo Testamento sarebbero rimasti irrisolti per tutti.

L’albero di Sephirot è costituito da dieci globi che splendono luminosi disposti su tre colonne verticali e collegati da 22 canali o percorsi. I globi sono chiamati i dieci Sephiroth e ad essi sono assegnati i numeri da 1 a 10. Le tre colonne sono chiamate Misericordia (a destra), la gravità (a sinistra), e, tra di loro, la dolcezza e  la forza riconciliatrice. Le colonne possono anche essere la rappresentazione della saggezza, della forza e  della bellezza, che costituiscono il supporto trino dell’universo, poiché sta scritto che il fondamento di tutte le cose è il Tre. I 22 canali sono le lettere dell’alfabeto ebraico e ad esse sono assegnati gli Arcani più importanti del mazzo di carte dei Tarocchi”.

IL LIBRO DEGLI INCANTESIMI DI BLACKWOOD

Dopo essere stato chiamato dall’ “Ordine”, viene detto a Sherlock che il libro di magia di Blackwood è l’unico modo per fermarlo. Questo libro contiene alcuni simboli che probabilmente verrano riconosciuti dai lettori di questo sito.

La creatura in mezzo assomiglia molto al Baphometto

Un altra pagina del libro:

Questa immagine è fortemente ispirata da un incisione di un occultista francese, Stanislas de Guaita, che può essere trovata nel libro La Clef de la Magie Noire del 1897  (la chiave per la Magia nera):

L’ORDINE:

In Sherlock Holmes, L’Ordine è una confraternita occulta che può facilmente ricordare la massoneria del mondo reale. Si dice nel film che il loro “sistema segreto ha smosso il mondo per un bene maggiore per secoli, ma può anche essere usato per scopi più nefasti … le Arti Oscure o magia pratica”. L’Ordine ha molti membri del governo e della polizia.

Blackwood, un praticante di magia nera, assume l’ordine con la forza, sostenendo che egli ha un “magnifico scopo”: per creare un nuovo futuro, un futuro governato dalla Confraternita. Più avanti nel film, Blackwood dice: “Il nuovo ordine … comincia adesso”, che è un riferimento al Nuovo Ordine Mondiale inaugurato dagli Illuminati, che si dice essere in atto oggi.

Blackwoodsi siede sul Trono dell’ordine. La piramide sullo sfondo ha una valenza significativa per gli illuminati, oltre ad essere uno dei loro simboli di maggior rilievo. Vedere il Gran Sigillo degli Stati Uniti:

L’acquisizione dell’Ordine da parte di Blackwood si riferisce probabilmente a ciò che successe alla massoneria nel corso del 18 secolo quando fu invasa e conquistata dai Rosacroce e dall’illuminismo tedesco che hanno cambiato drasticamente alcune delle sue dottrine e hanno permesso la sua diffusione in tutto il mondo.

Quindi,ecco la rivelazione principale: Tutto questo occulto, roba magica si rivela come un inganno che Sherlock spiega con la logica e la scienza. Così, dopo che gli spettatori sono stati esposti ai simboli della confraternita, viene detto loro che queste cose sono fantasie, e anche piuttosto ridicole. Ciò risulta strano, considerando che il regista Guy Richie è stato sposato con Madonna una importantissima sacerdotessa massonica.

In una scena piuttosto inquietante nel finale, Sherlock descrive una macchina che potrebbe esistere nel 2010: “Immagina un dispositivo in grado di controllare chiunque semplicemente pronunciando un comando utilizzando onde radio … è il futuro”.

A qualcuno viene in mente la tecnologia HAARP?

IN CONCLUSIONE

Sebbene gli elementi occulti del film sono stati presentati come prodotti di fantasia del regista Guy Richie, molti dei simboli utilizzati sono tratti da opere occulte reali. Non c’è dubbio che alcune ricerche sono state fatte per dare al film un profumo di “autenticità”, ma sembra andare oltre questo. C’è una certa coerenza nei simboli utilizzati, che li rende ben più di aggiunte decorative, sono una sorta di indizi che puntano verso le società segrete. Sono stati messi lì per essere “letti” da qualche adepto? Il regista vuole farci incuriosire su di essi? Questi simboli significano una cosa certa: Stiamo assistendo a una forte influenza dell’occultismo nei mass media.

Fonte

Annunci