Archivi categoria: V per vendetta

Gli Illuminati controllano ogni script di Hollywood

A sinistra, una scena da “V per Vendetta” – “Il più “sfacciatamente onesto” progetto cinematografico degli Illuminati, che abbia mai visto”.

 

 

 

 

Gli Illuminati esercitano la propria influenza nei mass media in maniera straordinaria. Ogni sceneggiatura importante nella fase di pre produzione viene spedita a dei subordinati chiave dell’elite degli illuminati, che hanno il ruolo di valutare il copione per potenziali aggiunte o cambiamenti. Questi cambiamenti possono essere rilevanti o meno, a seconda del materiale dello script.

In aggiunta, questi sottoposti vanno a costituire un think thank, strettamente gestito, che esamina i progressi della propaganda degli Illuminati nella società. I membri di questo circolo, prendono decisioni riguardo a quali temi dovranno essere propagandati attraverso una amplificazione mediatica. Descrizioni dettagliate sui progetti creativi vengono poi inviate ad altri sottoposti (ma che non sono necessariamente a conoscenza dei piani), scrittori altamente qualificiati, che creano gli script per questi progetti.

Diversi progetti vengono creati per avere come target diverse fasce della popolazione mondiale. Tutto ciò può sembrare logicamente ovvio, vale la pena però di approfondire questo particolare aspetto. Messaggi palesemente evidenti degli Illuminati vengono spesso piazzati in film molto violenti, o dai contenuti sessuali, o nella fantascienza, allo scopo di distrarre gli spettatori dal fatto che idee esterne vengono inserite a forza nelle loro menti.

In realtà, non è esattamente così: l’eccessiva violenza, e simili, accresce l’apertura mentale alla ricezione di idee. La spiegazione di questo fenomeno è dovuta al fatto che una volta che lo spettatore decide di accettare l’eccessiva violenza o il sesso sfrenato nel film che sta guardando, la sua mente rimane aperta alle idee le quali la pellicola voleva trasmettere.

SOTTILI INFLUENZE

Molto spesso, viene presa la decisione di non inserire alcun messaggio palese nei progetti cinematografici. Ciò è dovuto a due regole molto semplici: troppa apertura sull’argomento esporrebbe il processo al pubblico, e, un’influenza graduale, è molto più potente ed efficace nel lungo termine. Nel caso in cui non vengano inseriti messaggi chiari, restano altre 2 opzioni che consentono ancora la costituzione di un lento e graduale condizionamento.

La prima è la simbologia. Gli Illuminati hanno generato, nel tempo, una enorme quantità di simboli e icone visive che, in collaborazione con i messaggi più palesi, esercitano un impressionante (qualcuno potrebbe dire spaventosa) influenza sul pensiero del pubblico.

Queste simbologie rappresentano il “marchio” degli Illuminati, la prova che hanno interferito nel progetto. Quando gli spettatori vedono un simbolo inserito in un film, questo evento fa riaffiorare alla memoria le volte precedenti in cui lo si è visto, assieme ad ogni tema e messaggio collegato a questo simbolo.

Ciò viene spesso chiamato processo “inconscio” o “subliminale”. Io lo chiamo “non riflessivo”, per il semplice motivo che la maggior parte delle persone pone poca attenzione alle influenze che vanno a condizionarle nel profondo.

Naturalmente tutti si concentrano nel ricercare l'”occhio degli Illuminati” in quanto simbolo palesemente ripetitivo. Si pecca di una visione parziale, ed ora porterò un esempio alla mia tesi. Una “firma illuminata” meno ovvia è il gargoyle. Qualsiasi film o produzione, in cui appare, anche per breve tempo, un gargoyle è sinonimo di approvazione degli Illuminati.

La seconda opzione, è l’influenza sulla musica collegata ad un progetto. Le colonne sonore – beh, la musica in generale – ha una forte influenza sugli spettatori e negli ascoltatori. In vari progetti la musica va ad eccitare la memoria non riflessa (o subliminale) ancor più profondamente di quanto non facciano i simboli visivi.

Non esiste un vero e proprio gruppo di persone che si fa chiamare Illuminati. Esiste invece un organizzazione reale CHE SI FA CHIAMARE “gli Illuminati” (condizionamento), non è però questo il loro nome. Neppure i loro personaggi sono uguali a quello che la propaganda ha descritto come “gli Illuminati”.

Il progetto più palesemente onesto degli Illuminati che ho visto, è stato V per Vendetta, diretto da James McTeigue, a sinistra, interpretato da Natalie Portman e Hugo Weaving. Tutte e tre queste persone, tra l’altro, sono elementi chiave nella produzione di grandi ed evidenti progetti cinematografici degli Illuminati. McTeigue ha anche diretto The Matrix (1999), Matrix Reloaded (2003) Star Wars – L’attacco dei cloni (2002)

Questo film è ambientato in Gran Bretagna, ma contiene diverse ammissioni di responsabilità diretta, da parte degli illuminati, per eventi verificatisi negli Stati Uniti e nel Regno Unito, come la distruzione delle Twin Towers e gli attentati nella metropolitana in Inghilterra. Contiene anche rivelazioni su progetti futuri. La guerra civile negli Stati Uniti è un elemento caratteritico, come lo è l’uso dell’infezione virale, oltre che alla guerra nucleare, per ridurre la popolazione. Per parafrasare: “La guerra nucleare è irrilevante in un mondo in cui un virus può distruggere un intera popolazione, lasciando intatti i suoi tesori.”

C’è una scena in V per Vendetta, dove le figure centrali del film, un uomo vestito di nero che indossa una maschera sorridente (una maschera di Guy Fawkes), e una donna di nome Evie ( dopo Eve, la Madre simbolica dell’Umanità), eseguire il seguente scambio di battute:

Evie: E’ strano vedere improvvisamente la tua faccia ovunque …. Non capisco.
V: Che cosa?
Evie: Come si può essere una delle cose più importanti che mi siano mai successe, eppure non so quasi nulla di te. Non so dove sei nato, chi sono i tuoi genitori, se hai fratelli o sorelle … Non so neppure che volto hai.
V: C’è una faccia sotto questa maschera, ma non sono io. Non sono più quella faccia, se non i muscoli o le ossa sotto di essa.

Questa rappresenta l’ammissione degli illuminati che la loro immagine pubblica è una farsa deliberata. Costantemente mantengono la loro appartenenza, le loro intenzioni finali, e il loro carattere di base nascosti, se necessario. Pertanto, se esaminiamo ciò che essi presentano in modi eccessivamente forti, possiamo soltanto scoprire ciò che non sono. Al contrario, se si esaminano i loro tocchi più sottili, possiamo scoprire quello che sono disposti ad ammettere – che è, ciò che DEVONO ammettere, al fine di costruire il futuro che hanno in programma per l’Umanità.

Qui veniamo alla questione della SEMINA. Gli illuminati controllano e condizionano i media come descritto sopra. Gli Illuminati sono – piaccia o no – causano e al contempo controllano, a livello globale, i cambiamenti, ma non lo stanno facendo unicamente provocando crisi economiche e violenti conflitti internazionali.

Gli Illuminati stanno “seminando” nelle menti del pubblico nozioni che via via si sviluppano e diventano più “condizionanti” nel tempo. Lo hanno fatto con il femminismo, lo stanno facendo con la “sessualità flessibile”, lo stanno facendo con propagande anti religiose (eliminando completamente la spiritualità o meglio cambiandone la concezione) e con la sessualizzazione infantile. Lo fanno perché la società futura che hanno pianificato deve essere strutturata in modo diverso da come la conosciamo ora. Una struttura diversa richiede cittadini che la pensino in maniera differente in modo da accettare tale struttura.
Fonte

 

Annunci