Archivi Blog

Beyond Magenta: Un libro australiano per bambini transgender dove uno dei protagonisti fa sesso orale a 6 anni

Un libro “rivoluzionario” definito come uno “sguardo onesto” sulla vita e le lotte degli adolescenti transgender ha suscitato indignazione online per l’inquietante descrizione di un rapporto orale con un bambino di sei anni.


Il libro intitolato “Beyond Magenta” è in realtà sugli scaffali dal 2014, ma ha ottenuto attenzioni particolari dopo che alcuni passaggi inquietanti sono stati evidenziati dal sito web di Binary Australia, che si definisce uno “sfidante dell’aggressiva agenda contro il genere”.

Un giovane adulto intervistato per il libro descrive l’esibirsi e “l’amare” il sesso orale dall’età di sei anni. In modo allarmante, non ci sono chiarificazioni immediate per i giovani lettori che si tratti di un comportamento illegale e dannoso.

“Dai sei anni in poi, baciavo gli altri ragazzi del mio quartiere, mi prendevo gioco di loro e facevo sesso orale con loro. Mi piaceva. E ho toccato il loro tu-sai-cosa. Eravamo davvero giovani ma è quello che abbiamo fatto “.

La stessa persona dice di essere “spaventata” dai pedofili che si “toccano” di fronte a lui. Sono anche descritti gli atti di aggressione nel libro, incluso un incidente di un’adolescente che ha spinto a terra un’insegnante incinta.

Descrivere le esperienze passate e gli abusi sessuali è una cosa, ma ri-raccontare casualmente tali storie in un modo che si avvicina ai limiti della normalizzazione è un’altra cosa – un punto che molti su Twitter sono stati rapidi a notare.

Alcuni hanno persino twittato e chiamato le loro biblioteche pubbliche per lamentarsi del “disgustoso” libro, mentre altri lo descrivono come affine alla “pedopornografia”.

Il libro è in offerta in circa 60 biblioteche pubbliche in tutta l’Australia, ma gli utenti di Twitter hanno sottolineato che è disponibile anche nelle biblioteche del Regno Unito ed è stato incluso negli elenchi online dei “migliori” libri per i “bambini” transgender da leggere.

Tuttavia, ritroviamo “Beyond Magenta” anche in un altro tipo di elenco. Era al numero quattro dei “10 libri più stimolanti del 2015”, secondo il rapporto “State of America” delle biblioteche dell’American Library Association. Nonostante il tumulto – o forse proprio per questo – il libro si trova al numero 22 della sezione “Sessualità e gravidanza per adolescenti e giovani adulti” di Amazon.

Kirralie Smith, direttore di Binary Australia, ha dichiarato al Daily Caller che “tale materiale non ha spazio nelle biblioteche finanziate dai contribuenti e non dovrebbe mai essere promosso ai bambini”.

Alcuni, tuttavia, non sono preoccupati dal contenuto del libro. Nella sua recensione, Publishers Weekly l’ha definita “una risorsa estremamente necessaria” per gli adolescenti.

Fonte

Epstein: I punti salienti dei documenti desecretati finora

Una delle piu` grandi rivelazioni sul caso di Jeffrey Epstein e` arrivata venerdì quando un tribunale federale ha svelato i documenti di una causa di una delle accusatrici di Epstein contro la sua “fidanzata” Ghislaine Maxwell. Virginia Giuffre ha accusato Maxwell di procurare giovani ragazze ad Epstein e ai suoi potenti amici perche` vengano abusate sessualmente. Le oltre 2.000 pagine di documenti forniscono maggiori dettagli sulle accuse contro Epstein, in cui troviamo affermazioni strabilianti che coinvolgono alcuni degli uomini più famosi del mondo, accuse da parte di schiave sessuali e altro ancora.

Ecco alcune delle principali rivelazioni:

VIRGINIA FECE SESSO CON ALCUNI DEGLI UOMINI PIU` POTENTI DEL MONDO

Giuffre ha detto in diverse deposizioni che la Maxwell ed Epstein la “offrivano” a uomini potenti per fare sesso. Nel 2016, ha detto che la Maxwell la ha specificamente incaricata di “servire” l’ex governatore del New Mexico Bill Richardson, il principe Andrew, il ricco finanziere Glenn Dubin, l’ex leader della maggioranza al Senato George Mitchell, lo scoutista Jean-Luc Brunel e lo scienziato Marvin Minsky. Dice anche che  Maxwell ed Epstein le hanno ordinato di fare sesso con “un altro principe”, un “presidente straniero”, un noto primo ministro “e il proprietario di una” grande catena alberghiera “. Nessuno degli uomini nominati è stato accusato di un crimine e tutti hanno negato comportamenti inappropriati.

EPSTEIN AVEVA 3 ORGASIMI AL GIORNO

Una donna una volta impiegata come massaggiatrice personale di Epstein ha testimoniato che aveva bisogno di “almeno tre orgasmi” al giorno. “Era biologico, come mangiare”, ha detto Johanna Sjoberg. “Ho pensato che fosse un po ‘ folle.” Sjoberg ha detto che la Maxwell si è avvicinata a lei nel 2001 in un college della Florida per diventare l’assistente personale di Epstein. Dopo una giornata di lavoro d’ufficio, Sjoberg ha detto che un’altra donna descritta come “schiava sessuale” di Maxwell l’ha portata nel suo bagno per farle un massaggio. Sjoberg disse che Epstein e l’altra ragazza le fecero un massaggio mentre era nuda. Mentre la Maxwell ha ammesso nella sua deposizione del 2016 di aver assunto massaggiatrici per volere di Epstein, aveva comunque negato che le visite fossero di natura sessuale.

EPSTEIN UTILIZZO` OLTRE 100 RAGAZZE E GIOCHI EROTICI

Juan Alessi, ex direttore della casa di Epstein, ha testimoniato di aver visto “probabilmente oltre 100” ragazze che servivano Epstein nella sua casa di Palm Beach per 10 anni. Dopo ogni incontro, disse Alessi, avrebbe ripulito la sala massaggi al piano superiore della casa. In più occasioni, ha detto, trovo` “vibratori o giocattoli sessuali” riponendoli nell’armadio della Maxwell perché “sapeva che era lì dove venivano tenuti” tali oggetti, insieme a un “costume nero lucido”. Tony Figueroa, ex fidanzato di Giuffre, ha anche testimoniato che Giuffre ha detto di aver partecipato a del sesso a tre con la Maxwell ed Epstein. Dice che la Maxwell gli chiese di trovare ragazze per Epstein. Maxwell ha negato tutto.

ACCUSATRICE SCRIVE E VENDE UNA STORIA BREVE “THE BILLIONAIRE’S PLAYBOY CLUB“

Giuffre scrisse e pubblico` una storia inventata sulle sue presunte esperienze con Epstein, nominando lui e la Maxwell nel manoscritto. La storia descrive un mondo in cui solo una “clientela selettiva” aveva accesso a ragazze “addestrate a soddisfare ogni desiderio sessuale richiesto, indipendentemente da quanto possano essere bizzarre le richieste”. In un passaggio, scrive, “Jeffrey ha fatto la sua apparizione. Era strano vederlo per la prima volta vestito. Non indossava quello che ti aspetteresti che fosse il tuo tipico abbigliamento da miliardario. Indossava un paio di pantaloni della tuta e una felpa di Harvard, che iniziò a togliersi immediatamente. ”

IL NOME DI DERSHOWITZ SUGGERITO DAL GIORNALISTA

Nel 2011, Giuffre stava lavorando al libro su Epstein quando ricevette una e-mail dal giornalista Sharon Churcher del Mail on Sunday, un giornale britannico di destra: “Non dimenticare Alan Dershowitz, amico e avvocato di JE”, ha scritto Churcher . Tutti sospettiamo che Alan sia un pedofilo e anche se non ne hai la prova, probabilmente l’hai incontrato quando usciva con JE. ”

Dershowitz ha a lungo smentito le accuse di Giuffre di aver fatto sesso con lei. Nei documenti giudiziari non sigillati, Giuffre afferma ancora una volta di aver avuto rapporti sessuali con Dershowitz in diverse dimore di Epstein e afferma che una volta aveva fatto sesso orale nel retro di una limousine sulla strada verso casa in Massachusetts mentre Epstein e un’altra giovane donna guardavano.

LA RAGAZZA SVEDEVA DICEVA DI ESSERE STATA TENUTA IN OSTAGGIO SULL’ISOLA DI EPSTEIN

Rinaldo Rizzo, ex house manager per degli amici di Epstein, Glenn Dubin ed Eva Andersson-Dubin, ha testimoniato che una ragazza di 15 anni “sconvolta” gli ha detto nel 2005 di essere stata forzata a fare sesso sull’isola privata di Epstein. Il maggiordomo ha detto che la ragazza, che si è identificata come l’assistente personale di Epstein, ha rifiutato e che l’assistente di Epstein Sarah Kellen le ha preso il passaporto e il telefono e li ha consegnati alla Maxwell.

LA MAXWELL POSSEDEVA DELLE SCHIAVI SESSUALI

Quando la Maxwell non ordinava alle ragazze di servire Epstein e i suoi amici, ne abusava ella stessa, secondo almeno tre persone. Giuffre ha detto che lei, la Maxwell ed Epstein “sono stati tutti intimi insieme in più occasioni”, ha testimoniato il suo ex fidanzato Tony Figueroa. Johanna Sjoberg ha testimoniato che la Maxwell ha chiamato una ragazza che stava massaggiando Epstein come “la sua schiava”. Un ex dirigente della casa ha testimoniato che anche la Maxwell ha ricevuto massaggi da ragazze. La Maxwell nega queste affermazioni.

IL PUPPAZZETTO DEL PRINCIPE ANDREW

Epstein e la Maxwell “offrirono” la Giuffre al principe Andrew. Un giorno nella villa di Epstein a Manhattan, Sjoberg ha testimoniato di essersi seduta su di lui con la Giuffre seduta accanto a lui. Il principe toccò il seno della Sjoberg, utilizzando un pupazzetto per toccare il seno della Giuffre, mostrandole cosa le avrebbe fatto. Il principe Andrew ha negato con veemenza comportamenti inappropriati con le ragazze minorenni che frequentavano Epstein.

IL DETECTIVE ASSEGNATO AL CASO NON AVEVA PROVE SULLA MAXWELL

Gli accusatori di Epstein non sono stati i soli a farsi sentire. Gli avvocati di Maxwell hanno deposto il detective della polizia di Palm Beach in pensione, Joseph Recarey, che secondo loro “non era riuscito a trovare alcuna prova” contro la Maxwell. Quando è stato chiesto a Recarey di descrivere “tutto ciò che credeva di sapere sulla tratta sessuale di Ghislaine Maxwell”, ha risposto, “Non so nulla”. Ma gli avvocati di Giuffre hanno ribattuto sostenendo che Recarey sapeva che Maxwell era coinvolto in attività sessuali illegali, che lui voleva parlarle, ma lei non ha risposto alle sue chiamate e ha concluso che il suo ruolo era procurare ragazze ad Epstein.

EPSTEIN UTILIZZAVA DEI “BANCOMAT UMANI” PER PAGARE LE RAGAZZE

L’ex house manager della tenuta di Palm Beach, Alfredo Rodriguez, si definiva un “bancomat umano” con il compito di pagare le presunte vittime di Epstein. Le ragazze sarebbero venute in taxi e gli venne detto “di pagarle in contanti” dopo aver finito di servire Epstein e altri. L’assistente di Epstein Sarah Kellen avrebbe detto a Rodriguez di chiamare un taxi per rimandare indietro le ragazze, ha testimoniato.

EPSTEIN ORDINO` LIBRI DA AMAZON SU COME UTILIZZARE DELLE SCHIAVE DEL SESSO 

La polizia di Palm Beach ha recuperato ricevute dalla spazzatura di Epstein le quali mostrano che aveva ordinato libri su Amazon sul sadomasochismo e su come usare le schiave del sesso. Una fotografia di una ricevuta Amazon a nome di Epstein mostrava diversi titoli, tra cui SM 101: A Realistic IntroductionA Workbook for Erotic Slaves and Their Owners, and SlaveCraft: Roadmaps for Erotic Servitude

I COMPUTER DI EPSTEIN SONO STATI RIMOSSI DALLA SUA CASA PRIMA DELL’INCURSIONE DELLA POLIZIA

Piu`  o meno nel periodo in cui Epstein era sotto inchiesta in Florida nel 2005, l’assistente della Maxwell Adriana Ross e un uomo hanno rimosso tre computer dalla residenza di Palm Beach, ha testimoniato un ex house manager. Quando più tardi la polizia si presentò a casa, i computer – che presumibilmente contenevano foto di ragazze minorenni nude – erano spariti.

I FEDS HANNO SCOPERTO PROVE DI PORNOGRAFIA INFANTILE NELLA CASA DI EPSTEIN IN FLORIDA

Gli avvocati della Giuffre hanno affermato che la Maxwell teneva le foto delle ragazze minorenni sui suoi computer e due domestiche di Epstein hanno anche testimoniato di aver visto foto di giovani donne nude sui dispositivi di Maxwell. Il detective Recarey “ha anche trovato un collage di foto di nudo di giovani donne nell’armadio di Epstein [nella sua villa di Palm Beach], e le ha consegnate all’ufficio dell’FBI e degli avvocati degli Stati Uniti”. Gli avvocati hanno anche notato che un video della polizia divulgato attraverso una richiesta al FOIA mostra immagini di donne nude in tutta la casa in Florida, incluso un nudo completo della Giuffre.

 

Jeffrey Epstein e` stato ucciso?

Jeffrey Epstein è stato trovato morto nella sua cella di prigione, anche se era sotto osservazione per tentato suicidio. Ecco perché molto probabilmente Epstein è stato ucciso.

Nel mio ultimo articolo su Jeffrey Epstein, ho esposto alcuni fatti che spiegano come probabilmente sarebbe stato ucciso. Bene, dieci giorni dopo, il finanziere miliardario il cui processo avrebbe potuto rivelare le più brutte verità dell’élite mondiale, è stato trovato morto in un “apparente suicidio”. Secondo fonti, il suo corpo è stato trovato impiccato nella sua cella il 10 agosto alle 7:30 presso il Metropolitan Correctional Center di New York. È stato trasportato dalla sua cella in un ospedale di Lower Manhattan, Epstein aveva un arresto cardiaco.

Mentre i mass media hanno immediatamente spinto la tesi del suicidio, semplicemente non ha senso.

EPSTEIN ERA NELLA PRIGIONE PIU` SICURA DEGLI STATI UNITI

Il Metropolitan Correction Center

Epstein è stato detenuto presso il Metropolitan Correction Center di Manhattan, che è considerata la “prigione più severa negli Stati Uniti”. All’interno delle mura di questa prigione, le luci fluorescenti non vengono mai spente e i detenuti non sperimentano quasi alcuna interazione umana. Inoltre, Epstein era tenuto nell’area più sicura di quella prigione. I detenuti vengono tenuti nelle loro celle per 23 ore ogni giorno e le telecamere a circuito chiuso li guardano mentre fanno la doccia, vanno in bagno e siedono da soli nelle loro celle pesantemente barricate. Inoltre, Epstein era un detenuto di altissimo profilo.

In breve, ogni singola condizione era soddisfatta affinché potesse essere attentamente monitorato, sempre, da un team di persone addestrate a controllar i detenuti e rispondere prontamente in caso di crisi.

Considerando questi fatti, come è possibile che Epstein possa essersi impiccato da solo morendo senza che la sicurezza se ne accorgesse. Ma non è tutto.

EPSTEIN FACEVA PARTE DEL PROGRAMMA SUICIDE WATCH

Due settimane fa, Epstein è stato scoperto semi-cosciente, sdraiato in una posizione fetale con segni sul collo. Nonostante la costante sorveglianza, le autorità non hanno mai confermato ciò che è realmente accaduto. Tuttavia, sappiamo che l’evento ha portato Epstein ad essere inserito nel programma Suicide Watch.

Epstein, 66 anni, è stato trovato semi-cosciente con segni sul collo nella sua cella al Metropolitan Correctional Center di Manhattan, secondo le fonti. Epstein e` nel programma Suicide Watch.

Mentre le due fonti dicono che Epstein avrebbe potuto tentare di impiccarsi, una terza fonte ha avvertito che le lesioni non erano gravi, chiedendo se Epstein avrebbe potuto organizzare un attacco o un tentativo di suicidio per ottenere un trasferimento in un’altra struttura.

Un’altra fonte ha affermato che non era stato escluso un assalto e che un altro detenuto nell’unità di Epstein, identificato da fonti come Nicholas Tartaglione, era stato interrogato. Le fonti hanno anche detto che Epstein e Tartaglione erano compagni di cella.
– NBC News, Jeffrey Epstein found injured with marks on his neck in New York jail cell

In un carcere di massima sicurezza come il Metropolitan Correction Center (noto anche come “Guantanamo di New York”), il programma Suicide Watch non e` uno scherzo. Ecco cosa comporta di solito questo processo:

Il Suicide Watch è un intenso processo di monitoraggio utilizzato per garantire che una persona non possa tentare il suicidio. Di solito il termine è usato in riferimento a detenuti o pazienti in una prigione, un ospedale, un ospedale psichiatrico o una base militare. Le persone vengono messe in questo programma quando si ritiene che esibiscano segnali che indicano che potrebbero essere a rischio di commettere danni fisici o mortali.

Le persone sotto Suicide Watch vengono messe in un ambiente in cui sarebbe difficile per loro farsi del male. In molti casi, eventuali oggetti pericolosi verranno rimossi dall’area, come oggetti appuntiti e alcuni mobili, oppure potrebbero essere collocati in una speciale cella imbottita, che non ha nulla che fuoriesce dalle pareti (ad esempio, un gancio per vestiti o una staffa di chiusura della porta ) Possono essere spogliati di qualsiasi cosa con cui potrebbero farsi del male o che potrebbe essere usata come cappio, compresi lacci delle scarpe, cinture, cravatte, reggiseni, scarpe, calze, bretelle e lenzuola. In casi estremi il detenuto può essere completamente spogliato.

In casi ancora più estremi, i detenuti possono essere posti sotto “restrizioni terapeutiche”. Il detenuto è appoggiato sulla schiena su un materasso. Le loro braccia e gambe sono legate e una cintura è posizionata sul petto. In un sistema a cinque punti anche la testa è trattenuta. A un detenuto viene concesso di muoversi ogni 2 ore, rilasciandogli un arto e permettendoli di muoverlo per un breve periodo. Viene quindi legato di nuovo, e si procede all’arto successivo. Questo processo viene ripetuto fino a quando tutte le aree trattenute non sono state spostate. Questo processo di solito continua con turni di 8 ore e il detenuto ha un incontro faccia a faccia con un professionista della salute mentale almeno una volta in ogni intervallo di 8 ore. Questo non può continuare per più di 16 ore consecutive. Il detenuto viene continuamente sorvegliato dallo staff durante questo periodo.

Nei casi più estremi di autolesionismo, solo quando tutte le altre strade non hanno funzionato o sono impraticabili, è possibile usare un “contenimento chimico” per sedare il detenuto. Affinché una struttura possa amministrare una restrizione chimica, deve avere l’approvazione / raccomandazione di un professionista autorizzato della salute mentale, del responsabile della struttura e un ordine del tribunale.
– Suicide Watch, Wikipedia

Per riassumere la situazione, Epstein era all’interno della prigione più sicura degli Stati Uniti ed era un detenuto di altissimo profilo. Era nella zona più sicura di quella prigione ed era anche all’interno del programma Suicide Watch. Non c’è assolutamente alcun modo in cui avrebbe potuto morire impiccandosi senza che fosse fermato dalle guardie di sicurezza della prigione.

Chiaramente qualcosa e` successo.

LASCIATO SUCCEDERE

Le persone vicine al caso hanno avvertito del probabile omicidio di Epstein settimane prima che accadesse.

Qualche settimana fa, Spencer Kuvin, un avvocato che rappresentava tre donne nel processo del 2008 contro Epstein, ha detto questo sul primo “tentativo di suicidio” di Epstein.

“Mi chiedo se sia stato o meno un vero tentativo di suicidio in cui il signor Epstein è stato coinvolto in prigione o se potrebbero esserci o meno delle persone potenti che semplicemente non vogliono che parli. Se verrà processato, tutti quelli con cui è stato in contatto saranno distrutti dalle rivelazioni. Non ho alcun dubbio che nessuna prigione ti proteggerà quando ci sono persone potenti che vogliono raggiungerti, ovunque tu sia.– The Sun, ‘IN DANGER’  Jeffrey Epstein’s life ‘in jeopardy’ as powerful pals ‘don’t want their secrets out’, victim’s lawyer claims

Anche Qanon ha predetto la morte di Epstein poco dopo il suo arresto.

Chiaramente, molte persone sapevano sarebbe andata cosi. Inoltre, molte persone che lavorano al Metropolitan Correctional Center non sono riuscite a svolgere il proprio lavoro. E molto probabilmente gli e  stato ordinato di “chiudere un occhio”.

Perché Epstein doveva morire.

CONSEGUENZE DELLA SUA MORTE

La morte di Epstein è estremamente conveniente per l’élite mondiale. Mentre i mass media sono stati estremamente attenti a non comunicare informazioni che potrebbero danneggiare i loro proprietari elitari, un lungo processo avrebbe presentato alti rischi di perdite sensibili. Individui di grande potere provenienti da tutto il mondo erano a rischio di essere coinvolti in una sordida relazione che coinvolge il traffico e l’abuso di minori. Su una scala più ampia, la cultura malata e contorta e lo stile di vita dell’élite mondiale sarebbero venuti alla luce.

Inoltre, un’indagine più approfondita su alcune “organizzazioni senza scopo di lucro” come la Clinton Foundation (con cui Epstein era profondamente coinvolto) e il TerraMar Project di Ghislaine Maxwell avrebbero potuto aprire un gigantesco vaso di Pandora. Non vogliono che le masse scoprano il vero motivo per cui l’élite è così preoccupata per Haiti e perché così tante persone vanno lì a fare “opere di beneficenza”.

Ora che Epstein è morto, il caso federale continuerà? Anche se proseguira`, molte persone potenti sono ora fuori dai guai. E i media smetteranno gradualmente di riportare ciò che è realmente accaduto sull’isola di Epstein e sul Lolita Express.

Ancora una volta, l’élite occulta ha dimostrato il suo potere uccidendo un personaggio di alto profilo in bella vista e, probabilmente, nessuno sarà ritenuto responsabile. Tranne forse un capro espiatorio o due.

Fonte

Epstein: Le inquietanti foto ritrovate nelle sue case

Le immagini del raid nella dimora di Epstein in Florida hanno rivelato molti dettagli inquietanti. Ad esempio, perché nel suo bagno c’era una poltrona da dentista completamente attrezzata?

Le cose non vanno bene per Jeffrey Epstein. Attualmente è detenuto presso il Metropolitan Correction Center di Manhattan, che è considerata la prigione più severa degli Stati Uniti. Epstein è detenuto nella zona più sicura di questa prigione, dove le luci fluorescenti non vengono mai spente. I detenuti non sperimentano quasi alcuna interazione umana, vengono tenuti nelle loro celle per 23 ore al giorno e le telecamere a circuito chiuso li guardano mentre fanno la doccia, vanno in bagno e siedono da soli nelle loro celle pesantemente barricate.

Nonostante questi fatti, Epstein è stato trovato nella sua cella “semi-cosciente, ferito e in posizione fetale” con segni sul collo. Una settimana dopo, gli investigatori stanno ancora cercando di “mettere insieme” ciò che è accaduto nella cella di Epstein e il Federal Bureau of Prisons rifiuta ancora di commentare l’incidente.

Considerando le apparecchiature di sorveglianza ad alta tecnologia del Metropolitan Correction Center, il mistero che circonda l’incidente è bizzarro. Alcune fonti hanno affermato che Epstein ha cercato di impiccarsi per essere spostato altrove. Altri credono che sia stato tentato un attentato ai danni di Epstein.

Secondo Spencer Kuvin, un avvocato che ha rappresentato tre donne nel processo contro Epstein del 2008, la vita del miliardario è in evidente pericolo. Kuvin ritiene che sia stato ordinato un attentato contro Epstein per assicurarsi che non testimonierà contro i suoi amici elitati.

Mentre la permanenza in carcere di Epstein è tutt’altro che confortevole, la sua vita precedente riguardava il comfort, il lusso e l’abuso disgustoso dei bambini. Le foto scattate nella sua villa in Florida durante un raid lo dimostrano.

RAID DEL 2005 NELLA DIMORA DI EPSTEIN IN FLORIDA

Il Daily Mail ha recentemente ottenuto un video di un raid della polizia nella dimora della Florida di Epstein nel 2005. Alcuni degli articoli trovati sul luogo sono estremamente inquietanti. Ad esempio: perché c’è una poltrona da dentista completamente attrezzata nella sua casa?

Una sedia da dentista completamente attrezzata è stata trovata all’interno del bagno

Accanto alla sedia c’è un carrello contenente una lampada, trapani e altri strumenti usati dai dentisti.

Quattordici anni dopo, non c’è ancora una chiara spiegazione del perché questa poltrona da dentista fosse nella sua casa. Epstein si faceva curare i denti in casa?

Alcuni osservatori hanno proposto una teoria molto più oscura: la sedia era usata per torturare e traumatizzare i bambini che erano stati attirati all’interno della villa.

L’élite occulta è fortemente orientata al controllo mentale basato sul trauma. Andare dal dentista è una paura comune nei bambini. Costringerli a vivere questa paura – nel peggior contesto possibile – è un’esperienza particolarmente sadica e che provoca traumi. E l’abuso era probabilmente molto peggio sull’isola di Epstein.

La presenza della poltrona da dentista è ancora più preoccupante se si considerano gli altri oggetti all’interno della casa.

Su una parete è un bizzarro disegno di un bambino e un teschio.

Questo disegno è stato usato per traumatizzare ulteriormente i bambini in questa casa? Era una specie di avvertimento? Sotto i disegni ci sono le citazioni “A Friend May Well Reckoned The Masterpiece Of Nature” di Ralph Emerson e “Live Long and Prosper” di Spock.

La dimora conteneva molti altri oggetti tipicamente di proprietà di pedofili.

Un orsacchiotto seduto su un comodino

Uno schizzo di una persona disperata e piena di dolore.

Una foto di una ragazza adolescente (di circa 15 anni) in un minuscolo bikini. La foto è stata scattata all’isola di Epstein?

Un’altra donna non identificata sdraiata su una spiaggia.

Una foto di una giovane donna nuda con le braccia sopra la testa.

Foto di bambini

Immagini di un uomo non identificato con un bambino e una bambina in un abito bianco.

Alcune immagini erano così vili che la polizia le ha censurate nel video del raid. Si dice che questa foto rappresenti una bambina di 6 anni chinata in un minuscolo vestito.

Una foto di Epstein e della sua “fidanzata” Ghislaine Maxwell con Papa Giovanni Paolo II.

Ghislaine Maxwell – la figlia del magnate dei media britannici Robert Maxwell – è stata descritta da Epstein come la sua “ragazza principale”. Tuttavia, documenti giudiziari rivelano che Maxwell era in realtà una “madame” che reclutava giovani vittime e ne abusava insieme a Epstein.

Ci sono molte foto di Ghislaine Maxwell nella dimora di Epstein.

Questa foto di Ghislaine Maxwell nuda è una delle tante trovate in casa. Un modo strano di stabilire il dominio sulle ragazze attirate all’interno di quel palazzo.

Un ritratto di Ghislaine sopra un water … dove probabilmente le ragazze vomitavano dal dolore e dall’orrore.

Varie foto tra cui una donna in topless e due persone a letto.

Come detto sopra, queste immagini sono state scattate nel 2005. Se ritieni che la condanna di Epstein del 2008 per aver sollecitato un minore per prostituzione abbia cambiato le sue abitudini, ti sbagli di grosso.

RAID DEL 2019 NELLA CASA DI EPSTEIN A MANHATTAN

L’FBI ha fatto irruzione nella dimora di Manhattan di Epstein a luglio 2019 e le scoperte sono state abbastanza importanti. Sebbene al momento non siano disponibili immagini del raid, l’Ufficio del procuratore degli Stati Uniti a Manhattan ha rivelato alcuni degli oggetti trovati sul sito. Qui ce ne sono un po:

  • Centinaia di foto di ragazze e giovani donne nude
  • CD con l’etichetta “Misc nudes 1” e “Girl pics nude”, o nomi individuali di ragazze
  • Note e messaggi che presumibilmente vanno a confermare le nuove accuse di traffico sessuale contro Epstein
  • Un lettino da massaggio
  • Giocattoli sessuali
  • Lubrificante
  • Una cassaforte contenente contanti e diamanti
  • Un passaporto scaduto con l’immagine di Epstein e un nome falso rilasciato nei primi anni ’80 in un “paese straniero” che indica l’Arabia Saudita come paese di residenza di Epstein

Le immagini del raid riveleranno molte informazioni aggiuntive.

CONCLUDENDO

Le immagini del raid del 2005 non solo dimostrano che Epstein era un pedofilo, ma dimostrano anche che ha aderito pienamente alla cultura dell’élite occulta permeata di abusi sui minori e controllo mentale. Non si accontentano semplicemente degli abusi, li celebrano attraverso “l’arte” e modellano il loro intero stile di vita attorno ad essi. Trascorrono una quantità sorprendente di tempo ed energia per reclutare minori e per attirarli nella loro tana malata di abusi. È tutto sistematico e organizzato e coinvolge le persone più ricche e potenti della terra.

Chi ha ancora il coraggio di dire che questa e` una “teoria complottista”?

Fonte

 

L’attivista transgender che ha denunciato le estestiste per non avergli fatto la brasiliana e che voleva organizzare le sessioni di nuoto in topless per bambine accusato di sfruttamento di minori

Jessica (Jonathan) Yaniv è un maschio biologico che si identifica come femmina ed è meglio conosciuto per la sua campagna di molestie contro estetiste femminili soprannominata “Depilatemi le palle”.

L’attivista trans è molto litigioso e sta facendo causa a diversi imprenditori nella Columbia Britannica dopo che i saloni si sono rifiutati di fargli una ceretta brasiliana.

A un certo punto dell’udienza della scorsa settimana, “Jessica” Yaniv ha definito neo-nazista l’imprenditore.

La proprietaria ha detto alla corte che non si sentiva a suo agio nel fare la “ceretta a dei genitali maschili”.

A causa della follia di Yaniv che richiede alle donne di toccare i suoi genitali, molti critici lo hanno definito un predatore sessuale – e i critici potrebbero avere ragione.

Una presunta vittima di 14 anni si è fatta avanti e ha presentato una denuncia di sfruttamento minorile contro Yaniv.

La ventenne Jessica Rumpel dello stato di Washington si è fatta avanti con messaggi di testo e messaggi vocali di Yaniv che mostravano che la stava sfruttando sessualmente quando aveva solo 14 anni.

Yaniv aveva 27 anni quando ha inviato i messaggi a Rumpel di 14 anni.

Jessica Rumpel ha specificamente dichiarato a Yaniv diverse volte che aveva solo 14 anni, ma ha continuato a inviarle messaggi sessualmente espliciti, comprese foto di se stesso.

Yaniv si è anche lamentato in un messaggio di testo che Rumpel non aveva ancora 16 anni e ad un certo punto ha persino chiesto alla ragazza di mostrargli il suo tampone usato.

“Lol, ma non hai 16 anni, e questo significa che non posso fare nulla con te”, disse Yaniv a Rumpel prima di usare una tecnica predatoria suggerendo che la ragazza lo voleva

“Ho ragione”, ha continuato Yaniv al fine di colpire la ragazza.

Il Post Millennial ha riportato per la prima volta questa storia esclusiva.

Jessica Rumpel ha pubblicato le schermate dei messaggi di Yaniv sul suo account Twitter.

Secondo quanto riferito da The Post Millennial, Yaniv avrebbe anche inviato a Jessica Rumpel messaggi vocali estremamente inquietanti ed sessualmente espliciti  che le diceva che la ama.

Yaniv nega persino di conoscere Jessica Rumpel, tuttavia The Post Millennial ha confermato che i messaggi provenivano dall’account Facebook verificato da “trustednerd” di Yaniv.

Fonte

 

Un attivista trans organizza una sessione di nuoto in topless per bambine dai 12 anni, i genitori non possono partecipare

Jessica Yaniv ha presentato una denuncia per violazione dei diritti umani contro quindici estetiste perche` si sono rifiutate di depilargli il pene e i testicoli.

Un attivista trans che ha acquisito notorietà per aver tentato di costringere delle estetiste a farrgli una ceretta ai testicoli e al pene sta ora organizzando una sessione di nuoto per ragazze di appena 12 anni in cui i genitori non potranno essere presenti.

Sì davvero.

Jessica Yaniv, che è nato uomo, ha sporto denuncia al Tribunale per i Diritti Umani della Columbia Britannica contro quindici estetiste per essersi rifiutate di fargli a ceretta i genitali.

La controversia ha spinto il comico Ricky Gervais ad entrare nel dibattito.

“Come siamo arrivati al punto in cui le donne devono lottare per il diritto di scegliere se fare la ceretta o meno ad un vecchio grosso cazzo peloso? Non è un diritto umano farsi fare la ceretta al tuo cetriolo e alle noci ”, ha twittato Gervais, accusato di“ transfobia ”per aver difeso il diritto di una donna di non depilare dei genitali maschili.

Ma la situazione e` diventata ancora più bizzarra.

Yaniv ha ora organizzato un evento soprannominato “tutti i corpi hanno il diritto di nuotare” alla Al Anderson Memorial Pool a Langley, nella Columbia Britannica. Il materiale promozionale per l’evento afferma: “I genitori e / o gli operatori sanitari non sono ammessi all’evento”.

 

Ciò ha suscitato preoccupazione diffusa perché Yaniv in precedenza e` stato accusato di aver fatto dei commenti “perversi” in merito a ragazze nude che si cambiavano negli spogliatoi.

“Se ci sono circa 30 ragazze negli spogliatoi, quante di loro si staranno cambiando spensieratamente, mostrano liberamente le loro vagine e tette?”, Ha chiesto Yaniv in un post.

“E` andata davvero bene”, afferma in un altro post. “Mi aspettavo di più però. Ho visto solo una ragazza con le mutandine. ”

“Mi aspettavo davvero di entrare e vedere le ragazze con le tette fuori”, commenta Yaniv in un altro post.

 

Altri post mostrano ripetutamente Yaniv chiedere alle ragazze quanto giovani sono e altri post inquietanti.

La settimana scorsa, Yaniv ha anche celebrato il ban della attivista Lindsay Shepherd da Twitter dopo che la Shepherd aveva suggerito che Yaniv non fosse una donna.

Il mondo di questi pagliacci non manca mai di offrire la sua giornaliera dose di follia, forse pero` questo e` un chiaro esempio di qualcuno che si nasconde dietro la protezione totale degli LGBT per impegnarsi in ciò che i critici affermano sia un comportamento predatorio.

Fonte

Netflix: La vera ragione per cui perde sempre piu` utenti negli Stati Uniti e nel mondo

Netflix ha perso oltre 133.000 abbonati negli Stati Uniti nel secondo trimestre del 2019. I mass media non ti dicono il motivo principale per cui questo sta accadendo perché sono parte del problema.

I risultati del secondo trimestre del 2019 di Netflix sono stati nientemeno che disastrosi. Infatti, la compagnia di streaming ha visto la sua prima grande perdita di abbonati statunitensi (oltre 130.000 cancellazioni) mentre il numero di abbonamenti internazionali ha appena raggiunto il 50% di quanto previsto (2,7 milioni di nuovi clienti paganti). Le quote di mercato sono calate di oltre il 10% subito dopo la pubblicazione del rapporto.

Sono stati citati diversi motivi per la perdita di abbonati negli Stati Uniti: l’aumento dei prezzi da $ 10,99 a $ 12,99, la concorrenza da parte di altri servizi di streaming, l’arrivo di nuovi servizi di streaming (WarnerMedia, Disney e Apple) e la stagnazione della libreria di contenuti di Netflix.

Sebbene queste ragioni possano spiegare parte della perdita di abbonati, Netflix e le fonti dei mass media sembrano ignorare di proposito l’elefante nella stanza: molte persone non sono d’accordo o si relazionano con i contenuti messi a disposizione da Netflix. Inoltre, molti trovano che i film e i telefilm presenti siano tossici e dannosi per i suoi spettatori, specialmente per i giovani. Ciò è particolarmente evidente quando si guardano le serie create da Netflix.

I CONTENUTI ORIGINALI DI NETFLIX SONO TERRIBILI

Ogni anno, Netflix dedica oltre $ 12 miliardi per creare contenuti esclusivi e originali. Questa strategia ha lo scopo di attirare nuovi clienti mantenendo quelli esistenti fedeli al marchio. Tuttavia, c’è un grosso problema: quasi tutti i contenuti originali di Netflix sono pesantemente infestati da una chiara, ovvia e fastidiosa agenda. E questo irrita molte persone.

In effetti, una recensione riassuntiva dei contenuti di Netflix rivela un fatto ovvio: c’è un solo parere e punto di vista consentito su Netflix. Tutto è soggetto alla regola estremamente rigida, soffocante e oppressiva del politically correct, dell’attivismo “woke” e dell’ingegneria sociale radicale che è promossa dall’élite occulta. In breve, Netflix è un servizio di streaming di propaganda misto a contenuti personalizzati per svilire, corrompere e traumatizzare le giovani menti attraverso insidiose “opere di intrattenimento” (maggiori informazioni in seguito).

Inutile dire che molte persone non sono d’accordo con questo. Sebbene i mass media tendano a respingere ed evitare questo fatto, gran parte della popolazione statunitense è sempre più consapevole dell’agenda globale dell’élite e la respinge attivamente. Mentre i mass media si trasformano in uno strumento sempre più radicale di indottrinamento (che confina con la disperazione), un numero crescente di persone ha imparato a identificare i tentativi di propaganda inseriti nei mass media.

Quanto sopra non si applica solo agli americani “conservatori” o “religiosi”. Molte persone senza una specifica inclinazione ideologica non vogliono essere forzate o ripetere a pappagallo cio` che vien detto loro, mentre consumano intrattenimento. Vogliono solo essere intrattenuti. Caso in questione: una delle serie più popolari disponibili su Netflix è The Office, una serie che si concentra su personaggi comici e amichevoli, non sulla propaganda sociale e ideologica. La serie è il prodotto di un’altra era (2005-2013), prima della radicalizzazione dei mass media.

Ci si può solo chiedere quanti abbonati Netflix perderà quando The Office finira` nel 2020. Perché, chiaramente, Netflix non è in grado di produrre contenuti di qualità che non siano fastidiosi per una grande percentuale della popolazione mondiale.
Ecco alcuni esempi di disastri “originali” di Netflix.

BILL NYE SAVES THE WORLD

Mentre Bill Nye è soprannominato “science guy”, la serie Bill Nye Saves the World si è allontanata senza vergogna dal campo dei fatti scientifici per promuovere apertamente un’agenda radicale e altamente discutibile. Come ho spiegato nel mio articolo sulla serie, Bill Nye si è spesso concesso a condiscendenti diatribe su questioni non scientifiche che erano estremamente spiacevoli da guardare.

L’episodio The Sexual Spectrum ha incarnato tutto ciò che era sbagliato nella serie. Ecco parte di esso. Imposta la tua faccia a rabbrividire.

In questo episodio, Bill Nye sostiene che non ci sono due generi (maschile e femminile), ma uno spettro di circa 76 generi. Questa affermazione è in diretta contraddizione con gli insegnamenti della serie originale di Billy Nye the Science Guy trasmessa negli anni ’90.

Ovviamente Netflix ha rimosso questa parte della serie di Bill Nye the Science Guy. Non è possibile che i giovani siano contaminati dalla verità.

13 REASONS WHY

13 Reasons Why ruota attorno al suicidio di uno studente di 17 anni della scuola superiore. Fin dalla sua uscita, i professionisti della salute mentale hanno avvertito gli spettatori degli effetti negativi della serie sui giovani spettatori. Nel maggio 2019, il Journal of American Academy of Child & Adolescent Psychiatry ha concluso che:

13 Reasons Why è stato associato a un aumento significativo dei tassi di suicidio mensili tra i giovani americani di età compresa tra 10 e 17 anni. È richiesta cautela riguardo all’esposizione di bambini e adolescenti alla serie.

Secondo lo studio, 13 Reasons Why è stato associato ad un aumento del 28,9% dei tassi di suicidio tra i giovani direttamente dopo il rilascio nell’aprile 2017. Il numero di decessi per suicidio registrato durante quel mese e` stato superiore al numero osservato in un singolo mese durante il quinquennio esaminato dai ricercatori.

Nel mio articolo sulla serie Netflix “13 Reason Why” in cui si parla del picco nei tassi di suicidio ho spiegato:

Sotto la premessa ingannevole di “affrontare i problemi di salute mentale”, lo spettacolo in realtà celebra il suicidio. Il suicidio del personaggio principale è intriso di mistero che porta al fascino. Esponendo il male nella sua scuola, diventa anche una eroina il cui suicidio è diventato un modo efficace per fargliela pagare alle persone che l’hanno offesa.

È facile vedere come esporre un giovane con problemi di salute mentale, a uno spettacolo che ritrae un adolescente suicida come una sorta di eroe post-morte-vigilante, potrebbe portarlo a desiderare il suicidio. Attraverso dozzine di ore di arte drammatica, lo spettacolo crea un’esperienza coinvolgente che si concentra su idee, pensieri ed emozioni oscure.

Qualche giorno fa, Netflix ha montato eliminato una scena grafica raffigurante il suicidio. Troppo poco e troppo tardi.

LE TERRIFICANTI AVVENTURE DI SABRINA

La prima stagione di Le terrificanti avventure di Sabrina è talmente piena di messaggi tossici che è stato necessario un articolo piuttosto lungo per analizzare correttamente il suo contenuto. In effetti, quasi ogni scena promuove una sorta di agenda per i suoi giovani spettatori che sono portati immediatamente a relazionarsi con la protagonista Sabrina – una ragazza delle superiori che diventa una strega (donando l’anima a Satana).

Tra i messaggi promossi: il satanismo è cool e moderno, il satanismo è un alleato del femminismo e degli LGBQ, la stregoneria è un potente strumento per rovesciare il “patriarcato bianco” e altro ancora. Ci sono anche scene che sensibilizzano i minori (normalizzando l’amore dell’élite per la pedofilia), il cannibalismo che coinvolge i bambini (normalizzando l’amore dell’élite per il cannibalismo) e, naturalmente, un sacco di profanazioni del cristianesimo.

ALTRI ESEMPI

Ci sono molti altri esempi di serie originali di Netflix che promuovono l’agenda malata dell’élite occulta. Qui ce ne sono un po.

Santa Clarita Diet – una serie che parla del cannibalismo (l’ossessione segreta dell’élite occulta) 
Netflix ha preso la serie Lucifer dopo che è stata cancellata da Fox dopo tre stagioni. Come potrebbe Netflix rinunciare all’opportunità di promuovere una serie che ritrae Lucifero (la figura biblica preferita dell’élite occulta) come un affascinante giovane?

The Order parla di un adolescente che entra in una società segreta che pratica la magia nera. Ancora promozione del satanismo ai giovani.

CONCLUDENDO

Mentre la disastrosa perdita di spettatori di Netflix potrebbe essere attribuita a un aumento dei prezzi di $ 2, qui c’è chiaramente di più gioco. Negli ultimi anni, il contenuto di Netflix ha assunto una svolta radicale (che può anche essere osservata attraverso i mass media in generale) in cui la promozione di messaggi divisivi è più importante dell’intrattenimento di qualità. Credici o no, molte persone lo stanno notando e lo stanno attivamente rifiutando.

I mass media sono in una crisi di pertinenza: i loro contenuti non riflettono i valori e gli interessi di gran parte della popolazione. L’intrattenimento di oggi è completamente idiotico e senza senso. Perché? Perché le nuove serie raramente sono il prodotto di menti creative. Il più delle volte, sono sforzi forzati per mescolare il maggior numero possibile di messaggi in qualcosa che assomiglia all’intrattenimento. E le persone non vogliono pagare per questo. E` veramente così semplice.

Fonte

Epstein/Victoria Secret’s: La storia di Elisabetta Tai, una modella padovana.

Nel 2004, Elisabetta Tai, era una modella italiana di 21 anni con grandi sogni nel cassetto.

Un mese dopo essere arrivata a Manhattan, il suo agente le diede un indirizzo dell’Upper East Side e le disse che aveva organizzato un incontro con l’uomo che sarebbe stato in grado di farla comparire nel catalogo di Victoria’s Secret.
“Mi disse che questa era una delle persone più importanti nel mondo della moda”, ha detto Tai “Diceva che quest’uomo è il responsabile di Victoria’s Secret e che avrebbe cambiato la mia vita.”

Jeffrey Epstein ha finito per cambiare la vita di Tai – ma non nel modo in cui si aspettava.

Epstein, 66 anni, un pedofilo condannato, è stato arrestato la scorsa settimana per aver abusato sessualmente di “dozzine” di ragazze minori nella sua residenza nell’Upper East Side e nella sua residenza a Palm Beach, in Florida. L’arresto deriva da incidenti tra il 2002 e il 2005.

“Ho suonato il campanello di questa incredibile villa, e un maggiordomo e` venuto ad aprire la porta”, ha detto Tai, che viene da Padova. “E ‘ stato sorprendente. Era una casa molto bella, e ho visto circa cinque modelle camminare non appena sono entrata. Ero così eccitata. ”

Tai ha detto di essere stata accolta da una donna con “capelli neri corti” che la ha condotta nell’ufficio di Epstein. Non ricorda il nome della donna, anche se quando il  The Post le ha mostrato una fotografia di Ghislaine Maxwell, la ragazza di Epstein, confermò che sembrava la stessa donna che l’aveva incontrata nella villa di Epstein.

La socialite britannica, figlia del magnate dei media Robert Maxwell, non è stata accusata di un reato ma è stata accusata da tre donne in atti di reclutamento di giovani donne per Epstein. Due di loro hanno affermato che sia Maxwell che Epstein le hanno violentate sessualmente.

Epstein, un finanziere, era amico intimo del miliardario dell’Ohio Leslie Wexner, che possedeva Limited Brands – ora L Brands – la casa madre di Victoria’s Secret. Wexner era così vicino a Epstein che entrambi gli uomini condividevano la proprietà della tentacolare villa sulla 71a strada est dove Tai si era recata all’incontro.

La donna con i capelli corti ha introdotto Tai a Epstein, il quale era vestito con disinvoltura in camicia e jeans, ha detto. Mentre Epstein iniziava a fare le sue domande sul suo background, notò un lettino da massaggio vicino alla sua scrivania.

Ha detto di non averci prestato troppa attenzione mentre stava cercando il suo portfolio da mostrare ad Epstein. Tai aveva fatto alcuni lavori da modella nel suo paese natio, “ma nulla di importante ha detto a The Post.

Mentre Tai parlava della sua esperienza, disse che Epstein si trasferì sul lettino da massaggio e cominciò a togliersi i vestiti.

“Pensavo che si stesse preparando per un massaggio, e che qualcuno stava per entrare nella stanza e farglielo”, ha detto.

Tuttavia la donna dice di essere stata presa dal panico quando Epstein si è sdraiato nudo sul lettino dicendole di avvicinarsi.

Poi le diede un vibratore, disse.

“Mi sono bloccata”, ha detto. “Non sapevo cosa fare.

“Ho afferrato il vibratore e glielo ho lanciato contro”, ha detto

Era così spaventata che non sapevo dove andare per ritrovare la porta d’ingresso nella massiccia casa. Ad un certo punto ha detto di aver incontrato la donna dai capelli neri corti, che l’ha afferrata e le ha chiesto cosa stava facendo.

“Mi ha detto che non potevo andarmene” disse Tai. “Ha detto che quest’uomo è importante, che è amico del presidente Clinton.”

Tai non ha mai detto al suo booker cosa era successo alla villa di Epstein.

“Avevo troppa paura di dirlo a qualcuno”, disse. “Ero troppo timida e spaventata pensavo qualcuno sarebbe venuto a ricattarmi o forse peggio.”

Epstein, che era un investitore in un’impresa di modelle a Manhattan, è stato accusato dai pubblici ministeri di usare le sue connessioni con la società di modelle per attirare le ragazze al fine di abusarle sessualmente.

“Nel corso degli anni, sembra che Epstein si sia affidato al business di modelle per procurarsi ragazze minorenni a fini sessuali”, scrive Conchita Sarnoff, una giornalista investigativa, nel suo libro “Trafficking”.

“Si trattava di bei soldi per le modelle dei cataloghi”, ha detto l’agente. “Non stavano facendo centinaia di migliaia di dollari ma potevano guadagnare $ 5000 a settimana per fare le modelle da catalogo. Non tutte le ragazze inviate a lui ricevevano un lavoro, ma molte di loro si”.

Un altro imprenditore di moda di Manhattan ha detto al The Post che Maxwell era un ospite fisso agli eventi di Victoria’s Secret.

“C’erano questi spettacoli trash pieni di uomini ricchi nel pubblico”, ha detto. “Ghislaine agiva come una guardia nazista, dicendo a tutti dove erano seduti tra il pubblico e che aveva nuove “pop tarts ” ovvero le giovani modelle”.

L’avvocato di Epstein, L Brands e l’avvocato di Maxwell non hanno risposto riguardo ai commenti.

Tai ha detto che era talmente spaventata che è tornata in Italia, continuando a lavorare come modella. Ha detto che non è mai andata alla polizia perché temeva rappresaglie e temeva che presentare un rapporto avrebbe rovinato la sua carriera.

Tai ha detto al The Post che voleva raccontare la sua storia ora a causa delle recenti notizie sull’abuso di ragazze da parte di Epstein.

“Penso che sia terribile”, ha detto. “Penso che sia terribile quello che mi ha fatto, e cosa ha fatto a quelle ragazze. Non è giusto, specialmente se fatto su una ragazza giovane. ”

“Mi ha cambiato per sempre”, ha detto. “Pensavo di vivere in un mondo odioso. È stato scioccante rendermi conto che se volevo essere una modella in America, avrei dovuto essere una prostituta “.

Fonte

Epstein: Il collegamento con Leslie Wexner, A.D. di Victoria’s Secret

Una delle accusatrici di Jeffrey Epstein ha affermato di essere stata aggredita nella casa del miliardario Leslie Wexner, secondo il The Daily Beast.

Epstein è stato arrestato sabato e accusato di traffico sessuale di dozzine di minori tra il 2002 e il 2005.

Wexner è il fondatore e CEO di L Brands, che comprende Victoria’s Secret, Bath & Body Works e Henri Bendel (precedentemente includeva anche The Limited, Abercrombie & Fitch e Lane Bryant). Wexner ha un patrimonio netto di $ 4,7 miliardi, rendendolo la persona più ricca dell’Ohio. Un filantropo, ha costruito la Wexner Foundation per rafforzare la leadership ebraica e supportare anche altre organizzazioni. L’anno scorso ha annunciato di essersi registrato come indipendente e che smetterà di sostenere il Partito Repubblicano.

Wexner è l’unico cliente di Epstein, secondo The Daily Beast. E in aprile, una donna si fece avanti per accusare Epstein e la sua presunta signora di averla aggredita sessualmente nella villa nell’Ohio di Wexner negli anni ’90. Nessuno di loro ha commentato le accuse.

Fonte

Bambini distesi su un uomo travestito da donna ad un evento drag

Una delle famigerate “letture drag per bambini” tanto popolari negli Stati Uniti e appena sbarcate in Italia si è evoluta al di là della semplice narrazione permettendo ai bambini di giocare sul pavimento e sdraiarsi sopra un uomo vestito da donna.

L’evidenza fotografica di bambini che hanno avuto contatti inappropriati con la drag queen Carla Rossi a Portland, nella St. John’s Library dell’Oregon, lo scorso ottobre, è stata portata all’attenzione di LifeSiteNews. Ecco le foto pubblicate sull’account Flickr della Biblioteca della contea di Multnomah.

Un bambino si rotola sul “pancino” della drag queen. Biblioteca della contea di Multnomoah / Flickr

“Non permetterei ai miei figli di mettersi a gattonare su di sconosciuti, non importa come siano vestiti”, ha commentato Kaeley Triller Harms su Facebook.

Ragazzini e ragazzine sopra la drag queen. Biblioteca della contea di Multnomoah / Flickr

“Anche come consigliere del camp diurno 15 anni fa, ero stato addestrato con cura nel non fare sedere sulle ginocchia i bambini o di portarli in groppa”, ha continuato Harms. “E se chiedevano abbracci, adottavo l’approccio dell’abbraccio laterale”.

Le foto pubblicate dalla biblioteca rivelano anche che i bambini erano vestiti con boa di piume durante l’evento.

I più piccoli si travestono da drag queen. Biblioteca della contea di Multnomoah / Flickr

“L’obiettivo è di normalizzare comportamenti omosessuali anormali e sessualmente devianti, suggerendo ai bambini di mettere in discussione la loro sessualità”, ha recentemente detto a LifeSiteNews l’attivista profamiliare Georgia Kijesky. “Più i bambini vedono gli uomini vestirsi da donne, più diventerà normale”.

Fonte