Archivio mensile:agosto 2011

La guerra in Libia è una operazione Cia studiata già 30 anni fà

L’attivista David Icke, che mise in guardia sulla natura fittizia della “primavera araba” da quando iniziò e cioè ben 6 mesi fà, ha rispolverato un articolo del 3 agosto 1981, intitolato: “Un piano per rovesciare Gheddafi “.

‘I dettagli del piano erano imprecisi, ma sembrava essere una classica campagna di destabilizzazione della CIA. Un elemento per portare a termine la missione era un programma di “disinformazione”, progettato per mettere in imbarazzo Gheddafi e il suo governo. Un altro era la creazione di un “governo di opposizione” che sfidasse la sua pretesa di leadership nazionale. Un terzo – potenzialmente più rischioso – era una campagna paramilitare, probabilmente composta da cittadini libici delusi, di far saltare ponti, condotta su scala ridotta attraverso operazioni di guerriglia per dimostrare che a Gheddafi si opponeva una forza politica indigena “.
….

Ovviamente questo piano è stato eseguito alla lettera, con la necessaria aggiunta di un intervento della NATO per salvare quei “paramilitari” citati nello spezzone sopra, dalle forze di sicurezza libiche – un piano di emergenza esplicitamente enunciato in un altro report dal titolo “Which Path to Persia?”, creato dalla Brookings Institution e sovvenzionata da Wall Street e da Londra.

Usare la forza militare per assistere le rivoluzioni popolari, pagina 109-110 (pagine 122-123 del pdf): “Di conseguenza, se gli Stati Uniti riuscissero mai ad innescare una rivolta contro il regime dei mullah, Washington potrebbe essere costretta ad intervenire fornendo una qualche forma di sostegno militare per evitare che Teheran la schiacci.” ” Questo requisito implica che una rivoluzione popolare in Iran non sembrerebbe adattarsi al modello delle “rivoluzioni di velluto” che si sono verificate altrove. Il punto è, che il regime iraniano non accetterà tranquillamente questa “buonanotte”, come invece, è accaduto con tanti regimi dell’Est europeo, potrebbe scegliere di combattere fino alla morte. In tali circostanze, se non c’è assistenza esterna militare per i rivoluzionari, potrebbero non solo perdere la battaglia, ma essere anche massacrati.
Di conseguenza, se gli Stati Uniti perseguono questa politica, Washington dovrà prendere in considerazione questa possibilità. Ci sono anche altri interessanti dettagli nei piani: è necessario includere sistemi per indebolire l’esercito iraniano, o indebolire la volontà dei leader del regime, oppure che gli Stati Uniti siano pronti ad intervenire per sconfiggere definitivamente il regime “.

….

La campagna di disinformazione è iniziata in febbraio, come risaputo sono state dette molte falsità al pubblico, sia per quanto riguarda la natura della rivolta sia per quanto riguarda la reazione del governo libico ad essa. Mentre i carri solcavano le strade libiche, e i jet volavano nei cieli la battaglia si faceva più dura e i mercenari di Al Qaeda mossero guerra contro l’esercito libico, i media corporativi in tandem con gli stati membri della NATO si preparavano ad intervenire, ritraendo una rivolta costituita da attivisti pacifici che venivano crivellati dai colpi delle mitragliatrici e bombardati dagli aerei. Ci sono ora le prove che confermano che tali atrocità non sono mai avvenute, ma l’Onu citando questa DISinformazione ha autorizzato l’intervento della NATO.

La natura stessa dei ribelli Bengasi è stata presentata in maniera ingannevolmente al pubblico. In realtà, erano una miscellanea di estremisti e mercenari, molti dei quali avevano combattuto di recente in Iraq e in Afghanistan contro le forze Usa. Questi mercenari, pagati dalla CIA e dall’MI6 negli ultimi 30 anni (vedi linea del tempo), vengono raffigurati come “una forza politica indigena” di opposizione al governo libico. Recentemente è stato rivelato che il comandante dei ribelli che hanno tentato la conquista di Tripoli altro non è che Abdelhakim Belhadj, una pedina di Al Qaeda che venne precedentemente catturato in Malesia, torturato dalla Cia a Bangkok, in Thailandia nel 2003, prima di saltar fuori di nuovo in Libia dove sta ora combattendo per conto della NATO.

Un’altra via in cui è stata propagata disinformazione è stato il tentativo di rappresentare Gheddafi come un pazzo vagabondo che, nonostante la denigrazione, si rivelò essere uno dei pochi capi di stato “sinceri” sul conflitto che assediava la sua nazione. Dalle sue prime dichiarazioni sul fatto che la rivolta fosse fomentata dall’esterno e che fosse coinvolta Al Qaeda, alle affermazioni ormai certe del fatto che la ribellione servisse per inaugurare una nuova occupazione straniera assieme alla depredazione delle risorse della Libia, aveva colto nel segno.

Quello a cui stiamo assistendo in Libia è una di aggressione orchestrata da finanziatori/capi corporativi per i loro interessi. Hanno cospirato apertamente sul fatto di effettuare una campagna di conquista militare ed economica in tutto il Medio Oriente (e oltre), includendo il Nord Africa e specificamente anche la Libia. Dal discorso di Wesley Clark nel 2007, all’articolo del Newsweek del 1981, ci sono state consegnate delle confessioni firmate sul fatto che sono i “nostri” governi i veri nemici da cui l’umanità si deve liberare, mascherano la loro agenda con la sottile patina della giustificazione morale. Ancora una volta, dobbiamo impegnarci ad individuare  i veri interessi che hanno messo in moto questo conflitto, guardando dietro i leader militari e politici meri esecutori della “politica internazionale.”

Fonte

Annunci

Megan Fox cancella il tatuaggio di Marilyn Monroe

Una delle molte foto di Megan Fox riferite al controllo mentale

Se si guardano le foto postate la settimana scorsa nella sezione “subliminal verses” su facebook, si può notare una foto di Megan Fox con il suo tatuaggio di Marilyn Monroe. In questo sito si afferma più volte che Marilyn Monroe è l’originale “Sex Kitten” prodotta dalla programmazione MK-Ultra. La Monroe divenne una sorta di “ragazza immagine” per coloro che propagandano il controllo mentale basato sul trauma. Rappresenta quasi un “requisito” per le star che fanno “parte del’agenda” alludere alla bionda icona, in un modo o nell’altro, nei servizi fotografici o nei video.

Megan Fox ha recentemente deciso di rimuovere il suo tatuaggio di Marilyn Monroe. Le ragioni per cui lo ha fatto sono piuttosto interessanti: Senza mai citare direttamente il “controllo mentale”, allude però a tutti i sintomi della programmazione Monarch accusati dalla Monroe, affermando che: “È un personaggio negativo, in quanto soffriva di disturbi della personalità ed aveva una personalità bipolare . Non voglio attirare questo tipo di energia negativa nella mia vita. ”

Ecco un articolo dove parla di questa sua decisione:

Megan Fox spiega la scelta di cancellare il suo tatuaggio di Marilyn

Megan Fox, 24 anni, è uscita allo scoperto riguardo la rimozione del suo tatuaggio permanente del ritratto di Marilyn Monroe sull’avambraccio destro.

“La sto eliminando,” dice la Fox al giornale italiano Amica.È un personaggio negativo, soffriva di disturbi della personalità, era bipolare. Non voglio attrarre questo tipo di energie negative nella mia vita.

In passato, la Fox sottolineò la sua somiglianza alla sex symbol del passato, arrivando a dire una volta, di aver paura di morire giovane come successe alla leggenda dello schermo.

“Ho praticamente letto ogni libro mai scritto su Marilyn Monroe,”  disse la Fox a Wonderland Magazine nel 2009. “Potrei finire così perché ho sempre in testa l’idea di essere una personalità borderline. A volte mi capitano alcuni lievi attacchi di schizofrenia. Credo sicuramente di avere qualche disturbo della personalità ma non ho ancora capito di cosa si tratti. ”

Nel mese di aprile, OnTheRedCarpet.com  riferì che l’inchiostro del tatuaggio dell’attrice cominciava a mostrare segni di sbiadimento al Golden Globe Awards e che è sempre più tenue nelle recenti apparizioni. La foto sopra mostra il tatuaggio della Fox al Golden Globe di gennaio e prima del trattamento, nel 2009 presso il Teen Choice Awards.

La Fox possiede ancora diversi tatuaggi su cui non è intervenuta, tra cui “We will all laugh at gilded butterflies” sulla spalla destra, che è una citazione dall’opera di Shakespeare, “King Lear”, e “C’era una volta una bambina che non aveva mai conosciuto l’amore.. fino a quando un ragazzo non le spezzò il cuore ” sul costato.

– Fonte

CANCELLARE TATUAGGI:
cancellare tatuaggi

ELIMINARE TATUAGGI:
eliminare tatuaggi

 

Illuminati: Dr Who

Sopra, il Dr. Who con uno dei suoi robot “ebraici”, chiamati “Daleks”

Gli Illuminati discendono dal culto frankista sabbatiano che ha da sempre cospirato per distruggere gli ebrei, una volta adempiuto il loro compito.

Quasi ogni “marchio” degli Illuminati è presente nella serie fantascientifica, “Dr. Who” in onda sulla BBC: le più evidenti impronte della elite sono la multi-sessualità; l’anti-religione e il simbolismo occulto di ogni genere.

CIò che però denota senza alcuna ombra di dubbio che il Dr. Who è un progetto gestito dagli Illuminati si può osservare in 2 aspetti diversi:

1) Lo show televisivo presenta analogie con la razza ebraica mostrando di riflesso come gli ebrei sono stati usati, manipolati e condannati a morte.

2) I nuovi episodi fanno da specchio ad eventi reali che stanno avvenendo in questo momento. Quando si tiene presente che questi episodi sono stati progettati e creati con più di un anno di anticipo, cominciamo a vedere un modello: gli Illuminati hanno un piano preciso e vogliono mostrare il loro coinvolgimento negli eventi (in maniera spesso sottile e poco percettibile da occhi poco esperti).

L’analogia con la razza ebraica viene presentata sotto forma di una razza di nome Daleks. Il nome “Dalek” è tratto dalla parola norvegese che sta a significare “lupo”. Come gli studenti dei Protocolli di Sion sanno, gli Illuminati si credono i lupi che predano tra le pecore umane.

Il “Dottore” è il nemico finale del Daleks. Di volta in volta, li ha spazzati via con un sol colpo – inevitabilmente però riemergono ancora una volta, in una forma o nell’altra. Il Dalek ha una paura terribile del “Dottore”. I daleks lo hanno soprannominato “la tempesta in arrivo” e “il Distruttore di Mondi”.

Perché gli Illuminati dovrebbero chiamarsi lupi, per poi creare una razza immaginaria di lupi, mettendola poi in mezzo ad una faida di sangue dove probabilmente avrebbero avuto la peggio?

No, non è così che funziona, in realtà. Gli ebrei sono stati utilizzati,  come lo siamo tutti.

Gli Illuminati reputano allo stesso livello nostro gli ebrei e la loro intenzione di distruggere Israele si è fatta completamente chiara.

In un episodio, uno dei più recenti, infatti, una donna di nome Jennifer Lucas (“Lucas” significa anche “lupo”), formula un piano per distruggere tutte le persone che non sono come lei. Un personaggio le dice: “Eri una ragazza dolce, Jennifer, ma sei diventata un mostro.”

Alla fine, si trasforma in una bestia e viene distrutta da un uomo che sembra e si comporta come il Dottore, ma che in realtà non lo è. La distruzione di Lucas segna la distruzione di Israele. La distruzione del falso dottore fa da eco all’intenzione degli Illuminati di distruggere coloro che operano come “maschera” degli Illuminati (per questo, rimando al film V per Vendetta).

In un altro episodio, il creatore stesso dei Dalek è viene distrutto, insieme con la tutta la sua progenie. Viene tradito dal Dalek supremo, un essere di nome Dalek Khan (“Lord of the Daleks”). Poco prima che si verifichi l’olocausto, Dalek Khan spiega la sua decisione di annientare il suo popolo, “Ho visto ciò che siamo diventati, e ho deciso di finirla.”

L’AUTOCOMPIACIMENTO NELLE LORO IMPRONTE

Le firme di “autocompiacimento” degli illuminati vengono poste su eventi pianificati molto tempo fa e che poi si sono avverati. Gli esempi abbondano

Gli eventi si verificano, i simboli e i contesti in Dr. Who gli rispecchiano. I più liquiderebbero queste somiglianze come coincidenze, magari per le più profonde verrebbero tirati in ballo i teorici del complotto, classificate comunque alla stregua di fesserie, ma chi ha lavorato nelle produzioni televisive e nei film sa che per ogni dettaglio c’è il suo perchè.

Mi impegno a fornire un esempio. All’inizio di quest’anno, sono scoppiati i disordini in Nord Africa, poco dopo, è iniziata la sesta stagione del Dr. Who. In questa serie – in realtà, cominciata dalla fine della 5a stagione – il Dottore è improvvisamente ossessionato dall’indossare un fez. Il fez è un cappello che viene indossato esclusivamente nel Nord Africa.

“Indosso un fez” dice il medico, in diverse occasioni, anche durante una intrusione nello Studio Ovale degli Stati Uniti, dove, per inciso, si comporta come un rappresentante di Scotland Yard (uno dei continui riferimenti al Rito Scozzese della Massoneria).

All’inizio del primo episodio della sesta stagione, i protagonisti umani visualizzano un video del Dr. Who, con indosso un fez, menstre sta ballando in Marocco con Abbott e Costello in mezzo alla legione straniera francese.

Chiunque sia stato attento ai fatti avvenuti in Africa sa del ruolo degli inglesi e dei francesi nei tumulti in atto in Nord Africa. Potrebbe creare stupore, vedere il dottore in modalità “Scotland Yard” entrare nello studio ovale dicendo: “Portami un fez. Voglio un fez. Indosso un fez adesso”.

Questo è un esempio dell’autocompiacimento degli Illuminati dato dal fatto di aver realizzato ciò che avevano programmato.

ALTRE IMPRONTE DEGLI ILLUMINATI

I dettagli della produzione del dottor who sono stracolmi di tracce “illuminate”.

Uno dei personaggi principali della serie è Jack Harkness, un vorace bi-sessuale che viene chiamato “l’uomo del futuro”. Si trasformò in un essere immortale, che nel corso di miliardi di anni, si sarebbe trasformato in una gigantesca testa demoniaca. Questo essere assume il nome “the Face of Beau” (“il volto della bellezza”) diventando il protettore della razza umana.

Un altro personaggio è Rory il Romano. Ha iniziato come un normale cittadino britannico, finendo per diventare un centurione romano, a guardia del sonno della sua sposa celtica scozzese, Amelia Pond.

Venne uccisa dai nemici del Dottore, ma il Dottore la mise dentro il vaso di Pandora dove dopo 2000 sarebbe rivissuta. All’emergere dal vaso, l’universo conosciuto è stato distrutto e ricostruito poi in base ai suoi ricordi.

Rory il romano è un’analogia per il rapporto tra il Rito Scozzese e il Vaticano. Si potrebbe anche notare che, poco dopo l’apparizione di Rory il Romano sulla BBC, non uno ma ben due film sono stati distribuiti da Hollywood, riguardanti il ​​destino della nona legione in Scozia. Uno si intitola “The Centurion”, e l’altro, “The Eagle”. Entrambe le produzioni sono sponsorizzate dagli Illuminati.

Gli effetti speciali sui dispositivi energetici/laser in Dr. Who sono costituiti dai seduttivi semplici colori che hanno fatto grande Star Wars premiandone la potenza visiva.

Rosso, blu, giallo, bianco e verde hanno ciascuno una specifica importanza simbolica nella serie. I riferimenti a guerre stellari sono troppo numerosi da menzionare qui ed ora. Dato il fatto che Star Wars fu una produzione illuminata, ciò non dovrebbe stupire molto. Potrei aggiungere, anche, che il creatore stesso dei Daleks era il modello fisico utilizzato per progettare l’aspetto dell'”l’imperatore” della serie Star Wars, persino la sua voce.

La frase, “Tutti devono morire prima o poi. Chi decide quando?”, Si ripete per tutta la serie. Le carte ormai sono in tavola…

Ogni nome della serie è stato scelto per un motivo.

OCCULTO E MASSONERIA

Le simbologie occulte, massoniche e addirittura sataniche sono presenti in maniera estesa in Dr Who.

I Serpenti, le croci sataniche, la croce dei Cavalieri Templari … anche la forma del veicolo del dottore, il Tardis, è sormontato da una piramide com montata sopra una luce brillante.

Vi è inoltre una serie di episodi che ha a che fare con una specie chiamata “The Weeping Angels”, che sono “la specie più mortale mai evoluta”. I weeping angels sono entità orrendamente violente che prendono la forma di statue cattoliche cristiane. In definitiva, il Dottore gli annienta e cancella loro dalle menti degli umani.

Questi simboli, e una grande quantità di storie sottolineano che “la vera umanità” è stata tenuta prigioniera dall’inizio della fede cristiana.

Vi sono molte tematiche simili al telefilm “il prigioniero”

Questo è ciò che intendono gli Illuminati. E’ cio in cui credono, ciò per cui hanno lavorato per tutto questo tempo: distruggere la religione, per distruggere i “fallimenti” del passato, per far rivivere “la vera umanità” liberando “il prigioniero”, e creando “l’uomo del futuro”.

Il gruppo che noi chiamiamo gli Illuminati sono reali. Non hanno esitato nel rivelare le loro motivazioni e i piani per una popolazione generale noiosa e non riflessa.

Sanno che passerà per lo più inosservato. Questo non li disturba. A loro avviso, rafforza solo la sensazione che non vi sarà gente da piangere, una volta che avranno finito.

Fonte

Gli Illuminati controllano ogni script di Hollywood

A sinistra, una scena da “V per Vendetta” – “Il più “sfacciatamente onesto” progetto cinematografico degli Illuminati, che abbia mai visto”.

 

 

 

 

Gli Illuminati esercitano la propria influenza nei mass media in maniera straordinaria. Ogni sceneggiatura importante nella fase di pre produzione viene spedita a dei subordinati chiave dell’elite degli illuminati, che hanno il ruolo di valutare il copione per potenziali aggiunte o cambiamenti. Questi cambiamenti possono essere rilevanti o meno, a seconda del materiale dello script.

In aggiunta, questi sottoposti vanno a costituire un think thank, strettamente gestito, che esamina i progressi della propaganda degli Illuminati nella società. I membri di questo circolo, prendono decisioni riguardo a quali temi dovranno essere propagandati attraverso una amplificazione mediatica. Descrizioni dettagliate sui progetti creativi vengono poi inviate ad altri sottoposti (ma che non sono necessariamente a conoscenza dei piani), scrittori altamente qualificiati, che creano gli script per questi progetti.

Diversi progetti vengono creati per avere come target diverse fasce della popolazione mondiale. Tutto ciò può sembrare logicamente ovvio, vale la pena però di approfondire questo particolare aspetto. Messaggi palesemente evidenti degli Illuminati vengono spesso piazzati in film molto violenti, o dai contenuti sessuali, o nella fantascienza, allo scopo di distrarre gli spettatori dal fatto che idee esterne vengono inserite a forza nelle loro menti.

In realtà, non è esattamente così: l’eccessiva violenza, e simili, accresce l’apertura mentale alla ricezione di idee. La spiegazione di questo fenomeno è dovuta al fatto che una volta che lo spettatore decide di accettare l’eccessiva violenza o il sesso sfrenato nel film che sta guardando, la sua mente rimane aperta alle idee le quali la pellicola voleva trasmettere.

SOTTILI INFLUENZE

Molto spesso, viene presa la decisione di non inserire alcun messaggio palese nei progetti cinematografici. Ciò è dovuto a due regole molto semplici: troppa apertura sull’argomento esporrebbe il processo al pubblico, e, un’influenza graduale, è molto più potente ed efficace nel lungo termine. Nel caso in cui non vengano inseriti messaggi chiari, restano altre 2 opzioni che consentono ancora la costituzione di un lento e graduale condizionamento.

La prima è la simbologia. Gli Illuminati hanno generato, nel tempo, una enorme quantità di simboli e icone visive che, in collaborazione con i messaggi più palesi, esercitano un impressionante (qualcuno potrebbe dire spaventosa) influenza sul pensiero del pubblico.

Queste simbologie rappresentano il “marchio” degli Illuminati, la prova che hanno interferito nel progetto. Quando gli spettatori vedono un simbolo inserito in un film, questo evento fa riaffiorare alla memoria le volte precedenti in cui lo si è visto, assieme ad ogni tema e messaggio collegato a questo simbolo.

Ciò viene spesso chiamato processo “inconscio” o “subliminale”. Io lo chiamo “non riflessivo”, per il semplice motivo che la maggior parte delle persone pone poca attenzione alle influenze che vanno a condizionarle nel profondo.

Naturalmente tutti si concentrano nel ricercare l'”occhio degli Illuminati” in quanto simbolo palesemente ripetitivo. Si pecca di una visione parziale, ed ora porterò un esempio alla mia tesi. Una “firma illuminata” meno ovvia è il gargoyle. Qualsiasi film o produzione, in cui appare, anche per breve tempo, un gargoyle è sinonimo di approvazione degli Illuminati.

La seconda opzione, è l’influenza sulla musica collegata ad un progetto. Le colonne sonore – beh, la musica in generale – ha una forte influenza sugli spettatori e negli ascoltatori. In vari progetti la musica va ad eccitare la memoria non riflessa (o subliminale) ancor più profondamente di quanto non facciano i simboli visivi.

Non esiste un vero e proprio gruppo di persone che si fa chiamare Illuminati. Esiste invece un organizzazione reale CHE SI FA CHIAMARE “gli Illuminati” (condizionamento), non è però questo il loro nome. Neppure i loro personaggi sono uguali a quello che la propaganda ha descritto come “gli Illuminati”.

Il progetto più palesemente onesto degli Illuminati che ho visto, è stato V per Vendetta, diretto da James McTeigue, a sinistra, interpretato da Natalie Portman e Hugo Weaving. Tutte e tre queste persone, tra l’altro, sono elementi chiave nella produzione di grandi ed evidenti progetti cinematografici degli Illuminati. McTeigue ha anche diretto The Matrix (1999), Matrix Reloaded (2003) Star Wars – L’attacco dei cloni (2002)

Questo film è ambientato in Gran Bretagna, ma contiene diverse ammissioni di responsabilità diretta, da parte degli illuminati, per eventi verificatisi negli Stati Uniti e nel Regno Unito, come la distruzione delle Twin Towers e gli attentati nella metropolitana in Inghilterra. Contiene anche rivelazioni su progetti futuri. La guerra civile negli Stati Uniti è un elemento caratteritico, come lo è l’uso dell’infezione virale, oltre che alla guerra nucleare, per ridurre la popolazione. Per parafrasare: “La guerra nucleare è irrilevante in un mondo in cui un virus può distruggere un intera popolazione, lasciando intatti i suoi tesori.”

C’è una scena in V per Vendetta, dove le figure centrali del film, un uomo vestito di nero che indossa una maschera sorridente (una maschera di Guy Fawkes), e una donna di nome Evie ( dopo Eve, la Madre simbolica dell’Umanità), eseguire il seguente scambio di battute:

Evie: E’ strano vedere improvvisamente la tua faccia ovunque …. Non capisco.
V: Che cosa?
Evie: Come si può essere una delle cose più importanti che mi siano mai successe, eppure non so quasi nulla di te. Non so dove sei nato, chi sono i tuoi genitori, se hai fratelli o sorelle … Non so neppure che volto hai.
V: C’è una faccia sotto questa maschera, ma non sono io. Non sono più quella faccia, se non i muscoli o le ossa sotto di essa.

Questa rappresenta l’ammissione degli illuminati che la loro immagine pubblica è una farsa deliberata. Costantemente mantengono la loro appartenenza, le loro intenzioni finali, e il loro carattere di base nascosti, se necessario. Pertanto, se esaminiamo ciò che essi presentano in modi eccessivamente forti, possiamo soltanto scoprire ciò che non sono. Al contrario, se si esaminano i loro tocchi più sottili, possiamo scoprire quello che sono disposti ad ammettere – che è, ciò che DEVONO ammettere, al fine di costruire il futuro che hanno in programma per l’Umanità.

Qui veniamo alla questione della SEMINA. Gli illuminati controllano e condizionano i media come descritto sopra. Gli Illuminati sono – piaccia o no – causano e al contempo controllano, a livello globale, i cambiamenti, ma non lo stanno facendo unicamente provocando crisi economiche e violenti conflitti internazionali.

Gli Illuminati stanno “seminando” nelle menti del pubblico nozioni che via via si sviluppano e diventano più “condizionanti” nel tempo. Lo hanno fatto con il femminismo, lo stanno facendo con la “sessualità flessibile”, lo stanno facendo con propagande anti religiose (eliminando completamente la spiritualità o meglio cambiandone la concezione) e con la sessualizzazione infantile. Lo fanno perché la società futura che hanno pianificato deve essere strutturata in modo diverso da come la conosciamo ora. Una struttura diversa richiede cittadini che la pensino in maniera differente in modo da accettare tale struttura.
Fonte

 

Una nuova campagna pubblicitaria incentrata sul simbolismo massonico

Strano come i video musicali, utilizzati in modi “innovativi”, sono palesemente massonici (si veda questo articolo). Il video che fra poco vedrete è stato annunciato come una “novità assoluta” in quanto consente agli spettatori di “cliccare” sugli oggetti per vincere inutili creme e correlati.

Per riassumere, il video, parla fondamentalmente di un gruppo di giovani che si stanno divertendo apparentemente senza la minima idea che stanno ballando su un piano cerimoniale massonico, completo di pilastri e piramidi.

Compara il set del video con la classica immagine di simboli massonici:

Fonte

Amy Winehouse e il club dei 27

La prematura morte di Amy Winehouse è stata un triste evento che ha fatto provare a molti una sensazione di déjà-vu. E’ infatti una dei numerosi artisti morti all’età di 27 anni e una delle molte celebrità che hanno perso la vita in circostanze strane.

Famosa per la sua caratteristica voce e stile soul, famigerata per le sue polemiche di abuso di sostanze, Amy Winehouse incarna la dicotomia classica di una rock star: genialità artistica accoppiata ad una tendenza per l’auto-distruzione. La sua morte precoce, all’età di 27 anni, è stato l’ultimo ingrediente necessario per diventare una rockstar memorabile: l’eterna giovinezza. Andando oltre la sua musica, la Winehouse verrà ora ricordata tra il gruppo di coloro che “vissero intensamente e morirono giovani” e per sempre sarà avvolta da questa aurea magica/mistica che attornia le star che muoiono appena sbocciate. Non potremo mai vedere Amy Winehouse invecchiare e perdere il suo talento. Non sarà costretta ad apparire sulle pubblicità di serie C per pagare le bollette. Morendo all’età di 27 anni, Amy Winehouse sarà ricordata per sempre come fiera diva che ha ispirato, scioccato, attratto e respinto moltissime persone. Di grande importanza un altro fatto, morendo all’età di 27 anni, Amy Winehouse è diventata il membro più giovane del Club 27.

IL CLUB 27

I membri del club 27

IL CLUB 27 (o FOREVER 27) è il nome dato al gruppo di stelle dello spettacolo che è morto alla giovane età di 27 anni. Anche se ci sono decine di artisti nel Club 27, i più notevoli sono Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison e Kurt Cobain. La maggior parte dei membri di questo club conducevano una vita piuttosto travagliata e le cause dei loro decessi sono sempre circondate da un alone di mistero. Infatti, indagando sulle circostanze della morte di Jim Morrison, Jimi Hendrix e Kurt Cobain si viene condotti rapidamente verso domande senza risposta e a varie altre “anomalie”. Nessuna autopsia, nessuna causa del decesso oggettiva e rapporti di polizia vaghi sembrano essere la norma in questi casi ad alto profilo. In breve, possiamo trovare tutto il necessario, in questi morti premature, per generare “teorie alternative” per spiegare l’omicidio.

Amy Winehouse sembra essere una aggiunta perfetta per il club. Anche se si potrebbe sostenere che non fosse una artista ironica e rivoluzionaria come Hendrix e molti altri, si possono notare molte somiglianze con loro: Uno stile unico, un grande seguito, l’uso di droghe pesanti e alcool, una tendenza per la depressione e per altri problemi mentali, rapporti amorosi traviati e, infine (soprattutto), un mucchio di domande senza risposta che circondano la sua morte.

MEGA RITUALI

Il fenomeno delle stelle che muoiono in giovane età, in circostanze strane, va oltre il tanto pubblicizzato club 27. Mentre questo Club è “riservato” ai cantanti morti all’esatta età di 27 anni, molti altri tipi di artisti sono morti in circostanze misteriose attorno all’età di 30 anni. Di recente, la morte di Heath Ledger (vedi l’articolo su di lui intitolato “Illuminati: Parnassus l’uomo che voleva ingannare il diavolo”) e quella di Brittany Murphy hanno seguito lo schema delle morti sopra descritte. Stranamente, sembra esserci un accumulo mediatico attorno a queste figure prima della loro morte, che documenta i loro strani comportamenti o i loro problemi personali. Queste morti sono state premeditate e fanno parte di un rito malato organizzato dalle menti occulte delle elite al vertice del settore dell’intrattenimento? L’elite fa salire alla ribalta queste carismatiche stae per poi sacrificarle, in modo da creare un mega-rituale “globale”? Che l’ondata emotiva che circonda questi eventi venga imbrigliata in qualche modo dalle alte forze occulte? Questi concetti potrebbero sembrare del tutto ridicoli alla persona media, ma, per gli iniziati all’occultismo, la potenza magica di un sacrificio umano viene chiaramente riconosciuta ed è inoltre documentata dai rituali di molte antiche civiltà. Nel libro Secret Societies and Psychological Warfare, l’autore Michael A. Hoffman II scrive:

“Il problema del controllo dell’umanità attraverso parole e simboli esoterici codificati all’interno di un opera, in uno spettacolo mediatico o in un rituale è uno dei più difficili che le persone possano comprendere. Questo è il motivo per cui molte persone vengono additate con disprezzo come “profani”, “gentili” o “goyim” da parte degli iniziati alle società segrete “

Per quanto riguarda i mega-rituali Hoffman scrive:

   “[Alcuni omicidi] sono da considerarsi rituali, coinvolgendo un culto protetto dal governo americano dai media corporativi e dalla polizia.

    Tali omicidi sono in realtà intricate coreografie cerimoniali; condotti la prima volta su scala molto intima e segreta, tra gli stessi iniziati in modo da programmarli, poi su larga scala, amplificandoli incalcolabilmente grazie ai media.

    Il risultato finale è un rituale altamente simbolico osservato da milioni di persone, è una inversione satanica, una messa nera, in cui i “banchi” vengono riempiti da spettatori di tutte le nazioni e attraverso il quale l’umanità viene svilita e brutalizzata, la fase ‘Nigredo’ del processo alchemico.

    – Michael A. Hoffman II, società segrete e guerra psicologica

Nel 1940, il poeta francese e regista teatrale Antonin Artaud predisse l’avvento dei mega rituali occulti nei media. Artaud era un adepto di diverse scuole di occultismo ed era ben consapevole del potere trasmutativo dei rituali teatrali: creò il famigerato “Teatro della Crudeltà”, che aveva l’intenzione di modificare profondamente il pubblico. Per quanto riguarda il trattamento della Mente di Gruppo, Artaud scrisse:

 “A parte l’insignificante stregoneria degli stregoni del paese, ci sono alcuni rituali in cui vi partecipano periodicamentetutte le coscienze allertate … Questo è il modo attraverso cui strane forze vengono sollevate e portate verso la volta astrale, fino alla cupola oscura che si compone soprattutto di … della velenosa aggressività contenuta nella maggior parte delle persone … la formidabile oppressione tentacolare di una specie di magia “civile” che presto comparirà alla luce del sole “.

A Hollywood, i soggetti di questi riti vengono spesso manipolati e controllati mentalmente e le loro morti vengono spesso “annunciate” in un modo o nell’altro attraverso opere simboliche. Nell’Immaginario del dottor Parnassus, l’ultimo film in cui appare Heath Ledger, il tema del sacrificio è estremamente importante. In una scena importante, vediamo le immagini di tre personaggi che sono morti giovani: Rodolfo Valentino, James Dean e la principessa Diana. Vedendo queste immagini, una donna dice a Johnny Depp – che fu uno dei sostituti di Ledger nel film – “Queste persone … sono tutte morte”. Depp rispose:

“Sì … ma sono comunque immortali. Non diventeranno vecchi o grassi. Non si ammaleranno o diventeranno deboli. Sono oltre la paura, perché sono … per sempre giovani. Sono degli dei … e tu potrai unirti a loro. ”

Ha poi aggiunto:

“Il tuo sacrificio deve essere puro.”

Queste linee di testo erano destinate ad Heath Ledger.

Una opera realizzata da Vincent Fantauzzo, amico di Ledger, rappresentante degli alter-ego che sussurrano ad Heath nell’orecchio. Il dipinto è stato completato poco prima della sua morte.

Brittany Murphy è apparsa in numerosi strani servizi fotografici prima della sua prematura scomparsa. Alcuni di loro alludono al controllo mentale Monarch e ai riti occulti.

Immagine relativa al controllo mentale di Brittany Murphy

Brittany Murphy circondata da individui mascherati in un contesto rituale occulto, foto scattata poco prima della sua morte.

IL CASO DI AMY WINEHOUSE

Al momento della stesura di questo articolo, l’esatta causa della morte di Winehouse è ancora da determinare (spesso viene citata la crisi di astinenza per alcool). Come per ogni strana morte di celebrità, al pubblico verrà probabilmente data una spiegazione vaga che coinvolge le droghe o l’alcol. Alcuni fatti strani emergono in superficie, contraddicendo la versione “ufficiale” della causa della morte, provocando la nascita di voci, speculazioni e versioni alternative.

Ci sono già testimoni che hanno descritto strani avvenimenti poco prima della sua morte. In questo articolo, i vicini di casa della Winehouse dichiarano di aver sentito urla e un qualche tipo di tamburo battere” provenire dalla sua casa la notte in cui morì.

La morte di Amy Winehouse: I vicini a Camden hanno sentito ‘grida e urla’

Uno dei suoi vicini di casa è convinto che sia morta nelle prime ore di Venerdì, perché la sentì urlare. “Penso che sia accaduto qualcosa quella notte. Sembrava uno strano gioco erotico. Stava gridando e urlando. “L’uomo, che ha chiesto l’anonimato, dice di essersi svegliato attorno alle 2 dopo aver sentito sbraitare ad alto volume. “Era molto strano e mio figlio dice di aver sentito anche battere un tamburo”.

Questo pomeriggio il ragazzo ha sentito uno degli amici della Winehouse piangere all’interno della casa della cantante, rendendosi conto che probabilmente era morta. Secondo il giovane un amico l’avrebbe riaccompagnata a casa dopo una serata fuori, tornando questo pomeriggio e trovando il suo corpo esanime. “Amy manteneva abbastanza un basso profilo e quando sentì queste urla pensai che non fosse da lei. “Dissi a mio figlio: “probabilmente la droga non sarà buona’.”

Ha detto di averla vista circa tre settimane mentre veniva aiutata in casa dai suoi “protettori”, perchè non era più in grado di camminare alle 10 del mattino. “Non riusciva a camminare, non sarebbe riuscita a mettere un piede davanti all’altro.”

Il proprietario di un ristorante della zona, Ze Silva, 56 anni, ha detto che la Winehouse avrebbe frequentato con regolarità il suo locale, 2 volte alla settimana. La vide per l’ultima volta Martedì mentre sosteneva di aver smesso di bere. “Non aveva niente da bere. Mi ha detto ‘Caro, non mi dare alcun alcolico, non bevo più’. “Era normale. Ne avrebbe parlato a tutti, avrebbe avuto la lucidità e la forza di fare delle foto con dei bambini, o di fare autografi. “Era una brava ragazza, mi sento molto triste”.

La Winehouse sarebbe andata al ristorante, A Baia, a giocare a snooker con le sue guardie del corpo e ne avrebbe mandato uno a prenderle la sua colazione da asporto. Fiori, orsacchiotti e candele vennero lasciati accanto al nastro della polizia che bloccava Camden Square. Una cartolina dice: “Non sarai dimenticata da Camden. Noi tutti ti amiamo e continueremo ad amarti. La tua leggenda vivrà per sempre. “

– London 24, Amy Winehouse death: Neighbour in Camden heard ‘screaming and howling’

Questo ci porta alla domanda più importante: la morte di Amy Winehouse è stata un omicidio o, forse, un sacrificio rituale? La sua morte è semplicemente il risultato di una denuncia di un settore degradato?

Dopo la morte della Winehouse la cantante Kelly Clarkson ha twittato un messaggio piuttosto toccante riguardo a questo argomento.

“Ho sentito le notizie su Amy Winehouse. Sono incredibilmente triste. Io non la conoscevo ma l’ho incontrata un paio di volte e ho avuto modo di sentirla cantare prima che si devastasse. Era una ragazza bella e di talento. Sono arrabbiata. E’ uno spreco di talento. Una povera ragazza che non vedeva nessuna speranza e che ha continuato a vivere dove aveva le radici. Mi sono sentita uno straccio emotivamente e mentalmente, tutto questo è terribile. Continuo a chiedermi perché alcuni di noi vengono risparmiati e gli altri fanno da esempio. Sono molto arrabbiata e triste. Non so perché mi disturbi tanto. A volte penso che questo lavoro rappresenti la morte di ognuno di noi, o almeno la morte della nostra parte emotiva. Forse è per questo che da ragazzina imparai che Dio non voleva falsi dèi o idoli. Da piccola pensavo che come dio fosse terribilmente egoista, ora però non sono della stessa opinione. Non voleva che seguissimo persone o cose imperfette e non tanto per i seguaci, ma per gli dei e / o gli idoli, che non saranno mai quello che uno vuole o di cui ha bisogno perchè siamo stati creati imperfetti. Sapeva che non saremmo stati in grado di gestire la pressione, la vergogna, la gloria, o la potenza che i riflettori portano con se. Io sono sconvolta. Sono anche molto grata e riconoscente alle persone che mi amano e mi sostengono. Senza amici e senza una stupefacente famiglia chissà dove sarei. I miei pensieri e preghiere sono con i suoi amici e familiari. Mi dispiace tanto per la tua dipartita. Prego per la pace nei vostri cuori. “

GETTATA FUORI DAL TRENO DELLA LIBERTA’?

Amy da bimba

Una profetica scultura del 2008 di Amy Winehouse intitolata “L’unica buona rockstar è una rockstar morta”. Rappresenta Amy Winehouse distesa a terra priva di vita con un foro di proiettile in testa. Accanto a lei, un’inquietante maschera di Minnie, che, come affermato in diversi altri articoli, può rappresentare il controllo mentale degli Illuminati

Nell’opera di Fritz Springmeier The Illuminati Formula to Create a Mind Control Slave, sugli schiavi controllati mentalmente si afferma che:

    “I programmatori  instillano nelle loro menti l’idea che verranno “gettati dal treno della libertà” verso i 30 anni. (Treno della libertà è una parola in codice nella programmazione Monarch basata sul trauma, essere gettato dal treno della Libertà significa essere uccisi.) “

Le vittime del controllo mentale spesso muoiono in giovane età a causa di diverse ragioni. In primo luogo, secondo gli esperti del controllo mentale basato sul trauma, il tormento, la tortura e il controllo esercitato sulle vittime non può essere sostenuto indefinitamente durante l’età adulta. Ad un certo punto, spesso intorno ai 30 anni, la programmazione svanisce, facendo lentamente tornare la lucidità a queste persone. Questo contatto con la realtà spesso traumatico, fa andare le persone in un forte stato depressivo, mostrando i sintomi di disturbi mentali come l’MPD (disturbo da personalità multipla) e del consumo di droghe e di superalcolici. Quando gli schiavi (specialmente quelli che sono influenti) smettono di rispondere alla programmazione e iniziano a mostrare comportamenti irregolari ed imprevedibili, vengono spesso “gettati dal treno della libertà”.

Alcune vittime con volontà e carattere eccezionalmente forte riescono a liberarsi dai vincoli del controllo mentale (in una certa misura). Per impedire loro di “parlare”, vengono stanati e anche loro “buttati fuori dal treno della libertà”.

“Se uno schiavo non si conforma o lo si deve gettare dal treno della libertà tutto ciò ci fornisce una statistica utilizzabile. Semplicemente attivalo per l’omicidio e poi guarda la polizia freddarlo. Il NWO si guadagna una statistica in più ed è un altro caso che serve per spaventare la gente e farle accettare il controllo delle armi.”

La Winehouse era una schiava del controllo mentale e venne gettata dal treno della libertà? Difficile da dire. Ha chiaramente visibili i tipici sintomi di una “vittima del settore” e alcune sue frequentazioni personali (in particolare Blake Fielder-Civil) sembrano averla manipolata profondamente, svolgendo un ruolo quindi di “Handler” (simile al rapporto tra Mariah Carey e Tommy Mottola e della compianta Anna-Nicole Smith con Howard K. Stern). Ci sono diversi livelli di controllo mentale e la Winehouse non avrebbe potuto reggere l’intero processo di programmazione Monarch. Tuttavia, semplicemente mettendo una persona già vulnerabile nell’ambiente tossico dell’industria musicale e mettendo in movimento la macchina sforna celebrità, con costanti vessazioni mediatiche, è sufficiente per indurre un trauma che porterà instabilità, spianando a sua volta la strada per il controllo mentale.

Nonostante il suo successo, la Winehouse non è stata mai una “pedina industria” come molta altra gente di cui si discute su questo sito. La sua mancanza di volontà (o incapacità) di “darsi un contegno” potrebbero essere una delle cause della sua scomparsa. La figlioccia della Winehouse Dionne Bromfield e protettore rispecchiano perfettamente questa incapacità.

L’ultimo video della Bromfield, pubblicato due mesi prima della morte della Winehouse.

CONCLUSIONE

Anche se è difficile conoscere l’esatta causa della morte di Amy Winehouse, il suo caso non è certo l’unico. Vi è, infatti, uno schema che sembra ripetersi quando si guarda la precoce morte delle giovani celebrità. Se si volesse confrontare la vita e le circostanze che hanno portato alla morte di queste stelle, si potrebbero notare somiglianze importanti per poi rendersi conto che importanti “pezzi del puzzle” spesso mancano dalle storie ufficiali. Di umili origini, queste stelle raggiungono un grande livello di popolarità. Tuttavia, ad un certo punto, qualcosa va storto e quasi inevitabilmente si verifica una gravosa caduta. La parte mancante del puzzle è per caso questa cosa andata storta? Se questi artisti non sono un risultato diretto del controllo mentale Monarch, esiste comunque, nel loro entourage, una figura di “gestore”, che le manipola e le influenza verso un comportamento autodistruttivo. I media spesso amplificano i problemi delle stelle, raffigurandole come delle tossicodipendenti malate. Quando viene annunciata la loro morte, il mondo è sconvolto, ma non così sorpreso. Droga e alcol sono, come sempre, il capro espiatorio perfetto. Come si dice … “caso chiuso”.

Perché è la nostra cultura popolare è ossessionata dal sesso e dalla morte, dove gli astri nascenti, che catturano l’amore di milioni di persone, vengono fatti fuori? In un settore permeato dal simbolismo occulto, gestito da persone e organizzazioni che credono nei poteri occulti, è possibile dunque che avvengono dei rituali? Lo shock collettivo causato dall’annuncio della morte di una celebrità, viene utilizzato come psicodramma rituale destinato a imprimersi nella coscienza collettiva? Una cosa resta comunque costante: Le morti sono sintomatiche dell’oscura realtà dello show-business, che è tossico a molti livelli. Essere parte di questo “regno” e volerne uscire, è, per citare una canzone Winehouse, una “Some Unholy War“.

Fonte

Moda: Lingerie per signorine dai 4 ai 12 anni (con una bella dose di mkultra)

Con una mossa che ha spiazzato i modaioli, bambine truccate e discinte promuovono una nuova linea di lingerie che si rivolge a bimbe dai quattro anni.

La combinazione di lingerie e abbigliamento da salotto forma la ‘Loungerie,’ la linea di Après Lunes per bambine dai quattro ai 12 anni, che comprende una gamma di mutandine, reggiseni, corpetti e T-shirt con bordi di pizzo, nastri, fiocchi e motivi a strisce nautiche.

Gli scatti rappresentano bambine in pose e stili che sembrano troppo prematuri per la loro età.

Troppo giovani? Si

Mentre indossano reggiseni e mutandine a strisce, giocano con trucchi e gioielli, fili di perle avvolti attorno ai loro piccoli colli.

Marilisa Lacco autrice di Le Snob Lingeries ha detto al Ny daily news:

‘E’ carino quando una bambina si veste con gli abiti di sua madre, i gioielli e i tacchi alti.

‘E’ inappropriato sessualizzare bambini. Un reggiseno triangolare tempestato di perle su una bambina non mi sta bene. ‘

Il suo parere esprimere una posizione americana sul tema. Luis Paredes, dal Lingerie Journal ha affermato che gli europei saranno meno offesi dalle immagini:

‘Recentemente, un sacco di riviste di moda e marchi di moda sono stati attaccati per l’utilizzo di bambini nei loro scatti.

Fonte

MK ULTRA

Le immagini che seguono sono molto forti, ma sono necessarie per dare l’idea di cosa significhi l’idea di sessualizzazione. Quando si parla di condizionamento, del cambio di prospettiva dato dal precedente, è proprio questo….rendere accettabile l’inaccettabile.

Pattern a scacchiera bianco nera, lo specchio simbolo della multipersonalità e attivitatore del controllo mkultra (guardatevi la puntata di Fringe dove Olivia Dunham viene “posseduta” da Bell…)

Ancora un richiamo alla multi personalità, notare l’immagine dell’uccello in gabbia, metaforicamente identifica la bambina che attraverso l’alienazione può fuggire mentalmente dalla gabbia, ancora pattern bianco/nero

Pattern nero/bianco, stella viola al contrario, farfalla monarch

Qualche tempo fa uscirono degli scatti simili dove le bambine veniva presentate vestite e truccate come delle giovani donne, facendo scalpore in tutto il mondo. Anche li si potevano osservare simbologie della programmazione mkultra. Qui si va oltre con bambine in mutandine e reggiseno per il fine di sponsorizzare una ditta di intimo/lingerie. Tutte queste bambine sono vittima di programmazione Mk ultra basata sul trauma. La depersonalizzazione e al contempo la sessualizzazione sono 2 degli obiettivi dell’agenda degli Illuminati. Saputo questo, un pò, non vi viene voglia di combatterli? Non riuscite nemmeno con questo ad aprire gli occhi?

Ma non preoccupatevi sarà tutto normale un giorno…

Declassamento debito USA: Il resto del mondo chiede a gran voce una nuova moneta globale

Per decenni, l’economia americana è stata talmente potente rispetto al resto del mondo che nessuno avrebbe potuto sfidare lo status del dollaro come valuta di riserva mondiale. Ma ora che il debito pubblico degli Stati Uniti è stato declassato, il dollaro USA sta mostrando una significativa debolezza e l’economia americana continua a crollare, il resto del mondo sta mettendo in discussione la posizione privilegiata nel mercato internazionale che fino ad allora deteneva. I politici di tutto il mondo chiedono ora apertamente una nuova valuta globale per sostituire il dollaro nel commercio internazionale. In realtà, stiamo già vedendo un allontanamento dal dollaro in molte aree del globo. Una decina di anni fa, il dollaro statunitense costituiva il 70% delle riserve valutarie in tutto il mondo. Oggi, quella cifra è scesa al 60% circa, e continua a scendere. Mentre i problemi del debito del governo statunitense si aggravano sempre di più, e allo stesso modo il dollaro americano perde la sua forza, la voce di chi richiede una nuova valuta globale aumenta.

Al momento, il sistema finanziario globale è ancora basato sul dollaro statunitense ad un livello molto esteso. Ma l’insoddisfazione per lo status quo sta crescendo in tutto il mondo. Molti accusano gli Stati Uniti degli enormi problemi finanziari che abbiamo avuto negli ultimi anni.

Molti politici globali in questi giorni sembrano piuttosto smaniosi nell’approfittare di qualsiasi occasione per criticare il sistema finanziario americano. In particolare, il recente declassamento del debito a lungo termine del governo statunitense da parte di S & P ha fornito un sacco di munizioni per i sostenitori di una nuova valuta globale.

La più grande banca in Arabia Saudita, la National Commercial Bank, ha recentemente avuto a dire quanto segue sul dollaro USA ….

    “La dimensione dell’economia degli Stati Uniti e il suo mercato di tesoreria e lo status del dollaro come valuta di riserva rendono impossibile trovare un parallelo storico per la situazione attuale. Tuttavia, essendo la valuta di riserva del mondo, il dollaro appare ora coerente con un rating AA + “.

L’agenzia ufficiale cinese, la Xinhua, ha brutalmente attaccando il sistema finanziario degli Stati Uniti nei giorni scorsi. Quello che segue è un esempio ….

 “L’unico modo che gli americani hanno trovato per migliorare la crescita economica è stata quella di concedere nuovi prestiti per ripagare i vecchi.”

In realtà, Xinhua si è spinta oltre fino a suggerire che la politica monetaria degli Stati Uniti dovrebbe essere sotto “supervisione internazionale” e che una nuova valuta di riserva globale dovrebbe essere creata ….

  “Dovrebbe essere introdotta la supervisione internazionale sulla questione del dollaro e dovrebbe essere introdotta una nuova moneta, stabile e sicura di riserva globale che potrà essere anche un modo per evitare che un paese possa andare in rovina.”

Anche il governo russo si è allontanato verbalmente dal dollaro USA. In un summit del G8 nel 2009, il presidente russo Dmitry Medvedev ha parlato apertamente della necessità di una nuova moneta globale, e ha anche mostrato ai giornalisti una riproduzione di una ipotetica moneta del futuro mondo unito.

Ma non sono state solo le nazioni che hanno chiesto un cambiamento. Negli ultimi due anni, le Nazioni Unite hanno ripetutamente chiesto se il dollaro statunitense potesse essere sostituito come moneta di riserva globale.

Per esempio, un rapporto delle Nazioni Unite dal titolo “The U.N. World Economic and Social Survey 2010”  dichiara apertamente come si potrebbe compiere il passaggio dal dollaro USA a una nuova valuta globale. Il rapporto ha avuto pochissima risonanza al mondo, ma gli americani devono capire che le stesse nazioni unite stanno tramando apertamente nel detronizzare il dollaro statunitense. Quello che segue è un breve estratto dal report ….

    “Potrebbe essere creato un nuovo sistema di riserva globale, uno che non si affida più al dollaro statunitense come importante moneta unica di riserva”

Il FMI ha inoltre contribuito a promuovere l’idea di una nuova valuta globale. In un recente rapporto dal titolo “Enhancing International Monetary Stability—A Role for the SDR“, il FMI ha discusso i “problemi” dell’avere il dollaro statunitense come valuta di riserva del mondo, e ipotizza che se venisse dato un ruolo più ampio ai DSP (Diritti Speciali di Prelievo ) questo potrebbe rappresentare un passo importante verso una vera moneta globale.

Infatti, il rapporto descrive i DSP come “un embrione“, da cui nascerà una nuova valuta globale.

Quindi, a cosa assomiglierebbe una nuova valuta globale?

Mentre era ancora a capo del Fondo monetario internazionale, Dominique Strauss-Kahn ha apertamente chiesto l’introduzione di una moneta globale, sostenuta dalla banca centrale mondiale che avrebbe agito come “prestatore di ultima istanza” nel caso di una grave crisi economica … .

Infine, in linea di principio, una nuova valuta globale, rilasciata da una banca centrale globale, con una governance solida e dalle caratteristiche istituzionali, potrebbe fornire un ancoraggio nominale e finanziariamente privo di rischio, indipendente dal sistema delle valute nazionali. Questa banca centrale globale potrebbe anche fungere da prestatore di ultima istanza.

Ma è quello di cui veramente abbiamo bisogno?

Una valuta globale emessa da una banca centrale globale?

Ora come ora, ad esempio in America, la fed, anche se sembra avere il controllo su tutto potrebbe essere abolita tramite la costituzione degli Stati Uniti.

In un sistema globale gestito dalle banche centrali, il popolo americano non avrebbe praticamente alcun potere sul sistema monetario ed i banchieri internazionali si spartirebbero indisturbati la torta.

Naturalmente questo è ciò che i banchieri internazionali hanno sempre desiderato – il controllo completo sul sistema finanziario di tutto il mondo.

Purtroppo, sembra che ogni volta che sorgono problemi finanziari in questi giorni, le soluzioni che ci vengono date coinvolgono sempre più la centralizzazione del sistema finanziario.

Sembra che vi sia un crescente consenso tra gli ultra-ricchi e l’elite globale che vada creato un sistema finanziario mondiale. Arrivarci però non sarà facile. Il dollaro USA non è ancora morto, e gran parte del resto del mondo si è abituato ad usarlo.

Tuttavia, se il dollaro “collassasse”, l’elite avrebbe il pretesto per spingerci ulteriormente verso una moneta unica globale.

Speriamo che ciò non accada.

Potreste immaginare di vivere in un mondo in cui non si è in grado di acquistare o vendere a meno di non partecipare al sistema di valuta globale?

E’ una cosa spaventosa a cui pensare.

Il nostro mondo sta cambiando, e non per il meglio.

Una valuta globale sarebbe una idea molto, molto sbagliata.

Fonte

Italia: Austerity

La prossima nazione sul tagliere dei banchieri è l’Italia, rappresentata da un Primo Ministro, Silvio Berlusconi, che sfacciatamente finge di preoccuparsi degli enormi tagli alla spesa e dei forti aumenti delle tasse, che il suo paese dovrà sopportare a causa della Banca centrale europea.

La corrotta Banca centrale europea ha tirato i fili di Berlusconi, imponendogli di servire su un piatto d’argento, il futuro di tutti gli italiani. Come al solito, Berlusconi lecca volentieri gli stivali dei padroni e ha applicato le misure di austerità come richiesto.

Tranquillamente, come se possedesse ancora qualche residuo di credibilità o se non fosse ancora chiaro a tutti che è un servo della élite bancaria, Berlusconi, dice che li “sanguina il cuore” per questo aumento delle tasse, distruggendo definitivamente ogni credibilità residua”.

Allo stesso modo in cui per anni ha mentito dicendo assurdità del tipo che non avrebbe “mai [messo] le mani nelle tasche degli italiani”, il tutto mentre l’opinione pubblica viene manipolata attraverso il suo impero mediatico al fine di rimanere al potere.

In cambio dell’acquisizione delle obbligazioni italiane da parte della Banca Centrale Europea al fine di stabilizzare i loro elevati tassi di indebitamento, Berlusconi ha accettato di tagliare 20 miliardi di euro nel 2012 e altri 25,5 miliardi di euro nel 2013.

Lo farà attraverso l’imposizione di un “prelievo speciale”, a coloro che guadagnano oltre 90.000 euro l’anno, a tagli nei servizi pubblici, aumentando le tasse sui rendimenti degli investimenti finanziari e con il licenziamento di un certo numero di politici locali.

Ovviamente questo avrà come diretto risultato la rimozione di ciò che rimane dell’italiano “medio”.

I più grandi sindacati del lavoro in Italia avevano fatto una promessa di opporsi alle misure che avrebbero avuto un impatto sul cittadino ordinario italiano e gli anziani, ma è chiaro che non è servito a nulla.

Come per quella americana, l’economia italiana è in uno stato di stagnazione e la fiducia del consumatore è notevolmente bassa. Un economista della IHS Global Insight, Raj Badiani, si è espresso su Reuters dicendo che gli “aumenti fiscali di certo non aiuteranno l’economia,” proprio come le maggiori tasse schiacceranno i contribuenti americani.

Con la crisi economica globale (progettata a tavolino) che peggiora di giorno in giorno, le genti di ogni nazione corrono il rischio di essere ulteriormente ridotti in schiavitù dal debito e dai cartelli bancari internazionali.

Purtroppo, stiamo vedendo questo pericolo diventare realtà in tutta Europa ed è molto probabile che si estenderà su larga scala negli Stati Uniti grazie all’illegale e molto pericoloso Super Congresso.

Berlusconi, come i legislatori americani a Washington, continua a far finta di preoccuparsi della gente che presumibilmente serve. Dopo aver approvato le paralizzanti misure di austerità Berlusconi ha dichiarato ai giornalisti: “Siamo personalmente molto addolorati nel dover adottare queste misure”.

Dopo che le misure di asuterity vennero messe in atto, la Barclays Capital tagliò le previsioni di crescita economica italiana nel 2012 a un misero 0,7%, in forte contrasto con le previsioni irrealistiche del governo italiano (1,3%).

Mentre i tagli sono stati imposti da un decreto di emergenza, il parlamento deve ora approvare anche il programma.

Se l’Italia è come quasi ogni altra economia occidentale sulla terra, che sono liete di piegarsi ai cartelli bancari, proprio come i “rappresentanti” di Washington hanno fatto negli Stati Uniti.

Il governo italiano sostiene che non ci sono alternative alle misure di austerità se si vuole che i  mercati si rasserenino, come se l’italiano medio fosse stato in qualche modo responsabile del mercato azionario turbolento, e quindi dovesse sopportare il peso di una crisi economica di cui non ha nessuna responsabilità .

Il capo dell’Unione delle Province italiane ha rivelato la verità dietro questa manovrà di austerità: “Quando si parla di comuni, si parla di servizi sociali, quando si parla di province, si parla di scuole , sicurezza a scuola e nelle strade locali. ”

Questi tagli, come tutte le misure attuate a causa della crisi progettata del debito bancario, hanno lo scopo di distruggere la classe media e fomentare il malcontento sociale. Questi tagli consolideranno ulteriormente la ricchezza nelle mani degli assurdamente ricchi mentre farà aumentare ancor di più il divario fra ricchi e poveri.

A peggiorare le cose per gli italiani medi che cercano di mettere se stessi fuori dal pantano della lotta economica partecipando nel sistema finanziario che permette di diventare ricchi sfondati, l’aliquota fiscale sui redditi finanziari è stata sollevata dal 12,5% al ​​20%.

Al fine di far sembrare che i ricchi contribuiscano alla ripartizione del peso della crisi economica, queste misure di austerità fiscale incrementano la tassa sui redditi al di sopra dei 90.000 euro di un trascurabile 5% e del 10% per coloro che guadagnano sopra i 150.000 euro.
Se effettivamente si voleva che anche i ricchi contribuissero a sostenere il macigno della crisi finanziaria si sarebbe dovuta imporre una tassa di massa più “concreta” su questi redditi e guadagni enormi che non vengono e non verranno influenzati da l’aumento delle tasse a causa della loro ricchezza impressionante.
Queste persone continueranno ad approfittare dell’uomo medio.

Per renderlo ancora più chiaro, le misure di austerità alzeranno ad esempio l’età pensionabile per le donne che lavorano nel settore privato, pur non rappresentando alcuna soluzione reale alla mancanza di crescita e di stagnazione nel clima economico.

Potranno anche conglomerare tutte le festività non religiose  la domenica in modo che la gente non possa sfruttare neppure quei pochi giorni di vacanza.

Il nuovo ordine mondiale prende forma, ovunque.

Fonte

Le rivolte di Londra e come l’elite le ha usate a proprio vantaggio

Originariamente innescati da un caso di brutalità della polizia, gli scontri di Londra divennero ben presto una espressione del generalizzato malcontento del giovane proletariato di oggi. Il miscuglio tra i poveri in quartieri simili a ghetti in combinazione con l’oppressione continua della polizia è da sempre una combinazione esplosiva. I disordini di Los Angeles del 1992 e le sommosse francesi del 2010 si svolsero in circostanze molto simili. Mentre da una parte è ovvio che molti rivoltosi non hanno assolutamente alcun programma politico, tranne il saccheggio di alcune bottiglie di liquore, le rivolte sono comunque il risultato di anni di segregazione dei poveri e delle minoranze in combinazione con l’oppressione della polizia.

Mentre i media sembrano concentrati nel dipingere i rivoltosi come un branco di teppisti ubriachi che non hanno niente altro da fare, è chiaro per i cittadini della zona che le tensioni crescenti con la polizia avrebbero portato a questo tipo di sfogo. Ecco una intervista che descrive “l’altra parte della storia” (non credo che la BBC si aspettasse questo tipo di risposta).

ORDINE DAL CHAOS

Detto questo, gli scontri di Londra potrebbero essere esattamente ciò che la classe dirigente necessita per promuovere un paio di punti dell’agenda. Il motto dell’elite è Ordo Ad Chao, ovvero ordine dal caos. Di volta in volta, situazioni caotiche sono state “ammesse” – se non completamente costruite a tavolino – al fine di creare panico e paura tra la popolazione. Le masse sconvolte chiedereanno poi all’elite un intervento risanatorio, una rapida soluzione. Il risultato di questi interventi è quasi inequivocabilmente lo stesso: l’introduzione di norme e regolamenti a svantaggio del cittadino medio dando più poteri (non democraticamente) all’elite.

Le nuove politiche non verrebbero normalmente accettate dalla popolazione in generale, ma a causa del panico generato dalla crisi, le politiche non vengono solo accettate ma accolte a braccia aperte. La Grande Depressione del 1929 ha consentito ai Rockefeller e ai Morgan di dirottare il sistema bancario, il 9 / 11 ha aperto la strada al Patriot Act, il salvataggio dalla “crisi” consegnò 700 miliardi di dollari dei contribuenti ad alcune aziende … lo stesso schema si ripete continuamente. Creare una crisi, farla durare abbastanza a lungo da ottenere una popolazione preoccupata e introdurre la soluzione, che faceva parte del programma sin dall’inizio. La popolazione ci casca, ogni singola volta.

Utilizzando i mezzi di comunicazione di massa, è facile creare un panico diffuso. Basta interrompere uno show televisivo con le “Breaking News”, con uno striscione rosso nella parte inferiore dello schermo con le scritte in grassetto è sufficiente per far aumentare il battito cardiaco collettivo di una nazione, e rendere nota una situazione in pochi minuti. Nei giorni che seguiranno, tutti i media ci ricorderanno costantemente questa particolare situazione. Il martellamento costante farà sembrare la situazione insostenibile sentendone parlare in continuazione in TV leggendo i giornali e su internet. Dopo un po ‘, il cittadino medio è portato a desiderare solo una cosa: che la terribile sensazione nauseante creata dalla situazione cessi immediatamente, non importa come. Dopo che il problema si è protratto a lungo, i media presentano una o più soluzioni. Non comprendendo appieno queste soluzione, ma stanca e infastidita, la maggior parte della gente penserà: “Beh, se è questo quello che ci vuole per farli tacere e far cambiare la situazione, allora sono d’accordo.”

L’elite sta alimentando gli scontri di Londra in modo che durino abbastanza a lungo da creare un sentimento di panico? Ci sono già fonti che affermano il fatto che alla polizia è stato ordinato di non intervenire da quando la rivolta è cominciata (secondo un articolo del Daily Mail dal titolo Why police were so soft on London looters: They ‘were ordered to stand and observe’ as capital burned (but in Manchester they were hunting looters within hours. Stiamo inoltre già vedendo nei media, l’emergere di un ordine del giorno specifico e un appello per l’adozione di politiche specifiche che, prevedibilmente, andranno contro gli interessi della collettività.

LE RIVOLTE DEL BLACKBERRY – L’AGENDA NASCOSTA

Dopo un solo giorno di disordini, un ordine del giorno evidente emerse nei media e uno specifico colpevole venne individuato dalle autorità: la privacy della messaggistica mobile. Allo stesso modo una foto di bin Laden apparì negli schermi TV dopo pochi minuti l’11 settembre, la messaggistica mobile è stata additata come la causa principale dei disordini di Londra. Diversi media hanno persino soprannominato questi eventi “le rivolte del Blackberry”. I media, essendo il braccio destro dei poteri forti, hanno guidato l’attenzione del pubblico verso un ordine del giorno specifico.

Secondo le notizie, i disordini di Londra sarebbero stati principalmente orchestrati utilizzando il servizio dei Blackberry di messaggistica istantanea (noto come BBM), che è un servizio (relativamente) privato in quanto le comunicazioni sono crittografate. Ecco un tipico articolo che analizza il Blackberry, da Reuters:

Le rivolte del Blackberry

    Il primo ministro richiede la sospensione del BBM per calmare i disordini nel Regno Unito

    Un deputato Martedì  ha proposto l’interruzione del servizio di messaggistica istantanea dei BlackBerry dopo che i rivoltosi lo hanno utilizzato per mobilitarsi a Londra e in altre città britanniche.

    David Lammy, Membro del Parlamento per il Tottenham, dove per decadi disordini stile quelli di Londra iniziavano ogni Sabato, ha fatto un appello su Twitter e su radio BBC:

    Sospendere il BlackBerry Messenger (BBM).

    “Questo è uno dei motivi per cui dei criminali poco sofisticati stanno fregando una forza di polizia altrimenti sofisticata”, ha detto su Twitter. “BBM è diverso in quanto è criptato e la polizia non può accedervi.”

    I disordini, in cui negozi sono stati saccheggiati e dove auto ed edifici sono stati dati alle fiamme, si sono sviluppati in Gran Bretagna a Birmingham e in altri centri.

    I politici e la polizia accusano della violenza i criminali e i teppisti, ma alcuni commentatori e abitanti locali dicono che alle radici della rabbia ci sono le difficoltà economiche, in una città dove le prospettive di molti giovani sono nulle.

    Molti dei rivoltosi preferiscono il BlackBerry Messenger a Twitter e ad altri social media, perché i suoi messaggi sono criptati e privati, ma il servizio è ampiamente utilizzato e i messaggi possono essere facilmente inviati a gruppi.

    La Research In Motion affermò lunedì in una dichiarazione a riguardo: “In tutti i mercati del mondo dove il BlackBerry è disponibile, collaboriamo con gli operatori delle telecomunicazioni locali, con le forze dell’ordine e i funzionari di regolamentazione.”

    Il blog sul BlackBerry della Research in Motion è stato violato Martedì da un gruppo hacker chiamato Teampoison. Il gruppo ha inviato un avvertimento alla società: non collaborare con la polizia.

    “Non darete assistenza la polizia britannica perché se un innocente membro del pubblico fosse nel posto sbagliato al momento sbagliato possedendo un blackberry verrà accusato senza ragione”, dice la nota.

    “Se assisterete la polizia, dando loro i log della chat, le posizioni gps, informazioni sui clienti e l’accesso al BlackBerryMessengers ve ne pentirete, abbiamo accesso al database che include le informazioni dei vostri dipendenti, ad esempio – Indirizzi, nomi, numeri di telefono ecc – Ora se darete una mano alla polizia, renderemo pubbliche queste informazioni e la passeremo ai rivoltosi “.

    GIOVANE CLIENTELA

    Sameet Kanade, analista del Northern Securities a Toronto, ha dichiarato: “Il RIM avrà bisogno di una direttiva delle autorità britanniche. L’unico motivo lecito per cui un si possono intercettare le comunicazioni da cellulare è quello giuridico.

    “In termini di meccanismo attuale, il RIM ha sempre sostenuto di non essere in grado di decriptare/decifrare i messaggi instradati attraverso il server BIS o BES. Potrebbe essere in grado di disabilitare il routing dei messaggi nella migliore delle ipotesi, da quanto ho capito “.

    Geoff Blaber, analista della società di ricerca britannica delle telecomunicazioni CCS Insight, ha detto: “Una possibilità potrebbe essere quella di spegnerlo. Ma il BBM è molto popolare e ha una grande base installata nel Regno Unito. “

    Il BlackBerry Messenger o BBM come è popolarmente noto, ha spinto le vendite di un nuovo pubblico per il RIM negli ultimi anni espandendosi dalla sua base di strumento per i dirigenti fino ad un target di clientela più giovane.

    Ha più di 45 milioni di utenti attivi in ​​tutto il mondo, il 70 per cento dei quali lo utilizzano quotidianamente, per l’invio di miliardi di messaggi ogni mese.

    Gli utenti con i piani dati possono inviarsi istantaneamente messaggi di testo, immagini e altri file senza dover sostenere spese dal loro gestore della rete.

    Il RIM ha attraversato brutti periodi da un lato a causa della cooperazione con i governi, vista come repressiva, e dall’altro per non aver cooperato a sufficienza con le esigenze di sicurezza delle autorità in alcuni paesi.

    I suoi servizi criptati, sono stati accusati di spalleggiare gli attacchi dei militanti in India e di permettere a uomini e a donne non in contatto tra loro di comunicare in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti.

    Nel mese di agosto dello scorso anno, una fonte vicina al RIM e alle autorità saudite ha riferito che l’azienda canadese avrebbe accettato di consegnare le informazioni che avrebbero permesso il monitoraggio del BBM.

    Un accordo è stato raggiunto anche negli Emirati Arabi, evitando la minaccia di divieto su tutti i servizi BlackBerry.

    L’azienda dice di collaborare con le autorità di tutto il mondo per creare uno standard uniforme.

    Il RIM è stato relativamente disposto a fornire alle autorità l’accesso ai propri servizi, ai clienti, come nel caso del BBM, ma dicono di non aver modo di controllare la posta elettronica aziendale.

    Nel caso dell’India, il RIM ha dato alle autorità l’accesso ai servizi di BlackBerry Messenger, ma proclamò di non avere le capacità tecniche di intercettare le e-mail aziendale sul popolare dispositivo.

    L’India ha chiesto l’accesso a tutti i servizi BlackBerry come parte degli sforzi per combattere la militanza e le minacce alla sicurezza su Internet e attraverso le comunicazioni telefoniche

    A Londra, il vice commissario Stephen Kavanagh della Metropolitan Police ha detto Martedì: “La polizia ha ottenuto il monitoraggio estensivo di questo modello di messaggistica BlackBerry.”

    La polizia non ha risposto immediatamente alla richiesta di maggiori dettagli sul come sono stati monitorati questi messaggi.

    – Fonte

Dopo alcuni giorni passati a ripeterlo, la popolazione è convinta: I disordini non sono il risultato di disparità o della brutalità della polizia, sono invece il risultato di una privacy troppo estesa nelle comunicazioni mobili. Questo tipo di tumore deve essere fermato. La polizia, o chiunque altro voglia, deve essere in grado di monitorare tutte le nostre comunicazioni, in ogni momento, o le nostre città bruceranno. Questo è il messaggio che viene trasmesso ossessivamente al pubblico. Proprio tutti i rivoltosi possiedono un Blackberry? Io non la penso così, ma questo non è importante. L’agenda è stata già impostata.

Messo sotto torchio e di fronte alla possibilità di una cattiva pubblicità, il RIM (la società che ha creato il Blackberry) è stato messo sotto pressione nel tentativo di costringerlo a violare la privacy dei propri abbonati e di divulgare le loro informazioni personali. Normalmente, questo avrebbe causato indignazione, ma ora, a causa delle rivolte, la popolazione generale ritiene che questo gesto sia necessario per fermare questi disordini e per evitare che ci siano ulteriori rivolte.

L’attenzione dei media sul RIM, e la conseguente pressione data dal dover consegnare le informazioni sensibili alle autorità, hanno portato all’hacking del sito ufficiale del Blackberry, il 9 agosto, da un gruppo che si è opposto alla condivisione delle informazioni personali dell’utenza.

Il sito ufficiale del blackberry hackerato

Questo è il messaggio lasciato dagli hacker per RIM:

Caro RIM;

Non assisterai la polizia britannica perché se succederà, membri innocenti del pubblico che saranno nel posto sbagliato al momento sbagliato possedendo un blackberry verranno accusati senza motivo, la Polizia sta cercando di arrestare quante più persone possibile per salvarsi dall’imbarazzo … se assisterete la polizia, dando loro i log della chat, le posizioni gps, informazioni sui clienti e l’accesso al BlackBerry Messanger ve ne pentirete, abbiamo accesso al database che include le vostre informazioni sui dipendenti, ad esempio – Indirizzi, Nomi, numeri di telefono, ecc – ora se supporterete la polizia, abbiamo l’intenzione di rendere pubbliche queste informazioni passandole ai rivoltosi … volete veramente un gruppo di giovani arrabbiati davanti alla porta di casa dei dipendenti? Pensateci … e non credo che la polizia proteggerà i vostri dipendenti, la polizia non può proteggere se stessa figurarsi gli altri …. se verrà fatta la scelta sbagliata il database sarà reso pubblico, evita l’imbarazzo e fa la scelta giusta. non essere un burattino ..


    – TriCk – TeaMp0isoN –

– Fonte

Nonostante le minacce, il RIM dichiarò il 10 agosto di essere a totale disposizione per collaborare con le forze di polizia. Ciò significa che i log delle chat, le posizioni GPS e le informazioni sui clienti archiviate nei database RIM potranno essere utilizzati dalla polizia per rintracciare e perseguire sospetti rivoltosi. Coinvolti nel panico causato dalla tumulti, la maggior parte degli inglesi sarà d’accordo con queste misure. Non si rendono conto però che in questo momento si creano “precedenti” pericolosi e uno dei risultati più ovvi sarà quello della riduzione della privacy un passo collettivo verso uno stato di polizia. Questi tipi di politiche possono essere introdotte solo durante i periodi di caos. Invece di provocare indignazione, la popolazione in realtà applaudisce la conformità della RIM al governo britannico. Perché, dopo tutto, quale compagnia vorrebbe essere dalla parte di questi saccheggiatori ubriachi?

ACCETTAZIONE DI UNO STATO DI POLIZIA

Prolungare le rivolte ancora per diversi giorni serve ad un altro importante scopo: l’accettazione, e perchè no anche l’accoglienza, di misure da stato di polizia. Ogni giorno di ulteriori disordini fa sì che il cittadino medio sia sempre più favorevole all’utilizzo di misure drastiche da parte del governo. Al momento della stesura di questo articolo, gli elementi conservatori del governo stanno già invocando l’imposizione della legge marziale e di sparare a vista ai rivoltosi, Ecco un sondaggio (prodotto da NewsCorp della Sun TV) che descrive perfettamente come una popolazione può diventare favorevole all’oppressione quando si verifica il caos (non dimentichiamo, naturalmente, che è possibile che la Sun TV ci abbia ingannato sui numeri per dare un’illusione di consenso per quanto riguarda l’uso della forza).

Il sondaggio mostra che il 77 % della popolazione sarebbe d’accordo con l’idea di far scendere l’esercito per le strade di Londra (Legge marziale). Vediamo anche che 1 cittadino su 3 non si preoccuperebbe di veder un rivoltoso crivellato di pallottole vere.

CONCLUDENDO

Se i disordini di Londra hanno avuto origine da profonde problematiche sociali che coinvolgono l’esclusione dai privilegi della cittadinanza e la brutalità della polizia, l’elite sta cogliendo al volo l’occasione per promulgare la sua agenza. Non stupitevi se, in un prossimo futuro, salteranno fuori notizie riguardo agenti provocatori messi li per fomentare le rivolte. La violenza giustifica la repressione. In altre parole, l’elite ha bisogno della violenza per rendere le sue politiche accettabili. Dopo pochi giorni di scontri (che è stato garantito continueranno), è stato introdotto e accettato dalla popolazione un cambiamento importante nella tecnologia della comunicazione: la chat, localizzazione GPS e altre informazioni private possono ora essere controllate dalle autorità per “attività sospette” . Ancora qualche giorno e la popolazione sarà pronta ad accettare la legge marziale e altre tattiche normalmente utilizzate di solito nei regimi oppressivi del 3 mondo.

Essere “pro” o “contro” la rivolta è, in ultima analisi, un dibattito irrilevante. La cosa più importante da considerare sono le conseguenze e i cambiamenti che interesseranno le nostre nazioni negli anni a venire. A quali interessi servono i disordini? La povera gente di Londra vuole un pezzo più grande della torta? Oppure la classe dirigente vuole giustificare un controllo più profondo della vita dei privati cittadini?

Fonte