Archivio mensile:aprile 2019

Essi Vivono: Un film strano con un messaggio potente

Essi vivono è un film di fantascienza degli anni Ottanta che include alieni, un lottatore della WrestleFest (WWF) e un sacco di occhiali da sole. Se a prima vista, la pellicola può sembrare un calderone pieno di sciocchezze, in realtà Essi vivono comunica un forte messaggio riguardo l’élite e l’utilizzo dei mass media per controllare le masse. Il film descrive ciò che noi chiamiamo gli Illuminati? Questo articolo esaminerà il significato più profondo dello strano, ma affascinante film di John Carpenter

Guardare Essi vivono è una esperienza conflittuale. Si tratta di una strana combinazione tra messaggi che aprono la mente e una fiacca recitazione, un potente commento sociale, con gli effetti speciali di un B-movie degli anni ’50. Tutto ciò fà costantemente oscillare l’opinione degli spettatori da «wow, che genialata»! a «semplicemente banale»! É difficile valutare correttamente il film da un punto di vista puramente cinematografico. Tuttavia, il «messaggio» in esso contenuto è oro allo stato puro. Basato sul racconto di Ray Nelson Eight O’Clock In The Morning, il film è una di quelle rare storie sovversive che costringe gli spettatori a mettere in discussione il loro mondo e la realtà che li circonda.

Giacché, nonostante il fatto che il film parli di spaventosi alieni, esso comunica agli spettatori verità che vengono a malapena accennate nei film «normali». In effetti, analizzando più a fondo la trama, ci si potrebbe rendere conto che vi sia più «scienza» che «fiction» nella storia di Essi vivono…, soprattutto quando si possiedono «occhiali da sole che vedono la verità». L’eroe del film, interpretato dal wrestler Rowdy Roddy Pipper, è un vagabondo che apparentemente non ha nome. Nella breve storia e nei crediti del film, viene indicato col nome di John Nada, (nada in spagnolo significa «nulla»).

Mentre questo «nulla» senza nome soffre ed è senza casa, riesce, nonostante tutto, a portare alla luce il governo segreto alieno che controlla il mondo. Come ci riesce? Con l’unica cosa di cui avesse bisogno: la verità. A dire il vero anche con delle armi. Ne usa un sacco durante il film. Una cosa da sottolineare è il fatto che Nada, nonostante tentino di metterlo a tacere più volte, in cambio di «generose ricompense», mantiene la sua integrità e non accetta mai di svendersi agli alieni. Per finire, il film è pieno di perle di saggezza.

«Raccomandate l’anima al vostro creatore, sono qui per annientarvi».

Gli alieni presenti nel film sono in realtà una rappresentazione fantasiosa di coloro che controllano segretamente il mondo, quelli che comunemente chiamiamo gli Illuminati? Cercheremo ora di spiegare come questo cult descriva proprio il dominio occulto dell’élite.

PREMESSA

Fin dall’inizio, da quando si vede Nada camminare col suo zainetto per le strade di Los Angeles, il film immerge lo spettatore in un particolare stato d’animo: c’è qualcosa di estremamente sbagliato nel mondo di Essi vivono. Mentre Nada sembra essere un ragazzo fortunato e spensierato, il resto della città è triste e non molto gentile con i tipi come lui. Nell’aria, infatti, c’è una sensazione di costante pericolo: la povertà è dilagante, gli elicotteri sorvolano e controllano la città e i predicatori, agli angoli della città, urlano senza sosta per informare il popolo dei suoi governanti senz’anima.

«Si mimetizzano tra di noi come serpenti… e quando il serpente vomiterà dalla sua bocca, sarete travolti dal fiume del suo assenzio. A loro si sono prostituiti tutti i governanti e la Terra è diventata un covo di corpi pieni di spiriti immondi perché le nazioni stanno bevendo il vino della loro sfrenata concupiscenza e i governanti si sono prostituiti con loro e i mercanti si sono arricchiti del loro lusso sfrenato. Svegliatevi, hanno preso il posto di Dio»!

La descrizione che il predicatore fà dei «padroni» è applicabile agli Illuminati? Credo proprio di sì. Mentre seguiamo Nada nel suo vagabondare senza mèta per la città, la telecamera si concentra spesso su persone che guardano ipnotizzate la televisione e assorbono quindi passivamente tutti i suoi messaggi. La gente comune sembra apprezzare gli show televisivi proposti… almeno fino a quando un’organizzazione, riuscendo ad oscurare le frequenze, si mette a trasmettere messaggi sovversivi su chi li controlla.

«Ci rendono schiavi delle forze oscure della materia corporale e con la vanità, l’ansia e l’indolenza ci anestetizzano la mente. Queste manipolazioni sulla psiche sono state identificate otto mesi fa da un ristretto numero di scienziati… i quali scoprirono incidentalmente che questi segnali provenivano da… La nostra natura umana si è lasciata sopraffare dalle istituzioni esistenti, crediamo di essere ricchi invece siamo precipitati nell’abisso dell’aridità e della miseria, privandoci di ogni aspirazione espressione e valore umano. Questi artifici ci mantengono in uno stato di banalità elevata impedendoci di vedere la degradazione con la quale abbiamo schiacciato il mistero di Dio che è in noi, e se continueremo a vegetare nella vigliaccheria nella cecità e nel mutismo sarà la fine. Si sono impadroniti della Terra e ci manovrerannoindisturbati finché non li scopriremo e quando ci avranno annientati useranno la melma della nostra materia per concimare i loro giardini».

Il discorso appena citato può adattarsi agli Illuminati? Certo che sì. I cittadinipecora che hanno assistito alla trasmissione pirata si sono beccati un forte mal di testa (la cruda verità è davvero troppo da sopportare per la maggior parte delle persone). Uno degli spettatori, infatti, dopo essersi alzato per cambiare canale, manda a quel paese il predicatore: proprio come oggi, la maggior parte delle persone non vuole sentir parlare di questo genere di cose e desidera solo guardare le stupidaggini. Nada si rende conto che il predicatore di strada e l’uomo in televisione sono connessi da una chiesa locale. Dopo essersi intrufolato nella chiesa, scopre che in realtà si tratta della sede di una organizzazione terroristica.

Su una parete, all’interno della chiesa, è scritto: «Essi vivono, noi dormiamo», una frase che descrivela differenza fondamentale tra l’élite e le masse. Chi detiene il potere conosce la verità sul mondo e possiedei mezzi e il potere per «vivere» veramente. Il resto della popolazione è sedato, rincretinito e manipolato fino a diventare uno zombie in modo da esser facilmente controllabile dai governanti. L’ignoranza delle masse equivale ad uno stato di sonno senza fine.

Nada viene a sapere che l’organizzazione ribelle sta cercando di reclutare persone per combattere e scacciare questo governo-ombra. Tuttavia, pochi giorni dopo, il nostro protagonista scoprirà cosa succede a coloro che osano tramare contro il potere.

La polizia, assieme a ruspe ed elicotteri sta eseguendo un raid, in modo da distruggere il quartier generale dell’organizzazione criminale e arrestare i suoi membri. É così che l’élite risponde a chi ha una opinione contraria alla sua.

Dopo aver assistito al violento abuso di potere della polizia, Nada comincia a rendersi conto che c’è qualcosa di sbagliato nel suo Paese. L’intraprendente ragazzo che crede nel valore del lavoro e nel rispetto delle leggi, comincia ad intuire il marcio della società. Deciso a saperne di più, Nada rientra nella chiesa e trova un paio di cose interessanti.

La polizia ha cancellato la scritta dal muro («Essi vivono, noi dormiamo»). Le masse non devono essere portate a conoscenza dei «loro» piani.

Ancora più importante, Nada trova una scatola piena di occhiali da sole che gli permettono di vedere il mondo com’è veramente.

SCOPRIRE LA VERITA`

Mentre gli occhiali da sole trovati da Nada sembrano inutili, in realtà lo premiano con il dono più grande: la verità. Indossarli per la prima volta, si rivelerà un’esperienza scioccante per il nostro protagonista:

Quando indossa gli occhiali da sole, Nada, vede attraverso il fumo e le finzioni proiettate dalle pubblicità, percependone il loro reale messaggio e fine.

Non importa quale rivista Nada sfogli, ci saranno sempre gli stessi messaggi subliminali, il che la dice lunga sulla vera funzione delle riviste di moda. Nonostante il fatto che siano ognuna diversa dall’altra, tutte, alla fine, hanno lo stesso scopo: rafforzare i messaggi indirizzati alle masse dall’élite.

Nada capisce subito anche la verità sul denaro:

«This is your god» («Questo è il tuo dio») entra in risonanza con la frase presente nel dollaro «In God We Trust» («Confidiamo in Dio»).

La scoperta più sconcertante per Nada riguarda le persone attorno a lui:

Alcune persone non sono umane. Sono di un’altra razza che si è infiltrata nella società.

Nada si rende conto che sono ovunque e che occupano posizioni di potere, come un politico che sta tenendo un discorso alla TV. Rappresenta forse un modo per dipingere gli Illuminati?

Dopo aver scoperto questa verità, Nada si arrabbia, e anche parecchio. Come reagisce alla situazione? Imbracciando un fucile a pompa ed iniziando la caccia agli alieni. Non appena gli alieni si rendono conto che Nada può vedere attraverso i loro travestimenti, avvertono immediatamente le autorità dicendo: «Ne ho trovato uno che riesce a vedere». La capacità di «vedere» è ovviamente malvista dagli alieni, in quanto preferiscono non essere scoperti durante l’attuazione del loro complotto. Nada diventa rapidamente un paria sociale e gli alieni si mettono sulle sue tracce.

Molti alieni fanno parte delle forze di polizia con il solo scopo di assicurare che il dominio alieno non venga ostacolato. La maggior parte dei poliziotti sono comunque normali esseri umani che seguono gli ordini, perché è il loro lavoro… un po’ come i poliziotti veri, i quali svolgono gli ordini degli Illuminati.

Nada e il resto dei cittadini vengono costantemente monitorati da telecamere di sorveglianza volanti, le quali sono stranamente simili ai nuovi droni comparsi recentemente in tutto il mondo

Le telecamere di sorveglianza volanti erano considerate fantascienza nel 1988. Oggi sono realtà

Un drone moderno, senza pilota, con telecamera incorporata.

Il concetto degli occhiali da sole che permettono di vedere la verità è una metafora interessante per illustrare l’importanza della conoscenza nella propria percezione del mondo. Due persone possono guardare la stessa cosa, ma percepire due realtà ben diverse, a seconda del livello di informazione e sensibilità possedute da ciascuna persona. Gli occhiali da sole di Nada possono quindi rappresentare la conoscenza della verità, che permette una chiara percezione della realtà.

CERCANDO ALTRE PERSONE CHE CONOSCONO LA VERITA`

Dopo aver appreso la scioccante verità sul mondo, Nada sente la necessità di condividere queste informazioni vitali con il suo amico Frank Armitage. Nada, tuttavia, si renderà conto ben presto che alcune persone non vogliono sentirne parlare. Quando Nada chiede a Frank di indossare gli occhiali da sole, così da poter vedere ciò che lui vede, Frank si rifiuta categoricamente chiamandolo «folle figlio di puttana». A seguire abbiamo poi una delle scene di lotta più lunghe che abbia mai visto (otto minuti di pugni e calci), una scena che viene trascinata talmente tanto a lungo da diventare assurda e persino comica. Mentre effettivamente potrà sembrare ridicola, essa è una metafora a rappresentare lestrema difficoltà di svegliare lindividuo medio dalla sua beata ignoranza.

Frank vede finalmente la verità. É bastato che Nada lo picchiasse per dieci minuti, gli infilasse gli occhiali da sole a forza, costringendolo a guardarsi intorno. Sì, convincere gli altri della verità può essere un compito estremamente difficile.

Lo sforzo è stato grande, ma alla fine Nada è riuscito a mostrare la verità al suo amico Frank. I due vengono poi invitati ad una riunione segreta dell’organizzazione clandestina che vuole sbarazzarsi degli alieni.

Durante l’incontro, a Nada e a Frank vengono fornite delle lenti a contatto con le stesse funzioni degli occhiali da sole. Questi ultimi provocano un forte mal di testa, soprattutto quando vengono tolti. Quando si viene esposti per la prima volta alla verità, può essere difficile e doloroso adattarsi alla nuova realtà. Tuttavia, dopo un po’ sembra diventare parte della persona. Un po’ come indossare delle lenti a contatto.

Durante l’incontro, Nada e Frank vengono a sapere che gli esseri umani vengono reclutati dagli alieni in cambio di ricchezza e potere. Il leader dell’organizzazione clandestina, infatti, afferma: «Molti di noi semplicemente si vendono». É piuttosto facile fare una correlazione tra il film e i nostri uomini politici e celebrità che, come abbiamo visto in altre occasioni, vengono corrotti facilmente in cambio di ricchezza e fama. L’incontro, tuttavia, non dura a lungo. La polizia, infatti, fà irruzione sparando a vista. L’élite li considera un’organizzazione terroristica. Nada e Frank riescono a scappare e involontariamente si ritrovano dietro le linee nemiche, nella base sotterranea aliena.

DIETRO LE LINEE NEMICHE

Esplorando la base sotterranea aliena, Nada e Frank si imbattono in una festa organizzata dagli alieni per i loro collaboratori umani al fine di ringraziarli per la fedele partnership. Anche se l’uomo non verrà mai considerato al pari degli alieni, quelli che si svendono beneficeranno di ricchezze… Un discorso molto simile a quello che succede oggi con coloro che non fanno parte dell’élite, ma che si impegnano, nonostante questo, ad agevolare l’agenda per il Nuovo Ordine Mondiale.

«Se i nostri alleati terresti manterranno la loro attuale linea politica nei nostri confronti, il loro cammino economico sarà in ascesa».

Frank e Nada scoprono poi l’origine del segnale alieno che tiene soggiogate le persone: uno studio televisivo. Gli alieni usano la rete televisiva per inviare messaggi ipnotici subliminali nascondendo agli esseri umani la verità sui loro governanti. Anche nella nostra realtà l’élite utilizza il mezzo televisivo per indottrinare le masse e tenerci in uno stato di schiavitù.

La stazione televisiva Cable 54 utilizzata dagli alieni per ipnotizzare gli esseri umani. Si tratta di fantascienza? A malapena.

Nada si rende conto che l’unico modo per salvare l’umanità dalle grinfie degli alieni è quello di andare sul tetto dell’edificio della stazione televisiva e abbattere il trasmettirore di messaggi subliminali, mascherato da antenna satellitare. Infatti, togliendo all’éliteil suo potere di indottrinamento mediatico, sarebbe stato più difficile controllare le masse. Così Nada e Frank iniziano a farsi strada a colpi di pistola verso il tetto.

AGENTE DISINFORMATORE

Anche se Holly Thompson, all’inizio, sembra far parte dei buoni, cerca di fuorviare, ingannare e uccidere Nada durante la sua ricerca. Alla fine riesce ad uccidere Frank sparandogli alla testa.

Nada incontrò Holly Thomspon, una dirigente di Cable 54, non appena scoprri` la verità. Mentre Nada sembra essersi innamorato della giovane donna, quest’ultima non sembra far altro che causare problemi. Durante l’incontro con l’«organizzazione terroristica», Holly si infiltra nel gruppo, in veste di simpatizzante, sostenendo che la Cable 54 «è pulita» e non è la fonte del segnale alieno. Oggi, la disinformazione viene ampiamente usata dall’élite per confondere e indurre in errore coloro che tentano di scoprire la verità sul mondo. Durante l’attacco alla torre televisiva da parte di Nada, compare di nuovo Holly, affermando di volerlo aiutare. Tuttavia, sta semplicemente cercando di ucciderlo prima che il nostro protagonista porti a termine la missione. La giovane donna è dunque un altro essere umano corrotto dagli alieni e utilizzato per scovare e distruggere gli umani ribelli.

UCCIDENDO ALIENI

Alla fine Nada riesce a distruggere il trasmettitore e a salvare l’umanità. Tuttavia, questa impresa eroica, finirà con la morte del protagonista, ucciso da un poliziotto in elicottero. Nada diventa così l’eroe per eccellenza, sacrificando la sua vita per il bene dell’umanità, un martire della libertà nei confronti di regnanti senza anima.

Anche se gli è costato la vita, Nada non si pente di aver portato alla luce il dominio alieno sull’umanità mandando volentieri a quel paese i nemici.

Una volta distrutta la parabola satellitare aliena, le masse sono in grado di vedere il mondo così com’è:

Gli spettatori di tutto il mondo possono realizzare chi fornisce loro le news, è anche chi li controlla.

CONCLUSIONE

Anche se Essi Vivono viene solitamente considerato come un film di fantascienza che critica la società consumistica, la portata del suo messaggio va in realtà ben oltre la solita lezioncina tipo il «consumismo è cattivo». Essi vivono può infatti essere interpretato come un trattato sull’approfondito e sistematico condizionamento dell’esperienza umana in modo che un’élite occulta possa segretamente controllare, manipolare e sfruttare le masse. Nel film, i governanti vengono ritratti come una razza completamente diversa, che percepisce gli esseri umani come inferiori, una cosa che può essere facilmente correlata agli atteggiamenti delle stirpi di sangue degli Illuminati. La presenza di questi forti messaggi nel film è uno dei motivi per cui Essi vivono è diventato un cult, nonostante il fatto che sia stato stroncato dai critici cinematografici. Col passare degli anni, il messaggio del film sta diventando sempre più rilevante… e incredibilmente realistico. Molti di coloro che cercano la verità sul mondo si sono resi conto che le redini del potere vengono mantenute da élite non elette, che sono essenzialmente occultate all’occhio del pubblico. Il poster promozionale del film dice: «Tu li vedi per strada. Li vedi in TV. Probabilmente andrai a votare per uno di loro questo autunno. Pensi che siano persone come te. Ti sbagli. Hai torto marcio». Lavorare dietro le quinte: questa élitesegreta lavora costantemente verso la creazione di un sistema globale che serva ai suoi interessi: un Nuovo Ordine Mondiale, controllato da un Governo Mondiale.

Come dice un traditore umano, nel corso del film, per giustificare il fatto di essersi venduto: «Non c’è più nessun Paese. Non ci sono più i bravi ragazzi. Conducono loro lo show. Possiedono tutto. L’intero pianeta»! Per facilitare il lavoro dei governanti, le masse vengono tenute all’oscuro e distratte con il finto spettacolo di marionette rappresentato dalla politica. L’apatia, l’ignoranza e l’indifferenza sono i migliori amici dell’élite. Nonostante gli scarsi effetti speciali e i dialoghi scadenti, Essi vivono riesce a descrivere le motivazioni e le strategie dell’élite mondiale in un modo comprensibile a tutti. Tuttavia, per capire fino in fondo il messaggio del film, sono necessari gli occhiali da sole che vedono la verità… Ne avete un paio anche voi?

Fonte

 

Le follie del Politically Correct: Navi “gender-neutral” al museo marittimo scozzese

Il de-gendering delle navi da parte del museo marittimo scozzese è  il risultato dell’estremizzazione del political correct, ha detto un ex ufficiale della Royal Navy britannica in pensione. Ha avvertito che cedere ai gruppi di pressione è una “strada molto pericolosa da percorrere”, riporta RT.com.

L’ammiraglio Lord Alan West stava rispondendo alla decisione del Museo Marittimo Scozzese di introdurre una “interpretazione neutrale rispetto al genere” delle navi, a seguito di una serie di atti di vandalismo rivolti alle parole “she” e “her” su una delle loro insegne.

Lord West, l’ex capo della Royal Navy, ha telefonato al programma Today della BBC Radio 4 per sostenere che le navi sono state definite con pronomi femminili da secoli, e cancellare quella tradizione sarebbe “assolutamente stupido”.

“E ‘un duro colpo … un insulto ad una generazione di marinai, le navi sono viste quasi come delle madri che ci preservano dai pericoli del mare e anche dalla violenza del nemico”.

David Mann, direttore del museo marittimo, a Irvine, in Scozia, afferma di essere stato costretto a fare i cambiamenti, dicendo che i vandali, offesi, hanno preso di mira i loro cartelli “molto costosi” per il secondo anno consecutivo.

Il museo utilizzera` ora i nuovi cartelli agenere, avendo riconosciuto i cambiamenti nella società intorno all’interpretazione neutrale rispetto al genere, nonostante in passato abbia seguito la tradizione marittima universalmente adottata riferendosi alle navi come donne.

Lord West, che ha lavorato sotto il governo laburista di Gordon Brown tra il 2007 e il 2010, ha avvertito che si tratta di una “strada molto pericolosa da intraprendere” in quanto queste modifiche a tradizioni secolari, sono semplicemente basate sulle preoccupazioni di “piccoli gruppi di pressione”.

Un portavoce della Royal Navy ha insistito sul fatto che la tradizione non dovrebbe essere modificata, aggiungendo: “La Royal Navy tradizionalmente fa riferimento alle sue navi con “lei “e continuerà a farlo”.

Fonte

Foto simboliche del mese (Aprile 2019)

In questa edizione di SPOTM: Taissa Farmiga, Britney Spears, Madonna, le magliette più ridicole che tu abbia mai visto e un sacco di foto che ti faranno riflettere su cosa c’è di sbagliato in queste “celebrita`”

La star di American Horror Story Taissa Farmiga è stata recentemente protagonista di un servizio fotografico per la rivista Rogue. E, sì, è tutta una questione di controllo mentale Monarch. In questa foto, Taissa giace su un letto circondata da braccia di manichini – un classico simbolo del controllo mentale che rappresenta gli handler MK. Taissa tiene un vecchio telefono fisso mentre un manichino ne tiene un altro. Questo tipo di simbolismo viene spesso utilizzato nelle immagini MK per rappresentare uno schiavo che viene “innescato” da un handler (guarda il video di Lady Gaga, Telephone).

Qui, gli handler tengono in mano i capelli di Taissa. È in una posizione di vulnerabilità in quanto i suoi gestori potrebbero facilmente strapparle i capelli e causarle dolore.

Taissa e` seduta con uno sguardo assente accanto a un manichino.

…costantemente sotto programmazione

Come al solito, il simbolo di un occhio che tutto vede è spuntato dappertutto questo mese. Questa è una foto di Kendall Jenner la quale ha annunciato di essere diventata il volto di Tiffany Co. Sembra che dovremo aggiungere “racchetta da ping pong” alla lista di cose stupide usate da questi burattini dell’industria per nascondere un occhio. E in futuro cosa utilizzeranno? Un violoncello?

Questa è l’immagine promozionale per una nuova serie Netflix chiamata The Perfection. Sì, è un violoncello che nasconde un occhio. Quanta creativita`! Come visto in diversi articoli in passato, Netflix si dedica alla creazione di contenuti che siano al 100% in linea con l’agenda delle élite. Anche se The Perfection non è ancora uscito, il trailer mostra alcune scene terrificanti che alludono al controllo mentale, elettroshock incluso.

Questa è la copertina del nuovo singolo di Madonna, Medellin. La “Grande Sacerdotessa dell’Industria” ha un occhio nascosto e tiene un guanto rosso simbolico mentre abbraccia Maluma in maniera dominante. Per il suo nuovo album, Madonna ha creato un nuovo personaggio chiamato Madame X, che è interamente basato sul controllo mentale. Aspettatevi presto un articolo a riguardo.

L’attrice Taryn Manning (8 Mile, Orange is the new Black) ha pubblicato un nuovo singolo musicale dal titolo The Light. Questa è la foto promozionale del singolo. Apparentemente, ha bisogno di nascondere un occhio perche` il suo singolo veda “la luce” del giorno.

Questa è la copertina del nuovo album dell’artista lituana Jazzu. Pensavi che la Lituania fosse al sicuro da questa merda, vero?

Questo è uno screenshot dal video musicale Twit della cantante K-Pop Hwasa. Non richiede un’analisi approfondita. Praticamente canta “twit twit twit” mentre nasconde costantemente un occhio. Una riflessione perfetta dell’industria musicale oggi.

Hawasa era anche su Dazed Magazine

Ha promosso anche un linea di makeup

Questa è una foto della linea di abbigliamento Cuck and Bull Shop. Questo ragazzetto nasconde un occhio mentre fa uno sguardo da soy-boy da manuale. Come se non bastasse, va in giro con una maglietta che dice “Sissy Husband”. Wow.

Wow. Dopo aver posato per questa foto il tipo avra` voglia di buttarsi da un ponte

Questo marchio crea anche magliette strane e imbarazzanti, per le donne? Sì. E hanno scelto una ragazza che sembra davvero giovane per indossare questa maglietta molto esplicita.

Draw My Story è una serie popolare su YouTube in cui le star raccontano una storia carina mentre immagini altrettanto carine sono disegnate sullo sfondo. In breve, è fatto su misura per attirare i giovani. Per l’occasione, Billie Eilish portava al collo una serie di croci rovesciate, il principale simbolo del satanismo. È così che la religione dell’élite occulta viene normalizzata tra le nuove generazioni.

Poco dopo che #FreeBritney e` diventato virale (leggi il mio articolo qui), Britney “si e` presa una pausa dal trattamento” per passare un po ‘di tempo con il suo fidanzato. Ha poi pubblicato un video piuttosto poco convincente su Instagram per dire che sta bene. Alcune persone hanno detto: “Vedete, non e` stata trattenuta contro la sua volontà, si trattava solo di una folle teoria del complotto”. Le foto che sono state scattate mentre stava lasciando la struttura di salute mentale raccontano un’altra storia. Stordita, confusa sotto Mkultra.

Questa e` l’immagine di una persona sotto pesanti medicazioni e che non ha il controllo della sua mente

Portando le cose a un livello superiore di stranezza, Sam Lutfi, l’ex handler di Britney (presente durante il suo crollo del 2008) ha pubblicato questo tweet sul “rilascio” di Britney e #FreeBritney. Wow.

Nel mio articolo sugli attentati dello Sri Lanka, ho spiegato il tempismo occulto e il significato di questo evento orribile. E il modo in cui i mezzi di comunicazione di massa hanno trattato questo attacco è una prova ulteriore dell’ingerenza dell’élite. È piuttosto ovvio che sia stato approvato un promemoria per assicurarsi che le vittime siano descritte come “adoratori della Pasqua” anziché “cristiani”. Questa strana espressione forzata è chiaramente il risultato di una sessione di brainstorming per manipolare questa storia.

Apparentemente, ABC News ha avuto lo stesso memo. La parola “cristiano” viene censurata dai mass media?

Fonte

Il Satanic Temple riconosciuto come chiesa dall’IRS

L’organizzazione è il primo gruppo satanico a cui e` stato concesso il privilegio di non pagare le tasse similmente ad altre istituzioni religiose

Il Satanic Temple è stato ufficialmente riconosciuto come una chiesa dall’Internal Revenue Service, tre mesi dopo aver preso d’assalto Sundance come soggetto del documentario “Hail Satan?” Secondo un annuncio del distributore di “Hail Satan?”, Magnolia Pictures, il tempio è ora eleggibile ad uno status di totale esenzione fiscale dato ad altre istituzioni religiose.

L’ultimo documentario di Penny Lane, “Hail Satan?”, Segue la storia del Tempio satanico e le sue colorate proteste in nome della libertà religiosa e della separazione tra chiesa e stato, inclusa la spinta ad avere una statua di Baphomet collocata sul terreno dell’Arkansas State Capitol accanto alla statua dei Dieci Comandamenti.

“Alla luce degli assalti teocratici riguardo la separazione della Chiesa e dello Stato negli sforzi legislativi per stabilire un luogo di privilegio codificato per un punto di vista religioso, riteniamo che accettare l’esenzione dalle tasse religiose – piuttosto che rinunziarvi in segno di protesta – penso possa aiutarci a migliorare Affermiamo le nostre posizioni sulla parità di accesso e di esenzione mentre plachiamo le voci dubbiose sul fatto che non soddisfiamo le qualifiche di una vera organizzazione religiosa “, ha detto il co-fondatore del Tempio Satanico Lucien Greaves in una dichiarazione. “Il satanismo è qui per restare.”

Una dichiarazione sul sito web del tempio dice che l’organizzazione ha recentemente ricevuto notifica dall’IRS affermando il suo status.

Un portavoce dell’IRS non è stato in grado di confermare il riconoscimento a TheWrap, citando i regolamenti.

Per anni, il tempio satanico si è opposto legalmente all’esenzione fiscale per le istituzioni religiose; ma Greaves ha detto che la sua posizione è cambiata dopo che Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo che impone al Dipartimento del Tesoro di non prendere alcuna “azione negativa” contro le istituzioni religiose, incluse le sanzioni fiscali e la negazione dello status di esenzione fiscale.

Fonte

Gli antichi insegnamenti di tutte le ere: Un’analisi dei Tarocchi

I pareri delle autorità differiscono ampiamente per quanto riguarda l’origine delle carte da gioco, il loro scopo e il momento della loro introduzione in Europa. Nelle sue ricerche sulla storia delle carte, Samuel Weller Singer avanza l’opinione che le carte arrivarono dall’Europa meridionale attraverso l’Arabia. È probabile che le carte dei Tarocchi facessero parte della tradizione magica e filosofica assicurata ai Cavalieri Templari dei Saraceni o da una delle sette mistiche che fiorivano in Siria. Ritornando in Europa, i Templari, per evitare la persecuzione, nascosero il significato arcano dei simboli introducendo le carte del loro libro magico apparentemente come uno strumento per il divertimento e il gioco d’azzardo. A sostegno di questa tesi, la signora John King Van Rensselaer afferma:

“Quelle carte sono state portate dai guerrieri di ritorno a casa, che hanno importato molti dei nuovi costumi e abitudini dell’Oriente nei loro paesi, sembra essere un fatto consolidato, e non contraddice la dichiarazione fatta da alcuni scrittori Chi ha dichiarato che gli zingari – che in quel periodo iniziarono a vagare per l’Europa – portarono con sé e introdussero carte, che usavano, come fanno oggi, per indovinare il futuro. ” (Vedi I libri illustrati del diavolo .)

Attraverso gli zingari le carte dei Tarocchi possono essere ricondotte al simbolismo religioso degli antichi Egizi. Nel suo notevole lavoro, The Gypsies, Samuel Roberts presenta un’ampia prova della loro origine egiziana. In un luogo scrive: “Quando gli zingari originariamente arrivarono in Inghilterra è molto incerto. Possiamo notarli nella storia grazie alle nostre leggi, da diversi statuti contro di loro nel regno di Enrico VIII, in cui vengono descritti come” un popolo stravagante, che si fa chiamare egiziani, – che non professano alcun mestiere o professione, ma vanno in giro in gran numero, * * *. “” Una curiosa leggenda racconta che dopo la distruzione del Serapeo ad Alessandria, il grande corpo di sacerdoti vi si unì per preservare i segreti dei riti di Serapis. I loro discendenti (zingari) portando con sé il più prezioso dei volumi salvati dalla biblioteca in fiamme – il Libro di Enoch, o Thot (i Tarocchi) – divennero girovaghi sulla faccia della terra,

Court de Gébelin riteneva che la parola Tarot derivasse da due parole egiziane, Tar , che significa “strada”, e Ro , che significa “reale”. Così i Tarocchi costituiscono la via regale della saggezza . (Vedi Le Monde Primitif .) Nella sua Storia della Magia, P. Christian, il portavoce di una certa società segreta francese, presenta un racconto fantastico di una presunta iniziazione ai Misteri Egizi in cui i 22 principali Tarocchi assumono le proporzioni di trespoli di dimensioni immense e formano una grande galleria. Fermandosi prima di ogni carta a turno, l’iniziatore descrive il suo simbolismo al candidato. Edouard Schuré, la cui fonte di informazioni era simile a quella di Christian, suggerisce la stessa cerimonia nel suo capitolo sull’iniziazione ai Misteri ermetici. (Vedi I Grandi Iniziati.) Mentre gli Egiziani potrebbero aver utilizzato le carte dei Tarocchi nei loro rituali, questi mistici francesi non presentano altre prove oltre alle loro stesse asserzioni per sostenere questa teoria. La validità anche dei cosiddetti Tarocchi egiziani ora in circolazione non è mai stata stabilita in modo soddisfacente. I disegni non sono solo del tutto moderni, ma il simbolismo stesso potrebbe derivare dell’influenza francese piuttosto che da quella egiziana.

Il Tarocco è indubbiamente un elemento vitale nel simbolismo rosacrociano, forse il vero libro di conoscenza universale che i membri dell’ordine pretendevano di possedere. La Rota Mundi è un termine che si trova frequentemente nei primi manifesti della Fraternità dei rosacrociani. La parola Rota da un riarrangiamento delle sue lettere diventa Taro , l’antico nome di queste carte misteriose. WFC Wigston ha scoperto prove che Sir Francis Bacon ha usato il simbolismo dei Tarocchi nelle sue cifre. I numeri 21, 56 e 78, che sono tutti direttamente correlati alle divisioni del mazzo dei Tarocchi, sono spesso coinvolti nei crittogrammi di Bacone. Nel grande Folio shakespeariano del 1623 il nome cristiano di Lord Bacon appare 21 volte a pagina 56 delle Storie. (Vedere The Columbus of Literature .)

Molti simboli che appaiono sulle carte dei Tarocchi hanno un preciso interesse massonico. Il numerologo pitagorico troverà anche una relazione importante tra i numeri sulle carte e i disegni che accompagnano i numeri. Il Qabbalista sarà immediatamente colpito dalla significativa sequenza delle carte, e l’alchimista scoprirà alcuni emblemi privi di significato se non interpretati seguendo la chimica divina della trasmutazione e della rigenerazione. ” Come i Greci misero le lettere del loro alfabeto – con i loro numeri corrispondenti – sulle varie parti del corpo del loro Logos umanamente rappresentato , così le carte dei Tarocchi hanno un’analogia non solo nelle parti e nei membri dell’universo, ma anche nelle divisioni del corpo umano .. Sono in effetti la chiave per la costituzione magica dell’uomo.

Le carte dei Tarocchi devono essere considerate (1) come geroglifici separati e completi, ognuno dei quali rappresenta un principio, una legge, un potere o un elemento distinti nella Natura; (2) in relazione l’un l’altro come l’effetto di un agente che opera su un altro; e (3) come vocali e consonanti di un alfabeto filosofico. Le leggi che governano tutti i fenomeni sono rappresentate dai simboli sulle carte dei Tarocchi, i cui valori numerici sono uguali agli equivalenti numerici dei fenomeni. Poiché ogni struttura consiste di alcune parti elementali, quindi le carte dei Tarocchi rappresentano i componenti della struttura della filosofia. Indipendentemente dalla scienza o dalla filosofia con cui lo studente sta lavorando, le carte dei Tarocchi possono essere identificate con i costituenti essenziali del suo soggetto, ogni carta quindi essendo correlata a una parte specifica secondo le leggi matematiche e filosofiche. ” Una persona imprigionata “, scrive Eliphas Levi,” con nessun altro libro se non i Tarocchi, se sapesse come usarli, potrebbe in pochi anni acquisire la conoscenza universale, e sarebbe in grado di parlare su tutti i soggetti con apprendimento ineguagliabile ed eloquenza inesauribile . “(Vedi Magia Trascendentale .)

Le diverse opinioni delle autorità eminenti sul simbolismo dei Tarocchi sono abbastanza inconciliabili. Le conclusioni dell’erudito Court de Gébelin e del bizzarro Grand Etteila – le prime autorità in materia – non solo sono si discostano radicalmente l’una dall’altra, ma entrambe sono discretamente screditate da Levi, la cui sistemazione dei trionfi dei Tarocchi è stata respinta a sua volta da Arthur Edward Waite e Paul Case come uno sforzo per indurre in errore gli studenti. I seguaci di Levi – in particolare Papus, Christian, Westcott e Schuré – sono considerati dai “riformatori dei tarocchi” come individui onesti ma ottenebrati che vagavano nell’oscurità per mancanza del nuovo mazzo di carte dei Tarocchi di Pamela Coleman Smith con le revisioni di Mr. Waite .

La maggior parte degli scrittori sui Tarocchi (l signor Waite e` una notevole eccezione) e` proceduta con l’ipotesi che i 22 trionfi principali rappresentino le lettere dell’alfabeto ebraico. Questa supposizione non si basa su nulla di più sostanziale della coincidenza che entrambi consistono in 22 parti. Che Postel, St. Martin e Levi scrivessero tutti i libri divisi in sezioni corrispondenti ai principali Tarocchi è un’interessante luce di posizione sull’argomento. Le principali carte vincenti rappresentano gli episodi del Libro dell’Apocalisse; e l’Apocalisse di San Giovanni è divisa in 22 capitoli. Supponendo che la Qabbalah tenga la soluzione all’enigma dei Tarocchi, i ricercatori hanno spesso ignorato altre possibili linee di ricerca. Il compito, tuttavia,gli sforzi per trovare un collegamento tra i tarocchi e l’alfabeto ebraico e i cammini della saggezza

Nella scrittura del mazzo da cui sono stati presi i quattro cavalier (jack) qui riprodotti, William Andrew Chatto osserva: “Alcuni degli esemplari di carte portoghesi di ” Jeux de Cartes, Tarots et de Cartes Numérales ” sembrano essere stati originariamente suggeriti da, se non nettamente copiati da, un disegno orientale, più specialmente nei semi di Danari e Bastani, – Denari e Bastoni: in quelle carte la figura circolare, generalmente intesa come rappresentante di Danari, o Soldi, è certamente molto più simile al Chakra, o quoit di Vichnou [Vishnu], come si vede nei disegni Hindostanici, che a una moneta, mentre sulla cima del bastoni c’è un diamante, che è un altro degli attributi della stessa divinità. ” Degni di nota sono anche gli emblemi rosacrociani e massonici che appaiono su vari mazzi medioevali. Poiché i segreti di queste organizzazioni erano spesso celati in incisioni enigmatiche, è molto probabile che gli schemi enigmatici su vari mazzi di carte fossero usati sia per nascondere che per perpetuare gli arcani filosofici e politici di questi ordini. Il frontespizio dei libri di Mr. Chatto mostra un fante di cuori con uno scudo ornato da una rosa rosacrociana .

non hanno riscosso molto successo. I maggiori trionfi dei Tarocchi e le 22 lettere dell’alfabeto ebraico non possono essere sincronizzate senza prima fissare il posto corretto della carta non numerata, o zero, Le Mat , il Matto. Levi piazza questa carta tra il 20 ° e il 21 ° tarocco, assegnandole la lettera ebraica Shin (ש). Lo stesso ordine è seguito da Papus, Christian e Waite, quest’ultimo, tuttavia, ha dichiarato che tale disposizione è errata. Westcott posiziona la carta zero come 22 ° dei trionfi principali dei Tarocchi. D’altra parte, sia Court de Gébelin che Paul Case mettono la carta non numerata prima della prima carta numerata dei principali trionfi, perché se l’ordine naturale dei numeri (secondo il sistema Pitagorico o Cabalistico) deve essere rispettato, lo zero deve naturalmente precedere il numero 1.

Questo non elimina il problema, tuttavia, poiché gli sforzi per assegnare una lettera ebraica a ciascun trionfo dei Tarocchi in sequenza produsse un effetto tutt’altro che convincente. Il signor Waite, che ha riscritto i Tarocchi, si esprime così: “Non devo essere incluso tra coloro che sono soddisfatti che ci sia una corrispondenza valida tra lettere ebraiche e simboli dei trionfi”. (Vedi introduzione a The Book of Formation di Knut Stenring). La vera spiegazione potrebbe essere che i grandi tarocchi non si trovano più nella stessa sequenza di quando formavano le foglie del libro sacro di Ermes, perché gli egiziani – o anche i loro successori arabi – potrebbero aver intenzionalmente confuso le carte in modo che i loro segreti potessero essere meglio conservati. Il signor Case ha sviluppato un sistema che, sebbene superiore alla maggior parte, dipende in gran parte da due punti discutibili, vale a dire l’accuratezza dei Tarocchi revisionati da Mr. Waite e la giustificazione dell’assegnazione della prima lettera dell’alfabeto ebraico al numero non numerato, o zero. Poiché Aleph (la prima lettera ebraica) ha il valore numerico di 1, il suo assegnamento alla carta zero equivale all’affermazione che zero è uguale alla lettera Aleph e quindi sinonimo del numero 1.

Con rara intuizione, Court de Gébelin ha assegnato la carta zero a AIN SOPH, la prima causa inconoscibile. Come il pannello centrale della Tavola di Bembine rappresenta il Potere Creativo circondato da sette triadi di divinità manifestanti, così la carta zero può rappresentare quell’Eterno Potere di cui i 21 aspetti circostanti o manifestanti sono solo espressioni limitate. Se i 21 trionfi principali sono considerati come forme limitate esistenti nella sostanza astratta della carta zero, diventano quindi il loro comune denominatore. Quale lettera, quindi, dell’alfabeto ebraico è l’origine di tutte le lettere rimanenti? La risposta è evidente: Yod. La carta zero … Le Mat, il Matto – è stato paragonato all’universo materiale perché la sfera mortale è il mondo dell’irrealtà. L’universo inferiore, come il corpo mortale dell’uomo, non è altro che un indumento, un costume eterogeneo, ben paragonato al cappello e alle campane. Sotto le vesti del buffone è la sostanza divina, di cui il buffone è solo un’ombra; questo mondo è un Mardi Gras – uno sfarzo di scintille divine mascherate nell’abito degli stolti.

Le carte dei tarocchi furono affidate dagli ierofanti illuminati dei Misteri per custodirli degli sciocchi e degli ignoranti, divenendo così dei giocattoli – in molti casi persino strumenti di vizio. Le cattive abitudini dell’uomo perciò divennero effettivamente i perpetuatori inconsci dei suoi precetti filosofici. “Dobbiamo ammirare la saggezza degli Iniziati”, scrive Papus, “che utilizzò il vizio e produsse risultati più benefici della virtù”. Questo atto degli antichi sacerdoti non offre forse la prova che l’intero mistero dei Tarocchi è racchiuso nel simbolismo della sua carta zero? Se la conoscenza fosse così affidata agli sciocchi, non dovrebbe essere cercata in questa carta?

Se Le Mat viene posto prima della prima carta del mazzo dei Tarocchi e le altre sono disposte in una linea orizzontale in sequenza da sinistra a destra, si scoprirà che il Matto sta camminando verso gli altri trionfi come se stesse per passare attraverso le varie carte. Come il neofita spiriticamente incantato e legato, il Matto sta per iniziare nell’avventura suprema, quella del passaggio attraverso le porte della Divina Sapienza. Se la carta zero viene considerata come estranea ai trionfi principali, ciò distrugge l’analogia numerica tra queste carte e le lettere ebraiche lasciando una lettera senza un corrispondente di Tarocchi. In questo caso sarà necessario assegnare la lettera mancante ad un’ipotetica carta dei Tarocchi chiamata gli elementi, che si presume siano stati suddivisi per formare le 56 carte dei trionfi minori. È possibile che ognuno dei principali trionfi possa essere soggetto a una divisione simile.

Il primo grande trionfo si chiama Il Bagatto (Il Mago) , il giocoliere, e secondo Court de Gébelin, indica che l’intero tessuto della creazione non è che un sogno, l’esistenza una giocoleria di elementi divini e la vita un perenne gioco di azzardo. Gli apparenti miracoli della natura non sono che prodezze del cosmo. L’uomo è come la pallina nelle mani del giocoliere, che agita la sua bacchetta e, presto! la palla scompare. Il mondo che sta guardando non si rende conto che l’articolo scomparso è ancora abilmente nascosto dal giocoliere nell’incavo della sua mano. Questo è anche l’Adepto che Omar Khayyám chiama “il maestro dello spettacolo”. Il suo messaggio è che i saggi dirigono i fenomeni della Natura e non ne sono mai ingannati.

Il mago sta dietro un tavolo su cui sono distesi numerosi oggetti, tra cui spicca una coppa: il Santo Graal e la coppa collocata da Giuseppe nel sacco di Benjamin; una moneta – il denaro tributo e il salario di un Maestro Costruttore, e una spada, quella di Golia e anche la lama mistica del filosofo che divide il falso dal vero. Il cappello del mago è in forma di lemniscate cosmico, a significare la prima mozione della creazione. La sua mano destra indica la terra, la sua sinistra tiene in alto la verga di Giacobbe e anche il bastone che ha germogliato – la colonna vertebrale umana incoronata con il globo dell’intelligenza creativa. Nei Tarocchi pseudo-egiziani il mago indossa un uræus o una fascia dorata intorno alla fronte, il tavolo davanti a lui ha la forma di un cubo perfetto, e la sua cintura è costituita dal serpente dell’eternità che divora la sua stessa coda.

Il seondo trionfo si chiama La Papessa , il Papa femminile, ed è stata associata a una curiosa leggenda dell’unica donna che si sia mai seduta nella sedia pontificia. Si presume che papa Giovanna abbia compiuto questo mascherandosi e fu lapidata a morte quando fu scoperto il suo sotterfugio. Questa carta ritrae una donna seduta coronata da un diadema sormontato da una mezzaluna lunare. Nel suo grembo è la Tora, o libro della Legge (di solito parzialmente chiuso), e nella sua mano sinistra sono le chiavi della dottrina segreta, una d’oro e l’altra d’argento. Alle sue spalle si innalzano due pilastri (Jachin e Boaz) con un velo multicolore. Il suo trono si erge su un pavimento a scacchiera. Una figura chiamata Giunone è occasionalmente sostituita da La Papessa. come la donna ierofante dei Misteri di Cibele, questa figura simbolica personifica la Shekinah, o Saggezza Divina. Nei Tarocchi pseudo-egiziani la sacerdotessa è velata, un promemoria che la piena verità non viene rivelata all’uomo non iniziato. Un velo copre anche metà del suo libro, così da intendere che solo una metà del mistero dell’essere può essere compresa.

Il terzo grande trionfo si chiama L’Impératrice , ed è stata paragonata alla “donna vestita di sole” descritta nell’Apocalisse. Su questa carta appare la figura alata di una donna seduta su un trono, che regge con la mano destra uno scudo decorato con una fenice e tiene alla sua sinistra uno scettro sormontato da un globo o un fiore trifogliato. Sotto il suo piede sinistro viene talvolta mostrata la mezzaluna. O l’Imperatrice è incoronata o la sua testa è circondata da un diadema di stelle; a volte entrambi. Si chiama Generazione e rappresenta il triplice mondo spirituale dal quale procede il quadruplice mondo materiale. Per l’iniziato è l’ Alma Mater dal cui corpo l’iniziato è “rinato”. Nei Tarocchi pseudo-egiziani l’Imperatrice viene mostrata seduta su un cubo pieno di occhi e un uccello è bilanciato sull’indice con l’altra mano sinistra. La parte superiore del suo corpo è circondata da un nimbo dorato splendente. Emblematica del potere da cui emana l’intero universo tangibile, L’Impératrice è spesso simbolizzata come incinta.

Il quarto trionfo si chiama l’Imperatore, e per il suo valore numerico è direttamente associato alla grande Divinità venerata dai Pitagorici sotto la forma del tetrado. I suoi simboli dichiarano l’Imperatore come il Demiurgo, il Grande Re del mondo inferiore. L’Imperatore è vestito con un’armatura e il suo trono è una pietra cubica, sulla quale è chiaramente visibile anche una fenice. Il re ha le gambe incrociate in modo molto significativo e porta uno scettro sormontato da un globo o uno scettro nella mano destra e un arco sulla sinistra. Lo stesso globo è la prova che è il capo supremo del mondo. Alle sue estremità destra e sinistra appaiono rispettivamente i simboli del sole e della luna, che nel simbolismo sono indicati come gli occhi del Gran Re. La posizione del corpo e delle gambe costituisce il simbolo dello zolfo, il segno dell’antico monarca alchemico. Nei Tarocchi pseudo-egiziani la figura è di profilo. Indossa un grembiule massonico e la gonna forma un triangolo rettangolo. Sulla sua testa c’è la Corona del Nord e la sua fronte è adornata con la spiraleurea .

Il quinto trionfo e ` il Papa, e rappresenta il sommo sacerdote di una scuola pagana o cristiana misteriosa. In questa carta lo ierofante indossa la tiara e porta nella mano sinistra la tripla croce che sormonta il globo del mondo. La sua mano destra, in cui sono presenti le stimmate, fa “il segno ecclesiastico dell’esoterismo”, e di fronte a lui sono inginocchiati due accoliti. La parte posteriore del trono papale ha la forma di una colonna celeste e terrestre. Questa carta significa l’iniziato o il maestro del mistero della vita e secondo i Pitagorici, il medico spirituale. L’universo illusorio nella forma delle due figure (polarità) si inginocchia davanti al trono su cui siede l’iniziato che ha elevato la sua coscienza al piano della comprensione spirituale e della realtà.. Una figura bianca e una nera – la vita e la morte, la luce e l’oscurità, il bene e il male – si inginocchiano davanti a lui. La padronanza dell’iniziato sull’irrealtà è indicata dalla tiara e dalla tripla croce, emblemi di dominio sui tre mondi che sono stati emessi dalla Prima Causa Inconoscibile.

Il sesto trionfo si chiama Gli amanti. Ci sono due forme distinte di questo Tarocco. Una mostra una cerimonia di matrimonio in cui un prete unisce un giovane e una fanciulla (Adamo ed Eva?) Nel matrimonio sacro. A volte una figura alata sopra trafigge gli amanti con il suo dardo. La seconda forma della carta ritrae un giovane con una figura femminile su entrambi i lati. Una di queste figure porta una corona d’oro ed è alata, mentre l’altra è abbigliata nelle vesti fluenti della baccante e sulla sua testa è una corona di foglie di vite. Le fanciulle rappresentano la duplice anima dell’uomo (spirituale e animale), il primo il suo angelo custode e il secondo il suo demone sempre presente. Il giovane si trova all’inizio della vita matura, “La separazione delle vie”, in cui deve scegliere tra virtù e vizio, l’eterno e il temporale. Sopra, in un alone di luce, c’è il genio del destino (la sua stella), scambiato per Cupido da disinformati. Se la gioventù sceglie incautamente, la freccia del Destino bendato lo trapasserà. Nei Tarocchi pseudo-egiziani la freccia del genio punta direttamente alla figura del vizio, indicando così che la fine del suo percorso è la distruzione. Questa carta ricorda all’uomo che il prezzo del libero arbitrio – o, più correttamente, il potere di scelta – è responsabilità.

Il settimo trionfo e` il Carro, e ritrae un guerriero vittorioso incoronato mentre cavalca un carro trainato da sfingi o cavalli bianchi e neri. Il baldacchino stellato del carro è sostenuto da quattro colonne. Questa carta significa il Sublime che cavalca nel carro della creazione. Il veicolo con l’energia solare rivela la verità arcana. Le quattro colonne che sostengono il baldacchino rappresentano i quattro potenti che sostengono i mondi rappresentati dal drappeggio cosparso di stelle. La figura porta lo scettro dell’energia solare e le sue spalle sono ornate da mezzalune lunari: l’Urim. e Thummim. Le sfingi che spingono il carro risentono del potere segreto e sconosciuto con cui il sovrano vittorioso viene mosso continuamente attraverso le varie parti del suo universo. In alcuni mazzi di tarocchi il vincitore indica l’uomo rigenerato, poiché il corpo del carro è una pietra cubica. L’uomo in armatura non sta nel carro, ma sta uscendo dal cubo, rappresentando così l’ascensione- il rialzo del lembo del grembiule del Maestro Muratore. Nei Tarocchi pseudo-egiziani il guerriero porta la spada curva della Luna, è barbuto per indicare la maturità e indossa il collare delle orbite planetarie. Il suo scettro (emblematico del triplice universo) è coronato da un quadrato su cui è un cerchio sormontato da un triangolo. in tal modo l’ascensione – la rotazione verso l’alto del lembo del grembiule del Maestro Muratore. Nei Tarocchi pseudo-egiziani il guerriero porta la spada curva della Luna, è barbuto per indicare la maturità e indossa il collare delle orbite planetarie. Il suo scettro (emblematico del triplice universo) è coronato da un quadrato su cui è un cerchio sormontato da un triangolo.

L’ottavo trionfo si chiama, Giustizia, e ritrae una figura seduta su un trono, il cui retro si erge sotto forma di due colonne. La giustizia è coronata e porta nella sua mano destra una spada e nella sua sinistra una bilancia. Questa carta è un richiamo al giudizio dell’anima nella sala di Osiride. Insegna che solo le forze equilibrate possono resistere e che la giustizia eterna distrugge con la spada ciò che è squilibrato. A volte la giustizia è raffigurata con una treccia di capelli raccolti attorno al collo in un modo simile al nodo di un boia. Ciò può implicare sottilmente che l’uomo è la causa della sua rovina, le sue azioni (simboleggiate dai suoi capelli) sono lo strumento del suo annientamento. Nei tarocchi pseudo-egiziani, la figura della giustizia è sollevata su una piattaforma di tre gradini, perché la giustizia può essere amministrata completamente solo da coloro che sono stati elevati al terzo grado. La giustizia è bendata, in quanto il visibile non deve in alcun modo influenzare la sua decisione.

Il non trionfo si chiama, l’Eremita, e ritrae un uomo anziano, vestito con un abito da monaco con cappuccio, appoggiato a un bastone. Questa carta avrebbe dovuto rappresentare Diogene nella sua ricerca di un uomo onesto. Nella sua mano destra il recluso porta una lampada che in parte nasconde tra le pieghe del suo mantello. L’eremita personifica quindi le organizzazioni segrete che per secoli innumerevoli hanno accuratamente nascosto la luce dell’antica saggezza al profano. Il simbolo dell’eremita è la conoscenza, che è il sostegno principale e duraturo dell’uomo. A volte la verga mistica è divisa in due sezioni da sette sezioni, un sottile riferimento al mistero dei sette centri sacri lungo la colonna vertebrale umana. Nei Tarocchi pseudo-egiziani l’eremita protegge la lampada dietro un mantello rettangolare per enfatizzare la verità filosofica che la saggezza, se esposta alla furia dell’ignoranza, sarebbe distrutta come la minuscola fiamma di una lampada non protetta dalla tempesta. I corpi dell’uomo formano un mantello attraverso il quale la sua natura divina è debolmente visibile come la fiamma della lanterna parzialmente coperta. Attraverso la rinuncia – la vita ermetica – l’uomo raggiunge la profondità di carattere e tranquillità dello spirito.

Il decimo trionfo si chiama , la Ruota della Fortuna, e ritrae una misteriosa ruota con otto raggi: il familiare simbolo buddista del Ciclo della Necessità. Ai suoi bordi si aggrappano Anubi e Tifone – i principi del bene e del male. Sopra si trova la sfinge immobile, portando la spada della giustizia e il perfetto equilibrio della saggezza universale. Anubis viene mostrato in salita e Tifone in discesa; ma quando Tifone raggiunge il fondo, il male sale di nuovo, e quando Anubis raggiunge la cima, il bene inizia a decadere. La Ruota della Fortuna rappresenta l’universo inferiore nel suo insieme con la Saggezza Divina (la sfinge) come l’arbitro perenne tra il bene e il male. In India, La ruota chakrao, è associata ai centri di vita di un mondo o di un individuo. Nei Tarocchi pseudo-egiziani la Sfinge è armata di un giavellotto e Tifone viene lanciato dalla ruota. Le colonne verticali, che sostengono la ruota e sono posizionate in modo che, tutte sono visibile tranne una, rappresentando l’asse del mondo con la sfinge imperscrutabile sul suo polo settentrionale. A volte la ruota con i suoi supporti è in una barca sull’acqua. L’acqua è l’oceano dell’illusione, che è l’unica base del ciclo della necessità.

L’undicesimo trionfo si chiama, Forza, e ritrae una ragazza che indossa un cappello a forma di lemniscate, con le mani sulla bocca di un leone apparentemente feroce. Esistono controversie considerevoli sul fatto che la ragazza stia aprendo la bocca del leone. La maggior parte degli scrittori dichiara che sta chiudendo le fauci della bestia, ma un’ispezione critica trasmette l’impressione opposta. La giovane donna simboleggia la forza spirituale e il leone il mondo animale che la ragazza sta padroneggiando o la Saggezza segreta. Il leone significa anche il solstizio d’estate e la ragazza, la Vergine, perché quando il sole entra in questa costellazione, la Vergine deruba il leone della sua forza. Il trono del Re Salomone era ornato di leoni e lui stesso era paragonato al re degli animali con la chiave della saggezza tra i denti. In questo senso, la ragazza potrebbe aprire la bocca del leone per trovare la chiave in essa contenuta in quanto il coraggio è un prerequisito per il raggiungimento della conoscenza. Nei Tarocchi pseudo-egiziani il simbolismo è lo stesso eccetto che la fanciulla è rappresentata come una sacerdotessa che indossa una corona elaborata sotto forma di un uccello sormontato da serpenti e un ibis.

Il dodicesimo tarocco si chiama , l’Impiccato, un ritratto di un giovane appeso alla gamba sinistra da una trave orizzontale, il secondo sostenuto da due tronchi d’albero da ciascuno dei quali sono stati rimossi sei rami. La gamba destra del giovane è incrociata nella parte posteriore della sinistra e le sue braccia sono piegate dietro la schiena in modo tale da formare una croce che sormonta un triangolo rivolto verso il basso. La figura forma così un simbolo invertito di zolfo e, secondo Levi, significa la realizzazione dell’opera magnum. In alcune rappresentazioni la figura porta sotto ogni braccio una borsa di denaro da cui escono monete. La tradizione popolare associa questa carta a Giuda Iscariota, che si dice si sia impiccato, e i sacchi di denaro  rappresentano il pagamento ricevuto per il suo crimine.

Levi paragona l’impiccato a Prometeo, l’Eterno Sofferente, dichiarando inoltre che i piedi all’insù significano la spiritualizzazione della natura inferiore. È anche possibile che la figura rovesciata denoti la perdita delle facoltà spirituali, poiché la testa è al di sotto del livello del corpo. I monconi dei dodici rami sono i segni dello zodiaco divisi in due gruppi: positivo e negativo. L’immagine rappresenta quindi la polarità temporaneamente trionfante sul principio spirituale dell’equilibrio. Per raggiungere i vertici della filosofia, quindi, l’uomo deve invertire (o invertire) l’ordine della sua vita. Quindi perdere il senso di possesso personale perché rinuncia alla regola dell’oro in favore della regola d’oro.

Il tredicesimo trionfo si chiama, Morte, e ritrae uno scheletro con una grande falce che taglia via le teste, le mani e i piedi che escono dalla terra intorno a esso. Nel corso delle sue fatiche lo scheletro ha apparentemente tagliato uno dei suoi stessi piedi. Non tutti i mazzi di Tarocchi mostrano questa particolarità, ma questo punto sottolinea bene la verità filosofica che squilibrio e distruttività sono sinonimi. Lo scheletro è l’emblema proprio della prima e suprema divinità perché è il fondamento del corpo, poiché l’Assoluto è il fondamento della creazione. Lo scheletro della mietitura significa fisicamente la morte, ma filosoficamente quell’impulso irresistibile nella Natura che fa sì che ogni essere sia infine assorbito nella condizione divina in cui esisteva prima che l’universo illusorio si fosse manifestato. La lama della falce è la luna con il suo potere cristallizzante.

Re, regine, cortigiane e fanti sono simili alla morte, il padrone delle parti visibili e genitore di tutte le creature. In alcuni mazzi di tarocchi la morte è simboleggiata come una figura in armatura montata su un cavallo bianco che calpesta giovani e piccini. Nei Tarocchi pseudo-egiziani si vede un arcobaleno dietro la figura della morte, a significare che la mortalità del corpo permette di raggiungere l’immortalità dello spirito. La morte, sebbene distrugga la forma, non può mai distruggere la vita, che si rinnova continuamente. Questa carta è il simbolo del costante rinnovamento dell’universo – la disintegrazione da cui la reintegrazione può seguire su un livello più alto di espressione.

Il quattordicesimo trionfo e` chiamato La Temperanza e ritrae una figura angelica con il sole sulla fronte. Porta due urne, una vuota e l’altra piena, e riversa continuamente il contenuto della parte superiore nella parte inferiore, in alcuni mazzi di tarocchi l’acqua che scorre assume la forma del simbolo dell’Acquario. Non una goccia, tuttavia, dell’acqua viva si perde in questo infinito trasferimento tra la parte superiore e quella inferiore. Quando l’urna inferiore viene riempita, i vasi vengono invertiti, il che significa che la vita scorre prima dall’invisibile al visibile, poi dal visibile indietro all’invisibile. Lo spirito che controlla questo flusso è un emissario del grande Jehovah, Demiurgo del mondo. Il sole, o grappolo di luce, sulla fronte della donna controlla il flusso dell’acqua, che, essendo attratto verso l’alto dai raggi solari, scende sulla terra sotto forma di pioggia, all’infinito . Qui viene anche mostrato il passaggio delle forze della vita umana avanti e indietro tra i poli positivi e negativi del sistema creativo. Nei Tarocchi pseudo-egiziani il simbolismo è lo stesso, tranne per il fatto che la figura alata è maschile invece che femminile. È circondato da un nimbo solare e versa l’acqua da un’urna d’oro a una d’argento, che simboleggia la discesa delle forze celesti nelle sfere sublunari.

Il quindicesimo trionfo si chiama, il diavolo, e ritrae una creatura simile a Pan con le corna di un ariete o cervo, le braccia e il corpo di un uomo, e le gambe e i piedi di una capra o di un drago. La figura si erge su una pietra cubica, c’e` un anello nella parte anteriore del quale sono incatenati due satiri. Come scettro questo cosiddetto demone porta una torcia o una candela accesa. L’intera figura è simbolica dei poteri magici della luce astrale, o specchio universale, in cui le forze divine si riflettono in uno stato invertito o infernale. Il demone è alato, mostrando che appartiene alla sfera notturna, o ombra inferiore. La natura animale dell’uomo, nella forma di un maschio e di un elementale femminile, è incatenata al suo sgabello. La torcia è la falsa luce che guida le anime non illuminate alla loro rovina. Nel tarocco pseudo-egiziano appare Tifone – una creatura alata composta da un maiale, un uomo, un pipistrello, un coccodrillo e un ippopotamo – in piedi nel mezzo della sua stessa distruttività. Tifone è creato dai misfatti dell’uomo, i quali, rivolgendosi al loro creatore, lo distruggono.

Il sedicesimo trionfo e` chiamato, La Torre e ritrae una torre che viene distrutta da un fulmine che esce dal sole. La corona, essendo considerevolmente più piccola della torre che sormonta, probabilmente indica che la sua distruzione è il risultato della sua insufficienza. Il fulmine a volte assume la forma del segno zodiacale dello Scorpione, e la torre può essere considerata un emblema fallico. Due figure stanno cadendo dalla torre, una davanti e l’altra dietro. Questa carta dei tarocchi è comunemente associata alla caduta tradizionale dell’uomo. La natura divina dell’umanità è raffigurata come una torre. Quando la sua corona viene distrutta, l’uomo cade nel mondo inferiore e prende su di sé l’illusione della materialità. Anche qui è una chiave per il mistero del sesso. La torre è presumibilmente piena di monete d’oro che, stanno piovendo in gran numero dopo lo squarcio provocato dal fulmine, suggerisce potenziali poteri. Nei Tarocchi pseudo-egiziani la torre è una piramide, il suo apice è stato spezzato da un fulmine. Ecco un riferimento alla pietra tombale mancante della Casa Universale. A sostegno della tesi di Levi che questa carta è connessa con la lettera ebraica Ayin , la figura mancante in primo piano è simile nell’aspetto generale alla sedicesima lettera dell’alfabeto ebraico.

Il diciasettesimo trionfo si chiama, le Stelle, e ritrae una giovane ragazza inginocchiata con un piede nell’acqua e l’altro in avanti, e il suo corpo suggerisce in qualche modo la svastica. Ha due urne, il cui contenuto si riversa sulla terra e sul mare. Sopra la testa della ragazza ci sono otto stelle, una delle quali è eccezionalmente grande e luminosa. Il conte di Gébelin considera la grande stella Sothis o Sirio; le altre sette sono i pianeti sacri degli antichi. Crede che la figura femminile sia Iside nell’atto di provocare l’inondazione del Nilo che ha accompagnato il sorgere della Stella del Cane. La figura spogliata di Iside potrebbe ben significare che la Natura non riceve la sua veste floreale fino a quando la risalita delle acque del Nilo libera la vita germinale delle piante e dei fiori. Il cespuglio e l’uccello (o farfalla) significano la crescita e la risurrezione che accompagnano il sorgere delle acque. Nei Tarocchi pseudo-egiziani la grande stella contiene un diamante composto da un triangolo bianco e nero, e il cespuglio fiorito è una pianta alta con una testa trifogliata su cui si posa una farfalla. Qui Iside ha la forma di un triangolo verticale e i vasi sono diventati coppe poco profonde. Gli elementi dell’acqua e della terra sotto i suoi piedi rappresentano gli opposti della Natura che sono condivisi imparzialmente nell’abbondanza divina.

Il diciottesimo trionfo si chiama , la Luna, e ritrae la Luna crescente tra due torri: una di luce e l’altra oscura. Un cane e un lupo stanno abbaiando alla luna nascente, e in primo piano c’è una pozza d’acqua da cui emerge un gambero. Tra le torri un sentiero

Tra gli esempi più curiosi di carte da gioco ci sono quelli del mazzo Mantegna. Nel 1820, un mazzo perfetto di cinquanta carte costava l’incredibile prezzo di ottanta sterline. I cinquanta soggetti che compongono il mazzo del Mantegna, ciascuno dei quali è rappresentato da una figura appropriata, sono: (1) Un mendicante; (2) Una pagina; (3) Un orafo; (4) un commerciante; (5) un gentiluomo; (6) Un cavaliere; (7) Il Doge; (8) Un re; (9) Un imperatore, (10) Il Papa; (11) Calliope; (12) Urania; (13) Terpsichore; (14) Erato; (15) Polyhymnia; (16) Thalia; (17) Melpomene; (18) Euterpe; (19) Clio; (20) Apollo; (21) Grammatica, (22) logica; (23) Retorica; (24) Geometria; (25) aritmetica; (26) Musica, (27) Poesia; (28) Filosofia; (29) Astrologia; (30) teologia; (31) Astronomia; (32) Cronologia (33) Cosmogonia; (34) Temperanza; (35) Prudenza; (36) Forza; (37) Giustizia; (38) Carità; (39) Fortezza, (40) Fede; (41) la Luna; (42) Mercurio; (43) Venere; (45) il Sole; (45) Marte; (46) Giove; (47) Saturno; (48) l’ottava sfera; (49) il Primum Mobile; (50) la prima causa. Il significato cabalistico di queste carte è evidente, ed è possibile che abbiano un’analogia diretta con le cinquanta porte di luce a cui si fa riferimento negli scritti cabalistici

svanisce sullo sfondo. Court de Gébelin vede in questa carta un altro riferimento al sorgere del Nilo e afferma sull’autorità di Pausanius che gli egiziani credevano che le inondazioni del Nilo fossero il risultato delle lacrime della dea della luna che, precipitando nel fiume, ne gonfiava il flusso . Queste lacrime sono viste cadere dalla faccia lunare. Court de Gébelin fa anche rifermiento alle torri delle Colonne d’Ercole, oltre le quali, secondo gli egiziani, i luminari non passavano mai. Osserva anche che gli egiziani rappresentavano i tropici come cani che come fedeli custodi impedivano al sole e alla luna di penetrare troppo vicino ai poli. Il granchio o l’aragosta significavano il moto retrogrado della luna.

Questa carta fa riferimento anche al sentiero della saggezza. L’uomo nella sua ricerca della realtà emerge dallo stagno dell’illusione. Dopo aver dominato i guardiani delle porte della saggezza, passa tra le fortezze della scienza e della teologia e segue il sentiero tortuoso che conduce alla liberazione spirituale. La sua via è debolmente illuminata dalla ragione umana (la luna), che è solo un riflesso della saggezza divina. Nei Tarocchi pseudo-egiziani le torri sono piramidi, i cani sono rispettivamente bianchi e neri e la luna è in parte oscurata dalle nuvole. L’intera scena suggerisce il luogo desolato in cui sono stati recitati i drammi misterici dei Riti Minori.

Il diciannovesimo trionfo e` , il Sole, e ritrae due bambini – probabilmente Gemelli, i Gemelli – in piedi in un giardino circondato da un magico anello di fiori. Uno di questi bambini dovrebbe essere mostrato come maschio e l’altro come femmina. Dietro di loro c’è un muro di mattoni che sembra racchiudere il giardino. Sopra il muro il sole sta sorgendo, i suoi raggi sono alternativamente diritti e curvi. Tredici lacrime cadono dalla faccia solare Levi, vedendo nei due bambini Fede e Ragione, che devono coesistere finché dura l’universo temporale, scrive: “L’equilibrio umano richiede due piedi, i mondi gravitano per mezzo di due forze, i bisogni di generazione due sessi: questo è il significato dell’arcano di Salomone, rappresentato dai due pilastri del tempio, Jakin e Bohas. ” (Vedere La magia trascendentale .) Il sole della verità splende nel giardino del mondo su cui questi due bambini, come personificazioni degli eterni poteri risiedono. L’armonia del mondo dipende dalla coordinazione di due qualità simboleggiate nei secoli come la mente e il cuore. Nei Tarocchi pseudo-egiziani i bambini danno il posto a un giovane e ad una fanciulla. Sopra di loro in un nimbo solare è l’emblema fallico della generazione – una linea che trapassa un cerchio. I Gemelli sono governati da Mercurio e i due bambini personificano i serpenti intrecciati attorno al caduceo .

Il ventesimo trionfo si chiama , il giudizio, e ritrae tre figure che si ergono apparentemente dalle loro tombe, sebbene sia visibile una sola bara. Sopra di loro in un tripudio di gloria c’è una figura alata (presumibilmente l’angelo Gabriele) che soffia una tromba. Questo Tarocco rappresenta la liberazione della triplice natura spirituale dell’uomo dal sepolcro della sua costituzione materiale. Poiché solo un terzo dello spirito entra effettivamente nel corpo fisico, gli altri due terzi costituiscono l’ antropo o overme ermetico, solo una delle tre figure sta effettivamente salendo dalla tomba. Court de Gébelin crede che la bara possa essere stata un ripensamento dei produttori di carte e che la scena rappresenti effettivamente la creazione piuttosto che la risurrezione. In filosofia queste due parole sono praticamente sinonimi. L’esplosione della tromba rappresenta la Parola Creativa, con l’intonazione di cui l’uomo è liberato dai suoi limiti terrestri. Nei Tarocchi pseudo-egiziani è evidente che le tre figure significano le parti di un singolo essere, poiché sono mostrate tre mummie che emergono da un sarcofago.

Il ventunesimo trionfo si chiama , il Mondo, e ritrae una figura femminile drappeggiata con una sciarpa che mossa dal vento somiglia aella lettera ebraica Kaph. Le sue mani tese – ognuna delle quali tiene una bacchetta – e la sua gamba sinistra, che incrocia dietro la destra, fanno assumere alla figura la forma del simbolo alchemico dello zolfo. La figura centrale è circondata da una corona a forma di vesica piscis che Levi paragona alla corona cabalistica Kether. La visione dei cherubini di Ezechiele occupa gli angoli della carta. Questo Tarocco è chiamato il Microcosmo e il Macrocosmo perché in esso sono riassunti tutti gli agenti che contribuiscono alla struttura della creazione. La figura nella forma dell’emblema di zolfo rappresenta il fuoco divino e il cuore del Grande Mistero. La corona è Natura, che circonda il centro infuocato. I Cherubini rappresentano gli elementi, i mondi, le forze e gli aerei che emanano dal divino centro infuocato della vita. La corona indica la corona dell’iniziato che viene data a coloro che padroneggiano i quattro guardiani e entrano in presenza della Verità svelata. Nel Tarocco pseudo-egiziano i Cherubini circondano una corona composta da dodici fiori trifogliati – i decanati dello zodiaco. Una figura umana si inginocchia sotto questa corona, suonando un’arpa a tre corde,

I quattro semi delle trionfi minori sono considerati analoghi ai quattro elementi, ai quattro angoli della creazione e ai quattro mondi del Qabbalismo. La chiave per i tarocchi minori è presumibilmente il Tetragrammaton , o il nome di quattro lettere di Jehovah, IHVH. I quattro semi dei trionfi minori rappresentano anche le principali divisioni della società: le coppe sono il sacerdozio, le spade i militari, le monete i commercianti e i bastoni la classe agricola. Dal punto di vista di ciò che Court de Gébelin chiama “geografia politica”, le coppe rappresentano i paesi del nord, le spade i paesi dell’Oriente, le monete i paesi dell’Occidente e i bastoni i paesi del sud. Le dieci carte di ogni seme rappresentano le nazioni che compongono ciascuna di queste grandi divisioni. I re sono i loro governi, le regine le loro religioni, i cavalieri le loro storie e caratteristiche nazionali. Sono stati scritti trattati elaborati riguardanti l’uso delle carte dei Tarocchi nella divinazione, ma poiché questa pratica è contraria allo scopo principale dei Tarocchi, nessun risultato può derivare dalla sua discussione.

Molti esempi interessanti di carte da gioco si trovano nei musei d’Europa, e ci sono anche esemplari degni di nota nei gabinetti di vari collezionisti privati. Esistono alcuni mazzi dipinti a mano che sono estremamente artistici. Questi raffigurano vari personaggi importanti contemporanei con gli artisti. In alcuni casi, le carte di corte sono ritratti del monarca regnante e della sua famiglia. In Inghilterra le carte incise divennero popolari, e nel British Museum si vedono anche alcune carte estremamente pittoresche. Sono stati impiegati dispositivi araldici; e Chatto, nella sua Origine e storia delle carte da gioco, riproduce quattro carte araldiche in cui le braccia di papa Clemente IX ornano il re dei fiori. Ci sono stati mazzi filosofici con emblemi scelti dalla mitologia greca e romana, e mazzi educativi decorati con mappe o rappresentazioni pittoriche di famosi luoghi storici e incidenti. Molti rari esempi di carte da gioco sono stati trovati rilegati nelle copertine dei primi libri. In Giappone ci sono giochi di carte in cui la vittoria richiede familiarità con quasi tutti i capolavori letterari di quella nazione. In India ci sono mazzi circolari che rappresentano episodi dei miti orientali. Ci sono anche carte che, in un certo senso, non sono carte, perché i disegni sono su legno, avorio e persino metallo. 

Le carte da gioco moderne sono i trionfi minori dei Tarocchi. Anche nella sua forma abbreviata, tuttavia, il mazzo moderno ha una profonda importanza simbolica, poiché la sua sistemazione è apparentemente in accordo con le divisioni dell’anno. I due colori, rosso e nero, rappresentano le due grandi divisioni dell’anno – quella in cui il sole è a nord dell’equatore e quello durante il quale è a sud dell’equatore. I quattro semi rappresentano le stagioni, le età degli antichi greci e gli Yugadegli indù. Le dodici carte di corte sono i segni dello zodiaco disposti in triadi di un Padre, un Potere e una Mente secondo la sezione superiore della Tavola di Bembine. Le dieci carte  di ogni seme rappresentano gli alberi sephirotici esistenti in ciascuno dei quattro mondi (i semi). Le 13 carte di ogni seme sono i 13 mesi lunari di ogni anno, e le 52 carte del mazzo sono le 52 settimane dell’anno. Contando il numero di carte normali e calcolando i jack, le regine e i re come 11, 12 e 13 rispettivamente, la somma delle 52 carte è 364. Se il jolly è considerato come un punto, il risultato è 365, o il numero di giorni dell’anno. Milton Pottenger credeva che gli Stati Uniti d’America fossero disposti secondo il mazzo convenzionale di carte da gioco,

Le carte di corte contengono un numero di importanti simboli massonici. Nove sono in primo piano e tre sono di profilo. Ecco la “Ruota della Legge” , che significa i nove mesi dell’epoca prenatale e i tre gradi di sviluppo spirituale necessari per produrre l’uomo perfetto. I quattro re armati sono gli architetti egiziani che hanno scavato l’universo con coltelli. Sono anche i segni cardinali dello zodiaco. Le quattro regine, che portano fiori a otto petali simbolici del Cristo, sono i segni fissi dello zodiaco. I quattro jack, due dei quali portano ramoscelli di acacia – il jack di cuori in mano, il jack di mazze nel cappello – sono i quattro segni comuni dello zodiaco.

Nel loro simbolismo, gli scacchi sono il più significativo di tutti i giochi. È stato chiamato “il gioco reale” – il passatempo dei re. Come le carte dei tarocchi, gli scacchi rappresentano gli elementi della vita e della filosofia. Il gioco era diffuso in India e Cina molto prima della sua introduzione in Europa. I principi delle Indie orientali erano soliti sedersi sui balconi dei loro palazzi e giocare a scacchi con uomini vivi in ​​piedi su una pavimentazione a scacchiera di marmo nero e bianco nel cortile sottostante. Si crede comunemente che i faraoni egiziani giocassero a scacchi, ma un esame delle loro sculture ha portato alla conclusione che il gioco fosse diversoi. In Cina, gli scacchi sono spesso scolpiti per rappresentare dinastie in guerra, come i Manchu e i Ming. La scacchiera è composta da 64 quadrati alternativamente in bianco e nero e simboleggia il pavimento della Casa dei Misteri. Su questo campo dell’esistenza o del pensiero si muovono un numero di figure stranamente scolpite, ciascuna secondo una legge fissa. Il re bianco è Ormuzd; il re nero, Ahriman; e sulle pianure del Cosmo la grande guerra tra Luce e Tenebre viene combattuta attraverso tutte le epoche. Della costituzione filosofica dell’uomo, i re rappresentano lo spirito; le regine la mente; gli alfieri le emozioni; i cavalieri la vitalità; i castelli, le torri, il corpo fisico. I pezzi sul lato dei re sono positivi; quelli dalla parte delle regine, negativi. Le pedine sono gli impulsi sensoriali e le facoltà percettive: le otto parti dell’anima. Il re bianco e il suo seguito simboleggiano il Sé e i suoi veicoli; il re nero e il suo seguito, il non-sé – il falso ego e la sua legione. Il gioco degli scacchi espone così l’eterna lotta di ciascuna parte della natura composta dell’uomo contro l’ombra di se stessa. La natura di ciascuno degli scacchi è rivelata dal modo in cui si muove; la geometria è la chiave della loro interpretazione. Ad esempio: il castello (il corpo) si muove sul quadrato; l’alfiere (le emozioni) si muove sull’inclinazione; il re, essendo lo spirito, non può essere catturato, ma perde la battaglia quando è così circondato da non poter scappare. l’alfiere (le emozioni) si muove sull’inclinazione; il re, essendo lo spirito, non può essere catturato, ma perde la battaglia quando è così circondato da non poter scappare. 

Fine di Aprile: E` ancora tempo di incendi e sacrifici rituali

La fine di aprile è conosciuta come “il periodo più violento dell’anno”. Abbastanza opportunamente, i calendari occulti richiedono fuoco e sacrifici umani durante questo importante periodo di 15 giorni. Quest’anno, la fine di aprile è stata caratterizzata dall’incendio di Notre-Dame e dall’orribile attentato nello Sri Lanka. L’agenda occulta e` a pieno regime?

Nel 2013 (ripostato oggi), ho pubblicato un articolo intitolato Fine di Aprile: Un tempo di sacrifici umani in cui ho spiegato l’estrema importanza di questo periodo dell’anno nei calendari occulti. In effetti, le ultime due settimane di aprile, che culminano il 1 maggio, potrebbero essere soprannominate “il periodo più magico dell’anno”, ma per tutte le ragioni sbagliate.

Uno sguardo veloce alla storia recente rivela qualcosa di strano: molti eventi violenti che hanno coinvolto morti di massa per fuoco (o attentati) si sono verificati nelle ultime due settimane di aprile. Ecco alcuni esempi:

  • 19 aprile 1993 – Massacro di Waco: Un assedio dell’FBI portò al rogo del quartier generale di una setta chiamata Davidiani, Oklain cui morirono 76 persone tra uomini, donne e bambini.
  • 19 aprile 1995 – Venne bombardato un edificio federale di Oklahoma City – Persero la vita 168 persone.
  • 20 aprile 1999 – Il massacro della Columbine – Morirono 13 persone, 21 i feriti.
  • 16 Aprile 2007 – Massacro della Virginia Polytechnic Institute – 32 uccisi, 17 feriti.
  • 16 aprile 2013 – Esplosioni alla maratona di Boston – 3 uccisi, 107 feriti.
  • 18 aprile 2013 – Esplosione dell’industria di fertilizzanti in Texas . 15 persone uccise (Si noti che questo evento si è verificato a circa 20 anni dal massacro di Waco. Inoltre, il 16 aprile del 1947, una nave carica di nitrato di ammonio attraccata al porto di Texas City saltò in aria, provocando la morte di circa 576 persone).

Se si guarda indietro alla storia (e al di fuori degli Stati Uniti), si troverà una lunga lista di eventi orribili accaduti tra il 15 aprile e il 1 ° maggio. La maggior parte di questi eventi presenta le stesse caratteristiche: un gran numero di vittime innocenti che muoiono a causa del fuoco.

Nel corso degli anni, questo strano fatto è stato osservato da diverse fonti. Ecco alcuni esempi.

Un articolo della CNN sulla violenze del 2011

Un articolo di Live Science a riguardo degli eventi violenti di Aprile del 2013

Un articolo del 2016 del Washington Post

Le conclusioni di questi articoli sono piuttosto simili: “Non sappiamo cosa sta succedendo e siamo spaventati”. Sebbene le fonti dei media riconoscano questa bizzarra anomalia di aprile, non forniscono una spiegazione razionale. Perché? Perché la verità è occulta.

CALENDARIO OCCULTO

Ecco una sintesi del significato della fine di aprile nei calendari occulti.

“19 aprile – 1 maggio – Sacrificio di Sangue alla Bestia, un periodo critico di 13 giorni. Il sacrificio di fuoco è richiesto il 19 aprile.

Il 19 aprile è il primo dei 13 giorni del rituale satanico relativo al fuoco – il dio del fuoco, Baal, o Molech / Nimrod (il Dio Sole), noto anche come il dio romano, Saturno (Satana / Diavolo). Questo giorno è un importante giorno per il sacrificio umano, il quale richiede sacrifici di fuoco con un’enfasi sui bambini. In questo giorno sono avvenuti acuni eventi storici molto importanti”.
-– Occult Holidays and Sabbaths, Cutting Edge

Mentre le date esatte dei rituali occulti variano a seconda delle fasi lunari e ad altre variabili, Aprile e` un mese per i sacrifici umani. Nel corso dei secoli e attraverso le civiltà, la seconda metà di aprile fu sempre un periodo in cui era costume attuare sacrifici di sangue. Erano spesso celebrati attraverso l’adorazione di Baal (o divinità collegate).

L’adorazione di Baal prese molti nomi (Enlil, Molech, ecc.) E si diffuse in diverse civiltà. Essendo un dio del sole e un dio della fertilità, i rituali che celebravano Baal avvenivano dopo l’equinozio di primavera (un tempo di rinascita) e spesso implicavano sacrifici umani.

Un sacrificio di un bambino a Baal nell’antica Cartagine

“Il culto di Baal celebra ogni anno la sua morte e risurrezione come parte dei riti di fertilità cananea. Queste cerimonie spesso includevano il sacrificio umano e la prostituzione nel tempio “.
– Baal, Enciclopedia Mythica

Questa pratica è stata menzionata anche nella Bibbia.

“Hanno costruito gli alti luoghi di Baal per bruciare i loro bambini nel fuoco come offerte a Baal – qualcosa che non ho comandato o menzionato, o pensato”.
– Geremia 19: 5

Oggi esiste ancora l’antica pratica dei sacrifici di sangue. Tuttavia, in questa epoca di mass media, l’élite occulta partecipa a mega-rituali fatti per essere visti dal mondo intero. Perché? Per una maggiore potenza magica.

“Il sacrificio umano richiesto durante molte di queste date occulte deve contenere i seguenti elementi, ognuno dei quali è esagerato al massimo grado possibile:

1. Trauma, stress e angoscia mentale, puro terrore
2. L’atto finale nel dramma dovrebbe essere la distruzione di un incendio; preferibilmente una conflagrazione.
3. Le persone devono morire come sacrifici umani, specialmente i bambini, dal momento che Il Male considera il sacrificio umano dei fanciulli come il più desiderabile ”
– Ibid.

Al momento della stesura di questo articolo, il tempo non è ancora finita. Tuttavia, alcuni eventi rientrano già nei “criteri” di questo periodo.

INCENDIO DI NOTRE DAME

Il 15 aprile, la famosa Cattedrale di Notre-Dame di Parigi è stata inghiottita dalle fiamme, un evento che è stato pesantemente mediatizzato in tutto il mondo.

La guglia della cattedrale di Notre-Dame si ruppe mentre il mondo guardava incredulo.

Per coloro che conoscono il legame occulto tra aprile e il fuoco, l’evento di Notre-Dame è stato difficile da ignorare. E ci sono volute solo poche ore prima che le teorie fluttuassero online.

Ad essere onesti, quando ho visto il filmato, ho subito pensato all’agenda occulta di aprile. Tuttavia, un’altra parte di me ha pensato: “Questo potrebbe essere solo un incidente”.

In ogni caso, il filmato del fuoco – e il suo significato simbolico – mi ha immediatamente ricordato le immagini che sono state pubblicate su questo sito alcuni anni fa.

Nel film 9, una cattedrale (che assomiglia a Notre-Dame) viene attaccata da robot con un occhio solo e brucia. La scena rappresentava la caduta del cristianesimo e l’inizio di una nuova era . Il film è stato rilasciato il 9/9/9 – esattamente 10 anni fa.

Nel video virale I, Pet Goat II, una cattedrale si sgretola quando la figura di Gesù naviga verso la luce del sole. Ancora una volta, questo ha rappresentato la caduta delle religioni

Il fuoco di Notre-Dame è stato un attacco simbolico al cristianesimo? Forse. Tuttavia, sento il bisogno di menzionare un fatto importante: Notre-Dame è, in realtà, un tempio occulto. E ‘stato costruito dai Cavalieri Templari (gli antenati dei Massoni) e tutto è al 100% basato su principi occulti.

La “Scala Philosophorum” incisa sulla Cattedrale di Notre-Dame, che rappresenta i 9 stadi dell’alchimia.

Spiegare tutti gli elementi occulti di Notre-Dame richiederebbe un intero libro. Tuttavia, è sicuro dire che la Cattedrale non è altro che una rappresentazione fisica delle credenze e della filosofia dell’élite occulta. Forse è questo il motivo per cui, poco dopo l’incendio, miliardari di spicco hanno promesso centinaia di milioni di euro per ricostruire questo tempio.

Meno di una settimana dopo il fuoco di Notre-Dame, il mondo ha assistito a un attacco reale al cristianesimo. Durante la domenica di Pasqua. E, purtroppo, si adatta esattamente ai “requisiti” dei sacrifici di fine aprile.

BOMBE NELLE CHIESE IN SRI LANKA IL GIORNO DI PASQUA

Il 21 aprile, lo Sri Lanka è stato colpito da una serie di attacchi coordinati nelle chiese e negli hotel di lusso, uccidendo almeno 290 persone. La prima ondata di attacchi ha colpito durante gli intensi servizi pasquali nelle chiese nel cuore della comunità cristiana minoritaria del paese, nelle città di Colombo, Negombo e Batticaloa.

Le rovine della chiesa di San Sebastiano a Negombo.

Dobbiamo fare un passo indietro e riconoscere la natura orribile, satanica e simbolica di questi attacchi: centinaia di persone sono state uccise mentre erano in chiesa, in un giorno sacro e hanno celebrato la risurrezione di Gesù Cristo.

Orribilmente simbolico.

Al momento di scrivere queste righe, nessun gruppo si è assunto ufficialmente la responsabilità degli attacchi. E, mentre il governo dello Sri Lanka ha incolpato un gruppo jihadista locale poco conosciuto di nome National Thowheed Jamath per gli attentati, il gruppo non si è ancora fatto avanti. Inoltre, le autorità credono anche che gli attentatori avessero un sostegno internazionale. Un funzionario del governo ha dichiarato:

“C’era una rete internazionale senza la quale questi attacchi non avrebbero potuto avere successo.”

Stranamente: le autorità dello Sri Lanka sono state avvertite di una potenziale bomba due settimane prima degli attacchi. Il portavoce del governo Rajitha Senaratne ha dichiarato in una conferenza stampa che gli avvertimenti non sono stati trasmessi al Primo Ministro,

Un tweet di un funzionario governativo sul rischio di un attentato dell’11 aprile.

CONCLUDENDO

Nel mio articolo del 2013 sugli attentati di Boston, ho scritto queste parole:

Mentre molti pensano che questi eventi alla fine di aprile siano una coincidenza, rimane il fatto: eventi violenti di massa che implicano morte e fuoco avvengono regolarmente durante lo stesso periodo di tempo dedicato occultamente a Baal, che è venerato attraverso il fuoco e il sacrificio umano.

Purtroppo, nel 2019, la “profezia” e` stata, ancora una volta soddisfatta. A peggiorare le cose, gli attacchi sono avvenuti nei contesti più satanici: i fedeli sono stati uccisi durante le celebrazioni della domenica di Pasqua.

Speriamo di arrivare al primo maggio senza altre tragedie.

Fonte

Fine di Aprile: Tempo di Sacrifici Umani

Perché spesso, durante la seconda metà del mese di aprile, assistiamo a tragedie e morti senza senso? L’elenco degli eventi violenti che si sono verificati durante tale periodo di tempo è semplicemente sconcertante. Eccone un elenco:

  • 19 aprile 1993 – Massacro di Waco: Un assedio dell’FBI portò al rogo del quartier generale di una setta chiamata Davidiani, Oklain cui morirono 76 persone tra uomini, donne e bambini.
  • 19 aprile 1995 – Venne bombardato un edificio federale di Oklahoma City – Persero la vita 168 persone.
  • 20 aprile 1999 – Il massacro della Columbine – Morirono 13 persone, 21 i feriti.
  • 16 Aprile 2007 – Massacro della Virginia Polytechnic Institute – 32 uccisi, 17 feriti.
  • 16 aprile 2013 – Esplosioni alla maratona di Boston – 3 uccisi, 107 feriti.
  • 18 aprile 2013 – Esplosione dell’industria di fertilizzanti in Texas . 15 persone uccise (Si noti che questo evento si è verificato a circa 20 anni dal massacro di Waco. Inoltre, il 16 aprile del 1947, una nave carica di nitrato di ammonio attraccata al porto di Texas City saltò in aria, provocando la morte di circa 576 persone).

Ci sono stati molti altri eventi violenti avvenuti durante questo periodo di tempo. In realtà, la CNN ha pubblicato un articolo nel 2011 intitolato What is it about mid-April and violence in America? nella quale si discutono gli eventi che accadono a metà Aprile. Purtroppo, l’articolo prende in giro i “teorici della cospirazione” e dice in sostanza: “Se cercate ulteriori risposte rispetto a quelle che vi vengono fornite dai mass media, siete pazzi o potenzialmente pericolosi”. Tuttavia, a distanza di due anni, lo stesso trend di violenza continua a verificarsi.

E’ tutta una coincidenza? Per coloro che sanno, non esistono le coincidenze. Nel 2011, scrissi un articolo sulla morte di Bin Laden, la quale venne annunciata tra il 30 aprile e 1 maggio (Why the Death of the Man Who Was Not Behind 9/11 Was Announced on May 1st [a breve la traduzione]). In questo articolo, descrissi brevemente il significato del rituale del 1 ° maggio (Festa del Lavoro) e la sua relazione con un dio che è ancora importante per l’elite occulta: Baal.

IL CULTO DI BAAL NON E’ MAI SCOMPARSO


Nel corso di molti secoli e attraverso molte civiltà, la seconda metà del mese di aprile è sempre stata un momento in cui venivano effettuati sacrifici di sangue. Il culto di Baal ha avuto molti nomi (Enlil, Moloch, ecc) e si diffuse tra diverse civiltà. Essendo una divinità solare e un dio della fertilità, i riti che celebrano Baal ebbero luogo dopo l’equinozio di primavera (un momento di rinascita) e spesso coinvolsero il sacrificio umano.

“Il culto di Baal celebra ogni anno la sua morte e risurrezione, come parte dei rituali di fertilità cananei. Queste cerimonie spesso inclusero sacrifici umani e prostituzione religiosa”.
– Baal, Enciclopedia Mythica

Anche se l’osservanza di questi riti è stata a volte condannata dai movimenti religiosi, non è mai veramente scomparsa.

“La religione del dio Baal era ampiamente accettata tra gli antichi ebrei e anche se, a volte, è stata soppressa, non è mai scomparsa definitivamente. I re e la nobiltà delle dieci tribù bibliche adoravano questo dio. La gente comune adorava ardentemente questa divinità solare anche perché la loro prosperità dipendeva dalla produttività dei loro raccolti e del bestiame. Immagini del dio furono erette in molti edifici. La religione contava numerosi sacerdoti e varie classi di devoti. Durante le cerimonie indossavano vesti appropriate. Durante le cerimonie si bruciava l’incenso e si offrivano sacrifici, a volte utilizzando vittime umane. I sacerdoti officianti danzavano intorno agli altari, cantando freneticamente e tagliandosi con i coltelli per propiziare l’attenzione e la compassione del dio. “
– Ibid.

Come divinità solare, il culto di Baal coinvolse il sacrificio umano e il fuoco. Oggi, per l’elite occulta che governa l’America, questo periodo di tempo spesso è sinonimo di fuoco e morte Questi rituali sono menzionati nella Bibbia.

“Hanno edificato alture a Baal per bruciare nel fuoco i loro figli come olocausti a Baal. Questo io non ho comandato, non ne ho mai parlato, non mi è mai venuto in mente..”
– Geremia 19:05

Dalle civiltà dei babilonesi, degli assiri e dei fenici (le loro religioni misteriche provengono dalla stessa fonte), il culto di Baal si diffuse in civiltà lontane, come i Celti, che osservarono i rituali di Beltane del 1 ° maggio (Beltane proviene dalla parola “Baal”). Mentre l’osservanza dei rituali di Baal differivano da una civiltà all’altra, essi si fondavano su una comune matrice occulta numerologica e sacrificale. In altre parole, tutti attingevano dalla stessa conoscenza magica.

L’odierna elite occulta osserva ancora questi riti, ma c’è una grande differenza: Vengono effettuati su una popolazione inconsapevole e vengono diffusi in tutto il mondo attraverso i mass media. Alimentati e amplificati dalla paura e dal trauma delle masse, questi mega-rituali sono visti da tutti, ma celebrati solo dall’elite occulta. Abbiamo a che fare, più che mai, con la magia nera.

Altri siti dedicati alla numerologia occulta hanno pubblicato informazioni sottolineando l’importanza di questo periodo di tempo.

“19 aprile-1 maggio – Sacrificio di sangue alla bestia, un periodo di tempo critico dalla durate di 13 giorni. E’ richiesto un sacrificio di fuoco per il 19 aprile.
Il 19 aprile è il primo giorno dei 13 giorni del rituale satanico correlato al fuoco  – il dio del fuoco, Baal o Moloc / Nimrod (il Dio Sole), noto anche come tra i romani, come Saturno (Satana / Diavolo). Questo giorno è un giorno importante per i sacrifici umani, in cui si richiede con particolare enfasi che la vittima sia un bambino. Essendo una data così importante, in questo periodo si sono verificati alcuni importanti eventi storici”.
– Occult Holidays and Sabbaths, Cutting Edge

Un altro articolo descrive brevemente gli elementi necessari per effettuare il mega-rituale elitario.

“Il sacrificio umano, svolto in queste date occulte, richiede i seguenti elementi, ognuno dei quali deve essere enfatizzato il più possibile:
1. Trauma, stress e angoscia mentale, puro terrore
2. L’atto finale del dramma deve essere un incendio, preferibilmente una conflagrazione.
3. Per i sacrifici devono essere impiegate persone, soprattutto bambini, dal momento che le forze oscure apprezzano meglio tali vittime”
– Advent of Deception

Ovviamente, non è che ogni singolo evento il quale si verifica durante questo periodo di tempo è legato ai sacrifici degli Illuminati. Tuttavia, la maggior parte degli eventi citati sopra si configurano perfettamente nei “criteri” dei mega rituali. Se si guarda con attenzione ai fatti che circondano ognuno di questi fatti, è possibile rendersi conto che essi sono stati effettuati da funzionari del governo o attraverso marionette controllate mentalmente. La maggior parte di questi eventi sono assurdi e incomprensibili, cosa che genera ancora più terrore e che spinge la gente a chiedersi “che tipo di persone farebbero una cosa del genere?”. Purtroppo, questi mostri ci governano. Tali eventi vengono utilizzati anche per spingere l’agenda politica. I poteri forti sono diventati bravi a coniugare politica pragmatica a riti occulti.

CONCLUDENDO
Coloro che conoscono i calendari occulti, arrivando alla seconda metà di aprile, si chiedono se qualcosa di orribile stia per accadere. Purtroppo, a intervalli di pochi anni, l’opinione pubblica è traumatizzata con un evento insensato e violento. Quasi ogni volta, uno sguardo più da vicino fa capire che si tratta di un inside job. Mentre in molti attribuiranno il verificarsi di queste vicende, durante la fine di aprile, ad una coincidenza, il fatto rimane: eventi violenti che coinvolgono la morte e il fuoco accadono durante lo stesso periodo di tempo dedicato a Baal. Se ciò venga fatto di proposito o si tratta di una sincronicità pazzesca, il fatto è lì e non può essere contestato.

Il quartier generale che è stato dato alle fiamme nel 1993, durante il massacro di Waco, si chiamava Mount Carmel Center. Nella Bibbia, il Monte Carmelo fu dove Elia provocò i profeti di Baal, sfidandoli a pregare davanti a Baal finchè non avesse acceso un fuoco di fronte a loro. Non accadde nulla. Che l’incendio al Mount Carmel Center fosse una vendetta simbolica in onore di Baal?

Fonte

#FreeBritney: Britney Spears e` trattenuta contro la sua volonta` allo scopo di essere riprogrammata tramite MKULTRA?

Una “fonte credibile” afferma che Britney Spears viene trattenuta contro la sua volontà in una struttura di salute mentale da gennaio. L’attività criptica nei social media della madre di Britney sembra confermare questa affermazione. Britney è sottoposta alla riprogrammazione MKULTRA?

Dal 2011, Neovitruvian documenta la vita e la carriera di Britney Spears in grande dettaglio per una semplice ragione: lei è uno degli esempi più ovvi di controllo mentale nel settore dell’intrattenimento al giorno d’oggi. Le bizzarrie degli eventi degli ultimi mesi tendono a confermare questo fatto.

Spronata dalle rivelazioni di una fonte anonima vicina a Britney e dalle attività dei social media della madre di Britney, la campagna #FreeBritney sta guadagnando terreno. La teoria: la cantante è trattenuta contro la sua volontà in una struttura di “salute mentale” dall’inizio di gennaio.

Viene trattenuta contro la sua volontà per essere riprogrammata grazie all’MKULTRA? Prima di esplorare questa domanda, ecco un rapido sguardo agli eventi che hanno definito la vita di Britney.

SCHIAvA MK

Non diversamente da altri schiavi del settore, Britney ha iniziato sin da bambina. All’età di 11 anni, è stata scelta per il The Mickey Mouse Club, un popolare programma televisivo su Disney Channel.

Pochi anni dopo, ha intrapreso una carriera da solista di grande successo, rendendola una delle più grandi star del mondo. Tuttavia, non diversamente da altri schiavi del settore, delle “crepe” hanno cominciato ad apparire nella sua programmazione intorno ai 30 anni.

Il suo famoso esaurimento nervoso del 2007 – dove si è rasata la testa e ha attaccato le auto con un ombrello – mostrava tutti i sintomi di uno schiavo MK che tentava di liberarsi dalla programmazione.

Britney si rade la testa durante il suo esaurimento del 2007.

Pochi mesi dopo, la Spears e` stata internata nel reparto psichiatrico del Centro medico UCLA di Ronald Reagan (Kanye West fu inviato a questa stessa struttura contro la sua volontà dopo il suo esaurimento nel 2016).

Da allora, la Spears è stata costretta a vivere sotto la tutela di suo padre Jamie Spears a cui è stato dato il controllo completo della sua carriera, delle sue finanze e della vita personale.
Nel 2012, Britney ha tentato di porre fine a tutto questo cercando di riprendersi il controllo della sua vita, tuttavia la sua richiesta e` stata respinta dal tribunale a causa di “problemi psicologici”. Strano fatto: i “problemi psicologici” non sono mai stati rivelati. Ancor piu` strano, gli avvocati del padre hanno chiesto al giudice di sigillare i registri della corte che descrivono la sua condizione attuale. Secondo questo articolo di TMZ del 2012:

I documenti sono stati archiviati martedì, chiedendo urgentemente al giudice di sigillare alcuni documenti. Nei giornali, gli avvocati hanno definito i registri”altamente sensibili”, aggiungendo che ci sarebbero stati “danni irreparabili e pericolo immediato” per Britney se i documenti non fossero stati sigillati.

Molteplici fonti con conoscenze di prima mano hanno detto a TMZ … i documenti sono documenti medici che delineano le condizioni e i trattamenti a cui era sottoposta Britney.

Ci è stato detto che la cantante ha un disturbo che influenza la sua personalità e può influenzare il suo stato mentale. Ci è stato detto che si sta comportando “estremamente bene” ma ha bisogno della rete di sicurezza che la supporti.

“Danno irreparabile e pericolo immediato”? La misteriosa “condizione” e i “trattamenti” di Britney sono in realtà programmazione MKULTRA? Le rivelazioni recenti puntano in quella direzione.

LA FONTE ANONIMA

All’inizio di aprile, fonti dei media hanno annunciato che Britney Spears e` entrata “volontariamente” in una struttura di salute mentale per “essere aiutata nel far fronte ai gravi problemi di salute del padre”.

Un post sull’account di Britney dal 3 aprile con la didascalia “We all need to take time for a little “me time.” :)”. Molti credono che non sia stata lei a postarlo.

Tuttavia, alcuni sostengono che si tratti di una bugia. Il 16 aprile, il podcast Britney’s Gram ha pubblicato un “episodio di emergenza” dopo aver ricevuto “un suggerimento anonimo da una fonte credibile” sostenendo che Britney sarebbe stata trattenuta contro la sua volontà in una struttura mentale dal 14 gennaio (puoi ascoltarla qui). Dopo aver spiegato che è un “paralegale che lavorava alla tutela di Britney”, la fonte ha detto:

“Quello che sta succedendo è perturbante a dir poco.”

L’uomo senza nome ha continuato spiegando che Jamie Spears aveva scoperto che Britney aveva smesso di prendere le sue medicine. E, quando si è rifiutata di prendere qualsiasi altro tipo di farmaco, Jamie Spears ha interrotto il tour di Britney, dicendole di “dare la colpa alla sua (del padre) malattia”.

Secondo la fonte, questa serie di eventi spiega il bizzarro post sull’account Instagram di Britney il 4 gennaio.

Nell’IG di Britney viene pubblicata la notizia della cancellazione del tour a causa della salute del padre. Probabilmente non e` stata la cantante a pubblicare il post.

La fonte anonima conferma che Britney è stata inviata in una struttura per la salute mentale a metà gennaio e che non c’è “fine in vista” per la sua permanenza nella struttura. Ha chiuso la chiamata dicendo che Britney “non voleva andare” e che “non è stata una decisione che ha preso”.

Mentre questo suggerimento anonimo era sufficiente a stuzzicare i fan di Britney, l’attività sui social media della madre di Britney ha portato le cose ad un altro livello.

LA MADRE DI BRITNEY

Il 16 aprile, la madre di Britney, Lynne Spears, ha postato una foto su Instagram con la didascalia This is “Faith!”. Il post è stato interpretato da molti come una sottile risposta alla situazione di Britney.

Una foto pubblicata su IG dalla madre di Britney Spear.

Ancora più rivelatore, a Lynn “sono piaciuti” diversi commenti dei fan che affermano che Britney è stata trattenuta contro la sua volontà. Ecco alcuni commenti a cui Lynne Spears ha messo mi piace:

L’attività sui social media di Lynne ha fatto sì che #FreeBritney si diffondesse sui social media. L’hashtag ha persino raggiunto i media mainstream.

La Rapper Eve mostra la sua maglietta #FreeBritney nello show di CBS The Talk.

Le persone finalmente cominciano a percepire la verita` su Britney? Spero sia così. Ecco i migliori commenti trovati sotto il podcast di Gram su Britney.

Fonte

I dipinti di Kim Noble sugli abusi rituali

Una galleria completa dei dipinti di Kim Noble sull’abuso rituale e sul controllo mentale basato sul trauma. Le opere di Noble forniscono una rara visione dei rituali, delle tecniche e del simbolismo usati nel controllo mentale.

Kim Noble è un artista peculiare per diversi motivi. Ha un disturbo dissociativo della personalita` e ha più di 13 personalità (alter). Questi alter hanno il loro nome, la loro età e la loro storia, che esistono separatamente l’uno dall’altro. Ancora più strano, molti di questi alter sono diventati artisti che dipingono nel loro stile distintivo. E, mentre le creazioni di questi alter differiscono ampiamente l’una dall’altra, c’è un chiaro tema ricorrente nella maggior parte dei dipinti di Kim Noble: l’abuso rituale e il controllo mentale basato sul trauma.

Il mio articolo Origini e Tecniche del controllo mentale Monarch spiega come un intenso trauma venga usato per costringere gli schiavi MK a dissociarsi dalla realtà, permettendo agli handler di dividere le menti degli schiavi e programmare nuovi personaggi alternativi. I dipinti di Kim Noble descrivono le varie sfaccettature di questa orribile pratica nel dettaglio mentre evidenziano anche il simbolismo associato a questo mondo oscuro.

Il lavoro della Noble fornisce un raro sguardo “all’interno” delle pratiche e del simbolismo dell’abuso rituale e, come si vede in innumerevoli articoli su Neovitruvian, questa sub-cultura sadica viene spesso glorificata nei mass media.

Nel 2011, ho pubblicato un articolo intitolato Il mondo del controllo mentale attraverso gli occhi di una artista con 13 personalità, in cui ho approfondito la storia dell’artista e spiegato il significato di alcuni dei suoi dipinti. Tuttavia, dalla pubblicazione di quell’articolo, molti dei suoi dipinti sono scomparsi dal suo sito Web e dalla galleria di flickr.

Considerando l’importanza delle opere della Noble nella ricerca sull’abuso rituale e il controllo mentale, ho ritenuto necessario riunire i suoi dipinti più rilevanti in un singolo post per un facile riferimento.

Se disponibile, il nome del dipinto sarà menzionato nella didascalia (il nome è spesso estremamente rivelatore). Il post includerà anche schermate della pagina Facebook di Kim Noble, in cui risponde a domande su dipinti specifici, fornendo ulteriori informazioni.

Ecco la galleria completa dei dipinti di Kim Noble sull’abuso rituale, divisi a seconda del nome dell’alterego

Avvertenza: alcuni di questi dipinti sono estremamente grafici.

BONNY

I Test

I’m just another personality

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Haunted self

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Who’s pulled the strings

DAWN

The Naming

The Art of Healing

Journey

It is The Time

Armed Goddess

Goddess of the Water

Goddess of Fire

Armless Spider

Armless Goddess

Another Dimension

JUDY

Waiting Rose

Crying Rose

Longing Rose

Under the table

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Symbolic or What?

Diary Check

Game of Life

My Sis

Kim Noble Class 7A

End of Play

Run Here comes Vic

Art of Starvation

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Camouflage

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Girl in White Dress

I’m Stupid please Kick me

My Rocket

No body

Tears Imprisoned

I am sorry

Judy’s painting

Lady Inside

String People

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Weeping clown

KEY

Golden Kaballa

It happens

Seven Levels

RIA PRATT

Unspeakable

Too Much

They do

Ted is Legless

What Ted saw

No No

Ted saw all

The Birthday Party

Shocking in pink

DaisyChain

Daisy Chain

Pain in Colour

Nowhere to run

Nothing more to give

My Hands are tied

It’s a dog life

Good Dog

Training in progress

Stretch and Pull

Shut your Mouth

Round the corner

Caged

Fonte

Il simbolismo esoterico del video “I, Pet Goat II”

“I, Pet Goat II” è una animazione digitale carica di messaggi nascosti e simbolismo esoterico. Mentre nel film non ci sono dialoghi, ogni simbolo racconta un pezzo di una storia che copre i campi della politica, delle cospirazioni occulte e della spiritualità. Vedremo il significato esoterico alla base del video “I, Pet Goat II”.

Prodotto dalla squadra di produzione canadese Heliofant, I, Pet Goat II è un cortometraggio animato che è diventato rapidamente virale su Internet. Lodato per le piacevoli visuali e le sue immagini interessanti, il video, tuttavia, ha lasciato molti dubbi sul significato del suo simbolismo. La politica, le cospirazioni e operazioni false flag sono mescolate con la spiritualità esoterica e il simbolismo occulto in una grande e ipnotizzante epopea.

Dopo aver visto il video, molti potrebbero dire qualcosa del tipo “Che diavolo ho appena visto?”. La trama è alquanto non lineare e nel video ci sono molti elementi criptici ed enigmatici. Non pretenderò di decodificare completamente ogni singolo fotogramma pieno di simboli del video, ma molti dei messaggi sono facilmente comprensibili a causa del piuttosto palese simbolismo.

In generale, il film sembra riguardare il clima politico e sociale degli ultimi dieci anni (quando e` stato pubblicato nel 2012 n.d.r.) – completo di presidenti fantoccio, false flags e stregoni che controllano la mente. Quindi, seguendo una figura di Cristo, lasciamo tutta la tristezza dietro per entrare in una nuova era solare. In breve, la storia parla del trionfo dell’illuminazione spirituale contro le forze dell’oscurità. Diamo un’occhiata al video e ad alcuni dei suoi molti dettagli.

I, PET GOAT II

La scena di apertura è già piena di simbolismo.

Il video inizia con una scena interessante: una capra dentro una scatola in quello che sembra essere una sorta di campo di detenzione (FEMA). La capra ha un codice a barre in testa con i numeri 6 6 6 sotto di esso. Se I, Pet Goat parla della liberazione dalle forze dell’oscurità, questa prima scena sembra raffigurare l’esatto opposto. Questa capra rappresenta coloro che sono stati “incatenati”, e sottoposti al lavaggio del cervello da parte del sistema corrotto? L’uso del pronome “I” nel titolo implica che il capro potrebbe essere, di fatto, lo spettatore stesso.

LA POLITICA: UNO SPETTACOLO DI MARIONETTE

Nella prima parte del video, un maestro burattino nascosto controlla George “Dubya” Bush all’interno di un’aula. Quando gli aerei hanno colpito il World Trade Center nel settembre 2001, Bush era in un’aula per leggere il libro My Pet Goat ai bambini. Il pavimento massonico a scacchiera della classe potrebbe significare che l’intera sciarada aveva una componente ritualistica.

Bush balla, fa facce spaventose e dice cose a caso per tenere le masse all’oscuro della verità.

Sopra Bush è un grafico interessante che descrive l’evoluzione dell’umanità dal pesce alla scimmia, a un uomo che tiene un’arma. Qual è lo stadio finale dell’evoluzione? L’uomo illuminato, rappresentato con una luce attorno alla sua testa.

Bush indossa un berretto da asino, questo cappello conico veniva dato agli studenti “più lenti” per umiliarli. Quando Bush ha finito di ridicolizzarsi, si trasforma in Obama, un uomo affascinante e distinto che indossa un cappello da laurea. Inizia in modo piacevole e amabile, ma alla fine si mette a ridere del pubblico. Mentre sembrava essere la risposta perfetta all’idiozia dell’era Bush, un fatto persiste: è semplicemente un’altra marionetta controllata dallo stesso burattinaio.

Mentre la maggior parte del pubblico è totalmente ignara di ciò che sta accadendo, una ragazza sembra andare contro corrente.

Mentre le masse sembrano sorde, mute e cieche (e trattenute dal filo spinato), questa bambina si rende conto che “questa mela non è sua e la lascia cadere”. Obama è preoccupato per il risveglio di questa ragazza.

Siamo quindi portati nel mondo esterno freddo e innevato intorno alla scuola. Su un muro, c’è un graffito con un messaggio importante.

Sulla parete della scuola c’è un graffito che dice “Salmo 23”.

Il versetto biblico a cui si riferiscono i graffiti sembra predire il viaggio che gli spettatori stanno per intraprendere.

Il Signore è il mio pastore, non mi manca niente. Mi fa sdraiare in verdi pascoli, mi guida attraverso tranquille acque, mi rinfresca l’anima. Mi guida lungo i sentieri giusti per il suo nome. Anche se percorrerò la valle dell’ombra della morte, non temerò alcun male, perché tu sei con me; la tua verga e il tuo bastone, mi confortano. Prepari un tavolo davanti a me in presenza dei miei nemici. Mi ungi la mia testa con olio; la mia tazza trabocca. Sicuramente la tua bontà e il tuo amore mi seguiranno per tutti i giorni della mia vita, e io dimorerò per sempre nella casa del Signore.
– Salmo 23

UN MONDO IN ROVINA

Il mondo esterno è buio, freddo e letteralmente in rovina. È triste, corrotto e tutto sta tremando e crollando.

A un certo punto, due torri – che ricordano il WTC – cadono. Apprendiamo quindi che si trattava di un inside job.

Bin Laden indossa un distintivo della CIA, suggerendo che era uno strumento utilizzato dal governo americano per far avanzare la sua agenda. La luna crescente, un simbolo associato all’Islam, è rovesciata, il che potrebbe essere un modo per dire che tutta questa roba di Al-Qaeda è una perversione e uno sfruttamento dell’Islam.

Mentre vediamo del petrolio fuori uscire da ogni dove, una stella a sei punte appare sotto la Statua della Libertà, ribattezzata dai creatori del video “Lady of Helotry” (“helotry” significa servitù della gleba o schiavitù)

La stella a sei punte (nota anche come stella di David) appare sotto la Lady of Helotry un modo per dire che gli Stati Uniti sono fortemente influenzati da Israele?

Mentre il mondo si sta sgretolando, molte antiche istituzioni scompaiono o vengono distrutte.

Questa moschea e` distrutta da dei jet

Questo lavoratore latinoamericano sta affondando, insieme alla sua falce e martello, che rappresenta la scomparsa del marxismo nei paesi del terzo mondo. Sul sito ufficiale di Heliofant si dice: “Dopo anni di sfruttamento economico e degrado ambientale”, Juan Pepito “sente che sta per affondare.”

CONTROLLARE LE MASSE

Il mondo è sotto l’incantesimo di un malvagio stregone di nome Drako. Secondo i creatori del video, Drako è:

“Lo Stregone, la mano invisibile e lo spirito della follia che cerca sempre più controllo attraverso l’inganno, le menzogne, i veleni, i false flag, le guerre e le montagne di strutture burocratiche e legali per sottrarre l’energia degli abitanti della terra. Teme la luce del giorno e la vita stessa, e opera nell’ombra. Il suo più grande potere è il controllo che ha sull’emissione della moneta “.

Sembra un esponente degli Illuminati? Certo.

Allo stesso modo in cui gli Illuminati cercano di fare il lavaggio del cervello ai bambini sin dalla nascita, Drako pone le sue malvagie attenzione su questo bambino non ancora nato di nome Ludovic.

L’occhio rettiliano di Drako attende la nascita di Ludovic.

Nella tradizione esoterica, il simbolo dell’uovo intrecciato da un serpente è noto come l’uovo orfico. In breve, rappresenta il seme latente della vita e l’infinito potenziale della creazione. In altre parole, mentre questo bambino sembra essere senza speranza, ha ancora il potere di raggiungere il suo pieno potenziale.

Quando l’uovo si schiude e nasce il bambino, Drako prende letteralmente il controllo della sua mente in modo raccapricciante e parassitario.

Drako ha la piramide e l’occhio onniveggente trovato sulla banconota da un dollaro americano sul suo mento. Non solo rappresenta il fatto che controlla la valuta, ma rappresenta anche gli Illuminati. Sotto gli occhi di Drako c’è il detto “Ordo Ab Chao” – che significa Ordine dal Chaos, lo slogan preferito dell’élite occulta. Inoltre, il tizio ha solo un occhio aperto. Rappresenta palesemente gli Illuminati

IL LIBERATORE

In mezzo a tutto questo caos, emerge una figura con il potere di rendere tutto giusto.

Navigando su una barca cerimoniale egiziana, Gesù Cristo sembra essere in trance.

La figura simile a Cristo ha un terzo occhio dipinto proprio sulla ghiandola pineale, che si riferisce al concetto di illuminazione spirituale. Il triangolo sopra l’occhio rappresenta la divinità e quell’illuminazione conduce al contatto con la propria natura divina. I simboli sulla fronte di Cristo sono in completa opposizione alla piramide sul mento di Drako. Mentre entrambe le figure portano simboli simili sui loro volti, Cristo li mostra “correttamente” e Drako li ha invertiti, nel senso che lui (e gli Illuminati) hanno corrotto questi antichi simboli.

Chiamato dai creatori del video “Il fuoco della verità”, la figura di Cristo non è destinata a essere Gesù Cristo stesso, ma una rappresentazione del concetto di Cristo interiore definito dallo gnosticismo. Secondo questa corrente esoterica del cristianesimo, il Cristo Interiore è il potenziale trovato in tutti per raggiungere la divinità attraverso l’illuminazione spirituale. Sul sito web di Heliofant, il fuoco della verita` è descritto come:

“Sei tu!!! quando ti trovi nella consapevolezza dell’essere figlio del Divino e fratello dell’umanità !!! “

Quando la figura di Cristo respira il Fuoco della Verità sul mondo, alcuni personaggi oppressi o in difficoltà tornano in vita, come Ludovic, il bambino dentro l’uovo. Inoltre, Aali, un ragazzino musulmano apparso malconcio e morto risorge.

Il piccolo Aali si alza dai ruderi della Moschea distrutta, roteando in abiti tradizionali dei Dervisci.

Il ragazzo sta eseguendo l’antica arte del vortice Sufi, che è praticato dai Dervisci Sufi dell’ordine dei Mevlevi. I Dervisci sono un’antica corrente esoterica dell’Islam.

“I misteri della fede islamica sono sotto la custodia dei dervisci – uomini che, rinunciando alla mondanità, hanno resistito alla prova di mille tentazioni. Jelal-ud-din, il grande poeta e filosofo persiano, è accreditato di aver fondato l’Ordine di Mevlevi, o “dervisci danzanti”, i cui movimenti simboleggiano exotericamente i moti dei corpi celesti ed esotericamente sfociano nell’istituzione di un ritmo che stimola i centri della coscienza spirituale all’interno del corpo del ballerino “.
– Manly P. Hall, Gli Insegnamenti Segreti di tutte le Ere

Dervisci danzanti

La rinascita del ragazzo musulmano come Derviscio danzante segnala che esiste un legame tra lui e il Cristo Interiore: entrambi rappresentano l’iniziazione nelle scuole esoteriche, che hanno tutte un obiettivo comune: il contatto con la divinità attraverso l’illuminazione spirituale. Anche altre religioni con correnti sotterranee esoteriche come l’Induismo (rappresentato dalla danza di Shiva), sono rappresentate nel video. La figura di Cristo è forse l’Anti-Cristo che inganna tutte le religioni nel seguirlo? Forse.

Quando la figura di Cristo esce dalla cattedrale, l’edificio (protetto da un gargoyle dall’aria diabolica) si sgretola alle sue spalle.

In questa nuova era di illuminazione spirituale, elaborati edifici creati dall’uomo diventano inutili e obsoleti. Quindi si sgretolano e scompaiono.

Mentre la notte si trasforma in giorno, la figura di Cristo apre i suoi occhi di fuoco e naviga verso la luce del sole. I fiori di loto, simboli dell’illuminazione spirituale nella filosofia orientale, appaiono dietro di lui, confermando agli spettatori che la via della libertà è davvero spirituale.

CONCLUDENDO

I, Pet Goat II ha ricevuto ampi consensi per la sua abilità tecnica e la sua narrazione originale. Sebbene non vi sia alcuna narrazione o dialogo, viene prodotta una storia elaborata usando il linguaggio più antico e universale nella storia: il simbolismo. Attraverso i simboli, il film riesce a fornire una critica acre della civiltà occidentale contemporanea, per descrivere i suoi numerosi mali e persino per prevedere la sua inevitabile caduta. Ancora più importante, una completa decodifica del simbolismo del film rivela un potente messaggio di illuminazione spirituale basato sugli antichi Misteri. Mentre questo aspetto esoterico del film potrebbe non essere compreso da molti, è al centro del film e viene presentato come la soluzione definitiva ai mali e alla corruzione del mondo di oggi. La conclusione del video è, quindi, molto personale: O diventi una capra con un codice a barre 666 sulla fronte o diventi una figura cristica con un terzo occhio sulla fronte. Questa nozione di illuminazione personale è definitivamente gnostica ed è comune alla maggior parte delle scuole di pensiero esoteriche in tutte le civiltà.

Accettare o essere in disaccordo con la conclusione spirituale del video è una questione di credenze personali, ma è comunque ovvio che coloro che stanno dietro I, Pet Goat II sono “a conoscenza” di un vasto numero di conoscenze occulte, esoteriche e persino cospiratorie. Ogni scena ha dietro di sé una profonda storia – che richiede pagine e pagine di parole per essere spiegata a fondo. Qui troviamo il potere dei simboli: possono semplicemente essere ammirati per la loro bellezza estetica o possono, quando sono pienamente compresi, rivelare una storia profonda sull’umanità, su Dio e su tutto il resto.

Fonte