Archivi categoria: Vittime Innocenti

Fukushima: Radiazioni 72000 volte maggiori a quelle di Hiroshima

Il dottor Chris Busby ha verificato quest’oggi in una email, che tre vasche di contenimento per il combustibile nucleare esaurito, sono state completamente spazzate via. Questo porta i livelli di radiazione approssimativi a 24.000 Hiroshima x 3 cioè ci sono 72.000 volte le radiazioni che erano nell’aria dopo lo sgancio della prima bomba atomica. Ricordate, queste sono solo le radiazioni che provengono dalle vasche di raffreddamento. La fuga di radiazioni dai reattori è un’altra storia.

Abbiamo ora la possibilità di valutare le dinamiche dell’incidente nucleare (per non dire disastro) avvenuto a Fukushima. E’ ormai chiaro che siamo stati tutti ingannati dalle autorità giapponesi, dall’AIEA, dai gruppi internazionali pro nucleare ma soprattutto dagli esperti che sono stati chiamati dai media internazionali e nulla hanno fatto che confonderci sempre di più. Abbiamo sentito pareri da esperti nucleari della Chatham House (portavoce del NWO) e da persone come il Prof. Gerry Thomas dell’Imperial College di Londra. ”

Tutti continuano a giocare su questa catastrofe senza rendersi conto delle implicazioni che tale catastrofe ha e avrà sulla salute umana, utilizzando metodi antiquati per calcolare le potenziali vittime. Solo quando si ascolteranno persone come il Dr. Chris Busby si arriveranno a capire i veri effetti della contaminazione da ingestione di materiale radioattivo (aka dell’uranio impoverito).

Fonte

Annunci

Wikileaks: La verità sulla guerra in Iraq

L’uomo dietro la pubblicazione di 400.000 documenti classificati sui militari americani vuole rivelare la verità sulla guerra in Iraq.

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, in una conferenza a Londra, ha detto di voler creare, grazie all’ultima massiva pubblicazione di rapporti riservati, il massimo impatto possibile nel mondo politico.

“Questa divulgazione serve per far emergere la verità” dichiara Assange.

“Speriamo di correggere alcuni attacchi alla verità che si sono verificati prima della guerra, durante la guerra, e che sono continuati fino a quando la guerra si è conclusa ufficialmente.”

Ha aggiunto: “Mentre non siamo sicuri di aver raggiunto il massimo impatto politico possibile credo che ci stiamo avviciando sempre di più.”

Assange ha detto che le relazioni documentano la morte di 109.000 morti – tra cui 66.000 civili.

L’avvocato indipendente Phil Shiner ha dichiarato che alcune delle morti documentate nelle relazioni potrebbero avere coinvolto le forze britanniche e sono ora oggetto di azione legale presso i tribunali del Regno Unito.

“Alcune di queste morti sono avvenute in circostanze in cui il Regno Unito ha avuto una responsabilità giuridica molto chiara.” ha detto.

“Questo può essere dovuto al fatto che gli iracheni sono morti, durante il periodo in cui il controllo era nelle mani del Regno Unito. I documenti rivelano che le morti sono avvenute in arresto, nei veicoli, negli elicotteri o nelle strutture di detenzione”

La divulgazione di quasi 400.000 documenti militari Usa sull’Iraq da parte di Wikileaks contiene rapporti di abusi e di cattiva condotta da parte delle autorità irachene e delle forze Usa.

Ci sono anche alcuni rapporti che indicano abusi da parte dei soldati del Regno Unito, secondo il quotidiano Guardian.

Questo rilascio di documenti classificati è stato preceduto dalla pubblicazione di 90.000 file che documentavano morti civili e altri incidenti in Afghanistan, che sono state pubblicate dal sito nel mese di luglio.

Secondo il Guardian, nei rapporti iracheni si può leggere in dettaglio in che modo le autorità statunitensi avrebbero evitato di indagare su centinaia di segnalazioni di abusi, torture, stupri e omicidi dei poliziotti e dei soldati iracheni.

Ci sono numerose segnalazioni di abusi sui detenuti, che li descrivono ammanettati, bendati e appesi per i polsi o per le caviglie e sottoposti a frustate, pugni, calci o scosse elettriche sei casi dei quali terminati con la morte.

I documenti riferiscono, di più di 15.000 civili morti in incidenti precedenti sconosciuti.

Secondo il giornale, i registri contengono molti rapporti riguardanti abusi ai detenuti da parte dei soldati della coalizione anche se non sono né chiare né così allarmanti come le prove degli abusi da parte delle forze irachene.

Poichè sono state registrate le attività delle forze statunitensi, sono state trovati alcuni rapporti riguardanti il trattamento dei detenuti da parte del Regno Unito.

Due report in data 23 Giugno 2008 hanno registrato due uomini sciiti che hanno descritto di essere stati presi a calci e a pugni da delle non ben identificate truppe inglesi.

Entrambi gli uomini avevano lesioni coerenti alla descrizione riportata nelle loro storie. Non c’è traccia di alcuna indagine formale.

Un altro registro,del 2 Settembre 2008, riporta che un interrogatore civile che lavorava con gli americani, ha riferito che i soldati britannici lo avevano fatto strisciare per casa sua inserendoli la testa dentro la tazza e puntandoli contro una pistola.Il registro conclude che la storia è stata archiviata per incongruenza e mancanza di prove.

I 391.831 documenti registrano un periodo compreso tra l’inizio del 2004 e il 1 gennaio 2010 e forniscono una visione del conflitto da parte dei soldati di rango più basso.

Un portavoce del ministero della Difesa ha detto venerdì sera: “Se verranno alla luce nuove prove come risultato dell’analisi di queste informazioni le terremo in considerazione.”

I file riferiscono che vi sono state più di 100.000 morti violente in Iraq tra il 2004 e il 2009, tra cui 66.081 di esse tra i civili.

I dati personali e le informazioni sui decessi sono stati resi noti e ciò risulta in contrasto con l’insistenza dei funzionari USA e UK  nell’affermare che non esiste nessun verbale ufficiale di vittime civili.

John Sloboda, dell’Iraq Body Count, ha detto al Guardian: “Perché questi registri sono incidente dopo incidente, registrazioni dettagliate che siamo stati in grado di far corrispondere con i registri presenti nei nostri database.

“Con uno studio approfondito, siamo stati in grado di stimare che tali registri aggiungeranno 15.000 morti precedentemente sconosciute al conteggio delle vittime in Iraq”.

Ha sostenuto che fosse nell'”interesse pubblico” conoscere tutti i dettagli su questa tragedia.

Il portavoce del Pentagono, colonnello dei Marines, Dave Lapan ha dichiarato: “Noi condanniamo WikiLeaks poichè induce le persone a violare le leggi, sottrae documenti riservati e quindi cavalleristicamente condivide queste informazioni segrete con il mondo, compresi i nostri nemici.”

“Sappiamo che organizzazioni terroristiche hanno estratto informazioni dai documenti riservati sull’ Afghanistan da utilizzare contro di noi, e questa fuga di notizie sull’Iraq è oltre quattro volte più grande.

“L’unica maniera che ha Wikileaks per riparare, a questo punto, è quello di restituire il materiale rubato ed elimarlo dai propri siti web”.

Il gruppo ha anche detto che pubblicherà altri 15.000 documenti sulla guerra in Afghanistan.

Kristinn Hrafnsson di Wikileaks ha detto che i files, sono stati interamente controllati prima del rilascio.

Sono stati redatti in modo da nascondere i nomi delle persone e non rivelare informazioni che potrebbero essere dannose per gli individui citati”.

Shiner ha fatto domanda per una pubblica inchiesta sulle accuse per le quali le truppe britanniche erano responsabili della morte di civili, durante la guerra in Iraq.

Ha citato un caso in cui sostenenne che un fuciliere inglese uccise una bambina di otto anni mentre giocava in strada a Bassora.

Ha detto che le unità corazzate avevano l’abitudine di fermarsi mentre erano di pattuglia così i soldati avrebbero potuto distribuire caramelle ai giovani come parte della battaglia per ” i cuori e le menti”.

Mr Shiner ha spiegato: “Per qualche motivo il carro armato si era fermanto in fondo alla via, lei era li vicino con il suo vestito giallo, un fuciliere la vede e le spara.”

Per quanto riguarda i documenti americani, disse: “Sarebbe sbagliato pensare che tutto questo non abbia nulla a che fare con l’UK”.

Ha aggiunto che agì in favore di molti civili iracheni che vennero uccisi o torturati dalle forze del Regno Unito.

“Alcuni sono stati uccisi da attacchi indiscriminati contro i civili o grazie all’uso ingiustificato della forza letale.

“Altri sono stati uccisi sotto la custodia dalle forze del Regno Unito e nessuno sa quanti iracheni hanno perso la vita mentre erano trattenuti nelle strutture di detenzione britanniche.”

Ha aggiunto: “Se è stata utilizzata la forza in maniera ingiustificata o illegittima, i responsabili devono subire le conseguenze penali del caso, stiamo dunque portando avanti un nuovo caso in cerca delle responsabilità per tutti gli omicidi inguistificati e ci aspettiamo che vi sia una inchiesta giudiziaria per indagare in maniera approfondita la responsabilità del Regno Unito per le morti civili in Iraq “.

Ecco un buon video esemplificativo:

Fanno marcire la società parte 2: Il mercurio nei cibi e nei vaccini

Il mercurio è causa di degenerazione celebrale nello specifico elimina i neuroni oltre a danneggiare il sistema nervoso centrale, nonostante questo si trova ancora negli alimenti lavorati e nei vaccini obbligatori. In questa seconda parte della serie esamineremo l’intenzionale avvelenamento della popolazione e si discutera della presenza di mercurio nei cibi convenzionali e nei vaccini.

Il primo articolo di questa serie – Fanno marcire la società parte 1:Cibi,bevande e medicinali – ha descritto gli effetti dell’aspartame, del fluoro e delle pillole su prescrizione, sul cervello umano. Tutte queste sostanze causano una diminuzione della capacità cognitiva e, su larga scala,  comportano un instupidimento generale della popolazione esposta. Questo secondo articolo si concentra su un altro prodotto tossico che si trova negli alimenti di ogni giorno e  nei vaccini obbligatori: il mercurio.

Il mercurio è un metallo pesante naturalmente presente nell’ambiente. Tuttavia, non è adatto al consumo umano, in quanto è estremamente dannoso per il corpo, soprattutto per il cervello. Mentre alcuni sostengono che qualsiasi cosa possa essere consumata con moderazione, molti esperti concordano sul fatto che nessuna quantità di mercurio è sicura per il corpo umano. Nonostante questo e ai numerosi studi relativi agli effetti negativi del mercurio, il metallo pesante è costantemente aggiunto ai vaccini obbligatori e  agli alimenti lavorati.

Il mercurio provoca la degenerazione dei neuroni del cervello e interferisce con il sistema nervoso centrale. L’esposizione diretta al metallo provoca effetti immediati e violenti:

“L’esposizione a elevati livelli di mercurio, inorganico o organico può causare danni permanenti al cervello, ai reni e allo sviluppo del feto. Gli effetti sul funzionamento del cervello possono variare tra: irritabilità, timidezza, tremori, ofuscamento della vista, modificazione dell’udito e problemi di memoria. ”
– Fonte

La maggior parte delle persone non entra in diretto contatto con il mercurio, ma ne viene esposta a piccole dosi, con un conseguente avvelenamento lento ma costante del cervello. Mentre gli anni passano, gli effetti della sostanza danneggiano l’area del giudizio e del pensiero razionale, diminuiscono la memoria e disturbano la stabilità emotiva. In altre parole: Rende più stupidi.

Il mercurio ha anche la sfortunata capacità di trasferirsi da una donna incinta al feto. Secondo l’Environmental Protection Agency, il mercurio trasmesso al feto durante la gravidanza può avere conseguenze durature, tra cui disturbi della memoria, diminuzione delle capacità linguistiche e altre complicanze cognitive.

E ‘stato pubblicizzato molto il fatto che il mercurio si trovi in quantità pericolose nel pesce commestibile, come il tonno, il pesce spada. Ciò crea una situazione un po’ ironica: invece di farvi diventare intelligenti con tutti gli Omega 3 che contengono, i pesci vi avvelenano il cervello.

Purtroppo, il mercurio si trova anche in altri prodotti: nei vaccini e nello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio.

I VACCINI

“Penso che sia assolutamente criminale dare del mercurio ad un bambino”.
– Boyd Haley, Ph.D., Presidente Dipartimento di Chimica, Università del Kentucky

Il mercurio si trova, in grandi quantità, nei vaccini obbligatori. Prima di entrare nei dettagli della questione, ecco alcuni fatti sui vaccini in America osservati dal Dr. Sherri Tenpenny:

* Il governo degli Stati Uniti è il maggior acquirente di vaccini nel paese. Infatti, quasi il 30 per cento del budget annuale dei Centers for Disease Control (CDC) viene speso per l’acquisto di vaccini e per garantire a tutti i bambini una vaccinazione completa.

* Le compagnie di assicurazione private, che portano avanti i migliori studi sulla responsabilità penale, hanno completamente tolto la copertura  per danni alla vita e alle proprietà per i seguenti eventi: Atti di Onnipotenza, guerra nucleare, incidente ad una centrale nucleare e … per la vaccinazione.

* Leggi sono state approvate per proteggere il vaccino, mentre allo stesso tempo, le leggi dello stato impongono ai genitori di iniettare ai propri figli fino a 100 antigeni prima di iniziare le scuole. Se dopo la vaccinazione si manifestano effetti collaterali, che variano molto provocando anche la morte , i genitori non possono citare in giudizio il medico, l’azienda del farmaco o il governo, sono  tenuti a presentare una petizione alla “Vaccine Court” per il risarcimento danni, che significa un processo lungo, che può durare anni e spesso che si conclude con una archiviazione del caso.

* Ogni stato ha leggi che richiedono la vaccinazione in età prescolastica, i bambini di una certa età vengono vaccinati per evitare la trasmissione di molte malattie contagiose. La legge di stato sulla vaccinazione impone che i bambini siano vaccinati prima di essere autorizzati a frequentare le scuole pubbliche o private. La mancata vaccinazione dei bambini non solo proibisce loro di frequentare la scuola, ma anche i loro genitori o tutori vengono coinvolti diventato soggetti di multe civili e penali. Le scuole non hanno l’abitudine di dire ai genitori che è così in ogni Stato, esiste però una deroga che consente ai genitori di rifiutare legalmente i vaccini pur consentendo ai loro figli di frequentare la scuola.

*L’industria dei medicinali sostiene i vaccini, i dottori consigliano spesso i genitori di vaccinare la prole anche nella speranza di aumentare la clientela del proprio studio medico . Una parte considerevole del reddito di un pediatra è derivato dal rimborso assicurativo per le vaccinazioni. La continua espansione del piano per le  vaccinazioni che include la produzione di vaccini sempre più costosi è una fonte di entrate molto grande  per i medici.

IL THIMEROSAL

In America un bambino riceve circa 21 vaccini prima dell’età di sei anni e almeno altri 6 entro i 18 anni, per un totale di 27 iniezioni durante l’infanzia. Molte di queste vaccinazioni contengono thimerosal, un conservante, composto per il 49% da mercurio. L’uso senza precedenti di mercurio sui bambini ha creato una generazione cognitivamente deteriorata.

“I sintomi vissuti dai bambini esposti al mercurio sono reali e possono essere direttamente collegati ai vaccini che hanno assunto. E ‘ironico che i vaccini, dati a questi giovani, con lo scopo di proteggerli, influiscano in realtà  negativamente sul loro sviluppo neurologico “.
– Fonte

L’uso di thimerosal nei vaccini è stato collegato da molti scienziati alla crescita impressionante dell’autismo negli ultimi due decenni. Si è spinta così lontano l’iniziativa per avvelenarci e instupidirci tutti?

“I bambini che sono completamente vaccinati, dal sesto mese di vita hanno ricevuto più mercurio (dai vaccini) di quello raccomandato dall’EPA. Ci sono molte somiglianze tra i sintomi di tossicità da mercurio e l’autismo, tra cui il deficit sociale, il deficit al linguaggio, i comportamenti ripetitivi, le alterazioni sensoriali, i deficit cognitivi, i disturbi del movimento, e i problemi comportamentali. Ci sono anche similitudini nei sintomi fisici, compresi quelli biochimici, quelli gastrointestinali, quelli del tono muscolare, nella neurofisiologia, nelle misurazioni EEG, e nel sistema immunitario. ”
– Fonte

A causa del legame sospetto fra vaccini e autismo, più di 5.000 famiglie americane hanno presentato ricorso in un tribunale federale per i vaccini contro le società che li producono. Nella maggior parte dei casi, coloro che hanno tentato il ricorso non hanno ricevuto nessun compenso e ogni correlazione tra vaccini e malattia è stata negata dalla difesa. E’ in corso da anni una guerra sulle pubbliche relazioni, da quando sono apparsi studi e contro studi, a dimostrazione o a confutazione dei legami tra vaccini e autismo, a seconda di dove queste ricerche venissero fatte. Gli studi che sostengono che i vaccini sono sicuri sono stati spesso finanziati dalla società stesse che li producono.

Nonostante le smentite, il Thimerosal, gradualmente e silenziosamente, è stato tolto dai vaccini per i bambini.
Subito dopo questo graduale ritiro, i casi di autismo sono nettamente diminuiti nel paese.

Nel Journal of American Physicians and Surgeons pubblicato il 10 marzo si mostrano i dati raccolti dopo il ritiro del mercurio dai vaccini per l’infanzia, non solo il tasso di bambini autistici e con disturbi neurologici non aumentava più, ma in realtà risultava nettamente diminuito – di ben il 35 per cento. Utilizzando il database del governo stesso, ricercatori indipendenti hanno analizzato i rapporti sui disturbi neurologici infantili, tra cui l’autismo, prima e dopo la rimozione dei conservanti a base di mercurio.

Secondo una dichiarazione della Association of American Physicians & Surgeons,, o AAPS, i dati della California mostrano che il tasso di autisimo ha toccato un picco di 800 nel maggio 2003. Se questo trend fosse continuato, i rapporti avrebbero registrato il picco di 1.000 entro l’inizio del 2006. Ma il numero effettivamente scese a 620, con una diminuzione reale del 22 per cento, e una diminuzione sulle proiezioni del 35 per cento.
– Fonte

La graduale eliminazione del thimerosal dai vaccini destinati ai bambini, è positiva, ma il conservante si trova ancora in molti vaccini destinati agli adulti. Il mercurio nonostante gli scarsi e controproducenti effetti ottenuti sui bambini, risulta perfetto per l’essere umano adulto. La classe dirigente non cerca di creare una generazione di persone autistiche che avrebbero bisogno di cure costanti, ma una massa di “utili idioti” che possano svolgere attività ripetitive e noiose, accettando senza discutere ciò che li viene detto.

Ad oggi, il timerosal si trova ancora  nei vaccini influenzali. Questo tipo di vaccinazione è stagionale, il che significa che i pazienti vengono incoraggiati a tornare ogni inverno per ottenere il loro vaccino annuale / dose di mercurio.

I creatori del vaccino influenzale sostengono che non provochi effetti collaterali, in altre parole non sembra causare malattie osservabili. Quello di cui non si è mai discusso, però, è la lenta e graduale degenerazione dei neuroni del cervello cui la maggior parte delle persone va incontro, anno dopo anno, a causa del costante avvelenamento da mercurio. Questo processo di rallentamento delle funzioni cerebrali, non è facilmente osservabile né quantificabile, ma sta avvenendo su scala globale. Se il mercurio può danneggiare completamente le menti fragili dei bambini portandoli forse all’autismo,esso probabilmente sarà pericoloso anche per il cervello adulto.

Quasi come fossero create per generare richieste di vaccini, le nuove malattie appaiono periodicamente in tutto il mondo e attraverso campagne di terrore mediatico inducono la gente a richiedere a gran voce ai propri governi il vaccino.

L’H1N1, nota anche come influenza suina, è stata l’ultima di queste “spaventose malattie” che ha terrorizzato la gente per mesi. Quando si rese disponibile il vaccino,fù fortemente promosso in tutto il mondo e presero atto vere e proprie campagne di vaccinazione. Un “dettaglio” di cui nessuno ha parlato: L’ Influenza suina, è facilmente curabile, e non è molto diversa dalla “normale influenza”. Un altro fatto taciuto: la maggior parte delle vaccinazioni  influenzali conteneva Thimerosal.

DEPOPOLAZIONE?

Oltre che a instupidire la popolazione, i vaccini potrebbero aiutare negli sforzi verso il depopolamento. In un discorso tenuto nel mese di aprile del 2010, Bill Gates ha citato l’uso dei vaccini come mezzo per ridurre la popolazione mondiale.

“Gates ha detto la sua alla conferenza del TED2010 a Long Beach, California, in un discorso dal titolo “Innovazione Zero” Oltre all’assurdità dell’idea di ridurre le emissioni umane di CO2 a zero entro il 2050, Gates dichiara: “Per prima cosa abbiamo la popolazione. Il mondo oggi è composto da 6,8 miliardi di persone. Di questo passo aumenteremo fino a circa 9 miliardi. Ora, se realizziamo un ottimo lavoro su nuovi vaccini, nelle cure sanitarie, nei servizi per la salute riproduttiva potremo ridurla del 10-15 %.

In parole povere, uno degli uomini più potenti del mondo sostiene chiaramente il fatto che i vaccini vengano utilizzati per la depopolazione. Quando Bill Gates parla di vaccini lo fa con autorità. Nel gennaio 2010 al Davos World Economic Forum, Gates ha annunciato lo stanziamento di 10 miliardi dollari nei prossimi dieci anni per sviluppare e fornire nuovi vaccini ai bambini dei paesi in via di sviluppo. ”
– Fonte

LO SCIROPPO DI MAIS AD ALTO CONTENUTO DI FRUTTOSIO

Un veleno è una “sostanza che causa malattia o morte, soprattutto in termini chimici.” Con tale definizione si può affermare che lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFC) è un vero veleno. L’HFCS è un dolcificante altamente lavorato a base di mais che viene utilizzato dal 1970. Continua a sostituire lo zucchero bianco e il saccarosio negli alimenti lavorati ed è attualmente presente nella maggior parte dei prodotti alimentari in vendita nei supermercati . Gli studi hanno stabilito che gli americani consumano una media di 12 cucchiaini al giorno di questo  dolcificante. Ecco un grafico che raffigura l’ascesa dell’HFCS nella dieta americana:

Grazie alla sua proprietà dolcificante, l’ HFCS è, ovviamente, da ritrovarsi nei prodotti contenenti zuccheri, come le marmellate,le bibite e i cibi preconfezionati da forno. Tuttavia, molte persone non si rendono conto che si trova anche in numerosi altri prodotti, come le minestre, il pane, i sughi per la pasta, i cereali, i primi piatti surgelati, i prodotti con carne, nell’insalata e nei condimenti. L’HFCS si trova anche nei “cosiddetti” prodotti per la salute, tra cui le barrette proteiche, negli alimenti “a basso contenuto di grassi” e nelle bevande energetiche.

Come può qualcosa di così dolce essere così pericoloso? Ecco alcuni fatti sull’HFCS:

* Le ricerche collegano l’HFCS all’accrescimento dei tassi di obesità e diabete nel nord America, specialmente tra i bambini. Il fruttosio si converte in grasso molto più degli altri zuccheri. Essendo un liquido, passa molto più rapidamente nel flusso sanguigno.

* Le bevande contenenti HFCS hanno livelli più elevati di composti reattivi (carbonili), che sono collegati ai danni che portano al diabete.

* Ci sono prove che il fruttosio di mais venga lavorato in maniera diversa dallo zucchero di canna, in modo che esso riduca il senso di sazietà e si vengano così a creare, più facilmente, le condizioni per un suo consumo eccessivo.
* Gli studi dei ricercatori della UC Davis e dell’Università del Michigan hanno dimostrato che il consumo di fruttosio, che è più facilmente convertibile in lipidi nel fegato, aumenta i livelli di grasso nel sangue sotto forma di trigliceridi.

* A differenza di altri tipi di carboidrati costituiti dal glucosio, il fruttosio non stimola il pancreas a produrre insulina. Peter Havel, un ricercatore nutrizionalista presso l’UC Davis, che studia gli effetti metabolici del fruttosio, ha anche dimostrato che il fruttosio non riesce ad aumentare la produzione di leptina, un ormone prodotto dalle cellule lipidiche del corpo. Sia l’insulina che la leptina agiscono come segnali per comandare  al cervello di abbassare l’appetito e controllano il peso corporeo. Dalla ricerca di Havel emerge anche che il fruttosio non sembra sopprimere la produzione di grelina, un ormone che aumenta la fame e l’appetito.

* Perché il corpo elabora il fruttosio dell’ HFCS in modo diverso di quanto non faccia con quello dello zucchero di canna o di barbabietola,altera la funzione regolatrice degli ormoni del metabolismo. Costringe anche il fegato a introdurre più grasso nella circolazione sanguigna. Il risultato finale è che i nostri corpi sono essenzialmente tratti in inganno nel voler mangiare di più, mentre, in realtà, vengono prodotti molti più grassi .

* Uno studio nel Journal of National Cancer Institute ha suggerito che le donne la cui dieta era ricca in carboidrati complessi e fruttosio rischiavano maggiormente di contrarre il cancro colonrettale.

*L’ HFCS interferisce con l’uso che il cuore fa di minerali essenziali quali il magnesio, il rame e il cromo.

*L’ HFCS è colpevole di indebolire/eliminare il sistema immunitario inibendo l’azione dei globuli bianchi. In queste condizioni il corpo non è più in grado di difendersi dagli agenti esterni.

* La ricerca suggerisce che il fruttosio causa malattie più facilmente del glucosio. Il glucosio viene metabolizzato in ogni cellula del corpo, mente il fruttosio può essere metabolizzato solo nel fegato.Il fegato degli animali usati per i test con il fruttosio rivelano la comparsa di cumuli di grasso e cirrosi nel fegato, risultati simili a quelli che si sarebbero ottenuti da un fegato di un alcolista

*L’HFCS viene raffinato molto, anche più dello zucchero bianco.

* Il grano da cui è derivato l’ HFCS è quasi sempre geneticamente modificato, come lo sono gli enzimi utilizzati nel processo di raffinazione.

* Ci sono crescenti preoccupazioni sulla politica che circonda l’economia della produzione di mais (sovvenzioni, le tariffe e i regolamenti), così come sugli effetti sull’ambiente della sua coltivazione estensiv.

Molti studi hanno osservato una forte correlazione tra l’avvento dell’HFC degli ultimi anni e l’aumento dell’obesità durante lo stesso periodo di tempo.

L’obesità, oltre ad essere dannosa per il corpo, influenza direttamente le funzioni cerebrali. Alcuni ricercatori si sono interrogati sul ruolo dell’obesità nella degenerazione del cervello.

I ricercatori hanno a lungo sospettato che esistesse una relazione tra l’obesità e il calo delle capacità cerebrali. Nuovi studi confermano ora la tesi per cui l’essere sovrappeso è dannoso per il cervello. I ricercatori dell’Università della California in un articolo pubblicato nell’ “Archives of Neurology” hanno dimostrato una forte correlazione fra l’obesità  e il restringimento di una parte del cervello (l’ippocampo), fondamentale per la memoria (come misurato nelle scansioni MRI).
– Fonte

Questo non significa che le persone obese siano rincoglionite, vuol dire semplicemente che il loro cervello non lavora così efficacemente come dovrebbe.

Ma anche se l’HFCS non facesse ingrassare, potrebbe ancora rovinarvi il cervello. Studi recenti hanno dimostrato che il famoso dolcificante contiene… dai che lo sapete… mercurio!

“Uno studio – pubblicato sulla rivista Environmental Health – mostra che nove prodotti commerciali su venti, conteneti sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, contengono anche mercurio.

Il secondo studio – dall’Istituto per le politiche agricole e commerciali (IATP) – scopre che quasi 1/3 di 55 prodotti alimentari di marca contiene mercurio, soprattutto i latticini, le salse e i condimenti. Le marche includono grandi nomi quali Quaker, Hershey’s, Kraft and Smucker’s “.
– Fonte

Qui sotto è riportata la tabella che trovate nello studio dello IATP chiamato Not So Sweet: Missing Mercury and High Fructose Corn Syrup che specifica la quantità di mercurio presente nei prodotti di tutti i giorni che si trovano comunemente nei supermercati.

Naturalmente, le aziende che producono l’HFCS negano i risultati di tali studi, sostenendo che il dolcificante è “naturale”. Queste parole sono di chi VENDE il prodotto, intendiamoci… I raffinatori di mais hanno anche creato alcune strane pubblicità per incoraggiare le persone a continuare a consumare queste sostanze tossiche.

CONCLUDENDO

Nonostante l’esistenza di molti studi che descrivono l’impatto negativo del mercurio sul cervello umano, i governi spingono ancora per l’aumento delle vaccinazioni tra la popolazione, che contengono Thimerosal. Inoltre, organi direttivi hanno protetto le case farmaceutiche che producono i vaccini e gli alimenti che contengono l’HFCS contro ogni tipo di causa legale. Il fatto che molti dirigenti di queste imprese ricoprano posizioni chiave all’interno del governo, potrebbe fornire una spiegazione. Ci sono infatti poche persone che occupano posizioni elevate, nel settore pubblico e nel privato. Queste persone si trovano a formare ciò che comunemente si intende per elite o classe dirigente.” La maggior parte di questi individui non è mai stato eletto in posizioni governative, eppure hanno creato politiche pubbliche che hanno promosso la loro agenda, a prescindere dal partito politico al potere. Guardate la composizione del Gruppo Bilderberg, il Comitato dei 300 o del Council of Foreign Relations e troverete i direttori generali delle aziende che producono cibo e medicinali … che sono anche le stesse persone che approvano le leggi sull’alimentazione e sui vaccini.

Dal momento che nessun funzionario pubblico si arrischierà di tradire i suoi colleghi o i suoi finanziatori per diventare un informatore, spetta a ciascuno di noi conoscere ciò che consumiamo. Il clichè di dire “leggere le etichette” è abbastanza vero, ma se non avete idea di che cosa significhi “glutammato monosodico”, leggela non vi aiuterà. Questa serie di articoli, mira a dare delle informazioni di base sulle sostanze più pericolose presenti nei prodotti di tutti i giorni in modo da assumere un atteggiamento più critico di fronte a ciò che consumiamo ogni giorno.

Fanno marcire la società parte 1:Cibi,bevande e medicinali

Chi ci comanda sta facendo di tutto per avvelenarci? La dichiarazione è difficile da dimostrare, ma esiste una grande quantità di dati atti a dimostrare che la classe dirigente non solo tollera, ma introduce efficacemente politiche che hanno un effetto negativo sulla salute fisica e mentale della popolazione. Questa serie di articoli analizza i tanti modi in cui queste politiche vengono applicate. La parte I esamina il veleno nei cibi di tutti i giorni, nelle bevande e nei farmaci.

I dati scientifici dimostrano che i governi di tutto il mondo stanno tollerando la vendita di molti prodotti che hanno un effetto diretto e negativo sulla salute cognitiva e fisica. Come vedremo in questo articolo molti prodotti di uso quotidiano causano danni al cervello, alla capacità di giudizio e abbassano anche il quoziente intelletivo.

L’elite desidera una popolazione “stupida”? Hitler una volta disse: “E’ una fortuna per i leader che gli uomini non pensino.” Una popolazione istruita conosce i propri diritti, capisce i problemi e interviene quando non approva ciò che sta accadendo. A giudicare dalla quantità incredibile di dati disponibili in materia, sembra che l’elite voglia esattemente il contrario: una popolazione malsana, confusa e sedata. Prenderemo in esame gli effetti dei farmaci, dei pesticidi, del fluoro e  dell’aspartame sul corpo umano e di come questi prodotti vengono approvati dai potenti.

PRESCRIVERE L’ABUSO DI DROGA

L’America (come del resto l’Italia e tutti i paesi “potenti”) ha assistito negli ultimi decenni ad un aumento impressionante dei farmaci prescritti per il trattamento di tutti i tipi di problemi. I bambini sono particolarmente soggetti a questo fenomeno. Dal 1990, una quota sempre crescente di bambini sono state diagnosticate “malattie” come il Disturbo da Deficit di Attenzione (ADD) e sono stati prescritti farmaci che alterano la mente, come il Ritalin.


La DEA è entrata in allarme per l’enorme aumento nella prescrizione di questi farmaci negli ultimi anni. Dal 1990, le prescrizioni di metilfenidato è aumentato del 500 per cento, mentre le prescrizioni di anfetamine per lo stesso scopo sono aumentate del 400 per cento. Ora vediamo una situazione in cui il 7-10 per cento dei ragazzi del paese (America) sono dipendenti da queste droghe così come una crescente percentuale di ragazze.

Oggi, i bambini che mostrano troppa energia, carattere o forza vengono volutamente sedati con farmaci potenti che interessano direttamente il modo di funzione del cervello. Stiamo prendendo la giusta decisione?

Il disturbo da deficit dell’attenzione non è chiaramente definito e documentato come un disordine psichico -, non provoca nessuno effetto biologico osservabile – nonostante questo a moltissimi bambini viene diagnosticato ancora questo “disturbo”. Ciò solleva importanti questioni etiche.

“I pediatri, nonchè gli esperti di etica hanno espresso la loro preoccupazione nell’uso di queste sostanze stimolanti. In un articolo pubblicato sul New York Times, hanno messo in dubbio l’efficacia di curare i bambini senza una diagnosi certa, nella speranza che vadano meglio a scuola. Si sono anche chiesti anche se abbia un senso prescrivere psicofarmaci a coloro che falliscono nella loro carriera o nella vita. Si tratta di stabilire la reale l’efficacia di questi metodi.”

L’uso del Ritalin in giovane età elimina la soglia psicologica che le persone hanno verso l’uso di pillole da prescrizione, il che rende più probabile che, in più tarda età, i bambini abusino di sostanze psicotrope . Non dovremmo essere sorpresi di assistere,negli anni a  venire, a un drammatico aumento del consumo di antidepressivi. La tendenza è già cominciata:

“Nel suo studio, il Centro statunitense per il Controllo delle Malattie e la Prevenzione, prese in considerazione 2,4 miliardi di farmaci prescritti durante le visite dal medico e in ospedale. Di questi, 118 milioni sono stati antidepressivi.

L’uso di antidepressivi e altri farmaci psicotropi – quelli che incidono sulla chimica del cervello – è salito alle stelle negli ultimi dieci anni. L’uso di antidepressivi tra gli adulti è quasi triplicato tra i periodi 1988-1994 e 1999-2000. Tra il 1995 e il 2002, l’anno più recente per il quale sono disponibili statistiche, l’uso di questi farmaci è aumentato del 48 per cento, come riporta l’istituto per il Controllo delle Malattie. ”

L’uso di pillole su prescrizione potrebbe essere di grande aiuto per specifici e ben diagniosticati casi. L’industria farmaceutica, tuttavia, ha molti “amici” ai più alti livelli del governo e sta spingendo per l’ampio uso dei farmaci psichiatrici tra il pubblico. Dal 2002, un gran numero di pillole che pretendevano di risolvere tutti i tipi di condizioni mentali sono state vendute al pubblico, ma molte di queste pillole sono state approvate senza un’adeguata ricerca sugli effetti collaterali. Ancora peggio: gli effetti collaterali avrebbero potuto essere conosciuti ma nascosti al pubblico. Di seguito è riportato un elenco di avvisi riportati nei psicofarmaci . Alcuni di questi effetti collaterali sono davvero spaventosi, una pillola non dovrebbe essere in grado di avere questo potere sul cervello umano.

2004

22 marzo: La Food and Drug Administration (FDA) ha avvertito che antidepressivi come il Prozac-(chiamati inibitori selettivi del reuptake della serotonina o SSRI) possono causare “ansia, agitazione, attacchi di panico, insonnia, irritabilità, ostilità, impulsività, acatisia (forte irrequietezza), eccitazione  psicosi caratterizzate da sentimenti esaltati e deliri di grandezza “.

Giugno: Il Therapeutic Goods Administration, ha riferito che  gli ultimi farmaci antipsicotici possono aumentare il rischio di diabete.

Giugno: L’FDA ha ordinato che nell’imballaggio dello stimolante Adderall ci fosse un avviso circa le morti improvvise  per crisi cardiovascolari, specialmente nei bambini con malattie cardiache.

15 ottobre: La FDA ordinò che venisse sottolineato il pericolo sull’etichetta  degli antidepressivi poichè potevano causare pensieri suicidi e azioni simili ai minori di 18 anni.

21 ottobre: La Nuova Zelanda proibì che antidepressivi vecchi o nuovi che fossero non potevano essere somministrati ai pazienti con meno di 18 anni di età a causa del rischio di suicidio.

17 dicembre: L’imballaggio richiesto dalla FDA per il farmaco ADHD aka Strattera, doveva fornire indicazioni sui gravi danni al fegato che potevano poi progredire fino  all’insufficienza epatica provocando morti o, in una piccola percentuale dei pazienti, addirittura un trapianto”.

2005

9 febbraio: Health Canada, l’equivalente canadese della FDA, sospese la commercializzazione di Adderall XR (Extended Release) a causa dei rapporti su 20 morti improvvise inspiegabili (14 dei quali bambini) e 12 infarti (2 tra i bambini).

11 aprile: La FDA ha avvertito che l’uso di farmaci antipsicotici nei pazienti anziani potrebbe aumentare il rischio di morte.

28 giugno: L’FDA ha annunciato l’intenzione di apportare modifiche all’etichettatura al farmaco Concerta ed ad altri prodotti Ritalin per includere gli effetti collaterali: allucinazioni visive, pensieri suicidi, comportamento psicotico, aggressività e comportamento violento “.

30 giugno: L’FDA ha avvertito che l’antidepressivo Cymbalta poteva stimolare i pensieri/comportamenti suicidi nei pazienti pediatrici. Ha inoltre messo in guardia circa il potenziale aumento del rischio di comportamenti suicidi negli adulti che assumono antidepressivi.

Agosto: The Australian Therapeutic Goods Administration ha scoperto una relazione tra antidepressivi e suicidio, tra l’acatisia (grave irrequietezza), l’agitazione, il nervosismo e l’ ansia negli adulti. Sintomi simili potrebbero verificarsi a fine trattamento antipsicotico.

19 agosto: l’Agenzia europea dei medicinali ha messo in guardia contro l’uso degli antidepressivi sui figli, affermando che il farmaco causa: tentativi di suicidio, aggressività, ostilità e rabbia.

26 settembre: L’Agenzia Italiana del Farmaco, equivalente alla FDA ha messo in guardia contro l’uso dei vecchi antidepressivi (triciclici) nelle persone al di sotto dei 18 anni. Ha inoltre stabilito che i farmaci sono causa di attacchi di cuore in persone di ogni età.

17 ottobre: La FDA ha avvertito che l’antidepressivo Cymbalta può causare danni al fegato.

24 ottobre: La FDA ha ritirato lo stimolante Cylert dal mercato a causa del rischio di tossicità e insufficienza epatica.

Novembre: La FDA ha avvertito che l’antidepressivo Effexor potrebbe causare pensieri omicidi.

2006

9 da febbraio: L’FDA Drug Safety and Risk Management Advisory Committee ha invitato a evidenziare maggiormente il fatto che i psicofarmaci provocano morti improvvise, attacchi suicidi e vari disturbi.

20 febbraio: le autorità britanniche avvertono che Strattera è causa di convulsioni e, potenzialmente, allunga il periodo di riposo tra i battiti cardiaci.

22 marzo: Un comitato consultivo della FDA ha sentito le testimonianze di quasi 1.000 segnalazioni di bambini che vivevano psicosi o manie durante l’assunzione di stimolanti.

3 maggio:L’FDA avvisa sugli effetti collaterali dei farmaci psicotropi con 45 bambini morti e 1.300 casi di effetti collaterali gravi, come convulsioni e un basso numero di globuli bianchi.

12 maggio: Il produttore del Paxil ha avvertito che l’antidepressivo aumenta il rischio di suicidio negli adulti.

2 giugno: uno studio della FDA ha stabilito che il farmaco antipsicotico, Risperdal, potrebbe causare tumori pituitari. La ghiandola pituitaria, alla base del cervello, secerne ormoni che promuovono la crescita, e regola le funzioni del corpo. Gli antipsicotici possono aumentare la prolattina, un ormone della ghiandola pituitaria, e questo aumento è stato collegato al cancro. Risperdal aumenta i livelli di prolattina più frequentemente degli altri antipsicotici.

19 luglio: La FDA chiede che nell’imballaggio degli antidepressivi  venga sottolineato che essi possono causare una malattia mortale ai polmoni nei neonati le cui madri hanno assunto antidepressivi SSRI durante la gravidanza. Anche chi soffre di emicrania dovrebbe essere messo in guardia: la combinazione di farmaci SSRI potrebbe tradursi in una condizione di pericolo di vita chiamata sindrome serotoninergica.

AVVELENAMENTO DEL CIBO

L’uomo moderno ingerisce nella sua vita una quantità incredibile di prodotti chimici, aromi artificiali e additivi. Anche se vi è una crescente consapevolezza per quanto riguarda la sana alimentazione, vi è anche un sacco di disinformazione.

Al momento attuale, una sola società – la Monsanto – produce circa il 95% di tutti i semi di soia e l’80% di tutto il mais negli Stati Uniti. Ci sono numerosi documenti e film che espongono le malefatte della monsanto come il film The Corporation. E ‘comunque importante notare che attualmente via sia un monopolio esistente nel settore alimentare e il governo americano lo approva: molte persone che hanno approvato leggi in materia di alimenti, farmaci e agricoltura erano anche, sul libro paga della Monsanto. In altre parole, l’elite decide quali cibi devono venire venduti.

I funzionari pubblici che hanno lavorato per la Monsanto:

* Giudice Clarence Thomas ha lavorato come avvocato per la Monsanto nel 1970. Thomas ha scritto l’opinione della maggioranza nella decisione della Corte Suprema 2001 JEM Ag Supply, Inc. v. Pioneer Hi-Bred International, Inc. | J. EM AG FORNITURA, Inc. v. Pioneer Hi-BREDINTERNATIONAL, Inc. che ha sottolineato che “piante geneticamente modificate sono brevettabili in base alle leggi generali dei brevetti di utilità degli Stati Uniti.” Di questo caso hanno beneficiato tutte le aziende che traggono vantaggio da colture geneticamente modificate, come la Monsanto, che è una delle più grandi.

* Michael R. Taylor è stato assistente alla Food and Drug Administration (FDA), lavorò per uno studio legale per ottenere l’approvazione della FDA per l’uso di un ormone della crescita artificiale della Monsanto nel 1980. Taylor divenne vice commissario della FDA tra il 1991-1994. Taylor è stato poi ri-nominato alla FDA nel mese di agosto 2009 dal presidente Barack Obama.

* Dr. Michael A. Friedman era un vice commissario della FDA prima di essere assunto come vice presidente senior della Monsanto.

* Linda J. Fisher è stata amministratrice presso la United States Environmental Protection Agency (EPA), prima era vice presidententessa alla Monsanto tra il 1.995-2.000. Nel 2001, Fisher divenne amministratore delegato della EPA.

* L’ex segretario alla Difesa Donald Rumsfeld è stato presidente e amministratore delegato di GD Searle & Co., che la Monsanto ha acquistato nel 1985. Rumsfeld ha personalmente guadagnato  almeno 12 milioni dollari USD dalla transazione.

Molte leggi ( che sono state approvate da ex dipendenti della Monsanto), hanno facilitato l’introduzione e il consumo di cibi geneticamente modificati nel pubblico consumo.

“Secondo le statistiche aggiornate, il 45% del mais e l’85% della soia negli Stati Uniti è geneticamente modificato. Si stima che il 70-75 % dei cibi che si trovano nei supermercati Usa siano geneticamente modificati.

Altri alimenti geneticamente modificati sono la canola, la papaia, il radicchio, le patate, il riso, le zucchine, i meloni, il lino, i pomodori. una coltura non alimentare geneticamente modificata è quella del cotone. L’ormone geneticamente modificato per la crescita bovina (rBGH o Prosilac) è stato uno dei primi prodotti geneticamente modificati che ha ottenuto il permesso di entrate nei cibi americani.La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato l’rBGH della Monsanto nel 1993.
– Anna M. Salanti, Cibi geneticamente modificati

Anche se è ancora impossibile determinare gli effetti a lungo termine dei cibi geneticamente modificati sul corpo umano, alcuni fatti sono già stati definiti. Gli alimenti geneticamente modificati contengono meno sostanze nutritive e, soprattutto, pieni di agenti chimici.

“Una delle caratteristiche degli alimenti geneticamente modificati è la loro capacità di sostenere l’applicazione illimitata di prodotti chimici, inclusi i pesticidi. Bromoxynil e il glifosato sono stati associati a disturbi dello sviluppo nei feti, a tumori, a carcinomi e a vari linfomi. Gli studi indicano che l’ormone della crescita bovina (rBGH) di Monsanto provoca un aumento della produzione di latte e l’attivazione di un secondo ormone chiamato, IGF-1. Questo ormone è provoca tumori nell’uomo. L’agenzia, cane da guardia del congresso, la Government Accounting Office (GAO), ha raccomandato che l’rBGH non venisse approvato. L’Unione europea, il Canada ed altri lo hanno proibito. L’ONU ha inoltre rifiutato di certificare che l’utilizzo dell’rBGH sia sicuro. “

Le modificazioni genetiche della Monsanto fanno diventare i loro prodotti più grandi e più piacevoli esteticamente. Un altro, meno discusso “miglioramento”, è la capacità delle piante ‘di sopportare quantità quasi illimitate di pesticidi con marca Roundup. Questo incoraggia gli agricoltori ad usare quella marca di pesticidi, che è prodotta dalla Monsanto….

Studi sul pesticida della Roundup rivelano che causa molti problemi alla salute come:

* Aumento del rischio di cancro del linfoma non-Hodgkin
* Aborti
* Disturbo da Deficit di Attenzione (quello vero)

IL FLUORURO

Un’altra fonte di sostanze chimiche dannose si trova nei normali mezzi di approvigionamento di acqua dell’uomo moderno e nelle bevande analcoliche. Nel 2002, le statistiche CDC indicano che quasi il 60% della popolazione degli Stati Uniti riceve fluoro attraverso l’acqua dei rubinetti nelle loro case. La ragione ufficiale per la presenza di fluoro nella nostra acqua di rubinetto? Previene la carie. Ok … davvero? Per un beneficio moderatamente importante vale la pena consumare grandi quantità di questo elemento ? Alcuni studi hanno addirittura negato i suddetti benefici del fluoro sciolto nell’acqua.

Perché, dunque, il fluoruro è ancora presente nell’acqua del rubinetto? Ecco un resoconto sulle sostanze chimiche derivate dalla fluorizzazione:

Un tempo erano utilizzate come pesticidi
* Sono registrati come “velenose” nella legge sui veleni del 1972, nello stesso gruppo di tossine come l’arsenico, il mercurio e il paraquat
* Il Fluoruro è scientificamente classificato come più tossico del piombo, ma la sua presenza è ridotta nei rubinetti di casa.

Molti studi sono stati condotti sugli effetti del fluoruro sul corpo umano e alcuni notevoli effetti avversi sono stati osservati: cambia la struttura ossea e la forza, danneggia il sistema immunitario ed è stato collegato ad alcuni tipi di cancro. Un’altra conseguenza allarmante della fluorizzazione è il suo effetto sulle funzioni del cervello:

“Nel 1995, il neurotossicologista ed ex direttore di tossicologia presso Forsyth Dental Center di Boston, il Dr. Phyllis Mullenix ha pubblicato uno studio condotto sugli animali e sull’effetto del fluoruro su di essi. La prole degli animali in gravidanza esposti al fluoruro anche in quantità relativamente basse, mostrava iperattività (Sintomi simili al disturbo di attenzione). Gli animali giovani e gli animali adulti a cui è stato dato il fluoruro hanno sperimentato effetti completamente opposti- ipoattività o pigrizia. Gli effetti tossici del fluoro sul sistema nervoso centrale sono stati poi confermati da una ricerca del governo. Due nuovi studi epidemiologici tendono a confermare gli effetti neurotossici del fluoruro sul cervello e hanno dimostrato che bambini esposti a più alti livelli di fluoruro hanno un quoziente intellettivo minore “.

Un effetto collaterale meno conosciuto, ma estremamente importante del fluoro è la calcificazione della ghiandola pineale.

Fino agli anni 1990, la ricerca non era mai stata condotta per determinare l’impatto del fluoruro sulla ghiandola pineale – una piccola ghiandola situata tra i due emisferi del cervello che regola la produzione della melatonina. La melatonina è un ormone che aiuta a regolare l’inizio della pubertà e aiuta a proteggere il corpo dai danni cellulari provocati dai radicali liberi.

E ‘ormai noto – grazie alla meticolosa ricerca del Dr. Jennifer Luca presso l’Università di Surrey in Inghilterra – che la ghiandola pineale è la zona primaria di accumulo del fluoro all’interno del corpo.

I tessuti molli della ghiandola pineale di un adulto contengono più  fluoruro di qualsiasi altro tessuto molle del corpo – un livello di fluoro (300 ppm ~) in grado di inibire gli enzimi.

La ghiandola pineale contiene anche tessuti duri (cristalli hyroxyapatite), e su questo tessuto duro il fluoruro si accumula di più (fino a 21.000 ppm) rispetto a qualsiasi altro tessuto com corpo rigido (ad esempio denti e ossa).

Oltre che a regolare gli ormoni vitali, la ghiandola pineale è conosciuta per la sua funzione esoterica. E ‘nota all’interno dei gruppi mistici come il “terzo occhio” ed è stata considerata da molte culture la parte del cervello responsabile all’illuminazione spirituale e del collegamento col divino “. L’illuminazione è fuori portata per l’uomo moderno?

“Nel cervello umano vi è una piccola ghiandola chiamata il corpo pineale, che è l’occhio sacro degli antichi, e corrisponde al terzo occhio dei Ciclopi. Poco si sa riguardo alla funzione del corpo pineale, Cartesio ipotizzò (o meglio sapeva già) che essa era  la dimora dello spirito dell’uomo “.

ASPARTAME

L’aspartame è un dolcificante artificiale utilizzato nei prodotti “senza zucchero” come le versioni diet delle bibite gassate e nelle gomme da masticare. Fin dalla sua scoperta nel 1965, l’aspartame ha causato una grande controversia in relazione ai rischi per la salute essendo causa di tumori al cervello, viene anche proibito dalla FDA. Searle, la società che ha tentato di commercializzare l’aspartame, nomina Donald Rumsfeld Amministratore Delegato nel 1977 … e le cose cambiano drasticamente. In un breve periodo di tempo, l’aspartame si trova in più di 5.000 prodotti.
Anni dopo la sua approvazione da parte della FDA, gli scienziati sollecitano ancora l’organizzazione sul proibire questo prodotto.

“Il Dr. John Olney, che ha fondato un branchia delle neuroscienze chiamata eccitotossicità, ha tentato di fermare l’approvazione di aspartame con l’avvocato James Turner nel 1996.Il tossicologo della FDA, il dottor Adrian Gross ha detto al Congresso che, senza ombra di dubbio, l’aspartame può causare tumori al cervello e ha violato l’Emendamento Delaney che proibisce di mettere nel cibo sostanze che provocano il cancro. Informazioni dettagliate su questo si possono trovare nella Relazione Bressler (relazione della FDA su Searle). ”

Nel 1995, la FDA è stata costretta a rilasciare, in base al Freedom of information act, una lista di novantadue sintomi causati dall’aspartame segnalati da migliaia di vittime:

Questi sintomi sono però solo la punta di un iceberg. L’aspartame è stato collegato a gravi malattie e a problemi di salute a lungo termine.

“Secondo i medici e i ricercatori, l’aspartame provoca mal di testa, perdita di memoria, convulsioni, cecità, coma e cancro. Peggiora o imita i sintomi delle malattie e alle condizioni da fibromialgia, sclerosi multipla, lupus, ADD, diabete, Alzheimer, fatica cronica e depressione. Ulteriori pericoli derivano dal fatto che l’aspartame libera alcool metilico. L’avvelenamento cronico da metanolo risultante colpisce il sistema dopaminergico del cervello causando dipendenza. Il Metanolo, o alcool del legno, costituisce un terzo della molecola dell’aspartame e viene classificato come un veleno metabolico e narcotico grave “.

Monsanto: La spazzatura dell’industria alimentare

«Un nuovo terremoto” è come il leader degli agricoltori Chavannes Jean-Baptiste del Movimento Contadino di Pápay (MPP) definisce la notizia che la Monsanto donerà 60 mila sacchi di sementi (475 tonnellate) di semi di mais ibridi e semi di ortaggi, alcuni dei quali trattati con pesticidi altamente tossici. Il PMP si è impegnato a bruciare i semi della Monsanto, e ha chiesto una marcia per protestare contro la presenza della società ad Haiti il 4 giugno, per la Giornata Mondiale dell’Ambiente.

In una lettera aperta inviata il 14 maggio Chavannes Jean-Baptiste, il direttore esecutivo della PMP e il portavoce del Movimento nazionale dei contadini del Congresso dei Pápay (MPNKP), ha chiamato l’ingresso dei semi della Monsanto ad Haiti “un attacco molto forte alla piccola agricoltura, agli agricoltori, alle biodiversità   e su ciò che resta il nostro ambiente ad Haiti. “I movimenti sociali Haitiani sono stati ascoltati nella loro opposizione alle importazioni agro-alimentari di sementi e alimenti, che mette a rischio la produzione locale. Essi hanno espresso particolare preoccupazione circa l’importazione di organismi geneticamente modificati (OGM).

Fino ad ora, senza una legge che disciplina l’uso degli OGM in Haiti, il Ministero dell’Agricoltura ha respinto l’offerta della Monsanto Roundup Ready per i semi OGM. In uno scambio di email, di un rappresentante di Monsanto, quest’ultimo ha assicurato il ministero dell’Agricoltura che i semi non sono OGM .

Elizabeth Vancil, direttore della Monsanto delle iniziative e dello sviluppo, ha chiamato la notizia che il ministero haitiano dell’Agricoltura ha approvato la donazione dei semi “un favoloso regalo di pasqua” in una email aprile. La Monsanto è famosa per come aggressivamente spinge nella vendita dei semi, in particolare le sementi OGM, sia nel  Nord che nel Sud del mondo, anche attraverso accordi tecnologici altamente restrittivi con gli agricoltori che non sono sempre pienamente consapevoli di ciò che stanno firmando. Secondo le interviste di questo scrittore messicano con i rappresentanti delle organizzazioni di piccoli contadini, essi si trovano costretti ad acquistare sementi Monsanto ogni anno, alle condizioni che trovano onerose e con costi che a volte non possono permettersi.

I semi ibridi di mais che Monsanto  ha donato ad Haiti sono trattati con il fungicida XO Maxim, ed i semi di pomodoro calypso sono trattati con tiram . Il Tiram appartiene ad una classe di sostanze chimiche altamente tossiche chiamate bisdithiocarbamates etilene (EBDCs). Risultati delle prove di EBDCs su topi e ratti hanno causato preoccupazione per la US Environmental Protection Agency (l’EPA), che ha poi ordinato una revisione speciale. L’EPA ha determinato che le piante trattate con l’ EBDC  sono così pericolose per i lavoratori agricoli che devono indossare speciali indumenti protettivi per  poterli manipolare. I pesticidi contenenti nel tiram devono contenere un’etichetta di avvertimento speciale,  ha dichiarato l’EPA. L’EPA ha inoltre vietato la commercializzazione dei prodotti chimici utilizzati in molti prodotti per il giardino di casa, perché hanno giustamente presupposto che la maggior parte dei giardinieri non avesse adeguatati indumenti protettivi. Monsanto quando menzionò l’uso dei semi trattati con il tiram ai funzionari del ministero dell’Agricoltura in una e-mail, essa non conteneva alcuna spiegazione dei pericoli, né alcuna offerta di capi di abbigliamento speciali o di formazione per coloro che avrebbero coltivato con i semi tossici.

La preoccupazione dei movimenti sociali haitiani ‘non è solo sui pericoli delle sostanze chimiche e la possibilità di future importazioni di OGM. Essi sostengono che il futuro di Haiti dipende dalla produzione locale di cibo per il consumo locale, in quello che si chiama sovranità alimentare. l’arrivo della Monsanto in Haiti, dicono, è una minaccia ulteriore per questo.

“La gente negli Stati Uniti deve aiutarci a produrre, non darci gli alimenti e le sementi. Stanno rovinando la nostra possibilità di sostenere noi stessi”, ha detto il contadino Jonas Deronzil di una cooperativa contadina nella regione rurale di Verrettes.

La storia della Monsanto  da tempo fomenta le ire degli ambientalisti, i difensori della salute e dei piccoli agricoltori, tornando a produrre l’ “Agente arancione” durante la guerra del Vietnam.L’esposizione all’ AgenteArancione ha causato il cancro in un numero incalcolabile di veterani statunitensi e il governo vietnamita sostiene che 400.000 persone vietnamite sono state uccise o rese disabili dall’ Agente arancione,  500.000 bambini sono nati con difetti alla nascita a causa della loro esposizione a esso.

Il motto della Monasanto: “Senza prodotti chimici, la vita stessa sarebbe impossibile,” è stato sostituito da “Imagine”. Il suo sito web afferma che gli agricoltori di tutto il mondo, con i semi Monsanto producono di più e i loro prodotti si conservano più a lungo. Aiutiamo gli agricoltori ad avere una resa sostenibile in modo che possano avere successo, produrre cibi più sani … ma non si fa voce di diminuire l’impatto ambientale.

Insieme con Syngenta, Dupont e Bayer, Monsanto controlla più della metà di semi del mondo. La società detiene circa 650 brevetti sulle sementi, la maggior parte di essi per il cotone, mais e soia, e quasi il 30 per cento della quota di tutta la ricerca biotecnologica e lo sviluppo.Monsanto è venuta a possedere un ampia offerta con l’acquisto di grandi ditte sementiere per soffocare la concorrenza, acquistando i brevetti per le modificazioni genetiche di varietà vegetali e hanno denunciato i piccoli agricoltori. Monsanto è anche uno dei principali produttori di OGM.

Dal 2007, la Monsanto aveva depositato 112 cause contro gli agricoltori statunitensi per presunte violazioni dei brevetti sulla tecnologia OGM, coinvolgendo 372 agricoltori e 49 piccole imprese agricole in 27 Stati diversi. Da queste, la Monsanto ha vinto più di 21,5 milioni dollari nei giudizi. La multinazionale sembra indagare 500 agricoltori l’anno, a stime basate su documenti della stessa Monsanto e resoconti dei media.

“Gli agricoltori sono stati denunciati dopo che i campi sono stati contaminati da polline o semi da qualcun altro [colture geneticamente modificate] .
In Colombia, la Monsanto ha ricevuto ben $ 25 milioni dal governo degli Stati Uniti per la fornitura di Roundup Ultra durante gli sforzi messi in atto per fermare il traffico di droga. Roundup Ultra è una versione molto concentrata dell’erbicida glifosato Monsanto, con ingredienti aggiuntivi per aumentare la letalità. le comunità colombiane e le organizzazioni dei diritti umani hanno accusato il diserbante della società, colpevole di aver distrutto le loro produzioni agricoli, inquinato fonti idriche e delle aree protette, e ha portato incidenti e l’aumento dei difetti congeniti e dei tumori.

Vía Campesina, la più grande confederazione del mondo degli agricoltori con organizzazioni affiliate in oltre 60 paesi, ha chiamato la Monsanto uno dei “principali nemici dei contadini che sono per un’agricoltura sostenibile e per la sovranità alimentare che hanno di diritto i popoli.” Essi sostengono come la Monsanto e altre multinazionali controllo una quota sempre più grande del terreno e dell’agricoltura, che costringono i contadini a coltivare con le loro sementi. Essi affermano inoltre che i giganti dell’agribusiness contribuiscono al cambiamento climatico e ad altri disastri ambientali, una conseguenza dell’agricoltura industriale.
La coalizione Vía Campesina ha lanciato una campagna globale contro la Monsanto lo scorso 16 ottobre durante la Giornata mondiale dell’alimentazione, con proteste, occupazioni di terre e scioperi della fame in più di 20 paesi. Hanno effettuato una seconda giornata di azione globale contro la Monsanto, il 17 aprile di quest’anno, in onore della Giornata della Terra.

Le organizzazioni non governative negli Stati Uniti sono impegnati nelle pratiche Monsanto.L’Organic Consumers Association ha guidato la campagna “milioni contro Monsanto”, invitando l’azienda a interrompere le intimidazioni alle piccole famiglie di agricoltori, stop al marketing di prodotti non testati e non etichettati, di cibi geneticamente modificati e di smettere di usare miliardi di dollari di denaro provenienti dai contribuenti statunitensi che vanno a sovvenzionare le colture OGM.

Il Centro per la sicurezza alimentare ha guidato una battaglia legale di quattro anni contro la Monsanto, che si è appena concluso. Dopo aver vinto il processo contro la Monsanto ha vinto anche quello contro il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti per promozione illegale di erba medica modificata geneticamente

“Combattere le sementi ibride e OGM è un dovere per salvare la nostra diversità e la nostra agricoltura”, ha detto Jean-Baptiste in un’intervista a febbraio. “Abbiamo il potenziale per rendere le nostre terre abbastanza produttive per sfamare tutta la popolazione e anche per esportare determinati prodotti. La politica di cui abbiamo bisogno perché questo avvenga è la sovranità alimentare, in cui la regione ha il diritto di definire le proprie politiche agricole per produrre cibo sano in un modo che rispetti l’ambiente e la Madre Terra. ”

Il libro nero delle corporazioni

Dietro a ciò che definiamo governo nazionale, vi sono gruppi, chiamati multinazionali che portano denaro e ricchezze sfruttando l’ambiente, le persone povere e i paesi del terzo mondo. La multinazionale possiede una propria personalità giuridica e l’unico scopo è quello di accrescere sempre più il proprio capitale. Le multinazionali, ricattano gli Stati per far valere i propri interessi, puoi essere in U.s.a. puoi essere in Uganda, il capo di stato di turno dovrà per forza accettare i voleri di queste, altrimenti rischierebbe di essere tolto di torno.

La multinazionale si stabilisce in un paese povero garantendo di poter far crescere la città o il paese in cui si è insediata.  Effettivamente le condizioni di vita “salgono”, ma appena si fa strada una occasione di sfruttamento più economica, abbandonano il paese su cui si erano insediate lasciando in una povertà ancora più grande le persone e l’ambiente.

Così in uno stato  ricco la multinazionale farà pressioni sui governi, con appoggi finanziari, per facilitare l’approvazione di leggi che le permettano un maggior profitto.

Queste che elencherò sono la rosa delle multinazionali peggiori al mondo:

La Nestlé è stata  ripetutamente criticata e ampiamente boicottata da un gran numero
di paesi a causa della  violazione dei codici internazionali in materia di
commercializzazione di prodotti lattiero-caseari per i bambini
. Nestlé detiene circa il 50% del mercato del latte materno mondiale  e viene boicottata per le continue
violazioni del codice in materia di commercializzazione dei sostituti del latte materno dell OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), Codice in materia di
commercializzazione dei sostituti del latte materno.

Nestlé incoraggia  principalmente l’uso dei biberon dando via
campioni di latte gratuito per bambini agli ospedali, o si dimentica di raccogliere i pagamenti. La Nestlé
è stata criticata per disinformare mamme e operatori sanitari in
materiale promozionale. Nestlé postula che le madri malnutrite, le
mamme di gemelli e di bambini prematuri non sono in grado di allattare al seno, nonostante
organizzazioni sanitarie sostengono che non ci siano prove a sostegno di questa affermazione.

Prove di pubblicità diretta alle madri è stato trovato in oltre venti
paesi come il Sudafrica e la Thailandia. Le istruzioni e
le avvertenze sulle confezioni spesso sono assenti, non esposte in maniera visibile
o in un linguaggio inappropriato. Tutte queste azioni violano direttamente
il Codice che disciplina la commercializzazione di formule latte per l’infanzia.

Anche nel Regno Unito, i bambini allattati artificialmente hanno fino a dieci volte più probabilità di
sviluppare infezioni intestinali, ma nel Terzo Mondo, dove l’acqua pulita
è probabile sia assente, le madri potrebbero essere analfabete senza assistenza sanitaria e con poche informazioni, qui il biberon può essere più pericoloso.
Questo può portare a una situazione in cui i bambini risultano vulnerabili alla
dissenteria, alla malnutrizione e purtroppo vanno incontro spesso a morte
, e Nestlé così è in grado di mantenere la sua
quota di mercato stimata  a 4 miliardi dollari nel settore del latte per bambini.

Oltre 3000 bambini muoiono ogni giorno di malattie derivanti dall’uso di bottiglie (OMS).

Nestle  è stata recentemente criticata da Oxfam per il perseguimento contro il Governo Etiope per 6 milioni di dollari mentre il paese cerca di affrontare una carestia
che interessa 11 milioni di persone
. L’importo era così grande, perché fu
richiesto in dollari statunitensi non in valuta locale al tasso attuale di
scambio ma a quello del 1975. Nestlé neppure possedeva la  società quando la
fabbrica è stata nazionalizzata. Nestlé ha finalmente accettato  1,51 milioni dollari
offerti dal governo il 23/1/3 grazie alla campagna condotta da Oxfam
che ha fatto intravedere problemi futuri nelle pubbliche relazioni.

I lavoratori in un impianto di produzione della Nestlé in Caçapava, sono entrati in
sciopero nel 1989, lamentandosi delle cattive condizioni di lavoro,
discriminazione contro le donne, la mancanza di indumenti protettivi e per le inadeguate
condizioni di sicurezza. Entro due mesi dall’inizio dello sciopero la
società aveva già licenziato una quarantina dei suoi lavoratori, tra cui la maggior parte degli organizzatori dello sciopero.

Nestlè ha filiali in alcuni dei regimi più repressivi del
mondo, tra cui Cina, Colombia, Egitto, El Salvador, Guatemala, India,
Indonesia, Kenya, Libano, Messico, Papua Nuova Guinea, Filippine,
Senegal, Sri Lanka e Turchia. La società ha anche filiali in Sud
Africa che erano di sua proprietà nel corso dell’anno dell’Apartheid. L’Oreal (società madre
– Nestlé) ha filiali in Perù e Marocco.

Alias – Prodotti di proprietà Nestlè: L’Oreal, Croce e Blackwell, Branston, sci, Munch Bunch, Buitoni, Vittel, Perrier, Herta, Purina, Allenis, Maggi, Pietro, Milo, Garofano, Traiteur Blend, GoDog, Lean Cucina, Sunshine, Rowntrees, l’alito fresco, Quik Eze, Scanlens, Nesquik, Vitari, Nescafe, GoPet, International arrosto, Medallion, papà Guiseppi, il burro cacao, Dermoplast, Mighty Dog, e un numero spaventoso di tavolette di cioccolata.

L’organizzazione internazionale per il lavoro con sede negli Usa, e la United Steelworkers USA hanno  intentato una causa contro la Coca-Cola, accusando il suo impianto in Colombia di utilizzare paramilitari per reprimere le attività sindacali. Nel caso ancora irrisolto, Coca-Cola ha detto che non poteva essere ritenuta responsabile in quanto le strutture non erano direttamente sotto il suo controllo.Il verbale presentato a Miami nel 2001, ha affermato che la compagnia “mantiene relazioni aperte con gli squadroni della morte come parte di un programma per intimidire i leader sindacali. ”

La corporazione influenza, secondo un contratto stipulato nel 1997, la scuola di Colorado Springs che riceverà 8,4 milioni dollari in dieci anni in cambio del consumo di 70.000 casse di  Coca-Cola l’anno. La società ha invitato gli amministratori scolastici ad aumentare le vendite dei prodotti Coca Cola, consentendo un accesso migliore e illimitato alle macchinette e consentendo agli studenti di bere in classe. La società ha detto che prevede di diffondere questo modello in tutta l’America. Il Regno Unito sarà il prossimo?

Nel novembre 2000, Coca-Cola ha risolto una class-action pagando una multa record di 192,5 milioni dollari. La società è stata accusata di discriminazione razziale, negando agli afroamericani una retribuzione adeguata, le promozioni e i premi di produzione. La querela è stata presentata da quattro dipendenti ex e attuali, che vanno da una guardia di sicurezza a un ex dirigente, a nome di ben 2.000 dipendenti neri che attualmente lavorano o che hanno avuto posizioni di lavoro subordinato nella Coca-Cola negli Stati Uniti dall’ Aprile 1985 . I 4 che hanno fatto ricorso hanno sostenuto che  Coca-Cola pagava un dipendente medio nero quasi 27 mila dollari in meno rispetto ad un dipendente medio bianco e limitava le  possibilità dei lavoratori neri di ricevere promozioni.

La stragrande maggioranza dei lavoratori  di McDonald’s non ha un impiego a tempo pieno, non hanno alcun beneficio, non hanno alcun controllo o saranno costretti ad andarsene dopo pochi mesi. I posti di lavoro della Mc Donald’s sono appositamente de-qualificati, in modo che la multinazionale sia in grado di assumere lavoratori con un salario minimo e facilmente intercambiabili. Un terzo dei lavoratori dei fast food non parla inglese. McDonald’s e altre catene puntano ad automatismi che non richiedono alcuna formazione e ce la hanno quasi fatta. Tuttavia, essi combattono duramente per mantenere centinaia di milioni di dollari di sovvenzioni pubbliche per la “formazione” dei lavoratori. Il fatturato è del 300-400% all’anno.

Nessun operaio fa parte di un gruppo sindacale. Un solo ristorante è stato sindacalizzato di recente è stato nel 1997 a Montreal. Il ristorante è stato chiuso poco prima che l’unione fosse stata certificata.

Nel caso McLibel del 1990, la McDonald’s è stata giudicata colpevole di  sfruttare “bambini”,  “responsabiltà per crudeltà sugli animali”, e  “pubblicità, promozioni e opuscoli che hanno ingannato sui valori nutrizionali”. Il registro del lavoro,  delle condizioni di lavoro, del sindacato e della retribuzione è stato pesantemente criticato.

Il più grande venditore di Coca-Cola è McDonald’s. Gli americani bevono da soli 56 litri di soda all’anno. Coca Cola vuole aumentare il consumo dei propri prodotti del 25%  in più l’ anno, concentrandosi più sui bambini in quanto il mercato adulto è stagnante.

Ogni volta che si mangia un hamburger, si sta mangiando steroidi anabolizzanti, antibiotici, e feci.

Il bestiame è nutrito anche a brandelli di imballaggio, scatole di cartone,  cemento e segatura per aumentarne il peso.

Il bestiame che serve per la produzione di hamburger beve acqua sporca e si nutre di rifiuti alimentari e di alimenti marci.Fino al 1997, sono stati alimentati con milioni di cani e gatti morti acquistati da ricoveri per animali.Continuano a mangiare  suini morti, cavalli e pollame. (E i polli sono nutriti con i bovini morti).

I bovini sono anche alimentati con il letame di pollo, che può contenere la tenia, Giardia, residui di antibiotici, arsenico e metalli pesanti. La relazione degli ispettori federali è stata che gli animali sono visibilmente malati, bovini infettati con il morbillo, la tenia, e coperti di ascessi vengono macellati e trasformati in carne.

Un quarto delle vacche da latte bovino macellato è logoro, gli animali sono macellati con malattie, tumori, e residui di antibiotici. McDonald’s utilizza molto le vacche da latte vecchie perché sono meno grasse, meno costose e consente loro di dire che tutta la loro carne proviene dagli Stati Uniti.


Durante il boicottaggio del Sudafrica negli anni dell’apartheid, Procter &
Gamble ha mantenuto la sua licenza per vendere. Procter & Gamble oggi
opera nei nuovi regimi oppressivi; Brasile, Cina, Colombia,
Egitto, India, Indonesia, Kenya, Libano, Messico, Marocco, Perù,
Filippine e la Turchia.

Alla fine del 1991 la società è stata criticata per continuare ad inquinare
il fiume Fenholloway con fino a 50 milioni di galloni di acque inquinate ogni
giorno
dal suo impianto di cellulosa in Florida. I pesci nel fiume venivano
contaminati dalla diossina, e i pozzi d’acqua in prossimità del fiume risultavano inutilizzabili . Sorprendentemente, tutto questo inquinamento è nei limiti legali, ma
funzionari statali si dicono pronti a revisione il permesso della P & G.

Sono stati spesso accusati di inutili test sugli animali. Il numero totale degli animili usati per i testi della P & G sono 50.000.

Alias prodotti di propietà P&G – Max Factor, Clarion, Colorfast, Cover Girl, Mary Quant, Maxi, Outdoor Girl, luvs (pannolini), Pampers, passo dopo passo, sempre, Head & Shoulders, Vidal Sassoon, Clearsil, Fairy, Zest, Crest, Ariel , Grassetto, Daz, Dreft, Fata, Marea, Bounce, roverelle, Cheer, Dash, Era, Gain, Neve d’Avorio, Oxydol, Marea. Fata, Head & Shoulders, avorio, Pantene, Pert Plus, Prell, Vidal Sassoon, (range Vicks) Chloraseptic, pastiglie per la tosse, DayQuil, inalatore, NyQuil, Sinex, Vaporub, VapoSteam, Vicks 44, Vitamina C Drops.

Unilever è una società anglo-olandese con filiali in molti paesi con regimi repressivi, per esempio il Sud Africa, Brasile, Colombia, Egitto, El Salvador, Guatemala, Honduras, India, Indonesia, Kenya, Messico, Marocco, Perù, Filippine, Senegal , Sri Lanka, Turchia e Uganda. Sono stati criticati per il trattamento repressivo dei lavoratori, e gran parte dei profitti di Unilever provengono da commerci svantaggiosi per le nazioni che possiedono le materie prime  (tè, caffè e oli vegetali).

Sono ovviamente i produttori di un enorme quantità di saponi e detergenti, e sono stati ritenuti responsabili per una serie di gravi casi di inquinamento delle acque. Ad esempio, nel 1990, la Crosfield che produce prodotti chimici, è stata multata dopo aver rilasciato cinquanta tonnelate di acido solforico concentrato nei sistemi di depurazione a Warrington. Inoltre, nel 1991, l’ente scozzese per la purezza dei fiumi aveva accertato che la società aveva superato il suo limite di scarico di tre o più volte, la società è stata condanna per reati di inquinamento delle acque.

Sono stati criticati per inutili sperimentazioni di cosmetici sugli animali e accusati di fare disinformazione per quanto riguarda la loro posizione sul tema della manipolazione genetica, dicendo che le società ‘ha un’opinione positiva sull’ingegneria genetica’. L’azienda, infatti, non ha una linea unitaria sull’ ingegneria genetica, ma si attiene alle regole del paese, ad esempio Unilever Germania non utilizza tecniche di ingegneria genetica sui prodotti, mentre in altri, dove è possibile, si.

Furono accusati di marketing pubblicitario fraudolento dopo l’offerta gratuita di multivitaminici (tra cui la vitamina A) con i kit di gravidanza, dopo che il Dipartimento della Sanità consigliò alle donne in gravidanza di evitare di prendere integratori dietetici contenenti vitamina A a causa del rischio di difetti alla nascita.

Alias prodotti di proprietà – Colomba, tè Lyptons, Bertolli, Hellmann’s, Knorr, Rag, Birds Eye, Findus, Solero Magnum, Domestos, Cif, Comfort, Impulse, Organics, Sunsilk, Lux, Slim, Signal, Calvin Klein.

Wal-Mart è una società che genera un fatturato di 138 miliardi dollari, il che la rende la più grande multinazionale di vendita al dettaglio al mondo. Wal-Mart è stata accusata di distruggere le economie dei piccoli centri negli Stati Uniti, di abusare dei diritti dei suoi lavoratori nei paesi in via di sviluppo e con campagne pubblicitarie mirate, colpire il pubblico impressionabile di adolescenti americani. L’azienda è il più grande datore di lavoro negli Stati Uniti ed è stato spesso accusato di violare i diritti internazionali del lavoro.

Hanno raggiunto la saturazione del mercato in Nord America e possono solo espandere il loro impero, spostandosi verso l’Europa e gli altri “nuovi” mercati. Nel giugno 1999 hanno comprato Asda (che era la terza più grande catena di supermercati del Regno Unito) per £ 6,7 miliardi.Purtroppo la catena Asda è stata un membro della Ethical Trading Initiative, ma sarà ora Wal Mart il canale con cui verrano venduti i suoi prodotti. Il codice della Wal-Mart permette di utilizzare prodotti realizzati da bambini di 14 o 15, ma “preferisce” che lavorino non più di sessanta ore alla settimana.

Wal-Mart, come big del suo settore negli degli Stati Uniti, è anche il più grande venditore di armi. Gli attivisti per leggi più severe sul controllo delle armi accusano Wal-Mart di essere irresponsabile nella vendita delle armi da fuoco e di essere troppo lassista nel vendere armi agli adolescenti.Quando la rock star Sheryl Crow aveva accennato a questo su un disco recente, Wal-Mart magnanimamente ha vietato la loro vendita in 2.500 punti vendita.

E’ stata anche accusata di aver tentato di profanare tombe antiche. Wal-Mart vuole costruire un supermercato sulla cima di un cimitero dei nativi americani in Tennessee. I nativi americani ‘discendenti sono naturalmente furiosi per il piano.

Si tratta di una delle 17 società che deve far fronte ad una azione legale di £ 660.000.000 nei tribunali degli Stati Uniti proposto dai produttori di abbigliamento nel protettorato americano del Pacifico di Saipan. Essi sostengono di aver subito percosse, aborti forzati e quartieri infestati da parassiti al servizio del fornitore di Wal-Mart. Wal-Mart nega l’addebito. Un altro dibattito per la Wal-Mart ci fu con la celebrità Kathy Lee Gifford che decise di  togliere il suo nome da una serie di abiti Wal-Mart, quando gli attivisti del lavoro americano scoprirono che i capi furono preparati in Honduras da bambini sfruttati.

Wal-Mart ha da tempo perseguito una politica di ricerca dei piccoli centri urbani negli U.s.a. Sono in grado di creare monopoli con l’introduzione di prezzi artificialmente bassi che mettono la concorrenza fuori dal mercato e questo li lascia liberi di aumentare il prezzo di nuovo. Nonostante l’aria familiare e l’immagine della famiglia che hanno tanto sudato per ottenere, Wal Mart è in realtà un colosso senza volto, una organizzazione che sostituisce sistematicamente le piccole imprese a livello locale. I posti di lavoro “creati” da Wal-Mart pagano salario minimo e gli utili vengono inviati altrove, impoverendo l’economia locale.

Bacardi gioca sulle sue radici cubane, fuorviano i bevitori a credere che Bacardi abbia qualche tipo di collegamento con l’isola. La triste verità è che l’impero Bacardi:

1) Ha base nelle Bahamas

2) ha rotto tutti i legami con Cuba dopo che il movimento di guerriglia popolare guidata da Fidel Castro e “Che” Guevara ha portato alla Rivoluzione del 1959 che ha eliminato la dittatura di Batista.

3) Dopo la rivoluzione, ha sostenuto illegali e violenti tentativi di minare la Rivoluzione cubana, compresi i finanziamenti della Fondazione Nazionale Cubano-Americana  (FNCA), una organizzazione di destra  anti-castrista di Miami, che è stato responsabile di sistematici atti di terrorismo contro Cuba.

4) Gli avvocati di Bacardi hanno anche aiutato gli Stati Uniti in un progetto di legge l’ Helms-Burton, che estende il blocco degli Stati Uniti a Cuba ai paesi terzi, in violazione del diritto commerciale internazionale. Il senatore americano William Dengue ha detto che la legge dovrebbe essere rinominata “legge Helms-Bacardí Protection Act”. Il blocco impedisce la vendita di prodotti alimentari, medicinali e altri generi di prima necessità a Cuba e minaccia altri paesi (tra cui Gran Bretagna). È stato stimato che il blocco è costato a Cuba più di $ 40 miliardi di perdite in produzione e nel commercio.

5) Ogni anno il blocco degli Stati Uniti è condannato massicciamente dalle Nazioni Unite che è all’ origine di gravi carenze e sofferenze tra la popolazione cubana. L’Associazione Americana per la sanità mondiale (AAWH) ha riportato che dal 1997  il blocco degli Stati Uniti sta contribuendo alla malnutrizione e della scarsa qualità dell’acqua a Cuba e che Cuba sono negati l’accesso ai farmaci e alle attrezzature mediche che stanno causando ai pazienti, compresi i bambini,sofferenze  inutili e morti inutili. L’ AAWH ha concluso che una catastrofe umanitaria è stata evitata solo perché il governo cubano ha mantenuto la priorità per un sistema progettato per fornire cure primarie e la prevenzione a tutti i suoi cittadini.


6) Nel 1996, la Bacardi ha iniziato a commercializzare illegalmente proprio l’ Havana Club .Pernod Ricard fu citato in giudizio. Ma, grazie alla sezione 211 di un articolo (aggiunta al bilancio degli Stati Uniti dopo una frenetica attività da parte degli avvocati della lobby) la Bacardi vinto. La sezione 211 stabilisce arbitrariamente che nessun tribunale negli Stati Uniti può riconoscere o in qualsiasi modo convalidare lamentele per quanto riguarda i marchi e i nomi commerciali relativi alla proprietà “confiscate” al governo cubano. La sezione 211 viola i diritti sul commercio, e Pernod Ricard sta affromtamdo il caso imputato però, dall’ Organizzazione mondiale del commercio.

ExxonMobil (Esso) ha aumentato le sue emissioni di gas serra dopo che gli Stati Uniti hanno rifiutato di ratificare l’accordo di  Kyoto. Esso produce più di due volte l’inquinamento di CO2 di paesi come la Norvegia.

L’anno scorso le loro emissioni di CO2 sono aumentate del 2% a 135.6m tonnellate, e gli utili sono saliti a 17 miliardi (£ 9,4 miliardi), il più grande risultato nel mondo aziendale. Le loro emissioni sono più del 50% superiori a quelli della BP, ma la loro produzione è solo leggermente più grande.

BP – 83.3m tonnellate di gas serra per 3,8 milioni di barili di petrolio e di gas al giorno
Exxon – 135.6m tonnellate per 4,4 milioni di barili al giorno

Alcuni esperti (ad esempio il Climate Mitigation Service del Colorado) hanno dichiarato che le cifre della Exxon sono sottostimate, e il totale reale è più vicino alle 379 mila tonnellate.

Exxon ha ammesso di non avere obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2, anche se ha insistito che si trattava di lavorare sodo sull’ “efficienza energetica” per ovviamente i guadagni.
“Come molte altre società, non crediamo che Kyoto sia l’approccio giusto. Abbiamo paura che ciò richieda grandissimi sforzi economici al mondo sviluppato mentre i paesi in via di sviluppo che sfrutteranno le risorse maggiormente, non veranno colpite molto da questo accordo.
Tuttavia, questo non spiega perché siano così tanto peggio rispetto altre aziende. Una ragione è che bruciano gas in Nigeria. Questo è quello che avviene quando il gas naturale viene portato fuori dal terreno con l’olio, ma viene immediatamente bruciato. La società ammette di bruciare quasi 600 metri cubi di gas nel 2003 (da 450 nel 2002).

“Arde [in Nigeria]  la principale fonte di produzione di gas serra nell’Africa sub-sahariana. Si tratta di una violazione dei diritti umani e qualcosa che non è consentito in questo paese (Stati Uniti),”

Exxon dice che comincerà a eliminare questi gas partire dal 2006. Sostengono che questo progetto è più avanti degli ultimi obiettivi che ha il governo nigeriano su questa tematica.

Il 10 novembre 1995, dopo 17 mesi in carcere e un processo che è stato universalmente condannato come un falso, Ken Saro-Wiwa e otto altri attivisti Ogoni sono stati impiccati a Port Harcourt, in Nigeria. Il loro unico crimine è stato il loro successo nel portare alla luce il ruolo della Shell Petroleum Company nel distruggere la loro terra, la loro società, e il loro popolo.

Le operazioni della Shell in Nigeria hanno portato a livelli di inquinamento che sono 700 volte superiori a quelli consentiti in Europa. Dei livelli di inquinamento da idrocarburi in acqua potabile sono stati 360 volte superiore rispetto alle norme europee. Nonostante le ripetute smentite categoriche, Shell  a malincuore ammette sia di pagare le armi ai militari sia di importarle. Due degli accusatori al processo Saro-Wiwa hanno poi firmato una dichiarazione sotto giuramento, e risultava che erano stati corrotti dai militari nigeriani e da Shell per testimoniare contro Saro-Wiwa.

Shell ha fatto anche pressioni nella comunità autoctona U’wa della Colombia, al fine di sfruttare l’enorme provincia petrolifera di Samore lì. Il rischio ambientale è enorme. Alla stazione di servizio Cano Limon che opera nelle vicinanze della Colombia, sono stati riversati circa 1,5 milioni di barili di greggio nella foresta pluviale nel corso dell’ultimo decennio (Exxon Valdez da sola 36.000 barili). Molto di questo è dovuto al sabotaggio da parte dei guerriglieri, che rappresentano un altra grave minaccia per l’U’wa. In risposta Shell ha pagato una tassa di guerra di 1 dollaro al barile – US $ 180.000 al giorno – perchè l’esercito colombiano protegga le loro installazioni a Cano Limon. L’esercito colombiano è conosciuto per le sue violazioni dei diritti umani, e la militarizzazione del territorio U’wa introdurrà violenza organizzata nella zona.

Shell in Perù ruppe dopo neanche un anno le promesse di rispettare i diritti indigeni, di consultarsi con le comunità, e  l’operare ai più alti standard ambientali. Entro un mese, l’azienda avviò la perforazione all’interno di una riserva di nomadi Nahua e popoli Kugapakori. A metà degli anni 80 durante le prime attività esplorative della Shell, decine di Nahua sono morti dopo essere stati esposti a malattie sconosciute. In altre zone nel corso della loro concessione in Perù, la multinazionale ha cominciato le operazioni prima di consultare le comunità interessate. Infine, la Shell ha già iniziato a gettare acque tossiche in Amazzonia.

Stefano Cucchi pt2

Parla la sorella:

“Riteniamo che ci sia una responsabilità di omicidio volontario, perché nel momento in cui loro erano a conoscenza della gravità della situazione non hanno fatto assolutamente nulla per salvargli la vita”. Così Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, il ragazzo morto il 22 ottobre 2009, giudicato morto per disidratazione dalla apposita commissione parlamentare di inchiesta. “Questa relazione – dice Ilaria Cucchi al programma televisivo Mattino Cinque – conferma quello che noi abbiamo sempre sostenuto, ossia che c’è una responsabilità gravissima da parte dei medici. Attenzione, i medici non solo non lo hanno curato ma lo hanno lasciato morire, hanno ignorato tutte le sue richieste. Voglio dire, il suo digiuno era finalizzato ad incontrare un avvocato, mi domando perché ci sia stata questa sorta di isolamento. Noi siamo d’accordo con quello che affermano i parlamentari, sottolineo però come abbiamo già fatto in altre circostanze, che Stefano non sarebbe arrivato al Pertini se non fosse stato per le percosse e non solo, a mio avviso non sarebbe morto di disidratazione in soli quattro giorni se il suo fisico non fosse stato così debilitato proprio dal pestaggio subito”.

Sull’intenzione di presentare un esposto alla Procura per omicidio, la sorella di Stefano Cucchi ha spiegato: “I nostrilegali stanno valutando questa ipotesi, perché proprio da quanto emerge dalla relazione parlamentare, come anche era già emerso da quella del Dap, ci sono stati dei comportamenti altamente omissivi ed illeciti da parte di chi lo ha avuto in custodia al Pertini. Il corpo di mio fratello parla da solo. Fino a pochi giorni fa si parlava di fratture pregresse e di malformazioni, questo da parte dei consulenti della Procura. Ora c’è stata l’ulteriore conferma che quello che sosteniamo noi è vero, che le fratture sono recenti e sono effettivamente compatibili con il pestaggio che mio fratello ha subito e che talaltro è documentato anche dalle testimonianze”.

“Tutte le responsabilità devono essere accertate, non solo a quelle gravissime dei medici. È ovvio – osserva Ilaria Cucchi -, quello che dice la relazione è vero ma noi non abbiamo mai detto che Stefano è morto per le vertebre rotte, non si può morire per due vertebre rotte. È logico però che tutto questo suo stato, e non mi riferisco solo alle vertebre rotte, Stefano aveva del sangue nello stomaco, nella vescica. Tutto questo stato lo ha portato a morire in quattro giorni al Pertini”.

“Noi riteniamo – prosegue – che ci sia veramente un quadro che possa evidenziare una responsabilità anche di omicidio volontario, perché nel momento in cui loro erano a conoscenza della gravità della situazione e non hanno fatto assolutamente nulla per salvare la vita a mio fratello che, ripeto, poteva essere ancora tra noi se no fosse stato per i loro comportamenti omissivi ed illeciti, a quel punto se ne assumeranno le responsabilità e non mi riferisco solamente ai medici del Pertini ma a tutti quelli che hanno avuto a che fare con lui”.

“Se mio fratello fosse rimasto al Fatebenefratelli dove gli avevano diagnosticato le vertebre e dove avevano tentato di curarlo, probabilmente sarebbe ancora con noi”, ha concluso Ilaria Cucchi.

No al nucleare

CHI VUOLE IL NUCLEARE CONFONDE ENERGIA ELETTRICA CON ENERGIA

L’energia elettrica è una piccola quota dell’energia che utilizziamo.

Quasi un terzo dell’energia importata serve per produrre l’energia elettrica, ma un terzo abbondante serve per riscaldare acqua, produrre calore che può essere prodotto in modo conveniente, senza usare fossili nè nucleare. Solo eliminando gli sprechi attuali nei consumi per far raffreddamento e riscaldamento delle case avremmo un risparmio di energia estremamente più elevato di quello che nei prossimi anni potrebbe darci, forse, il nucleare. Lo stesso vale per il sistema trasporti che è fra i più energivori.
La stragrande parte di energia non è elettrica, il nucleare affronta solo la questione elettrica (che è sul 15% come consumi finali, ma i suoi usi obbligati sono sul 12 %) che è una piccola quota dei problema.

NON E’ VERO CHE IL CICLO NUCLEARE NON PRODUCE CO2
Perchè alcuni anni fa addirittura in ambienti vicini all’ambiente si è cercato di dire che forse era meno peggio usare il nucleare? Il ragionamento era: siccome le fonti fossili, basate sulla combustione, producono CO2, aumentano l’effetto serra ed in questo momento i cambiamenti climatici sono un problema molto rilevante, usiamo il nucleare perché non produce CO2
Ma c’è un errore (a parte considerare solo l’energia elettrica): si considera la centrale isolata dal contesto (vale anche per le fonti rinnovabili), senza valutarne il ciclo di vita e il bilancio energetico.

Per capirci faccio un ragionamento sul solare, a cui siamo favorevoli ma di cui dobbiamo anche capire i limiti. I primi pannelli solari fotovoltaici erano sbagliati perché consumavano più energia di quanto ne producevano, perché l’obiettivo era garantire energia nei sistema dei satelliti: il fotovoltaico nasce come tecnologia spaziale. Che il satellite abbia energia è fondamentale, che questa sia ottenuta con più energia di quanto ne dà è irrilevante per chi vive dentro il satellite.
Oggi, pur con una ricerca insufficiente dei fotovoltaico, il bilancio è di 4 a 1, cioè consumo 1 di energia e ne ottengo 4, per cui siamo in buone condizioni, anche se siamo sotto l’eolico, che ne dà 20 a 1 e può molto migliorare.

IL CICLO DELL’URANIO
Vediamo ora quale è il bilancio dell’energia nucleare: dobbiamo partire dalla miniera ed arrivare all’eliminazione deirifiuti, tenendo conto di tutti ì consumi di energia, gli impatti ambientali, sanitari e fare anche un conto economico.
Partiamo dalla miniera e ci rendiamo conto (basta pensare ai filmati sul Niger) di cosa sta succedendo alle popolazioni e alle foreste nigeriane per effetto delle miniere di uranio, quali sono i disastri sanitari cui sono esposti i lavoratori e le popolazioni. Cose simili sono accadute in Canada, dove peraltro si usavano tecnologie più avanzate. L’uranio si estrae dalle rocce frantumandole nelle miniere.

Qual è la percentuale di uranio che si estrae? Se siamo fortunati lo 0,1 %, perché le miniere più ricche si sono esaurite. Ma se andiamo sotto lo 0,05 secondo alcuni (o lo 0,02 per altri) l’energia necessaria per tutte le fasi d’estrazione è cosi alta che la produzione di energia elettrica della centrale non compensa l’energia usata nel ciclo estrattivo.
Inoltre è anche economicamente non conveniente. E’ vero, di uranio ce n’è tanto; anche di oro ce n’è tantissimo, ma l’estrazione di oro dal mare è così costosa che nessuno la fa; lo stesso vale per l’uranio: bisogna vedere qual è la quantità energeticamente ed economicamente utilizzabile.

Oggi, sulla base dei dati in possesso, l’energia disponibile dall’uranio è meno della metà delle riserve di metano, che sono, più o meno, quanto le riserve di petrolio. Se usassimo oggi tutto l’uranio, l’esaurimento energetico arriverebbe in tempi più brevi che con il petrolio o il metano. Va aggiunto che il valore di energia disponibile dall’uranio è meno della metà di un millesimo dell’energia che in un solo anno ci manda il sole.
Il sole ci manda energia tale che, se riuscissimo ad utilizzarla per un millesimo, avremmo in un anno due volte tutta l’energia che da qui al suo esaurimento può provenire dall’uranio. Se usassimo l’uranio come unica fonte per le esigenze energetiche dei mondo si coprirebbe, come tempo, un anno e mezzo. Mentre se usassimo l’energia solare, in un anno copriremmo le esigenze energetiche dei mondo per oltre tre anni, e ne avremmo ancora, per altri 4 miliardi di anni…

Ovvio che nessuno pretende di usare l’energia solare al 100% altrimenti la sottrarremmo alle piante. Ma la parte che utilizzano le piante dell’energia solare che arriva è tra l’uno per mille e l’uno per cento!
Se noi usassimo l’uno per mille, avremmo più energia rispetto ai consumi attuali (che dobbiamo ampiamente diminuire perchè lo spreco è alto).
E’ insufficiente la ricerca rispetto ad un utilizzo dei solare, ma pensare che il solare sia insufficiente, quando, in un solo anno, è enormemente di più di tutte le altre fonti insieme, è pazzesco.

NUCLEARE “CIVILE” E MILITARE
Va aggiunto che l’uranio da utilizzare è l’uranio 235, che è lo 0,7 % dei totale dell’uranio che si estrae e per usarlo devono utilizzare quelle “centrifughe” che ci mostrano spesso, quando denunciano il “pericolo iraniano”. Altri paesi l’avevano fatto ampiamente e si sono muniti della bomba atomica come Israele, Sudafrica, India e Pakistan.
Anche l’Iraq l’avrebbe fatto e l’Italia aveva già iniziato a mandargli i materiali negli anni Ottanta poi, Israele, che aveva fatto la stessa cosa, si è messo di mezzo. Questo per ricordare che l’energia nucleare “civile” è un sottoprodotto di quella militare.
L’Italia ha accettato, con il trattato di non proliferazione, di non produrre il combustibile, dunque siamo totalmente dipendenti dall’estero per il combustibile attivo, il che vuoi dire che, se non dipendiamo più, per esempio, dallo sceicco o dal russo per il metano, dipendiamo da chi arricchisce l’uranio. Dunque nessuna autonomia.
Torniamo alla roccia, allo 0,7 %, col problema dell’arricchimento; va aggiunto il problema del trasferimento dell’uranio e dei passaggio fino alla centrale.
La centrale deve essere costruita e consuma energia e se non dura almeno i 35 anni previsti non tornano i conti.

IL REFERENDUM E’ ARRIVATO A NUCLEARE GIA’ FALLITO
Dicono che è colpa dei referendum dei 1987 se sì è persa una quantità enorme di energia. Ma nel 1986 la centrale di Caorso era già chiusa, non era in grado di funzionare, la centrale dei Garigliano non era mai entrata in funzione, ma ha consumato un sacco di energia producendo un sacco di radioattività nella zona. Di fatto con il referendum abbiamo sancito il fallimento dell’avventura nucleare italiana che ha consumato più energia di quella prodotta.
Inoltre abbiamo collaborato con la Francia per il Superphoenix, che è stato un fallimento e costruito il Pec del Brasimone e l’impianto di Latina: potete capire lo spreco che abbiamo fatto e riproporre oggi un avventura dei genere vuoi dire ignorare il fallimento italiano. Abbiamo chiuso un sistema antieconomico e non abbiamo perso alcuna opportunità.

IL FALSO RISPARMIO DEL NUCLEARE
La centrale nucleare ha costì enormi e tempi lunghissimi. Per la centrale in costruzione in Finlandia i tempi si stanno dilatando e i costi stanno più che raddoppiando. In ogni caso sono tempi e costi ben più ampi di quelli annunciati dal governo italiano. Se non ci riescono i finlandesi, non si capisce come dovrebbe riuscirci il governo italiano, che ha già fallito.
Se si valutano i costi reali di una centrale si vede che anche il mito dei risparmio dei nucleare è una falsità. Se la centrale non dura 35 anni è un fallimento e dobbiamo aggiungere i costi dello smantellamento. L’unico esempio di smantellamento è in America ed è costato il doppio della costruzione: i lavoratori che devono smantellare un impianto così pericoloso devono fare in fretta, lavorare una giornata e poi avere ampi periodi di sosta per cercare di tutelare la loro salute. L’UE, per smantellare una centrale in Lituania ha previsto costi doppi della costruzione.

SE E’ COSI’ ANTIECONOMICO PERCHEVIENE PROPOSTO?
A parte alcuni che vogliono costruirsi una bomba o che vogliono sostituire impianti esistenti – vedi la Francia – nel mondo oggi nessuno propone più il nucleare. La Germania ha scelto che le centrali che sì esauriscono non vengano sostituite. In Asia è stata annunciata, a gennaio, la decisione di chiudere in anticipo una centrale perché non aveva senso continuare a mantenerla attiva, e non si è deciso la costruzione di nuovi impiantì. Quindi in Europa, salvo la Finlandia e una ipotesi in Francia, non si sta assistendo a nessuna scelta di questo tipo. In America non si stanno proponendo nuove centrali dal 1979.

Quelle che sono state costruite erano già in programma; Bush aveva provato a dare degli incentivi a chi voleva costruirne, nessuno li ha chiesti e Obama li ha eliminati ricordando i costi enormi dei deposito dei rifiuti nucleari. Nessuno al mondo ne ha mai realizzati. Gli unici al mondo che ci stanno provando sono gli Stati Uniti con enormi difficoltà, pur avendo deserti e luoghi molto più idonei dei nostri. Alle condizioni attuali, l’uranio, per alimentare le centrali esistenti, durerà meno di petrolio e metano e, se costruiamo centrali in più, si esaurirà ancora prima.
Dal punto di vista energetico, il bilancio è negativo: quanto costa tenere, per migliaia di anni, i depositi di rifiuti? C’è un enorme consumo di energia non elettrica (che oggi è fossile) in tutte le fasi (dall’estrazione nelle miniere, allo smantellamento delle centrali) e il deposito scorie.
Perciò, che il nucleare riduca l’emissione di CO2, vale per la centrale, ma se si valutano tutta l’energia utilizzata, dalla miniera al deposito dei rifiuti, non si può certo dire che una centrale nucleare produce il 50% in meno di emissioni di una centrale a fossili. Più il tenore in uranio nelle rocce diminuisce e aumentano i sistemi di sicurezza, la produzione di CO2 si avvicina a quella di una centrale classica.
Se oggi decido una centrale nucleare, ci vogliono dai 12 ai 15 anni come minino perché entri in funzione (non siamo certo più bravi degli altri) e, in tutta questa fase, usiamo energia fossile che aumenta la CO 2. L’emissione di CO2 eventualmente risparmiata, ci sarà non prima di 35 anni, ma il problema dei cambiamenti climatici deve essere risolto molto prima.

L’AFFARE NUCLEARE ALL’EST
Costruire centrali oggi sarebbe un fallimento economico, sanitario, energetico e dal punto di vista delle emissioni di CO2. Allora perché qualcuno propone di farlo? L’Enel possiede più di 6 centrali nucleari: 2 in Slovacchia, 4 in Spagna e una partecipazione in Francia. L’accordo tra Francia e Italia è una sorta di pour-parler tra due capi di stato per fare gli interessi di due aziende private. li vero business è realizzarne qualcuna anche in Italia, ma soprattutto nuove centrali nei paesi dell’Est in sostituzione delle vecchie centrali tipo Cernobyl,come quelle dell’Enel in Slovacchia e altre nuove centrali per Serbia e Albania: lì non hanno nessun tipo di controllo, mancano le strutture idonee. Realizzarlo lì è follia totale. Ci dobbiamo opporre alle centr-ali nucleari dovunque, non solo nel nostro territorio.

A CERNOBYL NON E’ FINITA
Il problema di Cernobyl andrà avanti per decenni perché non è certo risolto. Avete visto i bambini che giungono da quei luoghi e sappiamo le migliaia di morti: la AIEA, che è pro-nucleare, conferma che finora 1800 bambini sono stati colpiti da cancro alla tiroide). La centrale sta sprofondando e rischia di creare disastri ben maggiori, il sarcofago entro 190 anni non terrà più, dovrà essere fatto qualcos’altro, ma i costi sono pazzeschi e nessuno vuote intervenire.

IN QUALI SITI?
Per essere raffreddata, una centrale nucleare da 1.600 megawatt ha un bisogno d’acqua enormemente maggiore di un centrale termoelettrica. Con la siccità dei 2008 bisognava decidere se usare l’acqua per le centrali idroelettriche o per l’agricoltura.
Se ci fossero state centrali nucleari sul Po, avremmo dovuto chiuderle, con un costo economico e un rischio ambientale enormi: le operazioni più rilevanti per una centrale nucleare sono spegnere e accendere. Una persona che non sia folle non proporrebbe mai di costruire una centrale nucleare in un posto con tali potenziali condizioni di siccità. In Italia probabilmente le centrali si possono costruire solo sul mare; vedo solo o il delta Po o sul mare, tipo Montalto (sito già approvato).

LA FRANCIA SVENDE L’ENERGIA
I filo-nucleari dicono che abbiamo un costo dell’energia elettrica molto più alta dei francesi; è sia vero che falso. Il costo dell’energia elettrica italiana è dovuto all’inadeguatezza dei nostro sistema elettrico in particolare delle nostre linee: abbiamo linee che hanno uno spreco del 12, 13 % nel trasferimento dell’energia elettrica. Importiamo energia elettrica dalla Francia perchè le centrali nucleari sono “rigide” producono energia anche quando non serve; perciò di notte ce la vendono sotto-costo. Il cosiddetto basso costo dei nucleare francese è un sottoprodotto dei nucleare militare, la “force de frappe” voluta dal gen. De Gaulle.
L’Italia, con i bacini idroelettrici, ha maggiore flessibilità, possiamo modulare la produzione, e ci conviene importare l’energia elettrica quando è “buttata via”.
Non si dice però che anche noi esportiamo energia elettrica alla Francia. L’Italia ha una potenza superiore al consumo di punta, ed è in grado di fronteggiare la domanda. La Francia invece produce molta energia elettrica ma è vulnerabile nel picco. la Francia ha imposto a molte aziende il riscaldamento con energia elettrica e, in un inverno freddo come quest’anno, non è stata in grado di coprire il suo fabbisogno, sono intervenute Germania e Italia.


Lezioni di Capitalismo:Un operaio val più da morto che da vivo

Negli Stati Uniti è possibile, per un’azienda, assicurare la vita dei propri dipendenti mantenendo completamente all’oscuro della cosa il dipendente stesso e la sua famiglia, ed è l’azienda che incassa la prestazione in caso di morte. Queste polizze vengono chiamate con un nome molto chiaro: “Dead peasants”, o anche “Dead janitors”. I lavoratori sono quindi considerati più o meno come bestie da soma, su cui si può, e magari è pure intrigante, scommettere.

Ragioniamo un attimo, approfittandone per una breve lezione di economia e finanza. Come funziona un’assicurazione sulla vita? Io (agente) pago un certa cifra (premio) a una ditta specializzata (assicurazione) che, in caso di mia morte, pagherà una somma ingente (prestazione) alla mia famiglia. Il premio che pago è senz’altro superiore, in media, alla prestazione media che riceverò, altrimenti l’assicurazione non avrebbe alcun vantaggio a stipulare questo contratto. Perché accetto di pagare un premio non equo? Perchè, in cambio di questo esborso, tranquillizzo la mia famiglia che potrebbe ritrovarsi sul lastrico in caso di mia dipartita. In altri termini, pago un servizio. Come fa l’assicurazione a guadagnarci con certezza? Perchè assicura decine di migliaia di persone, e quindi distribuisce il rischio di mortalità fra tutti i clienti. Fin qui tutto è chiaro.

Ma se la mia famiglia fosse di 10,000 persone, pagherei l’assicurazione per ciascuna di esse? Forse potrebbe convenire non pagare il premio, ma fare in modo che, in caso di morte di uno dei componenti della mia numerosa famiglia, tutti gli altri si facciano carico degli oneri derivanti. Sarebbe conveniente fare così, visto che risparmierei il differenziale fra il premio medio e la prestazione media che costituisce il guadagno dell’assicurazione. Ovviamente, devo fidarmi di tutti. In un certo senso, l’assicurazione è al riparo dai dardi dell’avversa fortuna proprio perché gestisce una “famiglia” di decine di migliaia di persone.

Allora: perché una grande azienda dovrebbe scommettere sulla vita dei suoi dipendenti? I premi pagati dall’azienda sono senz’altro superiori alle prestazioni ottenute. O forse le aziende pensano di saperla più lunga delle assicurazioni? Mettono il veleno nelle mense? Si avvicina veramente una pandemia e lo sanno solo loro? Sono masochisti e traggono un piacere edonistico dalla morte dei dipendenti che li compensa per la perdita finanziaria?

Per sciogliere quest’arcano, bisogna introdurre un terzo elemento oltre all’azienda e all’assicurazione. Il morto, in questo caso, non conta. La morte delle persone è una delle cose che si sa prevedere meglio, e tutti sono a conoscenza delle percentuali di mortalità divise per età, area geografica, sesso: una noia “mortale”. Per usare parole altolocate, è un caso di economia common knowledge. Chi è il terzo incomodo che gioca questo tressette col morto? E chi volete che sia? È il governo (detto anche: i contribuenti, compresi quelli che si assicurano sulla vita veramente). Cosa fa il governo in questo gioco? Esso incentiva le assicurazioni sulla vita con dei benefici fiscali. Perché lo fa? La cosa è chiara per il primo esempio: le famiglie (quelle vere, formate al massimo da una decina di persone, più probabilmente da tre o quattro) sono incentivate a stipulare assicurazioni sulla vita perché ciò le protegge economicamente e socialmente. È cosa buona e giusta, e il governo le aiuta.

Piccolo problema: il governo negli Stati Uniti aiuta anche le aziende che scommettono sui propri dipendenti. Riassumiamo quindi i flussi economici per i nostri tre giocatori (l’assicurazione, l’azienda, il governo) approfittandone per illustrare il principio dell’hedging, o copertura finanziaria:

  1. l’assicurazione (il compare) incassa i premi e paga le prestazioni. Siccome nell’aggregato le prestazioni sono minori dei premi, l’assicurazione guadagna sempre. Si copre infatti dall’incertezza sulla mortalità diversificando su un numero molto grande di polizze (e mica possono morire tutti, no?)
  2. l’azienda (il baro) paga i premi e incassa le prestazioni. L’azienda ha molti dipendenti (stiamo parlando delle più grandi corporation): quindi è praticamente certa che le prestazioni saranno minori dei premi. Tuttavia incassa anche dei benefici fiscali, ed evidentemente essi sono maggiori del differenziale fra premi e prestazioni (altrimenti non lo farebbe, no?). Quindi le aziende guadagnano sempre.
  3. il governo (il pollo) paga un beneficio fiscale ogni volta che viene stipulata una polizza. Tale esborso non è corrisposto da alcun beneficio sociale.

Eccoci di fronte a un bellissimo esempio di wealth transfer: su questo tavolo da gioco le fiches passano automaticamente e con ragionevole certezza dai contribuenti ad aziende ed assicurazioni (che, per inciso, spesso sono la stessa cosa). Il governo è fesso? Ma no. Portiamo a fondo il ragionamento. Se voi foste un’azienda o un’assicurazione e scopriste questo giochetto (rabbrividisco pensando al momento in cui questa cosa è realmente avvenuta), cosa vi converrebbe fare? Vi converrebbe stipulare il massimo numero di polizze possibile! Scommettere sulla morte dell’intera umanità! E se il beffardo governo, con la sua diabolica intelligenza, avesse previsto benefici fiscali solo per i dipendenti? Ecco che allora, per massimizzare il profitto di questo che in gergo si chiama arbitraggio statistico, potrebbe essere conveniente assumere più dipendenti.

Tranquillizzatevi quindi: quella che all’inizio vi era sembrata una forma di criminale incompetenza o, per i più maligni, di corruzione e connivenza del governo, aggravata da una pratica che eticamente è eufemisticamente dubbia (scommettere sulla morte del mio cassiere), in realtà è un geniale (creativo) incentivo contro la disoccupazione. Si faccia anche da noi, e subito: ho voglia di giocarmi quella cafona della mia vicina.

Per anglofoni:

2040:La dolcezza delle prossime generazioni

Esistono in commercio alternative decenti alla coca cola che non creano dipendenza come quelle di marche interne a supermercati

Il dott. Prospiro Sonsino dimostrò, alcuni anni fa, nel corso di una serie di esperimenti che “esiste una dispepsia normale o fisiologica verso gli alimenti amidacei (assoluta incapacità a digerirli) nella primissima infanzia”. Questa teoria incontrò altresì i favori del fisiologo dott. Routh e dei professori Huxley, Youmans e Dalton, e, probabilmente, di tutti coloro che si trovarono ad esaminare la questione.

Il doti. Densmore, contrario agli amidi persino negli adulti, afferma a proposito del loro impiego nella dieta infantile, (How Natura Cure, p. 55), che “una dieta a base di cereali o grano, o amidi in genere, è estremamente negativa per i bambini, soprattutto nel caso dei neonati. I fermenti intestinali necessari per la digestione degli

alimenti amidacei non vengono secreti se non dopo il primo anno di vita, e l’efficacia di tali fermenti non eguaglia, tuttavia, quella dei fermenti degli adulti, almeno per alcuni anni. La digestione di tutti gli alimenti amidacei dipende da questi fermenti intestinali, mentre datteri, fichi, prugne, ecc., hanno lo stesso valore nutritivo di pane e cereali e sono facilmente digeribili: l’assorbimento e l’assimilazione di frutti di questo tipo si osservano non appena essi vengono ingeriti”.

Lo zucchero è una droga e in una psiche in via di sviluppo, una dipendenza può portare seri danni allo sviluppo cerebrale del bambino

Il fatto che la Natura non abbia predisposto dei meccanismi per la digestione degli amidi, prima dell’età della completa dentizione, dovrebbe costituire una prova inconfutabile del suo desiderio di escludere gli amidi dalla dieta dei bambino nel suo primo periodo di vita. Prima che i denti raggiungano il completo sviluppo, la saliva dei bambino contiene una semplice traccia di ptialina, il fermento digestivo o enzima che trasforma l’amido in zucchero: la quantità di ptialina presente nella saliva è appena sufficiente a trasformare lo zucchero in destrosio primario. E’ questa quasi totale assenza di enzimi preposti alla divisione degli amidi, nei succhi gastrici dei bambino, che spiega buona parte dei disturbi di carattere digestivo legati all’impiego di alimenti amidacei nella dieta infantile. Laddove la digestione degli amidi è impossibile, la loro fermentazione è inevitabile, e ciò significa l’intossicazione dei bambino.

E’ bene notare come la Natura non abbia incluso alcun amido nel latte. Il carboidrato del latte è lo zucchero. Se verso la fine del primo periodo di alimentazione, si desidera assicurare al bambino altri carboidrati oltre a quello contenuto nel latte, si dovrebbe farlo sotto forma di frutta dolce: datteri, fichi, uva, loti, banane ben mature, ecc., piuttosto che sotto forma di amidi. Ciò che è certo è che, dal momento che l’amido di tutti i cibi richiede una masticazione ed un’insalivazione totali e complete, si dovrebbe evitare nella maniera più assoluta di fornire alimenti amidacei ai bambini, prima che questi abbiano i denti, per poterli masticare e presentino tutti gli enzimi necessari a digerirli.

Il dott. Page era piuttosto contrariato per la diffusa abitudine di includere gli amidi nella dieta dei bambini; egli dichiarava ”la farina, il grano, e lo zucchero raffinato, sono ormai elementi alla moda nella dieta infantile, anche se in realtà sarebbe ben difficile riuscire a fare una selezione peggiore”. Egli manifestava altresì ripetutamente la sua preoccupazione per i danni che potevano derivare e gli organi vitali a causa “di una alimentazione infantile prematura utilizzante addirittura i migliori prodotti scelti dalla tabella generale” ed aggiungeva: “Non è raro che a bambini così piccoli vengano dati da mangiare caramelle, ed addirittura, in alcuni casi, carne di maiale, pesce fritto, cavoli, prosciutto, patate, ecc., e che la colpa per l’insorgere di disturbi gastrointestinali, venga poi attribuita ai denti”.

Vi è una quantità estrema di zuccheri nei cibi che assumiamo.Se si limitassero le dosi di zucchero si eviterebbero molti dei problemi riportati in seguito

Non ha senso dar da mangiare a bambini così piccoli cose come purè di patate, farine di cereali, farina, ed altri piatti simili, pensando che dal momento che si tratta di alimenti che possono essere inghiottiti senza masticare, una dentizione incompleta non rappresenti un ostacolo. Questi elementi. vengono inghiottiti senza essere insalivati e vengono mangiati da individui i cui succhi digestivi mai si adattano alla digestione degli amidi. Se ci limitiamo alle osservazioni che seguono, formulate da Page a proposito del latte di una madre osservante una dieta sana, notiamo come la verità in esse contenuta sia eterna. Egli dice: “Il latte è l’alimento per eccellenza dei neonati e contiene tutti gli elementi necessari per lo sviluppo dei denti, e finchè non si ha la completa dentizione, esso dovrebbe continuare a costituire il solo ed unico cibo del bambino. E’ sufficiente che due o tre o mezza dozzina di denti siano spuntati, perchè ci si aspetti che abbiano una qualche parte nel lavoro di un bambino cresciuto“. Anche il dott. Tilden presentava la stessa determinazione nel sostenere quella che chiamava dieta per-neonati-senza amidi. Egli dice: “Fu un errore dar da mangiare amidi al bambini troppo presto, prima della fine del loro secondo anno di vita; essi, infatti, hanno grossi problemi a digerire grandi quantità di amidi”. “I bambini al di sotto dei due o tre anni di età hanno difficoltà a trasformare gli amidi in zuccheri, e sarebbe opportuno che ricavassero direttamente questi ultimi dalla frutta fresca in  estate e dalla frutta dolce e secca (uva passa, datteri e fichi) in  inverno

Uno dei punti fermi della mia pratica di medico è di non prescrivere alimenti amidacei di alcun tipo a bambini al di sotto dei due anni di età. Nella mia stessa famiglia, i miei figli non hanno mai mangiato cereali. A meno che non si tratti di fagiolini e piselli, i cereali tra tutti gli alimenti amidacei sono i più difficili da digerire. Esistono buoni motivi per credere che i cereali causino lo sviluppo di ossa e denti deboli.
I neonati non hanno bisogno di alimenti amidacei e non possono utilizzarli in alcun modo vantaggioso. Molti dei disturbi che affliggono i bambini durante la primissima infanzia sono collegati all’abitudine diffusa di includere nella loro dieta alimenti amidacei. Particolarmente dannosi sono le combinazioni di cereali con zucchero e crema o zucchero e latte; come se ciò non bastasse, a peggiorare le cose, contribuisce il fatto che solitamente cereali e zucchero vengono denaturati ed il latte viene pastorizzato.

A parte qualsiasi altra considerazione“, dice il dott. Page, “è bene evitare qualsiasi elemento amidaceo o farinaceo fino a quando non si avrà avuto il completo sviluppo dei denti; solo allora, si potrà cominciare, giustamente,, a prendere in esame l’introduzione di qualche elemento appartenente alla dieta adulta.”

Ora il bambino cresce in questo mondo caramellato, pieno di dolcezza. Arrivano i 5 – 6 anni il bambino comincia ad intessere i primi rapporti sociali forti, l’impegno scolastico porta via energie, comincia a fare sport e attività che lo impegnano molto….quindi…più zuccheri consumati =>meno zuccheri in circolo => crisi di astinenza=Risultato=

Sindrome iperattività (crisi di astinenza)

Il bambino è iperattivo, violento, a volte maleducato, risponde male ai maestri, è chiuso con i genitori, a volte sembra provare odio per loro.

Psicosi Generale

Genitori allarmati, figli di più

ergo

Psicofarmaci olè!

Passo indietro:

Zucchero = droga

Psicofarmaci = droga

…………………………………………………………………………………………………………………..

Non credo possa fare bene…

Dottore....mio figlio è troppo apatico e svogliato!!!

Basta psicofarmaci, ci si ributta completamente sugli zuccheri e come dimostra perfettamente la situazione statunitense gli obesi….aumentano.

ok riassiumiamo:

Devastati dalla dipendenza, obesi, psicotici, in generale svogliati

Bello lui ciccione!:)

  • Nel mondo, circa 300 milioni di individui sono obesi;

  • Tale numero è destinato ad aumentare, con gravi conseguenze per la salute;

  • Il problema è più serio nell’America del Nord ed in Europa, ma è diffuso in aree dove, in passato, non era presente se non in minima entità (Asia, india, Cina, Giappone ed anche alcune regioni dell’Africa e del Sud America, comprendendo così anche alcuni Paesi in via di Sviluppo);
  • L’incidenza dell’obesità è raddoppiata in molti Paesi, negli ultimi anni;

  • Nell’ultima decade, l’incidenza in Europa è aumentata del 10-50%;

  • Secondo uno studio della “International Obesity Task Force”, circa il 4% di tutti i bambini d’Europa e affetto da obesità e tale percentuale è in marcato aumento;

  • Si stima che il 2-8% dei costi globali per la sanità sia legato all’obesità;
  • La dimensione del problema negli USA è doppia rispetto all’Europa, ma il tasso di aumento nei Paesi Europei è più elevato;

  • Gli elementi chiave per la prevenzione ed il trattamento dell’obesità sono identificati nell’alimentazione corretta, nel ruolo delle famiglie e nell’attività fisica;
  • Campagne informative di larga portata sono ritenute necessarie per aumentare la consapevolezza del problema in tutti i settori della società, compreso quello del personale sanitario (spesso il personale sanitario non è sufficientemente preparato ad affrontare il problema ed i pazienti sono riluttanti a chiedere assistenza).

L’OMBRA DEL DIABETE

Una delle patologie importanti che può colpire il bambino è il diabete infantile che si sta diffondendo sempre più tra i piccoli al di sotto dei cinque anni e a causare questo aumento sarebbe proprio l’alimentazione e lo stile di vita non equilibrati.

Il diabete di tipo 1 si verifica, in genere, durante l’infanzia e l’adolescenza, molti esperti sostengono che la causa principale stia proprio nella vulnerabilità genetica e in fattori ambientali.
Il sistema immunitario si riversa contro il pancreas distruggendo le sue cellule, quelle che creano insulina.

Il diabete è caratterizzato da un aumento del livello di zucchero nel sangue: il pancreas non riesce a produrre abbastanza insulina per abbassarne i livelli.

Fattori che causano il diabete infantile:

Alimentazione troppo ricca di zuccheri;
– Disfunzione delle ghiandole endocrine, quindi del pancreas nello specifico;
– Un disequilibrio dei componenti assunti nell’alimentazione.

Sintomi del diabete infantile
Innanzitutto il piccolo avvertirà molta più fame ed avrà molta sete.

Cibo

Per quanto riguarda la sua voglia di alimentarsi con più frequenza, questo non è proporzionale all’aumento di peso,anzi il piccolo non prenderà peso, ma tenderà a deperire e perde la sua vivacità e diventa molto triste.

Sete

Per soddisfare la sete vorrà bere di più e quindi l’introduzione di maggiore quantità di liquidi lo porterà ad urinare più spesso, ciò potrebbe anche creare problemi nel bagnare il letto la notte.
Il diabete, inoltre, implica la comparsa dell’acidosi che sarebbe la comparsa di corpi chetoni (acetone) nelle urine, unito ad alcuni sintomi come nausea, vomito e sonnolenza.

Il piccolo per stare meglio deve riprendere il suo equilibrio metabolico per far si che il suo organismo possa, con calma, ripristinare le sue funzioni primarie e cercare che il corpo possa riprendere la crescita. Uno degli altri obiettivi fondamentali è quello evitare lo sviluppo di acidosi.

La terapia principale adottata è quella con insulina: viene fornita la quantità giusta che manca al bambino, in genere si offre una quantità giornaliera più alta per poi diminuire la dose, con il passare del tempo, che serve solo per mantenimento.
Ovviamente, tutto ciò deve essere collegato ad un’alimentazione giusta che dia un apporto equilibrato di zuccheri, grassi e proteine, tutto ciò con il consulto di un dietologo.

Diabete 2

È la forma più comune di diabete e rappresenta circa il 90% dei casi di questa malattia. La causa è ancora ignota, anche se è certo che il pancreas è in grado di produrre insulina, ma le cellule dell’organismo non riescono poi a utilizzarla. In genere, la malattia si manifesta dopo i 30-40 anni e numerosi fattori di rischio sono stati riconosciuti associarsi alla sua insorgenza. Tra questi: la familiarità per diabete, lo scarso esercizio fisico, il sovrappeso e l’appartenenza ad alcune etnie. Riguardo la familiarità, circa il 40% dei diabetici di tipo 2 ha parenti di primo grado (genitori, fratelli) affetti dalla stessa malattia, mentre nei gemelli monozigoti la concordanza della malattia si avvicina al 100%, suggerendo una forte componente ereditaria per questo tipo di diabete.

Anche per il diabete tipo 2 esistono forme rare, dette MODY (Maturity Onset Diabetes of the Young), in cui il diabete di tipo 2 ha un esordio giovanile e sono stati identificati rari difetti genetici a livello dei meccanismi intracellulari di azione dell’insulina.

Il diabete tipo 2 in genere non viene diagnosticato per molti anni in quanto l’iperglicemia si sviluppa gradualmente e inizialmente non è di grado severo al punto da dare i classici sintomi del diabete. Solitamente la diagnosi avviene casualmente o in concomitanza con una situazione di stress fisico, quale infezioni o interventi chirurgici.

Il rischio di sviluppare la malattia aumenta con l’età, con la presenza di obesità e con la mancanza di attività fisica: questa osservazione consente di prevedere strategie di prevenzione “primaria”, cioè interventi in grado di prevenire l’insorgenza della malattia e che hanno il loro cardine nell’applicazione di uno stile di vita adeguato, che comprenda gli aspetti nutrizionali e l’esercizio fisico.

Ecco che  i bambini d’oggi si ritroveranno spesso grassi e svogliati e nessuno capirà veramente perchè, anche se la soluzione è semplice, nessuno farà nulla. Grassi bambini daranno vita ad altri bambini grassi,si vedranno sempre più diabeti, obesità, cancri, infarti, psicosi.

Chi ci fornisce il cibo su larga scala, ci avvelena, non ha pietà nell’essere il pusher di vostro figlio fin da piccolo.Le multinazionali avvelenano ciò che mangiamo, per renderci più deboli, sia fisicamente che psichicamente, per controllarci meglio.

Rifiutiamoci! Cibo più sano!Nipoti meno ritardati:)