Archivi categoria: Caldo record

Massiva moria di animali nel mondo

ITALIA

Migliaia di tortore morte sono piovute sui tetti e sulle automobili in un comune italiano (Faenza) ultimo di una serie di massive morti di animali in tutto il mondo.I residenti di Faenza hanno descritto gli uccelli “cadere a terra come ‘Piccole palle di Natale’, con strane macchie blu sul loro becco”. I test iniziali condotti fino ad ora su 8.000 dei piccioni hanno indicato come la macchia blu potrebbe essere dovuta ad avvelenamento o da ipossia.

ARKANSAS

Le autopsie preliminari su 17 degli oltre 5.000 merli che sono caduti su questa città indicano che sono morti per un trauma ai loro organi, ha riferito il miglior veterinario dello stato alla NBC News. I loro stomaci erano vuoti, il che esclude il veleno, ci dice il Dr. George Badley, e sono morti a mezz’aria, non nell’impatto con il terreno.
Tali prove, e il fatto che i merli dalle ali rosse volino in stormi vicini, fanno aumentare le possibilità che i merli abbiano subito un qualche tipo di forte urto a mezz’aria, ha aggiunto. Il che dà maggiore peso alla teoria che gli uccelli si siano spaventati per qualche cosa.
All’inizio di Lunedi, la stima del numero di uccelli morti è stato portata tra le 4.000 e le 5.000 unità, in forte aumento rispetto alla stima iniziale di 1.000.

ROCKWALL (TEXAS)

E’ accaduto un fatto strano a Rockwall nel Texas, centinaia e centinaia di uccelli trovati morti sul bordo della strada.

PORT ORANGE (FLORIDA)

Migliaia di pesci morti sono stati ritrovati a Port Orange

FALKOPING (SVEZIA)

Il capo dei soccorsi Christer Olofsson tiene in mano un uccello morto a Falkoping, in Svezia.

PARANA

Misteriosa moria di pesci nel litorale di Parana

Ci sono molte altre zone dove è presente una forte moria di animali, per essere sempre informati cliccate QUI, google mette a disposizione degli utenti una mappa aggiornata in tempo reale con tutti i luoghi colpiti.

LE 10 POSSIBILI TEORIE CHE SPIEGHEREBBERO AL MEGLIO GLI EVENTI

1) SPIEGAZIONE DEI MEDIA

Fulmini, grandine, collisione in volo, linee elettriche, e fuochi d’artificio di Capodanno per gli uccelli. . . per i pesci dicono sia colpa di una malattia. Gli uccelli sono estremamente sensibili al loro ambiente (si pensi al canarino nella miniera di carbone), e il pensiero che
siano stati colti di sorpresa, o che “hanno seguito” il loro piano di volo è palesemente ridicolo. E dove sono gli uccelli arrostiti da questo fulmine? E per quanto riguarda i pesci che muoiono nella stessa regione? Solo una “malattia”
che fa scattare la coincidenza? I media proprio non si sono impegnati per dare una soluzione razionale riuscendo solo a dire che gli uccelli sono stati uccisi a causa di un forte e massivo trauma. Ma davvero?

2) SCIAME DI METEORITI

Siamo in un periodo di intensi sciami meteorici stagionali, e diversi YouTubers hanno riferito di aver sentito molte esplosioni sonore che potrebbero aver provocato un’onda d’urto locale. Questa sarebbe una ipotesi non-cospirativa, una causa naturale che avrebbe effettivamente senso, ma è difficile tracciare in questo senso un collegamento con la moria di pesci, a meno che essa non abbia prodotto una frequenza invalidante. Ci sono state infatti, altre anomalie sonore stando al rapporto citato sopra.

3) LA FAGLIA DI NEW MADRID

Un eccellente articolo dell’ “American Dream” ha raccolto dati sui recenti terremoti che si sono scatenati lungo

la sezione mediorientale degli Stati Uniti. Combinata all’estrema attività sismica della zona e al disastro petrolifero della BP, che ha rilasciato nell’atmosfera il Corexit, che è servito a disperdere le macchie di petrolio, potrebbe essere una buona causa per la moria di massa. Tuttavia l’evento di cui stiamo parlando si è trasformato in qualcosa di globale, questa teoria quindi potrebbe essere solo un effetto secondario di qualcosa di più grande.

4) TEST DEL GOVERNO
La lunga storia dei test condotti dal governo è stata esposta da molti ricercatori. Una componente di questa strana moria è che solo alcune specie sono state colpite, ma all’interno di tutta la regione. Alcuni report hanno indicato che gli organi di questi uccelli sono stati liquefatti, il che potrebbe indicare un possibile virus. Tutto ciò potrebbe implicare armi biologiche indirizzate verso un determinato obiettivo? Sono agli atti le discussioni svoltesi sull’argomento delle armi biologiche con target specifiche razze, è forse questa una prova per testare le capacità di divulgazione della malattia?

5) MUTAZIONE OGM:

Mike Adams del Natural News espone una teoria interessante: l’evento è avvenuto a livello locale, ma la moria sta

avvenendo in tutte le specie passando soprattutto per api e pipistrelli che sono in declino. Adams sottolinea che la

Monsanto ha una sede centrale in Arkansas. Solo speculazioni?

 

6) GEOINGEGNERIA

 

Potrebbero, i gas spruzzati in questa regione, aver causato questa strana moria? Forse qualcosa

di nuovo aggiunto alla miscela? Le scie chimiche si sono rapidamente spostate da mera teoria del complotto a

fatto documentato. Così tanto, che i poteri forti hanno dovuto ammettere l’esistenza del programma, a loro avviso

è ritenuto utile e soprattutto benefico. Tra le varie opzioni possibili e i collegamenti con l’Haarp, il problema scie,

chimiche va considerato soprattutto perché esso si svolge in quasi tutto il mondo. Rosalind Peterson è stato in prima

linea nel collegare la geoingegneria agli

OGM come fonte combinata per l’ossigeno riducendo la proliferazione di alghe che  potrebbero

effettivamente influenzare un ampio spettro di sistemi naturali. Inoltre, alcuni ritengono che il sistema di

sgancio  delle scie chimiche possa disperdere agenti patogeni. Se vi è un focolaio di influenza o malattie nei prossimi

giorni o nelle prossime settimane tra la popolazione umana in aree in cui sono caduti gli uccelli, la connessione alle scie

chimiche potrebbe essere un fatto. Se questo accadesse, il contagio potrebbe essere attribuito a una nuova,

mortale influenza aviaria. Un ultima possibilità è che le scie chimiche contengano nano particelle.

 

7) HAARP
Uccelli e pesci possono essere suscettibili alle minime variazioni di frequenza. Un post interessante su YouTube di un pescatore di lunga data menziona la piastra”perlata” dietro l’occhio dei pesci tamburo colpiti in questo evento. Ha fatto un appello a chiunque nella zona per cercare segni di danno a questa piastra. Sia gli uccelli che i pesci navigano in modo altamente coordinato, il che indica che si muovono e comunicano attraverso frequenze. Può la matrice HAARP in Alaska aver mandato in corto circuito i loro sistemi di navigazione? O, forse questo è l’inizio di un effetto a cascata da decenni di inquinamento elettromagnetico proveniente dai campi elettromagnetici e onde ELF che girano attorno al pianeta attraverso una vasta gamma di moderni mezzi di comunicazione?
8) ARMI SCALARI
Queste armi ad energia diretta possono essere trasmesse via satellite e creano una vasta gamma di “disastri naturali”. Il loro raggio può raggiungere diversi chilometri. Ancora più folle è che ci è stato detto che negli uccelli morti è stato riscontrato un trauma di massa. Una delle abilità riferite alle armi scalari è quella di creare uno scudo di Tesla al plasma, in parole povere una bolla, che è in grado di far esplodere tutto ciò che entra nel suo spazio aereo. Alcuni hanno ipotizzato che questa tecnologia è in piena attività. E se fosse ancora in fase di test? Ricorda, che tutto ciò sta accadendo anche in sud America.
9) IL PROGETTO BLUE BEAM
Stavano per caso provando un generatore sonoro per il teatro globale di un’invasione aliena?Il Progetto Blue Beam, come la sua controparte,l’HAARP, utilizza la naturale energia presente nella ionosfera come un dispositivo acustico e visivo. Probabilmente non sono ancora pronti, ma, come Tesla, hanno fatto un passo falso involontario.
10) GEOMAGNETISMO E ALTRI CAMBIAMENTI TERRESTRI
Come chiunque può vedere dalla gamma di possibilità indicate sopra, siamo di fronte a una serie di interventi umani. Tuttavia, lo sfondo di questo evento sono le anomalie che stanno cominciando a prendere forma con l’apparente vagabondaggio del nostro polo magnetico, come anche il National Geographic ha riferito, verso la Russia. Aggiungete a questo una diminuzione della magnetosfera e i livelli di ossigeno in calo e le morti tra queste specie delicate è il preambolo verso qualcosa di più grande. Infine, un aumento dell’attività solare e le tempeste magnetiche potrebbero indebolire il nostro habitat naturale globale.

 

Annunci

La Russia in fiamme

Il mese scorso, la Russia ha affrontato il luglio più caldo mai registrato da 130 anni data in cui vennero fatti i primi rilevamenti climatici. Il caldo intenso e la siccità che hanno colpito la Russia centrale hanno causato l’essiccazione degli alberi e delle paludi, che recentemente sono stati la causa degli  incendi nelle foreste, nei campi e nelle case in una zona largamente abitata. Il presidente Dmitry Medvedev ha dichiarato lo stato di emergenza in sette regioni. Ad oggi, oltre 1.500 case sono state distrutte e 40 vite sono state perse. Gli incendi si estendono e continuano per oltre 300.000 ettari.

Un soldato cammina in mezzo a delle betulle carbonizzate, distrutte da un incendio nella periferia della città russa di Voronezh, il 30 luglio 2010. (REUTERS / Sergei Karpukhin)

Residenti locali mentre osservano un cielo fumoso vicino ad un fuoco di torba in una foresta nei pressi della città di Shatura, circa 130 km (81 miglia) a sud-est di Mosca, Giovedi, July 29, 2010. Le paludi di torba sono iniziate a bruciare nella Russia centrale a seguito di una ondata di caldo senza precedenti. (AP Photo / Sergey Ponomarev) #

Un uomo russo guarda la foresta bruciare a Beloomut  1 ° agosto 2010. (ANDREY SMIRNOV / AFP / Getty Images) #

Resti di un edificio bruciato tra le ceneri nei pressi della città di Vyksa, circa 150 km (93 miglia) a sud-ovest della città di Nizhny Novgorod Volga 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

La reazione di una donna nei pressi di una casa in fiamme fuori dalla città di Vyksa, Russia 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

Vigili del fuoco al lavoro per estinguere un incendio nei pressi di un edificio in fiamme fuori dalla città di Vyksa, Russia 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

Una donna che porta le mani al viso, allontanandosi da un vasto incendio vicino a Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

Uomini a piedi davanti un edificio in fiamme vicino a Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #

Un uomo siede per terra, mentre la sua casa brucia dietro di lui. Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #

Un residente locale corre in mezzo al fuoco in una foresta nei pressi della cittadina di Lubertsi, a sudest di Mosca nel Shatura  29 Luglio 2010. (AP Photo / Sergey Ponomarev) #

In questa foto satellitare del 28 luglio 2010 della NASA, il fumo degli incendi nei pressi di Mosca è visibile in tutta la Russia centrale. I punti rossi indicano gli incendi, l’immagine copre 900 km (560 miglia) da un lato all’altro. La città di Mosca è situata vicino al bordo sinistro, nella parte inferiore della foto. (AP Photo / NASA) #

Persone che camminano lungo la Piazza Rossa di Mosca, sullo sfondo nebbioso si possono vedere la cattedrale di San Basilio e il mausoleo del fondatore dello stato sovietico Vladimir Lenin  2 agosto 2010. (REUTERS / Alessandro Natruskin) #

Un allevatore di capre passa tra una linea di veicoli militari che trasportano soldati per combattere gli incendi boschivi a Ryazanovka, in Russia il 1 agosto entro il 2010. (KOROTAYEV ARTYOM / AFP / Getty Images) #

Forti venti piegano gli alberi, nel villaggio di Beloomut ormai un paesaggio bruciato, circa 130 chilometri da Mosca il 31 luglio 2010. (ANDREY SMIRNOV / AFP / Getty Images) #

Un uomo russo passeggia tra le rovine della sua casa bruciata a Voronezh il 1 ° agosto 2010. (Ministro russo Alexey / AFP / Getty Images) #

Una bambina che indossa una mascherina si affaccia dal balcone sotto un cielo pieno di fumo nel villaggio di Beloomut, Russia il 31 luglio 2010. (ANDREY SMIRNOV / AFP / Getty Images) #

Un pennacchio di fumo appare sopra un bosco rinsecchito mentre brucia nei pressi di un sobborgo della città di Voronez, Russia, 1 agosto 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #

Un aereo cisterna rilascia circa 42 tonnellate di acqua su una foresta in fiamme nei pressi di un sobborgo della città di Voronezh 1 agosto 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #

Le fiamme strisciano lungo il pavimento della foresta grazie  all’erba secca e agli alberi che bruciano nei pressi di un sobborgo di Voronezh  1 Agosto, 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #

Un pompiere lavora per spegnere un fuoco in una foresta vicino al villaggio di Ryazanovka, Russia 29 luglio 2010. (KOROTAYEV ARTYOM / AFP / Getty Images) #

Residenti locali fanno gruppo per trasportare i secchi di acqua per spegnere un fuoco in una foresta vicino alla città di Shatura, Russia, July 29, 2010. (AP Photo / Sergey Ponomarev) #

Una donna russa piange stringendo un bambino tra le braccia accanto ai resti della sua casa bruciata a Voronezh 1 ° agosto 2010. (Ministro russo Alexey / AFP / Getty Images) #

Rovine di alcune case, distrutte da un incendio nella foresta alla periferia della città Voronezh, 31 luglio 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #

I resti carbonizzati di una macchina di fronte a un camino di una casa rasa al suolo dall’incendio, nel villaggio di Mokhovoe, 30 Luglio 2010. (Foto AP / Chistoprudov Dmitry) #

Un uomo cammina attraverso un gruppo di alberi carbonizzati sul bordo di Voronezh, Russia centrale, il 31 luglio 2010. (Ministro russo Alexey / AFP / Getty Images) #

Un vigile del fuoco lavora per spegnere gli incendi boschivi, alla periferia della città russa di Voronezh, 30 luglio 2010. (REUTERS / Sergei Karpukhin) #

Una donna seduta circondata dai resti della sua casa nel villaggio di Mokhovoye, circa 130 chilometri da Mosca il 31 Luglio 2010. (KOROTAYEV ARTYOM / AFP / Getty Images) #

Brucia l’erba secca vicino alla città di Voronezh, Russia, 31 Luglio 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #
La carcassa carbonizzata di un uccello nel villaggio di Mokhovoe distrutto in precedenza da un incendio boschivo, 30 luglio 2010. (Foto AP / Chistoprudov Dmitry) #
Una residente locale cerca di trovare i resti dei suoi averi tra le rovine di una casa bruciata ai margini di Voronezh, Russia centrale, il 31 luglio 2010. (Ministro russo Alexey / AFP / Getty Images) #
Un’auto carbonizzata vicino agli edifici distrutti nel villaggio di Mokhovoe Russia Venerdì 30 Luglio 2010. (Foto AP / Chistoprudov Dmitry) #
Donne si coprono il volto, mentre il fumo degli incendi si fa pesante fuori dal centro abitato di Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #
Una donna passa davanti a una chiesa, mentre il fumo pesante degli incendi  oscura il cielo vicino alla città di Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #
Una donna tiene con se  delle icone religiose e una croce, sullo sfondo gli incendi, al di fuori della città di Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #
Un vigile del fuoco si versa dell’acqua addosso, nei pressi di una casa in fiamme vicino a Vyksa, circa 150 km (93 miglia) a sud-ovest del  Volga nella città di Nizhny Novgorod Volga 29 luglio 2010. (REUTERS / Voskresensky Mikhail) #
Una donna cammina davanti a un cimitero nel villaggio di Beloomut, l’aria è piena del fumo degli incendi nelle vicinanze il 31 luglio 2010. (ANDREY SMIRNOV / AFP / Getty Images) #
Un vigile del fuoco lavora per spegnere un fuoco che brucia il bosco vicino a Voronezh  1 Agosto 2010. (Foto AP / Metzel Mikhail) #
Donne russe spostano vasi contenenti le riserve alimentari provenienti dalla cantina della loro casa bruciata a 15 km da Mosca a Ostafyevo il 2 agosto 2010. (YELENIN BORIS / AFP / Getty Images) #
GOOGLE EARTH
L’incredibile quantità di incendi divampati soprattutto nella Russia centrale da fine luglio a oggi.
Una donna reagisce nei pressi di una casa in fiamme fuori dalla città di Vyksa, Russia il 29 luglio 2010. (REUTERS / Mikhail Voskresensky) #