Archivi categoria: B.O.B.

Illuminati: Jessie J e la sua “Price Tag”

Jessie J è una nuova artista pop proveniente dall’Inghilterra, la quale ha pubblicato un nuovo singolo chiamato “Price Tag”. Mentre la canzone sembra ruotare attorno al rifiuto del materialismo, il simbolismo presente nel video ne descrive un significato molto più profondo: L’industria della musica non ha più come principale obiettivo la produzione di un profitto, il suo scopo è l’indottrinamento. Prenderemo in esame i significati nascosti della canzone e del video.

In meno di un paio di mesi, Jessie J è passata dall’anonimato virtuale alla cima alle classifiche con il suo singolo Price Tag. Acclamata come il “nuovo volto del pop”, la cantante di origine britannica ha sicuramente “quello che serve” per essere una pop star: l’aspetto, lo stile, il talento e, soprattutto, la volontà di giocare con le regole del settore.

Anche se Jessie J è un nuova arrivata come cantante pop non è assolutamente nuova in questo settore . Ha lavorato dietro le quinte, scrivendo canzoni per artisti pop come Miley Cyrus (“Party in the USA “), Justin Timberlake e Christina Aguilera. Come performer, la sua biografia la descrive come segue: “Mescola un pò di Rihanna con Gwen Stefani, aggiungi il carisma di Pink, e inizierai a farti un’idea di che tipo di ragazza Jessie J è.” In altre parole: per gli Illuminati rappresenta la perfetta pop star.

Il suo primo singolo dal titolo “Do it Like a Dude” (un brano che era stato previsto inizialmente per Rihanna) contiene elementi che si trovano nei video di altre stelle femminili del pop: un ambiente sporco/decadente, la bisessualità che fa moda ecc. E ‘comunque con Price Tag, il secondo singolo di Jessie J realizzato con il rapper BOB, in cui vediamo la piena portata del simbolismo degli Illuminati – più specificamente il controllo mentale tramite MK ULTRA – associata a Jessie J.

Sottolineare il simbolo dell’occhio onnisciente con uno sguardo vuoto è un ottimo modo per essere originali. Oh, aspetta, no, è il simbolo delle pedine degli Illuminati!

Indossare le orecchie di Mickey Mouse, un simbolo classico associato alla programmazione per il controllo mentale. Altri artisti che utilizzano le orecchie di Topolino? Cercate gli articoli precedenti sulle marionette degli illuminati.

Queste immagini danno una indicazione abbastanza precisa sui datori di lavoro di Jessie J. Nel caso in cui qualcuno avesse ancora dei dubbi, Price Tag rende il concetto cristallino … ovviamente se si comprende il significato dei suoi simboli.

PRICE TAG

A prima vista, la canzone trasmette un messaggio nobile: l’amore per la musica vince sull’amore per il denaro. Quale modo migliore per trasmettere questo messaggio rivoluzionario se non attraverso i mass media, ingannevoli che mettono assieme una canzone per la radio reclutando strategicamente uno dei migliori rapper della scena mondiale? Anche se il messaggio della canzone è sulla non-importanza del denaro e sull’individualità, il singolo è ovviamente calcolato in modo da ottenere i massimi ascolti possibili alla radio, mentre costantemente l’artista viene raffigurata come un pupazzo o come un giocattolo. Diamo un’occhiata al video.

 

Potreste aver riconosciuto alcuni simboli discussi in altri articoli su questo sito, come nei post su Rihanna e Lady Gaga. Ma ci sono altre scene che mostrano oggetti fanciulleschi semi distrutti. Che cosa significano? Secondo il direttore Emil Nava:

“Semplicemente è uscita l’idea di rappresentare gli oggetti più grandi che nella vita reale, è una sorta di mondo giocattolo con Jessie J che porta una punta di stile.”
– Fonte

Sei stato abbastanza eloquente, Emil Nava. Quando vengono interrogati su questi tipi di video, i registi, sono estremamente vaghi e poco coerenti. D’altra parte, non si può dire al Teen Bop Magazine “Beh, si tratta di controllo mentale degli Illuminati, dove Jessie J è una schiava del programma Monarch manipolata da potenze superiori”.

Tuttavia questo, è esattamente ciò che il video trasmette ed è necessaria solo una leggerissima infarinatura sulla programmazione Monarch per capirlo. Vedere un simbolo associato al controllo mentale in un video potrebbe essere il risultato di una coincidenza, ma vedere numerosi simboli che puntano fortemente verso uno stesso concetto rende la coincidenza molto improbabile. Ecco alcuni dei simboli del video.

L’ORSACCHIOTTO CON UN OCCHIO SOLO

Fin dall’inizio, il video propone una immagine forte e simbolica, che riassume l’intero significato di questo pezzo: un orsacchiotto con un occhio mancante e un braccio strappato. La combinazione di più elementi di questa scena puntano fortemente verso il controllo mentale basato sul trauma (un concetto che è stato trattato in articoli precedenti).

L‘orsacchiotto senza un occhio e senza un braccio

In primo luogo, un orsacchiotto mutilato allude ad un’infanzia corrotta e alla perdita di innocenza. Esso simboleggia la distruzione di qualcosa di molto caro per un bambino. Nel campo della programmazione Monarch, gli orsacchiotti senza arti hanno il significato specifico dell’impotenza delle vittime del controllo mentale nei confronti dei loro manipolatori.

“Molte delle cose comuni nella nostra vita quotidiana vengono utilizzate dai manipolatori poichè contengono significati nascosti utili al controllo mentale. L’orsacchiotto dato dal “Papà” alla bambina serve per ricordarle quanto lei sia impotente nel dissuaderlo dal stuprarla.

(…)

I “programmatori” e i genitori degli schiavi sovente danno loro animali di peluche. L’orsacchiotto, senza mani, rappresenta l’impotenza della vittima. “

–  Fritz Springmeier, The Illuminati Formula Used to Create an Undetectable Total Mind Controlled Slave

Per tirare acqua ancora al nostro mulino, l’orsacchiotto è senza un occhio, un simbolo che rappresenta costantemente il controllo degli Illuminati.

IL CARILLON CON LA BALLERINA

Jessie interpreta una ballerina all’interno di un carillon

In un’altra scena, Jessie J è ritratta come una ballerina all’interno di un carillon, quelli che hanno bisogno di essere caricati prima che inizino a muoversi. La ballerina ha bisogno di una forza esterna per potersi esibire, un’altra metafora per lo stato mentale dell’artista che lavora per l’industria musicale ed è controllato a livello mentale. La stessa metafora rappresenta il tema del film Black Swan (articolo completo sul film qui).

MARIONETTA

Marionetta

Ritrarre le pop star come burattini manipolati dall’alto da forze invisibili, è uno dei modi preferiti che gli Illuminati hanno, per mostrare il loro controllo del settore. Quale modo migliore per mostrare come l’elite sfrutti le pop star, per programmare ed indottrinare le masse?

Nella programmazione Monarch, il simbolo del burattino viene spesso usato per descrivere lo stato di uno schiavo controllato mentalmente.

“Per ottenere un burattino, al corpo viene somministrata un farmaco che paralizza il bambino. Viene poi applicato l’elettro-shock a certi muscoli su comando del programmatore. L’effetto è che il bambino non ha alcun controllo sul suo corpo, e il programmatore può fare muovere il bambino come vuole tramite gli shock elettrici. Il bambino diventa in realtà il burattino del programmatore. E’ un programma molto potente. Uno dei nomi connessi con la programmazione Monarch è Programmazione Marionetta. Il bambino diventa letteralmente un burattino. Questo concetto sembra essere stato inventato dai tedeschi sotto Hitler. I muscoli vengono messi sotto elettro-shock, in modo da sfruttare i riflessi naturali. Quando vengono fatte partire le scariche, le parti del corpo della vittima si muovono  in base al capriccio del programmatore, dimostrando alla vittima di essere un burattino. A questo punto vengono dettate le regole e la regola numero 8 è i burattini sono proprietà dei programmatori- Ibid

LA CASA DELLE BAMBOLE

Dentro la casa delle bambole

In un’altra scena, Jessie J è seduta all’interno di una casa delle bambole, che è un alto contesto significativo in termini di controllo della mente. A causa di un trauma intenso, gli schiavi della programmazione Monarch sono invitati a dissociarsi dalla realtà per sfuggire dal dolore e dalle torture che devono sopportare. La casa delle bambole è una rappresentazione del mondo fittizio dove le vittime fuggono quando si verifica la dissociazione. Inoltre, le case delle bambole vengono effettivamente utilizzati come giocattoli per la programmazione nell’infanzia.

LA BAMBOLA CON UN OCCHIO SOLO

La bambola con un occhio solo

Questa scena viene mostrata per meno di un secondo. E’ tuttavia estremamente significativa. Si tratta di una rappresentazione visiva della psiche fratturata di una vittima di un trauma psichico. Nel simbolismo del controllo mentale, le bambole rappresentano l’alter ego creato e programmato dal gestore dello schiavo. Nel video, la testa della bambola ha un occhio in meno, alludendo al controllo mentale degli Illuminati. L’occhio di Jessie è dove l’occhio mancante dovrebbe essere, effettivamente qui viene rappresentata la fusione della vittima con il suo alter ego.

LA GAMBA FRATTURATA E I PANTALONI CON STAMPE STILE FELINO

Gamba fratturata

In questa scena Jessie è senza una gamba, un altro richiamo allo stato mentale “fratturato” della vittima. Analizzando con più profondità, si può osservare la cantante indossare leggings con stampe stile felino, che, come spesso abbiamo visto, è un simbolo della programmazione Sex-Kitten.

Jessie non è l’unica ad essere ritratta in posizioni particolari. Il rapper B.O.B è inquadrato in mezzo ai soldati:

B.O.B. in mezzo a dei soldatini giocattolo. E’ la rappresentazione dell’impotenza dell’artista di fronte alla volontà del manipolatore

 

SIGNIFICATO DELLA CANZONE

 

A conti fatti quanti di questi simboli hanno a che fare con Price Tag e il “non preoccuparsi soldi”? Non molti. Abbiamo visto però che Jessie è costantemente raffigurata come una marionetta controllata da gestori invisibili. Potrebbe essere che stia cantando a nome dei suoi manipolatori, l’elite del settore della musica?Negli ultimi dieci anni, l’industria della musica ha attraversato una grande metamorfosi.

L’effetto combinato di Internet, la disponibilità di singole tracce invece che di album, più l’accesso alla musica on-line e senza licenza ha ridotto i ricavi dell’azienda musicale del 50%

Fatturato dell’industia musicale dal 1999 al 2009. Fonte CNN

Anche se l’industria della musica non fà più tanti soldi come una volta, ha ancora una funzione importante: è un potente strumento per l’indottrinamento di massa. Oggi, nonostante la mancanza di entrate, l’industria continua a spendere milioni per lo sviluppo e la promozione di nuove stelle. Perché? Perché non vi sono più in gioco i soldi. La musica pop è uno strumento per un indottrinamento capillare a livello della scuola o delle notizie quotidiane. Forma e plasma i giovani ad assumere atteggiamenti e valori. Gli artisti pop, naturalmente, generano ricavi per le loro etichette, ma prima ancora di poter iniziare a realizzare questo, devono “scoprire quanto è fonda la tana del bianconiglio”. Devono rappresentare personaggi specifici, glorificare valori specifici ed essere solidali con un ordine del giorno specifico. Se avete letto altri articoli del genere, siete già a conoscenza dell’ordine del giorno che le star attuali promuovono. Sapete anche che sono pedine intercambiabili che spingono tutte verso la stessa direzione. Se una stella perde la sua “magia”, un nuovo volto e una nuova energia riuscirà a riconquistare l’attenzione del pubblico e riorientarlo verso l’ordine del giorno.

Salutata come il “volto nuovo del pop”, Jessie J porta nuova energia al programma degli Illuminati, ma ostendando ripetutamente il simbolo dell’occhio onniscente come tanti altri artisti pop, dimostra di essere un’altra pedina del sistema. Canta il punto di vista delle élite: quest’ultima non ha bisogno del vostro denaro, visto che già possiede la maggior parte delle risorse mondiali. Vuole far ballare il mondo al suo ritmo. Vuole modellare le menti dei giovani in modo da far pensar loro ciò che vuole. Stiamo assistendo a un importante movimento di omogeneizzazione della cultura popolare in cui i media più importanti mandano in scena artisti “pre-approvati”, che sostengono un ordine del giorno “pre-approvato”. C’è un maggiore investimento in gioco: le menti dei giovani. Naturalmente, ci sono delle eccezioni nel settore. Gli artisti ribelli, anti-establishment, hanno sempre attirato tonnellate di tifosi e alcuni riescono ancora ad ottenere qualche successo … ma non con l’aiuto dei mass media. Non più. Il denaro non è l’unica cosa che crea il business.

CONCLUSIONE

Jessie J, “volto nuovo del pop”, non apporta nulla di nuovo nello scenario pop (a parte il viso). Il suo video Price Tag incorpora numerosi simboli legati al controllo mentale degli Illuminati, segni che in precedenza sono stati sfruttati da altri artisti pop. Quanti artisti sono stati beccati da questo sito mentre facevano il simbolo dell’occhio? Decine. Il fatto che gli stessi significati e simboli appaiono in tanti video musicali, a prescindere dall’artista, è la prova definitiva di una struttura di potere nascosta. Il simbolo di sottomissione dell’occhio onnisciente non è il problema principale, comunque. E’ il messaggio che viene promosso e i valori che vengono glorificati che dobbiamo guardare da vicino. Nel caso di Price Tag, gli spettatori sono sottoposti a dei simboli associati alla programmazione Monarch, un metodo di controllo mentale orribile basato sul maltrattamento dei bambini, mentre viene fatta suonare una canzone divertente e orecchiabile in sottofondo. Quindi, credo sia una buona cosa che non si preoccupino del prezzo sul cartellino … perche non se la beve (compra) nessuno!

Fonte

Annunci