Archivi categoria: Eurozona

Dalle ceneri del collasso dell’Unione Europea, nasceranno gli Stati Uniti D’Europa?

In tutta Europa, i titoli dei quotidiani stanno dichiarando che l’euro è sull’orlo del collasso. Molte persone erroneamente ritengono che ciò significherà un ritorno alla moneta nazionale. Purtroppo, si sbagliano di grosso. Questa crisi rappresenta l’ennesimo esempio di come le elite tentino di ottenere l’ordine dal caos. L’élite europea non ha alcuna intenzione di rinunciare ad una Europa unita. Piuttosto, essa spera di poter dar vita agli “Stati Uniti d’Europa”, dalle ceneri della eurozona già esistente. Nei prossimi mesi vedremo panico e paura diffusi in tutta Europa. L’euro probabilmente affonderà come un sasso e ci saranno gravi problemi economici in tutta Europa e di riflesso in tutto il mondo. Per l’elite europea, una grande crisi come questa rappresenta un’occasione d’oro per abbattere le strutture esistenti e costruirne di nuove. La soluzione che l’elite europea proporrà non sarà quella di tornare al vecchio sistema. Proporranno infatti una maggiore integrazione, cosa al momento molto complessa.

Naturalmente non si chiamerà “Stati Uniti d’Europa”, ma la frase rende bene il concetto.

L’elite europea sa anche però che i popoli non accetteranno mai una tale soluzione, in condizioni normali.

In questo momento, siamo nella fase in cui  l’Europa si prepara ad affrontare l’imminente crisi. Tutta l’Unione europea, assieme ai media ci comunicano di tenerci pronti al peggio. Per esempio, il seguente trafiletto proviene da un articolo del Telegraph ….

Il presidente della commissione europea avverte che il crollo dell’eurozona potrebbe causare un incidente che spazzerebbe immediatamente via metà del valore dell’economia europea, gettando il continente in una depressione profonda come avvenne nella crisi del 1930.

Alcuni giornali si spingono oltre dichiarando che un “Armageddon” finanziario è in arrivo. Basta controllare il seguente estratto da un articolo dell’Express ….

Ieri sera erano in corso i preparativi per il collasso dell’Euro da quando la spirale del debito europeo è andata fuori controllo.

I funzionari del Tesoro hanno lavorato tutta la notte per attenuare l’impatto sulla Gran Bretagna, David Cameron ha annunciato che la moneta unica europea sta affrontando ora la sua “prova del fuoco”.

Il segretario del business Vince Cable è andato oltre parlando di “Armageddon”, mentre i funzionari di Bruxelles hanno avvertito che il caos creato sta minacciando di far precipitare tutti noi in una nuova recessione.

Che ci crediate o no molti elementi dell’elite europea stanno sperando in un collasso dell’euro.

Perché?

Beh, darà loro l’opportunità di implementare qualcosa di nuovo.

Una crisi finanziaria è solo temporanea, ma molti fra l’elite europea credono di poter costruire una “nuova Europa” che durerà per secoli.

Le agenzie di stampa in tutta Europa stanno già riportando notizie ufficiose sul fatto che il presidente francese Nicolas Sarkozy e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno “complottato segretamente” per creare una “nuova eurozona” che escluda alcune delle nazioni più deboli come la Grecia e l’Italia.

Per esempio, qui sotto è possibile leggere un trafiletto di un articolo appena uscito sul Telegraph ….

La Francia sta elaborando dei piani per creare una organizzazione separatista dei paesi dell’eurozona con i suoi trattati, il suo parlamento e la sua sede – una mossa che potrebbe minare in modo significativo l’esistente Unione europea.

Lo stesso articolo del Telegraph prepara i lettori ad accettare “la soluzione” e cioè quella di “rafforzare i legami tra i paesi della zona euro” ….

Francia e Germania intendono rafforzare l’unione tra i paesi della zona euro, con nuove tasse e misure legali per fermare i prestiti delle nazioni per poter limitare le spese future.

Ciò che però non viene detto in questi articoli è che nè la Germania nè la Francia vogliono lasciare fuori nessuno, sulla lunga distanza. Desiderano solo che alcuni dei paesi più deboli si spaventino all’idea di essere “lasciati fuori” dal “nuovo club”. Così facendo si cercherà di trovare un accordo per un’Europa più strettamente unita imponendo allo stesso tempo tutte le nuove regole volute da Francia e Germania.

Tenete bene a mente le mie parole. I paesi finanziariamente più deboli come Italia e Grecia alla fine si uniranno al nuovo “blocco economico” che la Germania e la Francia stanno ora preparando.

Prima però che tutto ciò accada, l’euro è destinato probabilmente ad affondare come un sasso con il caos che regnerà in Europa per un breve periodo di tempo.

La fredda e dura realtà è che l’attuale struttura dell’eurozona semplicemente non funziona e non sarebbe mai dovuta nascere. Un recente articolo pubblicato su Crackerjack Finance riassume molto bene alcuni dei problemi dell’eurozona ….

Vengono ora esposti i problemi strutturali dell’eurozona. Un blocco di 17 nazioni sovrane hanno adottato una moneta comune e hanno esternalizzato la loro politica monetaria in una banca centrale comune. Eppure ciascuna delle 17 nazioni sovrane ha differenti vantaggi comparativi, industrie, livelli di debito, tassi di interesse, deficit di bilancio, regole del mercato del lavoro e politiche fiscali. Riflettendo su tutte le differenze, è incredibile come l’Eurozona sia sopravvissuta per oltre un decennio.

Invece di tornare alle valute nazionali però, l’elite d’Europa, è convinta che sia tempo per gli “Stati Uniti d’Europa” che necessiteranno di una integrazione molto maggiore di quella attuale.

Angela Merkel, la cancelliera tedesca, affermò che la situazione era “sgradevole”, e chiese ai membri dell’eurozona di accelerare i piani per una più stretta integrazione politica. “E’ tempo di una svolta per una nuova Europa,” ha proclamato. “Poichè il mondo sta cambiando così tanto, dobbiamo essere pronti a rispondere alle sue nuove sfide. Questo significherà più Europa, non meno Europa “.

Per facilitare questo processo, vengono piazziati nuovi politici in tutta europa, che sono a favore dell’agenda elitaria.

In Italia, Silvio Berlusconi è caduto e sembra che verrà sostituito dall’economista Mario Monti.

Monti ha studiato a Yale, è membro della Commissione europea, è il presidente della Commissione Trilaterale in Europa ed è anche membro del Gruppo Bilderberg.

In Grecia, George Papandreou si è dimesso, e Lucas Papademos lo ha sostituito.

Papademos ha insegnato ad Harvard,  ha precedentemente lavorato come governatore della banca centrale greca, come vicepresidente della Banca centrale europea e come economista senior presso la Federal Reserve Bank di Boston. Egli è anche membro della Commissione Trilaterale.

E’ buffo notare come gli elementi di queste organizzazioni elitarie sembrano sempre sbucare fuori nelle posizioni di potere, o sbaglio?

Con uomini come questi nelle posizioni chiave dei vari governi, sarà molto più facile per l’elite europea ottenere la transizione verso la “nuova Europa” del resto del continente.

Ma a cosa assomiglierà la “nuova Europa”? Ebbene, un articolo di qualche tempo fa del Daily Mail, dal titolo “Rise of the Fourth Reich, how Germany is using the financial crisis to conquer Europe” contiene la seguente valutazione di ciò che avrebbe comportato una maggiore integrazione economica in Europa….

Ciò comporterebbe una perdita di sovranità per le nazioni equiparabile a quella avvenuta durante il terzo Reich, 70 anni fa.

Per togliervi ogni dubbio su ciò che significherebbe una unione fiscale: si tratta di un’unica politica economica, di un unico sistema di tassazione, di un unico sistema di sicurezza sociale, di un unico debito, un’unica economia, un unico ministro delle finanze. Tutto questo sarebbe in mano alla Germania.

Non suona molto bene.

Ma questo è ciò che l’elite ha da sempre voluto.

Maggiore potere e maggiore controllo.

In questo momento, però, i cittadini europei non sono pronti ad accettare la “nuova Europa”.

Ciò significa che vi sarà necessariamente un periodo di forte caos, dolore e paura.

Il collasso finanziario europeo è imminente.
Sarà terribile.

Al termine di questo periodo tumultuoso, l’elite europea spera di ottenere ciò che ha da sempre desiderato – cioè una “nuova Europa” più strettamente integrata di quanto non lo sia stata in un qualsiasi altro momento dopo la caduta dell’impero romano.

Fonte

Annunci

Sopravviverà l’Eurozona?

La zona euro ha grossi problemi
Ma è una pietra miliare del governo mondiale progettato dai banchieri massonico/ebrei.
Hanno in programma di utilizzare questa crisi
  per trasformare un’unione monetaria in un colosso fiscale e
  politico governato da loro.

Molto è stato detto riguardo le difficoltà dell’euro, soprattutto da un punto di vista economico. E’ chiaro che gli squilibri creati dallo stesso non sono sotenibili dall’Unione.

La Germania e i suoi satelliti (Paesi Bassi, Finlandia, Austria) sono molto più che competitivi dei compagni della zona mediterranea. A causa dell’Euro quest’ultimo gruppo di nazioni non può svalutare la propria moneta, avendo come risultato deficit commerciali e flussi netti di capitale verso Nord.

Quindi, l’esistenza dell’euro, dipende da un meccanismo permanenete di BailOut, non sostenibile, dai paesi del sud.

In quello di cui stiamo parlando però l’economia ha un ruolo minore. L’euro non è stato creato per costruire ricchezza ma è un passo verso una valuta mondiale. Per governare il mondo, uno prima deve avere il controllo sull’Europa. Chiaramente, l’euro venne progetto dai banchieri centrali.

UN PROCESSO GRADUALE

L’attuale crisi non è affatto inaspettata. Fu impossibile per gli eurocrati ottenere la loro tanto ambita federazione nel 1992, al tempo del trattato di Maastricht, così dovettero accontentarsi dell’euro.

Hanno capito che prima o poi sarebbe scoppiata la “giusta” crisi, rendendo chiaro come l’unione monetaria senza l’unione fiscale sia impossibile da attuarsi. Si aspettano che gli Stati nazionali europei cedino la loro sovranità fiscale per salvare l’euro.

In un recente articolo, un giornalista, Ambrose Evans-Pritchard, ha esposto il suddetto processo:

  “Alcuni architetti dell’UEM hanno calcolato che la moneta unica sarebbe diventata un catalizzatore per far compiere un passo in avanti all’integrazione che non si poteva ottenere altrimenti. ….. Questo è stato il Metodo Monnet del fatto compiuto e della realtà delle cose. Questi grandi manipolatori del destino dell’Europa possono aver avuto successo, ma fino ad ora la crisi non ha avuto il minimo beneficio”

Finisce il suo intrigante report affermando: “Penso sia giusto dire che gli eventi si stanno sviluppando come abbiamo più o meno previsto.”

L’EURO FALLIRA’?

Se si guardano i dati economici, DOVREBBE. Se ci si rende conto però che il mondo è gestito da un gruppetto di banchieri che vogliono un governo mondiale, con una valuta mondiale la risposta è ‘no’.

Tuttavia, negli ultimi due anni, gli eurocrati hanno sofferto molto. La resistenza popolare, sia nel Nord che nel Sud, è drammatica. Recentemente, la Corte suprema tedesca ha permesso alla Merkel di proseguire con quello che stava facendo, rimproverandole però la mancanza di legittimità democratica e la violazione del trattato di Maastricht, che non consente la cooperazione fiscale o dei bond.

Cosa succederebbe se la Grecia lasciasse l’Euro? Come si potrebbe consentire alla Romania, alla Bulgaria e a tutte quelle nazioni di “serie b”  di entrare nell’Unione se neppure la Grecia è stata in grado di affrontarne le dinamiche? Come potrebbero gestire una valuta mondiale, se non sono riusciti neppure a far funzionare l’euro?

Il loro più grande problema è la totale mancanza di legittimità. Nel 2005, Francia e Paesi Bassi respinsero la loro ‘Costituzione europea’ con un clamoroso margine di 60-40.

Hanno bisogno del voto popolare. I protocolli sono chiari in quello che descrivono: ‘Lo volevi, Lo hai votato’. Senza questa legittimità, rischierebbero la rivolta ad ogni istante. Non possono andare avanti se i loro trattati e le loro leggi non vengono approvate anche dal popolo.

In questo modo, quando Papandreou bandi a sorpresa il referendum popolare, i ‘mercati’ e la chimera Merkozy vennero presi dal panico più totale…cosa dimostra questo? Fa notare che il terreno sotto i loro piedi è tutt’altro che stabile.


IL GOVERNO MONDIALE IN GIOCO

Se l’euro fallisce, verrà inferto un colpo mortale al progetto NWO. Ci vorrà loro decenni per riportare sulla retta via il piano per un governo mondiale. Il problema è che non hanno tempo, sanno che la gente si sta risvegliando.

È vero, la maggior parte degli “Occupiers” non sanno ancora il reale motivo per la quale protestano, ma in Europa, dove l’austerità sta già mordendo, le persone cercano risposte sempre con più grinta. Si parla di debito, di una moneta senza interesse e dell’esempio dell’Islanda. In Germania fioriscono decine e decine di valute che crescono di anno in anno.

Ora, è più importante che mai, iniziare a parlare di soluzioni. Dobbiamo tenere a mente che questa crisi del credito è un falso totale e che potrebbe essere risolta nell’arco di una notte.

Una valuta priva di interesse è la soluzione. Una moneta prodotta dallo Stato e priva di debito sarebbe un rimedio veloce, ma lungi dall’essere quello ideale. Molto meglio è l’esempio del “Public Banking”, che rilascia credito senza interessi proveniente da banche di proprietà statale. L’obiettivo finale resta comunque lo sradicamento del monopolio (ebreo/massonico) delle valute.

Con gli oceani sull’orlo del collasso dopo Deep Horizon e Fukushima, con la crisi economica, con i terremoti (indotti dall’HAARP) e con le guerre e i proclami di guerra in tutto il mondo risulta corretto dire che il Nuovo Ordine Mondiale si sta preparando per la sua mossa finale.

Vedendo la debolezza in Europa però, il risultato non è del tutto scontato.

La sfida è quella di fornire alternative reali. Si aspettano uno scontro, ma si aspettano anche di avere successo, perché credono che non possiamo creare le giuste soluzioni.

Jacques Attali, Un altro insider: ‘La maggior parte di questi nuovi contestatori non offriranno valide alternative … Fatta eccezione per una manciata che proporranno un ritorno alla teocrazia. ‘

Sappiamo benissimo cosa fare. Facciamolo!

Fonte