Archivio mensile:gennaio 2012

Il ritorno allo standard aureo è imminente

Lo standard aureo ci farà precipitare in una massiccia deflazione. Il caos provocato aiuterà Loro, ad inaugurare il tanto bramato nuovo ordine mondiale ed una nuova moneta globale.

Quello che era scritto nelle carte da decenni sta per essere pienamente realizzato: il ritorno allo standard aureo. L’oro come moneta è un’arma. Si tratta di un trasferimento di ricchezza a coloro che possiedono oro, i quali non fanno parte sicuramente del 99%, che ci farà precipitare in una massiccia deflazione. Il caos aiuterà gli Illuminati ad inaugurare il tanto ambino Nuovo ordine Mondiale assieme ad una Nuova valuta Mondiale.

Di recente molti fatti riguardanti l’oro sono comparsi nelle pagine di cronaca. Solo nell’ultima settimana sono successi questi fatti: L’India pagherà in oro le importazioni di petrolio provenienti dall’Iran. In un altro sviluppo, Cina, Giappone, Russia, Francia e alcuni Stati Arabi effettueranno tra loro pagamenti tramite un ventaglio di valute, oro compreso.

Ancora, un altro fatto riguarda il presidente della Banca Mondiale Robert Zoellick, che ha promosso lo standard aureo per anni: afferma che il crollo del dollaro riflette ‘un mutato equilibrio di potere’ mondiale. Anche Newt Gingrich ha sfruttato il “tormentone” oro.

Queste vicende vengono dipinte come una protesta/resistenza contro l’egemonia del dollaro, ma naturalmente questa, è solo una parte della storia. Si tratta infatti dell’ennesima dialettica, gli Stati Uniti contro il resto del mondo.

Se queste nazioni avessero agito in maniera indipendente, avrebbero utilizzato il baratto, basandosi sulla contabilità dei conti correnti, eliminandosi praticamente a vicenda tutto il debito. Questo avrebbe risparmiato loro ingenti quantità di valuta e i costi di capitale associati. Sarebbe necessaria la moneta solo per i saldi negativi.

Naturalmente, quando queste direttive cominceranno a funzionare attivamente ciò avrà un effetto devastante sul dollaro, in quanto vorrebbe dire migliaia di miliardi di dollari verrebbero rimpatriati dall’estero in quanto non più utilizzati per finanziare il commercio internazionale.

Questo aiuta il Potere Monetario ad indebolire ulteriormente gli Stati Uniti,  passo indispensabile per dare il via ad un Governo Mondiale.

Ma il declino del dollaro è solo una parte della storia. Il dollaro è solo l’attuale veicolo che il Potere Monetario utilizza per governare la finanza internazionale. Questo potere non si preoccupa del veicolo, fintanto che esso avrà un degno successore, l’oro.

Anche negli stessi Stati Uniti la propaganda verso lo standard aureo si fa sentire.

Viene in mente l’assalto dell’economia Austriaca ai media alternativi. Economia Austriaca che è anche il cavallo di battaglia di Ron Paul. Quest’ultimo chiede apertamente l’oro come valuta. A questo proposito, risulta essere chiaramente il perfetto candidato internazionalista. Questo contrasta nettamente con il suo patriottico ‘costituzionalismo’.

Quando è necessario scegliere tra costituzione e politica monetaria è chiaro quali siano le sue priorità. Ron Paul mente sul ‘denaro costituzionale’, quando dice che la Costituzione afferma che gli Stati Uniti dovrebbero avere l’oro come valuta. Non è vero, l’oro è solo una delle opzioni disponibili.

Questo ‘piccolo dettaglio’ è davvero molto significativo. E’ tipico degli agenti di cambio del Potere Monetario. Si nascondono dietro un motivetto simpatico e credibile, sabotando o addirittura sostenendo attivamente l’attuazione di un ordine del giorno peggiore del precedente.

Tutto ciò ci ricorda anche come opera il Potere Monetario a livello internazionale. Non dobbiamo permettere che le nostre priorità nazionali oscurino il contesto internazionale.

AUSTERITA’ E DEFLAZIONE

Lo standard aureo sarebbe un disastro. Ci condurrà ad una deflazione straziante. La deflazione è un incubo per i debitori, che vedono i loro debiti e l’interesse che ci pagano sopra aumentare sensibilmente.

Winston Churchill, che fu coinvolto nella reintegrazione dello standard aureo in Gran Bretagna, negli anni venti, testimoniò alla Camera dei Comuni nel 1935, quando la deflazione della Grande Depressione aveva reso l’oro insostenibile:

“Guardate il volume enormemente maggiore di merci che devono essere create al fine di saldare il debito, mutuo o prestito stesso. Fluttuazioni minori potrebbero essere ignorate, ma dico seriamente, che questa convulsione monetaria ha ormai raggiunto un picco, che i produttori di nuova ricchezza non tollereranno a lungo…. “

La deflazione distrugge l’economia, perché la gente ha un incentivo per accumulare denaro, invece di usarlo per produrre e consumare.

La “Fratellanza Bancaria” è ben consapevole della disastrosa deflazione che accompagna l’oro. Per esempio, i Protocolli nel loro programma finanziario dicono (protocollo 20): ‘Siete consapevoli che lo standard aureo fu la rovina degli stati che lo adottarono, perché non è stato in grado di soddisfare le richieste di denaro, tanto più che che abbiamo rimosso per quanto possibile l’oro dalla circolazione. ‘

Questa citazione conferma inoltre che sono in grado, disposti e consapevoli di poter trattenere grandi quantità di oro dal mercato. Quindi l’idea che l’oro è una scommessa sicura perchè  “non può essere stampato”‘non sta in piedi: il suo volume può essere manipolato, perché la maggior parte è nelle mani del Potere Monetario, che possono gonfiarlo e sgonfiarlo a loro piacimento.

La devastazione sociale ed economica che crearono attraverso la Grande Depressione ha portato alla nascita del fascismo. È molto probabile che l’arma dell’oro venga utilizzata per scopi simili anche stavolta.

Naturalmente, dobbiamo anche considerare il trasferimento di ricchezza dovuto al ripristino dell’oro come valuta:  il prezzo dovrebbe salire di 10 o 20 volte forse per riuscire a sostituire tutta la moneta a corso forzoso del mondo. Il 99% non avendo molto oro, come al solito è nei guai.

CONCLUSIONE

Lungi dall’essere una ‘soluzione’, lo standard aureo in arrivo è il logico passo successivo del Potere Monetario nel piano per scatenare il caos da cui si estrapolerà il nuovo ordine. Avremo una depressione lunga e dolorosa.

Anche se non è certo che l’oro sostituirà completamente la carta, è ovvio che subiremo una forte contrazione economica.

L’austerità e la deflazione che gli agenti del Potere Monetario nell’ FMI, nella Bank of International Settlements e nelle banche (centrali) stanno promuovendo, porranno le basi per grandi sconvolgimenti e per il solito meccanismo di problema-reazione-soluzione, dialetticamente guidato verso un Governo Mondiale.

C’è bisogno di un governo che rivendichi il proprio monopolio concesso ad un cartello privato della Banca Centrale. L’obiettivo finale però non è la  “Fine della Fed’. L’obiettivo è DENARO MIGLIORE.

Il governo deve stampare moneta senza debito, preferibilmente Credito Sociale. Dal momento che questo non accadrà in tempi brevi, dobbiamo costruire valute libere, in grado di competere attivamente con le monete nazionali.

Dovremmo tirar fuori i nostri soldi dalle banche. Perché dovremmo proteggere un business che ci sta schiavizzando con il credito, schiaffandoci interessi e creando intenzionalmente crisi economiche?

Anthony Migchels è una attivista per una valuta senza interessi e fondatore della Gelre, la prima valuta regionale dei Paesi Bassi. Potete leggere tutti i suoi articoli sul suo blog Real Currencies

Fukushima: Si trattò di sabotaggio?

L’ex analista dell’NSA, Jim Stone, sostiene che non ci fu nessun terremoto. Lo tsunami venne causato da bombe nucleari detonate in mare e le esplosioni avvenute a Fukushima furono provocate da mini – bombe atomiche nascoste in delle telecamere, installate da una società di sicurezza israeliana. Il movente: punire il Giappone per essersi offerto di arricchire l’uranio iraniano, allontanandosi così dal diktat degli Illuminati. L’articolo che seguirà esporrà una teoria sulla quale si potrà discutere, non ha le pretese di essere verità assoluta.

I due schemi di arma nucleare portatile mostrano una notevole somiglianza con le telecamere di sicurezza della Magna BSP. Anche nel caso di fusione del nocciolo, un reattore ad acqua bollente, non raggiunge uno stato critico e soprattutto non esplode come una testata nucleare, va semplicemente incontro al processo di meltdown. L’esplosione del reattore numero 3, che l’azienda Magna BSP ha “immortalato”, presenta palesi somiglianze ad un test atomico.
Quando confrontiamo il terremoto di magnitudo 6,8 che ha devastato Kobe, in Giappone, il 17 gennaio 1995, con quello di Fukushima, i dati sembrano non tornare. Una rapida ricerca su Google Immagini del terremoto di Kobe ci rivela come vennero pesantemente danneggiati gli edifici, i ponti, le autostrade sopraelevate e le altre infrastrutture. Il sisma di Fukushima, con magnitudo 9.0, ha colpito a circa 70 km dalle coste del Giappone, l’11 marzo 2011.

Il terremoto avrebbe innescato uno Tsunami con onde di 30 metri che andò ad abbattersi su ponti, case, strade e automobili prive di qualsiasi danno – su una popolazione che non venne avvisata dell’imminente tsunami in arrivo, perché non c’è stato alcun terremoto. Vennero presi completamente alla sprovvista. Eppure c’erano gli elicotteri in attesa e la gente in tutto il Giappone ha avuto modo di guardare l’arrivo dello tsunami in diretta tv.

Cosa diavolo è successo? Di solito, i giapponesi vengono avvertiti degli tsunami. Come mai l’11 marzo non vennero avvisati? Perché non ci furono danni strutturali, o motivi per sospettare l’arrivo di uno tsunami?

Il sisma non sarà sembrato nulla di speciale ad una nazione abituata ai terremoti. In un video filmato all’interno di una redazione di Tokyo, durante il terremoto, vengono mostrati i dipendenti che continuano tranquillamente a lavorare con i loro computer.

Una scossa di magnitudo 9,0 è 100 volte più forte di una da 6.8. Quella da 9,0 avrebbe dovuto devastare tutto nel raggio di 1.000 km. Saremo stati spettatori di una carneficina urbana, anche peggiore di quella sofferta dagli abitanti di Kobe.

Eppure il terremoto di Fukushima del 3/11/11 non ha causato il collasso di una singola struttura.

Fate a meno di credere a me. Guardatevi le riprese fatte dall’elicottero. Guardate le infrastrutture su cui lo tsunami si è abbattuto. Neppure un minimo danno. Il buon senso è sufficiente per potersi meravigliare.

Jim Stone ha analizzato i sismogrammi giapponesi. Dichiarando che non ci fu nessun terremoto da 9.0 e che l’epicentro non era in mare. Ci sono stati, invece, tre terremoti simultanei di minore intensità, tutti avvenuti sulla terra ferma.

Le autorità hanno mentito – costruendo a tavolino l’evento. Non è stato il terremoto a causare lo tsunami. Ci deve essere stato un altro motivo.

I REATTORI DISTRUTTI DA ARMI NUCLEARI

Si scopre che pure la spiegazione ufficiale per le esplosioni dei reattori di Fukushima fu un inganno creato ad arte. I muri di contenimento per l’energia nucleare sono molto spessi e solidi. Le esplosioni di idrogeno non avrebbero mai potuto distruggerli. Come riferimento storico, esplosioni di idrogeno si verificarono a Three Mile Island: non causarono danni strutturali e neppure eventuali lesioni al personale dello stabilimento.

Inoltre, il reattore quattro non conteneva carburante il giorno del sisma e non era quindi operativo – ma esplose comunque e venne completamente distrutto, seguendo la fine di tutti gli altri reattori. Il reattore 4 è come l’edificio 7 del World Trade Center – una impossibilità assoluta, una palese pistola fumante. Un reattore che non contiene carburante non può funzionare, un reattore non operativo non può esplodere a meno che qualcuno non lo faccia esplodere. La distruzione del reattore quattro non può che essere il risultato di un sabotaggio.

COINVOLGIMENTO ISRAELIANO

Nel febbraio 2010, il Giappone si offrì di arricchire l’uranio per l’Iran. Poco dopo, una ditta israeliana con il nome di Magna BSP, ottene un contratto per gestire i sistemi di sicurezza nell’impianto di Fukushima Daiichi. Installarono telecamere di grandi dimensioni fortemente somiglianti ad armi nucleari “gun-type”. Forti prove indicano che la ditta avrebbe introdotto il virus Stuxnet nella rete dell’impianto, un malware di fabbricazione israeliana che attacca gli impianti che hanno sistemi di controllo Siemens e che la stessa Israele utilizzò precedentemente per danneggiare il programma nucleare iraniano. La Magna BSP stabilì anche collegamenti a internet per lo scambio di dati all’interno del reattore, in palese violazione delle normative nucleari internazionali.

Tutti e dodici i membri del team di sicurezza tornarono in Israele una settimana prima del 11/3/11. All’indomani del disastro, gli israeliani monitorarono pubblicamente i nuclei dei reattori attraverso questi collegamenti illegali ai dati della centrale. Nessuno ha ancora sollevato questioni per questo comportamento illegittimo.

JIM STONE: PERSEGUITATO PER AVER RIVELATO LA VERITA’

Che cosa ha causato lo tsunami? Che cosa ha distrutto i reattori?

Jim Stone, utilizzando le sue affinate competenze (ex analista dell’NSA) e il suo background di ingegneria, ha concluso che fosse Israele il reale mandante del disastro di Fukushima Daiichi. Ora ne sta pagando il prezzo.

Stone ha dimostrato che non ci fu alcun terremoto di magnitudo 9.0 a causare lo tsunami. Quest’ultimo deve essere stato indotto artificialmente, forse da una bomba atomica posta nella Fossa della Giappone.

Si incolpa lo tsunami per le inondazioni avvenute nei reattori che hanno successivamente provocato le esplosioni. Stone, però, presenta prove convincenti che Israele abbia distrutto l’impianto di Fukushima Daiichi installandovi armi nucleari “gun type”, facendole passare come telecamere di sicurezza.

Stone dimostra che il virus Stuxnet ha continuato (e continua) a distorcere le letture dei sensori presenti a Fukushima.

A differenza di molti altri nel mondo dei “whistle blowers”, Stone basa le sue conclusioni su prove concrete e su una logica inattaccabile. Chiunque può visionare e criticare il suo lavoro.

Pubblicando il suo report e facendo diverse apparizioni radiofoniche per sostenerlo, Jim Stone è stato molestato, minacciato, detenuto illegalmente ed è attualmente in galera per delle false accuse.

Ho visto le reazioni al suo lavoro, in rete. Alcuni lo hanno diffamato.

Nessuno è ancora riuscito a confutare le sue teorie.

Le sue conclusioni hanno ramificazioni che fanno sembrare le tesi complottiste sull’11 settembre “poco incisive”.

Perché, questo silenzio sul lavoro di Stone anche da parte dei media alternativi?

Alcuni hanno espresso il sospetto che Stone non fosse chi diceva di essere. Questo è irrilevante. I fatti sono fatti. Il rapporto da lui stilato si basa su fatti ben provati.

Vi invito a consultare il report pubblicato da Stone. Ne vale la pena. Se poi sarete d’accordo su quanto dici, vi pregherei di diffondere ulteriormente questa notizia e “sciogliere” questo silenzio dei media alternativi.

Per concludere, non c’è mai stato un terremoto di magnitudo 9.0 l’11 marzo 2011, lo tsunami deve essere stato indotto artificialmente. Le esplosioni di idrogeno non hanno distrutto i muri di contenimento costituiti da diversi metri di cemento. La storia ufficiale è impossibile. Israele ha punito il Giappone, e gli agenti sionisti stanno ora cercando di distruggere Jim Stone, l’uomo che ha fatto luce sulla verità.

Il rapporto originale: www.jimstonefreelance.com/fukushima1.html

Intervista con immagini:

Costa Concordia: Un disastro simbolico?

Con le tensioni che aumentano in Iran, è possibile che quello della Costa Concordia non sia stato un semplice incidente.Potrebbe essere un segnale.

Siamo tutti passeggeri della nave da crociera chiamata Vita. Il concetto non ci è molto chiaro ma non importa, ci vorremmo solo godere il viaggio.

Abbiamo fiducia nei nostri leader, diamo per scontato che i cosiddetti “capitani”, non facciano scontrare la nave contro gli scogli. Ma sembrano farlo quasi volutamente, su base regolare. Mi riferisco alla guerra, naturalmente.

Poi ci mentono. Dicendoci di tornare alle nostre cabine, che non c’è motivo per essere allarmati, che è solo un guasto elettrico, che verrà riparato a breve.

Infine il capitano abbandona la nave e ci lascia soli con noi stessi. “Sauve qui peut!” Si salvi chi può!

Nel caso della Costa Concordia, i paralleli sono impressionanti. La nave, battezzata nel 2006, venne chiamata “Concordia” a significare l’armonia internazionale. Ai ponti corrispondono i nomi di vari stati europei. E’ curioso il fatto che, quando l’Unione Europea si è incagliata negli scogli così è successo anche alla nave.

Il capitano Francesco Schettino è stato criticato per aver trasgredito alle sue responsabilità. Ha abbandonato la nave, invece di aiutare i suoi 3200 passeggeri e i 1000 membri dell’equipaggio.

SIMBOLO DEI TRAGUARDI DELL’ESSERE UMANO

Era veramente bella la Costa Concordia! Circa 300 metri di lunghezza, 114.000 tonnellate di peso, per un costo di $ 570 milioni e 101.000 cavalli di potenza!Secondo Wikipedia, “Costa Concordia possiede una delle aree sportive in mare aperto più grandi al mondo, la Samsara Spa, su due livelli, 65.000 m² un centro fitness con palestra, una piscina per talassoterapia, una sauna,  un bagno turco e un solarium. La nave dispone di quattro piscine, due con coperture retrattili, cinque jacuzzi e cinque centri termali. “”Ci sono cinque ristoranti a bordo e tredici bar,tra cui un bar “sigari e cognac” una caffetteria ed una cioccolateria. Le opzioni di intrattenimento comprendono un teatro su tre livelli, casinò e una discoteca. C’è un’area dedicata ai bambini, attrezzata con prodotti PlayStation. ”

Polonia

Austria

Spagna

Germania

Francia

Portogallo

Irlanda

Gran Bretagna

Italia

Grecia

Belgio

Svezia

Olanda

Così tanto splendore si trova adesso capovolto sulle coste dell’isola del Giglio, come fosse un promemoria di ciò che potrebbe accadere alla nostra società così ben ordinata.

PARALLELI CON IL TITANIC?
Ci sono prove che l’affondamento del Titanic il 14 Aprile 1912 non sia stato un incidente. La prima nave al mondo “Inaffondabile” potrebbe essere stata affondata dagli Illuminati per demoralizzare l’umanità, e come un presagio di una futura guerra.Allo stesso modo, Bruno Leporatti, l’avvocato del capitano Schettino, ha
affermato che
mentre il suo cliente accetta di accollarsi una parte delle responsabilità per l’incidente, sono stati coinvolti anche “terzi” per i quali sarebbe necessario un approfondimento nelle indagini.”Le autorità italiane sono alla ricerca del personal computer del capitano, dopo le notizie riguardanti una misteriosa donna bionda che se lo sarebbe portato via poche ore dopo il disastro”.

Secondo quanto riferito ebbe il tempo di recuperare il portatile dalla sua cabina portandolo a riva, nonostante la scorsa settimana abbia raccontato agli inquirenti che le condizioni a bordo erano talmente caotiche che cadde in una scialuppa di salvataggio.

Dopo aver raggiunto il litorale roccioso del Giglio nelle prime ore di Sabato 14 gennaio, prese un taxi per l’Hotel Bahamas, l’unico hotel aperto. I proprietari dissero che il capitano era in possesso di un sacchetto di plastica rosso contenente un oggetto rettangolare bianco che sembrava la custodia di un portatile.

Venne intervistato dal tgcom, quando una donna di mezza età bionda, elegantemente vestita che diceva di essere l’avvocato di Costa Crociere cercò di bloccare la messa in onda dell’intervista. Si tratta della stessa donna che si sarebbe appropiata del pc.

CONCLUSIONE

L’elegante e lussuosa Costa Concordia rappresenta i picchi di perfezione raggiunti dal genere umano. La nave che affonda simboleggia il fatto che i nostri capitani che da sempre ci tradiscono. Sono al soldo di un culto satanico vizioso, gli Illuminati, che vuole giocare a fare Dio.

Quale sarà la prossima “opera di distruzione” degli Illuminati? Con le crescenti tensioni in Iran, questo evento potrebbe essere il segnale del collasso economico e della fine della “Concordia”.

Fonte

Doda e Vintage: Pubblicizzare l’agenda degli illuminati nell’Europa dell’est

L’agenda degli Illuminati nella cultura popolare è diventata un fenomeno mondiale e non ha risparmiato di certo l’Europa orientale. “Bad Girls” di Doda e “Trees” di Vintage  sono due video musicali molto simbolici, estremamente popolari in Russia e in Polonia. Analizzeremo questi due video e vedremo come il loro contenuto simbolico coincida con l’agenda dell’elite mondiale.

Ciò che viene chiamato “Illuminati” funziona su scala globale, ne viene naturale, quindi, che la sua propaganda e diffusione avvengano a livello globale. Mentre gli artisti americani e britannici hanno la possibilità di raggiungere tutto il mondo con i loro pezzi, le stelle “regionali” vengono utilizzate dalle elite per diffondere la loro agenda a determinate etnie. I precedenti articoli presenti su questo sito hanno descritto il simbolismo degli Illuminati trovato nella musica coreana, giapponese, sud americana e russa. Nonostante le differenze di cultura e lingua tra questi paesi, l’odierna macchina mediatica (globalizzata) riesce a mostrare lo stesso tipo di simbolismo e lo stesso piano dettati da una specifica agenda (quella degli illuminati).

L’Europa orientale non è ovviamente salva da questa “macchina mediatica”. Allo stesso modo delle altre parti del globo, le pop star vengono spesso selezionate, vengono scritturate con una casa discografica internazionale e sono messe sotto i riflettori con video “in linea” con l’agenda degli Illuminati. In questo articolo, porremo l’attenzione su “Bad Girls” di Doda e “Trees” di Vintage, due video che, nonostante il loro pubblico limitato, sono riusciti a ottenere un sacco di airplay e milioni di visite su YouTube. Anche se la lingua è diversa, entrambi i video sono un riflesso diretto della filosofia e degli obiettivi degli Illuminati e svolgono la funzione di “distributori locali” dell’Agenda dell’elite. Guardiamo il messaggio di questi video.

DODA – BAD GIRLS

A prima vista, si sarebbe tentati di considerare la cantante, un’oca. La cover del suo primo album ti darebbe pienamente ragione.

La copertina del primo albuma di Doda intitolato “Bimbo”, mentre era con il gruppo Virgin.

Nonostante ciò, Doda è una figura estremamente popolare e influente in Polonia. La CNN la ha infatti classificata , la decima polacca più importante della storia. Sì, avete letto bene nella storia. Tale elenco comprende Papa Giovanni Paolo II, Copernico e Marie Curie. Inoltre, la rivista polacca Viva! la incluse nell’elenco delle dieci donne più influenti della Polonia. Non male per un’ochetta. Ha un talento innato per scatenare polemiche. Nel 2010, suscitò molto scalpore quando affermò che la Bibbia è stata scritta da persone “che hanno bevuto troppo vino e che hanno fumato erba”.

La popolarità e il sex appeal di Doda la hanno resa una scelta perfetta per la propaganda degli Illuminati. Dopo alcuni album con il gruppo rock Virgin, Doda iniziò una carriera da solista come cantante pop e il suo album, The Sevem Temptation, sembrò aver tutte le caratteristiche di una vera e propria opera degli Illuminati.

Osservando il video di “Bad Girls” sembra di essere di fronte ad un manuale per novizi sugli illuminati, che dipiega, nei pochi minuti della canzone, una serie completa di messaggi. Qualcuno potrebbe affermare: “L’Agenda degli Illuminati esiste negli Stati Uniti, ma non in Polonia”. Bene, Doda ha firmato con la Universal Music, uno dei cinque conglomerati mediatici che producono ogni genere di media  a livello mondiale. La Universal, possiede etichette come Interscope, Geffen, A & M, Defjam, Isle e Motown. La cantante fa quindi parte del sistema elitario ed è stata scelta per rappresentare gli Illuminati in Polonia.

BAD GIRLS

Il video si svolge in un ambientazione che gli Illuminati amano: Uno stato di polizia futuristico distopico. Telecamere e schermi televisivi ovunque, la polizia in tenuta antisommossa e un governante senza volto: Questa immagine è presente nei video pop di tutto il mondo.

L ‘”eroina” della storia è Doda, un essere metà umano e metà robot, che emerge da una sorta di laboratorio scientifico “transumanista”. Promuovere la fusione dell’essere umano con la macchina è un punto fermo del programma, come descritto in questo articolo.

Come le elite preferiscono rappresentare i propri artisti: Mezzi robot alimentati da una macchina gigantesca. Anche l’altra “Bad Girl” è collegata ad una macchina.

Esiste una versione inglese del brano, ma le parole non hanno molto senso. Tuttavia, riescono ancora a trasmettere il suo passaggio al “lato oscuro”.

“I know my way of my Babylon
All demons know, my booty show
Girl dress to kill I’m hell on heels
So come with me, we’ll go oh”

Dopo essersi fatte strada verso l’uscita del laboratorio, Doda e le sue ragazze si incontrano in un ristorante che a quanto pare serve esseri umani: Un altro esempio di come fare diventare la deumanizzazione “cool”.

Questo ristorante è decorato con degli esseri umani, similmente alle steakhouse che decorano i propri locali con delle mucche. Che avvincente.

In questo ristorante da cannibali Doda e le su “Bad Girls”  pianificano l’attacco al grande boss della città.

La ragazza sulla sinistra ha un occhio nascosto. Si, anche i polacchi devono essere sottoposti a questo schifo

Abituare i giovani a vedere poliziotti in tenuta antisommossa è una parte complessa del programma degli Illuminati nei mass media.

Quando Doda vede le guardie, le uccide mettendosi ad urlare in modo animalesco (o qualcosa del genere). La maggior parte delle persone sarebbe soddisfatta da un risultato del genere, ma non Doda. La ragazza infatti si reca all’obitorio dove si trovano le guardie morte ed assume atteggiamenti sexy con una di loro.

Dopo il cannibalsimo e la necrofilia, non riesco a percepire alcun rispetto per la dignità umana

Dopo che ha finito con il ragazzo morto, una frase appare sul petto della vittima, una di quelle che sembra riassumere la cultura che i mass media spingono a rotta di collo: “No Death, No Fun”. (No Morte, No divertimento)

No death, no fun: è questo lo slogan dell’elite che ha dei piani per il depopolamento mondiale e a cui piacciono i sacrifici rituali?

La profanazione del corpo però non è finita Doda compie un gesto simbolico che conferma chi c’è dietro il messaggio del video.

Doda strappa via uno degli occhi alla vittima. Abbiamo ancora un riferimento all’occhio che tutto vede

Doda utilizza l’occhio della guardia per superare il sistema di sicurezza che protegge l’accesso all’abitazione del sovrano della città. Dopo una banale scena di lotta, Doda “spodesta” il Re della Città e si siede sul suo trono. Dalla sua mano infine emerge una pillolla e Doda guardando la telecamera dice: “Try Me”.

Doda mostra agli telespettatori la pillola che devono “ingoiare” – simbolo della dottrina che è necessario accettare.

Il disegno sulla pillola ha un significato molto importante. E’ il simbolo di Mercurio, che è anche conosciuto come Hermes – il “dio capo” delle élite occulte. Di solito, la parte inferiore del simbolo assomiglia ad un segno più (+) tuttavia, in questo caso, una estremità è stata allungata, rendendolo più simile ad una croce rovesciata – un simbolo usato nel satanismo. Abbiamo quindi una testa di diavolo poggiata sopra una croce rovesciata.

Doda che spodesta il re della città può essere anche interpretato a livello personale. Doda e le sue ragazze, che sono state concepite nei laboratori del governo, rappresentano l’agenda degli Illuminati concepite e calcolate dai vari think-thank governativi . Il messaggio è intrinsecamente velenoso (da qui “Bad Girls”), ma è mascherato da qualcosa di sexy e attraente.

Doda (che rappresenta la propaganda) passa attraverso l’occhio dello spettatore (rappresentatato a sua volta dall’occhio strappato alla guardia) al fine di accedere al suo cervello – rappresentato dal re della città. Lo spodesta e si siede al suo posto, simbolicamente è l’avere successo nella lotta contro la mente. Doda chiede poi agli spettatori di provare la sua pillola “Bad Girls”.

In breve, allo stesso modo in cui Doda emerge dal laboratorio e conquista la città, così la propaganda degli Illuminati emerge dai think tank e cerca di conquistare i cervelli delle masse attraverso i mass media. La cultura popolare promuove i valori corrotti e degradanti, distruggendo la vita umana e promuovendo il transumanesimo perché è proprio su questo che puntano per la loro conquista del mondo. Ingoierai la pillola?

TREES DI VINTAGE

Se “Bad Girls” di Doda è una grande accozzaglia di simbolismo,  “Trees” di Vintage è un’esperienza molto più rilassante. Anche se tuttavia il simbolismo presente nel video è + sottile del precedente, l’effetto è  più potente. Mentre il video sembra essere solo un altro esempio di video musicale semi-spirituale, pseudo-esoterico e vagamente sensuale (vedi “Frozen” di Madonna), risulta, dopo un attenta decodifica, ricco di contenuti simbolici: Il video descrive la prossima venuta di una “nuova era “… ma non prima di aver subito pesanti tribolazioni.

Come visto nell’articolo intitolato Illuminati: Vintage“, il gruppo ha già prodotto video musicali con pesanti messaggi subliminali. Saputo questo, è così sorprendente che ultimo video del gruppo rappresenti l’obiettivo finale delle élite occulte, cioè la creazione di un Nuovo Ordine Mondiale? Diamo un’occhiata alle scene più simboliche del video.

Anna in rosso. Il tipico colore dell’iniziazione e del sacrificio

Il video comincia in un deserto secco e ventoso. Tutto ciò che è presente nella scena è in bianco e nero, tranne il vestito di Anna, che è di un rosso brillante. Come abbiamo visto in diversi articoli precedenti, l’abbigliamento rosso rappresenta l’iniziazione e il sacrificio. Anna cammina verso una piramide composta da persone mezze nude che sembrano essere ipnotizzate da una misteriosa fonte di luce.

Le persone che compongono la piramide sembrano venerare una luce al vertice della piramide. La fonte di quella luce è sconosciuta … per ora.

Questa forma piramidale e e il suo luminoso vertice sono molto simili a un simbolo con cui si ha una certa famigliarità: La piramide e l’occhio che tutto vede del Gran Sigillo degli Stati Uniti – il principale simbolo associato all’elite occulta, gli Illuminati.

Che la piramide umana nel video di Vintage si riferisca al gran sigillo degli stati uniti che a sua volta rappresenta la Grande Opera incompiuta degli Illuminati?

Mentre la piramide nel video di vintage, è molto simile a quella del Grande Sigillo, c’è una notevole differenza tra le due: Quella nel video è fatta di persone. Queste persone si fondono insieme per formare la base della piramide a simboleggiare le masse, che sono la vera fonte del potere delle elite. Senza il rispetto (e l’ignoranza) della popolazione, la “Grande Opera” delle élite – un Nuovo Ordine Mondiale – non riuscirebbe mai. Il popolo che forma la piramide è paragonabile al bestiame, agendo come zombie lascivi che vengono governati dai loro istinti di base.

Dentro la piramide sta avvenendo essenzialmente una grande orgia. Questo è in linea con il punto di vista dell’elite sulla popolazione: una grande mandria di bestiame da tenere distratta e sotto controllo

Una scena ricorrente nel video sembra far riferimento ai poteri occulti della sessualità, sia per l’illuminazione che per la manipolazione.

Anna è seduta in una posizione per l'”attivazione dei chakra” mentre ricorda gestualmente il principio bafomettiano dell’ “As Above So Below”. Dietro Anna vi è un triangolo rovesciato, un simbolo che rappresenta occultamente il femminile. L’insieme di queste immagini fa riferimento al fatto che l’atto sessuale viene utilizzato assieme alla magia nel percorso verso l’illuminazione ma anche per manipolare le masse

La rappresentazione del Baphomet di Eliphas Levi nella stessa posizione di “attivazione dei chakra” con le mani in una posizone altrettanto analoga.

Il video passa poi si sposta “sottoterra”, dove si verifica un importante processo : La fecondazione di Anna.

Sottoterra, Anna è vestita di nero (il colore della morte e della rinascita) ed è legata. E ‘circondata da un branco di ragazzacci che stanno cercando di farle cose spiacevoli.

Nella scena seguente, vediamo il risultato di questa gang bang simulata: Una Anna incinta dipinta similmente all’opera la “Nascita di Venere”. Vediamo allora un conto alla roverscia che parte dall’anno 2012 per arrivare all’anno zero, che è associato all’anno della nascita di Gesù Cristo.

Anna viene rappresentata incinta in piedi sul pianeta Terra, con il countdown alle spalle. Chi darà alla luce?
Quando finisce il countdown appare una persona al vertice della piramide

Anna raffigurata con una corona di spine, vestita di bianco
È la seconda venuta di Cristo … o la venuta dell’anti-Cristo? Questa nuova figura non è sicuramente il risultato di una “immacolata concezione”, in quanto il suo concepimento è avvenuto mentre era legata e veniva violentata in un infernale, ambiente sotterraneo. La figura di Cristo è comunque venerata dalle masse. Anna/Cristo alza la mano e provoca una grande quantità di morte e distruzione.
Non appena “cristo” alza il braccio la civiltà umana sembra collassare
Molte persone muoiono a causa delle tribolazioni – un fatto che ad Anna-Cristo non sembra interessare e che la Anna in rosso sembra quasi festeggiare.
Dopo il periodo di tribolazione il Nuovo ordine mondiale può avere inizio.
Dopo il periodo di morte/distruzione portato da Anna/Cristo il video termina con l’immagine di una piantina che fuoriesce dal sottuosuolo a significare che un nuovo periodo è iniziato
Questo video è simbolico a vari livelli. Esso combina storia, civiltà e spiritualità in un racconto di iniziazione, morte e rinascita. In cima ad una piramide illuminata, un leader spirituale appare nell’anno zero – che denota l’inizio di una nuova Era, scuotendo dalle fondamenta il mondo intero. Anche se questo resoconto sembra essere la seconda venuta di Cristo, coloro che conoscono l’Apocalisse, potrebbero notare che questo nuovo leader,  concepito in una fossa sotterranea, racchiude molte somiglianze con la descrizione biblica dell’Anticristo (chiamato anche  “la Bestia”).”Il mostro che hai visto, rappresenta uno che viveva una volta ma ora non più e sta per salire dal mondo sotterraneo e andare verso la sua distruzione definitiva. Gli abitanti della terra che non sono registrati nel libro della vita fin dalla creazione del mondo si meraviglieranno vedendo che il mostro una volta viveva e ora non è più e sta per riapparire. ”
– Apocalisse 17:08

Come abbiamo visto nei precedenti articoli (cioè nell’articolo sul film Metropolis), gli Illuminati pongono una grande importanza sul vangelo di Giovanni e alla sua storia sull’apocalisse. L’interpretazione esoterica di questo enigma biblico lo associa alla fine dell’Era dei Pesci e all’inizio dell’Era dell’Acquario.

A livello occulto, il processo mostrato nel video può essere paragonato alle fasi della Grande Opera dell’Alchimia: Nigredo, Albedo e Rubedo (tradotto in annerimento, imbianchimento e arrossamento). Queste sono le tre fasi alchemiche che servono a trasformare un metallo grezzo in oro e, sul piano spirituale, per trasformare una profano in una persona illuminata. Questi passaggi sono rappresentati dagli abiti di Anna. In alchimia, il passo dell’annerimento comporta la putrefazione e la decomposizione del corpo nel suo stato primario al fine di creare una “nuova vita”, è inoltre associata alle “difficoltà che l’uomo è costretto a correre nel suo viaggio nel mondo sotterraneo”. Anna vestiva di nero nella scena in cui era in una fossa in atteggiamenti promiscui . Il processo di annerimento porta alla nascita di una nuova vita, che porta al passo successivo, l’imbianchimento – rappresentato da Anna-Cristo vestita di bianco. Il passo finale, l’arrossamento, si manifesta quando l’uomo è maestro sia sul mondo fisico che sul mondo spirituale ed è rappresentato da Anna in rosso, l’iniziato cioè che è il protagonista centrale del video.

L’elite mondiale rappresenta spesso i suoi piani verso un Nuovo Ordine Mondiale come una”Grande Opera” alchemica. Un esempio è rappresentato dai Murales nella sede della Bank of America (si veda l’analisi in questo artic olo). Secondo la loro filosofia, il mondo intero stesso può essere soggetto alla trasformazione alchemica che di solito viene applicata al singolo individuo. Il processo coinvolge un sacco di persone portando morte e distruzione, ma il tutto sembra faccia “parte del piano” (rappresentato dai cadaveri che appaiono nel video). È per questo che la venuta di un Anticristo è ritratta in modo così positivo nel video?

CONCLUDENDO

“Bad Girls” di Doda e “Trees” di Vintage  sono due video molto diversi, ma che hanno una cosa importante in comune: entrambi ritraggono punti critici dell’agenda degli Illuminati. Mentre il primo video è un esempio perfetto di come la cultura popolare tenda a svilire la dignità delle masse con valori auto-distruttivi, il secondo descrive il “grande schema delle cose”, secondo la filosofia dell’elite.

Questi video sono solo due esempi di come gli Illuminati si sforzino di esporre al mondo intero la loro agenda e il loro simbolismo. Attraverso storie velate di iniziazione e di trasformazione, le masse inconsapevolmente,  sono testimoni, tramite l'”intrattenimento”, delle celebrazioni per la loro stessa fine. Allo stesso modo in cui le persone nella piramide in Vintage venerano una fonte di luce sconosciuta, le masse adorano delle star che lavorano per una élite invisibile. Un giorno le masse, saranno sufficientemente indottrinate per accogliere un “salvatore” che apparirà in cima alla piramide degli Illuminati? Solo il tempo ce lo dirà.

Fonte

Il reale significato della chiusura di Megaupload

LA VICENDA MEGAUPLOAD DIMOSTRA CHE IL SOPA E IL PIPA SONO INUTILI

La chiusura di Megaupload da parte dei federali dimostra senza ombra di dubbio che il SOPA, il PIPA o qualsiasi legislazione simile è perfettamente inutile.

Dashiell Bennett dell’Atlantica lo sottolinea chiaramente:

La chiusura del sito ha involontariamente dimostrato che il governo degli Stati Uniti ha già tutto il potere necessario per spazzar via chi infrange le leggi sul diritto d’autore, arrivando anche a coloro che non risiedono negli Stati Uniti. Non serve nessun SOPA o PIPA.

Questo, infatti, potrebbe essere il motivo per cui il maggior sostenitore del SOPA – che ha continuato a difendere a spada tratta il pacchetto di emendamenti anche dopo il blackout web di Mercoledì  – ha fatto marcia indietro subito dopo la chiusura di Megaupload. (Altre motivazioni molto valide potrebbero essere il massivo attacco di Anonymous che ha a sua volta dimostrato come la legislazione draconiana non fermerà gli hacker, oppure le pressioni politiche.)

CHIUSURA MEGAUPLOAD: NON MANCA QUALCOSA?

Ogni giorno, molti criminali utilizzano armadietti dove nascondono i gioielli rubati, la droga ecc Quando ci sono i Raid dei federali si procede con il sequestro degli illeciti mandando i criminali in galera.

Non si chiudere l’intera azienda di armadietti, o la stazione ferroviaria in cui è situato. Penso siamo tutti d’accordo che sarebbe assurdo.

I federali però dicono che Megaupload è fondamentalmente un’impresa criminale, incentrata sui comportamenti illeciti. In altre parole, la loro risposta alla analogia sulla società di armadietti sarebbe stata che la società da soldi a chi mette la propria droga o la propria merce rubata.

La chiusura di Megaupload risulta profondamente sbagliata. Ci dovrebbe essere stato un processo con un giudice che avrebbe dovuto decidere sul sito prima che fossero intraprese azioni così deleterie nei confronti di Megaupload.

Dovrebbero essere le corti ad esaminare le prove e a determinare se l’azienda abbia o no utilizzato un modello di business criminale. La legge non è uguale per tutti?

NEL “MONDO REALE” LA GENTE AVREBBE AVUTO INDIETRO LA SUA ROBA

Anche se l’analogia della società di armadietti rispecchiasse perfettamente la vicenda di Megaupload, i clienti onesti riavrebbero indietro i loro beni. Non direbbero “il 60 per cento dei clienti  sono dei criminali, Signora Jones, per cui abbiamo anche buttato via i vostri preziosi cimeli di famiglia.”

Infatti, se fosse stato facile per i federali arrestare i proprietari degli account criminali e che avrebbero potuto sequestrarne i contenuti, lo avrebbero probabilmente fatto.

I federali non avrebbero chiuso su due piedi l’azienda di storage online cancellando tutto il materiale caricato dalla gente onesta.

Come scrive Ernesto a TorrentFreak:

I federali si rendono conto che centinaia di migliaia, forse milioni di persone usato il sito per condividere, dati di ricerca, documenti di lavoro, raccolte di video personali e molto altro ancora?

Che cosa accadrà a questi personale che possiedono legalmente i file?

Le persone su Twitter sono indignate e chiedono l’accesso ai loro file immediatamente.

Fonte

Perchè gli Illuminati “smascherano” la cospirazione

Gli Illuminati non vogliono solo i vostri figli, la persona che amate, dei beni materiali o la vostra libertà.

Il vostro diritto di nascita non è sufficiente per questi “satanisti”.  Vogliono la tua anima.

Ci parlano di cospirazioni perché vogliono comprometterci. Così come i massoni di ragno inferiore o gli ebrei ordinari o gli americani o gli europei sono compromessi dal loro sostegno alla guerra. Vogliono privarci completamente dell’energia che ci rende immortali.

Nei loro atti lasciano deliberatamente vistosi segnali . Non vogliono che si dica: “Eh, ma noi non lo sapevamo”.

C’è una “scommessa” in ballo. Possono soggiogarci a Lucifero. Ma devono permettere il libero arbitrio, la possibilità di compiere una scelta.

Questa è la ragione per cui ci rivelano il loro complotto. Per esempio, i Rockefeller ha sponsorizzato la John Birch Society. La loro pubblicazione, “The New American” è ancora ad oggi una delle migliori fonti di informazioni sulla cospirazione delle elite. Questa opposizione “controllata” ha altre funzioni. Sono abili ad addossare le colpe assicurandosi che non si formi mai una vera resistenza.

È per questo che molti siti web cospirazioni come quello di David Icke, Jeff Rense e Makow svolgono la loro funzione con poche difficoltà. Vogliono che tutti sappiano. Molti di questi siti “cospirazionisti” sono addirittura supportati dagli Illuminati.

Ralph Epperson, autore de La mano invisibile (1985) ha insegnato il Nuovo Ordine Mondiale dal 1980. Mi disse che non ebbe mai difficoltà con l’elite.

La loro sciatteria rientra perfettamente nel quadro del contesto. Chiunque può vedere che nessun aereo ha colpito il Pentagono o si è schiantato a Shanksville. Vogliono farci scendere a compromessi, accettando queste storielle e abbandonando le vittime. Diventando così complici dei loro crimini.

Nel film, L’avvocato del diavolo, basato sul romanzo di Andrew Niederman e prodotto da Arnon Milchan e Arnold Kopelson, il diavolo (Al Pacino) dice a Kevin Lomax, l’ambizioso avvocato interpretato da Keanu Reeves:
“Ho solo preparato la scena, i fili te li tiri da solo!”

Il diavolo mostra a Kevin che l’unica persona che può incolpare è se stesso. Kevin si è fatto trascinare dal proprio egoismo e dalla propria venalità. Nel film abbandona la moglie nel momento del maggior bisogno e alla fine si suicida. Riuscì a far assolvere molti colpevoli perchè lui “non perdeva mai”.

Il diavolo ci fornisce il manifesto di Lucifero: Essenzialmente è la convinzione che l’uomo sia definito dai suoi appetiti carnali e desideri (avidità, potere, lussuria), piuttosto che dagli ideali della sua anima e del suo spirito (Verità, giustizia, bellezza). L’uomo serve Lucifero cedendo a queste tentazioni, diventando complice della sua stessa distruzione. Gli Illuminati da sempre hanno promosso l’indulgere negli istinti base, chiamandolo in diversi modi tipo “liberazione sessuale” e “matrimonio aperto”. Questo mina la famiglia. Il loro credo è sempre stato contro la “repressione” (cioè l’autodisciplina.) Questa visione che l’uomo è Dio e che i suoi desideri sono la misura di tutte le cose, si chiama “umanesimo laico” aka “culto di Lucifero”.

John Milton (il diavolo): Dio? È così? Dio? Ti voglio dare una piccola informazione confidenziale a proposito di Dio: a Dio piace guardare! È un guardone giocherellone! Riflettici un po’: lui dà all’uomo gli istinti… ti concede questo straordinario dono e poi che cosa fa? Te lo giuro che lo fa per il suo puro divertimento, per farsi il suo bravo, cosmico, spot pubblicitario del film! Fissa le regole in contraddizione! Una stronzata universale! Guarda, ma non toccare… tocca, ma non gustare… gusta, ma non inghiottire! E mentre tu saltelli da un piede all’altro lui che cosa fa? Se ne sta lì a sbellicarsi dalle matte risate! Perché è un moralista, un gran sadico! È un padrone assenteista! Ecco che cos’è! E uno dovrebbe adorarlo? NO, MAI!

Kevin Lomax: “Meglio regnare all’Inferno che servire in Paradiso, è così?”

John Milton: Perché no? Io sto qui col naso ben ficcato nella terra e ci sto fin dall’inizio dei tempi, ho coltivato ogni sensazione che l’uomo è stato creato per provare. A me interessava quello che l’uomo desiderava e non l’ho mai giudicato e sai perché? Perché io non l’ho mai rifiutato nonostante le sue maledette imperfezioni! Io sono un fanatico dell’uomo, sono un umanista… probabilmente l’ultimo degli umanisti. Chi, sano di mente Kevin, potrebbe mai negare che il ventesimo secolo è stato interamente mio? Tutto quanto Kevin! Ogni cosa! Tutto mio! Sono all’apice Kevin! È il mio tempo questo! È il nostro tempo!

Il diavolo rivela che è il padre di Kevin e richiede a Kevin di fare del sesso con la sua seducente sorellastra al fine di allevare un successore. Piuttosto che soccombere a questa tentazione, Kevin si uccide.

Un semplice “no” sarebbe stato sufficiente. Non saremo complici della nostra stessa distruzione. Non perderemo la nostra anima.

 

 

 

 

Fonte

La sinistra: Gli “Utili Idioti” dei ricchi

Non possiamo aspettarci che gli americani passino dal capitalismo al Comunismo da un momento all’altro, ma possiamo assistere i leaders, da loro eletti, nel somministrare ai cittadini statunitensi piccole dosi di socialismo fin quando si renderanno conto, improvvisamente di essere diventati comunisti. Il Leader Sovietico Nikita Khruscev, 1959

Un’elite auto proclamata, che Huxley chiama i ‘Controllori del mondo e che Caroll Quiqley descrive come una “rete internazionale” la quale ha temtato per generazioni di creare uno ‘Stato mondiale’ (Huxley) che è sinonimo di ciò che David Rockefeller chiama un ‘ordine mondiale’ o che il presidente George W. Bush e altri … chiamano il ‘Nuovo Ordine Mondiale.’

Nel linguaggio più comune si utilizza il termine ‘globalizzazione’, che però viene raramente inteso nelle sue profonde ramificazioni, soprattutto dagli attivisti di sinistra, i quali sostengono gli stessi obiettivi del processo di globalizazione: il multiculturalismo, il femminismo, le frontiere aperte, e le cause buoniste in nome della democrazia e dei ‘diritti umani’ che hanno come effetto un ulteriore controllo da parte della plutocrazia globale.

La sinistra, compresi i comunisti, hanno in genere rivestito il ruolo di utili idioti deil capitalismo internazionale … La sinistra, sia nella sua forma Fabiana, che nella varietà radical chic, si è sempre adattata bene al sistema che avrebbe dovuto combattere. Una nuova sinistra è emersa dopo la dissoluzione del blocco sovietico, rappresentata dalle cosiddette ‘rivoluzioni colorate’ che hanno il patrocinio della rete di Soros, e di altri.

La strategia utilizzata dalla oligarchia internazionale è la stessa di quella più generalmente riconosciuta come un0 degli elementi principali della dottrina marxista, e cioè la dialettica, il conflitto di forze opposte che genera una sintesi. Questo metodo dialettico è un qualcosa che Sutton realizzò quando cercò di capire come mai sembrasse che l’oligarchia fornisse il sostegno ad ideologie opposte, governi ribelli e le politiche “rivoluzionarie”.

I dialettici marxisti  hanno dichiarato che la storia è sottoposta ad un processo che la porterà verso il comunismo mondiale, che nascerà dal conflitto tra capitalismo e socialismo. Gli oligarchi, invece, sembra che operino sul presupposto dialettico che il risultato del loro “conflitto controllato” sarà una sintesi socialista/capitalista che potremmo chiamare lo “Stato Mondiale collettivista”, un ordine mondiale che sarà comunista nell’organizzazione, ma gestito dagli oligarchi, piuttosto che da dei commissari. Aaron Russo, dopo aver parlato con Nick Rockefeller, fece riferimento all’argomento in questi termini “vendere il socialismo come capitalismo”.

Nel corso delle passate generazioni, gli “scenari di crisi” utilizzati dagli oligarchi per vendere o  imporre il loro piano per uno Stato collettivista mondiale ha incluso problemi come guerre, carestie, sovrappopolazione, divario tra la ricchezza del cosiddetto “Nord” e “Sud” e ai nostri giorni la “guerra al terrorismo” (conflitto perpetuo) e la minaccia del “riscaldamento globale”.

In generale, si può affermare che molti di questi problemi sono il risultato diretto del sistema finanziario, commerciale ed economico che è gestito dagli oligarchi. Ora come ora gli oligarchi si presentano come i risolutori dei problemi che loro stessi hanno creato. Un “movimento globale di agitazione” “dal basso” (la “sinistra”) e la manipolazione da “sopra” (gli “oligarchi”) operano dialetticamente per spostare il centro di gravità politico verso l’accettazione, se non il supporto, di uno Stato mondiale, in modo da porre fine alla crisi creata dai nostri sedicenti “salvatori del mondo”.

La guerra in Iran è solo questione di tempo

Due settimane fa, degli iraniani sono stati soccorsi dalla Marina degli Stati Uniti mentre la loro nave veniva dirottata da dei pirati. La settimana scorsa, l’esercito statunitense ha salvato una nave che stava affondando nel Golfo Persico. E’ un peccato che la buona volontà non sia suffiicente per fermare la prossima guerra all’Iran. Le notizie, in queste ultime settimane, sembrano dare un poderoso avvertimento sullo scoppio dell’imminente conflitto. L’Occidente, guidato dagli americani, sta imponendo maggiori sanzioni che andranno a colpire gli interessi finanziari e petroliferi iraniani. La tensione è aumentata dalla settimana in cui l’Iran ha sostenuto fermamente che il suo programma nucleare fosse unicamente rivolto alla produzione di energia. Le nuove sanzioni verranno messe in atto in circa sei mesi.

L’Iran ha minacciato di chiudere lo Stretto di Hormuz se le sanzioni venissero realmente imposte. L’Iran ha anche messo in guardia i produttori di petrolio del Golfo avvertendoli di non aumentare la produzione del greggio in caso di un embargo, che potrebbe rallentare o fermare totalmente l’export dalla regione. Gli Stati Uniti hanno messo in guardia l’Iran sul non bloccare questo stretto passaggio dal quale passa, ogni anno, il 40% del petrolio mondiale. Il Pentagono ha affermato categoricamente che questo non accadrà. Nel frattempo, gli USA hanno avvertito Israele di non attaccare l’Iran. Il Wall Street Journal riporta, in un articolo del week end appena trascorso, “I leader della difesa americani sono sempre più preoccupati dal fatto che Isrele stia per condurre, a dispetto delle loro obiezioni, una azione militare contro l’Iran,  intensificando la pianificazione di emergenza per salvaguardare le strutture degli Stati Uniti nella regione in caso di conflitto. Il segretario alla difesa del presidente Barack Obama, Leon Panetta e altri alti funzionari hanno consegnato una serie di messaggi privati ​​ai leader israeliani avvertendoli circa le conseguenze disastrose di un attacco. Gli Stati Uniti vogliono che Israele dia più tempo all’Iran, in modo che le sanzioni e le altre misure, intese a fiaccare ed eliminare gli sforzi del paese, verso la costruzione di armi atomiche, abbiano effetto.(Clicca qui per il report completo WSJ).

Gli alti funzionari del governo israeliano si sono sentiti frustrati dal fatto che gli Stati Uniti non agiscano più in fretta nell’intento di contrastare il programma nucleare iraniano. Reuters ha riferito ieri:”Moshe Yaalon,  il vice primo ministro, Israeliano ha comparato l’atteggiamento dell’amministrazione Obama a quella di Francia e Gran Bretagna, che, a quanto riferisce prendono molto più seriamente l’argomento, sostenendo la necessità di sanzioni immediate per l’Iran. Negli Stati Uniti, il Senato ha approvato una risoluzione, con una maggioranza di 100-a-uno, per imporre queste sanzioni, nonostante ciò nell’amministrazione americana permangono esitazioni per la paura dell’aumento dei prezzi del petrolio, considerando anche che siamo nell’anno delle elezioni. Tutto ciò è una delusione. ‘Yaalon su Radio Israele. “(Clicca qui per leggere la storia completa Reuters.)

Le tensioni sono ancora più bollenti dopo l’assassinio di un giovane scienziato nucleare iraniano a Teheran la scorsa settimana. Mostafa Ahmadi Roshan è stato ucciso da un’autobomba. Gli Stati Uniti dicono di non aveva niente a che fare con l’omicidio. Gli iraniani sospettano che l’attentato sia di matrice israeliana, anche se il paese non se ne è assunto la responsabilità (ancora). Non importa da dove provenisse, l’Iran è indignato da quello che in occidente verrebbe chiamato atto di terrorismo. Il New York Times della scorsa settimana: “L’Iran è furibondo nei confrondi di Israele e Stati Uniti dopo l’autobomba che ha ucciso uno scienziato nucleare a Teheran mercoledì, segnalando che il suo Corpo di Guardie Rivoluzionarie islamiche potrebbe cercar vendetta. La notizia della morte dello scienziato iraniano ha dominato i media nazionali, conditi anche da denunce al vetriolo sia verso Israele, visto che l’Iran vede il paese come il principale sospetto dell’attentato, sia verso gli Stati Uniti, dove gli alti funzionari hanno usato termini inadeguati per togliersi da ogni responsabilità. I funzionari israeliani, che considerano l’Iran come il nemico principale del loro paese, non hanno categoricamente negato il loro ruolo nell’omicidio, che entra a far parte di un contesto di crescente pressione nei confronti dell’Iran e del suo controverso programma nucleare. “(Clicca qui per leggere la storia completa NYT. )

La storia è confusa e i funzionari degli Stati Uniti di ieri e di oggi sembrano in disaccordo sul programma nucleare iraniano. Il segretario alla Difesa americano Leon Panetta, disse poco più di una settimana fa: “Stanno cercando di sviluppare un’arma nucleare? No. Ma sappiamo che stanno cercando di sviluppare un potenziale nucleare, ed è quello che ci interessa. “(Clicca qui per la storia completa.) John Bolton, ex ambasciatore USA alle Nazioni Unite, ha affermato, durante il fine settimana, che l’Iran potrebbe costruire una bomba atomica in “meno di un anno.” (Clicca qui per maggiori informazioni su questa storia.) Tutto questo si svolge sullo sfondo di un addensamento militare da parte degli Stati Uniti con un nuovo gruppo di portaerei dispiegate nel Mare Arabico e un’altro è in arrivo. (Clicca qui per maggiori informazioni su questa storia.) Che tutto questo faccia parte del piano per il Medio Oriente che il generale americano Wesley Clark (in pensione) descrisse nel marzo del 2007? Clark disse che l’esercito americano stavano progettando il crolloo sistematico di Iraq, Siria, Libano, Libia, Somalia, Sudan e Iran. (Clicca per ascoltare il generale Clark per te.)

Piano o non piano, le tensioni stanno aumentando e non solo con l’Iran, ma anche con la Cina e la Russia. Entrambe sono alleate, ed entrambi i paesi hanno affermato che sarebbero venuti in soccorso dell”Iran, se attaccato. Proprio ieri, il vice primo ministro russo Dmitry Rogozin ha detto, “L’Iran è il nostro prossimo vicino, appena a sud del Caucaso. Se dovesse succedere qualcosa in Iran, se dovesse essere coinvolto in qualche difficolta politica o militare, questa sarebbe una diretta minaccia alla nostra sicurezza nazionale “. (Clicca qui per saperne di più su questa storia da Russia Today.) Attaccare l’Iran non sarà facile come attaccare l’Iraq, l’Afghanistan o la Libia. Quei paesi non avevano alleati, ma per l’Iran è diverso. Cina e Russia forniscono ingente forza militare. Se l’Iran venisse attaccato per non voler rinunciare al suo programma nucleare, in breve tempo tutto ciò si potrebbe trasformare in una terza Guerra Mondiale.

Fonte

Kobe System: La nuova pubblicità della Nike con un messaggio “illuminato”

Il video promozionale del Kobe System (nike) vede come protagonista Kobe Briant, in stile oratore/personal trainer (inutile) che motiva le persone di successo … ad andare oltre. La cosa in sè è divertente e buffa, ma il forte simbolismo presente nelle pubblicità ci suggerisce la “vera” natura del successo … e ciò che accade “oltre”. Ecco un esempio scelto tra i vari video promozionali.

Abbiamo Kobe che discute di fronte a molta gente di “successo” come Kanye West, il miliardario Richard Branson e lo speaker motivazionale Tony Robbins. Ovviamente queste persone non lo stanno facendo per soldi. Sono qui per “rappresentare” un qualcosa. Lo slogan del sistema è “Success for the Successful” e il giocatore parla del gradino SOPRA al successo. Qual è il passo successivo, che una persona deve fare, se ha successo nel proprio campo? Essere introdotti (o iniziati) all’elite – un club che garantisce privilegi finanziari e sociali.

Il “Successo” è rappresentato dal vertice di una piramide – quest’ultimo è lo stesso che gli illuminati utlizzano, associato all’occhio che tutto vede, nel Gran Sigillo degli Stati Uniti. Su ogni lato si vede un simbolo fallico che punta verso il basso un “grembo” rappresentato dalla forma a “V” al di sopra del triangolo, che rappresenta a sua volta l’importantissimo concetto di unione degli opposti, nel simbolismo degli Illuminati (ve ne parlavo appunto in Marry the night).

Fonte

11 settembre: I “terroristi” utilizzarono tecnologia segreta

Il libro della dottoressa Judy Wood, cambierà il mondo. E’ facile constatare, dalla sua prove fotografiche,
  come nulla di quel nefasto evento concordasse con la nostra limitata comprensione delle leggi fisiche.

Sappiamo perfettamente cosa avvenne quel giorno. Siamo a conoscenza del numero di morti. La controversia scaturita dalla versione ufficiale messa a confronto con le prove raccolte è nota ormai a tutti.

Ciò che ritengo interessante, essendo un ingegnere con oltre 20 anni di esperienza, che ha condotto innumerevoli indagini forensi, è come sia possibile che così poche persone abbiano notato che 1,2 milioni di tonnellate di cemento (3 edifici in totale) si siano trasformate in polvere in 8 secondi non domandandosi, peraltro, da dove provenisse tutta quella energia.

Dove sono i dati sismici che mostrano ciò che avvenne a livello del suolo, quando una miscellanea di 500.000 tonnellate di acciaio e cemento precipitò a terrà sfiorando la velocità di caduta libera? Possiamo, grazie a crolli di grandi edifici nel passato, avere dei riferimenti e una idea di ciò che sarebbe dovuto accadere.

La maggior parte degli ingegneri sa che lo studio sulle demolizioni è un campo di ricerca ormai maturo. Ci sono un sacco di dati. Siamo in grado di calcolare la velocità di un’onda d’urto dalle foto, possiamo calcolare l’energia necessaria per creare il tipo di evento che ha avuto luogo l’11 settembre.

Il problema è che facendo ricorso alla fisica convenzionale e cercando di adattare i dati noti sull’11/9 a questi modelli, sembra che nessuno funzioni. Neppure il NIST è riuscito a risolvere l’enigma, il quale dispone di ingenti risorse da utilizzare in questo campo di ricerca.

La dottoressa Judy Wood è l’unica persona a presentare un rigoroso esame delle prove. Ha scritto il libro più importante di questo secolo sul tema (“Where Did The Towers Go?”).

Trovare dei difetti insignificanti in alcuni dei dati presenti sul suo sito web non risolve il fatto che non rimase virtualmente più nulla delle torri dopo pochi istanti dall’inizio del catastrofico crollo.

Riportare tutte le prove qui sarebbe impossibile. Vi lascio l’indirizzo del suo sito web (www.drjudywood.com/) è facile da trovare e facile da seguire. La dottoressa ha sostenuto numerose interviste. Nessuno è riuscito ancora a confutare le prove portate nel suo libro. La gente si diletta con attacchi ad personam, ma ciò dimostra solo che non hanno nulla da dire riguardo le prove.

FENOMENI INSPIEGABILI

Ecco degli esempi sulle caratteristiche inspiegabili del crollo del WTC, tratti dal sito di Judy:

Le Torri Gemelle sono state distrutte più velocemente di quanto la fisica possa spiegare con un collasso di un edificio a velocità di caduta libera.

Sono state sottoposte a un processo di polverizzazione (dustification in inglese) venendo trasformate in polvere prima di toccare il suolo.

L’impatto sismico è stato minimo, incongruente con i dati sulla demolizione controllate dello Seattle King Dome.

Le Torri Gemelle sono state distrutte dall’alto al basso e non dal basso all’alto.

Circa l’80 per cento, della parte superiore, di ogni torre venne trasformato in polvere fine e non crollò a terra.

Circa il 90 % della parte superiore interna, del WTC7 venne trasformata in polvere fine e non crollò a terra.

Le finestre degli edifici vicini avevamo buchi circolari e di altre strane forme.

Le prove della scissione molecolare e della trasmutazione, ci vengono offerte dalla quasi istantanea comparsa della ruggine sulle travi di acciaio.

La mancanza di calore. Testimoni hanno riferito che la nube di polvere iniziale veniva avvertita in maniera più fredda rispetto all’ambiente. Nessuna evidenza di corpi bruciati.

Le carte degli uffici vennero densamente sparpagliate in tutta la Lower Manhattan, incombuste.

Circa 1.400 i veicoli a motore vennero spazzati via, presentando delle strane bruciature, durante la distruzione delle Twin Towers.

Fonte