Archivi Blog

21 diplomatici americani afflitti da misteriosi “attacchi acustici” a Cuba

Negli ultimi mesi, 21 diplomatici americani sono stati vittime di “attacchi acustici” che hanno causato una bizzarra serie di problemi di salute come perdita dell’udito e lesioni cerebrali. Altri sintomi includono problemi di concentrazione e di memoria, incapacità di ricordare parole specifiche, suoni distorti, nausea, problemi con equilibrio e sanguinamenti dal naso.

Gli attacchi si sono verificati in diverse località a Cuba, come case private e all’ultimo piano dell’Hotel Capri ristrutturato recentemente. I funzionari affermano di essere sconvolti dalla precisione laser degli “attacchi acustici”, i quali vanno a colpire specifiche stanze o addirittura parti di stanza.

Una volta, un diplomatico americano che si trovava in un hotel all’Avana ha dichiarato di essere stato svegliato da un rumore “stridente”.

Quando si alzo` dal letto e si mosse di qualche metro, il rumore era completamente svanito. Quando tornò a letto, il suono agonizzante lo colpì di nuovo.

Presto soffri` di problemi di udito e problemi di linguaggio: sintomi simili e molto diversi da quelli sperimentati da molti altri americani a Cuba.
– ABC News, US diplomats in Cuba hit with mysterious ‘acoustic’ attacks, causing hearing loss and brain injury

I funzionari del Dipartimento di Stato ritengono che i dipendenti dell’ambasciata statunitense ad Havana siano l’obiettivo di un “dispositivo sonoro segreto” che provoca vari sintomi e persino lesioni cerebrali.

In parecchi episodi raccontati da funzionari Usa, le vittime sapevano che stava accadendo in tempo reale e c’erano forti indicazioni di un attacco sonico.

Alcuni avvertivano vibrazioni e udivano suoni – voci e cinguettii ad alto volume simili a grilli o cicale. Altri sentivano rumori assordanti. Alcune vittime si sono svegliate cercando di stoppare la sveglia, solo per scoprire che il suono si fermava solo allontanandosi dal letto.

Gli attacchi sembravano avvenire di notte. Diverse vittime concordano sul fatto che ogni attacco aveva la durata di un minuto.

Altri non sentirono niente. Tuttavia i sintomi comparvero ugualmente.

Mentre alcune vittime si sono riprese dagli attacchi, altri hanno subito perdite uditive permanenti e persino lesioni cerebrali traumatiche (concussioni).

Vari esperti hanno riflettuto sulla questione e molti credono che questi sintomi non possano essere causati dalla sola acustica. Alcuni affermano che si tratti di fasci localizzati di suono, ma le leggi dell’acustica suggeriscono che un tale dispositivo sarebbe troppo grande da nascondere. Altri sostengono che nessuna “arma sonora” potrebbe spiegare la matrice dei sintomi.

“Danneggiare il cervello, non è possibile”, ha detto Joseph Pompei, ex ricercatore del MIT e esperto di psicoacustica. “Qualcuno avrebbe dovuto immergere loro la testa in una piscina dotata di potenti trasduttori ad ultrasuoni”.
AP, Cuba mystery grows: New details on what befell US diplomats

Mentre una nebbia di mistero circonda l’identità dell’arma utilizzata per eseguire questi “attacchi acustici”, c’e` un altro mistero irrisolto:

CHI C’E` DIETRO TUTTO CIO`?

Anche se abbiamo molte teorie sui colpevoli degli attacchi, non è ancora emersa una risposta chiara. Il governo cubano ha totalmente negato ogni coinvolgimento in questa operazione segreta. Ecco la dichiarazione ufficiale del governo cubano:

“Il governo di Cuba non ha mai permesso che il territorio cubano venisse utilizzato per azioni contro accreditati diplomatici e le loro famiglie, senza eccezione”.

Il segretario di Stato americano Rex Tillerson e` stato inviato a Cuba per trovare i colpevoli.

“Riteniamo le autorità cubane [responsabili] per la sicurezza e l’incolumita` di tutto il nostro personale”, ha detto il mese scorso. “Riteniamo dunque che sia loro compito scoprire chi sta eseguendo questi attacchi”.

La portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert ha dichiarato giovedì:

“L’inchiesta su questo caso è ancora in corso. È un’indagine aggressiva. Continueremo a portarla avanti finche` non capiremo chi vi sia dietro “.

Alcuni ritengono che un paese terzo potrebbe essere il vero mandante degli attacchi – ossia la Russia – per testare armi sonore superiori o per aggredire i funzionari statunitensi.

Questi eventi ricordano gli infami attacchi sonori di Mosca degli anni 70 in cui il KGB utilizzo` le micoonde contro l’ambasciata statunitense. Come per l’attuale caso di Cuba, il governo amerciano non volle rivelare la vera causa e lo scopo di questi attacchi invisibili.

Secondo questo articolo del 1988 sull’attacco di Mosca, una teoria suggeriva che “il piano dei sovietici era quello di indurre effetti psicologici, comportamentali o fisiologici tra il personale americano”.

Fonte

Annunci

La vittoria di Trump: Una svolta storica

Devo ammetterlo. Non mi aspettavo proprio che Donald Trump diventasse il 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America. Tutto gli erano contro: La campagna elettorale di Hillary venne finanziata in maniera molto piu` esigua rispetto a quella di Trump; Quasi ogni mass media era contro di lui; Nessuna celebrita si e` fatta avanti per sostenerlo; E ‘ stato etichettato come razzista e misogino; Tutte le figure di spicco del suo partito lo hanno abbandonato; Gran parte della sua politica era in netto contrasto con gli obiettivi dell’élite mondialista; Robert De Niro ha addirittura detto che voleva prenderlo a pugni.

leadtrump

Nonostante tutto questo, Trump ha vinto. Hillary ha perso nonostante fosse sostenuta dall’intero establishment – comprese le organizzazioni d’elite come la Commissione Trilaterale e il Council on Foreign Relations – Come è successo? Si tratta di una ‘ribellione contro l’elite’ come alcuni giornalisti hanno sostenuto … o l’elite sta posizionando il capro espiatorio perfetto per l’Evento?

Una cosa è certa, una voce si e` chiaramente sentita: Quella dei bianchi conservatori dalle aree rurali. Guardando la mappa elettorale, Trump ha vinto quasi il 100% delle aree corrispondenti a questo dato demografico. Hanno notato che il loro attuale governo asseconda ogni possibile minoranza, emarginandoli di fatto? Hanno per caso la sensazione che i valori liberali promossi dai Democratici non sono piu` conciliabili con le loro prospettive conservatorici? Pensano forse che la ‘razza’ americana sia in pericolo a causa di un costante flusso di immigrazione clandestina? Si rifiutano forse di sostenere l’atteggiamento tollerante del governo contro l’Islam? Trump e` stata la risposta a questi dubbi e interrogativi.

VISCERALE

Mentre i media di tutto il mondo, scrivono pagine su pagine analizzando i risultati di questa elezione, basterebbe una parola a descrivere queste elezioni: “viscerali”.

L’elettorato di Trump ha avuto una reazione viscerale a Trump e una reazione viscerale opposta alla Clinton. Eleggere Trump era una mossa scaturita dalle viscere e dagli istinti piuttosto che da calcoli razionali. Trump non ha mai fatto menzione di politiche complesse o di calcoli astrusi. Ha semplice rappresentato se stesso.

Trump era in contrasto con il ‘programma liberale’ presente nei mass-media: politically correct, ‘social justice warriors’ e con l’ordine del giorno delle forze globaliste (durante la sua campagna ha anche citato George Soros) . Trump non ha promesso indecifrabili numeri o nuove politiche, ha promesso di liberare l’America da entita` e cose che ha descritto come parassitarie, che si tratti di un governo troppo influente, dei clandestini, di paesi stranieri che necessitano di aiuto, ecc Questo ha provocato una reazione positiva viscerale da una base demografica il cui motto potrebbe facilmente essere “Andatevene dal mio giardino o vi sparo”.

E ADESSO?

Detto questo, Trump manterra` davvero le sue promesse? Colui che si è descritto come un ‘non politico’ è diventato un politico. E, come sappiamo benissimo, ciò che viene detto durante la campagna elettorale spesso differisce notevolmente con ciò che accade realmente quando si e` al governo. Ricordate quando Obama promise di chiudere Guantanamo più di otto anni fa? Ebbene, dopo due mandati, non è accaduto. Neanche c’ha provato.

Trump costruira` effettivamente un muro? Riuscirà a deportare milioni di immigrati illegali? Riuscirà a bloccare i musulmani dall’entrare negli Stati Uniti? Molte delle sue promesse sono chiaramente incostituzionali. Entità come il Senato, la Camera dei rappresentanti e la Corte Suprema possono facilmente dissolvere qualsiasi politica che non superi il loro esame. Alcuni fatti storici però danno a Trump un potere senza precedenti: I repubblicani controllano tutti e tre i rami del governo e Trump dovra` nominare un giudice della Corte Suprema.

POSSIBILI SCENARI

Mentre Trump sembra essere in contrasto con l’elite mondiale, e` probabile che in futuro verra` utilizzato per far avanzare l’agenda dell’elite. L’intera popolazione americana, in particolare quelli che hanno votato per lui, hanno bisogno di rimanere vigili e mettere sempre in discussione l’ordine del giorno.

In primo luogo, la promozione di una ‘guerra razziale’ è una cosa che va avanti da anni e Trump potrebbe essere utilizzato per spingere ulteriormente tale ordine del giorno. I leader delle comunità di bianchi e neri stanno infoltendo le proprie file. La natura razziale della politica di Trump potrebbe far degenerare la situazione.

Trump ha spesso sottolineato la nozione di ‘legge e ordine’ quando ha affrontano i problemi nelle aree urbane. Non c’e` bisogno di essere astrofisici per vedere l’ascesa di un regime totalitaro e di uno ‘stato di polizia’ dopo il possibile Evento.

Infine, alcuni osservatori teorizzano che l’elite ‘punira`’ gli Stati Uniti, con una crisi economica costruita a tavolino o qualcosa del genere. L’elezione di Trump combinata con l’inaspettato Brexit del Regno Unito ci mostrano come due delle piu` potenti nazioni del mondo si stanno comportando da  ‘canaglie’. Potrebbero essere raddrizzate dall’elite mondiale con dolorosi metodi economici.

La vittoria di Trump è dunque un evento inatteso ma storico. Mentre può essere interpretato come uno schiaffo al volto del élite politica, si apre anche un percorso di estrema incertezza. Una presidenza Clinton sarebbe stata estremamente prevedibile e in perfetta continuità con la precedente amministrazione. Al contrario, è estremamente difficile prevedere in quale direzione una presidenza Trump andrà. Una cosa è certa, lo stesso governo ombra che ha governato il paese (e il mondo) per decenni, è ancora lì. E il fattore ‘caos’ di Trump potrebbe benissimo giocare a loro favore.

Fonte