Archivio mensile:maggio 2019

NXIVM: Clare Bronfman

Il curriculum della Bronfman indica che se hai abbastanza soldi, puoi commettere praticamente qualsiasi crimine e non devi mai preoccuparti del codice penale, a / k / a della legge dei cittadini comuni.

Il denaro compra le forze dell’ordine.

Ha funzionato a livello locale nella contea di Albany e nella contea di Saratoga, a livello statale, e con altri distretti federali per anni, quindi perché la Bronfman non si sentirebbe sicura di poter acquistare la sua via d’uscita dalla sua attuale situazione? A dire il vero la, Bronfman, la principale finanziatrice del culto sessuale guidato da Ranière e l’orchestratrice di denunce penali e azioni legali contro di loro, potrebbe sfuggire al processo per il suo enorme ruolo nella gestione e nel finanziamento del culto sessuale dovuto alla sua enorme fortuna e connessioni. Gia` da anni ormai la polizia sapeva di NXIVM, Raniere e la Bronfman,.

Più recentemente, in seguito alla denuncia della vittima del culto Sarah Edmondson al NY State medical regulators riguardo la marchiatura della Edmondson da parte dekkaa dott.ssa Danielle Roberts, il Dipartimento di Salute dello Stato di New York ha informato che non avrebbero esaminato la questione e suggerito di inoltrare la questione alle forze dell’ordine. È stato solo in seguito all’esposizione del NY Times del 17 ottobre 2017 che il Governatore di New York Andrew Cuomo ha ordinato un riesame del motivo per cui le autorità di regolamentazione non hanno agito dopo che erano state presentate denunce (quando in precedenza ha ricoperto il ruolo di Procuratore Generale di New York, Cuomo ha ignorato numerose richieste di indagare su NXIVMN e Raniere – e, a un certo punto, persino due delle sue assistenti hanno richiesto che gli informatori non presentassero ulteriori prove delle loro violazioni criminali). Il sindaco di Albany dal 1993 al 2013, Gerald D. Jennings, insieme a Sir Richard Branson, ha approvato almeno uno degli eventi di Raniere, un’apparizione del Dalai Lama del 2009.

La massiccia fortuna dei Bronfman e i legami politici vanno in profondita`.

Edgar M. Bronfman, padre di Clare Bronfman e George H.W. Bush

Edgar M. Bronfman, a destra, con l’allora presidente Clinton
Anche se lo troviamo assieme a potenti, i Bronfman hanno un lungo e leggendario passato di criminalità, a cominciare dai tempi del proibizionismo. Dopo il proibizionismo, i Bronfman passarono ai narcotici. Negli anni seguenti, i Bronfman si impegnarono in uno schema pluridecennale di riciclaggio di denaro sporco di stupefacenti ottenuti illegalmente e denaro contrabbando in proventi di affari “leciti”.

Anche la frode e l’inganno si trovano nell’albero genealogico dei Bronfman; da notare in questo contesto è il possibile rapimento di Samuel Bronfman II nella metà degli anni ’70, dove i presunti sequestratori sono stati assolti dalle accuse di rapimento, e due giurati hanno parlato immediatamente dopo il processo dicendo ai giornalisti che credevano che Samuel avesse “architettato” il proprio rapimento per estorcere $ 2,3 milioni da suo padre.

Clare Bronfman, al centro, accanto a sua sorella, Sara Bronfman, seconda da destra. Il Dalai Lama è seduto a sinistra in un evento creato da Keith Raniere e approvato da Sir Richard Branson e il sindaco di Albany, New York, Gerald Jennings, tra gli altri.

I miliardi dei Bronfman, ottenuti criminalmente e riciclati con successo per decenni, hanno permesso loro di insinuarsi nelle più alte sfere del governo e degli affari americani. Il culto NXIVM diretto da Clare Bronfman e Keith Raniere ha ottenuto testimonial miliardari, come Sir Richard Branson; Gerald Jennings, l’ex sindaco di Albany; e varie celebrità. Ora, il “guru” Vanguard è stato arrestato, insieme ad Allison Mack, che ha portato notevole attenzione da parte dei media al culto.

L’EDNY è l’unica branca delle forze dell’ordine in tutta New York a prendere sul serio il culto.
Data la grande influenza e il potere degli avvocati dietro al culto NXIVM, quest’ultimo non e` stato perseguito fino a quando le prove delle marchiature a fuoco non sono giunte ai banchi dei pubblici ministeri nel distretto orientale di New York. Le autorità statali e le autorità federali dei distretti settentrionale e occidentale di New York hanno da tempo chiuso un occhio su Raniere, Bronfman e Nxivm.

La domanda che terrorizzava gli ex Nxsiani era: Clare Bronfman, la finanziatrice, esecutrice e il capo del terrorista che ha tenuto schiave in ​​servitù per così tanto tempo con minacce e ricatti, andra` in galera?

Può essere. Vedremo a luglio se si becchera 25 anni, una pena ridotta a poco piu` di un anno o se la passera` liscia.

Clare Bronfman

! ABUSI DIFFUSI

Il Dr Brandon Porter ha condotto esperimenti cerebrali non autorizzati per la Fondazione di Scienza Etica di Clare (Mkultra)

  • Bronfman ha fondato la Ethical Science Foundation e ha finanziato il dottor Brandon Porter, che ha condotto esperimenti cerebrali su soggetti, mostrando loro inquietanti filmati che hanno fatto parte dello schema per l’identificazione di futuri obiettivi di branding. Bronfman fu in grado di portare questi esperimenti e i loro prodotti nella sua altra organizzazione, l’Executive Success Programs, di cui è membra del consiglio di amministrazione, e NXIVM, che opera e gestisce.
  • Gli ex membri hanno descritto il fatto che venivano privati del sonno e di cibo, alcuni come parte di “esercitazioni per la prontezza”, che richiedevano ai membri di rispondere ai loro padroni in qualsiasi momento, giorno e notte.
  • Si dice che anche la Bronfman sia a dieta

Il progetto MK-ULTRA è andato avanti dagli inizi degli anni 50 fino alla fine degli anni 60, utilizzando i cittadini americani e canadesi come soggetti di prova. Le prove pubblicate sul  Progetto MK-ULTRA indicano l’utilizzo di metodologie che miravano a manipolare i singoli stati mentali e alterare le funzioni cerebrali, compresa la somministrazione di farmaci surrettizia e di altre sostanze chimiche, la deprivazione sensoriale, l’isolamento e abusi verbali e sessuali.

Gli esperimenti MK-ULTRA più pubblicizzati indicano la somministrazione di LSD su soggetti umani inconsapevoli, compresi i dipendenti della CIA, i militari, i medici, gli agenti governativi, le prostitute, i malati di mente, e i membri del pubblico in generale, al fine di studiare la loro reazioni.

Tuttavia, la portata dell’MK-ULTRA, non si ferma qui. Vennero sistematicamente utilizzate sedute di elettroshock, torture fisiche/mentali e abusi sessuali su molti soggetti, compresi i bambini. – Neovitruvian (Origini e tecniche del controllo metale Monarch)

Clare Bronfman, sembra seguire la dieta di Ranière.

  • Come asseriscono le autorità federali, Raniere ha aggredito fisicamente le donne “sotto l’apparenza del tutoraggio” incoraggiando una donna a correre a capofitto su un albero e a bere da una pozzanghera. Ranière ha anche chiesto alle donne di indossare finte mammelle di mucca sul loro seno mentre le persone le chiamavano con nomi offensivi; questo è stato presumibilmente fatto per “sradicare” la debolezza femminile. Presumibilmente Ranière ha anche messo una donna in una gabbia.

La Fondazione di scienze etiche di Bronfman condusse ricerche sulle attività cerebrali non acconsentite alla sperimentazione.

II. SONO STATI VERSATI MILIONI DI DOLLARI A RANIERE E AL CULTO, E LA BRONFMAN NE ERA LA MANAGER

Come sostenuto dalle autorità federali, Bronfman è la principale finanziatrice di NXIVM e Raniere e lei “gli ha fornito milioni di dollari”. Bronfman ha testimoniato che è più efficace di un semplice investitore passivo in NXIVM e che in realtà ” gestisce le operazioni. ”

  • Il fatto che lei gestisca le operazioni di NXIVM suggerisce che potrebbe aver avuto conoscenza delle attività coercitive e di altre attività illegali che venivano svolte nella setta. Non stava finanziando Raniere e NXIVM a distanza. Viveva vicino, ha partecipato alle attività di culto, e ha reso la sua posizione e il supporto di Raniere chiarissimi, anche recentemente sul sito web di ESP.

III. LA BRONFMAN HA MINACCIATO LE VITTIME E DENUNCIATO I CRITICI PER GARANTIRE IL SILENZIO E PROTEGGERE IL CULTO.

Le autorità federali sostengono ch lae Bronfman “ha anche pagato numerosi avvocati per denunciare i critici di Nxivm.” Hanno anche affermato che la Bronfman abbia aiutato Raniere inviando minacciose lettere di “cessate e desistere” alle vittime del DOS, con la Bronfman che si atteggiava da avvocato messicano.

  • Analizzando insieme queste due accuse, il quadro diventa più chiaro: la Bronfman non solo citp` i critici e i disertori del culto, ma invio` lettere minatorie ai disertori, fingendosi qualcuno che non è.

La Bronfman si e` dichiarate colpevole delle accuse e si e` “scusata” con la seguente affermazione:

“Volevo fare del bene nel mondo e aiutare le persone” “Tuttavia ho fatto degli errori”

Fonte

Illuminati: La famiglia Bronfman

Clare e Sara Bronfman, che finanziavano NXIVM e Keith Raniere, sono le nipoti di Samuel Bronfman.

In yiddish, “Bronfman” significa “uomo-liquore”. La famiglia è russo/ebraica.

Durante il divieto del Canada (1915-19), Sam Bronfman, con i fratelli Abe, Harry e Alan, trasformò le loro attività alberghiere e di prostituzione in “boozerium”.

Gli affari andarono bene fino al 1918, quando fu approvata una legge che proibiva la produzione o l’importazione di alcolici. C’era una scappatoia che permetteva la distribuzione da parte dei farmacisti di alcolici per scopi “medicinali”. I Bronfman entrarono nell’attività di vendita per corrispondenza inserendo etichette sul loro whisky come “Rock-A-Bye Cough Cure” e Dandy Bracer-Liver and Kidney Cure; contenevano zucchero, melassa, 36 per cento di alcol e tabacco.

Con il passaggio del Volstead Act nel 1919, Sam e Harry aprirono case di esportazione lungo il confine tra Saskatchewan e il North Dakota. Ridusse dell’alcool bianco a 65 gradi, mescolandolo con acqua, un po’ di vero whisky e un po’ di zucchero bruciato. Un aggiunta di acido solforico simulava il processo di invecchiamento.

Il loro whisky costava $ 24 al barile e veniva venduto al barile per $ 140.

Sam e i suoi fratelli conclusero accordi di distribuzione con Arnold Rothstein, Meyer Lansky, Charles “Lucky” Luciano e Arthur “Dutch Schultz”, Flegenheimer.

A Detroit, la “piccola marina ebraica” di Morris Dalit traghettò l’alcol dei Bronfman negli Stati Uniti.

A Chicago, “Big Jim” Colosimo ha alienato Bronfman mostrando poco interesse a patrocinare il suo liquore, preferendo concentrarsi sulla droga, la prostituzione e i  prestiti. Quando Big Jim morì improvvisamente, suo nipote, John Torrio, prese il sopravvento, e ben presto, i liquori Bronfman raggiunsero Chicago.

Il tenente di Torrio, Al Capone, gestì le forniture di alccol Bronfman dal Saskatchewan a Minneapolis e poi a Chicago usando auto e camion. Benjamin “Bugs” Siegel e Lansky hanno protetto le spedizioni di liquori Bronfman oltre il confine.

Per soddisfare la domanda, Bronfman ha acquistato tratti di terreni agricoli lungo il confine e ha costruito un oleodotto sotterraneo per pompare “Seagram Chickencock” una miscela di alcol puro, acido solforico. caramello, acqua e whisky di segale stagionato, negli Stati Uniti.

Tra il 1920 e il 1930, 34.000 americani morirono per avvelenamento da alcol.

Nel 1924, Bronfman aprì una distilleria a Montreal. Nel 1926, la Distillery Corporation di Londra [DCL] di proprietà del feldmaresciallo Haig, Lord Dewar, Lord Woolavington e altri, e che controllava più della metà del mercato mondiale del whisky scozzese, collaborò con Bronfman. Formarono una holding con DCL William Ross come presidente, Sam Bronfman vicepresidente. Bronfman divenne un “intermediario” per gli uomini dietro a DCL, e la dispensa dei diritti di distribuzione fu una decisione presa da Sua Maestà il Re

Inizio` come un contratto a tre vie tra la Gran Bretagna (il fornitore), Bronfman (l’intermediario) e Rothstein (il distributore). Si è evoluto in un sindacato criminale organizzato a livello nazionale.

A Rothstein è stato assegnato il compito di “riorganizzare” le reti criminali. Ha fondato sindacati sulla costa orientale con l’aiuto di Torrio. Uno speciale ufficio fu creato da Lansky e “Bugs” Siegel. Murder, Inc. è stata costituita come commissione di regolamentazione per difendere i difensori della “libera impresa” che potrebbero tentare di ostacolare il sindacato e interferire con le vendite di alcolici.

Dopo che Rothstein morì improvvisamente nel 1928, Torrio ebbe il suo primo incontro del sindacato a Cleveland. Il terzo punto all’ordine del giorno era cosa fare dopo il proibizionismo. Torrio propose narcotici. Rothstein, Lansky e Luciano si sono recati a Shanghai e Hong Kong per razionalizzare ed espandere il traffico di droga negli Stati Uniti, negoziando con i narcotrafficanti cinesi, che sono stati messi sotto pressione dalla “comunità degli affari” britannica per stimolare un’espansione del cartello dell’oppio di Shanghai attraverso l’esportazione di eroina negli Stati Uniti.

I Bronfman crearono l’Atlas Shipping Company e trasferirono le loro operazioni di contrabbando nelle isole francesi di St. Pierre e Miquelon, a 15 miglia dalla costa di Terranova. Da Bermuda, Saint John, New Brunswick e Belize, la Atlas Shipping Company fu uno dei primi legami stabiliti nelle vie sotterranee della droga tra Canada e Caraibi.

Con l’enorme aiuto di Bronfman, una parte consistente del sistema finanziario mondiale si dedicò allo spostamento, al riciclaggio e all’investimento in denaro per la droga. Dalla Banca di Hong Kong e Shanghai, ai paradisi offshore nei Caraibi, alle più grandi banche degli Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada e Svizzera, il sistema ruotava intorno al denaro della droga.

Con l’abrogazione del proibizionismo e con l’operazione sull’oppio di Shanghai in corso, i Bronfman sono stati “legittimati”. Questa nuova rispettabilità ha indicato che i Bronfman stavano passando ai grandi narcotici.

Sam Bronfman

Gli inglesi si resero conto che i Bronfman sarebbero stati un problema se avessero continuato a lavorare apertamente con i loro distributori nel traffico dei stupefacenti come avevano fatto durante il Proibizionismo. Non potevano permettersi di scaricare i Bronfman. La famiglia era diventata insostituibile grazie al suo controllo approfondito sui sindacati che erano necessari per pompare droga in America.

Il problema fu risolto portando i Bronfman nei gradini più bassi della casta di Hofjuden. I figli di Sam furono accolti nell’élite di Hofjuden da matrimoni misti. Quasi da un giorno all’altro, i Rothschild, i Montefiores gli, Hirsches e altri hanno preso “Mr. Sam “, lo zar del crimine del Nord America, e lo hanno trasformato in una stella nascente del movimento sionista canadese.

Nel 1934, Sam fu nominato presidente del National Jewish Relief Committee in Canada. Nel 1939 fu nominato capo della Jewish Colonization Association del Barone di Hirsch. La Canadian Pacific Corporation ha invitato Sam a costituire un’organizzazione di rifugiati per gli ebrei dell’Europa dell’Est. Divenne capo del comitato ebraico canadese. Dopo la seconda guerra mondiale, Sam stabilì la Conferenza nazionale della riabilitazione israeliana ed ebraica.

Le “legittime” imprese di cui i Bronfman avevano preso il controllo erano intrecciate con società gestite dai principali commercianti di oppio. Usando il nome della distilleria che aveva acquistato, Sam fondò Joseph E. Seagram & Sons, Inc. Nonostante avesse costruito Seagrams con i suoi fratelli, Sam decise che il business era solo suo. Ha costretto i suoi fratelli a uscire e ha dichiarato che solo i suoi figli, Edgar e Charles, avrebbero lavorato per Seagram.

Bronfman ha ampliato Seagram per vendere in 150 paesi, le sue operazioni costituiscono il più grande sistema di distribuzione di liquori nella storia del mondo. Ovunque fossero apparsi sulla mappa, i rami di Seagram erano intrecciati con i narcotrafficanti.

Seagram ha acquisito le distillerie delle Indie occidentali che avrebbero introdotto le etichette Captain Morgan, Myers, Woods e Trelawny. Seagram ha acquistato Chivas [Regal] Champagne di Mumm, Champagne Perrior-Jouet, Barton & Guestier, Augier Frères, vigneti di Paul Masson e diritti di distribuzione per la vodka Absolute.

Seagrams ha investito nella compagnia petrolifera di Alberta, Royalite. Acquistò la Frankfort Oil Company e ampliò i prodotti Tropicana con l’acquisto delle attività di bevande di Dole Food Co.

Suo figlio, Edgar, sposò Ann Loeb, figlia di Loeb, Rhoades. e Co. nel 1953, portando i Bronfman a Wall Street. Hanno avuto cinque figli insieme – Samuel, Edgar Jr., Holly, Matthew e Adam. Nel 1957, Edgar divenne il presidente di Seagram.

Nel 1963, Seagram acquisì la Texas Pacific Coal and Oil Company. Frankfort e Texas Pacific sono stati uniti per formare Texas Pacific Oil Company, Inc.

Nel 1969, Sam fu nominato Cavaliere di grazia del più venerabile Ordine di San Giovanni di Gerusalemme – l’ordine cavalleresco ufficiale di Sua Maestà. Venne anche investito con il titp;p dell’Ordine del Canada, il più alto onore del paese per la sua carriera.

Nel 1971, all’età di 81 anni, il vecchio assassino divenne cavaliere, Sam Bronfman morì di cancro alla prostata. Il giorno del suo funerale, l’aeroporto di Montreal dovette essere temporaneamente chiuso al traffico regolare a causa dell’arrivo di moltissimi jet privati ​​di dignitari da tutto il mondo venuti per rendegli omaggio .

Edgar assunse la guida della famiglia. Nel 1975, Edgar sposò Rita Webb che diede alla luce Sara e Chiara Bronfman. Nel 1978, la ricchezza di Bronfman era stimata a circa $ 7 miliardi [$ 28 miliardi di dollari ai giorni nostri].

Edgar divenne presidente del World Jewish Congress nel 1981 e decise che suo figlio, Edgar Jr., sarebbe stato il suo successore.

Seagram ha acquistato il 15% di interessi in Time Warner Inc. per $ 2,2 miliardi.

A metà degli anni ’90, Bronfman, Jr. vendette la partecipazione di Seagram a DuPont ricevendo $ 11 miliardi. Seagram ha acquisito l’84% di MCA, Inc. per $ 5,7 miliardi. MCA – il cui nome Seagram cambio` in Universal Studios, Inc. – il contratto includeva gli studi cinematografici Universal Pictures, l’MCA Television Group, l’MCA Music Entertainment Group, i parchi a tema Universal e Spencer Gifts.

Nel 1997, Seagram ha ceduto le sue partecipazioni nella Time Warner, finendo con un profitto di $ 2,13 miliardi. Seagram ha quindi acquistato le reti USA.

Nel 1998, Seagram vendette la sua attività di succhi di frutta a Pepsi per $ 3,3 miliardi.

Nel 2000, Edgar Jr. ha scambiato l’intera azienda della sua famiglia – alcolici, etichette musicali, contratti di produzione TV, parchi a tema statunitensi – per 34 miliardi di dollari in stock in Vivendi, una societa` per la manutenzione delle fognature e il filtraggio intenta a trasformarsi in un conglomerato globale dell’intrattenimento .

Edgar, Jr. è stato nominato vicepresidente esecutivo di Vivendi Universal. Ma l’amministratore delegato di Vivendi, Jean-Marie Messier, non ha tenuto fede alla sua promessa di unire le due società in un gigante dei media. Invece, ha fatto una serie di accordi che hanno spinto il prezzo delle azioni a una frazione di quello che era quando Vivendi ha acquisito Seagram. Tutto sommato, su questo accordo, la famiglia Bronfman perse circa i due terzi della fortuna accumulata dai tempi di Sam e dei suoi fratelli nei giorni del crimine e degli omicidi negli anni ’20.

Nel 2004, Edgar Jr. cercando di riemergere ha riunito un gruppo di investitori per comprare Time Warner Inc. Purtroppo, si è trattato di un altro investimento sbagliato. La sopravvivenza dell’industria tradizionale dipendeva dalla vendita di CD da $ 20, non da download da $ 1.

Lungo la strada, Bronfman ha rifiutato l’offerta di EMI per acquistare Warner per $ 31 ad azione. Nel 2011, Access Industries ha acquistato il Warner Music Group, ormai fallito, da Bronfman per $ 8,25 per azione.

La maggior parte di ciò che restava del denaro della famiglia Bronfman ando` perso in questo affare.

Il 22 dicembre 2013, Edgar Bronfman Sr. mori` all’età di 84 anni. Il suo patrimonio netto personale è stato stimato in diversi miliardi, suddivisi tra i suoi sette figli e sua moglie. Sara e Chiara, che avevano già preso in prestito dalla loro eredità, ottennero circa $ 250 – $ 300 milioni ciascuna.

È difficile immaginare che sotto la guida di Keith Raniere, aumentarono il loro patrimonio netto. Fecero esplodere il loro primo fondo fiduciario prima che il loro padre morisse.

All’inizio del 2005, hanno iniziato a coprire le perdite di Raniere. Dal gennaio 2005 alla fine del 2007, Raniere, commerciando` con First Principles, Inc., una società registrata a nome di Nancy Salzman, perse quasi $ 70 milioni e i Bronfmans copriranno $ 65,6 milioni.

Verso la fine del 2007, hanno perso $ 26,4 milioni in un progetto immobiliare di Los Angeles che non funziono`. Hanno anche speso circa $ 50 milioni in avvocati per controversie contro i nemici di Raniere. Hanno perso quasi ogni causa.

Edgar e Sam Bronfman

È stato detto che, nonostante la loro ricchezza, la famiglia Bronfman era, in termini di potere globale, solamente una front man. Intermediari, il cui scopo principale era quello di fornire copertura per l’attività criminale di quelli molto più in alto nella piramide finanziaria.

In tre generazioni, i Bronfman – principalmente attraverso Edgar Jr., – persero la maggior parte della loro ricchezza. La quota relativamente piccola ereditata da Clare e Sara – è stata spesa in proporzioni fuori misura per consentire a Keith Raniere di punire e ferire migliaia di esseri umani.

In questo, sono molto simili al loro nonno, intermediarie per Raniere – in grado di ferire enormemente gli altri con ogni dollaro che spendono. E scioccamente hanno sperperato soldi come Edgar Jr. guidati dall’autoproclamatosi uomo più intelligente del mondo – Keith Raniere.

Sotto questo aspetto, si tratta di una misericordia, perché ogni dollaro speso o sprecato è un dollaro in meno che possono usare per punire altri esseri umani.

Ex capo della CIA e presidente George Bush con Edgar Bronfman.

Chiara e Sara Bronfman provengono da una famiglia malvagia

Il leader di Clare e Sara Bronfman – Keith Raniere

Fonte

 

Bilderberg 2019

L’edizione 2019 dell’esclusivo Bilderberg Meeting si svolgerà presso l’Hotel Montreux Palace nella città svizzera di Montreux da giovedì a domenica.

Tra gli invitati, il ministro delle finanze svizzero Ueli Maurer, il ministro dell’economia francese Bruno Le Maire, il capo della Democrazia cristiana tedesca, Annegret Kramp-Karrenbauer e l’amministratore delegato Crédit-Suisse Tidjane Thiam tra gli altri.

Secondo il quotidiano svizzero Tages Anzeiger, anche il segretario di Stato americano Mike Pompeo sarà tra i partecipanti, anche se non è nella lista degli ospiti ufficiali sul sito Web del Bildberg.

Il giornale svizzero riferisce che Pompeo siederà con Ueli Maurer. I due hanno la possibilità di discutere della situazione in Iran.

Tuttavia, il ministero delle finanze svizzero ha dichiarato al The Local che martedì non è stato previsto alcun incontro tra Pompeo e Maurer.

Il talk-fest annuale del Bilderberg, che risale al 1954, presenta una lista di ospiti di circa 130 persone provenienti dall’Europa e dal Nord America, inclusi tutti, dai reali ai magnati del business e accademici.

Un affare altamente segreto senza un programma fisso, il Bilderberg Meeting e` un incontro annuale dove i potenti decidono per le sorti del pianeta a porte chiuse.

Tuttavia, gli organizzatori sostengono che la natura privata dell’evento dà ai partecipanti la possibilità di tenere discussioni informali su questioni importanti.

Gli argomenti di discussione di quest’anno includono i cambiamenti climatici e la sostenibilità, la Brexit, la Cina, la Russia, il futuro del capitalismo e i social media.

Secondo il sito web ufficiale del Bilderberg, le discussioni si svolgono secondo la Chatham House Rule, il che significa che i partecipanti possono utilizzare qualsiasi informazione che ricevono durante la riunione ma non possono rivelarne la fonte.

Quest’anno sarà la seconda volta che si terrà la riunione del Bilderberg in Svizzera. Nel 2011, si è tenuto a St Moritz nel sud-est del paese.

Fonte

LISTA 2019:

BOARD:

Castries, Henri de (FRA), presidente, comitato direttivo; Presidente, Institut Montaigne

Kravis, Marie-Josée (USA), Presidente, American Friends of Bilderberg Inc .; Senior Fellow, Hudson Institute

Halberstadt, Victor (NLD), presidente della Fondazione Bilderberg Meetings; Professore di Economia, Università di Leida

Achleitner, Paul M. (DEU), Treasurer Foundation Bilderberg Meetings; Presidente Supervisory Board, Deutsche Bank AG

PARTECIPANTI

Abrams, Stacey (USA), fondatore e presidente, Fair Fight

Adonis, Andrew (GBR), membro della Camera dei Lord

Albers, Isabel (BEL), direttore editoriale, De Tijd / L’Echo

Altman, Roger C. (USA), fondatore e presidente senior di Evercore

Arbor, Louise (CAN), consulente senior, Borden Ladner Gervais LLP

Arrimadas, Inés (ESP), leader del partito, Ciudadanos

Azoulay, Audrey (INT), direttore generale, UNESCO

Baker, James H. (USA), Direttore, Office of Net Assessment, Office of the Secretary of Defense

Balta, Evren (TUR), professore associato di scienze politiche, Università di Özyegin

Barbizet, Patricia (FRA), presidente e CEO, Temaris & Associés

Barbot, Estela (PRT), membro del Board e Audit Committee, REN (Redes Energéticas Nacionais)

Barroso, José Manuel (PRT), Presidente, Goldman Sachs International; Ex presidente, Commissione europea

Barton, Dominic (CAN), Senior Partner ed ex Global Managing Partner, McKinsey & Company

Beaune, Clément (FRA), Consigliere per l’Europa e G20, Ufficio del Presidente della Repubblica di Francia

Boos, Hans-Christian (DEU), CEO e fondatore, Arago GmbH

Bostrom, Nick (UK), direttore, Future of Humanity Institute, Oxford University

Botín, Ana P. (ESP), presidente esecutivo del gruppo, Banco Santander

Brandtzæg, Svein Richard (NOR), Presidente, Università norvegese di scienza e tecnologia

Brende, Børge (NOR), Presidente, Forum economico mondiale

Buberl, Thomas (FRA), CEO, AXA

Buitenweg, Kathalijne (NLD), deputato, partito verde

Caine, Patrice (FRA), Presidente e CEO di Thales Group

Carney, Mark J. (GBR), Governatore, Bank of England

Casado, Pablo (ESP), Presidente, Partido Popular

Ceviköz, Ahmet Ünal (TUR), deputato, Partito popolare repubblicano (CHP)

Champagne, François Philippe (CAN), ministro delle infrastrutture e delle comunità

Cohen, Jared (USA), fondatore e CEO, Jigsaw, Alphabet Inc.

Croiset van Uchelen, Arnold (NLD), Partner, Allen & Overy LLP

Daniels, Matthew (USA), Nuovi progetti spaziali e tecnologici, Office of the Secretary of Defense

Davignon, Etienne (BEL), Ministro di Stato

Demiralp, Selva (TUR), professore di economia, Università di Koç

Donohoe, Paschal (IRL), ministro delle Finanze, spesa pubblica e riforma

Döpfner, Mathias (DEU), Presidente e CEO, Axel Springer SE

Ellis, James O. (USA), Presidente, Gruppo consultivo degli utenti, Consiglio nazionale dello spazio

Feltri, Stefano (ITA), vicedirettore capo, Il Fatto Quotidiano

Ferguson, Niall (USA), Milbank Family Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University

Findsen, Lars (DNK), direttore del servizio di intelligence della difesa danese

Fleming, Jeremy (GBR), direttore, quartier generale delle comunicazioni del governo britannico

Garton Ash, Timothy (GBR), professore di studi europei, Università di Oxford

Gnodde, Richard J. (IRL), CEO, Goldman Sachs International

Godement, François (FRA), consigliere senior per l’Asia, Institut Montaigne

Grant, Adam M. (USA), Saul P. Steinberg Professore di Management, The Wharton School, University of Pennsylvania

Gruber, Lilli (ITA), Redattore capo e Anchor “Otto e mezzo”, La7 TV

Hanappi-Egger, Edeltraud (AUT), Rettore, Università di Economia e Commercio di Vienna

Hedegaard, Connie (DNK), presidente, Fondazione KR; Ex commissario europeo

Henry, Mary Kay (USA), Presidente internazionale, Unione internazionale dei dipendenti dei servizi

Hirayama, Martina (CHE), Sottosegretario di Stato all’istruzione, alla ricerca e all’innovazione

Hobson, Mellody (USA), Presidente, Ariel Investments LLC

Hoffman, Reid (USA), cofondatore, LinkedIn; Partner, partner di Greylock

Hoffmann, André (CHE), Vicepresidente, Roche Holding Ltd.

Jordan, Jr., Vernon E. (USA), Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC

Jost, Sonja (DEU), CEO, DexLeChem

Kaag, Sigrid (NLD), ministro per il commercio estero e la cooperazione allo sviluppo

Karp, Alex (USA), CEO, Palantir Technologies

Kerameus, Niki K. (GRC), MP; Partner, Kerameus e partner

Kissinger, Henry A. (USA), Presidente, Kissinger Associates Inc.

Koç, Ömer (TUR), presidente, Koç Holding A.S.

Kotkin, Stephen (USA), professore di storia e affari internazionali, Università di Princeton

Kramp-Karrenbauer, Annegret (DEU), Leader, CDU

Krastev, Ivan (BUL), presidente, Centro per le strategie liberali

Kravis, Henry R. (USA), Co-Presidente e Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.

Kristersson, Ulf (SWE), leader del partito moderato

Kudelski, André (CHE), Presidente e CEO, Gruppo Kudelski

Kushner, Jared (USA), Senior Advisor del Presidente, The White House

Le Maire, Bruno (FRA), ministro delle finanze

Leyen, Ursula von der (DEU), ministro federale della difesa

Leysen, Thomas (BEL), Presidente, KBC Group e Umicore

Liikanen, Erkki (FIN), Presidente, Fidati dell’IFRS; Helsinki Graduate School of Economics

Lund, Helge (GBR) Presidente, BP plc; Presidente, Novo Nordisk AS

Maurer, Ueli (CHE), presidente della Federazione svizzera e consigliere federale delle finanze

Mazur, Sara (SWE), direttore, investitore AB

McArdle, Megan (USA), editorialista, The Washington Post

McCaskill, Claire (USA), ex senatore; Analista, NBC News

Medina, Fernando (PRT), sindaco di Lisbona

Micklethwait, John (USA), redattore capo, Bloomberg LP

Minton Beddoes, Zanny (GBR), redattore capo, The Economist

Monzón, Javier (ESP), presidente, PRISA

Mundie, Craig J. (USA), Presidente, Mundie & Associates

Nadella, Satya (USA), CEO, Microsoft
Il Re dei Paesi Bassi (NLD)

Nora, Dominique (FRA), redattore capo, L’Obs

O’Leary, Michael (IRL), CEO, Ryanair D.A.C.

Pagoulatos, George (GRC), Vicepresidente di ELIAMEP, professore; Università di Economia di Atene

Papalexopoulos, Dimitri (GRC), CEO, TITAN Cement Company S.A.

Petraeus, David H. (USA), Presidente, KKR Global Institute

Pienkowska, Jolanta (POL), Anchor, giornalista

Pottinger, Matthew (USA), Senior Director, National Security Council

Pouyanné, Patrick (FRA), Presidente e CEO, Total S.A.

Ratas, Jüri (EST), Primo Ministro

Renzi, Matteo (ITA), ex primo ministro; Senatore della Repubblica Italiana

Rockström, Johan (SWE), direttore, Potsdam Institute for Climate Impact Research

Rubin, Robert E. (USA), co-presidente emerito, Council on Foreign Relations; Ex segretario al tesoro

Rutte, Mark (NLD), Primo Ministro

Sabia, Michael (CAN), Presidente e CEO, Caisse de dépôt et placement du Québec

Sanger, David E. (USA), corrispondente per la sicurezza nazionale, The New York Times

Sarts, Janis (INT), direttore, Centro di eccellenza NATO StratCom

Sawers, John (GBR), presidente esecutivo, Newbridge Advisory

Schadlow, Nadia (USA), Senior Fellow, Hudson Institute

Schmidt, Eric E. (USA), consulente tecnico, Alphabet Inc.

Scholten, Rudolf (AUT), presidente, Bruno Kreisky Forum per il dialogo internazionale

Seres, Silvija (NOR), Investitore indipendente

Shafik, Minouche (GBR), direttore della London School of Economics and Political Science

Sikorski, Radoslaw (POL), deputato, Parlamento europeo

Singer, Peter Warren (USA), Strategist, New America

Sitti, Metin (TUR), professore, Koç University; Direttore, Max Planck Institute for Intelligent Systems

Snyder, Timothy (USA), Richard C. Levin Professore di Storia, Università di Yale

Solhjell, Bård Vegar (NOR), CEO, WWF – Norvegia

Stoltenberg, Jens (INT), Segretario generale, NATO

Suleyman, Mustafa (GBR), co-fondatore, Deepmind

Supino, Pietro (CHE), editore e presidente, Tamedia Group

Teuteberg, Linda (DEU), Segretario generale, Partito democratico libero

Thiam, Tidjane (CHE), CEO, Credit Suisse Group AG

Thiel, Peter (USA), Presidente, Thiel Capital

Trzaskowski, Rafal (POL), sindaco di Varsavia

Tucker, Mark (GBR), Presidente del gruppo, HSBC Holding plc

Tugendhat, Tom (GBR), deputato, partito conservatore

Turpin, Matthew (USA), direttore per la Cina, Consiglio di sicurezza nazionale

Uhl, Jessica (NLD), direttore finanziario, Royal Dutch Shell plc

Vestergaard Knudsen, Ulrik (DNK), Segretario generale aggiunto, OCSE

Walker, Darren (USA), Presidente, Fondazione Ford

Wallenberg, Marcus (SWE), presidente, Skandinaviska Enskilda Banken AB

Wolf, Martin H. (GBR), Chief Economics Commentator, Financial Times

Zeiler, Gerhard (AUT), Chief Revenue Officer, WarnerMedia

Zetsche, Dieter (DEU), ex presidente della Daimler AG

Fonte

 

Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: Il Tabernacolo nel Deserto

Non c’è dubbio che gran parte del materiale registrato nei primi cinque libri dell’Antico Testamento deriva dai rituali iniziatici dei Misteri Egizi. I sacerdoti di Iside erano profondamente versati nella tradizione occulta, e gli israeliti durante la loro prigionia in Egitto impararono da loro molte cose riguardanti il ​​significato della Divinità e il modo di adorarla. La paternità dei primi cinque libri dell’Antico Testamento è generalmente attribuita a Mosè, ma indipendentemente dal fatto che egli fosse il vero scrittore è una questione di controversia. Vi sono prove considerevoli a sostegno dell’ipotesi che il Pentateuco sia stato compilato in una data molto successiva, dalle tradizioni orali. Per quanto riguarda la paternità di questi libri, Thomas Inman fa un’affermazione piuttosto sorprendente: “È vero che abbiamo libri che pretendono di essere i libri di Mosè, quindi ci sono, o sono stati, libri che pretendono di essere scritti da Omero, Orfeo, Enoch, Mormon e Junius, tuttavia l’esistenza degli scritti e la credenza che fossero scritti da coloro di cui portano il nome, non sono prove reali degli uomini o la genuinità delle opere chiamate con il loro nome. di quando si parla di Mosè di tanto in tanto ai tempi dei primi re di Gerusalemme, ma è chiaro che questi passaggi sono scritti con una mano  piu` tarda, e sono stati introdotti nei luoghi in cui sono stati trovati, con la precisa intenzione di far apparire che il legislatore era noto a Davide e Salomone “. (Vedi Ancient Faiths Embodied in Ancient Names).

Sebbene questo noto studioso abbia indubbiamente molte prove a sostegno del suo credo, sembra che questa affermazione abbia un carattere un po ‘troppo radicale. Apparentemente si basa sul fatto che Thomas Inman dubitava dell’esistenza storica di Mosè. Questo dubbio era basato sulla somiglianza etimologica della parola Mosè con un antico nome per il sole. Come risultato di queste deduzioni, Inman ha cercato di dimostrare che il Legislatore di Israele era semplicemente un’altra forma dell’onnipresente mito solare. Mentre Inman dimostrò che trasponendo due delle antiche lettere la parola Mosè (משה) diviene Shemmah (שמה), un’appellazione del globo celeste, sembra aver trascurato il fatto che negli antichi Misteri agli iniziati venivano spesso dati nomi sinonimo di il sole, per simboleggiare il fatto che la redenzione e la rigenerazione del potere solare erano state raggiunte nella loro stessa natura. È molto più probabile che l’uomo che conosciamo come Mosè fosse un rappresentante accreditato delle scuole segrete, lavorando – come molti altri emissari hanno faticato – per istruire razze primitive nei misteri delle loro anime immortali.

Il vero nome del Grande Vecchio di Israele che è noto alla storia come Mosè probabilmente non verrà mai accertato. La parola Mosè, quando è intesa nel suo senso esoterico egizio, significa colui che è stato ammesso nelle scuole misteriche della saggezza ~ insengnando all’ignorante riguardo alla volontà degli dei e ai misteri della vita, come sono stati spiegati nei templi di Iside, Osiride e Serapide. C’è molta polemica riguardo alla nazionalità di Mosè. Alcuni affermano che era ebreo, adottato ed educato dalla casa regnante d’Egitto; altri ritengono che fosse un egiziano purosangue. Alcuni addirittura credono che sia identico all’immortale Ermete, poiché entrambi questi illustri fondatori di sistemi religiosi hanno ricevuto tavolette dal cielo presumibilmente scritte dal dito di Dio. Le storie raccontate riguardo a Mosè, la sua scoperta a parte della figlia del Faraone, la sua adozione nella famiglia reale d’Egitto e la sua successiva rivolta contro l’autocrazia egiziana coincidono esattamente con certe cerimonie attraverso le quali i candidati dei Misteri Egiziani passarono nel loro rituale vagabondaggi alla ricerca della verità e della comprensione. L’analogia può anche essere rintracciata nei movimenti dei corpi celesti.

Non è strano che l’erudito Mosè, iniziato in Egitto, avrebbe dovuto insegnare agli ebrei una filosofia che contiene i principi più importanti dell’esoterismo egiziano. Le religioni dell’Egitto ai tempi della prigionia israelitica erano molto più antiche di quanto non si rendessero conto anche gli egiziani stessi. Le storie erano difficili da compilare in quei giorni, e gli egiziani erano soddisfatti di risalire alla loro razza fino a un periodo mitologico in cui gli dei stessi camminavano sulla terra e con il loro potere stabilirono il doppio impero del Nilo. Gli egiziani non sognavano che questi progenitori divini fossero gli Atlantidei, che, costretti ad abbandonare le loro sette isole a causa di cataclismi vulcanici, erano emigrati in Egitto – allora una colonia atlantidea – dove stabilirono un grande centro filosofico e letterario di civiltà che in seguito influenzò profondamente le religioni e le scienze delle razze e dei popoli innumerevoli. Oggi l’Egitto è dimenticato, ma le cose egiziane saranno sempre ricordate e venerate. L’Egitto è morto, ma vive immortale nella sua filosofia e nell’architettura.

Come Odino fondò i suoi Misteri in Scandinavia e Quexalcoatl in Messico, così Mosè, lavorando con l’allora popolo nomade delle dodici tribù di Israele, stabilì in mezzo a loro la sua scuola segreta e simbolica, che è diventata nota come I misteri del Tabernacolo. Il Tabernacolo degli ebrei era semplicemente un tempio modellato sui templi dell’Egitto e trasportabile per soddisfare i bisogni di quella disposizione itinerante per cui gli israeliti erano famosi. Ogni parte del Tabernacolo e il recinto che la circondava simboleggiavano una grande verità naturale o filosofica. Per gli ignoranti era solo un luogo in cui portare offerte e in cui fare sacrifici; per il saggio era un tempio di apprendimento, sacro allo Spirito Universale di Saggezza.

Mentre le più grandi, menti del mondo ebraico e cristiano hanno capito che la Bibbia è un libro di allegorie, pochi sembrano aver preso la briga di indagare sui suoi simboli e parabole. Quando Mosè istituì i suoi Misteri, si dice che avesse dato a pochi eletti alcuni determinati insegnamenti orali che non potevano mai essere scritti, ma che dovevano essere conservati da una generazione all’altra con la trasmissione del passaparola. Queste istruzioni erano sotto forma di chiavi filosofiche, per mezzo delle quali le allegorie rivelavano il loro significato nascosto. Queste mistiche chiavi delle loro sacre scritture furono chiamate dagli ebrei la Qabbalah (Cabala, Kaballah).

Il mondo moderno sembra aver dimenticato l’esistenza di quegli insegnamenti non scritti che spiegavano in modo soddisfacente le apparenti contraddizioni delle Scritture scritte, né ricorda che i pagani nominarono il loro Giano bifronte come custode della chiave del Tempio della Saggezza. Giano è stato trasformato in San Pietro, così spesso simboleggiato mentre tiene in mano la chiave per la porta del paradiso. Le chiavi d’oro e d’argento del “Vicario di Dio sulla terra”, il Papa, simboleggia questa “dottrina segreta” che, se correttamente intesa, sblocca lo scrigno del tesoro della Qabbalah cristiana ed ebraica.

I templi della mistica egiziana (da cui fu copiato il Tabernacolo) erano – secondo i loro stessi sacerdoti – rappresentazioni in miniatura dell’universo. Il sistema solare era sempre considerato un grande tempio di iniziazione, al quale i candidati accedevano attraverso le porte della nascita; dopo essersi introdotti nei tortuosi passaggi dell’esistenza terrena, finalmente si avvicinavano al velo del Grande Mistero – La Morte – attraverso la cui porta svanivano nel mondo invisibile. Socrate ricordava sottilmente ai suoi discepoli che la Morte era, in realtà, la grande iniziazione, perché le sue ultime parole erano: “Crito, devo un gallo a Esculapio, ti ricorderai di pagare il debito?” (Dato che il gallo era sacro agli dei e il sacrificio di questo uccello accompagnava l’introduzione di un candidato nei Misteri, Socrate sottintese che stava per ricevere la sua grande iniziazione).

La vita è il grande mistero, e solo coloro che passano con successo attraverso i suoi test e prove, interpretandoli in modo corretto ed estraendo l’essenza dell’esperienza da essa acquisita, ottengono una vera comprensione. Così, i templi furono costruiti nella forma del mondo e i loro rituali erano basati sulla vita e sui suoi molteplici problemi. Non solo il Tabernacolo stesso era modellato secondo il misticismo egiziano; i suoi utensili erano anche di forma antica. L’Arca

È in questa forma che Geova è generalmente raffigurato dai Qabbalisti. Il disegno vuole rappresentare il Demiurgo dei greci e degli gnostici, chiamato dai greci “Zeus”, il mortale immortale e  “IHVH” degli  ebrei.

dell’Alleanza stessa era un adattamento dell’Arca egiziana, persino alle figure inginocchiate sul suo coperchio. I bassorilievi del Tempio di Fila mostrano sacerdoti egiziani che portano la loro Arca – che ricorda da vicino l’Arca degli Ebrei – sulle loro spalle per mezzo di doghe come quelle descritte in Esodo.

La seguente descrizione del Tabernacolo e dei suoi sacerdoti si basa sul racconto della sua costruzione e delle cerimonie registrate da Giuseppe nel Terzo Libro delle sue Antichità degli Ebrei. I riferimenti biblici provengono da una Bibbia “Breeches” (famosa per il rendering del settimo versetto del terzo capitolo della Genesi), stampata a Londra nel 1599, e le citazioni sono riprodotte nella loro ortografia e punteggiatura originale.

LA COSTRUZIONE DEL TABERNACOLO

Mosè, parlando per Jehovah, il Dio di Israele, nominò due architetti per sovrintendere la costruzione del Tabernacolo. Erano Besaleel, figlio di Uri, della tribù di Giuda, e Aholiab, figlio di Ahisamach, della tribù di Dan. La loro popolarità era così grande che erano anche la scelta unanime della gente. Quando Giacobbe sul suo letto di morte benedisse i suoi figli (vedere Genesi xlix), assegnò a ciascuno un simbolo. Il simbolo di Giuda era un leone; quello di Dan un serpente o un uccello (possibilmente un’aquila). Il leone e l’aquila sono due delle quattro bestie dei Cherubini (i segni fissi dello zodiaco); e gli alchimisti rosacrociani sostenevano che la misteriosa Pietra del Saggio (l’Anima) era composta dall’aiuto del Sangue del Leone Rosso e del Glutine dell’Aquila Bianca. Sembra probabile che esista una relazione mistica nascosta tra il fuoco (il leone rosso), l’acqua (l’aquila bianca), come erano usati nella chimica occulta, e i rappresentanti di queste due tribù i cui simboli erano identici a questi elementi alchemici.

Poiché il Tabernacolo era la dimora di Dio tra gli uomini, allo stesso modo il corpo dell’anima nell’uomo è la dimora della sua natura divina, attorno al quale si riunisce una costituzione materiale dodici volte nello stesso modo in cui le tribù di Israele si accampavano intorno al recinto sacro a Geova . L’idea che il Tabernacolo fosse davvero simbolico di una verità spirituale invisibile al di fuori della comprensione degli israeliti è corroborata da una dichiarazione fatta nell’ottavo capitolo di Ebrei: “Chi serve sotto il Padre e all’ombra delle cose celesti, come Mosè fu avvertito da Dio quando stava per finire il Tabernacolo “. Qui troviamo il luogo di culto fisico materiale chiamato “ombra” o simbolo di un’istituzione spirituale, invisibile ma onnipotente.

Le specifiche del Tabernacolo sono descritte nel libro dell’Esodo, venticinquesimo capitolo: “Allora il Signore parlò a Mosè, dicendo:” Di’ ai figli d’Israele che mi facciano un’offerta; accetterete l’offerta da ogni uomo che la fa spinto dal proprio cuore E questa è l’offerta che accetterete da loro: oro, argento e bronzo, e seta blu, stoffe di colore violaceo, porporino, scarlatto; lino fino e pelo di capra. pelli di montone tinte in rosso, pelli di tasso e legno di acacia, olio per la luce del candelabro, aromi per l’olio della unzione e per l’incenso profumato, pietre di onice e pietre da incastonare per l’efod e il pettorale. Mi facciano un santuario, perché io abiti in mezzo a loro. Voi lo farete secondo tutto quello che io ti mostrerò, sia per il modello del tabernacolo che per il modello di tutti i suoi arredi.

La corte del Tabernacolo era un recinto, largo cinquanta cubiti e lungo cento cubiti, circoscritto da un muro di tende di lino appeso a pilastri di bronzo a cinque cubiti di distanza. (Il cubito è un antico metro di misura, la sua lunghezza è uguale alla distanza tra il gomito e l’estremità dell’indice, circa diciotto pollici.) C’erano venti di questi pilastri su ciascuno dei lati più lunghi e dieci sul più corto. Ogni pilastro aveva una base di ottone e una capitello d’argento. Il Tabernacolo era sempre disposto con i lati lunghi rivolti a nord e a sud e i lati corti rivolti a est e ovest, con l’ingresso a est, mostrando così l’influenza del culto del sole.

La corte esterna serviva allo scopo principale di isolare la tenda del Tabernacolo, che si trovava nel mezzo del recinto. All’ingresso del cortile, che si trovava nella parte orientale del rettangolo, possiamo vedere l’Altare delle offerte, fatto di lastre di ottone su legno e ornato con le corna di tori e montoni. Più in là, ma in linea con questo altare, si trovava la Vasca della Purificazione, una grande nave che conteneva acqua per abluzioni sacerdotali. La struttura era duplice nella sua costruzione, la parte superiore era un grande contenitore, probabilmente coperto, che serviva da fonte di rifornimento per un bacino inferiore in cui i sacerdoti si lavavano prima di partecipare ai vari cerimoniali. Si suppone che fosse piena deglii specchi metallici delle donne delle dodici tribù di Israele.

Le dimensioni del Tabernacolo vero e proprio erano le seguenti: “La sua lunghezza, quando fu eretto, era di trenta cubiti, e la sua larghezza era di dieci cubiti, uno dei suoi muri era a sud e l’altro era esposto a nord, la parte posteriore ad l’ovest: era necessario che la sua altezza fosse pari alla sua larghezza (dieci cubiti). ” (Giuseppe).

È usanza dei bibliologi dividere l’interno del Tabernacolo in due stanze: una stanza di dieci cubiti di larghezza, dieci cubiti di altezza e venti cubiti di lunghezza, che era chiamata il luogo sacro e conteneva tre oggetti di arredamento speciali, il candelabbro a sette braccia, la tavola dei pani dell’offerta e l’Altare dell’Incenso Bruciato; l’altra stanza, dieci cubiti di larghezza, dieci cubiti di altezza e dieci cubiti di lunghezza, che era chiamata il Santo dei Santi e conteneva un solo articolo di arredamento: l’Arca dell’Alleanza. Le due stanze erano separate l’una dall’altra da un velo ornamentale su cui erano ricamati molti tipi di fiori, ma senza figure animali o umane.

Josephus suggerisce che c’era un terzo compartimento che si formava suddividendo il Luogo Sacro, almeno ipoteticamente, in due camere. Lo storico ebreo non è molto esplicito nella descrizione di questa terza stanza, e la maggior parte degli scrittori sembra aver trascurato questo punto, anche se Giuseppe afferma enfaticamente che lo stesso Mosè ha diviso la tenda interiore in tre sezioni. Il velo che separa il Luogo Sacro dal Santo dei Santi fu appeso su quattro pilastri, che probabilmente indicavano in modo sottile i quattro elementi, mentre all’ingresso della tenda propriamente detta gli Ebrei misero sette colonne, riferendosi ai sette sensi e alle sette vocali del nome sacro. Che in seguito siano menzionati solo cinque pilastri può essere spiegato dal fatto che al momento attuale l’uomo ha solo cinque sensi sviluppati e cinque vocali attive. Il primo scrittore ebreo di The Baraitha tratta le tende come segue:

“C’erano dieci tende di lino blu, porpora, scarlatto e bisso, come si dice:” Inoltre il tabernacolo aveva dieci tende di lino finemente intrecciato, blu, porpora e scarlatto. ‘ * * * Vennero inserite undici tende di pelo di capra, e la lunghezza di ognuna di esse era di trenta cubiti, * * *. Rabbi Judah disse: “C’erano due coperture – la più bassa costituita di pelli di ariete tinte di rosso, e quella superiore dalle pelli dei tassi. ‘”

Calmet è dell’opinione che la parola ebraica tradotta “tasso” significhi veramente “viola scuro” e quindi non si riferisca a nessun animale particolare, ma probabilmente a un tessuto impermeabile pesantemente intrecciato di colore scuro e poco appariscente. Durante il periodo delle peregrinazioni di Israele attraverso il deserto, si suppone che una colonna di fuoco aleggiava sul Tabernacolo durante la notte, mentre una colonna di fumo si ergeva di giorno. Questa nube fu chiamata dagli ebrei la Shechinah e simboleggiava la presenza del Signore. In uno dei primi libri ebraici rifiutati al momento della compilazione del Talmud appare la seguente descrizione della Shechinah:

“Allora una nuvola coprì la tenda della congregazione, e la gloria del Signore riempì il Tabernacolo, e quella fu una delle nuvole di gloria che servì gli Israeliti nel deserto per quarant’anni. Una alla destra e una alla sinistra e una di fronte a loro e l’altra dietro di loro: una sopra di loro e una che abitava in mezzo a loro (la nuvola, chiamata Shechinah che era nella tenda) e la colonna di nuvole che si muoveva davanti a loro rendendo piani gli alti luoghi, e alzando quelli bassi, uccidendo serpenti e scorpioni, bruciando spine e rovi e guidandoli nella retta via “. (Dal Baraitha, il libro del Tabernacolo).

GLI ARREDI DEL TABERNACOLO

Non vi è dubbio che il Tabernacolo, i suoi arredi e cerimoniali, quando considerati esotericamente, sono analoghi alla struttura, agli organi e alle funzioni del corpo umano. All’ingresso del cortile esterno del Tabernacolo c’era l’Altare delle offerte, cinque cubiti di lunghezza e cinque cubiti di larghezza ma solo tre cubiti di altezza. La sua superficie superiore era una griglia di bronzo su cui era posto il sacrificio, mentre al di sotto c’era uno spazio per il fuoco. Questo altare significava

L’ordine delle pietre e della tribù su cui ciascuna amministrata era, secondo Calmet, come nel diagramma sopra. Queste gemme, secondo i Rosacroce, simboleggiavano le dodici grandi qualità e virtù: Illuminazione, Amore, Saggezza, Verità, Giustizia, Pace, Equilibrio, Umiltà, Fede, Forza, Gioia, Vittoria.

che un candidato, quando entra per la prima volta nel recinto del santuario, deve offrire sull’altare di bronzo non un povero toro o un ariete innocuo, ma la loro corrispondenza nella sua stessa natura. Il toro, essendo simbolo di terrosità, rappresentava la sua costituzione grossolana che doveva essere bruciata dal fuoco della sua Divinità. (Il sacrificio delle bestie, e in alcuni casi degli esseri umani, sugli altari dei pagani era il risultato della loro ignoranza riguardo al principio fondamentale alla base del sacrificio. Non si rendevano conto che le loro offerte devono venire dalla loro stessa natura per essere accettabili.)

Più a ovest, in linea con l’altare di bronzo, era già stata descritta la vasca della purificazione. Significava che il sacerdote che avrebbe purificato solo il suo corpo ma anche la sua anima da tutte le macchie di impurità, poiché a chi e` sporco sia nel corpo che nella mente non e` concesso partecipare alla presenza della Divinità e vivere. Oltre la Vasca della Purificazione c’era l’ingresso al Tabernacolo proprio, rivolto a est, in modo che i primi raggi del sole nascente potessero entrare e illuminare la camera. Tra le colonne si vedeva il Luogo Sacro, una misteriosa camera, con le pareti tappezzate di magnifici drappi ricamati con i volti dei Cherubini.

Contro il muro sul lato meridionale del Luogo Santo sorgeva il grande Candelabro, di oro fuso, che si credeva pesasse circa 45 kg. Dalla sua asta centrale si dipartivano sei braccia, ognuna che terminava in una depressione a forma di coppa nella quale si ergeva una lampada a olio. C’erano sette lampade, tre sulle braccia su ciascun lato e una sul gambo centrale. Il candelabro era ornato da settantadue mandorle, noduli e fiori. Giuseppe dice settanta, ma ovunque questo numero tondo viene usato dagli ebrei significa davvero settantadue. Di fronte al candelabro, contro il muro settentrionale, c’era un tavolo con dodici filoni di pane presentati in due file di sei pani ciascuna. (Calmet è dell’opinione che il pane non fosse ammucchiato, ma steso sul tavolo in due file, ognuna contenente sei pagnotte.) Su questo tavolo c’erano anche due incensori, che erano posti sopra le due fila di pane così che il fumo dell’incenso potesse essere un aroma accettabile per il Signore, portando con sé nella sua ascesa l’anima dl pane delle offerte.

Al centro della stanza, quasi contro la partizione che portava al Sancta Sanctorum, sorgeva l’Altare dell’Incenso Bruciato, fatto di legno ricoperto di lastre d’oro. La sua larghezza e lunghezza erano ciascuna di un cubito e la sua altezza era di due cubiti. Questo altare simboleggiava la laringe umana, da cui le parole della bocca dell’uomo salgono come offerta accettabile al Signore, poiché la laringe occupa la posizione nella costituzione dell’uomo tra il Luogo Sacro, che è il tronco del suo corpo, e il Santo dei Santi, che è la testa con i suoi contenuti.

Nel Sancta Sanctorum nessuno poteva passare, salvo il Sommo Sacerdote, e solo in certi periodi prescritti, la stanza non conteneva arredi, tranne l’Arca dell’Alleanza, che si ergeva contro il muro occidentale, di fronte all’ingresso. In Esodo le dimensioni dell’Arca sono date come due cubiti e mezzo per la sua lunghezza, un cubito e mezzo la larghezza e un cubito e mezzo la sua altezza. Era fatta di legno di acacia, placcato in oro dentro e fuori, e conteneva le sacre tavole della Legge consegnate a Mosè sul Sinai. Il coperchio dell’Arca aveva la forma di un piatto d’oro sul quale si inginocchiavano due misteriose creature chiamate Cherubini, l’una di fronte all’altra, con le ali arcuate sopra la testa. Era su questo luogo di misericordia tra le ali dei celesti che il Signore di Israele discese quando desiderava comunicare con il Suo Sommo Sacerdote.

Gli arredi del Tabernacolo sono stati fatti comodamente trasportabili. Ogni altare e attrezzo di qualsiasi dimensione era fornito con doghe che potevano essere messe: attraverso anelli; in questo modo poteva essere raccolto e trasportato da quattro o più portatori. Le stanghe non furono mai rimosse dall’Arca dell’Alleanza finché non fu finalmente collocata nel Luogo Santissimo della Casa Eterna, il Tempio di Re Salomone.

Non c’è dubbio che gli ebrei nei primi tempi si rendessero conto, almeno in parte, che il loro Tabernacolo era un edificio simbolico. Giuseppe lo ha capito e mentre è stato severamente criticato perché ha interpretato il simbolismo del Tabernacolo secondo il paganesimo egiziano e greco, la sua descrizione dei significati segreti delle sue tende e arredi è degna di considerazione. Lui dice:

“Quando Mosè distinse il tabernacolo in tre parti, e permise che 2 fossero frequentabili dai sacerdoti, come luogo accessibile e comune, denotò la terra e il mare, essendo questi di accesso generale a tutti, ma separò la terza divisione conferendola a Dio, perché il cielo è inaccessibile agli uomini e quando ordinò dodici pagnotte per essere poste su un tavolo, egli denotò l’anno, come distinto in così tanti mesi. Srotolando il candelabro in settanta parti, intimò segretamente i Decani, o settanta divisioni dei pianeti, e riguardo alle sette lampade sui candelabri, si riferivano al corso dei pianeti, di cui è il numero. Anche i veli, che erano simbolici, rappresentavano i quattro elementi, in quanto il lino era adatto a significare la terra, perché il lino germoglia dalla terra, il viola significava il mare, perché quel colore si ottiene dal sangue di un pesce conchiglia, il blu è adatto a significare l’aria, e lo scarlatto sarà naturalmente un indicativo del fuoco.

“Ora la veste del sommo sacerdote era fatta di lino, significava la terra, il blu indicava il cielo. E per l’Efod, mostrò che Dio aveva fatto l’universo di quattro (elementi), e per quanto riguarda l’oro intrecciato, * * * si riferiva allo splendore con cui tutte le cose sono illuminate. Inoltre fece si` che la corazza collocata nel mezzo dell’Ephod, assomigliasse alla terra, perché detiene un posto centrale nel mondo e la cintura che circondava il sommo sacerdote significava l’oceano,. E per la mitra, che era di un colore blu, intende il paradiso; per quale motivo altrimenti il nome di Dio potrebbe essere iscritto su di essa?

I metalli usati nella costruzione del Tabernacolo erano tutti emblematici. L’oro rappresenta la spiritualità, e le tavole d’oro posate sul legno shittim erano emblemi della natura spirituale che glorifica la natura umana simboleggiata dal legno. I mistici hanno insegnato che il corpo fisico dell’uomo è circondato da una serie di corpi invisibili di colori diversi e di grande splendore. Nella maggior parte delle persone la natura spirituale è nascosta e imprigionata nella natura materiale, ma in alcuni questa costituzione interna è stata oggettivata e la natura spirituale è al di fuori, così che circonda la personalità dell’uomo con una grande radiosità.

L’argento, usato nei capitelli dei pilastri, ha il suo riferimento alla luna, che era sacra sia per gli ebrei che agli egiziani. I sacerdoti tenevano segrete cerimonie rituali al tempo della luna nuova e della luna piena, entrambe le quali erano sacre per Geova. L’argento, così gli antichi insegnavano, era d’oro con i suoi raggi solari introiettati anziche` oggettivati.

Mentre l’oro simboleggiava l’anima spirituale, l’argento rappresentava la natura umana purificata e rigenerata dell’uomo.

L’ottone utilizzato negli altari esterni era una sostanza composita costituita da una lega di metalli preziosi di base. Quindi, rappresentava la costituzione dell’individuo medio, che è una combinazione di entrambi gli elementi superiori e inferiori.

Le tre divisioni del Tabernacolo dovrebbero avere un interesse speciale per i Massoni, poiché rappresentano i tre gradi della Loggia Blu, mentre i tre ordini di sacerdoti che hanno servito il Tabernacolo sono conservati nella Massoneria moderna sotto forma dell’Apprendista, di Compagno Muratore, e di Maestro Massone. Gli isolani hawaiani costruirono un tabernacolo non dissimile da quello degli ebrei, eccetto che le loro stanze erano una sopra l’altra e non una dietro l’altra, come nel caso del tabernacolo degli israeliti. Le tre stanze sono anche rappresentate nelle tre importanti sale della Grande Piramide di Giza.

LE VESTI DI GLORIA

Come spiegato nella citazione di Giuseppe Flavio, le vesti e gli ornamenti dei sacerdoti ebrei avevano un significato segreto, e ancora oggi c’è un linguaggio cifrato religioso nascosto nei colori, nelle forme e negli usi delle vesti sacre, non solo tra i cristiani e i sacerdoti ebrei ma anche tra le religioni pagane. I paramenti dei sacerdoti del Tabernacolo erano chiamati Cahanææ; quelli del sommo sacerdote erano chiamati Cahanææ Rabbæ. Sopra il Machanese, un indumento intimo simile a pantaloni corti, indossavano il Chethone, una veste di lino finemente tessuta, che arrivava a terra e aveva lunghe maniche legate alle braccia di chi la indossava. Una fascia ricamata vivacemente, attorcigliata più volte intorno alla vita (un po ‘ più in alto), con un pendolo davanti, e un berretto di lino, chiamato Masnaemphthes, completava il costume del prete ordinario.

Le vesti del Sommo Sacerdote di Israele erano spesso chiamate “Le vesti di gloria”, perché assomigliavano alla natura rigenerata e spiritualizzata dell’uomo.

I paramenti del sommo sacerdote erano uguali a quelli di grado inferiore, tranne alcuni indumenti e ornamenti che venivano aggiunti. Sopra la veste di lino bianco intrecciata appositamente, il Sommo Sacerdote indossava un’abito senza cuciture, color blu cielo che arrivava quasi ai suoi piedi. Questo era chiamato Meeir ed era decorato con una frangia di campanelline d’oro alternate e melograni. In Ecclesiastico (uno dei libri respinti dalla Bibbia moderna), queste campanelle e il loro scopo sono descritti nelle seguenti parole: “E lo circondò con melograni, e con molte campane d’oro intorno, che mentre camminava, si potevano sentire all’interno del tempio, per un memoriale ai figli della sua gente “. Il Meeir era anche legato con una cintura variegata finemente ricamata e con filo d’oro inserito attraverso il ricamo.

L’Ephod, un breve paramento descritto da Josephus come un cappotto o una giacca, era indossato sopra la parte superiore del Meeir. I fili di cui l’Ephod era tessuto erano di molti colori, probabilmente rosso, blu, viola e bianco, come le tende e le coperture del Tabernacolo. Anche fili d’oro fini erano intrecciati nel tessuto. L’Efod era fissato ad ogni spalla con un grosso onice a forma di bottone, e i nomi dei dodici figli di Giacobbe erano incisi su queste due pietre, sei su ciascuna. Si supponeva che questi bottoni di onice avessero poteri oracolari, e quando il sommo sacerdote poneva certe domande, emettevano uno splendore celeste. Quando l’onice sulla spalla destra era illuminato, significava che Geova rispondeva alla domanda del Sommo Sacerdote: in senso affermativo, e quando quello di sinistra brillava, indicava una risposta negativa.

Nel mezzo della superficie anteriore dell’Efod c’era uno spazio per ospitare l’Essen, o Petto Corazzato della Giustizia e della Profezia, che, come indica il suo nome, era anche un oracolo di grande potenza. Questo pettorale aveva una forma approssimativamente quadrata e consisteva in una cornice in cui erano incastonate dodici pietre. A causa del grande peso delle sue pietre, ognuna delle quali era di dimensioni considerevoli e di valore immenso, la corazza era tenuta in posizione da speciali catene e nastri d’oro. Le dodici pietre della corazza, come le pietre di onice sulle spalle dell’Efod, avevano il misterioso potere di accendersi attraverso la gloria Divina e servire come oracoli. Riguardo allo strano potere di questi simboli delle dodici tribù di Israele, Giuseppe scrive:

“Eppure citerò ciò che è ancora più meraviglioso: come Dio ha dichiarato in precedenza, da quelle dodici pietre che il Sommo Sacerdote portava sul suo petto e che erano state inserite nella sua corazza, predicevano la vittoria in battaglia, in quanto da loro emanava un incredibile bagliore prima che l’esercito iniziasse a marciare. ” Lo scrittore aggiunge che le pietre hanno smesso di illuminarsi e brillare circa duecento anni prima che scrivesse la sua storia, perché gli ebrei avevano infranto le leggi di Geova e il Dio di Israele non era più soddisfatto del suo popolo eletto.

Gli ebrei impararono l’astronomia dagli egiziani, e non è improbabile che i dodici gioielli della corazza fossero simbolici delle dodici costellazioni dello zodiaco. Queste dodici gerarchie celesti erano considerate gioielli che ornavano la corazza dell’Uomo Universale, il Macroprosofo, a cui si fa riferimento nello Zohar come L’antico dei giorni. Il numero dodici si verifica frequentemente tra popoli antichi, che in quasi tutti i casi avevano un pantheon costituito da dodici semidei e dee presieduti dall’Invincibile, che era Lui stesso soggetto al Padre Incomprensibile. Questo uso del numero dodici è particolarmente frequente negli scritti ebraici e cristiani. I dodici profeti, i dodici patriarchi, le dodici tribù e i dodici apostoli – ogni gruppo ha un certo significato occulto, poiché ciascuno si riferisce al Divino Duodecimo, o Dodiforme Divinità, le cui emanazioni si manifestano nell’universo tangibile creato attraverso dodici canali individualizzati. I sacerdoti erano collegati ai gioielli che rappresentavano i centri della vita all’interno delle loro stesse costituzioni, che, quando erano in armonia con le istruzioni esoteriche del Tempio, erano capaci di irradiare la luce Divina della Divinità. (I fiori di loto dell’India orientale hanno un significato simile.)

I rabbini hanno insegnato che ogni filo di lino attorcigliato usato per tessere le tende e gli ornamenti del Tabernacolo consisteva di ventiquattro fili separati, ricordando al discernente che l’esperienza, acquisita durante le ventiquattro ore del giorno  diventa i fili da cui sono intrecciati gli indumenti di gloria.

L’URIM E IL THUMMIM

Nel retro di Essen, o pettorale, c’era una tasca contenente oggetti misteriosi: l’Urim e il Thummim. Tranne che per il fatto che sono stati usati in divinazione, poco si sa di questi oggetti. Alcuni scrittori sostengono che si trattava di piccole pietre (simili ai feticci ancora riveriti da certi popoli aborigeni) che gli israeliti avevano portato con sé fuori dall’Egitto per la loro convinzione di possedere il potere divino. Altri credono che l’Urim e il Thummim fossero in forma di dadi, usati per decidere eventi venendo gettati a terra. Alcuni hanno sostenuto che sono semplicemente nomi sacri, scritti su tavole d’oro e portati come talismani. “Secondo alcuni, l’Urim e il Thummim significano” luci e perfezioni “o” luce e verità “che per ultimi presentano un’analogia impressionante con le due figure di Re (Ra) e Themi nella corazza indossata dagli egiziani.” (Gardner’s The Faiths of the World.)

Non meno importante dei paramenti del Sommo Sacerdote era il suo berretto o copricapo. Sopra il semplice berretto bianco del prete ordinario, questo dignitario indossava un panno esterno blu e una corona d’oro, la corona consisteva in tre fasce, una sopra l’altra come la tripla mitria dei Magi Persiani. Questa corona simboleggiava che il Sommo Sacerdote era sovrano non solo sui tre mondi che gli antichi avevano differenziato (cielo, terra e inferno), ma anche sulle triplici divisioni dell’uomo e dell’universo – i mondi spirituali, intellettuali e materiali . Queste divisioni erano anche simboleggiate dai tre spazi del Tabernacolo stesso.

All’apice del copricapo c’era una minuscola tazza d’oro, fatta a forma di fiore. Ciò significava che la natura del sacerdote era recettiva e che era uno strumento, simile a una coppa, capace di catturare le eterne acque della vita riversate su di lui dai cieli. Questo fiore sulla sommità della sua testa è simile nel suo significato esoterico alla rosa che cresce da un teschio, così famoso nella simbologia templare. Gli antichi credevano che la natura spirituale che scappava dal corpo passasse verso l’alto attraverso la corona della testa; perciò, il calice fiorito, o coppa, simboleggiava anche la coscienza spirituale. Sulla parte anteriore della corona d’oro erano incise in ebraico, santità al Signore.

Sebbene le vesti e gli ornamenti aumentassero il rispetto e la venerazione degli Israeliti per il loro Sommo Sacerdote, tali artifizi non avevano alcun significato per Geova. Pertanto, prima di entrare nel Santo dei Santi, il Sommo Sacerdote rimuoveva la sua eleganza terrena ed entrava nella presenza del Signore Dio di Israele senza vestiti. Lì poteva indossare solo le sue virtù e la sua spiritualità doveva adornarlo come un abito.

C’è una leggenda sul fatto che chiunque abbia tentato di entrare nel Santo dei Sorti impuro è stato distrutto da una scarica di fuoco divino. Se il Sommo Sacerdote avesse solo un pensiero egoista, sarebbe morto. Poiché nessuno sa quando un pensiero indegno può veniree in mente, dovevano essere prese precauzioni nel caso in cui il Sommo Sacerdote venisse ucciso mentre è in presenza di Geova. Gli altri sacerdoti non potevano entrare nel santuario, quindi, quando il loro capo stava per entrare e ricevere i comandi del Signore, legavano una catena attorno a uno dei suoi piedi in modo che se fosse stato colpito mentre era dietro il velo potevano trascinare il corpo fuori.

Sopra il semplice berretto bianco dei preti ordinari il Sommo Sacerdote indossava un vestito blu e una fascia d’oro. Sulla parte anteriore della banda dorata erano incise le parole ebraiche “Santità al Signore”. 

Giuseppe dice che i Cherubini erano creature volanti ma di aspetto diverso, da tutto ciò che si vedeva sulla terra; quindi impossibili da descrivere. Si suppone che Mosè abbia visto questi esseri inginocchiati presso il trono di Dio quando fu raccolto e portato nella Presenza di Geova. È probabile che somigliassero, almeno in apparenza generale, ai famosi Cherubini di Ezechiele.

 

Foto simboliche del mese (Maggio 2019)

In questa edizione di FSDM: Millie Bobby Brown, Greta Thunberg, un “drag kid” e Netflix fanno del loro meglio per mostrarci l’occhio che tutto vede.

La sedicenne svedese Greta Thunberg è attualmente (secondo i media) “uno dei nomi più caldi della politica globale”. Dal 2018, ha costantemente fatto notizia per i suoi discorsi e le sue proteste sul cambiamento climatico. Qui, Thunberg è sulla copertina della rivista i-D. Uno dei suoi occhi è nascosto con un token che dice “Salva il nostro clima”. Quel segno con un solo occhio è un’indicazione che viene utilizzata dall’élite.

In un’altra foto, l’ombra di una mano non identificata nasconde uno degli occhi di Greta. Ma perché questa ragazza dovrebbe essere usata dall’élite?

Questo titolo riassume tutto. Vogliono che la gente si faccia prendere dal panico, specialmente i giovani. Il panico porta le persone a sottoporsi alla volontà dell’élite. Qui, Greta parla al World Economic Forum – uno dei luoghi di incontro dell’élite globale.

Drag Kid” Desmond is Amazing è un altro giovane dello spettro autistico che viene pubblicizzato da tutti i mass media. Come spiegato nel mio articolo su di lui, il ragazzino drag di 11 anni è stato filmato mentre ballava in un bar gay dove i clienti gli gettavano soldi. Desmond è stato recentemente reclutato da Converse per promuovere una nuova linea di scarpe “LGBTQ + -friendly”.

Tutti quelli coinvolti sono sfruttati

L’account Instagram di The New Yorker Photography contiene molte immagini strane. Questa mostra un uomo nudo che tiene in braccio un bambino nudo. I commenti sulla foto sono stati disabilitati perché il 99% di loro riguardava l’aspetto terrorizzato del bambino e la gente si chiedeva cosa tenesse il ragazzo in mano.

Come al solito, ci sono stati un sacco di simboli dell’occhio che tutto vede su tutti i mass media questo mese. Per assicurarsi che le masse vengano esposte a questi segnali, vengono spesso visualizzate in modo prominente sulla copertina delle riviste e direttamente sui poster promozionali dei film e delle serie TV.

Non riesco nemmeno a contare il numero di poster promozionali Netflix con il segno un occhio. Netflix vuole che tu sappia che è di proprietà dell’élite occulta. Tuttavia, questo poster che promuove la serie Lucifer è il più sfacciato di sempre. La serie si concentra su Lucifer Morningstar che si ribella contro suo padre (Dio) e abbandona il suo regno per Los Angeles, dove finisce per gestire il suo nightclub “Lux”. Diventa quindi consulente del LAPD. In breve, la serie parla di rendere Lucifer simpatico e comprensivo per gli spettatori. Nel poster, Lucifero nasconde un occhio di una donna – non diversamente da come l’élite luciferina acceca parzialmente il mondo con il lavaggio del cervello.

L’immagine promozionale della nuova stagione di Black Mirror – ancora un altro “Netflix Original”

Netflix ha anche bisogno di mostrare questo segno quando promuove uno spettacolo sulle…torte

Questa è la copertina di Vogue Italia. Ironia della sorte, le parole “anticonformista” sono scritte a caratteri cubitali. Fare il segno di un occhio solo è la definizione di conformità.

Questa è la copertina di Vogue Netherlands. Forse qualcuno dovrebbe dire alla modella che un libro non va letto cosi`. Fatto interessante: la modella ha in mano il romanzo francese Viviane Élisabeth Fauville che parla di una donna con più personalità che ha ucciso il suo psicoanalista. In altre parole: MKULTRA.

Questa è la copertina della rivista Glamour con protagonista la star di Stranger Things Millie Bobbie Brown. Guardarla andare più a fondo nella pancia della bestia di Hollywood non è divertente

Un’altra foto con un occhio solo per Millie abbiamo capito che ora è di proprietà dell’élite occulta

La copertina di Country Town & House. Sì, anche in questo genere di riviste e` presente il simbolismo

Questo è una pubblicita` per Purbeck Art Weeks. L’arte moderna ha bisogno di essere associata a questa spazzatura sul controllo mentale degli Illuminati.

Il cantante country Reid Perry ha postato questa foto su Instagram con la didascalia “unisciti al culto”. Wow.

Ecco un’osservazione strana: quasi ogni articolo di notizie su una persona con un braccio bionico presenta un segno preminente dell’OK con un occhio che tutto vede.

Non sto scherzando

A quasi tutti viene detto di fare questo gesto in camera

Non potrebbero fare altro con quel braccio?

Sono sicuro che sanno anche fare altro

Il motivo e` forse da ricercare nell’agenda transumanista dell’élite?

Fonte

Gilette alla deriva: La storia del padre che insegna alla figlia transgender a farsi la barba

L’ultima pubblicità di Gillette mostra una donna che e` in fase di “transizione” per diventare un uomo enfatizzando i prodotti da barba maschili utilizzati.

La pubblicità riecheggia la campagna femminista per offuscare le differenze biologiche tra uomini e donne suggerendo che le donne possono diventare uomini con l’aiuto di alcuni prodotti di rasatura Gillette.

Il personaggio principale dice:

Crescendo, cercavo sempre di capire che tipo di uomo volevo diventare, e sto ancora cercando di capire che tipo di uomo voglio diventare … Sono contento di essere arrivato al punto in cui Sono in grado di radermi … Sono ad un punto dove sono davvero felice. Non è solo la mia transizione, tutto intorno a me sta transizionando.

Lo scenario va dissolvendosi, mostrando la frase scalda cuore: “Whenever, wherever, however, it happens your first shave is special”

La pubblicità cerca di smentire la visione del pubblico secondo cui gli uomini dovrebbero essere all’altezza della loro mascolinità naturale basata sulla biologia come complemento naturale alla femminilità naturale della donna basata sulla biologia.

Invece di associare i loro prodotti di rasatura alla preziosa idea della mascolinità, i manager di Gillette associano i loro prodotti con l’affermazione femminista che la mascolinità degli uomini non è correlata alla biologia ed è invece un “costrutto sociale” formato da forze vaghe nella società.

Questo slogan femminista il quale sostiene che i due sessi maschili e femminili siano un “costrutto sociale” è una base politica vitale per il movimento transgender, che ora esorta molte adolescenti e ragazze – tra cui ragazze depresse e ragazzi gay – a ricostruire i loro corpi con l’aiuto di ambulatori, droghe e ormoni.

Ma queste decisioni adolescenziali hanno conseguenze a vita. Ad esempio, le ragazze adolescenti che iniziano a prendere il testosterone ormone maschile rapidamente e irreversibilmente cambiano il tono della loro voce. Un piccolo ma significativo numero di ragazze si toglie il seno, nonostante il rischio di dolore e rimpianti.

Un numero crescente di donne che hanno fatto la “transizione” sta rimpiangendo il fatto di aver cambiato sesso e sta protestando contro la mancanza di cautela nell’industria medica. “C’è fretta di ottenere ormoni … anche se non sei sicuro al 100 percento di essere trans”, sostiene una giovane donna nel suo canale Twitter, @gnc_centric:

Le sinistre occidentali appoggiano pienamente questa affermazione ideologica e affermano che le leggi dovrebbero aiutare le persone a liberarsi dai loro corpi per scegliere la “identità di genere” che preferiscono.

I sondaggi mostrano che il pubblico si oppone a questa tendenza transgender e si oppongono anche alla richiesta femminista di confondere i sessi.

La pubblicità di Gillette non spiega perché desidera associare i suoi prodotti con una idea cosi` impopolare, tuttavia la stessa idea potrebbe essere popolare tra i leader nella professione pubblicitaria. In tal caso, l’annuncio potrebbe aggiudicarsi premi per lo staff pubblicitario della società, riducendo allo stesso tempo il valore economico dell’azienda per i suoi azionisti.

L’annuncio pro-transgender segue una pubblicità del Superbowl del 2019 di Gillette che suggerisce che gli uomini sono violenti e e senza freni.

Le relazioni finanziarie della società dopo la pubblicità del Superbowl hanno mostrato una crescita minima delle entrate derivanti dai prodotti di rasatura della società.

FATTI E CIFRE SULL’IDEOLOGIA TRANSGENDER

In generale, l’ideologia transgender dice che il sesso di una persona è determinato dalla sua “identità di genere”, non dalla loro biologia.

L’ideologia insiste sul fatto che i corpi di uomini e donne sono più o meno identici e si oppone alla visione del pubblico dei due sessi come simultaneamente differenti, complementari e eguali. I sostenitori del transgender vogliono imporre la loro ideologia all’America (e all’Europa) stabilendo leggi sui “diritti transgender”, che richiederebbero al Dipartimento di giustizia di penalizzare individui e gruppi che insistono sul fatto che donne e ragazze sono biologicamente diverse e hanno priorità diverse rispetto a uomini e ragazzi.

I sostenitori dell’ideologia transgender sostengono che due milioni di americani dicono di essere transgender in misura maggiore o minore.

Ma pochissime persone che si descrivono come transgender subiscono un intervento chirurgico di transizione dei genitali. Solo 4.188 americani hanno alterato chirurgicamente i loro corpi negli ospedali dal 2000 al 2014 per apparire come membri del sesso opposto, secondo uno studio medico pro-transgender. Un rapporto del Pentagono del 2018 commissionato dall’ex Segretario alla Difesa James Mattis ha detto che “le percentuali per la chirurgia genitale sono estremamente basse – il 2% degli uomini transgender e il 10% delle donne transgender”.

Il movimento transgender è vario, quindi le diverse fazioni hanno obiettivi e priorità in competizione.

Comprende le femministe che desiderano offuscare le distinzioni tra i due sessi, persone che glamorizzano le distinzioni tra i due sessi, uomini i quali seguono il transuessualismo di Blanchard che chiedono sesso da lesbiche, così come compagnie farmaceutiche e fornitori di servizi medici in cerca di guadagni. Comprende ricchi donatori, politici ambiziosi e difensori professionisti. Il movimento include anche liberazionisti sessuali e molti progressisti che sono desiderosi di liberare persone dai loro corpi, persone non politiche che stanno cercando di vivere come membri del sesso opposto, bambini di alto profilo, ragazze adolescenti in difficoltà che cercano di fuggire dalla turbolenza adolescenziale, più alcuni genitori che sono desiderosi o disposti a sostenere le richieste dei transgender.

I sondaggi mostrano che l’ideologia transgender è profondamente impopolare, specialmente tra donne e genitori. Nel 2017, l’ex presidente Barack Obama ha detto a NPR che la sua promozione dell’ideologia transgender ha reso più facile per Donald Trump vincere la presidenza.

Più sondaggi mostrano che la maggior parte degli americani desidera aiutare e confortare le persone che pensano di essere membri del sesso opposto, anche se respingono l’affermazione dell’ideologia transgender che la sessualita` delle persone è determinata dalla loro  “identità di genere”, non dalla biologia . Un sondaggio del Regno Unito mostra un simile mix di simpatia per le persone che affermano di essere transgender accanto a un’opposizione asimmetrica all’ideologia.

Eppure l’ideologia di genere sta rapidamente guadagnando potere, aiutata da enormi donazioni da parte di persone facoltose e aziende mediche. In Ohio, ad esempio, nel febbraio 2018, un giudice ha costretto i genitori di un’adolescente ad abbandonare la custodia per poter iniziare una vita di trattamenti farmacologici e interventi chirurgici che le consentiranno di apparire come un maschio.

La spinta progressista a piegare gli atteggiamenti degli americani e la loro società civile maschile e femminile intorno all’idea di “identità di genere” ha già attaccato e rotto molte delle regole sociali popolari che aiutano gli americani a gestire la cooperazione e la competizione tra uomini e donne.

Queste affermazioni a favore del genere hanno un impatto sui rifugi per donne maltrattate, sui campionati sportivi per ragazze, sui gruppi di escursionisti per ragazzi, sullle, libertà religiose, sulla libertà di parola, sullo stato sociale delle donne, sui diritti dei genitori in fatto di educazione dei figli, sulla sicurezza dei bambini, sulle pratiche per aiutare adolescenti, sui risultati sanitari, sugli ideali femminili di bellezza, cultura e società civile, sulla ricerca scientifica, sulla sicurezza carceraria, sulle cerimonie civiche, sulle regole scolastiche, sul senso della mascolinità, sulle forze dell’ordine, sulla cultura militare, e sulla la privacy sessuale dei bambini.

Fonte

Patrick Moore, co-fondatore di Greenpeace, la sesta estinzione di massa e` una fake news

Il co-fondatore di Greenpeace, Patrick Moore, ha testimoniato al Congresso sull’imminente sesta grande estinzione di massa prevista in un recente rapporto delle Nazioni Unite. Il suo verdetto non potrebbe essere più devastante per la causa dell’allarmismo ambientale: dice che non ci sono prove a supporto di queste previsioni sul giorno del giudizio.

Moore – il cui ruolo di co-fondare di Greenpeace è così imbarazzante per l’organizzazione che hanno cercato di cancellarlo dalla loro storia – è apparso come testimone davanti alla sottocommissione della Camera per l’acqua, gli oceani e la fauna selvatica.

Ha detto alla commissione guidata dai democratici che il rapporto di valutazione globale delle Nazioni Unite della piattaforma intergovernativa di scienza e politica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IBPES) era semplicemente un “fronte per una radicale trasformazione politica, sociale ed economica dell’intera nostra civiltà”.

“Come per l’artificiale “crisi climatica”, stanno usando lo spettro dell’estinzione di massa come tattica del terrore per spaventare il pubblico. Lo stesso IBPES è una minaccia esistenziale a una politica sensata sulla conservazione della biodiversità “.

Il rapporto IBPES è stato rilasciato all’inizio di questo mese e ampiamente pubblicizzato dai media mainstream. Avvertiva che un milione di specie sono in pericolo di estinzione.

Ma Moore ha detto al comitato che questa affermazione non ha senso.

L’IBPES afferma che ci sono 8 milioni di specie. Eppure solo 1,8 milioni di specie sono state identificate e nominate. Quindi l’IBPES crede che ci siano 6,2 milioni di specie non identificate e senza nome. Quindi un milione di specie sconosciute potrebbero estinguersi da un giorno all’altro e non lo noteremmo perché non sapevamo esistessero.

Questo è altamente non professionale. Gli scienziati non dovrebbero, di fatto non possono, prevedere stime di estinzione di specie o estinzione di specie basate su milioni di specie prive di documenti.

Ci sono tre modi principali in cui gli umani hanno causato l’estinzione delle specie, ha spiegato Moore:

1 – La caccia senza limiti per il cibo e l’eliminazione mirata di parassiti. L’uccello del dodo su Mauritius, il piccione viaggiatore, il parrocchetto caroliniano negli Stati Uniti del sud e il mastodonte sono esempi tipici

2 – Eliminazione massiccia degli ecosistemi nativi per la produzione di alimenti e fibre. Vasti campi di grano sono coltivati ​​per i biocarburanti a causa delle priorità “verdi”. Altrettanto vaste distese di terra sono state convertite in piantagioni di olio di palma per il biodiesel. Lo stesso vale per le massicce fattorie solari che coprono terreni che potrebbero essere ricchi di specie autoctone. Queste politiche dovrebbero essere riconsiderate.

3 – L’introduzione di predatori esotici come ratti, gatti, volpi e serpenti, soprattutto nelle isole dove questa è stata la principale causa di estinzione negli ultimi secoli. Ciò si è in qualche misura attenuato in quanto le specie particolarmente vulnerabili sono già estinte e quelle che rimangono non sono vulnerabili o sono protette da programmi finalizzati alla loro sopravvivenza e al loro recupero.

Moore ha perfettamente ragione, anche se si e` dimenticato due dettagli fondamentali. Le due maggiori minacce umane alla fauna selvatica nell’ultimo secolo sono state a) i comunisti e b) gli ambientalisti.

Erano i comunisti – in particolare i sovietici – ad aver fatto (quasi) estinguere le balene lo scorso secolo.

Questo fatto non e` mai stato compreso (la maggior parte della gente pensava che fossero i giapponesi) fino alla pubblicazione di un affascinante articolo del 2017 del Pacific Standard che descrive ciò che l’autore Charles Homans definì Il crimine ambientale più insensato del XX secolo.

Homans stava parlando del massacro di 180.000 balene da parte della flotta baleniera sovietica (in violazione dei trattati internazionali che, anche prima del divieto di caccia alle balene del 1986, ha concesso alle baleniere quote limitate).

Ciò che rende il massacro così bizzarro è che i sovietici avevano poca richiesta di balene. Era quasi come se stessero uccidendo le balene solo per il gusto di farlo. Come infatti facevano …

La spiegazione è data in un articolo altrettanto affascinante di Alex Tabarrok. I sovietici continuavano a uccidere balene, dice, perché i commissari responsabili della produzione avevano decretato che dovevano farlo.

Tabarrok cita uno scienziato di epoca sovietica, Alfred Berzin, che scrisse nelle sue memorie:

I balenieri sapevano che non importa cosa, il piano deve essere rispettato! Cercando le balene, sarebbero andati sempre più lontano dalle isole e avrebbero portato carcasse marcie alle stazioni, quelle che non potevano essere usate come cibo. Questo non veniva considerato un problema da nessuno. Il piano, ad ogni prezzo! E i balenieri stavano uccidendo tutto.

Gli ambientalisti probabilmente non riescono a competere con i comunisti quando si tratta di spazzare via intere specie, ma stanno facendo un buon lavoro.

Ecco un esempio di ambientalismo in azione, affettatura e taglio della fauna aviaria.

Ecco un ecologo di Oxford, Clive Hambler:

La mia specialità è l’estinzione di specie. Quando ero bambino, mio ​​padre mi raccontava di tutti gli animali che aveva visto crescendo nel Kent – i serpenti d’erba, le falene il falco – e ciò che mi ha scioccato quando siamo andati a cercarli era quanto pochi ne rimanevano . L’estinzione di specie è un problema serio: in tutto il mondo ne stiamo perdendo fino a 40 al giorno. Tuttavia, gli ambientalisti ci esortano ad adottare tecnologie che accelerano questo processo. Tra i più distruttivi di questi c’è l’energia eolica.

Ogni anno nella sola Spagna – secondo la ricerca del gruppo di conservazione SEO / Birdlife – tra 6 e 18 milioni di uccelli e pipistrelli vengono uccisi dai parchi eolici. Uccidono all’incirca il doppio dei pipistrelli rispetto agli uccelli. Questo si riduce a circa 110-330 uccelli per turbina all’anno e 200-670 pipistrelli all’anno. E queste cifre potrebbero essere prudenti se le paragonate alle statistiche pubblicate nel dicembre 2002 dalla California Energy Commission: “In un sommario degli impatti aviari delle turbine eoliche di Benner et al (1993) le morti di uccelli per turbina all’anno erano alte 309 in Germania e 895 in Svezia.”

Poiché i parchi eolici tendono ad essere costruiti su terreni montuosi, uccidono un numero sproporzionato di rapaci. In Australia, l’aquila dalla coda a cuneo della Tasmania è minacciata di estinzione globale da parte dei parchi eolici. In Nord America, i parchi eolici stanno uccidendo decine di migliaia di rapaci, tra cui l’aquila reale e l’uccello nazionale americano, l’aquila calva. In Spagna, l’avvoltoio egiziano è minacciato, così come l’avvoltoio di Grifone – 400 dei quali sono stati uccisi in un solo anno a Navarra. I parchi eolici norvegesi uccidono più di dieci aquile dalla coda bianca all’anno e la popolazione di Smøla è stata gravemente colpita dalle turbine costruite contro l’opposizione degli ornitologi.

Né molte altre specie di uccelli sono al sicuro. Nel Nord America, ad esempio, i parchi eolici proposti sui Grandi Laghi ucciderebbero un gran numero di uccelli migratori. Nell’Atlantico, gli uccelli marini come il Manx Shearwater sono minacciati. I parchi eolici offshore sono altrettanto pessimi, ponendo una crescente minaccia per gli uccelli marini e gli uccelli migratori e riducendo la disponibilità di habitat per gli uccelli marini (come le anatre e le anatre comuni).

Il movimento verde ha ben poco a che fare con il salvare la natura.

Forse la Camera dei Democratici dovrebbe organizzare un’altra sottocommissione della Camera per indagare su questo problema. Ma dal momento che i cattivi sono socialisti e ambientalisti piuttosto che rapaci capitalisti, forse questa è una questione che preferirebbero non affrontare …

Fonte

Il governo svedese vuole bannare gli antichi simboli dei Vichinghi perche` costituiscono “incitamento all’odio”

Il governo svedese sta cercando di rendere illegali l’alfabeto runico e alcuni vecchi simboli scandinavi.

La ragione ufficiale per vietare le rune è che i nazisti le hanno utilizzate durante la seconda guerra mondiale, ad esempio la runa Odale che significa O e la runa Tyr / Tiwaz che significa T.

Secondo quanto riferito, il ministro della giustizia socialdemocratico Morgan Johansson è dietro l’iniziativa. Secondo la proposta, anche i simboli e i gioielli degli antichi norvegesi potrebbero essere vietati perche` promuovono l’odio. Questo include il Mjolnir, il martello del dio norvegese Thor, il nodo di Valknut / Odino e il Vegvisir.
Tuttavia, le rune hanno più di 1200 anni e non hanno assolutamente nulla a che fare con i nazisti.

Per molti svedesi, le rune sono una grande parte della loro religione Asatru, e per alcuni hanno solo un grande significato storico.
Nella definizione di razzismo in Svezia è incluso che ogni tipo di oppressione contro una religione è razzista.
Il che significa che vietare le rune è razzista e contrario alla legge svedese. Nondimeno, il governo sta ora cercando di vietare l’eredità pre-cristiana, la religione, la cultura e l’arte del paese.

Bandire le rune perché erano usate dai nazisti è esattamente come mettere al bando la croce cristiana perché era usata dal Ku Klux Klan o nelle crociate, o vietare le lettere arabe usate dai soldati dello Stato islamico, IS / ISIS o Al Qaeda.

È stata lanciata una petizione e venerdì 24 maggio una manifestazione in segno di protesta contro la proposta si terrà fuori dal Parlamento a Stoccolma.
L’interesse per le antiche tradizioni norvegesi è cresciuto fortemente negli ultimi tempi, sia in Svezia che all’estero, e include serie televisive come Vikings, The Last Kingdom e Game of Thrones.

Fonte

Eurovision 2019: Interpretazione occulta e la controversa esibizione di Madonna

Uno sguardo al simbolismo trovato nel finale dell’Eurovision 2019 e un’analisi della performance estremamente simbolica e controversa di Madonna

Eurovision è un concorso annuale di canzoni internazionali con partecipanti che rappresentano principalmente paesi europei. Lo spettacolo viene trasmesso ogni anno dal 1956 ed è uno degli eventi non sportivi più seguiti al mondo, con un pubblico medio di 300 milioni di spettatori.

Inutile dire che Eurovision è stato incredibilmente influente nel corso dei decenni e ha contribuito a lanciare la carriera di innumerevoli artisti. Detto questo, c’è la possibilità che la portata dello spettacolo possa essere utilizzata dall’élite per spingere i suoi messaggi e il simbolismo? Certamente L’edizione di quest’anno era particolarmente ovvia. Tenutasi in Israele, lo spettacolo è culminato con una performance elaborata ma terrificante da parte della Gran Sacerdotessa dell’industria musicale stessa: Madonna.

SIMBOLISMO DELL’ELITE OCCULTA

La finale ha visto dozzine di esibizioni di dozzine di artisti di dozzine di paesi in tutto il mondo. Nonostante questa grande varietà di contesti culturali, c’era un filo conduttore chiaro: sottomissione all’élite occulta. In effetti, Eurovision è la prova evidente che l’industria musicale globale deve essere soggetta alla cultura e all’egemonia dell’elite.

ECCO ALCUNI ESEMPI

Durante la performance bielorussa, sono state visualizzate in background diverse immagini relative alla programmazione Monarch. Qui, la testa della cantante è divisa a metà mentre una tigre corre dentro di essa – una rappresentazione della programmazione beta kitten.

Qui, la sua testa è divisa di nuovo (ma verticalmente) mentre varie lettere e simboli le entrano in testa. Ancora simbolismo sul controllo mentale.

Un fulmine attraversa la sua testa, rappresentando la tortura dell’elettroshock per provocare una scissione nella personalità dello schiavo MK.

Stranamente, lo stesso esatto simbolismo è stato usato durante l’esibizione di Mahmood, il rappresentante italiano.

In varie occasioni durante la sua esecuzione, la testa di Mahmood è “fratturata” in diversi pezzi.

Il finale dell’Eurovision contiene anche altri elementi dell’agenda elitaria,

La rappresentazione dell’Azerbaijan aveva profondi temi transumanisti. In questo screenshot, le braccia robotiche eseguono una sorta di chirurgia laser sul cuore del cantante. Il suo cuore viene quindi “caricato” su uno schermo e controllato tramite computer.

Anche Il finale ha avuto qualche simbolismo classico degli Illuminati.

La performance della cantante israeliana Netta Barzilai (la vincitrice dell’Eurovision dello scorso anno) mostrava un chiaro simbolismo massonico. È iniziato con un ballo che si è svolto su un pavimento a scacchiera massonico.

Poi, sullo sfondo e` apparsa una testa a forma di Baphomet, sopra un altro schema a scacchiera dualistico.

AGENDA GENDER

Per prima cosa, devo dire che le persone hanno il diritto di agire e vestirsi come vogliono. E se hanno abbastanza talento, hanno sicuramente il diritto di cantare e prendere parte alle competizioni. Tuttavia, durante l’Eurovision, c’è stata una chiara e ovvia sovrapresentazione di persone ambigue dal punto di vista del genere e sono convinto che molti di loro fossero lì PERCHÉ erano trans o drag queen e non per il loro talento. Come affermato in innumerevoli articoli in passato, esiste un’agenda per esporre le masse (e in particolare i giovani) alla confusione di genere. E l’Eurovision ha fatto la sua parte. Ecco alcune persone che si sono esibite durante il finale.

La cantante transgender israeliana Dana International si è esibita all’inizio del finale.

Il rappresentante della Francia Bilal Hassani era fondamentalmente vestito da donna

La drag queen Conchita Wurst (vincitrice dell’Eurovision 2014) si è esibita durante il finale.

Anche la drag queen Verka Serduchka si è esibita.

Poi, e` arrivata Madonna. Ed è stato orribile.

LA PERFORMANCE DI MADONNA

La performance di Madonna all’Eurovision è stata controversa per diversi motivi. Innanzitutto, molti erano scontenti che Madonna fosse andata in Israele per esibirsi considerando l’intera questione palestinese. Secondo, ha cantanto malissimo. Era una tortura La peggiore performance dell’intera serata.

Mentre questi temi erano ampiamente discussi nei mass media, quello più ovvio era ignorato: la sua esibizione e` stato un rituale pseudo-satanico, . E, come al solito, Madonna ha pienamente incarnato il suo ruolo di Grand Priestess del settore.

Prima di entrare nello spettacolo, è anche importante notare che Madonna è una adepta della Kabbalah – il misticismo ebraico che è alla base della maggior parte delle scuole di occultismo occidentale come la Massoneria. Inoltre, il fatto che questa performance sia avvenuta in Israele è anche rilevante per il simbolismo che è stato messo in mostra.

La rappresentazione è iniziata in un ambiente simile ad una Cattedrale con uomini incappucciati che cantavano il nome “Madonna” come se fosse un incantesimo religioso.

Dopo aver invocato il suo nome, la Grand Sacerdotessa appare in cima alle scale, vestita come se stesse per prendere parte ad un oscuro rituale occulto

Poi Madonna si rivela. Indossa una corona (Grand Sacerdotessa) e una benda con la lettera X su di essa.

Madonna ha recentemente creato un alterego di nome Madame X che descrive come un “agente con diverse personalità”. Come ho visto nel mio articolo su Madame X, l’intera faccenda riguarda la programmazione Monarch.

Madame X indossa costantemente una benda sull’occhio che è un modo conveniente per mostrare perpetuamente il segno dell’occhio che tutto vede – prova di sottomissione all’élite occulta.

Poi Madonna inizia a cantare Like a Prayer, una canzone in cui si mischiano atti sessuali con devozione religiosa. Madonna canta questa canzone pseudo-satanica tutto il tempo (l’ha eseguita al MET Gala 2018) perché è il perfetto preludio di una messa nera.

A parte il fatto che Madonna canta in modo orribile, canta anche con un accento strano che sembra israeliano o forse dell’Europa dell’est. Perché? Gli altereghi degli schiavi MK possono essere programmati per avere accenti diversi.

Poi Madonna scende lentamente le scale. Notare la croce rovesciata sulla sua veste (simbolo del satanismo).

L’ambientazione qui è estremamente simbolica. La combinazione di scale che salgono in mezzo ai pilastri è completamente massonica.

Classiche immagini massoniche raffiguranti scale che salgono tra i pilastri.

All’inizio della performance, Madonna era in cima alle scale e rappresentava il più alto livello di “illuminazione”. Scendendo le scale, Madonna si abbassa simbolicamente al livello delle masse. Mentre lo fa, mette in mostra una croce rovesciata perché è quello in cui vogliono che credano le masse.

Qui, figure incappucciate portano dei pilastri per metterli su ciascun lato di Madonna. Perché stanno costruendo roba mentre Madonna canta?

Questa scena è un chiaro riferimento alla ricostruzione del Tempio di Salomone, una parte cruciale degli insegnamenti massonici. Si dice che la ricostruzione inaugurerà una nuova era: un nuovo ordine mondiale.

I due pilastri trovati nel simbolismo massonico sono riferimenti ai pilastri del Tempio di Salomone chiamati Boaz e Jachin.

La carta dei tarocchi della Sacerdotessa presenta i pilastri Boaz e Jachin.

Il sito del Tempio di Salomone è in Israele e ci sono state continue voci sull’élite la quale cerca di prendere il controllo del Tumulo del Tempio per ricostruire il Tempio di Salomone. In breve, Madonna si riferisce fondamentalmente all’alba di una nuova era governata dall’élite.

Quindi, le cose diventano ancora più bizzarre.

Le persone che indossano maschere antigas e abiti vanno da Madonna. Lei dice loro qualcosa e poi li uccide rompendogli il collo. Queste persone rappresentano le masse che vengono uccise dall’élite?

Poi Madonna fa un discorso bizzarro che sembra minacciare un gruppo di persone.

“Sono così ingenui. Pensano che non siamo consapevoli dei loro crimini. Sappiamo che non siamo pronti ad agire. La tempesta non è nell’aria. È dentro di noi. Voglio parlarti di amore e solitudine. Ma si sta facendo tardi ora. Non riesci a sentire il vento che sta cominciando a risuonare? “

Mentre Madonna pronuncia queste parole, vediamo varie figure cristiane. La loro nuova era è definita dalla distruzione del cristianesimo.

Poi, Madonna “soffia un vento di morte”222 sulle persone mascherate (che rappresentano le masse) e tutti muoiono. Inoltre, sullo sfondo, la Statua della Libertà è distrutta.

Mentre Madonna esegue la sua nuova canzone Future with Quavo, il mondo è letteralmente in fiamme.

I testi di quella canzone parlano dell’élite che dice alle masse che il futuro non è per loro.

Not everyone is coming to the future
Not everyone is learning from the past
Not everyone can come into the future
Not everyone that’s here is gonna last

Poi Madonna, Quavo e altre persone risalgono le scale. Sono sulla via dell’illuminazione? Non proprio.

Nonostante tutto il simbolismo che abbiamo appena visto, il 99% dei mezzi di informazione si è concentrato sul fatto che c’era una bandiera palestinese accanto a una bandiera israeliana e che la gente era offesa. Hanno completamente perso il quadro più ampio: tutti sono sulla buona strada per morire.

Una volta in cima alle scale, le persone si girano e saltano verso la morte in quello che sembra un suicidio. Un altro bel messaggio per i milioni di giovani che guardano.

Ad un certo punto, vediamo il riflesso di una chiesa sulle scale. Un altro modo di visualizzare una croce invertita.

Poi le parole WAKE UP appaiono sullo sfondo mentre Madonna e Quavo saltano verso la morte.

Quindi, la folla si scatena. Hanno capito qualcosa di quello che è appena successo? Probabilmente no.

CONCLUDENDO

Eurovision 2019 è stata una vetrina di pedine d’élite e agenda elitaria. Era tutto basato sul simbolismo MK, sul simbolismo occulto e sull’agenda ormai ineliminabile che offusca il genere. In modo abbastanza appropriato, lo spettacolo si concluse con una performance estremamente simbolica e rituale di Madonna che riassume l’intera filosofia dell’élite. Trasmette anche il suo odio e il disprezzo totale per le masse, celebrando persino la loro morte nel “futuro”.

È tutto lì, ci viene mostrato in maniera palese. Se non lo vedi, Svegliati.

Fonte

 

La vita segreta di Marylin Monroe, il prototipo di schiava del controllo mentale (Parte 2)

Nella seconda parte di questa serie divisa in due parti, vedremo la fine della carriera di Marilyn Monroe e le circostanze della sua morte – che sono le stesse circostante di una vittima del controllo mentale. 
Esamineremo anche la sua eredita` nel mondo del controllo mentale diventando un simbolo della programmazione Monarch.

La prima parte di questa serie di articoli ha descritto il lato poco conosciuto dell’ infanzia di Marilyn Monroe e le sue origini nel settore dello spettacolo. Mentre la Monroe proiettava l’immagine di una sex symbol glamour, in realtà la sua vita giorno per giorno era praticamente l’opposto. Era controllata, abusata, sfruttata e anche traumatizzata da vari “gestori”, vivendo in condizioni simili ad una prigione. 
La sua difficile situazione l’ha portata lentamente ad un crollo mentale totale e, quando ha apparentemente perso la sua utilità per coloro che la controllano, ha perso la vita in circostanze molto strane.

 L’eredità della Monroe vive ancora ai giorni nostri, e in qualche modo lei è oggi più attuale che mai nel mondo dello spettacolo … ma per le ragioni sbagliate. 
Ora, ci sono un gran numero di schiavi del “controllo mentale” a Hollywood e quelli dietro le quinte hanno reso Marilyn Monroe il simbolo piu` grande della Programmazione Beta. 
Ci sono diverse Marilyn Monroe a Hollywood attualmente tutte che proiettano un’immagine attraente pur essendo sottoposte allo stesso controllo e alle stesse difficoltà della Monroe. E tutte loro vengono associate alla Monroe una volta o l’altra nella loro carriera. È una coincidenza? Se hai guardato la raccolta di immagini “subliminal verses” nel mio gruppo facebook, probabilmente sai che l’uso dell’immagine della Monroe viene spesso ripetuto su un tipo specifico di celebrità … troppo spesso per essere semplicemente una coincidenza.

Diamo un’occhiata alla fine della carriera della Monroe, alle circostanze della sua morte e di come la sua immagine viene sfruttata dall’industria degli “Illuminati” di oggi.

MODELLO PRESIDENZIALE

Al culmine della sua carriera, Marilyn è rimasta coinvolta con la figura più potente del mondo: il Presidente degli Stati Uniti, John F. Kennedy. 
Mentre alcuni storici classificano la loro relazione come una “scappatella“, i ricercatori del controllo mentale Monarch pensano in realtà che ;a donna fosse una modella presidenziale – cioè il più alto “livello” di schiavi nella Programmazione Beta che sono utilizzati per “servire” i Presidenti.

Se fosse vero, l’esistenza di modelli presidenziali è un concetto piuttosto inquietante, che dimostra la potenza e l’importanza del controllo mentale Monarch nei circoli d’elite.

“Modelli presidenziali” sono stati / sono presumibilmente utilizzati da grandi “intrattenitori” e politici come giocattoli sessuali; burattini controllati mentalmente e programmati per compiere atti perversi agli ordini dei loro “gestori”.

Presumibilmente Marilyn Monroe fu la prima schiava del sesso “Monarch” che ha raggiunto lo status di “celebrità”. Per chi non conosce il termine “modello presidenziale”, io farò riferimento al controllo di Candy Jones da Donald Bain e Long John Nebel. Come dice la storia, Long John Nebel-una personalità radiofonica di New York degli anni ’50-’70-ha scoperto attraverso l’ipnosi, che la moglie, Candy Jones, è stata vittima di questo tipo di progetto di controllo mentale, uno dei tanti schiavi mentali dell’ MK-ULTRA, programmati da “psichiatri” della CIA e utilizzato da alti dignitari per soddisfare i loro capricci sessuali perversi o, tra gli altri compiti, essere usati come corrieri della droga e come corrieri di messaggi per questa vasta rete di mediatori di potere moralmente carenti. Molto è venuto alla luce in questo senso negli ultimi anni, per mezzo di accuse simili pubblicate su libri controversi e Internet, come Trance Formation In America di Mark Phillips e Kathy O’Brien, in cui la signora O’Brien riferisce suoi racconti preoccupanti di abusi del progetto MK-ULTRA e Monarch. 

– Adam Gorightly, “Una interpretazione di Eyes Wide Shut di Kubrick”

Secondo i ricercatori del controllo mentale, Marilyn è stata la prima modella presidenziale “di alto profilo”, una situazione che ha richiesto ad i suoi gestori di esercitare un controllo estremo su quello che diceva e faceva in pubblico.

“Hanno spogliato Marilyn di qualsiasi contatto con il mondo esterno per assicurare che il loro controllo mentale avrebbe funzionato. Avevano paura che qualcosa potesse andare storto con il primo schiavo presidenziale a cui è stato permesso di essere ben visibile al pubblico “
– Fritz Springmeier, la formula degli Illuminati per creare uno schiavo del controllo mentale

Marilyn cantando “Happy Birthday Mr. President” a JFK il 19 maggio 1962. In questo momento iconico della storia degli Stati Uniti, la Monroe canta per il presidente in una voce sensuale mentre indossa un abito attillato con niente sotto. 

Gli schiavi Monarch di “alto livello” sono spesso identificati con gemme e pietre per identificare il loro stato. I Modelli presidenziali sono identificati con diamanti.

“Per la “bona fides”e come segnali di riconoscimento, gli schiavi Monarch indossano diamanti per simboleggiare che sono modelli presidenziali. (…)
Gli smeraldi rappresentano la droga, i rubini rappresentano la prostituzione, i diamanti il lavoro del Modello Presidenziale “.
– Ibid.

Nel film “Gli uomini preferiscono le bionde”, la Monroe esegue notoriamente la canzone “Diamonds are a Girl’s Best Friend“. La canzone aveva un doppio significato?

Fatto rilevante: L’abito indossato dalla Monroe mentre cantava “Happy Birthday Mr. President” conteneva più di 2500 strass. Era un modo per identificarla come un modello presidenziale? Una cosa è certa, dietro i sorrisi ed i diamanti, le cose erano molto aspre per Marilyn durante quel periodo di tempo. Più informazioni sul suo passato nella prima parte.

IL LENTO ESAURIMENTO NERVOSO

Gli ultimi mesi di vita di Marilyn sono stati caratterizzati da un comportamento irregolare/eccentrico, strani aneddoti e diversi rapporti “intimi” con individui di grande potere.  
Mentre lei mostrava , sempre di più, segni di grave disagio mentale, ha anche avuto relazioni con diversi uomini (JFK, suo fratello Bobby Kennedy, Marlon Brando, ecc) e secondo una biografia Marilyn Monroe: My Little Secret di Tony Jerris, anche con alcune donne.
Come schiava Beta, è stata utilizzata anche sessualmente da persone del settore. Nel libro di DiMaggio Marilyn, Joe e me l’autore descrive come è stata costretta a “servire” uomini vecchi e che ha dovuto dissociarsi completamente dalla realtà (un aspetto importante della programmazione MK) per superare gli atti disgustosi a cui era sottoposta.
( Questri traumi servono proprio a creare questa dissociazione su cui poi lavorare )

“Marilyn non poteva permettersi di provare emozioni quando doveva dormire con rugosi vecchi per sopravvivere nel business. Doveva proteggere se stessa, disattivando le emozioni durante quei momenti – come se stesse recitando una parte al fine di rimuovere se stessa dall’orrore della situazione.  Ci sono stati momenti, mi ha detto, quando tornava a casa esausta dalle riprese e qualche potente vecchio bislacco le avrebbe telefonato e di come rabbrividiva. Dopo alcuni degli orrori si metteva nella doccia  per un’ora o più. Voleva lavare via la terribile esperienza che aveva dovuto sopportare “.
– June DiMaggio, Marilyn, Joe and Me

Negli ultimi mesi della sua vita, è stato molto difficile lavorare con Marilyn e il suo comportamento ha causato varie preoccupazioni agli osservatori. Durante le riprese del suo ultimo film completo, The Misfits, la Monroe ebbe “una grave malattia” che non è mai stata divulgata, ma, che secondo molti rapporti era collegata alla sfera psichica.

“La Monroe era spesso malata e non era in grado di lavorare nel mondo dello spettacolo, e lontana dall’influenza del dottor Greenson, aveva ripreso il suo consumo di pillole del sonno e alcol. Una visitatrice del set, Susan Strasberg, poi ha  descritto Monroe come “mortalmente ferita in qualche modo,” e nel mese di agosto, la Monroe è stata ricoverata a Los Angeles per dieci giorni. I giornali hanno riferito che si era trovata in punto di morte, anche se la natura della sua malattia non è stata comunicata. Louella Parsons scrisse nella sua colonna di giornale che la Monroe era “una ragazza molto malata, molto più malata di quanto in un primo momento si era creduto”, e ha rivelato che era in cura da uno psichiatra “.
– Wikipedia, “Marilyn Monroe”

Nel 1962, Marilyn ha iniziato le riprese di Something’s Got to Give, ma era così malata e inaffidabile che in definitiva è stata licenziata e citata in giudizio dallo studio 20th Century Fox per mezzo milione di dollari. Il produttore del film Henry Weinstein ha dichiarato che il comportamento di Marilyn durante le riprese era raccapricciante:

“Pochissime persone provano il Terrore. Abbiamo tutti esperienza dell’ ansia, infelicità, strazi, ma questo era puro terrore primordiale. “
– Anthony Summers, “Goddess

Weinstein ha osservato che Marilyn non aveva i normali “giorni brutti” o sbalzi d’umore che tutti abbiamo. 
Sentiva “terrore primordiale puro” – qualcosa che i prodotti del controllo mentale basati sul trauma spesso finiscono per vivere.

L’ULTIMA SEDUTA

Alla fine di giugno del 1962, Marilyn poso` da modella per un servizio fotografico con il fotografo Bert Stern per la rivista Vogue. 
Sei settimane dopo, è stata trovata morta. 
 C’è qualcosa di inquietante in quelle immagini in quanto mostrano un sensuale ma invecchiata Monroe, “ubriaca” e con occhi che hanno perso un po ‘della loro scintilla. Se sia stato intenzionale o no, questo photoshoot è simbolico per diversi motivi.

Nel libro di Stern The Last Sitting, il fotografo ha scelto di includere le immagini che sono state rifiutate da Marilyn, perché erano ritenute insoddisfacenti. Ora, sapendo che sarebbe stata “eliminata” qualche settimana più tardi, probabilmente perché è stata ritenuta insoddisfacente dai suoi gestori, c’è qualcosa di profetico in queste immagini?

Sapendo cosa le sarebbe successo qualche settimana dopo questa sparatoria, questo velo rosso sul suo viso e questi occhi chiusi possono simbolicamente rappresentare il sacrificio di Marilyn.

Il servizio fotografico ha avuto luogo presso il Bel Air Hotel e, come riferito, c’era un sacco di alcol nell’aria. Si dice anche che Marilyn e il fotografo siano diventati “intimi” durante la sessione

Questo servizio fotografico, scattato nel momento più difficile della sua vita – dopo un “aborto spontaneo”, un divorzio, un viaggio forzato in un reparto psichiatrico, e ogni tipo di abuso, sarà ricordato anche come il suo book fotografico più rivelatore ed intimo. Più la vita di Marilyn diventava  più difficile, più lei diventava sempre “più sessuale” – che è ciò che gli schiavi della programmazione Beta sono programmati per fare. Tuttavia, come altri schiavi MK, non e` vissuta molto a lungo.

LA SUA MORTE

Marilyn Monroe è stata trovata morta dal suo psichiatra Ralph Greenson nella sua camera da letto il 5 agosto 1962.Mentre la sua morte è stata classificata come “probabile suicidio” a causa di “acuto avvelenamento da barbiturici”, è ancora una delle più dibattute teorie della cospirazione di tutti i tempi. 

Ci sono infatti un gran numero di fatti che puntano verso l’omicidio, ma la verità sulla sua morte non è mai stata ufficialmente riconosciuta. Dal momento della morte di Marilyn, un gran numero di altre celebrità hanno perso la vita in circostanze simili. Per coloro che sono a conoscenza del lato oscuro del mondo dello spettacolo, il modus operandi dell’elite occulta è diventato abbastanza chiaro.
 
Nel caso di Marilyn, la prova è abbastanza sorprendente. Dono infatti state distrutte cosi` tante prove che è difficile non credere in una cover-up. Jack Clemmons, il primo ufficiale di polizia di Los Angeles che ha indagato la scena della morte, ha dichiarato nel verbale che lui crede che sia stata uccisa. Molti altri investigatori hanno detto la stessa cosa, ma nessuna accusa di omicidio è stata mai presentata.
 
Tre persone erano presenti nella casa di Marilyn, al momento della sua morte: la sua governante Eunice Murray, il suo psichiatra Dr. Ralph Greenson, e il suo internista dottor Hyman Engelberg. L’indagine intorno alla morte di Marilyn ha rivelato che il dottor Greenson ha chiamato la polizia più di un’ora dopo da quando il dottor Engelberg l’aveva pronunciata morta. 
Il comportamento dei tre presenti alla scena è stato descritto come “irregolare”. 

Qui ci sono le parti della linea temporale ufficiale degli eventi di quella notte fatale.

  • 7-7:15 pm: Joe DiMaggio Jr., figlio del giocatore di baseball Joe DiMaggio (e quindi ex figliastro della Monroe) le telefona per dirle di aver lasciato una ragazza di San Diego. DiMaggio Jr. ha detto ,quando e` stato intervistato, che la Monroe sembrava allegra e ottimista. In servizio con i marines in California, DiMaggio è stato in grado di risalire al’ora della chiamata perché stava guardando il settimo inning di Baltimore Orioles-Los Angeles Angels giocatosi a Baltimora. Il settimo inning ha avuto luogo tra le 10 e le 10:15 Eastern Daylight Time, quindi, la Monroe ha ricevuto la chiamata intorno 07:00 ora della California.

  • 7:30-07:45: Peter Lawford (il fratellastro del presidente Kennedy) telefona alla Monroe per invitarla a cena a casa sua, un invito che aveva rifiutato in precedenza quel giorno. Secondo Lawford, il discorso della Monroe era impastato e stava diventando sempre più indecifrabile. Dopo avergli detto addio la conversazione terminò bruscamente. Lawford provo` a chiamare di nuovo, ma il segnale dava occupato. I tabulati telefonici dimostrano che questa è l’ultima telefonata sulla linea principale della Monroe di quella notte.

  • 08:00: Lawford telefona ad Eunice Murray, che sta trascorrendo la notte in una guest house della Monroe, su una linea diversa chiedendo alla cameriera di andare a controllarla. Dopo pochi secondi, Murray torno` al telefono dicendo a Lawford che lei sta bene. Non convinto, Lawford cercherà per tutta la notte di entrare in contatto con la Monroe. Lawford telefona al  suo amico e avvocato Milton A. “Mickey” Rudin, ma gli consiglia di stare lontano dalla casa della Monroe per evitare qualsiasi imbarazzo pubblico che potrebbe derivare dalla Monroe eventualmente sotto sostanze stupefacenti.

  • 10:00: La governante Eunice Murray passa davanti alla porta della camera della Monroe dicendo di aver visto una luce accesa sotto la porta, ma di non voler  disturbare la Monroe.

  • 03:00: Eunice Murray chiama lo psichiatra personale di Marilyn, il dottor Greenson, sulla seconda linea telefonica, non riesce a svegliare la Monroe. E` sicura che c’è qualcosa che non và dopo avere sbirciato nella sua camera da letto dalla finestra sbarrata.

  • 03:40: Il dottor Greenson arriva e cerca di sfondare la porta, ma non ci riesce. Guarda attraverso le finestre fuori e vede la Monroe sdraiata sul letto mentre teneva il telefono e apparentemente morta. Rompe il vetro per aprire dalla porta chiusa a chiaveChiama il dottor Hyman Engelberg. Vi è una certa speculazione circa un’ambulanza che potrebbe essere stata chiamata a casa della Monroe, ma che poi e` stata rimandata indietro.

  • 04:30: La polizia viene chiamata e arriva poco dopo. I due medici e Murray discutono e indicano il tempo della morte all’incirca verso le 12:30.  La polizia nota che la camera è estremamente ordinata e il letto sembra avere lenzuola appena lavate. Sostengono che  Murray stesse lavando le lenzuola quando sono arrivati. La polizia nota che il comodino ha diverse bottigliette con pillole, ma la stanza non contiene alcun mezzo per mandare giu’ le pillole come un bicchiere o dell’acqua. Più tardi un bicchiere viene trovato sul pavimento accanto al letto, ma la polizia sostiene che non c’era quando la stanza è stata perquisita.

  • 05:40: Il becchino Guy Hockett arriva e prende atto che lo stato di rigor mortis indica che il momento della morte risale alle 9:30-23:30 L’ora viene in seguito modificata per soddisfare le dichiarazioni dei testimoni.

  • 06:00: Murray cambia la sua storia e ora dice che è andata a letto a mezzanotte e ha chiamato solo il dottor Greenson, quando si svegliò alle 03:00 e notò la luce ancora accesa. Anche i 2 medici cambiano le loro storie e ora pretendono che la Monroe morì intorno alle 03:50. La Polizia nota che la Murray appariva abbastanza evasiva ed estremamente vaga e avrebbe cambiato la sua storia più volte. Pur essendo un testimone chiave, la Murray si reca in Europa e non viene piu` interrogata
    – Wikipedia, “La morte di Marilyn Monroe”

Per riassumere alcuni strani eventi accaduti quella notte: la polizia fu chiamata più di un’ora dopo che la Monroe fu trovata morta; la stanza è stata ripulita dalla cameriera e la biancheria è stata cambiata DOPO che è stata trovata morta; c’erano molte bottiglie di pillole nella sua stanza, ma niente acqua; un bicchiere fu poi trovato sul pavimento, ma non c’era quando la stanza fu perquisita; il tempo della morte dato dai testimoni è cambiato più volte. Infine, la prima testimone (e una possibile sospettata), Eunice Murray lascia il paese e non viene mai più interrogata.

L’autopsia della Monroe è stata anch’essa estremamente sospetta, come la conclusione delle relazioni più importanti che mostrano chiaramente che le pillole non sono state la causa della sua morte. Inoltre, sembra che vi sia un chiaro sforzo per sopprimere tutte le prove che potrebbero portare alla vera causa della morte della Monroe. 

“Il patologo, il dottor Thomas Noguchi,non riusciva a trovare traccia di capsule, polvere o della decolorazione tipica causata da Nembutal nello stomaco o nell’intestino della Monroe, il che indica che le droghe che l’avrebbero uccisa non sono state ingerite. Se la Monroe le aveva prese per un periodo di tempo (che potrebbe spiegare la mancanza di residui), sarebbe morta prima di ingerire la quantità trovata nel suo sangue. La Monroe è stata trovata distesa a faccia in giù. C’era anche la prova di cianosi, l’indicazione che la morte era stata molto rapida. Noguchi ha chiesto al tossicologo gli esami del sangue, fegato, reni, stomaco, urine e intestino, che avrebbe rivelato esattamente come le droghe fossero entrate nel sistema della Monroe. Tuttavia, il tossicologo, dopo aver esaminato il sangue, non ha ritenuto necessario controllare gli altri organi, per cui molti degli organi sono stati distrutti senza essere esaminati. Noguchi ha poi chiesto i campioni, ma le fotografie mediche, le diapositive di quegli organi che sono stati esaminati e il modulo di esame che mostravano i  lividi sul corpo erano scomparsi, rendendo impossibile indagare la causa della morte.
Il rapporto tossicologico mostra alti livelli di Nembutal (38-66 capsule) e cloralio idrato (14-23 compresse) nel sangue della Monroe. Il livello trovato era sufficiente per uccidere più di 10 persone. Un esame del corpo esclude iniezioni endovenose come fonte dei farmaci. Il Coroner Dr. Theodore Curphey ha supervisionato la autopsia. A parte la causa della morte, come indicato sul certificato di morte, i risultati non sono mai stati resi pubblici e non è stata fatta alcuna registrazione”
– Ibid.

Nel 1985, il giornalista inglese Anthony Summers indago sulle circostanze della morte della Monroe. È riuscito ad ottenere un colloquio con la cameriera Eunice Murray per un servizio della BBC. Ha inavvertitamente ammesso alcuni fatti schiaccianti.

“Per il programma della  BBC Eunice Murray ha inizialmente ripetuto la stessa storia che aveva raccontato a Robert Slatzer nel 1973 e alla polizia nel 1962. Quando la troupe inizio` fare i bagagli per andarsene disse: “Perché, alla mia età, devo comunque coprire questa cosa?” A sua insaputa, il microfono era ancora acceso. La Murray ha continuato ad ammettere che la Monroe aveva conosciuto i Kennedy. Ed aggiunse‘, “Quando il medico è arrivato, lei non era morta.” La Murray è morta nel 1994 senza rivelare ulteriori dettagli. “
– Ibid

Nonostante tutti questi fatti, la verità sulla morte di Marilyn non è ancora stata scoperta. Come nel caso di molte altre morti celebrità, c’è un’aura di mistero che circonda e un sacco di domande senza risposta. In altre parole, si adatta al profilo di un tipico assassinio occulto dell’élite che ha il potere di impedire alle forze dell’ordine di rivelare la verità.

Alcuni ricercatori hanno tentato di individuare chi ha istigato l’omicidio. Alcuni citano i Kennedy, la CIA, i suoi psicologi o altri individui. Forse è più saggio fare un passo indietro e guardare al quadro più ampio: la maggior parte delle persone intorno alla Monroe faceva parte dello stesso sistema. Non era una singola persona che ha deciso di ucciderla, era una schiava MK che doveva essere scaricata dal “treno del successo”. Come molti altri dopo di lei, era una celebrità che veniva sfruttata quando era utile ed eliminata quando la sua programmazione falliva.

“Il significato più profondo qui è che tutti gli schiavi Monarch sono sacrificabili se superano la linea, e molte di queste vittime sono state” scartate “in questo modo dopo che raggiungono una certa età e non sono più desiderabili come prostitute / schiave, o se in qualche modo si liberano dalla programmazione e sono considerati un “rischio”. “

– Op. Cit. Gorightly

SIMBOLI DELLA PROGRAMMAZIONE MONARCH AL GIORNO D’OGGI

Oggi, più che mai, molte giovani starlette allevate nel settore dello spettacolo seguono le orme di Marilyn – come se fosse stato tutto pianificato per loro. Manipolate dai gestori, sono portate a fama e fortuna, tuttavia vengono sottoposte a traumi abusi controllo mentale e sfruttamento.
 In tutti i casi, queste celebrità vengono programmate er incarnare Marilyn Monroe e il suo archetipo in una fase della loro carriera, come se fosse un requisito per i burattinai MK. 

Molte icone , foto e video ci riportano a quella stessa scenografia. Troppi per essere una coincidenza. In alcuni casi, la somiglianza è non solo estetica. Ecco alcuni esempi.

BRITNEY SPEARS 

Uno dei casi più ovvi di controllo mentale nell’industria dell’intrattenimento di oggi è Britney Spears. Dalla sua infanzia come Mouseketeer alla sua età adulta vivendo sotto la tutela del padre e del fidanzato (ovvero i suoi gestori), Britney è sempre stata attentamente monitorata da personaggi potenti. Come tanti altri schiavi, ha abusato  di sostanze e viene spesso descritta come uno “zombi drogato” da quelli più vicini a lei

Britney “canalizza” Marilyn Monroe, con un look biondo platino. Le sue mani sono legate che possono rappresentare il suo stato nell’industria dell’intrattenimento

In questa performance, Britney ricrea l’iconica scena della Monroe e dell’abito che si alza.

Britney è “ossessionata” dalla Monroe. Secondo Wonderwall, Britney richiede che una collezione di DVD di Marilyn Monroe sia disponibile in tutte le sue stanze d’albergo. Inoltre visita regolarmente la tomba di Marilyn e vuole essere sepolta nello stesso cimitero. Gli schiavi Beta sono programmati per adulare Marilyn?

ANNA NICOLE SMITH

La vita di Anna-Nicole Smith era molto simile a quella della Monroe, fino alla tragica fine. Famosa per le sue curve e il suo personaggio che stereotipava la figura della “bionda stupida” resa popolare da Monroe, la sua vita sotto i riflettori era quella tipica di uno schiavo Beta. Negli ultimi anni della sua vita, era in una relazione con il suo avvocato Howard K. Stern – che ha svolto piu` il ruolo di handler MK che quello di marito.

Anche Anna-Nicole ha dovuto vivere eventi incredibilmente traumatici. Ad esempio, nel 2006, proprio dopo aver dato alla luce sua figlia, suo figlio di 20 anni è venuto a farle visita … e misteriosamente è morto proprio nella sua stanza d’ospedale. La causa della sua morte non è mai stata chiara ma, come al solito, il motivo dato dai mass media è la “droga”.Si e` trattato di un sacrificio dell’élite occulta per traumatizzare Anna-Nicole Smith, la schiava Beta? Una cosa è certa, l’evento ha completamente cambiato la sua vita. (Si noti che Monroe ha perso due bambini non ancora nati).

Meno di tre settimane dopo la morte di suo figlio, Anna-Nicole “sposo" il suo gestore Howard. K. Stern in una cerimonia non ufficiale. Cinque mesi dopo, la Smith fu trovata morta in una stanza d'albergo in Florida. Ha perso la vita a 39 anni a causa di una "combinazione di droghe". In breve, la somiglianza della Smith con la Monroe non era solo fisica, e stata programmata per rivivere la vita di Monroe.

Anna-Nicole Smith in una ricreazione del film della Monroe “Gli uomini preferiscono le bionde”.

Le fanno apparire come MM

ALTRE CELEBRITA` SOTTO PROGRAMMAZIONE BETA

Ecco altre personalità con alterego Beta associati a Marilyn Monroe:

Lindsay Lohan ha ricreato The Last Sitting servizio fotografico CON LO STESSO FOTOGRAFO Bert Stern.

Come la Monroe, la Lohan è una sex symbol I cui viaggi in centri di riabilitazione (aka centri di riprogrammazione) e il comportamento erratico frequente ricordano la situazione della Monroe. STESSA FOTO

Megan Fox posa con un libro su Marilyn Monroe mentre mostra il suo tatuaggio Monroe.

Da allora la  Fox ha comunque rimosso quel tatuaggio. Ha dichiarato in un’intervista: “La sto rimuovendo. È un personaggio negativo, poiché soffriva di disturbi della personalità ed era bipolare. Non voglio attirare questo tipo di energia negativa nella mia vita. “Ha appreso la verità su Monroe e ciò che rappresenta nell’industria dello spettacolo MK Ultra?

Katy Perry è sicuramente utilizzata per spingere l’agenda – tra simbolismo della Programmazione Beta. Qui lei è in posa come la Monroe con un motivo a scacchiera massonico in background

Come affermato in precedenti articoli, Courtney Stodden ha tutti i sintomi di una schiava Beta. Ha sposato il suo “gestore” quando lei aveva 16 anni e lui ne aveva 51. I suoi video online sono tutti in stile Beta Kitten in cui e` possibile notare le sue personalita` multiple.

Nicki Minaj spesso imita l’aspetto di Marilyn Monroe

Nel suo video “National Anthem”, Lana del Rey ricrea “Happy Birthday Mr. President” della Monroe. L’immaginario in molti dei suoi video alludono alla programmazione Beta.

Lana Del Rey in piedi di fronte a una immagine di Marilyn Monroe

Mentre è normale che le celebrità siano ispirate da una stella iconica come Marilyn Monroe, la sua immagine viene sistematicamente usata sulle stelle che spingono l’Agenda degli Illuminati. Come altri simboli descritti in questo sito, il simbolo della Monroe viene utilizzato per rappresentare la presenza della programmazione Beta nella cultura popolare.

CONCLUDENDO

In questa serie di articoli in due parti, abbiamo esaminato la giovinezza, la carriera, la morte e l’eredità di Marilyn Monroe. In tutte queste fasi, la vita della Monroe è stata caraterrizzata da traumi, abusi e controllo mentale. Come vittima della programmazione Beta, quando non stava lavorando a un progetto, veniva letteralmente utilizzata per i suoi “servizi intimi”. Verso la fine della sua vita, Marilyn era la modella presidenziale di JFK, una situazione che avrebbe potuto essere esplosiva se rivelata al pubblico. Entrambi moriranno poco dopo in circostanze che rimangono estremamente ombrose e sospettose.

Anche dopo la morte della Monroe, la sua immagine continua ad essere usata alla nausea per identificare coloro che seguono le sue orme dallo stesso sistema che ha controllato tutta la sua vita. Perché le figure più iconiche della nostra cultura pop finiscono spesso per vivere vite tragiche? È perché c’è qualcosa di terribilmente sbagliato nell’industria dell’intrattenimento? Lascerò che Marilyn Monroe riassuma la situazione.

“Hollywood è un posto dove ti pagano 50.000 dollari per un bacio e 50 centesimi per la tua anima”

– Marilyn Monroe

Fonte