Archivi Blog

Il sistema di credito sociale cinese sta gia` impedendo a milioni di persone di viaggiare in aereo e prendere il treno

Il rapporto annuale mostra le aziende e le persone aggiunte alla lista nera di affidabilità mentre l’implementazione del sistema viene velocizzata giorno dopo giorno.

Il sistema mira a fare pressioni sui cittadini per evitare comportamenti scorretti, sebbene i difensori dei diritti umani sostengano di non tenere conto delle circostanze individuali

Milioni di individui e aziende cinesi sono stati etichettati come inaffidabili su una lista nera ufficiale che vieta loro quasi ogni tipo di attivita` compreso l’accesso ai mercati finanziari o i viaggi in aereo o in treno.

La lista nera annuale fa parte di un più ampio sforzo per aumentare la “fiducia” nella società cinese ed è un’estensione del sistema di credito sociale cinese, che dovrebbe fornire a ciascuno dei suoi 1,4 miliardi di cittadini un punteggio personale.
Il sistema di credito sociale assegna punteggi sia positivi sia negativi per un comportamento individuale o aziendale nel tentativo di esercitare pressione sui cittadini. I difensori dei diritti umani, tuttavia, temono che l’arbitrario sistema non tenga conto delle circostanze individuali.
Oltre 3,59 milioni di imprese cinesi sono state aggiunte alla lista nera di affidabilità creditizia lo scorso anno, proibendo loro una serie di attività, tra cui offerte su progetti, accesso ai mercati della sicurezza, partecipazione ad aste terrestri ed emissione di obbligazioni societarie, secondo il rapporto annuale 2018 pubblicato dal centro nazionale di informazione sul credito pubblico. Secondo il rapporto, le autorità hanno raccolto oltre 14,21 milioni di informazioni sulla “condotta inaffidabile” di individui e imprese, incluse accuse di truffatori, mancato rimborso di prestiti, raccolta di fondi illegali, pubblicità falsa e fuorviante, nonché comportamenti non civilizzati come prendere posti riservati sui treni o causare problemi negli ospedali. Circa 17,46 milioni di persone “screditate” non potrannoa comprare biglietti aerei e 5,47 milioni sono stati limitati dall’acquisto di biglietti del treno ad alta velocità, afferma il rapporto.

Oltre alle restrizioni sull’acquisto dei biglietti, le autorità locali hanno anche utilizzato nuovi metodi per esercitare pressioni su soggetti inaffidabili, tra cui impedire alle persone di acquistare assicurazioni premium, prodotti di gestione patrimoniale o immobili, oltre a svergognarli esponendo le proprie informazioni in pubblico.
Un totale di 3,51 milioni di individui e entità inaffidabili hanno rimborsato i loro debiti o pagato le tasse e le multe l’anno scorso a causa di pressioni dal sistema di credito sociale, dice il rapporto.
Il rapporto ha evidenziato problemi di inaffidabilita` con le piattaforme di prestito peer-to-peer (P2P) e recenti scandali di alto profilo in ambito medico che hanno causato rabbia pubblica.

Un totale di 1.282 operatori P2P, più della metà situati a Zhejiang, Guangdong e Shanghai, sono stati inseriti nella lista nera del credito in quanto non potevano rimborsare investitori o sono stati coinvolti in raccolte fondi illegali.
Il produttore di sanitari Quanjian Group e il produttore di vaccini Changsheng Bio-Technology sono stati aggiunti alla lista nera del credito sociale a causa del loro coinvolgimento in importanti scandali del settore sanitario.

Quanjian è stato accusato di aver fatto falsa pubblicita` sui benefici di un prodotto che un paziente di cancro di quattro anni ha bevuto, mentre Changsheng, il principale produttore cinese di vaccini antirabbici, è stato multato $ 1,3 miliardi in ottobre dopo aver scoperto ad aver fabbricato i libri contabili.
Gli avvocati temono che l’uso accelerato del sistema di affidabilità creditizia possa violare il diritto alla privacy degli individui.
“Molte persone non possono pagare i loro debiti perché sono troppo poveri, ma saranno soggetti a questo tipo di sorveglianza e questo tipo di vergogna pubblica”, ha detto un avvocato. “Violi i diritti degli esseri umani”.

Fonte

Il candidato democratico per le elezioni americane del 2020 che vuole un sistema di credito sociale finanziato dallo Stato e simile a quello cinese

L’imprenditore newyorkese e il candidato democratico 2020 Andrew Yang vuole implementare un sistema in cui un’applicazione mobile gestita dal governo ricompensa gli americani con “crediti sociali digitali” (DSC) quando si comportano bene.

Gli americani riceverebbero DSC sotto il sistema di Yang per cose come “partecipare a una fiera cittadina”, “riparare l’apparecchio di un vicino” o “tutorare uno studente”, spiega il sito web della campagna presidenziale.

“Man mano che le persone accumulano DSC, avranno sia un saldo permanente che hanno guadagnato nel corso della loro vita sia un saldo attuale. Potrebbero incassare punti per esperienze, acquisti con i venditori partecipanti, supporto per cause e trasferire punti ad altri per occasioni speciali “, afferma Yang sul suo sito web. “Man mano che il loro saldo permanente aumenta, potrebbero qualificarsi per vari benefici come partecipare ad una gara locale, fare da pubblico con il loro rappresentante locale o incontrare l’atleta o la celebrità più civica del loro stato”.

“Il più socialmente distaccato ignorera` tutto questo”, ha aggiunto. “Ma molte persone amano le ricompense e sentirsi apprezzati.”

Il piano di credito sociale di Yang presenta alcune analogie con il sistema di credito sociale implementato dal governo autoritario cinese.

Ad ogni cittadino in Cina viene assegnato un punteggio di credito sociale che determina se è possibile acquistare biglietti aerei o ferroviari.

A differenza del sistema cinese, il piano di Yang non include l’utilizzo del credito sociale digitale per le misure punitive.

Il presidente della campagna Matt Shinners ha sottolineato in una e-mail alla The Daily Caller News Foundation che il sistema di Yang manca dell’elemento coercitivo presente nel sistema di credito sociale cinese:

La mia comprensione del sistema cinese (che è certamente limitato) è che si tratta più di un rating imposto esternamente sulla base di una serie di fattori non opt-in, quasi come un rating del credito, e raccoglie informazioni dalla sorveglianza pubblica, economiche e le attività sui social media, ecc. per creare un “punteggio” che, eventualmente, potrebbe essere usato per “mandare sul lastrico” le persone. Secondo la mia comprensione, il sistema cinese è più un punteggio che un sistema di crediti.

La piattaforma di Andrew richiede un sistema molto più simile al time banking o ai punti che le persone guadagnano con le loro carte di credito. Non esiste un monitoraggio generale delle singole attività e non ci sono controlli dei siti di social media per vedere cosa fanno le persone. Invece, attività come il volontariato o l’aiuto ai tuoi vicini possono farti guadagnare crediti che possono essere scambiati con altri per ricevere un aiuto simile. Per esempio, trascorrere 4 ore / settimana ad allenare una squadra di hockey nella mia comunità, e uso i crediti che guadagno per avere un elettricista locale (che potrebbe avere un bambino nella squadra) per aiutarmi ad installare un apriporta per garage. Ci sarebbe anche il sostegno del governo federale per la conversione in valuta (che sarebbe tassata), o scambiata per attività “divertenti” .

Fonte

Venezuela: Le nuove carte di identita`, prodotte in Cina, potranno rintracciare, premiare o punire i cittadini

Con questa carta, faremo tutto da ora in poi. “Miraflores Palace / Handout via Reuters

Il Venezuela sta rilanciando un nuovo tipo di carta di identita` sotto forma di smart card  noto come “carnet de la patria” o “carta della patria”, prodotto dal colosso cinese delle telecomunicazioni ZTE Corp.
L’ID trasmette dati sui titolari delle carte ai server dei computer governativi, ed è sempre più utilizzato nei sussidi alimentari, nella sanita` e in altri programmi sociali nei quali la maggior parte dei venezuelani conta per sopravvivere.

La “smart card della patria”, sostengono i critici, illustra come la Cina, attraverso società legate allo stato, come ZTE, esporti il ​​know-how tecnologico che può aiutare i governi che condividono la stessa idea politica a seguire, premiare e punire i cittadini.

Nell’aprile 2008, l’ex presidente venezuelano Hugo Chavez ha inviato funzionari del ministero della giustizia a visitare le controparti del polo tecnologico cinese di Shenzhen.

La loro missione, secondo un membro della delegazione del Venezuela, era quella di apprendere il funzionamento del programma nazionale di carte d’identità della Cina.

Chavez, ormai da un decennio nella sua sedicente rivoluzione socialista, voleva aiuto per fornire credenziali di identificazione ai milioni di venezuelani che ancora mancavano di documentazione di base necessaria per compiti come il voto o l’apertura di un conto bancario.

Una volta a Shenzhen, però, i venezuelani realizzarono che un documento poteva fare ben più che identificare il destinatario.

Lì, nella sede del gigante cinese delle telecomunicazioni ZTE Corp, hanno appreso come la Cina, usando le smart card, stesse sviluppando un sistema che aiutasse Pechino a tenere traccia dei comportamenti sociali, politici ed economici.

Usando vasti database per memorizzare le informazioni raccolte con l’uso della carta, un governo potrebbe monitorare tutto, dalle finanze personali di un cittadino alla storia medica e alle attività di voto.

“Ciò che abbiamo visto in Cina ha cambiato tutto”, ha detto il membro della delegazione venezuelana, consulente tecnico Anthony Daquin. Il suo iniziale stupore, ha detto, si è gradualmente trasformato in paura che un simile sistema potesse portare a violazioni della privacy da parte del governo venezuelano. “Stavano cercando di avere il controllo del pubblico”.

L’anno seguente, quando sollevo` preoccupazioni con i funzionari venezuelani, Daquin ha detto a Reuters, che è stato detenuto, picchiato e estorto da agenti dell’intelligence. Gli hanno spaccato diversi denti con una pistola e lo hanno accusato di un comportamento cospiratorio, ha detto Daquin, spingendolo a fuggire dal paese.

I portavoce del governo non hanno commentato il resoconto di Daquin.

Il progetto languì.

“La Cina sta esportando il suo autoritarismo”, ha detto a Reuters il senatore statunitense Marco Rubio in una e-mail.

Tuttavia a 10 anni dal viaggio di Shenzhen, il Venezuela sta introducendo una nuova carta di identita`/smart card nota come “carnet de la patria” o “carta della patria”.

E ZTE, il cui ruolo nel progetto è qui descritto per la prima volta, è al centro del programma.

Nell’ambito di uno sforzo governativo da 70 milioni di dollari per rafforzare la “sicurezza nazionale”, lo scorso anno il Venezuela ha assunto ZTE per costruire un database della madrepatria e creare un sistema di pagamento mobile da utilizzare con la carta, secondo i contratti analizzati da Reuters.

Un gruppo di dipendenti ZTE è ora incorporato in un’unità speciale all’interno di Cantv, la compagnia venezuelana di telecomunicazioni di stato che gestisce il database, secondo quattro dipendenti attuali e precedenti di Cantv.

La carta della patria sta mettendo in difficoltà alcuni cittadini e gruppi per i diritti umani che credono che sia uno strumento utile al successore di Chavez, il presidente Nicolas Maduro, per monitorare la popolazione e destinare le scarse risorse ai suoi fedelissimi.

“È un ricatto”, ha detto Hector Navarro, uno dei fondatori del partito socialista al potere e un ex ministro sotto Chavez, riguardo al programma della patria. “I venezuelani con i documenti di identita` ora hanno più diritti di quelli senza”.

In un’intervista telefonica, Su Qingfeng, il capo dell’unità venezuelana di ZTE, ha confermato che ZTE ha venduto i server a Caracas per il database e sta sviluppando l’applicazione di pagamento mobile. La società, ha affermato, che non ha violato le leggi cinesi o locali e non ha alcun ruolo nel modo in cui il Venezuela raccoglie o utilizza i dati dei titolari di carta.

“Non appoggiamo il governo”, ha detto. “Stiamo solo sviluppando il nostro mercato.”

Il database, a quanto dicono i dipendenti del sistema e a quanto mostrano schermate di dati utente rivisti da Reuters, memorizza dettagli quali compleanni, informazioni familiari, impiego e reddito, proprietà, anamnesi medica, benefici statali ricevuti, presenza sui social media, iscrizione a un partito politico e se una persona ha votato.

Finora, la divulgazione da parte del governo del coinvolgimento di ZTE nel progetto patria è stata limitata a un riferimento transitorio in un comunicato stampa del febbraio 2017 che ha accreditato alla società l’aiuto a “fortificare” la loro sicurezza.

Il governo venezuelano non ha risposto alle richieste di commento per questo articolo. Nadia Perez, portavoce di Cantv, la compagnia di telecomunicazioni statale, ha rifiutato di commentare e Manuel Fernandez, il presidente della compagnia, non ha risposto alle e-mail o ai messaggi di testo di Reuters.

Il Ministero della giustizia cinese e la sua ambasciata a Caracas non hanno risposto alle richieste di commento.

Sebbene ZTE sia quotata in borsa, una società statale cinese è il suo maggiore azionista e il governo è un cliente chiave.

Quest’anno la società ha pagato $ 1 miliardo per mettersi alla pari con il Dipartimento del commercio degli Stati Uniti, una delle varie sanzioni dopo che ZTE ha mandato apparecchiature di telecomunicazione all’Iran e alla Corea del Nord, violando le sanzioni statunitensi e le leggi sull’esportazione. .

Esperti legali negli Stati Uniti hanno detto che non è chiaro se ZTE e altre società che forniscono il sistema stanno violando le sanzioni statunitensi sui leader venezuelani fornendo strumenti che i critici ritengono rafforzino la presa del governo sul potere.

Fernandez, il presidente di Cantv, è uno degli obiettivi di tali sanzioni a causa della censura di Internet delle compagnie telefoniche in Venezuela, secondo una dichiarazione del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Ma i divieti finora sono intesi principalmente a contrastare gli affari con Maduro e altri alti funzionari, non con il commercio regolare in Venezuela.

Per capire come funziona la carta della madrepatria, Reuters ha esaminato i contratti riservati e i documenti governativi interni relativi al suo sviluppo. I reporter hanno anche intervistato dozzine di dipendenti attuali ed ex di ZTE, il governo venezuelano e Cantv, o la Compania Anonima Nacional Telefonos de Venezuela.

Hanno confermato i dettagli del progetto e i contorni del racconto di Daquin sulle sue origini.

Maduro l’anno scorso ha invitato i cittadini a iscriversi per ottenere la nuova carta di identita`, definendola essenziale per “costruire il nuovo Venezuela”. Ben 18 milioni di persone, oltre la metà della popolazione, lo hanno già fatto, secondo i dati del governo.

“Con questa carta, faremo tutto da ora in poi”, ha detto Maduro alla televisione di stato lo scorso dicembre.

Per incoraggiare la sua adozione, il governo ha concesso premi in denaro ai titolari delle carte per svolgere doveri civici.

Ha anche assegnato alle mamme iscritte un bonus per la festa della mamma di circa $ 2 (una tantum). Il pagamento, lo scorso maggio, era quasi un salario minimo mensile – abbastanza per comprare un cartone di uova, dato il ritmo attuale dell’inflazione.

Maduro sta anche prendendo provvedimenti per forzare l’adozione della carta. Il governo ora dice che i venezuelani ne hanno bisogno per ricevere benefici pubblici tra cui medicine, pensioni, cesti alimentari e carburante sovvenzionato.

Ad agosto, i pensionati hanno protestato fuori dagli uffici della sicurezza sociale e si sono lamentati che la regola limita l’accesso alle pensioni indebite.

Benito Urrea, un diabetico di 76 anni, ha detto a Reuters che un medico di stato gli ha recentemente negato una prescrizione di insulina e lo ha definito “di destra” perché non si è iscritto.

Come alcuni altri cittadini venezuelani, specialmente quelli che si oppongono all’amministrazione di Maduro, Urrea vede la carta con sospetto.

“È stato un tentativo di controllarmi attraverso i miei bisogni”, ha detto Urrea nel suo appartamento a Caracas. Reuters non è stato in grado di contattare il medico.

Utilizzando i server acquistati da ZTE, il governo sta creando un database che alcuni cittadini temono identifichi i venezuelani che sostengono il governo e quelli che non lo fanno.

Alcune informazioni, come i dati sulla salute, vengono raccolte con l’utilizzo della carta. Alcuni si ottengono quando i cittadini si iscrivono. I titolari di carta e gruppi locali per i diritti umani hanno detto a Reuters che gli amministratori fanno domande su reddito, attività politiche e profili dei social media prima di emettere la carta.

I dipendenti pubblici stanno affrontando una pressione particolare per iscriversi, secondo più di una dozzina di lavoratori statali.

Durante la scansione delle loro carte durante le elezioni presidenziali dello scorso maggio, i dipendenti di diversi uffici governativi sono stati informati dai boss di inviare foto di loro stessi ai dirigenti, hanno detto. Un documento del Ministero della giustizia esaminato da Reuters riportava un elenco di impiegati statali che non hanno votato.

Dopo che Chavez divenne presidente nel 1999, cercò di conferire potere ai venezuelani “invisibili” che non potevano accedere ai servizi di base. Negli anni successivi, più cittadini hanno ricevuto la documentazione, ma le carte erano fragili e facilmente falsificabili, secondo un rapporto del ministero della Giustizia del 2007.

Il rapporto, recensito da Reuters, raccomandava una nuova scheda abilitata per microchip che sarebbe stata più difficile da contraffare. Nessuno di questi sforzi si tramuto` in qualcosa di reale

Quel dicembre, dopo quasi un decennio di popolarità in ascesa, Chavez subì la sua prima sconfitta elettorale, perdendo un referendum per abolire i limiti di scadenza. I prezzi del petrolio crollarono poco dopo, martellando l’economia.

Chavez ha lavorato per placare la sua base della classe operaia, comprese le folle che ancora mancano di credenziali di identità. Ha inviato Daquin, il principale consulente per la sicurezza delle informazioni presso il Ministero della Giustizia, in Cina.

La tecnologia che Daquin e colleghi hanno trovato a Shenzhen fu quella che sarebbe diventata il “sistema di credito sociale” della Cina.

Il sistema ancora in evoluzione, che utilizza in parte le “smart citizen card” sviluppate da ZTE, classifica i cittadini sulla base di comportamenti che includono la solvibilità finanziaria e l’attività politica.

Un buon comportamento può far guadagnare sconti ai cittadini su servizi pubblici o prestiti. Comportamenti negativi possono far bandire il cittadino dal trasporto pubblico o i bloccare l’ammissione dei loro bambini dalle migliori scuole.

I dirigenti di ZTE hanno mostrato le smart card venezuelane incorporate con l’identificazione a radiofrequenza, o RFID, una tecnologia che consente attraverso le onde radio di tracciare la posizione e i dati.

Altre carte utilizzavano i cosiddetti codici Quick Response, o QR, i codici a barre della matrice ora comunemente usati per memorizzare ed elaborare le informazioni.

Dopo il viaggio, il Venezuela si è rivolto a Cuba, il suo alleato più stretto, e ha chiesto aiuto per creare una propria versione di carte RFID. “Il nuovo obiettivo erano i Big Data”, ha detto Daquin.

Nel giugno 2008, il Venezuela ha accettato di pagare una società statale cubana $ 172 milioni per sviluppare sei milioni di carte, secondo una copia del contratto. I funzionari del governo cubano non hanno risposto alle domande sull’accordo.

Nel 2009, Daquin si senti` a disagio riguardo al potenziale abuso della privacy dei cittadini.

Ha espresso queste preoccupazioni a funzionari come Vladimir Padrino, un generale all’epoca e ora ministro della difesa venezuelano. Il ministero della Difesa non ha risposto alle telefonate, alle e-mail o ad una lettera presentata da Reuters per un commento.

La mattina del 12 novembre, nella sua panetteria locale di Caracas, sei agenti armati in uniforme dell’intelligence nazionale venezuelana attendevano Daquin.

Gli mostrarono le foto di sua figlia e lo costrinsero a guidare verso est, verso la città di Guatire. In una strada secondaria, ha detto Daquin, lo hanno picchiato e gli hanno spaccato i denti.

“Perché stai tradendo la rivoluzione?” uno ha chiesto.

Hanno chiesto $ 100.000 per la sua liberazione, ha detto Daquin.

Daquin, che dice di aver risparmiato per anni per comprare proprietà, è andato a casa, ha prelevato contanti da una cassaforte e consegnato agli uomini. Quella sera, ha prenotato un volo per se stesso, sua moglie ei loro tre figli negli Stati Uniti, dove ha vissuto da allora, lavorando come consulente per la sicurezza delle informazioni.

Suo fratello, Guy, che vive negli Stati Uniti, ha confermato il resoconto di Daquin. La documentazione esaminata da Reuters conferma il suo ruolo al ministero e le persone che conoscono il lavoro di Daquin hanno confermato il suo coinvolgimento nel progetto delle carte.

Dopo che Daquin fuggì, il contratto cubano non andò da nessuna parte, secondo un altro ex consigliere.

Nel marzo 2013, Chavez è morto. Maduro, suo erede come candidato del Partito Socialista, fu eletto presidente il mese successivo. Il crollo del petrolio persistente ha trascinato il Venezuela in recessione.

Con l’aumento della fame, il governo nel 2016 ha lanciato un programma per distribuire pacchetti alimentari sovvenzionati. Ha assunto Soltein SA de CV, una società con sede in Messico, per progettare una piattaforma online per rintracciarli, secondo i documenti esaminati da Reuters. La piattaforma era l’inizio del database ora utilizzato per il sistema della patria.

I direttori di Soltein, secondo i profili di LinkedIn, sono per lo più ex dipendenti dello stato cubano. Una persona che ha risposto a un telefono elencato per Soltein ha negato che l’azienda lavorasse nel sistema patria.

Una donna presso la sede legale della società nella città di Cancun ha detto a Reuters di non aver mai sentito parlare di Soltein.

Il sistema ha funzionato. Quasi il 90% dei residenti del paese ora riceve i pacchetti di cibo, secondo uno studio pubblicato a febbraio dall’università cattolica di Andres Bello e da altre due università.

Ora più soddisfatto della sua capacità di tracciare le dispense, il governo ha cercato di saperne di più sui destinatari, secondo le persone coinvolte nel progetto. Quindi è tornato a ZTE.

L’azienda cinese, ora in Venezuela da circa un decennio, ha oltre 100 dipendenti che lavorano su due piani di un grattacielo di Caracas. In primo luogo ha collaborato con Cantv, la compagnia di telecomunicazioni, per abilitare la programmazione televisiva online.

Come molte imprese statali in Venezuela, Cantv è diventato affamato di investimenti. ZTE è diventato un partner chiave, assumendo molti progetti che una volta sarebbero caduti nella stessa Cantv, hanno detto persone che hanno familiarità con entrambe le società.

ZTE sta aiutando il governo a costruire sei centri di risposta alle emergenze che monitorano le principali città del Venezuela, secondo un comunicato stampa del 2015.

Nel 2016, ZTE ha iniziato a centralizzare la videosorveglianza per il governo in tutto il paese, secondo gli attuali ed ex dipendenti.

Nella sua spinta finale per le carte della patria, il governo non ha più considerato l’RFID. La tecnologia di localizzazione era troppo costosa.

Invece, ha chiesto aiuto a ZTE con i codici QR, gli utenti di smartphone possono eseguire la scansione per ottenere informazioni sui siti Web. ZTE ha sviluppato i codici, con un costo inferiore a $ 3 per account, e il governo ha stampato le carte, collegandole al database di Soltein, hanno detto queste persone.

In una telefonata con Reuters a settembre, Su, a capo del business di ZTE in Venezuela, ha confermato l’accordo con Cantv per la carta dell’azienda. Ha rifiutato di rispondere ad altre domande.

Maduro ha introdotto le carte nel dicembre 2016. Ha ringraziato la Cina per aver prestato un supporto non specificato e ha detto “tutti devono averne una”.

Il sistema ancora in esecuzione sulla piattaforma Soltein, non era ancora migrato sui server ZTE. Avvenne un disastro. Nel maggio 2017, gli hacker hanno fatto irruzione nel database della madrepatria.

L’hack è stato realizzato da anonimi attivisti anti-Maduro noti come TeamHDP. Il leader del gruppo,  @YoSoyJustincito, ha detto che l’hack è stato “estremamente semplice” e motivato dalla missione di TeamHDP di esporre i segreti di Maduro.

L’hacker, che ha parlato a Reuters con un sms, ha rifiutato di essere identificato e ha dichiarato di non essere più in Venezuela. Un gestore di Cantv che in seguito ha aiutato a migrare il database ai server ZTE ha confermato i dettagli della violazione.

Durante l’hack, TeamHDP ha fatto degli screenshot dei dati dell’utente e ha cancellato gli account dei funzionari governativi, incluso Maduro. Il presidente in seguito è apparso in televisione scansionando la sua carta e ricevendo un messaggio di errore: “Questa persona non esiste”.

Schermate delle informazioni incorporate in vari conti di carte, condivise da TeamHDP con Reuters, inclusi numeri di telefono, e-mail, indirizzi di casa, partecipazione a eventi del Partito Socialista e anche se una persona possedeva un animale domestico. Le persone che hanno familiarità con il database dicono che gli screenshot appaiono autentici.

Poco dopo l’hack, Maduro firmò un contratto da 70 milioni di dollari con Cantv e una banca statale per progetti di “sicurezza nazionale”. Questi includevano lo sviluppo di un “database centralizzato della patria” e un’app mobile per elaborare i pagamenti, come il costo scontato di una scatola di cibo sovvenzionata, associata alla carta.

“Le fazioni imperialiste e non patriottiche hanno provato a danneggiare la sicurezza della nazione”, si legge nel contratto.

Dice che una parte non divulgata del finanziamento verrebbe dal Venezuela Joint Fund, un programma di finanziamento bilaterale. Un contratto correlato, anch’esso rivisto da Reuters, assegna a ZTE i progetti di database e di app di pagamento. Il documento non rivela quanto dei $ 70 milioni sarebbero andati alla compagnia cinese.

ZTE ha rifiutato di commentare i dettagli finanziari della sua attività in Venezuela. Né il governo venezuelano né il governo cinese hanno risposto alle domande di Reuters sui contratti.

A luglio 2017 Soltein ha trasferito la proprietà dei dati del sistema a Cantv, mostrano i documenti del progetto. Un team di una dozzina di sviluppatori ZTE ha iniziato a rafforzare la capacità e la sicurezza del database, hanno detto gli attuali ed ex dipendenti di Cantv.

Tra le altre misure, ZTE ha installato unità di archiviazione dati realizzate da Dell Technologies Inc, con sede negli Stati Uniti, secondo un documento ZTE. La portavoce di Dell, Lauren Lee, ha detto che ZTE è un cliente in Cina, ma Dell non vende apparecchiature a ZTE in Venezuela. Ha detto che Dell ha rivisto le sue transazioni in Venezuela e non era a conoscenza di alcuna vendita a Cantv.

“Dell è impegnata a rispettare tutte le leggi applicabili in cui operiamo”, ha affermato Lee in una e-mail. “Ci aspettiamo che i nostri clienti, partner e fornitori seguano le stesse leggi”.

A maggio, il Venezuela ha tenuto elezioni ampiamente screditate dai governi stranieri dopo che Maduro ha bandito diversi partiti di opposizione.

Prima del voto, i funzionari del partito al governo hanno esortato gli elettori ad essere “riconoscenti” per la generosità del governo erogata tramite le carte della patria. Hanno allestito un chiosco “punto rosso” vicino alle cabine elettorali, dove gli elettori potevano scansionare le loro carte e registrarsi, ha promesso lo stesso Maduro, per un “premio della patria”.

Coloro che hanno scannerizzato le loro carte in seguito hanno ricevuto un messaggio di testo ringraziandoli per aver supportato Maduro, secondo diversi titolari di carte e un messaggio di testo rivisto da Reuters. I premi per il voto, tuttavia, non sono mai stati emessi, i titolari delle carte e le persone che hanno familiarità con il sistema hanno detto.

Gli attuali ed ex dipendenti di Cantv dicono che il database registra se, ma non come, una persona ha votato. Tuttavia, alcuni elettori sono stati indotti a credere che il governo lo avrebbe saputo. La convinzione sta avendo un effetto agghiacciante.

Un organizzatore di un comitato per la distribuzione di viveri nella città centro-occidentale di Barinas ha detto che i dirigenti governativi hanno istruito lei e colleghi a dire ai destinatari che i loro voti potrebbero essere rintracciati. “Scopriremo se hai votato a favore o contro”, ha detto lei.

I lavoratori statali dicono di essere un bersaglio.

Una presentazione interna di Cantv dello scorso anno ha affermato che il sistema può fornire informazioni dal database ai ministeri per “generare statistiche e prendere decisioni”. Dopo il voto, gli uffici governativi tra cui Banco Bicentenario del Pueblo, una banca statale, hanno inviato elenchi a Cantv con i nomi dei dipendenti per determinare se avevano votato, secondo il manager che ha aiutato a configurare i server.

Banco Bicentenario non ha risposto a una richiesta di commento. Anche i funzionari del ministero dell’Economia, a cui riferisce la banca, non hanno risposto alle richieste.

Con i dati personali ora così disponibili, alcuni cittadini temono di poter perdere più del loro lavoro, ha detto Mariela Magallanes, un parlamentare dell’opposizione che ha diretto una commissione che lo scorso anno ha indagato su come la carta della patria fosse collegata al programma alimentare sovvenzionato.

Il governo, ha detto la Commissione in un rapporto, sta privando alcuni cittadini del  cibo perché non possiedono la carta. “Il governo sa esattamente che tasti pigiare”, ha detto.

Fonte

Il governo cinese identifica i suoi cittadini dal modo in cui camminano

Le autorità comuniste cinesi usano una tecnologia per riconoscere il passo e l’andatura per identificare i civili cinesi dal modo in cui camminano. La nuova tecnologia utilizza la forma del corpo e l’andatura per identificare le persone anche quando il loro volto non è inquadrato dalla fotocamera.

Questo incubo distopico sta rapidamente diventando una realtà per le anime che risiedono nella Repubblica popolare cinese. Già utilizzato dalla polizia per le strade di Pechino e Shanghai, il “riconoscimento del passo” fa parte di una spinta in tutta la Cina per sviluppare l’intelligenza artificiale e la sorveglianza basata sui dati che sta sollevando preoccupazioni.

Il software, creato da una società cinese di intelligenza artificiale chiamata Watrix, estrae la silhouette di una persona dal video e analizza il movimento per creare un modello del modo in cui la persona cammina. Può identificare persone a 50 metri di distanza e non richiede alcuna telecamera speciale per farlo.

La Cina sta costruendo una dittatura digitale per esercitare il controllo sui suoi 1,4 miliardi di cittadini. Come se il sistema di punteggio del “credito sociale” non fosse abbastanza terrificante, il paese continua ad aumentare il controllo sulla sua popolazione.

“L’analisi dell’andatura non può essere ingannata semplicemente zoppicando, camminando con i piedi divaricati o curvandosi, perché stiamo analizzando tutte le caratteristiche di un intero corpo”, ha detto l’amministratore delegato di Watrix Huang Yongzhen.

“Non hai bisogno della cooperazione delle persone per essere in grado di riconoscere la loro identità”, ha aggiunto Huang.

Huang è un ex ricercatore e, ovviamente, un maniaco del controllo autoritario che ha detto di aver lasciato il mondo accademico dopo aver visto quanto fosse promettente la tecnologia. Ha quindi co-fondato Watrix nel 2016 e la sua azienda è stata incubata dall’Accademia delle scienze cinese. Anche se il software non è buono come il riconoscimento facciale, Huang ha detto che il suo tasso di precisione del 94% è abbastanza buono per uso commerciale.

Ma non tutti sono entusiasti di essere monitorati mentre si occupano della propria attività. Shi Shusi, editorialista e commentatore cinese, ha affermato che non sorprende che la tecnologia stia prendendo piede in Cina più rapidamente del resto del mondo a causa dell’ossessione di Pechino e dell’enfasi sul controllo sociale.

“Utilizzare il riconoscimento biometrico per mantenere la stabilità sociale e gestire la società è una tendenza inarrestabile”, ha affermato.

“È un grande affare.”

Fonte

La Cina e il Social Credit Score

Con una mossa agghiacciante ma non sorprendente, la Cina comunista cerca il controllo definitivo sulla popolazione introducendo una scorecard che presumibilmente terrà sotto controllo il pubblico. Questo nuovo Grande Fratellomonitorerà tutti i cittadini 24 ore su 24 e terra` un “punteggio” delle loro attività.

Il piano del Partito Comunista in Cina è che ognuno dei suoi 1,4 miliardi di cittadini sia monitorato in un sistema di credito sociale distopico, che sara` completamente attivo a partire dal 2020.

Secondo News.com.au, un programma pilota attivo ha già visto milioni di persone a cui è stato assegnato un punteggio di 800. Quelle persone o trarranno beneficio da un punteggio elevato o subiranno le conseguenze di un basso punteggio sociale.

I dati sono combinati con le informazioni raccolte dai registri governativi delle persone, che includono informazioni mediche ed educative, insieme alle loro attivita` finanziarie e cronologia di Internet. I punteggi complessivi possono aumentare o diminuire in “tempo reale” in base al comportamento della persona, ma possono anche essere influenzati dalle persone vicine.

“Se il tuo migliore amico o tuo padre dice qualcosa di negativo sul governo, perderai anche tu punti”, riferisce l’ABC. I cinesi saranno ritenuti colpevoli per associazione e non più in grado di parlare della propria oppressione.

La partecipazione al sistema di “credito sociale” è stata annunciata per la prima volta nel 2014 ed è obbligatoria. Il governo sta tentando di controllare le azioni del pubblico nel tentativo di rafforzare l’idea che “mantenere la fiducia è positivo e rompere la fiducia è negativo”, secondo un documento governativo.

“Se le persone mantengono le promesse, possono andare ovunque nel mondo”, ha detto il direttore generale di Tianjin, Jie Cong.

Per Jie, è tutto o bianco o nero senza zone grigie.

“Se le persone non mantengono le loro promesse non saranno in grado di muoversi di un centimetro!”

Le penalità per un punteggio basso vanno dalla perdita del diritto di viaggiare in aereo o in treno, alle sospensioni dai social media e all’essere esclusi dai lavori governativi, secondo Business Insider. Il giornalista cinese Liu Hu è uno dei milioni che ha già accumulato un basso rating sociale. Liu Hu è stato arrestato, incarcerato e multato dopo aver denunciato la corruzione del governo.

 “Il governo mi considera un nemico”, ha detto Liu Hu all’ABC.

Fonte