Archivio mensile:marzo 2016

American College of Pediatricians: L’ideologia gender danneggia il bambino

L’American College of Pediatricians ha diffuso un comunicato dal titolo “L’ideologia gender danneggia i bambini,” suggerendo agli educatori e ai legislatori di resistere all’ordine del giorno avanzato dal movimento LGBT – che incoraggia le transizioni di genere tra bambini come pratica medica accettabile.

8db3a2cb1fc728aa_Gender-1.jpg.xxxlarge_2x-1

L’organizzazione ha detto che la tendenza verso la transizione di genere equivale ad un “abuso su minore.”

“L'[ACP] invita gli educatori ed i legislatori a respingere tutte le politiche che condizionano i bambini ad accettare come normale una vita in cui il “cambio di sesso” e` rappresentato da una finzione chimica e chirurgica. I fatti – non le ideologie – determinano la realtà “.

Il gruppo ha poi steso un elenco di fatti che sono stati confusi o trascurati nelle discussioni politiche sulle questioni transgender.

  • In primo luogo, “la sessualità umana è un oggettivo tratto biologico binario” con i cromosomi “XY” e “XX” come “marcatori genetici di salute, non marcatori genetici di un disturbo”, ha dichiarato l’ACP.

“Questo principio è evidente”, ha detto il gruppo.

  • Secondo: “Nessuno è nato con un gender. Ognuno nasce con un sesso biologico. Genere (una consapevolezza e senso di sé come maschio o femmina) è un concetto sociologico e psicologico, non un tratto biologico “, ha detto APC.
  • E in terzo luogo, sicura di creare scalpore tra la folla LBGT, l’organizzazione ha dichiarato: “le convinzioni di una persona rispetto al fatto che lui o lei siano qualcosa di diverso da cio` che sono, nella migliore delle ipotesi, e` segno di caos mentale.”

Il gruppo dei pediatri ‘va avanti, dicendo che tale confusione è radicata in un “problema psicologico” curabile.

“Questi bambini”, il gruppo ha detto, “soffrono di disforia di genere. Disforia di genere, in precedenza indicata come Disturbo dell’Identità di Genere, è un disturbo mentale riconosciuto nella più recente edizione del Manuale Diagnostico e Statistico della American Psychiatric Association “.

L’ACP si esprime anche riguardo ” gli ormoni che bloccano la puberta` in quanto possono essere pericolosi”, essi infatti rallentano la crescita e diminuiscono la fertilità, infine secondo il Diagnostic and Statistical Manual “, circa il 98 per cento dei ragazzi confusi sul gender e l’88 per cento delle ragazze accettano, dopo la puberta` il loro sesso biologico. ”

In altre parole: se gli adolescenti non vengono disturbati nella loro crescita accettano il loro sesso biologico in quasi la totale percentuale dei casi.

“Condizionare i figli a credere ad una vita basata sulla chimica e sulla chirurgia e` a tutti gli effetti abuso su minore”, l’American College of Pediatricians conclude. “Appoggiando la discordanza di genere come concetto normale tramite l’istruzione pubblica e le politiche governative confondera` i bambini e i genitori. Cio` aumentera il numero di bambini spediti a queste ‘cliniche di genere” a cui saranno somministrati farmaci che bloccano la puberta`. “

ALTI TASSI DI SUICIDIO

Un altro risultato: Coloro che prendono ormoni per modificare il loro sesso biologico sono più a rischio di suicidio.

“Il tasso di suicidio e` venti volte più grandi tra gli adulti che fanno uso di ormoni cross-sessuali e che sono stati sottoposti a chirurgia per il cambio di sesso, anche in Svezia, dove la lobby LGBTQ si e` maggiormente insediata,” l’organizzazione ha scritto. “Quale persona compassionevole e ragionevole condannerebbe i bambini a questo destino, sapendo che dopo la pubertà ben l’88 per cento delle ragazze e il 98 per cento dei ragazzi accettano, in finale, la realtà e raggiungono uno stato di completa salute mentale e fisica?”

David Kupelian parla del movimento transgender nel suo nuovo libro, “The Snapping of American Mind”, dicendo che la dichiarazione dell’ACP rappresenta una svolta per la verità e l’integrità nella scienza.

“E ‘bello quando una organizzazione di professionisti medici osa sfidare la correttezza politica e con coraggio si alza in piedi per la verità e il senso comune”, ha detto Kupelian, che è vice presidente e direttore editoriale di WND.

Ha detto che la maggior parte delle associazioni mediche degli Stati Uniti sono state infiltrate e catturate dalla sinistra estrema.

“Troppe associazioni professionali mediche tempo fa, hanno ceduto alla pressione incessante proveniente dal movimento LGBT.”

“Per primo, l’American Psychiatric Association, sotto pressione enorme, ha declassificato l’omosessualità come disturbo mentale, nel 1973, mentre la sua organizzazione sorella, l’American Psychological Association, ha seguito l’esempio due anni più tardi”, ha aggiunto.

Ironia della sorte, l’ex presidente della American Psychological Association – l’uomo che ha effettivamente introdotto la proposta di declassare l’omosessualità come una malattia mentale nel 1975 – sta ora suonando l’allarme. Dr. Nicholas Cummings dice che l’organizzazione degli psicologi è dominata da “ultraliberisti” succubi del movimento per i diritti gay.

A partire dalla metà degli anni 1990, mette in guardia Cummings, le posizioni del gruppo si basavano sulle “posizioni politiche” cosa che “sembrava ignorare i risultati scientifici”.

“Il movimento di diritti dei gay ha conquistato l’APA,” ha concluso Cummings

Fonte

Annunci

James Bond: Uno strumento dell’elite occulta

Spectre, l’ultimo film della saga di James Bond, parla di un gruppo segreto che vuole ottenere il controllo dei governi mondiali e dell’imponente sistema di sorveglianza globale. Sotto le mentite spoglie di una tipica avventura di James Bond, il film propone, agli spettatori, una buona dose di ordine del giorno e programmazione predittiva.

leadsectre-702x336

Attenzione: spoiler!!

Dopo essere apparsa in oltre 25 film che abbracciano mezzo secolo, l’agente segreto James Bond immaginario è ora il volto di intelligence britannica e la personificazione soave del MI6. Basato sulla serie di romanzi scritti da Ian Fleming, che ha ottenuto la maggior parte delle sue intuizioni dalla sua esperienza come ufficiale dei servizi segreti della marina, Agente 007 esporta gli obiettivi della elite della Gran Bretagna per il mondo. Un perfetto esempio di questo si è verificato nel 2012, quando James Bond, interpretato da Daniel Craig, è apparso come scorta della Regina Elisabetta II nel video cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Londra 2012. Questa immagine semplice ma potente incapsula l’intera ragion d’essere di James Bond nella cultura popolare: Egli salvaguarda gli interessi del élite.

queen

James Bond (interpretato da Daniel Craig) accompagna la Regina alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Londra del 2012.
Allo stesso modo in cui i genitori nascondono la verdura nel cibo ai bambini, cosi` i film di James Bond nascondono messaggi pro-élite in un grande mix di sesso, violenza e cose luccicanti. Con Spectre, l’Agenda prende una precisa svolta “Illuminata”.

UNA AGENDA CONTINUA

Mentre James Bond era solito essere un “difensore dell’impero britannico e dei suoi interessi in tutto il mondo”, questi ultimi film di 007 riflettono un cambiamento importante nella politica mondiale, cosa che puo` essere ritrovata particolarmente in Spectre. Liberamente ispirato a due romanzi di Ian Fleming, Spectre è una storia originale realizzata per spingere una visione del mondo specifica. E, come ho descritto innumerevoli volte negli articoli precedenti, la moderna agenda non e` altro che la “rivelazione” del fatto che l’elite occulta sta prendendo il controllo del mondo per imporre un Nuovo Ordine Mondiale.

Spectre è un perfetto esempio di programmazione predittiva: Esporre le masse ad un concetto “stravagante” in modo che quando succede veramente, l’indignazione pubblica risulti minore o assente. Naturalmente, Spectre non e` il solo film a spingere questo messaggio. La stessa premessa si trova in Kingsman – un altro film di spionaggio britannico che è uscito nel 2015 (leggete il mio articolo).

In entrambi i film, i “cattivi” sono l’elite globale che cerca di controllare il mondo. Eppure, in entrambi i film, ci sono anche chiari segnali che le spie britanniche sono fortemente collegati a queste elite e che gli unici veri perdenti sono le masse, un “branco selvaggio” con poca o nessuna voce in capitolo su quanto sta accadendo. Mentre in Kingsman, il piano e` quello di sterminare la popolazione tramite l’uso di cellulari, Spectre è più simbolico (e sconvolgente). In effetti, l’unica volta che vediamo persone “normali” nel film è durante la prima scena e sono … morte.

spectre7

Il primo fotogramma del filmato descrive come l’elite percepisce le masse.

spectre8

Vediamo poi una scena d’azione in Messico, durante le celebrazioni per il Dia de los Muertos – il Giorno dei Morti. Tutte le persone “non-elitarie” sono vestite come scheletri e ballano per le strade.

Dopo la scena d’apertura, non vediamo gente normale nel film – solo il governo britannico e la “Spectre” in lotta per il potere. Tuttavia, come il film lascia sottilmente capire, si tratta di due facce della stessa medaglia.

SPECTRE = ELITE OCCULTA

Se 007 rappresenta il governo britannico e l’MI6, la “Spectre”, l’organizzazione ombrosa che sta cercando di controllare il mondo, rappresenta l’elite occulta.

spectre1

Il simbolo della Spectre è un polipo – un simbolo amato dalla reale elite mondiale. I suoi numerosi tentacoli rappresentano le molte aree in cui si immischia.

nrol-39-mission-patch

Quando l’organizzazione statunitense National Reconnaissance ha lanciato il suo satellite spia NROL-39 (utilizzato per la sorveglianza di massa) nello spazio, ha rilasciato una patch della missione con una piovra gigante che sta conquistando la Terra con le parole “Nulla è fuori dalla nostra portata”. abbastanza casualmente, Spectre parla dello stesso tipo di sorveglianza.

H_alternate_3-e1458568914420

Nel film “Captain America: Winter Soldier”, l’organizzazione segreta elitaria si chiama Hydra e si propone di controllare il mondo con il Nuovo Ordine Mondiale. Il suo simbolo richiama l’immaginario di un polipo/piovra. La proliferazione di questi simboli nei media è come l’elite programma le masse.

Non diversamente dalla vera elite occulta, la Spectre si riunisce in incontri segreti in palazzi realizzati dall’elite, per l’elite.

spectre10

La riunione segreta della Spectre si svolge a Roma a mezzanotte.

Nella cultura occulta e popolare, la mezzanotte è anche conosciuta come “l’ora delle streghe”. Viene definita come quel momento, in cui le creature, come streghe, demoni e fantasmi appaiono alla loro massima potenza … favorendo quindi, l’uso della magia nera. In modo abbastanza appropriato, nel film, l’incontro avviene in un teatro per un sacrificio di sangue simbolico.

spectre11

Quando un membro della riunione non e` piu` necessario, viene ucciso nel peggiore dei modi possibili. Un energumero gli cava gli occhi (occhi che rappresentano l’elite) e gli rompe il collo di fronte a una stanza piena di gente in silenzio.

Nel corso di tale incontro, un altoparlante delinea i “successi” di Spectre in tedesco, perfettamente in linea con l’agenda “nera” della vera elite mondiale. Uno di questi “successi” è particolarmente raccapricciante: L’altoparlante parla di 160.000 femmine migranti che sono state collocati nel settore “tempo libero”. Il settore “tempo libero” non e` altro che la prostituzione. In scene sottili come questa, il film rivela la vera agenda delle élite. Come ho già detto in articoli precedenti, la crisi migratoria che stiamo vivendo sulle nostre pelli e` stata progettata e avviata per varie ragioni. Uno dei motivi più oscuri è quello di sfruttare facilmente milioni di sfollati, che hanno diritti minimi e pochi documenti, in tutti i tipi di business in cui il corpo umano puo` essere utilizzato come un bene. Questa e` una realta` che gia` stiamo vivendo: Fonti di informazione hanno riferito che oltre 10.000 bambini rifugiati sono già scomparsi. Quanti di loro saranno impiegati nei circoli pedofili elitari?

Tuttavia, come per l’elite occulta, l’obiettivo principale della Spectre è quello di sovvertire tutti i governi del mondo, al fine di implementare la sorveglianza globale e realizzare niente di meno che un Nuovo Ordine Mondiale. Infatti, in una scena, un agente dice a James Bond:

“In tre giorni, ci sara` una conferenza sulla sicurezza a Tokyo per decidere il Nuovo Ordine Mondiale”.

Spectre ha infiltrato il governo britannico, con i suoi agenti (vale a dire un ragazzo chiamato semplicemente “C”) per arrivare alla creazione di questo Nuovo Ordine Mondiale. In alcune scene, C utilizza la tipica fraseologia degli “Illuminati”, come:

“Porteremo i servizi segreti britannici fuori dagli Anni Bui alla luce”.

Più avanti, nel suo discorso a Tokyo, C afferma:

“Non lasciate che vi dicano che serve meno sorveglianza. Ne abbiamo bisogno disperatamente. Molta di piu. Lo dico ancora una volta, il comitato dei Nove Occhi avrebbe cosi` pieno accesso ai flussi di intelligence combinati di tutti gli Stati membri. Altri dati, più analisi, meno probabilità di attacchi terroristici “.

Nel corso di tale incontro, i paesi partecipanti partecipano ad un voto per esprimersi sulla sorveglianza globale.

spectre12

Vediamo poi il Sud Africa votare NO al Nuovo Ordine Mondiale

Dopo aver appreso l’esito della votazione, C si esprime con una frase molto Illuminate:

“E` solo questione di tempo prima che il Sudafrica veda la luce.”

spectre13

Poco dopo che il voto negativo, la città sudafricana di Città del Capo è soggetta ad un violento attacco terroristico.

Vediamo qui, una chiara rivelazione di come funziona l’elite occulta del mondo reale: gli attacchi terroristici false flag spaventano le popolazioni e le nazioni portandole alla sottomissione e all’accettazione di drastici cambiamenti politici. Tutte le scene sopra riassumono sostanzialmente ciò che l’elite ha fatto negli ultimi anni: attacchi di Parigi, nuove leggi sulla sorveglianza e crisi migratoria.
Poiché si tratta di un film di spionaggio, l’elite occulta è personificata da un super-cattivo: Ernst Stavro Blofeld. Il suo caratteristico marchio di fabbrica dice tutto quello che c’è da sapere su di lui.

spectre14

Più avanti nel film, Blofeld perde un occhio, facendo di lui un simbolo “vivente” dell’occhio che tutto vede.

A Blofeld piace anche esprimersi per motti Illuminati:

“Un evento terribile può portare a qualcosa di meraviglioso. Bellezza dall’orrore “.

Questa citazione è notevolmente simile al motto preferito dell’élite occulta: Ordo ab Chao – ordine dal caos.

ordo_ab_chao

Una insegna massonica con il motto Ordo Ab Chao.

Utilizzando i false flag, la Spectre sta conquistando il mondo. Per fortuna, James Bond è qui per uccidere tutti e nel frattempo avere rapporti sessuali con un gruppo di ragazze!

Nel film tuttavia si nota una cosa: James Bond non è “l’eroe del popolo”, che cerca di salvare liberta` e democrazia. E’ fondamentalmente un burattino del sistema. Il governo britannico e la Spectre sono semplicemente due facce della stessa medaglia. Quella piccola avventura che state guardando – con il bravo ragazzo soave e il malvagio antagonista – e` solamente finzione per farvi distrarre su cio` che sta realmente accadendo.

JAMES BOND UNA PEDINA DELL’ELITE

Lo status di James Bond è chiaramente rappresentato durante la sequenza dei titoli del film.

spectre2

Mentre ascoltiamo in sottofondo una drammatica canzone di Sam Smith, vediamo James Bond camminare sotto la “protezione” del polpo Spectre, che rappresenta l’elite occulta. Pensavate fosse contro di loro?

spectre3

Anche la sua pistola è strettamente controllata dai tentacoli della elite

spectre4

Gli stessi tentacoli sono presenti in Blofeld – suggerendo che sia il “bravo ragazzo” che il “supercriminale” sono in realtà parte della stessa squadra.

spectre5

James Bond cammina in giro mentre vediamo un bel po di occhi che lo circondano

spectre6

La sequenza dei titoli termina con un solo occhio al cui interno ci sono tentacoli. In breve, questa sequenza e` dedicata ll’elite occulta e al suo modus operandi..

Una volta stabilito che James Bond è solo un burattino delle élite, le cose cominciano ad avere un senso.

Come in tutti i film di James Bond, c’è una scena in cui l’agente si presenta al laboratorio per ricevere i gadget necessari alla missione. Questo film non fa eccezione. Tuttavia, questa volta, vi è una fregatura. James Bond deve avere un microchip impiantato dentro di lui prima che possa fare qualsiasi altra cosa.

spectre15

Come per dimostrare che 007 è solo una semplice pedina, lo vediamo ricevere un impianto microchip … proprio come quello che vogliono farvi mettere.

Q (il ragazzo incaricato dei gadget) dice a James Bond:

“La migliore nano tecnologia. Sangue Intelligente . I microchip nel sangue ci permetteranno di monitorare i tuoi movimenti in campo “.

Al quale Bond risponde:

“Sembra meraviglioso”.

In altre parole, l’agente che si suppone possa salvare il mondo viene monitorato in ogni momento dal governo

Su questi monitor si vede l’ esatta ubicazione e iinformazioni sul corpo di Bond tutto monitorato in tempo reale.

spectre17

Su questi monitor vediamo la posizione di Bond e le sue statistiche fisiche in tempo reale. Questi sono gli “eroi” proposti dall’elite – una combinazione di transumanesimo e Grande Fratello.

Più avanti nel film, James Bond e` sottoposto ad un trattamento che ricorda palesemente quelli per rendere un soggetto uno schiavo del controllo mentale, questa volta per mano di Blofeld.

spectre20

Il cervello di James Bond viene trapanato da una macchina controllata da Blofeld. Entrambi, buoni e cattivi, hanno “lavorato” con la mente di Bond. E ` semplicemente una pedina…

In una scena, James Bond osserva Blofeld attraverso il vetro. Il riflesso di Blofeld sul volto di Bond è un modo sottile per dire: Sono nella stessa squadra.

Alla fine, James Bond riesce a far saltare in aria il covo segreto di Blofeld. Ma lo uccide? No. James Bond, invece, lascia cadere la pistola e va a trovare la ragazza con cui si sta frequentando. Un altro ragazzo arriva, infine, e dice a Blofeld:

“Grazie alle misure speciali introdotte nel 2001, ti detengo per conto del governo di Sua Maestà”.

Così il cattivo viene arrestato grazie alle “misure speciali del 2001”, un finale che è al 100% non-James Bond. In effetti, è così acutamente ironico che può essere interpretato come una presa in giro dell’elite nei confronti degli spettatori. In effetti, le “misure speciali del 2001” e` un probabile riferimento al “Anti-terrorism, Crime and Security Act of 2001”, che è entrato in legge in Gran Bretagna il 14 dicembre 2001. Questa legge è la versione inglese del Patriot Act : Un massiccio fascio di leggi restrittive approvate in Parlamento, dopo il 9/11.

La legge è stata ampiamente criticata, con un commentatore che la descrive come “la legislazione più draconiana che il Parlamento abbia approvato in tempo di pace in oltre un secolo”. Il 16 dicembre 2004 i Law Lords hanno stabilito che la sezione 23 è incompatibile con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo, ma sotto i termini della legge sui diritti umani del 1998 è rimasta in vigore.

Pertanto, il cattivo del film, che stava cercando di usare il terrore per implementare in tutto il mondo la sorveglianza di massa, viene arrestato sotto una legge che in realtà ha implementato la sorveglianza di massa dopo un attacco terroristico.

Questo è il modo malato dell’elite di dirvi: Siamo la Spectre e vivete sotto le nostre leggi.

CONCLUDENDO

Anche se l’organizzazione Spectre è il “cattivo” e James bond è il “bravo ragazzo”, niente di tutto questo in realtà conta. Il vero obiettivo del film e` esporre le masse ad un concetto specifico, al fine di renderlo parte dell’inconscio collettivo. I mass media operano costantemente utilizzando la programmazione predittiva – vogliono far conoscere al pubblico i cambiamenti sociali in programma in modo che vengano implementati in maniera piu` semplice.

Questi cambiamenti stanno già accadendo ora. Anche se James Bond sta combattendo la Spectre “per la Regina”, non dobbiamo dimenticare che il Regno Unito è da anni in prima linea nel supporto del Grande Fratello, implementando ogni tipo di legge sulla sorveglianza di massa, dopo ogni attacco terroristico recato ad un paese dell’Ovest.

In breve, il Regno Unito è stato conquistato dalla Spectre molto tempo fa. E, James Bond, il nostro “eroe”, non è altro che una pedina controllata mentalmente con un microchip nel braccio.

Fonte

Attentato a Bruxelles: Le CONSEGUENZE in tempo reale

Segui live le conseguenze degli attacchi di Bruxelles con aggiornamenti da fonti pertinenti.

leadbrussels-702x336

Si ritiene che piu` di 30 persone abbiano perso la vita e molte decine siano state ferite all’aeroporto internazionale di Bruxelles e ad una stazione della metropolitana della città. Esplosioni gemelle hanno colpito l’aeroporto di Zaventem alle 07:00 GMT, (11 persone uccise). Un’altra esplosione ha colpito la stazione della metropolitana di Maelbeek vicino al quartier generale dell’UE un’ora più tardi, (20 morti circa).

Come sempre, quando accadono eventi tragici come questo, è della massima importanza capire la loro ricaduta: cosa succede nelle ore, nei giorni e nelle settimane successive capendo il vero ordine del giorno. Segui gli aggiornamenti in tempo reale da varie fonti.

LA NEGLIGENZA DI BRUXELLES

Il ministro dell’interno belga, Jan Jambon, ha detto che la negligenza da parte della polizia ha permesso ad uno dei kamikaze degli attentati di Bruxelles di evitare l’arresto dopo essere stato espulso dalla Turchia come terrorista l’anno scorso[.

Jambon ha affermato davanti ai parlamentari di essere pronto ad accettare la responsabilità politica, ma ha avvertito che “qualcuno è stato negligente, e non sufficientemente proattivo.”

“Qualcuno nel nostro apparato di polizia e` colpevole di negligenza”, ha detto, a Reuters.

Il Ministro degli Interni ha presentato le sue dimissioni Giovedi, ma Charles Michel, il capo del governo belga, le ha rifiutate.

Le autorità turche hanno detto all’inizio di questa settimana che Ibrahim El Bakraoui era stato arrestato ed espulso verso l’Europa lo scorso luglio, con Ankara che avvertiva il Belgio riguardo un sospetto terrorista che aveva tentato di unirsi allo Stato islamico (IS, Daesh, precedentemente ISIS / ISIL) in Siria.

Ibrahim e suo fratello Khalid El Bakraoui, entrambi resindenti a Bruxelles, sono stati i kamikaze responsabili delle esplosioni che hanno scosso l’aeroporto e una stazione della metropolitana centrale a Bruxelles Martedì, uccidendo almeno 31 persone.

Ibrahim, si è fatto esplodere in aeroporto, mentre Khalid ha fatto saltare in aria una stazione della metropolitana.

Fonte

TERRORISTI ARRESTATI DALLE AGENZIE DI SICUREZZA PRIMA DELL’ATTACCO DI BRUXELLES

Ora, è stato rivelato, che non solo erano almeno tre, gli attentatori coinvolti negli attacchi di Bruxelles, essi erano ben noti alle agenzie di sicurezza occidentali – i fratelli Brahim e Khalid El Bakraoui – sono stati entrambi arrestati, accusati, e imprigionati per crimini violenti nel 2010 e 2011, il fratello maggiore ha sparato contro la polizia con un AK-47 durante una rapina, e il fratello minore ha rubato un auto.

E ‘ ora confermato che il fratello maggiore, Brahim El Bakraoui, fu arrestato e deportato dalla Turchia l’anno scorso per sospetta attività terroristica, ma non prima che Ankara avvisasse Bruxelles in modo che El Bakraoui venisse imprigionato al suo arrivo in UE . Bruxelles, tuttavia, non riusci` ad agire prontamente, consentendo ad El Bakraoui di tornare a casa senza conseguenze.

Il terzo sospetto, Najim Laachraoui, aveva viaggiato in Siria tra il 2012-2013 ed e` un ricercato internazionale dal 2014 con l’accusa di favoreggiamento nel reclutamento degli europei per il cosiddetto “Stato islamico” (ISIS).

La più grande agenzia di stampa tedesca, la Deutsche Presse-Agentur, riporta nel suo articolo, ““Reports: Brothers known to police were among Brussels suicide bombers,” che:

Due fratelli di Bruxelles, noti alla polizia, sono tra gli attentatori suicidi che hanno compiuto gli attacchi terroristici all’aeroporto internazionale e alla metropolitana nella capitale belga.

E che:

[Khalid El Bakraoui] era stato condannato all’inizio del 2011 a cinque anni di carcere per furti d’auto, dopo essere stato arrestato in possesso di fucili Kalashnikov.
Suo fratello, 30 anni, Brahim, era stato condannato nel 2010 a nove anni di carcere per aver sparato contro la polizia con un fucile Kalashnikov nel corso di una rapina.

Il New York Times, nel suo articolo,“Brussels Attack Lapses Acknowledged by Belgian Officials,” riferisce, per quanto riguarda l’arresto e la deportazione di Brahim El Bakraoui dalla Turchia che:

La giustizia belga e il ministro degli interni hanno riconosciuto che i loro servizi avrebbero dovuto agire, quando la Turchia avviso` loro circa i due fratelli terroristi.

A quanto pare, in Belgio, si può avere un piccolo arsenale militare, usarlo anche contro la polizia, ed uscire di prigione abbastanza velocemente da recarsi in Siria per partecipare ad una nota organizzazione terroristica, per poi essere espulsi senza conseguenze, unirsi ad una rete terroristica interna composta da personaggi altrettanto noti all’intelligence belga, per effettuare infine un attacco terroristico di alto profilo.

Fonte

PROVE CHE IL GOVERNO AMERICANO HA SOSTENUTO L’EMERGERE DI ISIS IN SIRIA

CLIMA POLITICO IN EUROPA: IL BIGOTTISMO ANTI MUSULMANO LA FA DA PADRONE
Come dovrebbero, i paesi occidentali, rispondere alle minacce terroristiche? Dobbiamo aspettarci nuovi attacchi? Perché Bruxelles è diventata il bersaglio del terrorismo martedi scorso? Cosa possono fare i musulmani per debellare l’estremismo?

RT ha discusso questi ed altri problemi con degli esperti.

Segni di una nuova ondata di odio contro i musulmani si stanno gia` notando. Gli utenti di Internet hanno reagito agli attacchi, con l’hashtag #Brussels su Twitter. Tuttavia, poche ore dopo i tragici eventi, un altro hashtag – #Stop Islam era tra i più popolari in tutto il mondo.

“Il clima politico in Europa e negli Stati Uniti e` tremendo se consideriamo il livello di bigottismo antimusulmano”, ha detto Nader Hashemi, direttore del Centro per gli studi in Medio Oriente, in un colloquio con RT. “Non è mai stato così malsano. Parte di esso, può essere tuttavia attribuito all’incremento delle attività terroristiche, come quelle che abbiamo visto [Martedì a Bruxelles] e a Parigi [lo scorso anno] ” ha aggiunto.

“Utilizzando questi fatti come capro espiatorio e riversare la colpa sui musulmani, sono un insieme di vulnerabilità socio economiche che sono alla base dell’aumento di isteria, di paranoia e di sentimento anti-islamico”, ha continuato.

Hashemi suggerisce che, al fine di sradicare l’estremismo, anche le comunità musulmane, dovrebbero fare tutto il possibile.

Hashemi sostiene che da lungo tempo gli europei stanno chiedendo ai musulmani di sradicare l’estremismo all’interno della loro comunità, perché, secondo il pensiero occidentale, sono loro i responsabili.

“Non credo che siano più responsabili di quanto lo sia la razza bianca per le cose brutte che vengono perpetrate nel mondo occidentale.”

Fonte

MINISTRO ISRAELIANO: “IL BELGIO DOVREBBE PREOCCUPARSI PIU` DI TERRORISMO CHE DI CIOCCOLATO”

Dopo i brutali attacchi terroristici di Bruxelles, un politico israeliano ha scatenato l’indignazione pubblica dicendo che il Belgio dovrebbe concentrarsi piu` sul terrorismo che sul cioccolato.

MP Yisrael Katz ha accusato i leader belghi di non prendere la minaccia del terrorismo interno abbastanza sul serio.

Mr Katz e` stato intervisto a Radio Israele poco dopo gli attacchi mortali, che hanno ucciso almeno 31 persone e ferite altre 200.

Il deputato ha detto: “Se in Belgio si continua a mangiare cioccolata, ci si gode la vita e si sfoggia liberalismo e democrazia non tenendo conto del fatto che alcuni dei musulmani immigranti sono cellule terroristiche, il Paese non sara` mai in grado di combattere questi folli”.

Altri politici nel suo partito Likud hanno suggerito che il Belgio chiuda i suoi confini e la smetta di accettare rifugiati musulmani.

Fonte

L’ATTENTATORE DI BRUXELLES E` STATO DEPORTATO DALLA TURCHIA PER ATTI TERRORISTICI, LO SCORSO GIUGNO… MA LE AUTORITA` BELGHE LO HANNO LASCIATO ANDARE

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha clamorosamente affermato che uno degli attentatori di Bruxelles è stato arrestato per reati di terrorismo e deportato in Belgio lo scorso giugno.

Erdogan ha affermato che le autorità turche hanno informato il Belgio che l’uomo arrestato – Ibrahim El-Bakraoui – è stato “un Foreign Fighter”, ma gli investigatori gli hanno concesso la liberta` perché non hanno potuto stabilire legami terroristici.

La notizia solleva ancora più domande circa la capacità delle forze di sicurezza del Belgio di prevenire atti di terrore.

Parlando oggi pomeriggio, Erdogan ha detto che le autorità belghe hanno rilasciato il sospetto nonostante gli avvertimenti turchi.

Erdogan non ha identificato l’individuo, ma la televisione NTV gli ha dato il nome di Ibrahim El Bakraoui, uno dei due uomini che si sono fatti esplodere all’aeroporto di Bruxelles.

Ha aggiunto che le autorità belghe non sarebbero riuscite ad avere prove dei suoi legami terroristici”

Erdogan ha continuato a dire che le autorità consolari del Belgio sono state ufficialmente informate della sua deportazione, il 14 luglio 2015. Per essere infine poi rilasciato.

Fonte

FORTI CONTINGENTI DI POLIZIA IN TUTTA EUROPA DOPO GLI ATTACCHI DI BRUXELLES

Dopo gli attentati, pattuglie di emergenza, rinforzi nella sicurezza agli snodi di trasporto e una più pesante presenza di polizia armata sono diventati la norma in Europa.

Il coordinatore nazionale per la sicurezza e l’antiterrorismo dei Paesi Bassi (NCTV) ha detto Mercoledì che la polizia militare olandese sarebbe stata dotata di armi pesanti per garantire la sicurezza nei “siti ad alto rischio”, come edifici governativi, parlamento, istituzioni ebraiche e principali hub di transito e valichi di frontiera. L’agenzia, tuttavia, non ha specificato il tipo di armi concesse alla polizia.

In precedenza, anche la Norvegia aveva fatto dichiarazioni simili.

“Questo a causa della situazione irrisolta in Belgio, sia in termini di portata dell’attacco sia di chi c’è dietro”, ha detto il capo della polizia Roger Andresen all’emittente NTB, Martedì.

Il servizio di sicurezza della polizia norvegese (PTS) ha sottolineato che il livello della minaccia terroristica nel Paese rimane invariato – anche se non ha escluso la possibilità che la situazione possa degenerare.

“Non abbiamo informazioni che indicano che la minaccia è cambiata. Ma questo potrebbe trasformarsi in fretta “, ha detto il direttore della comunicazione della PTS Trond Hugubakken, .

“La polizia norvegese e` già in una situazione di emergenza elevata. Parte dei piani anti-terrorismo sono stati attuati dopo gli attacchi terroristici a Parigi. E queste misure sono ancora in vigore”, ha aggiunto.

Il ministero dell’Interno austriaco potrebbe dotare gli agenti di polizia di pistole private, che sarebbero in grado di utilizzare, quando sono fuori servizio per respingere un eventuale attacco terroristico. Il paese ha visto un drammatico aumento delle vendite di pistole nel corso dell’ultimo anno.

Fonte

3/22

Bones_logo (1)

ALLARMISMO DOPO GLI ATTENTATI DI BRUXELLES

Quando una notizia e` capace di gettare ombra su tutte le altre, in particolare in televisione, state attenti. E` una maniera per nascondere altre notizie importanti, distrando lo spettatore…..ci chiediamo dunque, si tratta di terrorismo o di una false flag sponsorizzata dallo stato?

Come previsto, tutti i report occidentali sono in gran parte simili, pubblicizzando il terrorismo a scapito di un’analisi indipendente e credibile.

Nella versione ufficiale compaiono gia` delle falle. La rivendicazione dell’ISIS non e` stata verificata in modo indipendente.

Stesso destino per un’altra rivendicazione: “soldati del Califfato, che indossano giubbotti esplosivi e mitragliatrici”.

Siate sospettosi sulle seguenti “prove” trovate presso i siti delle esplosioni:

-Trovato (convenientemente) un fucile d’assalto Kalashnikov;

-Una cintura esplosiva inesplosa;

-Un uomo visto allontanarsi correndo da una delle esplosioni; un sacco di gente correva ai ripari;

-Le autorità ci dicono che grazie alle immagini di una telecamera a circuito chiuso abbiamo le immagini di un uomo con un cappello che spinge un carrello carico di bagagli in aeroporto con altre due persone accanto, presubilmilmente i kamikaze – vi hanno spiegato in base a quali prove? NO….

-Una bandiera dell’ISIS, bombe inesplose, e non specificati “prodotti chimici per fabbricare bombe” vengono rinvenuti in un appartamento nel quartiere di Schaerbeek;

-Un tassista non identificato, dice che potrebbe aver portato i kamikaze all’aeroporto, non portando nessun fatto a supporto della sua affermazione – ovviamente, essendo “non identificato” sara` veramente un tassista o e` un attore?

Forse, fra qualche giorno, uno o più passaporti presumibilmente appartenenti ai sospetti terroristi verra` convenientemente trovato in uno o più siti delle esplosioni.

-Il procuratore Frederic Van Leeuw ha dichiarato: “Una fotografia dei tre sospettati di sesso maschile e` stata portata a Zaventem (un sobborgo di Bruxelles). Due di loro sembrano essersi suicidati”- in base a quali prove non è stato spiegato.

“Il terzo, che indossa una giacca di colore chiaro e un cappello, è ricercato.”

-I due presunti kamikaze indossavano abiti scuri e un guanto sulla mano sinistra, secondo i rapporti – con la possibilita` di utilizzare detonatori nascosti una persona con buon senso si chiederebbe perche` indossare un guanto, che potrebbe attirare sospetti se notato.

-Il primo ministro belga Charles Michel ha alimentato la paura, dicendo “E` successo quello che temevamo” promettendo in risposta, misure severe.

-Il primo ministro francese Manuel Valls ha dichiarato “Siamo in guerra.” Il presidente Francois Hollande ha detto che “l’Europa intera e` stata colpita.” Ha promesso “di combattere il terrorismo senza sosta, sia a livello internazionale che interno.”

-Il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier ha detto che le esplosioni di martedi` “hanno fatto breccia, nel cuore dell’Europa.”

-Il Dipartimento di Stato ha detto che “gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine in tutta Europa”, avvertendo i cittadini americani che viaggiano in città europee di evitare i luoghi affollati e di diffidare quando si utilizzano i trasporti pubblici.

-Obama ha chiamato “all’unità nella lotta contro il flagello del terrorismo.” La Torre Eiffel e altri monumenti del mondo sono stati illuminati nei colori nero, rosso e giallo della bandiera del Belgio.

La paura come forma di controllo viene ovviamente utilizzata per ottenere il sostegno pubblico per politiche che danneggiano il benessere pubblico, la sicurezza e i diritti fondamentali, troppo preziosi da perdere – con il fasullo pretesto di garantire una maggiore sicurezza.

In un articolo precedente ho spiegato come la possibilità di essere colpiti da un fulmine sia molto maggiore di quella di diventare una vittima di un attacco terroristico.

La morte per incidente d’auto, per malattie prevenibili, per violenze in casa, peralcolismo o per l’uso eccessivo di droghe legali nocive è infinitamente superiore – fatti che si ignorano se si vuole pubblicizzare il terrore.

Il terrorismo sponsorizzato dallo Stato definisce la politica statunitense da lunga data. Le persone sono manipolate ad ignorare le verità scomode.

Il defunto Howard Zinn, una volta chiese “Come si può fare guerra al terrorismo se la guerra è terrorismo?” Fare la guerra al terrorismo “consente al governo di portare avanti una guerra perpetua in una atmosfera di repressione”.

“Di perpetuo genera anche profitti per le aziende giuste. Ma rende il mondo un posto di gran lunga più instabile e pericoloso. ”

“Il terrorismo ha sostituito il comunismo come perno per la militarizzazione di un paese, all’estero con le “missioni di pace”, in casa grazie alla soppressione delle liberta` civili.”

Dalla seconda guerra mondiale, “non c’è stata una nazione più bellicose degli Stati Uniti. I governi sono terroristi su larga scala. ”

Nessuno nella storia e` stato piu` bellicoso degli americani. Guerre senza fine, che hanno coinvolto, per la maggior parte, innocenti. Grazie a questa sponsorizzazione della paura si giustifica l’ingiustificabile.

Fonte

IL ONE WORLD TRADE CENTER DI NEW YORK SI ILLUMINA DEI COLORI SBAGLIATI MENTRE IL MONDO PIANGE LE VITTIME DEGLI ATTENTATI DI BRUXELLES

32798A5100000578-3505434-image-a-20_1458697751656

Il One World Trade Center sembra essere illuminato con i colori sbagliati rispetto alla bandiera del Belgio, nera gialla e rossa.

La punta del grattacielo è stato illuminata di blu, bianco e rosso.

Il governatore di New York Andrew Cuomo ha annunciato Martedì che il One World Trade sarebbe stato adornato con i colori della bandiera belga, in una dimostrazione di sostegno per il Belgio.

‘Stasera, il One World Trade Center verrà colorato di nero, giallo e rosso, per dimostrare la nostra solidarieta` al popolo belga, così come hanno fatto per noi in passato.

‘Ci uniamo al lutto mondiale per le vittime di questi attacchi e rimaniamo impegnati a creare un mondo più giusto e pacifico.’

Non appena le immagini del One World Trade Center sono state twittate, e` apparso evidente a tutti l’errore cromatico.

Fonte

LA CNN MANDA IN ONDA UN VIDEO DEL 2011 SOSTENENDO CHE SI TRATTASSE DEGLI ATTACCHI A BRUXELLES

Con la pretesa di avere filmati CCTV degli attacchi di martedì a Bruxelles, la CNN ha mandato in onda una clip di una scena caotica in metropolitana con gente che fuggiva in mezzo al fumo.

Citando l’inesistente fonte twitter @OnlinMagazine, la CNN ha mostrato un video in loop di persone che freneticamente tentano di sfuggire da una metropolitana in fiamme.

UN MORMONE AMERICANO SOPRAVVISSUTO AGLI ATTACCHI DI BRUXELLES, BOSTON E PARIGI

Il missionario mormone Mason Wells, 19, è sopravvissuto al suo terzo attacco terroristico

Mason era a Parigi l’anno scorso durante gli attacchi e ad un isolato di distanza dal traguardo della maratona di Boston durante i bombardamenti

L’adolescente si e` rotto il tendine d’Achille, ha avuto lesioni da schegge e ustioni di secondo e terzo grado sul viso e sulle mani.

Nonostante le sue ferite, i suoi genitori hanno detto che è di buon umore e prevedono un pieno recupero

Il Dipartimento di Stato ha detto, Mercoledì, che almeno 12 americani sono stati feriti negli attacchi

Fonte

UN INSEGNANTE RICEVE LA VISITA DELLA POLIZIA DOPO AVER TWITTATO DEL BAMBINO MUSULMANO CHE HA CELEBRATO GLI ATTACCHI DI BRUXELLES

px1mbcB

LA TSA AUMENTA LE MISURE DI SICUREZZA, METTENDO IN GUARDIA CONTRO I LONE WOLVES

La Transportation Security Administration (TSA) sta aumentando le misure di sicurezza nei principali aeroporti degli Stati Uniti e stazioni di transito a seguito degli attacchi terroristici di Bruxelles, con i funzionari che etichettano la mossa come una precauzione, che allo stesso tempo ci permette di metterci in guardia contro nuovi attentatori solitari.

Il segretario del Department of Homeland Security Jeh Johnson ha sottolineato in una dichiarazione “non c’è nessuna informazione specifica e credibile che via sia un complotto per condurre attacchi simili negli Stati Uniti, ma la minaccia di un nuovo attacco terroristico e` tangibile.

“Siamo molto concentrati sulla minaccia rappresentata da terroristi solitari che possono non essere direttamente collegati ad una organizzazione terroristica straniera”, ha detto Johnson. “Siamo preoccupati che tali individui o piccoli gruppi radicali possano effettuare un attacco in patria.”

La TSA sta coordinando con le autorità locali e le forze dell’ordine un piano per garantire maggiore sicurezza nei principali aeroporti, così come in alcune stazioni ferroviarie e di transito.

Johnson ha chiesto al pubblico di rimanere vigile e segnalare eventuali attività sospette all’FBI. Inoltre ha incoraggiato tutti i cittadini statunitensi in Belgio di contattare i propri cari attraverso i social media, dal momento che l’uso del cellulare potrebbe essere limitato.

“Come ho già detto molte volte, ‘Se vedi qualcosa, di’ qualcosa ‘è più di uno slogan,”, ha affermato Johnson.

Più di due dozzine di persone sono state uccise e almeno 100 sono rimaste ferite a seguito di una serie di attacchi terroristici coordinati mirati all’aeroporto di Zaventem e ad una stazione della metropolitana a Bruxelles. Lo Stato islamico in Iraq e Siria (ISIS) ha rivendicato la responsabilità per le esplosioni.

Un certo numero di autorità dei trasporti degli Stati Uniti, compresa la Washington Metropolitan Area, ha annunciato di aver rinforzato il sistema di sicurezza nelle ore successive all’attentato.

Johnson ha detto che la TSA e l’U.S. Customs and Border Protection hanno già sistemi per identificare e tracciare individui sospetti in viaggio dal Belgio. Ha inoltre indicato che vi sono altre misure di sicurezza in vigore che sono “non adatte alla divulgazione pubblica.”

Leggi di più

UTENTI CRITICANO TWITTER PERCHE` CENSURA L’HASHTAG #StopIslam

‘Gli utenti di Twitter stanno sostenendo che la piattaforma censuri l’hashtag #StopIslam dopo gli attacchi terroristici a Bruxelles.

Gli ut

enti twittato con il tag per esprimere la loro frustrazione riguardo un altro attacco terroristico, e l’hashtag ha generato una grande ondata di tweets provenienti da tutto il mondo. ‘

Fonte

ERDOGAN SAPEVA DEGLI ATTACCHI A BRUXELLES?

Fonte

 

“Body Hacking Movement”: Spingere il transumanesimo verso nuovi e inquietanti limiti

Il “body hacking movement” propone a gran voce l’applicazione di impianti tecnologici al corpo umano, come chip RFID, videocamere e luci al LED. Bypassando ogni questione etica associata al transumanesimo, questo “body hacking movement” propone nuove e inquietanti situazioni.

leadbodyhacking

Justin Worst, Marlo Webber e Jes Waldrip fanno vedere un impianto LED. La Grindhouse Wetware lo chiama il Northstar.

Come indicato nei miei precedenti articoli sul tema, il transumanesimo è stato fortemente promosso nei mass media negli ultimi anni, attraverso film, video musicali, videogiochi e documentari. La parola “transumanesimo” e` ancora poco conosciuta dal pubblico. Il vero significato della parola ci viene abilmente nascosto, mostrandoci, invece, come un miglioramento robotico del corpo umano ci renda piu` cool, vendendo facilmente l’idea alla fascia di pubblico piu` fragile – i giovani.

Un sottoprodotto di questa tendenza è il “body hacking”, un movimento che rinuncia alle questioni etiche e filosofiche associate al transumanismo innestando direttamente parti robotiche nel corpo umano. Mentre molti di noi temono il giorno in cui gli impianti microchip saranno un requisito fondamentale in una società distopica, alcune persone gia` pagano per avere questo “privilegio”.

Ecco un articolo interessante sul movimento da parte di NPR.

Una folla curiosa indugiava intorno ad Amal Graafstra mentre spacchettava con attenzione un paio di guanti, una piccola coperta sterile e un ago enorme. Una lunga fila di persone erano facevano la fila per ottenere minuscoli chip impiantati nelle loro mani.

Graafstra ha aperto un negozio nel mezzo di una sala espositiva all’Austin Convention Center in Texas ‘, dove il mese scorso si e` incontrato con diverse centinaia di altre persone che si definiscono “hacker del corpo” – individui che spingono i confini della tecnologia impiantabile per migliorare il corpo umano.

Il movimento evoca reazioni viscerali, sembra concentrarsi sulla sicurezza e sulle preoccupazioni etiche per poi rapidamente virare su domande fantascientifiche circa il confine tra umano e cyborg.

Graafstra è un pioniere del settore. Utilizzando il proprio corpo come cavia, ha progettato magneti sicuri dal punto di vista biologico e pure il microchip impiantato nella mano di A.J. Butt.

img_0132_custom-2106b94273d793933ffc0ff4038ee8caf14bb46f-s400-c85

A.J. Butt ha un microchip RFID impiantato nella mano destra.

I chip RFID impiantabili possiedono informazioni cifrate e i loro numeri ID univoci possono essere utilizzati per aprire porte o sbloccare lo smartphone del proprietario, ovvero cio` che voleva fare Butt.
Butt fece un respiro profondo. L’ago immerso nella pelle alla base del pollice, e un chip più grande di un chicco di riso che si faceva strada appena sotto la superficie.

Dall’altra parte, Sasha Rose, che gestiva uno stand sulla meditazione alla convention, osservava la fila di persone che asppettava di essere “chippata”.
Scosse la testa: Era la cosa piu` folle che avesse mai visto. Si chiese quali fossero le credenziali di Graafstra. Si trattava comunque di una procedura medica, siamo sicuri che il suddetto fosse un medico? I suoi clienti conoscono le potenziali conseguenze di trasportare informazioni personali su un dispositivo all’interno della loro pelle?

“La cosa piu` folle, in realtà, è che sono le persone a volerlo. Ecco perché è pazzesco per me “, ha detto Rose.
Di notte, molti dei congressisti si ritrovano in un club sulla Sixth Street ad Austin.

Graafstra era in compagnia di Ryan O’Shea, la cui compagnia Grindhouse Wetware, fece contorcere il popolo di internet quando all’inizio di quest’anno, pubblico` un video in cui vediamo l’operazione di innesto di uno dei suoi impianti chiamato Northstar. In esso, un uomo riceve una piccola incisione nella mano, la pelle viene poi sollevata con uno strumento metallico per produrre una cavità in cui è collocato un impianto sottocutaneo rotondo con cinque luci LED.

Il risultato appare distopico – l’incisione è cucita con filo nero, e le luci a LED fanno si che la pelle che ricopre il LED sia illuminata di rosso.

Gli hacker del corpo, tuttavia, vedono il mondo in modo diverso. Essi credono che la tecnologia abbia raggiunto un punto in cui puo` essere utilizzata per migliorare il corpo invece che semplicemente sistemarloimg_0105_custom-d7cab46647538c57d96535b1ed4c5ce02c19555d-s800-c85Un’opera in mostra alla festa del BodyHacking in Austin.

“Un paziente, un giorno, potrebbe chiedere al proprio medico: ‘I miei occhi funzionano bene, ma voglio un occhio che possa vedere a infrarossi. E voglio un occhio con lo zoom” ha detto Graafstra.

Quel tipo di futuro – in cui il corpo umano è migliorato grazie all’uso di tecnologia – è l’obiettivo di molti di questi esperimenti.

O’Shea ha detto che la Grindhouse Wetware sta usando il suo dispositivo a LED per verificare quanto tempo un dispositivo del genere possa rimanere attivo all’interno di un corpo.

Graafstra sostiene che il suo chip RFID è un piccolo tentativo di fondere l’identità digitale con l’identità fisica.

All’interno del club, un drone si librava sopra la pista da ballo. L’acciaio lucido e la musica dance elettronica hanno dato un tocco futuristico.

In piedi vicino al bar era Tony Salvador, che studia i valori sociali e come influenzano la tecnologia alla Intel. Era li per capire quando e se il “body hacking” sarebbe stato accettato pubblicamente.

A volte, ha detto, la tecnologia si muove troppo velocemente e supera di gran lunga i confini sociali accettati – per non parlare delle leggi. Ha sostenuto inoltre che cio` e` parte del motivo per cui i primi utilizzatori dei Google Glass vennero chiamati “glassholes.”

“Ha creato un equivoco sociale”, ha detto Salvador. “Non sapevano cosa stava succedendo.”

I filosofi, ci hanno lasciato a noi stessi.

Alva Noë, un filosofo presso l’Università della California, Berkeley e un collaboratore del blog NPR 13,7: Cosmos and Culture, ha scritto molto su quello che lui chiama “naturalità cyborghiana”. Non è d’accordo che i filosofi moderni non si interessino all’argomento, dicendo che e` necessario porsi 2 domande:

E ‘ OK fare a pezzi il corpo per questo tipo di esperiemnti?
Quanta tolleranza la società deve avere per migliorare artificialmente il corpo?

Alla prima domanda, Noë ha affermato di considerare il “body hacking” “eticamente preoccupante”.

La seconda domanda è più complicata.

“Noi non condanniamo le persone che utilizzano gli occhiali per vedere meglio,” ha detto. “Ma pensiamo sia discutibile assumere speed per lavorare in maniera piu` efficiente.”

Poiché questo tipo di giudizi sono una questione etica, tracciare una linea di tolleranza può non sempre essere facile, ha detto.

“Possiamo raggiungere consensi e poi perderli”, ha detto Noë. “Proprio come una volta c’era un consenso dove era accettato fumare per essere piu` produttivi ed efficaci, ora si tende a considerarla una pratica dannosa.”

Se c’è una rock star nel movimento del body-hacking, è Neil Harbisson, un artista daltonico di Barcellona che ha convinto un medico ad impiantargli una fotocamera nella parte posteriore della sua testa. L’antenna, come la chiama lui, sostanzialmente, permette a Harbisson di ascoltare i colori rilevando il colore dominante di fronte a lui per poi tradurlo in note musicali.

gettyimages-172854640_custom-92a8aa44a21039a198051002c8dfa5d44f11042a-s800-c85

Neil Harbisson, un artista di Barcellona, ​​ha una fotocamera impiantata nella parte posteriore della sua testa, che, dice, gli permette di ascoltare i colori

Secondo la sua versione, un comitato di etica medica in Europa avrebbe rifiutato di autorizzare l’operazione, ma un medico accetto` di eseguire l’intervento chirurgico in forma anonima. Harbisson si ritrovo` con una telecamera collegata ad un dispositivo sulla parte posteriore del cranio..

Mentre camminava per le strade di Austin, descrisse come percepiva il mondo: il semaforo rosso suonava come una A; l’erba verde sembrava un F.

Nel suo discorso alla conferenza, Harbisson disse che la prima volta che senti` quei colori nel sonno, si senti` veramente un cyborg. Ora, non è più identifico come umano, ma come “organismo cibernetico”.

“Se ci definiamo come organismi, improvvisamente il nostro gruppo è più ampio”, ha detto. “Siamo allo stesso livello di un insetto, o di un gatto, o di una pianta.”

Harbisson è ben consapevole di come il mondo lo percepisce. Si è trasferito da Barcellona a New York in cerca di “pace” con un altra amica del movimento transumanista, Moon Ribas. La Ribas ha un dispositivo elettronico nel braccio che vibrerebbe quando c’e` un terremoto nel mondo.

In più di una occasione, le persone hanno cercato di strappargli l’antenna, ha detto Harbisson. E`, in parte, anche per questo, che e` co-fondatore della Fondazione Cyborg a sostegno dei “diritti cyborg”.

Quando gli è stato chiesto se avesse mai pensato di togliersi l’antenna, Harbisson obiettò.

“Per me, è molto più forte, il desiderio di percepire ciò che è intorno a me, piuttosto che dare retta a certe persone” aggiungendo che forse, in futuro, anche lui sara` considerato normale.

Fonte

Rapporto dell’autopsia: Misteriose somiglianze tra le morti di Bobbi Kristina Brown e Whitney Houston

Oltre al fatto che entrambe Whitney Houston e la figlia Bobbi Kristina Brown vennero ritrovate a faccia in giù in una vasca da bagno, un nuovo rapporto dell’autopsia conclude che nel loro sangue scorreva la stessa miscela di farmaci.

leadchristina-702x336

Quanto più l’indagine sulla morte di Bobbi Kristina progredisce, più scopriamo i classici segni di un omicidio rituale, nascosto, dalle autorità compiacenti. Anche se tutto cio` potrebbe essere definito scandaloso dalla persona media, coloro che conoscono il lato oscuro dell’industria capiscono che è pienamente plausibile – e che molti fatti chiave puntano verso di esso.

Come ho evidenziato nel mio precedente articolo su questo caso, negli ultimi anni, Whitney Houston, divenne una di quelle ex stars in disaccordo con i vertici dell’industria dell’intrattenimento rimasta suo malgrado intrappolata in questo sistema tossico. Quando i problemi con la droga si unirono ad un esaurimento nervoso, ne segui` un rapida e incontrollabile discesa. Emersero innumerevoli segnalazioni di strani comportamenti, facendoci capire come il suo stato di schiavo del controllo mentale affliggesse la sua esistenza. In una rara intervista con Oprah, Whitney ha descritto la sua vita con Bobbi Brown:

Oprah: Pensavi che sarebbe successo qualcosa in quei giorni, costellati di droghe e follie mentre te ne stavi seduta per ore e giorni?

Whitney: Ci sono stati momenti in cui (Bobby Brown) distruggeva cose in casa. Vetri. Avevamo un ritratto gigante di me, lui e la bambina. Ha tagliato via la mia testa dal quadro. Roba del genere. E ho pensato: “Questo è davvero strano.”

E poi c’erano altre cose, comincio` a dipingere occhi nella mia camera da letto. Solo occhi.

Oprah: Ha iniziato a dipingere sui muri?

Whitney: Sì. Sui tappeti. Sulle mura. Sulle porte dell’armadio. Se aprivo la porta, ci sarebbe stata una foto. Quando la chiudevo ce ne era un’altra assieme ad occhi e volti. Era davvero strano. …

Oprah: Come hai reagito a tutto questo?

Whitney: Guardavo la situazione evolversi “Signore, cosa sta realmente succedendo?” Ho avuto paura perche` sentivo che qualcosa “stava per esplodere.”
– Oprah.com, “Whitney Houston Tells All

Insomma, fu il classico caso di una pedina del settore che pago` a caro prezzo la sua fama. Non diversamente da Michael Jackson, la vita di Whitney è stata troncata non appena comincio` a riprendere un po` di controllo sulla sua esistenza/carriera.

La morte di Whitney non e` stata sufficiente, sua figlia infatti, come vittima di una maledizione multi generazionale, perse la vita in circostanze esattamente simili. Lasciare madre e figlia a faccia in giù in una vasca da bagno è il tipo di “firma” che un serial killer avrebbe lasciato per collegare entrambi gli omicidi. Nuove informazioni, ora, confermano che le somiglianze vanno oltre le apparenti similitudini della scena del crimine.

STESSO COCKTAIL DI FARMACI

Il rapporto dell’autopsia conferma che sia Whitney Houston che Bobbi Kristina assunsero un cocktail di farmaci simile.

Il confronto dei reperti autoptici di Bobbi Kristina Brown e di sua madre, la cantante Whitney Houston, mostra similitudini che vanno al di là di ogni sospetto o dubbio.

I rapporti dicono che le donne avevano usato cocaina, marijuana e lo stesso farmaco di prescrizione usato per trattare l’ansia prima di essere ritrovate senza vita nella vasca da bagno, secondo WXIA-TV, 11Alive News, ad Atlanta.

La causa della morte della Brown fu polmonite lobare a causa degli effetti ritardati di una “encefalopatia ischemica ipossica” e “l’immersione del viso in acqua complico` ulteriormente l’intossicazione da farmaci”.

I reperti autoptici hanno rivelato un cocktail di farmaci: Marijuana, alcool (etanolo), benzoilecgonina (una sostanza correlata alla cocaina), benzodiazepine (farmaci usati per la sedazione o per trattare l’ansia), e morfina.
– Mass Live, Autopsy report: Many of same drugs found in Bobbi Kristina Brown, Whitney Houston cases

Non diversamente dalla maggior parte degli omicidi elitari, l’indagine sulla morte di Bobbi Kristina è confusa, e piena di contraddizioni. Il suo coma prolungato è la scusa perfetta per dire: “Non sapremo mai cosa sia successo realmente”. Il rapporto dell’autopsia afferma:

L’altra questione che si pone è  la modalità della morte. In altre parole, la morte e` avvenuta per cause naturali, come una malattia, un atto intenzionale, come suicidio o omicidio, una causa accidentale (incidente). La morte non fu chiaramente dovuta a cause naturali, ma il medico legale non è stato in grado di determinare se la morte fosse dovuta a cause intenzionali o accidentali, e ha quindi classificato la modalità della morte come “indefinita”.
– FCME, “Update on the Death of Bobbi Kristina Brown

Mentre l’indagine è tutt’altro che finita, alcune fonti sostengono che Nick Gordon potrebbe essere stato lo strumento utilizzato per ucciderla. Qualunque sia il caso, la morte di Bobbi Kristina va ben oltre Nick Gordon: È il lavoro di una forza oscura che è abbastanza potente da uccidere coloro che non gli vanno a genio… e farla franca.

Fonte