Archivi Blog

Human Rights Watch: La Cina e` un pericolo per la liberta` globale

L’agenzia avverte di “un futuro distopico in cui nessuno è al di fuori della portata dei censori cinesi”

L’organizzazione non governativa Human Rights Watch ha avvertito mercoledì che se la Cina continua a non essere controllata, minaccia di schiavizzare l’intera popolazione mondiale e distruggere la liberta` cosi` come la conosciamo.

Nel suo rapporto annuale, il think tank ha avvertito che il governo comunista cinese sta usando la tecnologia, la censura e la repressione violenta in misura così efficace da minacciare di minare i diritti umani fondamentali per sempre.

“Pechino ha a lungo represso la critica interna. Ora il governo cinese sta cercando di estendere tale censura al resto del mondo “, ha concluso il rapporto di 652 pagine.

HRW ha dichiarato che la Cina è ora impegnata nell’attacco più intenso di sempre alla libertà e che il governo del presidente Xi Jinping sta eseguendo “l’oppressione più brutale e pervasiva che la Cina ha visto da decenni”, inclusa l’implementazione di un “sistema di sorveglianza da incubo” “Nella provincia dello Xinjiang”.

Il rapporto sottolinea come la Cina stia usando la sua potenza per mettere a tacere sistematicamente dissidenti politici, gruppi religiosi e minoranze etniche.

Il rapporto è così dannoso che Pechino ha vietato al direttore esecutivo di HRW, Kenneth Roth, di recarsi a Hong Kong per partecipare a un evento.

Il rapporto ha anche criticato l’ONU, altri paesi e le multinazionali per non aver fatto abbastanza per resistere alla Cina, accusandoli di essere “complici disponibili”, di “abilitare” la repressione e chiudere un occhio su “un futuro distopico in cui nessuno è al di fuori della portata dei censori cinesi. ”

“Lungi dall’essere respinto come un paria globale, il governo cinese è corteggiato in tutto il mondo, il suo presidente non eletto riceve trattamenti da tappeto rosso ovunque vada, e il paese ospita eventi prestigiosi, come le Olimpiadi invernali del 2022”, ha osservato Roth.

“L’obiettivo è quello di rappresentare la Cina come aperta, accogliente e potente, anche se si sta trasformando in una autocrazia sempre più spietata”, ha aggiunto.

“Mentre altri governi commettono gravi violazioni dei diritti umani, nessun altro governo flette i suoi muscoli politici con tale vigore e determinazione per minare le norme e le istituzioni internazionali sui diritti umani”, ha affermato Roth.

Il rapporto ha anche criticato gli Stati Uniti, ma ha ammesso che “l’amministrazione Trump è un governo che è stato disposto a resistere alla Cina”.

Gli avvertimenti arrivano mentre Trump continua a spingere per le restrizioni sulla tecnologia cinese, tra cui l’esclusione di Huawei Technologies dall’accordo commerciale e la messa a terra di oltre 1.000 droni civili, a causa dei timori di spionaggio perché usano la tecnologia cinese.

Continuano anche a emergere dettagli riguardo alle affermazioni di un ex appaltatore Microsoft anonimo secondo cui il governo cinese è in grado di accedere e ascoltare le conversazioni su Skype e l’audio di Cortana.

“I loro conti bancari esteri dovrebbero essere congelati. Dovrebbero temere di essere perseguiti per i loro crimini. ” Chiede il rapporto HRW.

“Le società cinesi che costruiscono e aiutano a gestire i campi di detenzione nello Xinjiang e qualsiasi azienda che sfrutti il ​​lavoro dei prigionieri o fornisca l’infrastruttura di sorveglianza e l’elaborazione di grandi quantità di dati, dovrebbe essere esposta e costretta a fermarsi”, conclude il rapporto.

Fonte

Il candidato democratico per le elezioni americane del 2020 che vuole un sistema di credito sociale finanziato dallo Stato e simile a quello cinese

L’imprenditore newyorkese e il candidato democratico 2020 Andrew Yang vuole implementare un sistema in cui un’applicazione mobile gestita dal governo ricompensa gli americani con “crediti sociali digitali” (DSC) quando si comportano bene.

Gli americani riceverebbero DSC sotto il sistema di Yang per cose come “partecipare a una fiera cittadina”, “riparare l’apparecchio di un vicino” o “tutorare uno studente”, spiega il sito web della campagna presidenziale.

“Man mano che le persone accumulano DSC, avranno sia un saldo permanente che hanno guadagnato nel corso della loro vita sia un saldo attuale. Potrebbero incassare punti per esperienze, acquisti con i venditori partecipanti, supporto per cause e trasferire punti ad altri per occasioni speciali “, afferma Yang sul suo sito web. “Man mano che il loro saldo permanente aumenta, potrebbero qualificarsi per vari benefici come partecipare ad una gara locale, fare da pubblico con il loro rappresentante locale o incontrare l’atleta o la celebrità più civica del loro stato”.

“Il più socialmente distaccato ignorera` tutto questo”, ha aggiunto. “Ma molte persone amano le ricompense e sentirsi apprezzati.”

Il piano di credito sociale di Yang presenta alcune analogie con il sistema di credito sociale implementato dal governo autoritario cinese.

Ad ogni cittadino in Cina viene assegnato un punteggio di credito sociale che determina se è possibile acquistare biglietti aerei o ferroviari.

A differenza del sistema cinese, il piano di Yang non include l’utilizzo del credito sociale digitale per le misure punitive.

Il presidente della campagna Matt Shinners ha sottolineato in una e-mail alla The Daily Caller News Foundation che il sistema di Yang manca dell’elemento coercitivo presente nel sistema di credito sociale cinese:

La mia comprensione del sistema cinese (che è certamente limitato) è che si tratta più di un rating imposto esternamente sulla base di una serie di fattori non opt-in, quasi come un rating del credito, e raccoglie informazioni dalla sorveglianza pubblica, economiche e le attività sui social media, ecc. per creare un “punteggio” che, eventualmente, potrebbe essere usato per “mandare sul lastrico” le persone. Secondo la mia comprensione, il sistema cinese è più un punteggio che un sistema di crediti.

La piattaforma di Andrew richiede un sistema molto più simile al time banking o ai punti che le persone guadagnano con le loro carte di credito. Non esiste un monitoraggio generale delle singole attività e non ci sono controlli dei siti di social media per vedere cosa fanno le persone. Invece, attività come il volontariato o l’aiuto ai tuoi vicini possono farti guadagnare crediti che possono essere scambiati con altri per ricevere un aiuto simile. Per esempio, trascorrere 4 ore / settimana ad allenare una squadra di hockey nella mia comunità, e uso i crediti che guadagno per avere un elettricista locale (che potrebbe avere un bambino nella squadra) per aiutarmi ad installare un apriporta per garage. Ci sarebbe anche il sostegno del governo federale per la conversione in valuta (che sarebbe tassata), o scambiata per attività “divertenti” .

Fonte

La Apple inizia ad utilizzare “Trust Scores” sui suoi utenti

Queste informazioni non saranno probabilmente una sorpresa per chiunque abbia prestato attenzione alla crescente propensione dei Big Tech a violare la privacy degli utenti e utilizzare i loro dati per motivi discutibili, ma eccoci qui.

Due giorni fa, il sito web di tecnologia Venture Beat ha notato strane novita` nell’ultimo aggiornamento della policy sulla privacy di Apple:

La promessa di trasparenza di Apple in merito ai dati degli utenti significa che qualsiasi nuovo aggiornamento della policy sulla privacy potrebbe rivelare che la compagnia sta facendo qualcosa di nuovo e strano con i tuoi dati. Oltre alle versioni di iOS 12, tvOS 12 e watchOS 5 di ieri, Apple ha aggiornato silenziosamente alcuni dei termini e delle informazioni sulla privacy di iTunes Store, inclusa una clausola straordinaria: ora utilizza un riassunto astratto delle chiamate o delle e-mail come misura anti-frode .

La disposizione, che appare nelle finestre di iTunes Store e Privacy dei dispositivi iOS e tvOS, dice:

Per aiutare a identificare e prevenire le frodi, le informazioni su come si utilizza il dispositivo, compreso il numero approssimativo di chiamate telefoniche o e-mail che si inviano e ricevono, verranno utilizzate per calcolare un punteggio di affidabilità del dispositivo quando si tenta un acquisto. I punteggi sono memorizzati per un tempo fisso sui nostri server.

Venture Beat sottolinea che questa disposizione è insolita, in parte perché include i televisori Apple, che non hanno la possibilità di effettuare chiamate o inviare e-mail.

Non è chiaro in che modo Apple raccoglierà i dati e

Non è altrettanto chiaro come registrare e tenere traccia del numero di chiamate o di e-mail che attraversano l’iPhone, l’iPad o l’iPod di un utente possa consentire ad Apple di verificare l’identità di un dispositivo piuttosto che controllare il suo identificatore univoco. Ognuno di questi dispositivi ha sia numeri seriali che identificativi pubblicitari unici, mentre iPhone e iPad hanno anche schede SIM con altri codici specifici del dispositivo.

Un portavoce di Apple ha contattato Venture Beat e ha confermato che il punteggio di affidabilità del dispositivo è un aggiornamento incluso in iOS 12. È stato progettato per rilevare le frodi negli acquisti di iTunes e per ridurre i falsi positivi nel rilevamento delle stesse. “Apparentemente offre a Apple una maggiore probabilità di determinare con precisione se il contenuto viene acquistato dall’acquirente con un nome effettivo”, spiega Venture Beat.

Apple afferma che continuerà a proteggere i dati e la privacy degli utenti e che i dettagli delle chiamate e delle e-mail non verranno raccolti. I dati saranno conservati per un “periodo limitato”.

Sappiamo già che giganti della Big Tech come Facebook e Google raccolgono e archiviano enormi quantità di dati degli utenti.

Parlando di Facebook, ad agosto è stato rivelato che la piattaforma dei social media valuta gli utenti in base alla loro “affidabilità”, come riportato da Engadget:

Tessa Lyons della compagnia ha rivelato al Washington Post che sta iniziando ad assegnare punteggi di reputazione agli utenti su una scala da  zero a uno. Il sistema ha lo scopo di aiutare nella lotta di Facebook alle fake news segnalando le persone che regolarmente fanno false dichiarazioni, sia che si tratti di un disaccordo ideologico o di un rancore personale. Questo non è l’unico modo in cui Facebook misura la credibilità, secondo Lyons – è solo una delle migliaia di indicatori di comportamento che Facebook sta usando.

Quali altri criteri misura Facebook per determinare il punteggio di un utente? Tutti gli utenti hanno un punteggio? Come vengono utilizzati i punteggi? Queste sono domande che rimangono senza risposta.

Facebook non rivelerà esattamente come valuta gli utenti, sostenendo che farlo potrebbe dare un vantaggio ai “cattivi utenti” che poi ingannerebbero il sistema.

Come ha recentemente sottolineato la scrittrice Engadget Violet Blue,

La società che ha la reputazione meno affidabile di tutte valuta l’affidabilità dei suoi utenti. Saremmo pazzi a pensare che non lo faccia da sempre specialmente in alcune aree. Alcuni animali sono più uguali di altri. Il fatto è che Facebook ha deciso da tempo chi era più affidabile – i suoi veri clienti, i suoi inserzionisti.

Le persone stanno abbandonando le piattaforme di social media, in particolare Facebook, in numeri da record, in parte perché sono state esposte così tante violazioni della privacy e pratiche di raccolta dei dati.

Questo e` un chiaro egnale che l’umanità si sta dirigendo verso un sistema di classificazione stile Credito Sociale cinese, in stile comunista.. Solo due giorni fa, ho pubblicato un articolo sul Social Credit Score cinese e sul suo futuro distopico, questo dimostra quanto in fretta l’agenda del nwo si sta muovendo”.

Se hai guardato la serie Netflix Black Mirror – in particolare, l’episodio chiamato Nosedive – in cui viene rappresentato l’uso crescente dei sistemi di rating del credito sociale e dei “punteggi di fiducia” il tutto ti sembrera` stranamente e terribilmente famigliare.

Se non è il governo a spiarci, lo fanno le compagnie private. La linea di sorveglianza sta diventando sempre più sfocata, poiché le aziende tecnologiche forniscono sempre più dati degli utenti (a volte forzati, a volte non) ai governi su richiesta. Edward Snowden ha esposto l’esistenza di PRISM, in base al quale l’Agenzia per la sicurezza nazionale (NSA) accede a e-mail, documenti, fotografie e altri dati sensibili degli utenti memorizzati dalle principali società. I documenti trapelati da Snowden hanno rivelato che Facebook, Google, Microsoft, Yahoo, PalTalk, AOL, Skype, YouTube e Apple forniscono alla NSA l’accesso diretto alle informazioni dei propri utenti.

Fonte

La Cina e il Social Credit Score

Con una mossa agghiacciante ma non sorprendente, la Cina comunista cerca il controllo definitivo sulla popolazione introducendo una scorecard che presumibilmente terrà sotto controllo il pubblico. Questo nuovo Grande Fratellomonitorerà tutti i cittadini 24 ore su 24 e terra` un “punteggio” delle loro attività.

Il piano del Partito Comunista in Cina è che ognuno dei suoi 1,4 miliardi di cittadini sia monitorato in un sistema di credito sociale distopico, che sara` completamente attivo a partire dal 2020.

Secondo News.com.au, un programma pilota attivo ha già visto milioni di persone a cui è stato assegnato un punteggio di 800. Quelle persone o trarranno beneficio da un punteggio elevato o subiranno le conseguenze di un basso punteggio sociale.

I dati sono combinati con le informazioni raccolte dai registri governativi delle persone, che includono informazioni mediche ed educative, insieme alle loro attivita` finanziarie e cronologia di Internet. I punteggi complessivi possono aumentare o diminuire in “tempo reale” in base al comportamento della persona, ma possono anche essere influenzati dalle persone vicine.

“Se il tuo migliore amico o tuo padre dice qualcosa di negativo sul governo, perderai anche tu punti”, riferisce l’ABC. I cinesi saranno ritenuti colpevoli per associazione e non più in grado di parlare della propria oppressione.

La partecipazione al sistema di “credito sociale” è stata annunciata per la prima volta nel 2014 ed è obbligatoria. Il governo sta tentando di controllare le azioni del pubblico nel tentativo di rafforzare l’idea che “mantenere la fiducia è positivo e rompere la fiducia è negativo”, secondo un documento governativo.

“Se le persone mantengono le promesse, possono andare ovunque nel mondo”, ha detto il direttore generale di Tianjin, Jie Cong.

Per Jie, è tutto o bianco o nero senza zone grigie.

“Se le persone non mantengono le loro promesse non saranno in grado di muoversi di un centimetro!”

Le penalità per un punteggio basso vanno dalla perdita del diritto di viaggiare in aereo o in treno, alle sospensioni dai social media e all’essere esclusi dai lavori governativi, secondo Business Insider. Il giornalista cinese Liu Hu è uno dei milioni che ha già accumulato un basso rating sociale. Liu Hu è stato arrestato, incarcerato e multato dopo aver denunciato la corruzione del governo.

 “Il governo mi considera un nemico”, ha detto Liu Hu all’ABC.

Fonte