Archivi categoria: 2012

2012: Il mondo sull’orlo del precipizio

Mentre ci prepariamo ad iniziare il 2012, ci ritroviamo a dover affrontare numerose questioni cruciali

Economia: L’implosione dell’economia studiata a tavolino dai banchieri -iniziata nel 2008 con il crollo del mercato immobiliare – crescerà probabilmente per tutto il 2012. Il contagio si diffonderà nella eurozona, abbattendo le economie globali. Ci sarà ovunque una diminuzione della sovranità nazionale. L’élite globale come soluzione è pronta ad offrire il suo governo mondiale e il suo sistema bancario come “farmaco miracoloso”; il prossimo anno, inoltre, aumenteranno le pressioni per portare a termine il subdolo piano dell’elite.

Guerra: Il 2012 sarà probabilmente l’anno in cui i globalisti compieranno la loro mossa contro l’Iran andando anche ad attacare la Siria. Durante la scorsa settimana l’Iran ha dichiarato senza mezzi termini che il suo esercito interromperà il traffico di petrolio del Golfo Persico, bloccando lo Stretto di Hormuz se verranno applicate nuove sanzioni sul gas. La capacità dell’Iran di intensificare e aggravare la crisi economica globale, facendo scendere in campo super-potenze nucleari come la Cina e la Russia nella prossima catastrofica guerra fa tutto parte della realizzazioni per estrarre l’ordine dal chaos.

Il NDAA: Il National Defense Authorization Act sancisce che l’élite globale è ora pronta non solo a stanare ed imprigionare gli americani nei campi di internamento – prigioni a lungo pianificate e recentemente attivate dalla FEMA – ma anche ad assassinare gli oppositori ed attaccare degli obiettivi specifici in una cyber guerra contro nemici interni allo Stato. Questo trend si diffonderà il prossimo anno, soprattutto se verrà dichiarata guerra all’Iran. Il governo richiede invariabilmente fedeltà e sottomissione mentre si avventura nella solita predica noi contro loro mascherato da patriottismo.

Fonte

 

Annunci

Bilderberg 2011: Lista dei partecipanti (aggiornata 11/06/11)

Come consuetudine anche quest’anno purtroppo si svolge il ritrovo del Bilderberg club, in Svizzera a St Moritz.

Suvretta House il luogo dell’incontro

Rockefeller mentre si dirige verso l’hotel Suvretta House

La lista ufficiale degli invitati di quest’anno:

BELGIO
Coene, Luc, Governatore della Banca Nazionale del Belgio
Davignon, Etienne, Ministro di Stato
Leysen, Thomas, Presidente della Umicore

CINA
Fu, Ying, Vice Ministro degli Affari Esteri
Huang Yiping, Professore di Economia al Centro Cinese per la Ricerca Economica, Università di Pechino

DANIMARCA

Anders Rasmussen – Segretario generale della Nato (new!)

Eldrup, Anders, Amministratore Delegato, DONG Energy
Federspiel, Ulrik, Vice Presidente, Global Affairs, Haldor Topsoe A / S
Schütze, Peter, membro della direzione del gruppo della Nordea Bank AB

GERMANIA

Angela Merkel – Cancelliere Tedesco (new!)

Ackermann, Josef, presidente del consiglio di amministrazione e del Comitato Esecutivo del Gruppo, Deutsche Bank
Enders, Thomas, CEO di Airbus SAS
Löscher, Peter, Presidente e CEO di Siemens AG
Nass, Matthias, capo corrispondente internazionale, Die Zeit
Steinbrück, Peer, membro del Bundestag, ex Ministro delle Finanze

FINLANDIA
Apunen, Matti, Direttore del forum finlandese sulle politiche e sul Business EVA
Johansson, Ole, Presidente, Confederazione delle industrie finlandesi EK
Ollila, Jorma, presidente, Royal Dutch Shell
Pentikainen, Mikael, Publisher e Senior Editor-in-Chief della Helsingin Sanomat

FRANCIA
Baverez, Nicolas, Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP
Bazire Nicolas, Managing Director gruppo Arnault / LVMH
Castries, Henri de, Presidente e CEO di AXA
Lévy, Maurice, Presidente e CEO di Publicis Groupe SA
Montbrial, Thierry de, Presidente, Istituto Francese delle Relazioni Internazionali
Roy, Olivier, professore di teoria sociale e politica, Istituto universitario europeo

GRAN BRETAGNA
Agius, Marcus, presidente di Barclays PLC
Flint, Douglas J., Presidente del Gruppo, HSBC Holdings
Kerr, John, membro della Camera dei Lord, Vice Presidente, Royal Dutch Shell
Lambert, Richard, amministratore indipendente non esecutivo, Ernst & Young
Mandelson, Peter, membro della Camera dei Lord, presidente, Counsel Global
Micklethwait, John, Editore capo, The Economist
Osborne, George, il Cancelliere dello Scacchiere
Stewart, Rory, membro del Parlamento
Taylor, J. Martin, presidente, Syngenta International AG

GRECIA
David, A. George, presidente, Coca-Cola H.B.C. S.A.
Hardouvelis, Gikas A., Capo Economista e Direttore della Ricerca, Eurobank EFG
Papaconstantinou, George, Ministro delle Finanze
Tsoukalis, Loukas, Presidente, ELIAMEP grisons

ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI
Almunia, Joaquín, Vice Presidente, Commissione Europea
Daele, Frans van, Capo di Stato Maggiore alla presidenza del consiglio europeo
Kroes, Neelie, Vice Presidente, Commissione europea, Commissario per l’Agenda sul digitale
Lamy, Pascal, Direttore Generale, Organizzazione mondiale del commercio
Rompuy, Herman van, Presidente, Consiglio europeo
Sheeran, Josette, Direttore Esecutivo, United Nations World Food Programme
Solana Madariaga, Javier, Presidente del Centro ESADEgeo per l’Economia Globale e Geopolitica
Trichet, Jean-Claude, Presidente, Banca centrale europea
Zoellick, Robert B., presidente, The World Bank Group

IRLANDA
Gallagher, Paul, Senior Counsel, ex avvocato generale
McDowell, Michael, Senior Counsel; ex Vice Ministro Primo
Sutherland, Peter D., presidente, Goldman Sachs International

ITALIA
Bernabè, Franco CEO, Telecom Italia SpA
Elkann, John, Presidente, Fiat S.p.A.
Monti, Mario, Presidente, Università Commerciale Luigi Bocconi
Scaroni, Paolo, CEO, Eni S.p.A.
Tremonti, Giulio, Ministro dell’Economia e delle Finanze

CANADA
Carney, J. Mark, Governatore della Banca del Canada
Clark, Edmund, Presidente e CEO di TD Bank financial group
McKenna, Frank, vicepresidente, TD Bank Financial Group
Orbinksi, James, professore di Medicina e Scienza Politica, Università di Toronto
Prichard, J. Robert S., presidente, Torys LLP
Reisman, Heather, presidente e CEO di Indigo Books & Music Inc. Center, Brookings Institution

PAESI BASSI
Bolland, Marc J., direttore esecutivo, Marks & Spencer Group plc
Chavannes, Marc E., giornalista politico, NRC Handelsblad, professore di giornalismo
Halberstadt, Victor, Professore di Economia, Università di Leiden, ex Segretario Generale Onorario dei Bilderberg Meetings
Sua Maestà la Regina dei Paesi Bassi
Rosenthal, Uri, Ministro degli Affari Esteri
Winter, W. Jaap, Partner, Brauw De Blackstone Westbroek

NORVEGIA
Myklebust, Egil, ex presidente del Consiglio di Amministrazione SAS, sk Hydro ASA
Il principe ereditario di Norvegia Haakon
Ottersen, Ole Petter, Rettore, Università di Oslo
Solberg, Erna, Leader del Partito Conservatore

AUSTRIA
Bronner, Oscar, CEO e Publisher, Medien AG Standard
Faymann, Werner, Cancelliere federale
Rothensteiner, Walter, presidente del consiglio di amministrazione della Raiffeisen Zentralbank Österreich AG
Scholten, Rudolf, membro del Consiglio di Amministrazione esecutivo, Oesterreichische Kontrollbank

PORTOGALLO
Balsemão, Francesco Pinto, Presidente e CEO di Impresa, SGPS, ex Primo Ministro
Ferreira Alves, Clara, Amministratore Delegato, Claref LDA; scrittore
Leite Nogueira, Antonio, membro del Consiglio, José de Mello Investimentos, SGPS, SA

SVEZIA
Mordashov, Alexey A., CEO di Severstal
Bildt, Carl, Ministro degli Affari Esteri
Björling, Ewa, Ministro del Commercio
Wallenberg, Jacob, Presidente di Investor AB

SVIZZERA
Peter Brabeck-Letmathe, presidente, Nestlé SA
Hans Groth, Senior Director, Healthcare Policy & Market Access, Business Unit Oncology, Pfizer Europe
Janom Steiner, Barbara, Capo del Dipartimento della Giustizia, sicurezza e salute, Canton
Kudelski, André, Presidente e Amministratore Delegato, Gruppo Kudelski SA
Leuthard, Doris, consigliere federale
Schmid, Martin, Presidente, Governo del Canton Grisons
Schweiger, Rolf, Ständerat
Soiron, Rolf, presidente del consiglio di amministrazione, Holcim Ltd., Lonza Ltd.
Vasella, Daniel L., presidente, Novartis AG
Witmer, Jürg, Presidente, SA Givaudan e Clariant AG

SPAGNA

Jose Luis Zapatero – Primo ministro spagnolo (new!)

Cebrian, Luis Juan, Amministratore Delegato, PRISA
Cospedal, María Dolores de, Segretario Generale, Partido Popular
León Gross, Bernardino, Segretario Generale della Presidenza spagnola
Nin Génova, Juan María, Presidente e CEO, La Caixa
La Regina Sofia di Spagna

TURCHIA
Ciliv, Süreyya, CEO di Turkcell Iletisim Hizmetleri AS
Gülek Domac, Tayyibe, ex ministro di Stato
Koç, Mustafa V., presidente, Koç Holding A.Ş.
Pekin, Sefika, socio fondatore, Pekin & Law Firm Bayar

STATI UNITI

Bill Gates – Ex Ceo Microsoft, Capo della fondazione Gates (new!)

Robert Gates – Segretario della difesa USA (new!)
Alexander, B. Keith, Comandante, USCYBERCOM, Direttore, Agenzia Nazionale di Sicurezza
Altman, C. Roger, presidente, Evercore Partners Inc.
Bezos, Jeff, Fondatore e CEO di Amazon.com
Collins, Timothy C., Amministratore Delegato, Ripplewood Holdings, LLC
Feldstein, Martin S., Professore di Economia, Università di Harvard
Hoffman, Reid, Co-fondatore e presidente esecutivo, LinkedIn
Hughes, Chris R., co-fondatore di Facebook
Jacobs, Kenneth M., Chairman & CEO di Lazard
Johnson, James A., Vice Presidente, Perseus, LLC
Jordan, Jr., Vernon E., Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC
Keane, John M., Senior Partner, Partner SCP; Generale dell’US Army, in pensione
Kissinger, Henry A., presidente, Kissinger Associates, Inc.
Kleinfeld, Klaus, Presidente e CEO di Alcoa
Kravis, R. Henry, co-presidente e co-CEO, Kohlberg, Roberts & Co.
Kravis, Marie-Josée, Senior Fellow, Hudson Institute, Inc.
Li Cheng, Senior Fellow e direttore della ricerca del John L. Thornton Cina Center, Brookings Institution
Mundie, Craig J., Chief Research e Strategy Officer, Microsoft Corporation
Orszag, Peter R., Vice Presidente, Citigroup Global Markets, Inc.
Perle, Richard N., Resident Fellow, American Enterprise Institute for Public Policy Research
Rockefeller, David, ex presidente, Chase Manhattan Bank
Rose, Charlie, Executive Editor e Anchor della Charlie Rose
Rubin, Robert E., Co-Presidente del Council on Foreign Relations, ex segretario del Tesoro
Schmidt, Eric, presidente esecutivo, Google Inc.
Steinberg, James B., Vice Segretario di Stato
Thiel, Peter A., presidente, Clarium Capital Management, LLC
Varney, A. Christine, assistente del procuratore generale per l’Antitrust
Vaupel, James W., direttore e fondatore, Istituto Max Planck per la ricerca demografica
Warsh, Kevin, ex governatore, Federal Reserve Board
Wolfensohn, James D., presidente, Wolfensohn & Company, LLC

Fonte

Germania: Scoperto nuovo teschio di cristallo

Un misterioso teschio di cristallo è stato ritrovato in Germania. Si pensa appartenesse al capo delle SS Heinrich Himmler.

Il manufatto, rinvenuto in una casa di un villaggio in Baviera, ha richiamato l’attenzione dei cacciatori di tesori.

Credono possa essere una parte di un tesoro più grande, proprietà, un tempo, di uno dei più malvagi uomini della Germania nazista.

Le indicazioni, suggeriscono che il teschio faceva parte di una serie di manufatti adorati dalle antiche culture Maya in quello che oggi è il Messico – questi teschi rappresentano, secondo le suddette culture, la chiave per fermare la fine del mondo del prossimo anno.

Himmler, che ha supervisionato lo sterminio degli ebrei, fù affascinato dai miti e dalle leggende delle antiche culture, fino al momento del suo suicidio dopo essere stato catturato dagli inglesi.

Finanziò spedizioni alla Indiana Jones in tutto il mondo alla ricerca della prova che sostenesse la “supremazia” dell’uomo ariano.

Il cranio, pesa circa 9 kg, ed ha lo stesso design dei teschi raffigurati sulle uniforme degli scagnozzi di Himmler.

È stato trovato nella casa di una vecchia signora, dopo che ella si sposò con un alto ufficiale delle SS, ora è nelle mani del giornalista svizzero Luc Burgin, che ha detto: “Sono sicuro al 99% che questo sia uno dei teschi Maya , ma abbiamo bisogno di maggior chiarezza e di tutte le prove disponibili per accettarne definitivamente l’autenticità. ”

I Maya costruirono 13 teschi di cristallo, nove dei quali vennero colorati a rappresentanza delle razze degli uomini, mentre quattro, lasciati trasparenti rappresenterebbero “le bestie che camminano, strisciano e volano”.

Sono stati inviati nei loro luoghi di “origine” fino al momento in cui sarà necessario riunirli tutti per evitare la catastrofe che l’uomo dovrebbe scatenare sul pianeta.

I Maya, astronomi dotati e matematici, hanno calcolato una data per questa “fine dei tempi” – il solstizio d’inverno, del 21 dicembre 2012

Potrebbe interessati questo articolo (18 novembre 2010)

Fonte

8 strani cambiamenti planetari che dovrebbero attirare la nostra attenzione

1 – COLLASSO AMBIENTALE

L’ambiente è stato sottoposto ad un degrado ambientale. Il nostro sistema economico può essere paragonato a Pac-Man che divora tutto quello che vede fino a quando non finisce il gioco, solo che Pac-Man non produce la quantità di rifiuti che produce la nostra economia. Inoltre, non possiamo semplicemente resettare il tutto, il danno è già stato fatto. Dal business dell’agricoltura chimico industriale che distrugge il suolo, l’acqua e la fauna selvatica su larga scala, passando per l’eccessiva pesca oceanica, il disastro petrolifero del golfo del Messico, le scie chimiche, le miniere a cielo aperto,all’estrazione di gas naturali, alla tossicità dell’acqua e alle conseguenze che ne derivano, il nostro intero habitat sembra avere una urgente necessità di essere guarito se pensiamo di voler mantenerne la vita che lo permea. Gli ambientalisti seri dovrebbero svegliarsi dalla loro “scomoda” trance e realizzare che c’è molto di più da fare per salvare l’ecosistema che semplicemente ridurre la produzione di CO2.

2 RECORD DELL’ATTIVITA’ TETTONICA

Alcuni ricercatori nell’ambito dei terremoti hanno sottolineato il dimostrabile aumento dei terremoti che nel 2010 ha fatto toccare livelli da record. Il sisma in Cile ha scosso il pianeta, facendoci perdere una piccola frazione del nostro anno. Questo aumento di attività è esattamente ciò che aveva previsto il ricercatore scientifico, Lawrence Joseph, il quale documentò nel suo libro, Apocalisse 2012, come il nostro intero sistema solare stia attraversando una nube interstellare di energia, che produrrebbe significativi cambiamenti nella Terra osservabili a partire dal 2009. Il rinomato fisico, Michio Kaku, ha recentemente avvertito che gli enormi terremoti che ultimamente stanno colpendoci stanno mettendo a rischio anche le città in cui viviamo, il che aumenta l’entità del pericolo. In aggiunta a questi cambiamenti, è sempre più evidente che l’attività umana e in particolare quella dell’estrazione del gas – in particolare in Arkansas – potrebbe aver dato origine a degli sciami sismici in una regione che non è normalmente attiva. Ora apprendiamo che la FEMA sta acquistare grandi quantità di MRE, coperte, sacchi per i cadaveri e altre provigioni in previsione alla potenziale catastrofe che potrebbe avvenire lungo la faglia di New Madrid.

3 – INVERSIONE POLI MAGNETICI

Vi sono prove evidenti che in tutta la storia i poli magnetici si siano spostati e addirittura invertiti. Una delle tante funzioni del campo magnetico terrestre è quella di essere una bussola naturale per gli animali che si basano su di esso per la navigazione. Una seconda funzione sarebbe quella di fungere da barriera protettiva contro le eruzioni solari e le radiazioni spaziali. Le notizie recenti sono condite da morie di uccelli e pesci, di balene spiaggiate, del collasso delle colonie di api e degli animali morti in tutto il mondo. Molte teorie sono state avanzate relative a eventi localizzati, ma la natura globale e generale delle morie potrebbe essere meglio indicata da una fonte onnicomprensiva, a soluzione dell’enigma, come lo spostamento dei poli. Un interessante articolo su SOTT afferma che “esiste una certa correlazione tra le inversioni magnetiche, le ere glaciali, l’innalzamento del livello del mare “. Non vi è dubbio che il polo nord magnetico si stia muovendo rapidamente verso la Russia. La questione è se ciò porterà ad un cataclisma, o se sarà solo il preambolo di una lunga serie di cambiamenti, come nella recente chiusura della pista dell’aeroporto, che richiederà all’umanità di adattarsi in modi più sottili.

4 L’ATTIVITA’ VULCANICA

Le recenti allerte per quanto riguarda l’innalzamento del terreno circostante al parco di Yellowstone, situato su uno dei vulcani più grandi del mondo, sono aumentate esponenzialmente. Insieme ai terremoti, anche le eruzioni vulcaniche hanno drammaticamente aumentato la loro attività. Durante tutto l’Anello di Fuoco, i vulcani dormienti si sono scatenati, e altri stanno accrescendo la loro attività. Questa è un’altra indicazione di come la Terra stia subendo un cambiamento globale, che alla meglio richiederà a grandi masse di trasferirsi da un territorio ad un altro, e che alla peggio potrebbe minacciare l’intera civiltà.

5 – CLIMA ESTREMO

Tom Engelhardt ha recentemente scritto: “D’ora in poi, l’aumento dei prezzi, potenti tempeste, siccità e inondazioni e altri eventi imprevisti potranno giocare un ruolo catastrofico nel tessuto della società globale”. Engelhardt prevede che i prezzi elevati del petrolio, così come scarsità di cibo porteranno sicuramente a sommosse in tutto il mondo. Le condizioni climatiche estreme che stanno devastando sempre più il pianeta in questi ultimi anni sono frutto probabilmente di uno o di più cambiamenti descritti in questo elenco. Tuttavia, gli effetti sono un segno tangibile che il clima della Terra stia in qualche modo cambiando. Le siccità e le alluvioni accadono in luoghi insoliti con più intensità, e duri inverni artici stanno insolitamente martellando Europa, gli Stati Uniti e altri paesi. Se accettiamo che questo tipo di eventi meteorologici siano la norma, allora la civiltà dovrà per lo meno adattare i propri metodi e luoghi di produzione alimentare. Stiamo già subendo un pedaggio importante sul prezzo degli alimenti, che potrebbe rapidamente diventare una crisi alimentare mondiale nel 2011.

6 – CORRENTI OCEANICHE PIU’ DEBOLI

La circolazione termoalina (THC) è il nastro trasportatore degli oceani del mondo, trasferisce cioè il calore dalle acque equatoriali alle regioni più fresche. Le correnti oceaniche indebolite sono la causa del freddo estremo in Europa e del clima mite in Groenlandia. Come drammaticamente mostrato nel film The Day After Tomorrow quando la Corrente del Nord Atlantico si interrompe, così anche il clima globale subisce devastanti ripercussioni. Nonostante i picchi record del calore estivo, alcuni credono che gli inverni più lunghi e più duri e i cambiamenti nelle correnti oceaniche potrebbero causare una nuova era glaciale. Questa sottostimata forza è così potente che anche piccoli cambiamenti costringerebbero l’umanità a riscoprire i suoi tratti nomadi.

7 – ANOMALIE GALATTICHE

I reportage ci dicono che il sole sorge due giorni prima in Groenlandia e che due soli potranno essere visibili dalla Terra nel 2012 – lo stesso anno della fine del calendario Maya galattico e del ritorno di un pianeta mitico nel nostro sistema solare binario – tutto questo sembra rendere i libri scolastici di Scienze della Terra obsoleti. Molti hanno speculato sulle ramificazioni dell’avvicinarsi eventi galattici, ma non ci sono teorie accettate o prevalenti. Tuttavia, c’è una buona probabilità che alcuni effetti fisici si faranno sentire sulla Terra se la forza di gravità verrà alterata da allineamenti planetari e / o dall’avvicinarsi di oggetti celesti. Tenete d’occhio il cielo e stati pronti con la valigia.

8 – ATTIVITA’ SOLARE

Sembra che il sole sia ancora molto imprevedibile. Anche se molti hanno predetto che uno dei maggiori massimi solari avrà luogo nei prossimi anni, che esso causerà radiazioni elettromagnetiche che andranno a distruggere tutte le apparecchiature elettroniche e probabilmente aumenterà il movimento tettonico, la NASA sostiene che il sole nel 2006 si sia placato affermando: “Non abbiamo mai visto velocità così basse. . . il rallentamento che vediamo ora significa che il Ciclo Solare 25, che avrà il suo picco intorno al 2022, potrebbe essere uno dei più deboli della storia “. Nel 2001 la NASA ha anche affermato che il sole stia attraversando una rapida inversione dei poli, dichiarando:”Il campo magnetico della nostra stella si è capovolto.” La stessa agenzia spaziale ha detto che questo evento è normale e che si attende un altro capovolgimento nel 2012. Anche se dicono che non avrà alcun effetto sulla Terra, la velocità di spostamento dei poli del nostro pianeta è aumentata negli ultimi dieci anni.

Non c’è modo di sapere se ci saranno conseguenze, ma questi argomenti dovrebbero essere indagati in maniera seria. Le sfide che attendono l’umanità sono già abbastanza difficili senza costanti inganni e distrazioni. Collettivamente, dobbiamo chiedere risposte chiare circa le reali minacce che stanno ovviamente cominciando ad influenzare la civilità. L’adattamento potrebbe essere meno dolorso se fossimo armati di conoscenze e risorse. La cosa migliore che possiamo fare, individualmente, è di ottenere più informazioni possibili ed essere autosufficienti.

Fonte