Archivi Blog

5 motivi per cui i Grammy 2018 sono stati un totale fallimento

I Grammy del 2018 hanno esemplificato perfettamente come l’élite di Hollywood sia completamente fuori sincrono con il popolo americano e in generale l’occidente.

 

Stantio, noioso, fastidioso, ipocrita, moraleggiante, pesante. No, non sto descrivendo una ex – ma i Grammy 2018. E, se hai letto i miei articoli precedenti sui Grammy, la mia relazione a lungo termine con questo spettacolo mi ha causato grande dolore e sofferenza.

Quest’anno è stato anche peggio del solito. Naturalmente, ci aspettavamo un fiume di parole da parte dei “nuovi” esperti moralisti: i pupazzi di Hollywood. Ma non ci aspettavamo che questa sessione di lavaggio del cervello della durata di 3,5 ore fosse così noiosa e pesante. Quasi ogni singola pseudo-celebrità a cui e` stato dato il microfono ha fatto un sermone.

Nonostante tutte queste parole, nessuno ha avuto un’opinione veramente personale, nessuno con una prospettiva originale, nessuno ha portato riflessioni personali. Tutti hanno ripetuto a pappagallo le stesse poche frasi che erano autorizzati a dire. Arrivato al punto di considerare Despacito una forma di sollievo , sapevo che qualcosa bolliva in pentola.

Ecco i 5 principali motivi per cui i Grammy 2018 hanno avuto cosi` scarso successo.

# 5: U2? MA VERAMENTE?

Nonostante il fatto che gli U2 siano stati nominati esattamente zero volte ai Grammy quest’anno, la band è stata fatta andare su e giu` dal  palco non una, non due, ma tre volte. All’inizio gli U2 erano con Kendrick Lamar, sono stati riportati indietro verso la fine per annunciare l’album dell’anno e hanno eseguito un nuovo singolo che nessuno vuole davvero sentire: Get Out of Your Own Way.

La performance si e` svolta davanti alla Statua della Libertà mentre degli occhi venivano proiettati attorno alla band.

La canzone prende di mira gli Stati Uniti e la sua politica di immigrazione.

Alla fine, Bono ha afferrato un megafono con bandiera americana e ha iniziato a urlare cose.

Lo screenshot qui sopra è altamente simbolico. Dice che Bono sta parlando per gli americani … anche se lui è irlandese.

Il video musicale di questa canzone – creato da registi israeliani – trasmette messaggi specifici che appaiono anche in altri video “alla moda”.

Il video presenta immagini come la Statua della Libertà che si sgretola mentre un cocktail di molotov prende fuoco.

Include anche l’immagine di dollari americani che bruciano. In un recente articolo (Supplies) Timberlake fa riferimento ai stessi concetti nel suo video.

Nonostante la promozione, la canzone non è un successo. Raggiunge a malapena 1 milione di visualizzazioni su YouTube, anche dopo la performance dei Grammy. Forse dovrebbero costringere 500 milioni di utenti di iTunes a scaricare la canzone in modo che possano ascoltarla. Oh, aspetta, hanno già fatto questa genialata nel 2014.

Allora, perché gli U2 erano ai Grammy? Perché è stata suonata quella specifica canzone? La risposta può essere trovata nella seguente immagine.

Bono e George Soros al World Economic Forum.

George Soros è una delle persone più influenti che plasmano l’economia, la politica e le questioni sociali del mondo. Le sue Fondazioni Open Society operano con un budget vicino a un miliardo di dollari all’anno e sono fortemente implicate nelle politiche sociali di quasi tutte le nazioni del mondo. Non entrerò nel dettaglio sui modi in cui questa Fondazione modella la società moderna, tuttavia uno dei suoi punti cruciali è la promozione delle frontiere aperte.

Bono è molto vicino a Soros (ecco un video di lui che canta le sue lodi per 3 minuti). Get Out Your Own Way è fondamentalmente un infomercial per l’agenda Soros. Questo è il motivo per cui è stato promosso durante i Grammy mentre altri brani e artisti sono stati ignorati.

Sebbene Bono ama vestirsi con gli indumenti della “carità”, non pratica ciò che predica. Nel 2006, la band ha causato polemiche quando ha spostato le sue operazioni dalla nativa Irlanda ai Paesi Bassi per evitare di pagare le tasse. Nel 2017, Bono è stato menzionato nei Paradise Papers per aver investito in società che stavano evadendo le tasse.

In breve, gli U2 predicano bene e razzolano male.

# 4- HILARY CLINTON? MA VERAMENTE??

Uno dei momenti peggiori del più vergognoso dei Grammy è stata la carrambata di Hillary Clinton. Dopo aver letto il libro in cui viene detto che Donald Trump mangia da McDonald’s ci troviamo di fronte a pura propaganda poltica intransigente e pesante che ancora non riesce a lasciare il segno. Tutto ciò che ha veramente ottenuto è stato ricordare al mondo che Hillary era l’unica alternativa a Trump.

Ancora più strano risulta l’esagerato tifo quando Hillary appariva sullo schermo.

Hillary Clinton

Mi chiedo quale sarebbe stata la reazione del pubblico se fosse stata mostrata questa immagine …

“Ehi, quello è Harvey Weinstein! Boooooo! Hashtag MeToo! Hashtag Time’s Up! Boooo!”

OK, ok un po` di calma…e se al pubblico fossero mostrate queste immagini …

“Yaaaay Hillary! Aspetta, intendo booo Weinstein! Aspetta, intendo … “* Esplosione del cervello *

Un paio di settimane prima dei Grammy, un’altra figura potente ha sentito gli applausi dopo un sermone.

“Yaaaaay Oprah! Così coraggiosa! Oprah for President! “

“Yaaaay Oprah! Voglio dire, boooo Weinstein! Voglio dire … “* Encefalogramma piatto *

# 3: KESHA PRAYING

Provo sincero dispiacere per Kesha. Per anni, ho riferito su come fosse stata costretta a cantare canzoni che odiava e sul suo abuso per mano del Dr. Luke. Non c’è dubbio che il messaggio dietro la sua canzone Praying è potente. Tuttavia, il fatto triste è che e` ancora sotto il controllo del Dr. Luke e della sua etichetta discografica Kemosabe Records. Kesha ha tentato di scindere il suo contratto l’anno scorso ma il tribunale ha respinto il suo ricorso.

L’occhio onniveggente sulla mano di Kesha: la prova visibile che è sotto il controllo dell’industria.

Nel mio articolo intitolato “Praying” di Kesha c’è un triste promemoria sul fatto che lei e` ancora di proprietà dell’industria, ho spiegato come il video (diretto dal famosissimo Jonas Akerlund) rivela simbolicamente che è ancora una schiava del settore. Mentre Praying parla di Kesha che si sta “liberando” dal Dr. Luke,parte di ogni vendita dell’album va ancora nelle tasche del Dr. Luke.

Dopo la performance, Sony Music, la casa madre di Kemosabe Records, ha pubblicato un tweet che elogia Kesha … per poi cancellarlo.

Il tutto è stato un perfetto esempio dell’ipocrisia nell’industria musicale.

# 2 L’ORGANIZZATORE DEI GRAMMY ACCUSATO DI SESSISMO

Nonostante abbia creato uno dei più intensi eventi di tutti i tempi, il presidente dei Grammy Neil Portnow e` stato accusato di sessismo.

Dopo che gli è stato chiesto del basso numero di donne nominate e vincitrici, Portnow ha risposto:

“Deve cominciare con … donne che hanno la creatività nei loro cuori e nelle anime, che vogliono essere musiciste, che vogliono essere ingegneri, produttori e vogliono far parte dell’industria a livello esecutivo” Dovrebbero farsi avanti perche` penso che sarebbero le benvenute

Pink, Sheryl Crow, Kelly Clarkson e altri hanno risposto a Portnow, sostenendo che non avevano bisogno di “farsi avanti”. Portnow poi ha fatto marcia indietro, si è scusato e ha persino annunciato una sorta di “piano d’azione” per affrontare il pregiudizio di genere nella musica (o qualsiasi altra cosa).

Questo non ha impedito ad alcune celebrità di chiedere le dimissioni di Portnow, e di creare una petizione con oltre 10.000 firme online.

L’industria dell’intrattenimento ha creato per sé un clima talmente teso e vendicativo che i signori della virtù si stanno effettivamente sparando uno contro l’altro. È uno spettacolo piuttosto patetico da vedere.

# 1 I GRAMMY CON L’AUDIENCE PIU` BASSA DELLA STORIA

I Grammy Awards del 2018 hanno avuto ascolti ridicoli soprattutto nella fascia di eta` 18-49 anni. In totale, la cerimonia è stata vista da 19,8 milioni di spettatori, con un calo del 24% rispetto alla cerimonia dello scorso anno.

Varie teorie tentano di spiegare la ragione di questo forte calo.

Ci saranno un certo numero di teorie per spiegare il declino. Sebbene i Grammy avessero una schiera di grandi interpreti – tra cui Kendrick Lamar, U2 e Rihanna – molte superstar, tra cui Taylor Swift, Drake e Kanye West, non si sono fatti vedere.

Gli spettacoli di premiazione sono diventati sempre più politici, con presentatori e vincitori che recitano il ruolo di pupazzi. I Grammy, che sono trasmessi su CBS, hanno parlato di immigrazione e del movimento #MeToo. Gli U2 si sono esibiti su una chiatta appena fuori dalla Statua della Libertà, un’esibizione non propriamente sottile nel suo simbolismo, e Hillary Clinton è apparsa in un segmento registrato. leggendo la passione del Presidente Trump per il cibo di McDonald’s dal best-seller di Michael Wolff, “Fire and Fury” : All’interno della Casa Bianca di Trump. “

Come se si aspettassero che gli spettatori stiano tentando di suicidarsi dopo questa debacle, il rapper Logic e` stato messo in scena cantando proprio una canzone sul suicidio.

Non sei il solo … I Grammy hanno davvero fatto schifo.

Il netto calo degli spettatori è stato probabilmente il risultato combinato di tutto quanto sopra citato. Ancora più importante, è sintomatico di un divario crescente in America dove una buona parte del pubblico non si identifica minimamente con l’agenda che viene spinta dai mass media. Come affermato sopra, questa agenda non viene da “la gente”, ma da una élite globalista che sta cercando di creare un mondo senza confini, senza sesso e senza spina dorsale.

I valori, le prospettive e le priorità di molti americani e occidentali semplicemente non coincidono con quelle viste in TV. I mass media hanno perso la loro rilevanza e la loro credibilità.

Ecco un’idea: invece di sfilare con abiti neri, rose, nastri, spille o qualsiasi altra cosa, che ne dite di denunciare la sfrenata pedofilia ad Hollywood? Che ne dite di indurre le autorità ad agire in base a questa pratica orribile con indagini, arresti, processi e sentenze? Che ne dite di fermarvi con gli hashtag e i sermoni e agire?

Naaaa….sarebbe troppo reale. E Hollywood non si occupa di cio` che e` reale.

Fonte

Annunci

Storia Proibita: La TimeLine del Nuovo Ordine Mondiale (2011-2015)

PRIMAVERA 2011: I GLOBALISTI E I LORO AGENTI NEI PAESI ARABI AIUTANO A SCATENARE LE PRIMAVERE ARABE

Proprio come le “primavere europee” del 1848 e le “Rivoluzioni di velluto” della fine degli anni ’80, e le “Rivoluzioni colorate” degli anni 2000, le “Primavere arabe” del 2011 vennero presentate come proteste “spontanee” di “giovani” in cui si “pretendeva” la democrazia e “la fine dell’oppressione”.

I disordini iniziarono dopo che un’operazione della CIA nota come “WikiLeaks” fece “trapelare” informazioni dannose per alcuni stati arabi. I media della CIA in quegli stati diffusero poi le imbarazzanti storie che in definitiva aiutarono a scatenare le rimostranze; fornendo così una protezione agli agenti che guidarono le rivoluzioni “popolari”.

Iniziando in Tunisia, e poi “diffondendosi” in Egitto, Libia, Bahrein e Siria, questi colpi di stato della CIA miravano ad installare “democrazie” fantoccio del NWO lungo tutto il perimetro della grande massa di terra eurasiatica. Dall’Europa orientale al Nord Africa, dal Medio Oriente all’Iran, dall’Asia centrale e dall’Asia sudorientale, il cappio globalista di Brzezinski viene sapientemente costruito attorno a cinesi e russi.

In una svolta ironica, le potenze ex comuniste sono ora pacifiche e si stanno muovendo verso un’economia basata sul mercato, mentre gli Stati Uniti e l’Unione europea stanno diventando socialisti mentre (insieme a Israele) terrorizzano le nazioni disobbedienti.

TIME racconto` il mito idiota che i ragazzi del college arabo abbiano iniziato le rivoluzioni del 2011 via internet. In realtà, la primavera araba è stata avviata dall’agente Julian Assange di WikiLeaks – dopo essere stata attentamente pianificata dalla CIA

1 MAGGIO 2011: OBAMA ANNUNCIA L’UCCISIONE DI OSAMA BIN LADEN

Con la popolarità in calo, e con il Pakistan (vicino e alleato di lunga data della Cina) nel mirino dei Globalisti, il presidente Obama diffuse in tutto il mondo la barzelletta “sull’uccisione di Osama Bin Laden”.

L’ingannevole presidente marxista annuncio` ad una nazione credulona che Osama Bin Laden era stato ucciso in un raid americano nel suo compound in Pakistan. Il terrorista fantasma (che ricordiamo non e` stato il mandante degli attacchi dell’11 settembre ed è stato effettivamente ucciso nel 2001) si dice sia stato ucciso a colpi d’arma da fuoco, e poi scaricato nell’oceano.

Obama sostiene che ci sono foto e video sia del cadavere che dell’incursione in sé, ma il pubblico non puo` vederli per ragioni di “sicurezza nazionale”. Il deprecabile Obama arriva addirittura a partecipare a un servizio commemorativo a New York con i familiari creduloni delle vittime dell’11 settembre.

Senza uno straccio di prova, senza foto, senza video e senza corpo – il cervello americano in decomposizione assorbe questa ultima bufala mediatica. Il rating di Obama migliora e il Pakistan viene ora accusato di avere “nascosto Bin Laden”. La Cina condanna fermamente la violazione di sovranità del Pakistan e lancia un monito contro i futuri attacchi contro il Pakistan.

1- Il cerchio interno di Obama osserva il “raid” sui feed dal vivo. Perché non si può mostrare al pubblico quello che stanno guardando?

2- Le prime foto della morte di Bin Laden caricate erano cosi` false che il governo degli Stati Uniti dovettero ammetterlo!

2000-PRESENTE: I FORTI TASSI DI IMMIGRAZIONE CAMBIANO IL VOLTO DELL’ELETTORATO AMERICANO

Che siano repubblicani o democratici, i globalisti RIFIUTARONO di affrontare la questione dell’invasione di immigrati clandestini, provenienti principalmente dal Messico. Ogni volta che i cittadini preoccupati esprimono la propria rabbia per la crescente ondata di criminalità e l’alto costo associato ai servizi sociali come buoni pasto, istruzione e cure ospedaliere, i media li diffamano come “razzisti” e “xenofobi”.

Entro il 2011, milioni di “bambini ” messicani avevano già raggiunto l’età del voto. Gli stati tradizionalmente conservatori come la California e il Nevada sono già diventati marxisti. Entro 25 anni, anche il Texas amante della libertà avrà un blocco votante di maggioranza “ispanico” che sarà stato abilmente radicalizzato dalla TV spagnola controllata dai globalisti per odiare i  “gringos” e votare solo per i democratici di sinistra.

L’invasione e` stata progettata da tempo.

OTTOBRE 2011: GHEDDAFI VIENE UCCISO DALLA NATO E DAI “RIBELLI” DELLE PRIMAVERE ARABE

Nel corso dei 35 anni come leader simbolico del governo decentrato della Libia, Muammar Gheddafi è stato fonte di irritazione per i criminali sionisti e i globalisti del New World Order.

Durante gli anni ’80, l’eccentrico “colonnello Gheddafi” fu incolpato dagli israeliani per atti di terrore con cui non aveva nulla a che fare. In risposta alle pressioni dei “neo-cons” all’interno della sua amministrazione, il presidente Reagan ordinò un’attentato al complesso di Gheddafi, uccidendo la sua giovane figlia, in un paese esente da debiti che emette valuta da una Banca nazionale, non da una Banca centrale Rothschild. La Libia godeva del più alto tenore di vita in Africa. Gheddafi stava cercando di prendere la guida della nascente Unione africana e liberarla dal dominio globalista-sionista. In un discorso del 2009 davanti all’ONU, Gheddafi ha accusato i sionisti di aver assassinato John F. Kennedy.

Dopo mesi di spietati bombardamenti della NATO, il convoglio di Gheddafi venne bombardato da jet francesi. Gheddafi e le sue guardie corsero ai ripari in una fognatura vicina. La NATO / CIA pago` mercenari per catturare e torturare, picchiare e sodomizzare con un coltello il leader prima di sparargli alla testa. Le orribili immagini della morte di Gheddafi vennero trasmesse in tutto il mondo mentre il presidente Obama si vantava di aver uccidso il “brutale dittatore”.

Sebbene l’America sia in bancarotta, Obama promise milioni di dollari per stabilire una nuova “democrazia” fantoccio.
A causa del caos che ne derivo`, la Cina è costretta ad evacuare tutti i suoi lavoratori dalla Libia.

Gheddafi è stato brutalmente torturato dai “ribelli” della NATO. Dopo aver saputo del suo omicidio, il Segretario di Stato Hillary Clinton ridacchia su CBS News dicendo: “Siamo venuti. Abbiamo visto. È morto

2012: CONTINUA LA PROPAGANDA ANTI IRAN

L’inizio del 2012 vede un aumento della propaganda di guerra rivolta all’Iran. Anche la Siria alleata dell’Iran viene presa di mira. Russia e Cina sostengono i loro alleati mediorientali. Nel tentativo di inbuonirsi il voto ebraico per la sua campagna di rielezione, il presidente Obama impone nuove e severe sanzioni economiche all’Iran.

Come fecero durante il 2002, fino alla guerra in Iraq, la banda del NWO stava accusando falsamente l’Iran di costruire bombe nucleari.
Le navi statunitensi nel Golfo Persico stanno affrontando il grosso rischio di un attacco “false flag” – messo in scena dai sottomarini israeliani e da attribuire all’Iran.Frustrato dalle minacce e dalla propaganda USA / Israele, l’Iran promette di vendicarsi in modo massiccio se attaccato, ma insiste che non attaccheranno per primi. Ci vorrà un attacco USA / Israele o un evento “false flag” per iniziare la terza guerra mondiale.

1- Il magnate dei casinò sionista Sheldon Adelson è il più grande singolo donatore del Partito repubblicano – e vuole la guerra!

2- I fanatici ebrei americani sono in piazza contro il pacifico Iran e il suo presidente “Hitler”.

2012: OBAMA DICHIARA IL SUO SUPPORTO PER IL MATRIMONIO GAY

Barack Obama stupisce persino i suoi critici più severi dichiarando il suo sostegno alla legalizzazione del “matrimonio omosessuale”.
L’assalto di Obama alla tradizione e alla religione sono completamente in linea con la spinta secolare dei marxisti e dei globalisti ad attaccare la struttura familiare tradizionale e minare i codici morali delle società civili.

Jane Harmon e Barry Diller, i due proprietari ebrei omosessuali di Newsweek Magazine, pubblicano una cover in cui Obama viene chiamato “The First Gay President”.La gente non sa che la controversa copertina di Newsweek era in realtà una dichiarazione letterale dell’omosessualità di Obama

1 e 2: Obama l’omosessuale marxista. Una foto degli anni ’80 mostra Barry sul divano che si tiene per mano (vedi le dita intrecciate) con il suo “amico” pakistano.
3: Obama e il famoso senatore omosessuale Corey Booker (D-NJ) catturati in un momento “intenso”

GIUGNO 2012: IN RISPOSTA ALL’ATTEGGIAMENTO GUERRAFONDAIO DEGLI STATI UNITI RUSSIA E CINA AUMENTANO LA LORO CO OPERAZIONE MILITARE

Non molto tempo dopo che gli Stati Uniti avevano annunciato la loro intenzione di aumentare la propria presenza navale nel Pacifico, Vladimir Putin annuncio` un aumento dei legami militari e operazioni di guerra con la marina cinese. Putin affermo`:

“Recentemente si sono svolte esercitazioni congiunte nel Mar Giallo, ed esse furono le prime nel loro genere: abbiamo concordato con il presidente Hu che continueremo tale cooperazione”.

Putin ha poi aggiunto:

“La Cina è un partner strategico della Russia … Godiamo di una collaborazione aperta reciprocamente vantaggiosa, reciprocamente fiduciosa in tutti i campi”

La retorica tra i Globalisti del NWO e l’Asse Russia-Cina-Iran-Siria continua a scaldarsi, mentre i pezzi degli scacchi per la Grande Guerra venivano posizionati.

Non più tirannie comuniste come una volta; Russia e Cina si uniscono contro la macchina da guerra della NATO globalista

LUGLIO 2012: HILLARY CLINTON MINACCIA RUSSIA E CINA PER IL LORO SUPPORTO ALLA SIRIA

Il Nuovo Ordine Mondiale vuole conquistare la Siria, ma la Russia, la Cina e l’Iran stanno bloccando gli sforzi, spingendosi addirittura a sschierare flotte navali nella regionr. Una arrabbiata Segretaria di Stato e “Globalista”, Hillary Clinton minaccia l’alleanza Russia-Cina:

“Non credo che la Russia e la Cina stiano pagando alcun prezzo – assolutamente nulla – per essersi schierati dalla parte del regime [siriano] di Assad. L’unico modo per cambiare questa cosa e` che ogni nazione rappresentata qui direttamente e con urgenza renda chiaro che la Russia e la Cina pagheranno un prezzo

I capi globalisti di Hillary approvano le sue minacce. Come nel caso del complotto di Hitler, Russia e Cina hanno stati provocatori gestiti dal NWO.

2012: OBAMA UTILIZZO` SANDY HOOK PER PROMUOVERE IL CONTROLLO DELLE ARMI

Gli americani sono inorriditi nell’apprendere di una sparatoria alla Sandy Hook Elementary School di Newtown, CT. I media affermarono che morirono in 26, compresi 20 bambini. Si dice che il “pistolero solitario”, Adam Lanza, si sia suicidato con il suo “fucile d’assalto”.

I “teorici della cospirazione” esposero prontamente il “Massacro di Sandy Hook” come un evento fittizio e inscenato che ha coinvolto “crisis actors” ed e` stato orchestrato dalla CIA (puoi cercare altre informazioni su questo sito). Ad oggi, non una singola foto della scena del crimine o di qualsiasi corpo è stata ancora rilasciata.

Immediatamente, appena rieletto Obama, i media e Hollywood si lanciarono in una massiccia campagna per vietare i fucili semiautomatici. Anche se lo sforzo di imporre il controllo delle armi falli` a livello federale, questo tipo di sparatorie porteranno all’approvazione di alcune drastiche leggi sul controllo delle armi in Connecticut, New York, Colorado e California.

Pochi secondi prima del suo finto pianto per la videocamera, Robbie Parker, il genitore di Sandy Hook, e` stato sorpreso a ridere. Anche il pianto di Obama è simulato

MARZO 2013: IL PRESIDENTE DEL VENEZUELA CHAVEZ MUORE DI CANCRO/ I SUOI SUPPORTERS ACCUSANO USA E ISRAELE

Lo schietto Hugo Chavez è un socialista, ma è anche un feroce indipendentista. Chavez non vuole far parte del Nuovo Ordine Mondiale. Considera inoltre Israele come una nazione terrorista. I suoi stretti alleati includono l’Iran, la Siria, la Russia, e, prima dell’assassinio di Gheddafi da parte degli Stati Uniti appoggiati dai “ribelli”, la Libia.

Dopo aver sostenuto per anni che Israele e gli Stati Uniti stavano complottando per assassinarlo, Chavez è colpito da una strana forma di cancro. Combatte` la malattia per circa 1 anno, prima di morire all’età di 58 anni. Molti dei suoi sostenitori credono che Chavez sia stato infettato da cellule cancerogene con metodi sofisticati da un servizio di intelligence straniero. La strana comparsa della sua malattia e l’odio assoluto che i globalisti e i sionisti hanno avuto per Chavez, conferiscono peso a questa “teoria della cospirazione”

MARZO 2013: UN MARXISTA GLOBALISTA VIENE INSTALLATO COME PAPA

I cattolici furono sorpresi e confusi quando Papa Benedetto XVI divento` il primo Papa a “dimettersi” in oltre 600 anni. Ancora più sconvolgente fu l’immediato benvenuto dell’eroe offerto al suo successore, il cardinale Jorge Bergoglio, dell’Argentina, adorato dai media globalisti e soprannominato “The New World Pope”.

La “rockstar” prende il nome papale di “Francesco” e non spreca tempo nel mostrare gli stessi colori marxisti che aveva precedentemente mostrato come praticante della “teologia della liberazione” nell’America Latina.

Gli scandali includeranno: difesa degli omosessuali (“Chi sono io per giudicare”), minimizzazione dell’aborto, difesa delle frontiere aperte, condanna i bianchi definendoli razzisti, difesa dei marxisti, demagogia sulla “disparità di reddito”, e il più inquietante di tutti, la sua chiamata aperta per la creazione di un organismo politico mondiale per combattere il “riscaldamento globale” .

L’improvviso rovesciamento di Benedetto e l’installazione di Francesco dimostro` che i globalisti hanno agenti che operano in alto nella Chiesa cattolica.

MAGGIO 2013: PER SCATENARE UNA GUERRA REGIONALE ISRAELE LANCIA UNA BOMBA SULLA SIRIA

Israele tento` di forzare la sua agenda facendo cadere una bomba enorme appena fuori Damasco, in Siria. L’attacco non provocato uccide decine di soldati siriani. Gia` impegnata contro la CIA per evitare una guerra civile interna la Siria rifiuta di abboccare all’esca di Israele.

La Russia di Putin annuncio` che non aveva intenzione di cancellare le consegne di missili Terra-Aria avanzati alla Siria. Un presidente incoraggiato Assad (Siria) quindi dichiaro` che un futuro attacco israeliano genererà una risposta mortale su Israele stessa!

Il mondo è al picco della tensione, ed è solo Putin (con il suo alleato, la Cina) che impedira` ai sionisti e ai globalisti di iniziare una massiccia guerra regionale, che potrebbe finire per trasformarsi in una terza guerra mondiale.

FEBBRAIO 2014: IL COLPO DI STATO GLOBALISTA IN UCRAINA

Nel novembre del 2013, il presidente ucraino Vickor Yanukovich annuncio` che l’Ucraina non cercherà più di integrarsi con l”UE. In un attimo, le “proteste” “spontanee” cominciarono a riunirsi nella capitale, nella piazza principale di Kiev, conosciuta come Maidan (pronuncia May-Don). Dal nulla apparirono striscioni fatti professionalmente, enormi bandiere europee, cartelli in lingua inglese, ecc.

I manifestanti della CIA-NGO chiesero a Yanukovich di invertire la rotta e riportare l’Ucraina sul sentiero dell’adesione all’UE. Mentre venivano inscenate queste “proteste” , la mafia del nuovo ordine mondiale si muoveva dietro le quinte. A nutrire le tensioni sono i politici globalisti che arrivano a Kiev per fomentare il caos.

Il più importante tra gli intrusi è l’ostinato avversario di Putin, il senatore John McCain, che si mise a parlare alla folla.
Arrivo` in Ucraina anche Victoria Nuland (Nudelman); assistente Segretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici e moglie del luminare neo-con Robert Kagan del Gruppo PNAC (“New Pearl Harbor”)

Sebbene la polizia non faccia altro che stare in piedi mentre viene colpita da cocktail Molotov, la stampa e i politici occidentali iniziarono ad inveire contro la “cruenta repressione”. Yanukovich fece concessioni dopo concessioni ai falsi rivoluzionari e ai “partiti politici dell’opposizione”; incluso un accordo per invitarli nel suo governo e tenere elezioni anticipate. Per tutto il tempo, la polizia antisommossa continua a trattare i violenti aggressori (i quali includono i commando israeliani) con i guanti di vellutto.

Infine, il presidente amico della Russia fugge da Kiev mentre i rivoluzionari irrompono nella sua casa privata. Un colpo di stato violento, orchestrato dall’occidente “democratico”, ha rovesciato un amico della Russia democraticamente eletto. La maggioranza russa dell’Ucraina orientale è scioccata dal colpo di stato e molti sono giustamente spaventati.

Il burattino scelto da Nuland, Arseniy “Yats” Yatsenyuk, viene installato come nuovo presidente dell’Ucraina. Si reco` immediatamente a Washington, dove i politici statunitensi di entrambi i partiti lo salutarono con elogi e promesse di denaro dei contribuenti americani!

Non appena Yanukovich disse “no grazie” all’Unione Europea, comparvero “spontaneamente” dei flash mob pro-UE .

MARZO 2014: LA CRIMEA TORNA VOLONTARIAMENTE SOTTO IL CONTROLLO DELLA RUSSIA

Appena il deposto presidente Yanukovich arrivo nel suo sicuro rifugio a Mosca un’altra protesta “spontanea” esplose nella penisola ucraina, della Crimea, una regione che era sempre stata russa e diventata parte dell’ex Repubblica sovietica, ed e` Ucraina solo per un recente colpo di fortuna. Questo flash mob fasullo consiste in un gruppo di tatari, una minoranza turca della Crimea. Questi tatari delle ONG si schierarono a favore della nuova banda illegittima installata a Kiev.

La Crimea russa e le ONG Tatare si affrontarono; scambiandosi canti e insulti l’uno con l’altro. Prima che la situazione potesse aggravarsi, le unità locali di autodifesa della Crimea si dispiegarono e ristabilirono l’ordine. Non ci sarà alcun dramma delle ONG in Crimea. È allora che la “Mamma di tutte le bugie” si diffuse per il globo alla velocita` della luce. Giornali e televisioni in tutto l’Occidente esplosero con la più grande bugia preconfezionata dalla storia dalle “Armi di distruzione di massa” di Saddam Hussein.

All’unisono, i politicanti e i giornalisti della “Comunita` Internazionale” urlarono straziatamente, “La Russia sta invadendo la Crimea!”

Ora, data l’aggressivita` della NATO nei confronti della Russia, il violento colpo di stato delle Ngo-Mossad a Kiev, e il fatto che la Crimea sia sempre stata a maggioranza russa, nessuna persona razionale avrebbe incolpato Putin per aver inviato le sue truppe in Crimea e aver assicurato l’importante base navale a Sebastopoli. Ma ecco il twist: non c’è stata nessuna invasione! Vedete, la Crimea è una penisola (quasi un’isola in realta`) attaccata all’Ucraina solo da una striscia di terra molto sottile. Il punto più orientale della Crimea è a più di 3 miglia attraverso l’acqua dalla Russia. La Russia non tocca la Crimea! A meno che le truppe di Putin non attraversassero l’acqua dello stretto di Kerch, come avrebbe potuto esserci stata una “invasione”?

Quello che è successo è stato che. dopo il sanguinoso colpo di Stato a Kiev la Crimea, ha mobilitato la propria versione della “Guardia Nazionale” degli Stati Uniti per proteggere i propri fratelli e sorelle . I tatari delle ONG si dispersero rapidamente e quella fu la fine.

La felice gente della Crimea presto votò per tornare sotto il controllo della Russia con una maggioranza del 97%. Anche la maggioranza dei tatari ha sostenuto il referendum.

L'”annessione” fu seguita da ulteriori minacce da parte degli Stati Uniti e dei pigmei d’Europa. Ma Cina, India, Argentina e Brasile hanno tranquillamente espresso comprensione per la posizione della Russia.

APRILE 2014: GUERRA IN DONBASS/ UCRAINI PRO RUSSIA COMBATTONO I GLOBALISTI DI KIEV

Nella regione del Donbass, nell’est dell’Ucraina, il popolo delle aree di lingua russa conosciute come Donetsk e Louhansk avevano votato per il deposto presidente Yanukovich con un margine del 90%. Subito dopo il colpo di stato a Kiev, i gangster responsabili informarono Donbass che solo l’ucraino (un dialetto simile al russo) sarà riconosciuto come lingua ufficiale. Non volendo sopportare una simile provocazione di ispirazione globalista, Donetsk e Louhansk dichiarano la loro indipendenza e combattono da allora Kiev.

Come fecero con Saddam Hussein e Adolf Hitler negli anni passati, la banda del New World Order incolpo` Putin per la stessa “aggressione” che organizzarono. Sotto il ridicolo pretesto di “proteggere l’Europa” vennero imposte severe sanzioni economiche alla Russia mentre la NATO costruiva le sue forze lungo i confini russi

GIUGNO 2014: LA CIA TRASFORMA I RIBELLI SIRIANI IN GUERRIERI DELLO STATO ISLAMICO CONOSCIUTO COME “ISIS”

Con lo sforzo delle “Primavere arabe” atto a rovesciare il presidente siriano Basher al Assad con i ribelli mercenari praticamente fallito, i ribelli vennero riconfezionati in un mostruoso gruppo terroristico noto come “ISIS”. Venne organizzata una serie di false decapitazioni per mantenere il mondo spaventato. L’accento si sposta dal combattere le truppe siriane al massacro dei civili siriani.

Lo spauracchio prodotto dall’ISIS forni` l’occasione perfetta agli gli Stati Uniti di rimanere militarmente impegnati nella regione per tutto il tempo necessario per “sconfiggere ISIS”. Stranamente, l’ISIS non mostro` alcun interesse ad attaccare Israele; preferendo invece uccidere e stuprare solo cristiani e altri musulmani.

I falsi video sulla “decapitazione” vengono tagliati proprio mentre le gole delle strane e tranquille “vittime” stanno per essere tagliate. Le “vittime” non si contorcono nemmeno! L’intensa pressione dei media costringe Obama a “fare qualcosa” per “fermare l’ISIS”.

2014: LE STORIELLE DELLA CIA COME “L’EPIDEMIA DI EBOLA” E “BOKO HARAM” DESTABILIZZANO L’AFRICA CENTRO OCCIDENTALE

In Africa, dove la Cina conduce un’enorme quantità di affari reciprocamente vantaggiosi, un oscuro gruppo terroristico “islamico” noto come “Boku Haram” apparse dal nulla. I terroristi attaccroano e sequestrarono i lavoratori cinesi destabilizzando il governo pro-Cina / pro-Russia della Nigeria.

Dopo che il Boku-uomo nero rapi` presumibilmente 200 studentesse, McCain chiese un’invasione degli Stati Uniti per “Portare a casa le nostre ragazze”
Poco dopo che la carta ‘Boku Haram’ fu giocata, arrivo` un improvviso e misterioso break-out di Ebola. La Nigeria ricca di petrolio è “sfortunata”, o sono i nigeriani – come i sudanesi (“Save Darfur” con Angelina Jolie e George Clooney) – presi di mira per i loro stretti rapporti commerciali con la Cina (e anche con la Russia)?

2014-2015: LE GUERRE A DISTANZA DEGLI STATI UNITI DESTABILIZZANO MOLTI PAESI, ATTIVANDO UNA MIGRAZIONE DI MASSA INCONTROLLATA IN EUROPA

Come diretta conseguenza delle guerre destabilizzanti avviate da gruppi di copertura come ISIS (Siria e Iraq), Boku Harem (Africa centrale), Al Shaabab (Somalia) e altri; i rifugiati, organizzati da trafficanti di esseri umani principalmente israeliani, stanno fuggendo imbarcandosi verso l’Europa.

Spaventati dalle loro terre natali, case, soldi e cure sanitarie li aspettano nell’Europa morente. Il Papa del Nuovo Mondo e i media globalisti sono tutti a favore dell’invasione che essi stessi hanno progettato. Poiché i tassi di natalità degli europei nativi continuano a scendere, l’invasione forzata di immigrati del terzo mondo portera` alla “minoritizzazione” razziale dei popoli europei nelle loro terre, entro i prossimi 30-50 anni.

MAGGIO 2015: RUSSIA E CINA SI ESERCITANO PER LA PRIMA VOLTA CONGIUNTAMENTE NEL MAR MEDITERRANEO

Organizzando grandi esercitazioni navali congiunte nel Mediterraneo; le potenze sovrane di Russia e Cina chiariscono che non si sottometteranno al Nuovo Ordine Mondiale. Lo stesso mese, il Segretario Generale Xi Jinping partecipo` alla celebrazione del “Giorno della Vittoria” di Mosca e osservo` che le unità militari cinesi marciassero effettivamente nella parata della Russia. Il messaggio ai globalisti è forte e chiaro.

GIUGNO 2015: GEORGE SOROS PARLA DI TERZA GUERRA MONDIALE/ RUSSIA E CINA CONTRO NATO

L’alto agente Rothschild affermo`:

“Se c’è un conflitto tra la Cina e un alleato militare degli Stati Uniti, come il Giappone, non è un’esagerazione affermare che saremo sulla soglia di una terza guerra mondiale … … c’è il pericolo che la Cina possa allinearsi con la Russia politicamente e militarmente, facendo diventare piu` reale la minaccia di una terza guerra mondiale “.

Il mese seguente, Soros minaccio` in maniera subdola, la Cina, attraverso la rivista The New York. Il pezzo è intitolato: una partnership con la Cina per evitare la guerra mondiale. Il sottile messaggio non detto alla Cina è essenzialmente: “Molla la Russia e fai un accordo con gli Stati Uniti – altrimenti noi e le nostre marionette asiatiche (Giappone, Vietnam, Filippine, Australia) vi faremo la guerrai”. (Commento dell’autore, non di Soros)

GIUGNO 2015: LE VITTORIE OMOSESSUALI E TRANSGENDER

Dopo anni di condizionamento, i globalisti hanno abbattuto la resistenza mentale e morale del pubblico americano ed europeo a tal punto che la maggioranza è ora disposta a “tollerare” il transgenderismo e il “matrimonio omosessuale” come parte della nostra società. La “trasformazione” dell’ex campione olimpico Bruce Jenner in una “donna” e l’illuminazione della Casa Bianca con i colori dell’arcobaleno segnano le ultime vittorie del Nuovo Ordine Mondiale.

Ci sono ragioni più alte dietro questa follia morale che la gente non riesce a capire

CONCLUSIONE/ IL FUTURO

Basandoci sul nostro studio del passato e sulla nostra valutazione del presente, possiamo prevedere con sicurezza che alcuni o tutti i seguenti eventi accadranno nel prossimo futuro (2015-2025). Tutto ciò che possiamo fare è prepararci ed essere forti sul piano finanziario, personale ed emotivo.

 Crollo economico per l’iperinflazione
 Violenti disordini nelle strade
 Massivi False Flag (nucleari)i?
 Legge marziale
 Guerra con la Siria, l’Iran e / o il Pakistan
 Confronto / guerra limitata con la Cina
 Confronto / guerra limitata con la Russia
 Fame / Malattie su scala globale
 Panico di massa tra la gente
 Israele uccide gli ultimi palestinesi

Si riunira` una conferenza di emergenza tra i leader mondiali e i banchieri. I nostri “salvatori” propongono quindi un nuovo ordine mondiale per risolvere i problemi del mondo. I media amplificano e pubblicizzano l’idea di questo “Nuovo Mondo”. Una valuta globale è imposta alle nazioni. Le frontiere nazionali scompariranno quando l’Europa “razzista” e l’America verranno inondate dai migranti del terzo mondo. Il mondo è diviso in settori.

Viene fondata una capitale per il Nuovo Mondo, forse a Gerusalemme. La Grande Israele crescera` nel centro geografico del mondo … Le leggi globali verranno fatte rispettare da una forza di polizia delle Nazioni Unite. I “controrivoluzionari” che prenderanno le armi contro i globalisti verranno arrestati e inviati nei campi di detenzione, o peggio.

Le persone saranno monitorate, controllate e rieducate nel nuovo sistema globale. Le lingue, le culture, le religioni, le abitudini e la razza bianca si dissolveranno in un Nuovo Ordine Mondiale, Un “Melting Pot” globale.

I bianchi dal sangue blu, le elite orientali ed ebree vivranno come dei e si sposeranno tra loro. Le masse del Globo saranno nutriti ed ospitati in piccoli appartamenti, “curati”, dato “libero” accesso ai trasporti pubblici, e costantemente intrattenuti. Il “sogno americano” di prosperità e mobilità verso l’alto tuttavia sarà una cosa del passato.

George Soros dona 18 miliardi di dollari alla sua Open Society Foundations

Il magnate George Soros ha investito gran parte della sua enorme fortuna nella Open Society Foundations – uno degli strumenti piu` importanti che l’elite utilizza per modellare il mondo.

Il 18 ottobre, George Soros ha trasferito circa 18 miliardi di dollari, ovvero gran parte della sua fortuna stimata a 22 miliardi di dollari, alla sua Open Society Foundations (OSF). Le fondazioni hanno gia` il controllo su miliardi di dollari, ma Soros, 87, negli ultimi anni, ha aumentato il ritmo dei trasferimenti di denaro dal  Soros Fund Management LLC.

Cerchiamo di essere chiari: George Soros è dietro alle più importanti movimenti sociali del mondo. Mentre attribuire una profonda trasformazione sociale a una sola persona potrebbe sembrare ridicolo, questa persona è effettivamente una delle persone più potenti della Terra.

La Open Society Foundations (OSF) di George Soros è la più grande organizzazione filantropica mai costruita. Mentre la fondazione di Bill Gates spende molto piu` denaro, l’OSF lascia un’impronta molto più grande in tutto il mondo. Ha filiali in 37 paesi, ha uffici locali in tutti i continenti e opera su un budget quasi illimitato.

L’impatto dell’OSF sulla società è stato enorme, soprattutto negli ultimi due decenni. Quasi tutti i “movimenti controcorrente” odierni hanno una sorta di sostegno dall’OSF: i diritti sull’aborto, i diritti gay, la legalizzazione delle droghe, il femminismo moderno, il controllo delle armi, la globalizzazione, l’immigrazione di massa e molto altro ancora. Non è possibile, infatti, analizzare correttamente la causa e il motore dietro i recenti cambiamenti sociali senza prendere in considerazione l’impatto dell’OSF.

Molti hanno sostenuto che le fondazioni di Soros siano sostanzialmente “attivismo politico mascherato”, tanto che in alcuni paesi sono addirittura proibite. L’OSF infatti utilizza la sua incredibile potenza, l’influenza e i fondi per imporre la sua Agenda sui paesi, escludendo ogni dibattito democratico e sociale. Negli Stati Uniti, Soros è stato un importante sostenitore di Barack Obama, Hillary Clinton e Media Matters – il potente “watchdog” dei media.

L’AGENDA DELLA OPEN SOCIETY FOUNDATIONS

Secondo il sito ufficiale, “Le fondazioni della Open Society lavorano per costruire vibranti e tolleranti democrazie i cui governi sono responsabili dei propri cittadini”. Quando fu creato, l’OSF combatteva contro “società chiuse”, in particolare nei paesi comunisti. Tuttavia, la definizione di “società chiusa” è cambiata drasticamente negli ultimi anni. Il principale “nemico” dell’OSF sono ora quei paesi con politiche orientate al nazionalismo e al conservatorismo.

Negli ultimi anni, Soros ha lavorato duramente creando le condizioni perfette per promuovere il globalismo. L’ultimo goal? Un singolo governo mondiale che utilizza una moneta unica. Nel 2006, Soros scrisse in The Age of Fallibility:

L’ostacolo principale ad un ordine mondiale stabile e giusto sono gli Stati Uniti. E` giunto il tempo di cambiare le cose

Cosa dobbiamo aspettarci dall’OSF nei prossimi anni? Ecco quello che l’OSF ha finanziato in passato: i movimenti migratori di massa (cioè rifugiati dal Medio Oriente); i gruppi e le associazioni che impediscono il controllo dell’immigrazione clandestina negli Stati Uniti e in Europa; il movimento transgender e la confusione del gender; ha incoraggiato la diluizione delle identità nazionali per promuovere un’identità globale; ha finanziato una nuova ondata di femminismo basata sull’odio per gli uomini, non sull’uguaglianza dei sessi; ha inondato i mass media e internet con i Social Justice Warriors (SJW) per soffocare la libertà di parola attraverso l’estremizzazione del politically correct; ha finanziato gruppi come gli Antifa per aumentare le tensioni razziali e i disagi civili. L’obiettivo finale: far sì che le persone vadano contro la propria cultura e la propria tradizione per abbracciare un nuovo ordine mondiale.

Puoi essere a favore o contro l’agenda dell’OSF, ma non puoi ignorare chi la controlla.

Fonte

La vittoria di Trump: Una svolta storica

Devo ammetterlo. Non mi aspettavo proprio che Donald Trump diventasse il 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America. Tutto gli erano contro: La campagna elettorale di Hillary venne finanziata in maniera molto piu` esigua rispetto a quella di Trump; Quasi ogni mass media era contro di lui; Nessuna celebrita si e` fatta avanti per sostenerlo; E ‘ stato etichettato come razzista e misogino; Tutte le figure di spicco del suo partito lo hanno abbandonato; Gran parte della sua politica era in netto contrasto con gli obiettivi dell’élite mondialista; Robert De Niro ha addirittura detto che voleva prenderlo a pugni.

leadtrump

Nonostante tutto questo, Trump ha vinto. Hillary ha perso nonostante fosse sostenuta dall’intero establishment – comprese le organizzazioni d’elite come la Commissione Trilaterale e il Council on Foreign Relations – Come è successo? Si tratta di una ‘ribellione contro l’elite’ come alcuni giornalisti hanno sostenuto … o l’elite sta posizionando il capro espiatorio perfetto per l’Evento?

Una cosa è certa, una voce si e` chiaramente sentita: Quella dei bianchi conservatori dalle aree rurali. Guardando la mappa elettorale, Trump ha vinto quasi il 100% delle aree corrispondenti a questo dato demografico. Hanno notato che il loro attuale governo asseconda ogni possibile minoranza, emarginandoli di fatto? Hanno per caso la sensazione che i valori liberali promossi dai Democratici non sono piu` conciliabili con le loro prospettive conservatorici? Pensano forse che la ‘razza’ americana sia in pericolo a causa di un costante flusso di immigrazione clandestina? Si rifiutano forse di sostenere l’atteggiamento tollerante del governo contro l’Islam? Trump e` stata la risposta a questi dubbi e interrogativi.

VISCERALE

Mentre i media di tutto il mondo, scrivono pagine su pagine analizzando i risultati di questa elezione, basterebbe una parola a descrivere queste elezioni: “viscerali”.

L’elettorato di Trump ha avuto una reazione viscerale a Trump e una reazione viscerale opposta alla Clinton. Eleggere Trump era una mossa scaturita dalle viscere e dagli istinti piuttosto che da calcoli razionali. Trump non ha mai fatto menzione di politiche complesse o di calcoli astrusi. Ha semplice rappresentato se stesso.

Trump era in contrasto con il ‘programma liberale’ presente nei mass-media: politically correct, ‘social justice warriors’ e con l’ordine del giorno delle forze globaliste (durante la sua campagna ha anche citato George Soros) . Trump non ha promesso indecifrabili numeri o nuove politiche, ha promesso di liberare l’America da entita` e cose che ha descritto come parassitarie, che si tratti di un governo troppo influente, dei clandestini, di paesi stranieri che necessitano di aiuto, ecc Questo ha provocato una reazione positiva viscerale da una base demografica il cui motto potrebbe facilmente essere “Andatevene dal mio giardino o vi sparo”.

E ADESSO?

Detto questo, Trump manterra` davvero le sue promesse? Colui che si è descritto come un ‘non politico’ è diventato un politico. E, come sappiamo benissimo, ciò che viene detto durante la campagna elettorale spesso differisce notevolmente con ciò che accade realmente quando si e` al governo. Ricordate quando Obama promise di chiudere Guantanamo più di otto anni fa? Ebbene, dopo due mandati, non è accaduto. Neanche c’ha provato.

Trump costruira` effettivamente un muro? Riuscirà a deportare milioni di immigrati illegali? Riuscirà a bloccare i musulmani dall’entrare negli Stati Uniti? Molte delle sue promesse sono chiaramente incostituzionali. Entità come il Senato, la Camera dei rappresentanti e la Corte Suprema possono facilmente dissolvere qualsiasi politica che non superi il loro esame. Alcuni fatti storici però danno a Trump un potere senza precedenti: I repubblicani controllano tutti e tre i rami del governo e Trump dovra` nominare un giudice della Corte Suprema.

POSSIBILI SCENARI

Mentre Trump sembra essere in contrasto con l’elite mondiale, e` probabile che in futuro verra` utilizzato per far avanzare l’agenda dell’elite. L’intera popolazione americana, in particolare quelli che hanno votato per lui, hanno bisogno di rimanere vigili e mettere sempre in discussione l’ordine del giorno.

In primo luogo, la promozione di una ‘guerra razziale’ è una cosa che va avanti da anni e Trump potrebbe essere utilizzato per spingere ulteriormente tale ordine del giorno. I leader delle comunità di bianchi e neri stanno infoltendo le proprie file. La natura razziale della politica di Trump potrebbe far degenerare la situazione.

Trump ha spesso sottolineato la nozione di ‘legge e ordine’ quando ha affrontano i problemi nelle aree urbane. Non c’e` bisogno di essere astrofisici per vedere l’ascesa di un regime totalitaro e di uno ‘stato di polizia’ dopo il possibile Evento.

Infine, alcuni osservatori teorizzano che l’elite ‘punira`’ gli Stati Uniti, con una crisi economica costruita a tavolino o qualcosa del genere. L’elezione di Trump combinata con l’inaspettato Brexit del Regno Unito ci mostrano come due delle piu` potenti nazioni del mondo si stanno comportando da  ‘canaglie’. Potrebbero essere raddrizzate dall’elite mondiale con dolorosi metodi economici.

La vittoria di Trump è dunque un evento inatteso ma storico. Mentre può essere interpretato come uno schiaffo al volto del élite politica, si apre anche un percorso di estrema incertezza. Una presidenza Clinton sarebbe stata estremamente prevedibile e in perfetta continuità con la precedente amministrazione. Al contrario, è estremamente difficile prevedere in quale direzione una presidenza Trump andrà. Una cosa è certa, lo stesso governo ombra che ha governato il paese (e il mondo) per decenni, è ancora lì. E il fattore ‘caos’ di Trump potrebbe benissimo giocare a loro favore.

Fonte

La copertina dell’Economist “World in 2015”: una miscela di simbolismo criptico e terribili predizioni

L’importante rivista The Economist ha pubblicato una edizione speciale chiamata “The World in 2015”. Sulla copertina ci sono delle immagini strane: un fungo atomico, la Federal Reserve in un gioco chiamato “Panic” e molto altro.

leadeconomist

Normalmente non dedico un intero articolo all’analisi di una copertina, ma, in questo caso, non si tratta di una pubblicazione qualsiasi. E’ contenuta nel The Economist ed è direttamente correlata all’elite mondiale. E’, in parte, di proprietà della famiglia di banchieri Rothschild inglesi e del suo redattore capo, John Micklethwait, il quale ha partecipato più volte alla Conferenza Bilderberg – la riunione segreta in cui le figure più potenti del mondo, dal mondo della politica, della finanza aziendale e dei media discutono di politiche globali. Il risultato di questi incontri è totalmente segreto. E’ quindi giusto dire che chi lavora al The Economist sa cose che la maggior parte di noi ignora. Per questo motivo, la “previsione per il 2015” contenuta nella copertina è piuttosto sconcertante.

La tetra e cupa copertina mostra personalità politiche, personaggi di fantasia e icone della cultura pop che sicuramente faranno notizia nel 2015. Tuttavia, la cosa più importante, è la presenza di una serie di immaginari estremamente simbolici i quali alludono a concetti importanti e ad eventi mondiali. Ecco la copertina:

economist_magazine_jan2015

A prima vista, notiamo personaggi politici come Obama e Putin, riferimenti alla Rugby Cup e il nuovo film di Spider-Man. Ma uno sguardo più attento rivela una pletora di concetti importanti. Eccone alcuni.

IL GLOBO A DUE FACCE

world

Un lato del globo guarda stoicamente verso l’Occidente, mentre l’altro lato appare iracondo. Rappresenta forse un confronto tra l’Oriente e l’Occidente? La copertina presenta un paio di altri simboli che si riferiscono alla “rivolta dell’Oriente”. Ciò che inquieta di più tuttavia, è che immediatamente sotto quel globo arrabbiato vi sono raffigurati un fungo atomico e il lancio di un satellite spia nello spazio.

mushroom

Sorveglianza Hi-tech e guerra nucleare. Il The Economist non è molto positivo

IL COLORE DEI VOLTI

Date un’occhiata più da vicino ai volti dei personaggi presenti sulla copertina. Alcuni sono a colori e altri sono in bianco e nero. Perché?

faces

Tra quelli in bianco e nero vi sono Putin, la Merkel, Obama, Hillary Clinton, David Cameron, Hollande e Renzi. Tra quelli a colori vediamo David Blaine, un giovane con in mano uno striscione recante la scritta “Singapore” (a Singapore si terranno i South Asian Games nel 2015). Un altro ragazzo indossa dispositivi per la realtà virtuale. Una rapida raccolta di questi dati rivela che quelli in bianco e nero sembrano essere parte dell’elite (compreso il ragazzo dell’ISIS che probabilmente lavora per loro) e quelli di colore sono “estranei”. È così che l’elite percepisce il mondo?

IL PIFFERAIO MAGICO

piper2

La presenza del Pifferaio Magico su questa copertina “del 2015” è decisamente inquietante. Il Pifferaio di Hamelin è una leggenda tedesca basata su un uomo che utilizzava il suo flauto magico per portare via i bambini dalla città di Hamelin.

800px-Pied_Piper2-e1420662741656

Il pifferaio magico conduce i bambini fuori da Hamelin. Illustrazione di Robert Browning “The Pied Piper of Hamelin

Questa figura folkloristica risalente al Medioevo si dice rappresenti la massiccia morte per peste e catastrofi, o a causa di un movimento di massiccia immigrazione. E’ inoltre una perfetta rappresentazione di come gli odierni giovani vengano “attirati” e disorientati dalla “musica” dei mass media. In maniera quasi scontata possiamo vedere un ragazzino proprio sotto il flauto del Pifferaio.

IL RAGAZZO INETTO

boy

Proprio sotto il pifferaio magico si vede un ragazzo con uno sguardo sbalordito. Sta guardando un gioco chiamato “Panic”. Le parole “Federal Reserve” e “Chi” (che probabilmente sta per China) sono in cima, mentre le parole “luce verde” e “sis!” (Che probabilmente stanno per “Iside” o “crisi”) sono sul fondo. Questo ragazzino guarda imperterrito lo svolgersi del gioco come le masse impotenti vengono a conoscenza degli eventi tramite i mass media. L’obiettivo finale del gioco è quello di causare panico in tutto il mondo attraverso delle crisi generate casualmente da coloro che controllano il gioco. Ricordo che si tratta di una copertina di una rivista Rothschild.

CROP-O-DUST

Untitled-1

Di fronte a Putin vi è un piccolo elicottero su cui è scritto Crop-O-Dust. Sembra far riferimento a  “quel processo di irrorazione delle colture con insetticidi in polvere o fungicidi da un aereo.” Proprio sotto l’elicottero c’è un ragazzino che sta mangiando. Inquietante.

kid

Seduto proprio sotto l’elicottero, questo bambino sta mangiando un pacchetto di noodles pesantemente lavorato. Sta ingurgitando il veleno diffuso dal velivolo?

CINA

china-e1420664430567

Un panda indossa una bandiera della Cina – mentre flette i muscoli, è un modo piuttosto chiaro per mostrare come la Cina stia guadagnando potere. Accanto ad essa c’è un lottatore di sumo in possesso di un grande batteria in cui le polarità (+ e -) sono chiaramente indicate. Sta alludendo a uno switch nella polarità delle potenze mondiali da Ovest ad Est?

IL FANTASMA

ghost

Da dietro la gamba di Obama vediamo emergere un fantasma che legge una rivista dal titolo “Holiday”. Perché questo fantasma, che rappresenta una persona morta, sta pianificando una vacanza? Significa forse che le masse saranno così impoverite da poter pensare alle vacanze solo una volta morte? Potrebbe rapportarsi alle innumerevoli persone che sono morte in viaggio negli ultimi mesi? Sconcertante.

LA TARTARUGA

turtle

In piedi di fronte a tutto il resto, guardandoci fissi vi è una tartaruga con delle linee che ne circondano il guscio. Cosa rappresenta? Ci sarà un grande aumento delle tartarughe nel 2015? Probabilmente no.

Una tartaruga arrabbiata è il simbolo della Fabian Society, un’organizzazione estremamente potente che ha lavorato per oltre un secolo verso la formazione di un unico governo mondiale.

when-i-strike-i-strike-hard

Il motto della Fabian Society è “Quando colpisco, colpisco duro”.

La filosofia dietro il socialismo Fabiano è fondamentalmente il modello di quello che oggi chiamiamo il Nuovo Ordine Mondiale.

La Fabian Society è un gruppo molto antico il quale ebbe origine in Inghilterra nel 1884, con lo scopo di formare uno stato unico socialista, globale. Il loro nome deriva dal nome dal generale romano Fabio, che pianificò attentamente le strategie per portare lentamente i suoi nemici alla sconfitta. Il “Socialismo Fabiano” utilizza il cambiamento incrementale per un lungo periodo di tempo in modo da trasformare lentamente uno stato anziché utilizzare una rivoluzione violenta. Si tratta essenzialmente di socialismo occulto. Il loro stemma originale era uno scudo con un lupo travestito da agnello in possesso di una bandiera con le lettere FS. Oggi il simbolo internazionale della Fabian Society è una tartaruga, con il seguente motto: “Quando colpisco, colpisco duro.”
– La Fabian Society, The Weather Eye

La Fabian Society sosteneva apertamente una società scientificamente programmata e l’eugenetica attraverso la sterilizzazione. Il suo logo originale era un lupo travestito da agnello … non credo tuttavia fosse il modo migliore per nascondere il lupo alle masse.

Fabian_Society_Logo

Il logo originale della Fabian Society

Portare avanti un sistema globale attraverso piccoli cambiamenti incrementali è esattamente ciò che l’elite mondiale sta facendo. Questo è probabilmente il motivo per cui c’è una tartaruga arrabbiata sulla copertina di questa pubblicazione Bilderberg friendly.

11.3 E 11.5

dirt

La parte in basso a destra della copertina presenta alcuni simboli più criptici. C’è un mucchio di immondizia a terra e due frecce in cui leggiamo 11,5 e 11,3. Si tratta di date da ricordare? Perché sono vicino ad un mucchio di immondizia? Se si guarda a queste figure come a coordinate, puntano da qualche parte in Nigeria. In altre parole, la presenza di 11,5 e 11,3 è un po’ inquietante, soprattutto considerando il fatto che chi ha fatto la copertina non ha voluto far capire alla gente di cosa stesse realmente parlando.

In piedi di fronte alla spazzatura vi è Alice nel paese delle meraviglie, la quale sta guardando in alto verso lo stregatto.

cat

Questo iconico gatto è noto per scomparire del tutto, lasciando visibile solo il suo inquietante sorriso. Abbiamo quindi un’altra allusione ad un mondo di fantasia, illusione e inganno, percepito da Alice – le masse. Insieme all’inclusione piuttosto inutile di David Blaine – il mago – la copertina mescola eventi del mondo reale con simboli che alludono all’inganno.

Altri simboli di rilievo su questa copertina sono un salvadanaio volante che esce dalle tasche di James Cameron; Un modello che porta una creazione di Alexander McQueen (stilista preferito della elite che morì in circostanze strane) e un ufficiale asiatica che porta una maschera per proteggerla da una malattia mortale.

Il 2015 sembra proprio fantastico!

CONCLUSIONE

L’Economist non è un giornaletto che pubblica eccentriche previsioni sul 2015 per vendere una manciata di copie in più. E’ collegato direttamente a coloro che danno forma alle politiche globali e che ne garantiscono l’attuazione. Il giornale è in parte proprietà della famiglia di banchieri Rothschild di Inghilterra e il suo editore partecipa regolarmente alle riunioni del Bilderberg. In altre parole, The Economist è collegato a coloro che hanno i mezzi e il potere per fare “predizioni” della realtà.

La copertina della rivista riflette essenzialmente l’Agenda globale delle élite ed è disseminata di simboli criptici che sembrano essere inclusi per “coloro che sanno”. E le masse, come Alice guarderanno lo stregatto scomparire, rimanendo confuse dalle illusioni, mentre il lupo travestito da agnello colpirà … e colpirà duro.

Fonte