Archivi Blog

L’Ue ha finanziato un fumetto che prediceva la pandemia con i globalisti elevati al ruolo di salvatori

Il misterioso fumetto del 2012 dipinge gli eurocrati come i salvatori del pianeta.

Uno strano fumetto che è stato commissionato dall’Unione Europea nel 2012 ha previsto in maniera quasi perfetta cosa sarebbe accaduto con la pandemia globale di Covid-19. Come se non bastasse, nel mezzo di tutta questa propaganda, i burocrati globalisti non eletti salvano il pianeta.

Il fumetto, intitolato “Infected”, e` stata una produzione del braccio di cooperazione e sviluppo internazionale della Commissione europea. Non era destinato alla diffusione pubblica, ma era indirizzato alle istituzioni dell’UE. Sono state realizzate solo poche centinaia di copie.

La descrizione dell’UE, secondo il fumetto, afferma che “Sebbene la storia sia frutto della fantasia, è comunque intrecciata con alcune informazioni fattuali”.

Il romanzo grafico raffigura scienziati all’interno di un laboratorio in Cina che sperimentano agenti patogeni mortali:

Un aspirante eroe proveniente dal futuro, avvisa le autorità su una imminente pandemia e presenta un antidoto, prima di diventare rapidamente il bersaglio di opportunisti che vogliono rubare la cura e venderla alle compagnie farmaceutiche:

La storia include la trasmissione di un nuovo virus dagli animali agli umani in un affollato “wet market”:

“Immagina di essere stato infettato in questo mercato da un nuovo agente patogeno.” afferma il consigliere capo delle Nazioni Unite sulle malattie contagiose, aggiungendo “Probabilmente non te ne accorgeresti fino alla fine del periodo di incubazione”.

La pubblicazione suggerisce che i viaggi aerei esacerberebbero la diffusione della malattia, con il personaggio che aggiunge che “saresti tornato in Europa, negli Stati Uniti, in America Latina o in Australia, come previsto tramite un aeroporto internazionale”.

Il fumetto raffigura l’incapacità di un’organizzazione sanitaria globale di agire abbastanza rapidamente per fermare una pandemia:

Prevede anche misure di sicurezza draconiane, incluso il distanziamento sociale, che rendono la vita quotidiana “totalmente insopportabile”:

Il fumetto si conclude con un’audizione del Parlamento europeo, in cui Bruxelles spinge per una cooperazione europea più integrata in materia di salute globale, rispecchiando un’iniziativa reale nota come “One Health“.

I globalisti vengono lodati per l’aiuto allo sviluppo e alla distribuzione di un vaccino nel mondo:

Si tratta di programmazione predittiva o e` solo una bizzarra coincidenza?

Nel 2020, in realtà, l’UE ha assecondato la Cina e si è inchinata alla censura per quanto riguarda l’epidemia.

L’UE è stata anche pesantemente criticata dagli Stati membri e dagli addetti ai lavori per i fallimenti monumentali dovuti alla burocrazia interna. Il capo scientifico dell’UE ha persino rassegnato le dimissioni a causa dell’inetta risposta del coronavirus da parte dell’istituzione.

Nella finzione degli eurocrati, il globalismo e` il salvatore del pianeta. Nella realtà, e` tirannia di massa e morte.

Fonte

 

 

L’Ue difende la sua vergognosa “genuflessione” ai censori cinesi

L’UE ha abbassato la testa due volte per il governo comunista cinese, modificando una lettera di 27 ambasciatori e un rapporto sul coronavirus per ammorbidire le critiche

L’UE ha tentato di difendere il fatto di aver permesso al governo comunista cinese di censurare una lettera che aveva scritto prima di essere pubblicata su un giornale cinese, cancellando una frase che affermava che il coronavirus era nato in Cina.

La lettera, scritta dai 27 ambasciatori del blocco, è stata pubblicata martedì sul quotidiano cinese China Daily. Tuttavia, l’UE ha convenuto di consentire ai censori di rimuovere la seguente sentenza: “Ma lo scoppio del coronavirus, in Cina, e la sua successiva diffusione nel resto del mondo negli ultimi tre mesi …”

“La Cina ha media controllati dallo stato. C’è censura, questo è un dato di fatto “, ha detto ai giornalisti la portavoce dell’UE per gli affari esteri Virginie Battu-Henriksson nel tentativo di giustificare l’inchino ai censori cinesi.

Henriksson ha suggerito che l’UE ha accettato con riluttanza l’emendamento perché era meglio del fatto che non fosse in grado di comunicare con un pubblico cinese su “questioni chiave dell’UE”, compresi i cambiamenti climatici, i diritti umani e la risposta alla pandemia.

È la seconda volta nel giro di due settimane che l’UE ha acconsentito alla censura cinese, avendo precedentemente ammorbidito le critiche al regime comunista in un rapporto che documentava come i governi hanno spinto la “disinformazione” sulla pandemia di coronavirus.

L’Unione Europea avrebbe dovuto pubblicare il rapporto tuttavia i funzionari cinesi “contattarono rapidamente i rappresentanti dell’Unione Europea a Pechino per tentare di bloccare il rapporto”, secondo due diplomatici.

Il politico conservatore tedesco Norbert Roettgen ha criticato le azioni dell’UE, affermando che e` rimasto “scioccato non una ma due volte”.

“In primo luogo gli ambasciatori dell’UE si sono generosamente adeguati alla narrativa cinese e poi il rappresentante dell’UE accetta la censura cinese”. Ha aggiunto.

“Questa storia e` incredibile”, ha detto a Politico un altro diplomatico dell’UE, chiedendo “Qual è il punto di lasciarsi censurare?”

Fonte

Il China Daily rimuove un articolo scritto da funzionari europei, rimuovendo ogni menzione sul fatto che il virus abbia avuto origine in Cina

Alberto Nardelli di BuzzFeed ha sottolineato che l’Unione Europea non ha discusso delle modifiche, inclusa la rimozione di riferimenti alla diffusione del COVID-19, in un editoriale pubblicato congiuntamente da tutti e 27 gli stati membri in un giornale di proprietà cinese.

Alcuni funzionari europei non hanno scoperto le modifiche segrete che Bruxelles ha apportato assieme ai cinesi fino a quando non è stato pubblicato l’articolo. Un diplomatico ha detto a BuzzFeed che non ci sono state discussioni sulle modifiche con Bruxelles, dicendo che e` ironico “dato che l’incidente e` avvenuto pochi giorni dopo la Giornata mondiale della libertà di stampa”.

Un altro diplomatico ha affermato che la decisione di Bruxelles di apportare la modifica secondo le richieste della Cina è “debole”, con un altro diplomatico che afferma che gli Stati membri tenuti allo scuro delle modifiche dovrebbero essere arrabbiati.

Il pezzo è stato pubblicato sul China Daily Newspaper e dopo aver esaminato lo stesso rapporto ma caricato sul sito web dell’ambasciata dell’UE, diventa chiaro che questa potrebbe essere la sezione che la Cina ha rimosso: “Con lo scoppio del coronavirus in Cina e la sua successiva diffusione in il resto del mondo negli ultimi tre mesi “.

La Cina che limita la libertà di parola, o meglio ancora, che tenta di controllare la narrativa globale sul virus, segna un periodo pericoloso per il mondo. Uno in cui la Cina continua a coprire le origini della pandemia.

Un portavoce dell’UE ha detto a BuzzFeed che l’articolo è stato modificato su richiesta “del Ministero degli Affari Esteri cinese”.

“La delegazione dell’UE ha tuttavia deciso di procedere con la pubblicazione dell’Op-Ed con notevole riluttanza, ritenendo importante comunicare messaggi molto importanti sulle priorità politiche dell’UE, in particolare sui cambiamenti climatici e la sostenibilità, i diritti umani, il multilateralismo e la risposta globale al coronavirus “.

Il Daily Express ha affermato che anche le ambasciate di Germania, Francia e Italia in Cina hanno pubblicato versioni inedite dell’articolo.

Norbert Rottgen, un politico tedesco dell’Unione Democratica Cristiana, ha dichiarato di essere rimasto scioccato quando ha scoperto le modifiche.

“In primo luogo gli ambasciatori dell’UE hanno adottato generosamente la narrativa cinesi, e poi il rappresentate dell’UE accetta la censura cinese dell’opinione pubblica.

“Parlare con una sola voce è importante, ma deve riflettere i nostri valori e interessi europei condivisi”.

Allo stesso tempo, la Cina è chiusa in un acceso dibattito con l’amministrazione Trump sulle origini del virus. Il presidente Trump afferma che il virus potrebbe provenire da un laboratorio di Wuhan, in Cina.

Diventa sempre più evidente che le persone a Bruxelles sono imbarazzanti per l’intero blocco mentre si inchinano alle richieste della Cina. L’Europa è debole.

Fonte

Circo delle Nazioni Unite: Aumentano i finanziamenti ai jet privati ma vogliono ridurre le emissioni del 50% per il 2030

L’Unione europea (UE) intende aumentare di molti milioni di euro il finanziamento per i jet privati concessi ai suoi funzionari, sostenendo allo stesso tempo di essere “leader globale del clima” richiedendo una riduzione delle emissioni di carbonio del 50 percento, se non del 55 percento , entro il 2030.

Sebbene l’organizzazione sia ancora a due anni dall’attuale conclusione del contratto “air taxi” (se la crisi climatica fosse cosi` urgente perche` non recedono il contratto immediatamente? n.d.r.), ha deciso di aumentare l’importo che può essere speso dai funzionari a 10,71 milioni di euro, con un aumento del 50% sull’importo iniziale, riferisce Politco.

Il folle aumento di spesa arriva nonostante il nuovo presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen che si impegna a ridurre le emissioni dell’UE entro il 2030 e arrivare ad emissioni zero per il 2050.

Per raggiungere l’obiettivo del 2050, von der Leyen ha esortato a ridurre le emissioni di carbonio in Europa del 50 percento, se non del 55 percento, entro il 2030.

“Voglio che l’Europa diventi il ​​primo continente neutro dal punto di vista climatico entro il 2050”, ha dichiarato von der Leyen all’Unione Europea, a luglio, suscitando forti applausi.

Von der Leyen ha dichiarato agli eurodeputati che, nell’ambito di un “Green Deal per l’Europa” nei suoi primi 100 giorni di mandato, avrebbe pressato per imporre l’obiettivo climatico per il 2050 con gravi sanzioni per gli Stati membri che non riusciranno a rispettare gli obiettivi stabiliti dalla UE.

Se l’uso di jet privati da parte dell’UE, verra` limitato, resta da vedere.

Il contratto originale per i viaggi aerei privati ​​diceva che era per la “fornitura di servizi di trasporto aereo-taxi (aerei charter) per l’uso da parte del Presidente o di altri membri della Commissione europea, per la Presidenza del Parlamento europeo, per il Presidente della Consiglio europeo, per l’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e tutti gli accompagnatori, principalmente nell’Unione europea “, secondo Politco.

In totale sono circa 871 ore di volo verso destinazioni tra cui Berlino, Stoccarda e Strasburgo.

Cio` è stato modificato quando dopo la pubblicazione di un avviso che diceva: “l’analisi delle spese durante il periodo già trascorso ha portato alla conclusione che questa soglia non sarà sufficiente a coprire le esigenze delle istituzioni europee fino alla data di scadenza del contratto, ovvero il 30.4.2021”.

Tuttavia un portavoce della commissione ha dichiarato a Politico: “Ciò non significa che verrà speso l’intero importo previsto dal contratto.

“Il contratto modificato fornisce solo una garanzia che la soglia sarà sufficiente a coprire le esigenze istituzionali dell’UE per il restante periodo del contratto. ”

Nonostante l’EU. promuovere il rispetto delle sue severe direttive sul clima, sembra esserci poca risonanza con i cittadini degli Stati membri.

L’indagine Eurobarometro della Commissione europea, che ha raccolto le opinioni di oltre 27.000 europei, il mese scorso ha chiesto alle persone di 33 paesi quali fossero le loro principali preoccupazioni per l’Unione europea: l’immigrazione e` al primo posto.

Fonte