Archivi Blog

Circo delle Nazioni Unite: Aumentano i finanziamenti ai jet privati ma vogliono ridurre le emissioni del 50% per il 2030

L’Unione europea (UE) intende aumentare di molti milioni di euro il finanziamento per i jet privati concessi ai suoi funzionari, sostenendo allo stesso tempo di essere “leader globale del clima” richiedendo una riduzione delle emissioni di carbonio del 50 percento, se non del 55 percento , entro il 2030.

Sebbene l’organizzazione sia ancora a due anni dall’attuale conclusione del contratto “air taxi” (se la crisi climatica fosse cosi` urgente perche` non recedono il contratto immediatamente? n.d.r.), ha deciso di aumentare l’importo che può essere speso dai funzionari a 10,71 milioni di euro, con un aumento del 50% sull’importo iniziale, riferisce Politco.

Il folle aumento di spesa arriva nonostante il nuovo presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen che si impegna a ridurre le emissioni dell’UE entro il 2030 e arrivare ad emissioni zero per il 2050.

Per raggiungere l’obiettivo del 2050, von der Leyen ha esortato a ridurre le emissioni di carbonio in Europa del 50 percento, se non del 55 percento, entro il 2030.

“Voglio che l’Europa diventi il ​​primo continente neutro dal punto di vista climatico entro il 2050”, ha dichiarato von der Leyen all’Unione Europea, a luglio, suscitando forti applausi.

Von der Leyen ha dichiarato agli eurodeputati che, nell’ambito di un “Green Deal per l’Europa” nei suoi primi 100 giorni di mandato, avrebbe pressato per imporre l’obiettivo climatico per il 2050 con gravi sanzioni per gli Stati membri che non riusciranno a rispettare gli obiettivi stabiliti dalla UE.

Se l’uso di jet privati da parte dell’UE, verra` limitato, resta da vedere.

Il contratto originale per i viaggi aerei privati ​​diceva che era per la “fornitura di servizi di trasporto aereo-taxi (aerei charter) per l’uso da parte del Presidente o di altri membri della Commissione europea, per la Presidenza del Parlamento europeo, per il Presidente della Consiglio europeo, per l’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e tutti gli accompagnatori, principalmente nell’Unione europea “, secondo Politco.

In totale sono circa 871 ore di volo verso destinazioni tra cui Berlino, Stoccarda e Strasburgo.

Cio` è stato modificato quando dopo la pubblicazione di un avviso che diceva: “l’analisi delle spese durante il periodo già trascorso ha portato alla conclusione che questa soglia non sarà sufficiente a coprire le esigenze delle istituzioni europee fino alla data di scadenza del contratto, ovvero il 30.4.2021”.

Tuttavia un portavoce della commissione ha dichiarato a Politico: “Ciò non significa che verrà speso l’intero importo previsto dal contratto.

“Il contratto modificato fornisce solo una garanzia che la soglia sarà sufficiente a coprire le esigenze istituzionali dell’UE per il restante periodo del contratto. ”

Nonostante l’EU. promuovere il rispetto delle sue severe direttive sul clima, sembra esserci poca risonanza con i cittadini degli Stati membri.

L’indagine Eurobarometro della Commissione europea, che ha raccolto le opinioni di oltre 27.000 europei, il mese scorso ha chiesto alle persone di 33 paesi quali fossero le loro principali preoccupazioni per l’Unione europea: l’immigrazione e` al primo posto.

Fonte