Il libro nero delle corporazioni

Dietro a ciò che definiamo governo nazionale, vi sono gruppi, chiamati multinazionali che portano denaro e ricchezze sfruttando l’ambiente, le persone povere e i paesi del terzo mondo. La multinazionale possiede una propria personalità giuridica e l’unico scopo è quello di accrescere sempre più il proprio capitale. Le multinazionali, ricattano gli Stati per far valere i propri interessi, puoi essere in U.s.a. puoi essere in Uganda, il capo di stato di turno dovrà per forza accettare i voleri di queste, altrimenti rischierebbe di essere tolto di torno.

La multinazionale si stabilisce in un paese povero garantendo di poter far crescere la città o il paese in cui si è insediata.  Effettivamente le condizioni di vita “salgono”, ma appena si fa strada una occasione di sfruttamento più economica, abbandonano il paese su cui si erano insediate lasciando in una povertà ancora più grande le persone e l’ambiente.

Così in uno stato  ricco la multinazionale farà pressioni sui governi, con appoggi finanziari, per facilitare l’approvazione di leggi che le permettano un maggior profitto.

Queste che elencherò sono la rosa delle multinazionali peggiori al mondo:

La Nestlé è stata  ripetutamente criticata e ampiamente boicottata da un gran numero
di paesi a causa della  violazione dei codici internazionali in materia di
commercializzazione di prodotti lattiero-caseari per i bambini
. Nestlé detiene circa il 50% del mercato del latte materno mondiale  e viene boicottata per le continue
violazioni del codice in materia di commercializzazione dei sostituti del latte materno dell OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), Codice in materia di
commercializzazione dei sostituti del latte materno.

Nestlé incoraggia  principalmente l’uso dei biberon dando via
campioni di latte gratuito per bambini agli ospedali, o si dimentica di raccogliere i pagamenti. La Nestlé
è stata criticata per disinformare mamme e operatori sanitari in
materiale promozionale. Nestlé postula che le madri malnutrite, le
mamme di gemelli e di bambini prematuri non sono in grado di allattare al seno, nonostante
organizzazioni sanitarie sostengono che non ci siano prove a sostegno di questa affermazione.

Prove di pubblicità diretta alle madri è stato trovato in oltre venti
paesi come il Sudafrica e la Thailandia. Le istruzioni e
le avvertenze sulle confezioni spesso sono assenti, non esposte in maniera visibile
o in un linguaggio inappropriato. Tutte queste azioni violano direttamente
il Codice che disciplina la commercializzazione di formule latte per l’infanzia.

Anche nel Regno Unito, i bambini allattati artificialmente hanno fino a dieci volte più probabilità di
sviluppare infezioni intestinali, ma nel Terzo Mondo, dove l’acqua pulita
è probabile sia assente, le madri potrebbero essere analfabete senza assistenza sanitaria e con poche informazioni, qui il biberon può essere più pericoloso.
Questo può portare a una situazione in cui i bambini risultano vulnerabili alla
dissenteria, alla malnutrizione e purtroppo vanno incontro spesso a morte
, e Nestlé così è in grado di mantenere la sua
quota di mercato stimata  a 4 miliardi dollari nel settore del latte per bambini.

Oltre 3000 bambini muoiono ogni giorno di malattie derivanti dall’uso di bottiglie (OMS).

Nestle  è stata recentemente criticata da Oxfam per il perseguimento contro il Governo Etiope per 6 milioni di dollari mentre il paese cerca di affrontare una carestia
che interessa 11 milioni di persone
. L’importo era così grande, perché fu
richiesto in dollari statunitensi non in valuta locale al tasso attuale di
scambio ma a quello del 1975. Nestlé neppure possedeva la  società quando la
fabbrica è stata nazionalizzata. Nestlé ha finalmente accettato  1,51 milioni dollari
offerti dal governo il 23/1/3 grazie alla campagna condotta da Oxfam
che ha fatto intravedere problemi futuri nelle pubbliche relazioni.

I lavoratori in un impianto di produzione della Nestlé in Caçapava, sono entrati in
sciopero nel 1989, lamentandosi delle cattive condizioni di lavoro,
discriminazione contro le donne, la mancanza di indumenti protettivi e per le inadeguate
condizioni di sicurezza. Entro due mesi dall’inizio dello sciopero la
società aveva già licenziato una quarantina dei suoi lavoratori, tra cui la maggior parte degli organizzatori dello sciopero.

Nestlè ha filiali in alcuni dei regimi più repressivi del
mondo, tra cui Cina, Colombia, Egitto, El Salvador, Guatemala, India,
Indonesia, Kenya, Libano, Messico, Papua Nuova Guinea, Filippine,
Senegal, Sri Lanka e Turchia. La società ha anche filiali in Sud
Africa che erano di sua proprietà nel corso dell’anno dell’Apartheid. L’Oreal (società madre
– Nestlé) ha filiali in Perù e Marocco.

Alias – Prodotti di proprietà Nestlè: L’Oreal, Croce e Blackwell, Branston, sci, Munch Bunch, Buitoni, Vittel, Perrier, Herta, Purina, Allenis, Maggi, Pietro, Milo, Garofano, Traiteur Blend, GoDog, Lean Cucina, Sunshine, Rowntrees, l’alito fresco, Quik Eze, Scanlens, Nesquik, Vitari, Nescafe, GoPet, International arrosto, Medallion, papà Guiseppi, il burro cacao, Dermoplast, Mighty Dog, e un numero spaventoso di tavolette di cioccolata.

L’organizzazione internazionale per il lavoro con sede negli Usa, e la United Steelworkers USA hanno  intentato una causa contro la Coca-Cola, accusando il suo impianto in Colombia di utilizzare paramilitari per reprimere le attività sindacali. Nel caso ancora irrisolto, Coca-Cola ha detto che non poteva essere ritenuta responsabile in quanto le strutture non erano direttamente sotto il suo controllo.Il verbale presentato a Miami nel 2001, ha affermato che la compagnia “mantiene relazioni aperte con gli squadroni della morte come parte di un programma per intimidire i leader sindacali. ”

La corporazione influenza, secondo un contratto stipulato nel 1997, la scuola di Colorado Springs che riceverà 8,4 milioni dollari in dieci anni in cambio del consumo di 70.000 casse di  Coca-Cola l’anno. La società ha invitato gli amministratori scolastici ad aumentare le vendite dei prodotti Coca Cola, consentendo un accesso migliore e illimitato alle macchinette e consentendo agli studenti di bere in classe. La società ha detto che prevede di diffondere questo modello in tutta l’America. Il Regno Unito sarà il prossimo?

Nel novembre 2000, Coca-Cola ha risolto una class-action pagando una multa record di 192,5 milioni dollari. La società è stata accusata di discriminazione razziale, negando agli afroamericani una retribuzione adeguata, le promozioni e i premi di produzione. La querela è stata presentata da quattro dipendenti ex e attuali, che vanno da una guardia di sicurezza a un ex dirigente, a nome di ben 2.000 dipendenti neri che attualmente lavorano o che hanno avuto posizioni di lavoro subordinato nella Coca-Cola negli Stati Uniti dall’ Aprile 1985 . I 4 che hanno fatto ricorso hanno sostenuto che  Coca-Cola pagava un dipendente medio nero quasi 27 mila dollari in meno rispetto ad un dipendente medio bianco e limitava le  possibilità dei lavoratori neri di ricevere promozioni.

La stragrande maggioranza dei lavoratori  di McDonald’s non ha un impiego a tempo pieno, non hanno alcun beneficio, non hanno alcun controllo o saranno costretti ad andarsene dopo pochi mesi. I posti di lavoro della Mc Donald’s sono appositamente de-qualificati, in modo che la multinazionale sia in grado di assumere lavoratori con un salario minimo e facilmente intercambiabili. Un terzo dei lavoratori dei fast food non parla inglese. McDonald’s e altre catene puntano ad automatismi che non richiedono alcuna formazione e ce la hanno quasi fatta. Tuttavia, essi combattono duramente per mantenere centinaia di milioni di dollari di sovvenzioni pubbliche per la “formazione” dei lavoratori. Il fatturato è del 300-400% all’anno.

Nessun operaio fa parte di un gruppo sindacale. Un solo ristorante è stato sindacalizzato di recente è stato nel 1997 a Montreal. Il ristorante è stato chiuso poco prima che l’unione fosse stata certificata.

Nel caso McLibel del 1990, la McDonald’s è stata giudicata colpevole di  sfruttare “bambini”,  “responsabiltà per crudeltà sugli animali”, e  “pubblicità, promozioni e opuscoli che hanno ingannato sui valori nutrizionali”. Il registro del lavoro,  delle condizioni di lavoro, del sindacato e della retribuzione è stato pesantemente criticato.

Il più grande venditore di Coca-Cola è McDonald’s. Gli americani bevono da soli 56 litri di soda all’anno. Coca Cola vuole aumentare il consumo dei propri prodotti del 25%  in più l’ anno, concentrandosi più sui bambini in quanto il mercato adulto è stagnante.

Ogni volta che si mangia un hamburger, si sta mangiando steroidi anabolizzanti, antibiotici, e feci.

Il bestiame è nutrito anche a brandelli di imballaggio, scatole di cartone,  cemento e segatura per aumentarne il peso.

Il bestiame che serve per la produzione di hamburger beve acqua sporca e si nutre di rifiuti alimentari e di alimenti marci.Fino al 1997, sono stati alimentati con milioni di cani e gatti morti acquistati da ricoveri per animali.Continuano a mangiare  suini morti, cavalli e pollame. (E i polli sono nutriti con i bovini morti).

I bovini sono anche alimentati con il letame di pollo, che può contenere la tenia, Giardia, residui di antibiotici, arsenico e metalli pesanti. La relazione degli ispettori federali è stata che gli animali sono visibilmente malati, bovini infettati con il morbillo, la tenia, e coperti di ascessi vengono macellati e trasformati in carne.

Un quarto delle vacche da latte bovino macellato è logoro, gli animali sono macellati con malattie, tumori, e residui di antibiotici. McDonald’s utilizza molto le vacche da latte vecchie perché sono meno grasse, meno costose e consente loro di dire che tutta la loro carne proviene dagli Stati Uniti.


Durante il boicottaggio del Sudafrica negli anni dell’apartheid, Procter &
Gamble ha mantenuto la sua licenza per vendere. Procter & Gamble oggi
opera nei nuovi regimi oppressivi; Brasile, Cina, Colombia,
Egitto, India, Indonesia, Kenya, Libano, Messico, Marocco, Perù,
Filippine e la Turchia.

Alla fine del 1991 la società è stata criticata per continuare ad inquinare
il fiume Fenholloway con fino a 50 milioni di galloni di acque inquinate ogni
giorno
dal suo impianto di cellulosa in Florida. I pesci nel fiume venivano
contaminati dalla diossina, e i pozzi d’acqua in prossimità del fiume risultavano inutilizzabili . Sorprendentemente, tutto questo inquinamento è nei limiti legali, ma
funzionari statali si dicono pronti a revisione il permesso della P & G.

Sono stati spesso accusati di inutili test sugli animali. Il numero totale degli animili usati per i testi della P & G sono 50.000.

Alias prodotti di propietà P&G – Max Factor, Clarion, Colorfast, Cover Girl, Mary Quant, Maxi, Outdoor Girl, luvs (pannolini), Pampers, passo dopo passo, sempre, Head & Shoulders, Vidal Sassoon, Clearsil, Fairy, Zest, Crest, Ariel , Grassetto, Daz, Dreft, Fata, Marea, Bounce, roverelle, Cheer, Dash, Era, Gain, Neve d’Avorio, Oxydol, Marea. Fata, Head & Shoulders, avorio, Pantene, Pert Plus, Prell, Vidal Sassoon, (range Vicks) Chloraseptic, pastiglie per la tosse, DayQuil, inalatore, NyQuil, Sinex, Vaporub, VapoSteam, Vicks 44, Vitamina C Drops.

Unilever è una società anglo-olandese con filiali in molti paesi con regimi repressivi, per esempio il Sud Africa, Brasile, Colombia, Egitto, El Salvador, Guatemala, Honduras, India, Indonesia, Kenya, Messico, Marocco, Perù, Filippine, Senegal , Sri Lanka, Turchia e Uganda. Sono stati criticati per il trattamento repressivo dei lavoratori, e gran parte dei profitti di Unilever provengono da commerci svantaggiosi per le nazioni che possiedono le materie prime  (tè, caffè e oli vegetali).

Sono ovviamente i produttori di un enorme quantità di saponi e detergenti, e sono stati ritenuti responsabili per una serie di gravi casi di inquinamento delle acque. Ad esempio, nel 1990, la Crosfield che produce prodotti chimici, è stata multata dopo aver rilasciato cinquanta tonnelate di acido solforico concentrato nei sistemi di depurazione a Warrington. Inoltre, nel 1991, l’ente scozzese per la purezza dei fiumi aveva accertato che la società aveva superato il suo limite di scarico di tre o più volte, la società è stata condanna per reati di inquinamento delle acque.

Sono stati criticati per inutili sperimentazioni di cosmetici sugli animali e accusati di fare disinformazione per quanto riguarda la loro posizione sul tema della manipolazione genetica, dicendo che le società ‘ha un’opinione positiva sull’ingegneria genetica’. L’azienda, infatti, non ha una linea unitaria sull’ ingegneria genetica, ma si attiene alle regole del paese, ad esempio Unilever Germania non utilizza tecniche di ingegneria genetica sui prodotti, mentre in altri, dove è possibile, si.

Furono accusati di marketing pubblicitario fraudolento dopo l’offerta gratuita di multivitaminici (tra cui la vitamina A) con i kit di gravidanza, dopo che il Dipartimento della Sanità consigliò alle donne in gravidanza di evitare di prendere integratori dietetici contenenti vitamina A a causa del rischio di difetti alla nascita.

Alias prodotti di proprietà – Colomba, tè Lyptons, Bertolli, Hellmann’s, Knorr, Rag, Birds Eye, Findus, Solero Magnum, Domestos, Cif, Comfort, Impulse, Organics, Sunsilk, Lux, Slim, Signal, Calvin Klein.

Wal-Mart è una società che genera un fatturato di 138 miliardi dollari, il che la rende la più grande multinazionale di vendita al dettaglio al mondo. Wal-Mart è stata accusata di distruggere le economie dei piccoli centri negli Stati Uniti, di abusare dei diritti dei suoi lavoratori nei paesi in via di sviluppo e con campagne pubblicitarie mirate, colpire il pubblico impressionabile di adolescenti americani. L’azienda è il più grande datore di lavoro negli Stati Uniti ed è stato spesso accusato di violare i diritti internazionali del lavoro.

Hanno raggiunto la saturazione del mercato in Nord America e possono solo espandere il loro impero, spostandosi verso l’Europa e gli altri “nuovi” mercati. Nel giugno 1999 hanno comprato Asda (che era la terza più grande catena di supermercati del Regno Unito) per £ 6,7 miliardi.Purtroppo la catena Asda è stata un membro della Ethical Trading Initiative, ma sarà ora Wal Mart il canale con cui verrano venduti i suoi prodotti. Il codice della Wal-Mart permette di utilizzare prodotti realizzati da bambini di 14 o 15, ma “preferisce” che lavorino non più di sessanta ore alla settimana.

Wal-Mart, come big del suo settore negli degli Stati Uniti, è anche il più grande venditore di armi. Gli attivisti per leggi più severe sul controllo delle armi accusano Wal-Mart di essere irresponsabile nella vendita delle armi da fuoco e di essere troppo lassista nel vendere armi agli adolescenti.Quando la rock star Sheryl Crow aveva accennato a questo su un disco recente, Wal-Mart magnanimamente ha vietato la loro vendita in 2.500 punti vendita.

E’ stata anche accusata di aver tentato di profanare tombe antiche. Wal-Mart vuole costruire un supermercato sulla cima di un cimitero dei nativi americani in Tennessee. I nativi americani ‘discendenti sono naturalmente furiosi per il piano.

Si tratta di una delle 17 società che deve far fronte ad una azione legale di £ 660.000.000 nei tribunali degli Stati Uniti proposto dai produttori di abbigliamento nel protettorato americano del Pacifico di Saipan. Essi sostengono di aver subito percosse, aborti forzati e quartieri infestati da parassiti al servizio del fornitore di Wal-Mart. Wal-Mart nega l’addebito. Un altro dibattito per la Wal-Mart ci fu con la celebrità Kathy Lee Gifford che decise di  togliere il suo nome da una serie di abiti Wal-Mart, quando gli attivisti del lavoro americano scoprirono che i capi furono preparati in Honduras da bambini sfruttati.

Wal-Mart ha da tempo perseguito una politica di ricerca dei piccoli centri urbani negli U.s.a. Sono in grado di creare monopoli con l’introduzione di prezzi artificialmente bassi che mettono la concorrenza fuori dal mercato e questo li lascia liberi di aumentare il prezzo di nuovo. Nonostante l’aria familiare e l’immagine della famiglia che hanno tanto sudato per ottenere, Wal Mart è in realtà un colosso senza volto, una organizzazione che sostituisce sistematicamente le piccole imprese a livello locale. I posti di lavoro “creati” da Wal-Mart pagano salario minimo e gli utili vengono inviati altrove, impoverendo l’economia locale.

Bacardi gioca sulle sue radici cubane, fuorviano i bevitori a credere che Bacardi abbia qualche tipo di collegamento con l’isola. La triste verità è che l’impero Bacardi:

1) Ha base nelle Bahamas

2) ha rotto tutti i legami con Cuba dopo che il movimento di guerriglia popolare guidata da Fidel Castro e “Che” Guevara ha portato alla Rivoluzione del 1959 che ha eliminato la dittatura di Batista.

3) Dopo la rivoluzione, ha sostenuto illegali e violenti tentativi di minare la Rivoluzione cubana, compresi i finanziamenti della Fondazione Nazionale Cubano-Americana  (FNCA), una organizzazione di destra  anti-castrista di Miami, che è stato responsabile di sistematici atti di terrorismo contro Cuba.

4) Gli avvocati di Bacardi hanno anche aiutato gli Stati Uniti in un progetto di legge l’ Helms-Burton, che estende il blocco degli Stati Uniti a Cuba ai paesi terzi, in violazione del diritto commerciale internazionale. Il senatore americano William Dengue ha detto che la legge dovrebbe essere rinominata “legge Helms-Bacardí Protection Act”. Il blocco impedisce la vendita di prodotti alimentari, medicinali e altri generi di prima necessità a Cuba e minaccia altri paesi (tra cui Gran Bretagna). È stato stimato che il blocco è costato a Cuba più di $ 40 miliardi di perdite in produzione e nel commercio.

5) Ogni anno il blocco degli Stati Uniti è condannato massicciamente dalle Nazioni Unite che è all’ origine di gravi carenze e sofferenze tra la popolazione cubana. L’Associazione Americana per la sanità mondiale (AAWH) ha riportato che dal 1997  il blocco degli Stati Uniti sta contribuendo alla malnutrizione e della scarsa qualità dell’acqua a Cuba e che Cuba sono negati l’accesso ai farmaci e alle attrezzature mediche che stanno causando ai pazienti, compresi i bambini,sofferenze  inutili e morti inutili. L’ AAWH ha concluso che una catastrofe umanitaria è stata evitata solo perché il governo cubano ha mantenuto la priorità per un sistema progettato per fornire cure primarie e la prevenzione a tutti i suoi cittadini.


6) Nel 1996, la Bacardi ha iniziato a commercializzare illegalmente proprio l’ Havana Club .Pernod Ricard fu citato in giudizio. Ma, grazie alla sezione 211 di un articolo (aggiunta al bilancio degli Stati Uniti dopo una frenetica attività da parte degli avvocati della lobby) la Bacardi vinto. La sezione 211 stabilisce arbitrariamente che nessun tribunale negli Stati Uniti può riconoscere o in qualsiasi modo convalidare lamentele per quanto riguarda i marchi e i nomi commerciali relativi alla proprietà “confiscate” al governo cubano. La sezione 211 viola i diritti sul commercio, e Pernod Ricard sta affromtamdo il caso imputato però, dall’ Organizzazione mondiale del commercio.

ExxonMobil (Esso) ha aumentato le sue emissioni di gas serra dopo che gli Stati Uniti hanno rifiutato di ratificare l’accordo di  Kyoto. Esso produce più di due volte l’inquinamento di CO2 di paesi come la Norvegia.

L’anno scorso le loro emissioni di CO2 sono aumentate del 2% a 135.6m tonnellate, e gli utili sono saliti a 17 miliardi (£ 9,4 miliardi), il più grande risultato nel mondo aziendale. Le loro emissioni sono più del 50% superiori a quelli della BP, ma la loro produzione è solo leggermente più grande.

BP – 83.3m tonnellate di gas serra per 3,8 milioni di barili di petrolio e di gas al giorno
Exxon – 135.6m tonnellate per 4,4 milioni di barili al giorno

Alcuni esperti (ad esempio il Climate Mitigation Service del Colorado) hanno dichiarato che le cifre della Exxon sono sottostimate, e il totale reale è più vicino alle 379 mila tonnellate.

Exxon ha ammesso di non avere obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2, anche se ha insistito che si trattava di lavorare sodo sull’ “efficienza energetica” per ovviamente i guadagni.
“Come molte altre società, non crediamo che Kyoto sia l’approccio giusto. Abbiamo paura che ciò richieda grandissimi sforzi economici al mondo sviluppato mentre i paesi in via di sviluppo che sfrutteranno le risorse maggiormente, non veranno colpite molto da questo accordo.
Tuttavia, questo non spiega perché siano così tanto peggio rispetto altre aziende. Una ragione è che bruciano gas in Nigeria. Questo è quello che avviene quando il gas naturale viene portato fuori dal terreno con l’olio, ma viene immediatamente bruciato. La società ammette di bruciare quasi 600 metri cubi di gas nel 2003 (da 450 nel 2002).

“Arde [in Nigeria]  la principale fonte di produzione di gas serra nell’Africa sub-sahariana. Si tratta di una violazione dei diritti umani e qualcosa che non è consentito in questo paese (Stati Uniti),”

Exxon dice che comincerà a eliminare questi gas partire dal 2006. Sostengono che questo progetto è più avanti degli ultimi obiettivi che ha il governo nigeriano su questa tematica.

Il 10 novembre 1995, dopo 17 mesi in carcere e un processo che è stato universalmente condannato come un falso, Ken Saro-Wiwa e otto altri attivisti Ogoni sono stati impiccati a Port Harcourt, in Nigeria. Il loro unico crimine è stato il loro successo nel portare alla luce il ruolo della Shell Petroleum Company nel distruggere la loro terra, la loro società, e il loro popolo.

Le operazioni della Shell in Nigeria hanno portato a livelli di inquinamento che sono 700 volte superiori a quelli consentiti in Europa. Dei livelli di inquinamento da idrocarburi in acqua potabile sono stati 360 volte superiore rispetto alle norme europee. Nonostante le ripetute smentite categoriche, Shell  a malincuore ammette sia di pagare le armi ai militari sia di importarle. Due degli accusatori al processo Saro-Wiwa hanno poi firmato una dichiarazione sotto giuramento, e risultava che erano stati corrotti dai militari nigeriani e da Shell per testimoniare contro Saro-Wiwa.

Shell ha fatto anche pressioni nella comunità autoctona U’wa della Colombia, al fine di sfruttare l’enorme provincia petrolifera di Samore lì. Il rischio ambientale è enorme. Alla stazione di servizio Cano Limon che opera nelle vicinanze della Colombia, sono stati riversati circa 1,5 milioni di barili di greggio nella foresta pluviale nel corso dell’ultimo decennio (Exxon Valdez da sola 36.000 barili). Molto di questo è dovuto al sabotaggio da parte dei guerriglieri, che rappresentano un altra grave minaccia per l’U’wa. In risposta Shell ha pagato una tassa di guerra di 1 dollaro al barile – US $ 180.000 al giorno – perchè l’esercito colombiano protegga le loro installazioni a Cano Limon. L’esercito colombiano è conosciuto per le sue violazioni dei diritti umani, e la militarizzazione del territorio U’wa introdurrà violenza organizzata nella zona.

Shell in Perù ruppe dopo neanche un anno le promesse di rispettare i diritti indigeni, di consultarsi con le comunità, e  l’operare ai più alti standard ambientali. Entro un mese, l’azienda avviò la perforazione all’interno di una riserva di nomadi Nahua e popoli Kugapakori. A metà degli anni 80 durante le prime attività esplorative della Shell, decine di Nahua sono morti dopo essere stati esposti a malattie sconosciute. In altre zone nel corso della loro concessione in Perù, la multinazionale ha cominciato le operazioni prima di consultare le comunità interessate. Infine, la Shell ha già iniziato a gettare acque tossiche in Amazzonia.

Annunci

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 7 maggio 2010 su Censura, Inquinamento, Lobby, Massoneria, Nwo, Vittime Innocenti. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 6 commenti.

  1. Just want to say what a great blog you got here!
    I’ve been around for quite a lot of time, but finally decided to show my appreciation of your work!

    Thumbs up, and keep it going!

    Cheers
    Christian, Satellite Direct Tv

  2. semplicemente io non acquisto e solo se costretto prodotti ricollegabili a queste aziende!

    è l’unico modo per combatterle!!

  3. what a bunch of idiots!
    ya, let’s buy only prada and

  4. Il Dio denaro è sempre in prima linea, ognuno di noi dovrebbe sapere queste cose e quindi evitare di foraggiare questo schifo. La la disinformazione pilotata aiuta queste zecche che si gonfiano ed è proprio il caso di dirlo con il sangue di creature innocenti, ominidi e non. Mundus transit et concupiscentia eius, si trova scritto nella prima lettera di Giovanni ma intanto siamo noi che ci stiamo in mezzo e solitamente abbiamo troppe cose a cui badare per far muro comune. Dovremmo unirci … ma abbiamo troppe cose a cui badare …. tra l’altro mi sono chiesto spesso: “anche se si riuscisse a mettere in ginocchio queste multinazionali che fine farebbero tutti i dipendenti che bene o male ci mangiano”. O forse tutti noi dovremmo boicottarle nella speranza che cambino vedendo che il loro lucro diminuisce? Io lo faccio già nel mio piccolo.

    Bye

    • Sono arrivato alla conclusione che, nonostante sia importante e necessaria, l’informazione non è sufficiente. La gente, anche se non se ne accorge, mantiene una sorta di “preconcetto” che preclude la comprensione di notizie bollate come “cospirazioniste”. Se ogni persona che entra in contatto con tali informazioni capisse veramente la situazione avremo già eliminato qualsiasi elite. Per il discorso delle multinazionali si possono mantenere, cambiando però la dirigenza con persone serie rivoluzionando le loro politiche. Se poi si vuole eliminare le corporazioni, basterebbe concedere le strutture ai paesi sfruttati. Poi le politiche sarebbero da discutere…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: