Chi c’e` dietro Greta Thunberg? (Quarta Parte) – Per il Consenso: La Casa e` in Fiamme e il Salvataggio da 100 trilioni di dollari

PLASMARE UN’ARCHITETTURA GLOBALE NELL’ERA DELLA QUARTA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

“L’espressione 15 minuti di celebrita` è stata ispirata dalle parole di Andy Warhol “In futuro, ognuno sarà famoso in tutto il mondo per 15 minuti”, che è apparso nel programma per una mostra del 1968 del suo lavoro al Moderna Museet di Stoccolma, in Svezia. “[1]

Poiché Greta Thunberg è il fulcro di questa particolare storia, rivisitare la Svezia con l’osservazione di cui sopra sembra un buon punto di partenza della quarta parte di questa serie in cui decostruiamo la campagna di marketing in corso con l’attività più recente.

Cominciamo.

25 gennaio 2019: “Infine, dobbiamo applaudire la fila per il panel di giovedì a pranzo. Marc Benioff è stato raggiunto sul palco da Jane Goodall, Bono, l’attivista climatica Greta Thunberg, la diplomatica e ambientalista Christiana Figueres, presidente e CEO di Sompo Holdings Kengo Sakurada, e will.i.am. Che equipaggio. “Foto di Jeff Elder | Fonte: “I 10 migliori momenti da Davos con Salesforce”

Giovedì 24 gennaio 2019, Greta Thunberg ha preso parte a una tavolo presentato da Marc Benioff al World Economic Forum (WEF) a Davos, in Svizzera. Benioff è CEO e fondatore di Salesforce, nonché co-fondatore di Breakthrough Energy (nucleare) con Bill Gates e altri miliardari affini. Nel panel c’erano anche Jane Goodall (Messaggero delle Nazioni Unite per la pace), Bono (cantante degli U2 e “attivista”), “will.i.am” (fondatore dei Black Eyes Peas e “filantropo”) e la giovane Greta Thunberg che ha realizzato la seguente dichiarazione [0: 40s]:

Le parole della Thunberg sono state rapidamente introdotte nella stratosfera internazionale dai media globali e dai social media.

CNN, 25 gennaio 2019:

“Giovedì, la Thunberg ha tenuto un discorso estemporaneo a pranzo con una lista di ospiti stellati che includeva le star della musica Bono e Will.i.am, il CEO di Salesforce Marc Benioff, l’ex presidente di Goldman Sachs Gary Cohn e una serie di banchieri e investitori . Li ha distrutti per bene.

“Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che avremo creato, ma non è vero, perché se tutti sono colpevoli, nessuno è da biasimare. E qualcuno è da biasimare “, ha deto la Thunberg in tono piatto. “Alcune persone, alcune aziende, alcuni leader in particolare, hanno saputo esattamente quali valori inestimabili hanno sacrificato per continuare a fare somme di denaro inimmaginabili. E penso che molti di voi qui oggi appartengano a quel gruppo di persone. “

Francia 24, 25 gennaio 2019:

“Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che tutti abbiamo creato, ma non è vero. Perché se tutti sono colpevoli allora nessuno è da biasimare. Alcune persone, alcune aziende e alcuni decisori in particolare, hanno saputo esattamente quali valori inestimabili hanno sacrificato per continuare a fare somme di denaro inimmaginabili. E penso che molti di voi qui oggi appartengono a quel gruppo di persone “, ha detto nel suo discorso estemporaneo, pronunciato senza un attimo di esitazione.

EZ News, 27 gennaio 2019:

“Giovedì, la Thunberg ha tenuto un discorso estemporaneo a pranzo con una lista di ospiti stellati che ha incluso il CEO di Salesforce, Marc Benioff, l’ex presidente di Goldman Sachs e il funzionario dell’amministrazione Trump Gary Cohn, i musicisti Bono e Will.i.am, e una serie di banchieri e investitori. “

Pluralist, 28 gennaio 2019:

“Secondo quanto riferito, Greta Thunberg ha preso un treno di 32 ore dalla sua casa in Svezia per il ritiro svizzero e si è accampata con zero gradi – Fahrenheit per distruggere a parole celebrità e titani economici. In un discorso a pranzo, ha accusato gli ospiti di alto profilo di aver causato il riscaldamento del pianeta “.

Come dimostrato nei punti di discussione di cui sopra, c’è molta enfasi dai media internazionali per stabilire l’idea che il discorso di Thunberg sia stato spontaneo. Come illustreremo, non lo era. Questo è solo un esempio di efficace story-telling che viene messo in pratica, come orchestrato dalle ONG e dalle alleanze aziendali che gestiscono la Thunberg.

Il 22 gennaio 2019, tre giorni prima del “discorso estemporaneo” al WEF, un video è stato caricato su YouTube da Uphill Media. [“Uphill Media, è la continuazione di Bernie2016 TV e Political Revolution TV. Siamo una rete di media indipendenti senza scopo di lucro 501 (c) (3) 3 incentrata sull’informare l’elettorato attraverso l’impegno su Internet. “] [2]

In questo video della Thunberg che parla, girato prima del suo viaggio da Stoccolma a Davos, i punti chiave del messaggio [3] [26 secondi] sono quasi identici al discorso “estemporaneo” al WEF:

22 gennaio 2019 video:

“Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che tutti noi abbiamo creato. Ma questa è solo un’altra bugia conveniente. Perché se tutti sono colpevoli, nessuno è da biasimare. E qualcuno è da biasimare. Alcune persone, alcune aziende e alcuni decisori in particolare hanno saputo esattamente quali valori inestimabili stavano sacrificando per continuare a fare somme inimmaginabili di denaro “.

25 gennaio 2019, pannello al WEF:

“Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che avremo creato. Ma non è vero. Perché se tutti sono colpevoli, nessuno è da biasimare. E qualcuno è da biasimare. Alcune persone, alcune aziende, alcuni decisori in particolare, sapevano esattamente quali valori inestimabili stavano sacrificato per continuare a fare somme di denaro inimmaginabili. E penso che molti di voi qui oggi appartengano a quel gruppo di persone. “

Ciò non è sfuggito dagli organizzatori del WEF, che, in uno sforzo concertato con Greenpeace e Extinction Rebellion, stavano già condividendo l’ecommercial svedese all’interno dell’evento WEF e sui social media – prima del panel lunch di Salesforce dove Thunberg avrebbe citato i passaggi per i media . Il tentativo da parte dei media, e le forze in gioco, di incorniciare il discorso come spontaneo, a prescindere che fosse intenzionale o meno, evoca uno strato di autenticità infantile da parte del messaggero, se non dal messaggio stesso. Nonostante il motivo, questo è a dir poco falso.

23 gennaio 2019, Extinction Rebellion:

Greenpeace International, account Twitter, 22 gennaio 2019:

Questo si combina con altri marchi in una campagna mediatica ben orchestrata.

Il 15 dicembre 2018, la Thunberg è stata spinta verso la celebrità internazionale dopo un discorso al COP24 di Katowice, in Polonia, che è stato pubblicato il 15 dicembre 2018 da Conect4Climate (un programma di partnership globale sotto la Banca Mondiale) e altri punti vendita. Il video è diventato rapidamente virale. Il discorso descritto da Quartz, (15 dicembre 2018) è rappresentativo di come i media globali hanno inquadrato l’evento al pubblico:

“L’attivista climatica svedese di quindici anni Greta Thunberg non ha pronunciato parole ai colloqui sul clima della COP24 a Katowice, in Polonia questa settimana. Parlando ai paesi riuniti mercoledì, durante la più importante riunione negoziale sul clima dopo i colloqui a Parigi nel 2015 … In un discorso della durata di meno di cinque minuti, Thunberg ha condannato i leader per decenni di inattività e per i passi troppo piccoli di fronte alla crisi climatica ”

Eppure, un povero lavoro di redazione ha inavvertitamente rivelato un’altra verità scomoda – non c’era quasi nessuno nell’auditorium quando ls Thunberg parlò:

Video: Greta Thunbergs tal i Katowice enligt SvT Morgonstudion [Durata: 1m: 15s]

Tali incongruenze tra l’intento reale del World Economic Forum [“Globalizzazione 4.0: plasmare un’architettura globale nell’era della quarta rivoluzione industriale”] e la riformulazione per la percezione pubblica sono meglio catturate nelle seguenti immagini condivise sui social media:

Questo pezzo di ingegneria sociale è sbalorditivo nella sua sfacciataggine. Come per magia, l’espressione “salesforce” e la frase “La quarta rivoluzione industriale” non appaiono più nell’immagine.

Sono finite le evidenti contraddizioni tra il bisogno dei preziosi metalli della Terra, tra cui il Coltan e il Cobalto – un requisito fondamentale per la “quarta rivoluzione industriale”, la cui estrazione ha decimato la popolazione di scimpanzè che Goodall sostiene di sostenere. [Jane Goodall Institute: “Molti dei metalli e dei minerali utilizzati in queste tecnologie sono estratti dagli habitat minacciati di scimpanzé in tutto il bacino del Congo. Il controllo di queste risorse ha anche alimentato il conflitto tra le persone – conflitto che ha provocato la morte di oltre cinque milioni di persone “.]

Questo è il ruolo principale del complesso industriale senza scopo di lucro.

LA MOBILITAZIONE CLIMATICA

“Abbiamo lanciato la People’s Climate March 2014 come il primo gruppo che organizzava una risposta climatica su scala mondiale, un’idea che era emersa come un consenso nascosto tra gli esperti di clima.” [Fonte]

Qui abbiamo una ONG che apprezzerebbe molto lo stile di consegna sobrio e “piatto” della Thunberg (CNN). La mobilitazione climatica. [4] Fondata nel 2014, al People’s Climate March, il fondatore e direttore esecutivo di questa ONG statunitense è la psicologa Margaret Klein Salamon.

La mobilitazione per il clima ha un obiettivo primario: “La nostra missione è salvare la civiltà”. [Fonte] Per fare ciò, Salamon delinea una “mobilitazione in stile di guerra, simile allo sforzo americano durante la seconda guerra mondiale”:

“La mobilitazione per il clima è un gruppo crescente di persone che sanno che il cambiamento climatico minaccia il crollo della civiltà entro questo secolo. Crediamo, insieme a molti scienziati rispettati e analisti ambientali, che l’unico modo per preservare un clima che sia sicuro, stabile e solidale alla civiltà umana sia combattere il cambiamento climatico con una mobilitazione che puo` compararsi agli sforzi della Seconda Guerra Mondiale “.

La forza di Salamon come psicologo specializzato nel cambiamento climatico è esattamente questo: l’implementazione e l’uso della scienza comportamentale per la politica all’interno del governo. [“Salamon ha conseguito il dottorato in psicologia clinica presso l’Università Adelphi e ha conseguito una laurea in antropologia sociale presso Harvard. Via Mobilizzazione del clima Salamon applica le sue conoscenze psicologiche e antropologiche alla risoluzione dei cambiamenti climatici. È l’autrice del blog The Climate Psychologist. “]

La Marcia per il clima dei popoli 2014 è stata organizzata dal Global Call for Climate Action (GCCA / TckTckTck), Climate Nexus (“Climate Nexus è dedicato a cambiare la conversazione sui cambiamenti climatici”), 350.org, USCAN e Avaaz / Purpose. Al timone di questa assemblea di ONG c’era il Rockefeller Brothers Fund che lavorava con la V.K. Fondazione Rasmussen.

Inoltre, Climate Nexus è un progetto sponsorizzato da Rockefeller Philanthropy Advisors, un’organizzazione 501 (c) 3.

“Quando la Mobilitazione del Clima fu fondata alla Marcia del Popolo del Popolo nel 2014, non vi era alcun gruppo ambientalista che si organizzasse pubblicamente intorno alla necessità di una transizione veloce su scala mondiale. Da allora, abbiamo lavorato per stabilire un’ala attiva “movimento climatico d’emergenza” del più ampio movimento per il clima. “[Fonte]

Gli undici membri del consiglio consultivo sulla mobilitazione del clima includono:

  • Betsy Taylor: presidente della società di consulenza Breakthrough Strategies & Solutions, co-fondatrice di 1Sky (finanziata dalla Clinton Global Initiative) che si è fusa con 350.org (incubata dalla Rockefeller Brothers Foundation) nel 2011, i consigli consultivi includono 350.org e Ceres (Partner di  350.org);
  • Laura Dawn Murphy: ex direttore creativo di MoveOn.Org [genitore di Avaaz];
  • Paul Gilding: ex direttore esecutivo di Greenpeace International, consulente strategico e fondatore della Changing Markets Foundation [“The Changing Markets Foundation è stata costituita per accelerare e scalare le soluzioni alle sfide della sostenibilità sfruttando il potere dei mercati.” I clienti includono Unilever, BHP Billiton, DSM, Ford e DuPont.];
  • Jamila Raqib: direttore esecutivo dell’Albert Einstein Institute [“Raqib ha lavorato con il Dr. Gene Sharp, il principale studioso del mondo sull’azione strategica nonviolenta dal 2002. Come direttore dell’Istituto Albert Einstein, promuove lo studio e l’uso di azioni strategiche nonviolente. “];
  • Gus Speth: fondatore del World Resources Institute e co-fondatore del Natural Resources Defense Council;
  • Rev. Lennox Yearwood, Jr: presidente del Hip Hop Caucus;
  • Richard Heinberg: senior fellow del Post Carbon Institute;
  • Lise Van Susteren: psichiatra americana, nominata nel 2009 al consiglio di amministrazione del progetto The Climate di Al Gore, ha organizzato la prima conferenza per concentrarsi sugli impatti psicologici del cambiamento climatico nel 2009, co-autore di “The Psychological Effects of Climate Change” pubblicato dalla National Wildlife Federation, dove lei serve nel consiglio di amministrazione;
  • Michael Mann: scienziato del clima americano;
  • David Spratt e Philip Sutto  Spratt è il direttore di Breakthrough – National Center for Climate Restoration. [Breakthrough collabora con il Club di Roma.] Spratt e Sutton sono stati coautori del libro Climate Code Red nel 2008.

[Lista completa]

[La direzione interdipendente del complesso industriale senza scopo di lucro (NPIC) è ampia. Poiché questa serie si concentra sulla strategia di marketing stessa, più di quelli che la costruiscono, il suddetto bios è volutamente sintetico.]

L’incursione delle mobilitazioni per il clima in politica è iniziata con la campagna “Mobilize California” (#Mobilizeca). A guidare lo sforzo con The Climate Mobilization c’erano Naomi Klein e la sua ONG Leap (Leap L.A. Coalition), oltre a una coalizione di “organizzazioni affini”.

La coalizione, in collaborazione con il consigliere comunale di Los Angeles Paul Koretz, ha cercato di avviare una “mobilitazione del clima su scala mondiale.”

Video: Naomi Klein al lancio del gruppo di lavoro sulla mobilitazione della giustizia climatica di Los Angeles [4m: 59s]

A maggio del 2018 il consiglio ha votato all’unanimità “per esplorare l’istituzione del primo dipartimento di mobilitazione di emergenza per il clima del paese e mettere da parte $ 500.000 in denaro per lanciare il tutto. Nel giugno 2018, Berkeley ha dichiarato un’emergenza climatica e si è impegnata in una mobilitazione per il clima e nella transizione per porre fine alle emissioni di gas serra e iniziare a ridurre l’eccesso di carbonio nell’atmosfera il più rapidamente possibile. “Seguiranno presto altre città. [Fonte]

Qui è fondamentale notare il linguaggio: “assorbire il carbonio in eccesso nell’atmosfera”. Da tempo si discute sulla riduzione delle emissioni di carbonio. Questa non è una coincidenza. Piuttosto si tratta di strategia.

Due giorni prima della Marcia del Popolo sul clima del 2014, il 19 settembre 2014, l’articolo intitolato “Il fondatore della mobilitazione per il clima parla con Bridget Read di come la psicologia e non la scienza possono essere la chiave per porre fine alla negazione del clima in America” :

“In 356 parole, il The Climate Mobilization vuole invitare il governo degli Stati Uniti ad avviare una mobilitazione stile seconda guerra mondiale per combattere il cambiamento climatico: ridurre le emissioni nette di gas serra del 100% entro il 2025, per implementare un sistema di rimozione dei gas serra dall’atmosfera, e ridurli globalmente del 100%, con la stessa rapidità e priorità con cui si e` affrontata la guerra “.

L’influenza del Climate Mobilizations all’interno del NPIC è articolata nel seguente testo che delinea il suo fondamento con la piattaforma del Partito Democratico degli Stati Uniti, così come con il Green New Deal:

“Le prove dell’impatto sono chiare, poiché le ali assertive del Partito Democratico [5]  cosi` come organizzazioni come 350.org e il Sierra Club adottano le nostre prescrizioni come richieste fondamentali. La deputata Alexandria Ocasio-Cortez ha firmato la nostra promessa di mobilitare ed è stata esplicita sulla necessità di una mobilitazione di emergenze come parte della spinta per un comitato di selezione ristretta sul Green New Deal. “[Fonte]

La attuale riprogettazione della nostra sottomissione occidentale non ha nulla di diverso rispetto a ciò che è stato svelato in passato. Mentre l’istruzione, la salute, le arti e tutti i settori della società sono stati plasmati e finanziati dalle fondazioni e dai loro capitali, la “quarta rivoluzione” di oggi rimane nelle grinfie dell’élite dominante. Ciò include la Marcia per il clima del 2014, dove è nata la mobilitazione per il clima.

Extinction Rebellion (che sarà discussa nella Quinta Parte) ha tre richieste molto ampie, la prima è che i governi devono “adottare misure politiche giuridicamente vincolanti per ridurre le emissioni di carbonio a zero entro il 2025”, riecheggiando i punti di discussione introdotti nel mainstream dal NPIC , la Banca Mondiale, e altri nel 2014.

Il termine “emissioni zero nette” non significa zero emissioni. Piuttosto, è la quantità di emissioni immesse nell’atmosfera a essere pari alla quantità “catturata”. Pertanto, questo richiede massicci investimenti nelle tecnologie sviluppate e implementate dalla “Mission Innovation” di Bill Gate. [Per un esempio di questo, si può leggere il tanto lodato “Off Fossil Fuels for a Better Future Act” [Sezione 101-5 “Dobbiamo aumentare in modo significativo i finanziamenti federali per lo sviluppo delle tecnologie necessarie per una profonda decarbonizzazione nella nostra economia. Questa era una proposta annunciata all’Accordo sul clima di Parigi con Bill Gates che si impegnava a raddoppiare gli investimenti pubblici nelle tecnologie energetiche. “] [6] Qui è fondamentale riconoscere che WEF e Mission Innovation hanno costituito una partnership il 1 ° giugno, 2017.

Net-zero è la cattura e lo stoccaggio del carbonio e una serie di altre tecnologie che promettono che il business (e le emissioni) continueranno, come al solito. Considera la realtà: mentre siamo inondati da notizie anti-pipeline, non c’è opposizione ai progetti di cattura del carbonio che stanno lentamente arrivando online, come l’Alberta Carbon Trunk Line in Canada.

Infatti l’inconveniente “zero” [emissioni] e la terminologia “quasi zero” nel rapporto di sintesi AR5 2014, è stata opportunamente trasformata nel termine “zero netto”.

Ma la vera domanda è come salvare il capitalismo, che è descritto come “in caduta libera”. [3 gennaio 2019]

Con “il capitalismo in pericolo di cadere a pezzi” (una citazione rara e cripticamente onesta di Al Gore) e anni di stagnante crescita economica globale ora in caduta libera, la campagna di Greta deve essere capita per quello che è. Un’elaborata distrazione che non ha nulla a che fare con la protezione del mondo naturale e tutto ciò riguarda la produzione del consenso. Il consenso richiesto della cittadinanza che sbloccherà tesori e denaro pubblico sotto il falso pretesto di proteggere il clima.

Ma prima di addentrarci in ciò che possiamo appropriatamente definire un piano di salvataggio globale politicamente corretto – e senza precedenti, dobbiamo guardare a come la società collettiva può essere manipolata e manovrata con successo.

La vera strategia per sbloccare il portafoglio pubblico – e quindi salvare il capitalismo stesso, è quello di un’emergenza climatica.

#climatestrike + #fridaysforfuture + #ExtinctionRebellion = #climateemergency

INDURRE IL PUBBLICO IN MODALITA` EMERGENZA: “LA NOSTRA CASA E` IN FIAMME”

“Se non sai chi è l’adolescente svedese Greta Thunberg, puoi pensare a lei come a una controparte internazionale per il cambiamento climatico della rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez. Come la congressista rockstar di New York, la Thunberg è una giovane donna carismatica, la cui esperienza sui social media, la chiarezza morale e la capacita` di parlare in faccia al potere hanno ispirato folle di ammiratori a scendere in strada per un mondo migliore e denunciare i politici e gli amministratori delegati..

La Thunberg ha affermato sul suo feed Twitter che ci sono stati scioperi studenteschi per il clima in tutti i continenti tranne l’Antartide – 70.000 in totale la scorsa settimana. Nel frattempo, l’adolescente svedese ha continuato a far soffrire le élite di Davos, in un inglese impeccabile. “Gli adulti continuano a dire: ‘Dobbiamo dare ai giovani la speranza’”, “Ma io non voglio la vostra speranza … Voglio che agiate come fareste in una crisi. Voglio che vi comportiate come se la casa stesse andando a fuoco. Perché è così. “- I bambini stanno arrivando, 28 gennaio 2019, The Nation

Nell’aprile 2016, The Climate Mobilization ha pubblicato il documento “Indurre il pubblico in modalità emergenza: una nuova strategia per il movimento per il clima“.

Il documento strategico parta con la frase:

“Immagina che ci sia un incendio in casa tua.

Cosa fairesti?

A che cosa penseresti?

Faresti tutto il possibile per provare a spegnere il fuoco o uscire di casa.

i tuoi sensi sarebbero intensificati, saresti concentratissimo e metteresti tutto te stesso nelle tue azioni.

Si entra in modalità emergenza. ”

-Leading the Public Into Emergency Mode, pg. 2

Nel documento Salamon introduce “il concetto di ‘modalità di emergenza’ che è il modo in cui individui e gruppi funzionano in modo ottimale durante una crisi esistenziale o morale – spesso raggiungendo grandi imprese attraverso una motivazione intensamente focalizzata.” Lei afferma che “l’obiettivo del movimento climatico deve essere portare il pubblico fuori dalla modalità “normale” e in modalità di emergenza “. [P. 2] [Enfasi nell’originale.]

La modalità di emergenza viene attivata dall’attivazione di un interruttore.

“Ciò ha enormi implicazioni per lo stile di comunicazione, l’advocacy e la strategia del movimento climatico. Poiché la modalità di emergenza è contagiosa, la strategia migliore è che gli attivisti e le organizzazioni climatiche entrino direttamente in modalità di emergenza e comunichino riguardo all’emergenza climatica, sulla necessità di una mobilitazione di emergenza e sul fatto che sono in modalità di emergenza, in modo chiaro ed enfatico per quanto possibile. “- Condurre il pubblico in modalità emergenza: una nuova strategia per il movimento climatico

E ora, nel 2019, vediamo come la strategia, come delineata nel documento, viene ora applicata in tempo reale, nella vita reale.

“Dal momento che le pubblicita` emotive creano un’impressione più profonda e più viscerale nei centri di memoria del cervello, i professionisti del marketing stanno misurando le risposte cerebrali ai contenuti utilizzando strumenti neurometrici come codifica facciale, test di risposta implicita, tracciamento oculare e risonanza magnetica (MRI). “- The Dangerous Power of Emotional Advertising, 14 aprile 2016

Video: 25 gennaio 2019, Greta Thunberg | “Incontro annuale del World Economic Forum 2019” [Durata: 6m: 3s]

25 gennaio 2019, “Senti la paura”: il cambiamento climatico è ora il tema di Davos, CNN:

“‘Senti la paura’ – Lo spirito dell’evento si è riflesso in due partecipanti con poco in comune: uno è un ex vice presidente degli Stati Uniti; l’altra una studentessa svedese di 16 anni. Quello che condividono Al Gore e Greta Thunberg è la rabbia in quanto i dirigenti aziendali non si muovono abbastanza in fretta per affrontare i cambiamenti climaticoi. “Non voglio che siate pieni di speranza, voglio che vi lasciate prendere dal panico, voglio che sentiate la paura che provo ogni giorno”, ha detto la Thunberg ai partecipanti.

IL PUNTO CRUCIALE DEL DOCUMENTO STRATEGICO

Il punto cruciale del documento strategico, che porta il pubblico in modalità di emergenza: una nuova strategia per il movimento per il clima, è che i cittadini devono prima affrontare, quindi accettare l’esistenza di un’emergenza potenzialmente mortale per entrare nella necessaria modalità di emergenza. Una volta attivata, ciò consente l’impiego di “un’enorme quantità di risorse per risolvere la crisi” che diventerebbe rapidamente la principale priorità per la società. [P. 4 & p. 5] Più il movimento per il clima fornisce “strutture per l’impegno delle persone – chiare indicazioni e supporto per le persone che sono pronte ad affrontare l’emergenza climatica – più persone andranno in modalità di emergenza” [p. 7]

Mentre in modalità non di emergenza il budget e` limitato, in modalità di emergenza “tutte le risorse disponibili / necessarie sono dedicate all’emergenza e, se necessario, i governi possono prendere grossi prestiti” [p. 9]

“La mobilitazione economica è una ristrutturazione di emergenza di un’economia industriale moderna, realizzata a velocità sostenuta. Coinvolge la stragrande maggioranza dei cittadini, l’utilizzo di una proporzione molto elevata di risorse disponibili e influisce su tutte le aree della società. Non è niente di meno che una rivoluzione sociale e industriale coordinata dal governo. La mobilitazione è ciò che accade quando un’intera nazione entra in modalità di emergenza, e i risultati possono essere davvero impressionanti. “[P. 8]

Intenzionale o no, il lavoro della Salamon fa leva sull’eccezionalismo americano. Scorci di nazionalismo e superiorità culturale sono diffusi in tutto il documento: “Abbiamo anche fatto enormi progressi nelle scienze. Il primo computer è stato inventato, così come la trasfusione di sangue e la tecnologia radar. Il Progetto Manhattan ha costruito con successo la prima bomba atomica al mondo in meno di tre anni: una prodezza moralmente catastrofica ma comunque apprezzabile in quanto pianificazione, cooperazione e ingegnosità scientifica. ”

Riflettendo sulle osservazioni sopra, è sparito il linguaggio che si riferisce alla riduzione o al blocco delle emissioni. Considera che la parola “stop” non appare una volta nel documento, mentre la parola “reduce” ha una sola corrispondenza: “Se riduciamo la morsa del settore dei combustibili fossili sui politici, il problema si risolverà da sé.” [P. 23] Il linguaggio delicatamente persuasivo di oggi, un’immagine speculare della lingua e le richieste tracciate nel documento strategico: “ripristinare un clima sicuro e stabile”, “abbattere l’eccesso di CO2”, “raffreddare il pianeta”.

“Il modo in cui rispondiamo alle minacce – entrando in modalità di emergenza o rimanendo in modalità normale – è altamente contagioso. Immagina che l’allarme antincendio si spenga in un edificio. Quanto seriamente dovresti prenderlo? Come fai a sapere se è un’esercitazione o un vero incendio? Quelle domande saranno risolte prevalentemente dalle azioni e dalle comunicazioni delle persone intorno a te, in particolare dalle persone designate come leader. Se stanno chiacchierando e stanno prendendo il loro tempo per uscire dall’edificio, darai per scontato che questo è una esercitazione. Se le persone si muovono in fretta, con i volti severi e concentrati, comunicando con urgenza e gravità, si presumerà che vi sia un pericolo reale e bisognera` uscire il più rapidamente possibile. “[P. 14]

Il documento riconosce che la crisi climatica è una “massima minaccia per l’economia globale”. (evidenziato in caratteri rossi nel documento originale). [P. 21] Ciò che non è affermato, eppure compreso, è il fatto che il clima può anche essere sfruttato, per salvare l’economia globale. In sostanza, per salvare il capitalismo.

“Non possiamo tacere sul fatto che la mobilitazione di emergenza può essere coordinata solo da un grande governo” “che ha il potere di spendere senza limiti per salvare più vita possibile.” [P. il 22]

Il documento delinea anche, un allegro cameratismo con gli oppressori della classe operaia e quelli più emarginati:

“Queste campagne di pressione dovrebbero intensificarsi in gradi di assertività, fino alla protesta dirompente. Tuttavia, anche in una protesta, dobbiamo mantenere un atteggiamento aperto e accogliente. Quindi, mentre dovremo essere abbastanza conflittuali e incrollabili, non siamo “contrari” ai nostri obiettivi di protesta. Non otteniamo nulla dal demonizzarli. Abbiamo bisogno che questi leader facciano la cosa giusta. Il tono non dovrebbe essere principalmente arrabbiato, ma urgente e insistente.

Piuttosto, il tono dovrebbe essere serio e patriottico. Stiamo chiedendo all’America di guidare il mondo in azioni eroiche e che salveranno il mondo! Le proteste dovrebbero includere elementi di sacrificio dei dimostranti, come il rischio di arresto o sciopero della fame, per generare empatia dal pubblico. Il mantenimento della nonviolenza rigorosa è fondamentale per ottenere un ampio sostegno pubblico e questo non e` negoziabile. “[P. 28]

Questo documento è sorprendente in molti modi. Non una volta l’autore fa una pausa per riflettere su quali società e nazioni specifiche beneficiano della civiltà industriale sul nostro pianeta finito – e quali saranno sacrificati per la stessa causa.

Lo scopo della strategia, non è la protezione di ciò che rimane del mondo naturale, ma piuttosto della “civiltà organizzata” [p. 2] e della nostra “civiltà globale funzionante”. [P. 21] La radice della civiltà – è civile. E non c’è niente di civile nella civilizzazione industriale che abbiamo creato.

È il sistema economico capitalista globale, che sostiene la civiltà industriale, che deve essere decostruita. È sia ironico che affermativo che anche le società che hanno beneficiato maggiormente dall’industrializzazione, quelle in Occidente (e specialmente in Nord America), non sono mai state più infelici. Oggi assistiamo a una crisi senza precedenti di malattie mentali e depressione – con un’enorme percentuale di società che ora dipende da farmaci antidepressivi per poter funzionare in un’esistenza quotidiana.

Eppure l’aspetto più eclatante di questo documento è che, nonostante i riferimenti a Pearl Harbor, alla bomba atomica e agli sforzi bellici american, tutti citati come esempi luminosi dell’ingegno americano, da nessuna parte e` citato l’impatto del militarismo su clima e sull’ecologia. Considera che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti è il più grande consumatore di petrolio negli Stati Uniti e il più grande consumatore istituzionale di petrolio al mondo. Con il fenomenale contributo del militarismo alle emissioni globali di gas a effetto serra e al degrado ambientale, questa omissione è oltremodo significativa. Questo è il razzismo ambientale non detto e lo sfacciato eco-imperialismo che canticchia sotto le fondamenta del complesso industriale senza scopo di lucro.

Il potere della conformità è un aspetto chiave dell’ingegneria sociale. Il suo potere è spesso tragicamente trascurato e grossolanamente sottovalutato.

“Leader del pensiero e leader della società civile: se le persone nell’opinione pubblica passano in modalità di emergenza, influenzeranno significativamente il pubblico in generale” – [p. 30]

“La corsa per la mobilitazione è attiva, le città di tutto il mondo dichiarano l’emergenza climatica e si impegnano a mobilitarsi sul clima. La tua città si unirà a loro? “Il sito di mobilitazione del clima

Di nessuna sorpresa, è il fatto, che da quando Extinctioni Rebellions raggiunse la celebrità – in perfetta simmetria con la Thunberg, il gruppo ha annunciato una massiccia ristrutturazione dell’organizzazione. L’espansione globale è guidata dalla Salmon, [Fonte] che ha lanciato l’account Twitter di Extinction Rebellion negli Stati Uniti il ​​31 ottobre 2018 – lo stesso giorno del lancio di Extinction Rebellion nel Regno Unito. Il sito Web americano che lo accompagna verrà lanciato il 3 novembre 2018 e l’account del gruppo Facebook degli Stati Uniti verrà lanciato il 4 novembre 2018. Tra il lancio ufficiale il 31 ottobre 2018, nel Regno Unito, fino al 6 dicembre 2018, è cresciuto fino a 130 gruppi , attraverso 22 paesi. [7] Entro il 29 gennaio 2019, i gruppi Extinction Rebellion si estendevano su 50 paesi. Le richieste di Extinction Rebellion non sono solo complementari alla strategia di emergenza per le mobilitazioni climatiche, ma ne sono l’immagine speculare con lo slogan “dì la verità”.

Il 20 settembre 2018, l’articolo di Yale Climate Connections, “Missione di mobilitazione climatica: le città devono dichiarare emergenza” fa riferimento al “linguaggio di emergenza climatica” che si sta facendo strada con una coesione di campagne intersecanti: la campagna di Thunberg, le proteste di Extinction Rebellion, il Green New Deal, gli scioperi del clima in generale e gli scioperi scolastici del clima.

“Sanders, un indipendente che parla con i democratici ed e` in lizza per la nomina democratica, non è l’unico politico che traccia un parallelo tra il cambiamento climatico e l’aggressione fascista. La democratica di New York Alexandria Ocasio-Cortez, che è stata salutata come un campione progressista emergente, ha parlato della necessità di un impegno in stile Seconda Guerra Mondiale per combattere il riscaldamento globale. Il Partito Democratico nel 2016 ha incluso un linguaggio simile nella sua piattaforma ufficiale.

L’iniezione di questo messaggio nel discorso politico americano può essere ricondotto in parte al The Climate Mobilization, un’organizzazione no profit gestita in gran parte da volontari fondata nel 2014.

15 agosto 2016: “Siamo sotto attacco dai cambiamenti climatici – e la nostra unica speranza è mobilitarci come abbiamo fatto nella seconda guerra mondiale”, dal fondatore di 350.org Bill McKibben, illustrazione di Andrew Colin Beck [fonte: 350.org]

“Presumo che molti attivisti continueranno ad essere attratti dalle proteste per le infrastrutture che consumano combustibili fossili. Raccomando loro di lavorare il più duramente possibile per comunicare la via da seguire (mobilitazione di emergenza dei combustibili fossili e agricoltura ad alta intensità di carbonio, oltre alla cattura del carbonio per raffreddare la terra a un livello sicuro) il più possibile nelle loro comunicazioni verbali e non verbali. Questo può essere semplice come indossare le bandane Rosie the Riveter mentre si protesta, mostrando uno striscione che richiede una mobilitazione sul clima simile a quella avvenuta per la seconda guerra mondiale per ripristinare un clima sicuro, compresa la richiesta di emissioni net-zero entro il 2025 “- Aprile 2016, Condurre il pubblico in modalità di emergenza: una nuova strategia per il movimento per il clima, aprile 2016 [p. 30]

+++

Video: 2 minuti di introduzione alla mobilitazione del clima [Durata: 2m: 23s]

UN CLIMA DI PAURA: IL CAPITALISMO E` IN CADUTA LIBERA

“Il capitalismo è in crisi, afferma il fondatore del Forum economico mondiale Klaus Schwab.” – 17 gennaio 2017, Deutsche Welle

In vista della riunione di Davos del gennaio 2019, un importante economista di Wall Street ha avvertito gli investitori che si trovano ad affrontare una strada difficile, come la crescita economica globale “ora in caduta libera”.

3 gennaio 2019, The Globe and Mail, “Crescita economica globale” ora in caduta libera:

“Lo stratega di Merrill Lynch Ajay Singh Kapur ha recentemente scritto che” la crescita globale [economica] è ora in ampio, profondo e persistente rallentamento “, creando condizioni di mercato che, a mio avviso, renderanno la vita insidiosa per i settori merceologici e non solo …”

“Dall’agosto 2017, la crescita dell’attività manifatturiera sta decelerando rapidamente, trascinando con sé i prezzi dei metalli.”

15 gennaio 2019:

“La crescita economica globale sta rallentando, anche in Canada, secondo i nuovi dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

21 gennaio 2019:

Il FMI, avverte che l’economia mondiale sta rallentando alla vigilia del vertice di Davos: “I dirigenti aziendali hanno aderito al Fondo Monetario Internazionale avvertendo che l’economia globale sta rallentando più velocemente del previsto, stabilendo un tono negativo per l’incontro annuale del World Economic Forum di questa settimana”.

21 gennaio 2019:

“La crescita del 6,6% della Cina nel 2018 è la più lenta in quasi 3 decenni …”

1 febbraio 2019:

“Il fondo pensione più grande del mondo ha perso 136 miliardi di dollari in tre mesi”

Un salvataggio politico politicamente corretto – Il partenariato finanziario per il clima

“Accelerare l’azione per il clima in tempi urgenti – Questo è il nostro momento “. Investire negli Stati Uniti 90 trilioni di dollari per costruire l’infrastruttura giusta ora fornirà una nuova era di crescita economica. Investire saggiamente contribuirà a guidare l’innovazione, fornire benefici per la salute pubblica, creare una miriade di nuovi posti di lavoro e fare molto per affrontare i rischi del cambiamento climatico.”- Il sito web della New Climate Economy, Executive Summary

Dopo la mobilitazione di Rise for Climate dell’8 settembre 2018 (un seguito al People’s Climate marzo 2014 che è stato ribattezzato al People’s Climate Movement nel 2017), l’unico obiettivo dietro l’accelerazione del linguaggio di emergenza climatica è stato finalmente svelato il 26 settembre 2018 al One Planet Summit a New York:

“Gli sforzi per coinvolgere e mobilitare il capitale istituzionale su vasta scala verso soluzioni climatiche hanno fatto un notevole passo in avanti il ​​26 settembre al One Planet Summit di New York, quando il presidente francese Emmanuel Macron e Larry Fink hanno annunciato il Climate Finance Partnership (PCP). La PCP consiste in una combinazione unica di filantropia, governi, investitori istituzionali e un gestore patrimoniale globale. Le parti, tra cui BlackRock, i governi di Francia e Germania e le fondazioni Hewlett, Grantham e IKEA, si sono impegnate a lavorare insieme per finalizzare il design e la struttura di quello che ci aspettiamo sarà un veicolo di investimento di capitale di punta entro la fine del il primo trimestre, 2019. “

26 settembre 2018, “Governi e filantropi annunciano una partnership rivoluzionaria con BlackRock per mobilitare e distribuire finanziamenti per il clima su larga scala”:

“Francia, Germania, le fondazioni Hewlett, Grantham e IKEA e il gestore patrimoniale BlackRock hanno annunciato oggi la Partnership per il finanziamento del clima al One Planet Summit di New York. La Climate Finance Partnership è una cooperazione senza precedenti tra filantropia, governi e investitori privati, che si sono impegnati a sviluppare congiuntamente un veicolo di investimento che mirerà a investire nelle infrastrutture climatiche nei mercati emergenti. “

Le due istituzioni identificate come i contatti con i media per l’annuncio senza precedenti di cui sopra sono la European Climate Foundation e il già citato Climate Nexus, l’organizzatore principale per l’evento 2014 People’s Climate March.

L’8 novembre 2018, l’articolo “The Climate Finance Partnership: mobilitare il capitale istituzionale per affrontare le opportunità climatiche” rivela da dove verrà il denaro per la “quarta rivoluzione industriale”, venduta al pubblico con il pretesto della sostenibilità:

“Da nessuna parte il divario di investimenti tra ciò che è necessario e ciò che sta attualmente arrivando è  più urgente, o le opportunità più significative, che nei mercati emergenti e in via di sviluppo del mondo. Queste economie sono generalmente caratterizzate da una crescita della popolazione, da un rapido aumento della domanda di energia e da esigenze di investimento infrastrutturali straordinarie. Ma tendono anche ad avere mercati dei capitali meno sviluppati e un rischio politico e normativo più elevato rispetto alle controparti dei paesi sviluppati. Gli investitori istituzionali possono pertanto essere parzialmente perdonati per aver agito con cautela, anche a fronte di convincenti driver economici e demografici a lungo termine.

Un’analisi dettagliata della Banca Mondiale ha rilevato che mentre $ 100 trilioni sono detenuti da fondi pensione e altri investitori istituzionali, questi stessi investitori hanno destinato meno di $ 2 trilioni in un periodo di 25 anni all’investimento in infrastrutture nei mercati emergenti. E la frazione di quell’investimento che poteva essere considerata verde, pulita o rispettosa del clima era trascurabile.

Quindi, cosa si può fare? Sia che tu scelga di guardare attraverso l’obiettivo di una sfida senza precedenti o di un’opportunità senza precedenti, c’è un violento accordo sul fatto che il capitale istituzionale deve essere “sbloccato” (una parola preferita nel circuito della conferenza sul clima) e mobilitato rapidamente e su vasta scala. “

È qui che la “domanda” per una accelerazione nell’allineamento con l’Accordo di Parigi diventa chiara: “L’accordo di Parigi ci impone di allineare i flussi finanziari a sostegno di uno sviluppo a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima.” Nota la parola “richiede”. Ciò che è stato considerato un momento non vincolante, diventa convenientemente vincolante quando comporta l’apertura di tesorerie e piani pensionistici ai nostri signori aziendali.

“La finanza mista o l’impiego strategico di capitale pubblico o altro capitale agevolato per ridurre il rischio di investimento di capitale istituzionale offre una risposta convincente.” Recentemente, la Task Force di Blended Finance, un ampio sforzo interdisciplinare, ha finalizzato un rapporto completo che identifica le barriere chiave alla mobilitazione di capitali istituzionali su larga scala verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”[Fonte]

La task force Blended Finance Action comprende cinquanta icone della finanza tra cui HSBC, Credit Suisse, Citi, JP Morgan Chase, USAID, WEF – Sustainable Development Investment Partnership (SDIP), Banca mondiale, Investec, MacArthur Foundation, Allianz, EBRD, ClimateWorks Hewlett, Packard e McKnight) e la Fondazione Rockefeller. [Lista completa]

“La partnership, coordinata dalla Task Force On Philanthropic Innovation e Aligned Intermediary, un gruppo di consulenza sugli investimenti, è stata progettata e strutturata specificamente per utilizzare uno strato di capitale governativo e filantropico per massimizzare la mobilitazione del capitale privato verso i settori legati al clima nei mercati emergenti. ” [Fonte]

E qui di nuovo, è dove la realtà più cruda viene debolmente rivelata:

“Farlo in collaborazione con il più grande manager del mondo e il suo gruppo di investitori istituzionali di livello mondiale, i clienti dovrebbero inviare un importante segnale ai gestori di fondi e agli investitori istituzionali, in modo tale da ottenere profitti in settori e aree geografiche in cui questo capitale non è storicamente distribuito …

“La partnership cercherà di investire in una serie mirata di settori, tra cui energie rinnovabili, efficienza energetica, stoccaggio di energia e trasporti a basse emissioni di carbonio ed elettrificati, in tre regioni tra cui l’America Latina, l’Asia e l’Africa.

La mobilitazione di emergenza climatica di oggi deve essere riconosciuta per quello che è: una campagna orchestrata strategicamente finanziata e gestita dalle istituzioni più potenti del mondo – per la salvaguardia del capitalismo e la crescita economica globale. Questo è il lancio di una nuova industria in crescita nel Sud del mondo unita alla creazione di mercati nuovi e non sfruttati. In vista di questo precipizio, The B Team, l’Open Society Foundation, Oxfam e molti altri che servono come volto umano del capitalismo, hanno spostato i loro uffici o creato nuove divisioni sia in Africa che in America Latina.

A minacciare l’imperialismo occidentale, c’è anche una Cina in crescita. E per essere chiari – non ci sarà una “quarta rivoluzione industriale” per la classe dirigente occidentale – senza accesso ininterrotto e perpetuo alla generosità dell’Africa di minerali e metalli rari:

“Mentre sono stati compiuti progressi significativi sulla trasformazione politica ed economica dell’Africa, il continente continua ad affrontare sfide significative. Geopoliticamente, le nuove alleanze economiche stanno alterando le relazioni tradizionali e le sfere di influenza. “[Fonte: WEF, 2019]

Le ONG sifofaniche – in servitù, proprio nella stessa squadra dei loro benefattori aziendali, hanno creato una letterale, anche se virtuale tempesta di fuoco (incapsulata nel mantra “la nostra casa è in fiamme”) – per istigare una “rivoluzione climatica”. L’energia collettiva dell’occidente, derivante da un crescente malcontento sociale, viene catturata e utilizzata – trascendendo in una nuova arma di scelta che favorirà l’ulteriore colonizzazione del Sud Globale. Una rivoluzione climatica solo di nome, detta emergenza, non ha nulla a che fare con la protezione della nostra Terra – o clima. Piuttosto, ha tutto a che fare con il risparmio, la protezione e l’espansione dell’economia capitalista – a spese del nostro pianeta già decimato. E niente di più. Questo nuovo assalto in arrivo – nel nome della rivoluzione climatica – rendera` tutta la storica violenza dell’uomo moderno contro la natura, fino a questo punto – una sorta di capriccio infantile

Eppure niente di tutto ciò dovrebbe essere una sorpresa. Dato che gli oligarchi hanno finanziato, modellato e gestito in gran parte il movimento per il clima, è naturale che solo loro ne traggano beneficio. Le élite del potere riconfezionarono la nostra oppressione come rivoluzione e ce la vendettero. Sfruttando la gioventù innocente, che a sua volta ha sfruttato le nostre emozioni e paure come una popolazione collettiva, l’abbiamo divorata. E presto, la giovane Greta, e tutti i giovani che hanno sfruttato, saranno gettati nel bidone dell’usato.

+++

L’esperimento Asche: “Durante gli anni ’50 Solomon Asch condusse e pubblicò una serie di esperimenti che dimostrarono il grado in cui le opinioni di un individuo sono influenzate da quelle di un gruppo di maggioranza.” [1m: 57s]

Note finali:

[1] Il fotografo Nat Finkelstein rivendicò il merito dell’espressione, affermando che stava fotografando Warhol nel 1966 per un libro proposto. Una folla si è radunata cercando di entrare nelle immagini e Warhol ha presumibilmente osservato che tutti vogliono essere famosi, a cui Finkelstein ha risposto, “Sì, per circa quindici minuti, Andy.” Il fenomeno è spesso usato in riferimento a figure nel settore dell’intrattenimento o altre aree della cultura popolare. “[Wikipedia]

[2] “Lavoriamo con individui e organizzazioni che trattano i problemi che affrontiamo come esseri umani e rispettano le linee guida della nostra partnership. Offriamo la nostra piattaforma a scienziati, ambientalisti, attivisti e qualsiasi individuo, gruppo o organizzazione compresi i candidati politici che soddisfano queste linee guida. Uphill Media, è la continuazione di Bernie2016 TV e Political Revolution TV. Siamo una rete di media indipendenti senza scopo di lucro 501 (c) (3) 3 focalizzata sull’informare l’elettorato attraverso l’impegno su Internet. Ulteriori informazioni @ http://UphillMedia.org. Leggi e condividi la Piattaforma del Partito Democratico dell’Oregon 2018. https://www.dpoplatform.org/ “[Fonte: YouTube]

[3] “Alcuni dicono che non stiamo facendo abbastanza per combattere il cambiamento climatico. Ma non è vero. Perché per “non fare abbastanza” devi fare qualcosa. E la verità è che in pratica non stiamo facendo nulla. Sì, alcune persone stanno facendo più di quello che possono, ma sono troppo poche o troppo lontane dal potere per fare la differenza oggi. Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che tutti noi abbiamo creato. Ma questa è solo un’altra bugia conveniente. Perché se tutti sono colpevoli, nessuno è da biasimare. E qualcuno è da biasimare. Alcune persone, alcune aziende e alcuni decisori in particolare [hanno] [sic] saputo esattamente quali valori inestimabili stavano sacrificando per continuare a fare somme di denaro inimmaginabili. Ti chiedo di stare dalla parte giusta della storia. Ti chiedo di impegnarti a fare tutto ciò che è in tuo potere per spingere la tua azienda o il tuo governo in linea con le politiche ambientali. Ti impegnerai a farlo? Ti impegnerai ad unirti a me e alle persone di tutto il mondo nel fare tutto il necessario. [Schermo: #whateverittakes]

[4] “La The Climate Mobilization è una organizzazione 501 (c) (4) senza scopo di lucro e sorella di Climate Mobilization Project (501 (c) (3). The Climate Mobilization sostiene la missione del progetto di mobilitazione del clima attraverso lobbismo diretto e lavoro politico . “[Fonte: sito di mobilitazione per il clima] [fonte]

[5] “I nostri organizzatori hanno partecipato con successo alle elezioni primarie democratiche del 2016, portando la mobilitazione sul clima nella discussione facendo pressione sul candidato presidenziale Bernie Sanders (I-VT) per abbracciare l’idea. A luglio 2016, la necessità di una moblitazione su scala mondiale simile alla seconda guerra mondiale è stata adottata nella Piattaforma del Partito Democratico grazie al consigliere per la mobilitazione climatica e alleato Russell Greene, che è stato nominato dal comitato di piattaforma da Bernie Sanders. Questo impegno è stato ribadito nell’agosto 2018 quando il Comitato nazionale democratico ha approvato una risoluzione che chiedeva “una mobilitazione sociale ed economica nazionale” per “affrontare l’emergenza climatica” e “ripristinare un clima sicuro”. [Fonte]

[6] Mission Innovation: “Mission Innovation (MI) è un’iniziativa globale di 23 paesi e la Commissione europea (a nome dell’Unione europea). Questi 24 membri si sono impegnati a cercare di raddoppiare gli investimenti pubblici nel settore RD & D di energia pulita e si stanno impegnando con il settore privato, promuovendo la collaborazione internazionale e celebrando gli innovatori. “[Fonte]

Fonte
 

 

 

 

 

 

 

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 20 marzo 2019, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: