Archivi Blog

Chi c’e` dietro Greta Thunberg? (Sesta Parte) – Un decennio di manipolazione sociale per la privatizzazione corporativa della natura

LA CHAPERON

chap · er · on: 1. una persona che accompagna e si prende cura di un’altra persona o gruppo di persone. Sinonimi: compagno, duenna, protettrice, accompagnatore, governante, balia, custode, protettore, guardia del corpo, guardia.

Per il segmento finale di questa serie, torniamo indietro al punto da cui abbiamo partiti. Greta Thunberg.

Durante il World Economic Forum (WEF) del gennaio 2019 a Davos, la fama della Thunberg fu utilizzata per dare a coloro che erano nella sfera pubblica l’illusione di un nuovo “capitalismo compassionevole”. Ciò era particolarmente vero per il programma WEF Ocean Day in cui la Thunberg era presente al pannello “Cosa significherà per noi per i nostri posti di lavoro e i nostri mercati un oceano che cambia?” Mentre quelli del gruppo (includevano Angel Gurría, Segretario generale, Organizzazione per l’economia Cooperazione e Sviluppo) hanno parlato dell’oceano come un mercato a rischio (“se non salviamo gli oceani che rappresenterebbero una perdita di 24 trilioni di dollari”), l’innocenza della Thunberg ha creato una patina di legittimità sulla grottesca oggettivazione della natura. Nel frattempo, Al Gore, si è presentato al panello “Taking Action for The Ocean” (“l’economia oceanica” è stimata essere il 3% -5% del PIL globale, con attività per $ 24 trilioni.) Come può il mondo attingere all’economia oceanica mentre la proteggono dal collasso ambientale? “) discutendo degli attacchi globali del clima (come un segno cardine del cambiamento – circa 30m: 10 ) e la necessità di assegnare valore monetario alla natura. Certo, il momento chiave cruciale per lo sfruttamento della Thunberg (e lo scopo stesso del suo costrutto) è arrivato nel momento in cui ha pronunciato le sue parole molto pubblicizzate “La nostra casa è in fiamme. Sono qui per dire che la nostra casa è in fiamme. “Queste parole riecheggiavano il testo delineato nel documento di strategia intitolato” Portare il pubblico in modalità di emergenza “quasi alla lettera. La strategia creata dal Climate Mobilization Project, delinea una “mobilitazione in stile di guerra, simile allo sforzo del fronte interno americano durante la seconda guerra mondiale”. [Quarta Parte]

Il progetto di mobilitazione per il clima: “Al Gore vuole una mobilitazione del clima su scala mondiale” [0m: 53s]

Sopra: il pannello del World Economic Forum: “Cosa significherà per noi, i nostri posti di lavoro e mercati?” Da sinistra a destra: Haley Edwards, moderatrice, corrispondente, TIME Magazine, Sharan Burrow, Segretario generale, Confederazione internazionale dei sindacati, Katherine Garrett-Cox, Gulf International Bank e Greta Thunberg

Sopra: 25 gennaio 2019, twitter

La foto sopra della Thunberg sulla strada di casa da Davos, è stata condivisa sui social media il 25 gennaio 2019. La donna che accompagna la Thunberg nella foto, così come la persona che ha condiviso la fotografia, non è la madre di Thunberg né sua nonna. Piuttosto, è Jennifer Morgan, direttore esecutivo di Greenpeace International. Ed è qui che tutti i pezzi del nostro elaborato puzzle finalmente si incastrano al posto giusto.

Sopra: 22 gennaio 2019, twitter, ha taggato gli utenti: Al Gore, World Economic Forum, Sharan Burrow, Greenpeace International

Durante la riunione, mentre la presenza della Thunberg veniva sfruttata in molti modi, uno dei quali e` stato il tentativo di aggiungere legittimità e diplomazia alla conferenza degli Oceani, Morgan era presente a discussioni molto più intime – quelle incentrate sul “New Deal for Nature”.

Sopra: World Economic Forum Canale YouTube: “Davos 2019 – A New Deal for Nature”, pubblicato il 9 febbraio 2019

Sopra: 24 gennaio 2019, twitter, New Deal for Nature, Global Shapers, World Economic Forum, Davos

Sopra: “22-25 gennaio 2019. Stiamo radunando i leader mondiali per agire per il pianeta, la nostra unica casa. Aggiungi la tua voce alla richiesta di un futuro sostenibile per tutti. – WWF AL WORLD ECONOMIC FORUM – AGGIUNGI LA TUA VOCE “[Source]

Chi non ha familiarità con il funzionamento interno e le funzioni del complesso industriale senza scopo di lucro potrebbe chiedersi perché il direttore esecutivo di Greenpeace International sia invitato a partecipare a una discussione sull’attuazione dei “pagamenti per i servizi ecosistemici” (PES), su scala mondiale. In parole povere si vuole assegnare un determinato valore a tutta la natura, con il pretesto della protezione ambientale. Cioè, la finanziarizzazione e la privatizzazione di tutta la natura – su tutta la Terra.

E qui dobbiamo prestare attenzione.

Morgan è l’ex direttore del cambiamento climatico globale di Third Generation Environmentalism (E3G). Prima di E3G ha guidato il Global Climate Change Program per il Worldwide Fund for Nature (WWF). Morgan ha lavorato per la US Climate Action Network (USCAN), l’European Business Council per un futuro energetico sostenibile e per il Ministero federale dell’ambiente. È stata consigliere senior del consigliere capo del Cancelliere tedesco, ha prestato consulenza all’ex primo ministro Tony Blair e attualmente fa parte del Consiglio tedesco per lo sviluppo sostenibile.

Sopra: 1998: “Jennifer Morgan, responsabile della politica climatica, WWF, con Andrew Kerr, WWF, che ha presentato il rapporto del WWF sui cambiamenti climatici e la salute umana” UNFCCC COP-4, IL QUARTO INCONTRO DELLA CONFERENZA DELLE PARTI ALL’ONU CONVEGNO  SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO, BUENOS AIRES, ARGENTINA, 2-13 novembre 1998 [Fonte]

Ma più importante di tutti i precedenti titoli di lavoro è il ruolo della Morgan nei rapporti con i vertici del potere: la sua precedente posizione come direttore globale del programma per il clima e l’energia presso il World Resources Institute. [Bio] [Fonte]

Il World Economic Forum 2019 (che riporta le pubblicazioni e i post sul blog della Morgan sul suo sito Web) non è stato il primo esempio del coinvolgimento della Morgan nel “New Deal for Nature”. Durante le osservazioni conclusive del Global Landscapes Forum del 9 dicembre 2018, alla COP24, Morgan ha sottolineato che oltre a spostare l’attenzione globale dai settori del petrolio e dei trasporti alla terra e alle foreste, era necessaria una cooperazione aggiuntiva per raggiungere il consenso sul New Deal per la natura:

“Abbiamo anche bisogno di una cooperazione molto piu` effettiva per un nuovo accordo per la natura da concordare nelle future policy della CBD nel 2020 che stabilisca le linee guida decisive sulla biodiversità per l’azione per il clima.” – Jennifer Morgan, direttore esecutivo di Greenpeace International – Osservazioni conclusive, Global Landscapes Forum, COP24, 9 dicembre 2018

La verità è che la carriera della Morgan come favorita dell’élite è stata da tempo consolidata. La sua perseveranza e la sana navigazione all’interno della direzione interdipendente del complesso industriale senza scopo di lucro l’hanno portata dove ora si trova.

Sopra: 14 maggio 2013, Jennifer Morgan, Rainer Baake, Lutz Weischer, Carol Browner, World Resources Institute, Flickr

Sopra: 25 gennaio 2019, World Economic Forum, Davos, Greta Thunberg

Sopra: L’ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore (Climate Reality Project e Generation Investment) e il direttore esecutivo di Greenpeace International Jennifer Morgan al ClimateHub al COP24 di Katowice, in Polonia. [Fonte]

Sopra: Al Gore, New Deal for Nature attraverso gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, WEF, Davos, 2019

Sopra: 28 novembre 2018, Greenpeace Australia Pacific, Facebook [Source]


Sopra: 23 gennaio 2019, Green New Deal

Sopra: 3 novembre 2015, Jennifer Morgan (@ClimateMorgan), World Resources Institute, The Climate Group, The Climate Reality Project

Qui è fondamentale riconoscere che World Resources Institute è un partner fondatore della Global Campaign for Climate Action (GCCA) e che la New Climate Economy – un progetto di Global Commission on the Economy and Climate lanciato nel 2013 – è stato fondato dal World Resources Institute.

Quando la New Climate Economy afferma “il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima è solo una – potenzialmente piccola – parte di una transizione economica molto più ampia che è in corso” in realta` vuole dire che: la trasformazione della finanza globale avverra` tramite la valutazione economica e il pagamento per i servizi ambientali.

“Il fallimento nel dare un valore economico al nostro capitale naturale, da cui dipende la nostra ricchezza e il nostro benessere, è un grave fallimento nel mercato globale dei capitali. Stimato a molte migliaia di miliardi di dollari in attività finanziarie, il mercato globale dei capitali modella il mondo in cui viviamo e che i nostri figli erediteranno. “- Kitty van der Heijden, Direttore, World Resources Institute (WRI) Europa e Africa, Finance for One Planet , 2016

World Resources Institute, World Wildlife Fund e Stockholm Environment Institute

“Sfortunatamente, molte organizzazioni ambientaliste non governative hanno acquisito questo ragionamento illogico e giustificano il loro sostegno come pragmatico. Il linguaggio neoliberista è diffuso nei loro rapporti e raccomandazioni politiche e nella loro adozione del capitale naturale, dei servizi ecosistemici, della compensazione e del commercio di mercato. Questi nuovi pragmatici ambientalisti credono, senza giustificazione, che la finanziarizzazione della Natura aiuterà a prevenire la sua distruzione. “- dal documento This Changes Nothing: The Paris Agreement to Ignore Reality scritto da Clive L. Spash, WU Università di Economia e Commercio di Vienna, Vienna, Austria

Sopra: 14 novembre 2017, “Stronger Together for Climate Action”: L-R: Paul Polman, CEO, Unilever; Pascal Canfin, CEO, WWF France; Jennifer Morgan, direttore esecutivo di Greenpeace International; Ramiro Fernández, Avina; Manuel Pulgar-Vidal, leader globale, pratica del clima e dell’energia del WWF; e Edmund Gerald Brown, Jr., Governatore della California, Foto: IISD / ENB | Herman Njoroge Chege [Source]

“Abbiamo bisogno del CBD [Cambiamenti climatici e biodiversità] per raggiungere la più alta rilevanza politica e sviluppare una visione condivisa molto più alta se vogliamo raggiungere un New Deal For Nature e creare un momento in stile parigino per la biodiversità nel 2020.” – 15 novembre , 2018, comunicato stampa, rally del WWF dietro l’appello per un nuovo accordo per la natura e le persone

Come discusso nella quinta parte di questa serie, il consiglio di amministrazione che sovrintende il World Resources Institute rappresenta i livelli molto più alti della classe dominante.

È stato inoltre reso noto che Helen Mountford è il direttore del programma per il progetto New Climate Economy e direttore di economia presso il World Resources Institute. Prima di questa nomina, Mountford ha ricoperto il ruolo di vicedirettore dell’Ambiente per l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Oltre alle sue partnership di ricerca formali, la New Climate Economy è allineata con la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, l’Agenzia internazionale per l’energia, le banche di sviluppo regionale, le agenzie delle Nazioni Unite e l’OCSE.

World Resources Institute è un co-fondatore chiave nell’apparato di ingegneria sociale, GCCA (TckTckTck), che è stato lanciato ufficialmente nel 2008. Molto prima che le forze d’élite dichiarassero l’emergenza climatica di cui oggi assistiamo allo sviluppo, gli scienziati e il mondo accademico avevano già riconosciuto che la nostra oggettivizzazione collettiva e distruzione della natura avrebbe portato al collasso della civiltà industriale (sfruttando e schiavizzando la maggior parte – a beneficio di pochi).

I mercati hanno finalmente conquistato il mondo occidentale. La nostra società è ora al massimo del debito e la crescita economica non solo ristagna, è in una spirale discendente. Oggi ci troviamo in una cultura così scollegata dalla realtà che considera la crescita economica molto più preziosa degli ecosistemi planetari che sostengono tutta la vita.

Come questa serie ha dimostrato e dimostrerà ulteriormente in questo segmento di chiusura, la coalizione GCCA è stata progettata, finanziata e orchestrata dalle stesse entità ora impostate per sbloccare 100 trilioni di dollari e contemporaneamente attuare la privatizzazione / finanziarizzazione della natura tramite il New Deal for Nature (pagamenti per i servizi ecosistemici) da concordare entro il 2020. Come dimostrato nella quarta parte – l’urgenza di cui oggi siamo testimoni è dovuta a una paura molto più grande del collasso della biosfera planetaria, cioè il collasso del sistema economico capitalista .

Il World Resources Institute, il World Wildlife Fund e la New Climate Economy sono alla guida della finanziarizzazione della natura. Al timone è anche la Natural Capital Coalition (che collabora con il World Resources Institute e il World Wildlife Fund), che rappresenta oltre 300 tra le più potenti ed egregie corporazioni al mondo”.

Il partner di ricerca New Climate Economy, il Stockholm Environment Institute ha una porta girevole ben oliata tra sé e il World Wildlife Fund. L’istituto ha stanziato generosi fondi per 260 milioni di corone svedesi nel 2017 (circa 28 milioni di dollari), compresi quasi dieci milioni di corone svedesi dalla Bill & Melinda Gates Foundation. Come nota a margine, possiamo aggiungere che il Stockholm Environment Institute ha tenuto una presentazione in una funzione climatica il 4 maggio 2018 (“Benvenuti al potere del capitale“) con Ingmar Rentzhog, CEO di We Do not Have Time e Malena Ernman (WWF Environmental Hero Award, 2017, e la madre della Thunberg.]

Il 21 novembre 2017 è stata annunciata la nomina di Pavan Sukhdev a Presidente del WWF International: “Pavan Sukhdev, ex direttore dell’Iniziativa ambientale delle Nazioni Unite per una Green Economy, è stato nominato Presidente del WWF International.” Sukhdev, ex amministratore delegato della divisione Markets di Deutsche Bank,ha pubblicato i risultati dello studio TEEB nel 2010, acronimo di “The Economics of Ecosystems and Biodiversity”, un’iniziativa del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP). La Natural Capital Coalition era precedentemente la TEEB for Business Coalition.

“Stoccolma ospita due istituzioni, il Centro di resilienza di Stoccolma e l’Istituto per l’ambiente di Stoccolma, che hanno svolto una grande ricerca per comprendere e applicare meglio i concetti di Capitale naturale al modo in cui gestiamo gli ecosistemi e l’economia. Johan Rockström, direttore esecutivo del Centro di resilienza di Stoccolma, e un gruppo di 28 accademici hanno proposto una nuova struttura del sistema Terra nel 2011 per le agenzie governative e di gestione da utilizzare come strumento per sostenere lo sviluppo sostenibile. “- Stoccolma: Capitale naturale del mondo, 23 settembre 2014

Il 13 febbraio 2019 The Guardian ha pubblicato l’articolo School Climate Strike Children’s Brave Stand Has Our Support – “Siamo ispirati dal fatto che i nostri figli, spronati dalle nobili azioni di Greta Thunberg e di altri studenti straordinari, stiano facendo sentire la loro voce, dicono 224 accademici”. I sostenitori della lettera includevano Annemarieke de Bruin, ricercatrice, Stockholm Environment Institute, Dr Alison Dyke, Stockholm Environment Institute, Dr Jean McKendree, Stockholm Environment Institute e Corrado Topi, economista ecologico, Stockholm Environment Institute.

UNA DECADE DI STRATEGICA E METODICA INGEGNERIA SOCIALE

“Le proteste dei cittadini e le azioni legali contro aziende, governi e individui diventeranno senza dubbio un’opportunità di leva crescente a sostegno di questo approccio di emergenza e sono già iniziati.” – Club Of Rome Il piano di emergenza per il clima, lanciato con We Do not Have Time e Global Utmaning, dicembre 2018

Sopra: TckTckTck Flickr: “La conferenza stampa del lancio di ‘Beds is Burning’ a Parigi ha visto la partecipazione di Kofi Annan, David Jones, Mélanie Laurent, Manu Katché e molti altri sostenitori della campagna.”

“L’obiettivo era di farlo diventare un movimento che i consumatori, gli inserzionisti ei media avrebbero usato e sfruttato.” – TckTckTck Havas Pager

GCCA (TckTckTck) è stata fondata da un piccolo gruppo di ONG, tra cui World Resources Institute (WRI), 350.org, Greenpeace, Avaaz e World Wildlife Fund. È partner di oltre 470 membri, tra cui ClimateWorks (fondata nel 2004 dalle fondazioni Hewlett, Packard e McKnight), di cui si discute più avanti in questo segmento. Climate Week NYC 2014 (22-26 settembre), un’iniziativa annuale del Gruppo Climate, è stata commercializzata in concomitanza con l’evento People’s Climate March che si è svolto il 21 settembre 2014. Climate Week NYC è stata fondata nel 2009 come partnership tra The Climate Group, le Nazioni Unite, la Fondazione delle Nazioni Unite, GCCA / TckTckTck, il Carbon Disclosure Project, il governo della Danimarca e la città di New York.

La marcia è stata organizzata da GCCA / TckTckTck, Rockefeller Brothers Fund, Climate Nexus (un progetto sponsorizzato da Rockefeller Philanthropy Advisors), 350.org (incubato dalla Fondazione Rockefeller), Rasmussen Foundation e USCAN.

Le campagne di business del Gruppo Climatico “ti vengono presentate come parte della coalizione We Mean Business.” [Fonte]

Video: We Mean Business Momentum – Catalyst per il 2014 “People’s Climate March” [Durata: 1m: 39s]:

“Il piano strategico 2018-2022 definisce l’approccio e le priorità del WRI per i prossimi cinque anni. L’approccio del WRI è quello di aiutare a catalizzare e far progredire i cambiamenti non incrementali nella politica e nel comportamento, in insoliti partenariati politici, sociali e societari, da comprendere nel contesto dei “movimenti” piuttosto che dei cambiamenti politici. “- Ministero degli Affari Esteri, Concept Note, Supporto all’Istituto delle risorse mondiali, attuazione del piano strategico 2018-2022

Attraverso la coalizione GCCA / TckTck un decennio di ingegneria sociale passò inosservato. La Marcia per il clima popolare del 21 settembre 2014 e le marce globali che seguiranno, come le mobilitazioni di Rise Up, “Work Parties”, raduni di Power Shift, ecc. Ecc. Hanno avuto molteplici scopi con molteplici effetti desiderati che hanno avuto un successo incredibile per quelli al timone. “Cambiare tutto ciò di cui abbiamo bisogno” è stato un segnale. Uno spunto di ingegneria comportamentale che avrebbe unito un cameratismo tra la cittadinanza e il potere aziendale per diventare “più forte come uno”. Tutta l’attenzione sarebbe mantenuta lontana dai fattori chiave del cambiamento climatico (militarismo, sistema economico capitalista dipendente dalla crescita infinita e dallo sfruttamento, dall’agricoltura industriale, ecc.)

Lo sforzo decennale di ingegneria sociale ha anche portato a una transizione dall’ambientalismo all’antropocentrismo in piena regola. Nell’arco di un decennio, “l’ambientalismo” si è spostato dal proteggere la natura, a richiedere un lancio di tecnologie verdi, su scala industriale, che avrebbe ulteriormente saccheggiato la natura. Il mondo naturale divenne irrilevante poiché il desiderio di tecnologia verde sostituì la protezione dell’ambiente. Le turbine eoliche e i pannelli solari hanno sostituito le immagini di alberi e insetti come i nuovi simboli del nostro mondo naturale. Salvare la civiltà industriale che sta uccidendo tutta la vita è diventato fondamentale per salvare gli ecosistemi da cui dipende tutta la vita. Queste ideologie hanno lentamente preso piede finché i “movimenti” non divennero nient’altro che gruppi di pressione per l’energia verde. Volontari in marcia per il capitale, su scala globale. Suggerire che Edward Bernays sarebbe colpito sarebbe un eufemismo. Questa è la bellezza dell’ingegneria sociale e dei cambiamenti comportamentali.

Tuttavia, per comprendere appieno come siamo arrivati ​​allo sbalorditivo precipizio di oggi, dobbiamo prima rivisitare il passato.

Nel 2009, nell’arco di cinque mesi GCCA / TckTckTck e partner affiliati hanno registrato 15,5 milioni di nomi in tutto il mondo riguardo la loro petizione online per un “accordo sui cambiamenti climatici equo, ambizioso e vincolante.” Molte società di marketing al di fuori di Havas hanno aiutato a raggiungere questo obiettivo compresa l’agenzia di affari pubblici Hoggan & Associates di cui è presidente e fondatore il co-fondatore di DeSmogBlog, Jim Hoggan. L’elenco dei clienti di Hoggan include la creazione aziendale TckTckTck, la Canadian Pacific Railway, Shell e ALCOA.  [Fonte]

“IL PROBLEMA AMBIENTALE PIÙ COMUNE CHE DOBBIAMO AFFRONTARE OGGI NON È CAMBIAMENTO CLIMATICO. È l’inquinamento nelle piazze pubbliche, dove uno smog di retorica contraddittoria, propaganda e polarizzazione soffoca la discussione e il dibattito, creando resistenza al cambiamento e ostacolando la nostra capacità di risolvere i nostri problemi collettivi. “- Jim Hoggan, co-fondatore di DeSmogBlog [fonte: Hoggan & Associates]

[Ulteriori letture: Eyes Wide Shut | TckTckTck exposé, 6 gennaio 2010]

 

Il giorno prima che i negoziati internazionali sul clima prendessero il via a Cancun, la campagna globale TckTckTck ei suoi partner hanno presentato la segretaria esecutiva dell’UNFCCC Christiana Figueres Foto: Ivan Castaneira / tcktcktck

Nel 2014, Kelly Rigg, direttore esecutivo di TckTckTck dal 2009-2014, è stata accreditata come l’organizzatore principale della Marcia per il clima del Popolo 2014:

“Grandi gruppi, come 350.org, Avaaz o il Sierra Club, e le numerose organizzazioni di base (1.300 secondo alcune stime) non solo iniziano magicamente a lavorare insieme per noleggiare autobus, ottenere permessi di polizia. Deve esserci una visione in cui comprano tutti, un ombrello abbastanza grande sotto il quale tutti possono resistere. Costruire quell’ombrello, in particolare per le organizzazioni internazionali, era il lavoro di Rigg, lavoro che include importanti lezioni di leadership rilevanti per chiunque cerchi di mobilitare grandi gruppi con interessi e programmi diversi. Il suo lavoro può essere visto come una road map per come allevare i gatti. “Forbes, 25 settembre 2014: Leadership Lessons from The People’s Climate March

Prima del suo ruolo in GCCA / TckTckTck Rigg è stato vice direttore delle campagne per Greenpeace International dal 1998 al 2003 e come coordinatore del progetto dal 1982 al 1993. [Fonte] Inoltre, Rigg è direttore fondatore della società di consulenza internazionale Varda Group co-fondata nel 2003 con Rémi Parmentier. GCCA / TckTckTck è identificato come cliente Varda, così come Greenpeace, partner per la cessione Ceres, Amnesty International e Friends of the Earth, WWF, Nature Conservancy, WCBSD, UNEP, ecc. [Elenco clienti]

Avendo iniziato la sua carriera in Friends of the Earth France, Parmentier ha anche una lunga storia con Greenpeace che dura da 27 anni, oltre a estesi rapporti con gli organismi multilaterali:

“Rémi Parmentier è stato coinvolto nel processo di Rio +20 sin dall’inizio. Ha partecipato alle riunioni di intersessioni e al comitato preparatorio di New York con “consultazioni informali” a nome di varie organizzazioni e alleanze internazionali. In precedenza, in qualità di direttore politico di Greenpeace International, nel vertice di Johannesburg nel 2002, Parmentier era negoziatore e protagonista dell’accordo sul World Protocol del Protocollo di Kyoto tra il World Business Council for Sustainable Development e Greenpeace International. “[Fonte]

Parmentier è stato anche vice segretario esecutivo per la Global Ocean Commission (2013-2016), che è stata lanciata a febbraio 2013. Inés de Águeda, che funge da responsabile delle comunicazioni per la Global Ocean Commission, è anche un associato del Gruppo Varda.

I commissari della Global Ocean Commission includono / hanno incluso José María Figueres (copresidente), presidente della Costa Rica dal 1994 al 1998, fratello di Christina Figueres, ex presidente della Carbon War Room, David Miliband, John Podesta (presidente del Centro per il progresso americano e ex capo di gabinetto della Casa Bianca), Sri Mulyani Indrawati (direttore generale presso la Banca mondiale), Pascal Lamy, direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio e altri individui di alto profilo.

Qui possiamo aggiungere che José María Figueres è stato direttore del World Wildlife Fund, il World Resources Institute e l’Stockholm Environment Institute. È stato anche il primo CEO del World Economic Forum e successivamente è stato CEO di Concordia 21. [Source]

[Approfondimenti: Under One Bad Sky | Marzo 2014 di TckTckTck Climate: This Changed Nothing, 23 settembre 2015]

E anche le seguenti informazioni non sarebbero state una sorpresa, se solo la popolazione potesse vedere attraverso la nebbia del finto ambientalismo.

Alnoor Ladha è socio fondatore e responsabile della strategia di Purpose. Con la sua esperienza nel cambiamento del comportamento, Purpose è più famoso per la sua campagna White Helmets – una ONG ibrida del XXI secolo al servizio degli stati della NATO. Ladha è un membro fondatore e il direttore esecutivo del progetto Purpose, The Rules. Ladha fa parte del consiglio di amministrazione di Greenpeace USA, dove la sua direttrice esecutiva, Annie Leonard, ha co-fondato Earth Economics. Ancora un’altra istituzione creata per aiutare, favorire e, soprattutto, trarre profitto dalla finanziarizzazione del sistema naturale, ora ben avviato come dimostrato in questa serie. Leonard’s Earth Economics [4] è membro di CERES, che a sua volta è partner del World Business Council for Sustainable Development (WBCSD). Purpose (braccio PR di Avaaz) gestisce The B Team (co-fondatore di We Mean Business).

Il legame tra la maggior parte, se non tutte, le ONG, le istituzioni e gli individui di alto livello è il desiderio condiviso per i mercati del carbonio e / o l’implementazione dei pagamenti per i servizi ecosistemici (PES).

“A partire dagli anni ’70, diverse ondate di privatizzazioni hanno spazzato il mondo. Nel 2017, il barometro delle privatizzazioni ha concluso che “la massiccia onda di privatizzazione globale iniziata nel 2012 continua senza sosta”. Secondo l’esperto dei diritti, questa ondata è stata guidata non solo dai governi e dal settore privato, ma anche dalle organizzazioni internazionali, in particolare dal Fondo monetario internazionale (FMI), dalla Banca mondiale e dalle Nazioni Unite. “- Human rights at risk from tsunami of privatization, Third World Network, November 16, 2018

Sopra: Kelly Rigg, direttore fondatore, Varda Group, Stati Uniti: Economia dello sviluppo sostenibile, 16-19 giugno 2012 | Rio de Janeiro, Brasile, Foto: sito web dell’Istituto internazionale per lo sviluppo sostenibile (IISD)

+++

“Il secondo problema è la questione della riduzione delle emissioni. Ci devono essere riduzioni radicali delle emissioni a partire da ora. Dal nostro punto di vista, entro il 2017 dovremmo tagliare, i paesi sviluppati devono tagliare del 52%, il 65% entro il 2020, l’80% entro il 2030, ben oltre il 100 [%] entro il 2050. E questo è molto importante perché più si rinvia l’azione più condanni milioni di persone a sofferenze incommensurabili. “- Lumumba Di-Aping, capo negoziatore del G77, 11 dicembre 2009, COP15

Nel 2008, in qualità di direttore globale dei cambiamenti climatici per E3G, Jennifer Morgan (direttore esecutivo di Greenpeace International) ha svolto un ruolo centrale e ha catalizzato la formazione e il lancio del GCCA – la coalizione di cui sopra è stata concettualizzata per la prima volta nel 2006. [1] Per l’esperienza nel processo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), Morgan è stata la scelta ideale.

“Con un budget complessivo di 6,8 milioni di dollari, di cui oltre il 95% proveniente dai fondi della Fondazione, la GCCA è stata indubbiamente la campagna climatica globale più finanziata del 2009.” Contributi per la campagna GCCA / TckTckTck 2009 (creata da Havas Worldwide / Euro RSGG in collaborazione con il Global Humanitarian Forum di Kofi Annan ha raccolto ben undici milioni di dollari. [2]

Nel 2013, l’IPPI (International Policies and Politics Initiative) è stata istituita nel 2013 da cinque fondazioni: la European Climate Foundation (ECF), la ClimateWorks Foundation, la Oak Foundation, la Children’s Investment Fund Foundation (CIFF) e la Mercator Foundation. L’iniziativa agirà “come una piattaforma in cui fondazioni e beneficiari si incontrano per definire strategie su come le leve politiche e politiche internazionali possano catalizzare politiche più ambiziose a livello nazionale”. La Fondazione ClimateWorks è stata gestita in gran parte dalla McKinsey & Company, un advisor di Richard Sala della Carbon War di Branson. [3]

LA GCCA sarebbe di grande beneficio per l’IPPI:

“La GCCA e la campagna TckTckTck offrono un potente esempio di come i fondi delle fondazioni – e in modo significativo quelli della Oak Foundation – sono stati mobilitati per scopi di capacity building nella corsa verso Copenaghen.” [Fonte, p. 73]

Morgan, che al momento serviva con il World Resources Institute, era la persona ideale per coordinare la piattaforma IPPI in vista e durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP21) svoltasi a Parigi nel 2015. Morgan è stata scelta per guidare l’IPPI grazie alla sua vasta esperienza nel regno del clima internazionale, insieme alla sua affiliazione al World Resources Institute (WRI). In sostanza, questo era un segnale al potere aziendale che i suoi interessi sarebbero stati protetti. [“Il WRI, dati i collegamenti del direttore con i governi e le istituzioni internazionali come la Banca Mondiale, è stato visto come un partner legittimo agli occhi dei finanziatori.”] [Fonte: The Price of Climate Action – Fondamenti filantropici nel dibattito internazionale sul clima , 2016, p. 101]

E mentre IPPI e GCCA controllavano il “movimento”, le stesse forze controllavano anche il messaggio tramite il Carbon Briefing Service (CBS). Il servizio di notizie è stato lanciato da Jennifer Morgan (WRI) e Liz Gallagher (E3G) alla fine del 2014 con finanziamenti aggiuntivi da parte di ClimateWorks Foundation, Hewlett Foundation, Oak Foundation, Villum Foundation e Avaaz. [Fonte]

La descrizione sul sito E3G descrive la CBS come “una piattaforma congiunta E3G-WRI che fornisce analisi e informazioni politiche a una vasta gamma di attori in vista dei negoziati sul cambiamento climatico di Parigi 2015”. Considera che le comunicazioni distribuite tramite la rete “ownerless” della CBC sono iniziate con il seguente avviso: “Questo briefing è confidenziale e non per diffusione pubblica. L’hai ricevuto a causa dei tuoi rapporti con membri e reti della CBS. “Invito solo ai partecipanti alla CBS: Iain Keith (Avaaz), Jamie Henn (350), Camilla Born (E3G), Liz Gallagher (E3G), Mohamed Adow (ChristianAid) , Monica Araya, Martin Kaiser (Greenpeace Germania), Farhana Yamin (TrackO), Wael Hmaidan (CAN International), Bill Hare (Analisi del clima), Pascal Canfin (WRI), Michael Jacobs (Grantham), Alden Meyer (UCS), Tim Nuthall (ECF), Alix Mazounie (RAC-Francia). [Fonte]

“IPPI si concentra sull’uso del momento parigino “per aumentare la portata e il ritmo dei cambiamenti”. – Jennifer Morgan World Resources Institute, [Fonte, p. 5]

Utilizzando GCCA, IPPI, CBS e “media progressivi” esterni, in collaborazione con le ONG e le istituzioni che collaborano nel complesso industriale senza scopo di lucro, si sarebbe ottenuta la creazione del “momento parigino”.

Havas Worldwide (creatore della campagna TckTckTck) è stato riconosciuto come partner della campagna COP21 Earth to Paris con partner collaborativi identificati come 350.org e Avaaz (fondatori GCCA / TckTckTck), Ceres, The Climate Reality Project, The Nature Conservancy, We Mean Business, la Banca Mondiale (tramite Connect4Climate) e una miriade di altri. Molto prima che la conferenza si fosse conclusa, fu annunciato che durante un vertice dal vivo, il 7 e l’8 dicembre, i partner della Terra per Parigi avrebbero consegnato “un nuovo accordo universale sul cambiamento climatico”.

“Earth To Paris, una coalizione di partner che contribuisce a promuovere la consapevolezza della connessione tra le persone e il pianeta e la necessità di una forte azione per il clima, ha annunciato che ospiterà” Earth To Paris-Le Hub “un vertice di due giorni ad alto impatto , in diretta streaming il 7 e 8 dicembre a Parigi durante COP21 – la conferenza sul clima delle Nazioni Unite per consegnare un nuovo accordo universale sui cambiamenti climatici. “- 1 dic 2015 [Fonte]

Comunicato stampa del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, 29 ottobre 2015:

“Earth To Paris, una coalizione di partner che contribuisce a promuovere la consapevolezza della connessione tra le persone e il pianeta e la necessità di una forte azione per il clima, ha annunciato che ospiterà” Earth To Paris-Le Hub “un vertice di due giorni ad alto impatto , in diretta streaming il 7 e 8 dicembre a Parigi durante la COP21 – la conferenza sul clima delle Nazioni Unite per consegnare un nuovo accordo universale sul cambiamento climatico “.

Il fatto che un “nuovo accordo universale sul cambiamento climatico” sia stato annunciato il 29 ottobre 2015, un mese prima della conferenza in corso, è stato tralsciato dalla popolazione. [From TckTckTck, to Air France, to “Earth To Paris”, Havas Worldwide Continues to Hypnotize]

“Mentre la festa dell’establishment a Parigi finiva, la chimera dell’energia pulita spinge le società industriali verso un futuro nuvoloso. La danza fantasma new age, come espressione della disperazione sociale, ha portato a una progressiva auto-illusione che ci promette il mondo, se solo lo crediamo. Passando attraverso lo specchio, si possono esaminare le metriche della messaggistica da parte dei social media e della filantropia, che, combinati, sono la forza trainante del complesso industriale senza scopo di lucro. – Jay Taber, Rave New World

IPPI, come coordinato da Morgan, è stato creato come un “programma ECF discreto” che avrebbe “funzionato dietro le quinte”. “Mentre l’ECF aveva dato origine all’idea originale e mentre ospitava il suo personale dedicato, il IPPI era presentato come un’iniziativa autonoma e “senza marchio” (“senza marchio” come non collegata a nessuna particolare organizzazione “). [Fonte, p. 101]

Video: Beyond Davos, 2015 – Mobilizing consumers and ownerless movements as explained by Avaaz/Purpose co-founder Jeremy Heimans. Introduction by Paul Hilder (Avaaz, Here Now/Purpose). [Running time: 3m:39s]:

“Sebbene si presuma che i gruppi della società civile siano normativamente motivati ​​[…] sono nondimeno inseriti in un’economia capitalista globale e hanno requisiti materiali molto specifici che devono essere soddisfatti per operare con successo.” – Lipschutz e McKendry, Movimenti sociali e Global Civil Society, agosto 2011

Lipschutz e McKendry (citati sopra) hanno ulteriormente elaborato: “per avere successo, un’organizzazione deve sopravvivere e, in un ambiente basato sul mercato, significa trovare i modi per generare i fondi necessari per sostenere le operazioni”. [5] Eppure, è più di questo. Quelli al timone, come ha dimostrato questa serie, condividono le stesse ideologie e le stesse mentalità occidentali dei capitalisti e delle corporazioni di cui servono gli interessi.

L’IPPI ha riunito i giocatori influenti tra cui Greenpeace, WWF, 350.org, Avaaz, CAN International, Oxfam, E3G, The Climate Group e World Resources Institute. La formazione di GCCA era una comunanza tra molte di queste ONG e gruppi di riflessione, unitamente a un ampio coinvolgimento nell’arena internazionale del clima, insieme a forti affiliazioni con i negoziatori e il segretariato dell’UNFCCC. [Fonte: The Price of Climate Action – Fondamenti filantropici nel dibattito internazionale sul clima, 2016 [p. 101 e p. 118]

“Il ruolo di Avaaz è particolarmente rivelatore in questo senso. In altre parole, non si trattava di promuovere un approccio tra molti, ma di assicurarsi che l’approccio IPPI fosse l’unico approccio, pur mantenendo un falso senso di pluralismo sia all’interno che ai margini dei negoziati sul clima. I contributori principali alla strategia IPPI sono andati in modo straordinario per impedire a colleghi non statali di “intromettersi” in un esito diplomatico positivo a Parigi. “- The Price of Climate Action – Fondamenti filantropici nel dibattito internazionale sul clima, 2016, Edouard Morena] [p. 133]

LE FONDAZIONI CHIAVE

Per essere chiari, il IPPI non è l’unico caso di coinvolgimento e influenza delle fondazioni nel campo della politica climatica. Tuttavia, è uno di quelli che ha avuto piu` “successo” dato quanto è stato influente. La maggior parte (se non tutti) sono guidate dalle società attraverso le più grandi e influenti fondazioni e gruppi di riflessione creati e finanziati dai profitti di queste stesse entità aziendali.

Il campo della filantropia climatica raggruppa un numero abbastanza piccolo di grandi giocatori. Uno studio del 2010 per il Centro Fondazione, ha dimostrato che nel 2008 25 fondazioni rappresentavano oltre il 90% di tutti i finanziamenti per il cambiamento climatico. Dati più recenti della stessa fonte rivelano che sei fondazioni – Oak, Packard, Hewlett, Sea Change, Energy, Rockefeller – hanno rappresentato circa il 70% dei finanziamenti della politica sui cambiamenti climatici nel 2012. [Fonte, p 10]

Nel 1989, il Fondo per la difesa ambientale, il WWF e Greenpeace, con il sostegno della fondazione, hanno lanciato la rete di azione per il clima (CAN) la quale e ` stata presieduta anche dalla Morgan  (USCAN). Una fondazione, il Rockefeller Brothers Fund, che ha finanziato filiali regionali della CAN, avrebbe commentato nella sua revisione annuale del 1993 che questi “predicatori globali” “giocavano un ruolo centrale a partire dai primi giorni del dibattito sui cambiamenti climatici”. [Fonte, p. 32]

È qui che dobbiamo fare un salto fino ai giorni nostri.

Nell’articolo “Philanthropy Teams Up With Institutional Investors to Fight Climate Change”, pubblicato il 7 settembre 2017, viene evidenziata la necessità di un nuovo approccio che sblocchi il capitale per le nuove infrastrutture climatiche su larga scala:

“Poiche` il cambiamento climatico rappresenta una minaccia così straordinaria, è imperativo comprimere le dinamiche dell’innovazione e farsi strada attraverso nuovi approcci. Ecco perché Planet Heritage Foundation … una società di consulenza di investimento globale che lavora con investitori istituzionali per incanalare il capitale in settori “infrastrutturali climatici” come energia pulita, acqua e scarti di valore. Questi investitori – fondi sovrani, pensioni, fondi, compagnie assicurative, family office e fondazioni – rappresentano oltre 80 trilioni di dollari di attività e sono le uniche parti interessate diverse dai governi con la capacità di investire su larga scala … Dopo solo un anno, il modello intermedio sta già dimostrando il suo valore in questo senso …

“In collaborazione con Sarah Kearney (PRIME) e Alicia Seiger (Stanford University), inizialmente abbiamo attratto finanziamenti per un totale di $ 500.000 da quattro filantropi – la Hewlett Foundation, la MacArthur Foundation, la ClimateWorks Foundation e la Planet Heritage Foundation – per ricerche che hanno dimostrato il potenziale del nostro modello. “

Un anno dopo, al One Planet Summit di New York il 26 settembre 2018, il Climate Finance Task Force, un gruppo coordinato dalla Task Force per l’innovazione filantropica, annunciò i nuovi strumenti per sbloccare capitali su larga scala:

“Gli sforzi per raccogliere il capitale per coinvolgere e mobilitare capitali istituzionali su larga scala verso soluzioni climatiche hanno fatto un notevole passo in avanti il ​​26 settembre al One Planet Summit di New York, quando il presidente francese Emmanuel Macron e Larry Fink di BlackRock hanno annunciato il Climate Finance Partnership (CFP). La PCP consiste in una combinazione unica di filantropia, governi, investitori istituzionali e un gestore patrimoniale globale leader. Le parti, tra cui BlackRock, i governi di Francia e Germania e le fondazioni Hewlett, Grantham e IKEA, si sono impegnate a lavorare insieme per finalizzare il design e la struttura di quello che ci aspettiamo sarà un veicolo di investimento di punta entro la fine del il primo trimestre, 2019.

La partnership, coordinata dalla Task Force on Philanthropic Innovation e di Aligned Intermediary, un gruppo di consulenza sugli investimenti, è stata progettata e strutturata specificamente per utilizzare uno strato di capitale governativo e filantropico per massimizzare la mobilitazione del capitale privato verso i settori legati al clima nei mercati emergenti. ” [Enfasi aggiunta]

La Task Force Blended Finance (quarta parte di questa serie) comprende cinquanta icone della finanza tra cui la MacArthur Foundation (World Resources Institute), la Rockefeller Foundation e la ClimateWork Foundation. [Lista completa]

Lo stesso articolo fa luce sul “accordo violento” per sbloccare $ 100 trilioni di dollari:

“Un’analisi dettagliata della Banca Mondiale ha rilevato che mentre $ 100 miliardi sono detenuti da fondi pensione e altri investitori istituzionali, questi stessi investitori hanno allocato meno di $ 2 trilioni in un periodo di 25 anni in investimenti infrastrutturali nei mercati emergenti. E la frazione di quell’investimento che poteva essere considerata verde, pulita o rispettosa del clima era trascurabile.

Quindi, cosa si può fare? Sia che tu scelga di guardare attraverso l’obiettivo di una sfida senza precedenti o di un’opportunità senza precedenti, c’è un violento accordo sul fatto che il capitale istituzionale deve essere “sbloccato” e mobilitato rapidamente e su vasta scala. “[Enfasi aggiunta]

Le fondazioni coinvolte nella politica climatica fin dall’inizio, che continuano a lavorare mano nella mano con alcune ONG e leader delle ONG, sono le stesse fondazioni a beneficiare del partenariato per il finanziamento del clima. La tabella di marcia per sbloccare 100 trilioni di dollari è identificata nei fondi pensione. La tabella di marcia verso la privatizzazione e la finanziarizzazione della natura, su scala mondiale, è la direzione interdipendente del complesso industriale senza fini di lucro, una matrice di autostrade sovrapposte di egemonia.

Il 12 dicembre 2017, al One Planet Summit, Frank Bainimaramai, presidente della COP23 e primo ministro delle Figi, ha dichiarato:

“… dopotutto quando parliamo di sfruttare la grande quantità di capitale istituzionale per le soluzioni climatiche, stiamo parlando in gran parte dei risparmi di normali cittadini laboriosi e dobbiamo onorare l’aspettativa ed essere saggi amministratori con questi soldi …”

Per essere chiari: i soldi per le società da molti miliardi di dollari – per creare servizi e industrie privatizzati, con il pretesto della protezione ambientale, saranno pagate DAL PUBBLICO – MA IL PUBBLICO NON SARA` IL PROPRIETARIO . Per il settore aziendale, non c’è rischio: tutto profitto. Se qualcosa andasse storta e` il pubblico che dovra` pagarne le conseguenze.

John D. Rockefeller una volta affermò che “la capacità di trattare con le persone è un bene accessibile come lo zucchero o il caffè e pagherò di più per quell’abilità che per qualsiasi altra.” Parole più vere non furono mai pronunciate.

L’abilità e la precisione nel raggiungere la protezione e l’espansione del sistema economico capitalista sono oggi tutt’altro che straordinarie. Utilizzando il complesso industriale senza fini di lucro, gli oligarchi più potenti del mondo non hanno bisogno di forzare la loro volontà sulla società. Piuttosto, simile a quello che Aldous Huxley profetizzò nel suo romanzo di fantasia Brave New World, siamo stati manipolati e ingegnati per richiedere le “soluzioni” che potenziano ulteriormente coloro che ci distruggono.

“I santoni del clima, come, M. Bloomberg, L. Di Caprio, N. Stern, C. Figueres, A. Gore, M. Carney. Tutte queste persone producono enormi impronte di carbonio e volano in tutto il mondo con jet privati ​​per informarci su cosa fare riguardo ai cambiamenti climatici. Sono supportati da un intero gruppo di accademici senior che promuovono compensazioni, emissioni negative, geoingegneria, CCS, crescita verde, ecc. Queste sono tutte “un’evoluzione all’interno del sistema”. – Kevin Anderson, Centro Tyndall per la ricerca sui cambiamenti climatici [Fonte]

 

LA MONETIZZAZIONE DEL CAPITALE SOCIALE

André Hoffmann è un industriale svizzero appartenente ad una delle dinastie più ricche d’Europa. Ha servito come vice-presidente del WWF dal 2007-2017 e come presidente onorario del WWF dal 1998 al 2017. È presidente della Fondazione MAVA (un importante finanziatore della Natural Capital Coalition) e vice presidente del consiglio di amministrazione di Roche, il gigante farmaceutico e chimico fondato dalla sua famiglia. [Bio]

Roche è la più grande azienda biotech del mondo. Ha sede in Svizzera e attività in oltre 100 paesi. Come uno dei primi ad adottare il Protocollo sul Capitale Naturale, il rapporto di sintesi pilota ha menzionato che “un punto importante sollevato dallo studio è il fatto che Roche genera considerevoli risultati di valore sociale positivo dall’uso dei loro prodotti e di altre attività socialmente responsabili, che probabilmente superano di gran lunga qualsiasi impatto ambientale negativo. “[Fonte] [Enfasi aggiunta]

La rivelazione di cui sopra apre ancora un altro strato di depravazione. Se la natura può essere assegnata ai valori monetari – così lo possono essere i valori della società. Inserire l’assegnazione del valore monetario al “capitale sociale” nella lingua dei “mercati dei capitali sociali”. [Sito web di Social Capital Markets: “dedicato a catalizzare il cambiamento del mondo attraverso soluzioni basate sul mercato”.]

NextBillion è stato lanciato nel maggio 2005 dal World Resources Institute. Il progetto “sviluppo attraverso l’impresa” condivide l’interesse per lo sviluppo del capitale sociale. Nel 2010 il William Davidson Institute (WDI) presso l’Università del Michigan è entrato a far parte del World Resources Institute come partner di proprietà di NextBillion. A partire dal 4 dicembre 2012 NextBillion è gestito esclusivamente da WDI, che si concentra sulla fornitura di soluzioni del settore privato nei mercati emergenti.

“I mercati dei capitali sociali sono dedicati all’accelerazione di un nuovo mercato globale all’intersezione di denaro + significato”. – Sito web dei mercati dei capitali sociali

Il Protocollo del Capitale Sociale 2017 afferma che “l’integrazione degli approcci tra capitale sociale e capitale naturale” è guidata dallo stesso scopo e basata sugli stessi concetti e principi del Protocollo sul Capitale Naturale sviluppato dalla Coalizione della Capitale Naturale. [P. 6]

Anche se il concetto di capitale sociale è ancora nel suo stato embrionale [“la misurazione e la valutazione del capitale sociale è un concetto relativamente nuovo”], i suoi obiettivi sono chiari: “Nei prossimi anni l’iniziativa del Protocollo di capitale sociale darà forma e guiderà azioni collaborative per raggiungere quattro obiettivi. “L’obiettivo finale può essere meglio descritto come quello che sarà il colpo di grazia per le ultime vestigia della normalità umana:” Consentire alle aziende di capitalizzare sulla loro attuazione del Protocollo del capitale sociale assicurando che la comunità finanziaria e i mercati dei capitali riconoscano e premiano la creazione di valore sociale. “[p. 5]

Anche in questo caso, come nel caso del progetto / coalizione Natural Capital, il World Resources Institute svolge un ruolo chiave: “Questi principi si allineano con gli attuali principi del Protocollo sul capitale naturale, che a sua volta si basa sulle indicazioni della Global Reporting Initiative (GRI), il World Resource Institute (WRI) / WBCSD Greenhouse Gas Protocol, e Climate Disclosure Standards Board (CDSB). “[P. 10]

Un nuovo sistema finanziario che consente a una società come Roche, la più grande azienda biotech del mondo, di misurare e rappresentare un valore sociale positivo “come mezzo per compensare” gli impatti ambientali negativi “è davvero un ottimo strumento. Non c’è da meravigliarsi che Hoffman avrebbe investito nel suo sviluppo.

Hoffman è anche consulente senior di Chatham House e numerosi altri consigli, tra cui il World Economic Forum, il Center for the Fourth Industrial Revolution e SYSTEMIQ.

Qui si può notare che Jeremy Oppenheim, capo ed ex direttore del programma della New Climate Economy, è il fondatore e managing partner di SYSTEMIQ: “Pur dando pieno valore all’ecosistema naturale, queste alternative devono essere economicamente valide e in grado di essere replicate su vasta scala … Prevediamo che i modelli di successo diventeranno rapidamente una “classe di attività bancaria” per investitori regolari. “[Fonte] Oppenheim è anche presidente della Task Force Blended Finance. John E. Morton, che funge da consulente senior della Blended Finance Taskforce, è Fellow della European Climate Foundation. Due associati SYSTEMIQ servono come il progetto che conduce alla task force Blended Finance. [Fonte] Basti dire che tutte le strade portano al partenariato per il finanziamento del clima e alla nuova economia del clima.

Il padre di André Hoffmann, Luc Hoffmann, è stato membro del primo comitato internazionale del WWF (i co-fondatori includono Goddfrey Rockefeller). Oltre ai suoi contributi alla fondazione del WWF, Luc Hoffman ha anche fondato WWF France e WWF Greece. Ha servito come vice presidente onorario del WWF fino alla sua morte nel 2016. [Source]

Oltre al sostegno fornito al WWF, Luc Hoffmann è stato direttore di Wetlands International, è stato vicepresidente della IUCN (World Union of Nature Conservation) e ha fondato la International Bank of Arguin Foundation in Mauritania. Questo è importante per riconoscere come nel 2013 questo progetto ha ricevuto il “primo pagamento internazionale per i servizi dell’ecosistema marino” [fonte: il caso del parco nazionale del Banc d’Arguin, Mauritania]

+++

29 ottobre 2018, Comunicato stampa del WWF, “Il rapporto del WWF rivela la portata sconvolgente dell’impatto umano sul pianeta”:

“Un accordo globale per la natura, simile all’Accordo sul clima di Parigi, può garantire che continuino metodi di conservazione efficaci e che vengano fissati obiettivi più ambiziosi”.

Il rapporto afferma che “i maggiori driver dell’attuale perdita di biodiversità sono il sovrasfruttamento e l’agricoltura, entrambi legati al continuo aumento del consumo umano”. Eppure, in nessun luogo menziona l’impatto ecologico del militarismo. Come collettivo, siamo diventati così condizionati da questa incredibile “supervisione” che non ci rendiamo più conto della sua omissione. Il rapporto attira l’attenzione sull’agricoltura, ma non sul bestiame industriale con i suoi sconcertanti impatti ecologici e la sua grottesca crudeltà. Attira l’attenzione sul crescente numero di gorilla di montagna – poco prima del supporto promozionale di Jane Goodall per una quarta rivoluzione industriale nel gennaio 2019 a Davos. Una rivoluzione che richiede di conseguenza cinque volte i minerali e i metalli che stiamo già usando il più velocemente possibile. Gli stessi metalli che causano il conflitto e la conseguente morte di uomini, donne e bambini congolesi – e gorilla. Qui possiamo solo concludere ciò che quelli nel Sud del mondo hanno sempre saputo: il “progresso” tecnologico è sempre destinato a servire l’Occidente a scapito di qualsiasi vita o risorsa.

LA NARRATIVA

“… e lo dirò ai nostri colleghi della società civile occidentale: siete decisamente schierati con un piccolo gruppo di industriali, con i loro rappresentanti e con le vostre filiali rappresentative. Niente di più. Siete diventati uno strumento dei vostri governi. “- Lumumba Di-Aping, capo negoziatore del G77, 11 dicembre 2009, COP15

Lo screenshot sopra: Nella conferenza di David Blood del 2012 (video), “Breakthrough Capitalism Forum – David Blood”, è possibile visualizzare la sponsorizzazione in background. Nella parte superiore dello schermo, possiamo identificare i relatori / sponsor Jeremy Leggitt di Solar Century e Carbon Tracker e Jennifer Morgan del WWF, per citarne due. [Vedi l’elenco completo dei partner di Breakthrough Capitalism.] [Fonte]

Per dimostrare un esempio di “storytelling” impiegato per placare il pubblico e fingere opposizione a coloro che distruggono il nostro pianeta, possiamo guardare al seguente comunicato stampa di Greenpeace International: 25 gennaio 2019, “Il profitto, non persone, rimangono chiaramente priorità di Elos Davos” . Mentre il World Economic Forum di Davos si avvia alla conclusione, il direttore esecutivo di Greenpeace International, Jennifer Morgan, ha dichiarato:

Greenpeace è venuto a Davos in cerca di leadership morale, economica e politica, e non l’abbiamo trovata. È profondamente inquietante che, mentre il mondo armeggia sull’orlo di una catastrofe climatica, evitare un’ulteriore aumento di temperatura non sia al centro di tutte le riunioni degli amministratori delegati e dei leader mondiali. Le soluzioni sono di fronte a loro e devono dare la priorità alla soluzione di questa crisi, unirsi ai giovani che stanno guidando la via da seguire e quindi essere dalla parte giusta della storia.

Ieri ci sono stati 32.000 studenti di sciopero nelle strade del Belgio e oggi i bambini scendono nelle strade di Berlino chiedendo a gran voce una soluzione per l’inquinamento. I giovani stanno chiedendo di essere ascoltati, la domanda è: perché l’élite di Davos non risponde con le dimensioni e il ritmo richiesti? Gli interessi commerciali a breve termine e un profitto maggiore, a prescindere dal costo per gli altri, rimangono chiaramente la priorità delle élite di Davos. Non abbiamo tempo da perdere. Con le potenti parole di Greta Thunberg, dobbiamo “arrabbiarci e dare forma alla rabbia”.

Un estratto del comunicato stampa del 16 gennaio 2019 della Morgan una settimana prima, come guida al WEF di Davos, ha dichiarato:

“Non illudetevi, siamo nel mezzo di un’emergenza climatica ed essa dovra` dominare le prossime settimane del Forum economico mondiale che si riunirà a Davos …. La quarta rivoluzione industriale potrebbe totalmente reimmaginare il modo in cui affrontiamo le soluzioni alla crisi climatica. Ma solo se questa rivoluzione è al servizio della soluzione dei cambiamenti climatici. “[Fonte]

Sopra: 7 febbraio 2019, tweet UKYCC. Utenti con tag: Extinction Rebellion, Greenpeace, Greta Thunberg, People & Planet (la più grande rete studentesca del Regno Unito), UKSCN, YouthStrike4Climate e Friends of the Earth 

VOICE FOR THE PLANET

“Voice for the planet è stato lanciato al World Economic Forum di Davos nel 2019 dai Global Shapers. L’obiettivo, mostrare il crescente movimento di persone in tutto il mondo che chiedono un nuovo accordo per la natura e le persone: un’azione globale urgente per affrontare l’attuale crisi per la natura. “[Fonte: sito Web di Voice for the Planet]

Le ventidue organizzazioni che sostengono la campagna (registrate nel WWF-Regno Unito) includono The Climate Reality Project, World Resources Institute, WWF, Conservation International, Nature Conservancy e UNDP. [Accessed February 20, 2019] [Lista completa]

GLOBAL SHAPERS

Voice for the Planet ci conduce a Global Shapers, una comunità globale di “produttori di cambiamenti”, supportata da sovvenzioni e partner della comunità. Fondato nel 2011 da Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, Global Shapers è un vero e proprio centro di formazione per giovani sotto i 30 anni in grado di modellare il mondo come previsto dal WEF, Al Gore, Jack Ma et al. Con oltre 7000 membri, la community di Global Shapers si estende su 369 centri urbani in 171 paesi.

Anche qui abbiamo giovani addestrati a distruggere il loro futuro come agnelli sacrificati al capitalismo.

Al servizio del consiglio di amministrazione di Global Shapers c’è David M. Rubenstein, co-fondatore e co-chief executive officer del Gruppo Carlyle, e Jack Ma, presidente esecutivo del Gruppo Alibaba e co-fondatore della Breakthrough Energy Coalition.

I partner includono The Climate Reality Project, Coca-Cola, Salesforce, Procter and Gamble, Reliance Industries, Oando, GMR Group, Hanwha Energy Corporation, Rosamund Zander e Yara International.

“Infine, grazie alla collaborazione con il Climate Reality Project, oltre 292 Global Shapers sono stati in grado di unirsi al vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore al training Climate Reality Leadership Corps. I Global Shapers si sono uniti alla formazione che si è svolta a Berlino, Pittsburgh, Città del Messico e Los Angeles, così come durante gli eventi regionali SHAPE, per imparare come guidare la lotta globale per le soluzioni climatiche. “- Global Shapers Annual Report 2017

The Global Shapers è un’esibizione grottesca di malaffari aziendali mascherati da bonta`. Ad esempio, sotto la voce “accelerare il cambiamento”, c’è la “Coca-Cola che ha messo in palio un premio”. Nel 2017 il premio è stato assegnato all’hub di Bogotá per “promuovere la pace e la riconciliazione nelle aree colpite dal conflitto della Colombia”. Ciò che la gioventù lobotomizzata dai Global Shapers non verrà detto è che la Coca-Cola ha una lunga e sordida storia di uccidere i leader sindacali in Colombia.

Sempre più giovani vengono riconosciuti e presi come fattori chiave per la crescita e l’influenza economica:

“Stiamo diventando sempre più consapevoli che le soluzioni alle nostre sfide globali devono coinvolgere espressamente i giovani, a tutti i livelli – a livello locale, regionale, nazionale e globale. Questa generazione ha la passione, il dinamismo e lo spirito imprenditoriale per plasmare il futuro. “-Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum [Enfasi aggiunta]

“La rivoluzione sarà Snapchattata. Dimentica i tuoi stereotipi sui film di John Hughes. Gli adolescenti di oggi sono civicamente attivi, a livello globale – e quasi concordano all’unanimità che dobbiamo fare di più per affrontare il cambiamento climatico. Uno studio su 31.000 giovani provenienti da 186 paesi ha rilevato che il cambiamento climatico è la loro preoccupazione numero uno (superando il terrorismo, la povertà e la disoccupazione.) Oltre il 90% concorda che la scienza ha dimostrato che gli umani stanno causando il cambiamento climatico e quasi il 60% ha intenzione di lavorare nella sostenibilità . “[Enfasi nell’originale]

Il sondaggio che Nature Conservancy mette in evidenza è stato condotto da Global Shapers. Questo non ha nulla a che fare con la buona volontà o il benessere della giovinezza. Si tratta di metriche semplici per identificare, comprendere e, in ultima analisi, sfruttare il pubblico mirato.

Nei sondaggi condotti per il rapporto annuale del sondaggio Global Shapers 2017, un’area di interesse è la sezione relativa al “senso di responsabilità e reattività”. Alla domanda chi ha la maggiore responsabilità nel rendere il mondo un posto migliore e quindi il potere di affrontare i più importanti problemi globali e locali, la prima scelta è ‘individui’ (34,2%) “. Confronta questo con il 9% dei voti dato a “aziende nazionali globali e di grandi dimensioni”. [“La scelta migliore è costante indipendentemente da sesso, età, regioni, Indice di sviluppo umano, Indice di percezione della corruzione o livello di reddito.”]

In sostanza, abbiamo giovani – molti dei quali provengono da stati il ​​cui contributo al cambiamento climatico è quasi zero – che sono stati convinti di credere che il loro impatto sia molto più grande della devastazione ecologica provocata dalle corporazioni, dal sistema economico stesso o persino dall’industria bellica globale.

Un altro approfondimento raccolto dal sondaggio: “Il sentimento di responsabilità si traduce in azioni concrete? Ai giovani è stato chiesto se sarebbero stati disposti a cambiare il loro stile di vita per proteggere la natura e l’ambiente, al quale il 78,1% ha risposto “sì”. “E questa è la ragione principale per la finta preoccupazione dei capitalisti più potenti del mondo – capire come trasformare ancora piu` giovani in consumatori.

Nel frattempo, sul fronte “Leading the Public into Emergency Mode”

“SE NON SI FA QUALCOSA ENTRO il 2012, è troppo tardi. Quello che faremo nei prossimi due o tre anni determinerà il nostro futuro. Questo è il momento decisivo. Rajendra Pachauri, head of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Nov. 17, 2007

“Abbiamo ancora la possibilità di cambiare le cose, comunque. Un importante corpo di ricerca condotto da The Nature Conservancy mostra che è ancora possibile raggiungere un futuro sostenibile per le persone e la natura, se intraprendiamo azioni massicce nei prossimi 10 anni. – 4 gennaio 2019

Nel frattempo, per quanto riguarda le autorità del fronte “Leading the Public into Emergency Mode”, abbiamo gli stessi gruppi che ci hanno portato nell’ovile della campagna TckTckTck 2009 per COP15 (“un movimento che i consumatori, gli inserzionisti e i media avrebbero utilizzato e sfruttato”) – che sono stati poi in grado di” radunare gente “per la People’s Climate March orchestrata nel 2014 – e ora hanno il compito di mobilitare nuovamente la popolazione per il finale in crescendo, richiedendo numeri ancora più grandi senza precedenti. Quindi, abbiamo titoli come “Il Vertice sulla sopravvivenza umana: la prossima ondata di proteste sui cambiamenti climatici sta arrivando – Greenpeace e Amnesty International si uniscono per spingere verso una maggiore disobbedienza civile”. [25 gennaio 2019]

L’ironia qui è che sia Greenpeace che TckTckTck hanno gettato tutti i cittadini più vulnerabili del mondo sotto l’autobus nel 2009 durante il mandato di Kumi Naidoo, che è stato direttore esecutivo di entrambe le organizzazioni. Oggi, un decennio dopo, (Naidoo) ora conduce Amnesty International come segretario generale. Nel 2011, Amnesty International, utilizzando l’economia comportamentale dell’odio, è stata determinante nel guidare la guerra illegale sulla nazione sovrana della Libia – la Libia è il paese più prospero in Africa sotto la guida del rivoluzionario libico Muammar Gheddafi. La Libia divenne rapidamente una nazione lacerata dalla guerra in uno stato permanente di caos mentre centinaia di migliaia di cittadini perirono (e continuano a farlo fino ad oggi). Eppure, le istituzioni d’élite e gli oligarchi che la finanziano, la controllano e la maneggiano come un’arma al servizio dell’imperialismo e del patriarcato, vorrebbero che tu credessi che fossero realmente preoccupati per il clima e i diritti umani:

“Greenpeace International, che si è tradizionalmente incentrata su questioni ambientali, e Amnesty International, che si è concentrata sui diritti umani, stanno lanciando un Vertice per la sopravvivenza umana entro la fine dell’anno per incoraggiare proteste non violente e altri interventi che impongano una maggiore azione sui cambiamenti climatici.

L’idea del vertice, ha detto Naidoo, non è dettare o cercare di coordinare le azioni centralizzate, ma piuttosto di unire individui e organizzazioni in modo che possano collaborare per spingere al cambiamento. Indicò nuove forme di protesta come il movimento Extinction Rebellion, uno dei tanti movimenti di disobbedienza civile guidati dai giovani incentrati sui cambiamenti climatici. È iniziato nel Regno Unito e ora sta lanciando succursali in tutto il mondo, inclusi gli Stati Uniti. Naidoo ha aggiunto che le grandi organizzazioni non governative internazionali non stanno organizzando questa mobilitazione e che questa sorta di decentramento dovrebbe essere incoraggiato “.

E anche questa è una bugia.

Avendo inizialmente intenzione di scrivere estesamente in questo segmento di Extinction Rebellion, la necessità di farlo non è più fondamentale. Basta semplicemente sottolineare il fatto che l’ONG sulla mobilitazione del clima (il cui fondatore è l’autore del suddetto documento “Portare il pubblico in modalità emergenza”, che collabora con 350.org, The Leap e molti altri) ha lavorato con Extinction Rebellion dallo scorso settembre [6]. Questo rivela perché il gruppo Extinction Rebellion è stato catapultato nella celebrità internazionale da The Guardian mentre altre azioni di difesa della terra nel Sud del mondo sono state ignorate per l’eternità.

Se questo non è sufficiente per alcuni lettori, è un dato di fatto che 350.org, Avaaz, Friends of the Earth e Greenpeace sono stati tutti in dialogo con i co-fondatori di Extinction Rebellion, i quali, con The Climate Mobilization, sono molto in favore a tale collaborazione. [Intervista con i co-fondatori di ER del fondatore di Climate Mobilization, 6 dicembre 2018]:

 “… all’inizio di questa campagna, agli inizi di ottobre, abbiamo occupato gli uffici di Greenpeace. È stato molto amichevole Abbiamo preso torte e fiori …

Stiamo conversando con le organizzazioni con alcune delle piattaforme online più grandi. È sempre un equilibrio importante capire come si ha una relazione con qualsiasi tipo di ONG in modo che non ci siano grossi compromessi.

Qui ci si deve chiedere perché un gruppo del Regno Unito identificherebbe una campagna statunitense come punto focale primario delle sue richieste. La risposta è che non solo le ONG degli Stati Uniti erano già ufficialmente coinvolte con Estinction Rebellion già nel settembre 2018, mentre contemporaneamente erano aggressivi sostenitori del New Green Deal, ma ancora più importante, queste ONG, al lascito dei loro benefattori, avevano anche progetti globali per le nuove offerte verdi. Il New Deal For Nature verrebbe aiutato dopo aver diffuso il linguaggio del “nuovo accordo” per mascherare il suo brutto intento. Il New Deal for Nature, saturo di linguistica olistica e esche emotive, giace nelle ombre oscure del Green New Deal e degli attacchi del clima – in attesa.

Nell’articolo del 31 ottobre 2018 relativo alla primissima azione di Extinction Rebellion, pubblicato dal già citato DesmogBlog, un riferimento a un “nuovo accordo per la natura” non viene rilevato:

La dichiarazione di ribellione di “Extinction Rebellion” arriva il giorno dopo che un rapporto del WWF ha rilevato che molte popolazioni di specie sono diminuite in media del 60 percento tra il 1970 e il 2014 in gran parte a causa dell’attività umana.

Il rapporto diceva: “I responsabili delle decisioni a tutti i livelli devono fare le giuste scelte politiche, finanziarie e di consumo per raggiungere la visione che l’umanità e la natura prosperano in armonia sul nostro unico pianeta.”

Il WWF ha chiesto “un nuovo accordo globale per la natura e le persone” per arrestare il declino della fauna selvatica, contrastare la deforestazione, il cambiamento climatico e l’inquinamento plastico ed è sostenuto da “impegni concreti da parte di leader e imprese globali”.

Il fatto che Extinction Rebellion non includa il capitalismo, l’imperialismo o il militarismo – il principale motore dell’assalto ecologico contro la Terra, in congiunzione con l’omissione di altre cause strutturali di fondo, ha sollevato domande importanti sul fatto che questo veicolo possa ancora essere ancora utilizzato per organizzare e costruire comunità.

Qui la domanda deve essere, perché dovremmo scegliere di prestare il nostro nome per rafforzare un BRAND che cita “la necessita` di un nuovo deal”, ma omette deliberatamente questioni come il capitalismo, l’imperialismo e il militarismo e altre forme di oppressione. Questo è peggio di una svista. È una vergogna. Ancor più tragico è il fatto che collettivamente siamo stati condizionati a tal punto, non siamo più nemmeno consapevoli di tali sfacciate ipocrisie.

Mentre e` in atto un colpo di stato contro lo stato sovrano del Venezuela, guidato da Stati Uniti e Canada – Extinction Rebellion non riesce a mobilitare i loro gruppi, ora di portata internazionale. Non solo non riescono a mobilitarsi, non riescono a parlarne.

A questo si aggiunge il fatto che Extinction Rebellion è ancora un altro gruppo che sceglie di rimanere assolutamente in silenzio sulla mercificazione e l’oggettivazione della natura – un altro segnale di avvertimento.

Dobbiamo prestare il nostro sostegno e impegnarci in piccoli ma collegati gruppi di resistenza che lavorano insieme per abbattere le strutture che opprimono non solo noi stessi, ma soprattutto i nostri fratelli e sorelle nel Sud del mondo.

LE ULTIME VESTIGIA DELL’ETICA E LA FINANZIARIZZAZIONE CORPORATIVA DELLA NATURA

Questa serie ha rivelato verità molto brutte. È nostro dovere etico e morale condividere questa conoscenza. Solo allora, può girare la marea.

La Thunberg ha dichiarato ripetutamente che il suo sciopero continuerà “fino a quando la Svezia non sarà allineata con l’Accordo di Parigi”. Pertanto, con le sue stesse dichiarazioni, chiarifica lo scopo, l’obiettivo generale e unico degli scioperi, ora di portata globale. Un accordo di Parigi che sblocca tutto ciò che è stato divulgato nei minimi dettagli all’interno di questa serie.

Il 21 febbraio 2019, la Commissione europea è stata l’ultima ad abbracciare e promuovere la Thunberg: “L’adolescente ha aperto un evento della Commissione europea davanti al presidente Jean-Claude Juncker, dove ha detto ai politici di smetterla di spazzare il loro casino sotto il tappeto cosi che le nuove generazioni siano costrette a pulire. “” Qui di nuovo, le richieste della Thunberg, a nome dei giovani che partecipano agli attacchi del clima, sono identificate:

“Vogliamo che seguiate l’accordo di Parigi le relazioni dell’IPCC non presentano altri manifesti o richieste. Basta che ci uniamo dietro la scienza. Questa è la nostra richiesta. “[Video]

Qui abbiamo tre attori chiave dell’egemonia capitalista, la Banca mondiale, il World Economic Forum e la Commissione europea – tutti promotori della Thunberg in modo senza precedenti. Istituzioni che ospitano individui che sistematicamente saccheggiano il pianeta in cambio di crescita economica, potere e profitti sono stati magicamente assoldati alla causa per salvare il pianeta.

Ciò che è sconosciuto alla popolazione è il fatto che tutte e tre queste istituzioni sono partner fondatori della task force Blended Finance del partenariato finanziario. Il Climate Finance Partnership è stato formato sotto la guida del presidente francese Emmanuel Macron che ha annunciato la partnership il 26 settembre 2018 al One Planet Summit tenutosi a New York. I partner includono i governi di Francia e Germania

Il partenariato per il finanziamento del clima è stato creato per promuovere la nuova economia del clima. Entrambi sono veicoli chiave per sbloccare i 100 trilioni di dollari identificati nei fondi pensione e al tempo stesso attuare la valutazione economica e il pagamento per i servizi ambientali (pagamenti per servizi ecosistemici) nascosti all’interno degli Obiettivi di sviluppo sostenibile. La privatizzazione della natura trasformerà la finanza globale. I più responsabili della distruzione saranno assegnati come nuovi “amministratori del capitale naturale nazionale”.

Si può solo sperare che questa serie abbia finalmente divulgato una volta per tutte chi e cosa rappresentino queste ONG così potenti: oligarchi, finanza aziendale e capitale. Le NGOS alla guida del complesso industriale senza scopo di lucro devono essere riconosciute come il braccio di pressione più potente del mondo per la tecnologia verde. Ciò viene a scapito della natura, non per la protezione della natura. Ancora una volta, la realtà è girata sotto sopra. Questo è il motivo per cui il complesso industriale senza scopo di lucro deve essere affamato senza provvigioni – ritirando il nostro consenso. Fino a questo punto il suo potere deriva dalla sua falsa pretesa di rappresentare la società civile. Dobbiamo chiarire che non è così.

Abbiamo confini planetari entro cui dobbiamo vivere se vogliamo che la vita sulla Terra continui in qualche forma o forma. Questi limiti non sono negoziabili. Possiamo mentire a noi stessi finche vogliamo, in tutta la nostra gloria antropocentrica, ma non cambierà la realtà. Possiamo dipingerlo di verde, possiamo condividere le nostre illusioni in opuscoli lucidi e farli diventare virali su internet – alla biosfera non gliene frega un cazzo. Se la nostra società fosse effettivamente equilibrata, avremmo riconosciuto queste “soluzioni” come delusioni, ma purtroppo non è così. Disconnessi dalla natura – e sempre di più, scollegati gli uni dagli altri – siamo persi.

La natura non firma contratti

Note finali:

[1] “Ufficialmente lanciato nel 2008, le origini del GCCA risalgono all’aprile 2006, quando rappresentanti di alcuni dei più grandi gruppi ambientalisti e di sviluppo: Oxfam, Greenpeace International, Greenpeace Brasile, WWF International, WWF India, Consiglio Mondiale delle Chiese, Amici della Terra e l’Unione degli Scienziati interessati – furono convocati a Woltersdorf (Germania) per discutere la possibilità di sviluppare una piattaforma comune per mobilitare il grande pubblico e quindi sostenere i negoziati sul clima. “[p. 70]

“Nel 2009, i suoi finanziatori principali erano l’Oak Foundation, la Sea Change Foundation, il Better World Fund, affiliato a Turner, la Prince Albert II Foundation di Monaco e il governo del Québec. Con un contributo totale di 5 milioni di USD nel 2009, la Oak Foundation è stata di gran lunga il principale donatore del GCCA (la Sea Change Foundation è arrivata seconda con 1,5 milioni di dollari). [P.69]

È stato fondato sul “[collegare] la raccolta di informazioni e la difesa sofisticata fornita da numerosi NGOS al fine di indirizzare e massimizzare l’impatto collettivo dei gruppi in ogni continente” (GCCA 2009). “[P.71]

[Fonte: The Price of Climate Action – Fondamenti filantropici nel dibattito internazionale sul clima, pubblicato nel 2016 da Edouard Morena]

[2] Il GCCA ha erogato sovvenzioni di oltre 3 milioni di dollari a organizzazioni partner a supporto delle loro attività di comunicazione e campagna. Come hanno spiegato nella loro relazione annuale del 2009, “la maggior parte delle sovvenzioni sono state concesse per sostenere campagne nazionali e regionali (comprese azioni di risposta rapida e hub nazionali), con i fondi rimanenti per campagne globali e azioni di comunicazione”. In altre parole, la GCCA, pur non essendo una fondazione di per sé, ha agito come un’organizzazione dequistante, distribuendo selettivamente fondi per far passare un messaggio comune. Inoltre, le sovvenzioni GCCA hanno avuto un effetto leva consentendo ai partner di mobilitare ulteriori finanziamenti, sia internamente che esternamente, per le attività connesse a GCCA. Secondo la sua relazione annuale del 2009, “i partner hanno segnalato un ulteriore totale di oltre otto milioni di fondi provenienti dalle proprie organizzazioni oltre a fonti aggiuntive per attività svolte con il sostegno finanziario dell’ACCCC”. [Fonte: The Price of Climate Action – Fondamenti filantropici nel dibattito internazionale sul clima, pubblicato nel 2016 da Edouard Morena] [p.72]

[3] “L’IPPI è presentato come” una nuova piattaforma per la cooperazione filantropica per catalizzare maggiori ambizioni sul clima attraverso attività e processi che si svolgono a livello internazionale “(ECF 2014, 26). È “progettato per aiutare la filantropia a identificare opportunità di collaborazione internazionale, sviluppare strategie congiunte e mettere in comune e allineare le sovvenzioni per ottenere un maggiore impatto complessivo”. Agisce come una piattaforma in cui fondazioni e beneficiari si incontrano per mettere a punto le strategie politiche internazionali e catalizzarne di più ambiziose a livello nazionale. [Fonte: The Price of Climate Action – Fondamenti filantropici nel dibattito internazionale sul clima, pubblicato nel 2016 da Edouard Morena] [p. 5]

[4] “Earth Economics, con il supporto dei nostri Partners and Advisors della comunità, mantiene il più grande repository web, Con i generosi finanziamenti dei nostri sponsor, nel 2012 Earth Economics ha iniziato a trasferire il nostro database interno a un servizio basato sul web. Il portale EVT (Ecosystem Service Valuation Toolkit) è stato lanciato a Rio +20 a giugno 2012. La Biblioteca e i ricercatori sono stati presentati in anteprima alla Conferenza ACES nel dicembre 2012. ”

[5] I fondi sono necessari sia per finanziare la partecipazione sia per facilitare le attività di lobbying attraverso iniziative congiunte, piattaforme, dialoghi, relazioni, campagne, attività di sensibilizzazione e creazione e mantenimento di rapporti di fiducia informali tra le ONG e il segretariato dell’UNFCCC e / o membri delegazioni governative (Caniglia et al., 2015, 241; Caniglia 2001; Dodds and Strauss 2004). [Fonte: The Price of Climate Action – Fondamenti filantropici nel dibattito internazionale sul clima, pubblicato nel 2016 da Edouard Morena] [p. 6]

[6] Gregory Schwedock, NY, NY, USA è il direttore dell’organizzazione digitale per il Climate Mobilization Project (20114-oggi). Si identifica come coordinatore per Extinction Rebellion dal settembre 2018 – presente. [Fonte: LinkedIn]

Fonte

Chi c’e` dietro Greta Thunberg? (Quinta Parte) – Per il Consenso: Il New Green Deal è il cavallo di Troia per la finanziarizzazione della natura

UN GREEN NEW DEAL – PER LA MOBILITAZIONE

12 novembre 2018, Una nuova architettura globale: Børge Brende [Estremà sinistra del pannello], Presidente, Membro del Consiglio di amministrazione e del Forum economico mondiale[1]. “Shaping a New Global Architecture” session at the World Economic Forum, Annual Meeting of the Global Future Councils 2018. Copyright by World Economic Forum / Benedikt von Loebell

Il “New Deal” degli anni ’30 è sempre stato motivo di orgoglio per la psiche americana da quando è stato implementato da Franklin Delano Roosevelt durante i suoi quattro mandati in carica dopo la Grande Depressione. Da quel momento, varie persone e programmi hanno tentato di appropriarsi di questo termine in favore di diverse piattaforme come mezzo per ritrarre il concetto come benefico per una popolazione. A tale proposito, un concetto che ha utilizzato questa frase è il “Green New Deal”. Questo termine è emerso per la prima volta nel 2007 dal columnist del NY Times Thomas L. Friedman ed è stato poi utilizzato dal ragioniere londinese Richard Murphy per descrivere un cambiamento completo della nostra economia in un sistema capitalista ecocompatibile. Poiché il termine non è mai stato pienamente adottato dall’establishment, esso risiede ancora al di sotto della superficie del discorso economico mainstream tra molte persone, poiché serve come potenziale miglioramento all’interno dell’attuale sistema economico. Solo di recente, però, nel 2019, il “Green New Deal” ha raggiunto proporzioni apoplettiche per quanto riguarda il suo utilizzo e ha raggiunto il livello febbrile da coloro che stanno promuovendo la sua capacità di spostare il paradigma dai combustibili fossili a un pancreas di “tecnologie verdi” nel prossimo futuro.

Prima del 2018 il termine era diventato il più riconosciuto e associato al Partito dei Verdi come parte integrante della loro piattaforma. Tuttavia, entro giugno 2018, le tracce di come questo sarebbe presto diventato il veicolo che avrebbe lanciato Alexandria Ocasio-Cortez nella stratosfera di una superstar avrebbero iniziato ad emergere.

Il 27 giugno 2018, Democracy Now, un popolare portavoce per le sale del potere nei movimenti di psuedo-sinistra ha riportato quanto segue:

“Con strabiliante stupore e grande sorpresa, la socialdemocratica Alexandria Ocasio-Cortez ha battuto il vicepresidente Joe Crowley a New York nelle primarie democratiche di martedì. Crowley è il democratico di quarto grado nella Camera, e ha perso contro Ocasio-Cortez di un margine di 10 a 1. Crowley è stato ampiamente considerato come un possibile futuro portavoce. Tuttavia, Ocasio-Cortez ha sconfitto Crowley dopo aver condotto una campagna di base progressista sostenendo la “Medicare for all” e l’abolizione dell’ICE, l’agenzia per l’immigrazione e le autorità doganali. “

Dopo la sua vittoria, il 26 giugno 2018, Cortez avrebbe riconosciuto che l’unica ragione per cui si era candidata per il posto era il lascito del Justice Democrats and Brand New Congress che aveva contattato Cortez un anno e mezzo prima, nel 2016. [Video intervista, 27 giugno 2018, 9m: 42s in]:

The Young Turks: “Infine, due cose molto veloci. Sei tra i primi candidati di Just Democrat nella storia. Umm, quanto sei stata aiutata da questa organizzazione?

Alexandria Ocasio-Cortez: Molto. Non sarei arrivata dove sono ora se non fosse per il sostegno di Justice Democrats e Brand New Congress. Umm, in realtà sono state queste organizzazioni, JD ed e` stato anche il Brand New Congress, che entrambi mi hanno chiesto di partecipare. Sono loro che mi hanno chiamato un anno e mezzo fa, dopo che ho lasciato Standing Rock e ho detto “Ehi, saresti disposta a candidarti al Congresso?” Quindi non sarei qui, se non fosse [per loro]. ”

26 ottobre 2018: Brand New Congress, Green New Deal

La maggior parte delle persone coinvolte nella fondazione di Justice Democrats (lanciata a gennaio 2017) e Brand New Congress (fondata nel 2016) è nata dopo la campagna Bernie 2016. Ad esempio, il co-fondatore Saikat Chakrabarti ed ex direttore esecutivo di Justice Democrats, nonché co-fondatore di Brand New Congress, è stato presidente della campagna 2018 di Alexandria Ocasio-Cortez. Oggi Chakrabarti è il capo dello staff di Ocasio-Cortez. Prima di co-fondare i Democratici della Giustizia e il Nuovo Congresso, Chakrabarti era il direttore dell’organizzazione della tecnologia per la Campagna Bernie 2016.

Our Revolution, un’organizzazione politica lanciata da Bernie Sanders nel 2016, [trattata nella terzaa parte di questa serie] ha sostenuto Ocasio-Cortez. Il 23 gennaio 2017 è stato riferito che i Justice Democrats avrebbero collaborato con il Brand New Congress.

Un nome che scatena la curiosità è Zack Exley. Oltre a servire come consigliere attuale della rappresentante del Congresso degli Stati Uniti Alexandria Ocasio-Cortez, Exley è un co-fondatore di entrambi i Justice Democrats e del Brand New Congress. In precedenza, è stato consigliere senior della campagna Bernie 2016 e direttore organizzativo di MoveOn. Exley, membro della Open Society, è co-fondatore di New Consensus, società di pubbliche relazioni e comunicazione e ascritta al “braccio politico di Justice Democrats”. [Source] New Consensus, co-autore del documento The Green New Deal con Sunrise Movement e the Justice Democrats è identificato da Think Progress come “il muscolo che sostiene gli sforzi del Green New Deal”.

Exley, co-autore di “Rules for Revolutionaries: How Big Organizing Can Change Everything”, è stato anche co-fondatore del New Organizing Institute (lanciato nel 2005) che ha reclutato, addestrato e sostenuto candidati politici statunitensi. New Organizing Institute, finanziato da Open Society Foundations e Ford Foundation tra gli altri, ha collaborato con MoveOn.org (co-fondatore di Avaaz e New Organizing Institute) e diverse altre ONG nel 2011 prima che l’istituto fosse sciolto nel 2015.

Il giorno dopo che Ocasio-Cortez ha vinto la nomination democratica per il suo distretto congressuale il 27 giugno 2018, un nuovo Green Deal guidato da Ocasio-Cortez è stato evidenziato da Grist in cui e` stato fatto riferimento a un’intervista via email tra HuffPost e Ocasio-Cortez la settimana precedente :

“Ciò che distingue la proposta di Ocasio-Cortez è il suo piano per raggiungere l’obiettivo implementando quello che lei ha definito un” Green New Deal “, un piano federale per stimolare” l’investimento di migliaia di miliardi di dollari e la creazione di milioni di posti di lavoro ad alto salario. ”

Sebbene lo slogan si riferisca al programma del New Deal del 1930 sulla spesa in infrastrutture e le riforme del lavoro, ha paragonato il programma che lei immagina alle decine di miliardi di dollari spesi per la produzione di armamenti e la ricostruzione dell’Europa dopo la seconda guerra mondiale. ”

“Il Green New Deal che stiamo proponendo sarà simile per dimensioni agli sforzi di mobilitazione visti nella seconda guerra mondiale o nel piano Marshall”, ha detto a HuffPost tramite e-mail la scorsa settimana. “Dobbiamo ancora investire nello sviluppo, nella produzione, nella distribuzione di energia, ma questa volta energia verde.”

Il 30 giugno 2018, Grist farebbe riferimento al Green New Deal come proposto da Ocasio-Cortez:

“Il Green New Deal che stiamo proponendo sarà simile per dimensioni agli sforzi di mobilitazione visti nella seconda guerra mondiale o nel piano Marshall”, ha affermato per email. “Richiederà l’investimento di trilioni di dollari e la creazione di milioni di posti di lavoro ad alto salario. Dobbiamo ancora investire nello sviluppo, nella produzione, nella distribuzione di energia, ma questa volta sara` energia verde “.

Qui dobbiamo fermarci un momento per decostruire quanto sopra. In primo luogo, il piano e il linguaggio sopra riportati rispecchiano quello che nel documento strategico “Condurre il pubblico in modalità di emergenza: una nuova strategia per il movimento per il clima” [presentato nella quarta parte di questa serie] guidato da organizzazioni affiliate ai democratici, Le campagne Sanders e Ocasio-Cortez sono divulgate pubblicamente. In secondo luogo, dobbiamo riconoscere che dietro le grandi istituzioni e i media, come Grist, etichettati come “di sinistra” e “progressisti”, le strutture di potere sono sottomesse al capitale. Il CEO di Grist è Brady Walkinshaw. Prima del suo ruolo di CEO nel 2017, Walkinshaw, ex rappresentante degli Stati Uniti, ha lavorato come responsabile del programma presso la Bill & Melinda Gates Foundation. Prima del suo mandato alla Gates Foundation, Walkinshaw, era uno studioso del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, lavorava come assistente speciale della Banca Mondiale. All’interno del consiglio direttivo di Grist c’è il fondatore di 350.org, Bill McKibben – un soldato ai comandi di Bernie Sanders e dei Democratici in generale.

CLIMATE NEXUS: STA ARRIVANDO UN GREEN NEW DEAL 

7 novembre 2018: Climate Nexus (un progetto sponsorizzato da Rockefeller Philanthropy Advisors), Green New Deal

Il 7 febbraio 2019 Climate Nexus (un progetto sponsorizzato da Rockefeller Philanthropy Advisors) [2] ha annunciato tramite il suo “TOP STORIES” che ” sta arrivando un Nuovo Green Deal”:

“Eccolo che arriva: Rep. Alexandria Ocasio-Cortez (D-NY) e il senatore Ed Markey (D-MA) presenteranno una risoluzione storica che richiede una transizione alle energie rinnovabili e la creazione di migliaia di nuovi posti di lavoro oggi a Washington, DC. L’attesissima legislazione sul Green New Deal a seguito di mesi di proteste chiede una transizione aggressiva dai combustibili fossili da parte di giovani attivisti in gruppi come il Sunrise Movement “.

Dal 2013-2016, la Fondazione MacArthur ha assegnato a Rockefeller Philanthropy Advisors dieci milioni di dollari per Climate Nexus.

La task force Blended Finance [vedi la quarta parte di questa serie] comprende cinquanta icone della finanza tra cui MacArthur e la Rockefeller Foundation.

Come spiegato nella quarta parte di questa serie, la People’s Climate March, che si è svolta il 21 settembre 2014, è stata condotta e finanziata dalla Fondazione Rockefeller, Climate Nexus, 350.org, Avaaz / Purpose, Greenpeace, US Climate Action Network (USCAN) e GCCA / TckTckTck (fondato da venti ONG con 350.org, Greenpeace, Avaaz e Oxfam al timone). In relazione all’attuale insieme di circostanze, 350.org (incubato dalla Fondazione Rockefeller) servirebbe ancora come un veicolo strumentale per spingere il Green New Deal come catalizzatore per sbloccare i 100 trilioni di dollari necessari per scatenare la “quarta rivoluzione industriale” ”. Questo progetto, di ineguagliabile grandezza, è il veicolo per salvare il fragile sistema economico capitalista globale e portare alla finanziarizzazione della natura.

GREEN NEW DEAL – DATA FOR PROGRESS

“Un Green New Deal è popolare tra gli elettori americani e può mobilitarli nel 2018.” – Secondo un rapporto sulla politica del Green New Deal di Data for Progress, settembre 2018 [Enfasi nell’originale]

Sito Web di Data for Progress

“Risultato chiave 7: i bambini stanno bene – anche se alcune delle proposte che esaminiamo sono attualmente impopolari a livello nazionale, questo potrebbe cambiare in futuro. Scopriamo che quattro delle proposte più radicali che abbiamo analizzato sono molto più popolari tra gli elettori più giovani di quanto non lo siano con il pubblico in generale. “- Data for Progress, Polling the Left Agenda

Nel luglio 2018, i sondaggi condotti da Data for Progress, partner del Green New Deal con il Sunrise Movement e 350.org, hanno dimostrato che il 41% delle persone di età inferiore ai trent’anni sosterrebbe un candidato impegnato in campagne per la garanzia di un posto di lavoro e energia pulita. Il supporto esibito da questa fascia di età costituiva circa il doppio di quella del gruppo composto da persone di età pari o superiore a 45 anni. [“Il 48% degli adulti idonei al voto ha affermato che sarebbe più probabile sostenere un candidato che utilizza il 100% di energia rinnovabile entro il 2030. In particolare, questo è significativamente più veloce persino della legislazione più progressista attualmente al Congresso.”]

“In questo caso, almeno, il tempo potrebbe essere un’arma per il Movimento Sunrise. All’inizio di quest’anno, il Pew Research Center ha scoperto che i millennial erano pronti a sorpassare i baby boomer come la più grande generazione di adulti negli Stati Uniti, oltre al maggior blocco votante eleggibile. “[Fonte]

“In che anno sei nato? (Sunrise sta costruendo un movimento guidato da giovani, chiediamo l’anno in cui sei nato per aiutarti a trovare le migliori opportunità di coinvolgimento, puoi anche rispondere “preferisco non dirlo”, ma sapere questo ci aiuta davvero !) “- Sito web di Sunrise Movement

6 settembre 2018: 350.org, Green New Deal, Data for Progress

“Tutta l’elettricità consumata in America deve essere generata da fonti rinnovabili, tra cui solare, eolico, idroelettrico, geotermico, biomassa sostenibile e gas naturale rinnovabile, nonché fonti pulite come il combustibile fossile nucleare.” –  New Green Deal Policy Report by Data for Progress, September, 2018 [p. 5]

Per l’incursione del Green New Deal nella coscienza americana, sarebbe necessario un nuovo movimento. Questo sarebbe il Movimento Sunrise. Un movimento giovanile creato sotto la direzione del Sierra Club da cui ha ricevuto una sovvenzione di $ 50.000. Per il corso di “attivismo di base giovanile” Sunrise ha già un budget pesante e uno staff a tempo pieno: “In relazione ad altri gruppi ambientalisti, il Movimento Sunrise è relativamente piccolo. I suoi funzionari hanno detto di avere circa 16 dipendenti a tempo pieno e di aver raccolto circa $ 1 milione dalla sua fondazione. “[3 dicembre 2018]

Sunrise Movement è il US Climate Plan rinominato (ora defunto) fondato da Evan Weber e Matt Lichtash.

Lichtash è uno specialista di strategia e un executive alla New York Power Authority. È il fondatore di Carbon Capital.

WESLEYAN, numero 2, 2017

Nel 2017, Weber è stato nominato da Grist come uno dei “50 leader verdi emergenti da tenere d’occhio” citando il suo lavoro con l’U.S. Climate Plan, l’organizzazione fondata da lui e Lichtash nel 2013 sotto la direzione di Michael Dorsey.

SustainUS alumni [“WE TRAIN YOUNG PEOPLE TO LEAD“]Dyanna Jaye sarebbe stata identificata come uno dei co-fondatori del Movimento Sunrise dopo il rebrand di aprile 2017, così come Varshini Prakash e Sara Blazevic della Rete studentesca per lo sviluppo di combustibili fossili.

“Sunrise è un movimento guidato dai giovani e i giovani saranno prioritarizzati per trovare un alloggio , un aiuto per i viaggi e altri bisogni, in quanto le persone sono generalmente escluse dal processo politico dalle nostre istituzioni. Detto questo, diamo il benvenuto a persone di tutte le età a partecipare alle azioni Sunrise in modi diversi. “- Sito Web di Sunrise

Il presidente e direttore esecutivo del Sunrise Movement è Michael Dorsey. Dopo aver lavorato per undici anni nel consiglio nazionale del Sierra Club, Dorsey è co-fondatore e preside di Around the Corner Capital, una piattaforma di consulenza in materia di energia e impatto. Egli funge da advisor per ImpactPPA; partner azionario nella società solare Univergy-CCC; co-fondatore e direttore della divisione India di Univergy-CCC: Univergy / ThinkGreen; e membro a pieno titolo del Club di Roma. Il suo background politico è stato esteso grazie alle amministrazioni statunitensi di George H. W. Bush e Bill Clinton. Ha anche fatto parte del team di campagna presidenziale per l’energia e l’ambiente del senatore Barack Obama. [3]

“Dobbiamo mettere fine a tutte le emissioni da combustibili fossili. L’intera economia statunitense può e deve funzionare con un mix di energia che è a emissioni zero o con una cattura del carbonio del 100% entro la metà del secolo * [* citazione]. “- ​​New Green Deal Policy Report di Data for Progress, settembre 2018 [ p. 5]

Sunrise ha ricevuto una sovvenzione collaborativa da USCAN con Power Shift Network, SustainUs e Deep South Center for Environmental Justice. Un altro finanziatore principale finora di Sunrise è la Sustainable Markets Foundation. L’indirizzo Sunrise è condiviso con l’US Climate Action Network e Sierra Club (50 F St NW, Washington, DC 20016), dove i corsi di formazione Sunrise sono stati tenuti dai membri del consiglio USCAN.

“Un fattore che ha lavorato a loro favore è stato che il gruppo non è partito da zero. Alcuni degli architetti del Movimento Sunrise hanno incluso attivisti di organizzazioni come 350.org – che hanno anche fornito un primo sostegno finanziario. “- Inside the Sunrise Movement (it didn’t happen by accident), 3 Dicembre 2018

Prima del Movimento Sunrise, il quadro di una mobilitazione guidata dai giovani al servizio dell’espansione del capitale era già stata identificata da coloro che erano al timone. In quel ruolo, persone come Jamie Margolin, giovane fondatrice di Zero Hour, sono state fabbricate dall’enstablishment. Dopo essere stata addestrata da artisti come Al Gore (fondatore di Generation Investment con Goldman Sachs David Blood), Margolin è stata promossa a celebrità in pochi mesi utilizzando riviste che nutrono l’insaziabile appetito fetish americano di celebrità (Vogue, People, Rolling Stones). Questa esposizione, abbinata al riconoscimento dei social media da parte di “celebrità ecocompatibili” (individui con stili di vita grottescamente indulgenti ma ancora lionizzati come amministratori ambientali a causa dei loro sforzi filantropici relativamente umili, come Leonardo DiCaprio) è un metodo provato con cui si puo` fabbricare una celebrita`.

6 novembre 2018: Vanity Fair, Alexandria Ocasio-Cortez

Dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, seguiranno presto altre celebrità e gruppi che porteranno “il pubblico in modalità emergenza”.

Nel giugno 2018, un account Twitter e un account Instagram sono stati creati con il nome di Greta Thunberg.

Nel luglio 2018, è stato creato un account Twitter con il nome di Extinction Rebellion.

[Approfondimenti: The Increasing Vogue for Capitalist-Friendly Climate Discourse

+++

IL GREEN NEW DEAL E` VOGUE

Vogue, 2 novembre 2018: “Brina Vinaite spiega il New Deal verde: ‘Lascia che Vinaite ti riempia di dettagli – e assicurati di scoprire se i tuoi candidati supportano un Green New Deal quando ti rechi ai sondaggi. Se non lo fanno, potresti chiederti perche`. ‘

Come questa serie dimostrerà, le giovani donne sono la chiave #femografica per la campagna #AOC. [Vedi prossimo addendum]

Pubblicita` per il Green New Deal: Bria Vinaite spiega il Green New Deal [02m: 19s]

È qui che cominciano a svolgersi le macchinazioni per il Green New Deal – il veicolo per sbloccare 100 trilioni di dollari e la tanto attesa finanziarizzazione della natura.

Greg Carlock, architetto del Green New Deal, direttore di ricerca Green New Deal e senior advisor di Data for Progress, [4] e Manager per Climate Action e Data per World Resources Institute (WRI) dove guida lo sviluppo della piattaforma di punta del programma climatico WRI-Climate Watch ha cliccato mi piace al tweet. [Fonte] Prima di entrare a far parte della WRI, Carlock ha lavorato presso l’USAID sulla contabilità e sui dati relativi ai gas a effetto serra.

Dobbiamo la creazione del Green New Deal anche a Emily Mangan, consulente politica per Data for Progress e analista di ricerca presso il World Resources Institute. Mangan fornisce supporto di ricerca e analisi per il Green New Deal. Prima di entrare nel WRI, Mangan ha lavorato al Council on Foreign Relations. [Fonte]

Qui deve essere chiarito che la frenesia Osario-Cortez e Green New Deal, è parte integrante della strategia di “guidare il pubblico verso la modalità di emergenza” lanciata nel 2018. In realtà, il Green New Deal è la vetrina per ciò che sta nel negozio. Tutte le decisioni riguardanti tutte le “nuove offerte” non saranno prese da Osario-Cortez, dai Democratici o da qualsiasi altra parte. Piuttosto saranno fatte (e già vengono fatte) da chi realmente compone la classe dirigente.

11 dicembre 2009: World Resources Institute

7 aprile 2011: World Resources Institute

12 settembre 2014: World Resources Institute

Il World Resources Institute (WRI) è un’organizzazione globale senza scopo di lucro fondata nel 1982 da James Speth [5] con una sovvenzione di quindici milioni di dollari dalla Fondazione MacArthur. È una potenza internazionale “che opera in più di 50 paesi, con uffici in Brasile, Cina, Europa, India, Indonesia, Messico e Stati Uniti. Gli oltre 500 esperti di WRI lavorano con i leader per affrontare sei urgenti sfide globali all’incrocio tra lo sviluppo economico e l’ambiente naturale: cibo, foreste, acqua, clima, energia e città. ”

Il comitato consultivo della WRI rappresenta i massimi livelli di potere all’interno della matrice della direzione senza fini di lucro – con una quantità impressionante di sovrapposizioni con l’egemonico Council on Foreign Relations.

Con 98,5 milioni di finanziamenti nel 2017, l’elenco completo dei donatori di WRI [6] rappresenta molte delle entità più potenti e influenti sulla Terra, tra cui Alcoa Foundation, Bloomberg Philanthropies, Cargill, Caterpillar Foundation, Citi Foundation, ClimateWorks Foundation, Bill e Melinda Gates Foundation, William e Flora Hewlett Foundation, John D. e Catherine T. MacArthur Foundation, Gordon e Betty Moore Foundation, Oak Foundation, Rockefeller Brothers Fund, Rockefeller Foundation, Shell Foundation, USAID e la Banca Mondiale. [Rapporto annuale 2017 WRI]

Il consiglio di amministrazione di WRI [7] include:

  • David Blood: cofondatore e partner senior di Generation Investment;
  • Felipe Calderón: ex presidente del Messico, presidente della Commissione globale che sovrintende alla New Climate Economy, presidente onorario della Green Growth Action Alliance;
  • Christiana Figueres: segretaria esecutiva dell’UNFCCC, leader del gruppo B, vicepresidente del Patto globale dei sindaci per il clima e l’energia, membro del consiglio di amministrazione di ClimateWorks, leader mondiale della Banca mondiale, Mission2020 Convenor, membro del Consiglio economico della Fondazione Rockefeller, accreditata con la consegna dell’Accordo di Parigi [Biografia completa];
  • Jennifer Scully-Lerner: Vicepresidente, gestione patrimoniale privata presso Goldman Sachs;
  • James Gustave Speth: fondatore di WRI, ex amministratore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, direttore onorario del Natural Resources Defense Council e WRI, fa parte del consiglio di amministrazione del Climate Reality Project, membro del consiglio consultivo di 350.org, membro del Consiglio sulle relazioni estere;
  • Andrew Steer: Presidente e CEO della WRI. Precedentemente con la Banca Mondiale, fa parte dei gruppi consultivi sostenibili di IKEA e della Bank of America, e fa parte del Comitato esecutivo del Sustainable Energy For All Initiative del Segretario generale dell’ONU;
    Kathleen McLaughlin: vicepresidente senior e chief sustainability officer presso Walmart Inc., presidente della Walmart Foundation;
  • Nader Mousavizadeh: cofondatore e partner di Macro Advisory Partner, ex amministratore delegato di Oxford Analytica, società leader di analisi e consulenza a livello mondiale, ex banca d’investimento di Goldman Sachs, membro del Consiglio europeo delle relazioni estere, membro del Global Future Council on Geopolitics del World Economic Forum, Global Leader for Tomorrow di WEF;
  • James Harmon: Presidente e CEO di Caravel Management, membro del Council on Foreign Relations;
  • Afsaneh M. Beschloss: fondatore e CEO di RockCreek. Ex amministratore delegato e partner del Carlyle Group e presidente di Carlyle Asset Management, tesoriere e chief investment officer presso la Banca Mondiale, già con Shell International e JP Morgan, membro degli Investor Governors del World Economic Forum, membro del Council of Foreign Relations , riconosciuta come una delle donne più potenti nel settore bancario;
  • Joke Brandt: segretario generale del ministero degli affari esteri dei Paesi Bassi;
  • Jamshyd N. Godrej: Presidente dell’Aspen Institute – India. È Vice Presidente del World Wide Fund for Nature – International ed è stato Presidente del World Wide Fund for Nature – India dal 2000 al 2007;
  • Caio Koch-Weser: presidente del consiglio della Fondazione europea per il clima. Ex vicepresidente del gruppo Deutsche Bank, ha ricoperto posizioni di alto livello nella Banca mondiale, membro della Commissione globale per l’economia e il clima (NCE) e membro del consiglio di amministrazione del Centro per la riforma europea (CER) a Londra;

[WRI Global Leadership Council] [WRI Board of Directors – Full]

I donatori del WRI, il Ministero federale per l’ambiente, la tutela della natura e la sicurezza nucleare della Germania, William e Flora Hewlett Foundation, Fondazione IKEA – in collaborazione con l’agenzia francese François de développement, la Fondazione Grantham per la protezione dell’ambiente e BlackRock – hanno guidato il partenariato per il finanziamento del clima annunciato il 26 settembre 2018 al One Planet Summit di New York dal presidente francese Emmanuel Macron e da Larry Fink di BlackRock. La Task Force Blended Finance che accompagna, l’incarnazione delle istituzioni più potenti e finanziarie del mondo, è ben rappresentata al WRI.

27 aprile 2017: World Resources Institute

La task force Blended Finance è stata lanciata dalla Business and Sustainable Development Commission di Paul Polman nel 2017.

Gli sforzi proposti dalla task force Business & Sustainable Development Commission hanno portato alla Partnership per il finanziamento del clima annunciata il 26 settembre 2018.

Polman è l’amministratore delegato di Unilever e presidente della Camera di commercio internazionale del B Team (co-fondatore di We Mean Business). Polman è stato anche strettamente coinvolto nell’implementazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). [8] La task force Blended Finance è stata istituita al fine di identificare gli ostacoli all’utilizzo efficace e al ridimensionamento delle finanze miste. Sta ora attuando un ambizioso piano di azione per aumentare gli investimenti privati ​​tradizionali per gli OSS. [Elenco completo dei commissari Business & Sustainable Development, incluso il co-fondatore di Avaaz Ricken Patel.]

Unilever è membro del gruppo consultivo aziendale di WRI. Le aziende associate a WRI includono Abbott Laboratories, Bank of America, Cargill Corporation, Caterpillar, CitiGroup, Colgate-Palmolive, DuPont, General Motors, Goldman Sachs Group, Google, Kimberly-Clark, PepsiCo, Pfizer, Shell, Walmart, Walt Disney Company, e Weyerhaeuser. [Elenco completo] [Comitato consultivo CCG WRI]

Il 15 novembre 2018, la Climate Markets and Investment Association ha riferito che il partenariato per il finanziamento del clima “collaborerebbe per finalizzare la progettazione e la struttura di ciò che prevediamo sarà un veicolo di investimento di capitale miscelato alla fine del primo trimestre 2019. “Tutte le richieste dei media relative a questo annuncio dovevano essere indirizzate a Climate Nexus (People’s Climate March) o alla European Climate Foundation. Il compito del Blended Climate Finance è quello di sbloccare 100 trilioni per salvare l’attuale sistema economico che è ora entrato nella fase finale di “caduta libera”. [Ne abbiamo parlato nella quarta puntata di questa serie]. La massimizzazione e la mobilitazione richieste di denaro pubblico per i profitti privati, per salvare l’economia capitalista e ulteriori privatizzazioni, saranno raggiunte attraverso la strategia di emergenza climatica che è stata messa in atto.

Qui è fondamentale riconoscere che la New Climate Economy è un progetto del WRI.

20 gennaio 2015: World Resources Institute, New Climate Economy Team

6 ottobre 2016: New Climate Economy, World Resources Institute

Il nuovo progetto di economia del clima è diretto da Helen Mountford, direttrice del programma per il nuovo progetto sull’economia del clima e direttore dell’economia del WRI. Altri membri del team della WRI includono Milan Brahmbhatt, senior fellow presso la WRI, e Molly McGregor, coordinatore della ricerca presso l’ufficio del Presidente della WRI. [Team di progetto globale per la nuova economia climatica]

Il progetto New Climate Economy è “condotto da un team di economisti e analisti politici e di business, attinti e supportati da una partnership di nove importanti istituzioni economiche e politiche globali” sotto la direzione di WRI.

I partner di ricerca per l’iniziativa sono i seguenti: Climate Policy InitiativeEthiopian Development Research, InstituteGlobal Green Growth InstituteIndian Council for Research on International Economic RelationsLondon School of Economics and Political ScienceOverseas Development InstituteStockholm Environment Institute, and Tsinghua University

L’iniziativa New Climate Economy opera con istituzioni globali tra cui il Fondo Monetario Internazionale, l’Agenzia internazionale per l’energia, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e le agenzie delle Nazioni Unite. È supervisionato da una Commissione globale composta da ex capi di governo, ministri delle finanze. [Comitato consultivo economico] [Commissari emeriti]

I membri della Commissione Globale per la nuova economia climatica comprendono Felipe Calderón (presidente onorario), Paul Polman (copresidente), Angel Gurría, Nicholas Stern (copresidente), Sharan Burrow e molti altri membri che si sovrappongono al WRI, Climate Finance Partnership, Blended Finance Taskforce, ecc. Una cabala così radicata nel potere aziendale che può facilmente far girare la testa. [9] La richiesta di gruppi di cittadini è ironica visto che la finanziarizzazione della natura avviene a porte chiuse – con una promessa di silenzio da parte del complesso industriale senza scopo di lucro.

+++

Il New Green Deal è legato al WRI. WRI è la nuova economia del clima. L’ultimo e il più importante pezzo del puzzle è la Natural Capital Coalition.

Qui è fondamentale notare che la Coalizione della Capitale Naturale è composta da coloro che sono alla guida della New Climate Economy e del WRI.

“NEW DEAL FOR NATURE” – LASSEGNAZIONE DI UN VALORE MONETARIO A TUTTA LA NATURA

“Tratta sua madre, la terra e suo fratello, il cielo, come cose da comprare, saccheggiare, vendere come pecore o pietruzze brillanti. Il suo appetito divorerà la terra e lascerà solo un deserto. “- Capo Seattle, 1780-1866

“Il valore finanziario in gioco è sbalorditivo – e le opportunità di business che potrebbero essere create dal cambiamento nel paradigma del mercato prevalente sono sorprendenti …. Chi saranno i Bill Gates dei servizi ecosistemici? “- The Biosphere Economy, 2010

In parallelo con l’orchestrazione di una frenesia per un Green New Deal attraverso il complesso industriale senza scopo di lucro e i meccanismi dei media, il WWF e altri stavano tranquillamente spingendo  un “New Deal for Nature”. Il Green New Deal evoca immagini di turbine eoliche e pannelli solari che sono miracolosamente percepiti come naturali e olistici. [Il fatto che un pannello solare e una turbina eolica siano diventati più fortemente associati alla natura e all’ambiente di un vero albero, insetto o animale, è di per sé, abbastanza terrificante e un chiaro indicatore del potere dell’ingegneria sociale condotta sulla cittadinanza sul gli ultimi due decenni.] Questa impresa, ottenuta attraverso un potente marchio e l’associazione delle ONG, è la maschera verde brillante per un affare ancora più sinistro – la finanziarizzazione della Natura – riformulato come “New Deal for Nature”.

Tuttavia, non è affatto una novità, con il Natural Capital Project (NatCap) che è stato lanciato nel 2006 e la sua affiliata, la Natural Capital Coalition, che era precedentemente il TEEB for Business Coalition (prima del 2014). NatCap e le sue due organizzazioni non governative – WWF e The Nature Conservancy – sono state coinvolte sin dall’inizio nella Natural Capital Coalition. [Fonte]

NatCap è stata fondata dalla Stanford University [Stanford Woods Institute per l’Ambiente e il Dipartimento di Biologia], The Nature Conservancy, World Wildlife Fund e l’Institute on the Environment dell’Università del Minnesota. Lo scopo della sua rete globale include aziende come Coca-Cola e Dow Chemical e istituzioni come il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e la Banca Mondiale.

Lo scopo della Natural Capital Coalition è un enorme conglomerato di potere aziendale, tra cui molte ONG e i cosiddetti organismi di conservazione.

Qui possiamo aggiungere che “Sfruttare la quarta rivoluzione industriale per la Terra”, pubblicata dall’Iniziativa di sistema del Forum economico mondiale per modellare il futuro dell’ambiente e la sicurezza delle risorse naturali, è una partnership con PricewaterhouseCoopers e l’Istituto per l’ambiente di Stanford Woods. [Fonte]

“Considerati tutti insieme, il valore dei servizi globali complessivi dell’ecosistema è stato stimato in 125 miliardi di dollari l’anno, ovvero quasi il doppio del prodotto interno lordo del mondo.” – Natural Capital Coalition, 12 luglio 2018

Lo sviluppo del Natural Capital Protocol Project è stato reso possibile con generosi finanziamenti da Gordon e Betty Moore Foundation; International Finance Corporation (Banca mondiale) con il sostegno della Segreteria di Stato dell’economia svizzera (SECO) e del Ministero degli affari esteri del governo dei Paesi Bassi; La Fondazione Rockefeller; Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP); e il dipartimento del Regno Unito per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali (DEFRA). La Coalizione è ospitata dall’Institute of Chartered Accountants in Inghilterra e Galles (ICAEW). Altri finanziatori includono World Wildlife Fund, The Nature Conservancy, Gordon e Betty Moore Foundation, la Google Foundation, la Inter-American Development Bank, Unilever, The David e Lucile Packard Foundation, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e la Banca Mondiale [fonte]

World Resources Institute ha fornito approfondimenti tecnici e recensioni per il Protocollo sul capitale naturale. Il protocollo è stato sviluppato da Conservation International, dal B Team, PricewaterhouseCoopers, Sustain Value, ACTS, Arcadis, eftec, Gestione delle risorse ambientali (ERM), Imperial College, ISS, Natural Capital Project, Synergiz, WWF, Accenture, CDSB, Deloitte, Dow , eni, GIST Advisory, Kering, LafargeHolcim, Natura, Nestlé, Roche, Shell e The Nature Conservancy. Il protocollo è stato guidato dal consorzio WBCSD. [Fonte]

Oggi, l’ultima frontiera per la conquista corporativa della Terra nel suo complesso, è finalmente arrivata. Altri termini buttati sul ring per l’accettazione del pubblico sono un “New Deal for Nature and Humanity” e un “New Deal for Nature and People”.

“Il New Deal for Nature dovrebbe essere adottato durante il quindicesimo incontro a Pechino nel 2020.” – Biodiversity International, 30 novembre 2018

Il 23 gennaio 2019 la Natural Capital Coalition ha pubblicato un annuncio in cui si afferma che “Nel 2020, avremo bisogno di un nuovo deal per la natura”. Questo articolo faceva parte del programma del 2019 World Economic Forum “Plasmare il futuro dell’ambiente e delle risorse naturali” . Gli autori dell’articolo erano Marco Lambertini, direttore generale, WWF International; Paul Polman, CEO di Unilever; e Børge Brende, ex ministro degli esteri della Norvegia (2013-2017) e presidente e membro del comitato direttivo del WEF. [Board of Trustees del WEF, 2017] [Leadership e governance WEF]

L’urgenza di accelerare il piano è chiarita:

“In questo contesto, abbiamo bisogno che il 2019 sia l’anno che vede un cambiamento radicale nella mobilitazione di un più ampio programma d’azione sulla biodiversità pubblico-privato. Abbiamo bisogno di un “New Deal for Nature” per emergere. “

Per far si che ciò accada, un movimento è identificato come il veicolo:

“Un movimento ha il potere e l’influenza combinati per essere in grado di identificare un semplice insieme di obiettivi di azione sulla natura a cui tutti possono mirare: i cosiddetti” obiettivi basati sulla scienza “a cui ogni azienda, investitore, ONG, città e governo può contribuire entro il 2030, in modo tale da rallentare il danno che stiamo facendo alla natura e, in ultima analisi, ripristinerà il livello che la scienza dice di aver bisogno “.

Piu` saremo sommersi dai “semplice insieme di obiettivi” a cui “tutti possono mirare”.Piu` assisteremo alla creazione di mobilitazioni, su scala globale, senza alcuna richiesta razionale.

L’attuazione del Green New Deal getterà le basi per i pagamenti per i servizi ecosistemici (PES). Ciò creerà la più spettacolare opportunità di guadagno monetario che il settore finanziario abbia mai visto. I nuovi mercati offrono speculazioni che promettono profitti inimmaginabili. La mercificazione di quasi tutto ciò che è sacro, la privatizzazione e l’oggettivazione di tutta la biodiversità e degli esseri viventi che sono incommensurabili.

Al fine di produrre il consenso della popolazione, quelli che vogliono un “nuovo deal per la natura” stanno utilizzando il potere del linguaggio olistico. Stanno strategicamente sfruttando il disprezzo molto reale che noi, il pubblico abbiamo per le esternalità (inquinamento, ecc.) – solo per vendere la finanziarizzazione della natura a noi come società.

Immagine: Costing the Earth Interactive Game, “Gioca per scoprire il valore finanziario della natura”, BBC, 8 ottobre 2015

Il New Deal for Nature è la delicata sottigliezza dell’accettabilità mentale della finanziarizzazione della natura nella psiche pubblica, che sta rapidamente diventando un fenomeno globale. Così orribile è il pagamento per lo schema di servizi ecosistemici (PES), mascherato sotto la frase olistica “capitale naturale”, che è appena menzionato al di fuori di porte chiuse. Ma se guardiamo da vicino, possiamo trovarlo nascosto in bella vista.

21 maggio 2018: la scienza può aiutare a creare un nuovo deal per la natura:

“La comunità globale ha una finestra unica di opportunità per definire il quadro globale della biodiversità post 2020. Avrà bisogno di impegno e determinazione coraggiosi, approcci innovativi e processi di trasformazione per garantire che tale New Deal sia efficace. In questa congiuntura storica, facciamo leva sulla scienza per contribuire a creare un Nuovo Affare per la Natura. “- Christiana Palmer, Segretario Esecutivo della Segreteria della Convenzione sulla Diversità Biologica

22 novembre 2018: un nuovo affare per la natura e l’umanità:

“Il WWF sostiene fortemente la richiesta di un nuovo accordo per la natura e le persone. Entro il 2020, in soli due anni, abbiamo bisogno di una tabella di marcia concordata che riconosca il legame intrinseco tra la salute della natura, il benessere delle persone e il futuro del nostro pianeta “.

29 novembre 2018: la Conferenza della Biodiversità delle Nazioni Unite concorda un processo verso un nuovo accordo per la natura e le persone nel 2020, ma l’ambizione è debole:

“La 14ª Conferenza delle Parti (COP14) della Convenzione delle Nazioni Unite sulla Diversità Biologica (CBD) si è conclusa oggi con un accordo sul processo preparatorio per un quadro globale post-2020, avvicinandoci a un nuovo approccio trasformativo per la natura e le persone nel 2020 – un passo fondamentale per accelerare gli sforzi globali per fermare la perdita di biodiversità di oggi .

Il WWF esorta i paesi membri a sviluppare una visione condivisa e un’ambizione politica di gran lunga superiore se vogliamo raggiungere un New Deal per la natura e le persone e creare un momento in stile parigino per la biodiversità nel 2020. “

Benvenuti nel Green New Deal, New Deal for Nature, Next System, Regenerative System, New Economy, New Climate Economy, Biosphere Economy, ecc. Una fusione di linguaggio rapsodico e mellifluo che crea una crisalide sublime per espandere ulteriormente i mercati dei capitali.

Una vera ribellione contro la devastazione ecologica non fa – e non può – voltare le spalle al capitalismo, all’imperialismo, al militarismo. I principali driver della nostra accelerazione della crisi ambientale. Marciare per il capitale con il pretesto di marciare per la rivoluzione è un gioco da pazzi. Tutte le strade portano all’acquisizione aziendale, al furto e al saccheggio di ciò che rimane del nostro pianeta già decimato.

Concludiamo questo segmento con una conferenza di Clive Spash (uno dei pochissimi economisti con il coraggio morale di parlare onestamente sul “pricing dell’ambiente”. [“Economia della gestione della biodiversità e dei problemi degli attuali ecosistemi”, Vienna, 6 dicembre 2010]

[Approfondimenti: Building Acquiescence for the Commodification of the Commons Under the Banner of a “New Economy”]

Note finali:

[1] Una nuova architettura globale, 12 novembre 2018: Børge Brende, presidente; Membro del consiglio di amministrazione, Forum economico mondiale e comitato, Maxim Oreshkin, ministro dello sviluppo economico della Federazione russa; Young Global Leader, Helen E. Clark, Primo Ministro della Nuova Zelanda (1999 – 2008), Nuova Zelanda, Roland Paris, Università di Ottawa, Canada, Jean-David Levitte, Consigliere, Francia; Ex ambasciatore di Francia presso l’ONU e gli Stati Uniti Hilary Cottam, autore e imprenditore, Centro per la quarta rivoluzione sociale; Giovane leader globale durante la sessione “Plasmare una nuova architettura globale” al World Economic Forum, Incontro annuale dei Global Future Councils 2018. Copyright dal World Economic Forum / Benedikt von Loebell

[2] “Climate Nexus, un progetto sponsorizzato da Rockefeller Philanthropy Advisors, aiuta i media locali, nazionali e internazionali a riconoscere il ruolo della scienza del clima e dell’energia pulita nell’affrontare il cambiamento climatico. Ciò si ottiene creando una vasta rete di messaggeri influenti e persuasivi e creando una narrativa chiara e convincente sui cambiamenti climatici e sui modi per affrontare i suoi impatti “.

[3] “Un ex professore del Dartmouth College, Dorsey è un costruttore di organizzazioni seriali e leader nel regno del profitto, del no profit e del governo. Nell’arena for-profit, Dorsey ha co-fondato e diretto Around the Corner Capital: una piattaforma di consulenza in materia di energia e impatto. Thru Around the Corner investe attivamente e fornisce consulenze a diversi pool di finanziamenti di private equity su energia rinnovabile e questioni correlate a livello globale. Dr. Dorsey è un partner azionario dell’impresa solare spagnolo-giapponese: Univergy-CCC; e co-fondatore della divisione India: Univergy / ThinkGreen, con sede a Hyderabad.

Nell’arena senza scopo di lucro, il dottor Dorsey fa parte di molte commissioni, tra cui Food First e il Centro per la salute ambientale, quest’ultima creata nel 1997. Dorsey ha co-fondato IslandsFirst.org. Ha servito 11 anni nel consiglio nazionale del Sierra Club. “[Fonte]

[4] “Greg è Green New Deal Research Director presso Data for Progress. Ha conseguito un Master in Politica Ambientale ed è ricercatore in azioni sul clima e dati con sede a Washington D.C. Si è specializzato in contabilità di gas a effetto serra, politica americana in materia di clima ed energia e sviluppo di piattaforme di dati online. Greg usa il suo cervello per l’analisi e lascia la scienza dei dati agli esperti. “[Fonte]

[5] “Il Professor Speth è attualmente direttore onorario del Natural Resources Defense Council e World Resources Institute ed è membro del Climate Reality Project, il Centro per un nuovo sogno americano e la New Economy Coalition. Membro del consiglio di amministrazione di United Republic, 350.org, EcoAmerica, Rete del lavoro per la sostenibilità, New Economy Working Group, SC Coastal Conservation League, Environmental Law Institute, Vermont Natural Resources Council, Southern Environmental Law Center, Heinz Center, Free Speech for People, Vermont Institute for Natural Science, Northwest Earth Institute e Carbon Underground. “[Fonte] Speth fa anche parte del comitato consultivo di The Climate Mobilization [Puoi leggere un riferimento nella quarta parte]

[6] “Riconoscere i nostri donatori | Grandi donatori: sovvenzioni di $ 750.000 o più, includono le entrate ricevute dal 01/10/16 al 15/1/18 e le borse di studio più vecchie ancora aperte dal 10/1/16 “:

Alcoa Foundation • Bloomberg Philanthropies • C40 Cities Climate Leadership Group • Cargill, Incorporated • Caterpillar Foundation • The Children’s Investment Fund Foundation • Citi Foundation • ClimateWorks Foundation • Department for Business, Energy & Industrial Strategy of the United Kingdom • Department of Fo reign Affairs and Trade of Australia • DOB Ecology • DOEN Foundation • Energy Agency of Sweden • European Climate Foundation • European Commission • Federal Ministry for Economic Cooperation and Development of Germany (BMZ) • Federal Ministry for the Environment, Nature Conservation and Nuclear Safety of Germany (BMU) • FedEx Corporation Ford Foundation • Bill and Melinda Gates Foundation • German Agency for International Cooperation (GIZ) • Good Energies Foundation • Google Inc. • William and Flora Hewlett Foundation • IKEA Foundation • Inter-American Development Bank (IDB) • Irish Aid – Department of Foreign Affairs and Trade • Johnson Controls International plc • Linden Trust for Conservation • The John D. and Catherine T. MacArthur Foundation

Ministry for Europe and Foreign Affairs of France • Ministry of Economic Affairs and Climate Policy of the Netherlands • Ministry of Foreign Affairs of Denmark (Danida) • Ministry of Foreign Affairs of the Netherlands (DGIS) • Ministry of Infrastructure and Water Management of the Netherlands • Gordon and Betty Moore Foundation • Charles Stewart Mott Foundation • The Nature Conservancy • Norway’s International Climate and Forest Initiative (NICFI) • Norwegian Agency for Development Cooperation (Norad) • Norwegian Ministry of Climate and Environment • Norwegian Ministry of Foreign Affairs • Oak Foundation • Open Society Foundations • Michael Polsky Family • Rockefeller Brothers Fund • Rockefeller Foundation • Stephen M. Ross Philanthropies • Shell Foundation • Skoll Global Threats Fund • Swedish International Development Cooperation Agency (Sida) • Swiss Agency for Development and Cooperation (SDC) • Ruth McCormick Tankersley Charitable Trust • The Tilia Fund • U.K. Department for International Development (DFID) • U.K. Foreign and Commonwealth Office (UKFCO) • United Nations Environment Programme (UNEP) • U.S. Agency for International Development (USAID) • Villum Foundation • The World Bank • Anonymous

[7]

  • Susan Tierney: ex assistente segretario per la politica presso il Dipartimento di energia degli Stati Uniti;
  • Pamela P. Flaherty: ex presidente e amministratore delegato, Fondazione Citi, ex direttore della cittadinanza d’impresa, Citi;
  • Harriet C. Babbitt: ex ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Organizzazione;
  • Tammie Arnold: precedentemente con Generation Investment Management;
  • Frances Beinecke: ex presidente del Consiglio per la difesa delle risorse naturali (NRDC), Stati Uniti;

Altri membri includono Stephen Brenninkmeijer, Robin Chase, William Chen, Tiffany Clay, Dino Patti Djalal, Alice F. Emerson, Jonathan Lash, Joaquim Levy, Kathleen McLaughlin, Nader Mousavizadeh, Michael Polsky, Bill Richardson, Stephen M. Ross, William D. Ruckelshaus e Roger W. Sant.

[8] “Dal 2009, Amministratore delegato, Unilever; guidando l’azienda a definire una visione ambiziosa per separare la sua crescita dall’impronta ambientale complessiva e aumentare il suo impatto sociale positivo. Cerca attivamente la cooperazione con altre società per implementare strategie di business sostenibili e guidare il cambiamento sistemico. È stato strettamente coinvolto nelle discussioni globali sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) e le azioni per affrontare i cambiamenti climatici. Ex membro: gruppo di alto livello sull’agenda di sviluppo post-2015, che presenta raccomandazioni a nome del settore privato; Consiglio internazionale, Commissione globale per l’economia e il clima, sotto l’ex presidente messicano Felipe Calderon. 2016, richiesto dal Segretario Generale delle Nazioni Unite come Membro, SDG Advocacy Group, con il compito di promuovere l’azione sull’Agenda 2030. Presidente, World Business Council per lo sviluppo sostenibile. Membro: International Business Council, World Economic Forum; B Team; Board, UN Global Compact; Commissione per lo sviluppo economico e commerciale. Beneficiario di numerosi premi, tra cui: Climate Visionary Award (2017); Ordre national de la Légion d’honneur (2016); Premio della Fondazione ONU per il Global Change Award (2014); Premio Oslo Business for Peace (2015); Premio Champion of the Earth (2015) del programma ambientale delle Nazioni Unite. “[Fonte]

[9] Ngozi Okonjo-Iweala, Ciad O. Holliday, Suma Chakrabarti, Helen Clark, John Flint, Kristalina Georgieva, Jamshyd Godrej, Stephen Green, Sri Mulyani Indrawati, Dr. Agnes Kalibata, Naina Lal Kidwai, Caio Koch-Weser, Ricardo Lagos, Frannie Leautier, Patricia de Lille, Carlos Lopes, Takehiko Nakao, Christian Rynning-Tønnesen, Kristin Skogen Lund, Jean-Pascal Tricoire, Maria van der Hoeven e Chen Yuan.

Fonte

 

 

 

 

Chi c’e` dietro Greta Thunberg? (Quarta Parte) – Per il Consenso: La Casa e` in Fiamme e il Salvataggio da 100 trilioni di dollari

PLASMARE UN’ARCHITETTURA GLOBALE NELL’ERA DELLA QUARTA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

“L’espressione 15 minuti di celebrita` è stata ispirata dalle parole di Andy Warhol “In futuro, ognuno sarà famoso in tutto il mondo per 15 minuti”, che è apparso nel programma per una mostra del 1968 del suo lavoro al Moderna Museet di Stoccolma, in Svezia. “[1]

Poiché Greta Thunberg è il fulcro di questa particolare storia, rivisitare la Svezia con l’osservazione di cui sopra sembra un buon punto di partenza della quarta parte di questa serie in cui decostruiamo la campagna di marketing in corso con l’attività più recente.

Cominciamo.

25 gennaio 2019: “Infine, dobbiamo applaudire la fila per il panel di giovedì a pranzo. Marc Benioff è stato raggiunto sul palco da Jane Goodall, Bono, l’attivista climatica Greta Thunberg, la diplomatica e ambientalista Christiana Figueres, presidente e CEO di Sompo Holdings Kengo Sakurada, e will.i.am. Che equipaggio. “Foto di Jeff Elder | Fonte: “I 10 migliori momenti da Davos con Salesforce”

Giovedì 24 gennaio 2019, Greta Thunberg ha preso parte a una tavolo presentato da Marc Benioff al World Economic Forum (WEF) a Davos, in Svizzera. Benioff è CEO e fondatore di Salesforce, nonché co-fondatore di Breakthrough Energy (nucleare) con Bill Gates e altri miliardari affini. Nel panel c’erano anche Jane Goodall (Messaggero delle Nazioni Unite per la pace), Bono (cantante degli U2 e “attivista”), “will.i.am” (fondatore dei Black Eyes Peas e “filantropo”) e la giovane Greta Thunberg che ha realizzato la seguente dichiarazione [0: 40s]:

Le parole della Thunberg sono state rapidamente introdotte nella stratosfera internazionale dai media globali e dai social media.

CNN, 25 gennaio 2019:

“Giovedì, la Thunberg ha tenuto un discorso estemporaneo a pranzo con una lista di ospiti stellati che includeva le star della musica Bono e Will.i.am, il CEO di Salesforce Marc Benioff, l’ex presidente di Goldman Sachs Gary Cohn e una serie di banchieri e investitori . Li ha distrutti per bene.

“Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che avremo creato, ma non è vero, perché se tutti sono colpevoli, nessuno è da biasimare. E qualcuno è da biasimare “, ha deto la Thunberg in tono piatto. “Alcune persone, alcune aziende, alcuni leader in particolare, hanno saputo esattamente quali valori inestimabili hanno sacrificato per continuare a fare somme di denaro inimmaginabili. E penso che molti di voi qui oggi appartengano a quel gruppo di persone. “

Francia 24, 25 gennaio 2019:

“Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che tutti abbiamo creato, ma non è vero. Perché se tutti sono colpevoli allora nessuno è da biasimare. Alcune persone, alcune aziende e alcuni decisori in particolare, hanno saputo esattamente quali valori inestimabili hanno sacrificato per continuare a fare somme di denaro inimmaginabili. E penso che molti di voi qui oggi appartengono a quel gruppo di persone “, ha detto nel suo discorso estemporaneo, pronunciato senza un attimo di esitazione.

EZ News, 27 gennaio 2019:

“Giovedì, la Thunberg ha tenuto un discorso estemporaneo a pranzo con una lista di ospiti stellati che ha incluso il CEO di Salesforce, Marc Benioff, l’ex presidente di Goldman Sachs e il funzionario dell’amministrazione Trump Gary Cohn, i musicisti Bono e Will.i.am, e una serie di banchieri e investitori. “

Pluralist, 28 gennaio 2019:

“Secondo quanto riferito, Greta Thunberg ha preso un treno di 32 ore dalla sua casa in Svezia per il ritiro svizzero e si è accampata con zero gradi – Fahrenheit per distruggere a parole celebrità e titani economici. In un discorso a pranzo, ha accusato gli ospiti di alto profilo di aver causato il riscaldamento del pianeta “.

Come dimostrato nei punti di discussione di cui sopra, c’è molta enfasi dai media internazionali per stabilire l’idea che il discorso di Thunberg sia stato spontaneo. Come illustreremo, non lo era. Questo è solo un esempio di efficace story-telling che viene messo in pratica, come orchestrato dalle ONG e dalle alleanze aziendali che gestiscono la Thunberg.

Il 22 gennaio 2019, tre giorni prima del “discorso estemporaneo” al WEF, un video è stato caricato su YouTube da Uphill Media. [“Uphill Media, è la continuazione di Bernie2016 TV e Political Revolution TV. Siamo una rete di media indipendenti senza scopo di lucro 501 (c) (3) 3 incentrata sull’informare l’elettorato attraverso l’impegno su Internet. “] [2]

In questo video della Thunberg che parla, girato prima del suo viaggio da Stoccolma a Davos, i punti chiave del messaggio [3] [26 secondi] sono quasi identici al discorso “estemporaneo” al WEF:

22 gennaio 2019 video:

“Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che tutti noi abbiamo creato. Ma questa è solo un’altra bugia conveniente. Perché se tutti sono colpevoli, nessuno è da biasimare. E qualcuno è da biasimare. Alcune persone, alcune aziende e alcuni decisori in particolare hanno saputo esattamente quali valori inestimabili stavano sacrificando per continuare a fare somme inimmaginabili di denaro “.

25 gennaio 2019, pannello al WEF:

“Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che avremo creato. Ma non è vero. Perché se tutti sono colpevoli, nessuno è da biasimare. E qualcuno è da biasimare. Alcune persone, alcune aziende, alcuni decisori in particolare, sapevano esattamente quali valori inestimabili stavano sacrificato per continuare a fare somme di denaro inimmaginabili. E penso che molti di voi qui oggi appartengano a quel gruppo di persone. “

Ciò non è sfuggito dagli organizzatori del WEF, che, in uno sforzo concertato con Greenpeace e Extinction Rebellion, stavano già condividendo l’ecommercial svedese all’interno dell’evento WEF e sui social media – prima del panel lunch di Salesforce dove Thunberg avrebbe citato i passaggi per i media . Il tentativo da parte dei media, e le forze in gioco, di incorniciare il discorso come spontaneo, a prescindere che fosse intenzionale o meno, evoca uno strato di autenticità infantile da parte del messaggero, se non dal messaggio stesso. Nonostante il motivo, questo è a dir poco falso.

23 gennaio 2019, Extinction Rebellion:

Greenpeace International, account Twitter, 22 gennaio 2019:

Questo si combina con altri marchi in una campagna mediatica ben orchestrata.

Il 15 dicembre 2018, la Thunberg è stata spinta verso la celebrità internazionale dopo un discorso al COP24 di Katowice, in Polonia, che è stato pubblicato il 15 dicembre 2018 da Conect4Climate (un programma di partnership globale sotto la Banca Mondiale) e altri punti vendita. Il video è diventato rapidamente virale. Il discorso descritto da Quartz, (15 dicembre 2018) è rappresentativo di come i media globali hanno inquadrato l’evento al pubblico:

“L’attivista climatica svedese di quindici anni Greta Thunberg non ha pronunciato parole ai colloqui sul clima della COP24 a Katowice, in Polonia questa settimana. Parlando ai paesi riuniti mercoledì, durante la più importante riunione negoziale sul clima dopo i colloqui a Parigi nel 2015 … In un discorso della durata di meno di cinque minuti, Thunberg ha condannato i leader per decenni di inattività e per i passi troppo piccoli di fronte alla crisi climatica ”

Eppure, un povero lavoro di redazione ha inavvertitamente rivelato un’altra verità scomoda – non c’era quasi nessuno nell’auditorium quando ls Thunberg parlò:

Video: Greta Thunbergs tal i Katowice enligt SvT Morgonstudion [Durata: 1m: 15s]

Tali incongruenze tra l’intento reale del World Economic Forum [“Globalizzazione 4.0: plasmare un’architettura globale nell’era della quarta rivoluzione industriale”] e la riformulazione per la percezione pubblica sono meglio catturate nelle seguenti immagini condivise sui social media:

Questo pezzo di ingegneria sociale è sbalorditivo nella sua sfacciataggine. Come per magia, l’espressione “salesforce” e la frase “La quarta rivoluzione industriale” non appaiono più nell’immagine.

Sono finite le evidenti contraddizioni tra il bisogno dei preziosi metalli della Terra, tra cui il Coltan e il Cobalto – un requisito fondamentale per la “quarta rivoluzione industriale”, la cui estrazione ha decimato la popolazione di scimpanzè che Goodall sostiene di sostenere. [Jane Goodall Institute: “Molti dei metalli e dei minerali utilizzati in queste tecnologie sono estratti dagli habitat minacciati di scimpanzé in tutto il bacino del Congo. Il controllo di queste risorse ha anche alimentato il conflitto tra le persone – conflitto che ha provocato la morte di oltre cinque milioni di persone “.]

Questo è il ruolo principale del complesso industriale senza scopo di lucro.

LA MOBILITAZIONE CLIMATICA

“Abbiamo lanciato la People’s Climate March 2014 come il primo gruppo che organizzava una risposta climatica su scala mondiale, un’idea che era emersa come un consenso nascosto tra gli esperti di clima.” [Fonte]

Qui abbiamo una ONG che apprezzerebbe molto lo stile di consegna sobrio e “piatto” della Thunberg (CNN). La mobilitazione climatica. [4] Fondata nel 2014, al People’s Climate March, il fondatore e direttore esecutivo di questa ONG statunitense è la psicologa Margaret Klein Salamon.

La mobilitazione per il clima ha un obiettivo primario: “La nostra missione è salvare la civiltà”. [Fonte] Per fare ciò, Salamon delinea una “mobilitazione in stile di guerra, simile allo sforzo americano durante la seconda guerra mondiale”:

“La mobilitazione per il clima è un gruppo crescente di persone che sanno che il cambiamento climatico minaccia il crollo della civiltà entro questo secolo. Crediamo, insieme a molti scienziati rispettati e analisti ambientali, che l’unico modo per preservare un clima che sia sicuro, stabile e solidale alla civiltà umana sia combattere il cambiamento climatico con una mobilitazione che puo` compararsi agli sforzi della Seconda Guerra Mondiale “.

La forza di Salamon come psicologo specializzato nel cambiamento climatico è esattamente questo: l’implementazione e l’uso della scienza comportamentale per la politica all’interno del governo. [“Salamon ha conseguito il dottorato in psicologia clinica presso l’Università Adelphi e ha conseguito una laurea in antropologia sociale presso Harvard. Via Mobilizzazione del clima Salamon applica le sue conoscenze psicologiche e antropologiche alla risoluzione dei cambiamenti climatici. È l’autrice del blog The Climate Psychologist. “]

La Marcia per il clima dei popoli 2014 è stata organizzata dal Global Call for Climate Action (GCCA / TckTckTck), Climate Nexus (“Climate Nexus è dedicato a cambiare la conversazione sui cambiamenti climatici”), 350.org, USCAN e Avaaz / Purpose. Al timone di questa assemblea di ONG c’era il Rockefeller Brothers Fund che lavorava con la V.K. Fondazione Rasmussen.

Inoltre, Climate Nexus è un progetto sponsorizzato da Rockefeller Philanthropy Advisors, un’organizzazione 501 (c) 3.

“Quando la Mobilitazione del Clima fu fondata alla Marcia del Popolo del Popolo nel 2014, non vi era alcun gruppo ambientalista che si organizzasse pubblicamente intorno alla necessità di una transizione veloce su scala mondiale. Da allora, abbiamo lavorato per stabilire un’ala attiva “movimento climatico d’emergenza” del più ampio movimento per il clima. “[Fonte]

Gli undici membri del consiglio consultivo sulla mobilitazione del clima includono:

  • Betsy Taylor: presidente della società di consulenza Breakthrough Strategies & Solutions, co-fondatrice di 1Sky (finanziata dalla Clinton Global Initiative) che si è fusa con 350.org (incubata dalla Rockefeller Brothers Foundation) nel 2011, i consigli consultivi includono 350.org e Ceres (Partner di  350.org);
  • Laura Dawn Murphy: ex direttore creativo di MoveOn.Org [genitore di Avaaz];
  • Paul Gilding: ex direttore esecutivo di Greenpeace International, consulente strategico e fondatore della Changing Markets Foundation [“The Changing Markets Foundation è stata costituita per accelerare e scalare le soluzioni alle sfide della sostenibilità sfruttando il potere dei mercati.” I clienti includono Unilever, BHP Billiton, DSM, Ford e DuPont.];
  • Jamila Raqib: direttore esecutivo dell’Albert Einstein Institute [“Raqib ha lavorato con il Dr. Gene Sharp, il principale studioso del mondo sull’azione strategica nonviolenta dal 2002. Come direttore dell’Istituto Albert Einstein, promuove lo studio e l’uso di azioni strategiche nonviolente. “];
  • Gus Speth: fondatore del World Resources Institute e co-fondatore del Natural Resources Defense Council;
  • Rev. Lennox Yearwood, Jr: presidente del Hip Hop Caucus;
  • Richard Heinberg: senior fellow del Post Carbon Institute;
  • Lise Van Susteren: psichiatra americana, nominata nel 2009 al consiglio di amministrazione del progetto The Climate di Al Gore, ha organizzato la prima conferenza per concentrarsi sugli impatti psicologici del cambiamento climatico nel 2009, co-autore di “The Psychological Effects of Climate Change” pubblicato dalla National Wildlife Federation, dove lei serve nel consiglio di amministrazione;
  • Michael Mann: scienziato del clima americano;
  • David Spratt e Philip Sutto  Spratt è il direttore di Breakthrough – National Center for Climate Restoration. [Breakthrough collabora con il Club di Roma.] Spratt e Sutton sono stati coautori del libro Climate Code Red nel 2008.

[Lista completa]

[La direzione interdipendente del complesso industriale senza scopo di lucro (NPIC) è ampia. Poiché questa serie si concentra sulla strategia di marketing stessa, più di quelli che la costruiscono, il suddetto bios è volutamente sintetico.]

L’incursione delle mobilitazioni per il clima in politica è iniziata con la campagna “Mobilize California” (#Mobilizeca). A guidare lo sforzo con The Climate Mobilization c’erano Naomi Klein e la sua ONG Leap (Leap L.A. Coalition), oltre a una coalizione di “organizzazioni affini”.

La coalizione, in collaborazione con il consigliere comunale di Los Angeles Paul Koretz, ha cercato di avviare una “mobilitazione del clima su scala mondiale.”

Video: Naomi Klein al lancio del gruppo di lavoro sulla mobilitazione della giustizia climatica di Los Angeles [4m: 59s]

A maggio del 2018 il consiglio ha votato all’unanimità “per esplorare l’istituzione del primo dipartimento di mobilitazione di emergenza per il clima del paese e mettere da parte $ 500.000 in denaro per lanciare il tutto. Nel giugno 2018, Berkeley ha dichiarato un’emergenza climatica e si è impegnata in una mobilitazione per il clima e nella transizione per porre fine alle emissioni di gas serra e iniziare a ridurre l’eccesso di carbonio nell’atmosfera il più rapidamente possibile. “Seguiranno presto altre città. [Fonte]

Qui è fondamentale notare il linguaggio: “assorbire il carbonio in eccesso nell’atmosfera”. Da tempo si discute sulla riduzione delle emissioni di carbonio. Questa non è una coincidenza. Piuttosto si tratta di strategia.

Due giorni prima della Marcia del Popolo sul clima del 2014, il 19 settembre 2014, l’articolo intitolato “Il fondatore della mobilitazione per il clima parla con Bridget Read di come la psicologia e non la scienza possono essere la chiave per porre fine alla negazione del clima in America” :

“In 356 parole, il The Climate Mobilization vuole invitare il governo degli Stati Uniti ad avviare una mobilitazione stile seconda guerra mondiale per combattere il cambiamento climatico: ridurre le emissioni nette di gas serra del 100% entro il 2025, per implementare un sistema di rimozione dei gas serra dall’atmosfera, e ridurli globalmente del 100%, con la stessa rapidità e priorità con cui si e` affrontata la guerra “.

L’influenza del Climate Mobilizations all’interno del NPIC è articolata nel seguente testo che delinea il suo fondamento con la piattaforma del Partito Democratico degli Stati Uniti, così come con il Green New Deal:

“Le prove dell’impatto sono chiare, poiché le ali assertive del Partito Democratico [5]  cosi` come organizzazioni come 350.org e il Sierra Club adottano le nostre prescrizioni come richieste fondamentali. La deputata Alexandria Ocasio-Cortez ha firmato la nostra promessa di mobilitare ed è stata esplicita sulla necessità di una mobilitazione di emergenze come parte della spinta per un comitato di selezione ristretta sul Green New Deal. “[Fonte]

La attuale riprogettazione della nostra sottomissione occidentale non ha nulla di diverso rispetto a ciò che è stato svelato in passato. Mentre l’istruzione, la salute, le arti e tutti i settori della società sono stati plasmati e finanziati dalle fondazioni e dai loro capitali, la “quarta rivoluzione” di oggi rimane nelle grinfie dell’élite dominante. Ciò include la Marcia per il clima del 2014, dove è nata la mobilitazione per il clima.

Extinction Rebellion (che sarà discussa nella Quinta Parte) ha tre richieste molto ampie, la prima è che i governi devono “adottare misure politiche giuridicamente vincolanti per ridurre le emissioni di carbonio a zero entro il 2025”, riecheggiando i punti di discussione introdotti nel mainstream dal NPIC , la Banca Mondiale, e altri nel 2014.

Il termine “emissioni zero nette” non significa zero emissioni. Piuttosto, è la quantità di emissioni immesse nell’atmosfera a essere pari alla quantità “catturata”. Pertanto, questo richiede massicci investimenti nelle tecnologie sviluppate e implementate dalla “Mission Innovation” di Bill Gate. [Per un esempio di questo, si può leggere il tanto lodato “Off Fossil Fuels for a Better Future Act” [Sezione 101-5 “Dobbiamo aumentare in modo significativo i finanziamenti federali per lo sviluppo delle tecnologie necessarie per una profonda decarbonizzazione nella nostra economia. Questa era una proposta annunciata all’Accordo sul clima di Parigi con Bill Gates che si impegnava a raddoppiare gli investimenti pubblici nelle tecnologie energetiche. “] [6] Qui è fondamentale riconoscere che WEF e Mission Innovation hanno costituito una partnership il 1 ° giugno, 2017.

Net-zero è la cattura e lo stoccaggio del carbonio e una serie di altre tecnologie che promettono che il business (e le emissioni) continueranno, come al solito. Considera la realtà: mentre siamo inondati da notizie anti-pipeline, non c’è opposizione ai progetti di cattura del carbonio che stanno lentamente arrivando online, come l’Alberta Carbon Trunk Line in Canada.

Infatti l’inconveniente “zero” [emissioni] e la terminologia “quasi zero” nel rapporto di sintesi AR5 2014, è stata opportunamente trasformata nel termine “zero netto”.

Ma la vera domanda è come salvare il capitalismo, che è descritto come “in caduta libera”. [3 gennaio 2019]

Con “il capitalismo in pericolo di cadere a pezzi” (una citazione rara e cripticamente onesta di Al Gore) e anni di stagnante crescita economica globale ora in caduta libera, la campagna di Greta deve essere capita per quello che è. Un’elaborata distrazione che non ha nulla a che fare con la protezione del mondo naturale e tutto ciò riguarda la produzione del consenso. Il consenso richiesto della cittadinanza che sbloccherà tesori e denaro pubblico sotto il falso pretesto di proteggere il clima.

Ma prima di addentrarci in ciò che possiamo appropriatamente definire un piano di salvataggio globale politicamente corretto – e senza precedenti, dobbiamo guardare a come la società collettiva può essere manipolata e manovrata con successo.

La vera strategia per sbloccare il portafoglio pubblico – e quindi salvare il capitalismo stesso, è quello di un’emergenza climatica.

#climatestrike + #fridaysforfuture + #ExtinctionRebellion = #climateemergency

INDURRE IL PUBBLICO IN MODALITA` EMERGENZA: “LA NOSTRA CASA E` IN FIAMME”

“Se non sai chi è l’adolescente svedese Greta Thunberg, puoi pensare a lei come a una controparte internazionale per il cambiamento climatico della rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez. Come la congressista rockstar di New York, la Thunberg è una giovane donna carismatica, la cui esperienza sui social media, la chiarezza morale e la capacita` di parlare in faccia al potere hanno ispirato folle di ammiratori a scendere in strada per un mondo migliore e denunciare i politici e gli amministratori delegati..

La Thunberg ha affermato sul suo feed Twitter che ci sono stati scioperi studenteschi per il clima in tutti i continenti tranne l’Antartide – 70.000 in totale la scorsa settimana. Nel frattempo, l’adolescente svedese ha continuato a far soffrire le élite di Davos, in un inglese impeccabile. “Gli adulti continuano a dire: ‘Dobbiamo dare ai giovani la speranza’”, “Ma io non voglio la vostra speranza … Voglio che agiate come fareste in una crisi. Voglio che vi comportiate come se la casa stesse andando a fuoco. Perché è così. “- I bambini stanno arrivando, 28 gennaio 2019, The Nation

Nell’aprile 2016, The Climate Mobilization ha pubblicato il documento “Indurre il pubblico in modalità emergenza: una nuova strategia per il movimento per il clima“.

Il documento strategico parta con la frase:

“Immagina che ci sia un incendio in casa tua.

Cosa fairesti?

A che cosa penseresti?

Faresti tutto il possibile per provare a spegnere il fuoco o uscire di casa.

i tuoi sensi sarebbero intensificati, saresti concentratissimo e metteresti tutto te stesso nelle tue azioni.

Si entra in modalità emergenza. ”

-Leading the Public Into Emergency Mode, pg. 2

Nel documento Salamon introduce “il concetto di ‘modalità di emergenza’ che è il modo in cui individui e gruppi funzionano in modo ottimale durante una crisi esistenziale o morale – spesso raggiungendo grandi imprese attraverso una motivazione intensamente focalizzata.” Lei afferma che “l’obiettivo del movimento climatico deve essere portare il pubblico fuori dalla modalità “normale” e in modalità di emergenza “. [P. 2] [Enfasi nell’originale.]

La modalità di emergenza viene attivata dall’attivazione di un interruttore.

“Ciò ha enormi implicazioni per lo stile di comunicazione, l’advocacy e la strategia del movimento climatico. Poiché la modalità di emergenza è contagiosa, la strategia migliore è che gli attivisti e le organizzazioni climatiche entrino direttamente in modalità di emergenza e comunichino riguardo all’emergenza climatica, sulla necessità di una mobilitazione di emergenza e sul fatto che sono in modalità di emergenza, in modo chiaro ed enfatico per quanto possibile. “- Condurre il pubblico in modalità emergenza: una nuova strategia per il movimento climatico

E ora, nel 2019, vediamo come la strategia, come delineata nel documento, viene ora applicata in tempo reale, nella vita reale.

“Dal momento che le pubblicita` emotive creano un’impressione più profonda e più viscerale nei centri di memoria del cervello, i professionisti del marketing stanno misurando le risposte cerebrali ai contenuti utilizzando strumenti neurometrici come codifica facciale, test di risposta implicita, tracciamento oculare e risonanza magnetica (MRI). “- The Dangerous Power of Emotional Advertising, 14 aprile 2016

Video: 25 gennaio 2019, Greta Thunberg | “Incontro annuale del World Economic Forum 2019” [Durata: 6m: 3s]

25 gennaio 2019, “Senti la paura”: il cambiamento climatico è ora il tema di Davos, CNN:

“‘Senti la paura’ – Lo spirito dell’evento si è riflesso in due partecipanti con poco in comune: uno è un ex vice presidente degli Stati Uniti; l’altra una studentessa svedese di 16 anni. Quello che condividono Al Gore e Greta Thunberg è la rabbia in quanto i dirigenti aziendali non si muovono abbastanza in fretta per affrontare i cambiamenti climaticoi. “Non voglio che siate pieni di speranza, voglio che vi lasciate prendere dal panico, voglio che sentiate la paura che provo ogni giorno”, ha detto la Thunberg ai partecipanti.

IL PUNTO CRUCIALE DEL DOCUMENTO STRATEGICO

Il punto cruciale del documento strategico, che porta il pubblico in modalità di emergenza: una nuova strategia per il movimento per il clima, è che i cittadini devono prima affrontare, quindi accettare l’esistenza di un’emergenza potenzialmente mortale per entrare nella necessaria modalità di emergenza. Una volta attivata, ciò consente l’impiego di “un’enorme quantità di risorse per risolvere la crisi” che diventerebbe rapidamente la principale priorità per la società. [P. 4 & p. 5] Più il movimento per il clima fornisce “strutture per l’impegno delle persone – chiare indicazioni e supporto per le persone che sono pronte ad affrontare l’emergenza climatica – più persone andranno in modalità di emergenza” [p. 7]

Mentre in modalità non di emergenza il budget e` limitato, in modalità di emergenza “tutte le risorse disponibili / necessarie sono dedicate all’emergenza e, se necessario, i governi possono prendere grossi prestiti” [p. 9]

“La mobilitazione economica è una ristrutturazione di emergenza di un’economia industriale moderna, realizzata a velocità sostenuta. Coinvolge la stragrande maggioranza dei cittadini, l’utilizzo di una proporzione molto elevata di risorse disponibili e influisce su tutte le aree della società. Non è niente di meno che una rivoluzione sociale e industriale coordinata dal governo. La mobilitazione è ciò che accade quando un’intera nazione entra in modalità di emergenza, e i risultati possono essere davvero impressionanti. “[P. 8]

Intenzionale o no, il lavoro della Salamon fa leva sull’eccezionalismo americano. Scorci di nazionalismo e superiorità culturale sono diffusi in tutto il documento: “Abbiamo anche fatto enormi progressi nelle scienze. Il primo computer è stato inventato, così come la trasfusione di sangue e la tecnologia radar. Il Progetto Manhattan ha costruito con successo la prima bomba atomica al mondo in meno di tre anni: una prodezza moralmente catastrofica ma comunque apprezzabile in quanto pianificazione, cooperazione e ingegnosità scientifica. ”

Riflettendo sulle osservazioni sopra, è sparito il linguaggio che si riferisce alla riduzione o al blocco delle emissioni. Considera che la parola “stop” non appare una volta nel documento, mentre la parola “reduce” ha una sola corrispondenza: “Se riduciamo la morsa del settore dei combustibili fossili sui politici, il problema si risolverà da sé.” [P. 23] Il linguaggio delicatamente persuasivo di oggi, un’immagine speculare della lingua e le richieste tracciate nel documento strategico: “ripristinare un clima sicuro e stabile”, “abbattere l’eccesso di CO2”, “raffreddare il pianeta”.

“Il modo in cui rispondiamo alle minacce – entrando in modalità di emergenza o rimanendo in modalità normale – è altamente contagioso. Immagina che l’allarme antincendio si spenga in un edificio. Quanto seriamente dovresti prenderlo? Come fai a sapere se è un’esercitazione o un vero incendio? Quelle domande saranno risolte prevalentemente dalle azioni e dalle comunicazioni delle persone intorno a te, in particolare dalle persone designate come leader. Se stanno chiacchierando e stanno prendendo il loro tempo per uscire dall’edificio, darai per scontato che questo è una esercitazione. Se le persone si muovono in fretta, con i volti severi e concentrati, comunicando con urgenza e gravità, si presumerà che vi sia un pericolo reale e bisognera` uscire il più rapidamente possibile. “[P. 14]

Il documento riconosce che la crisi climatica è una “massima minaccia per l’economia globale”. (evidenziato in caratteri rossi nel documento originale). [P. 21] Ciò che non è affermato, eppure compreso, è il fatto che il clima può anche essere sfruttato, per salvare l’economia globale. In sostanza, per salvare il capitalismo.

“Non possiamo tacere sul fatto che la mobilitazione di emergenza può essere coordinata solo da un grande governo” “che ha il potere di spendere senza limiti per salvare più vita possibile.” [P. il 22]

Il documento delinea anche, un allegro cameratismo con gli oppressori della classe operaia e quelli più emarginati:

“Queste campagne di pressione dovrebbero intensificarsi in gradi di assertività, fino alla protesta dirompente. Tuttavia, anche in una protesta, dobbiamo mantenere un atteggiamento aperto e accogliente. Quindi, mentre dovremo essere abbastanza conflittuali e incrollabili, non siamo “contrari” ai nostri obiettivi di protesta. Non otteniamo nulla dal demonizzarli. Abbiamo bisogno che questi leader facciano la cosa giusta. Il tono non dovrebbe essere principalmente arrabbiato, ma urgente e insistente.

Piuttosto, il tono dovrebbe essere serio e patriottico. Stiamo chiedendo all’America di guidare il mondo in azioni eroiche e che salveranno il mondo! Le proteste dovrebbero includere elementi di sacrificio dei dimostranti, come il rischio di arresto o sciopero della fame, per generare empatia dal pubblico. Il mantenimento della nonviolenza rigorosa è fondamentale per ottenere un ampio sostegno pubblico e questo non e` negoziabile. “[P. 28]

Questo documento è sorprendente in molti modi. Non una volta l’autore fa una pausa per riflettere su quali società e nazioni specifiche beneficiano della civiltà industriale sul nostro pianeta finito – e quali saranno sacrificati per la stessa causa.

Lo scopo della strategia, non è la protezione di ciò che rimane del mondo naturale, ma piuttosto della “civiltà organizzata” [p. 2] e della nostra “civiltà globale funzionante”. [P. 21] La radice della civiltà – è civile. E non c’è niente di civile nella civilizzazione industriale che abbiamo creato.

È il sistema economico capitalista globale, che sostiene la civiltà industriale, che deve essere decostruita. È sia ironico che affermativo che anche le società che hanno beneficiato maggiormente dall’industrializzazione, quelle in Occidente (e specialmente in Nord America), non sono mai state più infelici. Oggi assistiamo a una crisi senza precedenti di malattie mentali e depressione – con un’enorme percentuale di società che ora dipende da farmaci antidepressivi per poter funzionare in un’esistenza quotidiana.

Eppure l’aspetto più eclatante di questo documento è che, nonostante i riferimenti a Pearl Harbor, alla bomba atomica e agli sforzi bellici american, tutti citati come esempi luminosi dell’ingegno americano, da nessuna parte e` citato l’impatto del militarismo su clima e sull’ecologia. Considera che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti è il più grande consumatore di petrolio negli Stati Uniti e il più grande consumatore istituzionale di petrolio al mondo. Con il fenomenale contributo del militarismo alle emissioni globali di gas a effetto serra e al degrado ambientale, questa omissione è oltremodo significativa. Questo è il razzismo ambientale non detto e lo sfacciato eco-imperialismo che canticchia sotto le fondamenta del complesso industriale senza scopo di lucro.

Il potere della conformità è un aspetto chiave dell’ingegneria sociale. Il suo potere è spesso tragicamente trascurato e grossolanamente sottovalutato.

“Leader del pensiero e leader della società civile: se le persone nell’opinione pubblica passano in modalità di emergenza, influenzeranno significativamente il pubblico in generale” – [p. 30]

“La corsa per la mobilitazione è attiva, le città di tutto il mondo dichiarano l’emergenza climatica e si impegnano a mobilitarsi sul clima. La tua città si unirà a loro? “Il sito di mobilitazione del clima

Di nessuna sorpresa, è il fatto, che da quando Extinctioni Rebellions raggiunse la celebrità – in perfetta simmetria con la Thunberg, il gruppo ha annunciato una massiccia ristrutturazione dell’organizzazione. L’espansione globale è guidata dalla Salmon, [Fonte] che ha lanciato l’account Twitter di Extinction Rebellion negli Stati Uniti il ​​31 ottobre 2018 – lo stesso giorno del lancio di Extinction Rebellion nel Regno Unito. Il sito Web americano che lo accompagna verrà lanciato il 3 novembre 2018 e l’account del gruppo Facebook degli Stati Uniti verrà lanciato il 4 novembre 2018. Tra il lancio ufficiale il 31 ottobre 2018, nel Regno Unito, fino al 6 dicembre 2018, è cresciuto fino a 130 gruppi , attraverso 22 paesi. [7] Entro il 29 gennaio 2019, i gruppi Extinction Rebellion si estendevano su 50 paesi. Le richieste di Extinction Rebellion non sono solo complementari alla strategia di emergenza per le mobilitazioni climatiche, ma ne sono l’immagine speculare con lo slogan “dì la verità”.

Il 20 settembre 2018, l’articolo di Yale Climate Connections, “Missione di mobilitazione climatica: le città devono dichiarare emergenza” fa riferimento al “linguaggio di emergenza climatica” che si sta facendo strada con una coesione di campagne intersecanti: la campagna di Thunberg, le proteste di Extinction Rebellion, il Green New Deal, gli scioperi del clima in generale e gli scioperi scolastici del clima.

“Sanders, un indipendente che parla con i democratici ed e` in lizza per la nomina democratica, non è l’unico politico che traccia un parallelo tra il cambiamento climatico e l’aggressione fascista. La democratica di New York Alexandria Ocasio-Cortez, che è stata salutata come un campione progressista emergente, ha parlato della necessità di un impegno in stile Seconda Guerra Mondiale per combattere il riscaldamento globale. Il Partito Democratico nel 2016 ha incluso un linguaggio simile nella sua piattaforma ufficiale.

L’iniezione di questo messaggio nel discorso politico americano può essere ricondotto in parte al The Climate Mobilization, un’organizzazione no profit gestita in gran parte da volontari fondata nel 2014.

15 agosto 2016: “Siamo sotto attacco dai cambiamenti climatici – e la nostra unica speranza è mobilitarci come abbiamo fatto nella seconda guerra mondiale”, dal fondatore di 350.org Bill McKibben, illustrazione di Andrew Colin Beck [fonte: 350.org]

“Presumo che molti attivisti continueranno ad essere attratti dalle proteste per le infrastrutture che consumano combustibili fossili. Raccomando loro di lavorare il più duramente possibile per comunicare la via da seguire (mobilitazione di emergenza dei combustibili fossili e agricoltura ad alta intensità di carbonio, oltre alla cattura del carbonio per raffreddare la terra a un livello sicuro) il più possibile nelle loro comunicazioni verbali e non verbali. Questo può essere semplice come indossare le bandane Rosie the Riveter mentre si protesta, mostrando uno striscione che richiede una mobilitazione sul clima simile a quella avvenuta per la seconda guerra mondiale per ripristinare un clima sicuro, compresa la richiesta di emissioni net-zero entro il 2025 “- Aprile 2016, Condurre il pubblico in modalità di emergenza: una nuova strategia per il movimento per il clima, aprile 2016 [p. 30]

+++

Video: 2 minuti di introduzione alla mobilitazione del clima [Durata: 2m: 23s]

UN CLIMA DI PAURA: IL CAPITALISMO E` IN CADUTA LIBERA

“Il capitalismo è in crisi, afferma il fondatore del Forum economico mondiale Klaus Schwab.” – 17 gennaio 2017, Deutsche Welle

In vista della riunione di Davos del gennaio 2019, un importante economista di Wall Street ha avvertito gli investitori che si trovano ad affrontare una strada difficile, come la crescita economica globale “ora in caduta libera”.

3 gennaio 2019, The Globe and Mail, “Crescita economica globale” ora in caduta libera:

“Lo stratega di Merrill Lynch Ajay Singh Kapur ha recentemente scritto che” la crescita globale [economica] è ora in ampio, profondo e persistente rallentamento “, creando condizioni di mercato che, a mio avviso, renderanno la vita insidiosa per i settori merceologici e non solo …”

“Dall’agosto 2017, la crescita dell’attività manifatturiera sta decelerando rapidamente, trascinando con sé i prezzi dei metalli.”

15 gennaio 2019:

“La crescita economica globale sta rallentando, anche in Canada, secondo i nuovi dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

21 gennaio 2019:

Il FMI, avverte che l’economia mondiale sta rallentando alla vigilia del vertice di Davos: “I dirigenti aziendali hanno aderito al Fondo Monetario Internazionale avvertendo che l’economia globale sta rallentando più velocemente del previsto, stabilendo un tono negativo per l’incontro annuale del World Economic Forum di questa settimana”.

21 gennaio 2019:

“La crescita del 6,6% della Cina nel 2018 è la più lenta in quasi 3 decenni …”

1 febbraio 2019:

“Il fondo pensione più grande del mondo ha perso 136 miliardi di dollari in tre mesi”

Un salvataggio politico politicamente corretto – Il partenariato finanziario per il clima

“Accelerare l’azione per il clima in tempi urgenti – Questo è il nostro momento “. Investire negli Stati Uniti 90 trilioni di dollari per costruire l’infrastruttura giusta ora fornirà una nuova era di crescita economica. Investire saggiamente contribuirà a guidare l’innovazione, fornire benefici per la salute pubblica, creare una miriade di nuovi posti di lavoro e fare molto per affrontare i rischi del cambiamento climatico.”- Il sito web della New Climate Economy, Executive Summary

Dopo la mobilitazione di Rise for Climate dell’8 settembre 2018 (un seguito al People’s Climate marzo 2014 che è stato ribattezzato al People’s Climate Movement nel 2017), l’unico obiettivo dietro l’accelerazione del linguaggio di emergenza climatica è stato finalmente svelato il 26 settembre 2018 al One Planet Summit a New York:

“Gli sforzi per coinvolgere e mobilitare il capitale istituzionale su vasta scala verso soluzioni climatiche hanno fatto un notevole passo in avanti il ​​26 settembre al One Planet Summit di New York, quando il presidente francese Emmanuel Macron e Larry Fink hanno annunciato il Climate Finance Partnership (PCP). La PCP consiste in una combinazione unica di filantropia, governi, investitori istituzionali e un gestore patrimoniale globale. Le parti, tra cui BlackRock, i governi di Francia e Germania e le fondazioni Hewlett, Grantham e IKEA, si sono impegnate a lavorare insieme per finalizzare il design e la struttura di quello che ci aspettiamo sarà un veicolo di investimento di capitale di punta entro la fine del il primo trimestre, 2019. “

26 settembre 2018, “Governi e filantropi annunciano una partnership rivoluzionaria con BlackRock per mobilitare e distribuire finanziamenti per il clima su larga scala”:

“Francia, Germania, le fondazioni Hewlett, Grantham e IKEA e il gestore patrimoniale BlackRock hanno annunciato oggi la Partnership per il finanziamento del clima al One Planet Summit di New York. La Climate Finance Partnership è una cooperazione senza precedenti tra filantropia, governi e investitori privati, che si sono impegnati a sviluppare congiuntamente un veicolo di investimento che mirerà a investire nelle infrastrutture climatiche nei mercati emergenti. “

Le due istituzioni identificate come i contatti con i media per l’annuncio senza precedenti di cui sopra sono la European Climate Foundation e il già citato Climate Nexus, l’organizzatore principale per l’evento 2014 People’s Climate March.

L’8 novembre 2018, l’articolo “The Climate Finance Partnership: mobilitare il capitale istituzionale per affrontare le opportunità climatiche” rivela da dove verrà il denaro per la “quarta rivoluzione industriale”, venduta al pubblico con il pretesto della sostenibilità:

“Da nessuna parte il divario di investimenti tra ciò che è necessario e ciò che sta attualmente arrivando è  più urgente, o le opportunità più significative, che nei mercati emergenti e in via di sviluppo del mondo. Queste economie sono generalmente caratterizzate da una crescita della popolazione, da un rapido aumento della domanda di energia e da esigenze di investimento infrastrutturali straordinarie. Ma tendono anche ad avere mercati dei capitali meno sviluppati e un rischio politico e normativo più elevato rispetto alle controparti dei paesi sviluppati. Gli investitori istituzionali possono pertanto essere parzialmente perdonati per aver agito con cautela, anche a fronte di convincenti driver economici e demografici a lungo termine.

Un’analisi dettagliata della Banca Mondiale ha rilevato che mentre $ 100 trilioni sono detenuti da fondi pensione e altri investitori istituzionali, questi stessi investitori hanno destinato meno di $ 2 trilioni in un periodo di 25 anni all’investimento in infrastrutture nei mercati emergenti. E la frazione di quell’investimento che poteva essere considerata verde, pulita o rispettosa del clima era trascurabile.

Quindi, cosa si può fare? Sia che tu scelga di guardare attraverso l’obiettivo di una sfida senza precedenti o di un’opportunità senza precedenti, c’è un violento accordo sul fatto che il capitale istituzionale deve essere “sbloccato” (una parola preferita nel circuito della conferenza sul clima) e mobilitato rapidamente e su vasta scala. “

È qui che la “domanda” per una accelerazione nell’allineamento con l’Accordo di Parigi diventa chiara: “L’accordo di Parigi ci impone di allineare i flussi finanziari a sostegno di uno sviluppo a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima.” Nota la parola “richiede”. Ciò che è stato considerato un momento non vincolante, diventa convenientemente vincolante quando comporta l’apertura di tesorerie e piani pensionistici ai nostri signori aziendali.

“La finanza mista o l’impiego strategico di capitale pubblico o altro capitale agevolato per ridurre il rischio di investimento di capitale istituzionale offre una risposta convincente.” Recentemente, la Task Force di Blended Finance, un ampio sforzo interdisciplinare, ha finalizzato un rapporto completo che identifica le barriere chiave alla mobilitazione di capitali istituzionali su larga scala verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”[Fonte]

La task force Blended Finance Action comprende cinquanta icone della finanza tra cui HSBC, Credit Suisse, Citi, JP Morgan Chase, USAID, WEF – Sustainable Development Investment Partnership (SDIP), Banca mondiale, Investec, MacArthur Foundation, Allianz, EBRD, ClimateWorks Hewlett, Packard e McKnight) e la Fondazione Rockefeller. [Lista completa]

“La partnership, coordinata dalla Task Force On Philanthropic Innovation e Aligned Intermediary, un gruppo di consulenza sugli investimenti, è stata progettata e strutturata specificamente per utilizzare uno strato di capitale governativo e filantropico per massimizzare la mobilitazione del capitale privato verso i settori legati al clima nei mercati emergenti. ” [Fonte]

E qui di nuovo, è dove la realtà più cruda viene debolmente rivelata:

“Farlo in collaborazione con il più grande manager del mondo e il suo gruppo di investitori istituzionali di livello mondiale, i clienti dovrebbero inviare un importante segnale ai gestori di fondi e agli investitori istituzionali, in modo tale da ottenere profitti in settori e aree geografiche in cui questo capitale non è storicamente distribuito …

“La partnership cercherà di investire in una serie mirata di settori, tra cui energie rinnovabili, efficienza energetica, stoccaggio di energia e trasporti a basse emissioni di carbonio ed elettrificati, in tre regioni tra cui l’America Latina, l’Asia e l’Africa.

La mobilitazione di emergenza climatica di oggi deve essere riconosciuta per quello che è: una campagna orchestrata strategicamente finanziata e gestita dalle istituzioni più potenti del mondo – per la salvaguardia del capitalismo e la crescita economica globale. Questo è il lancio di una nuova industria in crescita nel Sud del mondo unita alla creazione di mercati nuovi e non sfruttati. In vista di questo precipizio, The B Team, l’Open Society Foundation, Oxfam e molti altri che servono come volto umano del capitalismo, hanno spostato i loro uffici o creato nuove divisioni sia in Africa che in America Latina.

A minacciare l’imperialismo occidentale, c’è anche una Cina in crescita. E per essere chiari – non ci sarà una “quarta rivoluzione industriale” per la classe dirigente occidentale – senza accesso ininterrotto e perpetuo alla generosità dell’Africa di minerali e metalli rari:

“Mentre sono stati compiuti progressi significativi sulla trasformazione politica ed economica dell’Africa, il continente continua ad affrontare sfide significative. Geopoliticamente, le nuove alleanze economiche stanno alterando le relazioni tradizionali e le sfere di influenza. “[Fonte: WEF, 2019]

Le ONG sifofaniche – in servitù, proprio nella stessa squadra dei loro benefattori aziendali, hanno creato una letterale, anche se virtuale tempesta di fuoco (incapsulata nel mantra “la nostra casa è in fiamme”) – per istigare una “rivoluzione climatica”. L’energia collettiva dell’occidente, derivante da un crescente malcontento sociale, viene catturata e utilizzata – trascendendo in una nuova arma di scelta che favorirà l’ulteriore colonizzazione del Sud Globale. Una rivoluzione climatica solo di nome, detta emergenza, non ha nulla a che fare con la protezione della nostra Terra – o clima. Piuttosto, ha tutto a che fare con il risparmio, la protezione e l’espansione dell’economia capitalista – a spese del nostro pianeta già decimato. E niente di più. Questo nuovo assalto in arrivo – nel nome della rivoluzione climatica – rendera` tutta la storica violenza dell’uomo moderno contro la natura, fino a questo punto – una sorta di capriccio infantile

Eppure niente di tutto ciò dovrebbe essere una sorpresa. Dato che gli oligarchi hanno finanziato, modellato e gestito in gran parte il movimento per il clima, è naturale che solo loro ne traggano beneficio. Le élite del potere riconfezionarono la nostra oppressione come rivoluzione e ce la vendettero. Sfruttando la gioventù innocente, che a sua volta ha sfruttato le nostre emozioni e paure come una popolazione collettiva, l’abbiamo divorata. E presto, la giovane Greta, e tutti i giovani che hanno sfruttato, saranno gettati nel bidone dell’usato.

+++

L’esperimento Asche: “Durante gli anni ’50 Solomon Asch condusse e pubblicò una serie di esperimenti che dimostrarono il grado in cui le opinioni di un individuo sono influenzate da quelle di un gruppo di maggioranza.” [1m: 57s]

Note finali:

[1] Il fotografo Nat Finkelstein rivendicò il merito dell’espressione, affermando che stava fotografando Warhol nel 1966 per un libro proposto. Una folla si è radunata cercando di entrare nelle immagini e Warhol ha presumibilmente osservato che tutti vogliono essere famosi, a cui Finkelstein ha risposto, “Sì, per circa quindici minuti, Andy.” Il fenomeno è spesso usato in riferimento a figure nel settore dell’intrattenimento o altre aree della cultura popolare. “[Wikipedia]

[2] “Lavoriamo con individui e organizzazioni che trattano i problemi che affrontiamo come esseri umani e rispettano le linee guida della nostra partnership. Offriamo la nostra piattaforma a scienziati, ambientalisti, attivisti e qualsiasi individuo, gruppo o organizzazione compresi i candidati politici che soddisfano queste linee guida. Uphill Media, è la continuazione di Bernie2016 TV e Political Revolution TV. Siamo una rete di media indipendenti senza scopo di lucro 501 (c) (3) 3 focalizzata sull’informare l’elettorato attraverso l’impegno su Internet. Ulteriori informazioni @ http://UphillMedia.org. Leggi e condividi la Piattaforma del Partito Democratico dell’Oregon 2018. https://www.dpoplatform.org/ “[Fonte: YouTube]

[3] “Alcuni dicono che non stiamo facendo abbastanza per combattere il cambiamento climatico. Ma non è vero. Perché per “non fare abbastanza” devi fare qualcosa. E la verità è che in pratica non stiamo facendo nulla. Sì, alcune persone stanno facendo più di quello che possono, ma sono troppo poche o troppo lontane dal potere per fare la differenza oggi. Alcuni dicono che la crisi climatica è qualcosa che tutti noi abbiamo creato. Ma questa è solo un’altra bugia conveniente. Perché se tutti sono colpevoli, nessuno è da biasimare. E qualcuno è da biasimare. Alcune persone, alcune aziende e alcuni decisori in particolare [hanno] [sic] saputo esattamente quali valori inestimabili stavano sacrificando per continuare a fare somme di denaro inimmaginabili. Ti chiedo di stare dalla parte giusta della storia. Ti chiedo di impegnarti a fare tutto ciò che è in tuo potere per spingere la tua azienda o il tuo governo in linea con le politiche ambientali. Ti impegnerai a farlo? Ti impegnerai ad unirti a me e alle persone di tutto il mondo nel fare tutto il necessario. [Schermo: #whateverittakes]

[4] “La The Climate Mobilization è una organizzazione 501 (c) (4) senza scopo di lucro e sorella di Climate Mobilization Project (501 (c) (3). The Climate Mobilization sostiene la missione del progetto di mobilitazione del clima attraverso lobbismo diretto e lavoro politico . “[Fonte: sito di mobilitazione per il clima] [fonte]

[5] “I nostri organizzatori hanno partecipato con successo alle elezioni primarie democratiche del 2016, portando la mobilitazione sul clima nella discussione facendo pressione sul candidato presidenziale Bernie Sanders (I-VT) per abbracciare l’idea. A luglio 2016, la necessità di una moblitazione su scala mondiale simile alla seconda guerra mondiale è stata adottata nella Piattaforma del Partito Democratico grazie al consigliere per la mobilitazione climatica e alleato Russell Greene, che è stato nominato dal comitato di piattaforma da Bernie Sanders. Questo impegno è stato ribadito nell’agosto 2018 quando il Comitato nazionale democratico ha approvato una risoluzione che chiedeva “una mobilitazione sociale ed economica nazionale” per “affrontare l’emergenza climatica” e “ripristinare un clima sicuro”. [Fonte]

[6] Mission Innovation: “Mission Innovation (MI) è un’iniziativa globale di 23 paesi e la Commissione europea (a nome dell’Unione europea). Questi 24 membri si sono impegnati a cercare di raddoppiare gli investimenti pubblici nel settore RD & D di energia pulita e si stanno impegnando con il settore privato, promuovendo la collaborazione internazionale e celebrando gli innovatori. “[Fonte]

Fonte
 

 

 

 

 

 

 

Chi c’e` dietro Greta Thunberg? (Terza Parte) – Per il Consenso: La piu` Scomoda verita` (Il Capitalismo sta Crollando)

MALENA EMMAN: EROINA AMBIENTALE 2017 DEL WWF 

La madre e il padre di Greta Thunberg. La cantante lirica Malena Ernman con il marito attore Svante Thunberg al Polar Music Prize 2012. Ernman ha rappresentato la Svezia nell’Eurovision Song Contest nel 2009. Foto: Chapman

Nell’ottobre 2018, Miljö & Utveckling hanno riconosciuto il fondatore di We Do not Have Time, Ingmar Rentzhog, come il primo influencer ambientale della Svezia dell’anno. [Fonte: The Secret Sauce of a Global Climate Movement]

Greta Thunberg, consigliere speciale per i giovani e fiduciaria della nascente start-up tecnologica, We Do not Have Time, è stata riconosciuta come l’influencer n. 2 dell’anno.

Il mese precedente, il 1 ° settembre 2018, Dagens Nyheter, il quotidiano più importante della Svezia, ha pubblicato un editoriale dalla Global Challenge intitolato “La crisi acuta del clima richiede un vasto raduno politico”:

“Sebbene gran parte del cambiamento richiesto sia possibile e redditizio, vigorose campagne politiche sono essenziali per adeguare i prezzi, le tasse e le normative in modo che la transizione verso una società sostenibile diventi attraente, redditizia e veloce. “[Lettera completa in inglese]

“I firmatari sono pronti ad assistere nel processo, a sostegno della trasformazione della nostra società e del mondo in un’economia a basse emissioni di carbonio: Mats Andersson, Vice Presidente della Global Challenges Foundation; Erik Brandsma, CEO di Jämtkraft; Malena Ernman, Cantante d’opera; Antje Jackelén, arcivescovo; Staffan Laestadius, professore emerito KTH; Kristina Persson, ex ministro del futuro; Ingmar Rentzhog, presidente della Global Development Challenge; Johan Rockström, professore di scienze ambientali SU; Daniel Sachs, CEO di Proventus; e Anders Wijkman, presidente del Club di Roma. “

Anders Wijkman, citato nei precedenti firmatari, è un ex membro del parlamento, presidente del Consiglio per l’ambiente svedese e nel club di Roma. È membro di Global Utmaning con un particolare impegno per le questioni climatiche e le finanze circolari.

Citata nei precedenti firmatari è anche Malena Ernman, madre di Greta Thunberg.

In un’intervista pubblicata il 15 ottobre 2018 che riconosce Rentzhog come “l’influencer ambientale numero uno dell’anno”, Miljö e Utveckling chiedono a Rentzhog quali sono le sue più grandi influenze. Cita Greta Thunberg, ma non menziona l’assistenza che la sua compagnia ha fornito alla Thunberg (attuale consigliere e trustee della gioventù di We Do not Have Time) che avrebbe portato la sua campagna a diventare internazionale. Né identifica la sua relazione con la madre di Thunberg, Marlena Ernman, che viene citata brevemente nello stesso articolo.

All’inizio dell’anno, il 4 maggio 2018, Rentzhog ed Ernman erano entrambi ospiti ospiti al Gala di apertura della conferenza sul clima (“giornata sui cambiamenti climatici“) tenutasi dal 4 al 6 maggio a Stoccolma, in Svezia. Nel programma era presente anche la sorella di Greta Thunberg, Beata Ernman-Thunberg. Questo è stato un evento modesto e di basso profilo.

La Thunberg è nata nel privilegio e nella ricchezza.

Sua madre è la cantante e celebrità svedese Malena Ernman. Suo padre è l’attore Svante Thunberg, mentre suo nonno è l’attore e regista Olof Thunberg. “Il suo antenato da parte del padre è il vincitore del premio Nobel, Svante Arrhenius. Arrhenius era un fisico e chimico svedese che ha ricevuto il premio Nobel per la chimica nel 1903. È noto per la miriade di contributi scientifici ma la piu` importante fra le sue scoperte fu che l’aumento del biossido di carbonio nell’atmosfera aumenta la temperatura della superficie terrestre. Questa scoperta ha portato alla conclusione che le emissioni di biossido di carbonio prodotte dall’uomo causano il riscaldamento globale. “[Fonte] [On the Influence of Carbonic Acid in the Air upon the Temperature of the Ground, Svante Arrhenius, 1896]

Il giornale Svenska Dagbladet (SvD) è il terzo più grande in circolazione in Svezia. È stato generoso nella sua copertura sia della Thunberg che di sua madre, Ernman.

Il 30 maggio 2018 SvD ha selezionato la Thunberg come uno dei suoi vincitori nel concorso di scrittura per giovani SvD.

Meno di un mese dopo, il 21 aprile 2018 SvD fornì copertura mediatica del libro “Scener ur Hjärtat” (che si traduce in inglese in “Scene del cuore”), sulle sfide di salute mentale all’interno della sua famiglia accompagnate dalle ansie derivate dal cambiamento climatico, sarà lanciato il 24 agosto 2018, quattro giorni dopo il primo giorno dello sciopero scolastico della Thunberg (20 agosto 2018)

Il World Wildlife Fund (WWF), forse la più grande ed egregia ONG del mondo, e Greenpeace, hanno entrambi contribuito a sostenere la Thunberg con il supporto di altre ONG internazionali come 350.org. L’11 ottobre 2017, WWF Svezia ha assegnato alla Ernman il premio Environmental Hero.

“L’artista Malena Ernman e la biologa Rebecka Le Moine nominate Miljöhälter of the Year dal WWF” [fonte]

Il 17 settembre 2018, il WWF Svezia ha nominato la Thunberg come uno dei suoi tre candidati per il Young Environmental Hero dell’anno 2018.

Greenpeace Svezia: “Malena Ernman è un’incredibile attivista nella lotta per preservare le nostre foreste per le generazioni future. Grazie al supporto di lei e di tutte le altre persone straordinarie che ci supportano, possiamo continuare a proteggere il nostro eccezionale pianeta. Vuoi regalare un regalo di Natale che faccia davvero la differenza? “[Fonte: Facebook]

Greenpeace utilizza la Ernman e la Thunberg anche per promuovere il loro potente marchio. Pochi sono consapevoli del fatto che nel 1997 Greenpeace riteneva che la politica sul clima dovesse riflettere la consapevolezza che il mondo non deve superare un aumento della temperatura di 1 ° C. Tuttavia, non molto tempo dopo, nel 2009, con una piena crisi ecologica che inghiottiva il pianeta, Greenpeace guidò la richiesta (alla Conferenza delle parti delle Nazioni Unite a Copenaghen), per un accordo vincolante che avrebbe consentito alla Terra di riscaldarsi ulteriormente fino a 2 ° C. I 2ºC richiesti dal gruppo ombrello TckTckTck, co-fondato da Greenpeace, avrebbero minato la Bolivia, il G77 e altri piccoli stati insulari che avevano combattuto per un accordo vincolante per mantenere le temperature globali oltre i 2ºC. L’anno seguente, 350.org – un altro co-fondatore di TckTckTck – avrebbe minato ancora una volta le popolazioni indigene della Bolivia alla Conferenza popolare mondiale sui cambiamenti climatici e sui diritti della Madre Terra tenuta a Cochabamba.

“Il capitalismo è in pericolo di cadere a pezzi”
“Ma il fatto più importante rimane: il dibattito principale riguarda il modo di praticare il capitalismo, non se dobbiamo scegliere tra il capitalismo e qualche altro sistema.” – Generation Investment

Utilizzando il potere della celebrità (un fenomeno senza precedenti per l’espansione del capitale nell’ovest), gli influencer globali di oggi come Thunberg, sono pienamente utilizzati per creare un senso di urgenza nei confronti della crisi climatica. La realtà inespressa è che si tratta di una strategia di marketing per salvare il capitalismo. Questa è una “verità scomoda”.

The Financial Times, 27 luglio 2014:

“Ora è un momento cruciale per gli investitori, continua. “I prossimi 5-10 anni rappresentano il momento più critico per accelerare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Pensiamo che il capitalismo sia in pericolo di cadere a pezzi. Di conseguenza, l’azienda, che in passato è stata piuttosto reticente a proposito dei meccanismi di investimento sostenibile, ha in programma di aumentare la propria visibilità. ‘Dobbiamo andare all in. Saremo più aggressivi perché dobbiamo.’ “- Blood and Gore:” Il capitalismo è in pericolo di cadere a pezzi “, Financial Times, 27 luglio 2014

L’articolo dell’8 settembre 2015 “David Blood e Al Gore vogliono raggiungere la prossima generazione” pubblicato da Institutional Investor, ha rivelato che “il California State Teachers ‘Retirement System [CalSTRS], il secondo fondo pensione pubblico negli Stati Uniti, con $ 191 miliardi di asset, è stato il primo investitore istituzionale americano a investire in Generation. “Questo è stato parte integrante della campagna di disinvestimento condotta dal partner di Ceres 350.org per conto di wall street e finanza. Jack Ehnes, CEO di CalSTRS, fa anche parte del consiglio di amministrazione di Ceres.

Lo stesso articolo mette in luce la forza trainante delle ONG ambientali che comprendono il complesso industriale senza scopo di lucro e la direttrice autostradale che unisce il complesso industriale senza scopo di lucro (NPIC) con il mondo delle finanze aziendale:

“Consiglio vivamente alle persone che cercano di disinvestire dal carbonio di dare un’occhiata a Generation”, dice Larry Schweiger, un conservatore di lunga data e membro del consiglio del Climate Reality Project, un’organizzazione no-profit fondata da Gore per promuovere l’educazione e le iniziative sui cambiamenti climatici . Schweiger è stato presidente e CEO della National Wildlife Federation dal 2004 al 2014; sotto la sua sorveglianza il NWF è diventato un investitore di Generation. “È stato uno degli investimenti più performanti nel nostro portafoglio.” Dice. “- 8 settembre 2015,” David Blood and Al Gore Want to Reach the Next Generation,  Institutional Investor

Saltando in avanti, fino al 29 aprile 2018, l’articolo,  Al Gore: Sustainability is History’s Biggest Investment Opportunity pubblicata dal Financial Times rivela che “la ricchezza climatica” non è per i molti, ma per i pochi:

“Generation elenca grandi investitori del settore pubblico tra i suoi clienti, come Calstrs, il piano pensionistico degli insegnanti californiani da 223 miliardi di dollari, il piano pensionistico dello Stato di New York da 192 miliardi di dollari e il fondo pensionistico dell’Agenzia per l’ambiente del Regno Unito. Gestisce anche il denaro per persone facoltose. Quasi tutte le sue attività sono gestite in mandati azionari, ma 1 miliardo di dollari è investito in private equity. “[Fonte]

“Ho chiamato Generation Income e ho scoperto che le loro opportunità di investimento sono limitate. Hanno due fondi di investimento: Global Equity e Asia Equity. Il fondo Global Equity è attualmente chiuso: esiste una lista d’attesa pluriennale che è attualmente chiusa. L’investimento minimo è di $ 1 milione e devi essere super-accreditato. Il fondo sembra essere rivolto agli investitori istituzionali, non ai privati. Il fondo Asia Equity è aperto ma si applicano gli stessi requisiti minimi (minimo di $ 1M). “[Fonte: AIO Financial]

I membri del consiglio di amministrazione di Generation Investment includono gli eco-luminari come Mary Robinson, ex presidente dell’Irlanda e fondatrice della non-profit Mary Robinson Foundation. Robinson è presidente del team B di Richard Branson, gestito da Purpose, il ramo delle pubbliche relazioni di Avaaz.

In questo frangente, visto che siamo portati a credere che “gli investimenti sostenibili” siano la via per risolvere la nostra crisi planetaria, potrebbe essere saggio chiedersi in che cosa le società di investimento sostenibile stanno investendo. Generation Investment ha creato un elenco focale di circa 125 società in tutto il mondo in cui investe non in base a quanto sia sostenibile il business, ma piuttosto “sulla qualità del proprio business e gestione.” [Fonte]

Il portafoglio e gli investimenti di Generation Investment includono società multinazionali con molti scheletri nell’armadio, come Amazon, Nike, Colgate, MasterCard e Chipotle, catena di ristoranti, con forti investimenti in salute e tecnologia. E dal momento che tutte queste società sono pesantemente investite e / o dipendenti dai combustibili fossili, come può un’impresa di investimento giustificare l’investimento in queste società, nessuno lo sa.

“[Gore] e i suoi colleghi mirano a un piccolo pubblico all’interno del mondo finanziario che dirige il flusso di capitali e alle autorità politiche che stabiliscono le regole per il sistema finanziario. “Si scopre che nel capitalismo le persone con la vera influenza sono quelle con il capitale!” Mi ha detto Gore durante uno dei nostri discorsi di quest’anno. Il messaggio che spera che Generation possa promulgare e` uno che gli investitori mondiali non possono ignorare: possono fare più soldi se cambiano le loro pratiche in un modo che, allo stesso tempo, ridurrà anche il danno ambientale e sociale del capitalismo moderno. “[Fonte]

[Monitoraggio del portafoglio di gestione degli investimenti di Al Gore]

Qui sopra: Washington DC, Marcia del Popolo del 2017: “Il team B, guidato da Sir Richard Branson, Sharan Burrow e l’ex vicepresidente Al Gore, si è unito a centinaia di migliaia di lavoratori, scienziati, dirigenti, studenti, genitori, nonni, bambini e gruppi indigeni che chiedono interventi sul cambiamento climatico da parte dell’amministrazione statunitense. “[Fonte]

“Si tratta di una trasformazione industriale su una scala che non avevamo mai visto prima.” – Sharan Burrow, segretario generale, Confederazione internazionale dei sindacati, capogruppo del team B [Video]

“Questa è la più grande opportunità economica della nostra vita. Questo movimento e` partito e non si fermerà mai. “- Jean Oelwang, Presidente, Virgin Unite, Senior Partner, Il B Team

UN CASO SCOMODO: M-KOPA SOLAR, AFRICA

Fonte: sito Web M-Kopa

“Pensiamo che sia possibile costruire un’attività senza compromessi. Possiamo apportare benefici all’ambiente. I nostri clienti staranno meglio. E diventeremo più ricchi. Tutti possiamo vincere “. La co-fondatrice canadese di M-Kopa, Jesse Moore

Gore, con un patrimonio netto di ca. 350 milioni di dollari, finanzia chi si occupa di disuguaglianza, disparità di ricchezza e povertà. Pertanto, è utile dare un’occhiata a ciò che la tanto ipotizzata rivoluzione energetica verde assomiglia, quando si tratta di vita reale.

M-Kopa Solar – “Power for Everyone” è un fornitore di energia solare per il consumo (sotto forma di kit solari) creato per i paesi africani impoveriti dai ricchi capitalisti occidentali. I paesi finora includono il Kenya rurale, la Tanzania e l’Uganda.

M-Kopa è il frutto dell’ingegno di Jesse Moore (CEO), Chad Larson e Nick Hughes – che ha contribuito a sviluppare M-Pesa, che ha più di 19 milioni di utenti in Kenya. [1]

Fin dalla sua istituzione, la società di Gore è stata un investitore azionario principale di M-Kopa. Incubata da Signal Point Partners nel 2011, M-Kopa solar ha raccolto fondi da investitori tra cui Richard Branson e Generation Investment Management. Lanciata alla fine del 2012, l’obiettivo iniziale della società di vendere 1.000 pacchetti solari alla settimana in tre anni è stato raggiunto entro 12 mesi. Il 2 dicembre 2015 M-Kopa, ora il principale fornitore di energia “pay-as-you-go” al mondo, ha annunciato la chiusura di un finanziamento da 19 milioni di dollari erogato da Generation Investment Management LLP. [Fonte]

Incluso nel consiglio di amministrazione di M-Kopa c’è Colin Le Duc, socio fondatore di Generation Investment Management e Co-CIO di Generation’s growth equity Climate Solutions Funds.

Altri investitori / finanziatori / partner includono la Fondazione Shell e la Fondazione Bill e Melinda Gates.

In questo frangente, prima di continuare, è fondamentale notare che nel 2015 M-Kopa ha stimato che l’ottanta percento dei suoi clienti viveva con meno di $ 2 (USD) al giorno.

Entro il 2015, M-Kopa aveva raggiunto oltre $ 40 milioni di entrate.

L’articolo Bloomberg del 2 dicembre 2015 “L’azienda solare fa un profitto sui poveri africani – I piani di M-Kopa per un’azienda da 1 miliardo di dollari vendendo pannelli solari ai residenti rurali – e dando loro un credito” svela la realtà dietro il vulturismo aziendale nascosto sotto un velo. In seguito al “successo” dei contatori dell’acqua prepagati per molti paesi africani, M-Kopa addebito` alti tassi di interesse a questa povera gente, con dividendi / rendimenti astronomicamente più elevati che tornano ai ricchi:

“Gli interessi di M-Kopa sono elevati per gli Stati Uniti o per gli standard europei. Il prezzo in contanti di uno dei suoi prodotti è inferiore di circa il 20 percento al prezzo della rata. Ma nei mercati in cui opera la società – finora, Kenya, Tanzania e Uganda – i tassi sono competitivi. Le società di microfinanza tradizionali in genere applicano circa il 20% di interessi sui loro prestiti, e in ottobre il governo del Kenya ha emesso buoni del tesoro offrendo agli investitori un rendimento annuo del 23% “.

A prima vista, una persona penserebbe che questa attività riguardi la vendita di energia solare. Eppure questa supposizione sarebbe un errore. Il prodotto è finanza: “Circa un quarto di coloro che pagano il primo acquisto si spostano su altri, dice la società.” Questa è colonizzazione in una nuova forma. Colonizzazione tramite debito reso possibile dalla vendita di assetti occidentali.

Altri avvoltoi che sfruttano i poveri e i deboli sotto le spoglie dell’energia verde e pulita per tutti” includono organizzazioni come la Fondazione Gates e Mastercard.

A differenza della finanza occidentale, dove i prestiti vengono solitamente pagati in rate mensili, agli africani non viene data la stessa misura di fiducia. Piuttosto, su un deposito, devono pagare il loro nuovo prestito (debito) su base giornaliera. Forse in questo caso potremo parlare di “razzismo dell’energia verde”. Coloro che non effettuano i pagamenti, verranno puniti di conseguenza: “Il nostro ufficiale di prestito è la scheda SIM nel dispositivo che si puo` spegnere da remoto”, afferma Chad Larson, direttore finanziario di M-Kopa e suo terzo co-fondatore. “Sappiamo che è importante per loro tenere le luci accese di notte..” [Fonte] [“La funzionalità pay-as-you-go è abilitata da una tecnologia machine by machine che consente a M-KOPA di ricevere pagamenti tramite la piattaforma di denaro mobile M-Pesa. M-KOPA può spegnere il dispositivo da remoto se il cliente rimane indietro sui pagamenti. I rimborsi creano una cronologia creditizia per i consumatori poveri che potrebbero dare loro accesso ad altri servizi finanziari. “] [Fonte]

“Le lampade solari sono programmate in modo tale che si spengono automaticamente ogni volta che i clienti non pagano. La start-up fornisce un sistema di energia solare composto da un pannello, tre lampade, un kit di ricarica per radio e cellulare. “- M-Pesa solar dealer to blacklist defaulters with credit bureaus,, 18 febbraio 2015

I pagamenti giornalieri di M-Kopa vengono completati tramite il servizio M-Pesa in base al quale Safaricom, la più grande società di telecomunicazioni del Kenya (e la società più redditizia nella regione dell’Africa centrale e orientale) guadagna una quota non rivelata per ogni transazione. M-Kopa e Kenya Power sono i principali clienti di Safricom per la fatturazione a pagamento. [Nel 2015, l’amministratore delegato di Kenya Safaricom, Bob Collymore, è stato il quarto africano ad aderire a B-Team – Ventures Africa di Richard Branson].

“Non investiamo affatto in energia solare”, afferma David Rossow, che aiuta a gestire il portafoglio di $ 1,5 miliardi di investimenti in programmi (PRI) della Fondazione Gates. La fondazione non ha nemmeno un programma di energia pulita. Ma ha un programma chiamato Servizi finanziari per i poveri. [Fonte]

Di ulteriore valore per gli imprenditori occidentali sono i preziosi metadati: “L’attuale contratto con il cliente di M-Kopa stabilisce che i dati che l’azienda accumula possono essere utilizzati solo per migliorare l’esperienza del cliente, ma la società ha in programma di raccogliere i dati di ascolto e visualizzazioni dalle sue radio e televisioni. Ci sono dati che possiamo raccogliere che sono esclusivi, dice ‘[Chad] Larson. ”

E cosa fa la rivoluzione energetica verde, interamente dipendente dal futuro saccheggio della Terra, quali sono in realta` i benefici per l’ Africa, dove oltre 600 milioni di persone non hanno accesso all’elettricità e oltre 300 milioni non hanno servizi igienici puliti? Un forno solare? Un bagno? Filtrazione dell’acqua? Un Idraulico? Scuole? Cliniche di salute? Ospedali? Risposta: la televisione.

“Effettua i tuoi pagamenti per intero e in tempo, in modo da poter beneficiare degli aggiornamenti di sistema e molto altro!” – Sito Web M-Kopa

E proprio perché il business è in realtà finanziario, più che un fornitore di prodotti solari, [2] ciò non significa che non ci siano ampie opportunità di derubare le persone africane. Il prezzo del kit solare televisivo di base da 24 pollici [2-1] [2-2] al momento del finanziamento è un oltraggioso $ 644,88 USD. Il prezzo in contanti è ancora un enorme $ 546,61, che è una somma principesca per le persone che vivono a $ 2,00 (USD) al giorno. Ovviamente, questo prezzo rimane tale solo se i pagamenti giornalieri vengono effettuati ogni giorno, assicurando che nessun interesse aggiuntivo o penalità si accumulino in aggiunta all’importo del prestito originale.

Lo sfruttamento qui è oltre il limite. Si consideri un pacchetto solare da 30 W paragonabile al pacchetto M-Kopa sopra può essere acquistato al dettaglio per $ 157,99 USD su Amazon. Allo stesso modo, il prezzo di un televisore LED da 24 pollici è spesso pubblicizzato negli Stati Uniti e in Canada per meno di $ 100,00 USD. Molti degli articoli venduti nei pacchetti, [2-3] possono essere trovati nei proliferanti negozi occidentali per $ 1,00 USD ciascuno.

Ci si potrebbe chiedere cosa succede quando i prestiti sopravvivono ai prodotti con garanzie di breve durata: una garanzia di due anni sul televisore da 24 pollici e una garanzia di un anno sugli accessori

Tra le campagne di bombardamenti sui paesi africani, l’ex presidente degli Stati Uniti Barrack Obama ha trovato il tempo per visitare la società solare M-Kopa. “Il presidente americano Barack Obama parla con June Muli, responsabile dell’assistenza clienti di M-Kopa, durante il Global Entrepreneurship Summit a Nairobi nel luglio 2015. Foto: M-Kopa.” [Fonte: Forbes]

Nel mese di febbraio 2015, M-Kopa ha annunciato il suo piano di avere i propri clienti, che si sono dichiarati inadempienti, nella lista nera degli uffici di credito:

“Il commerciante di energia solare collegato a M-Pesa, M-Kopa, da aprile inizierà a condividere informazioni sugli inadempienti con uffici di riferimento per arrestare il crescente numero di non paganti. L’azienda ha emesso un comunicato in cui afferma di voler condividere le informazioni su come i clienti pagano per i loro kit solari M-Kopa, in una mossa che vedrà i non adempienti nella lista nera da parte dei creditori. M-Kopa si unisce ora ad altri fornitori di servizi pubblici come Kenya Power e gli uffici di servizio idrico che hanno preso a credito gli uffici di riferimento per elencare coloro che non pagano le loro bollette. “[Fonte]

Il credito e il debito perpetuo che ne consegueno non sono l’unico aspetto del sogno americano che le multinazionali stanno portando nel Sud del mondo.

Per essere chiari, non sono le “economie sostenibili” che i nostri signori aziendali perseguono. Un capitalismo in difficoltà deve cercare – per salvare se stesso, nuovi mercati:

“Il team della Gates Foundation ha visto in M-KOPA un’opportunità per dimostrare che i servizi finanziari mobili potrebbero aiutare le aziende a portare più prodotti di valore in mano a un nuovo mercato di consumatori desiderosi: la gente povera.” [Fonte]

“Il segreto e` stato aiutare M-KOPA a trasformare i conti dei suoi clienti in garanzie bancabili. Altri investitori stavano prendendo posizioni azionarie nella startup. La Gates Foundation ha invece fatto un prestito di 5 milioni di dollari, a fianco della Commercial Bank of Africa. La tesi: se M-KOPA paghera` con successo il prestito, le banche commerciali locali vedrebbero i pagamenti da schemi di finanziamento pay-as-you-go come un flusso di entrate affidabile. Ciò creerebbe una nuova asset class. “- Banking on the Poor, estate 2016, Stanford Social Innovation Review

Qui dobbiamo guardare alla realtà dietro i “lavori verdi” – creati da M-Kopa – una caratteristica fondamentale della cosiddetta “economia verde”, un nuovo accordo ecologico, sviluppo sostenibile / obiettivi globali e una miriade di altri aspetti olistici che mascherano la realtà.

Quel che raramente viene menzionato, è il fatto che i pannelli solari, i televisori, ecc. di M-Kopa non sono prodotti localmente, anzi, sono “provenienti dai mercati esteri”. (Cina). Sebbene l’azienda abbia suggerito che i pannelli solari potrebbero essere fatti localmente nei prossimi anni (probabilmente a causa della crescente animosità dei keniani) le seguenti informazioni dimostreranno che sarà possibile solo se i keniani potranno essere sfruttati più dei cinesi.

Chad Larson, co-fondatore e direttore finanziario di M-Kopa Solar, posa per una fotografia presso la sede di M-Kopa Solar a Nairobi, in Kenya, mercoledì 22 luglio 2015. I clienti accettano di pagare il pannello solare a rate che M-Kopa, un fornitore di sistemi di illuminazione solare con sede a Nairobi, monitora utilizzando un servizio di trasferimento di denaro di telefonia mobile. Fotografo: Waldo Swiegers / Bloomberg via Getty Images

L’articolo Solar del 19 marzo 2018 Solar Firm M-Kope Lays off 450 Staff to Cut Costs pubblicato da Business Daily Africa, non va molto per il sottile:

“Il rivenditore di kit solari basato sulla rete mobile del Kenya, M-Kopa Solar, ha licenziato 450 dipendenti nelle sue filiali in quattro paesi per facilitare i costi operativi e aumentare la redditività.

La co-fondatrice e CEO di M-Kopa, Jesee Moore, ha dichiarato che l’azienda si trova in una posizione migliore per raggiungere gli obiettivi prefissati ed espandere le connessioni solari al prossimo milione di clienti negli uffici di Kenya, Uganda e Tanzania.

“Ciò è stato fatto per ridurre i costi fissi e mantenerci sulla strada della redditività che ha portato a riduzioni di posti di lavoro in tutti gli uffici in Kenya, Uganda, Tanzania e Regno Unito, riducendo il nostro personale globale del 18%”, ha affermato.

Un articolo pubblicato da Quartz Africa quattro giorni prima, il 15 marzo 2018, era ancora più significativo:

“M-Kopa, il fornitore di energia solare keniano, sta ridimensionando l’offerta per migliorare la propria competitività, garantire la sostenibilità a lungo termine e aumentare il rendimento per gli investitori”.

Vale la pena enfatizzare. Per essere chiari – questo è un aumento proficuo per gli investitori, con un patrimonio netto di milioni di dollari – realizzato a spese di lavoratori che guadagnano ca. $ 2,00 USD al giorno.

Subito dopo il licenziamento dei dipendenti africani della M-Kopa – insieme all’outsourcing – Generation ha raccolto più fondi. L’articolo del 21 marzo 2018, “M-Kopa Solar riceve 10 milioni di dollari da investimenti dopo il licenziamento di 150 dipendenti” pubblicato dal Kenya Wall Street, ha rivelato quanto segue:

“L’investimento arriva dopo che la società ha completato un esercizio di ristrutturazione che ha visto ridurre il personale del 18% da 1000 a 850 in tutta l’Africa orientale. Come riportato la scorsa settimana, sono stati licenziati circa 78 sviluppatori e il loro lavoro è stato esternalizzato a una società straniera chiamata Applicita, di proprietà del nuovo CTO dell’azienda.

Secondo il CEO Jesse Moore, il processo di ristrutturazione è stato guidato dalla necessità di aumentare la propria competitività, migliorare la sostenibilità a lungo termine e aumentare i rendimenti degli investitori.

L’investimento FinDev è stato guidato da CDC Group, un investitore che aveva precedentemente pompato $ 7 milioni nella società, e include investimenti successivi da parte di Generation Investment Management e LGT Venture Philanthropy. Le due società sono attuali azionisti di M-Kopa. “

La colonizzazione occidentale che continua a proliferare non è tralasciata sul Kenyan Wall Street, che ha osservato:

“… la società continua a sollevare il suo status di startup kenyana poiché la sua gestione senior è composta principalmente da stranieri. Inoltre, la questione del licenziamento dei dipendenti locali per esternalizzare le proprie attività a una società straniera non andrà dimenticata. “

Come rivelato nella prima parte I di questa serie, le prime persone taggate nel tweet dello sciopero della Thunberg dal fondatore di We Do not Have Time, Ingmar Rentzhog, erano i seguenti cinque utenti  Twitter: Greta, This is Zero Hour (NGO), Jamie Margoli, l’adolescente fondatrice di This is Zero Hour, Al Gore’s Climate Reality Project e l’account Twitter People’s Climate Strike (con font ed estetica identici a 350.org).

I primi tweet di qualsiasi account Twitter delle ONG sono importanti in quanto spesso rivelano esattamente per quale scopo / azione è stato creato l’account. In questo caso particolare, il primo tweet dell’account Climate Strike conteneva l’hashtag #floodthesystem (24 luglio 2015). Questo hashtag è stato ideato per promuovere l’azione denominata Flood Wall Street, che si è svolta il 28 settembre 2015, come continuazione della seconda Marcia per il clima dei popoli a settembre 2015. Nel 2015, le prime ONG hanno iniziato a utilizzare l’hashtag #floodthesystem. This Changes Everything (ONG di Naomi Klein, membro del consiglio di 350.org), 6 maggio 2015; OccuWorld, 12 maggio 2015 (“something big is coming this fall”), ritwittato da Rising Tide North America); Sharon Vardatira, Meridian Consulting, 13 maggio 2015; e Occupy Wall Street, 20 maggio 2015.

La strategia che sta alla base della creazione di diversi account sui social media affiliati a hashtag, campagne e movimenti prodotti dalle ONG, è che diventeranno virali. È questo il caso dell’account Twitter di Climate Strike (Climate Strike! – Global Climate Convergence che è stato in gran parte abbandonato entro il 2017, e #EarthStrike, che in gran parte non è riuscito ancora a diventare popolare (per ora), a questo recentissimo sciopero climatico – che ha colpito la psiche pubblica.

Il tweet “una ragazza di 15 anni” è stato poi re-tweetato da Paola Fiore, fondatrice e CEO di ETICAMBIENTE® Sustainability Management & Communications Consulting. Fiore è anche la coordinatrice nazionale per l’Italia per The Climate Reality Project Europe. [1] Affiliazioni, e partnership della ditta Fiore includono (ma non sono limitate a) l’Associazione per Coaching, Eco Community, United Planet Faith & Science Initiative (l’arcivescovo Desmond Tutu è un membro fondatore è il Dr. Rajendra Pachauri), 2degrees (finanziato dalla Commissione europea) e la International Coach Federation. ETICAMBIENTE® è membro del Climate Reality Project e del suo cliente, la società internazionale dei professionisti della sostenibilità.

Anche i primi account “seguiti” da qualsiasi account Twitter delle ONG sono importanti, in quanto spesso rivelano chi ha creato l’account – o quelli più affiliati al progetto. In questo caso, i primi due che hanno seguito l’account Twitter del People’s Climate Strike (creato a giugno 2015) sono Cheri Honkala e la Poor People’s Economic Human Rights Campaign fondata da Honkala. Honkala è stata la candidata per la  “Our Revolution” al PA State Rep. (# WeAreThe197th) nel 2017.

Con la formazione del board annunciata il 29 agosto 2016, i candidati vincitori di Our Revolution 2018 includevano Bernie Sanders e Alexandria-Ocasio Cortez. Il 18 settembre 2018, Our Revolution (OR) e Progressive Democrats of America (PDA) hanno annunciato una partnership formale stabilita da entrambi i consigli nazionali delle organizzazioni. “Il PDA è un comitato di azione politica di base, fondato nel 2004 per trasformare il Partito Democratico e la politica degli Stati Uniti eleggendo progressisti all’ufficio federale.” Il PDA National Advisory Board include membri del Congresso degli Stati Uniti, documentarista Michael Moore, il commentatore Thom Hartmann, Code Pinks Medea Benjamin e altri di alto rango liberale. [5]

Di recente, è stato lanciato un nuovo istituto che è stato associato a Our Revolution: The Sanders Institute (“La nostra missione: rivitalizzare la democrazia). La conferenza inaugurale (The Sanders Institute Gathering) si è svolta a Burlington Vermont (USA) dal 29 novembre al 1 ° dicembre 2018. L’evento ad invito ha incluso la crema della politica liberale tra cui Bernie Sanders che ha tenuto un importante discorso, Il membro del consiglio di amministrazione di 350.org Naomi Klein e il fondatore di 350.org Bill McKibben (associato al Sanders Institute) che hanno entrambi parlato del New Green Deal, Jeffrey Sachs (associato al Sanders Institute), Cornel West (associato al Sanders Institute), il sindaco di New York Bill de Blasio, Nina Turner (senatore dell’Ohio, presidente di Our Revolution), Ben Cohen (Ben & Jerry’s), rappresentante degli Stati Uniti Tulsi Gabbard (associato al Sanders Institute) [Lista completa]

La borghesia verde fa comunella con “celebrità attiviste” tra cui Susan Sarandon, John Cusack, Danny Glover e Harry Belafonte (Glover e Belafonte sono entrambi amici del Sanders Institute). WCAX  news ha riferito che l’unica discussione quella notte era se i media sarebbero stati ammessi all’evento. Alla fine i media hanno avuto accesso all’evento, ma hanno dovuto rispettare le condizioni di chi e chi non era autorizzato a registrare. (Bella la libertà di stampa mpm e` vero?)

I partecipanti hanno parlato con passione dei diritti degli indigeni, del razzismo, ecc. ad un evento dove la maggior parte dei partecipanti erano bianchi e i quali venivano presentati come i leader della nostra unica salvezza. In realtà, stanno solo cercando di salvare un sistema (attraverso le riforme) in cui stanno prosperando. Un’altra verità scomoda in contrasto con i video promozionali prodotti per l’istituto e i suoi raduni, che deliberatamente si sforzano di dare l’impressione di diversità e inclusione politicamente corrette.

20 luglio 2018: Jamie Margolin di Zero Hour si trova a sinistra di Bernie Sanders (al centro). Xiuhtezcatl Martinez è in ultima fila, all’estrema destra. “Gli organizzatori di Zero Hour si incontrano con il senatore Bernie Sanders durante il loro giorno di lobbying, giovedì.” Foto: Courtesy of Zero Hour [Source]

Come evidenziato in precedenza, Zero Hour è uno dei cinque account Twitter taggati nel primo tweet dello sciopero della Thunberg. I partner di This is Zero Hour includono: We don’t have time, 350.org, The Climate Reality Project, Sierra Club, Power Shift, Sunrise Movement e molte altre ONG che hanno acquisito molto potere e influenza all’interno del complesso industriale senza scopo di lucro .

“Thank you Vice President @algore for your support & endorsement of the #ThisIsZeroHour movement” [20 Settembre, 2018: Twitter]

4 Gennaio 2019, twitter

Altri partner di Zero Hour includono Powershift, iMatterYouth, CareBoutClimate, ClimateSign, Sierra Club, 350.org e Citizens Climate.

In questo tweet del 10 dicembre 2018 (9:35 AM), dieci account Twitter sono stati taggati: 350.org; We don’t have time; il Sunrise Movement; Teen Vogue; Sierra Club; GreenPeace; Women’s March; Our Children’s Trust; Zero Hour; e March For Our Lives. 

Attivismo e Corporativismo mano nella mano

The Climate Group è un co-fondatore di We Mean Business, una coalizione di organizzazioni che lavorano con migliaia di società e investitori tra le più potenti al mondo. [6]

Forse lo scambio online più degno di nota sono state “le parole di incoraggiamento” estese via Twitter da The Climate Group [6] a Zero Hour per guidare la Youth Climate March nel luglio 2018. Di rilievo erano anche gli hashtag usati nei tweet di The Climate Group: #WeDontHaveTime e #FrontlineYouth. Questo illumina efficacemente la strategia e gli attori chiave dietro al “movimento per il clima” – dove le ONG, i loro finanziatori e le entità aziendali sono tutti nella stessa squadra.

Questa non è gentilezza. Questa è pura strategia.

Incubato da Rockefeller come progetto interno che in seguito è diventato un’istituzione indipendente, The Climate Group è uno dei fondatori di We Mean Business – “una coalizione di organizzazioni che lavorano con migliaia di aziende e investitori influenti.” I soci fondatori di We Mean Business sono Business for Social Responsibility (elenco completo dei soci e membri associati), CDP (ex Carbon Disclosure Project), Ceres, The B Team, The Climate Group, The Corporate Leaders Group del Prince of Wales (CLG) e World Business Council per lo sviluppo sostenibile (WBCSD). Insieme, questi gruppi rappresentano le più potenti – e spietate – corporazioni del pianeta, i quali non vedono l’ora di sborsare 90 trilioni di dollari per la 4a rivoluzione industriale.

Come dimostreremo nella prossima parte di questa serie, l’energia dei giovani viene strategicamente mobilitata da una campagna climatica altamente organizzata e sofisticata. Questa stessa energia viene catturata e poi riconvogliata per salvare, rafforzare ed espandere, il sistema capitalista, egemonico che promette di distruggere il futuro di questi stessi giovani. Si potrebbe chiamarla, un’economia circolare della morte. Ci vuole molta abilità e coordinazione per “mandare i gatti” [7] – incontro al loro stesso massacro.

Note finali:

[1] M-Pesa è un servizio di trasferimento di denaro, di finanziamento e di microfinanziamento basato su telefono cellulare. È stato lanciato nel 2007 da Vodafone per Safaricom e Vodacom (i maggiori operatori di reti mobili in Kenya e Tanzania). Si è espanso in Afghanistan, Sud Africa, India, Romania e Albania.) In Kenya, la M-Pesa viene utilizzata per imporre un’ideologia / familiarità del debito che riflette l’ideologia del debito occidentale.

[2] La società M-KOPA offre i seguenti tre (3) pacchetti di prodotti:

[2-1] Il sistema solare M-KOPA 5 può essere acquistato con un deposito di 2,999,00 Ksh. ($ 29,75 USD), più 420 pagamenti giornalieri di $ 50,00 Ksh ($ 0,50 USD). Questo pagamento in totale, incluso il deposito, è di $ 23.999,00 Ksh. ($ 238,03 USD). Il prezzo di acquisto in contanti senza finanziamento è di $ 18.999,00 Ksh. ($ 188,44 USD).

Il “M-KOPA 5 Solar Home System” comprende un pannello solare da 8W, una radio ricaricabile, un’unità di controllo M-KOPA 5 con una batteria al litio, quattro lampadine LED da 1,2 W, un cavo di ricarica per telefono 5-in-1 e una torcia a LED ricaricabile.

[3-2] Il M-KOPA 600 richiede un deposito di $ 5.999,00 UGX. ($ 59,50 USD), più 590 pagamenti giornalieri di $ 100,00 Ksh ($ 0,99 USD). Il pagamento totale, incluso il deposito, è di $ 64.999,00 Ksh. ($ 644,68 USD). Il prezzo di acquisto in contanti senza finanziamento è $ 1,999,000.00 Ksh. ($ 546,61 USD). ”

Il pacchetto “M-KOPA 600 (24 TV)” include un’unità di controllo M-KOPA 600, una TV digitale a schermo piatto da 24 pollici, un pannello solare da 30W, un telecomando TV, un’antenna TV, due luci solari, una torcia solare ricaricabile a LED, una radio solare ricaricabile e due cavi di ricarica del telefono. Parabolica & CAM Card forniti separatamente.”

[3-3] M-KOPA 600 w / Zuku CAM richiede un deposito di $ 6.999,00 UGX. ($ 69,42 USD), più 590 pagamenti giornalieri di $ 135,00 Ksh ($ 1,34 USD). Il pagamento totale, incluso il deposito, è di $ 86.649,00 Ksh. ($ 859,42 USD). Il prezzo di acquisto in contanti senza finanziamento è $ 69,999,00 Ksh. ($ 694,27 USD).

[4] Creiamo e promuoviamo programmi di sostenibilità innovativi e iniziative di responsabilità sociale d’impresa e offriamo servizi di consulenza strategica sui cambiamenti climatici e gli SDG.

[5] Il PDA National Advisory Board comprende membri del Congresso degli Stati Uniti: i rappresentanti Barbara Lee, Keith Ellison, Raul Grijalva e James McGovern; così come il documentarista Michael Moore, l’attrice / attivista Mimi Kennedy, il Rev. Dr. Rodney Sadler, l’autore Jim Hightower e i Radio Host / Autori Lila Garrett e Thom Hartmann. Gli attivisti Michael Lighty, Medea Benjamin, Steve Cobble, Kristin Cabral, il dottor Paul Song, MD, Belen Sisa e la professoressa Marjorie Cohn sono anche membri del comitato consultivo del PDA, presieduto dall’esistente attivista Donna Smith. “[Fonte]

[6] The Climate Group: il Rockefeller Brothers Fund funge anche da incubatore per progetti interni che in seguito si evolveranno in istituzioni indipendenti, tra cui “The Climate Group”, lanciato a Londra nel 2004. The Climate Group la coalizione comprende più di 50 tra le più grandi corporation e governi subnazionali del mondo, compresi i grandi inquinatori come i giganti dell’energia BP e Duke Energy, così come diverse organizzazioni partner, tra cui quella della grande ONG Avaaz. The Climate Group sostiene la tecnologia per la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS), l’energia nucleare e la biomassa come tecnologie cruciali per un’economia a basse emissioni di carbonio. The Climate Group lavora a stretto contatto con altri gruppi di business lobby, tra cui l’International Emissions Trading Association (IETA). Il Gruppo Climate opera anche su altre iniziative, una delle quali è quella del “Voluntary Carbon Standard”, un nuovo standard globale per i progetti di compensazione volontaria. Una società di marketing stratega ha definito “Together” la campagna del gruppo Climate come “la migliore inoculazione contro il greenwash”. The Climate Group ha sedi in Australia, Cina, Europa, India e Nord America. Era un partner del “Copenhagen Climate Council”.

[7] Forbes, 25 settembre 2014: lezioni di leadership da The People’s Climate March: “Con questo modello di leadership non sorprende che così tanti gatti siano stati schierati con successo. “[Fonte]

Fonte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi si nasconde dietro il Green New Deal?

Il progetto Green New Deal presentato dalla rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez è stato realizzato da tre organizzazioni di estrema sinistra ed è stato spinto da una coalizione di gruppi progressisti professionali ben finanziati e noti agitatori di sinistra.
Alcune delle organizzazioni che contribuiscono a promuovere il Green New Deal hanno legami con il miliardario George Soros e affondano le loro radici in gruppi radicali come Occupy Wall Street e Black Lives Matter.

All’inizio di questo mese, Ocasio-Cortez ha pubblicato un documento Google di 11 pagine sotto forma di una risoluzione legislativa non vincolante che è diventata la versione più autorevole del Green New Deal, un ampio schema per l’attuale concezione del piano in stile socialista.

La risoluzione Green New Deal di Ocasio-Cortez, presentata insieme al senatore Ed Markey (D-MA), è già stata approvata da più di 45 rappresentanti democratici. L’accordo ha ricevuto testimonianze di alto profilo dai senatori Elizabeth Warren, Cory Booker e Bernie Sanders.

Il Green New Deal cerca, come il New Yorker ha recentemente affermato, “nientemeno che una revisione totale della infrastruttura nazionale americana”.

L’accordo utopico richiede che il 100% di tutti gli edifici negli Stati Uniti si convertano all’energia pulita, chiede l’eliminazione di tutti i gas serra dall’intera atmosfera e include clausole non “verdi” come la garanzia del lavoro federale, proteggendo nel contempo il diritto di tutti lavoratori di formare sindacati.

Inoltre promette “alloggi accessibili, sicuri e adeguati” per “tutti gli abitanti degli Stati Uniti”.

L’accordo sulla diffusione della ricchezza mira a “eliminare virtualmente la povertà negli Stati Uniti e rendere disponibili prosperità, ricchezza e sicurezza economica a tutti coloro che partecipano alla trasformazione”.

Gruppi radicali, legami con Soros

Il Green New Deal è stato realizzato da Ocasio-Cortez insieme a tre gruppi: il Sunrise Movement, i Justice Democrats e un gruppo che si autodefinisce New Consensus.

Il New Yorker ha riportato:

Il documento è stato scritto in un solo fine settimana di dicembre dallo staff della rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez e da tre gruppi progressisti che la pensavano come lei, nessuno dei quali esisteva due anni fa: il Sunrise Movement, un’organizzazione di attivisti contro i cambiamenti climatici; i Justice Democrats, che recluta e sostiene i candidati progressisti; e una nuova organizzazione chiamata New Consensus.

Oltre ad aiutare a scrivere il testo dell’accordo, il Sunrise Movement è stata l’organizzazione centrale progressista che ha fatto pressione sul Partito Democratico per attuare il Green New Deal.

Sunrise si presenta come un “esercito di giovani” che cerca di “rendere il cambiamento climatico una priorità urgente in tutta l’America, porre fine all’influenza corruttrice dei dirigenti delle compagnie del petrolio sulla nostra politica e eleggere leader che si battono per la salute e il benessere di tutte le persone. ”

Il co-fondatore di Sunrise, Varshini Prakash, ha descritto gli ampi obiettivi della sua organizzazione per il 2020: “Insieme ai nostri partner, tenteremo di costruire la più grande forza politica giovanile che questo paese abbia mai visto.” Markey ha invitato Prakash ad essere suo ospite all’Endorsment sullo stato dell’Unione di Trump due settimane fa.

Sunrise è stata in parte ispirata all’attivismo di Occupy Wall Street, Black Lives Matter e del gruppo di immigrazione radicale United We Dream.

Il mese scorso Sunrise e` stata portata sotto i riflettori, quando Ocasio-Cortez si è unita a circa duecento dei manifestanti del movimento per occupare temporaneamente l’ufficio di Nancy Pelosi per farle firmare il Green New Deal. Sunrise si è impegnata in quella campagna di azione diretta insieme ai Justice Democrats.

A dicembre, Sunrise ha dichiarato di aver raccolto meno di un milione di dollari, principalmente da fondazioni e donatori. Non si sa quanto Sunrise abbia ottenuto da allora.

Inside Philanthropy ha riferito di donazioni a Sunrise dal Fondo della Famiglia Rockefeller:

Il gruppo ha raccolto poco meno di $ 1 milione nel 2018 tra le sue entità 501 (c) (3) e 501 (c) (4), e ha ricevuto il sostegno iniziale da un gruppo di finanziatori che da allora hanno continuato a collaborare. Wallace Global Fund, che è stato determinante nella campagna di disinvestimento dei combustibili fossili, finanzia Sunrise, così come il Rockefeller Family Fund (una delle fondazioni più piccole associate alla famiglia petrolifera) e la Winslow Foundation, gestita da Wren Winslow Wirth, che è sposata all’ex politico Tim Wirth. I finanziatori istituzionali costituivano circa il 55% del budget del 2018, con il 35% proveniente da donatori singoli e il resto da partner no profit.

Per promuovere l’accordo, Sunrise ha sponsorizzato una campagna di attivisti chiamata “Operazione Green New Deal Blitz.” I co-sponsor con Sunrise includono 350.org, Organic Consumers Association, People’s Action, CPD Action e Justice Democrats.

CPD Action è guidata da Ana Maria Archila, una delle due donne che ha affrontato tristemente il senatore repubblicano dell’Arizona Jeff Flake in un ascensore prima delle udienze di conferma per il giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh. Archila è stata ospite di Ocasio-Cortez per la Trump State of the Union.

Archila è co-direttore esecutivo presso il Center for Popular Democracy (CPD) e mantiene la stessa posizione del braccio attivista del gruppo, il Center for Popular Democracy Action.

CPD, che sta sostenendo il Green New Deal, è pesantemente finanziata dal miliardario George Soros. Nell’ottobre 2014, CPD menziono` le Fondazioni della Open Society di Soros come uno dei “tre maggiori finanziatori” di CPD. Le Fondazioni hanno fornito a CPD $ 130.000 nel 2014 e $ 1,164.500 nel 2015, rivelano i documenti fiscali. Nel 2016, il Centro per le politiche di Soros ha stanziato $ 705.000 al fondo del CPD.

Il CPD è fortemente coinvolto nell’attivismo anti-Trump. Nel maggio 2017, la CNN ha riferito che il Fondo ha presentato uno “sforzo da 80 milioni di dollari per coordinare il lavoro di dozzine di piccoli gruppi progressisti da tutto il paese “come parte di ciò che la rete di notizie ha definito il movimento di” resistenza “anti-Trump.

People’s Action, un altro partner di Sunrise che spinge il Green New Deal, è una fusione di un gruppo che in precedenza si chiamava National People’s Action. Il National People’s Action è stato finanziato da Soros per un importo di $ 1,2 milioni e, secondo quanto riferito, ha contribuito a formare i manifestanti per il Movimento Occupy, il quale anch’esso riceveva a sua volta fondi da Soros. Il Washington Times in precedenza ha riferito che Soros ha donato alla People’s Action stessa.

350.org, che sta aiutando Sunrise a promuovere il Green New Deal, ha rivelato una donazione dalla Fondazione Tides. Tides, a sua volta, è stata finanziata da Soros ed è stata una donatrice patner delle Fondazioni della Open Society di Soros.

A formare la spina dorsale di sostegno per il Green New Deal ci sono il Sierra Club e Greenpeace. Sierra ha ricevuto finanziamenti da Open Society Foundations di Soros. Greenpeace è stato finanziato dalla Fondazione Tides finanziata da Soros. Tides finanzia anche il Sierra Club.

Il Green New Deal, nel frattempo, è visto nei circoli progressisti di attivisti come il successore di quello che viene chiamato The Leap Manifesto, un cosiddetto piano per l’energia pulita scritto anche dell’attivista radicale e autorice Naomi Klein.

Leap è stata avviata da 350.org finanziata da Tides e da Black Lives Matter-Toronto. I documenti trapelati dalle Open Society Foundations di Soros rivelano precedenti donazioni a Black Lives Matter.

“Partito socialista democratico all’interno di un partito”

Sul suo sito web, nel frattempo, Sunrise annuncia la sua partnership con Justice Democrats, con i due gruppi che collaborano con Ocasio-Cortez per creare il Green New Deal.

Justice Democrats ha appoggiato la campagna del Congresso di Ocasio-Cortez quando era in gran parte sconosciuta e sono strettamente collegate. Secondo i rapporti, è stato Justice Democrats che inizialmente ha reclutato Ocasio-Cortez in primo luogo.

Waleed Shahid, direttore delle comunicazioni dei Justice Democrats, secondo quanto riferito, ha lavorato alla campagna di Ocasio-Cortez prima di entrare nel gruppo. Justice Democrats è stato co-fondato da Saikat Chakrabarti, che funge da capo dello staff di Ocasio-Cortez.

Justice Democrats non nasconde la sua ideologia socialista, con Shahid che dice a Vox.com che l’organizzazione cerca di spingere il Partito Democratico verso un socialismo democratico:

Shahid lo descrive come un “partito social-democratico all’interno di un partito”, sostenendo che le vicissitudini del sistema del partito statunitense costringono persone come lui a condividere un partito con persone come il leader della minoranza senatoriale Chuck Schumer e il leader della maggioranza della Camera Steny Hoyer. Il punto, tuttavia, non è quello di influenzare i democratici, ma di sostituirli.

I Justice Democrats stanno cercando di spingere i candidati di estrema sinistra nelle candidature locali in gran parte non competitive, e prevede di usare il sostegno per il Green New Deal come punto di riferimento per possibili sfide primarie democratiche dall’estrema sinistra.

“Nel 2020 recluteremo i principali sfidanti democratici per la candidatura alla Casa Bianca che combatteranno con noi”, ha dichiarato Alexandra Rojas, direttore esecutivo di Justice Democrats. “Continueremo a fare pressione sui democratici al Congresso e quelli che parteciperanno alla presidenza nel 2020 per sostenere il Green New Deal”.

Il fondatore di Justice Democrats è stato Cenk Uygur di The Young Turks. Si è dimesso dal gruppo dopo la comparsa di vecchi post sul blog che erano dissonanti dall’ideologia dei Justice Democrats, con certi post che sembravano sessisti.

Uygur di The Young Turks è membro di The Media Consortium, una rete di organizzazioni di media di sinistra che è stata finanziata da Soros.

Fonte

Illuminati: La famiglia Rockefeller

IL PRIMO ROCKEFELLER FAMOSO
Il primo famigerato Rockefeller, al quale i ricercatori NON finanziati dalla ricca famiglia fanno riferimento è William Avery Rockefeller (1810 -1906?). William Avery Rockefeller era totalmente corrotto e privo di qualsiasi tipo di morale. Venne coinvolto nell’occulto e nella magia pratica. Sposò un gran numero di donne in tutto il paese mantenendo relazioni bigami. Ebbe anche un certo numero di amanti e un gran numero di partner sessuali. Venne accusato di aver violentato una donna e per questo fuggì da New York per evitare di essere mandato in prigione. Ha rubato, mentito, ed è vissuto negli abusi per tutta la sua vita. Vestì sempre con gli abiti migliori e non fu mai a secco di denaro. Oltre ad amare le donne, amava il gioco d’azzardo. Da dove proveniva il denaro per giocare d’azzardo?

Fece gran parte del suo denaro in maniera disonesta. La sua vita è una copia carbone di quella di molti altri uomini appartenenti all’ordine degli Illuminati. (Il lettore inoltre, dovrebbe tener conto che gli illuminati effettuano un gran numero di matrimoni segreti, che conoscono solo gli addetti ai lavori) Una delle sue mogli fu Eliza Davidson (181.349). Era una donna estremamente crudele. Agli storici che fanno parte della schiera delle elite piace rappresentare Eliza Davidson come una donna molto pia. Nonostante si nascondesse dietro una facciata religiosa costruita ad arte, ci sono molte cose nella sua vita che mostrano come non fosse la pietra di paragone delle virtù che gli storici (pagati) tanto ci decantano. Quando sposò William Avery Rockefeller si trasferì a vivere con lui e la sua amante.

IL PRIMO ROCKEFELLER PARTICOLARMENTE RICCO
William Avery Rockefeller ebbe molti figli bastardi, molti dei quali probabilmente nati per i rituali occulti. Sua moglie Eliza ebbe sei figli da lui e tra essi, John Davison Rockefeller è quello famigerato che portò la famiglia sotto le luci della ribalta. John D. Rockefeller nella sua vita divenne uno degli uomini più potenti del mondo. Uno dei segreti meglio custoditi sono i legami e gli accordi segreti che aveva con le altre famiglie degli Illuminati. I Payseurs e molte altre famiglie degli Illuminati sono intimamente coinvolte nella scalata al potere dei Rockefeller. Gli altri fattori coinvolti nell’ascesa al potere di John D. Rockefeller fu l’assoluta spietatezza. Era disposto a fare qualsiasi cosa per il potere.

BREVE PANORAMICA DELL’INFLUENZA DEI ROCKEFELLER
I Rockefeller hanno ceduto gran parte delle loro aziende a gente che controllano, non essendo però nominalmente i proprietari. Il potere finanziario dei Rockefeller supera di gran lunga quello che i bilanci indicherebbero. I Rockefeller possono fare una donazione da un’organizzazione che controllano ad un’altra che controllano allo stesso modo, e continuare a gestirlo completamente. Le donazioni possono sembrare impressionanti, ma la linea di sangue Rockefeller non ce ne perderà mai nulla. Avete mai notato che la Standard Oil dei Rockefeller utilizza il pentacolo satanico all’interno di un cerchio come logo? Tre delle innumerevoli aziende Rockefeller sono la Texas Instruments la General Electric, e la Eastman Kodak. I Rockefeller controllano anche la Boeing. Fritz Springmeier, l’autore dell’articolo, ha ricevuto numerose informazioni sulle attività occulte che vengono perpetrate presso gli stabilimenti Boeing di Seattle. Addirittura un episodio di programmazione Monarch ha avuto luogo nello stabilimento Boeing. Tutte queste cose si incastrano quando si ottiene il quadro più ampio della situazione. I Rockefeller controllano anche la Delta. Qualcuno ha mai notato che il simbolo della compagnia aerea Delta è un simbolo satanico molto diffuso? Risulta allora così strano che molti membri degli Illuminati, della CIA, finanzieri internazionali, e gente come Chuck Coison utilizzino la compagnia Delta per volare?I Rockefeller possiedono molti territori in Sud America e negli Stati Uniti non c’è luogo dove non siano presenti anche i Rockefeller.I Rockefeller hanno anche rivestito un ruolo molto importante nella Lucis Trust e nelle Nazioni Unite. È interessante notare che il principe Carlo è il portavoce della Lucis Trust e collabora in diversi modi con le Nazioni Unite. Il Principe Carlo fa parte di un’altra linea di sangue satanica. I Rockefeller sono stati coinvolti nella creazione del FBI, per questo l’FBI è da sempre un mezzo di potere per gli Illuminati. Ecco perché ci sono programmi ufficiali dell’FBI per rapire i bambini che verranno poi offerti in sacrificio per i rituali. Sì, popolo americano, al lupo è stato dato il compito di controllare il pollaio.

Ex-satanisti che lavorarono con l’FBI e facevano da tramite per i bambini rapiti dall’FBI cercarono di portare alla luce la corruzione dell’ente di polizia. Quando gli illuminati stavano per essere scoperti nel caso Franklin Saving & Loan,  l’FBI riuscì ad insabbiare tutto con una storia di copertura. I Rockefeller ebbero il controllo dell’FBI in quanto ne aiutarono la nascita e lo sviluppo. Quando il Congresso volle indagare sulla CIA per le sue malefatte nominò una Commissione presieduta dai Rockefeller per indagare! Sì, la Commissione Rockefeller si è impegnata a fondo e ha preso a schiaffi le manine della CIA per pochi misfatti. Il loro rapporto viene ancora considerato la più grande indagine sulla CIA. Dal momento che la famiglia Rockefeller lavorò spalla a spalla con la CIA per creare schiavi Monarch, naturalmente, una parte delle malefatte commesse sono state debitamente tralsciate!

Un ex satanista recentemente convertito, Michael McArthur, ha fornito valide informazioni circa i programmi di rapimento di bambini da parte di FBI e CIA per fornire materiale sacrificale ai rituali. I nomi degli agenti che passano il loro tempo a rapire bambini a spese del governo sono :
Chucky “Mike”Peters  cecchino dell’FBI nella Divisione 5 di FBI coinvolto nel caso di Nichol Harrah – agenti dell’FBI che rapiscono bambini per sacrificarli nei rituali:

Unda Krieg satanista che lavora per l’FBI
Ken Lanning agente dell’FBI
Nick O’Hara sicario dell’FBI, satanista, ha protetto il segreto sui rapimenti uccidendo un agente della CIA Kape Richardson, anche quest’ultimo coinvolto nei rapimenti.

Questi sono quelli conosciuti da Michael.

I Rockefeller controllano sia l’istruzione che la religione negli Usa grazie alle loro fondazioni.

I Rockefeller hanno giocato un ruolo chiave nel CFR. Rockefeller scrisse il libro Future of Federalism che supporta la tesi di una unione delle nazioni in un governo mondiale. Per molti anni i Rockefeller versarono miliardi di dollari in progetti internazionali e gruppi che lavorano per promuovere un unico governo mondiale ufficiale. (Un unico governo mondiale esiste già ma è segreto). I Rockefeller presero decisioni che influirono sulla Russia, sulla Cina e su altre parti dell’Asia.

Una delle 13 linee di sangue sataniche che governano il mondo è quella dei Rockefeller. Oggi, sono circa 190 i membri di questa famiglia. Questo articolo spiegherà  come la linea di sangue Rockefeller è impegnata nella promozione dell’occulto e del satanismo.

Hanno fondi fiduciari nascosti dentro altri fondi fiduciari nascosti a loro volta dentro altri fondi. Si stima che in tutto abbiano circa 200 trusts e fondazioni. Le finanze dei Rockefeller sono così ben nascoste che Nelson Rockefeller non dovette pagare un centesimo di imposta sul reddito nel 1970, nonostante questo era forse l’uomo più ricco degli Stati Uniti. I Rockefeller esercitano un’enorme influenza sulla religione in questa nazione, nei seguenti modi:

1. Forniscono gran parte del denaro necessario ai seminari statunitensi.
2. Forniscono gran parte del denaro necessario per far funzionare le università. L’istruzione influenza i valori religiosi del nostro popolo.
3. Forniscono sovvenzioni alle varie organizzazioni religiose.
4. La loro influenza e controllo aiutano a determinare chi verrà pubblicizzato sulle riviste più importanti e in televisione.
5. La loro influenza ha contribuito a fondare diverse organizzazioni anti-cristiane.
6. Aiutarono a controllare alcuni gruppi religiosi come il Lucis Trust.

L’influenza dei Rockefeller può essere sia sottile che non.

Nel libro The Unholy Alliance vengono forniti dettagli su come i seminari, le scuole cristiane e le amministrazioni ecclesiali siano state soggiogate dalla famiglia. Gran parte del denaro per finanziarli provenivano dai Rockefeller. Una delle grandi Fondazioni che fu determinante nel controllo delle istituzioni religiose di vario genere fu la Sealantic Fund. Questa fondazione, costituita nel 1938, aveva sede a New York e diede enormi somme di denaro per manipolare le contestazioni dei protestanti. Nel 1964, secondo il libro di Russell Sage Foundation, il Fondo Sealantic concesse 681,886 dollari, in sovvenzioni. *

Nel 1969, il fondo concesse 1,889,55o dollari in donazioni. **

Nel 1984, il Fondo Sealantic non venne più utilizzato. Uno sguardo però ad un’altra fondazione non-profit Rockefeller la Rockefeller Brothers Fund mostra un pattern rivelatorio di sovvenzioni. Molte persone non sarebbero in grado di dare un senso qualsiasi a quello che sembra un pattern casuale di sovvenzioni senza aver bene in mente un quadro di ciò che gli Illuminati stanno facendo oggi. Il mio libro Be wise as serpents avrebbe dovuto chiarire come quei gruppi che ricevono denaro da queste fondazioni sono utili all’agenda Rockefeller. Anche se le altre fondazioni Rockefeller non sono specificamente orientate verso la religione come lo era il Fondo Sealantic, è chiaro che anche queste Fondazioni altre hanno avuto un impatto sulla religione.

4 SOVVENZIONI SELEZIONATE DEL ROCKEFELLER BROTHERS FUND (1984)

  •    Council On Foundation-41 mila dollari

(Questo denaro era destinato, secondo le informazioni del fondo RB, ‘a progetti di lavoro che avrebbero condotto studi atti a sottolineare la mancanza di informazione riguardo l’interdipendenza e sulla relazione tra problemi domestici e problemi internazionali.)

  •   Harlem Servizio di Counseling interreligioso, 100.000 dollari.
  •    Private Agency Collaborating Together – $ 25.000

(“Incoraggia la collaborazione tra le agenzie private che lavorano per lo sviluppo in Africa. Asia, e America Latina …”)

  •   Commissione Trilaterale – $ 240,000

8 SOVVENZIONI SELEZIONATE DAL FONDO ROCKEFELLER FAMILY E DALLA ROCKEFELLER FOUNDATION ****

  •   ACLU – $ 15.000,
  •   AMERICAN HISTORICAL ASSOC. – $ 42.000,
  •   AMERICAN PHILOSOPHICAL ASSOC – $ 57,500,
  •    CATHOLIC UNIVERSITY OF AMERICA – $ 25.000,
  •    CATHOLIC UNIVERSITY OF CHILE – $ 224,200,
  •    COUNCIL ON FOREIGN RELATIONS – $ 165.000,
  •   NAACP- $ 100.000,
  •    POPULATION COUNCIL – $ 1.235.000,
  •   UNIVERSITY OF NOTRE DAME – $ 25,000

Le istituzioni cattoliche sono state grandi beneficiare delle sovvenzioni elargite da fondazioni collegate al Nuovo Ordine Mondiale. La Chiesa cattolica, la Chiesa Episcopale, e la Chiesa unitaria-universalista stanno tutte interpretando ruoli importanti per i satanisti del Nuovo Ordine Mondiale.

Approfondirò ora i 6 argomenti citati in precedenza.

1. Forniscono gran parte del denaro necessario ai seminari statunitensi.
L’Union Theological Seminary ha potuto operare grazie ai fondi Rockefeller. *****

  •    L’UTS non è stato l’unico seminario protestante a ricevere i fondi Rockefeller, ma è sicuramente un ottimo esempio di seminario controllato dai Rockefeller.
  •    Il Fondo Sealantic per quanto riguarda i suoi scopi e le sue attività: “Gli interessi attuali riguardano principalmente la formazione teologica protestante…… ***** Il Presidente del Fondo Sealantic fu David Rockefeller, e Laurance (non Lawrence) S. Rockefeller ne era il vice presidente. Steven C. Rockefeller era uno dei fiduciari.

2. Forniscono gran parte del denaro necessario per far funzionare le università. L’istruzione influenza i valori religiosi del nostro popolo.

Nel 1952, il deputato Eugene E. Cox guidò un comitato che per la prima volta cercò di scoprire le attività delle fondazioni Rockefeller (e altrui). Per qualche strana ragione, Cox trovò una rigida opposizione su tutti i fronti per quanto riguarda la sua indagine, il deputato inoltre si ammalò e morì. Un membro del Comitato, il deputato Carroll Reese e il suo consigliere René Wormser tentarono di proseguire l’inchiesta. Rockefeller, i suoi scagnozzi e i suoi giornali fecero del loro meglio per distruggere Reese.

All’indagine di Reese vennero concessi poco tempo e pochi fondi. Tuttavia, fu in grado di scoprire che a partire dal 1930, ingenti somme di denaro vennero spese nell’Educazioni grazie alle fondazioni Rockefeller e Carnegie. Questo denaro servì per promuovere John Dewey, il marxismo, un nuovo governo mondiale e il socialismo.

La NEA (National Education Association) venne in gran parte finanziata dalle fondazioni Rockefeller / Carnegie. Un report della NEA del 1934 dice “Un laissez-faire moribondo dev’essere completamente distrutto e tutti noi, compresi i ‘proprietari’ dobbiamo essere sottoposti ad un elevato grado di controllo sociale. “Ciò che il consigliere di Reese Wormser René scrisse delle indagini,” … conduce alla conclusione che vi fosse, infatti, una cospirazione reale tra gli educatori degli Stati Uniti per portare nel paese il socialismo attraverso l’utilizzo dei nostri sistemi scolastici … “Hanno scoperto che la fondazione Rockefeller era la colpevole principale dietro l’insegnamento del socialismo nelle scuole americane e nelle università oltre ad essere dietro le politiche della NEA.” Un complesso molto potente di fondazioni e organizzazioni alleate si è sviluppato nel corso degli anni cercando di imporre un alto grado di controllo sull’istruzione. Parti di questo complesso, e in ultima analisi suoi responsabili, sono i gruppi Rockefeller e Carnegie”.

Questa era la situazione nel 1950 dopo una breve analisi della Commissione Reese. I gruppi Rockefeller e Carnegie hanno continuato sostanzialmente a controllare per 40 l’istruzione senza venir ostacolati.
3. Forniscono sovvenzioni alle varie organizzazioni religiose.

Il 31 gennaio 1945, John D. Rockefeller si rivolse al Protestant Council Of The City Of NY e disse loro che la risposta ai problemi del Cristianesimo sarebbe stata quella di trasformarlo nella ” Chiesa del Dio vivente”. ascolto Molti quel giorno, non si resero conto che lui assieme agli altri illuminati maggiori si stavano considerando dèi, e che la soluzione esposta da John D per salvare il cristianesimo era quella di adorarlo come un dio appunto .. (Rockefeller, John D. The Christian Church- What of its Future? NY:Protestant Council, 1945, & 1917.)

4. La loro influenza e controllo aiutano a determinare chi verrà pubblicizzato sulle riviste più importanti e in televisione.

La famiglia Rockefeller ha un enorme controllo su diverse riviste e giornali. Esamineremo come il potere della stampa possa essere utilizzato nella relgione. Una delle riviste su cui i Rockefeller hanno un certo controllo è la rivista Time. Il presidente del Time, Andrew Heiskell è in stretti rapporti con David Rockefeller. Un altro Illuminato Henry J. Fisher, guidava il Magazine McCall dal 1917 al 1956. L’enstablishment diede grosso risalto alla Chiesa di Anton LaVey. Il 31 gennaio 1967 il New York Daily News pubblicò una storia a proposito di Anton LaVey che avrebbe dovuto eseguire la prima cerimonia satanica in America. Il numero del marzo 1970 del McCall raccontò una storia positiva sulla Chiesa di Satana. Non solo la Chiesa di Satana di LaVey è una trovata pubblicitaria per rendere più popolare il satanismo e per sviare le critiche dal vero satanismo occulto, gli articoli sul McCall fecero apparire la chiesa di Anton LaVey migliore di quanto in realtà non fosse.

Finalmente il 19 Giugno 1972 il Time Magazine fornì più copertura a LaVey con un articolo “The Occult:. A Substitute Faith” Credimi, i gruppi cristiani devoti non hanno mai ricevuto così tanta pubbicità gratuita. Non mi riferisco a uomini come il 33 ° Billy Graham, che lavora per il Nuovo Ordine Mondiale e al Cavaliere Templare Charles T. Russell, fondatore della Società Torre di Guardia, entrambi mediaticamente molto pubblicizati. Un altro piccolo esempio, e sto indicando esempi minori, perchè si verificano più volte nel corso dell’anno, è per i libri sugli Ufo di Van Däniken. Lew Wasserman, a capo della MCA, che possiede la G.P.Putnam Sons, è membro del Rockefeller University Council. La G.P. Putnam Sons pubblicò i libri di Van Däniken sulle sue teorie Ufo anticristiane. La Cadence Industries possiede la Marvel Comics. Gli uomini nel consiglio di amministrazione della Cadence sono controllati da David Rockefeller. C’è da meravigliarsi se la Marvel Comics promuove eroi occulti come ‘The Son of Satan “?

5. La loro influenza ha contribuito a fondare diverse organizzazioni anti-cristiane.

Maurice Strong è un buon amico dei Rockefeller. Promosse il culto di Gaia. David Rockefeller lavorò con Maurice Strong e le sue idee New Age. Il reverendo Moon dalla Corea era molto apprezzato dai Rockefeller. Moon si è autoproclamato Cristo e sta insediando una religione che promuove l’internazionalismo. La sua religione è un buon banco di prova anche per le tecniche di reclutamento/lavaggi del cervello che vengono perfezionate dal NWO. I Rockefeller aiutarono Moon, che oltretutto ha la sua residenza primaria a New York. E’ interessante notare anche che i politici di spicco che aiutarono Moon ebbero legami con il NWO: tra essi troviamo Ted Kennedy, il massone Mark C. Hatfield, il massone Jesse Helms, William F. Buckley, Jr. Un gruppo meno conosciuto è la Spiritual Frontiers Fellowship (SFF) a Independence, MO. Il loro indirizzo era Exec. Plaza, 10715 Winner Rd, 64052. Furono fondati nel 1956. Proprio come il reverendo Moon affermano di essere cristiani, ma insegnano e praticano altre cose. Insegnano e praticano l’occultismo. Due uomini prominenti nella SFF sono Marcus Bach e Gardner Murphy. Hanno entrambi backgroud interessanti. Marcus Bach mostra il tocco dei Rockefeller. Marcus Bach, nato nel 1906, è direttore dei progetti speciali per la SFF. La Rockefeller Foundation garantì lui una borsa di studio in “ricerca e scrittura creativa” 1934-36. Gardner Murphy fu consulente per l’UNESCO nel 1950 a Nuova Delhi per gli indù del ministero indiano della Pubblica Istruzione. Dal ’52 al ’68 fu direttore delle ricerce presso la Fondazione Menninger, Topeka, KS.

Il Consiglio federale delle Chiese fu finanziato in larga misura dal denaro Rockefeller. Nel mio libro Be Wise As Serpents si possono trovare i dettagli di come la FCC venne progettata per distruggere il cristianesimo, di come hanno fatto apparire l’FCC un movimento a base popolare, quando in realtà si trattava della creazione dell’élite (Illuminati).

6. Aiutarono a controllare alcuni gruppi religiosi come il Lucis Trust.

David Rockefeller gestì la Lucis Trust. La Lucis Trust pubblicò il libro di Alice Bailey The Externalization of the Hierarchy che concretizza il Piano dei satanisti e dei New Agers su come la Gerarchia spirituale (in realtà la gerarchia demoniaca) debba mostrare il suo dominio sul pianeta. Il libro rivela molti indizi sul piano, ed è usato come libro di testo per i seguaci della New Age presso le Scuole Arcane a New York, Londra, e in Europa su come la New Age / Religione Mondiale / Governo Mondiale sarà introdotta/o. Se dubitate dell’impegno di Rockefeller nei confronti di Satana, leggete a pagina 107 di Externalization of the Hierarchy. A pagina 107 Alice Bailey, Presidente della Società Teosofica e parte del Lucis (precedentemente Lucifer) Trust, ci dice chi governerà quando il Nuovo Ordine Mondiale Neweggiano prenderà il sopravvento.

A livello terreno – per l’umanità in parole povere, il tiranno viene identificato con il nome di Lucifero a pagina 107. A livello spirituale – detto “Shamballa – la Città Santa” il nuovo comandante viene identificato come “il Signore del Mondo”, che i cristiani conoscono come Satana. Anche la Lucis Trust sa che è Satana, ma per non destare il pubblico dicono che il “dominatore del mondo” è Sanat (che sta ovviamente per Satana) Kumara. Essi prevedono il risveglio delle coscenze e la secnda venuta del Cristo (in realtà l’Anti-Cristo) Il libro insegna ripetutamente (vedere le pagine 511-512, 514) che i 3 veicoli per gingere alla Nuova Era saranno le logge massoniche, le Chiese (questo ci rivela che Rockefeller e molti dei suoi colleghi fianziando le chiese portano avanti i piani luciferini della Lucis Trust), e infine l’istruzione.

Hanno bisogno di una rete sicura per catturare le nostre menti e farci un lavaggio del cervello, così da diventare schiavi felici del Portatore di Luce.) La vita a casa dei Rockefeller è decisamente diversa da quella della maggior parte delle persone. Hanno più di 100 case in cui soggiornare. I Rockefeller possiedono vaste estensioni di terra in vari paesi del Sud America, ed hanno delle belle case in Brasile, Ecuador, e il loro Ranch Monte Sacro, in Venezuela. Possiedono due palazzi a Washington, DC numerosi ranch in giro per gli Stati Uniti, resorts alle Hawaii, a Puerto Rico, ai Caraibi.

Nel corso degli anni, si sono costruiti la reputazione di essere avari con le loro donazioni. A Winthrop, che era omosessuale, piaceva vivere in Arkansas con il suo compagno di colore. Dice di possede la più grande collezione di porno al mondoo. Winifred Rockefeller Emeny, cugino di Nelson, uccise i suoi due figli e si suicidò.

Michael Rockefeller morì quando cercò di corrompere le tribù della Nuova Guinea con ingenti somme di denaro per mandarli a caccia di teste che avrebbero poi rimpicciolito per il magnate. Gli indigeni rinunciarono a cacciar teste e Michael non riuscì quindi a corromperli. Alla fine, stanchi di Michael, i nativi decisero di cacciare lo stesso Michael!

 

Asta di David e Peggy Rockefeller: L’opera piu` costosa e` un controverso ed inquietante Picasso

“Fillette a la corbeille fleurie” ha sollevato polemiche sulla rappresentazione sessualizzata dell’artista di una ragazza nell’attuale clima “MeToo”

Dopo una serie di incredibili puntate, martedì sera, Christie e` entrata nei libri dei record. Questa settimana, la casa d’aste di New York ospiterà una vendita di tre giorni di pezzi d’arte iconici della collezione dei defunti Peggy e David Rockefeller. Grazie alla ricchezza accumulata dalla famiglia, la coppia aveva costruito una delle più importanti collezioni d’arte del mondo.

Secondo Christie’s, la prima notte di offerte ha prodotto vendite per $ 646 milioni. La lista dei pezzi – che include oggetti di artisti del XIX e XX secolo come Juan Gris, Paul Gauguin, Edouard Manet, Henri Matisse e Claude Monet – è stata un record come la “collezione più preziosa venduta all’asta”, ha riportato la CNN. Il pezzo con il prezzo più alto e` stato un ritratto del 1905 di Pablo Picasso intitolato “Fillette a la corbeille fleurie”. Il dipinto è stato venduto per 115 milioni di dollari, ma ha anche sollevato polemiche sulla rappresentazione sessualizzata dell’artista di una ragazza nell’attuale clima “MeToo”.

La tela di Picasso risale al periodo “Rose” dell’artista, un periodo in cui Picasso era ancora relativamente sconosciuto e povero, un magro bohémien che viveva a Montmartre a Parigi. Il dipinto presenta una ragazza in eta` prepuberale che tiene dei fiori davanti a uno sfondo blu. Secondo un saggio del catalogo di Christie’s, “secondo l’interpretazione dell’epoca- i fiori erano un invito, in realtà la fanciulla era una prostituta”. Fonte

LA CONNESSIONE PICASSO/ROCKEFELLER

Abby Aldrich Rockefeller (moglie di John D. Jr. e figlia del senatore Aldrich) sviluppo` l’idea di istituire un museo d’arte moderna a New York City. Il museo è stato aperto al pubblico il 7 novembre 1929. Si tratta fin dall’inizio di un’organizzazione diretta da Rockefeller.

Il figlio di Abby, Nelson, diventa il presidente del museo nel 1939. Nel 1947, il Rockefeller Brothers Trust Fund comincia a versare denaro per la promozione della loro casa degli orrori. Dopo essere diventato governatore di New York, il fratello minore di Nelson, David assume il comando nel 1958. David e Sharon Percy Rockefeller (moglie del senatore Jay Rockefeller) siedono al consiglio.

I globalisti e i comunisti usarono “l’arte moderna” per corrompere la bella cultura occidentale che cercano di distruggere. Se gli “intellettuali” possono essere persuasi a considerare la “merda” “arte”, allora possono essere persuasi ad accettare ogni altra falsa realtà presentata loro. Non volendo apparire “non intellettuali”, innumerevoli numeri di sempliciotti osservarono con meraviglia la merda esposta a New York e in altre grandi città.

Le incomprensibili e brutte opere dell’artista comunista Pablo Picasso sono state fortemente promosse da Rockefeller e dal suo New York Globalist ilk. Picasso, era un ammiratore dichiarato di Joe Stalin e uno dei candidati al “Premio per la Pace” sovietico.

CONCLUDENDO

Anche da morto David Rockefeller, in qualche modo, riesce a portare avanti l’agenda dei globalisti. Eventi come questi o il Met Gala (l’articolo precedente a questo) servono a promuovere determinati concetti alle masse.

Il quadro piu` costoso (e piu` orrido al mio punto di vista) ritrae una ragazzina forzata alla prostituzione che sembra accendere le fantasie di queste elite portandole ad una lotta perversa a suon di denari.

Storia Proibita: La TimeLine del Nuovo Ordine Mondiale (1881-1910)

MARZO 1881: I COMUNISTI UCCIDONO ALESSANDRO II

Dopo quattro tentativi all’attivo, i terroristi rossi di Rothschild riescono finalmente ad assassinare lo zar Alessandro II di Russia. Con il figlio Alessandro III e il nipote Nicholas testimoni, i marxisti lanciarono bombe allo zar. Le gambe di Alexander vennero polverizzate e lo zar mori` dissanguato.

A causa della presenza di così tanti ebrei nel movimento rivoluzionario, violenza antisemita attraverso` la Russia dopo l’omicidio dello Zar. Questi “pogrom”, sebbene esagerati per scopi propagandistici, contribuirono a scatenare un’ondata di immigrazione ebraica negli Stati Uniti, in Inghilterra e in Germania.
Molti di questi nuovi immigranti portarono con sé la loro politica radicale, mentre continuano ad agitare contro la Russia cristiana.

L’uccisione di Alessandro II scatenò una massiccia immigrazione ebraica in America. Alessandro è ricordato come l’uomo che ha liberato i servi.

2 LUGLIO 1881 – IL PRESIDENTE AMERICANO JAMES GARFLIED VIENE FERITO DA UN COLPO DI ARMA DA FUOCO/ MORIRA` A CAUSA DI UNA INFEZIONE IN SETTEMBRE

Il mondo civilizzato si sta ancora riprendendo dal brutale omicidio dello zar Alessandro II avvenuto pochi mesi prima. Ora l’America perderà il suo secondo presidente in 16 anni. James Garfield. Si tratta di un repubblicano dell’Ohio che è stato in carica solo 4 mesi. Lo stato dell’Ohio si guadagnerà la reputazione di terra di origine di presidenti repubblicani (Garfield, McKinley, Taft, Harding)
.
Garfield è un brillante studioso, talentuoso oratore e un sostenitore della valuta aurea senza interessi come valuta nazionale. Come Napoleone, Andrew Jackson e Abe Lincoln prima di lui, Garfield diffida dei banchieri internazionali. Garfield avverte:

“Chi controlla il volume di denaro in qualsiasi paese è padrone assoluto di ogni industria e commercio”.

Il 2 luglio del ’81, Garfield viene ferito da una arma da fuoco in una stazione ferroviaria da un “folle solitario” Charles Guiteau. Garfield sopravvive ed e` in lenta ripresa ma le sue condizioni peggiorarono dopo settimane in cui i dottori tentarono inutilmente di trovare l’ormai innocuo proiettile. Alla fine, Garfield mori` il 19 settembre, non a causa del proiettile, ma dall’infezione provocata da medici “incompetenti”. Garfield è il primo dei 4 presidenti repubblicani dell’Ohio che, nel corso dei prossimi 40 anni, saranno o uccisi o “sconfitti” alle elezioni.

Garfield viene colpito alle spalle e mori` 10 settimane dopo

1880-1890: LA “SPAZZATURA” ROSSA INVADE L’AMERICA

Sulla scia dell’omicidio dello zar Alexander, le rivolte antiebraiche e anti-rosse attraversarono l’impero russo. Dopo aver visto suo padre distrutto da una bomba rossa, lo zar Alessandro III fece ben poco per sedare l’indignazione pubblica (o almeno così si dice). I “pogrom”, portano molti ebrei a fuggire in Germania, in Gran Bretagna o negli Stati Uniti. Gli ebrei si adattarono bene alle loro nuove terre, ma gli ebrei rossi portarono con sé la loro politica radicale. Nel 1885, Emma Goldman, la famigerata anarchica che terrorizzerà l’America per 30 anni, arrivo` a New York. Nel 1883, la scrittrice ebrea Emma Lazurus recito` il “The New Colossus”, una poesia ancora in mostra alla Statua della Libertà. Cambio` per sempre il tema originale della Statua (libertà), in ciò che la maggior parte della gente crede rappresenti ora (immigrazione). Il poema include la famosa frase in cui si accolgono i “poveri disgraziati”:

“Dammi i tuoi stanchi, i tuoi poveri, le tue folle ammassate che bramano di respirare liberamente, i miseri rifiuti della tua brulicante riva”.

Naturalmente, durante questo periodo arrivarono molti buoni europei, ma anche molti “miserabili rifiuti”. Una raccolta di sionisti, comunisti, anarchici e strozzini diffonderà presto la violenta piaga rossa dell’Europa in tutta la societa` americana.

Emma Goldman aizzo` le folle non appena arrivata in America

1882 – LA GUERRA ANGLO EGIZIANA/ L’INGHILTERRA DEI ROTHSCHILD AVANZA IN PALESTINA

I sionisti sognano di catturare un giorno la Terra Santa (attualmente sotto il controllo turco ottomano). Ricordiamo come anni prima, con la Turchia ottomana sull’orlo della totale sconfitta, Benjamin Disraeli intervenne per tenere lontani i russi dalla Palestina. Ora, i sionisti stanno posizionando i loro “pezzi degli scacchi” per il prossimo passo.

Quando il canale franco-britannico di Suez apri` nel 1869, è la Gran Bretagna di Benjamin Disraeli; con il finanziamento Rothschild che acquista abbastanza azioni per rendere la Gran Bretagna il principale azionista della via navigabile che collega il Mediterraneo al Mar Rosso.

Nel 1882, la nazione che ospita il canale, l’Egitto, viene trattata come un soggetto coloniale della Gran Bretagna. Combattendo sempre la guerra con false pretese, i Rothschild mossero guerra all’Egitto, con il pretesto di “proteggere il Canale di Suez”. Durante la guerra anglo-egiziana, i britannici bombardarono Alessandria e invasero il Cairo. La Britannia dei Rothschild diventa padrona dell’Egitto. Durante la prima guerra mondiale, l’Egitto (che confina con la Palestina) sarà un utile punto di partenza per lanciare attacchi contro la Turchia. La Palestina (Israele) è ora alla portata della famiglia dei Sionisti Rothschild.

1884 – VIENE FONDATA LA FABIAN SOCIETY

Come i loro cugini apertamente comunisti, i socialisti fabiani sono seguaci di Karl Marx. La Fabian Society prende il nome da Quintus Fabius Maximus, un antico generale romano famoso per le sue tattiche sthealth. La differenza tra Fabiani e comunisti è una delle tattiche. I comunisti lavorano per raggiungere il loro obiettivo attraverso l’omicidio, il terrore e la rivoluzione. I Fabiani, tuttavia, usano la segretezza, il gradualismo e la “democrazia” per stabilire un mondo rosso. I Fabiani praticano l’evoluzione invece della rivoluzione. Gli omosessuali dei Fabiani presero il controllo del partito laburista britannico. La malattia si diffuse negli Stati Uniti sotto il nome di “progressismo”, conquistando infine il Partito Democratico e prendendo piede nel Partito Repubblicano.

Il logo della Fabian Society

4 MAGGIO 1886: PROTESTE DEL PRIMO MAGGIO A HAYMARKET SQUARE/ IMMIGRATI COMUNISTI UCCIDONO 8 POLIZIOTTI DI CHICAGO

I comunisti rossi organizzarono massicce dimostrazioni il Primo Maggio (Giorno in cui vennero fondati gli Illuminati) a Chicago. Il 3 maggio August Spies, un leader anarchico laburista nato in Germania e sedicente “eroe del lavoratore” si rivolge a una folla di sindacalisti: la folla agitata attacca quindi un gruppo di lavoratori non scioperanti della McCormick Harvesting Machine Company. Per proteggere i non scioperanti (“crumiri”), e loro stessi, la polizia spara colpi alla folla in delirio, uccidendo due dei teppisti dei sindacati rossi.

Gli agitatori rossi diffusero poi la falsa diceria secondo cui la polizia avrebbe ucciso gli scioperanti a sangue freddo. I volantini della stampa Rossa chiedono agli operai di prendere le armi e partecipare a una riunione di massa nella Haymarket Square di Chicago.
.
Il giorno seguente, una fila di poliziotti mantiene l’ordine mentre gli oratori rossi si rivolgono alla folla. Improvvisamente, una bomba viene lanciata contro le linee della polizia. I rossi iniziano a sparare con le pistole alla polizia e la polizia restituisce il fuoco. Quando il fumo si dirada, otto poliziotti sono morti e altri 60 sono feriti. Vengono uccisi anche quattro dei rossi. Sette leader rossi (molti di loro immigrati europei) saranno processati e giustiziati.

Il monumento ai poliziotti morti sarà bombardato nel 1968 dal terrorista Bill Ayers; l’amico comunista e ghost writer del futuro presidente Barack Obama.

GIUGNO 1887: IL TRATTATO DI RIASSICURAZIONE/ LA GERMANIA E LA RUSSIA FORMANO UNA ALLEANZA SEGRETA

Sebbene l’agente britannico dei Rothschild Disraeli avesse distrutto la Lega dei Tre Imperatori (Russia / Germania / Austria-Ungheria) nel 1878, il cancelliere tedesco Bismarck continuo` a lavorare per la pace. Per “assicurare” la pace dell’Europa orientale, e per evitare che gli intrighi britannici o francesi fossero causa di altre guerre, la Germania di Bismarck e la Russia zarista romanista accettarono un trattato segreto noto come “Trattato di controassicurazione”.
Secondo i termini dell’accordo, la Germania e la Russia accettavano di rimanere neutrali nel caso fossero state coinvolte in una guerra con una terza nazione. Tuttavia, la neutralità non si applicherebbe se la Russia attaccasse l’alleato della Germania, l’Austria-Ungheria.
Le due potenze rimangono vulnerabili alla controversia balcanica in Austria-Ungheria (la Russia è il protettore della minoranza slava / comunità ortodossa sotto il dominio austriaco, e anche dei piccoli stati slavi come la Serbia). Tuttavia, il trattato è un ottimo segno che La Russia e la Germania saranno in grado di risolvere eventuali differenze future diplomaticamente.

Bismarck ha lavorato per impedire alla Francia e alla Gran Bretagna di convincere la Germania e la Russia a combattere. Sopra: Bismarck con il principe russo Andrey Lieven

1890: IL NUOVO KAISER ALLONTANA BISMARCK/ NON RINNOVA IL TRATTATO CON LA RUSSIA

Il Kaiser Wilhelm I mori` nel marzo del 1888 all’età di 91 anni. Gli succedette il figlio Federico I, che mori` di cancro alla gola dopo un regno di soli 3 mesi. Il figlio di Frederick, 29 anni, Wilhelm II, diventa poi Kaiser nel giugno del 1888.
Come molti giovani europei “istruiti”, Guglielmo II è parzialmente infetto dal veleno del “liberalismo”. Mentre il “cancelliere di ferro” Bismarck vuole distruggere i rossi della Germania, il giovane Wilhelm esita a schiacciare i comunisti e crede che se la Germania diventerà più “democratica”, pacificando gli agitatori rossi. A tal fine, Wilhelm (forse sotto l’influenza di forze del NWO) volta le spalle alla Russia, rifiutando le ripetute richieste della Russia di rinnovare il trattato di controassicurazione di Bismarck.
Queste differenze inconciliabili portano Wilhelm a liquidare il leggendario Bismarck nel 1890. Come nipote della regina Victoria, Wilhelm evidentemente credette di potersi fidare e fare amicizia con la Gran Bretagna (che appartiene davvero ai Rothschild, non a Victoria). Crede anche di poter risolvere i problemi con la Russia attraverso negoziati. La Russia ora si sente isolata e diffida dell’alleato della Germania, Austria-Ungheria. Questo lascia la Russia molto vulnerabile agli intrighi francesi e britannici. La storia dimostrerà che il saggio vecchio Bismarck aveva ragione, e il giovane e ingenuo Wilhelm aveva torto.

1892: GLI SCIOPERI IN PENNSYLVANIA SI FANNO VIOLENTI/ I ROSSI UCCIDONO L’AD DI CARNEGIE STEEL

L’Homestead Steel Strike diventa micidiale quando i membri dell’Associazione Amalgamata di Lavoratori del Ferro e dell’acciaio minacciarono i lavoratori non scioperanti della Carnegie Steel.Corporation. Vennero chiamati gli uomini della sicurezza a protezione della fabbrica. I teppisti dell’Unione spararono su di loro mentre stavano arrivando. I Pinkertons spararono a loro volta per 10 minuti con un totale di 2 morti da ciascun lato.
.
Nella vicina Pittsburgh, i lavoratori dell’industria siderurgica si riunirono per le strade, ascoltando i racconti degli attacchi a Homestead. Centinaia di loro, molti armati, si spostarono verso la città per assistere gli scioperanti. I Pinkerton affrontarono la folla inferocita e li respinsero.

Lo sciopero e la stessa Steel Union vennero finalmente smantellate quando arrivo` la milizia statale. Poco dopo, Alexander Berkman, un anarchico ebreo di origine russa di New York, arrivo` e tento` di uccidere Henry Clay Frick, il presidente di Carnegie. Berkman aveva complottato con la sua amante, l’anarchica ebrea russa Emma Goldman, per eseguire l’omicidio. Frick viene colpito e pugnalato, ma sopravvive a Berkman resterà in carcere per 14 anni. “Red Emma” Goldman rimane libera e continuo` a promuovere apertamente violenze contro importanti americani.

1890-1894: ESPLOSIONE DI ANTI SEMITISMO IN FRANCIA/ IL “PANAMA AFFAIR” E IL “DREYFUS AFFAIR”

Il crollo della Panama Canal Company nel 1889, a causa della corruzione, fece perdere a 800.000 investitori francesi i loro risparmi. Due ebrei, Cornelius Herz e Jacques Reinach, svolsero un ruolo di primo piano per quanto riguarda l’aspetto della corruzione nel massiccio scandalo. Il loro ruolo nella massiccia frode porto` ad un esplosione di antisemitismo.

Nel novembre del 1894, un capitano dell’esercito francese ebreo di nome Alfred Dreyfus viene condannato per tradimento per aver passato segreti militari agli agenti tedeschi. Tra una tempesta internazionale e accuse di “antisemitismo”, la condanna viene in seguito ribaltata. Molti francesi tuttavia credevano ancora che Dreyfus fosse colpevole. L’affare Dreyfus divise profondamente il popolo francese.

1 e 2-  Cartolina francese: “Museum of Horrors” raffigura Dreyfus come un serpente e Dreyfus è evitato cerimonialmente dai suoi commilitoni
3 Lo scandalo degli investimenti del Canale di Panama ha scosso la Francia

1893: UN BANCHIERE CREA ARTIFICIALMENTE IL COSIDDETTO PANICO USA DEL 1893

Come tutte le bolle in economia, il panico statunitense del 1893 è una grave depressione economica causata da un eccessivo prestito di banconote (espansione monetaria) seguito dall’inevitabile irrigidimento dei prestiti. Come sempre, quando non c’è abbastanza nuova moneta che fluisce nel sistema per supportare il rimborso dei vecchi prestiti, il risultato finale sono i crolli delle borse, le bancarotte e i fallimenti bancari.
Anche se la moneta è supportata dall’oro, e sebbene non esista una banca centrale, i banchieri sono in grado di gonfiare artificialmente la massa monetaria con “oro cartaceo” emesso attraverso la truffa della”riserva frazionaria”.
I democratici e il presidente Cleveland sono generalmente accusati della Depressione poiché il declino delle riserve auree immagazzinate nel Tesoro è sceso a un livello pericolosamente basso. Questo costrinse Cleveland a prendere in prestito 65 milioni di dollari in oro dal leggendario banchiere di Wall Street J.P. Morgan e dai Rothschild d’Inghilterra. Strisciare da Morgan & Rothschild è l’unico modo per supportare lo standard aureo. Morgan è un uomo immensamente ricco e potente a pieno titolo; ma è un “uomo costruito” – il suo creatore è la casa dei Rothschild.

Come tutti i precedenti e futuri scontri monetari e panici, il 1893 è un anno molto buono per i Rothschild. Segna un’importante presa del potere americano per la Casa dei Rothschild e i suoi agenti e alleati americani.

I mercati sono in panico

Il fronte della casata Rothschild, JP Morgan

Un fumetto politico “antisemita” in un numero della rivista “Sound Money” apparso nel 1800. La didascalia recita: “Questi sono gli Stati Uniti nelle mani degli ebrei”, ritraendo lo zio Sam crocifisso come Gesù.

DICEMBRE 1893: COMUNISTI FRANCESI FANNO ESPOLEDERE UNA BOMBA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI 

L’anarchico francese Auguste Vaillant lancio’ un ordigno fatto in casa nella galleria pubblica della Camera dei deputati francese. L’esplosione feri` 20 deputati francesi ma non riusci` ad uccidere nessuno.
Vaillant viene condannato a morte e giustiziato nel febbraio 1894. Le sue ultime parole furono “Morte alla borghesia! Lunga vita all’anarchia!”

GENNAIO 1894: LA RUSSIA COINVOLTA IN UNA ALLEANZA FRANCO BRITANNICA

Isolata dalla Germania e sospettosa dell’Austria-Ungheria, la Russia, cade in una trappola intelligente imposta dalla Francia e dagli agenti Rothschild del NWO (che hanno un quadro molto più grande in mente). L’alleanza franco-russa crea un’alleanza militare tra le due nazioni. Il gigante russo può ora essere utilizzato per creare un secondo fronte mortale in ogni futura guerra con la Germania. Questo è ciò che il cancelliere tedesco Bismarck aveva lavorato così duramente per evitare!

Il grande romanziere russo Leo Tolstoy (Guerra e pace) condanna con passione l’Alleanza franco-russa come un trucco francese per imbrigliare la Russia in un guerra futura contro il nemico della Francia (Germania). Tolstoj descrive sarcasticamente l’improvvisamente amichevole francese come “gente che, senza ragione, improvvisamente professava un amore così spontaneo ed eccezionale per la Russia”.

GIUGNO 1894: I ROSSI ASSASSINANO IL PRESIDENTE DELLA FRANCIA

Il famoso presidente francese Marie Francois Sadi Carnot ha una reputazione di onestà e non è stato toccato dall’enorme scandalo del Canale di Panama del 1890. Stabilisce un’amicizia con lo zar russo Alessandro III, ricevendo l’ordine di Sant’Andrea dallo stesso zar.
La popolarità di Carnot, l’immunità ai ricatti e la stretta amicizia con l’odiato Czar lo rendono difficile da controllare per i Rothschild. A questo punto della storia, sembra che i sionisti stiano “togliendo alcune delle loro uova” dal paniere francese sempre più antisemita,  mettendoli nel paniere tedesco sempre più influenzato dagli ebrei (come suggerito dal capitano Dreyfus ebreo-francese che passo` i segreti alla Germania e l’attacco ai deputati francesi). L’unica costante che rimane è l’odio dei Rothschild per la Russia Questo potrebbe spiegare perché Carnot è stato pugnalato a morte dall’anarchico italiano Sante Geronimo Caserio. . L’omicidio suscito` orrore e indignazione in tutta la Francia. Nessun re o presidente era al sicuro dalle bestie rosse e dai loro padroni del Nuovo Ordine Mondiale.

Come il presidente degli Stati Uniti Abe Lincoln prima di lui, il presidente Carnot fece amicizia con uno zar russo. Carnot viene quindi pugnalato a morte dal Rosso Italiano, Caserio

1896: I SIONISTI COMPRANO IL NEW YORK TIMES

Dalla sua fondazione nel 1851 da parte del repubblicano Henry Jarvis Raymond, The NY Times è stato un grande attore nel plasmare l’opinione pubblica. Nel 1896, il Times prende una svolta nella sinistra internazionalista quando viene acquistato da un ebreo tedesco di nome Adolph Ochs. Nel 1897, lo stesso Ochs incide lo slogan del giornale: “Tutte le notizie che si adattano alla stampa”

La figlia di Ochs sposa Arthur Hays Sulzberger, che diventa editore quando Adolph muore. Il grande nipote di Ochs, Arthur Ochs Sulzberger, Jr. è l’editore del NY Times oggi. Per 117 anni, la minaccia più influente d’America è stata nelle mani della stessa famiglia sionista-marxista. Il Times funge da mezzo per promuovere l’ampliamento del governo, il globalismo, l’ambientalismo fasullo, Israele, la Fed e le guerre senza fine

1896-1898: LA “STAMPA GIALLA” PROMUOVE UNA GUERRA IN SPAGNA

Iniziando su piccola scala nel 1896, e culminando in un climax comico nel 1898, la stessa “Yellow Press” di New York, la cui propaganda aveva già inventato la leggenda del super commissario di polizia di Roosevelt, spinse incessantemente per una guerra con la Spagna, apparentemente per la “liberazione” di Cuba.

Le favole nella storia delle scuole superiori ci hanno insegnato che la guerra ispano-americana del 1898 fu una guerra senza senso, istigata dal giornalista giallo William Randolph Hearst allo scopo di vendere giornali. Ecco un tipico esempio da libro di storia su come veniamo avvelenati dai testi scolastici:

“È probabilmente vero che la guerra ispano-americana fu la guerra più inutile nella storia degli Stati Uniti, anche se non era noto all’epoca, la guerra non fu realmente combattuta per il territorio, per i mercati, per principio, o addirittura per l’onore, è iniziata perché William Randolph Hearst, editore del popolare New York Journal, ha cercato materiale sensazionale da stampare “.

Certamente, Hearst e il suo rivale di propaganda nel mondo di New York, Joseph Pulitzer, stavano contribuendo ad avvelenare la mente pubblica contro la Spagna mentre vendevano un sacco di copie nel processo. Ma questa analisi idiota e incompleta ignora il “grande quadro” della mano geopolitica che sta muovendo i pezzi degli scacchi. Il punto del gioco è di proiettare il potere imperiale degli Stati Uniti sul Pacifico asiatico. A tal fine, è necessario cacciare la Spagna dalle Filippine e da Guam in modo da poter stabilire lì basi navali statunitensi. È un gioco sporco e, come vedremo presto, il super-poliziotto diventato cowboy diventerà un giocatore chiave nel gioco.

Le storie di atrocità fasulle, assurde e vili della Yellow Press hanno creato lo slancio necessario per la guerra ispano-americana

APRILE 1897: TEDDY ROOSEVELT VIENE NOMINATO ASSISTENTE SEGRETARIO DELLA MARINA STATUNITENSE/ MUOVE LE ACQUE PER UNA GUERRA CONTRO LA SPAGNA

Con il riscaldamento della propaganda di guerra, la vita e la straordinaria ascesa di Theodore Roosevelt (TR) continuano con la nomina ad assistente segretario della Marina degli Stati Uniti. Chiaramente, qualcuno sta spingendo la carriera di questo giovane.

Verso la fine del 1897, TR spiega le sue priorità guerrafondaie a uno dei pianificatori della Marina. Ecco le agghiaccianti parole di un social enginner psicopatico che vede gli americani come la sua argilla personale, e i militari come carne da macello da sacrificare per “la classe dirigente”. TR:

“Considererei la guerra con la Spagna da due punti di vista: in primo luogo, l’opportunità e l’interesse personale di interferire, e di compiere un ulteriore passo verso la completa liberazione dell’America dal dominio europeo; secondo, il beneficio di utilizzare l’esercito e la marina “.

AGOSTO 1897: I ROSSI UCCIDONO IL PRIMO MINISTRO SPAGNOLO

La banda criminale del Nuovo Ordine Mondiale vuole destabilizzare la Spagna cattolica e trasformarla in una “democrazia” controllabile. Antonio Canovas è Primo Ministro di Spagna, è un sostenitore di una monarchia costituzionale e un sostenitore della Chiesa cattolica. Questo fa di lui il bersaglio dei rossi e dei Rothschild che odiavano i cristiani: i terroristi rossi avevano precedentemente lanciato una bomba a Canovas nel 1896, ma il tentativo fallì.

Mentre il tumulto interno dei rossi indeboliva la Spagna dall’interno, i globalisti statunitensi cercavano in tutti i modi di entrare in guerra con la Spagna per il controllo delle sue basi navali cubane e filippine. Canovas non vivrà per vedere la disastrosa guerra ispano-americana. Viene ucciso a colpi d’arma da fuoco da parte del rosso italiano, Michele.Angiolillo, prima dell’inizio della guerra.

Aggiungi Canovas alla crescente lista di re, presidenti e primi ministri morti

AUGUSTO 1897: SI TIENE IL PRIMO CONGRESSO SIONISTA A BASILEA IN SVIZZERA/ VENGONO GETTATE LE BASI PER RUBARE LA PALESTINA

L’ex cancelliere tedesco Bismarck ora ha 83 anni e ha problemi di salute. L’imperatore Guglielmo II visita Bismarck per l’ultima volta nel dicembre 1897. Ancora una volta, il vecchio saggio avverte il Kaiser di fare attenzione agli intrighi dei cortigiani che lo circondano e di un disastro europeo che potrebbe ancora succedere.

Bismarck avverte Wilhelm di non fidarsi dei consiglieri della corte:

“Vostra Maestà, finche` avrete questo personale nel governo, potete fare come volete, ma quando questo non sarà più il caso, sarà molto diverso per voi”.

Successivamente, Bismarck fece accurate predizioni:

“… l’incidente accadra` vent’anni dopo la mia dipartita se le cose andranno avanti così.” ….. “Un giorno, la grande guerra europea scoppiera` a causa di un fatto dannatamente sciocco che accadra` nei Balcani”.

Questa profezia ha avuto un tempismo quasi perfetto! .Bismarck sapeva che una crisi balcanica poteva sfociare in una guerra a due fronti contro la Gran Bretagna e la Francia a ovest, la Russia a est accompagnata ad una rivolta rossa interna.

15 FEBBRAIO 1898: L’AFFONDAMENTO DEL USS MAINE

Nel gennaio del 1898, con la propaganda di guerra al suo comico, l’Assistente Segretario Roosevelt, di sua iniziativa, ordina che l’incrociatore corazzato USS Maine navighi provocatoriamente nell’Avana Harbour di Cuba (controllato dalla Spagna). In una sorprendente “coincidenza”, la nave esplode, provocando la morte di 266 uomini. I guerrafondai della New York Yellow Press, suscitati dalla falsa accusa di Roosevelt nei confronti della Spagna, hanno finalmente il loro “casus belli” (causa della guerra). Che “fortuna”, eh?

Senza una minima prova, e nonostante forti negazioni spagnole, l’infido TR proclama la Spagna come il colpevole. La pressione cresce su un riluttante presidente McKinley per chiedere al Congresso una dichiarazione di guerra. Sapendo che la Spagna è innocente, McKinley resiste.

La posizione ufficiale del governo degli Stati Uniti oggi è che “l’accumulo di polvere di carbone” ha causato l’esplosione orribile e senza precedenti. Tuttavia gli astuti studenti di storia capiscono come tali eventi siano spesso progettati dai servizi clandestini della stessa nazione “vittima”.

Parlando di “polvere di carbone” e servizi clandestini, ricordate come durante i giorni della Guerra Civile il servizio segreto della Confederazione sviluppò un “siluro di carbone” – un dispositivo scavato che assomigliava a un pezzo di carbone, ma in realtà era pieno di esplosivi? Questa brutta arma ha causato grandi perdite di vite umane durante la guerra civile; ed e` probabilmente il mezzo usato dal segretario Roosevelt per far saltare in aria il Maine.

25 FEBBRAIO 1898: TR ORDINA ALLA MARINA AMERICANA DI PREPARARSI ALLA GUERRA

Ad appena 10 giorni dall’esplosione della nave da guerra Maine, il Segretario della Marina lascio` il suo ufficio e Roosevelt divento` Segretario ad interim per quattro ore. TR non perse tempo nel contattare la Marina Militare in tutto il mondo e farla preparare alla guerra, ordino` munizioni e rifornimenti, convoco` “esperti” e ando` al Congresso per chiedere l’autorità di reclutare quanti più marinai possibili. Per tutto il tempo, la Spagna continuava a protestare sostenendo la sua innocenza.

APRILE 1898: MCKINLEY NON PUO` PIU` RESISTERE/ CHIEDE ALA CONGRESSO DI DICHIARARE GUERRA ALLA SPAGNA

Anche dopo la strana esplosione nel Maine, il presidente McKinley, il presidente della Camera Thomas Brackett Reed, e la comunità imprenditoriale americana avevano tutti sollecitato una soluzione diplomatica alla crisi manifatturiera a Cuba. McKinley comunico` anche con il Papa nella speranza di una mediazione pacifica.
Tuttavia la coalizione guerrafondaia del Congresso e della New York Press è ormai troppo forte. Nutrendosi delle vili calunnie di Roosevelt, la Yellow Press ha titoli come “Spanish Murderers” e “Remember the Maine”. È interessante notare che quando McKinley alla fine si arrese all’inevitabile, non menziona mai l’affondamento della USS Maine. perché sa che la Spagna è innocente e, a differenza di Roosevelt, non è disposto a mentire al pubblico americano.

Né il Papa, né gli innocenti spagnoli, né il presidente degli Stati Uniti riuscirono a respingere la folle mania della guerra e la propaganda della stampa che seguì la distruzione del Maine. La pressione del Congresso e dei media su McKinley lo costrinse a chiedere finalmente una dichiarazione di guerra

12 APRILE 1898: TR ORDINA ALLA MARINA DI ATTACCARE LA FLOTTA PACIFICA SPAGNOLA

A poche ore dalla dichiarazione di guerra, il sottosegretario “Assistente” Roosevelt ne fece un’altra delle sue emettendo un ordine per lo squadrone asiatico americano, di stanza a Hong Kong, per “proteggere il commercio” – distruggendo la flotta spagnola con sede nelle Filippine. Cerca di non ridere, caro lettore; ma alcuni guerrafondai giustificano questo oltraggioso atto di aggressione come un necessario attacco difensivo volto a prevenire un attacco spagnolo in California!

La battaglia di Manila Bay si svolse il 1 ° maggio e fu una disfatta assoluta. Il commodoro Dewey non solo distrusse la flotta spagnola, ma catturo` anche il porto di Manila – che da allora fu effettivamente sotto il controllo americano. Il 20 giugno, una flotta degli Stati Uniti comandata dal Capitano Henry Glass, catturo` anche l’isola di Guam – un territorio degli Stati Uniti da allora.

E infine, a luglio, la Camera e il Senato riuscirono ad annettere ke Hawaii votando su una risoluzione comune. L'”emergenza” della guerra è ciò che permise finalmente la creazione di un’enorme base alle Hawaii (Pearl Harbor). Questo è contro i desideri della maggior parte degli hawaiani nativi.

Filippine, Guam, Hawaii; sì, la guerra con la Spagna si rivelò molto fruttuosa per gli imperialisti globalisti guerrafondai di quell’epoca. Ehi Teddy! Si supponeva che questa tua santa guerra riguardasse la “liberazione” di Cuba o sbaglio?

6 MAGGIO 1898: TR DA LE DIMISSIONI DA ASSISTENTE SEGRETARIO PER DIVENTARE UN FALSO EROE DI GUERRA

La guerra totalmente sbilanciata si concluderà ad agosto, dopo soli 3 mesi e mezzo. Ma non prima che il più importante istigatore della guerra, Teddy Roosevelt, si dimetta dalla sua posizione e “combatta” con i volontari. Il grande clown servi` il tempo necessario per farsi riconoscere come “eroe di guerra”. Le sue mitiche imprese come essere l’impavido capo a cavallo dei “The Rough Riders” e “l’eroe di San Juan Hill” saranno pubblicizzati dalla stessa Yellow Press che fece propaganda per la guerra stessa.

In realtà, la Battaglia di San Juan Hill, che si svolse effettivamente a Kettle Hill, fu solo una piccola schermaglia di supporto, combattuta a piedi, in cui gli americani superavano gli spagnoli 15-1! In realtà erano i Buffalo Soldiers dells 10 ° Cavalleria e del 24 ° Reggimento di fanteria che avevano già combattuto pesantemente, non i “Rough Riders” di TR.

Il mitico “eroe di guerra” scrisse in seguito sul suo ruolo immaginario nella non-battaglia:

“Nel giorno del grande combattimento ho dovuto chiedere ai miei uomini di fare un atto che gli scrittori militari europei considerano assolutamente impossibile per le prestazioni, vale a dire, attaccare su terreno aperto una fanteria armata fino ai denti con i migliori fucili a ripetizione dietro un sistema formidabile di trinceramenti: l’unico modo per convincerli a farlo nel modo in cui doveva essere fatto era di guidarli da solo. “

Il cercatore di gloria ha ricordato la battaglia di Kettle Hill come “il piu` grande giorno della mia vita” e “il momento piu` stressante della mia vita”. Tuttavia ricevette la medaglia da “eroe di guerra” solo nel 2001. Il motivo per cui la richiesta di TR per la Medaglia d’Onore è stata negata fino a quel momento era perché i funzionari dell’esercito, che conoscevano la verità sul suo “eroismo” ingannatore, bloccarono la sua nomina.

SETTEMBRE 1898: I ROSSI UCCIDONO L’IMPERATRICE DELL’IMPERO AUSTRO UNGARICO

Elisabetta d’Austria è la moglie dell’imperatore Francesco Giuseppe I, e quindi imperatrice d’Austria e regina d’Ungheria. Nonostante gli avvertimenti di possibili tentativi di omicidio, la sessantenne Elisabeth viaggia in incognito verso la Svizzera.
Il 10 settembre 1898, Elisabeth e la sua dama di compagnia lasciano il loro hotel sulla riva del lago di Ginevra, a piedi, per prendere il piroscafo. Le due camminano lungo la passeggiata quando un anarchico italiano di 25 anni di nome Luigi Lucheni si avvicina a loro. Lucheni improvvisamente accoltella Elisabeth con una lima da 4 pollici inserita in un manico di legno.

Lucheni aveva in origine pianificato di uccidere il duca di Orléans, ma il nobile francese aveva gia` lasciato Ginevra. Non riuscendo a trovarlo, l’assassino scelse Elisabeth quando un giornale di Ginevra rivelo` che l’elegante donna la quale viaggiava sotto lo pseudonimo di “Contessa di Hohenembs” era l’imperatrice Elisabetta d’Austria. Dopo che Lucheni la colpi, l'Imperatrice crollo e mori` poco dopo. Lucheni viene presto catturato mentre la rabbia e il dolore divampano nell’Autria-Ungheria.

I rossi vengono incitati dalla propaganda e da manipolatori invisibili per servire ciecamente la sete di sangue del Nuovo Ordine Mondiale

NOVEMBRE 1898: L’EROE DI GUERRA VIENE NOMINATO GOVERNATORE DI NEW YORK

Quasi immediatamente dopo aver lasciato l’esercito nell’agosto del 1898, la leggenda americana viene fatta camdidare come il partito repubblicano alla carica di governatore. Come uno si sarebbe già aspettato dal narcisista, TR si batte` vigorosamente sfruttando il suo curriculum da “eroe”. La mitologia venne diffusa ancor maggiormente dalla Stampa Gialla. Il “colonnello” Roosevelt vinse le elezioni con un margine storicamente ristretto di appena l’1%. Theodore Roosevelt e` veramente un uomo fortunato!

Il suo breve governatorato di due anni è segnato dal supporto al “cittadino comune” contro le grandi corporazioni cattive. Come la sua fantasia di essere un eroe di guerra, questa semplicistica narrativa si basa su fumo e cazzate. In realtà, TR era una creazione interamente posseduta dagli stessi Re di Wall Street a cui dovrebbe fare la guerra.

L’altro notevole, e tipico, sviluppo del Governatorato di TR è stata la stranissima innovazione di tenere conferenze stampa non su base settimanale; non su base giornaliera, ma per ben 2 volte al giorno!

Apparentemente, cio` è stato fatto per “rimanere in contatto con la classe media”. In realtà, le due conferenze stampa al giorno servono come ulteriore prova del fatto che TR è un megalomane ossessionato dall’attenzione, che non dovrebbe mai essere stato autorizzato ad avvicinarsi alle leve del potere.

1889-1890: IL VICE PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI MUORE/ TR PRENDE IL SUO POSTO

A soli 55 anni, il vicepresidente Garret Hobart muore per una strana malattia cardiaca nel novembre del 1899. Hobart è un conservatore costituzionale. La sua morte prematura crea convenientemente un’apertura per la fazione progressista-globalista che si è infiltrata nel Partito Repubblicano.
La stessa fazione di guerrafondai che aveva imposto la folle guerra ispano-americana a McKinley dara` presto a TR un biglietto presidenziale per le elezioni del 1900. Questo sforzo è supportato anche da alcuni a New York che desiderano liberarsi dell’egoico governatore e della sua eccessiva interferenza nel commercio.

I globalisti sono ora “a un solo istante” dall’avere il loro primo fantoccio installato nella Casa Bianca. Hobart è stato avvelenato per aprire la strada al globalista TR? Eventi successivi suggeriscono che la morte stranamente conveniente di Hobart era probabilmente parte di un piano.

Step 1: Il record militare di TR è esagerato dalla Yellow Press (San Juan Hill).
Step 2: Il “War Hero” viene poi introdotto nel Governatorato di New York
Step 3: Quando Hobart muore, “l’eroe di guerra” viene affiancato ad un riluttante McKinley. Il popolare McKinley viene rieletto. A settembre, Roosevelt conia la frase per la quale è meglio conosciuto:

“Parla piano e porta un grosso bastone, e andrai lontano”.

1899-1902: LA GUERRA DEI CONFINI/I ROTHSCHILD INVADONO IL SUD AFRICA

La seconda guerra anglo-boera è la prima grande guerra del 20 ° secolo. (La prima guerra fu un breve conflitto vinto dai boeri nel 1881) I boeri sono discendenti da coloni tedeschi, francesi e olandesi arrivati ​​in Sud Africa nel 1600. Grandi lavoratori i boeri coltivarono la terra vergine e costruirono repubbliche prosperose e libere. Come le mosche sulla merda, la scoperta dei diamanti nel 1800 attiro` l’immigrazione e gli intrighi britannici / sionisti. L’agente Rothschild Cecil Rhodes. (dalla quale la globalista “Rhodes Scholarship” prende il nome) e il magnate ebreo Barney Barbato fondarono la compagnia DeBeers, che controllerà la produzione mondiale di diamanti. Nel dicembre del 1895, una banda di 500 avventurieri britannici avevano tentato di impadronirsi del Sudafrica in un’acquisizione armata “non ufficiale”. Il raid fallito è guidato dall’amico personale di Rhodes, Leander Starr Jameson. Non scoraggiati dal fallimento del raid, gli aggressori continuarono a fomentare la guerra contro i boeri, con i giornali sionisti nel Regno Unito. I boeri chiesero alla Gran Bretagna di ritirare le sue truppe. I britannici rifiutarono. La seconda guerra boera inizio` nell’ottobre del 1899.

Gli inglesi intrapresero una crudele guerra, ammassando persino donne e bambini affamati in luridi campi di concentramento. Istigarono e armarono le tribù nere ad “uccidere i boeri”. I boeri infine si sottometteranno e accetteranno il dominio britannico (fino al 1961). La famiglia ebraica Oppenheimer – i cui legami commerciali con i Rothschild risalgono a più di 100 anni fa – domineranno DeBeers e i media sudafricani. Fino ad oggi, i Globalisti stanno usando i neri per dichiarare guerra ai boeri.

Molte donne e bambini sono morti nei campi di concentramento della Gran Bretagna dei Rothschild

29 LUGLIO 1890: I ROSSI UCCIDONO IL RE D’ITALIA

Nel maggio del 1900, il terrorista rosso Gaetano Bresci lascio` la sua casa a Paterson, New Jersey, e torno’ in Italia. Qui cerco` di uccidere il Re Umberto, arrivando nella città di Monza il 26 luglio. Il Re, che era sopravvissuto ad un tentativo di omicidio Rosso nel 1878, arrivo` la sera del 29 in una carrozza e inizio` a distribuire medaglie agli atleti italiani riuniti.
Dopo un breve discorso di congratulazioni di congratulazioni, Umberto scese dalla piattaforma e torno` nella sua carrozza. Mentre si stava per sedere, Bresci usci` dalla folla brandendo un revolver e sparo` quattro volte. Il Re mori` pochi secondi dopo, colpito tre volte al petto. Bresci viene affrontato da agenti di polizia e arrestato.

SETTEMBRE 1901: I ROSSI UCCIDONO IL PRESIDENTE AMERICANO MCKINLEY/ TR DIVENTA PRESIDENTE

La vita politica incantata dell’eroe Roosevelt continua quando Leon Czolgosz, un terrorista rosso, spara a distanza ravvicinata al presidente McKinley. Sono stati i discorsi della famigerata sovversiva rossa, Emma Goldman, che SPINSERO Czolgosz a “fare qualcosa di eroico” e diventare così famoso.
McKinley sembra essere in forte ripresa, prima di indebolirsi e morire improvvisamente il 14 settembre 1901. Poco prima del suo 43esimo compleanno, l’ultra-ambizioso Theodore Roosevelt diventa il più giovane presidente della storia degli Stati Uniti. Una pallottola rossa ha messo un “progressista” nella Casa Bianca.
E ancora, tante cose positive stanno accadendo a Theodore Roosevelt!

1902-1907: TR COMBATTE LA GUERRA NELLE FILIPPINE E LA RIVOLTA DEI MORI

La vergognosa guerra filippina e la successiva ribellione dei mori derivano dalla altrettanto vergognosa guerra ispano-americana – la “splendida piccola guerra” a cui fa riferimento TR. Durante la guerra di aggressione asiatica di TR, vengono uccisi 5.000 americani e 20.000 filippini, con oltre 100.000 indigeni che muoiono di malattie.  Questa è la ricompensa del movimento indipendentista filippino, basato sulle vuote promesse dell’America. I nativi di lingua spagnola sono convertiti alla lingua inglese, che parlano ancora oggi.

1903: TR ORGANIZZA UNA RIVOLUZIONE IN COLOMBIA

Contrariamente alle affermazioni sulla post-Presidenza di TR, e anche contrariamente alle favole storiche degli Stati Uniti, il falso Faraone d’America non ha “costruito il Canale di Panama”. Si stava lavorando sul concetto da ben prima che TR arrivasse sulla scena. Al massimo, TR può essere accreditato con l’accelerazione del progetto in stallo; ma il modo in cui e` riuscito a far terminare il progetto ci porta ad un altro episodio vergognoso e non richiesto del bullo che e` Roosevelt.
Irritato dalla ragionevole richiesta della Colombia di condizioni migliori per quello che diventerà il Canale di Panama, TR fomenta una finta rivoluzione nella regione panamense della Colombia. Come dimostrazione di intimidazione, TR ordina anche il dispiegamento di corazzate nell’area. Il risultato è il neonato stato fantoccio di Panama.

APRILE 1904: “L’ENTENTE CORDIAL” / FRANCIA E INGHILTERRA STRINGONO UN ACCORDO LA GERMANIA E` SOSPETTOSA

L’Entente Cordial è una serie di accordi firmati tra Francia e Gran Bretagna. Gli accordi risolvono le questioni relative all’espansione coloniale e segnano anche la fine di un’era secolare di conflitti tra Francia e Gran Bretagna. La Germania vede la nuova alleanza con grande sospetto, soprattutto perché la Francia si era già alleata con la Russia nel 1892. I “pezzi degli scacchi” d’Europa sono chiaramente in preparazione in vista del Grande Gioco che verrà. L’alleanza Rothschild-Anglo-francese un giorno incastrera` gli Stati Uniti. Queste nazioni fungeranno da “sicari” militari del Nuovo Ordine Mondiale

Cartone animato tedesco: John Bull (Regno Unito) cammina con la sua puttana francese mentre la Germania, guarda con sospetto

1905: SIONISTI BANCHIERI E ROSSI TENTANO LA RIVOLUZIONE IN RUSSIA

Il tentativo di rivoluzione russa del 1905 è un’ondata di rivolte politiche, massicci scioperi del lavoro e atti terroristici contro il governo della Russia. I Rossi (sotto gli ordini dei loro padroni Rothschild / Schiff) usarono il malcontento che circonda la guerra perduta con il Giappone (finanziata da Schiff) per fomentare la rivoluzione. Dal 1905 al 1909, i terroristi rossi uccideranno 7.300 persone e ne feriranno circa 8.000.

Sebbene la Rivoluzione Rossa di ispirazione ebraica sia soppressa, lo zar Nicola II è costretto a fare concessioni “democratiche” che indeboliscono il suo potere. Nicholas commise un errore critico mostrando clemenza ai leader rossi come Lenin e Trotsky. Invece di giustiziare i leader marxisti, i russi semplicemente li arrestarono o li deportarono.
Lenin si reco` in Svizzera e Trotsky fini` a New York dopo essere fuggito dalla prigione. I comunisti in esilio torneranno un giorno, con più soldi dai banchieri sionisti, a terrorizzare ancora una volta la Russia cristiana.

17 FEBBRAIO 1905: I ROSSI UCCIDONO IL GRAN DUCA RUSSO

Il granduca russo Sergei Alexandrovich è il fratello del defunto zar Alessandro III. Il loro padre, Alessandro II (alleato di Lincoln), viene assassinato dai Rossi nel 1881. Il Granduca è una figura molto influente durante il regno di suo nipote e attuale zar, Nicola II. Il Granduca incontra lo stesso triste destino di suo padre quando un terrorista rosso di nome Ivan Kalyayev lancio` una bomba sulla carrozza del Duca. La bomba atterro` sulle sue ginocchia, cancellando il Duca dalla faccia della Terra. La duchessa Elisabetta, moglie del Granduca, si ritiro` dalla vita pubblica, fondo` un convento e si dedico` ad aiutare i poveri. I Rossi finiranno per uccidere lei e la sua suora nel 1918.

1905: IL MISTERIOSO PROTOCOLLO DEI SAVI DI SION VIENE PUBBLICATO IN RUSSIA

Il professore russo Sergei Nilus pubblico` una versione completa de I protocolli degli Anziani di Sion, un documento controverso scoperto alcuni anni prima. Si presume che i protocolli siano i verbali di un incontro segreto delle élite ebraiche in cui un piano generale per il dominio del mondo, da completare nei prossimi 100 anni, è presentato in termini agghiaccianti. I protocolli parlano del controllo ebraico delle banche mondiali, dei media mondiali, del comunismo, del liberalismo e dei partiti politici di ogni tipo. La trama principale include piani per:

  1. Distruggere la Chiesa cattolica e tutto il cristianesimo
  2. Promuovere l’ateismo
  3. Fomentare la lotta di classe / lavoro contro il datore di lavoro
  4. Rovesciare la Russia zarista
  5. Correggere la morale delle persone  Promuovere l'”arte moderna” senza senso e la letteratura erotica
  6. Usare l’antisemitismo per mantenere “gli ebrei minori” “coesi
  7. Gestire le donne attraverso ideologie emancipatorie
  8. Creare depressioni economiche e inflazioni
  9. Creare opposizione controllata
  10. Utilizzare il debito pubblico come arma per asservire i paesi
  11. Sovvertire e controllare tutti i governi esistenti
  12. Installare politici corrotti che possono essere ricattati
  13. Gestire gli studenti universitari con falso idealismo
  14. Assassinare i leader mondiali
  15. Diffondere malattie mortali
  16. Utilizzare il bilanciamento delle politiche di potere per controllare le nazioni
  17. Utilizzare il terrorismo
  18. Promuovere sport e giochi per allontanare le persone dalla politica
  19. Iniziare una guerra mondiale che includerà gli USA
  20. Istituire il governo mondiale dopo un incidente economico

Alcuni sostengono che i Protocolli siano stati creati dagli agenti di sicurezza russi per convincere lo zar Nicola II dell’esistenza del Nuovo Ordine Mondiale. Sebbene l’autenticità del documento rimanga in discussione, gli eventi mondiali dei prossimi decenni corrisponderanno così strettamente ai Protocolli che il documento diventerà virale a livello mondiale negli anni ’20 e ’30. Falsificazione o no, chiunque l’abbia scritto aveva una conoscenza inusuale della storia

MARZO 1906: IL NEW YORK TIMES RIPORTA LA FALSA NOTIZIA CHE 6 MILIONI DI EBREI STANNO RISCHIANDO LA VITA IN RUSSIA

Anche i giornali più piccoli ripresero la storiella dei “6.000.000” di ebrei.

31 MAGGIO 1906: I ROSSI HANNO QUASI UCCISO IL RE E LA REGINA DI SPAGNA DURANTE LE LORO NOZZE

Il giorno del matrimonio del popolare re Alfonso XIII di Spagna e della regina consorte Victoria Eugenia (nipote della regina d’Inghilterra) è segnato dall’ennesimo complotto rosso. La bomba di Mateu Morral Roca è nascosta in un mazzo di fiori, lanciato alla coppia reale da un balcone vicino. La micidiale bomba a fiori manca l’obiettivo, ma diversi passanti vengono uccisi.
La guerra omicida del Nuovo Ordine Mondiale contro la Spagna non ha mai fine.

1907: IL TRIPLO ENTENTE PORTA L’EUROPA PIU` VICINA ALLA GUERRA

La triplice intesa è un’alleanza militare tra Regno Unito, Francia e Russia, conclusa dopo la firma dell’Intesa britannico-russa nel 1907. Naturalmente, la Gran Bretagna Rothschild non si allea con la Russia per una questione di amicizia L’obiettivo dei Globalisti è attirare la Russia nella lotta contro la Germania e l’Austria-Ungheria dall’est. Dopo che la Russia, la Germania e l’Austria-Ungheria si sarebbero sconfitte a vicenda, tutti e tre gli ex alleati avrebbero potuto essere sovvertiti dall’interno dai comunisti e / o dai liberali, controllati dai globalisti. La Triple Entente è il contrappeso alla Triple Alliance del 1882 (o Poteri Centrali) di Germania, Austria-Ungheria e Italia. Anche Gli agenti Rothschild e Warburg sono al lavoro anche all’interno della Triple Alliance. L’Italia in seguito cambiera` schieramento e verra` sostituita dall’Impero ottomano (nemesi della Russia). Le due alleanze sono state abilmente create come meccanismi allo scopo di innescare la prossima guerra mondiale per riorganizzare l’Europa e il mondo. Un piccolo incidente nella regione balcanica dell’Austria meridionale-Ungheria è tutto ciò che servirà per accendere la miccia e trascinare i poteri dell’Europa (e dell’America) in una guerra di massa. Il Nuovo Ordine Mondiale e i suoi agenti manipoleranno abilmente la passione patriottica delle varie nazioni in modo da provocare un disastro che avvantaggi il Sionismo, il Comunismo e il Globalismo.

INIZI DEL 900: FREUD SESSUALIZZA LA PSICOLOGIA

Lo psicologo ebreo Sigmund Freud è un ciarlatano pubblicizzato dalla stampa, le cui “intuizioni” giocheranno un ruolo importante nel demolire e cancellare i costumi sessuali necessari per stabilizzare una società basata sulla famiglia – un obiettivo fondamentale che il New World Order ha sempre promosso.
Freud è un nevrotico che proietta le sue strane ossessioni sui suoi pazienti e nei suoi scritti. Fuma 20 sigari al giorno e non si ferma nemmeno quando gli viene diagnosticato un cancro alla mandibola. Freud sarà operato molte volte prima che la malattia lo uccida.
La “teoria della seduzione” di Freud afferma che molti disturbi mentali sono dovuti a ricordi repressi o persino immaginati di vedere o udire adulti che si impegnano in varie forme di attività sessuale. La schizofrenia, sosteneva, era causata da sentimenti irrisolti di omosessualità.

Tutto con Freud riguarda l’invidia del pene, il desiderio sessuale per la propria madre e i presunti mali della “repressione” (autocontrollo sessuale). La sua immaginazione è il suo unico controllo in realtà. In breve, il messaggio distruttivo di Freud verso l’Occidente è che la “sessualità repressa” è la radice della follia. Indulgere. Indulgere. Indulgere. Questo è male per la società, ma buono per coloro che desiderano distruggerla.

Spinto dalla stampa globalista, la frode di Freud ha arrecato un grande danno al pensiero e alla cultura europea e americana

INIZI 900: L’ASCESA DELLA CASATA ROCKEFELLER

Nei primi anni del 1900, facoltose élite “inglesi” non ebree (JP Morgan, Rockefeller, ecc.) strinsero alleanze con dinastie ebraiche come le famiglie Rothschild, Warburg e Schiff. Ubriachi del loro potere e della loro ricchezza, queste famiglie credono che sia loro diritto di nascita controllare l’umanità sotto il loro Nuovo Ordine Mondiale. Il più prominente dei Globalisti statunitensi è John D Rockefeller Sr., che fondò la Standard Oil nel 1870. La fortuna di Rockefeller, regolata per inflazione, lo rende l’americano più ricco della storia (un patrimonio netto di 700 miliardi di dollari nel 2013!) Suo figlio, John Jr. eredito` l’impero Rockefeller e lo espanse nel settore bancario. Crebbe 5 figli che portano l’operazione criminale della famiglia nel 21 ° secolo.

OTTOBRE 1907 I BANCHIERI DI WALL STREET ORGANIZZANO IL PANICO DEL 1907

I banchieri di New York hanno gonfiato artificialmente il mercato azionario con prestiti facili. Quando il prestito viene ridotto, la bolla esplode. Le azioni persero quasi il 50% . Il New York Times e i banchieri di Wall Street usarono il Panico del 1907 per creare una causa per la creazione di una banca centrale di stile europeo (come immaginava Karl Marx). Alcuni anni dopo, il senatore Robert Owen  accuso` i banchieri,

“Il panico è stato determinato da una deliberata cospirazione per l’arricchimento di coloro che l’hanno progettata”.

JP Morgan, John D Rockefeller, Jacob Schiff e Paul Warburg, tutti dichiararono che la lezione da trarre dal Grande Panico è che gli Stati Uniti hanno bisogno di una Banca Centrale. Infatti, nove mesi prima della crisi, Schiff avvertì, in un discorso alla Camera di commercio: “a meno che non abbiamo una banca centrale con controllo delle risorse creditizie, questo paese subira` a breve il panico più grave e di vasta portata nel suo storia. ”  Profetico non trovate?

FEBBRAIO 1908: I RADICALI UCCIDONO IL RE E IL PRINCIPE DI PORTOGALLO

Il bagno di sangue reale in Europa continua mentre assassini uccidono il re Carlo del Portogallo insieme al figlio ed erede al trono, il principe Luis Filipe. Gli assassini, Alfredo Costa e Manuel Buiça, sono legati alla società segreta dei Carbonari. Avrebbero voluto anche uccidere la regina. La loro speranza era di provocare una rivoluzione. Come nel caso dell’omicidio di Abe Lincoln, gli assassini vengono giustiziati sul posto prima di poter parlare, suggerendo che la cospirazione potrebbe aver incluso elementi all’interno del governo. Ne consegue il panico, ma non si arrivo` alla rivoluzione. Il principe Manuel (figlio minore del re) succese a suo padre. I capi dell’Europa sono disgustati, in parte a causa della popolarità del re Carlos, e anche del modo brutale in cui l’assassinio è stato pianificato e orchestrato

1908: TR PONE UN FRONTMAN A WALL STREET PER MONOPOLIZZARE LA VALUTA E IL CREDITO AMERICANO

Un anno dopo il panico apparentemente progettato del 1907, TR e il Congresso stabiliscono la “National Monetary Commission” per studiare l’incidente e dare suggerimenti. In netto contrasto con l’immagine che Roosevelt si e` costruito ovvero “di piaga per i baroni  e i ladri di Wall Street”; Il senatore Nelson Aldrich, genero di John D. Rockefeller, fu nominato presidente. In seguito NMC suggeri` la creazione di una Banca centrale di proprietà privata per l’America, che alla fine verrà istituita nel 1913 sotto il nome di “Federal Reserve”.

Il danno causato dalla Fed all’America da allora è oltre lo scopo di questo lavoro e troppo lontano dall’argomento. L’essenziale punto da tenere in considerazione è che le battaglie ben pubblicizzate di TR contro i “Ladri e Baroni” di New York sono una finzione pubblicitaria.

In effetti, la NMC di TR, costituita durante gli ultimi mesi del mandato di TR, miro` a fornire il denaro ai vari Rockefeller, Warburg, Schiff, Morgan e Rothschild!

 

1908: LA RIVOLUZIONE DEI “GIOVANI TURCHI” INDEBOLISCE L’IMPERO OTTOMANO

I Giovani Turchi (come I Giovani Inglesi anni prima) sono un gruppo di “progressisti” sostenuti dai globalisti che lavorano per indebolire il Sultano dell’Impero ottomano e per creare “democrazia”. Nel 1908, i Giovani Turchi, sostenuti da elementi all’interno dell’esercito, inscenano una rivolta contro il Sultano. Poiché i Giovani Turchi sono penetrati nell’esercito, il Sultano è costretto a sottomettersi a concessioni che indebolirono il suo potere. Il “Comitato dell’Unione e del progresso” (CUP), emerse dalla sua precedente oscurità cospiratoria e diventera` una forza potente nella politica parlamentare turca. Come in Europa, i riformatori ebrei svolsero un ruolo di primo piano nei Giovani Turchi / CUP (Carasso, Bey, Russo, Jabotinsky ecc.)
Quest’ultima “mossa di scacchi” avanza i piani Globo-Sionisti. Il Sultano si era fortemente opposto alla creazione di uno stato ebraico nella Palestina ottomana. Ora, con così tanti importanti giovani turchi ebrei in ascesa, i sionisti hanno alcuni partner amichevoli con cui lavorare in Turchia.

1900-1920: EMERGONO NUOVI BOSS SIONISTI

L’orbita Rothschild include altri banchieri sionisti che emergono come giganti a tutti gli effetti. Questi magnati “americani” domineranno la prossima presidenza di 8 anni del loro patetico burattino, Woody Wilson.

JACOB SCHIFF: la famiglia Schiff ha condiviso una casa con i Rothschild nel 1700. Schiff aiutò il Giappone a sconfiggere la Russia nel 1905. Aiuterà anche a fondare / finanziare il NAACP e l’ADL.

BERNARD BARUCH: Baruch introdusse per la prima volta Woodrow Wilson nella ricca comunità ebraica di New York City. Secondo un resoconto, “Baruch guidava Wilson come si farebbe con un barboncino al guinzaglio”. Durante la prima guerra mondiale, Baruch dirigerà le War Industries Board di Wilson, rendendolo la figura più potente dell’industria statunitense.

I FRATELLI WARBURG: Paul Warburg diventerà presto il “padre della Federal Reserve statunitense” – un sindacato di private banking e di manipolazione delle scorte di denaro che accumula l’interesse per il privilegio di stampare la valuta nazionale. Suo figlio James costituirà i “Federalisti del mondo unito” nel 1947 per promuovere apertamente il governo mondiale. Suo fratello, Max è un banchiere molto potente in Germania, e il suo altro fratello, Felix, un “filantropo”, usa la sua fortuna per promuovere cause Globo-Sioniste.

FEBBRAIO 1909: RICCHI SIONISTI COSTITUISCONO LA NAACP PER CONTROLLARE LA POPOLAZIONE NERA

La NAACP (National Association for the Advancement of Coloured People) è l’organizzazione americana nera più conosciuta. Ciò che non è ampiamente noto è che i suoi fondatori sono tutti ebrei!  I primi fondatori ebrei includono Julius Rosenwald, Lillian Wald, il rabbino Emil Hirsch e il rabbino Steven Wise. Un comunista nero di nome W.E. Dubois è abilmente presentato come il front man della NAACP. Nel 1914, il professore ebreo Joel Spingarn diventera` presidente e reclutera` per il suo consiglio leader ebraici come Jacob Billikopf, il rabbino Stephen Wise e il possente Jacob Schiff. Il denaro sionista ha controllato a lungo questo gruppo per i “diritti civili”. Secondo la progettazione, la NAACP distraeva i neri dall’influenza positiva del conservatore afroamericano Booker T. Washington., Un popolare leader nero che credeva nei principi fondatori dell’America e cercava di costruire ponti tra bianchi e neri. La NAACP liberaldemocratica rappresenta l’opposto di ciò che rappresenta il Repubblicano Booker T. La NAACP è uno strumento marxista globalista che serve a dividere e incitare gli americani mentre raduna gli elettori neri (di cui non si preoccupano!) sotto l’egira della sinistra. Di conseguenza, anche oggi, il 90-95% degli elettori neri vota ciecamente per i candidati del Partito Democratico.

1909: NATHAN ROTSCHILD E` L’UOMO PIU` POTENTE IN GRAN BRETAGNA

Dopo aver accumulato enormi fortune durante il 19 ° secolo, il nome Rothschild è ormai sinonimo di potere e ricchezza. La famiglia è conosciuta per le sue collezioni d’arte e palazzi. Entro la fine del 19 ° secolo, la famiglia Rothschild possiede circa 40 palazzi, una proporzione e un lusso senza eguali anche tra le famiglie reali. Il primo ministro britannico Lloyd George afferma, nel 1909, che Lord Nathan Rothschild ( figlio di Lionel) “è l’uomo più potente in Gran Bretagna”. Anche i rami francese e austriaco del consorzio Rothschild hanno un potere simile (anche se in misura minore) su quelle nazioni. I loro agenti influenzano anche la politica e la finanza americana e tedesca. Insieme alle altre dinastie bancarie ebraiche (Schiff, Warburg, Baruch, Lazard) e agli alleati e agenti anglo-americani (Rockefeller, JP Morgan), La Casa Globo-Sionista dei Rothschild è il cuore pulsante del sindacato criminale che e` il Nuovo Ordine Mondiale

1909: LA BIBBIA SCOFIELD TRASFORMA I CRISTIANI IN SIONISTI

Cyrus Scofield è un politico e un criminale in carriera da poco tempo. Nel 1873, è costretto a dimettersi dalla carica di procuratore distrettuale a causa di transazioni finanziarie irregolari che includono l’accettazione di tangenti, il furto di contributi politici e l’assicurazione di banconote attraverso la creazione di firme. Egli servi` in carcere per accuse di contraffazione.

Forte bevitore, Scofield in seguito abbandonera` sua moglie e due figlie. Sua moglie, infine, divorzio` dal truffatore ubriaco nel 1883. Come fanno molti truffatori, Scofield disse di aver “trovato Gesù”. È ordinato ministro affermando poi di avere un dottorato in teologia, questa e` una bugia.

Dopo diversi viaggi misteriosi in Europa e New York; Scofield pubblica la nota Bibbia di riferimento che porta il suo nome. Le note laterali aggiunte nella Bibbia di Scofield ci presentano una profezia biblica per la fine dei tempi. A causa dell’antica Bibbia di Scofield, molti cristiani oggi credono che Gesù ritornerà per salvare i suoi seguaci dai “tempi finali” (Il Rapimento), solo dopo che Israele sara` stato stabilito, e che “Dio benedirà coloro che benedicono Israele”.

Questa alterazione biblica, per mano di un noto criminale, segna l’inizio di una potente forza nella politica americana nota come “sionismo cristiano”. Molti milioni di cristiani “evangelici” sono stati mentalmente infettati dal veleno di Scofield. I sionisti cristiani sono ancora più fanatici nel loro sostegno a Israele di quanto lo siano i sionisti ebrei. La Bibbia Scofield è molto buona per il sionismo! La domanda è; chi ha incontrato il truffatore Scofield a New York e in Europa?

NOVEMBRE 1910: L’INCONTRO SEGRETO A JEKYLL ISLAND E LA COSPIRAZIONE PER LA CREAZIONE DI UNA BANCA CENTRALE

Le stesse forze che hanno deliberatamente creato il Panico del 1907, e la Commissione monetaria del 1908, continuano ad avanzare la loro trama per imporre una “soluzione” alle stesse crisi che hanno architettato. Il senatore Nelson Aldrich (nonno materno di Nelson e David Rockefeller) invita i migliori banchieri a partecipare a una conferenza segreta presso il club di caccia Jekyll Island in Georgia. Incontrandosi sotto l’inganno di un’escursione, i cospiratori pianificarono la creazione di una Banca Centrale di proprietà privata per l’America.

L'”escursione” a Jekyll Island incluse il senatore Aldrich, Henry P. Davison (il frontman per il finanziatore JP Morgan), il presidente della National City Bank Frank A. Vanderlip, e il “padre della Fed”, il recente immigrato ebreo tedesco e Agente Rothschild, Paul Warburg.

Fin dall’inizio, il gruppo procedette di nascosto. Evitando l’uso dei cognomi mentre si incontravano tranquillamente nell’automobile privata di Aldrich nel New Jersey. I dettagli della riunione segreta di Jekyll Island non emersero fino a qualche anno più tardi. Successivamente è stato riconosciuto apertamente che la Banca Centrale Warburg-Rothschild (che sarà istituita nel 1913 come Sistema della Riserva Federale) fu concepita all’incontro di Jekyll Island.

Scritto nella sua autobiografia 25 anni dopo, Frank Vanderlip rivela:

“C’è stata un’occasione, verso la fine del 1910, quando ero segretissimo – anzi, furtivo – come qualsiasi cospiratore. ..Non ritengo esagerato parlare della nostra spedizione segreta a Jekyll Island come occasione dell’effettiva concezione di ciò che alla fine divenne il Sistema della Federal Reserve. Ci è stato detto di non pronunciare il nostro cognome. Ci è stato detto inoltre che dovremmo evitare di cenare insieme la sera della nostra partenza. Fummo istruiti a venire uno alla volta e il più discretamente possibile al terminal ferroviario sul litorale del New Jersey dell’Hudson, dove la macchina privata del senatore Aldrich sarebbe stata prontamente attaccata all’estremità posteriore di un treno a sud. Una volta a bordo dell’auto privata avremo iniziato ad osservare il tabù che era stato fissato sui cognomi. Ci siamo rivolti l’un l’altro come Ben, Paul, Nelson e Abe. Davison e io adottammo ancora più profondi travestimenti abbandonando i nostri nomi di battesimo. Sulla teoria che avevamo sempre ragione, lui divenne Wilbur e io divenni Orville in omaggio a quei due pionieri dell’aviazione dei fratelli Wright. I servitori e il personale del treno potrebbero aver conosciuto l’identità di uno o due di noi, ma non sapevano tutto.

Storia Proibita: La TimeLine del Nuovo Ordine Mondiale (1971-1980)

1971: L’AGITATORE MARXISTA SAUL ALINSKI PUBBLICA “RULES FOR RADICALS”

Saul Alinsky è un marxista di Chicago che odia l’America, nato da immigrati ebrei russi fuggiti dalle rivolte antisemite e antimarxiste della Russia zarista. Alinsky è il fondatore di una “tattica di agitazione” conosciuta come “organizzazione di comunità”. Alinksy crede che l’America sia troppo forte per essere abbattuta dalla rivoluzione violenta. Invece di inefficaci violenze, Alinsky consiglia ai giovani radicali di diventare attivi nelle loro comunità locali e di infiltrarsi nel sistema politico. Gli organizzatori di comunità sono molto abili nella guerra politica, portano agitazione nei quartieri neri e cercano di sabotare le elezioni.

Il suo classico del 1971, Rules for Radicals, è dedicato a Satana, il primo rivoluzionario secondo Alinsky. RFR sarà una sorta di bibbia per gli agitatori, gli organizzatori di brogli elettorali e gli attivisti liberali. Stabilisce strategie intelligenti per infiltrarsi nel sistema con l’intento di sovvertirlo dall’interno.

Tra i noti devoti di Alinsky ci sono la futura First Lady Hillary Clinton, che ha scritto la sua tesi di laurea sulle idee di Alinksy. Un altro futuro studente delle tattiche di Alinsky è il presidente Barack Obama, che lavorerà effettivamente come “organizzatore di comunità” a Chicago negli anni ’90.

Alinsky insegnò ai radicali marxisti degli anni ’60 come infiltrarsi all’interno delle istituzioni americane. Hillary e Obama hanno entrambi studiato i suoi lavori

DICEMBRE 1970: VIENE FONDATA L’AGENZIA PER LA PROTEZIONE DELL’AMBIENTE

L’isteria ambientale guidata dai media culmina con l’istituzione di un nuovo dipartimento del governo. L’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA) avra` a sua disposizione ampi poteri per “proteggere l’ambiente”.

Con il passare dell’anno, regolamentazioni ambientali non necessarie, eccessive e dittatoriali renderanno molte aziende americane incapaci di competere con le controparti straniere. Insieme a pesanti tassazioni e contenziosi frivoli, i regolamenti EPA, spesso basati su “scienza spazzatura”, hanno costretto gli americani a chiudere le loro attivita` o li hanno costretti a trasferirsi all’estero.

Citando la burla del “Global Warming”, l’EPA oggi sta facendo salire le bollette dell’elettricità, erodendo la sovranità nazionale e distruggendo posti di lavoro.

Sotto pressione, il presunto “conservatore” Nixon ha notevolmente ampliato le dimensioni e il potere distruttivo del governo federale.

AGOSTO 1971: NIXON RECIDE OGNI COLLEGAMENTO TRA ORO E DOLLARO

Il presidente Richard Nixon (CFR) sciocco` i conservatori quando porto` gli Stati Uniti completamente fuori dallo Standard Aureo. Prima di questa mossa, il complesso governativo / federale non poteva prendere in prestito o creare nuova valuta “dal nulla” a meno che non avesse una certa porzione di quella quantità di oro in deposito a Fort Knox. Ora che lo standard aureo e` stato eliminato, gli Stati Uniti possono spendere incautamente per poi prendere in prestito denaro contraffatto dalla Federal Reserve di proprietà sionista. Questa è la vera causa dell ‘”inflazione”.

Negli anni successivi, il valore del dollaro diminui`. Quando i partner commerciali stranieri come le nazioni arabe videro che il dollaro ora valeva 35 centesimi, triplicarono il prezzo del petrolio per compensare. Quando i prezzi del gas triplicano da 0,50 cent a gallone a $ 1,50, “le nazioni OPEC” vennero accusate per la recessione inflazionistica.

FEBBRAIO 1972: NIXON VISITA MAO IN CINA/ IL PRESIDENTE AMERICANO PARLA DI UN NUOVO ORDINE MONDIALE

Mao non è solo uno dei più grandi assassini di massa nella storia del mondo, la sua banda ha anche assassinato i prigionieri di guerra statunitensi durante la guerra di Corea. Questo non significa nulla per i globalisti del CFR e per l'”anti-comunista” Richard Nixon.

Mao servi` gli obiettivi globalisti consolidando la Cina di Chiang Kai Shek sotto il controllo statale centralizzato. Gli oceani di sangue che ha versato, in questo modo, non riguardarono i globalisti. Era giunto il momento di “aprire” la Cina ad una graduale transizione futura nel Nuovo Ordine Mondiale.

A tal fine, Nixon andra` in Cina come aveva fatto l’anno prima il Segretario di Stato Henry Kissinger (CFR). In un discorso davanti a Mao, Nixon esprime il suo desiderio di “costruire un nuovo ordine mondiale” che includa (intrappoli) la Cina di Mao. Questa visita segna l’inizio della crescita economica della Cina e della sua transizione nella “comunità mondiale”.

Ironia della sorte, entro 30 anni, una Cina post-comunista e più orientata al mercato inizierà a dimostrare tendenze nazionaliste indipendenti – un’offesa intollerabile per i globalisti.

Con le mani sporche del sangue di milioni di persone Mao stringe la mano a Nixon

MAGGIO 1972: IL GOVERNATORE DELL’ALABAMA, WALLANCE SFIDA L’ENSTABLISHMENT

Il governatore George Wallace era candidato con i democratici per la presidenza nel ’64, e di nuovo come candidato al partito nel 1968. Era un populista anti-establishment e segui` la tradizione di Huey Long (assassinato nel 1935 mentre era in procinto di sfidare FDR all’interno del suo stesso partito). Wallace era un nazionalista che voleva vincere la guerra del Vietnam velocemente o ritirarsi totalmente. È anticomunista, si oppone agli aiuti stranieri e si oppone al Globalismo.
Facendo eco a Huey Long, Wallace dichiaro`: “Non c’è minima differenza tra repubblicani e democratici”.

Nel gennaio del 1972, Wallace si dichiaro` nuovamente candidato democratico`, entrando in campo contro i liberali George McGovern e Hubert Humphrey. Nelle elezioni primarie della Florida, Wallace ebbe i voti di ogni singola contea! Per i prossimi quattro mesi, la campagna di Wallace fu un successo. Poi, durante una campagna nel Maryland il 15 maggio, venne colpito da 5 colpi di pistola da “un pistolero solitario” Arthur Bremer. Il governatore Wallace rimane paralizzato e la sua campagna termina, anche se continua a vincere altre due primarie.

Come RFK nel 1968, Wallace è stato ucciso prima che potesse vincere la nomination democratica.

GENNAIO 1973: HENRY KISSINGER TRADISCE L’AMERICA IN VIETNAM/ ABBANDONA I PRIGIONIERI DI GUERRA STATUNITENSI AI COMUNISTI

Negli accordi di pace di Parigi del 1973, gli Stati Uniti accettano di porre fine alla guerra del Vietnam. I negoziatori per i colloqui sono l’agente Rockefeller Henry Kissinger (CFR) per gli Stati Uniti e Le Duc Tho per il Vietnam del nord comunista. Per la gioia dei media statunitensi, Kissinger premia il Vietnam del Nord. Non solo il Nord potra` continuare ad occupare il Sud con le sue truppe ma l’assetto politico postbellico è configurato in modo tale da garantire un dominio comunista del Vietnam del Sud dopo la guerra.

Desideroso di concludere la guerra e vincere il premio Nobel per la pace, il sionista Kissinger rinuncia consapevolmente ai prigionieri di guerra americani ancora detenuti dai comunisti. Kissinger e Le Duc riceveranno entrambi premi Nobel per la pace.

Henry the K “e Comunist Le Duc – Henry è tutto sorrisi mentre tradisce sia i prigionieri di guerra del sud che degli Stati Uniti.

22 GENNAIO 1973: L’AMERICA RENDE LEGALE L’ABORTO

Il complesso globalista / comunista non ha mai avuto alcun riguardo per la vita umana, nata o non nata. Il suo ultimo successo pro-morte / anti-moralità è la decisione della Corte Suprema, che ignora i diritti degli stati, e rende l’aborto legale. Questa decisione ha impoverito la cultura moderna, inaugurando un’era (1973-Presente) in cui donne americane disinformate hanno aborti (40 milioni e passa!)

Ironia della sorte, la querelante nel caso, una donna del Texas di nome Norma McCorvey (soprannominata Jane Roe), negli anni successivi, avrebbe rimpianto la sua decisione di abortire diventando un feroce attivista pro-life.

Anche se il dibattito sull’aborto infuria fino ai giorni nostri, i media globalisti non mostrano MAI al pubblico alcuna immagine di ciò che veramente e` un aborto. Le femministe e i media promuovono il mito secondo il quale un bambino non nato è solo “una massa di cellule”. La maggior parte delle persone a favore dell’aborto, appena vedono immagini o video su cosa sia un aborto, iniziano subito a rivedere la propria posizione. Ecco perché le immagini in cui si illustrano le procedure dell’aborto sono nascoste alla vista pubblica.

La cultura della morte! I media globalisti non ti mostreranno mai che aspetto ha un bambino abortito.

LUGLIO 1973: DAIVD ROCKEFELLER E ZBIGNIEW BREZEZSKI FONDANO LA COMMISSIONE TRILATERALE

La Commissione trilaterale (TC) fu istituita per favorire la cooperazione tra Stati Uniti, Europa e Giappone. Il presidente del CFR David Rockefeller aveva proposto la sua creazione alla riunione del Bilderberg nel 1972. Il professor della Columbia Zbigniew.Brzezinski, organizzo` la TC, reclutando 300 persone tra l’élite della finanza, dell’economia, della politica e dei media.

Il tenente Goldwater accuso` la TC di essere un complotto:

“La Commissione Trilaterale rappresenta uno sforzo abile e coordinato per prendere il controllo e consolidare i centri del potere … Ciò che i trilateralisti intendono è la creazione di un potere economico mondiale superiore ai governi politici degli stati nazionali coinvolti. Come gestori del sistema, governeranno il futuro. “

Larry McDonald, leader del Georgia Congressman e della Birch Society, richiese l’avvio di un’indagine.

GLOBO-DEMONI! I fondatori della Commissione Trilaterale: Z-big, Henry the K e King David Rockefeller. Il logo sembra rappresentare un 6-6-6.

SETTEMBRE 1973: AUGUSTO PINOCHET METTE IN SCENA UN COLPO DI STATO ANTI MARXISTA IN CILE

La “sinistra” comunista è in subbuglio per un colpo di stato anti-marxista in Cile. Il generale Augusto Pinochet ne ha abbastanza del governo socialista “democratico” del marxista Salvador Allende. Prendendo il potere, Pinochet scaccio` la feccia marxista che ha devastato l’economia del Cile. Ridimensiono` il governo, taglio` le tasse e privatizzo` le industrie statali.

Sotto la pressione dalla “comunità mondiale”, l’amato generale lascio` il govrno nel 1990. Come risultato delle sue riforme, il Cile è ancora l’economia più prospera del Sud America. I globalisti non amano essere imbarazzati in questo modo. In Gran Bretagna, per un intervento chirurgico alla schiena, nel 1998, l’85enne Pinochet fu arrestato per “violazioni dei diritti umani” commesse contro i comunisti spagnoli.

Ironicamente, il capo comunista cubano Fidel Castro, i cui plotoni hanno ucciso migliaia di prigionieri e le cui carceri sono famose per torturare i prigionieri politici , è stato premiato in Spagna nello stesso momento in cui venne emesso il mandato per Pinochet. Pinochet fu finalmente rilasciato, ma sarà perseguitato dagli “intellettuali” del Cile fino alla sua morte nel 2006.

1- Euro-globalisti arrestarono Pinochet nel 1998. Morì nel 2006
2- Allende con Castro
3- Il Generale Pinochet ha salvato il Cile

1975: GLI AMERICANI SE NE VANNO DAL VIETNAM CON LA CODA TRA LE GAMBE/ I ROSSI UCCIDONO MILIONI DI PERSONE

L’improvvisa partenza degli USA lasciò gli alleati sud vietnamiti destabilizzati indifesi e nelle mani dei comunisti del Nord. Milioni di pro-americani terrorizzati cercano di scappare su barconi mal ridotti per fuggire dai comunisti che, come al solito, iniziarono ad uccidere, torturare e arrestare i loro nemici.

Destabilizzata, anche la vicina nazione della Cambogia cade al comunismo. Lì, il “Khmer Rouge” uccide 2 milioni di persone (1/3 della popolazione!) Il globalista Henry Kissinger (CFR / TC) – e gli “attivisti pacifisti” amanti del marxismo che hanno così ostacolato lo sforzo bellico americano – non versarono alcuna lacrima.

Spinti in mare dagli amici comunisti di Kissinger, moriranno circa in 200.000.

1973-1975: DUE DIMISSIONI E DUE TENTATI OMICIDI FECERO (QUASI) ELEGGERE NELSON ROCKEFELLER A PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI

L’ambizioso governatore repubblicano Nelson Rockefeller (NY) sognava di essere presidente. I conservatori come Barry Goldwater non permetteranno mai a questo Globalista di vincere la nomination. Tuttavia dopo una serie di eventi bizzarri, stranamente simili alla rapida ascesa di Teddy Roosevelt, “Rocky” arriva letteralmente a pochi passi dal realizzare il suo sogno.

10 ottobre 1973: il vicepresidente conservatore Spiro Agnew è costretto a dimettersi per uno scandalo (spinto dai media) che riguardava un caso di “evasione fiscale”.

12 ottobre 1973: i leader del Congresso democratico costringono il presidente Nixon a selezionare Gerald Ford (TC) come vicepresidente.

9 agosto 1974: il presidente Nixon si dimette per il “Scandalo Watergate” (spinto dai media) Il vicepresidente Ford diventera` presidente.

19 dicembre 1974: con la benedizione del Congresso democratico, Ford sceglie Rockefeller come vicepresidente. I conservatori sono arrabbiati.

1974-1975: Rockefeller e Kissinger provocano divisioni all’interno dell’amministrazione Ford.

5 settembre 1975: la radicale Lynette Fromme punta la pistola contro la testa del presidente Ford, ma viene arrestata da un agente dei servizi segreti prima di poter premere il grilletto.

22 settembre 1975: la radicale Sarah Jane Moore spara a Ford, mancando la testa di soli 6 pollici. Viene affrontata da un presente mentre stava per sparare un secondo colpo.

Ford si candido` alle elezioni nel 1976, ma lascio` Rockefeller fuori dai suoi piani dopo che Goldwater e Ronald Reagan minacciarono di negare il loro supporto.

Ford, il quale presto` servizio nella Warren Commission che copri` l’omicidio di JFK, non voleva fare la stessa fine!

Una serie di eventi molto strani e due radicali squilibrati hanno reso l’elezione di Nelson Rockefeller quasi possibile

1971-1979: IL POPOLARE SHOW DELLA CBS “ALL IN THE FAMILY” FA IL LAVAGGIO DEL CERVELLO AGLI AMERICANI CON PROPAGANDA MARXISTA

Nei giorni precedenti alla TV via Cavo / Satellite, c’erano solo 3 reti (CBS, ABC, NBC) e alcuni canali locali tra cui scegliere. Dal 1971 al 1979, lo spettacolo più quotato (di gran lunga!) e` la sitcom “All in the Family”, prodotta dai sionisti-marxisti Norman Lear e Bud Yorkin.

Ambientato nel Queens, New York nel salotto della famiglia Bunker, ogni episodio contiene discussioni politiche tra Archie (vecchio repubblicano conservatore) e alcuni giovani personaggi liberali (Michael, Gloria, Irene, Lionel, Maude)

Gli argomenti di Archie vengono sempre proposti in un tono rabbioso, buffo e bigotto verso neri, ispanici ed ebrei. I liberali nello show, tuttavia sono sempre raffigurati come intelligenti e “tolleranti”.

Settimana dopo settimana, il massiccio pubblico nazionale non può fare a meno di ridere di Archie, cosi` stupido e arrabbiato.
Nel subconscio della mente pubblica, gli ideali conservatori si associano alla stupidità e all’odio, mentre le opinioni liberali sono associate all’educazione e alla tolleranza.

Nell’ultimo anno del lungo decennio di AITF, Archie “matura” in un uomo più liberale e simpatico, che accetta un socio ebreo e addirittura adotta una figlia ebrea.

Il pubblico di AITF (e altri spettacoli) non poterono rilevare la manipolazione psicologica, ma il ritratto poco lusinghiero che AITF ci propone di Archie, insieme alla sua eventuale redenzione, allontanerà gradualmente milioni di spettatori dal pensiero conservatore, verso una visione più marxista del mondo.

Il severo “conservatore” Archie urla sempre e dice cose stupide. Il suo genero “liberale”, Michael, e` quello cool.

1976-1980: IL DISASTRO DI JIMMY CARTER

A seguito dello scandalo del Water Gate e il discusso perdono di Nixon da parte di Gerald Ford per il suo ruolo nel cover-up, l’elezione del 1976 sarà sicuramente un grande anno per i democratici. Dal nulla, lo sconosciuto Governatore della Georgia venne pubblicizzato dai media democratici. Che storia fantastica! Un umile ex “agricoltore di arachidi” sconvolge l’establishment! …………

Non esattamente. A quanto pare, Jimmy Carter è un membro originale della Commissione Trilaterale. L’elezione del 1976, quindi, vede Gerald Ford (TC) contro Jimmy Carter (TC) – una vittoria per il Nuovo Ordine Mondiale. Dopo la vittoria di Carter, Brzezinski viene nominato Consigliere per la sicurezza nazionale. Nei prossimi 4 anni, “Zbig” e il suo finto burattino “coltivatore di arachidi”:

  1. Tradiranno il governo nicaraguense anticomunista. Risultato: L’anticomunista Anastasio Somosa viene esiliato. Il Nicaragua cade nelle mani dei rossi.
  2. Tradiranno il governo anti-comunista della Rhodesia. Risultato: l’anti-comunista Ian Smith viene espulso. La Rhodesia cade nelle mani del comunista razzista nero Robert Mugabe
  3. Tradiranno i ribelli anticomunisti in Angola. Risultato: il regime comunista angolano è rafforzato ed e` protetto contro le forze ribelli anticomuniste di Jonas Savimbi. (UNITA)

MARZO-MAGGIO 1978:IL PRIMO MINISTRO ITALIANO ALDO MORO VIENE RAPITO E ASSASSINATO

Henry Kissinger è molto arrabbiato con il primo ministro italiano, Aldo Moro. Di sua iniziativa e sfidando i globalisti, Moro sta elaborando un accordo con i comunisti d’Italia. Secondo i termini del “Compendio Storico”, i democristiani di Moro formeranno un governo di coalizione che includerà i comunisti. Indubbiamente ciò porterebbe ad una politica estera più neutrale nei confronti dell’Unione Sovietica.

Non è che Kissinger e i suoi amici globalisti siano “anti-comunisti”. Sono anti-russi. Che sia uno zar come Nicola; o un segretario generale comunista come Breznev; o un libero mercato democratico come Putin; l’obiettivo è sempre lo stesso: soggiogare il continente eurasiatico sotto il controllo del Globalismo.

Ogni leader nazionale che si avvicina troppo alla Russia dovrà quindi essere punito in un modo o nell’altro. Ricordiamo il destino del presidente Lincoln (ucciso), il presidente francese Carnot (ucciso), il presidente Taft (messo fuori servizio).

Il 16 marzo 1978, un’unità che si dice appartenente al gruppo militante comunista noto come le Brigate Rosse blocca il convoglio di due auto che trasporta Moro e lo rapisce, uccidendo le sue cinque guardie del corpo. Due mesi dopo, il primo ministro viene ucciso. La conseguente reazione anticomunista scatena “Il Compromesso Storico” e riporta l’Italia nella sfera della globalizzazione anti-sovietica. L’omicidio di Aldo Moro fu un colpo basso per i comunisti, ma una buona notizia per i globalisti – tutto indica che sia stata la Cia a rapire Moro e dare poi la colpa ai comunisti italiani.

La vedova di Moro racconterà in seguito l’incontro di suo marito con Henry Kissinger e un funzionario dell’intelligence americana non identificato. Avvertirono Moro di non perseguire la strategia di portare il Partito Comunista nel suo gabinetto, dicendogli:

“Devi abbandonare il piano di voler riunire tutte le forze politiche nel tuo governo  … o la pagherai cara”.

Moro fu così scosso dal commento che si ammalò e minacciò di lasciare la politica.

Rapito dalle “Brigate rosse” (CIA) – tenuto in ostaggio per quasi due mesi – assassinato a sangue freddo

OTTOBRE 1979: NASCE IL DIPARTIMENTO DELL’EDUCAZIONE AMERICANO

Il presidente Jimmy Carter fonda il Dipartimento dell’educazione. Per 200 anni, gli americani furono persone ben istruite, senza l’aiuto di una burocrazia federale. Per quale motivo l’America ha improvvisamente bisogno di un nuovo Gabinetto? La risposta si rivelerà negli anni a venire, in quanto il Dipartimento per l’educazione degli Stati Uniti, collegato all’ONU, crescera` forte e potente influenzando ogni livello sociale.

Di conseguenza, i bambini americani oggi non imparano quasi nulla sulle dottrine fondanti dell’America o sulla sua vera storia.
Invece di imparare a pensare in modo critico, i giovani studenti sono alimentati con la forza dalla propaganda globalista e socialista, con favole sul riscaldamento globale, con l’odio per gli ideali americani, con una “educazione sessuale” pornografica e basata sulle gioie dell’omosessualita`. Abbiamo dunque ragazzi stupidi che diventeranno facilmente “cittadini globali” facilmente controllabili.

Il DOE globalista ha deliberatamente distrutto i giovani americani, trasformandoli in adulti non pensanti.

1979: LA NASCITA DEI “NEO CONSERVATORI”/ IL SABOTAGGIO DEI VALORI CONSERVATORI DA PARTE DI EX MARXISTI

Il termine “neoconservatore” ebbe origine nei primi anni ’70 e fiorì nel 1979. I fondatori del neoconservatorismo (neo-con) sono “ex-marxisti” autoproclamati i quali hanno capito il loro errore e sono ora desiderosi di abbracciare il conservatorismo americano.

Il primo grande intellettuale a fare “coming out” come neo-con è Irving Kristol (CFR) – “Il Padrino” dei neo-con. Kristol spiega le sue opinioni in un articolo del 1979 “Confessioni di un autoconsapevole” neoconservatore.

I conservatori creduloni accolgono gli infiltrati neocon a braccia aperte nei loro circoli. Non passerà molto tempo prima che questi sionisti “ex-marxisti” violino il vero conservatorismo. I neocon sono i globalisti che si differenziano dagli altri globalisti “liberali” in un settore chiave. Mentre i globalisti del Bilderberger / TC non hanno un amore o una lealtà speciale per Israele, i neocon-globalisti sono fan di Israele, i primi sionisti.

Questa divisione interna, all’interno della più ampia famiglia criminale del Nuovo Ordine Mondiale è un’estensione della tesi “Sionismo contro Bolscevismo” di Churchill di cui scrisse circa 60 anni prima … Il figlio di Kristol, William Kristol, fonderà il controverso progetto per il New American Century che richiederà una nuova “Pearl Harbor” negli anni successivi.

DICEMBRE 1979: BRZEZINSKI TRASCINA I SOVIETICI NELLA SUA TRAPPOLA AFGHANA

I globalisti hanno a lungo aiutato la diffusione del comunismo per i propri scopi. Il comunismo è uno strumento per rovesciare le nazioni tradizionaliste e del libero mercato. Il piano a lungo termine, tuttavia, è quello di unire le nazioni comuniste in un Nuovo Ordine Mondiale che è un mix di corporativismo e comunismo.

I sovietici a Mosca hanno i loro piani di dominio del mondo, o almeno di influenza mondiale. Ma non possono competere con i globalisti che li hanno creati.

Zbigniew Brzezinski sviluppo` un piano per attirare l’Unione Sovietica in una guerra costosa e destabilizzante in Afghanistan. Nello stesso modo in cui la guerra russo-giapponese indebolì la Russia zarista nel 1905, la trappola afgana di Brzezinski avrebbe indebolito lo stato sovietico.

In un’intervista con una rivista francese, Zbig viene a conoscenza della guerra sovietico-afgana:

Domanda: L’ex direttore della CIA, Robert Gates, ha dichiarato nelle sue memorie [“From the Shadows”], che i servizi di intelligence americani hanno iniziato ad aiutare i mujaheddin in Afghanistan 6 mesi prima dell’intervento sovietico. In quel periodo eri il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Carter. Quindi hai avuto un ruolo in questa faccenda. È corretto?”
Brzezinski: “Sì. Secondo la versione ufficiale della storia, gli aiuti della CIA ai mujahedin iniziarono nel 1980, cioè dopo che l’esercito sovietico invase l’Afghanistan, il 24 dicembre 1979. Ma la realtà, segretamente custodita fino ad ora, è completamente diversa In effetti, era il 3 luglio 1979 quando il presidente Carter firmò la prima direttiva per gli aiuti segreti agli oppositori del regime filo-sovietico a Kabul. E proprio quel giorno, scrissi una nota al presidente in cui gli spiegai che a mio parere questo aiuto avrebbe indotto un intervento militare sovietico “.
Domanda: “Quando i sovietici hanno giustificato il loro intervento affermando che intendevano combattere contro un coinvolgimento segreto degli Stati Uniti in Afghanistan, la gente non li ha creduti, tuttavia c’era una base di verità. ? Non rimpiangi nulla riguardo quelle scelte?”

Brzezinski: “Rimpiangere cosa?” Quell’operazione segreta era un’idea eccellente: ha avuto l’effetto di trascinare i russi nella trappola afgana e pensi che sia pentito?
Il giorno in cui i sovietici varcarono ufficialmente il confine, scrissi al presidente Carter. Ora abbiamo l’opportunità di dare all’URSS la sua guerra del Vietnam. In effetti, per quasi 10 anni, Mosca ha dovuto condurre una guerra insostenibile da parte del governo, un conflitto che ha provocato la demoralizzazione e infine la rottura dell’impero sovietico. “

La trappola afghana di Zbig non riguardava “l’anti-comunismo”. È nata in modo tale che un gruppo di criminali (i globalisti) possa trarre vantaggio da un altro gruppo di criminali (sovietici) e intrappolarli nel futuro governo mondiale.

Brzezinski (sopra) e la CIA armarono combattenti afghani contro i sovietici

NOVEMBRE 1980: CONSERVATORI IN FESTA, REGAN VIENE ELETTO PRESIDENTE

L’ex governatore della California, Ronald Reagan, sconfisse l’ex capo della CIA George HW Bush in un’amara lotta repubblicana. I conservatori speravano che Reagan avrebbe distrutto Jimmy Carter.

Reagan era un sostenitore di Goldwater e un informatore anti-rosso durante i suoi giorni come attore di Hollywood. Durante la sua campagna, sostenne di voler adottare una linea dura contro i sovietici e predico` le virtù del governo limitato, di uno standard aureo, meno spese e tasse. Si impegno` persino a far sì che la Commissione Trilaterale non controllasse la sua amministrazione!

L’ambiente politico tuttavia fara` si che Reagan si circondi di manipolatori TC / CFR, compresa la sua scelta come Vice Presidente – George HW Bush. Con inflazione, tasse e disoccupazione alle stelle, il carismatico Reagan sconfigge facilmente Carter.

Reagan era un uomo onesto che perse il controllo della sua presidenza nei confronti dei globalisti e dei sionisti che erano stati messi tutti intorno a lui.

Storia Proibita: La TimeLine del Nuovo Ordine Mondiale (1945-1960)

AGOSTO 1945: EISENHOWER E DEI PRODUTTORI HOLLYWOODIANI GIRANO UN FILM PROPAGANDA SULLE ATROCITA` DELL’OLOCAUSTO

Il pubblico americano è inorridito di fronte ai filmati dei campi di concentramento “nazisti”. Un film, autorizzato dal generale Eisenhower, mostra le “camere a gas” di Dachau, teste arroccate di detenuti e lampade fatte con carne umana. I civili tedeschi vennero costretti a vedere queste false immagini. Per aggiungere ulteriore credibilità a tali rivendicazioni, il film include immagini delle dichiarazioni giurate degli ufficiali militari Usa.

Come risulto` e come anche gli “studiosi” ebrei dell’Olocausto adesso ammetteranno apertamente, i teschi erano dei falsi, le lampade erano fatte di pelle di capra e nessuno fu mai “gassato” a Dachau. Tuttavia, anche se la verita` e` venuta a galla (40 anni dopo), la reputazione tedesca ha subito un danno non indifferente.

1 & 2- Il crudele Eisenhower radunò gli abitanti dei villaggi tedeschi e li costrinse a “vedere cosa avevano fatto”.
3- L’hoax delle teste rimpicciolite fu la creazione di Albert G. Rosenberg, un ufficiale ebreo che serviva nell’unità di guerra psicologica di Eisenhower.
4- Ilse Koch fu condannato all’ergastolo, principalmente per possedere “paralumi umani” che erano fatti di pelle di capra! Si è suicidata nel 1967, poco prima di una visita programmata di suo figlio.

1945-1950: L’EUROPA DIVENTA UN CONTINENTE SELVAGGIO

La seconda guerra mondiale in Europa si concluse ufficialmente nel 1945, ma il periodo di anarchia e di guerra civile che segui` avrà una durata di cinque anni. In tutta Europa, i paesaggi sono devastati, città intere rovinate e milioni di persone senza tetto. Istituzioni come la polizia, i mezzi di comunicazione, i trasporti, il governo locale e nazionale sono ormai scomparsi o gravemente indeboliti. I tassi di criminalità salgono; le economie crollano; e donne e ragazze affamate si rivolgono alla prostituzione, mentre la popolazione europea si trova sull’orlo della fame.

I comunisti, i liberali e gli ebrei impongono una crudele vendetta alla loro preda inerme. Ovunque i civili tedeschi e i loro alleati anticomunisti vengono accerchiati, violentati, sodomizzati, annegati, torturati, mutilati, bruciati e uccisi.

I campi di concentramento vengono riaperti e riempiti di anticomunisti e tedeschi. Dopo essere stati affamati a morte, le foto dei detenuti vengono fatte passare per vittime dell’Olocausto di Hitler. I massacri e le guerre civili seguono in Grecia, Jugoslavia, Polonia e in parti d’Italia e Francia. Nei più grandi atti di pulizia etnica che il mondo abbia mai visto, decine di milioni vengono espulsi dalla propria terra di origine, mentre gli occupanti alleati guardavano dall’altra parte.

Il libro del 2012 “Savage Continent” descrive l’orrore dei mesi e degli anni del dopoguerra in macabri dettagli.

1944-1946: L’ARMATA ROSSA STUPRA 2.000.000 DI DONNE

Mentre l’Esercito Rosso entrava in Germania, il propagandista ebraico di Stalin, Ilya Ehrenberg, incoraggiava i soldati a stuprare e uccidere le donne tedesche. I volantini di Ehrenberg dichiarano:

“Uccidi! Uccidi! Nella razza tedesca c’è il male; vivi o in procinto di venire al mondo sono tutti il male! Seguite i precetti di Stalin. Schiacciate la bestia fascista una volta per tutte nella sua tana! Usate la forza e rompete l’orgoglio razziale delle donne tedesche. Prendeteli come vostro bottino legittimo. Uccidete! Mentre devastate, uccidete, soldati galanti dell’Esercito Rosso. “

Quest’orgia fu uno degli episodi più atroci della storia umana. Due milioni di femmine tedesche dagli 8 agli 80 anni vennero violentate, sommozzate e picchiate duro, spesso davanti ai loro figli o ai loro familiari. Alcune vengono penetrate con bottiglie rotte e baionette in orgie selvagge sotto i fumi dell’alcool.

Anche le donne che terrorizzate fuggivano nelle chiese e negli ospedali vennero braccate e violentate. Le monache, le bambine e le donne anziane vennero infette da malattie veneree. In diversi casi il seno veniva tagliato e il corpo veniva bruciato dopo che le vittime erano state violentate. I più raccapriccianti orrorri furono commessi dalle truppe ebraiche e dalle truppe mongoloide provenienti dalle repubbliche asiatiche dell’estremo oriente dell’Unione Sovietica. Piuttosto che sottomettersi all’orrore, migliaia di donne tedesche si suicidarono.

Eisenhower, Truman e la stampa sionista erano pienamente consapevoli dell’orrore mostruoso che l’uomo a cui tutti si riferiscono come “zio Joe” sta infliggendo a queste povere donne.

Molte donne tedesche venivano prese dalla strada e stuprate in gruppo

1946-1947: “IKE” UCCIDE 1.5 MILIONI DI PRIGIONIERI DI GUERRA TEDESCHI

Ad un anno dalla resa tedesca, il generale Eisenhower deteneva ancora milioni di prigionieri di guerra tedeschi. Gli internati venivano ammassati in modo inumano in campi di internamento senza latrine ed esposti agli elementi. I tedeschi scavavano buchi per ripararsi e cominciarono persino a mangiare ebrea!

Le guardie americane che cercavano di aiutare i detenuti erano sottoposti ad azioni disciplinari. I civili tedeschi che portavano cibo e coperte ai prigionieri venivano uccisi dalle guardie. A differenza dei campi di internamento tedeschi, aperti all’ispezione internazionale, Eisenhower pubblico` un ordine con il quale impediva l’accesso ai funzionari della Croce Rossa . Alla fine della loro crudele incarcerazione, ben 1,5 milioni di detenuti tedeschi saranno morti di una morte lenta e dolorosa.

Other Losses di James Bacque è molto ben strutturato e supportato da foto scioccanti. Milioni di tedeschi esposti alle intemperie erano stipati nei campi di morte di Ike. Malattia e fame li hanno uccisi lentamente.

1945-1950: STALIN UCCIDE 1 MILIONE DI PRIGIONIERI DI GUERRA

Come Eisenhower, anche Stalin maltrattato` i suoi prigioneri di guerra tedeschi. Questi ultimi vennero spesso eseguiti sommariamente e trattati come animali fino agli anni ’50 e forse oltre.

I prigionieri di guerra tedeschi furono portati in Unione Sovietica e fatti sfilare per le strade. Successivamente vennero fatti marciare verso est, verso i famigerati campi del Gulag. Molti morirono durante la lunga marcia; molti morirono nei campi di schiavi; e una minoranza tornò in Germania anni dopo. Le stime dei prigionieri di guerra uccisi in cattività vanno da 400.000 a 1.000.000.

1945-1949: 10 MILIONI DI TEDESCHI SFRATTATI DALLE PROPRIE CASE/ MUOIONO IN 2 MILIONI/ INIZIA UNA MASSIVA CAMPAGNA DI BRAINWASHING

Dopo la guerra, l’area della Germania storicamente nota come Prussia cesso` di esistere. Venne per lo più annessa alla Polonia occupata dai sovietici e all’Unione Sovietica stessa. Sette milioni di tedeschi vennero espulsi dalle loro case e costretti a migrare verso ovest. Un’altra parte del territorio tedesco venne dato alla Cecoslovacchia occupata dai sovietici, qui vennero espulsi 3 milioni di tedeschi.

I rifugiati vennero spesso aggrediti e violentati dall’Armata Rossa, nonché dalle gang ebraiche e comuniste. Due milioni moriranno durante le migrazioni forzate, e circa 500.000 vennero internati nei campi di lavoro sovietici. La priorita` sull’occupazione delle case tedesche viene data agli ebrei.

Nell’ambito di uno sforzo di ri-programmazione psicologica noto come “De-Nazificazione”, il popolo tedesco è deliberatamente sottoposto a fame, traumi mentali e torture. Delle affamate donne tedesche vendono i loro corpi ai soldati americani in cambio di qualche lattina di cibo.

Per aggiungere un insulto finale alla beffa, i vecchi pagamenti derivanti dal Trattato di Versailles saranno reintrodotti dal 1948 e verranno ripagati completamente solo nel 2010!

Dieci milioni di tedeschi furono espulsi dalle loro case. Molti morirono durante la lunga marcia verso ovest. ‘Hellstorm’ di Thomas Goodrich racconta la storia di ciò che fu fatto ai tedeschi “nazisti” dal 1944 al 1947.

Espulsi dalla Prussia 7 milioni/ Sudeti espulsi 3 milioni

21 DICEMBRE 1945: L’ANTI SIONISTA/COMUNISTA GENERALE PATTON VIENE ASSASSINATO

Il generale Eisenhower aveva bisogno del generale Patton per vincere la guerra. Patton, tuttavia, criticava spesso Ike, protestando apertamente per il suo ordine di fermare l’avanzata (che impedi` a Patton di liberare l’Europa orientale prima che i Sovietici potessero arrivare) e ignoro` gli ordini di Ike liberando i prigionieri tedeschi dopo la vittoria.

Patton esorto` i suoi superiori affinche` permettessero che il suo esercito espellesse i sovietici indeboliti dall’Europa. In alcune lettere a sua moglie, espresse il suo disgusto riguardo al crudele sterminio del popolo tedesco, le violenze dell’esercito rosso e quello che egli descrive come “sforzi ebraico/comunista per aumentare l’influenza sovietica”. L'”insubordinazione” di Patton porto` Ike alla decisione di toglierlo dal comando. In una di quelle lettere, Patton rivelo` che lasciando l’esercito e stabilendosi in America, avrebbe combattuto apertamente il tradimento.

Non ebbe mai la possibilità di farlo … Patton fu ricoverato in ospedale dopo uno strano incidente automobilistico a Mannheim, in Germania. L’icona americana muore in ospedale due settimane dopo, vittima, apparentemente, di un ordine di assassinio, emesso da Ike o dai suoi superiori.

Patton fu una minaccia per il Nuovo ordine Mondiale

1945-1947: OPERAZIONE KEELHAUL/ IKE CONSEGNA 5 MILIONI DI PRIGIONERI DI GUERRA E RIFUGIATI RUSSI E SS NELLE MANI DI STALIN

Stalin considero` i prigionieri di guerra russi catturati dalla Germania e i rifugiati russi che fuggirono in Occidente con i tedeschi in ritirata, come traditori. A Yalta, FDR e Churchill concordarono che i traduttori russi e le SS sarebbero stati inviati a Stalin in cambio di soldati americani ed inglesi “liberati” dai sovietici. Il generale Eisenhower esegui` con impazienza questa atrocità; L’accordovenne chiamato: “Operazione Keelhaul” (riprendendo una vecchia punizione navale nella quale si legava un marinaio con una corda per poi trascinarlo sotto lo scafo di una nave)!

3 milioni di prigionieri russi terrorizzati sono costretti a salire su treni e autocarri che li porteranno dai loro carcerieri sovietici. Molti commetteranno suicidio.

In operazioni separate, le famiglie anticomuniste rifugiate, che effettivamente seguirono i loro protettori tedeschi mentre si ritiravano dalla Russia, vennero spediti dallo “zio Joe” e sottoposti a speciali torture, tra cui lo stupro delle donne. Come ultimo insulto da parte del nostro “alleato”, Stalin deteneva ancora 25.000 soldati americani e 30.000 soldati britannici, inviandoli nei suoi gulaghi siberiani. (10) Ike, Churchill e Truman erano consapevoli dei prigionieri di guerra mancanti ma non dissero niente.

1- “Il tradimento dei cosacchi”

1- Il capo dell’esercito rosso Zhukov a Ike: “Buon lavoro compagno” Per aver consegnato alla morte le nazioni dell’Europa orientale e milioni di profughi russi, Ike si guadagno` una medaglia sovietica.

5 MARZO 1946: CHURCHILL DICHIARA CHE UNA CORTINA DI FERRO E` SCESA SULL’EUROPA

Nel 1946 è chiaro che Stalin non ha intenzione di consentire alle nazioni occupate dell’Europa orientale di aderire alla “Famiglia europea”. Né è interessato ad annettere l’URSS ad un Nuovo Ordine Mondiale controllato dall’Occidente. L’affare d’amore globale con l’Unione Sovietica termina in disillusione. E` cosi` che nacque la “guerra fredda”.

L’ex Primo Ministro della Gran Bretagna, Winston Churchill, che ha aiutato a progettare questo disastro, fece il suo famoso discorso sulla “Cortina di Ferro” a Fulton, nel Missouri:

“Una cortina di ferro è scesa sul continente. Dietro questa linea si trovano tutte le capitali degli stati antichi dell’Europa centrale e orientale. Varsavia, Berlino, Praga, Vienna, Budapest, Belgrado, Bucarest e Sofia; tutte queste famose città e le popolazioni che le circondano si trovano in quello che devo chiamare “sfera sovietica “.”

Nei corso dei successivi mesi e anni, queste nazioni, che erano state date a Stalin a Yalta, cadranno, una ad una sotto l’influenza di partiti comunisti sostenuti dai Soviet. Il generale Patton aveva ragione dopo tutto!

Il discorso della “cortina di ferro” del pazzo ubriaco segna l’inizio della “guerra fredda” con l’Unione Sovietica e la divisione dell’Europa in orientale e occidentale.

 

OTTOBRE 1946: IL TRIBUNALE DI NORIMBERGA CONDANNA A MORTE I LEADERS TEDESCHI

Durante la Conferenza di Teheran del 1943, Joe Stalin propose di condannare a morte 50.000 agenti tedeschi, dopo la guerra. FDR scherzo` dicendo che 49.000 sarebbero bastati! I sanguinari alleati erano tutti d’accordo sul fatto che “il processo” dei principali leader della Germania avrebbe avuto luogo dopo la guerra.

Quando il processo ebbe inizio nel 1945, erano previste 8 diverse sessioni (2 giudici degli Stati Uniti, del Regno Unito, dell’URSS e della Francia). Il primo giudice americano è Francis Biddle, della famiglia Biddle la quale genero` il presidente della banca centrale americana del 19 ° secolo, Nicholas Biddle.

Onorabili dirigenti tedeschi vengono condannati come “criminali di guerra” da parte degli stessi governi che hanno ordinato i bombardamenti di Amburgo, Dresda e Tokyo, l’affondamento del Wilhelm del Gustloff e del Goya, il ritorno forzato dei rifugiati e dei prigionieri di guerra russi, la morte di 1,5 milioni di prigionieri tedeschi, gli omicidi nella foresta di Katyn, la violenza di massa sulle donne tedesche e lo sgancio delle bombe atomiche! Diverse centinaia di figure politiche americane ed europee importanti, scrittori, artisti e uomini militari, tra cui un giovane John F. Kennedy, condannarono i processi.

Degli imputati, 11 verranno impiccati, e 7 (tra cui il paracadutista Rudolf Hess) dovranno scontare lunghi periodi di carcere. Herman Goering, capo della Luftwaffe (Forze aeree tedesche) si fece beffa dei suoi carnefici prendendo il veleno nella sua cella di prigione. È probabile che una guardia americana aiuto` Goering contrabbandando il veleno nella sua cella.

Il semplice omicidio tuttavia non bastava a questi carnefici. I carcerieri alleati utilizzarono un sistema di impiccagione che non prevedeva la rottura del collo ma, attraverso una corda breve, la morte soggiungeva per strangolamento. Le vittime così morirono lentamente e soffrendo.

Inoltre, la botola era troppo piccola, provocando lesioni alla testa ai condannati a morte. Per aggiungere il danno alla beffa i corpi vennero cremati e le ceneri sparse, negando cosi` alla famiglia il diritto alla sepoltura.

1- Il ministro degli esteri Ribbentrop viene impiccato

2 e 3- Goering, Hess e Ribbentrop: i leader politici e militari tedeschi sono stati sottoposti a un ridicolo processo.

1946-1948: TERRORE ZIONISTA IN PALESTINA/NASCE IL NUOVO STATO DI ISRAELE

Con la Gran Bretagna stanca, indebolita e in debito dalla guerra, i sionisti opportunisti concentrano i loro attacchi contro i protettori britannici della Palestina. Erano gli inglesi che avevano rubato la Palestina per i sionisti dopo la prima guerra mondiale, ora, tuttavia, la Britannia deve essere tradita e scacciata dalla Palestina. Il bombardamento mortale dell’Hotel King David (1946) a Gerusalemme era rivolto agli ufficiali dell’esercito britannico, il quale uccise 91 persone.

Nel 1948, dopo che i tre poteri alleati della guerra riconobbero il nuovo Stato d’Israele, il massacro di Deir Yassin ebbe come obiettivo quello di spaventare i palestinesi per farli scappare dalla citta`. La banda terrorista Irgun, guidata dal futuro Primo Ministro israeliano e dal premio Nobel per la Pace Menachem Begin, è responsabile di entrambi.

A causa della “simpatia” acquisita dai fittizi “6 milioni” di morti della Seconda Guerra Mondiale, la tolleranza della brutale espansione e dello spostamento dei palestinesi di Israele viene tollerata.

1- King David Bombing: Irgun terrorizzo` i protettori britannici della Palestina e gli arabi locali.
2- Massacro a Deir Yassin, condotto dai partigiani ebrei appena arrivati dall’Europa.

GIUGNO 1947: I GLOBALISTI PROPONGONO IL PIANO MARSHALL

Il Piano Marshall è un massiccio schema di aiuti da parte degli Stati Uniti all’Europa Occidentale dopo la guerra. I Globalisti utilizzano ogni trucco propagandistico per vendere abilmente il costoso schema al senato americano anticomunista e ad un ingenuo pubblico americano.

La truffa del piano Marshall è venduta come un “programma di ripresa economica” necessaria per impedire alle nazioni di “cadere nel comunismo”. Lo schema è nominato e annunciato dal Segretario di Stato, recentemente nominato, George Marshall – “l’eroe della guerra”.

La “pillola velenosa” della truffa Marshall è il sottogruppo creatosi per gestire il pacchetto di aiuti: l’Organizzazione per la Cooperazione Economica Europea.

L’OEEC è composto da 18 nazioni. Sara` un prototipo del Mercato Comune Europeo e dell’attuale moneta unica europea.

1- Molti anni prima che l’UE fosse finalizzata, i manifesti di propaganda del piano Marshall stavano già vendendo l’idea di un’Europa unita. Questo e` stato il vero motivo la seconda guerra mondiale!

2- L’unico modo per vendere il piano Marshall era utilizzare la psicologia inversa e presentarla come un piano “anticomunista” contro cui Stalin si opponeva.

1945-PRESENTE: I 70 ANNI DI OCCUPAZIONE E LAVAGGIO DEL CERVELLO DELLA GERMANIA

Dai giorni della “de-nazificazione” post-guerra della Germania, per tutti i 45 anni di dominio comunista sulla Germania orientale, nonché del dominio statunitense di 70 anni di una Germania unita che continua fino ad oggi, il più grande crimine di tutti, forse, è lo stupro psicologico di tre generazioni di tedeschi. Sin da età precoce, ai bambini delle scuole tedesche viene insegnato ad odiare i grandi successi delle generazioni precedenti. Pateticamente, i tedeschi dei giorni nostri credono ferventemente a tutte le menzogne ​​raccontate sulla Germania “nazista” mentre continuano a cacciare e ad imprigionare coloro che “negano l’Olocausto” e innocenti uomini delle SS di 90 anni per “crimini di guerra”.

Quei tedeschi che non sono stati condizionati hanno troppo paura di parlare, perche` gli attuali governi potrebbero imprigionarli. A molti tedeschi dei giorni nostri piace l’autoflaggellazione! Sono come una donna che è stata violentata e pestata a morte, che si accusa e si scusa davanti al suo molestatore.

SETTEMBRE 1947: LA CIA VIENE FONDATA PER SERVIRE GLI OBIETTIVI GLOBALISTI

La legge sulla sicurezza nazionale del 1947 crea la Central Intelligence Agency (CIA). La CIA sostituisce l’agenzia di spionaggio OSS formata durante la seconda guerra mondiale. Essa si impegnerà in attività segrete su richiesta del Presidente Usa. Tra gli agenti della CIA ci sono molti patrioti, ma gli amministratori della CIA sono sempre stati uomini al servizio dei globalisti.

La CIA crebbe in potere e, infine, commise assassini, manipolo` elezioni, creando disinformazione attraverso i suoi numerosi contatti con i media, rovescio` i leader stranieri disobbedienti con rivoluzioni pacifiche spontanee o con colpi di stato violenti e mise in scena eventi terroristici “false flag” . La CIA coopera spesso con l’M16 inglese e con il Mossad Israeliano.

Su ordine Globalista, la super segreta CIA assassina leader politici, provoca attacchi terroristici “false flag”, manipola le notizie e destabilizza i governi stranieri. La CIA è attiva anche sul suolo degli Stati Uniti.

1947: LA ROCKEFELLER FOUNDATION FINANZIA L'”ARTE MODERNA”/ CORROMPE LA VERA ARTE CON INSENSATE BRUTTEZZE

Abby Aldrich Rockefeller (moglie di John D. Jr. e figlia del senatore Aldrich) sviluppo` l’idea di istituire un museo d’arte moderna a New York City. Il museo è stato aperto al pubblico il 7 novembre 1929. Si tratta fin dall’inizio di un’organizzazione diretta da Rockefeller.

Il figlio di Abby, Nelson, diventa il presidente del museo nel 1939. Nel 1947, il Rockefeller Brothers Trust Fund comincia a versare denaro per la promozione della loro casa degli orrori. Dopo essere diventato governatore di New York, il fratello minore di Nelson, David assume il comando nel 1958. David e Sharon Percy Rockefeller (moglie del senatore Jay Rockefeller) siedono al consiglio.

I globalisti e i comunisti usarono “l’arte moderna” per corrompere la bella cultura occidentale che cercano di distruggere. Se gli “intellettuali” possono essere persuasi a considerare la “merda” “arte”, allora possono essere persuasi ad accettare ogni altra falsa realtà presentata loro. Non volendo apparire “non intellettuali”, innumerevoli numeri di sempliciotti osservarono con meraviglia la merda esposta a New York e in altre grandi città.

Le incomprensibili e brutte opere dell’artista comunista Pablo Picasso sono state fortemente promosse da Rockefeller e dal suo New York Globalist ilk. Picasso, era un ammiratore dichiarato di Joe Stalin e uno dei candidati al “Premio per la Pace” sovietico.

1- Gli sciocchi che si meravigliano di fronte all’arte di Jackson Pollack possono essere manipolati come meglio si crede.

2- L’artista comunista Picasso ammira una foto di Stalin.

NOVEMBRE 1947: 10 COMUNISTI A HOLLYWOOD CITATI PER OLTRAGGIO AL CONGRESSO

La prima “lista nera” di Hollywood è stata istituita dagli studios il giorno dopo che 10 scrittori e registi comunisti vennero citati per oltraggio al Congresso per aver rifiutato di testimoniare alla commissione per attività non americane. Da allora furono ritratti come vittime dell'”antisemitismo” e “isteria anti-rossa”. (9 dei 10 erano ebrei)

In realtà, questi scrittori e direttori erano effettivamente dei sovversivi, fedeli a Stalin e Kaganovich e disposti ad usare il loro business per seminare la propaganda marxista nei film e corrompere la morale comune. Hollywood dominata dai sionisti / marxisti rimane ancora oggi un inquinante covo di pornografi e pedofili che spingono costantemente la propaganda anti-bianca, anti-cristiana e anti-musulmana

Gli stalinisti di Hollywood si ritraevano come vittime dell’ “isteria anticomunista”. Flash-mob comunisti vennero organizzati per difendere i rossi.

NOVEMBRE 1947: L’ONU DIVIDE LA PALESTINA IN REGIONI ARABE E ISRAELIANE

Il Mandato Britannico del 1922 diventera` una risoluzione dell’ONU in cui si stabilisce la base del moderno stato di Israele. Senza il consenso degli arabi nativi, la risoluzione raccomanda la cessazione del mandato britannico per la Palestina e la divisione della stessa in due stati, uno ebreo e un arabo, con la zona di Gerusalemme-Betlemme sotto la protezione internazionale, amministrata dall’ONU.

La risoluzione contiene anche piani per un’unione economica tra gli Stati proposti e per la protezione dei diritti religiosi e delle minoranze.

Lo schema di partizione esproprio` i palestinesi delle proprie case 

APRILE 1948: TERRORISTI EBREI UCCIDONO PIU` DI 100 CIVILI ARABI INDIFESI A DEIR YASSIN

I terroristi ebrei (partigiani ebrei della Seconda Guerra Mondiale) effettueranno molti omicidi di massa nei mesi precedenti alla costituzione formale di Israele. Il Massacro di Deir.Yassin è il più notevole in quanto brutalità. I combattenti dei gruppi paramilitari di Irgun e Stern Gang attaccano Deir.Yassin vicino a Gerusalemme, un villaggio di circa 600 persone. Oltre 100 vittime impotenti, tra cui donne e bambini, vennero uccise. Alcuni vengono fucilati; alcuni sgozzati, mentre altri muoiono mentre le bombe a mano vengono gettate nelle loro case .. Alcuni abitanti del villaggio vengono presi prigionieri e uccisi dopo essere stati fatti “sfilare” per le strade di Gerusalemme Ovest.

L’obiettivo strategico dei massacri è quello di terrorizzare i palestinesi per farli fuggire dai loro villaggi, in modo che gli ebrei europei possano prenderne possesso.

Massacri come Deir Yassin spaventarono i palestinesi facendoli fuggire dai loro villaggi.

MAGGIO 1948: VIENE PROCLAMATO LO STATO DI ISRAELE/ TRUMAN E LA UNIONE SOVIETICA LO RICONOSCONO SUBITO.

La trama di Herzl del 1897 entro` in piena fruizione quando Israele venne formalmente istituito. Il rapido riconoscimento di Israele da parte di Harry Truman rese felice i suoi finanziatori sionisti, la cui influenza lo aiuterà ad ottenere la vittoria nelle prossime elezioni del 1948. Ironia della sorte, un riesame del dei suoi diari del 2003 rivela la disapprovazione del presidente americano per gli ebrei che lo hanno spesso messo sotto pressione.
A soli 3 giorni dal riconoscimento di Truman, l’URSS dello zio Joe riconosce “lo Stato di Israele”.

Diverse nazioni arabe giunsero in difesa dei loro fratelli palestinesi. L’attacco di Deir.Yassin del mese precedente, insieme ad attacchi omicidi a Tiberiade, Haifa e Jaffa, aumento’ la pressione sui governi arabi per salvare la Palestina. Le notizie delle uccisioni suscitarono una tale collera pubblica nel mondo arabo che i governi non poterono ignorarla. Gli arabi non riuscirono nella loro breve guerra e nei futuri tentativi di liberare la Palestina. L’esercito sionista e il suo arsenale  di armi americane faranno presto di Israele il potere dominante della regione.

L’obiettivo ultimo di Israele è quello di espandersi dall’Egitto all’Iraq, includendo tutto il territorio tra il fiume (Nilo) e il fiume Eufrate (Iraq), rappresentando così le due linee blu della bandiera israeliana!

1- I voti dei due candidati delle elezioni del 1948 furono così vicini che i giornali avevano inizialmente riferito che John Dewy aveva sconfitto Truman. È stato il sostegno e il denaro degli ebrei che lo hanno tenuto al potere nel 1948.

1- Il 1 ° Presidente di Israele, Chaim Weizman, assegna a Truman una stella di David.

GIUGNO 1948: STALIN TENTA DI AFFAMARE BERLINO

Anche se la città di Berlino si trova interamente nella metà orientale sovietica della Germania del dopoguerra, la città stessa è divisa in una zona sovietica e in una zona occidentale. Il governo provvisorio a quattro potenze governa Berlino. Ma nel 1948 Stalin volle conquistare l’intera Berlino. L’accesso al territorio venne tagliato dai Soviet. I berlinesi sarebbero stati lasciati morire di fame, a meno che gli Stati Uniti e il Regno Unito non avessero accettato di lasciare il controllo alla Russia.

Non volendo che i Sovietici andassero troppo fuori controllo, i Globalisti si opposero ai loro partner sovietici. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna fecero un ponte aereo rilasciando viveri e beni di prima necessita` su Berlino. I sovietici chiusero un occhio e non fermarono il ponte aereo. Dopo un anno da questo evento, Stalin termino` il blocco. Berlino, tuttavia. rimarrà ancora una città divisa fino al 1989

AGOSTO 1948: ALGER HISS E` UNA SPIA SOVIETICA

Whittaker Chambers, ex membro del Partito Comunista diventato poi un anticomunista, denuncio` il funzionario governativo Alger Hiss come spia sovietica davanti alla commissione per le attività non americane. Hiss era stato un funzionario di alto livello del Dipartimento di Stato sotto FDR.

Hiss partecipo` alla Conferenza di Yalta del 1945, dove l’Europa orientale fu data a Stalin. Nel ’46 venne nominato Presidente del Marxist Carnegie Endowment per la Pace Mondiale.

Nel 1950, una giuria accuso` Hiss di spergiuro. Truman e i suoi consiglieri difesero Hiss condannando pubblicamente il processo. Anche la vedova di FDR, la lesbica rossa Eleanor Roosevelt, difese il traditore Hiss.

Nonostante i suoi importanti amici, la colpa di Hiss è chiara e servirà 44 mesi in prigione. La declassificazione dell’intercettazione VENONA nel 1995 confermerà il tradimento di Hiss (e di molti altri!)

Hiss è stato sacrificato, molti altri comunisti tuttavia non sono stati scoperti

4 APRILE 1949: NATO-VIENE FONDATA UNA ALLEANZA MILITARE GLOBALISTA

Il consolidamento militare del Nuovo Ordine Mondiale inizia con l’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO), un’alleanza militare con sede in Belgio. I membri, guidati dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dalla Francia, accettano di essere difesi reciprocamente in risposta ad un attacco dei sovietici. Un attacco contro una nazione in Europa o in Nord America è un attacco contro tutti.

La NATO è una trappola per il consolidamento del NWO e la “minaccia sovietica” creata dai globalisti è abilmente utilizzata per costruire questa trappola. Il consigliere di Churchill e il segretario generale della NATO, Lord Ismay, affermano che l’obiettivo della NATO è “mantenere i russi fuori, gli americani dentro e i tedeschi a bada”.

Dopo la fine del comunismo negli anni 90, la NATO si espanse ai vecchi stati satellite sovietici dell’Europa orientale. La Russia post-sovietica non è un membro.

La nato e` una organizzazione del NWO

MAGGIO 1949: IL SEGRETARIO ALLA DIFESA ANTI COMUNISTA E ANTI SIONISTA, JAMES FORRESTAL VIENE “SUICIDATO”

Il Segretario alla Difesa James Forrestal “cadde” dal 16esimo piano dell’ospedale navale di Bethesda. Era in cura per “depressione”. Il suo corpo venne trovato con un cordone di un accappatoio legato strettamente intorno al collo. Prima che venisse lanciata un’inchiesta, i giornali affermarono che Forrestal si era suicidato. Durante la sua ospedalizzazione, era difficile poter entrare in contatto con lui.

I media denunciarono Forrestal perche` si opponeva alla creazione di Israele e alla politica estera pro-rossa di Harry Truman. I suoi diari vennero rimossi dal suo ufficio. Forrestal era un uomo ricco che intendeva acquistare un giornale e, come Patton, lavorava per esporre il tradimento che ha portato gli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale e le politiche che hanno aiutato i sovietici.

Forrestal si ribello` al Nuovo Ordine Mondiale e mori`

AGOSTO 1949: L’UNIONE SOVIETICA SCANDALIZZA IL MONDO QUANDO FA ESPLODERE LA SUA PRIMA TESTATA NUCLEARE

Il mondo venne stordito quando i sovietici fecero esplodere la loro prima bomba atomica. I fisici che diressero il progetto sovietico beneficiarono notevolmente degli sforzi dello spionaggio sovietico. Attraverso le fonti del progetto Manhattan infestato da comunisti come Robert Oppenheimer, Klaus Fuchs e da Theodore Hall, l’URSS ottenne informazioni vitali per lo sviluppo di una bomba atomica.

Rapporti vengono mostrati al capo del progetto atomico sovietico Igor Kurchatov ed ebbero un impatto significativo sulla ricerca. Nel 1945 l’intelligence sovietica ottenne i “blueprint” del primo dispositivo atomico statunitense. I comunisti hanno ora “la bomba”, anni prima di quello che ci si sarebbe aspettato. Non è un caso.

Il Nuovo Ordine Mondiale utilizzo` la minaccia psicologica della guerra nucleare per spaventare il “mondo libero” indirizzandolo verso una più stretta integrazione militare, politica e economica.

Pensando di poter lavorare con lui per costruire un “Nuovo Ordine Mondiale”, i Globalisti chiusero un occhio su Stalin e sulla sua bomba atomica.

OTTOBRE 1949: TRADITI DA GEORGE MARSHALL, I NAZIONALISTI CINESI PERDONO LA GUERRA CONTRO I ROSSI

A causa dell’inesplicabile cessione della Manciuria nel 1945 (e delle armi giapponesi catturate), a Stalin, i nazionalisti cinesi non poterono più tenere sotto controllo i ribelli di Mao Tse Tung.
Come segretario speciale alla Cina, il Segretario di Stato, Marshall inflisse il colpo finale imponendo un embargo sulle armi a Chiang Kai-Shek. La sconfitta della Cina libera e` avvenuta grazie alla manipolazione dell’opinione pubblica statunitense da parte del NY Times e del Washington Post, che ritrassero Chiang come un “corrotto” e un “fascista” mentre Mao fu glorificato come “un riformatore agrario”.

Mao institui` la Repubblica popolare cinese. Chiang e due milioni di nazionalisti fuggirono nell’isola di Formosa (Taiwan). Crearono uno stato libero e prospero; mentre il compagno di George Marshall, Mao, trasformerà la Cina in una tirannia omicida che presto attacherà e ucciderà truppe americane in Corea

1- Tradito da Marshall, Chiang fugge dalla Cina e fonda la libera e prosperosa nazione di Taiwan.
2- Marshall e Mao

FEBBRAIO 1950: IL SENATORE JOSEPH MCCARTHY INIZIA LA SUA PERSONALE BATTAGLIA CONTRO LA SOVVERSIONE COMUNISTA

L’ascesa del senatore Joseph McCarthy inizia con un discorso in cui fece il nome di comunisti che lavoravano nel Dipartimento di Stato.
Negli ultimi anni, l’Europa orientale è caduta ai rossi, Mao ha catturato la Cina, i sovietici hanno fatto esplodere una bomba atomica e spie come Alger Hiss sono state esposte. Gli americani sono giustamente preoccupati. L’eroico senatore dichiarerà davanti al Senato:

“Come possiamo capacitarci della nostra attuale situazione se non presupponendo che uomini di alto livello in questo governo stiano lavorando all’unisono per portarci sull’orlo del precipizio? Tutto questo deve essere il prodotto di una grande cospirazione, una cospirazione su una scala così immensa da far impallidire qualsiasi impresa del genere avvenuta precedentemente nella storia dell’uomo – Una cospirazione cosi` infame, che quando sarà finalmente esposta, i suoi principi verranno maledetti dagli uomini onesti per sempre “.

Le accuse di Mccarthy fanno notizia

GIUGNO 1950: INIZIA LA GUERRA COREANA/ IL NORD COMUNISTA ATTACCA IL SUD SUPPORTATO DAGLI USA

Cinque anni dopo che gli Stati Uniti regalarono la Corea del Nord ai sovietici a Yalta; il nord comunista invase la Corea del Sud nel giugno del 1950. Dopo soli tre mesi, il grande generale e patriota della seconda guerra mondiale, Douglass MacArthur, organizzando brillanti offensive riesce a catturare la capitale settentrionale di Pyonyang.
Con un limitato numero di vittime americane, sembra che la guerra sia finita e vinta rapidamente. Questo finché il presidente Truman e i globalisti intorno a lui non interferiranno.

Il nord corea comunista poteva facilmente essere fermato da MacArthur

APRILE 1951: TRUMAN LICENZIA IL GENERALE MACARTHUR/ MOLTI AMERICANI SONO FURIOSI

Dopo aver licenziato l’eroico generale MacArthur per “insubordinazione”, Truman divenne immediatamente il presidente più impopolare della storia degli Stati Uniti. I globalisti sostennero che furono le azioni aggressive di MacArthur a portare la Cina nella guerra di Corea. In realita`, furono le intollerabili restrizioni che Truman impose a MacArthur e a Chiang che spinsero la Cina a muoversi. Mao entro` in guerra contro i potenti Stati Uniti perché sapeva benissimo che gli agenti rossi attorno a Truman manovravano il gioco.

MacArthur ritorno` negli Stati Uniti e fu accolto come un eroe. Con il patriottico e brillante stratega rimosso dal campo di battaglia, i comunisti in patria e all’estero erano al settimo cielo. La guerra termino` in stallo nel 1953 (come previsto). Gli americani morti furono all’incirca 50.000.

Era ormai ovvio a molti americani che c’era qualcosa di molto sbagliato nella politica estera degli Stati Uniti, qualcosa di molto peggiore della semplice “incompetenza”.

Licenziare MacArthur rese Truman impopolare

GIUGNO 1951: IN UN DISCORSO STORICO IL SENATORE MCCARTHY ACCUSA GEORGE MARSHALL DI TRADIMENTO

I media globalisti rimasero indignati quando il senatore McCarthy oso` denunciare uno dei loro eroi. Durante un lungo discorso al Senato, McCarthy (un ex-giudice) espose magistralmente gli “errori” commesi da Marshall nell’ “attacco a sorpresa” di Pearl Harbor, nella cattiva gestione della seconda guerra mondiale, nella cessione dell’Europa orientale in favore di Stalin e nella perdita della Cina per mano dei rossi di Mao.

McCarthy suggeri’ (sottilmente) che Eisenhower era in combutta con Marshall. Si burlo` della reputazione di Marshall e di come essa fosse stata creata dai media corrotti:

“Marshall, che attraverso l’alchimia della propaganda è diventato il” più grande americano vivente ” ed e` stato recentemente proclamato ” il maestro della strategia globale “.

Il lungo discorso di McCarthy verrà in seguito pubblicato con il titolo: America’s Retreat from Victory; The Story of George Catlett Marshall.

McCarthy non era impaurito dallo status di eroe di Marshall

1952 ANNO DI ELEZIONI: LE FORZE DIETRO EISENHOWER METTONO FUORI GIOCO IL SENATORE TAFT DALLA CORSA PRESIDENZIALE REPUBBLICANA

Con il paese costernato dalla politica interna socialista e dalla disastrosa politica estera dei democratici, il 1952 sarà sicuramente un grande anno elettorale repubblicano. I democratici sono così deboli che il tanto diffamato Harry Truman non cercherà nemmeno la rielezione.

Il candidato principale per i repubblicani è il senatore Robert Taft (R-OH). Come suo padre William H. Taft, il giovane Taft è un patriota conservatore. E, come suo padre nel 1912, anche lui non riuscira` a partecipare alla corsa presidenziale. Alla convention repubblicana per la nomina del 1952, l’ala del partito globalista uso` trucchi e tattiche infami per far deragliare Taft in favore dell’omicida di massa della seconda guerra mondiale e amico di Stalin, Dwight Eisenhower.

Ike, l ‘”eroe di guerra”, era diventato “repubblicano” solo di recente. Sconfisse il democratico Adlai Stevenson nelle elezioni generali. I repubblicani, come i democratici, sono ora completamente sotto il controllo dei globalisti.

Durante la sua presidenza, Eisenhower, di stirpe svedese-ebraica, sarà inserito come membro onorario nella Tau Epsilon Phi (TEP), una confraternita ebrea; contribuira` anche ad organizzare la prima riunione del Bilderberg Rockefeller-Rothschild nei Paesi Bassi.

MARZO 1953: STALIN MUORE/ AVVELENATO DA SUBORDINATI IN PREDA AL TERRORE

La paranoia di Stalin lo porto` spesso ad “epurare” qualsiasi subordinato che diventasse troppo potente. Questa mania finì per essere una profezia. Temendo per la propria vita, il folle Laventry Beria capo della polizia segreta e altri avvelenarono il vecchio bastardo assassino.

Nel 2003, un gruppo congiunto di storici russi e americani annunciò che Stalin ingeri` il warfarin, un potente veleno per topi che inibisce la coagulazione del sangue, predisponendo la vittima ad un ictus (emorragia cerebrale).

Nikita Krusciov – un compagno assassino di Lazar Kaganovich durante il suo genocidio ucraino – diventerà il nuovo premier sovietico entro la fine dell’anno. Krusciov in seguito condannerà Stalin per la sua brutalità nei confronti dei suoi compagni comunisti.

Stalin e` morto…i suoi aguzzini tirano un sospiro di sollievo mentre i globalisti complotteranno nell’ombra la prossima mossa dell’Unione Sovietica

1953: IL GLOBALISTA SIONISTA LEONARAD GOLDENSON FONDA L’ABC TELEVISION

L’American Broadcasting Corporation (ABC) è stata originariamente costituita nel 1943. Nel 1951, ABC possedeva e gestiva numerose stazioni televisive, ma era sull’orlo della bancarotta. Il globalista sionista Leonard Goldenson intervenne trasferendo 25 milioni di dollari alla compagnia e diventandone presidente. La moderna ABC ha origine da questa transazione del 1953. Goldenson supervisionerà tutte le aree delle operazioni dei media dal 1953 al 1986.

Oggi l’ABC è di proprietà del Conglomerato di Walt Disney. Il globalista sionista Michael Eisner è stato CEO della Disney dal 1984 al 2005. In seguito, Eisner venne sostituito dall’attuale CEO, il globalista sionista Robert Iger.

GIUGNO 1953: I COMUNISTI ROSENBERG, CONDANNATO ALLA SEDIA ELETTRICA

I comunisti ebrei Julius ed Ethel Rosenberg vennero perseguitati per aver passato i segreti della bomba atomica ai sovietici. Il fratello di Ethel, David Greenglass, aveva dato i segreti ai Rosenberg mentre lavorava al Progetto Manhattan. I marxisti denunciarono l’esecuzione dei Rosenberg come una “caccia alle streghe antisemita” – ignorando il fatto che la sentenza è stata imposta da un giudice ebreo, Irving Kaufman, il quale disse ai Rosenberg che erano responsabili per la guerra di Corea:

“Considero il vostro crimine peggio dell’omicidio. La vostra condotta ha permesso ai russi di mettere le mani sulla bomba atomica, molti anni prima di quanto previsto, causando a mio parere l’aggressione cinese alla Corea … con vittime che superano i 50.000 … Infatti, con il vostro tradimento avete indubbiamente alterato il corso della storia a svantaggio del nostro paese “.

Sebbene i “pesci piccoli” siano stati sacrificati; i “pesci grandi”, i traditori globalisti non vengono toccati.

I Rosemberg vengono sacrificati per proteggere i pesci piu` grossi

MAGGIO 1954: IL PRIMO INCONTRO DEL GRUPPO BILDERBERG

Il Gruppo Bilderberg è una conferenza annuale non ufficiale di 150 Globalisti provenienti dall’America e dall’Europa. Tutti gli ospiti degli esclusivi resort devono partire prima che i “Bilderberger” arrivino in città.

I Bildeberger sono tutte persone di grande influenza nei campi della politica, delle banche, dell’intelligence, degli affari, dei militari e dei media. Le conferenze segrete si svolgono in un luogo diverso ogni anno. Non vengono rilasciati comunicati stampa.

Il gruppo prende il nome dall’Hotel Bilderberg in Olanda, dove si è tenuto il primo incontro. I membri delle famiglie Rothschild e Rockefeller hanno partecipato ogni anno sin dal suo inizio.
Il Gruppo ha la tradizione di invitare politici poco conosciuti, per poi catapultarli in posizioni di prestigio in breve tempo. Ad esempio, Bill Clinton partecipò a un incontro del Bilderberg del 1991 in Germania mentre era uno sconosciuto governatore dell’Arkansas. L’anno seguente, venne sponsorizzato dai media nella corsa alla Casa Bianca.

LUGLIO 1954: IL LAVON AFFAIR/ GLI EBREI FANNO ESPLODERE UNA PROPRIETA` AMERICANA IN EGITTO/ GLI ARABI VENGONO ACCUSATI FALSAMENTE

Nel luglio del 1954, una serie di attentati contro proprietà degli Stati Uniti e del Regno Unito in Egitto viene attribuita a un gruppo oscuro chiamato “The Muslim Brotherhood”. Quando gli egiziani trovarono i colpevoli, fu rivelato che in realtà si trattava di agenti ebrei che lavoravano per Israele.

Israele è quindi costretta a rivelare che si trattava di “un’operazione canaglia”. Il ministro della Difesa Pinchas Lavon è il capro espiatorio per questa operazione segreta; nome in codice “Operazione Susannah”.

Il “Lavon Affair” alla fine creo` una tale controversia che fece cadere il governo israeliano e costrinse il Paese a nuove elezioni. Questo scandalo dimenticato da tempo fu la prima operazione “false flag” israeliana nei confronti degli Stati Uniti allo scopo di “incastrare” gli arabi.

DICEMBRE 1954: LA CAMPAGNIA DEI MEDIA GLOBALISTA PORTA IL SENATO A CENSURARE MCCARTHY

Le arringhe di alto profilo di McCarthy hanno attratto un enorme seguito nazionale. I suoi sostenitori includono la famiglia Kennedy. Tale popolarità rappresenta una minaccia per i comunisti e per i loro capi globalisti. Quando McCarthy inizio` ad emergere e a guadagnare fama; i media cominciarono una campagna denigratoria per fermarlo.

Nel marzo del 1954, la leggenda della CBS Edward R. Murrow, un amico personale del CEO della CBS Bill Paley, dedico` un’intero show dove attacco` McCarthy. La settimana seguente, Murrow fece la stessa cosa. L’accumulo del veleno proveniente da televisione e giornali hanno un impatto negativo sul senatore McCarthy. I colleghi cominciarono ad ignorarlo mentre il presidente Eisenhower tramava contro di lui.

Nel dicembre del 1954, il Senato censuro` McCarthy. Questo segno` la fine della sua crociata contro l’asse globalista / comunista.

DICEMBRE 1954: IL REECE COMMITEE CONCLUDE CHE LE FONDAZIONI ESENTI DA TASSE FINANZIANO I GLOBALISMO

Il Comitato Reece (ex Comitato Cox) è presieduto dal Rep. Carroll B. Reece. I suoi risultati investigativi finali riguardano l’influenza delle fondazioni esentasse, come la Fondazione Rockefeller, nel campo dell’educazione. Il rapporto rilevo` che le fondazioni “filantropiche” stavano utilizzando le loro straordianarie sovvenzioni per influenzare le universita` e finanziare i gruppi di sinistra.

L’obiettivo è quello di alterare gli attuali sistemi di credenza pubblici iniettando propaganda globalista nel sistema educativo. I media globalisti e lo stesso John D Rockefeller III attaccarono il comitato,

“Il rapporto non presenta alcuna prova per dimostrare che la Fondazione Rockefeller o una delle organizzazioni a cui ha dato sovvenzioni ha sostenuto il governo mondiale.”, ha affermato Rockefeller.

MARZO 1957: I TRATTATI DI ROMA PORTANO ALLA NASCITA DEL MERCATO UNICO

Belgio, Italia, Francia, Germania Ovest, Lussemburgo e Olanda firmarono i Trattati di Roma. I trattati vennero venduti al popolo europeo come accordi per promuovere il “libero scambio” e la cooperazione in un “Mercato comune”. La gente non sapeva cio` che sarebbe accaduto da li` a pochi decenni; questi trattati apparentemente innocui si trasformeranno nella potente Unione Europea che oggi domina sulle nazioni membre.

Il mercato comune è la prima struttura economica basata sul sovranazionalismo, un passo importante verso il nuovo ordine mondiale Rothschild. I Globalisti utilizzarono abilmente la minaccia sovietica, che essi stessi crearono (e che un giorno faranno crollare) come un mezzo psicologico per spaventare il popolo dell’Europa un tempo nazionalista in uno stretto consolidamento economico, politico e militare.

Questi accordi porteranno alla creazione dell’Unione Europea

2 MAGGIO 1957: MCCARTHY MUORE ALL’IMPROVVISO A 48 ANNI/ SOSPETTO AVVELENAMENTO ALL’OSPEDALE NAVALE DI BETHESDA

Dopo la censura del 1954, l’influenza di McCarthy svani. Tuttavia il giovane e vivace senatore rimase schietto e continuo‘ a scagliarsi contro il comunismo e contro i suoi protettori agli alti livelli. Una volta descrisse queste forze oscure come “una cospirazione così immensa”: questa Cospirazione mise fine alle sue indagini, ora era tempo che mettesse fine a McCarthy!

McCarthy si ammalo` alla fine dell’aprile del ’57 ed era stato portato all’Ospedale Navale di Bethesda, proprio come avvenne per il suo mentore “suicidato”, James Forrestal, nel 1949. Comincio` a riprendersi, ma stranamente si ammalo` di nuovo nel Giorno Santo Comunista del 1 ° maggio. Mori` alla giovane età di 48 anni, il 2 maggio, vittima di un apparente avvelenamento. La causa ufficiale della morte di McCarthy è elencata come “infiammazione del fegato”.

Il nome del grande senatore continua ad essere infangato fino ad oggi. L’uso costante del termine “maccartismo” serve come costante richiamo ai politici americani del destino che attende a chiunque sfidi il nuovo ordine mondiale

AUTUNNO 1958: EISENHOWER TRADISCE I FREEDOM FIGHTER ANTI COMUNISTI IN UNGHERIA

La rivoluzione ungherese del 1956 è una rivolta contro il regime comunista ungherese. Civili e soldati patriottici si unirono per sconfiggere la polizia segreta dominata dagli ebrei e dalle truppe sovietiche. Il premier sovietico. Nikita Khrushchev e la sua banda sono storditi. I sovietici ritirarono tutte le truppe mentre i ribelli aspettavano con ansia che l’Occidente “anticomunista” inviasse armi, mentre Ike spinse Spagna e Germania occidentale a cancellare una spedizione di armi ai ribelli ungheresi.

Non ci furono armi, ne parole simboliche, a supporto e riconoscimento della lotta per un’Ungheria libera. Il presidente Eisenhower si limito` a dire: “I nostri cuori vanno al popolo ungherese”.

Dopo aver compreso che il generale americano preferito di Stalin aveva dato via libera per la riconquista dell’Ungheria, proprio come aveva fatto durante la seconda guerra mondiale, i sovietici rioccupano l’Ungheria con una forza enorme. I capi della rivolta ungherese vennero poi giustiziati.

1958-1961: LA CINA DI MAO LANCIA IL “GREAT LEAP FOWARD”/ MUOIONO 50-60 MILIONI DI PERSONE

Il “Grande balzo in avanti” della Cina è l’ultimo piano di Mao per trasformare la Cina in una moderna società comunista. L’agricoltura privata è vietata e chi vi è coinvolto viene ucciso. Il piano fallisce, con conseguente inedia di massa. Il bilancio delle vittime è tra 50 e 60 milioni.
Lo storico Frank Dikötter afferma che “la coercizione, il terrore e la violenza sistematica erano le fondamenta stesse del Grande Balzo in Avanti” e che “motivarono uno dei più mortali omicidi di massa della storia umana”.

I contadini sono confinati nei villaggi affamati mentre i rossi torturano e uccidono quelli accusati di non aver rispettato la loro quota di grano. Oltre alle vittime della fame, almeno 5 milioni di cinesi furono picchiati o torturati a morte e altri 2-3 milioni si suicidarono. Le milizie rosse di Mao seppellirono vive molte persone.

I GIORNI FELICI DEGLI ANNI 50

Gli anni ’50 sono un periodo felice in America. Le enormi tasse e tagli alla spesa della fine degli anni ’40 hanno finalmente messo fine alla lunga depressione, portando alla crescita economica per i professionisti e gli operai. È l’era del “baby boom” americano quando i veterani di guerra si sposarono ed ebbero figli. I padri andavano al lavoro e guadagnavano abbastanza denaro da potere lasciare la moglie a casa in modo che educasse i bambini. Molti si spostarono dalle città affollate verso la periferia. Quasi ogni casa ora ha un telefono, una TV, una lavatrice, un’auto, ecc. Il “Sogno americano” è disponibile a tutti coloro che lo desiderano. Sul fronte culturale, “gli anni ’50” rappresentano ancora un’epoca di decenza e innocenza. Film, programmi televisivi e canzoni sono, per la maggior parte, intrattenimento pulito e sano. Le chiese sono fiorenti, le strade sono sicure, le comunità sono forti, i bambini sono rispettosi, il tasso di divorzi è molto basso e l’omosessualità è in gran parte inespressa. Le famiglie / comunità Bianche e Nere  sono solide e prospere. I moderni “liberali” amano mettere in ridicolo questo tempo più semplice e più felice. Ma quelli che sono cresciuti negli anni ’50 e nella maggior parte degli anni ’60, sanno che è stato un periodo molto più felice e più sano rispetto all’epoca attuale della decomposizione economica e morale. Tuttavia sotto la superficie dei felici anni ’50, i magnati Globo-sionisti di Hollywood sono ossessionati dal sesso e stanno progettando una tempesta perfetta che indebolirà per sempre famiglie, comunità e chiese.

Diversi show dell’epoca ritraevano le condizioni delle famiglie americane degli anni 50

DICEMBRE 1958: IL BUSINESSMAN PATRIOTA ROBERT WELCH FONDA LA JOHN BIRCH SOCIETY

L’uomo d’affari Robert Welch formo` la patriottica John Birch Society (dal nome di un capitano dell’esercito americano assassinato dai cinesi rossi). Welch crede che i globalisti (“Insider”) stiano usando comunismo, banche centrali, guerre, corruzione morale e debito per realizzare il nuovo ordine mondiale. Egli avverte:

“… sia gli Stati Uniti che i governi sovietici sono controllati dalla stessa cospirazione di internazionalisti, avidi banchieri e politici corrotti. Se lasciati non esposti, i traditori all’interno del governo USA venderebbero la sovranità del paese alle Nazioni Unite per un Nuovo Ordine Mondiale….”

Il JBS ha sedi in tutta America. I suoi membri usano libri, opuscoli e giri di parole per mettere in guardia il pubblico sui Globalisti. L’adesione al JBS crebbe rapidamente, attirando i brutali attacchi dei media comunisti.

GENNAIO 1959: IL REGALO FINALE DI EISENHOWER AI COMUNISTI/ CUBA VIENE DATA A FIDEL CASTRO

Eisenhower fece molto per far avanzare l’asse globalista / comunista. Il suo repertorio include: fermare Patton dalla liberazione dell’Europa orientale (’45), inviare i prigionieri di guerra russi a Stalin, uccidere 1,7 milioni di prigionieri di guerra tedeschi (’45 / ’46), tradire Joe McCarthy (’54), aiutare a creare il gruppo Bilderberg ( ’54), e abbandonare i ribelli anticomunisti dell’Ungheria (’56). Il suo “errore” finale fu quello di permettere al governo filo-americano di Cuba di Fulgencio Batista di cadere nelle mani del marxista Fidel Castro. Mentre il New York Times e il Washington Post diffamarono Batista e glorificarono Castro come un altro “riformatore agrario”; Ike ignoro` i ripetuti avvertimenti dell’ambasciatore Earl T Smith secondo cui Fidel Castro è un comunista appoggiato dall’Unione Sovietica. Ike “guardo` dall’altra parte” mentre i ribelli di Castro guadagnavano potere.

Proprio come Chiang in China (’49), Batista venne tradito quando gli Stati Uniti si rifiutarono di spedire auto blindati a Cuba. Questo incoraggio` Castro e demoralizzare i cubani. Abbandonando Batista, Ike consegno` Cuba a Castro.

Nel 1960, l’ambasciatore Smith dichiaro`: “Senza gli Stati Uniti, Castro non sarebbe al potere oggi”.

Nel 1963, l’ex presidente Eisenhower affermo`: “Solo un genio e un profeta potevano sapere che Fidel Castro era un comunista”.

1- Abbraccio di Khrushchev e Castro. Un altro “riformatore” si è rivelato un marxista
2- Il libro dell’ambasciatore Smith, “Il quarto piano”, fornisce un resoconto di prima mano di come il Dipartimento di Stato di Eisenhower tradì Cuba.

SETTEMBRE 1959: EISENHOWER ACCOGLIE IN PATRIA IL COMUNISTA OMICIDA KRUSHCHEV

Se le persone schiavizzate dell’Europa orientale, della Corea del Nord, della Cina o di Cuba avessero qualche illusione persistente sul fatto che gli Stati Uniti si sarebbero mossi, almeno simbolicamente, per la causa della libertà, quelle speranze sarebbero state infrante per sempre quando Eisenhower diede il benvenuto alla Casa Bianca al tiranno sovietico Nikita Krusciov.

Come commissario, Chruscev lavoro` a stretto contatto con i mostri di Stalin e Kaganovich. Nonostante le sue critiche a Stalin (dopo la morte di Stalin), Krusciov fu un fedele assassino sotto Stalin mentre si faceva strada tra i ranghi sovietici. Più recentemente, Chruscev fu il macellaio della Rivoluzione ungherese del 1956, e deteneva ancora prigionieri americani dalla Seconda Guerra Mondiale nei campi di schiavi siberiani – un fatto di cui l’ex generale Eisenhower è pienamente consapevole!

Anni dopo, gli estratti dalle memorie di Kruscev confermano ancora l’amore sovietico di Eisenhower:

“Ogni volta che ho avuto a che fare con Eisenhower negli anni successivi, ho sempre ricordato le sue azioni durante la guerra, ho tenuto a mente le parole di Stalin su Eisenhower, Stalin ha invitato Eisenhower alla nostra Victory Parade e ha espresso il suo riconoscimento presentandogli la nostra più alta medaglia, The Order of Victory: è stata la prima volta che ho incontrato Eisenhower “.

1960: LA STORIA E` SCRITTA DAI VINCITORI/ “L’ASCESA E LA CADUTA DEL TERZO REICH” VIENE PUBBLICATO

Dopo aver ricevuto quella che definisce una “generosa sovvenzione” dal Council on Foreign Relations (CFR) di New York, l’ex portavoce della CBS William Shirer pubblica la sua “definitiva” e “completa” storia della Seconda Guerra Mondiale, The Rise and Fall of the Third Reich. Nel riconoscimento di apertura del libro, Shirer ringrazia “il Council” – i cui membri Globalisti sono stati proprio quelli che hanno progettato la guerra in primo luogo!

Shirer’s Rise and Fall è un mattone dalla vuota verbosita’ (1.245 pagine!), che tuttavia e` estremamente superficiale quando si tratta di raccontare fatti importanti. Intessendo mezze verita` a bugie totali, aggiungendo qui e la` qualche importante verita` anche pro-tedesche; Shirer dipinge abilmente una facciata ingannevole; una che ogni lettore di questi capitoli di storia proibita` dovrebbe essere in grado di inquadrare chiaramente.

Il gigante editoriale ebreo Simon & Schuster pubblico` il libro, e la stampa ebraica lo mando` alle stelle. Shirer divento` ricco oltre i suoi sogni più sfrenati. Il suo putrido pacchetto di propaganda rimane, fino ad oggi, lo “starter pack” per coloro che pensano di sapere qualcosa sulla seconda guerra mondiale. Che cavolata!

Il pluripremiato best-seller di Shirer è iniziato con una “generosa sovvenzione” dal CFR, un “think tank” di New York City che seleziona ancora i presidenti degli Stati Uniti.