Il coronavirus e` stato predetto in un romanzo del 1981

Il romanzo del 1981 “The Eyes of Darkness” di Dean Koontz parla di un virus mortale usato come arma biologica di nome Wuhan-400. L’epicentro del Coronavirus nella vita reale è … Wuhan, Cina. E le inquietanti somiglianze non finiscono qui.

Dean Koontz è un autore prolifico che ha scritto 105 romanzi, tra cui diversi best seller del NY Times. Ha venduto oltre 450 milioni di copie in tutto il mondo e 17 libri sono stati adattati per il cinema.

Durante la sua carriera, Koontz ha scritto con diversi pseudonimi tra cui David Axton, Deanna Dwyer, K.R Dwyer, Brian Coffey e Leigh Nichols. È con quest’ultimo pseudonimo che Koontz scrisse il romanzo The Eyes of Darkness nel 1981.

La prima edizione di The Eyes of Darkness.

Il motivo della rinascita della popolarità per questo romanzo dimenticato? Sembra che abbia predetto con agghiacciante precisione lo scoppio del Coronavirus a Wuhan, in Cina.

La trama ruota attorno a una madre che tenta di scoprire cosa è successo a suo figlio dopo che è misteriosamente scomparso durante un viaggio in campeggio. Si scopre che il ragazzo è detenuto in Cina, più precisamente a Wuhan, il sito di un focolaio di un virus mortale. Ecco il passaggio che sta sconcertando il web:

“Non sono interessato alla filosofia o alla moralità della guerra biologica”, ha detto Tina. “In questo momento voglio solo sapere come diavolo è finito Danny in questo posto.”

“Per capirlo”, disse Dombey, “devi tornare indietro di venti mesi. Fu in quel periodo che uno scienziato cinese di nome Li Chen disertò negli Stati Uniti, portando un dischetto con le più importanti e pericolose nuove armi biologiche della Cina. Chiamano il materiale “Wuhan-400″ perché è stato sviluppato nei loro laboratori RDNA fuori dalla città di Wuhan, ed è stato il quattrocentesimo ceppo virale di microrganismi artificiali creati in quel centro di ricerca.

“Wuhan-400 è un’arma perfetta. Affligge solo gli esseri umani. Nessun’altra creatura vivente si ammala. E come la sifilide, il Wuhan-400 non può sopravvivere al di fuori di un corpo umano vivente per più di un minuto, il che significa che non può contaminare permanentemente oggetti o interi luoghi come possono fare l’antrace e altri microrganismi virulenti. E quando l’ospite muore, il Wuhan-400 dentro di lui fa la stessa fine poco dopo, non appena la temperatura del cadavere scende sotto gli ottantasei gradi Fahrenheit. Vedi il vantaggio di tutto questo? ”

Tina era troppo impegnata con Danny per pensare a ciò che Carl Dombey aveva detto, ma Elliot sapeva cosa intendeva lo scienziato. “Se ho capito bene, i cinesi potrebbero usare il Wuhan-400 per spazzare via una città o un paese, senza la necessita` di decontaminare l’area prima di trasferirsi nel nuovo territorio “.

“Esatto”, disse Dombey. “E Wuhan-400 ha altri, altrettanto importanti vantaggi rispetto alla maggior parte degli agenti biologici. Per prima cosa, e` possibile diventare un corriere infettivo solo quattro ore dopo essere entrato in contatto con il virus. È un periodo di incubazione incredibilmente breve. Una volta infetto, nessuno sopravvive più di ventiquattro ore. La maggior parte muore in dodici. È peggio del virus Ebola in Africa, infinitamente peggio. Il tasso di mortalita` del Wuhan-400 è del cento percento. Nessuno e` in grado di sopravvivere. I cinesi lo hanno testato su Dio sa quanti prigionieri politici. Non sono mai stati in grado di trovare un anticorpo o un antibiotico efficace contro di esso. Il virus migra verso il tronco encefalico e lì inizia a secernere una tossina che letteralmente distrugge il tessuto cerebrale. Distrugge la parte del cervello che controlla tutte le funzioni automatiche del corpo. La vittima cessa semplicemente di avere battito cardiaco, organi funzionanti e di respirare ”

“E questa è la malattia a cui Danny e` sopravvissuto”, ha detto Elliot.

“Sì”, disse Dombey. “Per quanto ne sappiamo, è l’unico che sia ancora in vita.”

Tina aveva tolto la coperta dal letto e l’aveva piegata a metà, così da poterla avvolgere attorno a Danny per il viaggio. Disse poi a Dombey: “Ma perché è stato infettato?”

“È stato un incidente”, ha detto Dombey.

“Questa la ho gia` sentita.”

“Questa volta è vero”, ha detto Dombey. “Dopo che Li Chen ha disertato con tutti i dati sul Wuhan-400, è stato portato qui. Abbiamo subito iniziato a lavorare con lui, cercando di progettare un duplicato esatto del virus. In breve tempo siamo riusciti a realizzarlo. Quindi abbiamo iniziato a studiare il virus, alla ricerca di un dettaglio che i cinesi avevano trascurato “.

“E qualcuno è stato negligente”, ha detto Elliot.

In questo passaggio, il virus si chiama Wuhan-400 perché è stato sviluppato nei loro “laboratori RDNA al di fuori della città di Wuhan”. Come forse saprai, l’epicentro dell’attuale epidemia di Coronavirus è a Wuhan.

Un altro fatto strano: l’attuale Wuhan Institute of Virology, che ospita l’unico laboratorio di biosicurezza di livello quattro della Cina (la classificazione di livello più alto dei laboratori che studiano i virus mortali) è a soli 32 km da Wuhan. La rivista scientifica Nature ha parlato dell’apertura del suo laboratorio nel 2017 avvertendo dei rischi per la sicurezza in una cultura in cui “la corruzione e` alle stelle”.

Pertanto, non ci vuole una mente ampiamente fantasiosa per speculare sul fatto che il virus sarebbe potuto “sfuggire” da questa struttura nello stesso modo in cui e` successo nel romanzo.

Mentre alcuni credono che sia tutta una strana coincidenza, altri lo vedono come un classico caso di “programmazione predittiva”. L’intera situazione ricorda la novella del 1898 Futility che riguardava un enorme transatlantico chiamato Titano che affondò nell’Atlantico settentrionale dopo aver colpito un iceberg. Quattordici anni dopo, un enorme transatlantico chiamato Titanic affondò nel Nord Atlantico dopo aver colpito proprio un iceberg.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 19 febbraio 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 6 commenti.

  1. Francesca Rita Rombolà

    Gli scrittori e i poeti sono sempre molto più avanti delle persone comuni!…

  2. Marie Rose Maciejasz

    Pertanto, non ci vuole una mente ampiamente fantasiosa per speculare sul fatto che il virus sarebbe potuto “sfuggire” da questa struttura nello stesso modo in cui e` successo nel romanzo.
    E chi sa ????

  3. . . . poiché il mondo è governato da segni e simboli
    sarebbe interessante indagare anche
    sulla cerimonia di apertura dei 2019 Military World Games
    tenutisi a Wuhan ?

  4. la piramide…. al military w. games

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: