Archivi Blog

Scienza Proibita: Dio contro Darwin (Karl ama Charles)

Alla luce di quanto abbiamo appreso nei capitoli precedenti, un uomo ragionevole deve ora chiedersi come la Grande Fiaba possa essere stata così intronizzata, così radicata e così ampiamente accettata da persone altrimenti intelligenti che avrebbero dovuto capire l’inganno. Se scienza e ragione non sono state le forze che hanno spinto l’ateismo evoluzionario non scientifico a tali altezze irraggiungibili, allora chi e` stato?


Ci sono stati due fattori essenziali che hanno contribuito alla “viralita`” dell’evoluzione:
1. Lo scetticismo del XIX secolo riguardo al letteralismo biblico era in costante crescita.
2. La potente forza internazionale del marxismo

Nel momento in cui Darwin aveva messo nero su bianco, molti tra l’Intelligentia europea e americana stavano avendo loro dubbi sui resoconti letterali del Libro della Genesi.
Non erano necessariamente atei. Ma molti erano assetati di una spiegazione alternativa della Creazione. Questi ragionevoli dubbi avevano quindi predisposto la classe intellettuale ad accettare una diversa spiegazione del mistero della vita. Il terreno di molte menti colte era già stato allentato e fertilizzato prima che Darwin pubblicasse l’Origine delle specie.

Il secondo (e più significativo) elemento del successo immediato di Darwin ha a che fare con la politica. Ancor più del denaro, la politica può essere la forza più corruttiva creata dall’uomo. Come in ogni altro mito storico, e` stato il potere della forza politicizzata a sostenere ed elavare l’evoluzione.

Ricordiamo che il compagno sovietico Oparin (sotto la supervisione di Stalin) ci diede il “brodo primordiale”. Il simpatizzante comunista Urey ci diede un esperimento di amminoacidi truccato. L’Hollywood marxista ci ha mostrato e riproposto versioni d Inherit the Wind una dopo l’altra. Il figlio di un comunista, Gould ci ha portato “l’equilibrio punteggiato”. Il modello è inconfondibile. La domanda è: perché?

L’inchiostro nell’Origine delle specie di Darwin del 1859 si era a malapena seccato quando i due uomini-divinità dell’ideologia logicamente imperfetta del comunismo, Friedrich Engels e Karl Marx, iniziassero a promuovere il lavoro di Darwin. Engels aveva in realtà acquisito una delle prime 1200 copie dell’opera di Darwin. Segui questa sequenza di eventi.

24 novembre 1859: Darwin pubblica l’Origine delle Specie

27-30 novembre 1859: Engels acquisisce le primissime copie e invia una lettera a Marx dicendogli: “A proposito, Darwin, che sto leggendo ora, è assolutamente splendido”.

19 dicembre 1860: Marx scrive una lettera a Engels nella quale gli dice che il libro di Darwin fornisce le basi della storia naturale per il punto di vista comunista:
“Queste ultime quattro settimane, ho letto ogni genere di cose. Tra gli altri, il libro di Darwin … questo è il libro che contiene le basi della storia naturale per la nostra visione.

16 gennaio 1861: Marx scrive una lettera eccitata al suo amico comunista Ferdinand Lassalle, il fondatore del movimento socialista internazionale in Germania:
“Il lavoro di Darwin è molto importante e si adatta al mio scopo in quanto fornisce una base nelle scienze naturali per la lotta di classe storica.”

18 giugno 1862: Marx aveva già riletto l’Origine delle Specie e scrive ancora a Engels: “Sono divertito da Darwin, nel quale ho guardato di nuovo”

1862: Marx cita di nuovo Darwin nelle sue teorie sul valore aggiunto:
“Nella sua splendida opera, Darwin non si è reso conto che scoprendo la “progressione geometrica” nel regno animale e vegetale, ha rovesciato la teoria di Malthus.”

Il leader comunista tedesco Wilhelm Liebknecht descrisse in seguito quanto fossero eccitati i leader comunisti dell’Ottocento sulla nuova teoria

“Quando Darwin trasse le conclusioni dal suo lavoro di ricerca e le portò alla conoscenza del pubblico, non parlammo di nient’altro per mesi, che di Darwin e dell’enorme significato delle sue scoperte scientifiche.”

Engels, Marx e Liebknecht. Le leggende del comunismo del XIX secolo erano tutte ossessionate dal darwinismo. Perché?

Lo storico Richard Weikart ha rivelato che Marx inizio` a frequentare “una serie di conferenze di Thomas Henry Huxley sull’evoluzione”. Huxley e molti nella sua famiglia erano afflitti da gravi problemi generazionali di salute mentale, che potrebbero o non potrebbero essere la ragione per la strana ossessione di Huxley nel promuovere appassionatamente una teoria che non aveva alcuna evidenza dietro di essa. A causa della sua fanatica promozione dell’Evoluzione, il biologo spaccone divenne noto come “il Bulldog di Darwin”

Perché una verità scientifica richiederebbe un “bulldog” per promuoverla e difenderla comunque? Come osservò una volta il Filosofo Sant’Agostino: “La verità è come un leone; non devi difenderla. Lascia perdere; si difenderà ‘.
Dopo un secolo e mezzo di ricerca di milioni di magici collegamenti mancanti, il darwinismo richiede ancora un intero branco di “bulldog” per difenderlo.

Il bulldog di Darwin

Nella 2a edizione di Das Kapital, Marx incluse due riferimenti espliciti a Darwin e all’evoluzione in cui metteva in relazione la teoria di Darwin con la sua opinione sulla produzione e lo sviluppo tecnologico. Marx si riferì all’Origine delle Specie come ad “un’opera epocale” e proseguì a confrontare la visione degli organi di Darwin con la sua bizzarra visione degli strumenti e della produzione. Marx fece la bizzarra argomentazione che le forze storiche avevano scelto il comunismo in una forma di sviluppo evolutivo .

In una recensione di Das Kapital, Engels ha scritto che Marx stava:
“… cercando di stabilire lo stesso graduale processo di trasformazione dimostrato da Darwin nella storia naturale come legge in campo sociale”.

16 giugno 1873: Marx invia a Darwin una copia autografata di Das Kapital, con le parole:
Charles Darwin, da parte del suo sincero ammiratore – Karl Marx.

Ottobre 1873: Darwin scrive a Marx, ringraziandolo per aver inviato il suo lavoro:
“Credo che entrambi desideriamo ardentemente l’estensione della conoscenza.

L’ammirazione di Marx per il lavoro di Darwin aveva poco a che fare con la Scienza. I comunisti credevano che Darwin fornisse una prospettiva adatta agli obiettivi del comunismo ateo. E quali erano esattamente, e sono tuttora, gli obiettivi del marxismo e del suo fratellino “liberalismo / progressismo”?
Molte persone rimangono sotto l’impressione errata che il marxismo rappresenti una teoria politico-economica legittima. Non lo è. Dietro la sua vuota promessa di un “paradiso degli operai” e di “giustizia sociale”, il Manifesto comunista di Marx e Das Kapital sono solo maschere intellettuali per uno schema globale di intensa centralizzazione governativa. Il marxismo richiede specificamente pesanti imposte sul reddito, una banca centrale con un monopolio sul credito, l’abolizione della proprietà e dell’eredità della terra privata, il controllo statale della comunicazione, l’istruzione, l’agricoltura, i trasporti, la manifattura, la medicina e l’abolizione della religione. Marx si riferisce a questo schema totalitario come “la dittatura del proletariato”.
È importante notare che lo stesso Marx era semplicemente un “front man” artificialmente gonfiato per agitatori molto più grandi, “dietro le quinte”. È un racconto affascinante, ma uno per un’altra volta.
I seguaci del culto di Marx (Rossi) promuovevano la violenza, l’invidia di classe e l’ostilità verso il libero mercato, la famiglia, gli affari, la tradizione, il cristianesimo e la religione. Oltre ai disadattati arrabbiati e criminali che adorano ancora Marx, ci sono molti idealisti ben intenzionati che cadono, si incastrano, rimangono bloccati e sprofondano tra le sue velenose promesse di un mondo migliore con “uguaglianza” e prosperità per tutti. L’icona comunista Vladimir Lenin fara` riferimento a questi individui come a “utili idioti”. Li conosciamo oggi come “liberali” o “progressisti”. Negli anni a venire, questi idealisti ingenui e irragionevoli aiuteranno molto i rossi.
L’influenza del marxismo, unita alla rapida diffusione del liberalismo / progressismo, crescerà per tutta la seconda metà del 1800 e fiorirà durante il 1900. Dopo la prima rivoluzione marxista di successo nel 1918, lo zar russo e la sua bellissima famiglia furono brutalmente assassinati. Poco dopo, Winston Churchill descrisse il comunismo internazionale come segue:

“Questa cospirazione mondiale per il rovesciamento della civiltà e per la ricostituzione della società sulla base di uno sviluppo arrestato, di una malvagità invidiosa e di una uguaglianza impossibile, è in costante crescita. Ha giocato, come una moderna scrittrice, Mrs. Webster, ha mostrato abilmente, una parte sicuramente riconoscibile nella tragedia della Rivoluzione Francese.
È stata la molla principale di ogni movimento sovversivo durante il XIX secolo; e ora finalmente questa banda di personalità straordinarie dagli inferi delle grandi città europee e americane ha afferrato il popolo russo per i capelli e sono diventati praticamente i maestri indiscussi di quell’enorme impero. ”

Quando i comunisti bolscevichi come Lenin e Stalin presero il controllo della Russia, lo zar e la sua famiglia furono radunati in una cantina; vennero poi fucilati. Seguirono il terrore di massa e l’oppressione. Sopra, vedi la grande cattedrale di Cristo Salvatore, che fu demolita nel 1931.

Nel corso dei successivi trent’anni, i comunisti atei bolscevichi della nuova Unione Sovietica procedettero quindi all’uccisione di ben 50 milioni di cristiani russi. Questo è il genere di cose che accadono quando gli uomini sostituiscono Dio.
Ora ascolta, perché questo è fondamentale. L’ostilità marxista / liberale nei confronti del cristianesimo non ha nulla a che fare con la loro incredulità nel resoconto della creazione del Libro della Genesi. La ragione per cui la sinistra è così spesso ostile nei confronti del cristianesimo e della religione in generale, è perché la religione dota i suoi seguaci di un senso interno di giusto e sbagliato. Un buon comportamento tra individui e gruppi porta alle società civili. Le persone morali e virtuose possono prendersi cura di se stesse, delle loro famiglie e anche dei meno fortunati della loro comunità, senza la necessità di un “stato sociale” onnipotente.
D’altra parte, un “proletariato” degenerato e dipendente non può essere facilmente controllato, ma può anche essere usato per sollevare e rovesciare la classe dirigente (di cui la Chiesa faceva parte). Una volta che i “capitalisti” e i chierici vengono detronizzati e uccisi, tutti quelli che parlano del “paradiso dei lavoratori” vengono messi a tacere! Dai un’occhiata alla fattoria degli animali di George Orwell e capirai.
L’osservazione che la moralità presenta un ostacolo alla tirannia è stata meglio articolata da Samuel Adams, uno dei “padri fondatori” più influenti d’America:

“È nell’interesse dei tiranni ridurre la gente all’ignoranza e al vizio: la religione e la libertà pubblica di un popolo sono intimamente connesse, i loro interessi sono intrecciati, non possono sussistere separatamente. E` sempre osservabile, che coloro che sono uniti per distruggere le libertà del Popolo praticano ogni Arte per avvelenarne la Morale.

Nel suo storico discorso di addio al Congresso e al paese, George Washington ha detto:

“Di tutte le disposizioni e le abitudini che portano alla prosperità politica, la religione e la moralità sono supporti indispensabili. Invano quell’uomo reclamerebbe il tributo del patriottismo, se cercasse di sovvertire questi grandi pilastri della felicità umana.
Il semplice politico, allo stesso modo dell’uomo pio, dovrebbe rispettarli e amarli. Un volume non può tracciare tutte le loro connessioni con la felicità privata e pubblica. Si chieda semplicemente: dov’è la sicurezza della proprietà, della reputazione, della vita, se il senso dell’obbligo religioso diserta i giuramenti che sono gli strumenti di indagine nei tribunali?

Che differenza tra la filosofia dei fondatori saggi e virtuosi d’America e le sciocchezze senza senso di Marx ed Engels!

Il saggista Brandon Smith aggiunge questa osservazione sulla necessità rivoluzionaria marxista di rimuovere la bussola morale pubblica interna:

“Il problema è che l’umanità non è solo legata a un lato oscuro, ma siamo anche cablati con una coscienza, la maggior parte di noi almeno. Tutte le persone nascono con una comune bussola morale che è spesso espressa in varie opere religiose È una voce universale, o guida, che possiamo scegliere di ascoltare o di ignorare. Gli psicopatici organizzati hanno lottato per secoli con l’esistenza di questa bussola innata. ”
Vedete, le nostre coscienze rappresentano una minaccia per le forze corrotte che cercano di governare l’umanità come se fosse una colonia di formiche. Non è abbastanza per la PRC (Predatory Ruling Class) essenzialmente schiavizzare l’umanità. La PRC deve anche corrompere le persone, specialmente i bambini. Una popolazione moralmente “analfabeta” non riconoscerà mai il male della tirannia, per non parlare dei padroni. Sono troppo occupati a rincorrere dollari, a comprare roba di cui non hanno bisogno, ubriacarsi, guardare la televisione spazzatura, adorare eroi sportivi e avere sesso a buon mercato e senza amore. Fai ingurgitare ogni tanto qualche antidepressivo e non si ribelleranno alla loro amata Repubblica Popolare Cinese.

Questo tema è stato brillantemente profetizzato in 1984 di George Orwell e in Brave New World di Aldous Huxley.
Quale modo migliore per i Rossi & i Liberali di “avvelenare la morale” se non distruggere la religione? E quale modo migliore di abbattere la religione se non sostituire il Dio della creazione intelligente con il dio del finto darwinismo?

I protagonisti del potere dietro la sinistra internazionale, che si nascondono dietro l’etichetta di comunismo, socialismo democratico, liberalismo, femminismo, progressismo, globalismo, ecc., Si preoccupano di come ha avuto origine della vita allo stesso modo in cui si preoccupano dei “lavoratori” o dei ” povero “o” dell’ambiente “o”  dei diritti umani “. La religione, e il concetto stesso di un Designer Intelligente ostacolano il loro piano di accaparramento del potere per svilire l’umanità e trasformarci tutti in lavoratori schiavi del debito.
Per questa ragione, Dio doveva essere “ucciso”

La mano nascosta che ha manipolato la storia

Il corso della storia è stato diretto da un ristretto gruppo di persone con gli stessi interessi comuni? I dipinti e le immagini dei grandi uomini del passato rivelano un filo comune che li lega insieme. È una coincidenza, che molti di loro nascondevano una mano, quando posavano per un ritratto? Sembra improbabile. Vedremo l’origine massonica della “mano nascosta” e gli uomini potenti che utilizzarono questo segno.

leadhidden

Stalin e Washington – Due ideologie opposte lo stesso gesto con la mano

“L’attuale idea di uno stato mondiale democratico non è nè un nuovo trend, né una circostanza accidentale,

 il lavoro per creare il background di conoscenze necessarie per la costituzione di una democrazia illuminata fra tutte le nazioni, viene portato avanti da secoli dalle società segrete. “
-Manly P. Hall, Secret Destiny of America

Vi è una forza nascosta dietro gli importanti eventi dei secoli passati? Sono, in ordine, la caduta delle monarchie europee, la nascita dell’epoca dei Lumi e il nostro cammino verso una democrazia mondiale parte di un piano più grande guidato da una “mano invisibile”? Prima dell’avvento dei mass media, gli unici artefatti che la gente possedeva dei loro leader erano dei loro dipinti in pose maestose. Potrebbero avere un significato occulto?

Una di queste pose consiste nello “nascondere una mano”. Ricordo la mia insegnante di storia nell’intento di spiegare perchè Napoleone venisse spesso raffigurato con una mano sotto la giacca. La spiegazione comune la si può trovare in queste righe:

“Molte teorie sono state presentate per spiegare perché Napoleone viene tradizionalmente raffigurato con la mano nel panciotto. Aveva un ulcera allo stomaco, stava caricando l’orologio, aveva una malattia pruriginosa della pelle, nella sua epoca era scortese mettere le mani in tasca, aveva un cancro al petto, aveva una mano deforme, teneva una bustina profumata nel panciotto che annusava di nascosto o infine che ai pittori non piacesse dipingere le mani “
-Tom Holmberg

A meno che tutti gli individui descritti in questo articolo abbiano avuto un’ulcera allo stomaco o le mani deformi, il gesto di nascondere una mano ha un valore ben specifico. In effetti è così. La maggior parte delle persone che utilizzano questo segno hanno dimostrato (spesso entusiasticamente) di essere membri della massoneria. Considerando la grande importanza di questo gesto, nei rituali massonici e considerando il fatto che tutte le elite erano parte della massoneria o ne erano a conoscenza, è semplicemente impossibile che il ripetersi di questa posa sia il risultato di una coincidenza. La “mano invisibile” può, infatti, essere trovata nei rituali del Royal Arch Degree of Freemasonry e i leader mondiali che usano questo segno stanno sottilmente comunicando agli altri iniziati dell’ordine: “Questo è ciò di cui faccio parte, questo è ciò in cui credo, ed è per questo che sto lavorando “.

IL ROYAL ARCH DEGREE

tripleTauLa tripla Tau

Il Royal Arch Degree (il 13 ° grado del Rito Scozzese o il 7 ° grado del Rito York) è molto importante nella tradizione massonica. Durante questo grado, gli iniziati riceveranno le grandi verità massoniche.

“I membri di questo grado vengono chiamati compagni, e sono pronti per ricevere una spiegazione completa sui misteri dell’ordine”; mentre nei gradi precedenti venivano riconosciuti con l’appellativo comune di “fratelli”e mantenuti nella più bieca ignoranza sul segreto sublime. Tutto ciò seguendo l’abitudine di Pitagora, che usava distinguere i suoi allievi. Dopo un periodo di prova di cinque anni, come detto prima, venivano ammessi alla presenza del precettore, che li chiamava compagni, concedendo loro la possibilità di discutere liberamente con lui. “
-John Fellows, Fellows’s Inquiry into the Origin, History, and Purport of Freemasonry

“Se arriviamo al Royal Arch, abbiamo la possibilità di accedere a delle conoscenze meravigliose e trovare in ogni cosa la perfezione, perché questo è il non plus ultra della Massoneria, e non potrà mai essere superato da qualsiasi istituzione umana.”
-George Oliver, Lezioni sulla Massoneria

E’ a questo punto che l’iniziato impara il sacro nome di Dio.

Un grado indescrivibilmente più nobile, sublime e importante di tutti quelli che lo precedono, ed è, di fatto, il vertice e la perfezione della Massoneria antica. Impressiona nelle nostre menti la fede in Dio, senza essere vicini agli ultimi tempi, il grande e incomprensibile alpha e omega, ricordandoci il rispetto che è dovuto al suo santo nome “.
-George Oliver, Historical Landmarks

Questo sacro nome è Jahbulon, una combinazione di parole che significa “dio” in siriaco, in caldeo ed egiziano.

“Geova. Tra le varietà in cui questo nome è utilizzato nelle nazione della Terra, tre di esse meritano la particolare attenzione dei Massoni del Royal Arch Degree:

1. JAH. Questo nome di Dio si trova nel Salmo 68, v 4.

2. Baal o BEL. Questa parola indica un signore, un padrone, o un possessore venne infatti utilizzato da molte delle nazioni del Medio Oriente per indicare il Signore di tutte le cose, e il Maestro del mondo.

3. ON. Questo era il nome con cui veniva venerato JEHOVAH tra gli egiziani “.
-Malcolm C. Duncan, Duncan’s Masonic Ritual and Monitor

Il rituale di iniziazione a questo grado rievoca il ritorno a Gerusalemme di tre massoni tenuti prigionieri a Babilonia. Non voglio allargarmi descrivendo tutta la cerimonia e il simbolismo, ma ad un certo punto, viene chiesto all’iniziato di imparare una parola segreta e un segno della mano in modo da poter attraversare una serie di “veli”. La seguente immagine mostra il segno della mano necessario per passare attraverso il secondo velo, come documentato nel Duncan’s Masonic Ritual and Monitor:

second_veil

“Maestro del Secondo Velo: “Hai assunto i ruoli di tre maestri eccellentissimi, o non saresti potuto arrivare fino a qui, non potrai proseguire oltre senza i miei consigli, i miei segni e le mie parole di esortazione. Le mie parole sono Shem, Japhet, e Adoniram, il mio segno è questo: (nascondendo la mano nel petto), è ad imitazione di quella data da Dio a Mosè, quando comandò lui di infilarsi la mano nel petto, e, tirandola fuori si accorse che era diventata bianca come la neve. La mia parola di esortazione è esplicativa di questo segno, e si trova negli scritti di Mosè, cioè, al quarto capitolo dell’Esodo “.:

“E il Signore disse a Mosè: Metti ora la tua mano nel tuo petto. E mise la mano sul proprio petto, e quando lo tirò fuori, ecco che la mano era diventata lebbrosa, bianca come la neve “
-Malcolm C. Duncan, Rituali Massonici Duncan e Monitor

Come detto sopra, questo gesto della mano si dica essere ispirato dal capitolo dell’Esodo 4:6. In questo versetto biblico, il cuore (“petto”) sta per ciò che siamo, la mano per quello che facciamo. Può quindi essere interpretato in questo modo:Quello che siamo è ciò che in ultima analisi, facciamo. Il significato simbolico di questo gesto potrebbe spiegare il motivo per cui è così ampiamente utilizzato dai massoni più importanti. La mano nascosta consente agli altri iniziati di sapere che l’individuo raffigurato nell’opera fa parte della confraternità segreta e che le sue azioni sono ispirate dalla filosofia massonica e dalle sue credenze. Inoltre, la mano che esegue le azioni viene nascosta da un vestito, che simbolicamente si riferisce alla natura occulta delle azioni massoniche. Ecco alcuni degli uomini famosi che hanno utilizzato questo gesto.

NAPOLEONE BONAPARTE

key-147-651Napoleone, un massone riconosciuto, nel suo studio a Tuileries, 1812

Napoleone Bonaparte (1769-1821) era un capo militare e politico della Francia, le cui azioni modellarono la politica europea del 19° secolo. Venne iniziato alla Army Philadelphe Lodge nel 1798. I suoi fratelli, Joseph, Lucian, Louis e Jerome, erano pure loro massoni. Cinque dei sei membri del Grand Councel dell’Impero erano massoni, così come sei dei nove funzionari imperiali e 22 dei 30 marescialli di Francia. L’associazione di Bonaparte alla Massoneria è sempre stata messa in secondo piano dai registri storici. Il ricercatore massonico J.E.S. Tuckett affronta la situazione:

“E’ strano come le prove a favore dell’appartenenza del Grande Napoleone alla Fratellanza massonica non siano mai state esaminate in dettaglio, in quanto sicuramente sarebbe interessante – in un periodo in cui la massoneria era in piena diffusione e espansione – capire i vari collegamenti che intercorrevano tra gli uomini di potere dell’epoca”

Nel suo saggio su Napoleone e la Massoneria, Tuckett afferma:

“Ci sono prove incontestabili che Napoleone conoscesse la natura, gli obiettivi e l’organizzazione della Massoneria: che approvò ed utilizzò ai suoi scopi”
-J.E.S. Tuckett, Napoleon I and Freemasonry (Fonte)

Si dice che Napoleone venisse aiutato anche dalle forze occulte. Nel 1813 fu sconfitto a Lipsia e un ufficiale prussiano scopì il suo libro sul destino. Originariamente questo “oracolo” venne scoperto in una tomba reale egiziana, durante una spedizione militare francese del 1801. L’imperatore ordinò che il manoscritto venisse tradotto da un famoso studioso e antiquario tedesco. Da quel momento in poi, il libro/oracolo fu uno dei beni più preziosi di Napoleone. Lo consultò in molte occasioni e si dice abbia “costituito uno stimolo per le sue imprese più speculative e di maggior successo.”

Napoleans-Book-of-Fate-002

KARL MARX

marx2

Karl Marx è oggi noto per essere il fondatore del comunismo moderno. Seppur negato da alcuni massoni, Marx fu un 32 ° grado del Grande Oriente. Marx divenne il portavoce del movimento ateo e socialista d’Europa. Progettò la sostituzione delle monarchie con delle repubbliche socialiste, trasformandole infine in repubbliche comuniste.

GEORGE WASHINGTON

wahing

George Washington fu uno dei Padri Fondatori degli Stati Uniti ed è considerato il “più importante massone americano”. Charles Willson produsse questo dipinto quando Washington aveva 52 anni. Si noti la posizione dei piedi di Washington: formano una squadra allungata. La posizione dei piedi è di fondamentale importanza nel simbolismo massonico. Confronta questa opera con questo schema di Duncan:

masonicstpes

WOLFGANG AMADEUS MOZART

Mozart_c.1777

Wolfgang Amadeus Mozart è considerato uno dei compositori più prolifici e influenti della musica di sempre. Era anche un massone iniziato nella loggia austriaca di Zur Zur Wohltätigkeit il 14 dicembre, 1784. Le creazioni di Mozart spesso incorporarono importanti elementi massonici. L’opera il “Flauto Magico” è basata quasi completamente su principi massonici.

“La musica dei Massoni conteneva frasi musicali e forme con specifici significati semiotici. Ad esempio, la cerimonia di iniziazione massonica comincia con il candidato che bussa alla porte 3 volte per richiedere l’ammissione. Questo si esprime musicalmente con una figura tratteggiata. Ad esempio,

170px-DottedFigure

Questa figura appare nell’overture dell’opera di Mozart, Il Flauto Magico, suggerendo l’apertura della iniziazione massonica “.
– Katherine Thompson, The Masonic Thread in Mozart

La progressione musicale de, Il Flauto Magico, si basa sul Rapporto Aureo (1,6180 …), la proporzione di tutto ciò che è considerato divino dalle scuole misteriche.

Qui ci sono composizioni create da Mozart realizzate per essere utilizzate nelle logge massoniche:

  • Lied (canzone) “Gesellenreise, da utilizzare con i nuovi arrivati”
  • Cantata per tenore e coro maschile Die Maurerfreude (“The Mason Joy”)
  • La Musica funebre massonica (Maurerische Trauermusik)
  • Due canzoni per celebrare l’apertura del “Zur Neugekrönten Hoffnung”
  • Cantata per tenore e pianoforte, Die die ihr unermesslichen Weltalls Schöpfer ehrt
  • La Piccola Cantata Massonica (Kleine Freimaurer-Kantate) intitolata Laut verkünde unsre Freude, per solisti, coro maschile e orchestra

MARCHESE DE LAFAYETTE

lafayette

Il Marchese de Lafayette era un massone di 33 ° grado. Secondo l’opera di Willam R. Denslow “10.000 massoni famosi”, Lafayette fu un ufficiale militare francese, che divenne generale nella guerra d’indipendenza americana e uno dei leader della Garde Nationale durante la sanguinosa Rivoluzione francese. Lafayette fu anche eletto Comandante Onorario del Gran Consiglio Supremo di New York. Più di 75 corpi massonici negli Stati Uniti sono stati chiamati a suo nome, tra cui 39 logge e 7 enti del Rito Scozzese.

SALOMON ROTHSCHILD

Salomon_Rothschild

Salomon Rothschild fu il fondatore del ramo viennese della importante famiglia di Mayer Amschel Rothschild. La famiglia più potente del mondo, ha fortemente influenzato le politiche di Germania, Francia, Italia e Austria. I Rothschild furono i principali attori coinvolti nella creazione del sionismo e dello Stato di Israele.

Il potere dei Rothschild è andato ben oltre i confini della loggia massonica. Si dice facciano parte delle 13 famiglie degli illuminati (clicca qui per leggere la loro storia).

SIMON BOLIVAR

Simon_Bolvar

Conosciuto come “El Libertador” (il Liberatore), Bolivar venne considerato il “George Washington del Sud America”​​. Si unì alla massoneria a Cadice, in Spagna, ricevette i gradi del Rito Scozzese a Parigi e fu nominato cavaliere in una commenda di Cavalieri Templari in Francia nel 1807. Bolivar fondò e fu maestro della Protectora de las Vertudes Lodge No. 1 in Venezuela. Il paese della Bolivia porta il suo nome. Bolivar fu anche il presidente della Colombia, del Perù e della Bolivia nel 1820. Appartenne alla Order and Liberty Lodge No. 2 in Peru.

Notate nell’immagine sopra la posizione dei suoi piedi e il motivo a scacchiera del pavimento, anche esso massonico. La sua posizione potrebbe essere stata ispirata anche dai Knights of Christian Mark Degree come illustrato di seguito:

conclave

 

JOSEPH STALIN

Posterstalin

Il regno del terrore di Stalin, in Unione Sovietica portò alla morte di milioni di suoi connazionali. Viene spesso mostrato nelle foto con il gesto della mano coperta. Non ci sono documenti ufficiali che provano l’infiltrazione di Stalin nella massoneria. Naturalmente, i dittatori come Stalin controllarono strettamente tutte le informazioni riguardanti se stessi e i loro affari, rendendo difficile provare un fatto che li riguarda. Nascondere la sua mano, però, tradisce la sua appartenenza alla confraternita.

stalin121

 

Dopo che venne ucciso nel 1940 il giovane uomo alla destra di Stalin è stato cancellato dalla foto

IN CONCLUSIONE

Come visto in precedenza, i leader che utilizzano il gesto della “mano nascosta” ebbero un grande influenza sulla storia del mondo. Questo gesto è un dettaglio evidente ma ancora largamente trascurato, che allude all’accettazione delle filosofie occulte. Comprendendo questo fatto e riconoscendo l’enorme influenza che questi leader hanno avuto nel corso della Storia, possiamo cominciare a capire la forza nascosta che guida il mondo verso la democrazia internazionale.

I membri di queste confraternite potrebbero aver mantenuto opinioni diverse e aver anche aderito a diverse fazioni (capitalismo contro comunismo), ma la filosofia di fondo, le convinzioni e gli obiettivi finali furono sempre gli stessi: l’avvento di una “età della ragione e dell’Illuminismo”. Naturalmente, ogni serio ricercatore è già a conoscenza del ruolo della Massoneria nel dispiegarsi della storia del mondo. Il gesto della “mano nascosta”, così spesso usato da personaggi storici è semplicemente l’espressione esteriore di questa realtà poco conosciuta. Come Confucio disse: “I simboli governano il mondo, non le parole né le leggi.” Le parole e le politiche di queste persone finiranno per essere confuse e dimenticate, ma la loro immagine rimarrà per i secoli a venire.

Fonte