Archivi Blog

Cosa sta succedendo nell’isola di Epstein?

Le recenti riprese dei droni a Little Saint James rivelano strane attività. Come previsto, sembra che sia in corso un enorme insabbiamento. Ecco le immagini più rivelatrici catturate dai droni nelle ultime settimane.

Dalla morte altamente sospetta di Jeffrey Epstein in una prigione di massima sicurezza, le cose sono diventate sempre piu` torbide. Sebbene l’autopsia abbia ufficialmente concluso che la causa della morte è stata il suicidio, un flusso costante di fatti e rivelazioni suggerisce fortemente un massiccio insabbiamento.

In primo luogo, è stato recentemente rivelato che due telecamere che hanno filmato la cella del carcere di Jeffrey Epstein al momento della sua morte erano “rotte” e le registrazioni sono state ritenute “inutilizzabili” dalle autorità. In secondo luogo, le due guardie stavano presumibilmente dormendo durante i controlli programmati a Epstein falsificando i registri. In terzo luogo, il francese Jean-Luc Brunel, il magnate della moda sospettato di essere un collegamento fondamentale per la tratta di schiave sessuali di Jeffrey Epstein a Parigi, “è scomparso come un fantasma senza lasciare traccia“.

Mentre i mass media hanno accuratamente filtrato alcune di queste informazioni ignorando altri fatti, il canale YouTube di Rusty Shackleford ha fornito una fonte di informazioni grezza e non filtrata pubblicando, su base regolare, filmati con droni dell’isola di Epstein e dei suoi dintorni.

Il filmato catturato nelle ultime settimane rivela che stanno accadendo cose strane sull’isola. Ecco alcuni esempi.

TRAMBUSTO

Considerando il fatto che Litte Saint James era il luogo in cui avvenivano crimini atroci i quali coinvolgevano persone potenti, ci si aspetterebbe che l’isola fosse trattata come una scena del crimine e fosse completamente chiusa ai non investigatori. Purtroppo non è quello che sta succedendo.

Dopo aver rivelato una scena del crimine, è importante adottare misure per proteggere il luogo da contaminazioni. Al fine di mantenere l’integrità della scena, le forze dell’ordine devono agire per bloccare l’area circostante e tenere traccia di chi entra ed esce. Prendendo queste precauzioni, i funzionari possono garantire che le prove raccolte possano essere utilizzate in tribunale. Le prove contaminate, manomesse o rovinate possono inquinare la scena e causare il rifiuto da parte della corte.
– Wikipedia, scena del crimine

Due settimane prima delle incursioni dell’FBI sull’isola di Epstein, un drone ha filmato una squadra di operai che eseguivano pesanti lavori di costruzione sull’isola utilizzando trattori, bulldozer e tonnellate di nuovo materiale.

Questo filmato è stato girato il 30 luglio, 10 giorni prima della morte di Epstein e 12 giorni prima delle incursioni dell’FBI. Possiamo vedere operai edili, macchinari pesanti e sacchi di materiale, possibilmente di cemento

Questo filmato è stato girato poche settimane dopo l’arresto di Epstein. Viene buttata fuori molta spazzatura, tra cui diversi materassi e molle. Potrebbero esserci prove incriminanti lì dentro?

Numerosi veicoli sull’isola continuano a muoversi, inclusa un’ambulanza che porta le lettere L.S.J. (Little Saint James). Perché c’è persino un’ambulanza su un’isola che non ha un ospedale?

In luglio l’ambulanza era parcheggiata sul tetto di un palazzo

Alcune settimane dopo, l’ambulanza è stata spostata in un posto diverso.

Dopo la morte di Epstein e dopo le incursioni dell’FBI, l’isola era ancora piena di attività

Questo filmato del 30 agosto mostra che l’isola è ancora gestita da una squadra di lavoratori.

Considerando il fatto che Epstein è morto, perché stanno ancora facendo manutenzione sull’isola e chi paga questi lavoratori? Gli assegni provengono dal fondo fiduciario da $ 577 milioni creato da Epstein due giorni prima della sua morte – con beneficiari anonimi?

Quest’ultimo video contiene un altro strano dettaglio.

Il drone ha filmato un uomo bianco anziano che non sembra essere un lavoratore mentre parla con un altro uomo.

Un gran numero di commenti sul video di YouTube afferma che quest’uomo assomiglia sospettosamente a … Jeffrey Epstein … che è morto un paio di settimane prima. Ad un certo punto, quell’uomo alza lo sguardo e nota il drone. Si sofferma quindi per un paio di secondi e si nasconde nel suo camion.

Si tratta forse di Epstein?

I filmati con i droni catturati nelle scorse settimane hanno anche ripreso immagini inedite del famigerato “tempio”.

ALL’INTERNO DEL TEMPIO

Il tempio nel 2017. La cupola d’oro e` scomparsa.

Ci sono state molte speculazioni sullo strano tempio sull’isola di Epstein. Costruito su un’altitudine di 60 piedi, si ritiene che il tempio si trovi sopra una rete di tunnel sotterranei. I filmati sui droni rilasciati di recente hanno scattato alcune immagini ravvicinate del tempio, rivelando diversi strani dettagli.

Innanzitutto, la “porta” principale del tempio è effettivamente dipinta.

La porta sul tempio di Epstein.

Sulla porta è dipinta una serratura medievale progettata per tenere chiuse le persone all’interno del tempio. È un indizio di ciò che stava realmente accadendo dentro?

Sulla sinistra della porta ci sono le lettere JE – le iniziali di Jeffrey Epstein.

Le stesse iniziali si trovano a sinistra della porta della dimora di New York di Epstein.

Mentre le fonti dei mass media hanno affermato che il tempio era in realtà una palestra, i filmati girati all’interno del tempio rivelano che sicuramente non è una questo il caso.

All’interno del tempio sono presenti diversi materassi e impalcature. Nessuna attrezzatura da palestra in vista.

Qui vediamo un pavimento in legno

Mentre il drone filma verso l’alto, possiamo vedere una libreria, una colonna ornamentale e alcuni cavi.

Ancora una volta, abbiamo le prove chiare che questa non è una palestra. Il fatto che i mass media abbiano propagato questa fake news la dice lunga. E, considerando il fatto che tutto ciò che riguarda questo tempio è altamente simbolico, anche ciò che vediamo qui è altamente simbolico.

Anche se non possiamo vedere l’altro lato dello scaffale, possiamo presumere che ci sia un secondo pilastro sull’altro lato. Come sappiamo, i pilastri gemelli sono un punto fermo nel simbolismo massonico. Inoltre, il design contorto di questi pilastri è significativo: sono chiamate colonne solomoniche.

La forma a spirale, comune in natura, ha adornato edifici sin dagli albori della storia. Secondo la leggenda, le colonne a spirale ornavano il Tempio di Salomone a Gerusalemme.
– thought.co, Che cos’è una colonna solomonica?

La tradizione massonica, il rituale e il simbolismo sono fortemente basati sulla leggenda che circonda il Tempio di Salomone. In combinazione con la meridiana massonica al centro dell’isola di Epstein, da questo luogo emerge un chiaro schema “elitario”.

Un massone spiega l’importanza delle colonne salomoniche

IL RAID DELL’FBI

Il 12 agosto, il drone ha catturato le immagini del raid dell’FBI sull’isola di Epstein mentre stava accadendo. La prima domanda che ci si potrebbe porre è: perché l’FBI ha fatto irruzione nell’isola due giorni dopo la morte di Epstein e non molto prima? Perché hanno permesso alle persone di spostarsi e lavorare liberamente sull’isola in precendenza?

L’altra domanda che ci si potrebbe porre è: cosa stanno facendo in questo filmato?

Un agente si trova all’interno di una stanza con computer e altre apparecchiature impacchettate e, apparentemente, pronte per essere spedite.

Quindi altri agenti entrano nella stanza. Si noti che ci sono diversi agenti del NYPD che indagano su quest’isola alle Bahamas

Quando gli agenti si sono resi conto di essere ripresi da un drone hanno coperto la finestra

Perche` tanta segretezza?

CONCLUDENDO

Le riprese dei droni scattate nelle ultime settimane dimostrano che pesanti lavori di costruzione si sono svolti sull’isola di Epstein solo pochi giorni prima delle incursioni dell’FBI. Considerando il fatto che queste persone sono state pagate da Epstein, esiste una chiara possibilità che gli sia stato ordinato di distruggere le prove e di seppellire tutto ciò che doveva essere sepolto. Quando le autorità hanno infine fatto irruzione nell’isola (due giorni dopo la morte di Epstein), hanno reso evidente che non volevano essere filmati.

Non diversamente da quanto accaduto al Metropolitan Correctional Center il giorno della morte di Epstein, le autorità hanno mostrato un modello costante di “disattenzione intenzionale” durante la debacle di Epstein. Nonostante il fatto che l’isola sia stata un paradiso noto e ben documentato per gli abusi sui minori da parte delle persone più potenti del mondo, l’inchiesta che la circonda è, per non dire altro, lenta. In breve, stiamo assistendo mentre l’élite occulta copre le sue tracce e seppellisce il caso Epstein sotto letteralmente un mucchio di cemento.

Fonte

Jeffrey Epstein: Il ripugnante volto dell’elite occulta

Descritto come un “asteroide pronto a colpire il mondo delle élite”, il caso di Jeffrey Epstein potrebbe distruggere molte persone. Tuttavia, questa storia è molto più profonda di quella che la maggior parte delle fonti di notizie attualmente lascia intendere. In effetti, tutto ciò che lo riguarda è puro sfruttamento da parte dell’élite occulta.

L’arresto di Jeffrey Epstein per traffico di minori ha un potenziale davvero esplosivo e (se le informazioni importanti vengono rivelate al pubblico) potrebbe esporre al mondo il vero volto dell’élite. L’elenco delle persone potenti legate a Jeffrey Epstein e al suo famigerato “Lolita Express” è sbalorditivo. Combinato con il reclutamento e lo sfruttamento sistematici di minori per il piacere di persone potenti, il caso potrebbe convincere molte persone che il “pedogate” è fin troppo reale.

A causa della natura potenzialmente esplosiva di questo caso, entrambe le parti dello spettro politico sono già al lavoro per girare la storia per favorire la loro parte. Tuttavia, questo caso non ha assolutamente nulla a che fare con i “conservatori” e i “liberali” e tutto ciò che riguarda “l’elite”. Dai capi di stato ai membri delle famiglie reali senza dimenticare, celebrità, socialite e amministratori delegati di grandi aziende, i membri di tutti i rami dell’élite si sono riuniti per celebrare la depravazione estrema. Ma ora Epstein è in arresto e le parti si fermano. Ora, rimane una domanda: tutta la disgustosa verità di Epstein verra` alla luce o l’elite coprirà le sue tracce mentre getta Epstein sotto il bus? (Oggi Epstein e` stato trasportato in ospedale per tentato suicidio/assalto n.d.r.)

QUELLO CHE GIA` SAPPIAMO

Jeffrey Epstein è un finanziere che ha accumulato, secondo i documenti del tribunale, un “ammontare strabigliante di ricchezze”. Sebbene la maggior parte della sua fortuna sia nascosta nei paradisi fiscali offshore, le fonti ritengono che sia (o una volta fosse) un miliardario.

Insieme a questa ricchezza arrivò una grande quantità di potere e influenza. Il suo famoso “piccolo libro nero” conteneva i nomi di oltre 1000 individui di alto livello in tutti i campi della società. Epstein faceva anche parte di due delle più potenti organizzazioni del mondo: il Council on Foreign Relations e la Trilateral Commission. Entrambe queste entità raccolgono l’élite mondiale per decidere le politiche che modellano il mondo come lo conosciamo. La Commissione Trilaterale è stata accusata una volta di essere un

“Abile, sforzo coordinato per prendere il controllo e consolidare i quattro centri del potere: politico, monetario, intellettuale ed ecclesiastico (…) nella creazione di un potere economico mondiale superiore ai governi politici degli stati nazionali coinvolti”.
– With No Apologies,  Senator Barry Goldwater

La Commissione Trilaterale è stata fondata da David Rockefeller. Fatto interessante: Epstein era un membro del consiglio della Rockefeller University.

All’inizio degli anni 2000, Epstein organizzò feste sontuose nelle sue case a Manhattan e Palm Beach, dove erano presenti molti socialiti, celebrità e politici. C’erano anche molte ragazze minorenni. Anche Gli amici di Epstein volavano sul suo jet privato per feste in località remote. Il jet è stato soprannominato “Lolita Express” perché trasportava schiave sessuali minorenni all’elite.

Nel 2005, dopo che il genitore di una ragazza di 14 anni molestata si è lamentato con la polizia, Epstein si è dichiarato colpevole e nel 2008 è stato condannato in un tribunale dello stato della Florida per sollecitazione alla prostituzione e per aver fatto prostituire una ragazza di 17 anni. Ha servito 13 mesi in “custodia con rilascio lavorativo” come parte di un patteggiamento in cui funzionari federali avevano identificato 36 vittime.

Il “Little Black Book” di Epstein conteneva i nomi di oltre 1000 persone che vanno da amici intimi a contatti periferici dal mondo della politica, degli affari, dei media e dell’alta società europea.

I nomi includono celebrità come Woody Allen, Bill Cosby, Kevin Spacey, Chris Tucker, Ralph Fiennes, Alec Baldwin, David Blaine, Jimmy Buffett e Courtney Love; figure mediatiche tra cui Charlie Rose, George Stephanopoulos, Katie Couric, Mike Wallace e Barbara Walters; l’ex primo ministro israeliano Ehud Barak, l’ex primo ministro britannico Tony Blair, l’industriale David Koch e l’amministratore delegato dei fratelli Salomon John Gutfreund e sua moglie Susan.

Epstein era anche amico intimo del miliardario Leslie Wexner, fondatore di Victoria’s Secret. Secondo questo articolo, il collegamento tra Victoria’s Secret ed Epstein ha portato all’abuso di innumerevoli modelli.

Epstein è stato nuovamente arrestato il 6 luglio 2019, con l’accusa federale di traffico di minori in Florida e New York.

Mentre il processo imminente è descritto come un “asteroide pronto a colpire il mondo d’élite”, due nomi attireranno molto probabilmente maggiore attenzione. Uno è l’attuale presidente degli Stati Uniti. L’altro un ex presidente degli Stati Uniti.

TRUMP E CLINTON

Poco dopo l’arresto di Epstein il 6 luglio, fonti dei mass media hanno immediatamente collegato Donald Trump al finanziere.

Poco dopo l’arresto di Epstein, NBC News ha scoperto un video del 1992 che mostrava Donald Trump mentre discuteva con Epstein in Florida.

Nei suoi più noti commenti pubblici su Epstein, Donald Trump ha dichiarato al New York Magazine nel 2002:

“Conosco Jeff da quindici anni. Ragazzo fantastico. È molto divertente stare con lui. Si dice anche che gli piacciano le belle donne quanto me, e molte di loro sono giovani. Non c’è dubbio: Jeffrey si gode la sua vita sociale “.

Nel luglio 2019, l’opinione di Trump su Epstein è cambiata drasticamente. Sosteneva di conoscerlo “come tutti quelli di Palm Beach lo conoscevano”. Inoltre ha aggiunto in diverse occasioni che non era stato “un fan” di Epstein e che non gli parlava da circa quindici anni.

Nel 2007, Epstein sarebbe stato bandito dal club di Trump. Il divieto era incluso nei documenti giudiziari presentati dall’avvocato Bradley Edwards.

Un altro fatto che potrebbe causare un po ‘ di dolore a Trump: il suo attuale segretario del lavoro Alex Acosta ha svolto un ruolo importante nel porre fine alle indagini contro Epstein. Nel 2008, in qualità di avvocato statunitense nel sud della Florida, Acosta ha mediato un patteggiamento con Epstein che gli ha permesso di sfuggire a gravi punizioni per precedenti accuse di cattiva condotta sessuale.

Mentre ci sono innegabili legami tra Trump ed Epstein, il rapporto tra Bill Clinton ed Epstein è molto più coinvolto. I registri dei voli mostrano che Clinton è volato sull’aereo di Epstein almeno 26 volte in circa una dozzina di destinazioni internazionali. I registri di volo non elencavano alcun dettaglio del servizio segreto per cinque voli. Epstein fu anche coinvolto in alcuni progetti di Clinton: era un forte donatore della Clinton Foundation. Secondo l’avvocato Gerald B. Lefcourt, Epstein era anche “parte del gruppo originale che ha concepito la Clinton Global Initiative”.

Se il processo di Epstein iniziasse a scavare nei legami tra la Clinton Foundation, il suo coinvolgimento ad Haiti e il Lolita Express, il proverbiale vaso di Pandora potrebbe essere aperto.

I SEGRETI DELL’ISOLA DI EPSTEIN

Una veduta aerea di Little Saint James – l’isola privata di Jeffrey Epstein.

Situata nelle Isole Vergini Americane, Little Saint James è la residenza principale di Jeffrey Epstein dal suo acquisto nel 1998. Non ci volle molto prima che l’isola si guadagnasse una reputazione disgustosa.

“È stata soprannominata“ l’isola del peccato ”. Little Saint James è anche nota ai locali come “Pedophile Island” e “Orgy Island”. Secondo The Independent, “l’isola di Epstein si è guadagnata una reputazione depravata, e si dice che ragazze adolescenti abbiano preso parte alle orge su Little St James.

Secondo gli avvocati delle presunte vittime di Epstein, Little St. James è il luogo in cui molti dei peggiori crimini contro minori sono stati commessi da Epstein e dagli amici che hanno viaggiato lì con lui. I documenti del tribunale affermano che l’allora diciassettenne Virginia Roberts fu costretta da Epstein a fare sesso con il Principe Andrew in tre occasioni: a Londra, a New York e nell’ambito di un’orgia a Little St. James. ”
– Little St. James, Wikipedia

Secondo la maggior parte dei ricercatori, Little St. James è l’epicentro dello scandalo di Epstein. Si ritiene che un gran numero di persone ricche e potenti siano volate su questa isola remota per abusare di una scorta apparentemente infinita di minori che sarebbero stati forniti da una squadra di trafficanti.

Uno sguardo più attento all’isola rivela alcuni strani dettagli che stanno implorando di essere ulteriormente indagati. Tutto sull’isola sembra essere costruito su misura per soddisfare il desiderio estremo di depravazione dell’élite occulta.

Un’immagine del misterioso “tempio” che fu costruito sull’isola privata di Jeffrey Epstein.

Il fatto che un “tempio” sia stato costruito su un’isola nota per l’estrema depravazione è inquietante. Tuttavia, quando si comprende appieno la mentalità dell’élite occulta, ha perfettamente senso. Si tratta di simbolismo e rituali.

Ad esempio, il “tempio” ha una sorprendente somiglianza con Hammam Yalbugha – un bagno pubblico di epoca mamelucca situato in Siria.

Hammam Yalbugha ad Aleppo, Siria. Fu costruito nel 1491.

Perché Epstein ha modellato il suo “tempio” su questo specifico edificio? A causa del simbolismo ad esso collegato. In effetti, l’hammam è un classico esempio di architettura dell’era mamelucca. In arabo, la parola “mamelucco” significa letteralmente “proprietà” e viene utilizzata per designare gli schiavi.

Durante l’era mamelucca, i bambini furono catturati dalla classe dominante per diventare schiavi. Di solito i ragazzi venivano addestrati a diventare soldati mentre le ragazze venivano preparate per diventare le concubine personali dei loro padroni. Considerando il fatto che l’isola di Epstein era usata per importare schiave sessuali minorenni per l’élite, il simbolismo si adatta perfettamente.

Al fine di conferire al “tempio” un’inconfondibile dimensione occulta, l’edificio e` stato adornato con statue dorate raffiguranti divinità (Nettuno) e uccelli simili a gufi. L’edificio è inoltre circondato da schemi simili a labirinti, simili a quelli trovati nell’architettura islamica.

Per avere un’idea migliore dell’isola di Epstein, ti suggerisco di vedere questo filmatoche fornisce fantastici scatti di alcuni elementi davvero bizzarri.

Un dettaglio che necessita urgentemente di essere indagato è la possibile presenza di tunnel sotterranei.

Le riprese dei droni rivelano che il tempio si trova ad un’altitudine di 60 piedi. Proprio sotto sembra esserci un’entrata del tunnel.

Altre riprese di droni rivelano l’esistenza di numerosi ingressi.

Qui le teorie diventano estremamente oscure. Alcune fonti sostengono che un elaborato sistema di tunnel sia stato costruito sotto la superficie dell’isola – ed è qui che si verificano i piu` orribili abusi di bambini.

Al centro dell’isola è una meridiana inquietante che è piena di dettagli bizzarri.

La meridiana è circondata da panchine. Chi siede lì e perché? Fanno parte di un qualche tipo di rituale? Una grande roccia piatta fu posta sul numero XII.

Anche il design della faccia solare sulla meridiana è estremamente simbolico. È quasi una replica della testa dell ‘”Uomo massonico” come raffigurato nei documenti massonici classici.

Una litografia massonica classica raffigurante “l’Uomo Massonico”. La faccia solare è quasi identica alla meridiana sull’isola di Epstein.

Un’indagine approfondita sull’isola di Epstein porterebbe molto probabilmente a scoperte estremamente inquietanti. Tuttavia, come rivela questo recente filmato con i droni, il “tempio” sembra subire alcuni “rinnovamenti” (vari strumenti possono essere visti attraverso la finestra) mentre la cupola d’oro e altre statue d’oro sono sparite. Secondo Qanon, Epstein ha speso oltre $ 29 milioni per seppellire i tunnel sotterranei sotto l’isola.

L’élite sta disperatamente cercando di coprire le sue tracce mentre Epstein fa da capro espiatorio? Alcune fonti di notizie stanno già pubblicando articoli (come questo) affermando che il “tempio” era in realtà la palestra di Epstein.

CONCLUDENDO

Il caso Epstein ha il potenziale di esplodere in faccia all’elite. Secondo i media “liberali”, il caso potrebbe collegare Donald Trump a Epstein e causargli un grave danno alle prossime elezioni. Secondo i media “conservatori”, il caso potrebbe finalmente mettere in luce la profonda associazione tra i Clinton e Jeffrey Epstein rivelando anche la losca rete di trafficanti di bambini che era sostenuta dalla Fondazione Clinton.

Tuttavia, per i cercatori di verità senza agenda politica, questo caso è l’occasione per esporre lo stato mentale malvagio, depravato e sadico dell’élite occulta, che si diverte a rubare l’innocenza dei bambini mentre ostenta il suo simbolismo al mondo. I segreti oscuri dell’isola di Epstein e dell’élite occulta saranno finalmente svelati al mondo? O i mass media filtreranno e censureranno le informazioni che andranno contro gli interessi dei suoi proprietari d’élite?

Fonte

Un nuovo video mostra una strana meridiana e materassi all’interno del tempio dell’isola di Epstein

I video in 4k “del’isola dei pedofili” di di Jeffrey Epstein mostra materassi all’interno del'”tempio” e una strana meridiana solare circondata da rocce.

Epstein è stato arrestato lo scorso fine settimana con l’accusa di traffico sessuale di minori.

Il miliardario acquistò la sua isola di 75 acri, Little St. James, per $ 7,95 milioni nel 1998, sebbene i locali ora si riferiscano ad essa come all'”isola delle orgie” o all'”isola dei pedofili” in seguito alle rivelazioni che bambine di 12 anni venivano trafficate in questo posto.

Il nuovo filmato in 4k drone girato sull’isola mostra una meridiana solare circondata da grandi rocce.

Un particolare della meridiana. Possiamo notare che c’e` una pietra sacrificale sulla “mezzanotte”.

Un edificio a forma di cubo noto come il “tempio”, che una volta aveva una cupola dorata sopra di esso, prima che l’uragano Irma la facesse crollare nel 2017, sembra essere in fase di ristrutturazione e ha al suo interno due materassi a strisce.

Secondo James Both, la porta di legno della struttura “sembrava progettata per rinchiudervi dentro le persone, piuttosto che tenerle fuori”.

Vi sono speculazioni anche sul fatto che sia stata costruita una struttura sotterranea sotto il tempio.

“È assolutamente possibile installare un’abitazione e un ascensore sotto la struttura”, ha affermato Both.

“È interessante notare che il tempio sembra essere stato costruito tra il 2009 e il 2013, dopo che Epstein ha ottenuto una pena generosa di 13 mesi in una prigione della contea in Florida”, riferisce Law and Crime.

L’accusatrice di Epstein Virginia Roberts ha detto ai suoi avvocati nel 2011 che ha visto Bill Clinton sull’isola e ha chiesto a Epstein cosa stava facendo lì, dicendole che Clinton gli doveva un favore.

I registri di volo mostrano che Clinton ha viaggiato almeno 26 volte con il jet privato Lolita Express.

Secondo una relazione, Epstein si appresta a fare i nomi delle persone che hanno pagato per fare sesso con minori in cambio di una pena detentiva massima che non superi i 5 anni.

Guarda il filmato dei droni qui sotto.

Fonte

Strutture mistiche inspiegabili: Un tempio a forma di Ankh, costruito dagli Aztechi?

L’ankh egiziano … in Messico? Esatto. Le rovine di un misterioso tempio azteco somigliano stranamente e sorprendentemente alla croce “ankh” egiziana. Questo tempio azteco ad “ankh” è perfettamente allineato con una piramide di pietra, anch’essa in stile egiziano, nello stesso sito archeologico. Gli studiosi non credono vi sia alcuna connessione tra Aztechi ed Egizi, dal momento che entrambe le culture si sono evolute ai lati opposti dell’Oceano Atlantico e non sono mai venute in contatto tra di loro. Eppure, stranamente, il significato di questo ankh azteco è del tutto simile a quello dell’ankh “originale” ovvero quello egiziano.

Una piramide allineata con un tempio a forma di ankh, Calixtlahuaca, Messico.

Gli Aztechi e gli Egiziani furono delle civilità parallele per diverse ragioni, pur essendosi sviluppate ai lati opposti dell’Oceano Atlantico. Entrambe le culture costruirono piramidi, utilizzarono simboli solari ed entrambe credettero nella vita dopo la morte, preparando i loro defunti per il viaggio nell’aldilà attraverso una cerimonia elaborata e altamente rituale.

Entrambe le culture utilizzarono una croce “tau” per scopi affini: indicare le forze e le interazioni tra la vita fisica (che reputavano temporanea, materiale) e la vita spirituale (che reputavano eterna, spirituale).

In Egitto, questa croce venne chiamata “ankh”: è costituita da una croce “tau” (somigliante alla lettera “T”) combinata ad un anello posto sopra di essa:

L’ankh egiziano

In Messico, gli Aztechi e i Maya utilizzarono la stessa identica croce “tau”, privata però dell’anello superiore:

Icone a forma di Tau realizzate dai Maya, precursori degli Aztechi.

”La croce Tau era talmente comune, nel simbolismo egiziano, che viene chiamata, a volte, croce egiziana … I conquistatori spagnoli scoprirono che la croce era un simbolo ben noto tra gli Incas e Aztechi …”

– Geoffrey W. Bromiley, International Standard Bible Encyclopedia: AD

“Il tau egiziano – simbolo della vita – si trova anche nei monumenti dell’America centrale …”

-Robert S. Littell, The Living Age

Di solito, gli Aztechi, non mettevano un’anello al di sopra della loro croce tau. Tuttavia, esiste un edificio a forma di croce che si trova nell’odierno sito archeologico di Calixtlahuaca nell’attuale Messico. Questo edificio Azteco a forma di ankh è incredibilmente simile, per forma e design, alle innumerevoli croci ankh rappresentate dagli egiziani.

l misterioso edificio a forma di Ankh, costruito dagli Aztechi a Calixtlahuaca in Messico.

Può essere dimostrato che, sia gli Egiziani che gli Aztechi, usassero questo stesso simbolo per trasmettere le stesse credenze spirituali?

L’Ankh era, per gli antichi egizi, il simbolo (geroglifo) della vita. Non, però, della “vita” a cui tutti pensiamo istintivamente, ma di un altro tipo di “vita”, quella spirituale.

La croce ankh è talvolta chiamata la “chiave della vita”.

”C’è un errore di base commesso dagli egittologi quando affrontano la civilità egizia: credono fermamente che gli egiziani si ” preoccupassero ” per la morte. Gli egittologi lo ripetono come se fosse un mantra. Hanno completamente torto. Gli egiziani si focalizzarono soprattutto sulla “vita”, considerata come l’ “essere spirituale” che alberga in ognuno di noi, la nostra parte eterna.

Ecco la differenza (e questo è importante): Gli egiziani erano convinti, come molti di noi lo sono tutt’ora, che al momento della morte fisica di una persona, la sostanza che la animava si perdeva o fuggiva dal corpo. Credevano molto più di noi in questo Sè non – materiale, o anima o “dio interiore”. Consideravano l’anima come il loro vero Io, rappresentandola con una croce ankh, oggi visibile ovunque, tra le rovine.

A differenza degli egiziani, gli occidentali moderni sono molto più attaccati al mondo materiale e al corpo fisico. Ci identifichiamo con i nostri corpi, con le nostre automobili, case, carriera, ecc… Per gli egiziani, NOI saremo quelli preoccupati dalla morte e dalla nostra deperibile materialità. Non ci identifichiamo con l’anima, ma con il veicolo transitorio abitato, temporaneamente, da essa.

In Egitto la vita stessa veniva vista come una manifestazione del divino della quale bisognava godere e celebrare, identificandola solo con il corpo, come facciamo noi moderni, fa si che il nostro corpo diventi una tomba e il mondo una prigione. Nutrendo costantemente l’anima, facevano “pratica” della vita dopo la morte, in un certo senso. Quando arrivava la morte, quindi, niente di essenziale si considerava perduto.

-Richard Cassaro, Written In Stone: Decoding The Secret Masonic Religion Hidden In Gothic Cathedrals And World Architecture

Gli Aztechi credevano nello stesso tipo di “vita” degli egiziani. Per gli Aztechi (come per molti di noi), la morte di una persona non è la fine della sua esistenza, si tratta semplicemente della fine fisica. C’è qualcosa al nostro interno che continua a vivere, anche dopo la morte:

“Gli Aztechi credevano che la gente continuasse a vivere dopo che la loro vita sulla Terra era finita. Il tipo di vita, dopo la morte, era determinato dal modo in cui era stata vissuta la vita su questa Terra …. Quando qualcuno moriva, la sua famiglia lo vestiva con abiti eleganti. ballando e recitando preghiere funebri … Il corpo veniva poi sepolto … con tutti i beni posseduti in vita e cibo a sufficienza per il lungo viaggio negli inferi … ”

-Dr. Elizabeth Baquedano, The Aztecs: Understanding People In The Past

“Nella religione azteca c’era la credenza della vita dopo la morte … In relazione a questo, il credo degli Aztechi mostrava un ideale etico da raggiungere, evidenziato nella loro lotta tra bene e male. Nello specifico la missione degli Aztechi era quella di essere dalla parte del sole, il simbolo del bene, contro gli spaventosi e malvagi dei delle tenebre. ”

– Dinorah B. Méndez, Evangelicals in Mexico: Their Hymnody and Its Theology

Considerando che gli Egizi usavano la croce ankh (formata in parte dalla tau) per esprimere questo concetto di “vita” oltre alla morte, pure gli Aztechi se ne servivano. La croce azteca tau era identica a quella egizia:

Croce Tau azteca, chiamata anche Albero della Vita, conservata nel museo di antropologia a Messico City. Questa immagine ricorre nei codici preispanici.

“Nel mondo azteco, la croce tau è l’Albero della Vita …”

-Gary Varner, Mysteries of Native American Myth and Religion

“… La croce … era un simbolo sacro, praticamente in ogni religione … Tra gli Aztechi del Messico antico … era conosciuta come l’Albero della Vita.”

– Jean Delaire, Mystery Teaching in the West, 1935

Come simbolo dell’Albero della Vita, la croce tau azteca (come il tau egiziano) simboleggia il concetto di “vita” e di  “vita dopo la morte”, la stessa “vita dopo la morte”, che gli egiziani simboleggiavano attraverso la croce ankh.

Va notato che gli Aztechi non erano l’unica cultura pre-colombiana americana ad usare il Tau; le porte o le finestre a forma di “T” sono presenti comunemente in tutta l’architettura muratoria dell’America Centrale. Si trovano, per esempio, a Chaco Canyon nel nord del New Mexico e Mesa Verde nel sud-ovest del Colorado.

Delle scalinate conducono ad una porta a forma di T che si affaccia sulla Casa Rinconada, a Chaco Canyon, Nuovo Messico

Nel classico Atlantis: the Antediluvian World, Ignatius Donnelly afferma che il tau era un’icona importante che rappresentava la “sapienza nascosta” per Messicani, Peruviani, Egizi, Fenici, e Caldei. Donnelly sostiene inoltre che il simbolo era un emblema del ringiovanimento, della libertà dalla sofferenza fisica, della speranza, dell’immortalità, e dell’unità divina.

Il mistico Manly P. Hall ha una visione simile:

“Augustus Le Plongeon, nel suo Sacred Mysteries Among the Mayas and Quiches, osserva che la Crux Ansata, che egli chiama La chiave per il Nilo e il simbolo dei simboli, sia nella sua forma completa sia come semplice TAU, era presente sul petto delle statue e nei bassorilievi a Palenque, Copan, e in tutto il Centro America. Osserva inoltre che fu sempre associato all’acqua, tanto che tra i Babilonesi era l’emblema degli dei dell’acqua, tra gli scandinavi, del cielo e dell’immortalità. E. tra i Maya, del ringiovanimento e della libertà dalla sofferenza fisica ”

-Manly Hall, Gli Insegnamenti Segreti di tutte le età

Tornando al tau un legame diretto che collega gli Egiziani con gli Aztechi, si può vedere nelle grafiche qui sotto:

A sinistra: L’albero della Vita azteco. A destra: la croce Ankh egizia. Entrambi raffigurano croci tau. In entrambe le immagini ci sono due divinità gemelle rivolte verso l’interno, verso la croce. Le posizioni delle loro braccia, le mani, i piedi e le gambe sono quasi perfettamente parallele!

Si noti come in entrambe le immagini ci siano due divinità che fiancheggiano la croce. In entrambi i casi le divinità assumono simili pose simmetriche, di fronte alla croce. Inoltre, in entrambi i casi, le divinità sembrano fare gli stessi gesti con il corpo. Lo vediamo nelle posizioni delle mani, delle braccia, delle gambe, dei piedi e delle teste.

In una delle leggende cabalistiche/massoniche, Hiram Abiff riceve un martello a forma di TAU dal suo antenato, Tubal-Cain. La croce tau è tramandata dalla Massoneria moderna sotto il simbolo della T. Questa sembra essere la più antica forma di croce esistente.

La croce tau  in una finestra presso il Convento di Sant’Antonio nei pressi di Castrojeriz, Spagna.

“La croce filosofica, le due linee che corrono in direzioni opposte, l’orizzontale e la perpendicolare, l’altezza e la larghezza, che la Divinità geometrizzante divide nel punto di intersezione, e che costituisce il magico nonché scientifico quaternario, quando è inscritta all’interno del quadrato perfetto, è la base del occultista. E’ la chiave che apre la porta di ogni scienza, fisica e spirituale, la quale a sua volta simboleggia la nostra esistenza umana, in quanto il cerchio della vita circoscrive i quattro punti della croce, che rappresentano in successione la nascita, la vita, la morte e l’immortalità. ”

– H.P. Blavatsky, Iside Svelata

Fonte