Archivi Blog

I protocolli di Sion: La Strage degli Innocenti (5-11)

I goyim sono un gregge di pecore, e noi siamo i loro lupi. Sapete cosa succede quando i lupi si impadroniscono del gregge?

PROTOCOLLO 5

L’autore afferma che il despotismo è necessario per il mondo che sta creando, uno “dove i sentimenti verso la fede e la comunità sono cancellati da convinzioni cosmopolitiche”.

Di seguito è mostrata l’esatta logica su cui si basa il comunismo e la guerra al terrore. “Creeremo un’intensificata centralizzazione del governo per prendere in mano tutte le forze della comunità, regoleremo meccanicamente tutte le azioni della vita politica dei nostri soggetti con nuove leggi. Queste leggi cancelleranno una per una tutte le indulgenze e le libertà consentite dai goyim e il nostro regno sara` distinto da un dispotismo di tali proporzioni, da essere in ogni momento, e in ogni luogo, in grado di eliminare ogni goyim che ci si opponga.”

L’unione dei goyim avrebbe potuto ostacolare gli Illuminati, ma ” gli abbiamo messi uno contro l’altro nelle questioni nazionali, internazionali, religiose e razziale, influenzandoli nel corso dei venti secoli passati. .. Siamo troppo forti, il nostro potere e` inevitabile, le nazioni non possono stipulare un contratto privato senza che la nostra organizzazione lo venga a sapere “.

“È attraverso me che le nazioni regnano. I profeti dicono che siamo il popolo scelto da Dio stesso per dominare la Terra … Gli ingranaggi della macchina degli Stati sono alimentati dalla forza del motore che è nelle Nostre mani, e quel motore è … l’oro … il capitale … “.

“L’obiettivo principale del nostro direttorato è quello di ridurre l’attivita` mentale del pubblico … distrarlo da una riflessione seria, calcolata, che spesso sfocia in atti di resistrenza, distogliere le forze della mente in una lotta di vuota eloquenza”. “Diventeremo l’immagine del liberalismo e gli daremo una voce attraverso oratori che parleranno tanto da esaurire la pazienza dei loro ascoltatori …”

PROTOCOLLO 6

Stiamo creando “monopoli enormi” su cui dipendono anche le grandi fortune dei goyim, in modo che “andranno a fondo con lo Stato quando questultimo andra` in bancarotta …”

“Dobbiamo in ogni modo sviluppare il concetto del nostro super governo rappresentandolo come protettore e benefattore di tutti coloro che si sottomettono volontariamente”. “Vogliamo che l’industria attraverso le speculazioni, trasferisca nelle nostre mani tutto il denaro del mondo e getti tutti i goyim nelle fila del proletariato. I goyim si dovranno cosi` inginocchiare davanti a noi per ottenere il diritto ad esistere “.

Comunismo. “Affinché il vero significato delle cose non venga rivelato ai goyim prima del tempo, lo maschereremo sotto un preteso ardente desiderio di servire le classi lavoratrici …”

PROTOCOLLO 7

“L’aumento delle forze di polizia è essenziale … oltre a noi stessi ci dovrebbero essere solo le masse del proletariato, alcuni milionari dedicati ai nostri interessi, la polizia e i soldati …”

“Dobbiamo costringere il governo dei goyim” ad attenersi al nostro piano, imponendo loro di obbedire all’opinione pubblica che controlliamo attraverso quel grande potere che e` la stampa il quale ovviamente e` già nelle nostre mani.

“In una parola, per mantenere sotto controllo il governo dei goyim in Europa, mostreremo la nostra forza ad uno di loro con attacchi terroristici e a tutti, se dovessero tentare di rivoltarsi in gruppo.”.

PROTOCOLLO 8

“Nei momenti in cui, sara` impossibile affidare posti di responsabilita` ai nostri fratelli negli States, metteremo il potere nelle mani di persone il cui passato e la cui reputazione sono tali che … se non rispetteranno le nostre istruzioni, dovranno affrontare ritorsioni penali o scomparire”.

PROTOCOLLO 9

“De facto abbiamo già eliminato ogni tipo di regola, tranne le nostre … Oggi se alcuni Stati muovono una protesta contro di noi, è solo pro forma a nostra discrezione, e per nostra direzione, perché il loro antisemitismo è indispensabile per la gestione dei nostri fratelli meno importanti “.

“È da noi che nasce il terrorismo: abbiamo a nostro servizio persone di tutte le opinioni, di tutte le dottrine, dai restauratori della monarchia, ai demagoghi, ai socialisti, ai comunisti e ai sognatori utopici. Non avremo pace finché [tutti gli stati] non riconosceranno apertamente il nostro Super-governo internazionale sottomettendosi “.

“Per continuare uno scontro politico bisogna avere i soldi e tutti i soldi sono nelle nostre mani”. Abbiamo preso il controllo delle “istituzioni dei goyim” usando la “licenza caotica del liberalismo”. Ci sono le nostre mani nell’amministrazione della legge, nella conduzione delle elezioni, nella stampa, nella libertà della persona, ma principalmente nell’educazione e nella formazione come pietre angolari di un’esistenza libera “.

“Abbiamo ingannato, sconvolto e corrotto la giovinezza dei goyim, costringendoli a studiare per lungo tempo principi e teorie che sappiamo falsi , nonostante siamo stati noi ad introdurli”.

PROTOCOLLO 10

“Come possono i goyim percepire il significato sottostante delle cose quando i loro rappresentanti non fanno altro che godersi la vita?”

“Inculcando in tutto un senso di importanza del sé, distruggeremo il concetto di famiglia e il suo valore educativo e toglieremo la possibilità di separare le menti individuali, perché la folla, gestita da noi, soffochera` ogni idea alternativa.

“In questo modo creeremo una cieca e potente forza che non sarà mai in grado di muoversi senza la guida dei nostri agenti … Le persone si sottometteranno a questo regime perché sapranno che e` da questi leader che dipenderanno i loro guadagni, le loro gratificazioni e la ricezione di tutti i tipi di prestazione “.

“Quando abbiamo introdotto nell’organismo statale il veleno del liberalismo tutto ha subito un cambiamento: gli stati sono stati contagiati da una malattia mortale, tutto quello che resta è attendere la fine della loro agonia. Il liberalismo ha creato gli Stati costituzionali che hanno sostituito l’unica protezione dei goyim, vale a dire il dispotismo ….

“Il riconoscimento del nostro despota … verrà quando i popoli, completamente stanchi dalle irregolarità e dall’incompetenza – una questione che noi forniremo – dei loro governanti diranno:” Andatevene e dateci un re che ci unira` e annienterà le cause delle discordie – frontiere, nazionalità, religioni, debiti statali – che ci darà pace e tranquillità che non possiamo trovare sotto i nostri governanti e rappresentanti “.

Dobbiamo quindi portare l’umanita` al tracollo con disprezzo, odio, lotta, invidia e utilizzare anche la tortura, la fame, l’inoculazione di malattie, affinché i goyim non vedano altra soluzione che concederci l’assoluta sovranità sul denaro e su tutto il resto. Se tuttavia concederiamo alle nazioni del mondo uno spazio per respirare, non vedremo mai la coronazione della nostra opera”.

PROTOCOLLO 11

“Attraverso l’eliminazione del diritto alla libertà di stampa, del diritto di associazione, della libertà di scienza, del principio di voto e di molti altri “I goyim saranno un indifeso gregge di pecore , E noi siamo i loro lupi. E sapete cosa succede quando i lupi si impadroniscono del gregge? ”

“… continueremo a prometter loro di restituire tutte le libertà che abbiamo portato via non appena avremo zittito i nemici della pace…Non c’e` motivo di discutere sul quanto i goyim dovranno stare senza le loro preziose liberta` … “Questo programma è destinato a far guadagnare, in modo indiretto, agli ebrei, ciò che non sarebbe possibile altrimenti. “Dio ha concesso, al suo popolo scelto, il dono della dispersione”, che ci ha ora portato alla soglia della sovranità planetaria”.

Fonte

“Noi controlliamo il loro destino – Discorso del rabbino al cimitero di Praga

“Dovremo respingere i cristiani ed eliminare la loro influenza. Dobbiamo imporre al mondo cio` in cui deve credere, ciò che deve onorare e maledire”.

libreparole
Per la prima volta su Internet, la conferenza del Rabbi Reichorn (1869) ai leader ebrei di Praga, in cui viene descritta la segreta guerra giudaica contro la civiltà cristiana, compreso, il controllo della stampa, i matrimoni misti, la distruzione dei valori della famiglia e lo sfruttamento delle classi piu` povere . L’obiettivo finale: “regnare su tutto il mondo, come era stato promesso a nostro padre Abramo”.

Prima parte:
Flashback: 1869 Il piano per la dominazione globale sionista

Parte seconda:

Dobbiamo incoraggiare il matrimonio tra ebrei e cristiani. Il popolo di Giuda, non rischiera` nulla e potra` guadagnarci importanti alleanze. L’introduzione di una piccola goccia di sangue impuro nella nostra stirpe, scelta da Dio, non potra` in alcun modo corromperla, e i nostri figli e figlie godranno di questi matrimoni/alleanze con famiglie cristiane in possesso di un po ‘ di potere e prestigio.

In cambio del denaro che daremo, otterremo l’equivalente in termini di influenza su chi ci circonda. Questa parentela con i cristiani non comportera` alcuna deviazione dal percorso che abbiamo tracciato. Al contrario, con un po ‘ di diplomazia ci rendera` in grado di controllare il lorodestino. È auspicabile che gli ebrei evitassero di avere amanti della nostra santa religione, dovrebbero scegliere per quel ruolo vergini cristiane. Cercheremo di sostituire il sacramento del matrimonio ottenuto in chiesa con un semplice contratto davanti a una qualche autorità civile; in questo modo le donne cristiane dovrebbero affluire in quantita` al nostro campo.

Se l’oro è il primo potere in questo mondo, il secondo è senza dubbio la stampa. Ma che cosa può essere il secondo senza il prima? Dal momento che non siamo in grado di realizzare tutto ciò che è già stato detto e previsto, senza l’aiuto della stampa, il nostro popolo dovra` guidare i maggiori quotidiani di ogni paese. Il possesso dell’oro e la bravura di usarlo per ungere i palmi di coloro che si lasciano corrompere, ci renderà arbitri della pubblica opinione, e ci darà il dominio sulle masse.

sharonjpg-1ad780a368d1325d

Avanzando quindi, passo dopo passo in questo percorso, e con la perseveranza che è la nostra grande virtù, dovremo respingere i cristiani ed eliminare la loro influenza. Dobbiamo imporre al mondo cio` in cui deve credere, ciò che deve onorare e maledire”. Forse alcuni individui si porranno contro di noi e ci condannerranno e malediranno; le docili e ignoranti masse, tuttavia, ci ascolteranno e staranno dalla nostra parte.

Una volta che saremo padroni assoluti della stampa, saremo in grado di modificare a nostro piacimento tutte le idee sull’onore, le virtù, la rettitudine di carattere, e condurre il primo attacco contro questa istituzione, puntando su un obiettivo sensibile ovvero la vita familiare; provocando infine la sua distruzione. Saremo in grado di stroncare la credenza e la fede in tutto ciò che i nostri nemici, i cristiani, hanno finora venerato.

Cercate di comprendere a fondo quello che e` stato appena detto. Lasciate che ogni figlio di Giuda assorba questi principi. Il nostro potere, in questo modo, crescerà come un gigantesco albero dai cui rami nasceranno frutti come ricchezza, piacere, felicità, potere compensando il terribile stato in cui gli Ebrei sono vissuti per secoli.

Quando uno del nostro popolo fa un passo in avanti, lasciate che un altro lo segua da vicino. Se un Ebreo viene interrogato dinanzi ai giudici del paese, lasciare che il suo fratello ebreo venga in suo aiuto; ma solo quando il primo ha agito in conformità con le leggi che Giuda ha rigorosamente osservato per tanti secoli.

fdr

Siamo un popolo di conservatori, fedeli alle cerimonie religiose e alle usanze tramandate dai nostri antenati. Il nostro scopo richiede di sforzarci e fingere che ci interessino le questioni sociali, che sono all’ordine del giorno; soprattutto quelle che riguardano il miglioramento delle condizioni dei lavoratori. In realtà, tuttavia, i nostri sforzi devono essere indirizzati a prendere il controllo di questo movimento di opinione pubblica (cioè l’emancipazione delle classi lavoratrici, il movimento dei lavoratori) e utilizzarlo per manipolarela politica. La cecità delle masse, la facilità con cui essevengono influenzate dall’eloquenza… gli hanno trasformati in strumenti docili e facili prede dello sproloquio e delle fandonie. Saremo in grado di trovare tra le nostre persone coloro in grado di contraffare i sentimenti ed essere eloquenti, entusiasti e sinceri proprio come i cristiani.

Dobbiamo per quanto possibile manipolare il proletariato e renderli schiavi di chi gestisce il denaro. In questo modo faremo si che le masse insorgano quando vogliamo. Li spingeremo a creare insurrezioni e rivoluzioni, e ognuna di queste catastrofi fara` progredire i nostri interessi segretiavvicinandosi rapidamente al nostro grande obiettivo, cioè quello di regnare sul mondo intero, come era stato promesso al nostro padre Abramo.

Fonte