Archivi Blog

Rapporto ONU: Alexa e Siri sono sessiste e strumenti di oppressione

Le assistenti vocali digitali come Siri e Alexa sono strumenti di oppressione usati dal patriarcato per tenere sottomesse le donne, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) insieme al governo tedesco e alla Coalizione EQUALS, secondo il comitato editoriale del Wall Street Journal.

Secondo un rapporto di 146 pagine, gli autori osservano che “la maggior parte dei principali assistenti vocali sono esclusivamente femminili di default, sia nel nome che nel suono della voce”, che invia segnali sessisti che “le donne sono servili, docili, desiderose di aiutarti, disponibili con il semplice tocco di un pulsante o con un comando vocale tipo ‘hey’ o ‘OK’. ”

Se dici a Cortana che è sexy, dira` che “la bellezza è nei fotorecettori di chi guarda”. Gli assistenti digitali “accolgono” gli abusi verbali flirtando” dando risposte apologetiche alle molestie sessuali verbali “, afferma il rapporto. Questa risposta fallisce “nell’incoraggiare o modellare, comunicazioni sane sul sesso o sul consenso sessuale”.

Quindi – Siri e Alexa fondamentalmente stanno addestrando gli uomini a essere stupratori, secondo quest’ultima parte.

Inoltre, “L’assistente non ha alcun potere di agire al di là di ciò che l’utente gli chiede: onora i comandi e risponde alle domande indipendentemente dal tono o dall’ostilità”, il che rafforza “pregiudizi di genere che le donne sono sottomesse e tolleranti nei confronti dei maltrattamenti”.

Secondo il rapporto, tutto questo ha qualcosa a che fare con la mancanza di donne nel settore tecnologico. Per risolvere il problema, il rapporto delle Nazioni Unite suggerisce l’educazione tecnica obbligatoria per le donne e le quote di genere nelle industrie tecnologiche, con ovviamente un ampio finanziamento governativo.

Meglio non dirgli di “Okaeri”

Fonte