Archivi Blog

Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: Il Crittogramma come fattore importante nella filosofia simbolica

NESSUN trattato che si occupa di simbolismo sarebbe completo senza una sezione dedicata alla considerazione dei crittogrammi. L’uso delle cifre è stato a lungo riconosciuto come indispensabile nei circoli militari e diplomatici, ma il mondo moderno ha trascurato l’importante ruolo svolto dalla crittografia nella letteratura e nella filosofia. Se l’arte di decifrare i crittogrammi potesse essere resa popolare, si tradurrebbe nella scoperta di molta saggezza finora insospettata posseduta da filosofi antichi e medievali. Dimostrerebbe che molti autori apparentemente verbosi e sconclusionati erano prolissi per il bene di nascondere le parole. I cifrari sono nascosti nel modo più sottile: possono essere nascosti nella filigrana del foglio su cui è stampato un libro; possono essere rilegati nelle copertine dei libri antichi; possono essere nascosti sotto impaginazione imperfetta; possono essere estratti dalle prime lettere di parole o dalle prime parole di frasi; possono essere nascosti ad arte in equazioni matematiche o in caratteri apparentemente incomprensibili; possono essere estratti dal gergo dei pagliacci o rivelati dal calore come se fossero stati scritti con inchiostro simpatico; possono essere parole cifrate, lettere cifrate o dichiarazioni apparentemente ambigue il cui significato potrebbe essere compreso solo da ripetute letture accurate; potrebbero essere scoperti nelle lettere iniziali minuziosamente elaborate dei primi libri o potrebbero essere rivelati da un processo di conteggio di parole o lettere. Se coloro che fossero interessati alla ricerca massonica prendessero in seria considerazione questo argomento, avrebbero potuto trovare nei libri e nei manoscritti del XVI e XVII secolo le informazioni necessarie per colmare il divario nella storia massonica che esiste ora tra i Misteri del mondo antico e l’Arte Muratoria degli ultimi tre secoli.

Gli arcani degli antichi Misteri non furono mai rivelati al profano se non attraverso i media dei simboli. Il simbolismo ha adempiuto al duplice ufficio di nascondere le verità sacre ai non iniziati e di rivelarle a coloro che sono qualificati per comprendere i simboli. Le forme sono i simboli di principi divini senza forma; il simbolismo è il linguaggio della natura. Con riverenza il saggio buca il velo e con una visione più chiara contempla la realtà; ma l’ignorante, incapace di distinguere tra falso e vero, vede un universo di simboli. Si può ben dire della Natura – la Grande Madre – che disegna sempre strani simboli sulla superficie delle cose, ma solo ai suoi figli più saggi come ricompensa per la loro fede e devozione rivela l’alfabeto criptico che è la chiave per l’importazione di questi simboli.

I templi degli antichi Misteri hanno evoluto le loro lingue sacre, conosciute solo dai loro iniziati e mai parlate se non nel santuario. I sacerdoti illuminati consideravano sacrilegio discutere le sacre verità dei mondi superiori o le verità divine della Natura eterna nella stessa lingua usata dai volgari per litigare e dissentire. Una scienza sacra deve essere formulata in un linguaggio sacro. Furono anche inventati alfabeti segreti e ogni volta che i segreti dei saggi erano impegnati nella scrittura, venivano impiegati personaggi privi di significato per i non informati. Tali forme di scrittura erano chiamate alfabeti sacri o ermetici. Alcuni – come la famosa scrittura angelica – sono ancora conservati nei gradi superiori della massoneria.

Gli alfabeti segreti non erano del tutto soddisfacenti, tuttavia, sebbene rendessero incomprensibile la vera natura degli scritti, la loro stessa presenza rivelava il fatto di informazioni nascoste – che i sacerdoti cercavano anche di nascondere. Attraverso la pazienza o la persecuzione, le chiavi di questi alfabeti furono infine acquisite e il contenuto dei documenti rivelato agli indegni. Questo ha reso necessario l’impiego di metodi più sottili per nascondere le verità divine. Il risultato è stato la comparsa di sistemi di scrittura criptici progettati per nascondere la presenza sia del messaggio che del crittogramma. Avendo così escogitato un metodo per trasmettere i loro segreti ai posteri, gli illuminati incoraggiarono la circolazione di alcuni documenti appositamente preparati incorporando in essi cifre che contenevano i segreti più profondi del misticismo e della filosofia. Così i filosofi medievali diffondevano le loro teorie in tutta Europa senza suscitare sospetti, poiché i volumi contenenti questi crittogrammi potevano essere sottoposti al controllo più attento senza rivelare la presenza del messaggio nascosto.

Durante il Medioevo decine di scrittori – membri di organizzazioni politiche o religiose segrete – pubblicarono libri contenenti cifre. La scrittura segreta divenne una moda passeggera; ogni tribunale europeo aveva il suo codice diplomatico e l’intellighenzia si sfidò a vicenda nell’elaborare crittogrammi curiosi e complicati. La letteratura del XV, XVI e XVII secolo è permeata di cifre, alcune delle quali sono mai state decodificate. Molti dei magnifici intelletti scientifici e filosofici di questo periodo non osarono pubblicare le loro scoperte, a causa dell’intolleranza religiosa dei loro giorni. Al fine di preservare il frutto delle loro fatiche intellettuali per l’umanità, questi pionieri del progresso nascondevano le loro scoperte in cifre, confidando che le generazioni future, più gentili delle loro, avrebbero scoperto e apprezzato il loro apprendimento.

Molti uomini di chiesa, è interessante notare, hanno usato i crittogrammi, temendo la scomunica o un destino peggiore se le loro ricerche scientifiche fossero rese state rese pubbliche. Solo recentemente è stata svelata un complesso cifrario di Roger Bacon, rivelando il fatto che questo primo scienziato era ben versato nella teoria cellulare. Tenendo una conferenza presso la American Philosophical Society, Dr. William Romaine Newbold,

Da Cryptomenytices et Cryptographiæ di Seleno.

Un anno dopo la pubblicazione del primo grande folio “shakespeariano”, fu pubblicato un notevole volume di crittografia e cifrari. Il frontespizio dell’opera è riprodotto sopra. L’anno della sua pubblicazione (1624) fu durante la controversia dei Rosacroce. La traduzione del frontespizio è la seguente:

“La Crittomenisi e la crittografia di Gustavo Seleno in nove libri, a cui è aggiunta una chiara spiegazione del Sistema di Steganografia di Giovanni Tritemio, Abate di Spanheim ed Erbipoli, un uomo di ammirevole genio. Intervallato da degne invenzioni dell’autore e di altri, 1624.” Si ritiene che l’autore di questo volume sia Augusto, duca di Brunswick. I simboli e gli emblemi che ornano il frontespizio, tuttavia, sono la prova conclusiva che la mano fine dei Rosacroce era dietro la sua pubblicazione. Nella parte inferiore della foto c’è un nobile (Bacone?) Che mette il cappello sulla testa di un altro uomo. Nell’ovale nella parte superiore del piatto, è possibile che le luci siano dei fari o un gioco sul nome Bacone. Nei due pannelli laterali si trovano suggestive e sottili allusioni “shakespeariane”. Sulla sinistra c’è un nobile (forse Bacone) che consegna un foglio a un altro uomo dall’aspetto mediocre che porta in mano una lancia. A destra, l’uomo che in precedenza portava la lancia è rappresentato nel costume di un attore, che indossa speroni e suona un corno. L’allusione all’attore che suona il corno e la figura che porta la lancia suggeriscono molto, soprattutto perché la lancia è la parte finale del nome “Shakespeare”.

che tradusse il manoscritto cifrato del frate, dichiarò: “Ci sono disegni che ritraggono così accuratamente l’aspetto reale di alcuni oggetti che è difficile resistere all’inferenza secondo cui Bacone li aveva visti al microscopio. Questi sono gli spermatozoi, i le cellule del corpo e i tubi seminiferi, gli ovuli, con i loro nuclei chiaramente indicati. Esistono nove grandi disegni, di cui almeno uno assomiglia considerevolmente a un certo stadio di sviluppo di una cellula fecondata. ” (Vedi Review of Reviews, luglio 1921.) Se Roger Bacon non avesse nascosto questa scoperta con un cifrario complicato, sarebbe stato perseguitato come un eretico e avrebbe probabilmente incontrato il destino di altri primi pensatori liberali. Nonostante i rapidi progressi compiuti dalla scienza negli ultimi duecentocinquanta anni, essa rimane ancora ignorante riguardo a molte delle scoperte originali fatte dagli investigatori medievali. L’unico registro di questi importanti risultati è quello contenuto nei crittogrammi dei volumi pubblicati. Mentre molti autori hanno scritto sull’argomento della crittografia, i libri più preziosi per gli studenti di filosofia e religione sono: Polygraphia and Steganographia, di Trithemius, abate di Spanheim; Mercury, o The Secret and Swift Messenger, di John Wilkins, vescovo di Chester; Ipdipus Ægyptiacus e altre opere di Atanasio Kircher, Società di Gesù; e Cryptomenytices et Cryptographiæ, di Gustavus Selenus.

Per illustrare le differenze di base nella loro costruzione e utilizzo, le varie forme di cifrari sono qui raggruppate in sette voci generali:

1. La cifra letterale. Il più famoso di tutti i crittogrammi letterali è il famoso codice biliterio descritto da Sir Francis Bacon nel suo De Augmentis Scientiarum. Lord Bacon ha originato il sistema mentre era ancora un giovane residente a Parigi. Il codice biliterio richiede l’uso di due tipi diversi di font, uno normale e l’altro appositamente tagliato. Le differenze tra i due caratteri sono in molti casi così minuscole da richiedere una potente lente d’ingrandimento per rilevarle. In origine, i messaggi di cifratura erano nascosti solo nelle parole, nelle frasi o nei paragrafi in corsivo, perché le lettere in corsivo, essendo più ornate rispetto alle lettere romane, offrivano maggiori opportunità per nascondere le lievi ma necessarie variazioni. A volte le lettere hanno dimensioni leggermente inferiori; altre volte di spessore o nei loro ornamenti. Più tardi, si ritiene che Lord Bacon avesse preparato due alfabeti romani appositamente progettati in cui le differenze erano così banali che è quasi impossibile per gli esperti distinguerle.

Un’attenta ispezione dei primi quattro folio “Shakespeare” rivela l’uso in tutti i volumi di diversi stili di font che differiscono in dettagli minuti ma distinguibili. È possibile che tutti i folio di “Shakespeare” contengano cifrari. Questi cifrari potrebbero essere stati aggiunti alle rappresentazioni originali, che sono molto più lunghe nei folio che nei quartos originali, in alcuni casi sono state aggiunte scene complete.

Il cifrario biliterale non era limitato agli scritti di Bacon e “Shakespeare”, ma appare in molti libri pubblicati durante la vita di Lord Bacon e per quasi un secolo dopo la sua morte. Nel riferirsi al codice biliterio, Lord Bacon lo definisce omnia per omnia. Il codice può scorrere un intero libro ed essere inserito al momento della stampa senza che l’autore originale lo sapesse, poiché non richiede il cambio di parole o punteggiatura. È possibile che questo cifrario sia stato inserito a scopi politici in molti documenti e volumi pubblicati nel diciassettesimo secolo. È noto che i cifrari sono stati utilizzati per lo stesso motivo già dal Concilio di Nicea.

Il cifrario biliterale baconiano è difficile da usare oggi, a causa dell’attuale standardizzazione esatta del font e del fatto che al giorno d’oggi ben pochi libri sono scritti a mano. Ad accompagnare questo capitolo sono facsimili dell’alfabeto biliterale di Lord Bacon come appariva nella traduzione inglese del 1640 di De Augmentis Scientiarum. Ci sono quattro alfabeti, due per le maiuscole e due per le lettere minuscole. Considera attentamente le differenze tra questi quattro e nota che ogni alfabeto ha il potere della lettera a o della lettera b e che quando si legge una parola le sue lettere sono divisibili in uno dei due gruppi: quelli che corrispondono alla lettera a e quelli che corrispondono alla lettera b. Per utilizzare il codice biliterio, un documento deve contenere cinque volte il numero di lettere che ci sono nel messaggio in codice per essere nascosto, poiché richiede cinque lettere per nasconderne uno. La cifra bilaterale ricorda in qualche modo un codice telegrafico in cui le lettere vengono trasformate in punti e trattini; secondo il sistema biliterio, tuttavia, i punti e i trattini sono rappresentati rispettivamente da a e b. La parola biliterio deriva dal fatto che tutte le lettere dell’alfabeto possono essere ridotte a a o b. Un esempio di scrittura biliterata è mostrato in uno dei diagrammi di accompagnamento. Per dimostrare il funzionamento di questo cifrario, il messaggio nascosto all’interno delle parole “Wisdom and understanding are more to be desired than riches” verrà ora decifrato.

Il primo passo è scoprire [le lettere di ogni alfabeto e sostituirle con il loro equivalente a o b secondo la chiave data da Lord Bacon nel suo alfabeto biliterio (q.v.). Nella parola saggezza (Wisdom), la W deriva dall’alfabeto b; pertanto è sostituita da a b. L’i deriva dall’alfabeto a; quindi una a viene messa al suo posto. Anche la s proviene dall’alfabeto a, ma la d appartiene all’alfabeto b. O e m appartengono entrambi all’alfabeto a e vengono sostituite da a. Con questo processo la parola WISDOM diventa baabaa. Trattando le parole rimanenti della frase in modo simile, AND diventa aba; UNDERSTANDING, aaabaaaaaabab; ARE, aba; MORE, abbb; TO, ab; BE, ab; DESIRED, abaabaa; THAN Aaba; RICHES, aaaaaa.

Il prossimo passo è comporre le lettere; quindi: baabaaabaaaabaaaaaabababaabbbabababaabaaaabaaaaaaa. Tutte le combinazioni utilizzate nel codice biliterio baconiano sono costituite da gruppi contenenti cinque lettere ciascuno. Pertanto la linea continua di lettere deve essere suddivisa in gruppi di cinque nel modo seguente: baaba aabaa aabaa aaaab ababa abbba babab aabaa aabaa aaaaa. Ognuno di questi gruppi di cinque lettere rappresenta ora una lettera del codice e la lettera effettiva può ora essere determinata confrontando i gruppi con la tabella alfabetica, The Key to the Biliteral Cipher, di De Augmentis Scientiarum (qv): baaba = T , aabaa = E, aabaa = E; aaaab = B; ababa = L; abbba = P; babab = X; aabaa = E, aabaa = E; aaaaa = A; le ultime cinque lettere della parola RICHES non vengono considerate nel cifrario. Le lettere così estratte vengono ora riunite in ordine, risultando in TEEBLPXEE.

A questo punto l’investigatore potrebbe ragionevolmente aspettarsi che le lettere formino parole intelligibili; ma sarà molto probabilmente deluso, poiché, come nel caso sopra, le lettere così estratte sono esse stesse un crittogramma, per scoraggiare coloro che potrebbero avere una conoscenza occasionale del sistema biliterale. Il prossimo passo è applicare le nove lettere a ciò che viene comunemente chiamato un cifrario a ruota (o disco) (q.v.), che consiste di due alfabeti, uno che ruota attorno all’altro in modo tale che siano possibili numerose trasposizioni di lettere. Nelle seguenti figure vediamo come la A dell’alfabeto interno

Nella frase sopra nota attentamente la formazione delle lettere. Confronta ogni lettera con i due tipi di lettere nella tabella dell’alfabeto biliterio riprodotta dal De Augmentis Scientiarum di Lord Bacon. Un confronto tra la “d” in “wisdom” con la “d” in “and” rivela un grande anello nella parte superiore della prima, mentre nella seconda non vi e` praticamente nulla. Confronta la “i” in “wisdom” con la “i” nella parola “understanding”. Nel primo caso, le linee sono curve e nel secondo caso angolari. Un’analisi simile delle due “r” in “desired” rivela evidenti differenze. La “o” in “more” differisce dalla “o” nella parola “wisodom” in quanto una piccola linea continua procede verso la “r”. La “a” in “than” è più sottile e più angolare di quanto lo siano le “a” in “are”, mentre la” r “in” riches ” differisce da quella in “desired” in quanto il segno verticale finale termina con una palla invece che un puntino definito. Queste differenze minori rivelano la presenza dei due alfabeti impiegati nello scrivere la frase.

LA CHIAVE DEL CIFRARIO BILITERALE.

Da De Augmentis Scientiarum di Bacon.

Dopo che il documento da decifrare è stato ridotto ai suoi equivalenti “a” e “b”, viene quindi suddiviso in gruppi di cinque lettere e il messaggio letto con l’aiuto della tabella sopra.

UN CIFRARIO MODERNO

Il diagramma sopra mostra un cifrario. L’alfabeto più piccolo, o interno, si muove in modo tale che una delle sue lettere possa essere portata di fronte all’alfabeto esterno. In alcuni casi, l’alfabeto interno è scritto al contrario, ma nel presente esempio, entrambi gli alfabeti si leggono allo stesso modo.

L’ALFABETO BILITERALE.

Da De Augmentis Scientiarum di Bacon.

Questa piastra è riprodotta nel De Augmentis Scientiarum di Bacon e mostra i due alfabeti da lui progettati per il suo cifrario. Ogni maiuscola e minuscola ha due forme distinte che sono designate “a” e “b”. Il sistema biliterio non utilizzava in ogni caso due alfabeti in cui le differenze erano percepibili come nell’esempio qui riportato, ma i due alfabeti venivano sempre usati; a volte le variazioni sono così minuscole che richiede una potente lente d’ingrandimento per distinguere la differenza tra i tipi di lettere “a” e “b”.

è opposto alla H dell’alfabeto esterno, in modo che ai fini della cifra queste lettere siano intercambiabili. La F e la M, la P e la Y, la W e la D, in effetti tutte le lettere, possono essere trasposte come mostrato dai due cerchi. Le nove lettere estratte dal codice biliterio possono quindi essere scambiate con altre nove dal codice della ruota. Le nove lettere sono considerate sul cerchio interno della ruota e vengono scambiate con le nove lettere sul cerchio esterno che sono opposte alle lettere interne. Con questo processo la T diventa A; le due E diventano due L; la B diventa I, la L diventa S; la P diventa W; la X diventa E; e le due E diventano due L. Il risultato è ALLISWELL, che, suddiviso in parole, recita: “Va tutto bene”.

Ovviamente, spostando il disco interno del codice della ruota, si possono ottenere molte lettere diverse da quella sopra indicata, ma questa è l’unica che produrrà senso e il crittografo matematico deve continuare a sperimentare fino a quando scopre un messaggio logico e intelligibile. Potrebbe quindi sentirsi ragionevolmente sicuro di aver decifrato il sistema. Lord Bacon ha utilizzato il cifrario biliterale in molti modi diversi. Probabilmente ci sono molti sistemi diversi usati nel solo folio di “Shakespeare”, alcuni così intricati da poter confondere per sempre tutti i tentativi di decifrazione. In quelli suscettibili di soluzione, a volte le a e b devono essere scambiate; altre volte il messaggio nascosto è scritto al contrario.

Esistono diverse altre forme del codice letterale in cui le lettere sono sostituite l’una all’altra da una sequenza prestabilita. La forma più semplice è questa:

A B C D E F G H I K L M N
Z Y X W U T S R Q P O N M
                         
O P Q R S T U W X Y Z    
L K I H G F E D C B A

Sostituendo le lettere dell’alfabeto inferiore con i loro equivalenti in quella superiore, si ottiene una conglomerazione insignificante, il messaggio nascosto viene decodificato invertendo il processo. Esiste anche una forma del codice letterale in cui il vero crittogramma è scritto nel corpo del documento, ma le parole non importanti vengono inserite tra quelle importanti secondo un ordine prestabilito. La cifra letterale include anche quelle che vengono chiamate firme acrostiche, ovvero parole scritte nella colonna mediante l’uso della prima lettera di ogni riga e anche acrostici più complicati in cui le lettere importanti sono sparse in interi paragrafi o capitoli. I due crittogrammi alchemici di accompagnamento illustrano un’altra forma del codice letterale che coinvolge la prima lettera di ogni parola. Ogni crittogramma basato sulla disposizione o sulla combinazione delle lettere dell’alfabeto è chiamato cifrario letterale.

2. Il cifrario pittorico. Qualsiasi immagine o disegno con un significato diverso da quello ovvio può essere considerato un crittogramma pittorico. Esempi di cifrari pittorici si trovano spesso nel simbolismo egiziano e nella prima arte religiosa. I diagrammi di alchimisti e filosofi ermetici sono invariabilmente cifrari pittorici. Oltre alla semplice cifra pittorica, esiste una forma più tecnica in cui le parole o le lettere sono nascoste dal numero di pietre in un muro, dalla diffusione delle ali degli uccelli in volo, dalle increspature sulla superficie dell’acqua, o da la lunghezza e l’ordine delle linee utilizzate nell’ombreggiatura. Tali crittogrammi non sono ovvi e devono essere decodificati con l’aiuto di una scala di misurazione arbitraria, la lunghezza delle linee che determinano la lettera o la parola nascosta. La forma e la proporzione di un edificio, l’altezza di una torre, il numero di barre in una finestra, le pieghe delle vesti di un uomo – anche le proporzioni o l’atteggiamento del corpo umano – venivano usate per nascondere figure o personaggi definiti che potrebbero essere scambiati per lettere o parole da una persona a conoscenza del codice.

Le lettere iniziali di nomi sono state secrete in archi e campate architettoniche. Un esempio notevole di questa pratica si trova nella pagina del titolo di Montaigue’s Essays, terza edizione, in cui una B iniziale è formata da due archi e una F da un arco spezzato. I crittogrammi pittorici sono talvolta accompagnati dalla chiave necessaria per la loro decifrazione. Una figura può puntare verso il punto di partenza della cifra o tenere in mano un attrezzo che rivela il sistema di misura utilizzato. Ci sono anche casi frequenti in cui il crittografo ha volutamente distorto o vestito in modo improprio qualche figura nel suo disegno posizionando il cappello all’indietro, la spada dalla parte sbagliata o lo scudo sul braccio sbagliato o impiegando un artificio simile. Il tanto discusso quinto dito sulla mano del Papa nella Madonna Sistina di Raffaello e il sesto dito sul piede di Giuseppe nello stesso matrimonio della Vergine dell’artista sono criptogrammi astutamente nascosti.

3. Il cifrario acroamatico. Gli scritti religiosi e filosofici di tutte le nazioni abbondano di crittogrammi acroamatici, cioè parabole e allegorie. L’acroamatico è unico in quanto il documento che lo contiene può essere tradotto o ristampato senza influire sul crittogramma. Parabole e allegorie sono state usate fin dall’antichità remota per presentare verità morali in modo attraente e comprensibile. Il crittogramma acroamatico è un cifrario pittorico a parole e il suo simbolismo deve essere interpretato in questo modo. L’Antico e il Nuovo Testamento degli ebrei, gli scritti di Platone e Aristotele, l’Odissea e l’Iliade di Omero, l’Eneide di Virgilio, La metamorfosi di Apuleio e le favole di Sop sono eccezionali esempi di crittografia acroamatica in cui sono nascoste le verità più profonde e sublimi dell’antica filosofia mistica.

Il cifrario acroamatico è il più sottile di tutti, poiché la parabola o l’allegoria sono suscettibili di diverse interpretazioni. Per secoli gli studenti biblici si sono confrontati con difficoltà. Sono soddisfatti dell’interpretazione morale della parabola e dimenticano che ogni parabola e allegoria sono capaci di sette interpretazioni, di cui la settima – la più alta – è completa e inclusiva, mentre le altre sei (e minori) interpretazioni sono frammentarie. I miti della creazione del mondo sono crittogrammi acroamatici e le divinità dei vari panteoni sono solo personaggi criptici che, se correttamente compresi, diventano i componenti di un alfabeto divino. I pochi iniziati comprendono la vera natura di questo alfabeto, ma i non iniziati ne adorano le lettere come se fossero divinita`.

UN CRIPTOGRAMMA ALCHIMICO.

Dalla storia della chimica di Brown.

James Campbell Brown ristampa un curioso cifrario di Kircher. Le lettere maiuscole delle sette parole nel cerchio esterno lette in senso orario, formano la parola SVLPHVR. Dalle parole nel secondo cerchio, se letto in modo simile, deriva FIXVM. Le maiuscole delle sei parole nel cerchio interno, se opportunamente disposte, leggono anche ESTSOL. Viene così estratto il seguente codice: “Sulphur Fixum Est Sol”, che quando tradotto è: “Lo zolfo fisso è oro”.

UN CRIPTOGRAMMA ALCHIMICO.

Da Geheime Figuren der Rosenkreuzer.

A partire dalla parola VISITA e leggendo in senso orario, le sette lettere iniziali delle sette parole iscritte nel cerchio esterno recitano: VITRIOL. Questo è un enigma alchemico molto semplice, ma ricorda che coloro che studiano opere su ermetismo, rosacrocismo, alchimia e massoneria dovrebbero sempre cercare i significati nascosti in Parabole e allegorie o in disposizioni criptiche di numeri, lettere e parole.

UNA RAPPRESENTAZIONE CRIPTICA DI GIUSTIZIA DIVINA E NATURALE.

Da Cryptomenytices et Cryptographiæ di Seleno.

Il primo cerchio raffigura i divini antecedenti della giustizia, il secondo lo scopo universale della giustizia e il terzo i risultati dell’applicazione umana della giustizia. Quindi, il primo cerchio riguarda i principi divini, il secondo cerchio gli affari mondani e il terzo cerchio l’uomo. Nella parte superiore del quadro si trova Themis, lo spirito del diritto che presiede, e ai suoi piedi altre tre regine – Giunone, Minerva e Venere – le loro vesti decorate con figure geometriche. L’asse della legge collega il trono, della divina giustizia in alto con il trono del giudizio umano nella parte inferiore del quadro. Su quest’ultimo trono è seduta una regina con uno scettro in mano, davanti al quale si trova la dea alata Nemesis – l’angelo del giudizio.

Il secondo cerchio è diviso in tre parti da due serie di due linee orizzontali. La sezione superiore e leggera si chiama Regione Suprema ed è la dimora degli dei, dei buoni spiriti e degli eroi. La sezione inferiore e oscura è la dimora della lussuria, del peccato e dell’ignoranza. Tra questi due estremi si trova la sezione più ampia in cui si fondono i poteri e gli impulsi delle regioni superiore e inferiore.

Nel terzo o cerchio interno c’è l’uomo, una creatura composta da nove parti – tre di spirito, tre di intelletto e tre di anima – racchiuse in una costituzione. Secondo Seleno, le tre qualità spirituali dell’uomo sono il pensiero, la parola e l’azione; le sue tre qualità intellettuali sono memoria, intelligenza e volontà; e le sue tre qualità di anima sono comprensione, coraggio e desiderio. Il terzo cerchio è ulteriormente diviso in tre parti chiamate età: l’Età dell’Oro della verità spirituale nella sezione in alto a destra, l’Età del ferro delle tenebre spirituali nella sezione in basso a destra e l’Età del Bronzo – un composto dei due che occupano l’intera meta` sinistra del cerchio interno ed e`essa stessa divisa in tre parti. La divisione più bassa dell’età del bronzo raffigura l’uomo ignorante controllato dalla forza, il centrale l’uomo parzialmente risvegliato controllato dal diritto e quello superiore l’uomo illuminato spiritualmente controllato dall’amore. Sia il secondo che il terzo cerchio ruotano sull’asse della legge, ma la fonte divina della legge – la giustizia celeste – è nascosta dalle nuvole. Tutti i simboli e le figure che ornano la piastra sono dedicati a un’amplificazione dettagliata dei principi qui descritti.

4. Il cifrario numerico. Sono stati prodotti molti crittogrammi in cui i numeri in varie sequenze sono sostituiti da lettere, parole o persino pensieri completi. La lettura di cifre numeriche di solito dipende dal possesso di tabelle di corrispondenza appositamente predisposte. I crittogrammi numerici dell’Antico Testamento sono così complicati che solo pochi studiosi della tradizione rabbinica hanno mai cercato di svelare i loro misteri. Nel suo ipdipus Ægyptiacus, Atanasio Kircher descrive diversi teoremi cabalistici arabi, e gran parte del mistero di Pitagora fu nascosto in un metodo segreto in voga tra i mistici greci di sostituire lettere con numeri.

Il cifrario numerico più semplice è quello in cui le lettere dell’alfabeto vengono scambiate con numeri in sequenza ordinaria. Così A diventa 1, B 2, C 3 e così via, contando sia I che J come 9 e sia U che V come 20. La parola yes con questo sistema verrebbe scritta 23-5-18. Questo cifrario può essere reso più difficile invertendo l’alfabeto in modo che Z diventi 1, Y 2, X 3 e così via. Inserendo un numero non significativo, o non conteggiato, dopo ogni numero significativo, la cifra viene ancora più efficacemente nascosta, quindi: 23-16-5-9-18. La parola yes si trova eliminando il secondo e il quarto numero. Sommando 23, 5 e 18 insieme la somma 46 ne risulta. Pertanto 46 è l’equivalente numerico della parola yes. Secondo la semplice cifra numerica, la somma 138 è uguale alle parole Note carefully. Pertanto, in un libro che utilizza questo metodo, la riga 138, pagina 138 o il paragrafo 138 può contenere il messaggio nascosto. Oltre a questo semplice cifrario numerico ci sono decine di altri così complicati che nessuno senza la chiave può sperare di risolverli.

Gli autori a volte basavano i loro crittogrammi sul valore numerico dei loro nomi; ad esempio, Sir Francis Bacon ha ripetutamente usato il criptico numero 33, l’equivalente numerico del suo nome. I cifrari numerici spesso implicano l’impaginazione di un libro. L’impaginazione imperfetta, sebbene generalmente attribuita alla negligenza, spesso nasconde segreti importanti. Le errate spiegazioni riscontrate nel folio di “Shakespeare” del 1623 e la costante ricorrenza di errori simili in vari volumi stampati nello stesso periodo hanno suscitato un notevole pensiero tra studiosi e crittografi. Nei crittogrammi baconiani, tutti i numeri di pagina che terminano con 89 sembrano avere un significato speciale. L’89a pagina delle Commedie nel folio del 1623 di “Shakespeare” mostra un errore nell’impaginazione, del “9” essendo considerevolmente più piccolo di “8.” La 189a pagina è del tutto mancante, con due pagine numerate 187; e la pagina 188 mostra il secondo “8” poco più della metà del primo. Pagina 289 è numerata correttamente e non ha caratteristiche insolite, manca la pagina 89 delle Storie. Numerosi volumi pubblicati da Bacon mostrano errori simili.

Esistono anche cifrari numeriche dalle quali il messaggio criptico può essere estratto contando ogni decima parola, ogni ventesima parola o ogni cinquantesimo parola. In alcuni casi il conteggio è irregolare. La prima parola importante può essere trovata contando 100, la seconda contando 90, la terza contando 80 e così via fino a raggiungere il conteggio di 10. Il conteggio quindi ritorna a 100 e il processo viene ripetuto.

5. Il cifrario musicale. John Wilkins, in seguito vescovo di Chester, nel 1641 fece circolare un saggio anonimo intitolato Mercurio, o Secret and Swift Messenger. In questo piccolo volume, che è stato in gran parte derivato dai trattati più voluminosi di Tritemio e Seleno, l’autore espone un metodo in base al quale i musicisti possono dialogare tra loro sostituendo le note musicali con le lettere dell’alfabeto. Due persone che comprendono il codice potrebbero dialogare tra loro semplicemente suonando determinate note su un piano o un altro strumento.da alcuni sistemi è possibile prendere un tema musicale già esistente e celare in esso un crittogramma senza modificare in alcun modo la composizione. I pennanti sulle note possono nascondere la cifra, oppure i suoni effettivi delle note possono essere scambiati con sillabe di suono simile. Quest’ultimo metodo è efficace ma la sua portata è piuttosto limitata. Diverse composizioni musicali di Sir Francis Bacon sono ancora esistenti. Un loro esame potrebbe rivelare crittogrammi musicali, poiché è certo che Lord Bacon conoscesse bene il modo in cui erano stati costruiti.

6. Il cifrario arbitrario. Il sistema di scambio di lettere dell’alfabeto con figure geroglifiche è troppo facilmente decodificabile per essere popolare. Albert: Pike descrive un codice arbitrario basato sulle varie parti della croce dei Templari, ogni angolo rappresenta una lettera. I molti alfabeti curiosi che sono stati ideati sono resi inutili, tuttavia, dalla tabella delle ricorrenze. Secondo Edgar Allan Poe, un grande crittografo, la lettera più comune della lingua inglese è E, le altre lettere nel loro ordine di frequenza sono le seguenti: A, O, I, D, H, N, R, S, T , V, Y, C, F, QL, M, W, B, K, P, Q, X, Z. Altre autorità dichiarano che la tabella di frequenza è: E, T, A, O, N, I, R , S, H, D, L, C, W, U, M, F, Y, G, P, B, V, K, X, Q, J, Z.. Un ulteriore aiuto è fornito anche dal fatto che se il crittogramma è suddiviso in parole ci sono solo tre lettere singole che possono formare parole: A, I, O. Pertanto ogni singolo carattere che si stacca dal resto del testo deve essere uno dei queste tre lettere. Per i dettagli di questo sistema, vedere The Gold Bug, di Edgar Allan Poe.

Per rendere più difficile la decodifica di cifre arbitrarie, tuttavia, i caratteri vengono raramente suddivisi in parole e, inoltre, la tabella di ricorrenza viene parzialmente annullata assegnando due o più caratteri diversi a ciascuna lettera, rendendo quindi impossibile stimare con precisione la frequenza di ricorrenza. Pertanto, maggiore è il numero di caratteri arbitrari utilizzati per rappresentare una singola lettera dell’alfabeto, più è difficile decifrare un crittogramma arbitrario. Gli alfabeti segreti degli antichi sono relativamente facili da decodificare, gli unici requisiti sono una tabella di frequenza, una conoscenza della lingua in cui era originariamente scritto il crittogramma, una moderata quantità di pazienza e un po ‘di ingegnosità.

7. Il cifrario cifrato. La forma più moderna di crittogramma è il sistema di codice. La sua forma più familiare è il codice Morse per l’uso nella comunicazione telegrafica e wireless. Questa forma di cifrario può essere in qualche modo complicata incorporando punti e trattini in un documento in cui punti e punti sono punti, mentre virgole e punti e virgola sono trattini. Ci sono anche codici usati dal mondo degli affari che possono essere risolti solo con l’uso di un libro di codici privato. Poiché forniscono un metodo economico ed efficiente di trasmissione di informazioni riservate, l’uso di tali codici è molto più diffuso di quanto la persona media non sospetti.

Oltre alle precedenti classificazioni ci sono una serie di vari sistemi di scrittura segreta, alcuni che impiegano dispositivi meccanici, altri colori. Alcuni fanno uso di vari oggetti per rappresentare parole e persino pensieri completi. Ma poiché questi dispositivi più elaborati venivano raramente impiegati dagli antichi o dai filosofi e alchimisti medievali,, non hanno alcun rapporto diretto con la religione e la filosofia. I mistici del Medioevo, prendendo in prestito la terminologia delle varie arti e scienze, svilupparono un sistema di crittografia che nascondeva i segreti dell’anima umana in termini generalmente applicati a chimica, biologia, astronomia, botanica e fisiologia. Cifrari di questa natura possono essere decodificati solo da persone esperte nei profondi principi filosofici su cui questi mistici medioevali hanno basato le loro teorie. Molte informazioni relative alla natura invisibile dell’uomo sono nascoste sotto quelli che sembrano essere esperimenti chimici o speculazioni scientifiche. Ogni studente di simbolismo e filosofia, pertanto, dovrebbe essere ragionevolmente ben informato dei principi di base della crittografia; oltre a servirlo bene nelle sue ricerche, questa arte fornisce un metodo affascinante per sviluppare l’acutezza delle facoltà mentali. La discriminazione e l’osservazione sono indispensabili per chi cerca la conoscenza, e nessuno studio è uguale alla crittografia come mezzo per stimolare questi poteri.

ALFABETI QABBALISTICI E MAGICI.

Da Barrett’s Magus.

Alfabeti curiosi furono inventati dai primi e medioevali filosofi per nascondere le loro dottrine e principi dal profano. Alcuni di questi alfabeti sono ancora usati in misura limitata nei gradi più alti della massoneria. Probabilmente il più famoso è la scrittura angelica, definita nella piastra sopra “La scrittura chiamata Malachim”. Le sue figure sono presumibilmente derivate dalle costellazioni. Gli studenti avanzati di filosofia occulta troveranno molti documenti preziosi in cui vengono utilizzate queste figure. Sotto ogni lettera del primo alfabeto sopra è il suo equivalente in inglese. Sopra ogni lettera degli altri tre alfabeti si trova l’equivalente della sua lettera ebraica.

 

 

Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: Bacone,Shakespeare e i Rosacroce

Si considera l’attuale polemica Bacone – Shakespeare – Rosacroce non per il vano scopo di scavare le ossa dei morti, ma piuttosto nella speranza che un’analisi critica aiuti nella riscoperta di quella conoscenza perduta da quando gli oracoli sono stati ridotti al silenzio. Fu W. F. C. Wigston che chiamò il Bardo di Avon “il fantasma Capitano Shakespeare, la maschera rosacrociana”. Ciò costituisce una delle affermazioni più significative relative alla controversia tra Bacone -Shakespeare.

È abbastanza evidente che William Shakespeare non poteva, senza aiuto, produrre gli scritti immortali che portano il suo nome. Non possedeva la necessaria cultura letteraria, poiché la città di Stratford, dove era statu allevato, non conteneva una scuola in grado di impartire le più alte forme di apprendimento riflesse negli scritti a lui attribuiti. I suoi genitori erano analfabeti e nella sua prima età manifestò un totale disprezzo per lo studio. Esistono solo sei esempi noti di calligrafia di Shakspere. Tutte sono firme e tre di loro sono nel suo testamento. Il metodo scarabocchiato e incerto della loro esecuzione suggerisce che Shakespeare mancasse di familiarità con l’uso di una penna, ed è ovvio che ha copiato una firma preparata per lui o che la sua mano è stata guidata mentre scriveva. Non sono stati scoperti manoscritti autografi dei drammi o sonetti “shakespeariani”, né esiste una tradizione che li riguardi oltre alla dichiarazione fantastica ed impossibile che appare nella prefazione del Grande Foglio.

Una biblioteca ben fornita sarebbe una parte essenziale dell’attrezzatura di un autore le cui produzioni letterarie dimostrano che conosceva la letteratura di tutte le epoche, tuttavia non vi è alcuna registrazione che Shakespeare abbia mai posseduto una biblioteca, né menziona libri nella sua volontà. Commentando l’analfabetismo noto della figlia di Shakspere, Judith, la quale a ventisette anni era a malapena in grado di fare la sua firma, Ignazio Donnelly dichiara incredibile che William Shakespeare se e` vero che scrive i suoi drammi, avrebbe permesso a sua figlia di raggiungere la femminilità e sposarsi senza poter leggere una riga degli scritti che avevano reso il padre ricco e famoso a livello locale.

E` stata sollevata un’altra domanda, “Dove William Shakspere si e`assicurato la sua conoscenza del moderno francese, italiano, spagnolo e danese, per non parlare dei classici latino e greco?” Perché, nonostante la rara discriminazione con cui il latino viene usato dall’autore delle commedie shakespeariane, Ben Jonson, che conosceva intimamente Shakspere, dichiarò che l’attore di Stratford capiva “poco di latino e ancor meno di greco”! Non è strano che non esista alcuna registrazione di William Shakspere riguardo al fatto che abbia avuto un ruolo di protagonista nei famosi drammi che avrebbe dovuto scrivere o in altri prodotti dalla compagnia di cui era membro?

Nonostante la sua dichiarata avidita`, Shakespeare apparentemente non fece alcuno sforzo durante la sua vita per controllare o ottenere compensi dagli spettacoli recanti il suo nome, molti dei quali furono prima pubblicati in modo anonimo. Per quanto è possibile accertare, nessuno dei suoi eredi fu coinvolto in alcun modo nella stampa del Primo Folio dopo la sua morte, né ne trasse beneficio finanziario. Se fosse stato il loro autore, i manoscritti e gli spettacoli inediti di Shakespeare avrebbero certamente costituito i suoi beni più preziosi, eppure la sua volontà – pur facendo speciale disposizione del suo secondo letto e della sua “grande boccia d’argento” né menziona né indica che possedeva qualsiasi produzione letteraria.

Mentre i Folios e i Quartos di solito sono firmati “William Shakespeare”, tutti gli autografi noti dell’attore di Stratford recitavano “William Shakspere”. Questo cambiamento nell’ortografia contiene qualche significato finora trascurato? Inoltre, se gli editori del primo Folio shakespeariano venerassero il loro attore così come le loro affermazioni in quel volume indicherebbero, perché, come se ironizzassero nell’allusione a uno scherzo che stavano perpetrando, posero un’evidente sua caricatura sul frontespizio?

Anche alcune assurdità nella vita privata di Shakespeare sono inconciliabili. Pur presumibilmente al culmine della sua carriera letteraria, era in realtà impegnato ad acquistare il malto, per un business della birra! Immaginate anche l’immortale Shakspere – l’autore del Mercante di Venezia – lavorare come usuraio! Tra coloro che dovevano modeste somme di denaro a Shakespeare c’era un altro paesano – uno di nome Philip Rogers – che ha citato in giudizio per un prestito non pagato di due scellini, o circa quarantotto centesimi! In breve, non c’è nulla di conosciuto nella vita di Shakespeare che giustifichi l’eccellenza letteraria a lui imputata.

Gli ideali filosofici promulgati attraverso i drammi shakespeariani dimostrano chiaramente che il loro autore aveva una profonda familiarità con certe dottrine e principi peculiari del rosacrocianesimo; infatti la profondità delle produzioni shakespeariane elevano il loro creatore ad uno degli illuminati dei secoli. La maggior parte di coloro che cercano una soluzione per la polemica Bacone-Shakespeare sono stati intellettualisti. Nonostante le loro conquiste accademiche, hanno trascurato la parte importante del trascendentalismo nelle conquiste filosofiche dei secoli. I misteri della superfisica sono inspiegabili per il materialista, il cui addestramento non gli consente di stimare l’estensione delle loro ramificazioni e complessità. Eppure chi, se non un platonico, un Qabbalista o un Pitagorico, avrebbe potuto scrivere La Tempesta, Macbeth, Amleto o La tragedia di Cymbeline? Chi, se non uno profondamente esperto di saperi paraconsiani, avrebbe potuto concepire, Sogno di una notte di mezza estate?

Padre della scienza moderna, rimodellatore

GIOIELLO LUCI E OMBRE DELLE A.

Da Re Riccardo Secondo di Shakespeare, Quarto del 1597.

Il copricapo ornamentale mostrato sopra è stato a lungo considerato una firma baconiana o rosacrociana. Luci e ombre delle A appare in diversi volumi pubblicati da emissari dei Rosa-Croce. Se la figura sopra viene confrontata con quella degli Alciati Emblemata nelle pagine seguenti, l’uso criptico delle due A sarà ulteriormente dimostrato.

LA PAGINA DEL TITOLO DI “ANATOMIA DELLA MELANCHOLIA” DI BURTON.

Da anatomia della malinconia di Burton.

Gli esperti baconiani dichiarano che l’Anatomia della malinconia di Burton è in realtà un album di Francis Bacon in cui raccolse strani e rari frammenti di conoscenza durante i molti anni di vita piena di eventi. Da tempo si suppone che questo frontespizio contenga un messaggio criptico. La chiave di questo cifrario è la figura di punta del maniaco nell’angolo in basso a destra del disegno. Secondo la signora Elizabeth Wells Gallup, il globo celeste al quale punta il maniaco è un criptico simbolo di Sir Francis Bacon. I segni planetari che appaiono nelle nuvole di fronte alle figure marginali 4, 5 ;, 6 e 7 indicano le configurazioni planetarie, che producono le forme di mania rappresentate. L’uomo seduto, con la testa appoggiata sulla mano. è dichiarato dagli appassionati di Bacone essere la rappresentazione di Sir Francis Bacon.

della legge moderna, redattore della Bibbia moderna, protettore della democrazia moderna e uno dei fondatori della moderna massoneria, Sir Francis Bacon era un uomo con molti scopi. Era un rosacrociano, Se non proprio il Padre illustre C.R.C. a cui si fa riferimento nei manifesti rosacrociani, fu certamente un alto iniziato dell’Ordine Rosacrociano, ed è la sua attività in relazione a questo corpo segreto che è di primaria importanza per gli studenti di simbolismo, filosofia e letteratura.

Decine di volumi sono stati scritti per stabilire se Sir Francis Bacon fosse il vero autore delle commedie e dei sonetti comunemente attribuiti a William Shakespeare. Una considerazione imparziale di questi documenti non può che convincere la mente aperta della verosimiglianza della teoria baconiana. Infatti quegli appassionati che per anni hanno faticato a identificare Sir Francis Bacon come il vero “Bardo di Avon” avrebbero potuto vincere da tempo il loro caso se avessero enfatizzato la sua più importante prospettiva, cioè che Sir Francis Bacon, l’iniziato rosacrociano, scrisse nelle opere shakesperiane gli insegnamenti segreti della Fraternità dei RC e i veri rituali dell’Ordine dei Massoni, di cui si può ancora scoprire che era il vero fondatore. Un mondo sentimentale, tuttavia, non ama rinunciare a un eroe tradizionale, sia per risolvere una polemica o per correggere un torto. Tuttavia, se si può dimostrare che estrapolando l’indovinello possono essere scoperte informazioni di valore pratico per l’umanità, allora le migliori menti del mondo coopereranno nell’impresa. La polemica Bacon-Shakespaere, come i suoi sostenitori più capaci comprendono, coinvolge gli aspetti più profondi della scienza, della religione e dell’etica; colui che risolve il suo mistero può ancora trovare in esso la chiave della presunta saggezza perduta dell’antichità.

Fu in riconoscimento dei successi intellettuali di Bacone quando Re Giacomo gli consegnò i manoscritti dei traduttori di quella che è ora conosciuta come la Bibbia per il presunto scopo di controllarli, modificarli e rivederli. I documenti sono rimasti nelle sue mani per quasi un anno, ma non si hanno informazioni su ciò che è accaduto in quel momento. Riguardo a questo lavoro, William T. Smedley scrive: “Alla fine si dimostrerà che l’intero schema della versione autorizzata della Bibbia era di Francis Bacon”. (Vedi Il mistero di Francis Bacon.) La prima edizione della Bibbia di Re Giacomo contiene un criptico messaggio baconiano. Bacon crittograficamente nascondeva nella Bibbia autorizzata ciò che non osava rivelare letteralmente nel testo – la chiave segreta rosacrociana del cristianesimo mistico e massonico?

Sir Francis Bacon possedeva indiscutibilmente la gamma di conoscenze generali e filosofiche necessarie per scrivere i drammi e i sonetti shakespeariani, poiché di solito si ammette che era un compositore, un avvocato e un linguista. Il suo cappellano, il dottor William Rawley e Ben Jonson attestano entrambi i suoi successi filosofici e poetici. Il primo paga a Bacon questo straordinario tributo: “Sono stato portato a pensare che se ci fosse stato un raggio di conoscenza derivato da Dio su qualsiasi uomo in questi tempi moderni, era su di lui, anche se era un grande lettore di libri, eppure la sua conoscenza non derivava dai libri, ma da alcuni motivi e nozioni dall’interno di se stesso. “(Vedi Introduzione al Risuscitato).

Sir Francis Bacon, essendo non solo un abile avvocato, ma anche un cortigiano raffinato, possedeva anche quella profonda conoscenza del diritto parlamentare e l’etichetta della corte reale rivelata nei drammi shakespeariani che difficilmente sarebbero stati acquisiti da un uomo nella umile posizione di l’attore di Stratford. Lord Verulam visitò inoltre molti dei paesi stranieri che facevano da sfondo alle rappresentazioni teatrali e fu quindi in grado di creare l’autentica atmosfera locale in esso contenuta, ma non vi è alcuna testimonianza che William Shakespeare abbia mai viaggiato fuori dall’Inghilterra.

La magnifica biblioteca raccolta da Sir Francis Bacon conteneva gli stessi volumi necessari per fornire citazioni e aneddoti incorporati nei drammi shakespeariani. Molte delle opere teatrali, infatti, sono state tratte da grafici di precedenti scritti di cui all’epoca non esisteva una traduzione in inglese. A causa delle sue acquisizioni scolastiche, Lord Verulam avrebbe potuto leggere i libri originali; è molto improbabile che William Shakespeare possa averlo fatto.

Esiste una prova crittografica abbondante che Bacon era interessato alla produzione dei drammi shakespeariani. Il numero di codice di Sir Francis Bacon era 33. Nella prima parte di Re Enrico IV, la parola “Francesco” appare 33 volte su una pagina. Per raggiungere questo scopo erano necessarie frasi imbarazzanti come: “Anon Francis? No Francis, ma domani Francis: o Francis, giovedì: o davvero Francis quando vuoi, ma Francis.”

In tutto il Folio e il Quartos shakespeariano compaiono decine di firme acrostiche. La forma più semplice dell’acrostico è quella in cui un nome – in questi casi Bacon – era nascosto nelle prime lettere di ogni riga. In La Tempesta, Atto I, Scena 2, appare un sorprendente esempio dell’acrostico baconiano:

“Begun to tell me what I am, but stopt
And left me to a bootelesse Inquisition,
Concluding, stay: not yet.

La prima lettera della prima e della seconda riga insieme alle prime tre lettere della terza riga formano la parola BACon. Acrostici simili appaiono frequentemente negli scritti riconosciuti di Bacon.

Il tenore dei drammi shakespeariani è politicamente in armonia con i punti di vista riconosciuti di Sir Francis Bacon, i cui nemici sono spesso caricaturali nelle commedie. Allo stesso modo, le loro sottocorrenti religiose, filosofiche e educative riflettono tutte le sue opinioni personali. Non solo queste marcate somiglianze di stile e terminologia esistono negli scritti di Bacon e nei drammi shakespeariani, ma ci sono anche alcune inesattezze storiche e filosofiche comuni a entrambe, come le identiche erratezze di Aristotele.

“Comprendendo evidentemente che il futuro avrebbe svelato il suo pieno genio, Lord Verulam nel suo testamento lasciò la sua anima a Dio sopra le oblazioni del suo Salvatore, il suo corpo da seppellire oscuramente, il suo nome e la memoria ai discorsi di carità degli uomini, alle nazioni straniere, a Anni successivi, e ai suoi compatrioti, dopo che un po ‘ di tempo fosse trascorso. Questa parte che appare in corsivo fu cancellata da Bacon, apparentemente temendo che avesse detto troppo.

Che il sotterfugio di Sir Francis Bacon fosse noto a un gruppo limitato durante la sua vita è abbastanza evidente. Di conseguenza, in molti volumi del diciassettesimo secolo si possono trovare spunti vaghi riguardo al vero autore dei drammi shakespeariani. A pagina 33 (numero di cifratura di Bacon) dell’edizione 1609 di Tesoreria o Magazzino di Robert Cawdry

UN FIRMA BACONIANA.

Da Alciati Emblemata.

Il curioso volume da cui è tratta questa figura è stato pubblicato a Parigi nel 1818. L’attenzione dello studente baconiano è immediatamente attratta dalla forma del maiale in primo piano. Bacon usava spesso questo animale come un gioco di parole sul suo stesso nome, specialmente perché il nome Bacon era derivato dal termine beech (faggio) e il seme di questo albero era usato per ingrassare i maiali. I due pilastri sullo sfondo hanno un notevole interesse massonico. Le due A che si trovano quasi al centro dell’immagine – una in luce e l’altra ombreggiata – sono prove quasi conclusive dell’influenza baconiana. La prova più convincente, tuttavia, è il fatto che 17 è l’equivalente numerico delle lettere della firma latina di Bacon (F. Baco) e ci sono 17 lettere nelle tre parole che compaiono nell’illustrazione.

FRANCIS BACON, BARON VERULAM, VISCOUNT ST. Albans.

Dall’avanzamento dell’apprendimento di Bacon.

Lord Bacon nacque nel 1561 e la storia riporta la sua morte nel 1626. Esistono comunque documenti che indicherebbero la probabilità che il suo funerale fosse un finto funerale e che, lasciando l’Inghilterra, visse per molti anni sotto un altro nome in Germania , servendo fedelmente la società segreta per la promulgazione delle cui dottrine ha consacrato la sua vita. Pochi dubbi sembrano esistere nella mente degli investigatori imparziali che Lord Bacon era il figlio legittimo della regina Elisabetta e del conte di Leicester.

di Similes appare la seguente significativa allusione: “Come se gli uomini ridessero di un uomo povero, se avere indumenti preziosi lo costringessero a recitare la parte di un personaggio onorevole su un palco, quando la commedia finiva, doveva tenerli come se fossero suoi, e vantarsi “.

I ripetuti riferimenti alla parola hog e la presenza di affermazioni crittografiche a pagina 33 di vari scritti contemporanei dimostrano che la chiave dei cifrari era contenuta nel suo nome, Bacon. Esempi degni di nota sono la famosa frase di Mistress Quickly in The Merry Wives of Windsor: “Hang-hog is latten for Bacon, I warrant you”; i frontespizi di The Countess of Pembroke’s Arcadia e Faerie Queene di Edmund Spenser e gli emblemi che appaiono nelle opere di Alciatus e Wither. Inoltre, la parola honorificabilitudinitatibus che appare nel quinto atto di Love’s Labor’s Lost è una firma rosacrociana, come indica il suo equivalente numerico (287).

Di nuovo, sul frontespizio della prima edizione della Nuova Atlantide di Sir Francis Bacon, Padre Tempo è raffigurato mentre porta una figura femminile fuori dall’oscurità di una grotta. Intorno ad esso c’è un’iscrizione latina: “Col tempo la verità segreta sarà rivelata”. Le parole d’ordine che compaiono in volumi pubblicati specialmente durante la prima metà del diciassettesimo secolo sono stati progettati, disposti e in alcuni casi mutilati secondo un piano definito.

È evidente anche che le mispaginazioni nei Folios shakespeariani e altri volumi sono le chiavi dei cifrari baconiani, poiché le riedizioni – spesso prodotte con diversi caratteri e stampanti – contengono gli stessi errori. Ad esempio, il Primo e il Secondo Folio di Shakespeare sono stampati con caratteri completamente diversi e con stampanti diverse a nove anni di distanza, ma in entrambe le edizioni la pagina 153 delle Commedie è numerata 151 e le pagine 249 e 250 sono numerate rispettivamente 250 e 251. Anche nell’edizione del 1640 di Bacon, The Advancement and Proficience of Learning, le pagine 353 e 354 sono numerate rispettivamente 351 e 352, e nell’edizione del 1641 delle Settimane Divine di Du Bartas le pagine da 346 a 350 sono completamente mancanti, mentre la pagina 450 è numerata 442. La frequenza con cui sono coinvolte le pagine che terminano con i numeri 50, 51, 52,53 e 54 verrà indicata.

I requisiti del codice biliteralico di Lord Verulam sono pienamente soddisfatti in decine di volumi stampati tra il 1590 e il 1650 e in alcuni stampati in altri periodi. Un esame dei versi di L. Digges, dedicati alla memoria del defunto “Authour Maister W. Shakespeare”, rivela l’uso di due tipi di carattere sia per le lettere maiuscole che minuscole, le differenze sono più marcate nella T maiuscola, N e A, (Guarda il Primo Folio.) Il codice è stato cancellato dalle edizioni successive.

La presenza di materiale nascosto nel testo è spesso indicata da un inutile aggiunta di parole. Sulla sedicesima pagina non numerata dell’edizione del 1641 delle Settimane Divine di Du Bartas c’è un cinghiale che sormonta un testo piramidale. Il testo è gergo senza senso, evidentemente inserito per ragioni crittografiche e contrassegnato con la firma di Bacon – il maiale. L’anno successivo alla pubblicazione del primo foglio dei drammi di Shakespeare nel 1623, fu stampato in “Lunæburg” un notevole volume sulla crittografia, opera di Gustavo Selenus. È considerato estremamente probabile che questo volume costituisca la chiave crittografica del Grande Folio Shakespeariano.

Teste e code particolarmente simboliche segnalavano la presenza di crittogrammi. Mentre tali ornamenti si trovano in molti primi libri stampati, alcuni emblemi sono peculiari di volumi contenenti cifre rosacroce baconiane. Le ombre e le luci nella lettera A sono un esempio interessante. Tenendo presente la frequente ricorrenza nel simbolismo baconiano della A e del maiale, la seguente dichiarazione di Bacon nella sua interpretazione della natura è estremamente significativa: “Se la scrofa con il muso dovesse imprimere la lettera A sul terra, immagineresti quindi di poter scrivere tutta una tragedia con una sola lettera? ”

I rosacroce e le altre società segrete del diciassettesimo secolo usavano le filigrane come mezzo per il trasporto di riferimenti crittografici, e i libri che presumibilmente contengono cifrature baconiane sono di solito stampati su carta recante filigrane rosacroce o massoniche; spesso ci sono diversi simboli in un libro, come la croce di rose, urne, grappoli d’uva e altri.

A portata di mano è un documento che può rivelarsi una chiave notevole per un cifrario che inizia in The Tragedy of Cymbeline. Per quanto noto, non è mai stato pubblicato ed è applicabile solo alle opere del Folio Shakesperiano del 1623. Il codice è un conteggio di righe e parole che coinvolgono la punteggiatura, in particolare i punti esclamativi lunghi e corti e i punti di interrogazione dritti e inclinati. Questo codice è stato scoperto da Henry William Bearse nel 1900 e, dopo essere stato accuratamente verificato, la sua esatta natura sarà resa pubblica.

Non rimane alcun dubbio ragionevole che l’Ordine massonico sia la diretta causa della crescita delle società segrete del Medioevo, né si può negare che la massoneria sia permeata dal simbolismo e dal misticismo dei mondi antichi e medievali. Sir Francis Bacon conosceva il vero segreto dell’origine massonica e c’è motivo di sospettare che nascondesse questa conoscenza in cifre e crittografia. Bacon non deve essere considerato solo come un uomo ma piuttosto come il punto focale tra un’istituzione invisibile e un mondo che non è mai stato in grado di distinguere tra il messaggero e il messaggio che ha promulgato. Questa società segreta, avendo riscoperto la saggezza perduta dei secoli e temendo che la conoscenza potesse essere persa di nuovo, la perpetuò in due modi: (1) con una organizzazione (Massoneria)

.Dalla storia del mondo di Ralegh.

Molti documenti influenzati dalla filosofia baconiana – o che avevano come scopo quello di nascondere criptogrammi baconiani o rosacrociani – usavano alcuni disegni convenzionali all’inizio e alla fine dei capitoli, che rivelano agli iniziati la presenza di informazioni nascoste. L’ornamentale di cui sopra ha un’influenza baconiana e si trova solo in un certo numero di volumi rari, che contengono tutti crittogrammi baconiani. Questi messaggi di cifratura furono inseriti nei libri dallo stesso Bacon o da autori contemporanei e successivi appartenenti alla stessa società segreta che Bacon servì con la sua straordinaria conoscenza di cifrari ed enigmi. Varianti di questo copricapo adornano il grande folio shakespeariano (1623); il Novum Organum di Bacone (1620); la Bibbia di San Giacome (1611); Spencer Faerie Queene (1611); e Storia del mondo di Sir Walter Ralegh (1614) (Vedi American Baconiana.)

IL RITRATTO DROESHOUT DI SHAKSPERE.

Dal grande foglio di Shakespeare del 1623.

Non esistono ritratti autentici di Shakspere. Le differenze tra i ritratti di Droeshout, Chandos, Janssen, Hunt, Ashbourne, Soest e Dunford dimostrano definitivamente che gli artisti non erano a conoscenza delle reali caratteristiche di Shakspere. Un esame del ritratto di Droeshout rivela diverse peculiarità. Gli appassionati di Bacon sono convinti che il volto sia solo una caricatura, forse la maschera mortuaria di Francis Bacon. Un confronto tra il Droeshout Shakspere con i ritratti e le incisioni di Francis Bacon dimostra l’identità della struttura delle due facce, la differenza nell’espressione è causata da linee di ombreggiatura. Assieme alla peculiare linea che va dall’orecchio al mento. Questa linea significa sottilmente che la faccia stessa è una maschera, che termina all’orecchio? Si noti inoltre che la testa non è collegata al corpo, ma è appoggiata sul colletto. Il più strano di tutti è il cappotto: metà è all’indietro. Nel disegnare la giacca, l’artista ha realizzato correttamente il braccio sinistro, ma il braccio destro ha la parte posteriore della spalla in avanti. Frank Woodward ha notato che ci sono 157 lettere nel frontespizio. Questa è una firma rosacrociana di primaria importanza. La data, 1623, più le due lettere “ON” dalla parola “LONDRA”, danno la firma criptica di Francis Bacon, con una semplice cifra numerica. Semplicemente scambiando le 26 lettere dell’alfabeto con i numeri, 1 diventa A, 6 diventa F, 2 diventa B e 3 diventa C, dando AFBC. A questo si aggiunge ON da LONDRA, risultante in AFBCON, che riorganizzando le lettere diventa F. BACON.

agli iniziati di cui ha rivelato la sua saggezza sotto forma di simboli; (2) incarnando i suoi arcani nella letteratura per mezzo di cifre ed enigmi astutamente inventati.

Le prove indicano l’esistenza di un gruppo di fratelli saggi e illustri che si sono assunti la responsabilità di pubblicare e conservare per le generazioni future il più segreto dei libri segreti degli antichi, insieme ad alcuni altri documenti che essi stessi avevano preparato. Il fatto che i futuri membri della loro confraternita avrebbero potuto non solo identificare questi volumi, ma anche notare immediatamente i passaggi significativi, le parole, i capitoli o le sezioni in essi, hanno anche creato un alfabeto simbolico di disegni geroglifici. Per mezzo di una certa chiave e ordine, gli adepti furono così messi in condizione di trovare quella saggezza con la quale un uomo è “elevato” a una vita illuminata.

L’enorme importanza del mistero di Bacon sta diventando ogni giorno più evidente. Sir Francis Bacon era un anello di quella grande catena di menti che ha perpetuato la dottrina segreta dell’antichità sin dal suo inizio. Questa dottrina segreta è nascosta nei suoi scritti criptici. La ricerca di questa saggezza divina è l’unico motivo legittimo per lo sforzo di decodificare i suoi crittogrammi.

La ricerca massonica potrebbe scoprire molto valore se volesse prestare la sua attenzione ad alcuni volumi pubblicati nel XVI e XVII secolo che portano il marchio e il sigillo di quella società segreta i cui membri per primi stabilirono la massoneria moderna ma rimasero essi stessi come un gruppo immateriale che controllava e dirigeva il attività del corpo esterno. La storia sconosciuta e i rituali perduti della massoneria possono essere riscoperti nel simbolismo e nei crittogrammi del Medioevo. La massoneria è il figlio brillante e glorioso di un padre misterioso e nascosto. Non può rintracciare la sua discendenza perché quell’origine è oscurata dal velo del superfisico e del mistico. Il Grande Foglio del 1623 è una vera e propria casa del tesoro di tradizioni e simbolismo massonici, ed è giunto il momento in cui a quella Grande Opera dovrebbe essere accordata la considerazione che le è dovuta.

Sebbene il cristianesimo abbia distrutto l’organizzazione materiale dei Misteri pagani, non ha potuto distruggere la conoscenza del potere soprannaturale posseduto dai pagani. Pertanto è noto che i Misteri di Grecia ed Egitto furono perpetuati segretamente nei primi secoli della chiesa e, in seguito, vestiti dal simbolismo del cristianesimo, furono accettati come elementi di quella fede. Sir Francis Bacon fu uno di quelli a cui era stato affidato il perpetuarsi e la diffusione degli arcani del superfisico originariamente in possesso dei gerofanti pagani, e per raggiungere tale scopo formulò la Fraternità dei R.C. o è stato ammesso in un’organizzazione già esistente con quel nome ed è diventato uno dei suoi principali rappresentanti.

Per qualche ragione non evidente ai non iniziati c’è stato uno sforzo continuo e coerente per prevenire il disfacimento della matassa baconiana. Qualunque sia il potere che blocca continuamente gli sforzi degli investigatori, è ora incessante come lo era immediatamente dopo la morte di Bacon, e coloro che tentano di risolvere l’enigma sentono ancora il peso del suo risentimento.

Un mondo incompreso ha mai perseguitato coloro che comprendevano i meccanismi segreti della Natura, cercando in ogni ma immaginabile

I tentativi di falsficare la calligrafia di Shakspere; i ritratti fraudolenti la fabbricazione di biografie spurie; la mutilazione di libri e documenti; la distruzione o l’aver reso illeggibili tavolette e iscrizioni contenenti messaggi crittografici, hanno aggravato le difficoltà inerenti alla soluzione dell’enigma Bacon-Shakspere-Rosicruciano. I falsi irlandesi hanno ingannato gli esperti per anni.

Secondo il materiale disponibile, il consiglio supremo della Fraternità di R.C. era composto da un certo numero di individui che avevano vissuto quella che è conosciuta come la “morte filosofica”. Quando venne il momento per un iniziato di intraprendere le sue fatiche per l’Ordine, egli “morì convenientemente” in circostanze alquanto misteriose. In realtà cambiava nome e luogo di residenza e al suo posto veniva seppellita una scatola di pietre. Si ritiene che ciò sia accaduto nel caso di Sir Francis Bacon che, come tutti i servitori dei Misteri, ha rinunciato a tutto il merito personale e ha permesso ad altri di essere considerati come gli autori dei documenti che ha scritto o ispirato.

Gli scritti criptici di Francis Bacon costituiscono uno dei più potenti elementi tangibili nei misteri del trascendentalismo e della filosofia simbolica. Apparentemente devono ancora passare molti anni prima che un mondo senza comprensione apprezzerà il genio trascendente di quel misterioso uomo che scrisse il Novum Organum, che salpò con la sua piccola nave nel mare inesplorato dell’apprendimento attraverso le Colonne d’Ercole e i cui ideali per una nuova civiltà si esprime magnificamente nel sogno utopico della Nuova Atlantide. Sir Francis Bacon era un secondo Prometeo? Il suo grande amore per il popolo del mondo e la sua pietà per la loro ignoranza hanno fatto si che l’autore portasse il fuoco divino dal cielo nel contenuto di una pagina stampata?

Con ogni probabilità, le chiavi dell’enigma baconiano si troveranno nella mitologia classica. Chi comprende il segreto del Dio a sette raggi comprenderà il metodo impiegato da Bacone per compiere il suo lavoro monumentale. Gli alias sono stati assunti da lui in conformità con gli attributi e l’ordine dei membri del sistema planetario. Una delle chiavi meno conosciute – ma più importanti – dell’enigma baconiano è la terza edizione del 1637, pubblicata a Parigi, di Les Images o dei Tableaux de platte peinture des deux Philostrates sofistes grecs et les statues de Callistrate, di Blaise de Vigenere. Il frontespizio di questo volume – che, come indica il nome dell’autore quando correttamente decifrato, è stato scritto da o sotto la direzione di Bacon o della sua società segreta – è una massa di importanti simboli massonici o rosacrociani. A pagina 486 appare una tavola intitolata “Ercole Furieux”, che mostra una figura gigantesca che agita una lancia, il terreno davanti a lui cosparso di strani simboli. Nel suo curioso lavoro, Das Bild des Speershüttlers die Lösung des Shakespeare-Rätsels, Alfred Freund tenta di spiegare il simbolismo baconiano nei Filostrati. spiegandoci come Bacone sia l’Ercole filosofale, che il tempo stabilirà come il vero “Spear-Shaker” (Shakespeare).

TITOLO DELLA PAGINA DELLA FAMOSA PRIMA EDIZIONE DELLA STORIA DEL MONDO DI SIR WALTER RALEGH.

Dalla storia del mondo di Ralegh.

Qual era la misteriosa conoscenza che possedeva Sir Walter Ralegh e che era stata dichiarata dannosa per il governo britannico? Perché è stato giustiziato quando le accuse contro di lui non potevano essere provate? Era un membro di quelle società segrete temute e odiate che hanno quasi rovesciato l’Europa politica e religiosa durante il XVI e il XVII secolo? Sir Walter Ralegh è stato un fattore importante nell’enigma massonico Bacon-Shakspere-Rosacroce-Massonico? Da parte di coloro che cercano le chiavi di questa grande controversia, sembra essere stato quasi del tutto trascurato. I suoi contemporanei sono unanimi nel lodare il suo straordinario intelletto, ed è stato a lungo considerato uno dei figli più brillanti della Gran Bretagna.

Sir Walter Ralegh – soldato, cortigiano, statista, scrittore, poeta, filosofo ed esploratore – fu una figura scintillante alla corte della regina Elisabetta. I nemici di Ralegh, giocando sulla debolezza del re, non cessarono la loro persecuzione fino a quando Ralegh non fu impiccato e il suo corpo decapitato, diviso in quarti e sventrato.

Il frontespizio riprodotto sopra è stato usato dai nemici politici di Ralegh come potente arma contro di lui. Convinsero Giacomo I che il volto della figura centrale che sosteneva il globo era una sua caricatura, e il re infuriato ordinò che ogni copia dell’incisione fosse distrutta. Ma alcune copie sfuggirono all’ira reale; di conseguenza la tavola è estremamente rara. L’incisione è una massa di simboli rosacroce e massonici, e le figure sulle colonne nascondono con tutta probabilità un crittogramma. Ancora più significativo è il fatto che la pagina di fronte a questa tavola è un copricapo identico a quello utilizzato nel Folio di “Shakespeare” del 1623 e anche nel Novum Organum di Bacon.