Archivi Blog

Beyond Magenta: Un libro australiano per bambini transgender dove uno dei protagonisti fa sesso orale a 6 anni

Un libro “rivoluzionario” definito come uno “sguardo onesto” sulla vita e le lotte degli adolescenti transgender ha suscitato indignazione online per l’inquietante descrizione di un rapporto orale con un bambino di sei anni.


Il libro intitolato “Beyond Magenta” è in realtà sugli scaffali dal 2014, ma ha ottenuto attenzioni particolari dopo che alcuni passaggi inquietanti sono stati evidenziati dal sito web di Binary Australia, che si definisce uno “sfidante dell’aggressiva agenda contro il genere”.

Un giovane adulto intervistato per il libro descrive l’esibirsi e “l’amare” il sesso orale dall’età di sei anni. In modo allarmante, non ci sono chiarificazioni immediate per i giovani lettori che si tratti di un comportamento illegale e dannoso.

“Dai sei anni in poi, baciavo gli altri ragazzi del mio quartiere, mi prendevo gioco di loro e facevo sesso orale con loro. Mi piaceva. E ho toccato il loro tu-sai-cosa. Eravamo davvero giovani ma è quello che abbiamo fatto “.

La stessa persona dice di essere “spaventata” dai pedofili che si “toccano” di fronte a lui. Sono anche descritti gli atti di aggressione nel libro, incluso un incidente di un’adolescente che ha spinto a terra un’insegnante incinta.

Descrivere le esperienze passate e gli abusi sessuali è una cosa, ma ri-raccontare casualmente tali storie in un modo che si avvicina ai limiti della normalizzazione è un’altra cosa – un punto che molti su Twitter sono stati rapidi a notare.

Alcuni hanno persino twittato e chiamato le loro biblioteche pubbliche per lamentarsi del “disgustoso” libro, mentre altri lo descrivono come affine alla “pedopornografia”.

Il libro è in offerta in circa 60 biblioteche pubbliche in tutta l’Australia, ma gli utenti di Twitter hanno sottolineato che è disponibile anche nelle biblioteche del Regno Unito ed è stato incluso negli elenchi online dei “migliori” libri per i “bambini” transgender da leggere.

Tuttavia, ritroviamo “Beyond Magenta” anche in un altro tipo di elenco. Era al numero quattro dei “10 libri più stimolanti del 2015”, secondo il rapporto “State of America” delle biblioteche dell’American Library Association. Nonostante il tumulto – o forse proprio per questo – il libro si trova al numero 22 della sezione “Sessualità e gravidanza per adolescenti e giovani adulti” di Amazon.

Kirralie Smith, direttore di Binary Australia, ha dichiarato al Daily Caller che “tale materiale non ha spazio nelle biblioteche finanziate dai contribuenti e non dovrebbe mai essere promosso ai bambini”.

Alcuni, tuttavia, non sono preoccupati dal contenuto del libro. Nella sua recensione, Publishers Weekly l’ha definita “una risorsa estremamente necessaria” per gli adolescenti.

Fonte

Il contorto significato di “Mother’s Daughter” di Miley Cyrus

In “Mother’s Daughter”, Miley Cyrus canta, dicendo di essere “cattiva e malvagia” mentre afferma di essere “Femminista AF (as fuck)”. Ecco uno sguardo al significato distorto di questo bizzarro video.

Miley Cyrus è ciò che chiamo un “artista  barometro”. Questo perché le sue canzoni e i suoi atti in generale rispecchiano invariabilmente qualsiasi agenda debba essere spinta dai mass media in quel particolare momento. In effetti, Miley non ha mai avuto un particolare tipo di sound, una sua immagine o un suo messaggio. Il suo intero atto è sempre stato dettato dai suoi handler fin da quando era una bambina interpretando il ruolo di Hannah Montana.

In modo abbastanza appropriato, Miley è apparsa di recente in un episodio di Black Mirror in cui interpretava il ruolo di una pop star controllata mentalmente che non ha assolutamente alcun controllo sulla sua carriera e sul suo messaggio. Mentre il suo personaggio (di nome Ashley O) continua a parlare di “empowerment” ai suoi fan, è in realtà una schiava pesantemente medicata che fa come le viene detto dai suoi handler.

Solo poche settimane dopo l’uscita di quell’episodio di Black Mirror, Miley Cyrus ha rilasciato Mother’s Daughter – un video musicale NSFW caricato con un mucchio di messaggi calcolati rivolti ai giovani. In effetti, il video è essenzialmente uno spot pubblicitario sponsorizzato da potenti gruppi, lobby e gruppi di riflessione per diffondere messaggi sociali specifici.

Poco prima dell’uscita del suo video, Miley ha pubblicato un servizio fotografico su Instagram realizzato in collaborazione con Planned Parenthood e il fotografo Marc Jacobs. In questa foto, Miley lecca una torta che dice “Abortion is Healthcare”. Il fatto che i dolci siano usati per festeggiare i compleanni è piuttosto inquietante.

Secondo fonti dei media, Mother’s Daughter è “una dichiarazione fatta a sostegno dell’uguaglianza di genere, della libertà e della lotta contro la discriminazione e le molestie sessuali”. Ovviamente, il video è stato subito elogiato da tutti nel mondo dello spettacolo perché questo è l’ordine del giorno e nessuno può opporsi.

Tuttavia, c’è molto di più in questo video di quanto non sembri. Diamo un’occhiata.

MOTHER’S DAUGHTER

Il concetto del video è piuttosto semplice: un sacco di apparizioni di ospiti attivisti e altre persone che supportano un programma specifico. Al centro di tutto: Miley Cyrus indossa un completo in lattice rosso con un “accessorio” simbolico.

La tuta di Miley presenta una “vagina dentata” – denti attorno ai genitali femminili. Questo simbolo antico e archetipico può essere trovato in varie culture ed è solitamente associato a racconti popolari sui pericoli della copulazione con donne sbagliate e il rischio di danni e di evirazione.

Al di là dei racconti popolari, la vagina dentata rappresenta giustamente un aspetto importante dell’agenda dei mass media di oggi: l’arma della femminilità. Si tratta di usare il “femminismo” (una versione distorta di esso) per ingegnerizzare socialmente la popolazione. Si tratta di trasformare il corpo femminile (con tutte le sue qualità calde, ricettive e nutritive) contro la sua stessa natura. Si tratta di radicalizzare i sessi e di alimentare l’odio tra maschi e femmine. Si tratta di trasformare la triste realtà dell’aborto in una sorta di mossa femminista.

In tutto il video, molti messaggi vengono visualizzati sullo schermo. Hanno tutti una strana qualità orwelliana.

“Ogni donna è una rivolta” – lo slogan del gruppo femminista femminista radicale ucraino Femen.

Una rivolta è “una forma di disordine civile comunemente caratterizzata da un gruppo che si scaglia in un violento disordine pubblico contro autorità, proprietà o persone”. Ogni donna è davvero una sommossa? Ovviamente no. Alcune donne sono persone calde, gentili e amorevoli che non sentono il bisogno di essere arrabbiate con tutto e con tutti. Cercando di essere “femministe”, queste persone effettivamente riducono e generalizzano le donne per adattarle alla propria visione forzata.

Questo prossimo messaggio è anche peggio.

“La verginità è un costrutto sociale”.

Il messaggio è seguito dalla un primo piano ad una bambina.

Secondo l’Instagram di Miley, questa è una bambina di 11 anni di nome Mari di Flint, Michigan.

Quindi, cerchiamo di analizzare la frase “la verginità è un costrutto sociale”. Che cosa vuol dire? C’è una tendenza preoccupante nei mass media che spinge i giovani a negare fatti verificabili per abbracciare una agenda radicale ed estrema.

Ecco un estratto da un articolo che giustifica questa linea di pensiero:

“La verginità non è reale. È un fenomeno socialmente costruito che funziona per sorvegliare i nostri corpi e farci sentire in colpa per la nostra esperienza sessuale (sia essa abbondante o inesistente). Mette continuamente il potere nelle mani di uomini eterosessuali, soggiogando il potere dalle donne eterosessuali e negando l’esistenza di corpi sessuali non-etero “.
– Lauren Forster, perché la verginità è un costrutto sociale

Il fatto che il video faccia seguire l’immagine di una bambina alle parole “la verginità e` un costrutto sociale” è strano. Credono che i bambini non siano vergini?

Il video continua quindi con immagini più strane

Lo stomaco di una donna che ha subito un cesareo è paragonato alla cerniera di una borsa. Questo è il genere di cose a cui solo uno psicopatico potrebbe pensare.

Il prossimo messaggio nel video e` spirituale

“Il peccato è nei tuoi occhi”. Questo è il genere di cose che uno psicopatico direbbe.

I testi della canzone vanno nella stessa direzione pseudo-satanica del messaggio precedente. Il primo versetto è il seguente:

Hallelujah, I’m a freak, I’m a freak, hallelujah
Every day of the week, I’ma do ya like I want ya
I’m a Nile crocodile, a piranha

Come forse sapete, alleluia significa “Lodate il Signore” ed è teologicamente la più alta forma di lode che si possa dare a Dio. Combinare questa parola con “I’m a Freak” e “I’ma do ya” è fondamentalmente una forma di mancanza di rispetto e di blasfemia.

Nel secondo verso, iniziamo a capire che tipo di psicopatico potrebbe sognare questo tipo di messaggi degradanti.

Hallelujah, I’m a witch, I’m a witch, hallelujah

Come si vede nel mio articolo su “Le terrificanti avventure di Sabrina”, c’è una chiara ed evidente spinta dei mass media per associare le streghe al femminismo.

In tutto il video, questo coro è ripetuto ad-nauseam:

Don’t f**k with my freedom
I came up to get me some
I’m nasty, I’m evil
Must be something in the water or that I’m my mother’s daughter

Miley dice che è cattiva perché c’è “qualcosa nell’acqua”. Questa è una teoria cospirativa interessante. La sua altra teoria è che è cattiva perché è come sua madre. Questo è veramente un messaggio edificante per i giovani.

Parlando del diavolo, la madre di Miley Tish Cyrus fa un’apparizione nel video.

La madre di Miley appare nel video in numerose occasioni. Qui indossa un abito con stampe feline. Nella programmazione Monarch, le stampe feline vengono utilizzate per identificare gli schiavi Beta Kitten … e Miley Cyrus è un prodotto di quel sistema. È questo il motivo per cui Miley descrive sua madre come “vile e malvagia”?

Tish Cyrus vestita con Chanel. Ricchezza materiale temporanea in cambio dell’anima di sua figlia.

Il video presenta anche altri “ospiti”.

Lo Skateboarder Lacey Baker indossa una maglietta con scritto “They / Them”. In un mondo senza genere, l’uso di lui / lei è considerato offensivo

Casil McArthur, un attivista trans che ha subito un intervento chirurgico per rimuovere il seno.

Aaron Phillips è descritto come una “ragazza nera su una sedia a rotelle a cui e` capitato di essere trans”.

Questo video celebra la “diversità” o la sfrutta? Come affermato innumerevoli volte negli articoli precedenti, ognuno ha il diritto assoluto di vivere in qualsiasi modo che lo renda felice e a proprio agio. Ma c’è una linea sottile tra l’accettazione delle persone e la caccia alle persone più “diverse” per sfruttarle nei video come se animali da circo al fine di ottenere il “massimo dei voti” per quanto riguarda la presenza LGBT nel mondo dell’intrattenimento.

Ecco cosa probabilmente è successo dietro le quinte:

– Ragazzi. Non crederete a quello che mi e` successo” Ho trovato la minoranza della minoranza: nera, trans e in sedia a rotelle!

– OMG, è fantastico! Le abbiamo sottoscritte tutte le caselle diversita! Prendila nel video adesso! E su tutto l’Instagram di Miley!

Mentre chiedono a gran voce “inclusività”, video come questo in realtà riducono le persone ad attributi come “trans” o “disabile”.

Questa immagine finale riassume l’intero video.

Miley nei panni del cosplay di Giovanna D’Arco.

Questa immagine trasmette potere? O l’esatto opposto? Miley si siede su un cavallo di una giostra che è destinato a girare in tondo. Indossa oggetti di scena falsi come un’armatura. Miley non guida nessuno da nessuna parte. È una pop star altamente controllata in uno studio che sta prendendo ordini da un regista (che in ogni caso e` un tanto odiato maschio bianco).

Il coro potrebbe dire “Don’t f*ck with my freedom”. Tuttavia, a quelli che la possiedono non gliene frega niente.

CONCLUDENDO

Mother’s Daughter non è arte. È propaganda e indottrinamento. In pochi minuti, questo video riesce a mescolare l’ossessione dell’élite occulta con l’aborto, il gender e il satanismo. Non dimentichiamo che credono che la verginità sia un “costrutto sociale”.

Alla fine, dietro a tutti i segnali di virtù e le parole d’ordine, questo video celebra in realtà solo una cosa: la corruzione di tutto ciò che è puro e sacro.

Fonte
 

La CBC accusata di sessualizzazione infantile dopo aver promosso un documentario sui “drag kids”

L’emittente canadese CBC è stata accusata di aver promosso la sessualizzazione dei bambini dopo aver pubblicizzato un nuovo documentario sui “drag kids”.

La clip, che è stata twittata dall’account ‘CBC Kids’, mostra numerosi minori che parlano del loro alter ego ‘drag’ mentre uno di loro, un dodicenne, esegue quelle che alcuni hanno definito lamentandosi mosse di danza sessualmente suggestive.

“Come e` essere un bambino #DRAGQUEEN? @CBCKidsNews ha parlato con le quattro stelle del nuovo documentario #DragKids della CBC per scoprire che cos’è #drag e perché lo fanno “, ha dichiarato il tweet.

Il blacklash è stato piuttosto rapido.

“I genitori di questi bambini e i produttori di questo documentario dovrebbero essere imprigionati per pedofilia”, ha commentato Mark Dice

“Ti chiedi quando CBC presenterà una nuova serie di sfilate di bellezza per bambini, forse con i bambini in tiara? È arte, giusto? Totalmente appropriata e non è affatto un invito a sfruttare o sessualizzare i bambini “, ha osservato un altro utente di Twitter.

Nice @CBCkids, davvero bello. Stiamo addestrando i ragazzi a essere spogliarellisti e lapdancers ora? “, Ha chiesto un altro.

“Perché la @CBC sta sfruttando i bambini e sessualizzandoli. È solo per spingere la loro agenda? “, Ha chiesto un altro.

Come abbiamo già sottolineato, il dodicenne “drag queen kid” Desmond is Amazing è stato inesorabilmente promosso dalle reti mainstream americane.

Sua madre ha recentemente dichiarato a uno show televisivo australiano: “Di non capire i motivi della polemica” dopo che gli è stato chiesto se Desmond si esibisse in un club gay mentre i clienti gli lanciavano dei soldi.

Come abbiamo riferito la scorsa settimana, un pedofilo gia` condannato ha scritto un post sul blog in cui descriveva il dodicenne Desmond come “hot”.

Fonte

Bambini distesi su un uomo travestito da donna ad un evento drag

Una delle famigerate “letture drag per bambini” tanto popolari negli Stati Uniti e appena sbarcate in Italia si è evoluta al di là della semplice narrazione permettendo ai bambini di giocare sul pavimento e sdraiarsi sopra un uomo vestito da donna.

L’evidenza fotografica di bambini che hanno avuto contatti inappropriati con la drag queen Carla Rossi a Portland, nella St. John’s Library dell’Oregon, lo scorso ottobre, è stata portata all’attenzione di LifeSiteNews. Ecco le foto pubblicate sull’account Flickr della Biblioteca della contea di Multnomah.

Un bambino si rotola sul “pancino” della drag queen. Biblioteca della contea di Multnomoah / Flickr

“Non permetterei ai miei figli di mettersi a gattonare su di sconosciuti, non importa come siano vestiti”, ha commentato Kaeley Triller Harms su Facebook.

Ragazzini e ragazzine sopra la drag queen. Biblioteca della contea di Multnomoah / Flickr

“Anche come consigliere del camp diurno 15 anni fa, ero stato addestrato con cura nel non fare sedere sulle ginocchia i bambini o di portarli in groppa”, ha continuato Harms. “E se chiedevano abbracci, adottavo l’approccio dell’abbraccio laterale”.

Le foto pubblicate dalla biblioteca rivelano anche che i bambini erano vestiti con boa di piume durante l’evento.

I più piccoli si travestono da drag queen. Biblioteca della contea di Multnomoah / Flickr

“L’obiettivo è di normalizzare comportamenti omosessuali anormali e sessualmente devianti, suggerendo ai bambini di mettere in discussione la loro sessualità”, ha recentemente detto a LifeSiteNews l’attivista profamiliare Georgia Kijesky. “Più i bambini vedono gli uomini vestirsi da donne, più diventerà normale”.

Fonte

 

Netflix promuove la pedofilia con la sua serie sull’indottrinamento drag “Dancing Queen”

Dancing Queen’ una serie con ragazzi pre-adolescenti drag, e` stata rinnovata per una seconda stagione

Mentre i concorrenti di Netflix continuano ad apparire oltre l’orizzonte, l’azienda ha reso chiara la sua posizione sul mercato in una lettera aziendale.

Come riportato da CNBC, “Le nuove forme di intrattenimento – come Fortnite e YouTube di Google – sono state reputate, nella lettera della società, le concorrenti più forti”.

Netflix è già stato accusato di consentire la fruizione di pornografia infantile nel loro servizio.

Il film argentino “Desiderio” raffigurava due ragazze di dieci anni in una situazione sessuale.

Inoltre, c’è la serie animata di Netflix, estremamente perversa, Big Mouth.

Come ha riassunto il Freedom Project “… la profanità e la grottesca immoralità e perversione rendono lo spettacolo auto-evidentemente inadatto ai bambini. D’altra parte, il ritratto costante dei genitali dei bambini e di immagini simili lo rendono evidentemente inadatto agli adulti. In breve, non è adatto a nessuno se non alle menti più depravate. Il vero obiettivo sembra essere quello di corrompere e sessualizzare più bambini. ”

Ora, Netflix è entrato in quello che alcuni considererebbero territorio inesplorato con la serie “Dancing Queen” di Netflix, una serie che si concentra su un insegnante di danza del Texas che cammina su una linea sottile nel promuovere la normalizzazione dei bambini e lo stile di vita della drag queen .

Mentre la serie non arriva fino alla follia di Michael Alig e allo sfruttamento di Desmond the Amazing, “Dancing Queen” introduce con attenzione la relazione tra Drag Queens e i bambini a un pubblico più vasto.

E con la popolarità di Desmond e il marketing per lo spettacolo, Dancing Queen è una coincidenza orribilmente programmata o sta spingendo la stessa narrativa sovversiva che si trova in altri show di Netflix.

Quindi, se volete risparmiare qualche soldo, cancellare l’abbonamento a Netflix, dovrebbe essere la prima cosa che una persona decente dovrebbe fare.

Fonte

Snapchat per il Pride Month: Il filtro “Love Has No Age” e` pura promozione della pedofilia

Una società tecnologica  ha fatto una mossa inquietante durante il “Pride Month” promosso dalla sinistra mondiale.

Per Snapchat, il gruppo LGBTQ dovrebbe includere anche i pedofili. Nella campagna per “Love Has No Labels” (L’amore non ha etichette) di Snapchat, una delle opzioni era un filtro “Love has no age” (L’amore non ha eta`). Mentre questo filtro sembra essere stato bloccato il 3 giugno, i conservatori su Twitter hanno denunciato la vicenda nel weekend del 1-2 giugno. L’utente di Twitter Ashley St. Clair ha pubblicato un video di se stessa con il filtro “Love has no age”.

Il filtro aveva diverse opzioni tra cui l’amore non ha gender, razza o religione, come parte del Pride Month, scatenato con furore dai social media. L’opzione “eta`” tuttavia non ha senso, a meno che non si intendesse giustificare la pedofilia.

Big League Politics ha riferito che “i pedofili continuano ad insistere al fine di unirsi ai ranghi dell’accettazione concessa alla comunità LGBT”. Nelle notizie, i bambini vestiti da drag queen hanno fatto notizia dalla NBC all’Huffington Post.

L’amore ha un’età, e nel mondo occidentale e` regolata da leggi simili. Qualunque cosa al di sotto di quell’età è considerata stupro. In generale, se vi sono coinvolti adulti di una certa` eta`, si va sul penale.

Snapchat è un’app progettata per gli adolescenti. Il 90 percento dei 190 milioni di utenti giornalieri dell’azienda oscilla tra i 13 e i 24 anni. L’azienda è una delle poche piattaforme di social media che stabilisce un’età minima di 13 anni in conformità con la legge sulla protezione della privacy online dei bambini (COPPA).

Snapchat, ha la reputazione di permettere l’accesso ai pedofili sull’app. Fortune ha riferito nel 2017 che i messaggi che si auto cancellano sono il marchio di Snapchat e cio` rende piu` facile per i pedopornografi sfruttare le loro vittime. Il 41% delle vittime minorenni è stato preso di mira tramite Snapchat nel 2016.

Fonte

C’e` qualcosa di terribilmente sbagliato con l’account instagram “Pepper.Pics”

Pepper.Pics è un raccapricciante account Instagram contenente oltre 1.600 foto di una ragazza che posa in varie situazioni. Il tema principale delle immagini: la sessualizzazione di una bambina e il simbolismo dell’élite occulta.

Pepper.Pics è un account Instagram nel quale vengono mostrate oltre 1.600 “foto di moda” di una bambina belga di 9 anni di nome Pepper. Mantenuto da sua madre Bonnie van Geel, l’account è attivo da diversi anni (da quando Pepper era poco piu` di una lattante) e vanta oltre 30.000 follower. Dopo il successo di questo account, Pepper è stata reclutata per rappresentare diversi marchi e riviste come Stella McCartney Kids, Mini Maven Magazine, Mimi & Lula e Daniel Wellington. Anche se questo potrebbe sembrare un buon risultato, un’occhiata alle immagini sull’account IG porta a una sensazione di disagio … per diversi motivi.

In primo luogo, c’è qualcosa di verognoso e malato nei genitori che creano e gestiscono account social network per sfruttare i bambini che sono troppo giovani per acconsentire o addirittura comprendere le implicazioni di tale esposizione online. Come se ciò non bastasse, un numero inquietante di queste foto mostra il bambino in abiti “rivelatori” e posizioni suggestive che ci portano a chiederci: Chi e` che segue questi account e perche`?

Prima di andare oltre, ecco una foto da quell’account che ha un commento che riassume l’intera situazione.

Ad aggiungersi al disgusto, un gran numero di queste immagini contengono simbolismo relativo al controllo mentale monarch e allo sfruttamento generale dei bambini. Come presto realizzerete, l’intero account è fondamentalmente una raccolta di simbolismo.

In modo abbastanza appropriato, Pepper indossa spesso abiti dei marchi di moda NUNUNU e Caroline Bosmans. Entrambe queste società sono state discusse in questo sito perché i loro account IG presentano immagini rivoltanti che coinvolgono bambini. L’account IG di NUNUNU che promuove la sua collezione di abbigliamento “senza genere” contiene simbolismo palesemente satanico combinato con la sessualizzazione dei minori. L’account IG di Caroline Bosmans è una raccolta disgustosa di immagini che coinvolgono bambini infelici in situazioni traumatizzanti.

Pepper.Pics ha le stesse tematiche. Anche se mi sento a disagio nel postare alcune di queste “suggestive” foto, questa roba deve essere esposta e sezionata. Esiste una sottocultura di “arte” e “moda” basata sullo sfruttamento e la corruzione dei bambini. E questo account è un altro chiaro esempio di ciò.

Ecco alcune delle immagini trovate su questo account.

SESSUALIZZANDO UNA BAMBINA

Un numero inquietante di post su Pepper.Pics presenta una bambina in abiti e situazioni rivelatrici e suggestive. In effetti, se la modella in queste foto fosse un adulta, sarebbe considerata “sexy”. Ma il modello è una bambina. Perché vengono scattate queste foto? Perché sono pubblicate su internet? E, soprattutto, chi sono queste migliaia di follower che guardano queste foto e le apprezzano?

La madre di Pepper ha scritto in modo raccapricciante una didascalia “Nata per essere sotto i riflettori”. Non sembra che lei abbia avuto una possibilità di scelta.

La didascalia in realtà dice che Pepper “non e` vestita un granche`”. In tal caso, perché l’immagine su Internet è visibile a migliaia di persone?

Bang Bang? Che schifo

Nella didascalia, la madre dice che Pepper in realta` piangeva perché era stanca di fare foto. Eppure quella foto è su internet. Lo sfruttamento è così carino. Inoltre, i tatuaggi sono per adulti. Mettere un tatuaggio su un bambino è un modo per “renderli adulti”.

Un’altra foto in cui Pepper è triste. Piange mentre indossa una corona. A chi piace guardare questo?

Che cazzo e` sta roba?

Occhiali da sole, rossetto sulla maglietta, una spalla scoperta: tutti i tentativi disperati di rendere questa bambina “sexy”.

Tutto questo e` sbagliato

Non sta nemmeno facendo da modella per un vestito. Solo una foto gratuita per soddisfare i follower pedofili.

Upskirt?

Indossare una maglietta no?

Tatuaggio, bikini striminzito – tutto per sessualizzare la bambina.

Materiale gratuito per pedofili

Indossa una maglietta Caroline Bosmans che dice “Mangia la gente”. Bambini che entrano in contatto con la malattia che e` l’élite.

Corna in testa. L’ossessione dell’elite

La maglia è un gioco di parole sul proverbio “Sex drugs & rock’n ‘roll”. È carino? O un modo contorto di associare un bambino al sesso e alle droghe?

Una maglietta che dice “Banana Lover” mentre la bambina tiene una banana in mano…. 

La maglietta dice “Andiamo a mangiare il gelato adesso, possiamo innamorarci più tardi …”. Gli shorts dicono “Lover”. Un bambino non può “innamorarsi” e certamente non può essere un “amante”. Anche se la NAMBLA pensa il contrario.

La maglietta dice “Non ho paura del buio”. Questo è semplicemente raccapricciante e un altro modo di rimuovere un bambino dalle normali situazioni infantili verso il mondo oscuro dell’élite occulta.

Questa e` creepy

Animal Instinct

Questo è il tipo di abbigliamento che indossano i modelli “sexy” di Instagram. Non è una modella sexy di IG, è una bambina. E nessun bambino al mondo indossa questo tipo di vestiti.

Rossetto, posa suggestiva. La madre della ragazza ha ideato questo scatto

OCCHIO CHE TUTTO VEDE E PROGRAMMAZIONE MONARCH

Un numero ridicolo di immagini sull’account IG presenta simbolismo palese e immagini che riguardano il controllo della mente. Ci sono anche molti riferimenti ad Alice nel Paese delle Meraviglie, che è lo script di programmazione principale del controllo mentale Monarch.

Un burattino controllato da persone invisibili. Estremamente adatto a questa situazione.

Il simbolo dell’occhio che tutto vede. In molte di queste foto, Pepper ha la bocca aperta. Questo non è casuale. Gli studi sul linguaggio del corpo hanno determinato che le foto con la bocca aperta trasmettono più sex appeal.

Stessa combo

Inquietante simbolo di un occhio che tutto vede. La maglietta dice “Lover”. Ancora una volta, i bambini non possono essere amanti

Deve essere stufa di fare quel simbolo 

Ce ne sono cosi` tante che non posso postarle tutte

Una marionetta e un pavimento rituale

Nascondendo un occhio con una scarpa

Pura programmazione monarch. Un occhio nascosto da una farfalla monarch

Altro simbolismo monarch

Una marionetta e richiami ad Alice nel Paese delle Meraviglie

Il Bianconiglio di Alice nel Paese delle Meraviglie

Un riferimento al Cappellaio Matto di Alice nel Paese delle Meraviglie. Un occhio sul suo viso e sui calzini

Occhi dappertutto

Lo ha fatto per la maggior parte della sua vita

Ancora e ancora

Un occhio bocca aperta

Occhio che tutto vede

E` stata costretta a fare da modella fin dalla nascita

CONCLUDENDO

Questo era un piccolo esempio dei 1.600 post trovati sull’account IG di Pepper.Pics. Come visto sopra, le immagini ruotano attorno a temi specifici che sono al 100% in linea con l’agenda dell’élite occulta: la sessualizzazione dei bambini, il simbolismo MK e l’importantissimo segno “dell’occhio che tutto vede”. Evidentemente, la madre di Pepper sa tutto sull’agenda dell’élite e sta facendo tutto il possibile per spingere la sua ragazza “sotto i riflettori”.

Su una scala più ampia, questo racconto è l’ennesima prova di una massiccia sottocultura trovata su tutti i social media che ama vedere i bambini perdere la loro innocenza e quando sono coinvolti in situazioni “adulte”.

In breve, queste persone sono malate.

Fonte

 

Zara rimuove una foto “inappropriata” con protagonista una bambina

Dopo essere stata inondato da commenti che accusavano Zara di “sessualizzare un bambino”, il marchio di moda ha rimosso le foto dal suo account Instagram. Ecco uno sguardo alle foto e al fotografo “leggendario” che le ha scattate.

Il marchio di moda Zara ha pubblicato lo scorso fine settimana un servizio fotografico per mostrare la sua nuova collezione kidswear su Instagram … e non è andata bene. Le immagini sono state inondate da commenti di disapprovazione che accusavano il marchio di “sessualizzare un bambino”, cosa che ha spinto la società a rimuovere le immagini dal suo account IG.

Tuttavia, la polemica non è scomparsa. Una madre inglese ha postato le foto sul popolare forum Mumsnet con il titolo Mi sento a disagio per questa pubblicità per bambini di Zara. Il post ha portato a ulteriori indignazioni e all’attenzione di alcuni media.

Girato dal “mitico” fotografo Fabien Baron (che ha progettato il famigerato Sex book di Madonna), le immagini mostrano una ragazza che indossa un vestiino, in piedi su una spiaggia o seduta su un letto.

In questa foto l’abito è “strategicamente” rivelatore. Inoltre, l’ambientazione attorno alla ragazza è oscura e inquietante e non sembra troppo felice. Ma non è tutto. Possiamo notare un determinato simbolismo. Notare la posizione della mano della ragazza. Ricorda qualcosa?

Baphomet che fa il suo gesto simbolico “Come sopra così sotto”.

Ecco le altre foto pubblicate sull’account IG di Zara.

Mentre alcuni commentatori non vedevano nulla di sbagliato nelle immagini, molti trovavano le immagini “inquietanti” e “inappropriate per un bambino”. La maggior parte è stata disturbata dall’atmosfera “adulta”. Ecco alcuni commenti pubblicati su Mumsnet.

Il fotografo ha sessualizzato di proposito un bambino? O le persone si stanno facendo un po troppe seghe mentali? Forse dovremmo guardare altre opere del fotografo.

SCATTATO DA FABIEN BARON

Fabien Baron è un fotografo francese, art director e editore di riviste. È rinomato a livello internazionale per le sue iconiche campagne pubblicitarie e il suo lavoro come direttore editoriale della rivista Interview di Andy Warhol.

Alcune foto scattate da Fabien Baron per Interview Magazine

Un photoshoot di Fabien Baron con alcuni giovani modelli.

Baron ha guadagnato una grande notorietà per aver progettato il libro di Madonna del 1992 Sex. Al momento della sua uscita, il libro ha generato una grande quantità di polemiche in tutto il mondo a causa delle sue immagini esplicite di varie pratiche tabù. Mentre il libro era ritenuto scioccante 27 anni fa, prefigurava la direzione esatta che l’industria della moda e della musica avrebbe intrapreso nei decenni successivi.

Ecco alcune pagine di quel libro.

Lucifer da piacere a Madonna

Madonna con … un cane.

Non analizzerò l’intero libro qui ma la pagina seguente è rilevante per questo articolo. Riguarda Madonna che copula con un adolescente che aveva “pochissimi peli pubici” e che era “solo un bambino”.

Cosa????

CONCLUDENDO
L’industria della moda si sta prendendo troppe liberta` con i bambini. Primi esempi di questo fenomeno sono l’intero catalogo del marchio di moda per bambini Caroline Bosmans e l’inquietante linea di abbigliamento per bambini di Céline Dion. Sebbene le immagini di Zara siano più sottili, tuttavia emanano un’atmosfera similmente oscura, raccapricciante e scomoda mentre mostrano un bambino in situazioni da adulto.

Considerando il fatto che queste immagini sono state scattate da un fotografo che ha letteralmente segnato la “sovra-sessualizzazione” dei mass media, si sarebbe inclini a pensare che non ci siano stati incidenti qui. Lui sapeva esattamente cosa stava facendo.

Fonte

C’e` qualcosa di terribilmente sbagliato nella linea di abbigliamento per bambini di Caroline Bosmans

Il sito Web e l’account Instagram di questo marchio di moda sono pieni di immagini inquietanti che alludono all’abuso e alla sessualizzazione dei bambini. Ecco uno sguardo al mondo sconvolgente di Caroline Bosmans

Caroline Bosmans è un marchio di lusso per bambini che è stato elogiato nel suo nativo Belgio e nel mondo della moda. Popolare tra i figli dei ricchi e famosi (ad esempio P. Diddy), il marchio è descritto come “radicale e grafico” dalle fashioniste. Infatti, anche se Caroline Bosmans crea abiti per bambini e bambine, si tratta comunque di essere edgy e alla moda.

Tuttavia, c’è un problema. Il mondo della moda è malato e contorto. L’aggiunta di bambini al mix è spesso una ricetta infernale. Un primo esempio è il marchio per bambini NUNUNU che, come si vede nel mio articolo C’e` qualcosa di sbagliato nella nuova linea di abbigliamento “Genderless” di Céline Dion, è semplicemente rivoltante: riferimenti all’abuso di minori, alla sessualizzazione dei bambini e persino al satanismo.

Purtroppo, il marketing di Caroline Bosman trasmette le stesse inquietanti vibrazioni. Quasi tutte le immagini mettono i bambini in contesti bizzarri, opprimenti e spiacevoli in cui si aggiunge un sacco di simbolismo significativo. Oltre a queste vibrazioni negative, tutti i bambini nelle loro foto promozionali sembrano essere tristi, sconvolti, traumatizzati o … morti. In breve, la marca è un riflesso della sub-cultura elitaria nauseabonda che mira a danneggiare i bambini.

Ecco alcuni esempi.

IL SITO WEB

I visitatori del sito ufficiale del marchio sono accolti con un mucchio di foto che riassumono il marchio: mescolare i bambini con la stranezza del mondo della moda.

Benvenuti nel meraviglioso mondo di Caroline Bosmans.

Il bambino è tenuto in braccio da un ragazzo untuo che indossa solo uno Speedo

Un bambino vestito da drag in braccio ad un uomo adulto vestito da drag. Nessuno sembra godersi questo momento.

Il passatempo preferito dell’élite è quello di vestire i bambini come donne “sexy” e completamente cresciute (vedi il mio articolo su Desmond Is Amazing).

Questo non sembra un ambiente sicuro e stimolante per un bambino

Soffocato

Al marchio piace ritrarre bambini che sembrano addormentati, drogati e … morti

Un’altra foto di un bambino che sembra morto. Sulle camice e sui pantaloni dei bambini ci sono le parole “Mangia le persone”. L’élite è ossessionata dal cannibalismo

Ancora un’altra foto di un bambino che sembra morto. C’era del veleno in quella tazza? Le camicie raffigurano una bambola Barbie nuda che si trova a faccia in giù in una tazza. Tutto qui allude all’abuso e alla perdita dell’innocenza.

Il sito web ha una sezione chiamata “Artwork” in cui i bambini vengono usati come oggetti di scena in strane configurazioni.

C’e` qualcosa che proprio non va in questa foto

Questo strano body mette in mostra organi interni. È inquietante da guardare e probabilmente è inquietante da indossare.

Volto coperto (spersonalizzazione e oggettivazione) e un gigantesco teschio (simbolo della morte)

L’intera testa di questo bambino è coperta di mani. Amano mettere le mani sui bambini.

Non sembra una situazione adatta ad un bambino

Il ragazzo sulla destra indossa un vestito che dice “Sono abbastanza confuso”. Inoltre, c’è un occhio (il simbolo preferito delle élite occulte) con una lacrima. Si tratta di abusi.

Un esercito di bambini clonati? Perché?

ACCOUNT INSTAGRAM

Non diversamente da NUNUNU, scorrere l’account Instagram di Caroline Bosman porta a un sentimento sempre più intenso di terrore e disgusto. Ecco alcuni esempi.

L’account IG contiene un servizio di moda per bambini in un ospedale. tutto questo è sbagliato sotto molti aspetti

I bambini vanno negli ospedali quando sono malati o soffrono. A loro non piace starci. Questo marchio utilizza questo contesto sconvolgente per vendere vestiti troppo costosi.

Perche` indossa quel costume in ospedale?

Tirate fuori quella bambina da sto posto. Mentre è assolutamente sconcertante, questi scatti di moda sono perfettamente in linea con il tema dominante di traumatizzare i bambini.

Questa foto non è nemmeno un servizio di moda. È un bambino reale in un ospedale con gli hashtag #alwaysfunwiththiskid e #bruisednotbroken. C’è una freddezza qui che è estremamente inquietante.

#Readytoafterparty? Qualche pervertito ha scritto nei commenti “Mi piacerebbe unirmi a lei;)”. Quindi Caroline Bosman risponde “Ma prima alcuni cocktail!” Huh?

Il quarto commento riassume tutto

Per qualche ragione, hanno deciso di scambiare la faccia di un bambino con una bambola di Ken. Simbolico. E cosa diavolo c’è nella bocca del bambino?

Ci sono un sacco di foto di bambini in questa posizione. Perché? Alcuni pervertiti pubblicano commenti come “Bottoms up”

Ecco un altro esempio. E ce ne sono molti altri. Alcune persone nei commenti sembrano essere estremamente entusiaste di queste foto.

Dove si sta mettendo la mano questo bambino? Chi gli ha detto di farlo?

In combinazione con queste immagini sconvolgenti di bambini ci sono frasi come questa

Le gambe di questo bambino sembrano essere contuse. Inoltre, c’è un adesivo del logo del marchio. Strano.

C’e` una insana fissazione nel ritrarre bambini che stanno male

Ovviamente, per dimostrare che tutto questo fa parte dell’agenda elitaria, ci sono un sacco di simboli con l’occhio che tutto vede.

Un altro

Tutti i bambini sembrano tristi

CONCLUDENDO

Caroline Bosmans è un altro marchio di abbigliamento “di lusso” per bambini che mescola l’alta moda con una sub-cultura inquietante che e` ossessionata dai bambini per le ragioni piu` sbagliate. Si tratta di molestare i bambini, metterli in situazioni traumatizzanti, alludendo al loro abuso e sessualizzandoli.
Qual è lo scopo di tali immagini rivoltanti? E` una tattica commerciale per vendere piu` prodotti o c’è un programma più profondo dietro a questo? Se si combinano le immagini di questo marchio con ciò che è stato osservato con NUNUNU, emerge un modello chiaro. Non si tratta dell’amore per i bambini, si tratta di odio. Si tratta di usare e abusare di loro. Riguarda il male.

Su una scala più ampia, si tratta dell’elite occulta che rapisce i bambini, sottoponendoli al controllo mentale basato sul trauma e mettendoli sotto il controllo di pedofili. Il simbolismo di questi marchi è una celebrazione di questa cultura malata. E le celebrità sono piuttosto felici di spendere i loro soldi in queste schifezze.

Fonte

C’e` qualcosa di malato e sbagliato nella nuova linea di abbigliamento “genderless” di Celine Dion

Céline Dion è il volto di un nuovo marchio di moda “genderless” (senza genere) per bambini di nome CELINUNUNU. Tutto è incredibilmente sbagliato e inquietante. Ecco uno sguardo all’inquietante simbolismo che lo circonda.

Ho sempre apprezzato il fatto che Céline Dion fosse una figura alquanto salubre in un’azienda musicale fortemente incline alla depravazione. Tuttavia, dalla morte di suo marito e manager René Angélil, è stata coinvolta in qualche torbido affare.

Dopo essersene andata Las Vegas, Céline ha apparentemente trovato una nuova missione: “liberare” i neonati dalla binarieta` del genere. Sappiamo tutti che e` questo il motivo per cui ogni neonato si lamenta! (e` retorica) Per farlo, ha rilasciato CELINUNUNU, una linea di abbigliamento per bambini “di genere neutro”, creata in collaborazione con il marchio di moda globalista NUNUNU.

Alcuni potrebbero considerare questa notizia con leggerezza perché CELINUNUNU è l’ennesima marca di moda costosa che utilizza una celebrità per generare vendite. Tuttavia, c’è dell’altro. NUNUNU è già un grande marchio a Hollywood. Il sito web del marchio contiene una vasta galleria di foto di bambini di celebrita` che indossano le loro creazioni come Angelina Jolie, Kourtney Kardashian, Hilary Duff e molti altri. Per loro stessa ammissione, il marchio non si concentra prettamente sulla moda. È un modo per “plasmare i bambini” per il futuro.

Per prima cosa, diamo un’occhiata al video promozionale di Céline Dion.

VIDEO PROMOZIONALE

CELINUNUNU presenta Céline Dion che si intrufola in un reparto maternità e altera l’aspetto dei bambini di altre persone. Mentre la maggior parte delle fonti di notizie ha trovato il video “esilarante”, molti non hanno reagito bene al messaggio del video.

Il video inizia con Céline seduta sul retro di un SUV. Dice: “I nostri bambini non sono davvero i nostri figli”. Ok, Celine stai bene? Cosa stai dicendo??? Si noti che è vestita con un abito scintillante.

Quando Céline scende dal SUV per entrare in un ospedale, i suoi vestiti diventano magicamente neri. Sta per succedere qualcosa di oscuro

Celine si intrufola nel reparto maternità dell’ospedale e scopre qualcosa di inaccettabile.

Si rende conto che i maschietti sono vestiti di blu e le femminuccie di rosa. L’orrore. Céline è completamente disgustata.

Quindi, Céline sparge della polvere nera e tutto cambia. Peggiorando.

Le immagini del maschietto e della femminuccia sul muro vengono sostituite con il logo del marchio. Tutto è ora nero, bianco e raccapricciante.

Questo bambino indossa un cappello con teschi. Sì certo, festeggiamo una nuova vita facendole indossare simboli che rappresentano la morte. La maglietta recita “Nuovo Ordine” … una abbreviativo per “Nuovo Ordine Mondiale?”.

La sicurezza poi, arresta Céline e la porta fuori dall’ospedale. Perfetto. Assicuriamoci che questo non accada di nuovo.

Per riassumere il video, e` sconcertante. Certo, Céline Dion è semplicemente il volto del marchio. L’intera linea è stata creata da NUNUNU, una casa di moda israeliana per bambini che è già un successo globale.

C’E` QUALCOSA DI SBAGLIATO IN NUNUNU

Quando dico che c’è qualcosa che non va in NUNUNU, non sto parlando del suo ridicolo nome. Sto parlando della sua intera filosofia e simbolismo. La pagina “Informazioni” del marchio dice:

Guidato completamente dalla loro intuizione, i co-proprietari e designer iris adler e tali milchberg hanno creato collezioni di abbigliamento per bambini che hanno rotto gli stereotipi e schivano le norme accettate. il loro bisogno di un dna di base e un’offerta unisex nella moda per bambini, ha creato una tendenza globale che è ora una fonte d’ispirazione in tutto il mondo. spinto da un programma che sfida la tradizionale dicotomia di abbigliamento ragazzo / ragazza, iris e tali hanno dimostrato che nel mondo dei veri individui non tutto è così bianco e nero.

Sì, per citare le sue stesse parole, il marchio è effettivamente “guidato da un ordine del giorno”

Questa è la foto in cima alla pagina Informazioni del marchio: un bambino il cui volto è tenuto stretto da uno scheletro. Uno degli occhi del bambino è nascosto – una conferma che questo è tutto sull’agenda dell’élite.

L’agenda di NUNUNU non riguarda solo la neutralità di genere. Si tratta di qualcosa di molto più oscuro. Un rapido viaggio nella pagina Instagram del marchio rivela alcuni materiali inquietanti: la sessualizzazione dei bambini, il satanismo e il controllo mentale monarch. In breve, tutte le ossessioni dell’élite occulta.

Questo fa parte della collezione “Holiday” del marchio. Non dirmi che non sanno cosa significa “Ho” (slang per prostituta). Voglio dire, ma dai….

Sono consapevoli del fatto che la canzone Let’s Get Physical parla di fare sesso? Perché ci sono bambini sotto quella scritta?

Questa ragazza indossa una camicia con occhi che tutto vedono con un “tatuaggio” ridondante sulla mano – i principali simboli dell’élite occulta. Sui suoi pantaloni ci sono i numeri 3 e 6 … 666?

Una ragazza con le corna. Altre cose pseudo-sataniche.

Un bambino con un cappello con corna da diavolo. Così carino.

Raccapricciante. I satanisti indossano maschere di animali durante le messe nere.

Sembra che un pedofilo schifoso abbia messo la sua grande mano sporca sul petto di questa ragazza.

Questo bambino nasconde un occhio mentre indossa una maglietta con un teschio con un occhio nascosto. Inoltre, i suoi pantaloni sono dotati di occhi che tutto vedono. Come potrebbero renderlo piu` ovvio?

L’account IG del brand contiene varie immagini e dipinti contrassegnati con #inspiration. Quasi tutti sono inquietanti e pieni di simboli che si riferiscono alle pratiche più oscure dell’élite occulta.

Questo è satanico al 100%. Sì, questo è l’account IG di un marchio di abbigliamento per bambini che è estremamente popolare a Hollywood.

La didascalia di questa immagine è “Hidden Desire”. La mia didascalia sarebbe “Che problemi hanno queste persone?”.

Questa è la didascalia: “Necessità di schiarirsi le idee”. Il controllo mentale basato sul trauma serve appunto a “chiarire le idee” delle vittime grazie all’abuso

Giovani ragazzi in asciugamano. Le loro teste sono state sostituite con bulbi oculari. Come dice il commento: “Inquietante, borderline e inappropriato”

Un teschio di animale usato per fare il segno di un occhio: l’ispirazione perfetta per vestiti da bambini

Tutto di questa foto urla “infanzia rovinata”

Questa immagine è puro controllo mentale Monarch- uno schiavo MK con diversi personaggi.

Ci sono molte altre immagini, ma ne abbiamo viste abbastanza. Tutte puntano nella stessa direzione: depravazione dell’élite occulta e depredazione spudorata dei bambini. Tutta questa merda è “vestita” nel vocabolario ipocrita della neutralità di genere e della “liberazione dei bambini”. E chi meglio di Céline Dion (e della sua salutare aura) per rendere questo attraente per le mamme con soldi da buttare?

NUNUNU? NONONO.

Fonte