Archivi Blog

NXIVM: Allison Mack tira in ballo Scientology

Gli avvocati della leader cultista di Nxivm, ed ex star di Smallville, Allison Mack, stanno sostenendo che non è colpevole di aver indotto lavoro forzato se la Chiesa di Scientology non sara` ritenuta colpevole della stessa accusa..

Gli avvocati della Mack hanno sostenuto che la loro cliente ha minacciato di rilasciare foto imbarazzanti e registrazioni denigratorie fatte dai membri della setta contro i loro parenti non comporta la minaccia di “danno grave” richiesta per dimostrare che qualcuno è impegnato nel lavoro forzato .

Il leader di Mack e Nxivm, Keith Raniere, è accusato di usare le foto e le dichiarazioni per ottenere un lavoro gratuito e forzare  le clienti al sesso con Raniere.

“Il governo sostiene che la signora Mack ha ottenuto lavoro forzato attraverso” minacce di gravi danni “, con gravi danni si intendono i danni dovuti all’imbarazzo provocato dall’esposizione dei propri scheletri nell’armadio”, ​​ha detto la corte. “I tribunali hanno tuttavia constatato che un risultato del genere, sebbene imbarazzante, non costituisce un danno grave ai sensi della legge”.

L’argomento cita un caso del 2009 in cui una coppia ha citato senza successo la Chiesa di Scientology per lavoro forzato.

“La corte non ha scoperto che i querelanti erano obbligati a rimanere nell’organizzazione anche se, quando avessero scelto di andarsene, sarebbero stati” scomunicati “dai loro amici e familiari e etichettati come” dissidenti “,” hanno detto gli avvocati della Mack. “La minaccia del danno alla reputazione e l’isolamento dai propri cari, pertanto, non si sono qualificati come un danno grave”.

Mack ha ottenuto un prestito da 5 milioni di dollari dal suo arresto primaverile con l’accusa di traffico sessuale, cospirazione del traffico sessuale e cospirazione forzata. È stata incriminata insieme a Keith Raniere, il presunto leader di un programma di auto-aiuto. Entrambi sono condannati a pene detentive minime di 15 anni fino alla vita in carcere. (Leggi l’atto di accusa qui.)

Fonte