Archivi Blog

Detto fatto: Le autorita` stanno utilizzando l’attentato di parigi per introdurre nuove leggi per il controllo delle masse

leadcia

I funzionari della CIA e dei governo di tutto il mondo stanno utilizzando gli attacchi di Parigi per spingere l’introduzione di nuove leggi per la sorveglianza globale. Ed era tutto pianificato in anticipo.

Mentre i sistemi democratici di solito impiegano mesi (se non anni) per passare nuove leggi e normative, ci sono voluti solo pochi giorni dopo gli attentati di Parigi per fregare gli onesti cittadini con leggi che diminuiscono la liberta’ di un individuo. Diverse organizzazioni stanno infatti capitalizzando dalla paura e dal panico causato dagli attacchi per portare avanti una nuova agenda ovvero un nuovo passo coraggioso verso la sorveglianza pubblica totale. Quel che è peggio: le informazioni trapelate dimostrano che le autorità erano in attesa di un attacco terroristico per proseguire con il loro piano.

In una e-mail trapelata scritta da Robert S. Litt, avvocato superiore della comunità dei servizi segreti durante il mese di agosto, il piano è chiaramente delineato: Vi è una mancanza di supporto per la messa al bando delle comunicazioni crittografate, ma un attacco terroristico potrebbe trasformare rapidamente le cose .

“Anche se il contesto legislativo è molto ostile oggi, le cose potrebbero cambiare in caso di un attacco terroristico o di un evento criminale in cui, la crittografia forte, potra essere mostrata come un ostacolo all’applicazione della legge.

Consiglio di mantenere aperte le nostre opzioni per una situazione del genere “.
– Washington Post, Obama faces growing momentum to support widespread encryption

Dopo pochi mesi da questa e-mail, un attacco terroristico si verifica a Parigi. Solo poche ore dopo gli attentati, le news stranamente accusano “le comunicazioni criptate”. Solo pochi giorni dopo gli attacchi, i funzionari chiedono … la messa al bando delle comunicazioni crittografate.

Il commissario di polizia di New York, Bill Bratton, la ha definita “una rivoluzione” dicendo che sono necessarie nuove leggi per mettere la crittografia fuori legge , aggiungendo:

” La [Crittografia] è qualcosa di cui va discusso al piu’ presto, perché non possiamo continuare ad operare completamente alla cieca.
– The Guardian, Intelligence agencies pounce on Paris attacks to pursue spy agenda

Anche il direttore della CIA John Brennan sta utilizzando gli attacchi terroristici per fare pressioni su leggi che daranno al governo illimitato accesso a tutte le comunicazioni, accusando i “gruppi per la privacy” di ostacolare il loro lavoro.

Poi Lunedi, scaricando le colpe all’inverosimile, il direttore della CIA, John Brennan, avrebbe detto che i sostenitori della privacy hanno minato la capacità delle spie di monitorare i terroristi:

“A causa di una serie di rivelazioni non autorizzate e ad un sacco di ostacoli per quanto riguarda le modalita` con cui il governo tenta di scoprire questi terroristi, ci sono state alcune azioni politiche e legali che hanno reso la capacità collettiva di trovare questi terroristi, a livello internazionale, molto scarsa”, aggiungendo che c’è un “travisamento riguardo ciò che i servizi di sicurezza di intelligence stanno facendo “.

Leggete attentamente i commenti di Brennan, perché sono molto rivelatori. Quando dice “azioni legali”, sta riferendosi al fatto che diversi tribunali federali hanno stabilito che la sorveglianza segreta di massa del governo su milioni di americani è illegale. In pratica il direttore della CIA sta dicendo che è un peccato che i servizi segreti non possano piu` operare completamente al di sopra della legge, infine utilizza i gruppi per la privacy come capri espiatori  per eventuali carenze da parte della sua agenzia. (Anche se può ancora, apparentemente, operare al di sopra della legge.)

Ancora più importante, i commenti di Brennan sono incredibilmente disonesti. Il Freedom Act post Snowden, approvato dal Congresso ha riformato uno degli innumerevoli programmi di spionaggio di massa negli Stati Uniti. Era quello che ascoltava solo le telefonate degli americani, ed e` qui il punto: è stato attivo per tutto questo tempo e  chiudera solamente alla fine del mese.
– Ibid.

Anche i funzionari di governo nel Regno Unito stanno capitalizzando sulla paura.

Dall’altra parte dell’Atlantico, i politici nel Regno Unito, che hanno già le leggi sulla sorveglianza più estese nel mondo occidentale, stanno usando la tragedia per tentare di proporre il loro nuovo e ancor più invasivo, disegno di legge per lo spionaggio di massa che mira a consentire alla polizia di vedere la cronologia web di ogni cittadino e di costringere le aziende come Apple a far girare software per il controllo.
– Ibid.

Anche il governo italiano vuole adottare norme contro la privacy. Leggete cosa ha detto Renzi ad una intervista a Skytg24, ieri 18 novembre 2015:

“Avverto in questo momento la responsabilità e la delicatezza della fase che stiamo vivendo e proprio per questo penso: cosa serve? Serve investire in cyber security per tracciare cosa passa sul web”.  Il Fatto Quotidiano – Attentati a Parigi, leggi speciali: serve una cyber intelligence equilibrata.

 

NON EFFICACE

Nessuna di queste leggi si e` mai dimostrata efficace nel prevenire attacchi terroristici. In realtà, gli attentati di Parigi hanno avuto luogo sei mesi dopo la promulgazione di una legge massiccia (e controversa) di sorveglianza in Francia.

Approvata dal Parlamento francese a maggio in risposta agli attacchi contro la rivista con sede a Parigi, Charlie Hebdo, la legge consente al governo di monitorare le telefonate ed e-mail di persone sospettate di legami con il terrorismo, senza l’autorizzazione di un giudice.

Ma va oltre. La legge impone ai fornitori di servizi Internet di installare “scatole nere” che sono progettate per aspirare e analizzare i metadati della navigazione web e di Internet in generale per spiare le abitudini di milioni di persone che usano il Web rendendo disponibili i dati ai servizi segreti.

In casi eccezionali, la legge consente al governo di distribuire i cosiddetti “cacciatori di imsi” per tenere traccia di tutte le comunicazioni di telefonia mobile in una determinata area. Questi cacciatori sono fondamentalmente progettati per impersonare torri cellulari, ma intercettano e registrano dati di comunicazione da telefoni all’interno della propria portata, e possono anche seguire i movimenti delle persone che trasportano i telefoni.

Infine, la legge consente agli agenti del governo di irrompere nelle case dei sospetti terroristi al fine di installare microfoni e telecamere di sorveglianza e keylogger sui computer, in modo da catturare ogni click e lettera digitata.
Recode, la Francia ha una nuova legge di sorveglianza potente e controversa

In breve, dopo ogni evento traumatico nel mondo occidentale (fabbricato o meno), l’attenzione è rivolta verso un elemento molto specifico e mirato che “deve essere affrontato il più presto possibile”. Questo articolo è, infatti, parte della controversa legge che è seduta sugli scaffali fino a quando non sara` fatta passare, mentre le masse resteranno a guardare in preda all’orrore. E` successo con il Patriot Act e, quasi 15 anni dopo, sta accadendo di nuovo. La loro formula è “ordine dal caos” e continua a funzionare.

Fonte

La copertina dell’Economist “World in 2015”: una miscela di simbolismo criptico e terribili predizioni

L’importante rivista The Economist ha pubblicato una edizione speciale chiamata “The World in 2015”. Sulla copertina ci sono delle immagini strane: un fungo atomico, la Federal Reserve in un gioco chiamato “Panic” e molto altro.

leadeconomist

Normalmente non dedico un intero articolo all’analisi di una copertina, ma, in questo caso, non si tratta di una pubblicazione qualsiasi. E’ contenuta nel The Economist ed è direttamente correlata all’elite mondiale. E’, in parte, di proprietà della famiglia di banchieri Rothschild inglesi e del suo redattore capo, John Micklethwait, il quale ha partecipato più volte alla Conferenza Bilderberg – la riunione segreta in cui le figure più potenti del mondo, dal mondo della politica, della finanza aziendale e dei media discutono di politiche globali. Il risultato di questi incontri è totalmente segreto. E’ quindi giusto dire che chi lavora al The Economist sa cose che la maggior parte di noi ignora. Per questo motivo, la “previsione per il 2015” contenuta nella copertina è piuttosto sconcertante.

La tetra e cupa copertina mostra personalità politiche, personaggi di fantasia e icone della cultura pop che sicuramente faranno notizia nel 2015. Tuttavia, la cosa più importante, è la presenza di una serie di immaginari estremamente simbolici i quali alludono a concetti importanti e ad eventi mondiali. Ecco la copertina:

economist_magazine_jan2015

A prima vista, notiamo personaggi politici come Obama e Putin, riferimenti alla Rugby Cup e il nuovo film di Spider-Man. Ma uno sguardo più attento rivela una pletora di concetti importanti. Eccone alcuni.

IL GLOBO A DUE FACCE

world

Un lato del globo guarda stoicamente verso l’Occidente, mentre l’altro lato appare iracondo. Rappresenta forse un confronto tra l’Oriente e l’Occidente? La copertina presenta un paio di altri simboli che si riferiscono alla “rivolta dell’Oriente”. Ciò che inquieta di più tuttavia, è che immediatamente sotto quel globo arrabbiato vi sono raffigurati un fungo atomico e il lancio di un satellite spia nello spazio.

mushroom

Sorveglianza Hi-tech e guerra nucleare. Il The Economist non è molto positivo

IL COLORE DEI VOLTI

Date un’occhiata più da vicino ai volti dei personaggi presenti sulla copertina. Alcuni sono a colori e altri sono in bianco e nero. Perché?

faces

Tra quelli in bianco e nero vi sono Putin, la Merkel, Obama, Hillary Clinton, David Cameron, Hollande e Renzi. Tra quelli a colori vediamo David Blaine, un giovane con in mano uno striscione recante la scritta “Singapore” (a Singapore si terranno i South Asian Games nel 2015). Un altro ragazzo indossa dispositivi per la realtà virtuale. Una rapida raccolta di questi dati rivela che quelli in bianco e nero sembrano essere parte dell’elite (compreso il ragazzo dell’ISIS che probabilmente lavora per loro) e quelli di colore sono “estranei”. È così che l’elite percepisce il mondo?

IL PIFFERAIO MAGICO

piper2

La presenza del Pifferaio Magico su questa copertina “del 2015” è decisamente inquietante. Il Pifferaio di Hamelin è una leggenda tedesca basata su un uomo che utilizzava il suo flauto magico per portare via i bambini dalla città di Hamelin.

800px-Pied_Piper2-e1420662741656

Il pifferaio magico conduce i bambini fuori da Hamelin. Illustrazione di Robert Browning “The Pied Piper of Hamelin

Questa figura folkloristica risalente al Medioevo si dice rappresenti la massiccia morte per peste e catastrofi, o a causa di un movimento di massiccia immigrazione. E’ inoltre una perfetta rappresentazione di come gli odierni giovani vengano “attirati” e disorientati dalla “musica” dei mass media. In maniera quasi scontata possiamo vedere un ragazzino proprio sotto il flauto del Pifferaio.

IL RAGAZZO INETTO

boy

Proprio sotto il pifferaio magico si vede un ragazzo con uno sguardo sbalordito. Sta guardando un gioco chiamato “Panic”. Le parole “Federal Reserve” e “Chi” (che probabilmente sta per China) sono in cima, mentre le parole “luce verde” e “sis!” (Che probabilmente stanno per “Iside” o “crisi”) sono sul fondo. Questo ragazzino guarda imperterrito lo svolgersi del gioco come le masse impotenti vengono a conoscenza degli eventi tramite i mass media. L’obiettivo finale del gioco è quello di causare panico in tutto il mondo attraverso delle crisi generate casualmente da coloro che controllano il gioco. Ricordo che si tratta di una copertina di una rivista Rothschild.

CROP-O-DUST

Untitled-1

Di fronte a Putin vi è un piccolo elicottero su cui è scritto Crop-O-Dust. Sembra far riferimento a  “quel processo di irrorazione delle colture con insetticidi in polvere o fungicidi da un aereo.” Proprio sotto l’elicottero c’è un ragazzino che sta mangiando. Inquietante.

kid

Seduto proprio sotto l’elicottero, questo bambino sta mangiando un pacchetto di noodles pesantemente lavorato. Sta ingurgitando il veleno diffuso dal velivolo?

CINA

china-e1420664430567

Un panda indossa una bandiera della Cina – mentre flette i muscoli, è un modo piuttosto chiaro per mostrare come la Cina stia guadagnando potere. Accanto ad essa c’è un lottatore di sumo in possesso di un grande batteria in cui le polarità (+ e -) sono chiaramente indicate. Sta alludendo a uno switch nella polarità delle potenze mondiali da Ovest ad Est?

IL FANTASMA

ghost

Da dietro la gamba di Obama vediamo emergere un fantasma che legge una rivista dal titolo “Holiday”. Perché questo fantasma, che rappresenta una persona morta, sta pianificando una vacanza? Significa forse che le masse saranno così impoverite da poter pensare alle vacanze solo una volta morte? Potrebbe rapportarsi alle innumerevoli persone che sono morte in viaggio negli ultimi mesi? Sconcertante.

LA TARTARUGA

turtle

In piedi di fronte a tutto il resto, guardandoci fissi vi è una tartaruga con delle linee che ne circondano il guscio. Cosa rappresenta? Ci sarà un grande aumento delle tartarughe nel 2015? Probabilmente no.

Una tartaruga arrabbiata è il simbolo della Fabian Society, un’organizzazione estremamente potente che ha lavorato per oltre un secolo verso la formazione di un unico governo mondiale.

when-i-strike-i-strike-hard

Il motto della Fabian Society è “Quando colpisco, colpisco duro”.

La filosofia dietro il socialismo Fabiano è fondamentalmente il modello di quello che oggi chiamiamo il Nuovo Ordine Mondiale.

La Fabian Society è un gruppo molto antico il quale ebbe origine in Inghilterra nel 1884, con lo scopo di formare uno stato unico socialista, globale. Il loro nome deriva dal nome dal generale romano Fabio, che pianificò attentamente le strategie per portare lentamente i suoi nemici alla sconfitta. Il “Socialismo Fabiano” utilizza il cambiamento incrementale per un lungo periodo di tempo in modo da trasformare lentamente uno stato anziché utilizzare una rivoluzione violenta. Si tratta essenzialmente di socialismo occulto. Il loro stemma originale era uno scudo con un lupo travestito da agnello in possesso di una bandiera con le lettere FS. Oggi il simbolo internazionale della Fabian Society è una tartaruga, con il seguente motto: “Quando colpisco, colpisco duro.”
– La Fabian Society, The Weather Eye

La Fabian Society sosteneva apertamente una società scientificamente programmata e l’eugenetica attraverso la sterilizzazione. Il suo logo originale era un lupo travestito da agnello … non credo tuttavia fosse il modo migliore per nascondere il lupo alle masse.

Fabian_Society_Logo

Il logo originale della Fabian Society

Portare avanti un sistema globale attraverso piccoli cambiamenti incrementali è esattamente ciò che l’elite mondiale sta facendo. Questo è probabilmente il motivo per cui c’è una tartaruga arrabbiata sulla copertina di questa pubblicazione Bilderberg friendly.

11.3 E 11.5

dirt

La parte in basso a destra della copertina presenta alcuni simboli più criptici. C’è un mucchio di immondizia a terra e due frecce in cui leggiamo 11,5 e 11,3. Si tratta di date da ricordare? Perché sono vicino ad un mucchio di immondizia? Se si guarda a queste figure come a coordinate, puntano da qualche parte in Nigeria. In altre parole, la presenza di 11,5 e 11,3 è un po’ inquietante, soprattutto considerando il fatto che chi ha fatto la copertina non ha voluto far capire alla gente di cosa stesse realmente parlando.

In piedi di fronte alla spazzatura vi è Alice nel paese delle meraviglie, la quale sta guardando in alto verso lo stregatto.

cat

Questo iconico gatto è noto per scomparire del tutto, lasciando visibile solo il suo inquietante sorriso. Abbiamo quindi un’altra allusione ad un mondo di fantasia, illusione e inganno, percepito da Alice – le masse. Insieme all’inclusione piuttosto inutile di David Blaine – il mago – la copertina mescola eventi del mondo reale con simboli che alludono all’inganno.

Altri simboli di rilievo su questa copertina sono un salvadanaio volante che esce dalle tasche di James Cameron; Un modello che porta una creazione di Alexander McQueen (stilista preferito della elite che morì in circostanze strane) e un ufficiale asiatica che porta una maschera per proteggerla da una malattia mortale.

Il 2015 sembra proprio fantastico!

CONCLUSIONE

L’Economist non è un giornaletto che pubblica eccentriche previsioni sul 2015 per vendere una manciata di copie in più. E’ collegato direttamente a coloro che danno forma alle politiche globali e che ne garantiscono l’attuazione. Il giornale è in parte proprietà della famiglia di banchieri Rothschild di Inghilterra e il suo editore partecipa regolarmente alle riunioni del Bilderberg. In altre parole, The Economist è collegato a coloro che hanno i mezzi e il potere per fare “predizioni” della realtà.

La copertina della rivista riflette essenzialmente l’Agenda globale delle élite ed è disseminata di simboli criptici che sembrano essere inclusi per “coloro che sanno”. E le masse, come Alice guarderanno lo stregatto scomparire, rimanendo confuse dalle illusioni, mentre il lupo travestito da agnello colpirà … e colpirà duro.

Fonte