Archivi Blog

Autrice tedesca suggerisce di non avere piu` figli per scongiurare i cambiamenti climatici

L’autrice femminista Verena Brunschweiger ha invitato i tedeschi a smettere di avere bambini per salvare il pianeta, nonostante il fatto che il tasso di fertilità nativa del paese sia già di appena 1,4 bambini per donna.

In un’intervista a Neue Osnabrücker Zeitung, Brunschweiger avverte “siamo sull’orlo del collasso ecologico” e che l’unica soluzione è “rinunciare a riprodursi”.

Affermando che questo argomento viene tenuto nascosto nella “Germania pro-natalista”, la Brunschweiger, lei stessa senza figli, ha osservato, “È … soprattutto a causa della grande quantita` di popolazione che abbiamo problemi ambientali del genere. Siamo troppi e quasi nessuno vuole limitarsi. Se fossimo in meno e ci limitassimo, potremmo salvare qualcosa ”.

Brunschweiger ha affermato di sentirsi come “in Arabia Saudita nel 14 ° secolo” quando ha cercato di esprimere il suo messaggio, ma che aveva ricevuto il sostegno di molte donne.

La femminista sta indirizzando il suo messaggio ai tedeschi nonostante il fatto che il tasso di fertilità nativo del paese sia di circa 1,4 figli per donna, ben al di sotto del necessario tasso di sostituzione 2,1.

“Dal 1972, la Germania non ha visto un solo anno in cui il numero di neonati ha superato il numero di morti”, riferisce Arutz Sheva.

Nonostante la sua passione per la riduzione della popolazione, il messaggio della nostra paladina non ha ancora raggiunto il continente africano “, riferisce Free West Media. “La popolazione infantile dell’Africa raggiungerà il miliardo entro il 2055, rendendola la più grande popolazione infantile tra tutti i continenti”.

In effetti, l’Africa sub-sahariana produrrà il maggior numero di nascite, quindi se la Brunschweiger si preoccupasse davvero di abbassare la popolazione globale per salvare il pianeta, avrebbe detto agli africani di smettere di riprodursi, cosa che ovviamente sarebbe ritenuta razzista.

Dopo tutto, per i progressisti è meglio essere morti che razzisti!

Fonte