Archivi Blog

Un avvocato tedesco che criticava il lockdown e` stata arrestata e mandata in psichiatria

Un avvocato medico tedesco che ha criticato il lockdown è stata arrestata e portata in un reparto psichiatrico, dove afferma di essere stata abusata dalle autorità.

Beate Bahner ha pubblicato un comunicato stampa il 3 aprile denunciando le leggi tedesche sul lockdown come “palesemente incostituzionali, in quanto violano in misura senza precedenti molti dei diritti fondamentali dei cittadini”.

“Queste misure non sono giustificate dalla legge sulla prevenzione delle infezioni, modificata in fretta solo pochi giorni fa”, ha affermato. “Restrizioni a lungo termine sull’abbandono di casa e sull’incontro con altri, basate su scenari modellati ad alto tasso di mortalità, che non tengono conto delle reali opinioni di esperti critici e del completo arresto di attività commerciali e negozi senza alcuna prova del rischio di infezione, sono completamente illegali. ”

Bahner ha chiesto una protesta nazionale la domenica di Pasqua per “porre fine alla tirannia”, prima che la polizia di Heidelberg annunciasse che avrebbero cercato di processarla per aver incitato i tedeschi a violare la legge.

Il 13 aprile, Bahner chiamò sua sorella dal Klinik fur Allgemeine Psychiatrie di Heidelberg descrivendo cosa le era successo.

Dopo aver affermato di essere stata “sospettosamente” seguita da un’auto, Bahner afferma di aver chiesto a un altro automobilista di chiamare la polizia. Arrivata la polizia la hanno buttata a terra brutalmente e arrestata.

Dopo essere stata portata nella struttura psichiatrica, la Bahner afferma di essere stata trattata come una terrorista.

“Ho chiesto di avere il permesso di sedermi e mi è stata mostrata una panchina. Poi ho chiesto di togliermi le manette, dato che in realtà ero io a chiedere protezione alla polizia ”, ha raccontato. “Ma invece, sono stata gettata di nuovo a terra, con la testa scagliata sul pavimento di pietra da un’altezza di un metro, senza che nessuno reagisse. Quindi sono stata costretta a passare la notte sdraiata sul pavimento in una clinica psichiatrica stile Guantanamo ad alta sicurezza … non c’erano servizi igienici, né lavandini, sebbene mi permettessero l’acqua, e c’era un campanello che avrei potuto suonare, anche se l’hanno ignorato dopo la terza volta che l’ho premuto. ”

L’avvocato è stata accusata di incitamento, con il suo avvocato che ha suonato il campanello d’allarme per il suo trattamento.

“Le affermazioni della Bahner riguardo i gravissimi abusi subiti hanno connotazioni spiacevoli dei capitoli più oscuri della storia tedesca”, ha detto.

“Il semplice fatto che ha affermato di essere stata così gravemente maltrattata è stato ciò che mi ha spinto a scriverti. Bahner è in compagnia di oltre 50 noti esperti che criticano il lockdown a livello nazionale; Sarei felice di fornirti un elenco dei loro nomi. Se è davvero il caso che gli avvocati critici delle misure del governo possano ora essere intimiditi usando l’apparato legale o la psichiatria statale e possano essere distrutti professionalmente e socialmente, il paese e` veramente alla frutta ”.

Bahner ha vinto tre casi nella Corte costituzionale federale e ha scritto cinque libri sul diritto medico tedesco.

Fonte

Un politico francese afferma che la quarantena non dovrebbe essere imposta sulle zone ad alta concentrazione di migranti per evitare sommosse

“Non è una priorità imporre la chiusura totale in determinati quartieri”.

Un alto funzionario del governo in Francia ha ammesso che le misure di blocco draconiane imposte al resto della popolazione non dovrebbero essere attuate nei ghetti ad alta concentrazione di migranti al fine di prevenire le rivolte.

In una lettera trapelata alla rivista Le Canard Enchaine, il Segretario di Stato francese presso il Ministero degli Interni, Laurent Nunez consiglia: “Non è una priorità imporre la chiusura di alcuni quartieri e fermare le riunioni”.

In una videochiamata separata, Nunez ha detto ad altri funzionari che limitare i movimenti e chiudere negozi nelle famigerate banlieue francesi rischia di innescare violenti disordini sociali.

Un prefetto della zona di difesa regionale che era presente alla chiamata ha convenuto che le imprese che erano state chiuse in altre aree della Francia dovrebbero rimanere aperte nei quartieri più poveri al fine di aiutare con la “mediazione sociale”.

“Questo indebolimento delle leggi che Macron ha dichiarato essenziali, questo evidente disprezzo per la popolazione nel suo insieme, arriva in un momento in cui la polizia, le ambulanze e i vigili del fuoco affrontano livelli record di ostilità quando si avventurano nei sobborghi dove le bande danno fuoco alle auto attaccandole quando arrivano per aiutare ”, scrive Damian Wilson.

Come illustrato nella clip qui sotto, ogni volta che la polizia tenta di imporre misure di quarantena, o qualsiasi altro atto di applicazione della legge, nelle aree a forte presenza di migranti, viene immediatamente circondata e intimidita da bande di migranti. Non è raro che camion dei pompieri e ambulanze vengano attaccati in queste aree “sensibili”

Un’altra clip mostra i migranti che reagiscono ai tentativi della polizia di imporre una quarantena saltando sul loro veicolo.

Come riporta Breitbart, i migranti nelle città europee in tutto il continente semplicemente non rispettano il blocco o gli agenti di polizia che cercano di imporlo.

La polizia nell’area migrante della Senna-Saint-Denis a Parigi afferma di essere sopraffatta dal numero di persone che si rifiutano di rimanere in casa.

“Non ci arrenderemo. Ma sappiamo anche dove vivono queste persone e come vivono. Il contenimento, per loro, è semplicemente impossibile “, ha spiegato un ufficiale.

Fonte

La polizia britannica chiude un occhio su una banda di stupratori musulmani per non “creare tensioni”

La polizia britannica a Manchester non è riuscita a fermare il network di uomini pakistani che stuprava dozzine di ragazze, nonostante sapesse ogni dettaglio dell’attivita, perche avrebbe potuto creare “tensioni nella comunità”.

In un altro scandalo che coinvolge prevalentemente uomini pakistani i quali hanno abusato sessualmente di ragazze bianche, un nuovo rapporto rivela che la polizia di Manchester “non è riuscita a intraprendere azioni appropriate più di 15 anni fa, nonostante avesse ottenuto i dettagli di quasi 100 “persone di interesse” che utilizzavano i ristornati take away come base per violentare e abusare bambini di eta` compresa tra gli 11 e i 17 anni nonostante il fatto che i colpevoli stessero operando “in bella vista”.

Tutte le vittime erano “giovani femmine bianche” di età compresa tra gli 11 e i 17 anni, mentre gli autori dei crimini erano tutti “quasi esclusivamente maschi adulti asiatici, molti dei quali associati ad attivita` di ristorazione asiatica”, secondo il rapporto.

L’operazione di polizia ha identificato 57 ragazze che erano state stuprate, tra cui una che era morta dopo che il suo aggressore le aveva iniettato eroina, ma il caso è stato chiuso nel 2005 e “pochissimi” criminali sono stati assicurati alla giustizia.

“Il rapporto include storie scioccanti”, riferisce Fox News. “Si dice che una bambina abbia supplicato i suoi accompagnatori di portarla via da Manchester perché era troppo coinvolta con uomini asiatici e che uno “le ha fatto fare cose che non voleva”. Un altra ha parlato di come fosse stata portata per case dove le venivano somministrate vodka ed eroina e veniva costretta a “fare qualunque cosa volessero che facesse”. Il rapporto rileva che i bambini non erano protetti da agenzie appropriate “.

Uno dei motivi per cui la polizia non è riuscita a intraprendere azioni adeguate e` stato il risultato delle preoccupazioni relative a possibili “tensioni della comunita`” perché gli uomini coinvolti erano “prevalentemente uomini asiatici adulti appartenenti a comunità etniche minoritarie locali nell’area”.

Anche un caso separato non correlato che coinvolgeva il popolo curdo aveva “creato tensioni comunitarie” e questi fattori “dovevano chiaramente essere considerati dal gruppo di pakistani”.

Alla polizia fu anche ordinato di cercare colpevoli bianchi per nascondere il fatto che la questione della banda di criminali fosse un problema musulmano / pakistano.

“Ci hanno detto di cercare altre etnie da accusare”, ha detto un ufficiale.

In altre parole, la polizia non è venuta in aiuto delle vittime di abusi sessuali, pur sapendo ogni dettaglio su questa attivita` illegale, in quanto le forze dell’ordine avevano paura di essere etichettate come razziste o xenofobe.

Ciò rispecchia altri casi simili in tutto il paese in cui giovani ragazze bianche sono state maltrattate e trafficate da uomini pakistani e del Bangladesh, come a Rotherham dove 1500 vittime, violentate e picchiate, sono state ignorate dalle autorita` a causa dei timori derivanti dal “politically correct”.

Le statistiche del think tank della Quilliam Foundation mostrano che l’84% dei governanti condannati nel Regno Unito sono uomini musulmani.

Ricorda; I liberali affermano che la correttezza politica è “solo essere gentile con le persone”, tuttavia negli anni il politically correct ha e sta generando mostri sempre piu` terribili.

Fonte

Regno Unito: Un poliziotto musulmano assunto per promuovere la diversita` faceva parte di una gang che abusava di bambini

Un ufficiale di polizia musulmano nel Regno Unito, assunto per promuovere la diversità, faceva in realta` parte di una banda di gang che abusava e vendeva bambini.

Amjad Ditta, noto anche come Amjad Hussain, è stato accusato di reati sessuali contro bambini di età compresa tra 13 e 16 anni.

Nel 2016 Ditta è stato nominato ufficiale della diversità “per aumentare il numero di persone di etnia nera e minoritaria (BME) che si candidano per unirsi alla forza di polizia” dopo che il primo ministro Theresa May ha dichiarato che il numero di ufficiali neri e asiatici nel Regno Unito non era “abbastanza.”

Al momento della sua nomina, Ditta ha affermato che le forze di polizia dovrebbero riflettere la comunità che servono in termini di diversità.

Tre anni dopo, emerge che Ditta ha abusato della sua posizione nei confronti di ragazze adolescenti.

“Le accuse includono diversi reati di stupro, violenza sessuale, fornitura di droga e traffico … (Ditta) era un ufficiale in servizio quando ha commesso i reati”, riferisce BBC News.

Ora è stato sospeso dal servizio.

Gli altri uomini arrestati come parte del traffico sessuale includono Vaqaas Abbas, Nadeem Adalat, Sajid Adalat, Vaseem Adalat, Amjad Ditta, Christopher Eastwood, Metab Islam, Mohammed Rizwan Iqbal, Ishtiaq Latif, Asad Mahmood, Arfan Mir, Younis Mohammed aka Khan, Nadeem Nassir, Shahzad Nawaz, Shazad Nazir e Sohail Zafar.

Tutti nomi britannici tradizionali!

Il Regno Unito ha avuto numerosi scandali che coinvolgono bande di musulmani in tutto il paese.

In alcuni casi, l’abuso sui minori è stato coperto dalle autorità per timori riguardo al poiltically correct.

Fonte