Archivi Blog

Met Gala 2019: Un riflesso perfetto dell’agenda dello showbusiness

Il MET Gala è un raduno annuale delle punte di diamante del settore che sfilano in abiti elaborati, mentre i fotografi fanno centinaia di foto da mostrare al mondo. L’obiettivo? Una raccolta fondi. Il vero obiettivo? La messa in mostra delle pedine e del programma dell’elite.

Nel mio articolo sul gala di MET dello scorso anno , ho spiegato come l’intero tema della serata si adattasse all’ossessione dell’élite di dissacrare il cristianesimo. Alcuni osservatori hanno persino descritto l’evento come “satanico”, completo di Madonna che conduce una messa nera.

Il tema di quest’anno è stato Camp: Notes on Fashion. Il nome è ispirato al saggio del 1964 di Susan Sontag che definiva il campo come “amore per l’innaturale: per l’artificio e per l’esagerazione” (casualmente, “l’amore dell’innaturale” descrive perfettamente la filosofia dell’élite occulta).

Il camp è solitamente associato alla cultura della resistenza e risale a pochi secoli fa. La prima definizione inglese del termine “camp”, che apparve in un’edizione del 1909 dell’Oxford English Dictionary, afferma:

“Ostentato, esagerato, teatrale; effeminato o omosessuale; appartenente a, o con caratteristiche omosessuali … “

Pur non essendo così controverso come il tema blasfemo dello scorso anno, il tema di quest’anno è stato un modo perfetto per spingere l’importante agenda del genere. Certo, come al solito e` presente un sacco di simbolismo elitario.

Per capire perché i MET Galas sono così coerentemente sincronizzati con l’agenda, diamo una rapida occhiata alla storia di questo evento.

MET GALA

Il MET Gala è un evento annuale di raccolta fondi a beneficio del Metropolitan Museum of Art’s Costume Institute di New York City. Il Gala è considerato un evento “lussuoso, di successo” e considerato “il gioiello della corona sociale di New York City”. L’evento è considerato uno degli eventi sociali più esclusivi al mondo e una delle più grandi serate di raccolta fondi a New York, che ha raccolto fino ad oggi ben $ 200 milioni di dollari.

Il primo gala ebbe luogo nel 1948 e, per anni, era quasi interamente costituito da membri dell’alta società newyorkese e dell’industria della moda. Negli anni ’70, l’evento iniziò a diventare più aperto includendo celebrità  come Andy Warhol, Diana Ross e Cher che si mescolavano con l’élite della città

L’evento è supervisionato dal caporedattore di Vogue, Anna Wintour, che raccoglie anche la lista degli invitati. Nel 2014, i singoli biglietti costavano $ 30.000 per coloro che non erano presenti nella lista degli ospiti ufficiali, dopo che i prezzi sono stati aumentati di $ 10.000 per aumentare l’esclusività dell’evento.

In breve, l’evento è organizzato dall’élite del settore per l’élite del settore. Al centro di tutto: le pedine dell’industria.

PEDINE

Se sei invitato al MET Gala, significa che sei una pedina del settore. E, per rappresentare questo fatto, devi indossare abiti approvati dall’élite. Ecco alcuni esempi.

Janelle Monae indossava un completo che si concentrava sul simbolo dell’occhio onniveggente.

Jared Leto – un ospite abituale al MET Gala – indossava una veste rituale rossa e reggeva una replica della sua testa mozzata. Come visto negli articoli precedenti, la testa simboleggia l’alterego di uno schiavo MK.

Jared si e` portato dietro la testa anche all’afterparty

Il costume di Ezra Miller racchiudeva tutto ciò che riguardava il MET Gala. In primo luogo, l’agenda di sfocatura di genere. In secondo luogo, le immagini MK, complete di molteplici occhi e una maschera – a rappresentare i suoi alterego.

L’outfit di Cara Delevingne era pieno di bulbi oculari e di dita sopra la testa.

Circa due anni fa, Katy Perry si è trasformata assumendo una sorta di personalita` robotica goffa e imbarazzante. Perché? Perché è quello che i suoi gestori hanno deciso per lei. Il suo ridicolo costume al MET 2019 dimostra questo fatto.

All’afterparty, la Perry indossava un costume da cheeseburger. Sicuramente si trova nella fase “imbarazzo” nella sua carriera controllata dall’elite.

Questo strano ciclo è iniziato nel periodo in cui ha indossato il “vestito piu` illuminato della storia” al MET Gala 2017

Harry Styles indossava un vestito che era decisamente in linea con l’agenda del genere

Questa è una foto di lui che esce dall’afterparty alle 6 del mattino. Sembra traumatizzato.

Michael Urie indossava un abito dualistico che incarnava pienamente l’agenda di genere.

Billy Porter fece un’entrata adatta per una regina egiziana

Spiegò quindi le ali per diventare una versione maschile di Maat.

Una classica rappresentazione di Maat

Darren Criss truccato. Deve farlo per compiacere l’elite

Molti si sono chiesti che cosa ci facesse al Gala “l’influencer” James Charles. La risposta: si adatta all’agenda gender blurring.

Non c’è molto da dire sul vestito di Maluma. Tuttavia, il semplice fatto che sia al MET Gala è la prova che è stato avviato nel settore (come affermato nel mio articolo sul video di Madonna, Medellin).

La star della NFL Odell Beckham Jr. ha cercato di fare il boss indossando un kilt. Lui non voleva indossarlo. In un’intervista con GQ, ha detto: “Ho detto di no”, domenica sera, appena 24 ore prima del Met. “Ero tipo, ‘Non c’è possibilità che lo indossi’. Purtroppo non puo` combattere l’agenda dell’elite.

C’è qualcosa di sbagliato nelle gemelle Olsen. Questo è tutto ciò che ho da dire su questa foto.

CONCLUDENDO

Le MET Galas sono un perfetto incapsulamento dell’attuale agenda dell’élite occulta. Organizzato da Vogue – un’istituzione d’élite che fa parte dell’impero dei media CondeNast – il Gala è interamente dedicato a celebrità attentamente selezionate seguendo un tema accuratamente selezionato. Il risultato netto di questo evento attentamente calcolato: notizie e social media inondati di immagini di celebrità che si vestono in abiti ridicoli per compiacere i loro maestri d’élite.

Fonte

Una riflessione sul video di “This is America” di Childish Gambino

“This is America” e` uno specchio della realta` in cui vivono le nuove generazioni americane. Guardando il video mi ` venuto da domandarmi se ci fosse di più nel personaggio interpretato da Donald Glover. Prenderemo in esame il simbolismo di This is America e il suo significato nel clima sociale di oggi.

Con oltre 100 milioni di visualizzazioni su YouTube in meno di una settimana e un’intensa attenzione mediatica è sicuro dire This is America ha raggiunto l’invidiabile status di “fenomeno culturale”. Combinando immagini violente con una danza interpretativa, il video trasmette un messaggio allo stesso tempo chiaro e ambiguo, ovvio, ma enigmatico. Il video parla di una cultura popolare malata e di un nuovo movimento di orgoglio nero che nasce da un utero completamente tossico.

Non diversamente dal clima sociale di oggi, il video è teso, acerbo e punteggiato da atti di violenza insensata. Il video, ambientato in un magazzino abbandonato, celebra – e allo stesso tempo critica – l’America nera in un mondo che sembra sempre più un claustrofobico manicomio.

La musica, i testi e le immagini del video riguardano la dualità. This is America fa riflette su ciò che è sbagliato in America mentre allo stesso tempo perpetua questo errore, denuncia la violenza insensata normalizzandola.

Al centro di questo fenomeno culturale c’è Donald Glover, un artista poliedrico che è meglio conosciuto per i suoi vari ruoli in serie televisive come Community e film come l’imminente Solo: A Star Wars Story. I precedenti dilemmi di Glover nel mondo della musica – sotto il nome d’arte Childish Gambino – avevano generato una risposta per lo più tiepida dal mondo della musica. Molti critici ritenevano che la sua parodia lirica non fosse convincente e che Glover fosse troppo “Hollywood” per essere preso sul serio come rapper.

Tuttavia, è esattamente l’esperienza hollywoodiana di Glover che dà a This is America la sua qualità affascinante e tuttavia inquietante. Il personaggio che interpreta – un uomo a torso nudo, barbuto e un po folle – è divertente, ma profondamente inquietante. Balla alla perfezione, ha rime straordinarie – ma ammazza a sangue freddo la sua gente

Sono infatti i talenti recitativi di Glover a dare al video la sua qualità che attira l’attenzione. Tutto nel video è esattamente coreografato, fino alle espressioni facciali di Glover. Per questo motivo, gli spettatori capiscono rapidamente che esiste una “distanza” tra Donald Glover e il ruolo che interpreta in This is America. Le emozioni ritratte non sono naturali e genuine, sono teatrali. Glover sta interpretando ancora un altro ruolo. Quale?

Dalla sua uscita, il video è stato soggetto a infinite interpretazioni. Glover interpreta il ruolo – come molti hanno teorizzato – della stessa America. Mentre le persone che hanno creato il video si sono rifiutate di precisare il significato, uno dei produttori della clip, Ibra Ake, ha detto a NPR:

“Non penso che siamo cerebrali o calcolati come pensano le persone. Il nostro obiettivo è di normalizzare la razza nera. “

In effetti, il video normalizza alcune immagini e concetti. Mentre vari commentatori hanno attribuito significati a ogni dettaglio trovato nel video, hanno finito col perdere nel processo i messaggi più ovvi. In effetti, e se la verità fosse più semplice? Potrebbe essere che Glover incarni una versione caricaturale di ciò che è in realtà: un intrattenitore? Più precisamente, un intrattenitore che è posseduto dai poteri che sono e che è usato per ostacolare e destabilizzare l’America nera. Diamo un’occhiata al video.

THIS IS AMERICA?

Il video inizia con un uomo di colore che afferra una chitarra e canta una melodia felice e piena di speranza.

We just wanna party
Party just for you
We just want the money
Money just for you
I know you wanna party
Party just for me
Girl, you got me dancin’ (yeah, girl, you got me dancin’)
Dance and shake the frame

Mentre l’uomo suona la chitarra, Gambino rimane fermo sullo sfondo.

Quando la videocamera torna al chitarrista, la sua chitarra è sparita e lui è incappucciato. Sta per essere giustiziato.

Questa immagine di Gambino che spara a un uomo nero incappucciato in testa e` diventato un meme istantaneo. Il fatto che questa scena abbia raggiunto uno status quasi iconico nella cultura pop è un riflesso piuttosto triste della cultura della morte di oggi.

La posizione stranamente contorta di Gambino ricorda le classiche raffigurazioni di Jim Crow.

Jim Crow era un personaggio nero stereotipato interpretato da un attore bianco. Il personaggio è diventato associato alla segregazione istituzionale negli Stati Uniti.

Jim Crow era un intrattenitore teatrale “nero” che perpetuava gli stereotipi distruttivi per i neri. Non diversamente dal personaggio di Gambino.

Una volta che Gambino spara all’uomo in testa, l’umore cambia drasticamente. La musica allegra e gioiosa passa a un ritmo frenetico, pesante e quasi nauseante

Dopo la sparatoria, un bambino riceve la pistola di Gambino in un panno rosso. Come e` possibile vedere in precedenti articoli, il rosso è spesso usato come simbolo di sacrificio. L’intero omicidio ha avuto una conotazione ritualistica.

Quando spara al cantante, Gambino uccide un elemento puro e sano della cultura nera e lo sostituisce con il rap moderno, completo di cliché e varie parole d’ordine.

This is America (skrrt, skrrt, woo)
Don’t catch you slippin’ now (ayy)
Look at how I’m livin’ now
Police be trippin’ now (woo)
Yeah, this is America (woo, ayy)
Guns in my area (word, my area)
I got the strap (ayy, ayy)
I gotta carry ’em

Mentre recita queste righe, Gambino sorride maniacalmente e balla come se nulla fosse accaduto mentre il corpo del chitarrista viene trascinato via da alcuni bambini. L’intrattenimento depravato sostituisce l’intrattenimento sano.

Mentre molti percepiscono il personaggio di Gambino come un’incarnazione dell’America stessa, resta il fatto che il video descrive palesemente il concetto di violenza “nero su nero”. E, mentre il verso rap può essere interpretato come una critica al gangsta rap, il modello viene riproposto esattamente uguale.

Il secondo coro è eseguito da un coro gospel. Ancora una volta, Gambino interrompe bruscamente i canti soul.

Gambino abbatte l’intero coro con un fucile Kalashnikov.

Molti hanno interpretato questa scena come un riferimento alla sparatoria di massa di una chiesa da parte del suprematista bianco Dylan Roof. Mentre questa è una possibilità, c’è di più in questa scena scioccante.

Di nuovo, Gambino è colui che abbatte il coro, nello stesso modo indifferente con cui ha sparato in testa al chitarrista. Ancora una volta, assistiamo alla violenta rimozione di una parte sana della cultura nera. In tutta la storia dell’America, le chiese sono state una pietra miliare delle comunità nere, con i servizi domenicali che fungevano da riunione settimanale di persone locali che condividevano valori comuni. Questa profonda miscela di spiritualità e comunità ha portato molti leader della chiesa a diventare alcuni dei leader più influenti e schietti dell’America nera.

Abbattendo il coro, Gambino – una celebrità nera che fa parte del sistema di intrattenimento d’élite – abbatte simbolicamente un pilastro della comunità nera,. I valori violenti, nichilisti, decadenti e materialistici della cultura pop si scontrano e “competono” con l’influenza spirituale e comunitaria delle chiese evangeliche. Per questo motivo, devono essere (in senso figurato) abbattute.

C’è qualcosa di insidiosamente perverso nella scena del coro. Mentre, ad una prima visualizzazione, la scena è sconvolgente e scoraggiante, ripetute visualizzazioni normalizzano questa orribile scena del “popolo di Dio” che viene ucciso mentre canta. A livello sonoro, quando Gambino spara, la musica passa da voci ad alto tono a un ritmo basso, che è un’esperienza auditiva piuttosto soddisfacente. Pertanto, coloro che guardano il video ripetutamente sanno gia` della sparatoria, ed inconsciamente, finiscono per godersela

Dopo la sparatoria di massa, l’arma viene consegnata ad un bambino all’interno di un panno rosso. Un altro sacrificio. Gambino se ne va senza essere visto mentre la gente si precipita sulla scena. Qualcun altro si prendera` la colpa per il crimine.

Dopo la sparatoria, dietro a Gambino si scatena una rivolta, mentre la gente corre in giro e le auto bruciano. La seconda strofa continua con cliché rap, alludendo successivamente a vestiti di marca, fare soldi con i traffici di stupefacenti, e uccidere gli avversari.

Durante il secondo verso, Gambino balla con i bambini delle scuole, ignorando completamente i disordini che accadono intorno a lui. Qui, sta imitando una ragazza che dice che è carina e indossa dei Gucci.

Quindi, la stessa persona che ha abbattuto il coro della chiesa (e se l’è cavata) ora distrae gli spettatori con mosse di danza alla moda e versi rap. I bambini delle scuole ballano intorno a lui perché le celebrità elitarie sono molto influenti sui giovani.

Mentre Gambino e i bambini ballano, vediamo un cavaliere incappucciato cavalcare sullo sfondo.

Il cavaliere è un riferimento al cavallo bianco dell’Apocalisse? Il libro dell’Apocalisse dice:

E vidi, ed ecco, un cavallo bianco;  e colui che vi sedeva sopra aveva un arco; e gli fu data una corona, ed egli uscì, da vincitore e per vincere
– Apocalisse 6: 2

Mentre Gambino distrae i bambini della scuola e gli spettatori con passi di danza, tutti ignorano il cavaliere bianco, simbolo biblico che prefigura la guerra e la morte.

Dopo il caos, Gambino accende una canna e inizia a ballare.

Gambino balla circondato da vecchie macchine malconce.

A sinistra c’è il chitarrista a cui ha sparato alla testa all’inizio del video, apparentemente ancora vivo, sebbene incappucciato. Anche se Gambino (che rappresenta l’industria e le sue pedine) abbia assassinato questo sano simbolo dell’America nera all’inizio del video, a volte è necessaria questa influenza. Ma solo se è simbolicamente incappucciato e soggetto alla regola dell’élite.

La ragazza sulla destra è SZA, una nuova marionetta degli Illuminati. Fatto interessante: sia Donald Glover che SZA erano al Met Gala 2018, ovvero una riunione d’élite del settore.

Glover e SZA al Met Gala – un bizzarro e altamente simbolico evento di moda che ha utilizzato simboli associati al cattolicesimo . 

Perché Gambino è così spaventato e perché queste persone arrabbiate finiscono per inseguirlo?

È questo il destino di coloro che si vendono all’industria e finiscono per andare contro la loro stessa gente? E` vero infatti, come vediamo continuamente, che una volta che l’industria ha finito di spremere gli artisti, di solito se ne sbarazza.

CONCLUDENDO

This is America ha il merito di scatenare il dibattito e di incitare alla riflessione. L’intenso uso del simbolismo del video combinato con una conclusione aperta, porta a una pletora di interpretazioni e persino a una caccia a tutto campo per “dettagli nascosti”.

Tuttavia, il messaggio principale del video non è nascosto. È proprio davanti ai nostri occhi. In realtà è così in-your-face che alcuni sentono il bisogno di attribuire riferimenti oscuri alle sue scene più inquietanti per razionalizzarlo.

Mentre molti teorizzano che Gambino incarna l’America nel suo complesso, lo strano personaggio senza maglietta protagonista nel video è chiaramente un intrattenitore. Dal riferimento a Jim Crow al ballo e al rapping, il personaggio è immerso nella cultura nera mentre è dannoso per la sua stessa gente. Spara simbolicamente ad elementi radicati del folclore e della spiritualità per creare una nuova cultura basata su valori vani, materialistici e autodistruttivi.

Per questo motivo, si deve diffidare delle celebrità che dichiarano di essersi “svegliate” mentre sono sotto contratto con le principali etichette le quali sono di proprietà dei più potenti conglomerati del mondo. Il loro messaggio è inventato, la loro libertà artistica è limitata e, se è permessa una sorta di critica sociale, è perché serve gli interessi di coloro che firmano gli assegni. In questo momento si tratta di divisione: divisione tra razze, sessi e inclinazioni politiche. Dividere e conquistare è ancora una strategia valida. Molti di coloro che sostengono di essere “svegliati” sono in realtà di proprietà di coloro che stanno cercando di farti addormentare …

Fonte