Archivi Blog

Il Parlamento UE esorta i deputati ad adottare un linguaggio “neutrale rispetto al genere”

Di fronte ad una unione frammentata afflitta da liti interne, il Parlamento Europeo ha intrapreso un’azione decisiva per risolvere i numerosi problemi del mondo reale, pubblicando un opuscolo che invita i parlamentari a sbarazzarsi di parole “poco inclusive”.


Ai funzionari e ai membri del parlamento sono state inviate guide sull’uso della lingua neutrale rispetto al genere in tutte le loro attività e comunicazioni ufficiali relative all’UE, secondo quanto riportato dal Telegraph giovedì. Secondo le nuove linee guida, i legislatori europei saranno fortemente incoraggiati a dire “chair” anziché “chiarman” (presidente), “artificiale” invece che “fatto dall’uomo”, e “humanity” al posto di mankind (umanita`)”.

“Il linguaggio indipendente dal genere è più che una questione di correttezza politica”, insiste la guida. “La lingua riflette e influenza potentemente gli atteggiamenti e le percezioni”.

La decisione ha suscitato reazioni dal paese in cui è nato l’inglese, in particolare da quelli pro brexit.

“Felice che ce ne stiamo andando”, ha scritto un inglese su Twitter.

Altri hanno sostenuto che le linee guida sono un affronto alla lingua inglese e tentano di alterare inutilmente le radici e il significato di certe parole

Alcuni hanno sottolineato che le parole non significano nulla se non sono supportate da azioni

Le linee guida sono emerse per la prima volta a novembre, ma erano più orientate verso gli interpreti, a cui è stato consigliato di utilizzare termini neutrali rispetto al genere nella traduzione tra le lingue.

Il parlamento europeo è solo l’ultimo di una lunga serie di istituzioni occidentali a lottare per un mondo completamente inoffensivo, in cui tutto e` neutro. Dalle canzoni natalizie al linguaggio “anti-animale” è stato preso di mira dalla polizia del PC per aver ferito i sentimenti di una persona su Twitter.

Fonte