Archivi Blog

Le ultime parole di Isaac Kappy: “Adesso, sono uno di loro”

Isaac Kappy – l’attore che ha accusato diverse figure di Hollywood di abusi sui minori – è morto dopo essersi buttato giù da un ponte. Alcuni giorni prima di questo fatidico evento, Kappy ha pubblicato un video inquietante su di lui nel quale afferma di “aver superato il limite” e che era diventato “uno di loro”. Cosa è successo realmente a Isaac Kappy?

Isaac Kappy era un attore che e` apparso in diverse produzioni hollywoodiane come Thor, Terminator Salvation e la serie Breaking Bad. Tuttavia, negli anni passati, era noto soprattutto per aver accusato diverse personalità hollywoodiane di pedofilia e abusi rituali satanici. Alcuni dei nomi che ha denunciato nei suoi video e post sui social media sono Tom Hanks, Steven Speilberg, James Gunn, Kathie Griffith e Seth Green.

Subito dopo queste accuse, Kappy ha fatto notizia per aver presumibilmente soffocato il suo amico Paris Jackson a una festa e per aver minacciato Seth Green in diverse occasioni. Queste azioni lo portarono ad essere indagato dalla polizia di Los Angeles e ad essere etichettato come un “ciarlatano” dalle fonti dei mass media.

GETTARSI DA UN PONTE

Il 14 maggio, Kappy ha trovato una morte violenta dopo essere precipitatpo da un ponte sull’autostrada Interstate 40 in Arizona. Secondo fonti della polizia, Kappy “si è buttato forzatamente” dal ponte dopo che due adolescenti hanno tentato fisicamente di impedirglielo. Dopo il salto fatale, Kappy fu colpito da un veicolo di passaggio.

Poco prima della sua morte, Kappy ha cancellato tutte le storie di Instagram e ha pubblicato un’ultima lettera con la minacciosa didascalia: “Attenti all’uomo che non ha nulla da perdere, perché non ha nulla da proteggere”. In questa lunga nota sul suicidio, Kappy scrive che “non è stato un bravo ragazzo” e si è paragonato a Giuda Iscariota (che ha tradito Gesù). Ha anche fatto riferimento a Donald Trump, al movimento QAnon e ai suoi tentativi di esporre i luridi segreti di Hollywood.

Fatto bizzarro: la lettera era datata 4 luglio 2019.

IL VIDEO FINALE

Qualche giorno prima della sua morte, Kappy ha pubblicato un video finale in cui ripete più volte che ha fatto una “cosa molto stupida” e che ha lasciato che “l’oscurità lo consumasse”.

Uno screenshot dal video finale di Isaac Kappy.

Sebbene Kappy non spieghi esattamente cosa ha fatto (perché ciò metterebbe certe persone in pericolo), è convinto che non ci sia ritorno dalla sua decisione e che la sua vita sia sostanzialmente finita.

Ecco alcune citazioni notevoli del video in cui risponde anche alle domande degli spettatori.

“Probabilmente sarà la mia ultima trasmissione.”

“Ci sono molte persone che ho tenuto fuori dalla mia vita, che volevo nella mia vita, ma a cui non volevo recare danno a causa degli Illuminati.”

“Questa lotta contro l’oscurità mi ha consumato. Sì, sono un cattivo ragazzo. Sono un cattivo ragazzo. ”

“Ho fatto un cattivo servizio a Dio. Ho fatto un disservizio all’America “.

“Ho fatto del male a un bambino? No, non ho fatto del male a un bambino. Non ho ucciso nessuno, no. No, non vengo minacciato. ”

“Mi sono lasciato ingannare.”

“Sono un traditore ed è successo in un batter d’occhio. Ho avuto accesso a livelli molto alti di coscienza e poi sono ricaduto in basso.”

“Ho esposto molti cattivi e ora e` il mio turno”.

“Sono diventato uno di loro? Si. Ora sono uno di loro. Quelle persone a cui davo la caccia nell’oscurita`… mi hanno distratto e ho lasciato che l’oscurità mi consumasse.”

“All’inizio, quando parlavo, il tutto proveniva da un luogo di coraggio e amore. Ho tradito tutti voi. ”

“Scriveranno libri su questa decisione e su quanto stupida sia.”

“Ho mentito su Seth Green? No, Seth Green è un pedofilo. ”

Ho superato il limite che non avrei dovuto attraversare.

“No, non ho fatto un patto satanico”.

“Non sono un suicida.”

“Non ho intenzione di dirti cosa ho fatto o perché, a questo punto, potrebbe ancora mettere in pericolo le persone e io non voglio farlo.”

“Mi violete aiutare? Potete pregare per la mia anima. ”

“Non sono entrato negli Illuminati.”

“Sta per succedere qualcosa di brutto.”

“Alcune cose sono state piantate nella mia coscienza”.

“Sono una vittima dell’Mkultra? Bene, diciamo che ci sono state cose che non erano normali per quanto riguarda le cose che mi venivano in mente, sembrava provenissero dall’esterno. ”

“Ho bisogno di pregare, ho bisogno di pregare molto”.

Kappy ha anche affermato in alcune occasioni di soffrire di PTSD e di aver subito gravi traumi.

TEORIE

Tutti questi fatti bizzarri hanno scatenato un gran numero di teorie su Internet. Alcuni sostengono che le persone che stavano “trattenendo fisicamente Kappy” prima di saltare in realtà lo stavano spingendo giu` dal ponte. Il fatto che Kappy affermasse chiaramente di non essere un suicida nel suo video finale ha solo esacerbato queste teorie.

Altri affermano che Kappy è stata una vittima del gangstalking,. Altre teorie affermano che è stato ricattato dall’élite, citando un misterioso video che coinvolge bambini che è emerso brevemente sugli accounts social di Kappy.

Ancora più bizzarro, alcuni sostengono che Tom Hanks abbia “predetto” la morte di Kappy in uno dei suoi post IG.

View this post on Instagram

Historic Route 66. Roadkill? I hope not! Hanx.

A post shared by Tom Hanks (@tomhanks) on

Per anni, Tom Hanks ha incuriosito le persone con immagini bizzarre di singoli guanti, scarpe o stivali casualmente trovati sul terreno, combinati con strane didascalie. Molti dei commenti su queste immagini affermano che queste foto rappresentano in realtà le persone che sono state uccise o rapite dall’élite occulta.

Circa un mese prima della morte di Kappy, Hanks (che fu accusato da Kappy di pedofilia) ha pubblicato la foto sopra di un guanto sulla Route 66 (Kappy è morto sulla Route 66) con la didascalia:

“Percorso storico 66. Roadkill? Spero di no! Hanx.”

Strano.

Una cosa è certa, Kappy era convinto di avere avuto un fatidico (e fatale) scontro con l’élite occulta nei giorni precedenti alla sua morte e che fosse irrimediabilmente svenduto. Era convinto di aver tradito i suoi seguaci ed era ben consapevole del fatto che i suoi giorni erano contati.

Ma cosa è successo realmente? Probabilmente non lo sapremo mai.

Fonte

Il regista James Gunn ha partecipato a festini a tema pedofilo

Sembra che lo scrittore e regista di Guardiani della Galassia James Gunn non voglia solo “scherzare” sulla pedofilia – ha infatti reso noto il fatto che frequenta feste a tema pedofilo

Andando sul suo sito web ufficiale notiamo delle foto in cui vediamo Gunn partecipare a un party a tema “To Catch a Predator” – basato sullo show americano in cui si tendeva una trappola ai pedofili online.

Le immagini mostrano l’ex regista Disney vestito da prete circondato da donne vestite da bambine. Gunn è stato licenziato dalla Disney dopo che molte “battute” inquietanti sulla pedofilia sono state scoperte sul suo account Twitter. La compagnia sta trattando con Gunn e quest’ultimo potrebbe riavere il suo lavoro, dopo che ogni singolo attore del Franchise I Guardiani Della Galassia hanno parlato in sua difesa.

Con che faccia tosta e coscienza i protagonisti di GDG continuano a difendere questo rifiuto umano?

“Gli atteggiamenti offensivi e le dichiarazioni scoperte sul feed Twitter di James sono indifendibili e incoerenti con i valori del nostro studio, e abbiamo interrotto i nostri rapporti commerciali con lui”, ha detto Alan Horn, presidente di Walt Disney Studios, in un comunicato all’epoca della scoperta dei tweet.

Secondo i rapporti usciti poche ore prima della pubblicazione di queste foto, la Marvel sta anche facendo pressioni su Disney per riprendersi Gunn.

Fonte

Licenziato il regista della Disney James Gunn dopo la scoperta di tweet sulla pedofilia

Il regista di Guardiani della Galassia James Gunn è stato licenziato dalla Disney dopo che una serie di tweet su stupro e pedofilia sono stati scoperti dagli “investigatori di internet”.

Disney ha reciso i legami con James Gunn e lo ha rimosso dalla posizione di regista in Guardians of the Galaxy 3 quando alcuni dei suoi post (ora cancellati) sui social media sono stati scoperti da Michael Cernovich e da altre fonti.

Inseriti tra il 2008 e il 2012, nei tweet spesso si scherzava su argomenti come l’abuso di bambini. Ecco alcuni esempi (Attenzione: contenuti sconvolgenti):

Justin Bieber era minorenne all’epoca del Tweet

Gunn scherza con Lloyd Kaufman sul far parte del NAMBLA (North American Man Boy Love Association).

Il precedente tweet era collegato al blog di James Gunn, che è stato cancellato da allora. Era presente del contenuto veramente inquietante.

Uno dei post del blog collegava ad un video chiamato “Pubescent Girls Touch Themselves”. La sua risposta la dice lunga.

Il post del blog archiviato conteneva questi tre commenti inquietanti.

Il video è stato inviato a Gunn da Huston Huddleston – un regista che si è dichiarato colpevole per … indovina un po ‘.

La sua voce di Wikipedia afferma:

Huston è stato arrestato il 24 aprile 2018 e accusato di pedopornografia e altri reati, compreso il contatto con un minore con l’intento di commettere un crimine. È stato detenuto presso il North Pitchess Detention Center su una cauzione di $ 750.000 e si è dichiarato non colpevole il 22 maggio 2018. Il 21 giugno, Huddleston si è dichiarato colpevole di un reato minore – possesso di pedopornografia – ed è stato aggiunto al registro dei molestatori sessuali.

La scoperta di questo contenuto inquietante ha causato qualche tumulto online che ha portato la Disney a tagliare i legami con James Gunn. Alan Horn, presidente di The Walt Disney Studios, ha dichiarato:

“Gli atteggiamenti offensivi e le dichiarazioni scoperte sul feed Twitter di James sono indifendibili e incoerenti con i valori del nostro studio e abbiamo interrotto i nostri rapporti commerciali con lui”.

James Gunn ha risposto con una serie di tweets apologetici ..

Poco dopo, Gunn ha esaminato la sua cronologia e ha cancellato migliaia di tweets. Per sbaglio ha addirittura postato un tweet dove si vedeva mentre cercava nella sua cronologia.

Quando Roseanne Barr è stata licenziata per i tweet razzisti della ABC (che è fra l’altro di proprietà della Disney), James Gunn ha twittato questo. Molto ironico.

 

REAZIONE MEDIATICA

La maggior parte delle fonti mediatiche ha inquadrato la storia come una questione di “Liberali contro Conservatori” e alcune persone di Hollywood sono uscite dal dimenticatoio per sostenere Gunn. Ecco alcuni titoli che spuntano sui mass media

C’è anche una petizione online che circola per ricollocare James Gunn.

Al momento della stesura di queste righe, la petizione contiene oltre 200.000 firme.

ANCHE MICHAEL IAN BLACK

Il 21 luglio, i tweet postati dall’attore Michael Ian Black sono stati scoperti da Cernovich. Qui ce ne sono un po.

Stranamente, Black ha scritto anche libri per bambini. Ecco la copertina di uno di essi.

CONCLUDENDO

Sia James Gunn che Michael Ian Black hanno affermato che i loro tweet erano siparietti di comicita` dark. In che tipo di bolla strana e fuori dal senso comune vivono queste persone dove scherzare sullo stupro di un bambino è considerato divertente? Perché questo genere di cose è così normalizzato in questi circoli di Hollywood?.

Abusare di bambini innocenti e distruggere le loro intere vite nel processo è una delle cose più vili, depravate e malvagie che un essere umano possa mai fare. È la cosa più lontana dall’essere “divertenti” e, per la maggior parte delle persone oneste, ascoltare semplicemente l’argomento è sufficiente per rovinarsi la giornata.

Per anni, addetti ai lavori del settore hanno sostenuto che ad Hollywood dilaga la pedofilia. Il documentario An Open Secret ha spiegato come gli “uomini importanti” di Hollywood usano la loro posizione di potere per abusare dei bambini, e molti registi sono coinvolti. Quindi, mentre i mass media stanno svalvolando per coprire i fatti”, ecco il mio suggerimento: Indagini della polizia. SUBITO.

Fonte