Archivi Blog

La vita segreta di Marylin Monroe, il prototipo di schiava del controllo mentale (Parte 2)

Nella seconda parte di questa serie divisa in due parti, vedremo la fine della carriera di Marilyn Monroe e le circostanze della sua morte – che sono le stesse circostante di una vittima del controllo mentale. 
Esamineremo anche la sua eredita` nel mondo del controllo mentale diventando un simbolo della programmazione Monarch.

La prima parte di questa serie di articoli ha descritto il lato poco conosciuto dell’ infanzia di Marilyn Monroe e le sue origini nel settore dello spettacolo. Mentre la Monroe proiettava l’immagine di una sex symbol glamour, in realtà la sua vita giorno per giorno era praticamente l’opposto. Era controllata, abusata, sfruttata e anche traumatizzata da vari “gestori”, vivendo in condizioni simili ad una prigione. 
La sua difficile situazione l’ha portata lentamente ad un crollo mentale totale e, quando ha apparentemente perso la sua utilità per coloro che la controllano, ha perso la vita in circostanze molto strane.

 L’eredità della Monroe vive ancora ai giorni nostri, e in qualche modo lei è oggi più attuale che mai nel mondo dello spettacolo … ma per le ragioni sbagliate. 
Ora, ci sono un gran numero di schiavi del “controllo mentale” a Hollywood e quelli dietro le quinte hanno reso Marilyn Monroe il simbolo piu` grande della Programmazione Beta. 
Ci sono diverse Marilyn Monroe a Hollywood attualmente tutte che proiettano un’immagine attraente pur essendo sottoposte allo stesso controllo e alle stesse difficoltà della Monroe. E tutte loro vengono associate alla Monroe una volta o l’altra nella loro carriera. È una coincidenza? Se hai guardato la raccolta di immagini “subliminal verses” nel mio gruppo facebook, probabilmente sai che l’uso dell’immagine della Monroe viene spesso ripetuto su un tipo specifico di celebrità … troppo spesso per essere semplicemente una coincidenza.

Diamo un’occhiata alla fine della carriera della Monroe, alle circostanze della sua morte e di come la sua immagine viene sfruttata dall’industria degli “Illuminati” di oggi.

MODELLO PRESIDENZIALE

Al culmine della sua carriera, Marilyn è rimasta coinvolta con la figura più potente del mondo: il Presidente degli Stati Uniti, John F. Kennedy. 
Mentre alcuni storici classificano la loro relazione come una “scappatella“, i ricercatori del controllo mentale Monarch pensano in realtà che ;a donna fosse una modella presidenziale – cioè il più alto “livello” di schiavi nella Programmazione Beta che sono utilizzati per “servire” i Presidenti.

Se fosse vero, l’esistenza di modelli presidenziali è un concetto piuttosto inquietante, che dimostra la potenza e l’importanza del controllo mentale Monarch nei circoli d’elite.

“Modelli presidenziali” sono stati / sono presumibilmente utilizzati da grandi “intrattenitori” e politici come giocattoli sessuali; burattini controllati mentalmente e programmati per compiere atti perversi agli ordini dei loro “gestori”.

Presumibilmente Marilyn Monroe fu la prima schiava del sesso “Monarch” che ha raggiunto lo status di “celebrità”. Per chi non conosce il termine “modello presidenziale”, io farò riferimento al controllo di Candy Jones da Donald Bain e Long John Nebel. Come dice la storia, Long John Nebel-una personalità radiofonica di New York degli anni ’50-’70-ha scoperto attraverso l’ipnosi, che la moglie, Candy Jones, è stata vittima di questo tipo di progetto di controllo mentale, uno dei tanti schiavi mentali dell’ MK-ULTRA, programmati da “psichiatri” della CIA e utilizzato da alti dignitari per soddisfare i loro capricci sessuali perversi o, tra gli altri compiti, essere usati come corrieri della droga e come corrieri di messaggi per questa vasta rete di mediatori di potere moralmente carenti. Molto è venuto alla luce in questo senso negli ultimi anni, per mezzo di accuse simili pubblicate su libri controversi e Internet, come Trance Formation In America di Mark Phillips e Kathy O’Brien, in cui la signora O’Brien riferisce suoi racconti preoccupanti di abusi del progetto MK-ULTRA e Monarch. 

– Adam Gorightly, “Una interpretazione di Eyes Wide Shut di Kubrick”

Secondo i ricercatori del controllo mentale, Marilyn è stata la prima modella presidenziale “di alto profilo”, una situazione che ha richiesto ad i suoi gestori di esercitare un controllo estremo su quello che diceva e faceva in pubblico.

“Hanno spogliato Marilyn di qualsiasi contatto con il mondo esterno per assicurare che il loro controllo mentale avrebbe funzionato. Avevano paura che qualcosa potesse andare storto con il primo schiavo presidenziale a cui è stato permesso di essere ben visibile al pubblico “
– Fritz Springmeier, la formula degli Illuminati per creare uno schiavo del controllo mentale

Marilyn cantando “Happy Birthday Mr. President” a JFK il 19 maggio 1962. In questo momento iconico della storia degli Stati Uniti, la Monroe canta per il presidente in una voce sensuale mentre indossa un abito attillato con niente sotto. 

Gli schiavi Monarch di “alto livello” sono spesso identificati con gemme e pietre per identificare il loro stato. I Modelli presidenziali sono identificati con diamanti.

“Per la “bona fides”e come segnali di riconoscimento, gli schiavi Monarch indossano diamanti per simboleggiare che sono modelli presidenziali. (…)
Gli smeraldi rappresentano la droga, i rubini rappresentano la prostituzione, i diamanti il lavoro del Modello Presidenziale “.
– Ibid.

Nel film “Gli uomini preferiscono le bionde”, la Monroe esegue notoriamente la canzone “Diamonds are a Girl’s Best Friend“. La canzone aveva un doppio significato?

Fatto rilevante: L’abito indossato dalla Monroe mentre cantava “Happy Birthday Mr. President” conteneva più di 2500 strass. Era un modo per identificarla come un modello presidenziale? Una cosa è certa, dietro i sorrisi ed i diamanti, le cose erano molto aspre per Marilyn durante quel periodo di tempo. Più informazioni sul suo passato nella prima parte.

IL LENTO ESAURIMENTO NERVOSO

Gli ultimi mesi di vita di Marilyn sono stati caratterizzati da un comportamento irregolare/eccentrico, strani aneddoti e diversi rapporti “intimi” con individui di grande potere.  
Mentre lei mostrava , sempre di più, segni di grave disagio mentale, ha anche avuto relazioni con diversi uomini (JFK, suo fratello Bobby Kennedy, Marlon Brando, ecc) e secondo una biografia Marilyn Monroe: My Little Secret di Tony Jerris, anche con alcune donne.
Come schiava Beta, è stata utilizzata anche sessualmente da persone del settore. Nel libro di DiMaggio Marilyn, Joe e me l’autore descrive come è stata costretta a “servire” uomini vecchi e che ha dovuto dissociarsi completamente dalla realtà (un aspetto importante della programmazione MK) per superare gli atti disgustosi a cui era sottoposta.
( Questri traumi servono proprio a creare questa dissociazione su cui poi lavorare )

“Marilyn non poteva permettersi di provare emozioni quando doveva dormire con rugosi vecchi per sopravvivere nel business. Doveva proteggere se stessa, disattivando le emozioni durante quei momenti – come se stesse recitando una parte al fine di rimuovere se stessa dall’orrore della situazione.  Ci sono stati momenti, mi ha detto, quando tornava a casa esausta dalle riprese e qualche potente vecchio bislacco le avrebbe telefonato e di come rabbrividiva. Dopo alcuni degli orrori si metteva nella doccia  per un’ora o più. Voleva lavare via la terribile esperienza che aveva dovuto sopportare “.
– June DiMaggio, Marilyn, Joe and Me

Negli ultimi mesi della sua vita, è stato molto difficile lavorare con Marilyn e il suo comportamento ha causato varie preoccupazioni agli osservatori. Durante le riprese del suo ultimo film completo, The Misfits, la Monroe ebbe “una grave malattia” che non è mai stata divulgata, ma, che secondo molti rapporti era collegata alla sfera psichica.

“La Monroe era spesso malata e non era in grado di lavorare nel mondo dello spettacolo, e lontana dall’influenza del dottor Greenson, aveva ripreso il suo consumo di pillole del sonno e alcol. Una visitatrice del set, Susan Strasberg, poi ha  descritto Monroe come “mortalmente ferita in qualche modo,” e nel mese di agosto, la Monroe è stata ricoverata a Los Angeles per dieci giorni. I giornali hanno riferito che si era trovata in punto di morte, anche se la natura della sua malattia non è stata comunicata. Louella Parsons scrisse nella sua colonna di giornale che la Monroe era “una ragazza molto malata, molto più malata di quanto in un primo momento si era creduto”, e ha rivelato che era in cura da uno psichiatra “.
– Wikipedia, “Marilyn Monroe”

Nel 1962, Marilyn ha iniziato le riprese di Something’s Got to Give, ma era così malata e inaffidabile che in definitiva è stata licenziata e citata in giudizio dallo studio 20th Century Fox per mezzo milione di dollari. Il produttore del film Henry Weinstein ha dichiarato che il comportamento di Marilyn durante le riprese era raccapricciante:

“Pochissime persone provano il Terrore. Abbiamo tutti esperienza dell’ ansia, infelicità, strazi, ma questo era puro terrore primordiale. “
– Anthony Summers, “Goddess

Weinstein ha osservato che Marilyn non aveva i normali “giorni brutti” o sbalzi d’umore che tutti abbiamo. 
Sentiva “terrore primordiale puro” – qualcosa che i prodotti del controllo mentale basati sul trauma spesso finiscono per vivere.

L’ULTIMA SEDUTA

Alla fine di giugno del 1962, Marilyn poso` da modella per un servizio fotografico con il fotografo Bert Stern per la rivista Vogue. 
Sei settimane dopo, è stata trovata morta. 
 C’è qualcosa di inquietante in quelle immagini in quanto mostrano un sensuale ma invecchiata Monroe, “ubriaca” e con occhi che hanno perso un po ‘della loro scintilla. Se sia stato intenzionale o no, questo photoshoot è simbolico per diversi motivi.

Nel libro di Stern The Last Sitting, il fotografo ha scelto di includere le immagini che sono state rifiutate da Marilyn, perché erano ritenute insoddisfacenti. Ora, sapendo che sarebbe stata “eliminata” qualche settimana più tardi, probabilmente perché è stata ritenuta insoddisfacente dai suoi gestori, c’è qualcosa di profetico in queste immagini?

Sapendo cosa le sarebbe successo qualche settimana dopo questa sparatoria, questo velo rosso sul suo viso e questi occhi chiusi possono simbolicamente rappresentare il sacrificio di Marilyn.

Il servizio fotografico ha avuto luogo presso il Bel Air Hotel e, come riferito, c’era un sacco di alcol nell’aria. Si dice anche che Marilyn e il fotografo siano diventati “intimi” durante la sessione

Questo servizio fotografico, scattato nel momento più difficile della sua vita – dopo un “aborto spontaneo”, un divorzio, un viaggio forzato in un reparto psichiatrico, e ogni tipo di abuso, sarà ricordato anche come il suo book fotografico più rivelatore ed intimo. Più la vita di Marilyn diventava  più difficile, più lei diventava sempre “più sessuale” – che è ciò che gli schiavi della programmazione Beta sono programmati per fare. Tuttavia, come altri schiavi MK, non e` vissuta molto a lungo.

LA SUA MORTE

Marilyn Monroe è stata trovata morta dal suo psichiatra Ralph Greenson nella sua camera da letto il 5 agosto 1962.Mentre la sua morte è stata classificata come “probabile suicidio” a causa di “acuto avvelenamento da barbiturici”, è ancora una delle più dibattute teorie della cospirazione di tutti i tempi. 

Ci sono infatti un gran numero di fatti che puntano verso l’omicidio, ma la verità sulla sua morte non è mai stata ufficialmente riconosciuta. Dal momento della morte di Marilyn, un gran numero di altre celebrità hanno perso la vita in circostanze simili. Per coloro che sono a conoscenza del lato oscuro del mondo dello spettacolo, il modus operandi dell’elite occulta è diventato abbastanza chiaro.
 
Nel caso di Marilyn, la prova è abbastanza sorprendente. Dono infatti state distrutte cosi` tante prove che è difficile non credere in una cover-up. Jack Clemmons, il primo ufficiale di polizia di Los Angeles che ha indagato la scena della morte, ha dichiarato nel verbale che lui crede che sia stata uccisa. Molti altri investigatori hanno detto la stessa cosa, ma nessuna accusa di omicidio è stata mai presentata.
 
Tre persone erano presenti nella casa di Marilyn, al momento della sua morte: la sua governante Eunice Murray, il suo psichiatra Dr. Ralph Greenson, e il suo internista dottor Hyman Engelberg. L’indagine intorno alla morte di Marilyn ha rivelato che il dottor Greenson ha chiamato la polizia più di un’ora dopo da quando il dottor Engelberg l’aveva pronunciata morta. 
Il comportamento dei tre presenti alla scena è stato descritto come “irregolare”. 

Qui ci sono le parti della linea temporale ufficiale degli eventi di quella notte fatale.

  • 7-7:15 pm: Joe DiMaggio Jr., figlio del giocatore di baseball Joe DiMaggio (e quindi ex figliastro della Monroe) le telefona per dirle di aver lasciato una ragazza di San Diego. DiMaggio Jr. ha detto ,quando e` stato intervistato, che la Monroe sembrava allegra e ottimista. In servizio con i marines in California, DiMaggio è stato in grado di risalire al’ora della chiamata perché stava guardando il settimo inning di Baltimore Orioles-Los Angeles Angels giocatosi a Baltimora. Il settimo inning ha avuto luogo tra le 10 e le 10:15 Eastern Daylight Time, quindi, la Monroe ha ricevuto la chiamata intorno 07:00 ora della California.

  • 7:30-07:45: Peter Lawford (il fratellastro del presidente Kennedy) telefona alla Monroe per invitarla a cena a casa sua, un invito che aveva rifiutato in precedenza quel giorno. Secondo Lawford, il discorso della Monroe era impastato e stava diventando sempre più indecifrabile. Dopo avergli detto addio la conversazione terminò bruscamente. Lawford provo` a chiamare di nuovo, ma il segnale dava occupato. I tabulati telefonici dimostrano che questa è l’ultima telefonata sulla linea principale della Monroe di quella notte.

  • 08:00: Lawford telefona ad Eunice Murray, che sta trascorrendo la notte in una guest house della Monroe, su una linea diversa chiedendo alla cameriera di andare a controllarla. Dopo pochi secondi, Murray torno` al telefono dicendo a Lawford che lei sta bene. Non convinto, Lawford cercherà per tutta la notte di entrare in contatto con la Monroe. Lawford telefona al  suo amico e avvocato Milton A. “Mickey” Rudin, ma gli consiglia di stare lontano dalla casa della Monroe per evitare qualsiasi imbarazzo pubblico che potrebbe derivare dalla Monroe eventualmente sotto sostanze stupefacenti.

  • 10:00: La governante Eunice Murray passa davanti alla porta della camera della Monroe dicendo di aver visto una luce accesa sotto la porta, ma di non voler  disturbare la Monroe.

  • 03:00: Eunice Murray chiama lo psichiatra personale di Marilyn, il dottor Greenson, sulla seconda linea telefonica, non riesce a svegliare la Monroe. E` sicura che c’è qualcosa che non và dopo avere sbirciato nella sua camera da letto dalla finestra sbarrata.

  • 03:40: Il dottor Greenson arriva e cerca di sfondare la porta, ma non ci riesce. Guarda attraverso le finestre fuori e vede la Monroe sdraiata sul letto mentre teneva il telefono e apparentemente morta. Rompe il vetro per aprire dalla porta chiusa a chiaveChiama il dottor Hyman Engelberg. Vi è una certa speculazione circa un’ambulanza che potrebbe essere stata chiamata a casa della Monroe, ma che poi e` stata rimandata indietro.

  • 04:30: La polizia viene chiamata e arriva poco dopo. I due medici e Murray discutono e indicano il tempo della morte all’incirca verso le 12:30.  La polizia nota che la camera è estremamente ordinata e il letto sembra avere lenzuola appena lavate. Sostengono che  Murray stesse lavando le lenzuola quando sono arrivati. La polizia nota che il comodino ha diverse bottigliette con pillole, ma la stanza non contiene alcun mezzo per mandare giu’ le pillole come un bicchiere o dell’acqua. Più tardi un bicchiere viene trovato sul pavimento accanto al letto, ma la polizia sostiene che non c’era quando la stanza è stata perquisita.

  • 05:40: Il becchino Guy Hockett arriva e prende atto che lo stato di rigor mortis indica che il momento della morte risale alle 9:30-23:30 L’ora viene in seguito modificata per soddisfare le dichiarazioni dei testimoni.

  • 06:00: Murray cambia la sua storia e ora dice che è andata a letto a mezzanotte e ha chiamato solo il dottor Greenson, quando si svegliò alle 03:00 e notò la luce ancora accesa. Anche i 2 medici cambiano le loro storie e ora pretendono che la Monroe morì intorno alle 03:50. La Polizia nota che la Murray appariva abbastanza evasiva ed estremamente vaga e avrebbe cambiato la sua storia più volte. Pur essendo un testimone chiave, la Murray si reca in Europa e non viene piu` interrogata
    – Wikipedia, “La morte di Marilyn Monroe”

Per riassumere alcuni strani eventi accaduti quella notte: la polizia fu chiamata più di un’ora dopo che la Monroe fu trovata morta; la stanza è stata ripulita dalla cameriera e la biancheria è stata cambiata DOPO che è stata trovata morta; c’erano molte bottiglie di pillole nella sua stanza, ma niente acqua; un bicchiere fu poi trovato sul pavimento, ma non c’era quando la stanza fu perquisita; il tempo della morte dato dai testimoni è cambiato più volte. Infine, la prima testimone (e una possibile sospettata), Eunice Murray lascia il paese e non viene mai più interrogata.

L’autopsia della Monroe è stata anch’essa estremamente sospetta, come la conclusione delle relazioni più importanti che mostrano chiaramente che le pillole non sono state la causa della sua morte. Inoltre, sembra che vi sia un chiaro sforzo per sopprimere tutte le prove che potrebbero portare alla vera causa della morte della Monroe. 

“Il patologo, il dottor Thomas Noguchi,non riusciva a trovare traccia di capsule, polvere o della decolorazione tipica causata da Nembutal nello stomaco o nell’intestino della Monroe, il che indica che le droghe che l’avrebbero uccisa non sono state ingerite. Se la Monroe le aveva prese per un periodo di tempo (che potrebbe spiegare la mancanza di residui), sarebbe morta prima di ingerire la quantità trovata nel suo sangue. La Monroe è stata trovata distesa a faccia in giù. C’era anche la prova di cianosi, l’indicazione che la morte era stata molto rapida. Noguchi ha chiesto al tossicologo gli esami del sangue, fegato, reni, stomaco, urine e intestino, che avrebbe rivelato esattamente come le droghe fossero entrate nel sistema della Monroe. Tuttavia, il tossicologo, dopo aver esaminato il sangue, non ha ritenuto necessario controllare gli altri organi, per cui molti degli organi sono stati distrutti senza essere esaminati. Noguchi ha poi chiesto i campioni, ma le fotografie mediche, le diapositive di quegli organi che sono stati esaminati e il modulo di esame che mostravano i  lividi sul corpo erano scomparsi, rendendo impossibile indagare la causa della morte.
Il rapporto tossicologico mostra alti livelli di Nembutal (38-66 capsule) e cloralio idrato (14-23 compresse) nel sangue della Monroe. Il livello trovato era sufficiente per uccidere più di 10 persone. Un esame del corpo esclude iniezioni endovenose come fonte dei farmaci. Il Coroner Dr. Theodore Curphey ha supervisionato la autopsia. A parte la causa della morte, come indicato sul certificato di morte, i risultati non sono mai stati resi pubblici e non è stata fatta alcuna registrazione”
– Ibid.

Nel 1985, il giornalista inglese Anthony Summers indago sulle circostanze della morte della Monroe. È riuscito ad ottenere un colloquio con la cameriera Eunice Murray per un servizio della BBC. Ha inavvertitamente ammesso alcuni fatti schiaccianti.

“Per il programma della  BBC Eunice Murray ha inizialmente ripetuto la stessa storia che aveva raccontato a Robert Slatzer nel 1973 e alla polizia nel 1962. Quando la troupe inizio` fare i bagagli per andarsene disse: “Perché, alla mia età, devo comunque coprire questa cosa?” A sua insaputa, il microfono era ancora acceso. La Murray ha continuato ad ammettere che la Monroe aveva conosciuto i Kennedy. Ed aggiunse‘, “Quando il medico è arrivato, lei non era morta.” La Murray è morta nel 1994 senza rivelare ulteriori dettagli. “
– Ibid

Nonostante tutti questi fatti, la verità sulla morte di Marilyn non è ancora stata scoperta. Come nel caso di molte altre morti celebrità, c’è un’aura di mistero che circonda e un sacco di domande senza risposta. In altre parole, si adatta al profilo di un tipico assassinio occulto dell’élite che ha il potere di impedire alle forze dell’ordine di rivelare la verità.

Alcuni ricercatori hanno tentato di individuare chi ha istigato l’omicidio. Alcuni citano i Kennedy, la CIA, i suoi psicologi o altri individui. Forse è più saggio fare un passo indietro e guardare al quadro più ampio: la maggior parte delle persone intorno alla Monroe faceva parte dello stesso sistema. Non era una singola persona che ha deciso di ucciderla, era una schiava MK che doveva essere scaricata dal “treno del successo”. Come molti altri dopo di lei, era una celebrità che veniva sfruttata quando era utile ed eliminata quando la sua programmazione falliva.

“Il significato più profondo qui è che tutti gli schiavi Monarch sono sacrificabili se superano la linea, e molte di queste vittime sono state” scartate “in questo modo dopo che raggiungono una certa età e non sono più desiderabili come prostitute / schiave, o se in qualche modo si liberano dalla programmazione e sono considerati un “rischio”. “

– Op. Cit. Gorightly

SIMBOLI DELLA PROGRAMMAZIONE MONARCH AL GIORNO D’OGGI

Oggi, più che mai, molte giovani starlette allevate nel settore dello spettacolo seguono le orme di Marilyn – come se fosse stato tutto pianificato per loro. Manipolate dai gestori, sono portate a fama e fortuna, tuttavia vengono sottoposte a traumi abusi controllo mentale e sfruttamento.
 In tutti i casi, queste celebrità vengono programmate er incarnare Marilyn Monroe e il suo archetipo in una fase della loro carriera, come se fosse un requisito per i burattinai MK. 

Molte icone , foto e video ci riportano a quella stessa scenografia. Troppi per essere una coincidenza. In alcuni casi, la somiglianza è non solo estetica. Ecco alcuni esempi.

BRITNEY SPEARS 

Uno dei casi più ovvi di controllo mentale nell’industria dell’intrattenimento di oggi è Britney Spears. Dalla sua infanzia come Mouseketeer alla sua età adulta vivendo sotto la tutela del padre e del fidanzato (ovvero i suoi gestori), Britney è sempre stata attentamente monitorata da personaggi potenti. Come tanti altri schiavi, ha abusato  di sostanze e viene spesso descritta come uno “zombi drogato” da quelli più vicini a lei

Britney “canalizza” Marilyn Monroe, con un look biondo platino. Le sue mani sono legate che possono rappresentare il suo stato nell’industria dell’intrattenimento

In questa performance, Britney ricrea l’iconica scena della Monroe e dell’abito che si alza.

Britney è “ossessionata” dalla Monroe. Secondo Wonderwall, Britney richiede che una collezione di DVD di Marilyn Monroe sia disponibile in tutte le sue stanze d’albergo. Inoltre visita regolarmente la tomba di Marilyn e vuole essere sepolta nello stesso cimitero. Gli schiavi Beta sono programmati per adulare Marilyn?

ANNA NICOLE SMITH

La vita di Anna-Nicole Smith era molto simile a quella della Monroe, fino alla tragica fine. Famosa per le sue curve e il suo personaggio che stereotipava la figura della “bionda stupida” resa popolare da Monroe, la sua vita sotto i riflettori era quella tipica di uno schiavo Beta. Negli ultimi anni della sua vita, era in una relazione con il suo avvocato Howard K. Stern – che ha svolto piu` il ruolo di handler MK che quello di marito.

Anche Anna-Nicole ha dovuto vivere eventi incredibilmente traumatici. Ad esempio, nel 2006, proprio dopo aver dato alla luce sua figlia, suo figlio di 20 anni è venuto a farle visita … e misteriosamente è morto proprio nella sua stanza d’ospedale. La causa della sua morte non è mai stata chiara ma, come al solito, il motivo dato dai mass media è la “droga”.Si e` trattato di un sacrificio dell’élite occulta per traumatizzare Anna-Nicole Smith, la schiava Beta? Una cosa è certa, l’evento ha completamente cambiato la sua vita. (Si noti che Monroe ha perso due bambini non ancora nati).

Meno di tre settimane dopo la morte di suo figlio, Anna-Nicole “sposo" il suo gestore Howard. K. Stern in una cerimonia non ufficiale. Cinque mesi dopo, la Smith fu trovata morta in una stanza d'albergo in Florida. Ha perso la vita a 39 anni a causa di una "combinazione di droghe". In breve, la somiglianza della Smith con la Monroe non era solo fisica, e stata programmata per rivivere la vita di Monroe.

Anna-Nicole Smith in una ricreazione del film della Monroe “Gli uomini preferiscono le bionde”.

Le fanno apparire come MM

ALTRE CELEBRITA` SOTTO PROGRAMMAZIONE BETA

Ecco altre personalità con alterego Beta associati a Marilyn Monroe:

Lindsay Lohan ha ricreato The Last Sitting servizio fotografico CON LO STESSO FOTOGRAFO Bert Stern.

Come la Monroe, la Lohan è una sex symbol I cui viaggi in centri di riabilitazione (aka centri di riprogrammazione) e il comportamento erratico frequente ricordano la situazione della Monroe. STESSA FOTO

Megan Fox posa con un libro su Marilyn Monroe mentre mostra il suo tatuaggio Monroe.

Da allora la  Fox ha comunque rimosso quel tatuaggio. Ha dichiarato in un’intervista: “La sto rimuovendo. È un personaggio negativo, poiché soffriva di disturbi della personalità ed era bipolare. Non voglio attirare questo tipo di energia negativa nella mia vita. “Ha appreso la verità su Monroe e ciò che rappresenta nell’industria dello spettacolo MK Ultra?

Katy Perry è sicuramente utilizzata per spingere l’agenda – tra simbolismo della Programmazione Beta. Qui lei è in posa come la Monroe con un motivo a scacchiera massonico in background

Come affermato in precedenti articoli, Courtney Stodden ha tutti i sintomi di una schiava Beta. Ha sposato il suo “gestore” quando lei aveva 16 anni e lui ne aveva 51. I suoi video online sono tutti in stile Beta Kitten in cui e` possibile notare le sue personalita` multiple.

Nicki Minaj spesso imita l’aspetto di Marilyn Monroe

Nel suo video “National Anthem”, Lana del Rey ricrea “Happy Birthday Mr. President” della Monroe. L’immaginario in molti dei suoi video alludono alla programmazione Beta.

Lana Del Rey in piedi di fronte a una immagine di Marilyn Monroe

Mentre è normale che le celebrità siano ispirate da una stella iconica come Marilyn Monroe, la sua immagine viene sistematicamente usata sulle stelle che spingono l’Agenda degli Illuminati. Come altri simboli descritti in questo sito, il simbolo della Monroe viene utilizzato per rappresentare la presenza della programmazione Beta nella cultura popolare.

CONCLUDENDO

In questa serie di articoli in due parti, abbiamo esaminato la giovinezza, la carriera, la morte e l’eredità di Marilyn Monroe. In tutte queste fasi, la vita della Monroe è stata caraterrizzata da traumi, abusi e controllo mentale. Come vittima della programmazione Beta, quando non stava lavorando a un progetto, veniva letteralmente utilizzata per i suoi “servizi intimi”. Verso la fine della sua vita, Marilyn era la modella presidenziale di JFK, una situazione che avrebbe potuto essere esplosiva se rivelata al pubblico. Entrambi moriranno poco dopo in circostanze che rimangono estremamente ombrose e sospettose.

Anche dopo la morte della Monroe, la sua immagine continua ad essere usata alla nausea per identificare coloro che seguono le sue orme dallo stesso sistema che ha controllato tutta la sua vita. Perché le figure più iconiche della nostra cultura pop finiscono spesso per vivere vite tragiche? È perché c’è qualcosa di terribilmente sbagliato nell’industria dell’intrattenimento? Lascerò che Marilyn Monroe riassuma la situazione.

“Hollywood è un posto dove ti pagano 50.000 dollari per un bacio e 50 centesimi per la tua anima”

– Marilyn Monroe

Fonte

Il film “The Neon Demon” rivela il vero volto dell’elite occulta

The Neon Demon è un film sull’industria della moda e la sua ossessione per la giovinezza e la bellezza. Tuttavia, attraverso la sua storia e il suo simbolismo, il film rivela l’inquietante mentalità del mondo della moda e dell’élite occulta dietro di esso.

The Neon Demon e` intenso e spesso una esperienza dolorosa . Non solo è pieno di lunghe sequenze ipnotiche che enfatizzano la superficiale importanza del mondo della moda, ma si sofferma deliberatamente su alcune delle più sconvolgenti pratiche umane possibili, tra cui la pedofilia, la necrofilia, il cannibalismo e le uccisioni rituali. Tutti questi orrori sono presentati in una materia esteticamente piacevole e collocati in un contesto fresco e alla moda in un apparente tentativo di normalizzarli.

Come la maggior parte degli spettacoli analizzati su Neovitruvian, questo film lascia una sensazione oscena, come se la propria anima fosse violata da ciò che ha appena stato visto. Naturalmente, un risultato del genere e ` prevedibile per un “film horror psicologico”, ma la parte più inquietante non è la finzione: sono le verità oscure del “mondo reale” che sembra celebrare. In effetti, quando si conosce il lato oscuro dell’industria dell’intrattenimento – e l’élite occulta che lo possiede – il film diventa un manifesto inquietante, una celebrazione indulgente da parte di persone che si dilettano nell’oscurità. In breve, svela di cosa tratta veramente l’industria, come funziona veramente e chi ne è veramente dietro.

Attraverso la storia di un’innocente ragazzina che si trasferisce a Los Angeles sognando di diventare una top model internazionale, The Neon Demon rivela il vero volto dell’industria dell’intrattenimento.

Diamo un’occhiata a The Neon Demon.

CULTURA DELLA MORTE

Sottomettersi a questo tipo di film significa essere esposti alla mentalità distorta di chi ci sta dietro. E fin dall’inizio, The Neon Demon ci mette sotto gli occhi ciò che il mondo della moda è: celebrare la cultura della morte utilizzando la giovinezza e l’innocenza come facciata.

Nella prima scena del film, Jesse posa in un photoshoot in cui appare morta dopo che le hanno tagliato la gola.

Se hai dato una occhiata ai miei articoli precedenti sei già a conoscenza di questa tendenza che si sta verificando nei servizi di moda. Ecco un esempio di un vero servizio fotografico dove la modella è fondamentalmente un “cadavere vestito bene”.

“Pin Up” W Magazine, 2008

MIRANDO ALLA GIOVENTU`

La modella del sanguinario photoshoot è Jesse, una modella di 16 anni che è “nuova in città”. Incontra Ruby, una truccatrice che chiede con nonchalance domande molto specifiche.

Mentre Jesse rivela di essere un’aspirante modella giovane e vulnerabile, Ruby la guarda intensamente, come se le stesse dicendo “Voglio sbranarti viva” … letteralmente.

– Sei appena arrivata a L.A., Jesse?
– Come lo hai saputo?
– Hai quello sguardo. Non preoccuparti tesoro. Quello che sei è esattamente quello che vogliono.

L’elite vuole la giovinezza e l’innocenza. “Loro” predano e si nutrono di esse … letteralmente.

Dopo aver appreso da Jesse, Ruby la invita a una festa. È così che i nuovi arrivati vengono introdotti nella bolla sociale claustrofobica che è il mondo della moda.

Allo show, Jesse viene presentata ad altre due modelle, Gigi e Sarah, che rapidamente interrogano Jesse.

Ruby dice che i colori del rossetto tendono a vendere di più quando prendono il nome da cibo o dal sesso. Quindi chiede a Jesse:

– Sei cibo o sei sesso?

Questa strana domanda diventerà estremamente rilevante più avanti nel film. In effetti, ci sono due modi in cui la sua energia vitale può essere “consumata”.

Le ragazze poi guardano uno spettacolo bizzarro che presenta una modella legata. Al culmine dello spettacolo, viene sollevata in aria e posta in una posizione che racchiude un importante significato simbolico.

Mentre la musica è a tutto volume, la modella fluttua nell’aria.

La posizione della modella ricorda fortemente l’arco dell’isteria di Louise Bourgeois.

“L’arco dell’isteria” di Louise Bourgeois

E` stato dimostrato che questa particolare opera e posizione sono importanti per l’élite occulta. Il serial killer Jeffrey Dahmer ha posto una delle sue vittime senza testa in quella specifica posizione.

Dahmer era un cannibale. In The Neon Demon e` presente anche il cannibalismo. E altro ancora. Come l’abuso di minori.

Keano Reeves interpreta il ruolo di un proprietario di un motel che affitta camere per aspiranti modelle. È un idiota.

Ad un certo punto, il proprietario del motel dice all’amico di Jesse di dare un’occhiata a una ragazza nel suo motel.

“Dai un’occhiata nella stanza 214 se ne hai la possibilità. Tredici anni. Vera lolita. Stanza 214. Un Must See. “

Più tardi nel film, il proprietario del motel entra di nascosto nella stanza di Jesse per infilarle un coltello in gola. È un riferimento inquietante all’abuso violento subito dai giovani modelli.

Attraverso queste varie scene, capiamo che Jesse è entrata in un mondo incasinato che sta cercando di consumarla.

ENTRARE NEL SETTORE

Jesse viene presto reclutata da un’agenzia di moda che le promette di lavorare con “tutti i grandi designer”, che la condurranno al “successo internazionale”. Quando Jesse ammette di avere solo 16 anni e di non essere diplomata, le viene detto di dire alla gente che ne ha 19 anni.

A nessuno importa che lei sia minorenne. Di fatto, la sua giovinezza le dà quel “qualcosa” che l’industria cerca disperatamente. La gioventù non viene solo usata per vendere copie di riviste, ma è sfruttata a un livello più profondo. Le civiltà primitive erano solite sacrificare giovani vergini agli dei perché si credeva che avessero più “potenza magica”. Questo concetto è ancora vivo oggi. Le persone che possiedono grande ricchezza, potere e influenza credono in questi concetti occulti. The Neon Demon affronta queste cose in una materia sottilmente velata.

Quando Jesse va al suo primo servizio fotografico con un “grande” fotografo, le cose si fanno strane.

Al photoshoot, Jesse ha un adesivo lucida incollato sul viso. La sua forma ricorda la testa di Baphomet, completa di corna e la torcia dell’illuminazione. Mentre questa potrebbe essere una coincidenza, il contesto occulto del film ci dice il contrario.

Quando il fotografo vede Jesse con i suoi adesivi dorati, ha una reazione inaspettata. Dice a tutti i presenti di lasciare la stanza. Quindi ordina a Jesse di togliersi tutti i suoi vestiti. Ricordo che ha solo 16 anni

Poi, in una scena strana, il fotografo sfrega del color oro su tutto il corpo di Jesse, concentrandosi stranamente sulla sua gola in una scena che potrebbe riferirsi al fatto che sia diventata “la ragazza d’oro” dell’industria in mano all’elite.

TRASFORMAZIONE

L'”x factor” di Jesse la porta a recitare in una sfilata di moda. Questo spettacolo inizia normalmente ma presto si trasforma in un lungo, ipnotico rituale occulto che sembra trasformare profondamente Jesse.

Mentre Jesse cammina lungo la passerella, una scena alternativa si svolge simultaneamente in una dimensione “più alta”. La sfilata è l’iniziazione all’industria di Jesse, dove scopre il suo nuovo alter ego.

Jesse si trova sotto una piramide illuminata – un simbolo dell’élite occulta

Vediamo la nascita di una nuova Jesse che bacia se stessa continuamente.

Dopo lo spettacolo, è nata una nuova e sexy, Jesse.

Viene svelata una nuova Jesse. Non e` quella che abbiamo conoscsiuto. Vuole far parte del mondo glamour e superficiale della moda.

SOTTO L’OCCHIO CHE TUTTO VEDE

Mentre Jesse progredisce nel mondo della moda, siamo sottilmente introdotti nel mondo oscuro dell’occulto che lo governa. Siamo anche pesantemente introdotti al simbolo che lo rappresenta: l’onnipresente occhio che tutto vede (ovviamente). Nel film, l’occhio onniveggente, ovvero l’occhio nel cielo, è associato alla luna.

Sotto la luna piena, Jesse parla di come lei non abbia alcun talento, tranne che per essere carina … e di come una volta parlasse alla luna.

“Quando ero una bambina, sgattaiolavo fuori dal tetto di notte. Pensavo che la luna avesse l’aspetto di un grande occhio tondo. E guardando su dicevo: mi vedi? “

Jesse voleva essere notato dall’industria dell’intrattenimento. Voleva che il “grande occhio rotondo” la vedesse. Bene, l’ha vista. È stata avviata nel settore.

Quando le cose si fanno pericolose nel suo motel, Jesse viene invitata a stare a casa di Ruby … e le cose diventano ancora più bizzarre. La ragazza e` ora intrappolata all’interno di una casa d’élite, e i predatori attendono famelici.

All’inizio, Ruby si impone su Jesse, che ammette di essere vergine.

Quando Jesse la spinge via, Ruby impazzisce. Se Jesse non può essere sesso, sarà cibo (ricordi la citazione sopra?). Ma prima, Ruby deve fare qualcosa in fretta.

Nella scena successiva, vediamo Ruby nel suo secondo lavoro in una casa mortuaria dove trucca cadaveri. Quando riceve il corpo di una giovane donna, Ruby si eccita.

Ruby bacia e accarezza un cadavere. Sì. Il film rimane su questa scena per molto tempo.

Mentre sta accadendo questa scena inquietante, un’altra scena è giustapposta ad essa.

Mentre Ruby indulge nella necrofilia, Jesse si tocca sensualmente.

Questo fastidioso bit viene trascinato per molto tempo. Mentre Ruby si eccita e i suoni lamentosi si intensificano, ci rendiamo conto che i cineasti stanno davvero cercando di rendere questa scena eccitante per gli spettatori. È come se fossero davvero interessati a quel genere di cose e vogliono che anche noi facciamo lo stesso.

Dopo questa scena inutile, Jesse si veste senza motivo apparente. Diventa l’agnello sacrificale.

Jesse indossa un abito bianco, sembra una fanciulla che sta per essere sacrificata agli dei.

Quando Jesse esce, Ruby e le sue due amiche modelle la seguono e la uccidono.

Sacrificio di sangue. I cineasti hanno reso questa scena di morte il più fashion possibile.

Ruby e le sue amiche non uccidono semplicemente Jesse …

Ruby sta letteralmente facendo il bagno nel sangue di Jesse. Anche le altre due modelle sono fradice di sangue.

Dopo questa scena nauseante, vediamo Ruby prendere parte a uno strano rituale sotto la luna piena – il “grande occhio rotondo”. Sta dimostrando servitù verso l’occhio che tutto vede.

Ruby giace sul pavimento, crogiolandosi al chiaro di luna.

Come per enfatizzare la cultura della morte, Ruby viene inquadrata mentre e` distesa dove Jesse è stato sepolta.

Nel frattempo, le altre due modelle sono presenti in un photoshoot di alto profilo. Apparentemente, mangiare Jesse ha conferito loro il fattore “X” che le rende nuovamente desiderabili all’industria. Tuttavia, durante il servizio fotografico, una delle modelle si sente male.

La modella non poteva sopportare di avere Jesse dentro di lei. Si pugnalal quindi lo stomaco da cui fuoriesce il bulbo oculare di Jesse.

L’altra modella raccoglie il bulbo oculare non digerito.

Cosa fa con il bulbo oculare? Indovina.

Lo mangia tutto!

Quindi, con uno sguardo perso sul viso, la modella torna allo shooting di moda.

Allora, che diavolo è appena successo? Qual è la morale della storia?

Bene, “morale” non è davvero una parola che si applica qui. “Morale” significa “preoccupato dei principi del comportamento giusto e sbagliato e della bontà o della cattiveria del carattere umano”. Non c’è “morale” qui, solo un’esposizione di ciò che il mondo della moda è.

The Neon Demon descrive come l’industria sfrutta le ragazze (preferibilmente molto giovani), intrappolandole in un mondo da cui non possono sfuggire. Descrive come le persone nel settore sono coinvolte in pratiche malate motivate da rituali oscuri.

Jesse, una ragazza semplice di una piccola città, era piena della bellezza naturale e della vitalità che i vampiri senz’anima di Hollywood  così disperatamente bramavano. Dopo anni nel pozzo nero che è l’industria della moda, tutta l’umanità che avevano e` stata risucchiata, lasciandoli con il desiderio di sangue giovane.

Anime innocenti non ancora contaminate dall’industria sono attratte verso il “cerchio interno” per essere poi sfruttate. Quando non possono più essere usate, vengono eliminate. Coloro che effettivamente ce la fanno nel settore sono quelli che traggono profitto dallo sfruttamento – quelli che “assorbono” la forza vitale degli altri. Coloro che ce la fanno sono quelli che hanno completamente venduto la loro anima e sono disposti a inghiottire l’occhio dell’élite occulta per continuare.

The Neon Demon sta celebrando tutto questo. Letteralmente.

Fonte

L’ennesimo (fallimentare) summit delle nazioni unite sul clima

L’ultimo vertice sul clima delle Nazioni Unite a Katowice, in Polonia, si è concluso come al solito in un fallimento. I 60.000 delegati si sono dati coraggio, sostenendo che è stato raggiunto un accordo all’ultimo minuto dopo difficili negoziati e che sono stati compiuti importanti progressi.

Se credi al The Guardian:

“Si tratta di un buon accordo”, ha detto al The Guardian il commissario europeo Miguel Cañete. “Abbiamo altro da fare ma possiamo andare avanti ora.”

Nicholas Stern, autore della fondamentale analisi dell’economia dei cambiamenti climatici, ha dichiarato: “Questo è stato un altro vertice di difficili negoziati, ma alla fine è riuscito nel suo fondamentale compito di concordare sul cosiddetto libro delle regole dell’accordo di Parigi”.

Tuttavia un resoconto più onesto può essere trovato in questo rapporto aggiornato ogni anno dalla Global Warming Policy Foundation.

Ogni Summit sul clima delle Nazioni Unite, segue esattamente la stessa formula.

Le speranze:

“Tre anni dopo l’adozione dell’accordo di Parigi, l’UE spera che tutte le parti a Katowice mostrino l’impegno e la determinazione necessari per garantire un programma di lavoro ambizioso e completo”.

L’ultima opportunità:

“Katowice offre l’ultima possibilità di limitare il riscaldamento a 1,5 ° C; i paesi devono rivedere i piani nazionali alla prossima conferenza sul clima “.

Il tempo sta finendo:

“Stiamo esaurendo le possibilità di salvare il pianeta dai cambiamenti climatici.”

Il circo:

‘Arnold Schwarzenegger, che ha fatto una lunga campagna contro i cambiamenti climatici, dovrebbe attirare folle, mentre ci sono rapporti che altre celebrità di Hollywood faranno la loro apparizione.’

L’intoppo:

“Il primo giorno delle riunioni ministeriali non riesce a risolvere lo stallo.” (Indian Express)

La soluzione a 5 minuti dalla mezzanotte:

“I negoziatori sul clima raggiungono un accordo straordinario per mantenere vivo il patto di Parigi”.

La fredda luce del giorno:

‘L’accordo ONU sul clima e` inadeguato ‘e manca di urgenza, avvertono gli esperti.’ (Guardian)

Nessuno dei fatti sul clima è cambiato dal summit fallito dell’anno scorso a Bonn, in Germania. Rimane incerto il fatto che le emissioni di anidride carbonica prodotte dall’uomo contribuiscano significativamente al “cambiamento climatico”.

Quindi, per compensare il continuo fallimento dei loro modelli apocalittici nel predire il “cambiamento climatico”, gli attivisti dell’ONU, gli economisti e le celebrità hanno semplicemente aumentato la retorica.

Il maltusiano Sir David Attenborough, ha aperto lo show avvertendo che il mondo stava per finire:

“Se non agiamo, il collasso delle nostre civiltà e l’estinzione di gran parte del mondo naturale è all’orizzonte”.

Per non essere da meno, Al Gore ha interpretato il ruolo del profeta Geremia, avvertendo dell'”inferno sulla terra” e di una nuova “era oscura” se i leader del pianeta non avessero intrapreso azioni necessarie compreso il controllo della popolazione.

Gore ha messo in scena la solita litania delle affermazioni sulla catastrofe climatica, oltre a introdurne una nuova, appositamente pensata per il suo pubblico polacco.

Come il New American riporta:

Ad esempio, ha accusato il riscaldamento globale per la guerra civile in Siria. Ha incolpato “l’inquinamento atmosferico” per aver reso i bambini polacchi più stupidi, cercando disonestamente di collegare la CO2, nota anche come gas della vita, all’inquinamento reale. Ha anche affermato che il riscaldamento globale avrebbe peggiorato le allergie. “Il 98% delle città europee potrebbe sperimentare peggiori siccità entro il 2050”, ha affermato Gore. “La metà di tutti gli animali di tutto il mondo se ne sono andati dagli anni ’70!” Mostrando immagini spaventose degli scioglimenti dei ghiacci in Groenlandia in primavera, come se ci fosse qualcosa di strano in ciò ha esclamato “Tutto questo vi va bene?”. Ha anche mostrato una clip di una bomba nucleare che esplode per dare enfasi.

Il mondo pero` ormai sta andando oltre alla favola del terrore sul clima. Come riferito la scorsa settimana, un nuovo blocco per il realismo climatico – guidato dagli Stati Uniti del presidente Trump con il supporto da parte di Jair Bolsonaro in Brasile, Russia, Arabia Saudita e Kuwait – si rifiuta persino di rendere omaggio alle allusioni dell’ONU. Ciò ha provocato imbarazzo tanto che il vertice delle Nazioni Unite non è stato in grado di adottare la propria relazione allarmistica prodotta dal Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC).

Nel frattempo, il più grande inquinatore del mondo, la Cina, sta costruendo 200 nuovi aeroporti entro il 2035, confermando il suo sincero impegno per la narrativa dei cambiamenti climatici delle Nazioni Unite …

Fonte

Kanye West: Un utile idiota sotto controllo MkUltra?

18 mesi dopo essere stato forzatamente ammanettato, ricoverato e sottoposto a “valutazione psichiatrica”, Kanye West ora dice di essere “out of the sunken place” (riemerso dal fondo). La sua scelta di parole è piuttosto eloquente.

Poco dopo l’elezione di Trump, la vita di Kanye ha preso una brutta piega. Nel novembre 2017, è stato costretto al Centro medico UCLA di Reagan “per la sua salute e sicurezza” e vi è rimasto per 10 giorni. Dopo la sua liberazione, Kanye ha preso una lunga pausa lavorativa e le relazioni sulla sua salute mentale non erano buone. Infatti, quasi quattro mesi dopo il suo ricovero, le persone a lui vicine hanno riferito che soffriva ancora di perdita di memoria.

Cosa è successo esattamente durante la misteriosa permanenza di Kanye in ospedale? Che tipo di trattamento potrebbe causare a una persona la perderita memoria per diversi mesi?

Questi tipi di sintomi sono spesso il risultato di un trauma intenso. Kanye West è stato sottoposto ad una “terapia” in stile MK-ULTRA? Lo strumento principale del controllo mentale basato sul trauma è la terapia con elettroshock e l’effetto collaterale principale della terapia con elettroshock è la perdita di memoria.

“La perdita di memoria è l’effetto collaterale principale associato al trattamento ECT. La maggior parte delle persone sperimenta quella che viene chiamata amnesia retrograda, che è una perdita di memoria degli eventi che hanno portano al ricovero includendo il trattamento ricevuto. La perdita di memoria in alcune persone è maggiore che in altre. Alcuni hanno difficoltà a ricordare gli eventi verificatisi nelle settimane precedenti il ​​trattamento o nelle settimane successive al trattamento. Altri perdono ricordi di eventi ed esperienze nel loro passato.

La perdita di memoria generalmente migliora in poche settimane dopo il trattamento ECT. Come con i farmaci psichiatrici, nessun professionista o medico può dirvi con certezza quale tipo di perdita di memoria si verificherà, ma praticamente tutti i pazienti subiscono una perdita di memoria. A volte la perdita di memoria in alcuni pazienti è permanente “.
– PsychCentral, rischi della terapia elettroconvulsivante (ECT)

Come affermato nei precedenti articoli, anche Britney Spears e Amanda Bynes sono state portate alla UCLA forzatamente ​​dopo il loro esaurimento nervoso. E, triste a dirsi, entrambe non sono mai veramente tornate da quel posto. Quante persone hanno commentato gli “occhi morti” di Britney Spear negli anni passati?

Dopo il suo ricovero in ospedale, Kanye è apparso in pubblico con i capelli ossigenati.

Gli schiavi MK hanno una relazione complicata con i propri capelli certi se li rasano certi diventano biondi.

Kanye è poi completamente scomparso dal palcoscenico pubblico per oltre 18 mesi. Ora, nelle sue stesse parole, Kanye è “emerso dal fondo”.

IL FONDO

Kanye e` recentemente riemerso sui social media annunciando diversi tipi di progetti musicali e iniziative imprenditoriali. Ha anche professato il suo amore per Donald Trump (cosa che faceva anche prima di essere ricoverato in ospedale).

Il 25 aprile, Kanye ha twittato questa foto in cui lo vediamo indossare un cappello MAGA con i magnati dell’industria musicale Lucian Grainge (CEO di Universal Music Group) e Lyor Cohen (capo globale della musica di YouTube).

Continuando a menzionare il fatto che e` emerso dal fondo.

L’espressione “sunken place” deriva dal film uscito nel 2017 e si riferisce allo stato di dissociazione del personaggio principale dopo essere stato ipnotizzato da Missy. Ecco una delle scene di “sunken place”.

Come potete vedere, la scena combina trigger ipnotici (cucchiaio nella tazza), elementi di programmazione neuro-linguistica e riferimenti a traumi infantili che portano Chris a rimanere paralizzato per poi precipitare in completa dissociazione.

Questi sono tutti concetti che riguardano il controllo mentale Monarch. Il fatto che Kanye si riferisca costantemente al “luogo sommerso” ci suggerisce che cosa è effettivamente accaduto durante il suo ricovero e nei mesi successivi.

A pochi giorni da questi tweet Kanye ha pubblicato la canzone Kanye vs the People dove dice queste battute:

“Ero nel luogo sommerso e ho trovato il nuovo me”

Il “nuovo me” di Kanye apparentemente include l’associazione con commentatori conservatori come Candace Owens e abbraccia pienamente il suo amore per Trump che chiama “suo fratello”. Una riga della canzone sopra dice:

“Vedi, questo è il problema con questa dannata nazione
Tutti i neri devono essere democratici, amico
Non siamo fatti con lo stampo “

Inutile dire che tutto questo ha fatto arrabbiare molte persone, specialmente le celebrità di colore. La canzone stessa presenta il rapper T.I. che interpreta il ruolo del “il popolo” che è arrabbiato con Kanye. E serve a Kanye un grave avvertimento:

“Cosa sei pronto a perdere per dimostrare il punto?
Questa merda è testarda, egoista, straffottente, anche per te “

Più tardi, T.I. dà a Kanye un altro avvertimento:

Ecco perché è importante sapere in quale direzione stai andando ora
Perché tutto ciò che hai costruito può essere distrutto e abbattuto

Kanye ha ricevuto anche avvertimenti da altre persone.

SEVERE CRITICHE

Come previsto, molte persone non erano d’accordo con il supporto a Trump da parte di Kanye. Kanye ha twittato un messaggio di John Legend chiedendogli figurativamente di togliersi quel cappello MAGA.

Altre celebrità sono state un po ‘ meno diplomatiche. Per esempio, Snoop Dogg ha detto a Kanye di “darci un taglio” sotto una velata minaccia in Get Out pt 2.

Il rapper Daz Dillinger ha pubblicato un video in cui chiedeva ai membri della banda di Crips di “malmenare Kanye” e di “rompergli il culo”.

BIZZARRE STRANEZZE

Nel frattempo, Kanye è andato in modalità iper-Kanye, pubblicando decine di tweets al giorno e rilasciando roba bizzarra, a volte quasi incomprensibile.

In primo luogo, ha twittato che Emma Gonzalez – la sopravvissuta del Parkland – era la sua “eroina” e si è persino rasato la testa per onorarla.

A volte gli schiavi MkUltra sentono l’esigenza di rasarsi la testa

Alcuni potrebbero vedere una forte contraddizione nel sostenere Trump e sostenere allo stesso tempo un attivista per la regolamentazione delle armi, non Kanye evidentemente.

Kanye ha anche pubblicato un brano chiamato Lift Yourself che consiste in un ritmo strumentale che dura un paio di minuti e che termina con uno strano verso di Kanye:

Poopy-di scoop
Scoop-diddy-whoop
Whoop-di-scoop-di-poop
Poop-di-scoopty

Alla fine, Kanye ha annunciato su Twitter che avrebbe usato una foto del chirurgo plastico che eseguì l’intervento chirurgico di sua madre prima di morire.

Donda West morì nel novembre 2007 dopo una chirurgia plastica eseguita dal Dr. Jan Adams. Il rapporto del medico legale, pur non essendo in grado di determinare l’esatta “modalità di morte”, ha riscontrato sia il vomito che “l’uso di farmaci per il dolore” come fattori che contribuirono. Mentre, Adams non è stato criticato dal coroner,Kanye e la sua gente lo hanno odiato.

Alcuni hanno teorizzato che la morte della madre di Kanye – avvenuta in circostanze bizzarre e proprio nel momento in cui Kanye stava ottenendo successo – avrebbe potuto essere un “sacrificio”. Il fatto che Kanye si soffermi su questo evento traumatico, citando anche il chirurgo la dice lunga.

Il dottor Adams ha inviato una lettera di sospensione e di ritiro a Kanye perché … beh … non e` buona pubblicita`.

CONCLUDENDO

Cosa sta succedendo a Kanye? Sta trollando il mondo? Lo fa per farsi pubblicità? Ha perso la testa? È più sobrio che mai? Si potrebbe rispondere sì e no a tutte queste domande e comunque non si troverebbe una risposta soddisfacente.

Il ritorno di Kanye è una storia in sviluppo. All’inizio era un prezioso assetto dell’industria, ora sta attirando l’odio dalla maggior parte del settore. Speriamo che non venga rispedito nel luogo sommerso.

Fonte

Brian Singer accusato di aver abusato (nuovamente) di un ragazzino di 17 anni

Il regista di X-Men, Bryan Singer è stato citato in giudizio per aver presumibilmente violentato un ragazzo di 17 anni durante una festa su uno yacht.

Secondo la causa, il querelante Cesar Sanchez-Guzman afferma di non sapere chi fosse Bryan Singer al tempo degli eventi. Lo incontro` nell’estate del 2003 a una festa su uno yacht ospitata da Lester Waters – un “ricco investitore che ha spesso organizzato feste per giovani maschi gay nell’area di Seattle”.

Cesar-Guzman ha detto di aver partecipato a una festa a casa di Waters e che gli venne chiesto di rimanere durante la notte in modo da potersi spostare sullo yacht il giorno seguente. “Avevo 17 anni ed ero emozionato”, ha detto Sanchez Guzman. “Non ero mai stato su uno yacht. Stavamo consumando alcolici, anche se eravamo minorenni. ”

Secondo Sanchez-Guzman, le feste di Waters erano conosciute in tutta la comunità gay di Seattle per due motivi: un’abbondanza di ragazzi minorenni e alcol .

“La comunità gay di Seattle era molto consapevole di queste feste”, ha detto. “Era una grande casa e il padrone di casa procurava le bevande: era bello perché potevamo bere”.

“Direi che un buon 80 percento dei ragazzi presenti era minorenne”, ha detto. “Una volta che le persone compivano 18 anni, smettevano di andare a queste feste perché potevano andare nei club”.
– The Wrap, Bryan Singer Accuser Speaks Out: ‘A Weight Has Been Taken Off My Back’

La causa spiega, senza risparmiare i dettagli, l’incontro del querelante con Singer.

La denuncia sostiene che Singer si offri` di portare Guzman, che all’epoca aveva 17 anni, in un tour dello yacht. Quando arrivarono in una delle stanze, la causa asserisce, Singer spinse a terra Guzman, gli prese la testa e gliela avvicino` ai genitali chiedendo una performance orale.

L’accusa afferma che Singer abbia tirato fuori il suo pene, schiaffeggiato Guzman in faccia con lo stesso e costretto la vittima a prenderlo in bocca. Guzman afferma di aver implorato Singer di fermarsi, ma continuò… facendolo soffocare.

La causa prosegue affermando che Singer avrebbe poi eseguito una performance orale su Guzman. Guzman dice di aver nuovamente supplicato Singer di fermarsi, senza successo. Singer infine lo penetro` forzatamente, ignorando le suppliche di Guzman.

La causa, presentata dall’avvocato Jeff Herman, sostiene che in seguito Singer si avvicino` a Guzman, dicendoli che era un potente produttore di Hollywood e che avrebbe potuto aiutare Guzman con la sua carriera da attore fintanto avesse tenuto la bocca chiusa. Guzman ha detto che Singer lo avverti` sul fatto che nessuno gli avrebbe creduto, e che Singer avrebbe potuto assumere persone in grado di rovinargli la reputazione.
– TMZ, SUED FOR ALLEGEDLY SEXUALLY ASSAULTING 17-YEAR-OLD BOY

L’avvocato di Singer Andrew Brettler ha risposto alle accuse:

“Bryan nega categoricamente queste accuse e si difenderà con veemenza da questa causa fino alla fine … Quando Sanchez-Guzman presento` un’istanza di fallimento solo pochi anni fa, ha omesso di rivelare questa presunta rivendicazione quando avrebbe dovuto identificare tutti i suoi beni, ma convenientemente ora che il tribunale fallimentare ha estinto tutti i suoi debiti, è in grado di ricordare i presunti eventi “.

“L’avvocato dietro questa causa è lo stesso avvocato che ha rappresentato Michael Egan, il criminale condannato che ha citato Bryan Singer nel 2014. Alla fine, Egan è stato costretto a chiudere il caso una volta che i fatti sono stati rivelati e la sua storia è completamente crollata.

NON E` LA PRIMA VOLTA

Nel 1997, una comparsa di  14 anni. Devin St. Albin ha intentato una causa contro Singer sostenendo che il regista aveva ordinato a lui e ad altri minori di spogliarsi per una scena che è stata girata nelle docce di uno spogliatoio scolastico.

Nel 2014, l’aspirante modello Michael Egan ha intentato una causa sostenendo che:

“Bryan Singer ha manipolato il suo potere, la sua ricchezza e la sua posizione nell’industria dell’intrattenimento per abusare sessualmente e sfruttare il querelante minorenne attraverso l’uso di droghe, alcol, minacce e incentivi che hanno portato l’attore a subire lesioni psicologiche ed emotive catastrofiche”.

La causa ha anche aggiunto che:

“Singer lo ha fatto assieme ad un gruppo di maschi adulti con ruoli simili nell’industria dell’intrattenimento il quale ha mantenuto e sfruttato i ragazzi in un sordido circolo sessuale”.

Più tardi quell’anno, un secondo accusatore intentò una causa per abuso contro Singer e l’esecutivo dello spettacolo Gary Goddard. L’uomo ha sostenuto nella causa che Singer lo accarezzo` e cerco` di costringerlo a fare sesso quando aveva 17 anni.

In ogni occasione, Singer ha negato le accuse e le cause sono fallite per molteplici motivi. Questa è la quarta causa contro Singer.

Una cosa è certa, non mancano le immagini di Bryan Singer mentre fa festa con ragazzi adolescenti.


Qui, Singer è vestito da prete cattolico …Ultimamente i preti cattolici sono accusati di abusare bambini…Appropiato

Singer è stato anche menzionato nel film An Open Secret, secondo il quale avrebbe partecipato a feste tenute da Marc Collins-Rector, dove erano presenti ragazzi minorenni.

Anche, I Griffin sembrano suggerirci qualcosa.

In delle news, forse correlate, Singer è stato recentemente licenziato dalle riprese di Bohemian Rhapsody a causa di “un modello di comportamento inaffidabile sul set”. Che il licenziamento sia dovuto a questa quarta causa contro Singer?

Fonte

 

An Open Secret: Un imperdibile documentario gratuito sulla pedofilia ad Hollywood

An Open Secret è un documentario riguardo l’abuso di bambini per mano di “uomini importanti” a Hollywood. È ora disponibile online (gratuitamente). Se vi interessa l’argomento e avete del tempo guardatevelo!

An Open Secret spiega come potenti e intoccabili personalita` di Hollywood convincano bambini (e i loro genitori) a fidarsi di loro. Il lento processo, alimentato da una costante attivita` manipolatoria e dal richiamo dello stile di vita hollywoodiano, strappa i bambini dai loro genitori consegnandoli alla merce` di ricchi pervertiti.

Il produttore Gabe Hoffman ha reso disponibile online su Vimeo “An Secret Open” “per commemorare lo scandalo che ha portato al declino del predatore seriale Harvey Weinstein”. Hoffman ha dichiarato:

“Harvey Weinstein, a proposito, non è l’unico ad aver usato accordi di non divulgazione. Questo e` il motivo per cui altre grandi personalita` di Hollywood non sono state esposte. Questa è solo la punta dell’iceberg ”
– Hollywood Reporter, Hollywood Sex Abuse Film ‘An Open Secret’ Released Online

Il documentario e` stato proiettato in diversi cinema alcuni anni fa, tuttavia il produttore ha avuto grossi problemi nel trovare un distributore.

“Non abbiamo ancora ricevuto offerte dai maggiori distributori perché Hollywood non vuole mostrare i suoi scheletri nell’armadio, quindi ci siamo fermati per un po ‘. Adesso vogliamo celebrare le donne coraggiose (donne corraggiose dopo aver fatto successo n.d.r.) che hanno esposto Harvey ”
– Ibid.

Il documentario presenta gli inquietanti racconti di ex attori bambini i quali spiegano come gli uomini che avrebbero dovuto far loro da “mentore” finirono per abusarli, nella totale impunità. Il film si concentra su DEN, una società di intrattenimento ormai defunta fondata da investitori di alto profilo, tra cui il produttore cinematografico Michael Huffington; il magnate del cinema e della musica David Geffen; e Bryan Singer, il regista di due film sugli X-Men. La compagnia ha organizzato feste sfrenate con droga, alcol e ragazzi minorenni nella ex residenza del fondatore, Marc Collins-Rector.

An Open Secret esplora anche il caso del talent manager Marty Weiss, il quale non contesto’ mai le accuse di atti osceni su bambini: nel film possiamo sentirlo ammettere le molestie.

Guarda l’intero documentario online su Vimeo.

Fonte

Ex Pussycat Dolls, Kaya Jones: Il gruppo era un “circolo di prostituzione”

La cantante Kaya Jones, ex Pussycat Dolls, afferma che le componenti del gruppo venivano abusate dai dirigenti dell’industria musicale.

Kaya Jones è stata scoperta da R Kelly quando aveva 13 anni ed è stata scritturata dalla Capitol Records all’età di 16 anni. Nel 2003 supero` una audizione ed è stata selezionata per diventare parte delle Pussycat Dolls. Venne poi trasferita alla Interscope dove viene affidata alla “tutela” del produttore Jimmy Iovine.

Appena due anni dopo, la Jones abbandono` il gruppo mentre stava ancora registrando l’album di debutto affermando che “non era più divertente essere nella band”. In un’intervista a Yahoo! Singapore, la Jones ha dichiarato:

“Purtroppo non ero sulla stessa lunghezza d’onda delle altre, percio` ho deciso di lasciare . Non lo ho fatto perche` volevo iniziare una carriera solista, me ne sono andata via perché non mi divertivo piu` “.
– Yahoo! , Ex-Pussycat Dolls member Kaya Jones: It was no longer fun

Kaya Jones (a destra) nella prima formazione delle Pussycat Dolls

Oggi, 12 anni dopo aver abbandonato il gruppo, Kaya ha scritto una serie di tweets esplosivi che spiegano il perché non era più divertente essere una Pussycat Doll. Non solo “non era più divertente”, era diventato un incubo.

TWITTERSTORM

Il 12 ottobre la Jones ha iniziato a pubblicare tweets sull’elite di Hollywood, probabilmente in risposta al caso di Harvey Weinstein.

Il 13 ottobre, Kaya ha dichiarato di venir “abusata”, “drogata” e “messa a tacere” .

Ha proseguito facendo delle dichiarazioni bomba sulle Pussycat Dolls, sostenendo che erano, innanzitutto, un “giro di prostituzione”. Ha anche aggiunto di aver tenuto un diario e una timeline degli eventi.

Un tweet criptico sembra incolpare la fondatrice delle Pussycat Dolls per la morte di un membro del gruppo G.R.L

Il tweet qui sopra è chiaramente rivolto a Robin Antin, la fondatrice delle Pussycat Dolls, “la matrona dall’inferno”.

Robin Antin, fondatrice delle Pussycat Dolls.

Antin ha iniziato la sua carriera nel settore come ballerina e coreografa. Ha poi costruito un impero.

“Nel 1995 fondo` il gruppo burlesque delle Pussycat Dolls. Nel 2005, ha diversificato i suoi impegni in vari media tra cui un gruppo di registrazione pop con hits internazionali, un locale notturno di Las Vegas e un show floor, merchandising vario e un reality show. Da allora, ha continuato a creare altre band di ragazze, tra cui Girlicious, Paradiso Girls e G.R.L.
– Wikipedia, Robin Antin

G.R.L. è stato il gruppo di maggior successo dopo le Pussycat Dolls e sono state scritturate dall’etichetta del Dr. Lukasz Gottwald (leggi i miei articoli sul dottor Luke e Kesha per capire perché questo è significativo).

Il 5 settembre 2014 Simone Battle, membro di G.R.L. fu trovata morta all’età di 25 anni. La ragazza si impicco`. Un portavoce della Battle ha dichiarato che “soffriva di depressione a causa di problemi finanziari”.

Simone Battle

 

Nel suo tweet la Jones sembra accusare la Antin per la morte, dichiarando:

  perché un’altra delle sue ragazze si è suicidata? Dite al pubblico come ci hai distrutto psicologicamente

Fun Fact: La pagina Wikipedia della Antin elenca, tra le sue professioni. quella di “Hollywood Madame”.

La pagina Wikipedia di Robin Antin

Il nome “Hollywood Madame” è associato a Heidy Fleiss la quale gesti` un enorme traffico di prostituzione durante gli anni ’90. Che la pagina di Antin sia stata hackerata?

Nei suoi tweets successivi, Kaya Jones spiega poi la meccanica del controllo dell’industria.

Nei giorni successivi, la Jones ha risposto a coloro che pensavano che fosse tutta una messa in scena mentre in realta` frequentava ancora Robin Antin e Jimmy Iovine.

REAZIONI

Robin Antin ha detto al The Blast il 15 ottobre che le affermazioni di Kaya Jones sono “bugie disgustose e ridicole”, aggiungendo che lei “sta cercando chiaramente i suoi 15 minuti di celebrita`”. A quanto pare, Antin era sorpresa che la Jones avesse parlato delle Pussycat Dolls, affermando che:

“La Jones era in realtà solo in prova e non e` mai diventata un membro ufficiale del gruppo. La Jones era solo una delle tante ragazze a cui avevano fatto il provino nel corso degli anni, ma non riusci` mai a diventare un elemento fisso del gruppo “.

Per quanto riguarda il tweet della Jones su Simone Battle, Antin ha dichiarato:

“Non è solo una cosa cattiva, ma anche irrispettosa per tutti coloro che lavorano per la prevenzione e la consapevolezza del suicidio. Parlare del suicidio della Battle in modo così brusco non solo e` di cattivo effetto per la famiglia, ma anche per i milioni di persone che amavano e supportavano Simone “.

Secondo fonti, l’avvocato del gruppo sta redigendo una lettera legale che avverte la Jones di “smettere di diffondere bugie e danneggiare il marchio”, o affrontare le conseguenze legali. Il timing di queste affermazioni è abbastanza sfortunato per Antin poiché sta lavorando a un ritorno delle Pussycat Dolls.

Altri membri del gruppo rimasero perlopiù silenziosi sulla questione. Tuttavia, nel 2013, la cantante leader del gruppo Nicole Sherzinger ha fatto delle affermazioni interesanti riguardo all’industria.

“Si tratta di un settore molto duro, sai. Per farcela devi davvero vendere l’anima al diavolo “.

Quindi, Kaya dice la verità o, come afferma Antin, sta cercando i suoi “15 minuti di celebrita`”? Beh, per essere onesti, mentre le affermazioni di Kaya sono inquietanti, non posso dire che sono sorprendenti. Il nome del gruppo è Pussycat Dolls – un nome che si riferisce chiaramente al Beta Kitten Programming. Come affermato nel mio articolo Origini e tecniche del controllo mentale Monarch, la programmazione beta riguarda la creazione di schiavi sessuali per uso e consumo dell’elite. Per raggiungere questo obiettivo, gli handler inducono gli schiavi a dissociarsi attraverso droghe, abusi e traumi. I tweets di Kaya descrivono questa situazione specifica e non sarei sorpreso se i membri venissero soggiogati con una versione “leggera” di MKULTRA per raggiungere questi obiettivi.

Non importa quale sia il caso, Kaya ha colto il punto: l’industria musicale ha bisogno di seri cambiamenti.

Fonte

La demolizione controllata di Harvey Weinstein

Un volta considerato potente e intoccabile mogul di Hollywood, Weinstein e` ora caduto dalla grazia e licenziato dall’azienda che porta il suo nome. Cosa è successo?

Harvey Weinstein è l’archetipo del produttore di Hollywood. Promise ruoli ad attrici giovani e belle in cambio di favori sessuali. Se le cose non andavano per il verso giusto, questa era la sua risposta: “Non lavorerai mai piu` in questa citta`”. Se i soggetti delle sue perversioni osavano minacciarlo, avrebbe pagato fortune per farli stare zitti. O peggio, avrebbe minacciato di distruggere la loro carriera attraverso i suoi collegamenti ai mass media.

“Più fonti hanno affermato che Weinstein si vantava di come perseguitasse coloro che parlavano male di lui; queste stesse fonti temevano un destino simile”.
– The New Yorker, From Aggressive Overtures to Assault: Harvey Weinstein’s Accusers Tell Their Stories

Se hai letto altri articoli su questo sito, sai già che l’elite di Hollywood è piena di individui malvagi, viscidi, pervertiti, manipolatori e insolitamente crudeli.

Harvey Weinstein era uno di loro.

UN SEGRETO CONOSCIUTO DA TUTTI

Per anni, gli assalti sessuali di Weinstein erano un “segreto” di cui tutti erano a conoscenza. Ecco una clip della notte degli Oscar 2013 dove Seth McFarlane allude agli abusi subiti dalle attrici di Weinstein.

La risata della folla è un po ‘ inquietante.

Ecco una clip da “30 Rock” riguardo il personaggio di Jenna che rifiuta Weinstein.

La sfera di potere di Weinstein non si limitava a Hollywood. Si e` fatto strada nell’élite politica diventando un importante sostenitore finanziario di tutti i principali candidati democratici negli ultimi due decenni.

Secondo il Center for Responsive Politics, Weinstein ha personalmente donato 1,4 milioni di dollari al Partito Democratico, ai suoi candidati e alle sue commissioni dal 1990. Inoltre, la sua rete ha raccolto centinaia di migliaia di dollari per Barack Obama nel 2012 e Hillary Clinton nel 2016, cosa che gli ha permesso di raggiungere un livello più elevato nella scala dei donatori e in generale un livello di accesso più elevato.

Ad esempio, nell’agosto 2011, Weinstein ha invitato i VIP di New York (tra cui stelle come Gwyneth Paltrow e Alicia Keys) nella sua casa di New York per una raccolta fondi per il presidente Barack Obama – presente anch’esso. Sì, Obama era a casa sua.

Harvey Weinstein visitava regolarmente la Casa Bianca. Nel 2011, si sedette al tavolo d’onore in un pranzo del dipartimento di stato con Hillary Clinton e Angela Merkel. Nel 2012, è stato ad una cena di Stato in onore del primo ministro britannico David Cameron. La moglie di Weinstein, Georgina Chapman, ha progettato l’abito di Michelle Obama per l’occasione.

Il 20 giugno 2016, Hillary Clinton ha partecipato ad una raccolta fondi nella casa di New York di Weinstein, dove circa 60 partecipanti hanno pagato $ 33.400 o più per partecipare. Sì, la Clinton era a casa sua.

Con il candidato presente di persona, la raccolta di fondi del 20 giugno 2016 nella casa di Weinstein a Manhattan ha fruttato $ 1,8 milioni per la campagna Clinton. Leonardo DiCaprio, Jennifer Lopez, Sarah Jessica Parker e Matthew Broderick hanno partecipato all’evento, uno dei tanti in cui Weinstein è stato coinvolto lo scorso anno nella battaglia della Clinton per la nomina e poi contro Donald Trump nel suo sforzo di diventare il primo presidente donna americano. Spingendo altri a firmare assegni importanti, Weinstein ha donato personalmente migliaia di dollari alla campagna della Clinton e 30.000 dollari al Clinton Victory Fund.
– Deadline, Hillary Clinton Gets More Big Bucks Support From Harvey Weinstein, JLo & Sarah Jessica Parker

Weinstein era vicino ad Hilary

Era amico anche del marito Bill

E della figlia

E di Obama

Weinstein al Gala per il 100esimo anniversario di Planned Parenthood il 2 maggio 2017 – con Hillary.

Un altra curiosita`: nel 2004 Weinstein è stato nominato comandante onorario dell’Ordine dell’Impero britannico.

CADUTA DALLA GRAZIA

Da decenni, Weinstein sembrava intaccabile, ma recentemente e` accaduto qualcosa. L’elite ha smesso di proteggerlo. L’omerta e` finita. Le voci si sono trasformate in prove. Da allora, un sorprendente numero di attrici di Hollywood si e` fatto avanti, accusando Weinstein di tutto, dai “comportamenti inappropriati” allo stupro. Ecco l’elenco delle accusi piu` recenti.

Cara Delevingne: L’attrice modella ha detto che Weinstein cerco` di coinvolgerla in un rapporto a tre con un’altra donna in una stanza di New York City

Gwyneth Paltrow: La stella ha detto al New York Times che Weinstein la ha toccata e ha suggerito di farsi fare dei massaggi nella sua stanza prima di iniziare le riprese per il film Emma del 1996. Riferi` tutto cio` all’allora fidanzato Brad Pitt che affronto` il mogul.

Angelina Jolie: La Jolie ha detto al Times di aver dovuto declinare le avance di Weinstein nel 1998 e scelse di non lavorare più con lui. Avverti` anche altre donne del personaggio.

Louisette Geiss: L’attrice è stata chiamata ad una riunione in tarda notte con Weinstein nel 2008. La donna afferma che Weinstein appari` in accappatoio dicendo che avrebbe dato l’ok al suo copione se lo avesse guardato mentre si masturbava. Lascio` l’incontro.

Judith Godreche: L’attrice francese dice che Weinstein cerco` di massaggiarla e di toglierle il maglione dopo averle chiesto di salire per vedere la sua suite a Cannes nel 1996.

Dawn Dunning: L’aspirante attrice dice di essere stata chiamata ad un incontro sui futuri progetti cinematografici nel 2003. Quando è arrivata Weinstein le presentò tre sceneggiature per i suoi tre successivi film in cui avrebbe avuto il ruolo di protagonista, il prezzo fu quello di avere un rapporto completo (compreso anale e orale). L’attrice fuggi` dall’hotel

Tomi-Ann Roberts: Weinstein la incontro` nel 1984 mentre serviva tavoli e le disse di incontrarlo a casa sua. Quando arrivo, ritrovol’uomo nudo nel bagno. Il mogul le disse che l’audizione sarebbe stata migliore se si fosse spogliata. Dice di aver rifiutato andandosene.

Asia Argento: L’attrice italiana accuso` Weinstein di aver eseguito del sesso orale su di lei senza consenso. “Mi ha terrorizzato, ed era grande. Non si fermava. E ‘stato un incubo. “Disse che continuo` ad avere relazioni consensuali con lui negli anni che seguirono. Documento` il suo presunto stupro nel film del 2000 “Scarlet Diva”.

Katherine Kendall: All’attrice di Swingers venne detto che doveva fermarsi con Weinstein nel suo appartamento per prendere una cosa dopo uno screening nel 1993. Weinstein si mise in accappattoio e disse all’attrice di massaggiarlo. Quando pose resistenza, il mogul si spoglio` completamente nudo e la insegui`.

Lucia Evans: L’attrice, precedentemente conosciuta come Lucia Stoller, afferma che Weinstein la ha costretta ad eseguire un pompino nel 2004. Parlando con il New Yorker, ha affermato di essere stata traumatizzata per anni dopo l’incidente, avvenuto in una “riunione per il casting” in un ufficio Miramax a Manhattan. La donna fu chiamata da Weinstein a tarda notte dopo l’incidente.

Mira Sorvino: L’attrice di “Mighty Afrodite” ha detto al New Yorker che Weinstein cerco`di massaggiarla in una camera d'albergo al Festival Internazionale del Film di Toronto nel 1995. Weinstein poi, nel mezzo della notte, ando` a casa sua ma la donna chiamo` un amico maschio per proteggerla. Ha detto che aver rifiutato il mogul influenzo` negativamente la sua carriera.

Rosanna Arquette: Anche questa attrice ha detto che la sua carriera subi` un impatto negativo dopo aver rifiutato Weinstein nei primi anni ’90. In un incontro in un hotel cerco` di metterle la mano sul suo pene eretto.

Rose McGowan: L’attrice, che debutto` nel film “Scream” del 1996 (prodotto da Weinstein), ha riferito di aver denunciato Weinstein dopo essere stata aggredita nel 1997 al Sundance Film Festival. Firmo` un accordo di non divulgazione alla chiusura della causa e da allora si e` riferita a lui solo attraverso i social media e in modo indiretto. Domenica, ha riferito di essere stata abusata da un ‘mostro’.

Ashley Judd: I film di Judd includono il thriller del 1997 “Kiss the Girls” – sostiene che durante le riprese di quel film, Weinstein ha ripetutamente chiesto di guardarlo mentre si faceva la doccia. E` stata una delle donne che ha parlato al The New York Times questa settimana, dicendo: “Le donne stanno parlando fra loro di Harvey da tanto tempo, e` giunta l’ora di far conoscere questa conversazione al pubblico”.

Emma De Caunes: l’attrice francese Emma de Caunes ha affermato di aver incontrato Weinstein nel 2010, quando il produttore stava lavorando ad un film con un soggetto femminile molto forte. Weinstein si offrì di mostrarle la sceneggiatura, e le chiese di accompagnarlo fino alla sua stanza d’albergo, dove cominciò a farsi una doccia. Emerse quindi nudo e con un’erezione, chiedendole di stendersi con lui nel letto e dicendole che molti l’avevano già fatto prima. «Ero pietrificata», ha detto la de Caunes. “Ma non volevo mostrargli che ero pietrificata, perché sembrava eccitarsi ancora di piu` vedendomi impaurita.”

Lauren O’Connor: Una ex dipendente della Weinstein Company, ha detto ai dirigenti dell’azienda nell’autunno del 2015 che all’interno della societa` c’era un ambiente tossico per le donnedopo che una delle sue colleghe le disse che Weinstein aveva fatto pressioni per farsi massaggiarsi nudo.

Ambra Battilana: Attrice e modella italiana, ha detto al NYT che nel marzo del 2015 Weinstein la invito` nel suo ufficio di New York. Lì, le chiese se il suo seno era vero prima di afferrarla mettendole le mani sotto la gonna. Riporto` l’incidente alla polizia, ma non intervenirono oltre. Secondo il NYT, Weinstein risolse la cosa economicamente.

Jessica Barth: Weintein ha fatto pressioni sulla Barth, un’attrice, affinche` lo massaggiasse nudo al Peninsula Hotel nel 2011.

Laura Madden: Un ex dipendente, ha detto al NYT che Weinstein le chiese di fargli dei massaggi nel 1991, mentre erano a Londra e Dublino. «Era così manipolativo», disse al NYT. “Continuavo a chiedermi – sono io il problema?” Weinstein nega le accuse.

Emily Nestor: La Nestor fu temporaneamente una dipendente della Weinstein Company per un solo giorno nel 2014 quando Weinstein si avvicino` e le propose di migliorare la sua carriera in cambio di rapporti sessuali, riferisce il NYT.

Zelda Perkins: Assistente di Weinstein, a Londra nel 1998; all’epoca 25enne, confronto` Weinstein dopo che molti clienti vennero molestati.

Elizabeth Karlsen: La produttrice di “Carol” e “The Crying Game”, film che hanno ricevuto una nomination per l’Oscar, ha detto al The Hollywood Reporter che circa 30 anni fa, una anonima giovane executive che aveva lavorato alla Miramax con Weinstein lo aveva trovato nudo nella sua camera da letto. La executive era in una casa affittata dalla Miramax al momento, per ridurre i costi generali.

Liza Campbell: Ha detto al Sunday Times che Weinstein la convoco` nella sua camera d’albergo a Londra prima di dirle di farsi una doccia con lui.

Lauren Sivan: L’ex della Fox ha detto che Weinstein la ha portata in un ristorante, bloccato le porte e si e` messo poi a masturbasi davanti a lei nel 2007.

Jessica Hynes: L’attrice britannica, meglio conosciuta per i suoi ruoli nei film di Bridget Jones e per co-creare e co-scrivere la sitcom “Spaced”, ha detto che è stata invitata ad audizione di Weinstein quando aveva 19 anni – in bikini. Hynes, precedentemente nota come Jessica Stevenson, disse che rifiuto` di indossare i due striminziti pezzi di stoffa – e perse il lavoro.

Romola Garai: L’attrice britannica Romola Garai ha dichiarato di essersi sentita “violata” dopo un incontro con Harvey Weinstein nella sua camera d’albergo a Londra quando aveva 18 anni (Weinstein era in accappatoio). Garai, meglio conosciuta per il suo ruolo in “Espiazione”, disse che era già stata scritturata per una parte, ma le fu detto che doveva assolutamente fare una audizione privata con il mogul di Hollywood, perché era necessaria “la sua personale approvazione”. “Come ogni altra donna del settore, ho avuto un’audizione con Harvey Weinstein”, ha detto al The Guardian. «Sono dovuta andare nella sua camera d’albergo al Savoy per ritrovarmelo in accappatoio. Avevo solo 18 anni. Mi sono sentita violata “.

Assistente senza nome: Weinstein presumibilmente si è comportato in modo inappropriato verso una donna impiegata come sua assistente nel 1990. Il caso è stato risolto in tribunale.

Un’altra assistente senza nome: nel 2015, Weinstein fece pressioni su un’altra assistente per un massaggio.

Una impiegata senza nome della Miramax: A un certo punto nei primi anni ’90, una giovane donna ha dovuto lasciare improvvisamente la società dopo un incontro con Weinstein. Anche questo caso e` stato risolto in tribunale.

Donna senza nome: una donna che non voleva essere riconosciuta perché temeva i collegamenti di Weinstein, ha detto al The New York Times che il produttore l’aveva convocata nel suo hotel per poi violentarla.
– Daily Mail

Più di 30 donne si sono fatte avanti accusando Weinstein di ogni tipo di cattiva condotta. Alcune di queste affermazioni fanno riferimento a fatti accaduti piu` di 20 anni fa. Hillary Clinton dice di essere “allibita, scioccata e sconvolta” – come se fosse caduta dalle nuvole.

Perché, solo ora, si viene a sapere di questi fatti? Perché queste stelle si sono fatte avanti tutte nello stesso momento? Quando Weinstein era protetto dall’elite, le attrici che cercarono di raccontare le loro storie furono zittite, e se cio` non fosse bastato, il denaro avrebbe coperto ogni colpa.

Forse la ragione e` che molte donne di alto livello hanno deciso di denunciare Weinstein o forse la ragione proprio non la sappiamo…in ogni caso Weinstein è caduto dalla grazia, l’elite hollywoodiana non lo protegge piu`. La parete mediatica che lo difendeva – e che difende innumerevoli altri abusi dell’elite – è caduta.

Weinstein e` protagonista della classica “caduta americana”. Nel giro di pochi giorni, sono piovute accuse da ogni dove il suo matrimonio e` andato in pezzi ed e` stato licenziato dalla sua stessa compagnia.

Nonostante tutto questo, molti temono che Weinstein potrebbe fare una mossa alla Polanski evitando ogni tipo di perseguimento legale. (Roman Polanski è stato accusato dell’abuso di una bambina di 13 anni, ma ha evitato ogni azione legale negli USA fuggendo in Europa e continua ad essere venerato come regista.) Mentre la carriera hollywoodiana di Weinstein è finita, potrebbe ora realisticamente godersi i suoi milioni di dollari ed evitare la prigione per il resto della sua vita. Finora non sono state avanzate accuse penali.

LINDSAY LOHAN NON E` D’ACCORDO

Ad andare contro corrente rispetto a questa ondata di accuse e` Lindsay Lohan. In un video bizzarro su Instagram, la Lohan (con il suo nuovo accento) ha dichiarato:

“Non mi ha mai fatto male. Abbiamo fatto diversi film insieme. Credo che dovrebbero finirla di accusarlo; Penso sia sbagliato.”

Questo video sorprende perché la Lohan e` uno dei casi piu` evidenti di celebrita` abusate dal “sistema Hollywood”.

Lindsay Lohan in una foto di Tyler Shields dove sta per essere “usata” da un gruppo di uomini.

Il video della Lohan è stato cancellato dopo circa un’ora. Rose McGowan, una delle accusatrici più ferventi di Weinstein ha twittato:

“Per favore andateci piano con Lindsay Lohan. Essere una attrice bambina trasformata in sex symbol distorce il cervello in modi che non potete neppure immaginare “.

Ha ragione. Gli attori bambini vengono abusati e traumatizzati ripetutamente per creare degli schiavi MK.

SOLO LA PUNTA DELL’ICEBERG

Anche se le accuse contro Weinstein sono spaventose e disgustose, rappresentano solo la punta dell’iceberg delle sordide azioni compiute ogni giorno dall’elite. Vogliamo parlare dei traffici di bambini? Degli abusi rituali? Degli schiavi MK? Degli Hitman? Naturalmente, divulgare queste informazioni metterebbe a rischio i figli di puttana che sono protetti dell’elite. Ora come ora, le accuse contro Weinstein coinvolgono soltanto Weinstein, ed e` così che vogliono mantenere l’intera vicenda. È una demolizione controllata.

L’attore James Van Der Beek ha pubblicato alcuni tweets a sostegno delle attrici che hanno parlato rivelando le sue esperienze.

Come potete vedere, non nomina questi “uomini vecchi e potenti”. Perché? Perché sono ancora protetti.

Weinstein era coinvolto in qualcosa di piu` che in gravi assalti sessuali? Probabilmente non lo scopreremo mai, tuttavia l’ultimo paragrafo dell’articolo del New Yorker su Weinstein, ci fa sicuramente pensare.

“Lo sta facendo sistematicamente da molto tempo”, mi disse l’ex dipendente utilizzata come talpa per un periodo. Mi ha detto che spesso pensa a qualcosa che Weinstein ha sussurrato a se stesso, dopo una delle sue “sessioni” in ufficio: “Ci sono cose che ho fatto che nessuno sa.”
– The New Yorker

Fonte

R. Kelly: Un maestro del controllo mentale

Nuove accuse sostengono che R Kelly abbia rinchiuso sei donne (alcune minorenni) in delle “pensioni”, negando loro il contatto con il mondo esterno. Il suo ex assistente descrive R Kelly come un “maestro del controllo mentale”.

La sua perversione nei confronti delle minorenni non e` per nulla una novita`. Nel 1994 Kelly (27 anni) si è sposato con la sua protetta di 15 anni, Aaliyah, per la quale scrisse un’album intitolato “Age Ain’t Nothing but a Number“(L’eta` e` solo un numero…inquietante). Nel certificato di matrimonio, Aaliyah, diventa magicamente 18enne. Nel febbraio del 1995, i genitori di Aaliyah riescono ad annullare il matrimonio. Fino alla sua prematura morte, all’età di 22 anni, a causa di un incidente aereo, Aaliyah non parlera` mai piu` di R Kelly. Il suo portavoce dichiaro`:

“Quando arriva R. Kelly, non lo chiama per nome e nessuno puo` parlare di quanto avvenuto”.

Nel 2002, Kelly è stato accusato di pedo pornografia a seguito di un video dove lo si vedeva aver rapporti sessuali con una ragazza minorenne. Nonostante questo fatto, R Kelly è stato assolto nel 2008.

Nel corso degli anni, Kelly ha affrontato piu` di una decina di cause civili, colpevole di aver abusato della sua posizione di fama e di influenza per perseguire rapporti sessuali illegali con ragazze minorenni. Per sistemare le cose Kelly ha spesso offerto pagamenti in contanti sotto la condizione che le ragazze firmassero un accordo di non divulgazione.

Tuttavia, le controversie che coinvolgono R Kelly e la sua attrazione per le giovani ragazze sono tutt’altro che finite. Un articolo di Buzzfeed News indica che il cantante non ha mai smesso di dilettarsi in questo senso. Peggio ancora, sembra aver costituito un sistema “cultistico”, dove giovani donne vengono attirate nel suo entourage con false promesse (mentoring, lancio nel mondo dell’intrattenimento), per poi essere collocate in delle pensioni come serve al suo servizio.

I testimoni utilizzano termini come “controllo mentale” e “lavaggio del cervello” per descrivere la relazione tra R. Kelly e queste ragazze. R Kelly è un Handler? Quando si esaminano i vari metodi di controllo mentale, fisico e sessuale, utilizzati su queste ragazze, il minimo che possiamo dire è che sicuramente conosce una o due cose sul controllo mentale.

UN MAESTRO DEL CONTROLLO MENTALE

Secondo tre ex-membri dell’entourage di Kelly, molte donne vivono nelle sue “pensioni” dove ogni aspetto della loro vita è strettamente controllato dal cantante.

“Tre ex membri del cerchio interno di Kelly – Cheryl Mack, Kitti Jones e Asante McGee – hanno fornito dettagli che hanno confermato le peggiori paure dei genitori. Affermano infatti che sei donne vivono in proprietà affittate da Kelly a Chicago e nei sobborghi di Atlanta, e che controlla ogni aspetto della loro vita: dettando quello che devono mangiare, come si vestono, quando devono lavarsi, quando dormono e come si devono comportare durante i rapporti sessuali “.
– Buzzfeed News, R. Kelly Is Holding Women Against Their Will In A “Cult,” Parents Told Police

In molti casi, le ragazze, vengono presentate a R Kelly dai loro genitori, tentando di aiutarle nelle loro carriere canore. Dopo che Kelly giura di fare da mentore alle ragazze e insegnare loro i segreti dell’industria musicale, finiscono per essere completamente tagliate fuori dal mondo esterno.

Le “pensioni” di R Kelly ad Atlanta.

Nel seguente articolo viene intervistato il genitore di una ragazza che e` stata in una delle case di R Kelly per mesi.

“Era come se le avessero fatto il lavaggio del cervello. [Lei] sembrava una prigioniera – era orribile – disse. “L’abbraccio e l’abbraccio. Ma lei continua a dire che è innamorata ed e` [Kelly] ad occuparsi di lei. Io non so cosa fare. Spero che, se riuscissi a farla tornare da me, si sottoponga ad un trattamento psicologico per le vittime dei culti. La hanno riprogrammata. Avrei voluto che tutto questo non fosse mai accaduto “.
– Ibid.

Notare che il genitore utilizza parole come “lavaggio del cervello” e “riprogrammare”.

Cheryl Mack, ex assistente di R Kelly ha dichiarato:

“Le donne dell’entourage di Kelly, inizialmente, pensano: sto con R. Kelly, il mio stile di vita sara` lussureggiante. No. Devi chiedere per poter mangiare. Devi chiedere per usare il bagno. … [Kelly] è un maestro del controllo mentale. … È un mastro burattinaio. ”
– Ibid.

Tra le donne che vivono nelle case di R Kelly c’è una “matrona” di 31 anni che “addestra” le nuove arrivate ​​su come soddisfare sessualmente Kelly. Nella programmazione Monarch, gli schiavi MK sono spesso in contatto con una “Gran Dama”, una “figura materna” che assiste l’handler nella programmazione.

I resoconti dei testimoni descrivono altri dettagli che ricordano la relazione tra handler e schiavo.

“Mack, Jones e McGee affermano che le donne che vivono con Kelly, vengono chiamate “babies”, e che sono costrette a chiamarlo “Daddy” e devono chiedere il permesso di lasciare lo studio di registrazione di Chicago o le loro camere. Un SUV nero con un autista e` sempre parcheggiato fuori dalle abitazioni per controllare. Kelly confisca i telefoni cellulari delle donne, in modo da non possano contattare i loro amici e familiari; Egli dà loro nuovi telefoni che possono essere utilizzati solo per contattare lui o altri con il suo permesso. Kelly registra le sue attività sessuali, ha detto McGee e Jones, e mostra i video agli uomini della sua cerchia “.

Se le donne infrangono una delle “regole” di Kelly, hanno detto Mack e Jones, vengono punite fisicamente e verbalmente. Per esempio, Jones sostiene che Kelly la sbatte` contro un albero ed inizio` a schiaffeggiarla fuori da un Subway nel 2013 perché era stata troppo amichevole con il cassiere. McGee dice di non aver mai visto Kelly colpire qualcuno, ma ha anche detto che era a capo di un culto e che la manipolava emotivamente e sessualmente.

“R. Kelly è la persona più dolce che abbiate mai incontrato”, afferma McGee. “Ma Robert è il diavolo”.
– Ibid.

L’ultima frase e` alquanto rivelatoria. I gestori MK spesso si presentano come “il diavolo” agli schiavi per traumatizzarli.

Asante McGhee, che era parte del suo cerchio interno, ricorda la relazione di R Kelly con una ragazza di 17 anni dalla Florida.

“Ho una figlia di 17 anni anche io”, ha detto. “Quando ho visto [la cantante dalla Florida] con lui, sono rimasta colpita. Questa potrebbe essere mia figlia. Sapevo solo che non era giusto e non riuscivo a capire perche` un uomo di 50 anni volesse far sesso con una ragazzina dell’eta` di mia figlia. E` qui che ho capito che si trattava di controllo mentale “.

McGee ha anche detto di aver assistito mentre Kelly puniva l’aspirante cantante  per aver violato le sue “regole”.

“Ha lasciato [la ragazza della Florida] sul tour bus per tre giorni e non le veniva permesso di uscire”, ha detto McGee. “Ha detto che non aveva fatto i suoi compiti – ecco perché è stata punita – il che e` molto strano, perché aveva preso il diploma durante l’estate.”
– Ibid.

Nonostante i genitori dicano alla polizia che le loro figlie sono “detenute contro la loro volontà” in quello che essi chiamano un “culto”, le forze dell’ordine non possono intervenire perché le ragazze non sono tecnicamente “persone scomparse” e sono oltre l’età del consenso.

Sembra che, nonostante sia chiaro lo schema di manipolazioni e abusi su ragazze minorenni di R Kelly, quest`ultimo, continua ad essere intoccabile. Kelly sta evitando la prigione perche, forse, si diletta nelle stessse attivita in cui le elite occulte si adoperano a porte chiuse?

Fonte

Documenti FOIA mostrano come Cia e Pentagono abbiano influenzato la creazione di quasi 2000 film e tv show

Nuovi documenti ottenuti grazie al Freedom of Information Act mostrano come il Pentagono e la CIA abbiano una grande influenza su Hollywood – niente assistenza ai registi se non accettano di inserire propaganda pro guerra nei loro film.

La magia di Hollywood non nasce solo dalle menti di produttori e registi leggendari e acclamati i quali con maestria coordinano gli attori per creare uno spettacolo straordinario; Piuttosto, se la trama ha a che fare con l’esercito, è molto probabile che il Dipartimento della Difesa abbia influito pesantemente sullo script finale.

Da Meet the Parents a America’s Got Talent, a Cupcake Wars e Zero Dark Thirty – passando per Iron Man, Oprah, Patriot Games e il thriller di James Bond, Tomorrow Never Dies – se la produzione riguarda l’Industria della Guerra o la Sorveglianza di Stato, abbiamo la garanzia che il governo ha influenzato significativamente il prodotto finale.

Il livello di censura ad Hollywood e` molto piu` alto di quanto ci saremo mai aspettati – quasi 1.800 film e spettacoli televisivi hanno dovuto subire il severo esame di CIA e Pentagono.

Infatti, secondo i documenti ottenuti da Tom Secker e Matthew Alford per l’Insurge Intelligence, il DoD e la CIA, e più spesso l’NSA, non vogliono essere ritratti sotto una luce negativa.

Il Pentagono si consulta spesso con Hollywood per assicurare una rappresentazione accurata della catena di comando, della cultura militare, del corretto uso delle apparecchiature e di altri fattori evidenti, ma il DoD, a quanto risulta, metterebbe mano proprio sullo script,

Quando applicabile, i film e le serie televisive devono essere passate al vaglio dal governo – Niente sigillo di approvazione? Niente produzione.

Nella maggior parte dei casi, il direttore del DoD, Phil Strub, concede il sigillo alle produzioni in cui è stata ufficialmente richiesta la guida del Pentagono. Nel caso le due parti non trovassero un accordo la produzione potrebbe venir interrotta bruscamente – cosa gia` accaduta.

Secker e Alford – hanno ottenuto più di 4.000 documenti grazie al freedom of information act, da cui si legge:

“Se ci sono personaggi, azioni o dialoghi che il DOD non approva, allora il film-maker deve apportare modifiche per soddisfare le richieste dei militari. Se si rifiuta allora il Pentagono toglie le tende e se ne va a casa. Per ottenere la piena collaborazione i produttori devono firmare contratti – accordi di assistenza alla produzione – che li costringono ad usare una versione dello script approvata dai militari.

“Questo può portare a discussioni quando gli attori e i direttori aggiungono dettagli o improvvisano al di fuori di questa sceneggiatura pre fabbricata dai militari”.

Tomorrow Never Dies fornisce un esempio solido di come il DOD influenzi Hollywood:

“Quando Bond e` in procinto di saltare da un aereo militare, si resero conto che sarebbe atterrato in acque vietnamite. Nello script originale il compagno della Cia di Bond scherza ‘Sai cosa succederà. Sarà guerra, e forse questa volta la vinceremo. “

“Questa linea è stata rimossa su richiesta del DOD.

“Stranamente, Phil Strub negò ogni collegamento con il governo durante la produzione di Tomorrow Never Dies, mentre il preminente studioso nel campo Lawrence Suid elenca le connessioni al DOD sotto la voce ” Cooperazione non riconosciuta “.

“Tuttavia il DOD viene mostrato nei crediti alla fine del film e abbiamo ottenuto una copia dell’Accordo di Assistenza alla Produzione tra i produttori e il Pentagono”.

Ma ancora, in maniera ancora piu` meticolosa, nel film di Hulk del 2003 hanno imposto di cambiare il nome di un’operazione in “Angry Man” da “Ranch Hand”:

Perché quest’ultima “è il nome di una vera e propria missione militare in cui la US Air Force scarico` milioni di galloni di pesticidi e altri veleni nella campagna vietnamita, rendendo milioni di ettari di terreni agricoli avvelenati e infertili.

Le transgressioni del passato – non importa quanto pubblicizzate fossero – non sono materiale accettabile per il Pentagono. I riferimenti allo scandalo Irangate in ultima analisi furono “il peccato” del film Countermeasures, perché, secondo Strub:

“Non c’e` bisogno di ricordare al pubblico l’Irangate”.

Anziché rischiare di essere perseguitati dal governo, la produzione di Countermeasures è cessata.

“La maggior parte dei documenti che abbiamo ottenuto sono rapporti simili a diari, degli uffici che gestivano le relazioni con l’industra dell’intrattenimento, i quali raramente si riferivano a cambiamenti di script, e mai in un modo esplicito e dettagliato” scrivono Secker e Alford, aggiungendo che tanti documenti non sono ancora stati divulgati; È impossibile valutare l’estensione della censura militare a Hollywood. “Tuttavia, i documenti rivelano che il DOD richiedeva uno screening in anteprima di qualsiasi progetto che appoggia apportando talvolta modifiche anche a produzione finita”.

Quando il DoD stringe accordi ufficiali con lo staff della produzione cinematografica, la CIA comincia ad esercitare una influenza meno formale attraverso il suo funzionario dell’ intrattenimento, Chase Brandon – che talvolta va oltre il ruolo di consulente, inserendosi anche nelle fasi di scrittura iniziali. Insurge Intelligence continua,

“Brandon ha applicato questo sistema soprattutto in The Recruit, dove un nuovo agente viene trainato dalla CIA presso la The Farm. Le prime bozze dello script furono scritte da Brandon, anche se nel film e` accreditato solo come consulente tecnico, nascondendo la sua vera influenza.

“Recruit include dialoghi sulle nuove minacce del mondo post-sovietico (inclusa la giustificazione per un bilancio della difesa di 600 miliardi di dollari, in Perù), insieme al concetto che la CIA non sia riuscita ad evitare gli attacchi dell’9/11. Si continua a ripetere nel film che “i fallimenti della CIA sono conosciuti, ma i suoi successi non lo sono”. Tutto ciò ha contribuito a propagare l’idea che l’Agenzia sia un benefattore razionale in un mondo caotico e pericoloso “.

La raffigurazione di conflitti, guerre e crimini in maniera eroica non solo tradisce la crudezza della realtà ma pone un velo sulle difficili e sottili problematiche affrontate dai militari: la tutela dei diritti umani, i crimini di guerra, la corruzione ecc… A volte, questa manipolazione è compiuta attraverso la negativa raffigurazione della singola “mela marcia” – i consulenti del Pentagono e della CIA infatti inseriscono un capro espiatorio – in modo da non rischiare che l’immagine del governo e dei militari non subisca smacchi

“Questa idea di utilizzare il cinema per riversare la colpa su agenti corrotti o sulle pecore nere, evitando così qualsiasi nozione di responsabilità sistemica, istituzionale o penale, è una tattica da manuale per la CIA / DOD”, notano Secker e Alford.

Vi e` da sottolineare, che ne` i militari ne` la CIA agiscono in qualità di “censori”, i produttori sono liberi di annullare le loro modalità di cooperazione e di non ricevere assistenza, tuttavia il fatto che la maggioranza adotti le regole e sottostii alle manipolazioni del governo per vedere la propria produzione completata, indica la presenza di un potere nascosto e incontrastato ad Hollywood.

La glorificazione della guerra deve essere raggiunta attraverso il costante bombardamento mediatico nelle pubblicite e nelle notizie per mantenere la domanda e mantenere la risposta appetibile per la gioventu` .

Perché, infatti, la guerra non è gloriosa. Non è glamour. Non è una serie di battaglie epiche tra onorevoli soldati che combattono criminali dal cuore di pietra al servizio di dittatori il cui unico scopo è distruggere l’umanita`.

La guerra è brutta – impossibilmente complessa, spaventosa, sfaccettata, a volte selvaggia – anche dalla sterilità di una sala di controllo dei droni, le bombe cadono sugli esseri umani. Una lista interminabile di innocenti uccisi dai soldati di ogni schieramento che combattono le varie guerre politiche attestamo l’abominio che e` la guerra.

I giochi di guerra e spionaggio nascono sui grandi e piccoli schermi che ritraggono avventure, intrighi, drammi e suspense – ma non sono la realta` – anche se il Pentagono vi dice di credere il contrario.

Fonte