Archivi Blog

Patrick Moore, co-fondatore di Greenpeace, la sesta estinzione di massa e` una fake news

Il co-fondatore di Greenpeace, Patrick Moore, ha testimoniato al Congresso sull’imminente sesta grande estinzione di massa prevista in un recente rapporto delle Nazioni Unite. Il suo verdetto non potrebbe essere più devastante per la causa dell’allarmismo ambientale: dice che non ci sono prove a supporto di queste previsioni sul giorno del giudizio.

Moore – il cui ruolo di co-fondare di Greenpeace è così imbarazzante per l’organizzazione che hanno cercato di cancellarlo dalla loro storia – è apparso come testimone davanti alla sottocommissione della Camera per l’acqua, gli oceani e la fauna selvatica.

Ha detto alla commissione guidata dai democratici che il rapporto di valutazione globale delle Nazioni Unite della piattaforma intergovernativa di scienza e politica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IBPES) era semplicemente un “fronte per una radicale trasformazione politica, sociale ed economica dell’intera nostra civiltà”.

“Come per l’artificiale “crisi climatica”, stanno usando lo spettro dell’estinzione di massa come tattica del terrore per spaventare il pubblico. Lo stesso IBPES è una minaccia esistenziale a una politica sensata sulla conservazione della biodiversità “.

Il rapporto IBPES è stato rilasciato all’inizio di questo mese e ampiamente pubblicizzato dai media mainstream. Avvertiva che un milione di specie sono in pericolo di estinzione.

Ma Moore ha detto al comitato che questa affermazione non ha senso.

L’IBPES afferma che ci sono 8 milioni di specie. Eppure solo 1,8 milioni di specie sono state identificate e nominate. Quindi l’IBPES crede che ci siano 6,2 milioni di specie non identificate e senza nome. Quindi un milione di specie sconosciute potrebbero estinguersi da un giorno all’altro e non lo noteremmo perché non sapevamo esistessero.

Questo è altamente non professionale. Gli scienziati non dovrebbero, di fatto non possono, prevedere stime di estinzione di specie o estinzione di specie basate su milioni di specie prive di documenti.

Ci sono tre modi principali in cui gli umani hanno causato l’estinzione delle specie, ha spiegato Moore:

1 – La caccia senza limiti per il cibo e l’eliminazione mirata di parassiti. L’uccello del dodo su Mauritius, il piccione viaggiatore, il parrocchetto caroliniano negli Stati Uniti del sud e il mastodonte sono esempi tipici

2 – Eliminazione massiccia degli ecosistemi nativi per la produzione di alimenti e fibre. Vasti campi di grano sono coltivati ​​per i biocarburanti a causa delle priorità “verdi”. Altrettanto vaste distese di terra sono state convertite in piantagioni di olio di palma per il biodiesel. Lo stesso vale per le massicce fattorie solari che coprono terreni che potrebbero essere ricchi di specie autoctone. Queste politiche dovrebbero essere riconsiderate.

3 – L’introduzione di predatori esotici come ratti, gatti, volpi e serpenti, soprattutto nelle isole dove questa è stata la principale causa di estinzione negli ultimi secoli. Ciò si è in qualche misura attenuato in quanto le specie particolarmente vulnerabili sono già estinte e quelle che rimangono non sono vulnerabili o sono protette da programmi finalizzati alla loro sopravvivenza e al loro recupero.

Moore ha perfettamente ragione, anche se si e` dimenticato due dettagli fondamentali. Le due maggiori minacce umane alla fauna selvatica nell’ultimo secolo sono state a) i comunisti e b) gli ambientalisti.

Erano i comunisti – in particolare i sovietici – ad aver fatto (quasi) estinguere le balene lo scorso secolo.

Questo fatto non e` mai stato compreso (la maggior parte della gente pensava che fossero i giapponesi) fino alla pubblicazione di un affascinante articolo del 2017 del Pacific Standard che descrive ciò che l’autore Charles Homans definì Il crimine ambientale più insensato del XX secolo.

Homans stava parlando del massacro di 180.000 balene da parte della flotta baleniera sovietica (in violazione dei trattati internazionali che, anche prima del divieto di caccia alle balene del 1986, ha concesso alle baleniere quote limitate).

Ciò che rende il massacro così bizzarro è che i sovietici avevano poca richiesta di balene. Era quasi come se stessero uccidendo le balene solo per il gusto di farlo. Come infatti facevano …

La spiegazione è data in un articolo altrettanto affascinante di Alex Tabarrok. I sovietici continuavano a uccidere balene, dice, perché i commissari responsabili della produzione avevano decretato che dovevano farlo.

Tabarrok cita uno scienziato di epoca sovietica, Alfred Berzin, che scrisse nelle sue memorie:

I balenieri sapevano che non importa cosa, il piano deve essere rispettato! Cercando le balene, sarebbero andati sempre più lontano dalle isole e avrebbero portato carcasse marcie alle stazioni, quelle che non potevano essere usate come cibo. Questo non veniva considerato un problema da nessuno. Il piano, ad ogni prezzo! E i balenieri stavano uccidendo tutto.

Gli ambientalisti probabilmente non riescono a competere con i comunisti quando si tratta di spazzare via intere specie, ma stanno facendo un buon lavoro.

Ecco un esempio di ambientalismo in azione, affettatura e taglio della fauna aviaria.

Ecco un ecologo di Oxford, Clive Hambler:

La mia specialità è l’estinzione di specie. Quando ero bambino, mio ​​padre mi raccontava di tutti gli animali che aveva visto crescendo nel Kent – i serpenti d’erba, le falene il falco – e ciò che mi ha scioccato quando siamo andati a cercarli era quanto pochi ne rimanevano . L’estinzione di specie è un problema serio: in tutto il mondo ne stiamo perdendo fino a 40 al giorno. Tuttavia, gli ambientalisti ci esortano ad adottare tecnologie che accelerano questo processo. Tra i più distruttivi di questi c’è l’energia eolica.

Ogni anno nella sola Spagna – secondo la ricerca del gruppo di conservazione SEO / Birdlife – tra 6 e 18 milioni di uccelli e pipistrelli vengono uccisi dai parchi eolici. Uccidono all’incirca il doppio dei pipistrelli rispetto agli uccelli. Questo si riduce a circa 110-330 uccelli per turbina all’anno e 200-670 pipistrelli all’anno. E queste cifre potrebbero essere prudenti se le paragonate alle statistiche pubblicate nel dicembre 2002 dalla California Energy Commission: “In un sommario degli impatti aviari delle turbine eoliche di Benner et al (1993) le morti di uccelli per turbina all’anno erano alte 309 in Germania e 895 in Svezia.”

Poiché i parchi eolici tendono ad essere costruiti su terreni montuosi, uccidono un numero sproporzionato di rapaci. In Australia, l’aquila dalla coda a cuneo della Tasmania è minacciata di estinzione globale da parte dei parchi eolici. In Nord America, i parchi eolici stanno uccidendo decine di migliaia di rapaci, tra cui l’aquila reale e l’uccello nazionale americano, l’aquila calva. In Spagna, l’avvoltoio egiziano è minacciato, così come l’avvoltoio di Grifone – 400 dei quali sono stati uccisi in un solo anno a Navarra. I parchi eolici norvegesi uccidono più di dieci aquile dalla coda bianca all’anno e la popolazione di Smøla è stata gravemente colpita dalle turbine costruite contro l’opposizione degli ornitologi.

Né molte altre specie di uccelli sono al sicuro. Nel Nord America, ad esempio, i parchi eolici proposti sui Grandi Laghi ucciderebbero un gran numero di uccelli migratori. Nell’Atlantico, gli uccelli marini come il Manx Shearwater sono minacciati. I parchi eolici offshore sono altrettanto pessimi, ponendo una crescente minaccia per gli uccelli marini e gli uccelli migratori e riducendo la disponibilità di habitat per gli uccelli marini (come le anatre e le anatre comuni).

Il movimento verde ha ben poco a che fare con il salvare la natura.

Forse la Camera dei Democratici dovrebbe organizzare un’altra sottocommissione della Camera per indagare su questo problema. Ma dal momento che i cattivi sono socialisti e ambientalisti piuttosto che rapaci capitalisti, forse questa è una questione che preferirebbero non affrontare …

Fonte

Chi c’e` dietro Greta Thunberg? (Terza Parte) – Per il Consenso: La piu` Scomoda verita` (Il Capitalismo sta Crollando)

MALENA EMMAN: EROINA AMBIENTALE 2017 DEL WWF 

La madre e il padre di Greta Thunberg. La cantante lirica Malena Ernman con il marito attore Svante Thunberg al Polar Music Prize 2012. Ernman ha rappresentato la Svezia nell’Eurovision Song Contest nel 2009. Foto: Chapman

Nell’ottobre 2018, Miljö & Utveckling hanno riconosciuto il fondatore di We Do not Have Time, Ingmar Rentzhog, come il primo influencer ambientale della Svezia dell’anno. [Fonte: The Secret Sauce of a Global Climate Movement]

Greta Thunberg, consigliere speciale per i giovani e fiduciaria della nascente start-up tecnologica, We Do not Have Time, è stata riconosciuta come l’influencer n. 2 dell’anno.

Il mese precedente, il 1 ° settembre 2018, Dagens Nyheter, il quotidiano più importante della Svezia, ha pubblicato un editoriale dalla Global Challenge intitolato “La crisi acuta del clima richiede un vasto raduno politico”:

“Sebbene gran parte del cambiamento richiesto sia possibile e redditizio, vigorose campagne politiche sono essenziali per adeguare i prezzi, le tasse e le normative in modo che la transizione verso una società sostenibile diventi attraente, redditizia e veloce. “[Lettera completa in inglese]

“I firmatari sono pronti ad assistere nel processo, a sostegno della trasformazione della nostra società e del mondo in un’economia a basse emissioni di carbonio: Mats Andersson, Vice Presidente della Global Challenges Foundation; Erik Brandsma, CEO di Jämtkraft; Malena Ernman, Cantante d’opera; Antje Jackelén, arcivescovo; Staffan Laestadius, professore emerito KTH; Kristina Persson, ex ministro del futuro; Ingmar Rentzhog, presidente della Global Development Challenge; Johan Rockström, professore di scienze ambientali SU; Daniel Sachs, CEO di Proventus; e Anders Wijkman, presidente del Club di Roma. “

Anders Wijkman, citato nei precedenti firmatari, è un ex membro del parlamento, presidente del Consiglio per l’ambiente svedese e nel club di Roma. È membro di Global Utmaning con un particolare impegno per le questioni climatiche e le finanze circolari.

Citata nei precedenti firmatari è anche Malena Ernman, madre di Greta Thunberg.

In un’intervista pubblicata il 15 ottobre 2018 che riconosce Rentzhog come “l’influencer ambientale numero uno dell’anno”, Miljö e Utveckling chiedono a Rentzhog quali sono le sue più grandi influenze. Cita Greta Thunberg, ma non menziona l’assistenza che la sua compagnia ha fornito alla Thunberg (attuale consigliere e trustee della gioventù di We Do not Have Time) che avrebbe portato la sua campagna a diventare internazionale. Né identifica la sua relazione con la madre di Thunberg, Marlena Ernman, che viene citata brevemente nello stesso articolo.

All’inizio dell’anno, il 4 maggio 2018, Rentzhog ed Ernman erano entrambi ospiti ospiti al Gala di apertura della conferenza sul clima (“giornata sui cambiamenti climatici“) tenutasi dal 4 al 6 maggio a Stoccolma, in Svezia. Nel programma era presente anche la sorella di Greta Thunberg, Beata Ernman-Thunberg. Questo è stato un evento modesto e di basso profilo.

La Thunberg è nata nel privilegio e nella ricchezza.

Sua madre è la cantante e celebrità svedese Malena Ernman. Suo padre è l’attore Svante Thunberg, mentre suo nonno è l’attore e regista Olof Thunberg. “Il suo antenato da parte del padre è il vincitore del premio Nobel, Svante Arrhenius. Arrhenius era un fisico e chimico svedese che ha ricevuto il premio Nobel per la chimica nel 1903. È noto per la miriade di contributi scientifici ma la piu` importante fra le sue scoperte fu che l’aumento del biossido di carbonio nell’atmosfera aumenta la temperatura della superficie terrestre. Questa scoperta ha portato alla conclusione che le emissioni di biossido di carbonio prodotte dall’uomo causano il riscaldamento globale. “[Fonte] [On the Influence of Carbonic Acid in the Air upon the Temperature of the Ground, Svante Arrhenius, 1896]

Il giornale Svenska Dagbladet (SvD) è il terzo più grande in circolazione in Svezia. È stato generoso nella sua copertura sia della Thunberg che di sua madre, Ernman.

Il 30 maggio 2018 SvD ha selezionato la Thunberg come uno dei suoi vincitori nel concorso di scrittura per giovani SvD.

Meno di un mese dopo, il 21 aprile 2018 SvD fornì copertura mediatica del libro “Scener ur Hjärtat” (che si traduce in inglese in “Scene del cuore”), sulle sfide di salute mentale all’interno della sua famiglia accompagnate dalle ansie derivate dal cambiamento climatico, sarà lanciato il 24 agosto 2018, quattro giorni dopo il primo giorno dello sciopero scolastico della Thunberg (20 agosto 2018)

Il World Wildlife Fund (WWF), forse la più grande ed egregia ONG del mondo, e Greenpeace, hanno entrambi contribuito a sostenere la Thunberg con il supporto di altre ONG internazionali come 350.org. L’11 ottobre 2017, WWF Svezia ha assegnato alla Ernman il premio Environmental Hero.

“L’artista Malena Ernman e la biologa Rebecka Le Moine nominate Miljöhälter of the Year dal WWF” [fonte]

Il 17 settembre 2018, il WWF Svezia ha nominato la Thunberg come uno dei suoi tre candidati per il Young Environmental Hero dell’anno 2018.

Greenpeace Svezia: “Malena Ernman è un’incredibile attivista nella lotta per preservare le nostre foreste per le generazioni future. Grazie al supporto di lei e di tutte le altre persone straordinarie che ci supportano, possiamo continuare a proteggere il nostro eccezionale pianeta. Vuoi regalare un regalo di Natale che faccia davvero la differenza? “[Fonte: Facebook]

Greenpeace utilizza la Ernman e la Thunberg anche per promuovere il loro potente marchio. Pochi sono consapevoli del fatto che nel 1997 Greenpeace riteneva che la politica sul clima dovesse riflettere la consapevolezza che il mondo non deve superare un aumento della temperatura di 1 ° C. Tuttavia, non molto tempo dopo, nel 2009, con una piena crisi ecologica che inghiottiva il pianeta, Greenpeace guidò la richiesta (alla Conferenza delle parti delle Nazioni Unite a Copenaghen), per un accordo vincolante che avrebbe consentito alla Terra di riscaldarsi ulteriormente fino a 2 ° C. I 2ºC richiesti dal gruppo ombrello TckTckTck, co-fondato da Greenpeace, avrebbero minato la Bolivia, il G77 e altri piccoli stati insulari che avevano combattuto per un accordo vincolante per mantenere le temperature globali oltre i 2ºC. L’anno seguente, 350.org – un altro co-fondatore di TckTckTck – avrebbe minato ancora una volta le popolazioni indigene della Bolivia alla Conferenza popolare mondiale sui cambiamenti climatici e sui diritti della Madre Terra tenuta a Cochabamba.

“Il capitalismo è in pericolo di cadere a pezzi”
“Ma il fatto più importante rimane: il dibattito principale riguarda il modo di praticare il capitalismo, non se dobbiamo scegliere tra il capitalismo e qualche altro sistema.” – Generation Investment

Utilizzando il potere della celebrità (un fenomeno senza precedenti per l’espansione del capitale nell’ovest), gli influencer globali di oggi come Thunberg, sono pienamente utilizzati per creare un senso di urgenza nei confronti della crisi climatica. La realtà inespressa è che si tratta di una strategia di marketing per salvare il capitalismo. Questa è una “verità scomoda”.

The Financial Times, 27 luglio 2014:

“Ora è un momento cruciale per gli investitori, continua. “I prossimi 5-10 anni rappresentano il momento più critico per accelerare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Pensiamo che il capitalismo sia in pericolo di cadere a pezzi. Di conseguenza, l’azienda, che in passato è stata piuttosto reticente a proposito dei meccanismi di investimento sostenibile, ha in programma di aumentare la propria visibilità. ‘Dobbiamo andare all in. Saremo più aggressivi perché dobbiamo.’ “- Blood and Gore:” Il capitalismo è in pericolo di cadere a pezzi “, Financial Times, 27 luglio 2014

L’articolo dell’8 settembre 2015 “David Blood e Al Gore vogliono raggiungere la prossima generazione” pubblicato da Institutional Investor, ha rivelato che “il California State Teachers ‘Retirement System [CalSTRS], il secondo fondo pensione pubblico negli Stati Uniti, con $ 191 miliardi di asset, è stato il primo investitore istituzionale americano a investire in Generation. “Questo è stato parte integrante della campagna di disinvestimento condotta dal partner di Ceres 350.org per conto di wall street e finanza. Jack Ehnes, CEO di CalSTRS, fa anche parte del consiglio di amministrazione di Ceres.

Lo stesso articolo mette in luce la forza trainante delle ONG ambientali che comprendono il complesso industriale senza scopo di lucro e la direttrice autostradale che unisce il complesso industriale senza scopo di lucro (NPIC) con il mondo delle finanze aziendale:

“Consiglio vivamente alle persone che cercano di disinvestire dal carbonio di dare un’occhiata a Generation”, dice Larry Schweiger, un conservatore di lunga data e membro del consiglio del Climate Reality Project, un’organizzazione no-profit fondata da Gore per promuovere l’educazione e le iniziative sui cambiamenti climatici . Schweiger è stato presidente e CEO della National Wildlife Federation dal 2004 al 2014; sotto la sua sorveglianza il NWF è diventato un investitore di Generation. “È stato uno degli investimenti più performanti nel nostro portafoglio.” Dice. “- 8 settembre 2015,” David Blood and Al Gore Want to Reach the Next Generation,  Institutional Investor

Saltando in avanti, fino al 29 aprile 2018, l’articolo,  Al Gore: Sustainability is History’s Biggest Investment Opportunity pubblicata dal Financial Times rivela che “la ricchezza climatica” non è per i molti, ma per i pochi:

“Generation elenca grandi investitori del settore pubblico tra i suoi clienti, come Calstrs, il piano pensionistico degli insegnanti californiani da 223 miliardi di dollari, il piano pensionistico dello Stato di New York da 192 miliardi di dollari e il fondo pensionistico dell’Agenzia per l’ambiente del Regno Unito. Gestisce anche il denaro per persone facoltose. Quasi tutte le sue attività sono gestite in mandati azionari, ma 1 miliardo di dollari è investito in private equity. “[Fonte]

“Ho chiamato Generation Income e ho scoperto che le loro opportunità di investimento sono limitate. Hanno due fondi di investimento: Global Equity e Asia Equity. Il fondo Global Equity è attualmente chiuso: esiste una lista d’attesa pluriennale che è attualmente chiusa. L’investimento minimo è di $ 1 milione e devi essere super-accreditato. Il fondo sembra essere rivolto agli investitori istituzionali, non ai privati. Il fondo Asia Equity è aperto ma si applicano gli stessi requisiti minimi (minimo di $ 1M). “[Fonte: AIO Financial]

I membri del consiglio di amministrazione di Generation Investment includono gli eco-luminari come Mary Robinson, ex presidente dell’Irlanda e fondatrice della non-profit Mary Robinson Foundation. Robinson è presidente del team B di Richard Branson, gestito da Purpose, il ramo delle pubbliche relazioni di Avaaz.

In questo frangente, visto che siamo portati a credere che “gli investimenti sostenibili” siano la via per risolvere la nostra crisi planetaria, potrebbe essere saggio chiedersi in che cosa le società di investimento sostenibile stanno investendo. Generation Investment ha creato un elenco focale di circa 125 società in tutto il mondo in cui investe non in base a quanto sia sostenibile il business, ma piuttosto “sulla qualità del proprio business e gestione.” [Fonte]

Il portafoglio e gli investimenti di Generation Investment includono società multinazionali con molti scheletri nell’armadio, come Amazon, Nike, Colgate, MasterCard e Chipotle, catena di ristoranti, con forti investimenti in salute e tecnologia. E dal momento che tutte queste società sono pesantemente investite e / o dipendenti dai combustibili fossili, come può un’impresa di investimento giustificare l’investimento in queste società, nessuno lo sa.

“[Gore] e i suoi colleghi mirano a un piccolo pubblico all’interno del mondo finanziario che dirige il flusso di capitali e alle autorità politiche che stabiliscono le regole per il sistema finanziario. “Si scopre che nel capitalismo le persone con la vera influenza sono quelle con il capitale!” Mi ha detto Gore durante uno dei nostri discorsi di quest’anno. Il messaggio che spera che Generation possa promulgare e` uno che gli investitori mondiali non possono ignorare: possono fare più soldi se cambiano le loro pratiche in un modo che, allo stesso tempo, ridurrà anche il danno ambientale e sociale del capitalismo moderno. “[Fonte]

[Monitoraggio del portafoglio di gestione degli investimenti di Al Gore]

Qui sopra: Washington DC, Marcia del Popolo del 2017: “Il team B, guidato da Sir Richard Branson, Sharan Burrow e l’ex vicepresidente Al Gore, si è unito a centinaia di migliaia di lavoratori, scienziati, dirigenti, studenti, genitori, nonni, bambini e gruppi indigeni che chiedono interventi sul cambiamento climatico da parte dell’amministrazione statunitense. “[Fonte]

“Si tratta di una trasformazione industriale su una scala che non avevamo mai visto prima.” – Sharan Burrow, segretario generale, Confederazione internazionale dei sindacati, capogruppo del team B [Video]

“Questa è la più grande opportunità economica della nostra vita. Questo movimento e` partito e non si fermerà mai. “- Jean Oelwang, Presidente, Virgin Unite, Senior Partner, Il B Team

UN CASO SCOMODO: M-KOPA SOLAR, AFRICA

Fonte: sito Web M-Kopa

“Pensiamo che sia possibile costruire un’attività senza compromessi. Possiamo apportare benefici all’ambiente. I nostri clienti staranno meglio. E diventeremo più ricchi. Tutti possiamo vincere “. La co-fondatrice canadese di M-Kopa, Jesse Moore

Gore, con un patrimonio netto di ca. 350 milioni di dollari, finanzia chi si occupa di disuguaglianza, disparità di ricchezza e povertà. Pertanto, è utile dare un’occhiata a ciò che la tanto ipotizzata rivoluzione energetica verde assomiglia, quando si tratta di vita reale.

M-Kopa Solar – “Power for Everyone” è un fornitore di energia solare per il consumo (sotto forma di kit solari) creato per i paesi africani impoveriti dai ricchi capitalisti occidentali. I paesi finora includono il Kenya rurale, la Tanzania e l’Uganda.

M-Kopa è il frutto dell’ingegno di Jesse Moore (CEO), Chad Larson e Nick Hughes – che ha contribuito a sviluppare M-Pesa, che ha più di 19 milioni di utenti in Kenya. [1]

Fin dalla sua istituzione, la società di Gore è stata un investitore azionario principale di M-Kopa. Incubata da Signal Point Partners nel 2011, M-Kopa solar ha raccolto fondi da investitori tra cui Richard Branson e Generation Investment Management. Lanciata alla fine del 2012, l’obiettivo iniziale della società di vendere 1.000 pacchetti solari alla settimana in tre anni è stato raggiunto entro 12 mesi. Il 2 dicembre 2015 M-Kopa, ora il principale fornitore di energia “pay-as-you-go” al mondo, ha annunciato la chiusura di un finanziamento da 19 milioni di dollari erogato da Generation Investment Management LLP. [Fonte]

Incluso nel consiglio di amministrazione di M-Kopa c’è Colin Le Duc, socio fondatore di Generation Investment Management e Co-CIO di Generation’s growth equity Climate Solutions Funds.

Altri investitori / finanziatori / partner includono la Fondazione Shell e la Fondazione Bill e Melinda Gates.

In questo frangente, prima di continuare, è fondamentale notare che nel 2015 M-Kopa ha stimato che l’ottanta percento dei suoi clienti viveva con meno di $ 2 (USD) al giorno.

Entro il 2015, M-Kopa aveva raggiunto oltre $ 40 milioni di entrate.

L’articolo Bloomberg del 2 dicembre 2015 “L’azienda solare fa un profitto sui poveri africani – I piani di M-Kopa per un’azienda da 1 miliardo di dollari vendendo pannelli solari ai residenti rurali – e dando loro un credito” svela la realtà dietro il vulturismo aziendale nascosto sotto un velo. In seguito al “successo” dei contatori dell’acqua prepagati per molti paesi africani, M-Kopa addebito` alti tassi di interesse a questa povera gente, con dividendi / rendimenti astronomicamente più elevati che tornano ai ricchi:

“Gli interessi di M-Kopa sono elevati per gli Stati Uniti o per gli standard europei. Il prezzo in contanti di uno dei suoi prodotti è inferiore di circa il 20 percento al prezzo della rata. Ma nei mercati in cui opera la società – finora, Kenya, Tanzania e Uganda – i tassi sono competitivi. Le società di microfinanza tradizionali in genere applicano circa il 20% di interessi sui loro prestiti, e in ottobre il governo del Kenya ha emesso buoni del tesoro offrendo agli investitori un rendimento annuo del 23% “.

A prima vista, una persona penserebbe che questa attività riguardi la vendita di energia solare. Eppure questa supposizione sarebbe un errore. Il prodotto è finanza: “Circa un quarto di coloro che pagano il primo acquisto si spostano su altri, dice la società.” Questa è colonizzazione in una nuova forma. Colonizzazione tramite debito reso possibile dalla vendita di assetti occidentali.

Altri avvoltoi che sfruttano i poveri e i deboli sotto le spoglie dell’energia verde e pulita per tutti” includono organizzazioni come la Fondazione Gates e Mastercard.

A differenza della finanza occidentale, dove i prestiti vengono solitamente pagati in rate mensili, agli africani non viene data la stessa misura di fiducia. Piuttosto, su un deposito, devono pagare il loro nuovo prestito (debito) su base giornaliera. Forse in questo caso potremo parlare di “razzismo dell’energia verde”. Coloro che non effettuano i pagamenti, verranno puniti di conseguenza: “Il nostro ufficiale di prestito è la scheda SIM nel dispositivo che si puo` spegnere da remoto”, afferma Chad Larson, direttore finanziario di M-Kopa e suo terzo co-fondatore. “Sappiamo che è importante per loro tenere le luci accese di notte..” [Fonte] [“La funzionalità pay-as-you-go è abilitata da una tecnologia machine by machine che consente a M-KOPA di ricevere pagamenti tramite la piattaforma di denaro mobile M-Pesa. M-KOPA può spegnere il dispositivo da remoto se il cliente rimane indietro sui pagamenti. I rimborsi creano una cronologia creditizia per i consumatori poveri che potrebbero dare loro accesso ad altri servizi finanziari. “] [Fonte]

“Le lampade solari sono programmate in modo tale che si spengono automaticamente ogni volta che i clienti non pagano. La start-up fornisce un sistema di energia solare composto da un pannello, tre lampade, un kit di ricarica per radio e cellulare. “- M-Pesa solar dealer to blacklist defaulters with credit bureaus,, 18 febbraio 2015

I pagamenti giornalieri di M-Kopa vengono completati tramite il servizio M-Pesa in base al quale Safaricom, la più grande società di telecomunicazioni del Kenya (e la società più redditizia nella regione dell’Africa centrale e orientale) guadagna una quota non rivelata per ogni transazione. M-Kopa e Kenya Power sono i principali clienti di Safricom per la fatturazione a pagamento. [Nel 2015, l’amministratore delegato di Kenya Safaricom, Bob Collymore, è stato il quarto africano ad aderire a B-Team – Ventures Africa di Richard Branson].

“Non investiamo affatto in energia solare”, afferma David Rossow, che aiuta a gestire il portafoglio di $ 1,5 miliardi di investimenti in programmi (PRI) della Fondazione Gates. La fondazione non ha nemmeno un programma di energia pulita. Ma ha un programma chiamato Servizi finanziari per i poveri. [Fonte]

Di ulteriore valore per gli imprenditori occidentali sono i preziosi metadati: “L’attuale contratto con il cliente di M-Kopa stabilisce che i dati che l’azienda accumula possono essere utilizzati solo per migliorare l’esperienza del cliente, ma la società ha in programma di raccogliere i dati di ascolto e visualizzazioni dalle sue radio e televisioni. Ci sono dati che possiamo raccogliere che sono esclusivi, dice ‘[Chad] Larson. ”

E cosa fa la rivoluzione energetica verde, interamente dipendente dal futuro saccheggio della Terra, quali sono in realta` i benefici per l’ Africa, dove oltre 600 milioni di persone non hanno accesso all’elettricità e oltre 300 milioni non hanno servizi igienici puliti? Un forno solare? Un bagno? Filtrazione dell’acqua? Un Idraulico? Scuole? Cliniche di salute? Ospedali? Risposta: la televisione.

“Effettua i tuoi pagamenti per intero e in tempo, in modo da poter beneficiare degli aggiornamenti di sistema e molto altro!” – Sito Web M-Kopa

E proprio perché il business è in realtà finanziario, più che un fornitore di prodotti solari, [2] ciò non significa che non ci siano ampie opportunità di derubare le persone africane. Il prezzo del kit solare televisivo di base da 24 pollici [2-1] [2-2] al momento del finanziamento è un oltraggioso $ 644,88 USD. Il prezzo in contanti è ancora un enorme $ 546,61, che è una somma principesca per le persone che vivono a $ 2,00 (USD) al giorno. Ovviamente, questo prezzo rimane tale solo se i pagamenti giornalieri vengono effettuati ogni giorno, assicurando che nessun interesse aggiuntivo o penalità si accumulino in aggiunta all’importo del prestito originale.

Lo sfruttamento qui è oltre il limite. Si consideri un pacchetto solare da 30 W paragonabile al pacchetto M-Kopa sopra può essere acquistato al dettaglio per $ 157,99 USD su Amazon. Allo stesso modo, il prezzo di un televisore LED da 24 pollici è spesso pubblicizzato negli Stati Uniti e in Canada per meno di $ 100,00 USD. Molti degli articoli venduti nei pacchetti, [2-3] possono essere trovati nei proliferanti negozi occidentali per $ 1,00 USD ciascuno.

Ci si potrebbe chiedere cosa succede quando i prestiti sopravvivono ai prodotti con garanzie di breve durata: una garanzia di due anni sul televisore da 24 pollici e una garanzia di un anno sugli accessori

Tra le campagne di bombardamenti sui paesi africani, l’ex presidente degli Stati Uniti Barrack Obama ha trovato il tempo per visitare la società solare M-Kopa. “Il presidente americano Barack Obama parla con June Muli, responsabile dell’assistenza clienti di M-Kopa, durante il Global Entrepreneurship Summit a Nairobi nel luglio 2015. Foto: M-Kopa.” [Fonte: Forbes]

Nel mese di febbraio 2015, M-Kopa ha annunciato il suo piano di avere i propri clienti, che si sono dichiarati inadempienti, nella lista nera degli uffici di credito:

“Il commerciante di energia solare collegato a M-Pesa, M-Kopa, da aprile inizierà a condividere informazioni sugli inadempienti con uffici di riferimento per arrestare il crescente numero di non paganti. L’azienda ha emesso un comunicato in cui afferma di voler condividere le informazioni su come i clienti pagano per i loro kit solari M-Kopa, in una mossa che vedrà i non adempienti nella lista nera da parte dei creditori. M-Kopa si unisce ora ad altri fornitori di servizi pubblici come Kenya Power e gli uffici di servizio idrico che hanno preso a credito gli uffici di riferimento per elencare coloro che non pagano le loro bollette. “[Fonte]

Il credito e il debito perpetuo che ne consegueno non sono l’unico aspetto del sogno americano che le multinazionali stanno portando nel Sud del mondo.

Per essere chiari, non sono le “economie sostenibili” che i nostri signori aziendali perseguono. Un capitalismo in difficoltà deve cercare – per salvare se stesso, nuovi mercati:

“Il team della Gates Foundation ha visto in M-KOPA un’opportunità per dimostrare che i servizi finanziari mobili potrebbero aiutare le aziende a portare più prodotti di valore in mano a un nuovo mercato di consumatori desiderosi: la gente povera.” [Fonte]

“Il segreto e` stato aiutare M-KOPA a trasformare i conti dei suoi clienti in garanzie bancabili. Altri investitori stavano prendendo posizioni azionarie nella startup. La Gates Foundation ha invece fatto un prestito di 5 milioni di dollari, a fianco della Commercial Bank of Africa. La tesi: se M-KOPA paghera` con successo il prestito, le banche commerciali locali vedrebbero i pagamenti da schemi di finanziamento pay-as-you-go come un flusso di entrate affidabile. Ciò creerebbe una nuova asset class. “- Banking on the Poor, estate 2016, Stanford Social Innovation Review

Qui dobbiamo guardare alla realtà dietro i “lavori verdi” – creati da M-Kopa – una caratteristica fondamentale della cosiddetta “economia verde”, un nuovo accordo ecologico, sviluppo sostenibile / obiettivi globali e una miriade di altri aspetti olistici che mascherano la realtà.

Quel che raramente viene menzionato, è il fatto che i pannelli solari, i televisori, ecc. di M-Kopa non sono prodotti localmente, anzi, sono “provenienti dai mercati esteri”. (Cina). Sebbene l’azienda abbia suggerito che i pannelli solari potrebbero essere fatti localmente nei prossimi anni (probabilmente a causa della crescente animosità dei keniani) le seguenti informazioni dimostreranno che sarà possibile solo se i keniani potranno essere sfruttati più dei cinesi.

Chad Larson, co-fondatore e direttore finanziario di M-Kopa Solar, posa per una fotografia presso la sede di M-Kopa Solar a Nairobi, in Kenya, mercoledì 22 luglio 2015. I clienti accettano di pagare il pannello solare a rate che M-Kopa, un fornitore di sistemi di illuminazione solare con sede a Nairobi, monitora utilizzando un servizio di trasferimento di denaro di telefonia mobile. Fotografo: Waldo Swiegers / Bloomberg via Getty Images

L’articolo Solar del 19 marzo 2018 Solar Firm M-Kope Lays off 450 Staff to Cut Costs pubblicato da Business Daily Africa, non va molto per il sottile:

“Il rivenditore di kit solari basato sulla rete mobile del Kenya, M-Kopa Solar, ha licenziato 450 dipendenti nelle sue filiali in quattro paesi per facilitare i costi operativi e aumentare la redditività.

La co-fondatrice e CEO di M-Kopa, Jesee Moore, ha dichiarato che l’azienda si trova in una posizione migliore per raggiungere gli obiettivi prefissati ed espandere le connessioni solari al prossimo milione di clienti negli uffici di Kenya, Uganda e Tanzania.

“Ciò è stato fatto per ridurre i costi fissi e mantenerci sulla strada della redditività che ha portato a riduzioni di posti di lavoro in tutti gli uffici in Kenya, Uganda, Tanzania e Regno Unito, riducendo il nostro personale globale del 18%”, ha affermato.

Un articolo pubblicato da Quartz Africa quattro giorni prima, il 15 marzo 2018, era ancora più significativo:

“M-Kopa, il fornitore di energia solare keniano, sta ridimensionando l’offerta per migliorare la propria competitività, garantire la sostenibilità a lungo termine e aumentare il rendimento per gli investitori”.

Vale la pena enfatizzare. Per essere chiari – questo è un aumento proficuo per gli investitori, con un patrimonio netto di milioni di dollari – realizzato a spese di lavoratori che guadagnano ca. $ 2,00 USD al giorno.

Subito dopo il licenziamento dei dipendenti africani della M-Kopa – insieme all’outsourcing – Generation ha raccolto più fondi. L’articolo del 21 marzo 2018, “M-Kopa Solar riceve 10 milioni di dollari da investimenti dopo il licenziamento di 150 dipendenti” pubblicato dal Kenya Wall Street, ha rivelato quanto segue:

“L’investimento arriva dopo che la società ha completato un esercizio di ristrutturazione che ha visto ridurre il personale del 18% da 1000 a 850 in tutta l’Africa orientale. Come riportato la scorsa settimana, sono stati licenziati circa 78 sviluppatori e il loro lavoro è stato esternalizzato a una società straniera chiamata Applicita, di proprietà del nuovo CTO dell’azienda.

Secondo il CEO Jesse Moore, il processo di ristrutturazione è stato guidato dalla necessità di aumentare la propria competitività, migliorare la sostenibilità a lungo termine e aumentare i rendimenti degli investitori.

L’investimento FinDev è stato guidato da CDC Group, un investitore che aveva precedentemente pompato $ 7 milioni nella società, e include investimenti successivi da parte di Generation Investment Management e LGT Venture Philanthropy. Le due società sono attuali azionisti di M-Kopa. “

La colonizzazione occidentale che continua a proliferare non è tralasciata sul Kenyan Wall Street, che ha osservato:

“… la società continua a sollevare il suo status di startup kenyana poiché la sua gestione senior è composta principalmente da stranieri. Inoltre, la questione del licenziamento dei dipendenti locali per esternalizzare le proprie attività a una società straniera non andrà dimenticata. “

Come rivelato nella prima parte I di questa serie, le prime persone taggate nel tweet dello sciopero della Thunberg dal fondatore di We Do not Have Time, Ingmar Rentzhog, erano i seguenti cinque utenti  Twitter: Greta, This is Zero Hour (NGO), Jamie Margoli, l’adolescente fondatrice di This is Zero Hour, Al Gore’s Climate Reality Project e l’account Twitter People’s Climate Strike (con font ed estetica identici a 350.org).

I primi tweet di qualsiasi account Twitter delle ONG sono importanti in quanto spesso rivelano esattamente per quale scopo / azione è stato creato l’account. In questo caso particolare, il primo tweet dell’account Climate Strike conteneva l’hashtag #floodthesystem (24 luglio 2015). Questo hashtag è stato ideato per promuovere l’azione denominata Flood Wall Street, che si è svolta il 28 settembre 2015, come continuazione della seconda Marcia per il clima dei popoli a settembre 2015. Nel 2015, le prime ONG hanno iniziato a utilizzare l’hashtag #floodthesystem. This Changes Everything (ONG di Naomi Klein, membro del consiglio di 350.org), 6 maggio 2015; OccuWorld, 12 maggio 2015 (“something big is coming this fall”), ritwittato da Rising Tide North America); Sharon Vardatira, Meridian Consulting, 13 maggio 2015; e Occupy Wall Street, 20 maggio 2015.

La strategia che sta alla base della creazione di diversi account sui social media affiliati a hashtag, campagne e movimenti prodotti dalle ONG, è che diventeranno virali. È questo il caso dell’account Twitter di Climate Strike (Climate Strike! – Global Climate Convergence che è stato in gran parte abbandonato entro il 2017, e #EarthStrike, che in gran parte non è riuscito ancora a diventare popolare (per ora), a questo recentissimo sciopero climatico – che ha colpito la psiche pubblica.

Il tweet “una ragazza di 15 anni” è stato poi re-tweetato da Paola Fiore, fondatrice e CEO di ETICAMBIENTE® Sustainability Management & Communications Consulting. Fiore è anche la coordinatrice nazionale per l’Italia per The Climate Reality Project Europe. [1] Affiliazioni, e partnership della ditta Fiore includono (ma non sono limitate a) l’Associazione per Coaching, Eco Community, United Planet Faith & Science Initiative (l’arcivescovo Desmond Tutu è un membro fondatore è il Dr. Rajendra Pachauri), 2degrees (finanziato dalla Commissione europea) e la International Coach Federation. ETICAMBIENTE® è membro del Climate Reality Project e del suo cliente, la società internazionale dei professionisti della sostenibilità.

Anche i primi account “seguiti” da qualsiasi account Twitter delle ONG sono importanti, in quanto spesso rivelano chi ha creato l’account – o quelli più affiliati al progetto. In questo caso, i primi due che hanno seguito l’account Twitter del People’s Climate Strike (creato a giugno 2015) sono Cheri Honkala e la Poor People’s Economic Human Rights Campaign fondata da Honkala. Honkala è stata la candidata per la  “Our Revolution” al PA State Rep. (# WeAreThe197th) nel 2017.

Con la formazione del board annunciata il 29 agosto 2016, i candidati vincitori di Our Revolution 2018 includevano Bernie Sanders e Alexandria-Ocasio Cortez. Il 18 settembre 2018, Our Revolution (OR) e Progressive Democrats of America (PDA) hanno annunciato una partnership formale stabilita da entrambi i consigli nazionali delle organizzazioni. “Il PDA è un comitato di azione politica di base, fondato nel 2004 per trasformare il Partito Democratico e la politica degli Stati Uniti eleggendo progressisti all’ufficio federale.” Il PDA National Advisory Board include membri del Congresso degli Stati Uniti, documentarista Michael Moore, il commentatore Thom Hartmann, Code Pinks Medea Benjamin e altri di alto rango liberale. [5]

Di recente, è stato lanciato un nuovo istituto che è stato associato a Our Revolution: The Sanders Institute (“La nostra missione: rivitalizzare la democrazia). La conferenza inaugurale (The Sanders Institute Gathering) si è svolta a Burlington Vermont (USA) dal 29 novembre al 1 ° dicembre 2018. L’evento ad invito ha incluso la crema della politica liberale tra cui Bernie Sanders che ha tenuto un importante discorso, Il membro del consiglio di amministrazione di 350.org Naomi Klein e il fondatore di 350.org Bill McKibben (associato al Sanders Institute) che hanno entrambi parlato del New Green Deal, Jeffrey Sachs (associato al Sanders Institute), Cornel West (associato al Sanders Institute), il sindaco di New York Bill de Blasio, Nina Turner (senatore dell’Ohio, presidente di Our Revolution), Ben Cohen (Ben & Jerry’s), rappresentante degli Stati Uniti Tulsi Gabbard (associato al Sanders Institute) [Lista completa]

La borghesia verde fa comunella con “celebrità attiviste” tra cui Susan Sarandon, John Cusack, Danny Glover e Harry Belafonte (Glover e Belafonte sono entrambi amici del Sanders Institute). WCAX  news ha riferito che l’unica discussione quella notte era se i media sarebbero stati ammessi all’evento. Alla fine i media hanno avuto accesso all’evento, ma hanno dovuto rispettare le condizioni di chi e chi non era autorizzato a registrare. (Bella la libertà di stampa mpm e` vero?)

I partecipanti hanno parlato con passione dei diritti degli indigeni, del razzismo, ecc. ad un evento dove la maggior parte dei partecipanti erano bianchi e i quali venivano presentati come i leader della nostra unica salvezza. In realtà, stanno solo cercando di salvare un sistema (attraverso le riforme) in cui stanno prosperando. Un’altra verità scomoda in contrasto con i video promozionali prodotti per l’istituto e i suoi raduni, che deliberatamente si sforzano di dare l’impressione di diversità e inclusione politicamente corrette.

20 luglio 2018: Jamie Margolin di Zero Hour si trova a sinistra di Bernie Sanders (al centro). Xiuhtezcatl Martinez è in ultima fila, all’estrema destra. “Gli organizzatori di Zero Hour si incontrano con il senatore Bernie Sanders durante il loro giorno di lobbying, giovedì.” Foto: Courtesy of Zero Hour [Source]

Come evidenziato in precedenza, Zero Hour è uno dei cinque account Twitter taggati nel primo tweet dello sciopero della Thunberg. I partner di This is Zero Hour includono: We don’t have time, 350.org, The Climate Reality Project, Sierra Club, Power Shift, Sunrise Movement e molte altre ONG che hanno acquisito molto potere e influenza all’interno del complesso industriale senza scopo di lucro .

“Thank you Vice President @algore for your support & endorsement of the #ThisIsZeroHour movement” [20 Settembre, 2018: Twitter]

4 Gennaio 2019, twitter

Altri partner di Zero Hour includono Powershift, iMatterYouth, CareBoutClimate, ClimateSign, Sierra Club, 350.org e Citizens Climate.

In questo tweet del 10 dicembre 2018 (9:35 AM), dieci account Twitter sono stati taggati: 350.org; We don’t have time; il Sunrise Movement; Teen Vogue; Sierra Club; GreenPeace; Women’s March; Our Children’s Trust; Zero Hour; e March For Our Lives. 

Attivismo e Corporativismo mano nella mano

The Climate Group è un co-fondatore di We Mean Business, una coalizione di organizzazioni che lavorano con migliaia di società e investitori tra le più potenti al mondo. [6]

Forse lo scambio online più degno di nota sono state “le parole di incoraggiamento” estese via Twitter da The Climate Group [6] a Zero Hour per guidare la Youth Climate March nel luglio 2018. Di rilievo erano anche gli hashtag usati nei tweet di The Climate Group: #WeDontHaveTime e #FrontlineYouth. Questo illumina efficacemente la strategia e gli attori chiave dietro al “movimento per il clima” – dove le ONG, i loro finanziatori e le entità aziendali sono tutti nella stessa squadra.

Questa non è gentilezza. Questa è pura strategia.

Incubato da Rockefeller come progetto interno che in seguito è diventato un’istituzione indipendente, The Climate Group è uno dei fondatori di We Mean Business – “una coalizione di organizzazioni che lavorano con migliaia di aziende e investitori influenti.” I soci fondatori di We Mean Business sono Business for Social Responsibility (elenco completo dei soci e membri associati), CDP (ex Carbon Disclosure Project), Ceres, The B Team, The Climate Group, The Corporate Leaders Group del Prince of Wales (CLG) e World Business Council per lo sviluppo sostenibile (WBCSD). Insieme, questi gruppi rappresentano le più potenti – e spietate – corporazioni del pianeta, i quali non vedono l’ora di sborsare 90 trilioni di dollari per la 4a rivoluzione industriale.

Come dimostreremo nella prossima parte di questa serie, l’energia dei giovani viene strategicamente mobilitata da una campagna climatica altamente organizzata e sofisticata. Questa stessa energia viene catturata e poi riconvogliata per salvare, rafforzare ed espandere, il sistema capitalista, egemonico che promette di distruggere il futuro di questi stessi giovani. Si potrebbe chiamarla, un’economia circolare della morte. Ci vuole molta abilità e coordinazione per “mandare i gatti” [7] – incontro al loro stesso massacro.

Note finali:

[1] M-Pesa è un servizio di trasferimento di denaro, di finanziamento e di microfinanziamento basato su telefono cellulare. È stato lanciato nel 2007 da Vodafone per Safaricom e Vodacom (i maggiori operatori di reti mobili in Kenya e Tanzania). Si è espanso in Afghanistan, Sud Africa, India, Romania e Albania.) In Kenya, la M-Pesa viene utilizzata per imporre un’ideologia / familiarità del debito che riflette l’ideologia del debito occidentale.

[2] La società M-KOPA offre i seguenti tre (3) pacchetti di prodotti:

[2-1] Il sistema solare M-KOPA 5 può essere acquistato con un deposito di 2,999,00 Ksh. ($ 29,75 USD), più 420 pagamenti giornalieri di $ 50,00 Ksh ($ 0,50 USD). Questo pagamento in totale, incluso il deposito, è di $ 23.999,00 Ksh. ($ 238,03 USD). Il prezzo di acquisto in contanti senza finanziamento è di $ 18.999,00 Ksh. ($ 188,44 USD).

Il “M-KOPA 5 Solar Home System” comprende un pannello solare da 8W, una radio ricaricabile, un’unità di controllo M-KOPA 5 con una batteria al litio, quattro lampadine LED da 1,2 W, un cavo di ricarica per telefono 5-in-1 e una torcia a LED ricaricabile.

[3-2] Il M-KOPA 600 richiede un deposito di $ 5.999,00 UGX. ($ 59,50 USD), più 590 pagamenti giornalieri di $ 100,00 Ksh ($ 0,99 USD). Il pagamento totale, incluso il deposito, è di $ 64.999,00 Ksh. ($ 644,68 USD). Il prezzo di acquisto in contanti senza finanziamento è $ 1,999,000.00 Ksh. ($ 546,61 USD). ”

Il pacchetto “M-KOPA 600 (24 TV)” include un’unità di controllo M-KOPA 600, una TV digitale a schermo piatto da 24 pollici, un pannello solare da 30W, un telecomando TV, un’antenna TV, due luci solari, una torcia solare ricaricabile a LED, una radio solare ricaricabile e due cavi di ricarica del telefono. Parabolica & CAM Card forniti separatamente.”

[3-3] M-KOPA 600 w / Zuku CAM richiede un deposito di $ 6.999,00 UGX. ($ 69,42 USD), più 590 pagamenti giornalieri di $ 135,00 Ksh ($ 1,34 USD). Il pagamento totale, incluso il deposito, è di $ 86.649,00 Ksh. ($ 859,42 USD). Il prezzo di acquisto in contanti senza finanziamento è $ 69,999,00 Ksh. ($ 694,27 USD).

[4] Creiamo e promuoviamo programmi di sostenibilità innovativi e iniziative di responsabilità sociale d’impresa e offriamo servizi di consulenza strategica sui cambiamenti climatici e gli SDG.

[5] Il PDA National Advisory Board comprende membri del Congresso degli Stati Uniti: i rappresentanti Barbara Lee, Keith Ellison, Raul Grijalva e James McGovern; così come il documentarista Michael Moore, l’attrice / attivista Mimi Kennedy, il Rev. Dr. Rodney Sadler, l’autore Jim Hightower e i Radio Host / Autori Lila Garrett e Thom Hartmann. Gli attivisti Michael Lighty, Medea Benjamin, Steve Cobble, Kristin Cabral, il dottor Paul Song, MD, Belen Sisa e la professoressa Marjorie Cohn sono anche membri del comitato consultivo del PDA, presieduto dall’esistente attivista Donna Smith. “[Fonte]

[6] The Climate Group: il Rockefeller Brothers Fund funge anche da incubatore per progetti interni che in seguito si evolveranno in istituzioni indipendenti, tra cui “The Climate Group”, lanciato a Londra nel 2004. The Climate Group la coalizione comprende più di 50 tra le più grandi corporation e governi subnazionali del mondo, compresi i grandi inquinatori come i giganti dell’energia BP e Duke Energy, così come diverse organizzazioni partner, tra cui quella della grande ONG Avaaz. The Climate Group sostiene la tecnologia per la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS), l’energia nucleare e la biomassa come tecnologie cruciali per un’economia a basse emissioni di carbonio. The Climate Group lavora a stretto contatto con altri gruppi di business lobby, tra cui l’International Emissions Trading Association (IETA). Il Gruppo Climate opera anche su altre iniziative, una delle quali è quella del “Voluntary Carbon Standard”, un nuovo standard globale per i progetti di compensazione volontaria. Una società di marketing stratega ha definito “Together” la campagna del gruppo Climate come “la migliore inoculazione contro il greenwash”. The Climate Group ha sedi in Australia, Cina, Europa, India e Nord America. Era un partner del “Copenhagen Climate Council”.

[7] Forbes, 25 settembre 2014: lezioni di leadership da The People’s Climate March: “Con questo modello di leadership non sorprende che così tanti gatti siano stati schierati con successo. “[Fonte]

Fonte