Archivi Blog

Una citta` in Svezia accoglie i turisti con una donna in hijab

Su un cartellone pubblicitario digitale all’ingresso di Gävle, in Svezia, una donna musulmana in hijab ha da il benvenuto ai visitatori della città dalla scorsa settimana.


In un commento pubblicato su Facebook, Gävle Municipality scrive che Gävle è una città di “grande diversità”.
“La donna nell’annuncio è una delle molte donne musulmane di Gävle e ha scelto di indossare l’hijab perché vuole e perché si sente veramente se stessa in esso”, scrive il direttore delle comunicazioni Johan Adolfsson. Adolfsson è tra l’altro conosciuto come uno degli autori del libro “Pictures that change the world” – una guida sulla coscienza di genere che richiede discriminazione contro bianchi, cristiani ed eterosessuali.

Roger Hedlund, che è un membro del Parlamento come rappresentante dei democratici svedesi e anche membro del consiglio comunale di Gävle, è critico nei confronti dell’annuncio. “Perché legittimare un capo che per molte donne significa costrizione e oppressione? Che segnale invia? “, Dice.
Le reazioni al comitato pubblicitario sono state forti sui social media.
Un altro politico della SD, Ghazal Saberian, critica la pubblicità sul suo Facebook: “Non capisci che in questo momento le donne vengono imprigionate in Iran e frustate perche` si tolgono il veloi? Non capisci che le donne vengono lapidate in Arabia Saudita per la stessa ragione?” “Perché siamo bombardati da immagini di donne che vestono l’abito più opprimente di tutti – il velo, nei luoghi pubblici?”, Scrive.

La democratica cristiana Soheila Fors condivide un messaggio che ha ricevuto da un musulmana senza velo a Gävle: “Sono musulmana, ma non indosso un velo. Mia sorella è rinchiusa in Iran per essersi tolta il velo. E qui il comune pubblicizza chi indossa il velo. Perché non usare musulmani “normali”? Non capiscono che l’odio e la persecuzione contro di noi sono riconosciuti e perpetrati dalla pubblicita`? “, Dice il messaggio.

Molti svedesi considerano il manifesto pubblicitario come un simbolo della progressiva islamizzazione della Svezia e che la città è ormai sotto il controllo dei musulmani.
Inoltre, è emerso che la donna musulmana in questione, Suzan Hindi, aveva precedentemente lavorato come guida in una moschea salafita (estremista) e aveva anche legami con l’organizzazione musulmana dei Fratelli musulmani.
Resta da vedere per quanto tempo la pubblicita` rimarra` esposta. Molto probabilmente il comune non lo demolirà. Gli abitanti di Gävle, d’altra parte, sono noti per gli atti vandalici alle proprietà pubbliche. Bruciare un agnello a Natale è un divertimento popolare da molti anni. Forse la pubblicita` incontrerà lo stesso destino !?

Fonte