Archivi Blog

Scienza Proibita: Dio Contro Darwin (L’evoluzione dell’evoluzione)

La divertente ironia della “Teoria dell’Evoluzione” (piegare la testa in segno di riverenza mentre pronunciate la frase) è che la teoria stessa è costantemente “in evoluzione”. Dal momento che vi sono delle “difficoltà”, ammesse anche da Darwin, nel rendicontare la mancanza di fossili di transizione nella documentazione geologica, fino ai giorni nostri, i sommi sacerdoti dell’ateismo hanno veramente provato a combattere le “difficoltà” riscontrate in questa teoria che non include minimamente milioni di collegamenti evoluzionistici.

GEOLOGIA PER NOVIZI

La litania delle fallacie logiche, delle errate razionalizzazioni e delle menzogne rappresenta una testimonianza davvero stupefacente per la follia dell’uomo. Iniziamo con il ragionamento basato sulla cosiddetta “fallacia circolare” utilizzato per determinare l’età delle rocce e dei fossili.
L’uso del record geologico per stabilire l’età dei fossili è un esercizio di ragionamento circolare. Se togli l’intelligente mimetismo vedrai che i darwinisti sostengono che i fossili hanno 100 milioni di anni perché si trovano in rocce che si sono formate 100 milioni di anni fa. Alle rocce viene riconosciuta una eta` di 100 milioni di anni perché contengono le ossa dei dinosauri che morirono 100 milioni di anni fa. I fossili sono vecchi perché le rocce sono vecchie. Le rocce sono vecchie perché i fossili sono vecchi.

Per un darwinista ateo, i fossili sono la misura definitiva dell’età. Non importa cosa suggeriscono le altre prove. Si dice che le età determinate dai fossili nella roccia siano determinanti. Vedi se riesci a individuare la fallacia nella seguente spiegazione (citata in corsivo), dal manuale intitolato “Dating Rocks By Fossils”.

Sappiamo, per esempio, che gli animali marini a più zampe chiamati trilobiti erano abbondanti dal Cambriano ai primi tempi della Devonia – da 590 a 408 milioni di anni fa – e continuarono fino al Permiano – fino a 248 milioni di anni fa. 

“Sappiamo”? Cosa intende per “sappiamo”? Esattamente come facciamo a “sapere” che questi animali marini hanno 500 milioni di anni? I fossili dei nostri antenati striscianti sono dotati di un certificato di nascita?

Pertanto, se troviamo il fossile di un trilobite in una roccia, possiamo dire che la roccia è molto probabilmente Cambriana, Ordoviciana o Siluriana in età, sebbene possa essere devoniana, carbonifera o permiana. Se riusciamo a identificare il trilobite, sarà ancora meglio. 

Oh, capisco adesso. Le rocce sono vecchie perché “sappiamo” che i fossili sono vecchi. I fossili sono vecchi perché le rocce sono vecchie, a causa dei fossili che sono vecchi. Ragionamento circolare con steroidi!

Un’altra “difficoltà” sorge quando analizziamo le ipotesi sulla profondità del sedimento in relazione all’età delle rocce.
Se i sedimenti si accumulano a una velocità costante e se compattano a una velocità costante mentre si trasformano in pietra, e se non si corrodono, allora potremmo essere in grado di misurare il tempo studiando la profondità del sedimento. Se potessimo supporre che i sedimenti fangosi si accumulino ad una velocità costante di 30 piedi per 1 milione di anni, ad esempio, 300 piedi di pietra fangosa rappresenterebbero 10 milioni di anni. Semplice, vero?

In pratica, tuttavia, non è così semplice. Ci sono “difficoltà” con tali presupposti In effetti, è impossibile calcolare il tempo assoluto in questo modo. Prima di tutto, i sedimenti non si accumulano ad un tasso costante in qualsiasi ambiente. Durante un’alluvione, un fiume può depositare 10 piedi di sabbia nel suo canale in pochi giorni, mentre negli anni tra un’inondazione e un’altra depositerà solo pochi centimetri di sabbia.

Anche nell’oceano, dove ci possono volere 1000 anni per depositare una frazione di un pollice di fango, la sedimentazione è instabile. Inoltre, la velocità con cui si depositano i sedimenti varia molto nei diversi ambienti. E se teniamo conto della possibilità molto probabile di disastri di massa in tutto il mondo (grandi alluvioni, spostamenti dei poli, cambiamenti climatici, pioggie di asteroidi e Dio sa solo cos’altro) non si può dire quale impatto questi eventi epici potrebbero aver avuto sui nostri sedimenti.

Inoltre, il record delle rocce non ci dice quanti anni sono passati tra periodi di depositi. In molti luoghi, il pavimento di un fiume riceve sedimenti solo durante le inondazioni. I tempi tra le inondazioni non possono essere rappresentati da alcun sedimento. Nel corso della storia della Terra in vari luoghi, ci sono stati lunghi periodi in cui nessun deposito è stato depositato. In altri luoghi e tempi, le rocce sedimentarie sono state portate via dall’erosione. Sebbene i geologi possano a volte indovinare dove si verifica una lacuna nel record, non possiamo dire quanto sia lungo un intervallo che rappresenta.

Così vedete miei cari darwinisti, né i reperti fossili né le profondità dei sedimenti possono stabilire l’età delle rocce. Temo che dovrete chiamare un “Geologo teorico” per “dedurre” una soluzione a queste piccole “difficoltà”.

L’UOMO DI PILTDOWN ARRIVA IN SOCCORSO!

Nel 1912, gli elementi pro-darwinisti della stampa mondiale pubblicarono la scoperta dei resti fossilizzati di un “antenato umano”. Il cranio e la mascella di questo “anello mancante” sono stati scoperti in una cava di ghiaia a Piltdown, in Inghilterra. Nonostante gli sforzi di diversi scienziati per ridimensionare l’ “Uomo di Piltdown”, ci vollero 41 anni prima che l’uomo di Piltdown venisse reputato oggettivamente come una bufala (1953); una combinazione artistica di una mascella di orangotango, denti di scimpanzé e un teschio umano. Il falsario originale non è mai stato scoperto.

L’Hoax dell’uomo di Piltdown è riuscito così bene perché gran parte della stampa e la comunità scientifica volevano credere che fosse l’ “Anello Mancante” di Darwin.

Scienziati rispettati credettero nella bufala.

Durante i suoi 41 anni di popolarita`, il Piltdown Hoax fece molto per sostenere il darwinismo e minare la fede in Dio. L’esposizione definitiva della deliberata frode di Piltdown non ha ricevuto una copertura mediatica paragonabile a quella dell’hoax.. Di conseguenza, in gran parte dell’opinione pubblica, il danno ingannevole derivante dall’hoax non fu mai annullato.

IL PROCESSO DI SCOPES

In un periodo in cui l’uomo di Piltdownera ancora accettato come una scoperta scientifica legittima, un sostituto insegnante di scuola superiore, John Scopes, fu accusato di violare il Butler Act del Tennessee, che rendeva illegale insegnare l’evoluzionismo in qualsiasi scuola finanziata dallo stato. Il processo è stato deliberatamente organizzato per attirare pubblicità sull’evoluzione e Scopes stesso non era sicuro se avesse persino insegnato la teoria dell’Evoluzione, ma si è deliberatamente incriminato in modo che il caso potesse avere un imputato. Scopes è stato giudicato colpevole e multato per $ 100, ma il verdetto è stato annullato su un aspetto tecnico.

Il processo tuttavia, provocatoriamente proposto dal sindacato pro-comunista ACLU (American Civil Liberties Union) ha avuto lo scopo di attirare pubblicità a livello nazionale. Grandi reporter accorsero a Dayton, nel Tennessee, per fare un coverage dei famosi avvocati che rappresentavano ogni parte. William Jennings Bryan, tre volte candidato alla presidenza, ha sostenuto l’accusa, mentre Clarence Darrow dell’ACLU, il famoso avvocato difensore, ha difeso Scopes.
La parte clou del caso è stataa la teatrale esaminazione di Darrow da parte di Bryan, il pubblico ministero! Darrow fu in grado di confondere Bryan costringendolo a difendere l’interpretazione letterale della Genesi .Gli attacchi a Bryan dalla National Press erano frequenti quanto viziosi. Life Magazine ha assegnato a Bryan la “Medaglia d’ottone della quarta classe” per avere:

“… dimostrato con successo l’alchimia dell’ignoranza attraverso la quale l’aria calda può essere trasformata in oro, e che la Bibbia è infallibilmente ispirata, tranne dove si differenzia con lui sulla questione del vino, delle donne e della ricchezza”.

Persino la stampa europea e` stata sarcastica con Bryan.

Trent’anni dopo, il film di Broadway Inherit the Wind (1955) era basato sul processo. Trasformò Darrow e Bryan in personaggi dal nome di Henry Drummond e Matthew Brady. Il film fece di Bryan (Brady) una caricatura ancora più di quanto non lo avesse fatto la Yellow Press del 1925. Brady è raffigurato come una bestia con la schiuma alla bocca, un ultrareligioso, senza alcuna somiglianza con i veri eventi del processo. Nel vero processo, Darrow potra` aver avuto la meglio su Bryan, ma Bryan non si è mai comportato come il pazzo delirante dipinto in Inherit the Wind.

Inherit the Wind è stato successivamente trasformato in un film del 1960 con Spencer Tracy nei panni di Drummond e Fredric March nei panni di Brady. Ci sono state anche altre tre versioni televisive, sempre con “A Listers” di Hollywood come Melvyn Douglas e Ed Begley nel 1965, Jason Robards e Kirk Douglas nel 1988, e Jack Lemmon e George C. Scott nel 1999. Perche hollywood era cosi` ossessionata da produrre e esaltare così tanti film su Inherit the Wind?

Il personaggio pazzo di Brady è raffigurato mentre sventola un ventaglio in cui e` scritto: “Compliments of Mason’s Funeral Parlor”..

STEVEN JAY PROPONE GLI “EQUILIBRI PUNTEGGIATI”

Le opere di Broadway, l’hype dei media e i film di Hollywood possono essere sufficienti a predisporre gran parte del pubblico generale verso l’accettazione dell’evoluzione come fatto provato; ma più di 100 anni dopo l’Origine delle Specie di Darwin, le “difficoltà” della sua teoria e le “imperfezioni” del record geologico sono rimaste. Un secolo di ricerche incessanti ha messo a tacere le assurde predizioni dei darwinisti. Milioni di fossili dopo Darwin, ora abbiamo “ogni diritto” di mettere in discussione i sogni ad occhi aperti di Darwin.

Non ci sono ancora prove fossili che colleghino tutte le forme di vita. “Tra gli innumerevoli fossili del mondo, nessuna catena transizionale di specie può essere identificata in modo definitivo come tale Tutte le specie conosciute sembrano apparire bruscamente, senza forme intermedie, cosa che dovrebbe eclissare la teoria di Darwin, e promuovere l’idea che ogni specie e` stata creata singolarmente.

Ma ecco, come al solito fare la sua comparsa la promessa di Harvard e leggenda moderna, Steven Jay Gould – figlio di un marxista riconosciuto Nel 1971, Gould, un paleontologo e biologo evoluzionista, collaborò con Niles Eldridge per sviluppare (inventare) una nuova brillante, super duper, e migliorata, Teoria dell’Evoluzione – l'”Equilibrio Punteggiato”.

Secondo questa nuova “Teoria del giorno”, i cambiamenti evolutivi non avvengono lentamente, gradualmente e “incommensurabilmente” come il grande Darwin aveva proposto.
Gould stava ora discutendo che i cambiamenti avvenivano in tempi relativamente brevi, alternandosi a lunghi periodi di stabilità evolutiva. L’equilibrio punteggiato è, per esempio, un uccello che dà alla luce un mammifero dall’aspetto simile a quello di un “volatile”, senza lasciare alcun fossile di transizione nel registro geologico. Sostenendo che l’Evoluzione avviene in rapidi balzi, in periodi di tempo sconnessi, gli evoluzionisti risolvevano così la “difficoltà” di contabilizzare i milioni di collegamenti mancanti non trovati nella documentazione fossile.

Ciò che Gould ed Eldridge stavano dicendo in realtà è: “Vedi, in quanto i periodi in cui si sono verificati rapidi cambiamenti evolutivi erano così distanti (punteggiati), dopo tutto non c’erano milioni di specie di transizione; forse centinaia di migliaia, ma non milioni. Ecco perché la documentazione sui fossili non mostra i collegamenti mancanti tra Marilyn e il verme. ”

E proprio così, una fastidiosa “difficoltà” darwiniana secolare è stata “risolta” per sempre. Come prevedibile, il mondo scientifico e i media sono saliti a bordo di questa ultima teoria di tendenza. La maggior parte degli uomini-divinità della scienza in fretta, e in modo obbediente, hnnoa seguito l’esempio.
Tuttavia molti evoluzionisti non sono d’accordo con Gould. Vedete, questa nuova e straordinaria teoria ha il suo insieme di “difficoltà”. Sebbene il numero delle specie di transizione sarebbe notevolmente ridotto sotto il modello di Gould, dovrebbe comunque rappresentare un’enorme quantità di specie. Persino un pazzo come Gould non oserebbe suggerire che una scimmia con le pinne sia improvvisamente emersa da un uovo di pesce. Quindi, la questione del numero massiccio (anche se minore) di collegamenti mancanti rimane ancora una “difficoltà”.
Un’altra “difficoltà” implicherebbe il caso, per esempio, di un uccello con un mammifero. Perche` questa “mutazione” “cambi” il resto della specie, e` necessario che un altro mammifero dello stesso tipo, del sesso opposto, nasca nello stesso tempo nella stessa area in modo che le nuove specie migliorate possano continuare.
Nell’aprile del 2000, un mese prima della sua morte, la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti dichiarò ufficialmente Gould come una “Leggenda vivente”. Un premio “Bugiado Vivente” sarebbe stato molto più appropriato.