Archivi Blog

Dangerous For Our Democracy: Il video virale e l’ipocrita copertura mediatica

Una compilation video che mostra come innumerevoli giornalisti di reti locali leggano gli stessi identici script negli Stati Uniti è un ricordo agghiacciante della natura orwelliana e fortemente controllata dei mass media. Ancora più agghiacciante: la copertura mediatica di questo video.

Sì, quello che sta accadendo in questo video è davvero “estremamente pericoloso per la nostra democrazia”. Il video virale, pubblicato online da Deadspin, riunisce i segmenti di una varietà di stazioni televisive di proprietà del Sinclair Broadcast Group – il più grande operatore di stazioni televisive negli Stati Uniti. Dozzine di telegiornali, ridotti allo stato di pappagalli, recitano la stessa sceneggiatura, che ovviamente viene da “i poteri forti”. L’inquietante atmosfera orwelliana emanata dal video e il suo editing intelligente evidenziano chiaramente il fatto che i mass media sono di proprietà di poche mega-aziende.

In un tocco di ironia, lo script letto dai giornalisti avvisa minacciosamente gli spettatori a riguardo delle “notizie false e tendenziose che circolano sui social media”, nello stesso modo in cui il Grande Fratello si scaglia contro il “psicoreato” in 1984 di Orwell.

Mentre il video evidenzia la funzione propagandistica dei mass media, i media lo hanno utilizzato per generare altra propaganda.

MEDIA TWIST

Dopo che il video è diventato virale, le principali testate giornalistiche hanno reagito con indignazione e disgusto. Non ci e` voluto  molto prima che la colpa fosse attribuita a Sinclair, un “conglomerato dei media conservatore e pro-Trump”.

Un titolo di giornale sul video che devia dalla vera natura del problema

Un titolo della CNN sul video.

Il giornalista Dan Rather ha pubblicato un tweet rabbioso sul video.

Il video, che mette in evidenza un problema importante che è dilagante su tutti i mass media, viene utilizzato per attaccare una società specifica: Sinclair Broadcast Group. La CNN sta già riferendo che la candidata del partito Democratico nel Kentucky, Amy McGrath, sta ritirando le sue pubblicità dalle stazioni di Sinclair e sta chiedendo un boicottaggio. Sinclair è l’unica azienda colpevole di tali manomissioni? Ovviamente no.

Il fatto che le fonti dei media stiano tentando di inquadrare questo tema in un dibattito liberal-conservatore mette in evidenza solo la mediocrità, la mancanza di obiettività e il pregiudizio completo del giornalismo moderno. Se i giornalisti fossero in realtà “imparziali”, farebbero notare che tutte le fonti dei media sono di proprietà di una manciata di conglomerati che sono collegati alla stessa élite mondiale.

NON SI TRATTA DI LIBERALI CONTRO CONSERVATORI

Se si osserva da vicino il video sopra, si può facilmente notare che lo stesso script è stato letto su reti CBS, ABC, NBC e FOX. Ciò significa che è stato letto su OGNI importante rete televisiva negli Stati Uniti, e queste stazioni sono di proprietà di mega compagnie che sono rappresentate in organizzazioni d’élite come il Council on Foreign Relations, il gruppo Bilderberg e così via. NBC è di proprietà di Comcast; La CBS è di proprietà di Viacom; ABC è di proprietà della Walt Disney Company; Le stazioni TV di Fox sono di proprietà della 21st Century Fox che è stata venduta a … la Walt Disney Company.

Il fatto che le notizie locali siano scritte dai poteri forti è tutt’altro che nuovo. Questo è successo per decenni. Ecco alcuni esempi di diversi anni fa.

I mass media stanno attualmente manipolando la storia per trasformarla in un dibattito politico e attaccare una società specifica.

In tal modo, ignora volutamente la verità fondamentale sul video. Il segmento delle notizie riguardava il non fidarsi delle “false notizie sui social media”. I mezzi di comunicazione di massa hanno creato il termine “notizia falsa” per censurare e sopprimere notizie reali, cosi` reali da andare contro gli interessi dell’élite e che rivelano verità poco lusinghiere (pedogate).

Negli ultimi anni, un numero crescente di persone ha imparato importanti fatti attraverso notizie “alternative”. Ciò ha impaurito a morte l’elite, portandola ad utilizzare tutta la sua influenza nei mass media per darci avvertimenti orwelliani sulle “Fake News”. Questo è ciò che i giornalisti sono costretti a recitare ogni giorno. Non si tratta di liberali contro conservatori. Si tratta di giornalismo che cerca la verità contro la propaganda sponsorizzata dalle élite.

Fonte