Archivi Blog

Muore a 27 anni, la K-pop star Jonghyun

Jonghyun, il cantante del famoso gruppo K-Pop SHINee, invio` messaggi alla sorella poco prima di morire, dove diceva di essere preoccupato.

Kim Jong-Hyun, meglio conosciuto con il nome d’arte Jonghyun, è stato trovato privo di sensi in un hotel residenziale nell’esclusivo quartiere Gangnam di Seoul il 18 dicembre. Più tardi è stato dichiarato morto in un ospedale vicino. La polizia si è precipitata nell’appartamento di Jonghyun dopo aver ricevuto una chiamata di emergenza da sua sorella, in cui affermava che il fratello le aveva mandato una serie di messaggi preoccupanti.

Secondo i resoconti locali, il messaggio finale di Jonghyun a sua sorella e` stato:

“È stato troppo difficile. Per favore lasciami andare. Dì a tutti che ho avuto un momento difficile. Questo è il mio ultimo addio. “

Gli investigatori hanno trovato bricchette di carbone bruciate in una padella all’interno dell’appartamento di Kim, portandoli a credere che fosse morto per intossicazione da monossido di carbonio.

Jonghyun era una figura di spicco nel K-Pop. È stato il cantante principale del popolare gruppo SHINee (soprannominati i “principi del K-Pop”) per oltre un decennio. Jonghyun si e` quindi lanciato in una carriera da solista nel 2015 e ha pubblicato un libro intitolato Skeleton Flower. L’ultima apparizione pubblica di Kim fu al suo concerto da solista intitolato “Inspired” il 10 dicembre a Seoul.

Nel 2010, ho pubblicato un articolo sul video di Shinee, Lucifer, in cui dimostravo che anche il K-Pop era contaminato dagli Illuminati. La canzone descriveva i cantanti come “sotto l’incantesimo di Lucifero”. Una parte della canzone ha descritto in modo appropriato il destino delle star del K-Pop bloccate in un’industria oppressiva:

Mi sento come se fossi diventato un pagliaccio intrappolato in un castello di vetro

Kim fu costretto a mostrare il segno dell’occhio che tutto vede per tutta la sua carriera, indicando che era a servizio dell’élite occulta. Eccolo sulla copertina di OhBoy! nel 2016.

Jonghyun e il suo intero ex gruppo SHINee mostrano il segno dell’occhio che tutto vede.

Jonghyun è stato messo sotto contratto dalla SM Entertainment, una compagnia coreana che è stata spesso accusata di abusare e sfruttare gli artisti K-Pop. SM Entertainment ha rilasciato una dichiarazione dicendo:

“Siamo la SM Entertainment. Ci dispiace essere portatori di notizie così tragiche e strazianti. Il 18 dicembre, Jonghyun dei SHINee ci ha lasciato all’improvviso. E` stato trovato svenuto in una residenza di Cheongdam-dong, a Seoul. Successivamente e` stato portato in un vicino ospedale, ma e` stato dichiarato morto. La nostra tristezza non può essere paragonata al dolore della sua famiglia, che ha dovuto salutare un figlio e un fratello. Abbiamo tuttavia passato molto tempo con lui, e i membri dei SHINee insieme allo staff di SM Entertainment sono in profonda lutto e shock . Jonghyun amava la musica più di chiunque altro ed era un artista che faceva di tutto per esibirsi al meglio.

Ci spezza il cuore il dover dare questa notizia ai fan che hanno amato così tanto Jonghyun. ‘Si prega di astenersi dal fare congetture o spargere voci cosi che la famiglia del defunto possa onorarlo in pace. ‘Secondo il desiderio della famiglia, i funerali si terranno privatamente solo con i parenti e colleghi di lavoro. ”
– Metro, Jonghyun’s talent agency releases emotional statement as SHINee star dies aged 27

Jonghyun è una delle tante stelle sudcoreane che hanno perso la vita in giovane età. Nel 2009, l’attrice Jang Ja-Yeon si è uccisa impiccandosi. Ha lasciato una nota suicida spiegando come sia stata picchiata e costretta a intrattenere e fare sesso con diversi direttori di programmi, amministratori delegati e dirigenti dei media. Diverse altre celebrità si sono suicidate tra cui il cantante e attore Park Yong Ha, la modella Daul Kim e l’attrice Jeong Da Bin.

La morte di Jonghyun all’età di 27 anni lo rende di diritto il nuovo membro del famigerato Club 27, il gruppo di cantanti che morì alla giovane età di 27 anni. Il Club 27 comprende Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison, Kurt Cobain e Amy Winehouse. Quasi tutti sono morti in circostanze bizzarre.

Fonte