Archivi Blog

La CBC accusata di sessualizzazione infantile dopo aver promosso un documentario sui “drag kids”

L’emittente canadese CBC è stata accusata di aver promosso la sessualizzazione dei bambini dopo aver pubblicizzato un nuovo documentario sui “drag kids”.

La clip, che è stata twittata dall’account ‘CBC Kids’, mostra numerosi minori che parlano del loro alter ego ‘drag’ mentre uno di loro, un dodicenne, esegue quelle che alcuni hanno definito lamentandosi mosse di danza sessualmente suggestive.

“Come e` essere un bambino #DRAGQUEEN? @CBCKidsNews ha parlato con le quattro stelle del nuovo documentario #DragKids della CBC per scoprire che cos’è #drag e perché lo fanno “, ha dichiarato il tweet.

Il blacklash è stato piuttosto rapido.

“I genitori di questi bambini e i produttori di questo documentario dovrebbero essere imprigionati per pedofilia”, ha commentato Mark Dice

“Ti chiedi quando CBC presenterà una nuova serie di sfilate di bellezza per bambini, forse con i bambini in tiara? È arte, giusto? Totalmente appropriata e non è affatto un invito a sfruttare o sessualizzare i bambini “, ha osservato un altro utente di Twitter.

Nice @CBCkids, davvero bello. Stiamo addestrando i ragazzi a essere spogliarellisti e lapdancers ora? “, Ha chiesto un altro.

“Perché la @CBC sta sfruttando i bambini e sessualizzandoli. È solo per spingere la loro agenda? “, Ha chiesto un altro.

Come abbiamo già sottolineato, il dodicenne “drag queen kid” Desmond is Amazing è stato inesorabilmente promosso dalle reti mainstream americane.

Sua madre ha recentemente dichiarato a uno show televisivo australiano: “Di non capire i motivi della polemica” dopo che gli è stato chiesto se Desmond si esibisse in un club gay mentre i clienti gli lanciavano dei soldi.

Come abbiamo riferito la scorsa settimana, un pedofilo gia` condannato ha scritto un post sul blog in cui descriveva il dodicenne Desmond come “hot”.

Fonte

Emergenza climatica di lunedi`, espansione del gasdotto di martedi`: L’ipocrisia di Trudeau sui cambiamenti climatici

La finta preoccupazione di Justin Trudeau per l’ambiente è sempre stata ipocrita e duplice – ma c’è qualcosa di particolarmente viscido nel dichiarare un’emergenza climatica lunedì e approvare un’espansione del gasodotto martedì. Lunedì notte, il parlamento canadese ha votato per dichiarare un’emergenza climatica nazionale, definendo il cambiamento climatico una “crisi reale e urgente, guidata dall’attività umana”. Il giorno dopo, il governo Trudeau ha rivelato l’espansione del gasdotto Trans Mountain che distrugge l’ambiente (TMX), dimostrando completa indifferenza nei confronti della mozione presentata dal proprio ministro per l’ambiente.

La cosiddetta mozione di “emergenza climatica” non e` vincolante ed e` priva di significato, ovviamente; i politici spesso si aspettano di essere riconosciuti solo perche` sostengono una determinata causa – come se il solo riconoscere l’esistenza di un problema ,mentre si intraprendono azioni minime per influenzare qualsiasi cambiamento reale, sia in qualche modo degno di ammirazione.

Questa è la seconda volta che il governo liberale di Trudeau ha approvato il gasdotto. La sua precedente approvazione è stata annullata da un tribunale l’anno scorso per non aver preso in considerazione l’impatto ambientale del traffico delle petroliere e le implicazioni per le persone delle Prime Nazioni che vivono sul suo percorso. Il gasdotto triplicherebbe la quantità di petrolio spedito dalle sabbie bituminose dell’Alberta alla costa della British Columbia. I gruppi ambientalisti hanno avvertito di potenziali fuoriuscite di petrolio, aumento delle emissioni di gas serra, problemi con la vita marina già in difficoltà e danni irreversibili alle risorse idriche indigene.

Ma non solo gli attivisti ambientali avvertono di gravi ripercussioni ambientali. Il National Energy Board (NEB) del Canada ha scoperto che l’espansione avrebbe “effetti ambientali avversi significativi” per le balene e le orche gli effetti di eventuali fuoriuscite di petrolio sarebbero  “significativi”.

Nonostante gli effetti negativi, il NEB ha deciso che l’espansione “può essere giustificata” ed è “nell’interesse pubblico”. Hanno riconosciuto che gli innegabili effetti ambientali “hanno gravato pesantemente su di loro nel processo decisionale. In effetti, sembra che stiano davvero perdendoci il sonno. Quale parte della distruzione dell’ambiente e della biodiversità per le generazioni future è nell’interesse pubblico rimane un mistero.

Il governo di Trudeau ha acquistato il gasdotto da Kinder Morgan Canada Ltd per 3,4 miliardi di dollari l’anno scorso e prevede di venderlo dopo il completamento. Trudeau ha cercato di giustificare il progetto avvertendo che i canadesi sono attualmente “prigionieri del mercato americano” e si impegnano a convogliare le tasse dei profitti del progetto verso progetti di energia pulita.

È come “dichiarare guerra al cancro e poi annunciare una campagna per promuovere il fumo”, secondo Patrick McCully, direttore del programma energetico della Rainforest Action Network.

In un altro esempio della sua patetica politica dei gesti, Trudeau ha promesso la scorsa settimana di vietare le materie plastiche monouso “da costa a costa” a partire dal 2021 – un insignificante tokenismo da parte del truffatore canadese, che vuole la plastica fuori dagli oceani, ma non è troppo preoccupato di uccidere la vita marina che vive in loro.

Nel 2015 Trudeau ha conquistato una vittoria schiacciante con un abile branding progressivo, ma da allora ha perso il suo appeal a molti elettori sinceramente progressisti. Si scopre che andare in giro a parlare di “genere umano” e dare discorsi motivazionali alle conferenze sul clima non è in realtà sufficiente per avere il sostegno degli elettori che si preoccupano veramente dei problemi a cui Trudeau fa finta di preoccuparsi. L ‘”uomo della sostanza”, come lo ha descritto uno scrittore della rivista canadese Maclean nel 2015, era solo un altro venditore di fumo.

La politica ambientale era uno dei capisaldi dell’ultima campagna elettorale di Trudeau. Ricordi quando si impegnò a eliminare i sussidi federali per i combustibili fossili? Un rapporto nel 2018 definì il Canada il maggior fornitore di sussidi governativi per la produzione di petrolio e gas nel G7.

Questo è ciò che accade quando le persone si innamorano dell ‘”ambientalismo” di neocons supremamente arroganti come Trudeau e l’altrettanto sconvolgente zar di Francia Emmanuel Macron – due uomini che sono stati salutati dai media liberali occidentali come liberali salvatori e anti-Trump. Negli Stati Uniti, Joe Biden con il suo approccio “di mezzo” ai cambiamenti climatici rientra nella stessa categoria, avendo tutti i tratti distintivi del finto progressista più interessato a raccogliere voti centristi piuttosto che assumere posizioni ferme e di principio su qualsiasi cosa. Mentre si avvicina un’altra elezione canadese, Trudeau ha promesso di praticare “politiche positive”, qualunque cosa significhi.

Fortunatamente, l’approvazione da parte di Trudeau del progetto del gasodotto non significa che l’espansione sia un affare fatto – ancora. Ci sono ancora dei cerchi regolatori per farlo saltare e ambientalisti e gruppi delle Prime Nazioni si stanno preparando a combattere, progettando di montare nuove sfide legali e bloccarne la costruzione ovunque, l’obiettivo è di ritardare il progetto così tanto da farlo diventare un onere finanziario troppo grande.

Justin Trudeau non si preoccupa dei cambiamenti climatici o dell’ambiente. Non gli importa della plastica negli oceani, della vita marina o della protezione della biodiversità. Si preoccupa di proteggere un’immagine di se stesso come un campione ambientale – tuttavia non puoi essere un ambientalista e difendere la costruzione di gasodotti che distruggono l’ambiente.

Proprio come il suo progressismo sfuggente su tutta una serie di altri problemi, l’ambientalismo leggero di Trudeau lo rivela come nient’altro che un prevaricatore esperto nell’arte del doppiogiochismo.

Fonte

Canada: Avere meno figli e` la soluzione per i cambiamenti climatici

Capisco che alcune persone semplicemente non vogliono credere che tutta questa propaganda sul riscaldamento globale sia uno stratagemma perché sanno che la maggior parte della società è semplicemente troppo stupida o ingenua per capire di essere manipolata.

Un certo numero di persone non vuole credere che l’ordine del giorno sia quello di ridurre la crescita della popolazione. Ma ecco la prova nero su bianco che ci arriva dal Canada.

Sostengono che la miglior soluzione per prevenire il cambiamento climatico è quello di smettere di avere figli !!!!!!

Questo tipo di atteggiamento mi fa venire voglia di riprodurmi come un coniglio. C’è qualcosa di veramente sbagliato in queste persone. Affermano che possedere un auto contribuisce a ridurre il riscaldamento globale di solo il 2,4% Smettere di avere figli, invece ridurrebbe i cambiamenti climatici del 58,6%.

A questo punto perche` non puntare sull’eutanasia iniziando proprio con coloro che sostengono di non avere figli e correggiamo semplicemente l’errore commesso dai loro genitori, tanto per cominciare. Penso che il pianeta sarà molto più sicuro senza di loro.

Secondo me la loro vera visione e` questa:, voi plebei non avete figli cosi` possiamo farli noi. Finché il gregge di pecore non si sveglia e si rende conto di essere nutrito dalla propaganda di un reality show alternativo che gioca con le nostre menti, siamo condannati. La ribellione dei francesi sul carburante è stata causata da una tassa sul riscaldamento globale. Macron ha fatto marcia indietro.

Il riscaldamento globale e` solo una scusa e il vero obiettivo è quello di ottenere più denaro, il governo di Macron ha indicato in precedenza che potrebbe modificare una tassa sulla ricchezza aumentandola per compensare la differenza. Quindi, di nuovo, si tratta solo di soldi.

FonteFonte

Il risarcimento del governo Canadese alla figlia di una vittima dell’MkUltra

La vittima è stata tenuta in un sonno indotto chimicamente per settimane, sottoposta a cicli di elettroshock, droghe sperimentali ed e` stata costretta ad ascoltare registrazioni audio non-stop.

CBC News ha recentemente segnalato che il governo canadese e` riuscito a raggiungere un accordo, fuori dal tribunale, con Allison Steel (100.000$), figlia di Jean Steel, uns donna che è stata sottoposta a esperimenti spaventosi, sul lavaggio del cervello, finanziati dalla CIA.

L’accordo è stato tranquillamente raggiunto in cambio della cessione dell’azione legale lanciata da Allison Steel nel settembre del 2015. L’accordo prevede la non divulgazione, cosa che proibisce alla Steel di parlare dell’accordo stesso! Tuttavia, l’esistenza del pagamento e il suo importo totale sono apparsi nei conti pubbici rilasciati dal governo federale in ottobre.

TORTURE FINANZIATE DALLA CIA

Il travaglio di Jean Steel è iniziato nel 1957, all’età di 33 anni. È stata ammessa all’Allan Memorial Institute di Montreal dopo essere stata diagnosticata con “depressione maniacale e pensiero delirante”.

L’Allan Memorial Institute 

Nei mesi successivi, la Steel è diventata la vittima degli esperimenti MKULTRA finanziati dalla CIA condotti dal dottor Ewen Cameron.

Il dottor Ewen Cameron era uno psichiatra di origine scozzese che è stato Presidente dell’Associazione Psichiatrica Americana (1952-1953), dell’Associazione Psichiatrica Canadese (1958-1959), dell’Associazione di Psicopatologia Americana (1963), della Società di Psichiatria Biologica (1965) e dell’Associazione Psichiatrica Mondiale (1961-1966). Durante gli anni ’50 e ’60, è stato finanziato dalla CIA per effettuare esperimenti per il programma di controllo mentale MKULTRA.

Gli esperimenti di Cameron avevano l’obiettivo di “smantellare” la mente della vittima attraverso un intenso trauma per “ricomporla” poi in seguito. In altre parole, stava studiando la base della programmazione Monarch – il programma di controllo mentale che viene spesso discusso su questo sito.

Cameron credeva che una combinazione di sonno indotto chimicamente per settimane, massicci trattamenti a base di elettroshock, farmaci allucinogeni sperimentali come LSD e tecniche come la “guida psichica” attraverso il continui ripetersi di messaggi registrati avrebbero potuto “smantellare” la mente, i percorsi neurali e cancellare i sintomi di malattie mentali come la schizofrenia. I medici infine avrebbero avuto il compito di “riformattare” i pazienti.

Questo “smantellamento”, tuttavia, spazzava via anche gran parte della memoria del paziente lasciandolo, mentalmente, al livello di un infante. In alcuni casi, vediamo adulti dimenticare le abilità di base, come usare il bagno, vestirsi o legarsi le scarpe.
– CBC News, Federal government quietly compensates daughter of brainwashing experiments victim

Centinaia di pagine illustrano i terribili esperimenti a cui  Jean Steel è stata sottoposta.

Secondo un rapporto scritto da Cameron, la Steel è stata mantenuta in un sonno indotto chimicamente per settimane. Un ciclo durò 29 giorni. Un secondo duro` 18 giorni. La terapia del sonno è stata accompagnata da una serie di elettroshocks.

“Era estremamente confusa e disorientata ma molto più cooperativa”, ha scritto Cameron nella sua relazione.

Le note dell’infermiera descrivono dettagliatamente le dosi di  amilato di sodio e di come la Steel si sentisse prigioniera: “È come essere sepolta viva. Qualcuno, per favore, faccia qualcosa. “Queste erano le sue parole mentre urlava all’infermiera e al dottore” leggiamo in una nota.

La Steel ha poi cominciato a mostrare un comportamento bizzarro. La figlia racconta:

“Quando volevi parlare con lei di qualcosa di emotivo … non poteva farlo” dice la Steel. “E` stata spogliata delle sue emozioni. Le hanno tolto l’anima “.

Sua madre passava le notti al buio da sola, scrivendo codici e numeri sulle pareti.

“Una volta sono tornata a casa e il soffitto era stato imbrattato con vernice spray rossa “, ha detto la Steel. “Le piaceva tagliare delle piccole sezioni di carta da parati e attaccarle in tutta la stanza”.

Mentre la vicenda MKULTRA è considerata dai mass media come ” un vergognoso episodio del passato”, essa fa ancora parte del nostro presente. Il programma esiste ancora in una versione molto più raffinata sotto il nome di programmazione Monarch.

Ecco un interessante documentario del 1980 sugli esperimenti MKULTRA in Canada prodotto dalla CBC:

Fonte